Direzione scientifica: prof. CESARE SCURATI Coordinamento: prof. ANDREA CERIANI. in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione scientifica: prof. CESARE SCURATI Coordinamento: prof. ANDREA CERIANI. in collaborazione con"

Transcript

1 TRAINING DAYS AZIENDE PROPOSTE FORMATIVE PER L AGGIORNAMENTO Direzione scientifica: prof. CESARE SCURATI Coordinamento: prof. ANDREA CERIANI in collaborazione con

2 Siamo tutti consapevoli che i processi formativi siano ormai diventati pervasivi delle dinamiche L IDEA organizzative e che le azioni formative risultano essere una delle pratiche più convincenti per ottenere un reale e duraturo cambiamento sia nelle organizzazioni che negli individui. Come professionisti della formazione e come responsabili della formazione dei futuri formatori, siamo altresì consapevoli che debbano esistere proposte in grado di soddisfare le richieste più sofisticate. Il programma Training days prende forma da alcune centralità: Recuperare la prassi formativa all interno di un universo di senso più ampio che ristabilisca significato all azione formativa Dare evidenza e significatività alle competenze strategiche che costituiscono il sistema teorico e pratico della formazione Fornire un supporto scientifico e professionale a chi si trova immerso nel fare formazione e sente l esigenza di uno spazio di riflessività Diventare uno spazio, un luogo ed un tempo all interno del quale sperimentare l apprendimento continuo nella consapevolezza che il lifelong learning è una dimensione prima dell agire individuale e poi dell agire collettivo. Durante i moduli sono previsti interventi di testimoni aziendali. La complessità dei processi I DESTINATARI implicati nella gestione del personale rende oggi più che mai urgente riservare tempo ed energie alla crescita professionale di tutti i professionisti coinvolti. Il programma Training Days Aziende si rivolge a quanti, nella sfera Human Resources Management, si occupano a vario titolo di sviluppo delle risorse umane: formazione, selezione, organizzazione interna e tutto quanto comporta impegnative relazioni di crescita.

3 VISION, IDENTITÀ E AZIONE Applicazione dei livelli logici al processo di apprendimento Docente: Bruno Demichelis OBIETTIVI Il cervello umano e i sistemi sociali costruiscono delle gerarchie o livelli logici: processi e fenomeni vengono infatti creati dalle relazioni tra altri processi e fenomeni cosicché la realtà può essere analizzata a diversi livelli di descrizione. Analizzare i livelli logici significa riferirsi ad una gerarchia di sei livelli di processi che possono essere visti come una scala di priorità attraverso cui un individuo o un gruppo organizza la propria esperienza. Qualsiasi cambiamento ad un livello più alto influenza anche i livelli sottostanti e viceversa. L obiettivo del corso è di guidare i partecipanti ad applicare la teoria dei livelli logici ai propri processi quotidiani, consegnando loro strumenti di pronto utilizzo per evitare o affrontare con successo problemi di apprendimento, comunicazione e cambiamento. CONTENUTI I livelli logici in PNL : spirituale, identità, convinzioni e valori, capacità, comportamento e ambiente I comportamenti e i modi di essere correlati e dipendenti da diversi livelli di pensiero e di elaborazione La relazione tra valori, convinzioni, abilità e comportamenti I nessi tra ambiti personale, interpersonale, aziendale, sportivo La correlazione tra i livelli logici e i metaprogrammi in PNL 3

4 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano febbraio 2005 METODOLOGIA Il metodo proposto è di tipo globale : sono previsti momenti informativi, che presuppongono spiegazioni teoriche indispensabili per la trasmissione di alcuni contenuti e momenti più propriamente formativi, di carattere interattivo ed esperienziale, durante i quali verranno proposte esercitazioni pratiche, discussioni di gruppo e lavori in sottogruppi. Questa modalità attiva di gestione d aula rende l apprendimento più coinvolgente e duraturo. BRUNO DEMICHELIS Psicologo dello sport e consulente aziendale. Iscritto all'albo Nazionale degli Psicologi, è docente del Corso di perfezionamento in Psicologia dello Sport all Università di Siena. Ha conseguito un master degree in Counseling psychology e il Dottorato in Psicologia dello Sport presso l Università di S. Diego (USA) e un Master in Programmazione Neurolinguistica, presso l Istituto Italiano di Programmazione Neurolinguistica a Milano. Attualmente svolge attività di consulenza per la formazione in aziende nazionali ed europee, è psicologo dello sport nella società A.C. Milan Calcio e coordinatore scientifico del laboratorio MilanLab. (continua a pag. 14) 4

5 IL FORMATORE ALLO SPECCHIO Percorsi di crescita per la professione Docente: Andrea Ceriani OBIETTIVI Si fa spesso fatica a ripercorrere gli aspetti che portano il professionista ad essere degno di questo appellativo, le condizioni che creano e definiscono una certa maturità professionale. Ogni adulto, ogni lavoratore dovrebbe di tanto in tanto passare davanti allo specchio ed esercitare la pratica riflessiva per ripercorrere la propria storia, rinfrescare le proprie competenze e sviluppare nuove capacità. Il lavoro che verrà sviluppato parte da una domanda di senso che non può abbandonare il professionista della formazione: che senso ha la relazione con l altro nella crescita e nel percorso formativo del professionista e in che modo i luoghi della formazione possono essere sfruttati in positivo per il sé e per l identità professionale? Il corso intende favorire la diagnosi dei cambiamenti del formatore e la sua percezione della relazione quale strumento di crescita e di incentivo verso la maturità. Si tratta di riflettere sulle proprie credenze e convinzioni per generare crescita e apprendimento nell azione. CONTENUTI La competenza del formatore: la tendenza all autonomia, all indipendenza e al controllo personale sugli eventi della propria vita, la capacità di conoscersi L acquisizione di significati, strategie e competenze Il senso dell appartenenza: l apprendimento come scambio di valori L acquisizione di strategie e competenze necessarie per l agire interpersonale e cooperativo 5

6 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano 3-4 marzo 2005 METODOLOGIA Le metodologie impiegate saranno improntate ad un coinvolgimento attivo e diretto dei partecipanti. Verranno impiegati gruppi di apprendimento basati su metodi attivi, si utilizzeranno filmati, role playing, simulazioni, autocasi. ANDREA CERIANI Formatore, docente universitario e consulente gestionale. È amministratore unico di KKIEN Enterprise Sistemi di Formazione Integrata, società di consulenza e formazione impegnata in azioni di sviluppo delle risorse umane. Docente presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano per l insegnamento Teoria e modelli della formazione, è coordinatore delle attività di stage e tirocinio per il Corso di Laurea in Scienze dei processi formativi. Consulente per la gestione di sistemi formativi per diverse aziende e amministrazioni pubbliche, ha coordinato il corso Dirigere per l autonomia, coinvolgendo 1000 dirigenti scolastici. Tra le sue pubblicazioni troviamo: La simulazione nei processi formativi. Una metodologia per un pensiero creativo progettuale, F. Angeli, 1996; La qualità totale nei processi scolastici. Teoria ed esperienze, F. Angeli, Di prossima pubblicazione: Il formatore. Mettere in aula il talento, Armando. 6

7 LEARNING COMMUNITY Strategie di integrazione e apprendimento organizzativo Docente: Alessandro Reati OBIETTIVI Il Cooperative Learning è un metodo e una filosofia che, attraverso il lavoro in gruppo, favorisce l apprendimento sia di contenuti disciplinari sia di comportamenti sociali di collaborazione e cooperazione. Il corso si propone di fornire un adeguato scenario teorico-metodologico entro cui inserire il ricco insieme delle diverse prassi che vengono attualmente ricollegate al fenomeno dell apprendimento organizzativo ed evidenziare contemporaneamente i collegamenti tra la dimensione del gruppo di lavoro e la community organizzativa. Sostenendo la validità di alcuni principi base di tipo applicativo e sottolineando la peculiarità dei sistemi di gestione e sviluppo del personale (ricerca, selezione, valutazione formazione, etc.), il workshop intende promuovere l elaborazione costruttiva di quanto queste attenzioni metodologiche possano essere introdotte nelle organizzazioni d'appartenenza dei partecipanti. CONTENUTI L apprendimento in relazione alla dimensione sociale Quale soggetto: l individuo, il gruppo, l organizzazione o la comunità? I paradigmi chiave dell intervento secondo l approccio dello sviluppo di comunità: benessere psicosociale, empowerment, sviluppo delle reti di relazione e sostegno, implementazione dei processi di crescita e cambiamento, ruolo dei professionisti La relazione tra apprendimento organizzativo e comportamento organizzativo L apprendimento organizzativo come esito sistemico dei diversi sistemi di gestione e sviluppo del personale: il coordinamento delle azioni Il rischio delle distorsioni e delle semplificazioni Le buone prassi: come progettare e gestire strategie di apprendimento organizzativo coerente con la cultura ed il clima di riferimento 7

8 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano marzo 2005 METODOLOGIA Comunicazioni di tipo teorico-metodologico saranno alternate a momenti attivi di elaborazione e sperimentazione, in particolare di tipo progettuale. A completamento della lezione frontale verranno impiegati discussioni e simulazioni di gruppo, autocasi e questionari in autosomministrazione. Coerentemente con il tema del seminario, ci si focalizzerà sulla dimensione del gruppo di partecipanti, considerandone sia le caratteristiche sociologiche sia quelle psicosociali. ALESSANDRO REATI Psicosociologo, consulente di direzione ed organizzazione. Iscritto all'ordine degli Psicologi del Piemonte, si è formato come Psicologo e come Educatore Professionale. Esperto in gestione delle risorse umane, svolge attività di consulenza, formazione e ricerca, in particolare all interno di progetti di sviluppo organizzativo e di comunità. Insegna nel Corso di Laurea in Educazione Professionale della Facoltà di Medicina dell Università Statale di Milano e collabora con vari istituti di formazione (universitari e non). È autore di diversi articoli pubblicati in riviste scientifico-professionali e suoi contributi sono stati inseriti nei volumi: Le professioni sociali, Esae, 2001; L integrazione delle professionalità nei servizi alle persone, Fondazione Zancan, 2002; L educatore professionale, Carocci, 2003; Formazione e sviluppo organizzativo, F.Angeli, 2003; Le competenze dell educatore professionale, Carocci,

9 LA CREATIVITÀ VA IN AULA Idee, metodi e strumenti Docente: Serena Cubico OBIETTIVI Nonostante il valore della creatività sia ormai unanimemente riconosciuto e continui a suscitare profondo interesse, attorno a tale concetto esiste ancora oggi un po di confusione. La creatività è uno dei tratti salienti del comportamento umano e consiste nella capacità di unire elementi esistenti con connessioni nuove, che risultino utili. Il corso intende guidare i partecipanti attraverso un percorso finalizzato ad imparare a sfruttare al massimo le immense risorse creative della propria mente, riconoscendo nella creatività un elemento capace di aggiungere valore e rendere più efficace l attività del formatore. Conoscere le principali tecniche che favoriscono lo sviluppo della propria creatività ed imparare come affrontare con creatività i diversi momenti della gestione dell aula diventano dunque obiettivi imprescindibili attraverso cui poter poi rivedere e sperimentare i più utilizzati metodi della gestione d aula così da rendere più coinvolgente e originale l apprendimento. CONTENUTI I significati della creatività e il formatore creativo Vincoli al pensiero creativo e tecniche che sviluppano la creatività: la percezione dei problemi (regole e trappole) e la soluzione degli stessi (logica e creatività) La creatività nelle diverse fasi dello sviluppo della relazione col partecipante: l apertura, i momenti critici e la chiusura Gestire i creativi Creatività e apprendimento I metodi tradizionali e la loro rivisitazione creativa 9

10 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano 7-8 aprile 2005 METODOLOGIA Il corso prevede l integrazione di modalità di formazione tradizionale, qual è la lezione frontale e la discussione, con metodi attivi, tra cui lavori in sottogruppi, esercitazioni, simulazioni (con e senza l ausilio di strumentazioni audiovisive), giochi didattici, ricerca d'aula e questionari di autovalutazione. SERENA CUBICO Psicologo del Lavoro e Dottoranda in Psicologia delle Organizzazioni. Consulente in Gestione delle Risorse Umane e formatore sulle tematiche di gestione dell aula, creatività, comunicazione (tecniche di comunicazione e relazioni interpersonali), automotivazione e motivazione dei collaboratori, gestione del lavoro di gruppo (leadership, creazione e gestione gruppi di successo), qualità del servizio e relazione col cliente e bilancio delle competenze. Ha collaborato con l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed è attualmente titolare di Assegno di Ricerca presso il Dipartimento di Scienze Economiche della Facoltà di Economia dell Università di Verona, per il Centro Studi per l Artigianato, nonché Cultore della materia per gli insegnamenti di Organizzazione del Lavoro e Sviluppo delle Risorse Umane, Psicologia del Lavoro, dell Orientamento e della Formazione Professionale nello stesso Ateneo. 10

11 CIAK: form-azione Strumenti dal cinema per la didattica Docente: Bernhard Scholz OBIETTIVI I film hanno la capacità di agire sulla sfera emozionale, stimolando il coinvolgimento personale e favorendo la messa in gioco delle proprie convinzioni. Il loro impiego nella formazione permette quindi l interazione dinamica dei partecipanti, facilitandone l apprendimento e il cambiamento. La visione di un film o di loro spezzoni, scelti secondo specifici obiettivi, consentono di esemplificare aspetti e fenomeni complessi. La successiva discussione in gruppo attiva, a partire dalla storia o dalla metafora mostrata sullo schermo, momenti di analisi capaci di entrare nel profondo. Partendo da questa consapevolezza, il corso si propone di migliorare la capacità di utilizzare opere cinematografiche per la formazione all'interno di organizzazioni aziendali e non, con particolare riguardo allo sviluppo delle abilità sociali e manageriali. CONTENUTI Persona e organizzazione: modelli di riferimento Il valore didattico della narrazione cinematografica Analogia, esemplificazione, simbologia e metafora Aspetti metodologici per imparare ad imparare con un film Strumenti per facilitare l apprendimento con un film Opportunità e rischi della didattica cinematografica 11

12 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano aprile 2005 METODOLOGIA La metodologia adottata si basa sulla riflessione guidata sulla propria esperienza e presuppone l impiego di tre modalità formative fondamentali: dialoghi di approfondimento e di confronto sui modelli di riferimento; visione di filmati esemplificativi e discussioni; esercitazioni individuali e di gruppo. BERNHARD SCHOLZ Consulente di Direzione Aziendale e Formatore per abilità manageriali. Laureato in Scienze Politiche e Storia presso le Università di Freiburg e Münster in Germania, dal 1982 lavora come giornalista per radio, giornali e riviste tedesche e internazionali. Presidente dell Istituto Culturale Robert Schuman Institut e. V. di Freiburg con lo scopo di incentivare scambi culturali a livello europeo fra giovani lavoratori e studenti universitari, lavora anche come consulente in aziende multinazionali e piccole-medie imprese tedesche e italiane, collaborando in progetti di riorganizzazione e riprogettazione. Nell ambito della formazione si occupa principalmente del miglioramento delle abilità sociali. Ha tenuto seminari sul cinema e sull uso della metafora cinematografica nelle organizzazioni e ha realizzato diversi storyboard per filmati aziendali. Dal 1998 è Senior Partner della Società Praxis Management S.r.l. con sede a Milano. 12

13 PASSAGGI DI CRESCITA Analisi transazionale per lo sviluppo di sé e il miglioramento delle relazioni Docente: Bruno Demichelis OBIETTIVI L Analisi Transazionale, una delle teorie psicologiche più conosciute, ha come oggetto di lavoro le transazioni che ci permettono di risalire agli elementi più profondi della personalità e, in particolare, agli stati dell Io, inteso come nucleo dell identità psicologica. Esistono tre diversi stati (Genitore, Adulto e Bambino) che sono tra loro relativamente autonomi, ma non sempre ben integrati: l Analisi Transazionale, ampiamente utilizzata anche nella formazione dei manager, permette di riconoscere ed utilizzare consapevolmente ed efficacemente le tre dimensioni della personalità. Obiettivo del corso è guidare i partecipanti in una ricerca interiore per aiutarli a scoprire, in sé e negli altri individui, la componente sottesa ad ogni espressione, così da migliorare la propria capacità relazionale e comunicativa. Attraverso l utilizzo dell Analisi Transazionale è possibile imparare a leggere le relazioni umane e facilitare l attuazione dei cambiamenti. CONTENUTI Stati dell io secondo l Analisi Transazionale: definizioni, analisi e studio Analisi strutturale di primo e secondo grado Egogramma Il modello di critica costruttiva e i rinforzatori di comportamento Il triangolo drammatico I giochi in Analisi Transazionale: copioni e comportamenti OK corral (analisi delle posizioni esistenzali) 13

14 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano maggio 2005 METODOLOGIA Il workshop prevede l'utilizzo sia di modalità informative, incentrate sulla trasmissione frontale dei contenuti, sia di tecniche interattive ed esperienziali. Verranno, quindi proposte esercitazioni, simulazioni e lavori di gruppo per stimolare la riflessione, la discussione e il confronto e rendere più dinamico e coinvolgente il processo di apprendimento. BRUNO DEMICHELIS (...continua) È stato partner della P.D.I. di Bergamo, società di consulenza e formazione e docente nei corsi di formazione professionale organizzati dalla stessa e riconosciuti dalla Regione Lombardia. Ha lavorato come consulente di direzione presso la società Standa s.p.a., come psicologo presso la Polisportiva Mediolanum e come consulente nella gestione delle risorse umane presso il gruppo Fininvest. Le principali competenze di intervento nell ambito della formazione riguardano: le abilità sociali, la gestione dello stress, il problem solving e decision making, l analisi del clima e dei bisogni formativi, lo sviluppo top e middle management, le relazioni interne, il coaching individuale e l efficienza del gruppo. 14

15 FORMAZIONE A SOGGETTO Contaminazioni e suggestioni dal teatro Docente: Marco Alberghini OBIETTIVI Le tecniche attorali e le leggi che governano il teatro richiedono un vasto patrimonio di conoscenze e abilità che sempre più trovano applicazione al di fuori degli spazi scenici canonici, anche e soprattutto, nel mondo della formazione che richiede ormai modalità e sensibilità che superino o integrino l aula tradizionale. Le tecniche teatrali applicate alla formazione sono in grado di scatenare potenze e dinamiche innovative e significative che hanno, anche in un breve periodo, un elevatissima efficacia in tutti gli ambiti sperimentati. L obiettivo di questo workshop, dal taglio prettamente esperienziale, è di far acquisire una maggior consapevolezza di sé attraverso il controllo del proprio corpo e la sperimentazione delle potenzialità personali, migliorando l efficacia della propria capacità comunicativa e sviluppando contemporaneamente un piano di miglioramento personale. CONTENUTI Conoscere e sentire il proprio corpo: sensorialità ed equilibrio La consapevolezza del sé: identificare e superare i comportamenti abituali Il personaggio, gli altri attori e il pubblico: la progettazione della comunicazione, l autopercezione e l eteropercezione, la gestione e l utilizzo dello spazio, la postura e la gestualità Lo strumento voce : l articolazione, la dinamica del respiro ed elementi minimi di dizione Il piano di miglioramento individuale 15

16 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano maggio 2005 METODOLOGIA L intero percorso è di tipo esperienziale basato, in massima parte, sull adozione e la sperimentazione di tecniche mutuate dal teatro e dal training attorale. Si lavorerà sulla propria fisicità mediante esercizi pratici e verrà utilizzato il metodo dell autosservazione mediante strumenti audiovisivi per incrementare la consapevolezza circa il proprio stile di comunicazione. MARCO ALBERGHINI Laureato in Lettere moderne è attore professionista e formatore. Formatosi alla bottega teatrale di Piero Mazzarella, lavora principalmente a teatro, pur vantando esperienze televisive e cinematografiche. Dal 1996 è Responsabile di Progetto presso un importante Scuola di formazione, dove si occupa di tutte le fasi del processo formativo. L unione di queste due competenze professionali l ha portato a specializzarsi nell introduzione delle tecniche e metodologie attorali in ambito formativo, utilizzando in particolare la metafora teatrale per la formazione sulle abilità manageriali. Ha seguito numerosi corsi di perfezionamento, sia in ambito attorale sia in ambito formativo, fra cui studi: sul metodo Stanislawsky, sulla conoscenza di sé (con Mamadou Dioume), sulla comunicazione e il public speaking (con Alberto Lori), sulla formazione formatori (due corsi con Sergio Capranico fra i docenti). 16

17 IO E IL GRUPPO Relazioni dinamiche e leadership Docente: Margherita Sberna OBIETTIVI Da sempre l analisi delle dinamiche di gruppo viene utilizzata per riflettere e modificare le condotte, i valori e l efficacia di un gruppo che si pone un obiettivo comune. Il corso si propone di riprodurre il percorso di vita di un gruppo i cui membri sono, inizialmente, fra loro estranei, ricostruendo in laboratorio quanto accade nella quotidianità: la differenza risiede, da un lato, nell accelerazione che consente di sperimentare gli eventi in un tempo molto più breve e concentrato, dall altro, nell uso della simulazione che permette l apprendimento in un ambiente protetto, nel quale le proprie azioni non hanno conseguenze lesive o irrimediabili. Ogni partecipante contribuirà o ostacolerà questo percorso, ma raccoglierà comunque informazioni su di sé, sui propri comportamenti, sentimenti, emozioni e limiti: l obiettivo è comprendere meglio la quotidianità e valutare la funzionalità delle proprie azioni in situazioni di gruppo. CONTENUTI Il gruppo: le relazioni interpersonali e il senso di appartenenza L approccio e la socializzazione La comunicazione verbale e il comportamento non verbale Fenomeni e dinamiche di gruppo I ruoli nel gruppo e la leadership Le norme e la presa di decisione 17

18 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano 9-10 giugno 2005 METODOLOGIA La metodologia adottata si fonda sull ipotesi che si riuscirà a gestire un gruppo in rapporto alla comprensione dall interno dei suoi meccanismi ed insieme al superamento, o almeno al controllo, dei propri punti deboli in tale contesto. Attraverso esercitazioni, giochi e simulazioni i partecipanti al workshop saranno stimolati a prendere parte attiva alle diverse proposte, pur nella libertà di scegliere in che misura farsi coinvolgere: il grado di apprendimento sarà tuttavia strettamente collegato alla disponibilità e alla collaborazione. MARGHERITA SBERNA Laureata in Materie Letterarie e in Psicologia, è formatore e consulente. Socio fondatore di ARIPS, di cui è stata a lungo presidente, e vicepresidente della SIA, ha progettato e coordinato attività di formazione alle skills psicologiche e interventi territoriali di Psicologia di Comunità. Ha preso parte a molteplici progetti di ricerca e tuttora lavora come consulente e formatore per numerosi enti. Come formatore psicosociale, si occupa di sviluppo della creatività e di strumenti didattici. È autrice di svariate pubblicazioni fra articoli e saggi. Alcuni suoi contributi sono: Giochi psicopedagogici, Clup, 1984; T-group come simulazione: una ipotesi per futuri sviluppi, Clup, 1987; La microprogettazione, Giochi psicologici, La simulazione, Le unità auto-eterocentrate, Un caso di ambivalenza e competizone in AA.VV. La formazione psicologica, Cittastudi, 1994; Psicomunità, Arcipelago,

19 TIME ORIENTEERING Trasformare il tempo in una risorsa strategica Docenti: Federica Madonna e Giovanni Sposito OBIETTIVI Il tempo è una risorsa, un capitale che tende a decrescere progressivamente senza però poter essere rinnovato. Spesso non siamo in grado di percepire la quantità di tempo che impieghiamo per svolgere azioni che poi non hanno, all interno della nostra generale economia di tempo, l importanza che supponiamo. Molte volte, cioè, perdiamo del tempo senza riuscire a capire bene dove sia andato a finire. La buona e corretta gestione del tempo diventa un imperativo al quale non è possibile sottrarsi, specie quando gli impegni iniziano a essere gravosi e numerosi. Considerare il tempo come un bene prezioso non significa non poterne riservare una parte per oziare o per godere dell essere al mondo, quanto piuttosto significa che ciascuno è responsabile del proprio capitale. Il workshop si propone di accrescere nei partecipanti la consapevolezza che il tempo non è solo un vincolo ma anche e soprattutto una risorsa, trasmettendo alcuni strumenti indispensabili per la sua gestione ottimale. CONTENUTI Qualità e caratteristiche personali di un buon gestore del tempo (professionale e personale) Come definire i propri obiettivi secondo le priorità: analisi dell uso del tempo Il controllo dei fattori esterni e la programmazione di obiettivi personali a breve e a lungo termine: creazione dell action plan Il bersaglio del tempo e il sistema OSA Motivazione e atteggiamento mentale: gestione degli stati d animo Creatività e gestione del tempo: acquisizione di capacità di risposta creativa alle sfide imposte dal poco tempo 19

20 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano giugno 2005 METODOLOGIA La metodologia adottata per realizzare le attività è di tipo attivo: la lezione frontale ed interattiva sarà integrata con esercitazioni pratiche, role playing individuali e di gruppo nonché simulazioni. Verranno impiegati strumenti di autodiagnosi per incrementare la capacità dei partecipanti di conoscere i propri punti di forza e di debolezza, in modo tale da poter sviluppare piani di miglioramento personale attraverso le tecniche apprese durante il seminario. FEDERICA MADONNA Formatore e consulente. È Responsabile Sistema Gestione Qualità di KKIEN Enterprise Sistemi di Formazione Integrata, società di formazione e consulenza per lo sviluppo delle risorse umane e per l accompagnamento alla certificazione di qualità ISO 9001:2000. Consulente in progetti formativi per diversi istituti scolastici e amministrazioni pubbliche, ha collaborato nella pubblicazione: Qualità totale nei processi scolastici. Teoria ed esperienze, F. Angeli, GIOVANNI SPOSITO Consulente e trainer dell apprendimento. Laureato in Scienze della Formazione, da anni si occupa di tematiche riguardanti l apprendimento. Istruttore di tecniche di memorizzazione, lettura veloce, gestione del tempo e strategie avanzate di apprendimento e public speaking, è anche trainer certificato Dale Carnegie e responsabile del progetto Apprendimento efficace nelle scuole per conto di KKIEN Enterprise Sistemi di Formazione Integrata. 20

21 PER NEUTRALIZZARE I LIMITI Il contributo della Programmazione Neuro Linguistica Docente: Patrizia Rovati OBIETTIVI La PNL (Programmazione Neuro Linguistica) è una metodologia basata sullo studio del comportamento umano e dei meccanismi che lo determinano, partendo dal presupposto che ogni comportamento è controllato da strategie operanti internamente ed ha quindi una struttura che può essere modellata. La PNL studia quindi la struttura dell esperienza soggettiva, cioè il modo in cui ciascun individuo percepisce ed interpreta se stesso ed il mondo che lo circonda, analizzando ogni comportamento attraverso la sua scomposizione in sequenze di elementi osservabili e modificabili. Obiettivo prioritario del seminario è migliorare, attraverso l impiego di alcuni elementi di PNL le capacità del formatore e sviluppare le capacità gestionali da impiegare in aula, insegnando ai partecipanti ad avere un ruolo più attivo nei confronti dei molteplici fattori, sia esterni che interni, che influenzano la percezione e determinano il comportamento. CONTENUTI Il modello della Programmazione Neuro Linguistica La creazione di stati idonei all apprendimento attraverso l uso dei sistemi rappresentazionali: teoria e utilizzo Il linguaggio di precisione: presentazione teorica e sperimentazione La capacità di rispondere alle domande e le ristrutturazioni linguistiche L allineamento dei livelli logici per trovare la propria eccellenza nell'essere Il formatore: dimostrazione in aula ed esperienza in piccoli gruppi 21

22 DOVE E QUANDO Università Cattolica del Sacro Cuore Via Carducci, Milano 7-8 luglio 2005 METODOLOGIA La PNL è per sua natura un modello che necessita di una sperimentazione attiva ed un applicazione concreta per rendere effettivo l apprendimento delle sue tecniche e strategie. Presentazioni teoriche, dimostrazioni, esercitazioni in piccoli gruppi, discussioni e raccolta di feedback in plenaria caratterizzeranno dunque l'intero percorso. PATRIZIA ROVATI Laureata in Pedagogia presso l Università di Genova, con specializzazione in Psicologia conseguita presso l Università di Pavia, ha conseguito un master come trainer in Programmazione Neuro Linguistica e frequentato corsi di aggiornamento sulle dinamiche di gruppo e gestione dei gruppi, nonché creatività e utilizzo di strumenti creativi. Docente e consulente aziendale presso numerose aziende multinazionali e italiane, dal 1991 è docente nei corsi di PNL dell Istituto di PNL di Gianni Fortunato presso le sedi di Milano, Bologna, Napoli, Roma, Palermo. È stata dirigente di servizi educativi e responsabile dell organizzazione di corsi di formazione per il personale educativo presso il Comune e l Amministrazione Provinciale di Pavia e presso la Regione Lombardia ed ha collaborato a progetti di ricerca con l Istituto di Psicologia e Pedagogia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Pavia. 22

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli