TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010. ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010. ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico"

Transcript

1 TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010 ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico Bologna, 10 luglio

2 Mario Fuzzi, Consigliere Delegato dell Ordine; Pier Paolo Caruso, Presidente; Valeria Calabi; Michele Costa; Massimiliano Mattioli; Francesco Moretti; Gian Luca Nieddu; Gabriele Pierini; Luigi Provaggi. 2

3 TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010 Introduzione di Pier Paolo Caruso ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico Bologna, 10 luglio

4 Onere della prova TRANSFER PRICING (ARTT. 85, 109 e 110, comma 7, TUIR) Norma antielusiva? Onere delle prova a carico dell AF Norma sostanziale? Onere della prova a carico del contribuente 4

5 CASSAZIONE, 13 OTTOBRE 2006 N (caso Ford): Lo scopo della disciplina è di evitare che all interno del gruppo vengano posti in essere trasferimenti di utili tramite applicazione di prezzi inferiori al valore normale dei beni ceduti onde sottrarli alla tassazione in Italia a favore di tassazioni estere inferiori. Si tratta di clausola antielusiva che trova, non solo, radici nei principi comunitari in tema di abuso del diritto.... ma anche immanenza in diversi settori del diritto tributario nazionale essendo consentito all Amministrazione finanziaria di disconoscere i vantaggi fiscali conseguiti da operazioni societarie poste in essere senza valide ragioni economiche ed allo scopo esclusivo di ottenere fraudolentemente un risparmio di imposta. 5

6 Segue CASSAZIONE, 13 OTTOBRE 2006 N : L onere della prova della ricorrenza dei presupposti dell elusione grava in ogni caso sull Amministrazione Finanziaria che intenda operare le conseguenti rettifiche. 6

7 CASSAZIONE, 13 OTTOBRE 2006 N : Le direttive OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) hanno espressamente sottolineato che, laddove la disciplina di ciascuna giurisdizione nazionale preveda che sia l'amministrazione finanziaria ad essere gravata dell'onere della prova delle proprie pretese, il contribuente non è tenuto a dimostrare la correttezza dei prezzi di trasferimento applicati, se non prima che l'amministrazione fiscale abbia essa stessa provato prima facie il non rispetto del principio del valore normale. 7

8 Evoluzione giurisprudenziale della Corte di Cassazione: la sentenza n del 31/3/2011 (onere della prova a carico del contribuente). 8

9 Cassazione sentenza n del 31/3/2011: Per contrastare il fenomeno - avente comunque anche carattere elusivo fiscale - la disposizione nazionale impone (in via principale) allo stesso contribuente (atteso che, come segnalato anche dalla dottrina, essa detta i criteri giuridici da seguire, in primis, ai fini della determinazione del reddito da dichiarare, quindi a prescindere dall'azione di verifica dell'amministrazione fiscale, esperita solo in seguito da questa) di considerare, per le peculiari operazioni dalla stessa contemplate, il criterio del "valore normale" del bene (ceduto o ricevuto) e/o del servizio (prestato o ricevuto) anzi che quello ordinario, previsto dall'art. 53 (ora art. 85) del cit. T.U.I.R., del "corrispettivo convenuto. 9

10 Segue la sentenza n.7343 del 31/3/2011: Da siffatta natura discende che la norma non contiene per nulla una presunzione (sia pure legale; quand'anche iuris tantum, comunque questa suscettibile di prova contraria), di percezione di un corrispettivo diverso da quello convenuto perché, semplicemente, detta l'unico criterio legale da adottare per la valutazione reddituale della particolare operazione economica, a prescindere, quindi, dal corrispettivo effettivamente pattuito e, di conseguenza, con assoluta irrilevanza delle concrete ragioni economiche per le quali lo stesso è stato fissato dai contraenti in misura minore. 10

11 Ancora evoluzione giurisprudenziale della Corte di Cassazione: la sentenza n del 19/10/2012 (onere della prova a carico dell AF). Massima: Il transfer price può essere considerato operazione commerciale elusiva, con consecutivo recupero di imposta, solo nel caso in cui l Amministrazione Finanziaria riesca a provare che il valore dei beni trasferiti non rientra nella norma. 11

12 Evoluzione giurisprudenziale della Corte di Cassazione: Transfer pricing contestabile anche senza provare l elusione. La sentenza n del 08/05/2013 (onere della prova a carico del contribuente). 12

13 Il fenomeno del transfer pricing è contestabile, anche senza provare l elusione. È questa la conclusione alla quale è giunta la Corte di Cassazione nella sentenza n del 2013, stabilendo che per contestare tale fenomeno l Amministrazione finanziaria deve soltanto dimostrare l esistenza di transazioni tra imprese collegate. Spetta, invece, al contribuente provare che le stesse siano state effettuate a valori da considerarsi normali ai sensi dell art. 9, comma 3, TUIR. 13

14 Raccomandazione OECD A proposito dell onere della prova, l OCSE al capitolo V, paragrafo 5.2, delle OECD Guidelines 2010, fornisce un consiglio di tipo sostanzialistico: 14

15 Perhaps more importantly, both the tax administration and the taxpayer should endeavour to make a good faith showing that their determinations of transfer pricing are consistent with the arm's length principle regardless of where the burden of proof lies. Perhaps more importantly, both the tax administration and the taxpayer should endeavour to make a good faith showing that their determinations of transfer pricing are consistent with the arm's length principle regardless of where the burden of proof lies. 15

16 Forse è più rilevante che l amministrazione fiscale ed il contribuente si sforzino di dimostrare in buona fede che le proprie determinazioni di transfer pricing sono conformi al principio di libera concorrenza, indipendentemente dall onere della prova. L onere della prova non dovrebbe mai costituire né per le amministrazioni fiscali né per i contribuenti una giustificazione per affermare tesi infondate o non verificabili in materia di determinazione dei prezzi di trasferimento. 16

17 TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010 Relazione di Gian Luca Nieddu ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico Bologna, 10 luglio

18 Indice A. ASPETTI GENERALI: Adesione all art. 26 del DL n. 78/2010 e profili critici. B. CASI PRATICI: Criteri e modalità di predisposizione di una transfer pricing policy. C. Osservazioni conclusive. 18

19 A. ASPETTI GENERALI: Adesione all art. 26 del DL 78/2010 e profili critici. 19

20 A.1 Contesto economico Il TP è sempre più rilevante nella vita di numerose aziende a causa del perdurare della crisi che ha sostanzialmente imposto l export sovente quale via obbligata per la sopravvivenza dell attività. *** Esempio tratto dalle OECD Guidelines: Par. 1.70: «Of course, associated enterprises, like independent enterprises, can sustain genuine losses, whether due to heavy start-up costs, unfavourable economic conditions, inefficiencies, or other legitimate business reasons. However, an independent enterprise would not be prepared to tolerate losses that continue indefinitely». 20

21 A.2 Business a bassa marginalità I business a bassa marginalità in tempi di crisi: gruppo con casa-madre italiana produttrice in perdita e filiali distributive estere altresì in perdita rischio di doppia imposizione. *** Esempio tratto dalle OECD Guidelines: Par. 1.71: «For example, an MNE group may need to produce a full range of products and/or services in order to remain competitive and realize an overall profit, but some of the individual product lines may regularly lose revenue. One member of the MNE group might realize consistent losses because it produces all the loss-making products while other members produce the profit-making products. An independent enterprise would perform such a service only if it were compensated by an adequate service charge» [PORTFOLIO APPROACH] 21

22 A.2 Business a bassa marginalità (cont.) Par. 1.73: «Recurring losses for a reasonable period may be justified in some cases by a business strategy to set especially low prices to achieve market penetration. For example, a producer may lower the prices of its goods, even to the extent of temporarily incurring losses, in order to enter new markets, to increase its share of an existing market, to introduce new products or services, or to discourage potential competitors» [MARKET PENETRATION] 22

23 A.3 Autorità Fiscali e conoscenza mercato Conoscenza mercato/settore: CRITICITÀ SENZA TP documentation: Non si può pretendere da AF conoscenza di tutti i settori economici; Numerosità delle verifiche da effettuare; Possibile collaborazione del contribuente; MA resta comunque necessaria una fase di studio preliminare prima della verifica fiscale. CON TP documentation: Cap. 1, 2, 3 del Masterfile; Cap. 1, 2, 3, 4 e 5 della Documentazione Nazionale; MA resta comunque necessaria una fase di studio preliminare prima della verifica fiscale. MAGGIORI difficoltà ad «entrare» nel business del soggetto verificato (par OECD Guidelines) MINORI difficoltà ad «entrare» nel business del soggetto verificato PROPOSTA: creazione di team di verificatori specializzati per industry (e.g., per i grandi contribuenti). 23

24 A.4 Applicazione dei TP methods Principali criticità rilevate: cultura aziendale e sensibilità del management; disponibilità di informazioni ed analisi di dati (e.g., contabilità industriale e sistema di controllo interno) relative alle entità del gruppo; scelta del metodo più appropriato (OECD Guidelines, par. 2.8): «The guidance at paragraph 2.2 that the selection of a transfer pricing method always aims at finding the most appropriate method for each particular case does not mean that all the transfer pricing methods should be analysed in depth or tested in each case in arriving at the selection of the most appropriate method. As a matter of good practice, the selection of the most appropriate method and comparables should be evidenced and can be part of a typical search process» [BEST METHOD RULE]; reperimento informazioni e dati finanziari inerenti i «valori di mercato» (e.g., analisi comparables) e difficoltà oggettive per alcune industry (e.g., oil&gas). 24

25 A.5 Costo della compliance TP In taluni casi, la predisposizione dell intero set relativo alla TP documentation (MF+DN) potrebbe divenire specie in rapporto alle contenute dimensioni del business molto oneroso. Ad esempio, per i gruppi italiani formato tascabile : e.g., 2-3 filiali estere e fatturato non superiore a Eur 50 milioni annui. PROPOSTA: ulteriore semplificazione del set di TP documentation e.g., solo Documentazione nazionale. 25

26 A.5 Costo della compliance TP (cont.) OECD Guidelines, par. 5.6: «When requesting submission of these types of documents, the tax administration should take great care to balance its need for the documents against the cost and administrative burden to the taxpayer of creating or obtaining them. For example, the taxpayer should not be expected to incur disproportionately high costs and burdens to obtain documents from foreign associated enterprises or to engage in an exhaustive search for comparable data from uncontrolled transactions if the taxpayer reasonably believes, having regard to the principles of these Guidelines, either that no comparable data exists or that the cost of locating the comparable data would be disproportionately high relative to the amounts at issue. Tax administrations should also recognise that they can avail themselves of the exchange of information articles in bilateral double tax conventions to obtain such information, where it can be expected to be produced in a timely and efficient manner». 26

27 A.6 Altre criticità rilevate i. TP e stabile organizzazione in Italia di soggetto estero: se la branch ITA svolge solo una delle attività della casa-madre estera, devo descrivere anche tutte le altre attività (comprese quelle che non afferiscono minimamente alla sede in Italia)? ii. Favor rei: se il contribuente non ha barrato la casella nel mod. UNICO ma ha un documento che risponde in gran parte ai requisiti del Provv. del 29/9/2010, potrebbe essere riconosciuta la penalty protection comunque? iii. Disconoscimento dellapenalty protection: quali sono le generali carenze del documento che rilevano? Vedi Circ. n. 58/E del 2010, pag. 9; transazioni infragruppo: tutte oggetto di analisi per avere penalty protection? Vedi Circ. n. 58/E del 2010, pag. 31; iv. Onere della prova: esso ricade prima facie sull Amministrazione Finanziaria (vedi Cass. n /2006); v. Aggiustamenti di fine anno, soprattutto nel caso di filiale italiana di gruppo estero; vi. Interrelazione disposizioni in materia di transfer pricing con IVA e dogane; vii. Riflessi nell ambito del diritto penal-tributario. 27

28 A.6 Altre criticità rilevate (cont.) In aggiunta alle criticità «tecniche» proprie della materia del transfer pricing sopra rilevate, ve ne sono altre di carattere più generale derivanti dalla intersezione con altre disposizioni presenti nell ordinamento tributario e civilistico. Ad esempio con: i. deducibilità di costi con soggetti residenti in Paesi a fiscalità privilegiata (c.d., costi black list); ii. studi di settore: nel caso di filiale italiana di gruppo estero, la congruità può essere provata con il transfer pricing? iii. modifiche alla transfer pricing policy vs operazioni sul patrimonio netto; iv. transfer pricing e stabile organizzazione («occulta»). 28

29 A.7 OECD: Recenti spunti di riflessione Tratto dal OECD, Draft Handbook on Transfer Pricing Risk Assessment, 30 April 2013, indirizzato principalmente alle Amministrazioni Finanziarie dei Paesi membri: MISSION i. This Handbook assembles recent country procedures, methods and practices in order to provide a resource to tax administrations designing their own risk assessment approaches (par. 4). ii. A thorough transfer pricing audit can require ( ) a serious effort to understand the taxpayer s business and how that business generates profit (par. 5). iii. Where taxpayers are compliant, readily provide the tax administration with the relevant information, documents and analysis, engage principally in routine and readily understood commercial transactions, and make reasonable efforts to implement appropriate transfer pricing policies, they generally need not be subjected to a thorough transfer pricing audit every year (par. 8). iv. The challenge for tax administrations is to be able to distinguish taxpayers and transactions that involve a high degree of transfer pricing risk from those which do not, and to make such assessments accurately, with confidence, and with a limited expenditure of scarce resources (par. 11). 29

30 A.7 OECD: Recenti spunti di riflessione (cont.) APPROACH v. As a result, the process of risk identification and assessment requires judgment and cannot be reduced to a set of mechanical rules. The fact that a case displays some of the features associated with high transfer pricing risk does not automatically mean that a thorough, detailed examination is necessary or worthwhile. For example, occasional losses are a genuine feature of business life and may not necessarily be the result of transfer pricing manipulation. Resources devoted to a risk assessment may not be sufficient to answer all of potential questions with complete certainty. They should, however, allow the tax administration to determine whether a detailed audit is warranted. Balance, judgment and experience will be hallmarks of a successful risk assessment process (par. 15). vi. ( ) Tax administrations might use sophisticated computer systems to compare financial results with available comparable data as part of a process to identify specific cases as higher risk. Alternatively, tax administrations may select transfer pricing cases for audit every few years as a matter of routine, whether or not specific transfer pricing risk has been identified ( ) (par. 16). 30

31 A.7 OECD: Recenti spunti di riflessione (cont.) EVALUATION OF TRANSFER PRICING RISK Check list (par. 87): 31

32 A.7 OECD: Recenti spunti di riflessione (cont.) 32

33 B. CASI PRATICI: Criteri e modalità di predisposizione di una transfer pricing policy. 33

34 B.1 Mappatura delle transazioni Per una corretta impostazione sin dall inizio dell analisi di transfer pricing, è indispensabile procedere ad una puntuale individuazione (c.d., «mappatura») delle operazioni infragruppo verificatesi nel corso dell esercizio. Tale esercizio consente di: i. Verificare tutti i flussi (e loro principali caratteristiche) occorsi tra le società del gruppo; ii. Distinguere tali flussi in macro-tipologie ed accorparli «per famiglie»; iii. Riassumere le regole di pricing applicate sino a quel momento e fare una prima ricognizione della documentazione di supporto (e.g., contratti, analisi, etc.); iv. Identificare possibili soglie di materialità al fine di effettuare una prima scelta delle operazione da sottoporre ad approfondita analisi; v. Individuare altre caratteristiche peculiari delle transazioni infragruppo da cui possano derivare ulteriori criticità nell analisi. ATTENZIONE: il concetto di «controllo» ai fini dell applicazione della disciplina sui prezzi di trasferimento (i.e., art. 110, co. 7 TUIR; art Cod. Civ.; Circ. n. 32/1980). 34

35 B.2 Analisi preliminare consociate Dal momento che i prezzi di trasferimento vanno ad incidere sulle due (almeno) consociate che prendono parte alla transazione, è consigliabile effettuare una prima analisi dei bilanci delle società del gruppo coinvolte al fine di constatare su base storica se e come può avere influito il transfer pricing. Infatti, prima di iniziare la redazione della TP documentation ed eventualmente barrare l apposito spazio nel mod. UNICO, potrebbe rendersi necessario un approfondimento volto a comprendere le ragioni dell utile/perdita di esercizio anche delle consociate (e.g., costi di acquisto infragruppo troppo elevati oppure incidenza dei costi fissi di struttura?). L analisi di transfer pricing potrebbe dunque rivelare l esigenza di un intervento strutturale e dunque essere anteposto ai prezzi di trasferimento medesimi. 35

36 B.3 Scelta delle transazioni Alla luce delle informazioni ed evidenze menzionate nelle precedenti slides, è necessario: i. procedere alla definitiva scelta delle transazioni infragruppo da sottoporre ad analisi; ii. raccogliere tutta la documentazione disponibile a sostegno dei prezzi praticati per la individuazione delle modalità seguite in relazione a ciascuna tipologia di transazioni sottoposte ad esame (es., esistenza o meno di contratti scritti; analisi di mercato; prima indagine per verificare esistenza di transazioni con terzi avute dalle società del gruppo coinvolte nella transazione; etc.); iii. utili indicazioni possono trarsi anche dalla disamina delle modalità di pricing applicate non solo nel periodo di imposta considerato bensì anche in quelli precedenti; iv. considerare l impatto di eventuali verifiche passate sulle modalità di fissazione dei prezzi di trasferimento. 36

37 B.4 Documentazione da redigere Alla luce delle transazioni scelte per l analisi e del conseguente perimetro di gruppo rilevante, si procede alla individuazione della documentazione TP che la società è chiamata a redigere sulla base di quanto disposto dal Provv. del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 29/09/2010, a seconda che essa sia: holding: masterfile e documentazione nazionale; sub-holding: masterfile e documentazione nazionale (il MF può essere quello della holding qualora contenga analisi delle transazioni in esame); controllata: documentazione nazionale; stabile organizzazione italiana di soggetto estero: documentazione nazionale e a seconda del ruolo della «casa-madre» anche il masterfile. 37

38 B.5 Analisi economica + funzionale Con riferimento a ciascuna transazione o tipologia di transazioni, è necessario: i. PRIMA, effettuare una «sommaria» analisi funzionale al fine di individuare attività svolte, rischi sopportati ed asset utilizzati da ciascuna controparte nell ambito delle operazioni in analisi; ii. POI, svolgere l analisi economica per stabilire remunerazione in linea con il mercato: o scelta del metodo; o analisi di comparabilità; o conclusioni. iii. E consigliabile confronto con corrispondenti esteri (quantomeno nei paesi di controparte con cui avvengono le transazioni più rilevanti) per verifica accettabilità della impostazione sulla base dei principi locali (i.e, non tutti i Paesi adottano le OECD Guidelines vedi Brasile) e dalle altre amministrazioni finanziarie. 38

39 B.6 Review dei risultati Una volta compiuta l analisi economica, è necessario confrontarli con i prezzi applicati nel gruppo: i. qualora non emergano criticità, si potrà procedere con la formalizzazione delle parti qualitative della documentazione (attraverso raccolta informazioni, interviste in azienda sia in Italia che all estero, etc.); ii. diversamente, se dalla analisi economica emergono disallineamenti sensibili e difficilmente giustificabili rispetto al valore normale, è opportuno: riflettere sulla opportunità di predisporre una «simildocumentazione» ex Provv. 29/9/2010 ma SENZA poi barrare la casella nel mod. UNICO; procedere alla rettifica dei prezzi e prepararsi per poter barrare la casella nell esercizio successivo o in quello ancora dopo. 39

40 B.6 Review dei risultati (cont.) ATTENZIONE: alcune tipologie di transazioni possono presentare problematiche più complesse di altre nell ambito dell analisi economica. Ad esempio: i. Prodotti realizzati «su misura» in base alle specifiche richieste di volta in volta formulate dal cliente; ii. Royalties su intangibili quali - ad esempio - marchi, brevetti, formule e processi, altro know-how; iii. Prodotti dell asset management (e.g., fondi comuni di investimento) e life insurance (e.g., unit linked e polizze assicurative); iv. Transazioni di carattere finanziario: finanziamenti infra-gruppo, conti correnti di corrispondenza, cash-pooling, garanzie. 40

41 B.7 Redazione DN e MF Qualora non emergano criticità dal confronto dei prezzi infragruppo con i valori di mercato risultanti dall analisi economica, si potrà/dovrà: i. Ultimare la predisposizione della bozza di TP documentation (masterfile e documentazione nazionale) necessaria per avere la penalty protection; ii. Double-check della TP documentation con corrispondenti esteri al fine di individuare possibili criticità nel paese della controparte; iii. Finalizzazione dei documenti; iv. Firma del legale rappresentante; v. Predisposizione del formato elettronico. 41

42 B.8 Verifica periodica dei prezzi In corso d anno: i. Indipendentemente dall aver redatto la TP documentation in base al Provv. del 29/09/2010, è consigliabile effettuare verifiche periodiche in corso d anno dei prezzi di trasferimento al fine di tenere monitorato il loro andamento e limitare gli aggiustamenti di fine anno, qualora si rendano comunque necessari. Infatti, quando comportano una riduzione del margine della società italiana, destano i sospetti dei verificatori (ad es., politiche di bilancio, arbitraggi fiscali, etc. - vedi Circ. 1/2008 della Guardia di Finanza). ii. Verifica della transfer pricing policy adottata (imposizione diretta) su regime IVA delle transazioni e dazi doganali. 42

43 C. OSSERVAZIONI CONCLUSIVE. 43

44 C. Osservazioni conclusive 1. Il Provv. 29/9/2010 del Direttore dell Agenzia delle Entrate, ha posto «regole del gioco» uguali per tutti; 2. Know-how transfer pricing maggiormente diffuso tra gli operatori; MA 1. Necessità di approfondire le competenze in materia di transfer pricing sia da parte della Amministrazione Finanziaria che dei contribuenti; 2. Cambio di «mentalità» da parte della Amministrazione Finanziaria nei confronti dei prezzi di trasferimento (vedi Guardia di Finanza, Circ. 1/2008); 3. Giurisprudenza «a venire» sulla TP documentation ex Provv. 29/9/2010; 4. Disciplina penal-tributaria: necessario ripensamento sulla applicazione del D.Lgs 74/2000; 5. Ricorso alla Direzione Centrale per rettifiche di importo superiore a Eur 10mln; 6. Valutare opportunità di aggiornare la Circ. n. 32/1980, almeno in alcune parti. Ad esempio: safe harbours sulle royalties (vedi OECD TP Guidelines; OECD «Revised section E on safe harbours in Chapter IV of the Transfer Pricing Guidelines, 16 maggio 2013); 7. Transfer pricing può essere una opportunità per incentivare il dialogo tra Amministrazione Finanziaria e contribuenti (vedi ad esempio, Ruling di standard internazionale; tavolo di consultazione per grandi contribuenti). 44

45 TRANSFER PRICING: Esperienze applicative del regime di cui all art. 26 del DL. n. 78/2010 Relazione di Luigi Provaggi ODCEC BOLOGNA Sala Bolognini - Convento San Domenico Bologna, 10 luglio

46 Analisi funzionale e di comparabilità: rilevanza per la documentazione, per la verifica e per l accertamento 46

47 L analisi di comparabilità I principali fattori di comparazione nell ambito del sistema OCSE sono: 1. le caratteristiche dei beni o dei servizi scambiati 2. l analisi funzionale 3. le condizioni contrattuali che regolano la transazione in analisi 4. le circostanze economiche oggettive e soggettive che caratterizzano il mercato in cui si svolge la transazione 5. le strategie imprenditoriali perseguite dalle società che effettuano la transazione Il presente intervento si concentra sull analisi funzionale, che riveste un ruolo primario nella corretta determinazione dei prezzi di trasferimento 47

48 L analisi funzionale (1/3) La rilevanza dell analisi funzionale poggia su un principio di natura economico/finanziaria: Alla base della valutazione e della scelta di qualsivoglia investimento, si pone una relazione diretta tra rischio (inteso come insieme di funzioni, rischi e asset coinvolti) e remunerazione Con riferimento alle parti coinvolte nella transazione in esame, l analisi funzionale mira ad individuare: le funzioni svolte i rischi assunti i beni strumentali (asset) impiegati 48

49 L analisi funzionale (2/3) Acquisti Funzioni Rischi Asset Fluttuazione materie prime e prodotti finiti Marchi Ricerca e Sviluppo Produzione Know-How Progettazione Mercato Brevetti Produzione Magazzino Attrezzature Assemblaggio Credito Impianti Magazzino Domanda Immobili Marketing e Pubblicità Vendita e Distribuzione Amministrazione e Finanza Cambio Tasso di interesse Garanzia Strategie e Pianificazione Trasporto Obsolescenza Trasporto 49

50 L analisi funzionale (3/3) In linea generale, l affidabilità del confronto delle transazioni risulta tanto più accurata quanto maggiore è la comparabilità delle funzioni svolte, dei rischi sopportati, degli asset utilizzati dalla società del Gruppo e da terze parti indipendenti E pertanto fondamentale raccogliere tutte le informazioni relative alle attività esercitate dalla società del Gruppo, attraverso: la predisposizione di indagini e colloqui con il management l analisi dei contratti infragruppo in essere l analisi della documentazione disponibile afferente l allocazione/ripartizione di funzioni e rischi tra le società del Gruppo (manuale delle procedure, modello 231, benefit test, ecc.) 50

51 Principi guida Il profitto è inteso quale remunerazione di funzioni svolte, rischi sostenuti e asset utilizzati Il profitto (o il profitto atteso) cresce all aumentare delle funzioni svolte, dei rischi sostenuti e degli asset utilizzati L allocazione delle funzioni e dei rischi deve risultare coerente con il modello di business della società e del Gruppo In caso di parziale comparabilità tra la società del Gruppo e i terzi (o tra transazioni controllate e indipendenti) ai fini dell analisi economica occorre apportare degli aggiustamenti Gli schemi contrattuali in vigore tra le società del Gruppo devono risultare coerenti con la sostanza economica 51

52 I modelli di business - Produzione Legenda (+) Rischio/Profitto (-) Traditional Manufacturer Il traditional manufacturer possiede gli intangible e realizza i prodotti a suo rischio, traendone un profitto Contract Manufacturer Il contract manufacturer si occupa della realizzazione dei prodotti ordinati dal principal che se ne assume ogni altro rischio. Sopporta pertanto minori rischi, ma con l aspettativa di minori profitti rispetto a un traditional manufacturer Toll / Consignment Manufacturer Il toll/consignment manufacturer effettua lavorazioni sui beni di proprietà del principal senza mai assumerne la proprietà. Sopporta meno rischi e consegue un minor profitto rispetto al contract manufacturer Materie Prime Produttore Beni Distributore Rischi: Magazzino Garanzia Intangible Capitale Materie Prime Produttore Beni Principal Beni Distributore Rischi: Capitale Working capital Rischi: Magazzino Garanzia Intangible Working Capital Materie Prime Produttore Service fee Principal Distributore Rischi: Capitale Servizi di lavorazione Rischi: Magazzino Garanzia Intangible Working Capital Beni Beni Beni Beni Cliente Cliente Cliente 52

53 I modelli di business - Distribuzione Legenda (+) Rischio/Profitto (-) Fully fledged Distributor Limited Risk Distributor Agent/Commissionaire Representative Un fully fledged distributor sopporta il rischio di mercato. Gestisce il magazzino prodotti con i relativi rischi. Vende al cliente in qualità di principal. Il suo profitto riflette le funzioni svolte ed i rischi sostenuti Un master distributor (principal) sopporta il rischio di mercato e di magazzino. Il limited risk distributor locale acquista i beni dal master distributor e li rivende ai clienti, conseguendo un profitto inferiore al fully fledged distributor, in coerenza con le ridotte funzioni svolte e i minori rischi sostenuti L agent promuove le vendite, il commissionaire vende i beni in suo nome, ma per conto del principal, e ricevono entrambi una commissione. I rischi e i profitti della vendita restano in capo al principal. L ag.te/comm.re consegue un profitto inferiore rispetto al limited risk distributor, in coerenza con le ridotte funzioni svolte e i minori rischi sostenuti Il representative non è direttamente coinvolto nelle vendite, ma fornisce informazioni sui beni e presta servizi ai clienti. Il principal raccoglie gli ordini dai clienti. Il local representative consegue un profitto inferiore rispetto all agent o commissionaire, in coerenza con le ridotte funzioni svolte e i minori rischi sostenuti Produttore Beni Distributore Beni Rischi: Prezzo Domanda Magazzino Credito Marketing intangible Principal Beni Distributore Beni Rischi: Prezzo Domanda Magazzino Credito Marketing intangible Beni Principal Commissione Agent/ Commissionaire Rischi: Prezzo Domanda Magazzino Credito Marketing intangible Beni Principal Corrispettivo Representative Info e servizi Rischi: Prezzo Domanda Magazzino Credito Marketing intangible Ordini Cliente Cliente Cliente Cliente 53

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli