PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E ZINGONIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E ZINGONIA"

Transcript

1 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E A CURA DI ISTITUTO RICERCA ECOPOLIS ARCH. DAVIDE FORTINI CONSULENZA SCENTIFICA DOTT. FABIO STAMPINI SEGRETERIA TECNICA MONICA BERERA

2 OBIETTIVI E FINALITA Introdurre il gruppo dei partecipanti al contesto normativo e di sperimentazione nazionale Trasferire ai partecipanti le conoscenze di base (fase di analisi e di progetto) per la redazione di un Piano Spostamento Casa Lavoro Dotare gli uffici comunali degli otto comuni di zingonia di referenti competenti in grado di dialogare con il futuro mobility manager di area Incentivare la nomina di mobility manager aziendali Identificare le modalità per avviare le procedure per la nomina del mobility manager di area

3 DATI GENERALI Abitanti area zingonia Auto immatricolate area zingonia Addetti industria area zingonia Addetti commercio area zingonia Addetti servizi area zingonia Addetti enti pubblici area zingonia 1 950

4 PARTECIPANTI ROSA PEDRINI GIANPIETRO VISCONTI MARZO CASTELLI GLORIA GELMI LILIANA DONATO ALESSANDRO TERZI MARCO ARRIGONI NICCOLO BLANDINI MARIAGRAZIAMOSCHETTI GIANANDREA MAI MADDALENA VERDINA MANLIO DELLA PUPPA ANDREA VALSECCHI BARBARA PROVENZI MASSIMO LOCATELLI CESARE CITTERIO

5 STRUTTURA DEL CORSO Primo incontro Interventi di Euromobility associazione nazionale dei mobility manager il contesto normativo e le azioni dei mobility manager di area Secondo incontro Provincia di Bergamo settore territorio le azioni per la mobilità programmate dalla provincia nel PTCP Interventi di Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica prime ipotesi

6 Terzo incontro Interventi di Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica avanzamento lavoro Interventi di Quarto incontro Comune di Brescia mobility manager di area le azioni per la conoscenza e gli interventi promossi Politecnico di Milanogli interventi infrastrutturali di area previsti nel Piano Strategico Ing. Trezzi consulente comune Verdello La raccolta dati per il PUT Tutori - lavoro dei due sottogruppi verifica finale lavoro

7 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E GRUPPO ROSSO SPERIMENTARE LA FASE DI ANALISI A CURA DI : BLANDINI NICOLO - CITTERIO CESARE - DELLA PUPPA MANLIO - PROVENZI BARBARA TERZI ALESSANDRO

8 VERDELLINO VERDELLINO VERDELLINO VERDELLINO BERGAMO TREVIGLIO MILANO BRESCIA 13 KM. 11 KM. 45 KM. 60 KM. L AREA OGGETTO DELLO STUDIO SI TROVA NEL COMUNE DI VERDELLINO, POSTO STRATEGICAMENTE A META STRADA TRA BERGAMO E TREVIGLIO E TRA MILANO E BRESCIA.

9 L AREA OGGETTO DELLO STUDIO: HA UNA SUPERFICIE DI CIRCA 1 KMQ E VICINA MA BEN DELIMITATA DALLE AREE RESIDENZIALI POSTE A NORD E NORD/OVEST E SATURA, IN QUANTO SONO POCHE LE AREE INDUSTRAILI SULLE QUALI E POSSIBILE EDIFICARE E BEN INTERSECATA CON LE AREE A DESTINAZIONE INDUSTRIALE DEI COMUNI DI VERDELLO CISERANO E BOLTIERE E DIVISA IN DUE MACRO ZONE EST/OVEST DALLA TRATTA FERROVIARIA TREVIGLIO- BERGAMO E COSTITUITA TOTALMENTE DA MEDIO PICCOLI AGGLOMERATI DI CAPANNONI CON DESTINAZIONE INDUSTRIALE/ARTIGIANALE ALL 85% E COMMERCIALE PER IL RESTANTE 15%.

10 L AREA RISULTA ADEGUATAMENTE DOTATA DI UNA RETE VIARIA INTERNA BEN DIMENSIONATA CHE LA SUDDIVIDE ORTOGONALMENTE E ORDINATAMENTE IN PIU LOTTI E CHE LA METTE IN COMUNICAZIONE SIA CON IL RESTO DEL TERRITORIO COMUNALE SIA CON LE MAGGIORI ARTERIE VIARIE ESTERNE POSTE A SUD (S.P. 122 Francesca) E A EST (S.P. 42 Bergamo Treviglio ) CHE CONSENTONO I COLLEGAMENTI CON I MAGGIORI CENTRI (MILANO-BERGAMO- TREVIGLIO-BRESCIA). E PRESENTE SUL TERRITORIO DI VERDELLINO CIRCA 500 MT. A NORD DELL AREA IN OGGETTO UNA STAZIONE FERROVIARIA DELLA LINEA BERGAMO- TREVIGLIO.

11 L UNICO SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO ESISTENTE SULL AREA E SU TUTTO IL TERRITORIO DI VERDELLINO OLTRE ALLA LINEA FERROVIARIA BERGAMO TREVIGLIO E UNA LINEA DI MINI BUS DELLA DITTA BERTOLA CHE COLLEGA VERDELLINO (VIA MARCONI- PIAZZALE CHIESA) CON OSIO SOTTO, OSIO SOPRA, DALMINE,BOLTIERE E LEVATE) CON UNA FREQUENZA DI CORSA DI 20 MINUNTI NEI GIORNI FERIALI. LINEA FERROVIARIA BERGAMOTREVIGLIO STAZIONE F.S. S.P. 42 BERGAMO TREVIGLIO S.P. 122 FRANCESCA

12 PIANTA TRASPORTI PUBBLICI ESISTENTI PIANTA TRASPORTI PUBBLICI DI PROGETTO tratta dal programma triennale dei trasporti della tratta dal programma triennale dei trasporti della Provincia di Bergamo Provincia di Bergamo

13 IPOTESI DI SVILUPPO DELL AREA RETE E SERVIZI TRATTA DAL PIANO STRATEGICO DELL AREA DALMINE - L AREA E INTERESSATA DA PIU PROGETTI CHE TENDONO A DECONGESTIONAE E A METTERE IN SICUREZZA IL TRAFFICO, E A MIGLIORARE LA INTERCONNESSIONE TRA I SERVIZI: VARAIANTE UNICA ALLA S.S. 525 E S.S. 42 E RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI ABITATI ATTRAVERSATI DA DETTE STRADE RADDOPPIO LINEA FERROVIARIA BERGAMO TREVIGLIO E NUOVA GRONDA MERCI FERROVIARIA DI NORD EST E POLO LOGISTICO DI VERDELLO QUARTA CORSIA AUTOSTRADA A4 MILANO BERGAMO NUOVA GRONDA STRADALE DENOMINATA PEDEMONTANA INTERCONNESSIONE PEDEMONTANA BRE-BE-MI RIQUALIFICAZIONE DI CORSO EUROPA E DELLA SP. 122 FRANCESCA RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SEICUREZZA DELLE RETE VIARIA LOCALE

14 LA RIQUALIFICAZIONE DI C.SO EUROPA HA I SEGUENTI OBBIETTIVI: MAGGIOR FLUIDITA DEL TRAFFICO MESSA IN SICUREZZA DELLE INTERSEZIONI SU 525 E 122 MESSA IN SICUREZZA DEGLI ATTRAVERSAMENTI MIGLIORARE LA DISPOSZIONE E L ACCESSIBILITA AGLI ACCESSI CARRALI RIDUZIONE DEGLI INCIDENTI RIQUALIFICAZIONE SPAZI PUBBLICI SOLUZIONI PROGETTUALI PROPOSTE DA PIANO STRATEGICO: CON CONVIENZA DI FLUSSI: BOULEVAR PARKWAY CON SEPRAZIONE DEI FLUSSI TRINCEA INTERRAMENTO

15 FONTI DI RIPERIMENTO DATI AZIENDE: UFFICO TRIBUTI E P.M VERDELLINO CAMERA DI COMMERCIO DI BERGAMO ASSOCIAZIONIDI CATEGORIA ASSOCIAZIONE SINDACALI QUESTIONARI PER AZIENDE DATI AZIENDE RACCOLTI: NUMERO AZIENDE 220 TIPOLOGIA DELLE AZIENDE: TERZIARIO ARTIGIANALE INDUSTRIALE COMMERCIALE LOGISTICA TRASFORMAZIONE MATERIE

16 FONTI DI RIPERIMENTO DATI ADDETTI: UFFICO P.M. VERDELLINO ASSOCIAZIONE SINDACALI QUESTIONARI PER DIPENDENTI AZIENDE DI TRASPORTI DATI ADDETTI RACCOLTI: NUMERO ADDETTI MEDIA ADDETTI PER AZIENDA 20,5 ADDETTI RESIDENTI ADDETTI PENDOLARI residenti pendolari auto moto bici bus treno altro

17 CONSIDERAZIONI FINALI Si può ritenere che i Comuni che gravitano attorno alla realtà territoriale definita come area Dalmine - Zingonia, meritino un maggiore approfondimento. L integrazione dei trasporti pubblici all interno dell area stessa impone di considerare, rispetto alla formulazione di un programma la necessità di effettuare cambi di mezzo per raggiungere il capoluogo; che nelle medie e brevi percorrenze il doppio trasbordo per la gran parte dei casi ha effetti negativi sull utente, aumentandone i tempi di percorrenza. Si parla di aree di interscambio attrezzate, per la gran parte oggi inesistenti oppure, come nel caso dei parcheggi di Via Morletta e Via Alvaro nel territorio di Verdellino facenti capo alla Stazione di Verdello, non ancora capaci di sopportare i flussi di traffico previsti dal piano, se non al completamento della seconda fase dell accordo di programma R.F.I. - Regione - Provincia e comuni dell asse ferroviario Bergamo - Treviglio. Rendere attrattive e accessibili le fermate e le aree di interscambio è un azione che deve essere sinergica alla promozione e all introduzione di autobus accessibili secondo gli standard qualitativi europei. Il rinnovo del parco veicolare con mezzi accessibili ai disabili rischia di rimanere un semplice assolvimento di un obbligo normativo, sé non è accompagnato contemporaneamente da un programma di adeguamento delle fermate che devono essere attrezzate in maniera tale da eliminare le barriere architettoniche e consentire l accesso facilitato ai mezzi. L area di Zingonia rappresenta uno dei principale polmoni produt tivi della Provincia di Bergamo, con un tasso di crescita della popolazione sensibilmente superiore alla media provinciale, in quanto tale non sembra suscitare alcun interesse per quanto riguarda i servizi minimi che possono essere garantiti da un pubblico servizio. L area di Zingonia, infatti non è interessata da nessuna linea di forza di collegamento con il Capoluogo, ed è servita solo da microreti, di fatto sono penalizzati i collegamenti con Bergamo. Per alcuni paesi il problema è analogo rispetto i collegamenti con Treviglio. Per consentire di avere un quadro più dettagliato dell area di Zingonia, si sottolinea l importante arteria di collegamento CORSO EUROPA, pur di rilevanza comunale ma di alta densità di traffico di scorrimento e collegamento con la bassa pianura bergamasca - cremasca e l autostrada per Milano. Oggi si può e si deve ritenere Zingonia come una vera e propria area urbana, favorita per altro da calibri stradali importanti e in connessione con i collegamenti autostradali e ferroviari, rispetto ai quali Zingonia assume una posizione baricentrica e come tale, sia servita da un servizio di trasporto pubblico di tipo urbano. Promuovere l uso del treno è obiettivo condivisibile ( in quanto sollecita l uso di un mezzo di trasporto a minore impatto ambientale, a parità di tempo di percorrenza) a patto che il servizio di trasporto pubblico venga al più presto integrato dal sistema ferroviario metropolitano. Sarebbe auspicabile che il sistema della mobilità di tutta l area di Zingonia debba gravitare sull asta ferroviaria, in una prospettiva di rete metropolitana e non solo, piuttosto che sulla già congestionata rete stradale. nell attesa della realizzazione di un sistema ferroviario metropolitano integrato con il sistema di trasporto su gomma, si può pensare di potenziare i collegamenti attuali tra tutta l area urbana di Zingonia e la Stazione di Verdello - Dalmine. La strada provinciale Osio Sotto - Verdello ( SP148 ) appare, infatti inadeguata a sopportare una elevata frequenza di autobus vista la commistione già attualmente problematica tra i veicoli, cicli e motocicli che eccessivamente caricata potrebbe rivelarsi pericolosa, dato il calibro della provinciale stessa. A questo proposito è auspicabile la programmazione, con la collaborazione e l impegno delle amministrazioni interessate di una rete di collegamenti ciclabili tra i centri urbani dell area e le stazioni ferroviarie attuali e previste dal futuro sistema ferroviario metropolitano.

18 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROMOSSO DA AGENDA 21 ISOLA BERGAMASCA E GRUPPO VERDE SPERIMENTARE LA FASE DI ELABORAZIONE DELLE PROPOSTE A CURA DI GLORIA GELMI - MARCO CASTELLI LILIANA DONATO MARCO ARRIGONI MARIAGRAZIA MOSCHETTI MADDALENA VERDINA GIAN PIETRO VISCONTI ANDREA VALSECCHI ROSA PEDRINI

19 DATI AZIENDA ANALIZZATA 800 dipendenti circa 6 sedi principali in area urbana (con circa 500 dipendenti) 40% circa di risposte al questionario (n. 183 nelle sedi cittadine) PROVINCIA DI BERGAMO

20 NR UTENTI MEZZO DI TRASPORTO UTILIZZATO CARATTERISTICHE DELLO SPOSTAMENTO DISTANZA (Km) 18,4% 0,5% 12,9% < ,9% ,4% ,9% >20.1 No risp. TEMPI DI PERCORRENZA (minuti) Auto conducente Auto con passeggeri Auto come passeggero Moto Autobus urbano Autobus extraurbano Treno MEZZO TRASPORTO Bici Piedi No risp. BEL TEMPO ANDATA BEL TEMPO RITORNO BRUTTO TEMPO ANDATA BRUTTO TEMPO RITORNO 8,0% 22,4% 10,9% 0,5% < 5 1,5% 10,0% 12,4% 20,9% 13,4% >61 No risp.

21 Fase di progetto: Piano Spostamenti Casa Lavoro (PSCL) Azioni possibili correlate alle esigenze emerse dall indagine Individuazione dei problemi e delle risorse/opportunità AZIONI A BREVE TERMINE Sensibilizzazione e informazione (newsletter informatica) Incentivo all uso del trasporto pubblico: Contributo per abbonamento annuale Ticket mobilità concertazione con gestori dei servizi pubblici per migliorare l informazione all utenza e compartecipare alle iniziative di agevolazione tariffaria Promozione del car-pooling PROBLEMI Coinvolgimento dei lavoratori Finanziamento delle iniziative Gestione delle richieste Vendita dei biglietti Formazione degli equipaggi OPPORTUNITA Uso della rete intranet Per le aziende di trasporto aumento dell utenza Per l azienda maggior regolarità e soddisfazione dei dipendenti Socializzazione AZIONI A MEDIO LUNGO TERMINE Mobilità ciclabile (confronto con altri enti per aumentare l offerta di piste ciclabili e iniziative di supporto) Convenzione veicoli a basso impatto ambientale Sperimentazione del telelavoro Incerterzza degli esiti Gestione del processo Ridefinizione della struttura aziendale Capacità di pianificazione Adesione ai progetti nazionali Uso della rete, riduzione della mobilità

22 AZIONI DISCUSSE NEL GRUPPO E INSERITE NELLA PROPOSTA COME SCENARI DI PROSPETTIVA O NON INSERITE Navetta in collaborazione con aziende limitrofe Servizio di asilo-nido per i figli dei dipendenti Iniziative di sostegno alla mobilità ciclabile: Acquisizione e gestione di una flotta aziendale (anche bici elettriche) Individuazione di uno spazio per manutenzione e noleggio Iniziative e incentivi all uso delle due ruote PROBLEMI Cattura della domanda Scelta della sede Scelta della sede - OPPORTUNITA Ripartizione dei costi di gestione Gestione completa a carico di un riparatore Convenzioni tra ente e grande distribuzione per spesa a domicilio Uso della rete sul posto di lavoro Notevoli risparmi di tempo Parcheggi aziendali gratuiti per car pooling; a pagamento per chi viene in auto da solo Consenso, controllo degli equipaggi Introiti da finalizzare a iniziative del MM

23 PRIMO CORSO DI MOBILITY MANAGEMENT PROPOSTA DEL TEMA FINALE

24 PROPOSTE DI TEMI PER IL Mobility Manager di Area territorio di azione : AREA PRODUTTIVA DI Area di intervento : MOBILITA SOSTENIBILE Piano di progetto: AZIONI DI OTTIMIZZAZIONE DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Area di attenzione: VALORIZZARE E QUALIFICARE L USO DELLE RISORSE ESISTENTI TEMA Definire piano di lavoro del Mobility manager di area ipotizzando le azioni prioritarie e la loro fattibilità da implementare sul territorio in un arco temporale per organizzare una prima struttura del Piano Spostamenti Casa Lavoro Si invitano i candidati ad integrare le propose di PSCL anche con indicazioni operative maggiormente rivolte alla generalità del territorio e delle politiche finalizzate alla mobilità sostenibile (adeguamento parco auto, pianificazione, infrastrutture e strutture per la mobilità debole ecc.) per garantire maggior efficacia e visibilità complessiva dell azione

25 I candidati potranno scegliere se e come approfondire ipotesi gradite dalle pubbliche amministrazioni o in fase di definizione da parte di altri soggetti così come esposto nel corso per definire la propria proposta di Piano Spostamenti Casa Lavoro. A tal proposito se ne richiamano alcune : 1 - Accessibilità delle nuove fermate/stazioni ferroviarie Bg Treviglio dall area produttiva attraverso forme di intermodalità con sistemi di : ciclabilità; rete locale di trasporto pubblico; auto condivisa. 2 Organizzazione di una/ più linee di trasporto pubblico con mezzi a basso impatto di servizio dedicato alla zona produttiva di Zingonia ma anche con possibili estensioni a poli attratori esterni 3 Ottimizzazione del servizio ferroviario attraverso una revisone del sistema degli orari per ottimizzare gli spostamenti dei lavoratori e delle merci nelle relazioni metropolitane nella tratta Bergamo - Treviglio, ma anche le medie-lunghe percorrenze verso Milano e verso Brescia.

26 E valutata positivamente la definizione di un quadro economico di massima per l attuazione del PSCL così come la definizione di un piano complessivo di comunicazione I candidati dovranno consegnare le proprie proposte su supporto informatico (foglio word o power point orizzontale) entro il giorno 30 aprile 2004 alla segreteria del comune di Levate Le proposte saranno valutate da apposita commissione mista entro il 30 maggio 2004

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali IL MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY

ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY ANALISI PSCL EXECUTIVE SUMMARY Sedi di C.so Marche, Caselle Nord, Caselle Sud Torino, Dicembre 2008 MVRS_ALENIA_174_08 AGENDA OBIETTIVI AZIONI QUESTIONARIO PSCL ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI: QUADRO GENERALE

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA

LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA LA MOBILITA SOSTENIBILE A ROMA TRE ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT NELL UNIVERSITA DECRETO 27 MARZO 1998 A seguito dell emanazione del Decreto 27 marzo 1998 del Ministero dell Ambiente, l Università

Dettagli

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS VII FORUM DEI MOBILITY MANAGER DELLA PROVINCIA DI BERGAMO LE BUONE PRATICHE: ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS DECALOGO AMBIENTALE: MOBILITA 2 Agrate Brianza site 3 Agrate

Dettagli

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012.

Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Piano Spostamenti Casa Lavoro Sede Cgil Rimini Dicembre 2012. Indice: 1. Premessa 1.1 Contesto normativo 2. Il questionario di indagine 3. I risultati dell indagine 4. Analisi e proposte relative all accessibilità

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina

management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina Mobility management: una soluzione per la mobilità sostenibile dell Area varesina I progetti Vainbici e Circoloinbici in attuazione di Agenda 21 e del Piano Territoriale degli Orari del Comune di Varese

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini

Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21. Paola Poggipollini Ferrara 6 aprile 2004 Forum plenario Agenda21 Paola Poggipollini Settimana europea della mobilità dal 16 al 22 settembre a Ferrara Martedì 16 settembre 2004 Forum la mobilità delle persone disabili Mercoledì

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile

6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile 6.6 Asse 5 - Promozione della mobilità sostenibile Il documento preliminare del Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) 2010-2020, approvato con delibera di Giunta regionale 23 novembre 2009, n.

Dettagli

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013 Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Delle società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2013 redatto da: Società Mobility Manager Firma RFI Trenitalia Margherita Rosa Ernesto Gringeri Torino,

Dettagli

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera

Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità Presentazione dell intervento Mobility Management Zona Fiera Fabio Formentin Mobility Manager Regione Emilia-Romagna Settimana

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile

Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile Workshop ManagEnergy Modelli Pilota per l attuazione dei Piani d Azione per l Energia Sostenibile La promozione della Mobilità Sostenibile Simone Antinucci Roma, 8 luglio 2011 Roma, 7-8 Luglio Workshop:

Dettagli

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010

La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese. 27 ottobre 2010 La mobilità negli strumenti di programmazione del territorio genovese 27 ottobre 2010 Il contesto Definizione della linea verde e della linea blu Adesione, da parte del Comune di Genova, nel febbraio del

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

ACCORDO QUADRO TERRITORIALE per incentivare l uso del trasporto pubblico

ACCORDO QUADRO TERRITORIALE per incentivare l uso del trasporto pubblico arch.paola Stolfa Progetto mobilità Osservatorio Tempi della città ACCORDO QUADRO TERRITORIALE per incentivare l uso del trasporto pubblico Pesaro - Sala Consiglio Comunale - 27 settembre 2007 OSSERVATORIO

Dettagli

I Piani spostamento casa lavoro/scuola

I Piani spostamento casa lavoro/scuola La mobilità sostenibile ha fatto strada I Piani spostamento casa lavoro/scuola - Percorsi europei per la mobilità sostenibile Lucia Torino 25 Gola 26 febbraio Mobility 2009 Manager d Area del Comune di

Dettagli

7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE

7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE 7 FORUM AGENDA 21 LAGHI Barza-Ispra 29.11.2008 Verbale del tavolo di lavoro su: Mobilità sostenibile A - SINTESI INTERVENTI AL GRUPPO DI LAVORO MOBILITA SOSTENIBILE Vecchi esempio di Mercallo, che sta

Dettagli

NUOVO POLO OSPEDALIERO DI CONA (FE)

NUOVO POLO OSPEDALIERO DI CONA (FE) Cleaner and better transport in cities NUOVO POLO OSPEDALIERO DI CONA (FE) PROPOSTE DI TRASPORTO COLLETTIVO ATTRAVERSO IL CONTRIBUTO DEI FOCUS GROUP (Settembre 2011) Il complesso degli SPOSTAMENTI a carattere

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori

Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori. Mobility Team Mirafiori Sintesi del Piano spostamenti casalavoro comprensorio di Mirafiori Mobility Team Mirafiori 20 Novembre, 2010 Sostenibilità La mobilità sostenibile rappresenta un area ad elevato interesse per l Azienda

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

FUTURO IN MOVIMENTO integrazioni e innovazioni nel tpl regionale. Convegno Regione Marche

FUTURO IN MOVIMENTO integrazioni e innovazioni nel tpl regionale. Convegno Regione Marche arch.paola Stolfa Progetto mobilità Osservatorio Tempi della città FUTURO IN MOVIMENTO integrazioni e innovazioni nel tpl regionale Convegno Regione Marche Ancona, Ridotto Teatro delle Muse - 17 novembre

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA

Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA Piano degli spostamenti casa-lavoro dipendenti Maserati SpA NORMATIVA DI RIFERIMENTO La funzione di Mobility Manager istituita dal Decreto del Ministero dell Ambiente del 27 marzo 1998 sulla mobilità sostenibile

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Comune di Pesaro. Mobility manager

Comune di Pesaro. Mobility manager arch.paola Stolfa Comune di Pesaro Progetto mobilità Osservatorio Tempi della città OSSERVATORIO MOBILITA e TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico coordinato dal mobility manager del Comune di Pesaro, che sta

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Del. elle le società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2014

Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Del. elle le società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2014 Piano degli Spostamenti Casa Lavoro Del elle le società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane TORINO Anno 2014 redatto da: Società Mobility Manager Firma RFI Trenitalia Margherita Rosa Ernesto Gringeri

Dettagli

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE Tutela Aziendale ARSI - Mobility Management PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE Sedi di Torino INDICE SEZ. DESCRIZIONE PAG. 1 INTRODUZIONE 3 7 2 ACCESSIBILITÀ 8 18 3 ANALISI QUESTIONARIO 19

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015

Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti. 24 Settembre 2015 Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 Steer Davies Gleave Mobilità sostenibile: quali vantaggi per le aziende e i dipendenti 24 Settembre 2015 2 Aree di attività

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE

PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE Tutela Aziendale ARSI - Mobility Management PIANO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO DI POSTE ITALIANE Sedi di Torino INDICE SEZ. DESCRIZIONE PAG. 1 INTRODUZIONE 3 6 2 ACCESSIBILITÀ 7 17 3 ANALISI QUESTIONARIO 18

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto.

Il car pooling. Il car pooling consiste nell'utilizzare una sola autovettura, con più persone a bordo, per compiere un medesimo tragitto. Studio di fattibilità di un sistema di car-pooling per le aziende della Valsassina Federico Lia Consorzio Poliedra Politecnico di Milano Barzio 25 Maggio 2011 Il car pooling Il car pooling consiste nell'utilizzare

Dettagli

STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998

STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998 STMicroelectronics s.r.l. Registrazioni EMAS-Anno 1998 I # 000003 I #000002 AGRATE CORNAREDO I # 000001 CATANIA 1 Il nostro decalogo ambientale Accordi di Kyoto Leggi Nazionali Limiti e regolamenti locali

Dettagli

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI. 26 settembre 2011 INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO PRELIMINARE PER L AVVIO DELLE CONFERENZE PROVINCIALI 26 settembre 2011 1 Stima dell impatto tecnico economico della manovra di 160 milioni di risorse regionali Il processo Lo

Dettagli

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Mobility Management è un approccio ai problemi della mobilità; non si occupa della modifica della rete stradale

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015

NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015 COMUNE DI PISTOIA NUOVO PUMS DI PISTOIA INCONTRI CON PORTATORI DI INTERESSE 18.12.2015 arch JACOPO OGNIBENE TPS Transport Planning Service Obiettivi e Strategie LINEE GUIDA EUROPEE AI PUMS Mobilità attuale

Dettagli

Migliore mobilità, meno traffico

Migliore mobilità, meno traffico Aalborg Commitment 6 Riconosciamo l interdipendenza di trasporti, salute e ambiente e ci impegniamo a promuovere scelte di mobilità sostenibili. Lavoreremo quindi per: ridurre la necessità del trasporto

Dettagli

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS

LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS LE BUONE PRATICHE. ESPERIENZE DI MOBILITY MANAGEMENT DI AZIENDA. STMICROELECTRONICS Liceo delle Scienze Applicate AGNESI - Merate Agrate Brianza, 27 aprile 2015 Il decalogo ambientale 2 Agrate Brianza

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

newsletter n 1 Boltiere, Bonate Sotto, Bottanuco, Calusco d Adda, Carvico, Comun Nuovo, Dalmine, Filago,

newsletter n 1 Boltiere, Bonate Sotto, Bottanuco, Calusco d Adda, Carvico, Comun Nuovo, Dalmine, Filago, newsletter n 1 2015 L Associazione dei comuni di Agenda21 Isola bergamasca Dalmine e Zingonia è composta da: Boltiere, Bonate Sotto, Bottanuco, Calusco d Adda, Carvico, Comun Nuovo, Dalmine, Filago, Lallio,

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005

Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi. Incontro plenario 14 giugno 2005 Sintesi risultati tavoli tematici e prossimi passi Incontro plenario 14 giugno 2005 Il percorso partecipativo di questo secondo ciclo del Forum di Agenda 21 locale è stato articolato in tre differenti

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L esposizione universale che si realizzerà a Milano

Dettagli

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di di mobilità urbana: un inquadramento Carlo Carminucci ISFORT Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti Lo scopo

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione

COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione COMUNE DI PRATO Assessorato alla Mobilità ed Innovazione Gruppo di lavoro per lo sviluppo del sistema tranviario: Coordinamento: ing. LORENZO FRASCONI Consulenza progettazione rete: Dipl. Ing. THOMAS RUFF

Dettagli

Pianificazione della ciclabilità

Pianificazione della ciclabilità Pianificazione della ciclabilità Planning of cycling Enrico Goberti Provincia di Ferrara 22 ottobre 2010 PREMESSA PISTE CICLABILI: Sono strade definite e normate dal Codice della Strada (Ministero dei

Dettagli

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D.

Il progetto LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. Il progetto I.MO.S.M.I.D. LAYMAN S REPORT PROGETTO COFINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA LIFE09 ENV/IT/000063 I.MO.S.M.I.D. INDICE 1. Il progetto I.MO.S.M.I.D. 3 2. Un nuovo modello di governance della mobilità

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ DELL'EST MILANESE Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1. Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali MOBILITY MANAGEMENT: ESEMPI VIRTUOSI ITALIANI 1 Sabrina Spaghi Collaboratrice Università di Pavia, Dipartimento di Scienze Politiche

Dettagli

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna

Il nuovo progetto. per la. mobilità sostenibile in Emilia-Romagna Il nuovo progetto per la mobilità sostenibile in Emilia-Romagna UNA REGIONE ATTENTA ALL AMBIENTE E ALLA MOBILITÀ SOSTENIBILE Per collocazione naturale l Emilia-Romagna sconta un alto tasso d inquinamento

Dettagli