PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E ZINGONIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E ZINGONIA"

Transcript

1 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E A CURA DI ISTITUTO RICERCA ECOPOLIS ARCH. DAVIDE FORTINI CONSULENZA SCENTIFICA DOTT. FABIO STAMPINI SEGRETERIA TECNICA MONICA BERERA

2 OBIETTIVI E FINALITA Introdurre il gruppo dei partecipanti al contesto normativo e di sperimentazione nazionale Trasferire ai partecipanti le conoscenze di base (fase di analisi e di progetto) per la redazione di un Piano Spostamento Casa Lavoro Dotare gli uffici comunali degli otto comuni di zingonia di referenti competenti in grado di dialogare con il futuro mobility manager di area Incentivare la nomina di mobility manager aziendali Identificare le modalità per avviare le procedure per la nomina del mobility manager di area

3 DATI GENERALI Abitanti area zingonia Auto immatricolate area zingonia Addetti industria area zingonia Addetti commercio area zingonia Addetti servizi area zingonia Addetti enti pubblici area zingonia 1 950

4 PARTECIPANTI ROSA PEDRINI GIANPIETRO VISCONTI MARZO CASTELLI GLORIA GELMI LILIANA DONATO ALESSANDRO TERZI MARCO ARRIGONI NICCOLO BLANDINI MARIAGRAZIAMOSCHETTI GIANANDREA MAI MADDALENA VERDINA MANLIO DELLA PUPPA ANDREA VALSECCHI BARBARA PROVENZI MASSIMO LOCATELLI CESARE CITTERIO

5 STRUTTURA DEL CORSO Primo incontro Interventi di Euromobility associazione nazionale dei mobility manager il contesto normativo e le azioni dei mobility manager di area Secondo incontro Provincia di Bergamo settore territorio le azioni per la mobilità programmate dalla provincia nel PTCP Interventi di Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica prime ipotesi

6 Terzo incontro Interventi di Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica avanzamento lavoro Interventi di Quarto incontro Comune di Brescia mobility manager di area le azioni per la conoscenza e gli interventi promossi Politecnico di Milanogli interventi infrastrutturali di area previsti nel Piano Strategico Ing. Trezzi consulente comune Verdello La raccolta dati per il PUT Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica finale lavoro

7 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E GRUPPO ROSSO SPERIMENTARE LA FASE DI ANALISI A CURA DI : BLANDINI NICOLO - CITTERIO CESARE - DELLA PUPPA MANLIO - PROVENZI BARBARA TERZI ALESSANDRO

8 VERDELLINO VERDELLINO VERDELLINO VERDELLINO BERGAMO TREVIGLIO MILANO BRESCIA 13 KM. 11 KM. 45 KM. 60 KM. L AREA OGGETTO DELLO STUDIO SI TROVA NEL COMUNE DI VERDELLINO, POSTO STRATEGICAMENTE A META STRADA TRA BERGAMO E TREVIGLIO E TRA MILANO E BRESCIA.

9 L AREA OGGETTO DELLO STUDIO: HA UNA SUPERFICIE DI CIRCA 1 KMQ E VICINA MA BEN DELIMITATA DALLE AREE RESIDENZIALI POSTE A NORD E NORD/OVEST E SATURA, IN QUANTO SONO POCHE LE AREE INDUSTRAILI SULLE QUALI E POSSIBILE EDIFICARE E BEN INTERSECATA CON LE AREE A DESTINAZIONE INDUSTRIALE DEI COMUNI DI VERDELLO CISERANO E BOLTIERE E DIVISA IN DUE MACRO ZONE EST/OVEST DALLA TRATTA FERROVIARIA TREVIGLIO- BERGAMO E COSTITUITA TOTALMENTE DA MEDIO PICCOLI AGGLOMERATI DI CAPANNONI CON DESTINAZIONE INDUSTRIALE/ARTIGIANALE ALL 85% E COMMERCIALE PER IL RESTANTE 15%.

10 L AREA RISULTA ADEGUATAMENTE DOTATA DI UNA RETE VIARIA INTERNA BEN DIMENSIONATA CHE LA SUDDIVIDE ORTOGONALMENTE E ORDINATAMENTE IN PIU LOTTI E CHE LA METTE IN COMUNICAZIONE SIA CON IL RESTO DEL TERRITORIO COMUNALE SIA CON LE MAGGIORI ARTERIE VIARIE ESTERNE POSTE A SUD (S.P. 122 Francesca) E A EST (S.P. 42 Bergamo Treviglio ) CHE CONSENTONO I COLLEGAMENTI CON I MAGGIORI CENTRI (MILANO-BERGAMO- TREVIGLIO-BRESCIA). E PRESENTE SUL TERRITORIO DI VERDELLINO CIRCA 500 MT. A NORD DELL AREA IN OGGETTO UNA STAZIONE FERROVIARIA DELLA LINEA BERGAMO- TREVIGLIO.

11 L UNICO SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO ESISTENTE SULL AREA E SU TUTTO IL TERRITORIO DI VERDELLINO OLTRE ALLA LINEA FERROVIARIA BERGAMO TREVIGLIO E UNA LINEA DI MINI BUS DELLA DITTA BERTOLA CHE COLLEGA VERDELLINO (VIA MARCONI- PIAZZALE CHIESA) CON OSIO SOTTO, OSIO SOPRA, DALMINE,BOLTIERE E LEVATE) CON UNA FREQUENZA DI CORSA DI 20 MINUNTI NEI GIORNI FERIALI. LINEA FERROVIARIA BERGAMOTREVIGLIO STAZIONE F.S. S.P. 42 BERGAMO TREVIGLIO S.P. 122 FRANCESCA

12 PIANTA TRASPORTI PUBBLICI ESISTENTI PIANTA TRASPORTI PUBBLICI DI PROGETTO tratta dal programma triennale dei trasporti della tratta dal programma triennale dei trasporti della Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo

13 IPOTESI DI SVILUPPO DELL AREA RETE E SERVIZI TRATTA DAL PIANO STRATEGICO DELL AREA DALMINE - L AREA E INTERESSATA DA PIU PROGETTI CHE TENDONO A DECONGESTIONAE E A METTERE IN SICUREZZA IL TRAFFICO, E A MIGLIORARE LA INTERCONNESSIONE TRA I SERVIZI: VARAIANTE UNICA ALLA S.S. 525 E S.S. 42 E RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI ABITATI ATTRAVERSATI DA DETTE STRADE RADDOPPIO LINEA FERROVIARIA BERGAMO TREVIGLIO E NUOVA GRONDA MERCI FERROVIARIA DI NORD EST E POLO LOGISTICO DI VERDELLO QUARTA CORSIA AUTOSTRADA A4 MILANO BERGAMO NUOVA GRONDA STRADALE DENOMINATA PEDEMONTANA INTERCONNESSIONE PEDEMONTANA BRE-BE-MI RIQUALIFICAZIONE DI CORSO EUROPA E DELLA SP. 122 FRANCESCA RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SEICUREZZA DELLE RETE VIARIA LOCALE

14 LA RIQUALIFICAZIONE DI C.SO EUROPA HA I SEGUENTI OBBIETTIVI: MAGGIOR FLUIDITA DEL TRAFFICO MESSA IN SICUREZZA DELLE INTERSEZIONI SU 525 E 122 MESSA IN SICUREZZA DEGLI ATTRAVERSAMENTI MIGLIORARE LA DISPOSZIONE E L ACCESSIBILITA AGLI ACCESSI CARRALI RIDUZIONE DEGLI INCIDENTI RIQUALIFICAZIONE SPAZI PUBBLICI SOLUZIONI PROGETTUALI PROPOSTE DA PIANO STRATEGICO: CON CONVIENZA DI FLUSSI: BOULEVAR PARKWAY CON SEPRAZIONE DEI FLUSSI TRINCEA INTERRAMENTO

15 FONTI DI RIPERIMENTO DATI AZIENDE: UFFICO TRIBUTI E P.M VERDELLINO CAMERA DI COMMERCIO DI BERGAMO ASSOCIAZIONIDI CATEGORIA ASSOCIAZIONE SINDACALI QUESTIONARI PER AZIENDE DATI AZIENDE RACCOLTI: NUMERO AZIENDE 220 TIPOLOGIA DELLE AZIENDE: TERZIARIO ARTIGIANALE INDUSTRIALE COMMERCIALE LOGISTICA TRASFORMAZIONE MATERIE

16 FONTI DI RIPERIMENTO DATI ADDETTI: UFFICO P.M. VERDELLINO ASSOCIAZIONE SINDACALI QUESTIONARI PER DIPENDENTI AZIENDE DI TRASPORTI DATI ADDETTI RACCOLTI: NUMERO ADDETTI MEDIA ADDETTI PER AZIENDA 20,5 ADDETTI RESIDENTI ADDETTI PENDOLARI residenti pendolari auto moto bici bus treno altro

17 CONSIDERAZIONI FINALI Si può ritenere che i Comuni che gravitano attorno alla realtà territoriale definita come area Dalmine - Zingonia, meritino un maggiore approfondimento. L integrazione dei trasporti pubblici all interno dell area stessa impone di considerare, rispetto alla formulazione di un programma la necessità di effettuare cambi di mezzo per raggiungere il capoluogo; che nelle medie e brevi percorrenze il doppio trasbordo per la gran parte dei casi ha effetti negativi sull utente, aumentandone i tempi di percorrenza. Si parla di aree di interscambio attrezzate, per la gran parte oggi inesistenti oppure, come nel caso dei parcheggi di Via Morletta e Via Alvaro nel territorio di Verdellino facenti capo alla Stazione di Verdello, non ancora capaci di sopportare i flussi di traffico previsti dal piano, se non al completamento della seconda fase dell accordo di programma R.F.I. - Regione - Provincia e comuni dell asse ferroviario Bergamo - Treviglio. Rendere attrattive e accessibili le fermate e le aree di interscambio è un azione che deve essere sinergica alla promozione e all introduzione di autobus accessibili secondo gli standard qualitativi europei. Il rinnovo del parco veicolare con mezzi accessibili ai disabili rischia di rimanere un semplice assolvimento di un obbligo normativo, sé non è accompagnato contemporaneamente da un programma di adeguamento delle fermate che devono essere attrezzate in maniera tale da eliminare le barriere architettoniche e consentire l accesso facilitato ai mezzi. L area di Zingonia rappresenta uno dei principale polmoni produt tivi della Provincia di Bergamo, con un tasso di crescita della popolazione sensibilmente superiore alla media provinciale, in quanto tale non sembra suscitare alcun interesse per quanto riguarda i servizi minimi che possono essere garantiti da un pubblico servizio. L area di Zingonia, infatti non è interessata da nessuna linea di forza di collegamento con il Capoluogo, ed è servita solo da microreti, di fatto sono penalizzati i collegamenti con Bergamo. Per alcuni paesi il problema è analogo rispetto i collegamenti con Treviglio. Per consentire di avere un quadro più dettagliato dell area di Zingonia, si sottolinea l importante arteria di collegamento CORSO EUROPA, pur di rilevanza comunale ma di alta densità di traffico di scorrimento e collegamento con la bassa pianura bergamasca - cremasca e l autostrada per Milano. Oggi si può e si deve ritenere Zingonia come una vera e propria area urbana, favorita per altro da calibri stradali importanti e in connessione con i collegamenti autostradali e ferroviari, rispetto ai quali Zingonia assume una posizione baricentrica e come tale, sia servita da un servizio di trasporto pubblico di tipo urbano. Promuovere l uso del treno è obiettivo condivisibile ( in quanto sollecita l uso di un mezzo di trasporto a minore impatto ambientale, a parità di tempo di percorrenza) a patto che il servizio di trasporto pubblico venga al più presto integrato dal sistema ferroviario metropolitano. Sarebbe auspicabile che il sistema della mobilità di tutta l area di Zingonia debba gravitare sull asta ferroviaria, in una prospettiva di rete metropolitana e non solo, piuttosto che sulla già congestionata rete stradale. nell attesa della realizzazione di un sistema ferroviario metropolitano integrato con il sistema di trasporto su gomma, si può pensare di potenziare i collegamenti attuali tra tutta l area urbana di Zingonia e la Stazione di Verdello - Dalmine. La strada provinciale Osio Sotto - Verdello ( SP148 ) appare, infatti inadeguata a sopportare una elevata frequenza di autobus vista la commistione già attualmente problematica tra i veicoli, cicli e motocicli che eccessivamente caricata potrebbe rivelarsi pericolosa, dato il calibro della provinciale stessa. A questo proposito è auspicabile la programmazione, con la collaborazione e l impegno delle amministrazioni interessate di una rete di collegamenti ciclabili tra i centri urbani dell area e le stazioni ferroviarie attuali e previste dal futuro sistema ferroviario metropolitano.

18 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E GRUPPO VERDE SPERIMENTARE LA FASE DI ELABORAZIONE DELLE PROPOSTE A CURA DI GLORIA GELMI - MARCO CASTELLI LILIANA DONATO MARCO ARRIGONI MARIAGRAZIA MOSCHETTI MADDALENA VERDINA GIAN PIETRO VISCONTI ANDREA VALSECCHI ROSA PEDRINI

19 DATI AZIENDA ANALIZZATA 800 dipendenti circa 6 sedi principali in area urbana (con circa 500 dipendenti) 40% circa di risposte al questionario (n. 183 nelle sedi cittadine) PROVINCIA DI BERGAMO

20 NR UTENTI MEZZO DI TRASPORTO UTILIZZATO CARATTERISTICHE DELLO SPOSTAMENTO DISTANZA (Km) 18,4% 0,5% 12,9% < ,9% ,4% ,9% >20.1 No risp. TEMPI DI PERCORRENZA (minuti) Auto conducente Auto con passeggeri Auto come passeggero Moto Autobus urbano Autobus extraurbano Treno MEZZO TRASPORTO Bici Piedi No risp. BEL TEMPO ANDATA BEL TEMPO RITORNO BRUTTO TEMPO ANDATA BRUTTO TEMPO RITORNO 8,0% 22,4% 10,9% 0,5% < 5 1,5% 10,0% 12,4% 20,9% 13,4% >61 No risp.

21 Fase di progetto: Piano Spostamenti Casa Lavoro (PSCL) Azioni possibili correlate alle esigenze emerse dall indagine Individuazione dei problemi e delle risorse/opportunità AZIONI A BREVE TERMINE Sensibilizzazione e informazione (newsletter informatica) Incentivo all uso del trasporto pubblico: Contributo per abbonamento annuale Ticket mobilità concertazione con gestori dei servizi pubblici per migliorare l informazione all utenza e compartecipare alle iniziative di agevolazione tariffaria Promozione del car-pooling PROBLEMI Coinvolgimento dei lavoratori Finanziamento delle iniziative Gestione delle richieste Vendita dei biglietti Formazione degli equipaggi OPPORTUNITA Uso della rete intranet Per le aziende di trasporto aumento dell utenza Per l azienda maggior regolarità e soddisfazione dei dipendenti Socializzazione AZIONI A MEDIO LUNGO TERMINE Mobilità ciclabile (confronto con altri enti per aumentare l offerta di piste ciclabili e iniziative di supporto) Convenzione veicoli a basso impatto ambientale Sperimentazione del telelavoro Incerterzza degli esiti Gestione del processo Ridefinizione della struttura aziendale Capacità di pianificazione Adesione ai progetti nazionali Uso della rete, riduzione della mobilità

22 AZIONI DISCUSSE NEL GRUPPO E INSERITE NELLA PROPOSTA COME SCENARI DI PROSPETTIVA O NON INSERITE Navetta in collaborazione con aziende limitrofe Servizio di asilo-nido per i figli dei dipendenti Iniziative di sostegno alla mobilità ciclabile: Acquisizione e gestione di una flotta aziendale (anche bici elettriche) Individuazione di uno spazio per manutenzione e noleggio Iniziative e incentivi all uso delle due ruote PROBLEMI Cattura della domanda Scelta della sede Scelta della sede - OPPORTUNITA Ripartizione dei costi di gestione Gestione completa a carico di un riparatore Convenzioni tra ente e grande distribuzione per spesa a domicilio Uso della rete sul posto di lavoro Notevoli risparmi di tempo Parcheggi aziendali gratuiti per car pooling; a pagamento per chi viene in auto da solo Consenso, controllo degli equipaggi Introiti da finalizzare a iniziative del MM

23 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROPOSTA DEL TEMA FINALE

24 PROPOSTE DI TEMI PER IL Mobility Manager di Area territorio di azione : AREA PRODUTTIVA DI Area di intervento : MOBILITA SOSTENIBILE Piano di progetto: AZIONI DI OTTIMIZZAZIONE DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Area di attenzione: VALORIZZARE E QUALIFICARE L USO DELLE RISORSE ESISTENTI TEMA Definire piano di lavoro del Mobility manager di area ipotizzando le azioni prioritarie e la loro fattibilità da implementare sul territorio in un arco temporale per organizzare una prima struttura del Piano Spostamenti Casa Lavoro Si invitano i candidati ad integrare le propose di PSCL anche con indicazioni operative maggiormente rivolte alla generalità del territorio e delle politiche finalizzate alla mobilità sostenibile (adeguamento parco auto, pianificazione, infrastrutture e strutture per la mobilità debole ecc.) per garantire maggior efficacia e visibilità complessiva dell azione

25 I candidati potranno scegliere se e come approfondire ipotesi gradite dalle pubbliche amministrazioni o in fase di definizione da parte di altri soggetti così come esposto nel corso per definire la propria proposta di Piano Spostamenti Casa Lavoro. A tal proposito se ne richiamano alcune : 1 - Accessibilità delle nuove fermate/stazioni ferroviarie Bg Treviglio dall area produttiva attraverso forme di intermodalità con sistemi di : ciclabilità; rete locale di trasporto pubblico; auto condivisa. 2 Organizzazione di una/ più linee di trasporto pubblico con mezzi a basso impatto di servizio dedicato alla zona produttiva di Zingonia ma anche con possibili estensioni a poli attratori esterni 3 Ottimizzazione del servizio ferroviario attraverso una revisone del sistema degli orari per ottimizzare gli spostamenti dei lavoratori e delle merci nelle relazioni metropolitane nella tratta Bergamo - Treviglio, ma anche le medie-lunghe percorrenze verso Milano e verso Brescia.

26 E valutata positivamente la definizione di un quadro economico di massima per l attuazione del PSCL così come la definizione di un piano complessivo di comunicazione I candidati dovranno consegnare le proprie proposte su supporto informatico (foglio word o power point orizzontale) entro il giorno 30 aprile 2004 alla segreteria del comune di Levate Le proposte saranno valutate da apposita commissione mista entro il 30 maggio 2004

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi.

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi. CRIVI S Corso di Porta Vigentina, 46 Albergo di cat. 4 stelle. La fermata della metropolitana MM3 più vicina è Crocetta. Dall albergo l Università Bocconi è raggiungibile a piedi in 10 minuti. Uso Singola

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

ROMA È VITA MARINOSINDACO DI IGNAZIO MARINO PER ROMA CAPITALE IL PROGRAMMA ELETTORALE

ROMA È VITA MARINOSINDACO DI IGNAZIO MARINO PER ROMA CAPITALE IL PROGRAMMA ELETTORALE ROMA È VITA IL PROGRAMMA ELETTORALE DI IGNAZIO MARINO PER ROMA CAPITALE MARINOSINDACO INDICE ROMA È VITA 4 PRIMA DI TUTTO RIPARTIRE 5 LA VISIONE 5 I. UNA CITTÀ CHE FUNZIONA 8 1. UN NUOVO PATTO PER LA MOBILITÀ

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano

Valutazione dell'impatto sulla qualità dell'aria nella città di Bolzano CISMA Srl via Siemens 19, I-39100 Bolzano c/o TIS innovation park via Malpaga 8, I-38100 Trento Tel: 0471-068295/068281; 0461-222014 Fax: 0471-068197; 0461-522545 Web: http://www.cisma.bz.it Mail: info@cisma.bz.it

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso INQUADRAMENTO GENERALE Intersezione Corridoio I (Berlino- Palermo)

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli