26 e 27 giugno. Convegno Annuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "26 e 27 giugno. Convegno Annuale"

Transcript

1 e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1

2 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO SESSIONE PARALLELA A BASILEA 3 E CREDITO ALLE IMPRESE PRIMA PARTE Giacomo De Laurentis, Università Bocconi SESSIONE PARALLELA B RISCHIO DI LIQUIDITÀ Andrea Resti, Università Bocconi SESSIONE PARALLELA C IL PATRIMONIO DELLE BANCHE Giovanni Ferri, Università di Bari SESSIONE PARALLELA D L APPLICAZIONE DI BASILEA PER LE BANCHE DI CLASSE 2 E 3 Paola Schwizer, Università di Parma SESSIONE PARALLELA E IL RUOLO DEL RATING TRA SCENARI IN PROFONDA EVOLUZIONE E NUOVA RELAZIONE BANCA IMPRESA Michele Modina, Università degli Studi del Molise SESSIONE PARALLELA F RISCHIO OPERATIVO CONVEGNO ANNUALE DIPO PRIMA PARTE Paolo Giudici, Università di Pavia 2

3 MERCOLEDÌ 27 MATTINA SESSIONE PARALLELA G BASILEA 3 E CREDITO ALLE IMPRESE SECONDA PARTE Stefano Caselli, Università Bocconi SESSIONE PARALLELA H RISCHIO DI CONTROPARTE E RISCHI DI MERCATO Claudio Albanese, King s College London SESSIONE PARALLELA I ICAAP: AGGIORNAMENTI Da definire SESSIONE PARALLELA L CRISIS MANAGEMENT Marco Lamandini, Università di Bologna SESSIONE PARALLELA M RISCHIO OPERATIVO CONVEGNO ANNUALE DIPO SECONDA PARTE Marco Micocci, LUISS Guido Carli MERCOLEDÌ 27 POMERIGGIO SESSIONE PLENARIA DI CHIUSURA PANEL DI CHIEF RISK OFFICER: PREVISIONI E PROSPETTIVE Gianfranco Torriero, ABI 3

4 MARTEDÌ 26 GIUGNO MATTINA 08,15 Registrazione dei partecipanti, apertura del business lounge e welcome coffee SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Gli impatti dei binding technical standards EBA sul sistema bancario, le richieste delle banche, le sfide per la redditività, i futuri scenari del credito nel Sistema Paese Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 GIUGNO POMERIGGIO SESSIONE PARALLELA A BASILEA 3 E CREDITO ALLE IMPRESE PRIMA PARTE TRA I TEMI CHE VERRANNO TRATTATI NELLE 2 SESSIONI SUL CREDITO ALLE IMPRESE: Convenzioni con la Cassa Depositi e Prestiti Plafond Cassa Depositi e Prestiti per supportare le banche nel fare fronte ai ritardi di pagamenti Fondo di Garanzia per le PMI: finanziamento e modifiche per l operatività dal Decreto Monti Salva Italia Protocollo ABI Confindustria sulla comunicazione finanziaria Reti di imprese, rating e modalità di finanziamento Nuovo Avviso Comune per le PMI Nuove regole in tema di segnalazione in Centrale Rischi degli sconfinamenti Pricing dei finanziamenti Le evoluzioni del rating Garanzie per le imprese Confidi: presentazione delle Linee Guida ABI Lo sviluppo di strumenti di garanzia pubblici Il nuovo funzionamento del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI La mitigazione del rischio di controparte e gli impatti sul rischio di liquidità Gli impatti di Basilea 3 sul finanziamento dell export Giacomo De Laurentis, Università Bocconi 4

5 SESSIONE PARALLELA B RISCHIO DI LIQUIDITÀ Regolamento Europeo che recepisce Basilea 3 a che punto siamo Gli emendamenti ABI sulla Liquidity Liquidity coverage ratio: Outflows: identificazione dei depositi stabili Inflows: quale trattamento per i crediti a revoca Observation period Net stable funding ratio Revisione del sistema dei limiti di liquidità che ora tengono sempre più spesso conto di scenari di stress di liquidità Andrea Resti, Università Bocconi SESSIONE PARALLELA C IL PATRIMONIO DELLE BANCHE Common Equity Tier 1 Additional Tier 1 e Tier 2 Il debt write down e il Contingent Capital Il trattamento delle imposte differite attive (DTA) Le interessenze di minoranza Conservation Capital buffer Countercyclical Capital buffer Pillar 3: aggiornamenti Giovanni Ferri, Università di Bari SESSIONE PARALLELA D L APPLICAZIONE DI BASILEA PER LE BANCHE DI CLASSE 2 E 3 Regole prudenziali e risk governance nelle banche medie e piccole L impatto di Basilea 3 sulle politiche creditizie e di pricing I grandi fidi e l impatto dei nuovi requisiti sulle banche medie e piccole Il principio di proporzionalità e la situazione italiana rispetto a quella europea Paola Schwizer, Università di Parma 5

6 SESSIONE PARALLELA E IL RUOLO DEL RATING TRA SCENARI IN PROFONDA EVOLUZIONE E NUOVA RELAZIONE BANCA IMPRESA Il ruolo dell'lgd Rating 2.0: verso un social network rating? Rating e ciclo economico: quali sono i fattori che più contano nella valutazione delle imprese Il passaggio dai modelli interni di rating ai sistemi validati in tempi di profonde fratture strutturali Key note 1: Le applicazioni del rating L utilizzo delle variabili qualitative nel rating alle PMI: sogno o realtà? Le applicazioni del rating Rating, pricing dei prestiti e strategie del credito Le applicazioni del rating Sistemi di rating interno, valutazione del portafoglio crediti e allocazione del capitale Michele Modina, Università degli Studi del Molise SESSIONE PARALLELA F RISCHIO OPERATIVO CONVEGNO ANNUALE DIPO (DATA BASE ITALIANO PERDITE OPERATIVE) PRIMA PARTE Aggiornamenti regolamentari (Moscadelli, Bankit) Aggiornamenti metodologici Esperienze dai settori non bancari (sanità, autostrade, aeronautico, telecom operators ) Rischio operativo e tematiche fiscali Tra rischio di credito e rischio operativo: i boundaries Boundary: l utilizzo delle variabili qualitative nei modelli di rating Misura dei rischi reputazionali Modelli quantitativi e qualitativi per l'analisi gestionale dei dati di perdita operativi Paolo Giudici, Università di Pavia 6

7 MERCOLEDÌ 27 GIUGNO MATTINA 08,30 Apertura del business lounge e welcome coffee SESSIONE PARALLELA G BASILEA 3 E CREDITO ALLE IMPRESE SECONDA PARTE TRA I TEMI CHE VERRANNO TRATTATI NELLE 2 SESSIONI SUL CREDITO ALLE IMPRESE: Convenzioni con la Cassa Depositi e Prestiti Plafond Cassa Depositi e Prestiti per supportare le banche nel fare fronte ai ritardi di pagamenti Fondo di Garanzia per le PMI: finanziamento e modifiche per l operatività dal Decreto Monti Salva Italia Protocollo ABI Confindustria sulla comunicazione finanziaria Reti di imprese, rating e modalità di finanziamento Nuovo Avviso Comune per le PMI Nuove regole in tema di segnalazione in Centrale Rischi degli sconfinamenti Pricing dei finanziamenti Le evoluzioni del rating Garanzie per le imprese Confidi: presentazione delle Linee Guida ABI Lo sviluppo di strumenti di garanzia pubblici Il nuovo funzionamento del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI La mitigazione del rischio di controparte e gli impatti sul rischio di liquidità Gli impatti di Basilea 3 sul finanziamento dell export Stefano Caselli, Università Bocconi SESSIONE PARALLELA H RISCHIO DI CONTROPARTE E RISCHI DI MERCATO Gli impatti del nuovo impianto rischi di mercato a seguito del recepimento della CRD 3 La disciplina del Credit Valuation Adjustment (CVA) La disciplina del Regolamento Comunitario EMIR Regolamento Comunitario EMIR, European Market Infrastructure Regulation: previsioni regolamentari in tema di strumenti finanziari derivati over the counter eleggibili alla liquidazione in controparte centrale La Fundamental Review della disciplina del Trading Book Claudio Albanese, King s College London 7

8 SESSIONE PARALLELA I ICAAP: AGGIORNAMENTI 263: qualche revisione Aggiornamenti regolamentari e metodologici Casi studio e considerazioni sulle nuove rendicontazioni 2012 Ruolo della funzione Compliance nell ICAAP Da definire SESSIONE PARALLELA L CRISIS MANAGEMENT Le proposte per un framework europeo per la gestione delle crisi Le addizionali di capitale per le G SIFIs e per le SIFIs Gli strumenti per la gestione e risoluzione delle crisi Il finanziamento delle misure di gestione e risoluzione delle crisi: DGS, Bank Resolution Fund e bail in dei bond usecured La vigilanza macroprudenziale e il ruolo delle banche centrali Marco Lamandini, Università di Bologna SESSIONE PARALLELA M RISCHIO OPERATIVO CONVEGNO ANNUALE DIPO (DATA BASE ITALIANO PERDITE OPERATIVE) SECONDA PARTE Le frodi esterne ed interne Evoluzioni quantitative sul rischio operativo Rischio operativo tra Basilea 3 e Solvency 2 per le banche che possiedono società assicurative In cosa si differenziano gli event type di Basilea 3 da quelli del Solvency 2 (relatori: ISVAP e Bankit) Marco Micocci, LUISS Guido Carli MERCOLEDÌ 27 GIUGNO POMERIGGIO SESSIONE PLENARIA DI CHIUSURA PANEL DI CHIEF RISK OFFICER: PREVISIONI E PROSPETTIVE 8

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Convegno Annuale. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti r e 26 e 27 giugno Convegno Annuale Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SESSIONE PLENARIA DI APERTURA 27 GIUGNO 2014 SCHEMA DI SINTESI GIOVEDÌ 27 MATTINA (9.15 13.00) Giovanni Sabatini, ABI SESSIONE

Dettagli

SESSIONE PLENARIA CREDITO ALLE FAMIGLIE (9.00 13.00) IL NUOVO CREDITO ALLE FAMIGLIE IN UN CONTESTO ECONOMICO E REGOLAMENTARE CHE CAMBIA

SESSIONE PLENARIA CREDITO ALLE FAMIGLIE (9.00 13.00) IL NUOVO CREDITO ALLE FAMIGLIE IN UN CONTESTO ECONOMICO E REGOLAMENTARE CHE CAMBIA CREDITO AL CREDITO 2011 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 22 NOVEMBRE SESSIONE PLENARIA CREDITO ALLE FAMIGLIE (9.00 13.00) IL NUOVO CREDITO ALLE FAMIGLIE IN UN CONTESTO ECONOMICO E REGOLAMENTARE CHE CAMBIA SESSIONI

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2016

UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2016 Convegno UNIONE BANCARIA E BASILEA 3 RISK & SUPERVISION 2016 Roma, Palazzo dei Congressi 21/22 giugno Draft 1 26 e 27 giugno SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 21 MATTINA (9.30-13.15) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 31 marzo 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che ha

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 3 al 30 settembre 2014 Introduzione A partire dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina per le banche e le imprese di investimento che

Dettagli

Forum delle Funzioni Aziendali di Controllo

Forum delle Funzioni Aziendali di Controllo Forum delle Funzioni Aziendali di Controllo 8 Edizione Compliance in Banks Programma Verso un nuovo Sistema di Controlli Interni Roma, 7-8 novembre 2013 Sede abi, Palazzo Altieri Piazza del Gesù, 49 Schema

Dettagli

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08:20 Registrazione e rinfresco di benvenuto Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08.50 Saluto del Presidente e considerazioni di apertura 09:00 Keynote: La crisi del debito nell Eurozona:

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

Crediti in sofferenza e crisi bancarie

Crediti in sofferenza e crisi bancarie Crediti in sofferenza e crisi bancarie ISTITUTO PER L ALTA FORMAZIONE E LE ATTIVITA EDUCATIVE (I.P.E.) Napoli, 11 dicembre 2015 Giuseppe Boccuzzi Agenda 1. Crisi bancarie e business model delle banche

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Tra crisi economica e modello dimensionale: coesione e sinergia per crescere insieme

Tra crisi economica e modello dimensionale: coesione e sinergia per crescere insieme Tra crisi economica e modello dimensionale: coesione e sinergia per crescere insieme Giovanni Dal Maschio Direttore Mercato Banca Carige Italia S.p.A. Roma, 9 maggio 2013 il credito secondo la BCE Fonte:

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato

UBI BANCA. Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato UBI BANCA Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea Commissione Finanza e Tesoro del Senato 21 Aprile 2015 Il Contesto Normativo Europeo CONCETTUALE In

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Indice Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci I modelli dell intermediazione bancaria. Premessa.2 Il modello

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Cosa devono fare le banche adesso

Cosa devono fare le banche adesso Convegno ABI Credit&Operational Risks 2007 Basilea 2 Cosa devono fare le banche adesso le nuove disposizioni di vigilanza e i processi implementativi in atto Roma, Ergife Palace Hotel 22 e 23 Gennaio 2007

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Basilea 3

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Basilea 3 Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2010-2011 I punti critici di Basilea 2 Qualità e

Dettagli

Compliance in Banks 2011

Compliance in Banks 2011 Compliance in Banks 2011 Stato dell arte e prospettive di evoluzione 10 e 11 novembre 2011 Roma, Palazzo Altieri Prima giornata - 10 novembre 9,30 Registrazione dei partecipanti SESSIONE DI APERTURA :

Dettagli

Introduzione ai temi della sessione

Introduzione ai temi della sessione Rischio di liquidità Introduzione ai temi della sessione Andrea Resti, università Bocconi andrearesti andrea.resti@unibocconi.it 2 Traccia di questa presentazione Le nuove regole nella CRR, tra progressi

Dettagli

La Supervisione bancaria nella

La Supervisione bancaria nella Incontri organizzati dal Sibc La Supervisione bancaria nella prospettiva della Banking Union Paola Petagna 28 gennaio 2015 L evoluzione del contesto esterno e la difesa della stabilità finanziaria difronte

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015

Orientamenti. sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento EBA/GL/2015/02 23.07.2015 EBA/GL/2015/02 23.07.2015 Orientamenti sull elenco minimo degli indicatori qualitativi e quantitativi dei piani di risanamento 1 Indice 1. Orientamenti ABE sull elenco minimo degli indicatori qualitativi

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Redatta ai sensi della Circolare Banca d Italia n. 285/2013 Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale 31 Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 SEZIONE 1 Requisito informativo

Dettagli

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI

COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI COME CAMBIA LA VALUTAZIONE DEL CREDITO IN OTTICA BASILEA IN UN CONTESTO DI CRISI Mauro Senati Chief Risk Officer Gruppo UBI IX Convention AIFIRM, Milano 19 Novembre 2013 1 Agenda Il contesto Gli effetti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3

Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Confidi 107 e Fondi Statali di Garanzia: aspetti della circolare 263 e le simulazioni di impatto verso Basilea 3 Pietro Ceolin Responsabile Servizio Rischi di Credito Area Risk Management UBI Banca scpa

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

Compliance in Banks 2006: dalle Regole al Valore

Compliance in Banks 2006: dalle Regole al Valore Compliance in Banks 2006: dalle Regole al Valore Lunedì 16 e Martedì 17 Ottobre 2006 Roma - Palazzo Altieri - Piazza del Gesù, 49 Premessa La seconda edizione del convegno annuale "Compliance in Banks"

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2014

Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2014 Terzo Pilastro di Basilea 3 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2014 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura PREMESSA Principi di base Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi, quali

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

LA COPERTURA DEI RISCHI

LA COPERTURA DEI RISCHI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Percorso professionalizzante Risk management in banca

Percorso professionalizzante Risk management in banca www.abiformazione.it Percorso professionalizzante Risk management in banca Risk management / Percorso professionalizzante La capacità di individuare, valutare e gestire i rischi sottesi al business bancario

Dettagli

CREDITO AL CREDITO 2013 INSIEME PER UN ITALIA CHE GUARDA AL FUTURO

CREDITO AL CREDITO 2013 INSIEME PER UN ITALIA CHE GUARDA AL FUTURO CREDITO AL CREDITO 2013 INSIEME PER UN ITALIA CHE GUARDA AL FUTURO SCHEMA DELLE SESSIONI GIOVEDÌ 28 NOVEMBRE MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) INSIEME PER UN ITALIA CHE GUARDA AL FUTURO

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario Indice Presentazione di Michele Rutigliano 1 Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa 1 di Giuseppe Ceriani e Beatrice Frazza 1.1 Gli interventi del legislatore in tema di contenuto

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria

Dott. Antonio Renzi. Banca d Italia Servizio Vigilanza sugli Enti Creditizi Vigilanza Creditizia e Finanziaria Il quadro di riferimento per l entrata in vigore delle nuove disposizioni di Vigilanza per le Banche e per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Assilea, Assifact, Assofin Le nuove

Dettagli

BASILEA 2. e crisi finanziaria. Gestione dei rischi, allocazione del capitale, disclosure dei mercati e relazione con le imprese

BASILEA 2. e crisi finanziaria. Gestione dei rischi, allocazione del capitale, disclosure dei mercati e relazione con le imprese CREDIT RISKS BASILEA 2 e crisi finanziaria Gestione dei rischi, allocazione del capitale, disclosure dei mercati e relazione con le imprese ROMA - PALAZZO DEI CONGRESSI - 4/5 GIUGNO 2009 Media Partner

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future.

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Perché Basilea 3: dai mutui Subprime alla crisi dei debiti sovrani. Origini ed evoluzione dell

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI

Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria. Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Flessibilità dei modelli di business come antidoto alla crisi finanziaria Gianfranco Torriero Direttore Centrale ABI Costi & Business 2009 Roma, 29-30 ottobre 2009 La Global financial stability map del

Dettagli

GLI ACCORDI DI BASILEA

GLI ACCORDI DI BASILEA Scuola di Diritto Scuola di Economia e Management Diritto delle Banche e dei Anno Accademico 2014/2015 GLI ACCORDI DI BASILEA E LA LORO EVOLUZIONE PROF. FERDINANDO PARENTE Versione al 29 aprile 2015 Agenda!

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2

Terzo Pilastro di Basilea 2 Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico al 31 dicembre 2013 Questo documento contiene previsioni e stime che riflettono le attuali opinioni del management Intesa Sanpaolo in merito ad eventi

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale

Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale Laboratorio di Ricerca in Governance e Controlli Interni Convegno di presentazione delle attività del Laboratorio Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale Roma,

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015 L active management - spinte regolamentari e opportunità di business ABI -24 giugno 2015 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un

Dettagli

SUPPLEMENTO. ED AL PROSPETTO DI BASE (il Prospetto di Base ) RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO:

SUPPLEMENTO. ED AL PROSPETTO DI BASE (il Prospetto di Base ) RELATIVO AL PROGRAMMA DI EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO: Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 dicembre

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations

CONVEGNO ABI BASILEA 3. Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri. Andrea Cremonino. UniCredit Banking Supervisory Relations CONVEGNO ABI BASILEA 3 Recovery and Resolution Plan: l esperienza UniCredito in fieri Andrea Cremonino UniCredit Banking Supervisory Relations Roma, 21 giugno 2011 RRPs SOTTOLINEANO COME IL CAPITALE NON

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SUPPLEMENTO

CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG SUPPLEMENTO CASSA DI RISPARMIO DI BOLZANO S.p.A. SÜDTIROLER SPARKASSE AG Società iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Bolzano iscritto all Albo dei Gruppi Bancari Sede

Dettagli

Informativa al Pubblico. Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico. Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al Pubblico Situazione al 31.12.214 1 INDICE Introduzione. 3 Tavola 1 Obiettivi e Politiche di Gestione Del Rischio - Art. 435 (1) CRR 6 Tavola 2 Ambito di applicazione-

Dettagli

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE

RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE RISCHIO DI LIQUIDITÀ E DI CONTROPARTE: INTERCONNESSIONI E PROBLEMATICHE OPERATIVE Intervento: Dr. Francesco Germini - Resp. Segreteria Tecnica e Middle Office ICCREA BANCA Dr. Massimo Proietti Resp. Soluzioni

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Pillar 3 al 31 marzo 2014 1 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Banca Regionale Europea Società per Azioni Sede Sociale: Cuneo, Via Roma 13 Direzione Generale: Torino, Via Santa Teresa 11 Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Cuneo

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura PREMESSA In linea con le raccomandazioni contenute nel documento Enhancing the risk disclosures of banks redatto dall EDTF (Enhanced

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli