Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union. 5 febbraio 2015"

Transcript

1 Risk governance and risk-based internal control evaluation in international banks after the banking union 5 febbraio 2015

2 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati 2

3 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati 3

4 Il percorso di ricerca di SDA Bocconi 2012/2013 Prima Survey su «Internal Governance» 24 banche italiane di diverse dimensioni e 6 banche estere operanti in Italia 2014/2015 Seconda Survey su «Risk governance and riskbased internal control evaluation in international banks after the banking union» Focus su banche italiane coinvolte nel Comprehensive Assessment Comprende due nuove aree: IT Governance e Internal Control Assessment Process Sviluppo in corso su banche estere 4

5 I temi di discussione e le aree di indagine Corporate governance Internal Control System Structure IT Governance Internal Control Assessment Process

6 I temi di discussione e le aree di indagine Struttura e composizione degli organi aziendali Diversity CCO e CRO in CdA Coinvolgimento del CdA nella strategia, risk management, compliance e controlli Macrostruttura del SCI CRO vs. CCO Controlli di linea Organico FAC Piani di sviluppo passati e futuri Coordinamento e integrazione Interdipendenza FAC con funzioni di business Ruolo e impatto sul business del CRO e CCO Strategia e pianificazione Trend tecnologici Performance IS Governance IT rischio e sicurezza Disponibilità Problemi legali Compliance Data governance Funzione responsabile Best practice (COSO/COBIT, etc.) Reporting Strumenti Collegamento con Risk Appetite Framework Periodicità della valutazione

7 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati 7

8 Le banche italiane nel campione Banche Italiane Banca Carige Banca Monte dei Paschi di Siena Banca Popolare dell Emilia Romagna Banca Popolare di Milano Banca Popolare di Vicenza Banco Popolare Barclays Bank Credito Emiliano Credito Valtellinese Intesa Sanpaolo Veneto Banca UBI Banca Unicredit 8

9 Agenda Le motivazioni e il perimetro di indagine Il campione I principali risultati 9

10 Area 1 Corporate governance 10

11 Corporate governance Verso un ruolo più incisivo degli organi aziendali Indicazioni puntuali in materia di composizione quali-quantitativa, indipendenza, diversity, competenze e attivismo del CdA a presidio della sana e prudente gestione Nuovi compiti in capo agli organi in materia di risk policy e controlli interni Organizzazione interna degli organi, comitati e flussi informativi Peso crescente e strategico delle funzioni di controllo nell ambito dei processi di governance Importanza dei Comitati come strumento di supporto alla presa di consapevolezza del CdA sui temi più delicati dal punto di vista normativo e di presidio dei conflitti di interesse. Comitato Nomine preposto alla valutazione della composizione ottimale del CdA e al coordinamento del processo di autovalutazione. 11

12 Dimensioni e composizione CdA Dimensioni Le banche del campione hanno in media 17 consiglieri Escludendo le 3 che adottano il modello dualistico, per le quali la media dei consiglieri di sorveglianza è pari a 21, le altre hanno una dimensione media del consiglio di 15,7 membri. Indipendenza Il 62,3% dei componenti del board è considerato indipendente: 90,39% in media con modello dualistico; 100% in un caso 53,64% in media con modello tradizionale. 12

13 Dimensioni e composizione CdA Diversity di genere La presenza di consigliere donne è pari in media al 21,6% del totale La media sale al 23,9% per le banche quotate, contro il 10% delle non quotate In media l 81,37% delle donne è indipendente. In 5 casi, lo è il 100%. In un caso, relativo a una banca non quotata, lo è 1 su 2. Diversity di nazionalità 4 banche hanno in Consiglio consiglieri di nazionalità estera: 6 in Unicredit, 3 in Banca Carige, 1 in Banca MPS e in Intesa Sanpaolo. 13

14 Le funzioni di controllo nei processi di governance In un solo caso, il Chief Risk Officer (CRO) è membro del CdA (Consiglio di Gestione). In un altro caso, lo è il Chief Compliance Officer (CCO). Il numero di consiglieri, diversi dall AD, con esperienza in risk management/compliance/internal audit, è stato indicato da 7 banche. In un caso, sarebbero 18 su 19 (95%), in due casi 9 su 12 (75%), negli altri casi dal 5 al 44%. 14

15 L informativa al CdA in materia di controlli L informativa al CdA e al Comitato Controlli e/o Rischi è frequente e regolare, in genere mensile o trimestrale Gli adempimenti normativi condizionano in modo determinante l agenda degli organi aziendali: un opportunità per rivedere il processo di comunicazione? 15

16 Area 2 Struttura del sistema dei controlli interni 16

17 Struttura del sistema dei controlli interni Sfide poste dalla nuova regolamentazione Indipendenza massima e specializzazione delle funzioni Sviluppo sistemi di controllo su rischio informatico, outsourcing, continuità operativa, etica Coordinamento efficace delle attività di controllo e ricerca di massima efficacia/efficienza Ruolo strategico del risk management con focus sul RAF Cultura del controllo e del rischio sempre più diffusa e pervasiva Integrazione crescente tra attività di controllo e processi gestionali Processi di gestione dei rischi integrati e estesi a tutti i rischi 17

18 L articolazione dei controlli di gruppo Nelle due banche maggiori, tutte le FAC hanno oltre 100 FTE. Le altre si dividono in due gruppi, con una certa coerenza rispetto alle dimensioni complessive Un primo gruppo vede funzioni di audit e di risk management molto sviluppate, con almeno 50 addetti. Nelle altre (7 banche) solo la funzione di audit ha oltre 51 addetti (escluso il caso della banca estera), mentre le altre hanno meno di 50 o addirittura di 25 FTE. In quasi tutte le banche le funzioni sono accentrate in capogruppo. E esclusa una delle banche maggiori e una delle altre grandi, in cui lo è solo la funzione di risk management. N ume ro b a nche p e r FT E d i Grup p o d e d ica te a FA C < >100 Internal Audit Risk Management Compliance Antiricilaggio* * in 1 caso non indicate perché ricomprese nella Funzione Compliance 18

19 L articolazione dei controlli di gruppo Mentre la funzione di Internal Audit riporta nella quasi totalità dei casi direttamente al CdA, le FAC di secondo livello (e in particolare il Risk Management) sono in maggioranza alle dipendenze del CEO (anche nelle banche con dualistico). In 3 casi, anche la Compliance e l AML sono coordinati dal CRO o da un Capo Servizio Rischi. 19

20 Controlli di linea La pervasività dei compiti di controllo e il focus crescente sui controlli di linea sono testimoniati dalla presenza di unità specializzate nelle divisioni di business e dalla crescente automazione di tali controlli, in un ottica di efficienza e flessibilità rispetto alle esigenze del business. In una minoranza di casi (25%) tali unità riportano gerarchicamente alla FAC di gruppo. 20

21 Crescita dell organico e degli investimenti dedicati ai controlli Si conferma la crescita dell organico delle funzioni di controllo. Prosegue altresì lo sforzo di automazione e di formazione, con particolare enfasi sui profili di compliance. Opportunità di raccordo con il RAF per la calibrazione degli investimenti interni in skill e risorse? Va ria zio ne <10 FT E FT E FT E FT E FT E >51 FT E R isk Ma na g e me nt Co mp lia nce Antiricic la gg io Inte rnal Aud it

22 Coordinamento tra funzioni di controllo Il coordinamento dei controlli deve essere formalizzato in un apposito documento approvato dal CdA. Esso è peraltro testimoniato dalla crescente frequenza di incontri e riunioni tra Organi e Funzioni. 22

23 Area 2 Struttura del sistema dei controlli interni FOCUS: COMPLIANCE 23

24 Funzione compliance Post Circolare n. 263 luglio 2013 Nella fotografia a fine 2014, post recepimento dell aggiornamento della Circolare BI n. 263, il disegno della struttura dei controlli interni nel suo complesso è più nitido rispetto a quello rilevato nella precedente ricerca. In questo ambito la Funzione Compliance acquisisce maggiore autonomia e indipendenza; permangono alcuni limitati casi di ambiguità. 24

25 Funzione compliance L interdipendenza tra la funzione Compliance e le altre funzioni aziendali è un aspetto critico ed appare ancora contenuta. La maggiore interazione è evidenziata nell ambito del sistema dei controlli interni (CdA, Internal Audit, Risk Management). Sembra essere ancora limitata l interazione della Funzione Compliance con le altre funzioni manageriali: in particolare è mediamente percepita inferiore a 6,0 l interdipendenza con la Funzione Legale, con la Direzione Commerciale, con i Sistemi informativi. Il valore minimo pari a 4,0 è rilevato con la Funzione Personale. Dal momento che le banche sono imprese di servizi e il Personale rientra tra le componenti essenziali del servizio erogato alla clientela, questo è un segnale cui porre attenzione e da incrociare con altri. 25

26 Il raccordo tra la cultura della compliance e il sistema dei valori in banca La larga maggioranza delle banche appartenenti al campione dichiara che la Cultura della Compliance è stata raccordata con il sistema dei valori attraverso l implementazione dei meccanismi operativi e dei processi organizzativi, pur con alcune differenze. Vi è qualche meccanismo o processo che pone in relazione la Cultura della Compliance con il Sistema dei Valori della Banca? 25% Si No 75% 26

27 Coinvolgimento della Compliance nei processi di HR e di Budget Nello specifico, il coinvolgimento della Funzione Compliance è indicato come rilevante nel disegno del sistema di incentivi (7,42), è ancora limitato nel sistema di remunerazione (6,08) e non del tutto soddisfacente nel processo di budget della banca (5,25), nonostante le responsabilità «regolamentari». Coinvolgimento della Compliance nelle materie di HR e nel Processo di Budget (0-min; 10-max) Coinvolgimento nel Processo di Budget 5,25 Coinvolgimento nel Sistema di Remunerazione 6,08 Coinvolgimento nel Sistema degli Incentivi 7,42 0,00 1,00 2,00 3,00 4,00 5,00 6,00 7,00 8,00 27

28 Area 2 Struttura del sistema dei controlli interni FOCUS: RISK MANAGEMENT 28

29 Risk management Post Circolare n. 263 luglio 2013 Ruolo strategico, per autorevolezza, collocazione organizzativa, poteri di intervento Le Disposizioni di Vigilanza prevedono esplicitamente che alla funzione di governo dei rischi sia attribuita elevata indipendenza, che si concretizzerebbe anche evitando di coinvolgere il CRO in decisioni che comportino l assunzione dei rischi che dovrebbe contribuire a misurare. I temi aperti: In quali processi è maggiormente coinvolto il CRO? Come riesce a condizionare il processo di diffusione della cultura del rischio nell organizzazione degli intermediari? Al CRO si attribuiscono responsabilità di assunzione del rischio? 29

30 Il coinvolgimento del CRO nelle scelte aziendali L analisi mostra come la scelta più rilevante che vede il CRO coinvolto con la massima intensità è quella della definizione e misurazione del risk appetite e risk tolerance, più in generale nelle decisioni che vengono sintetizzate nel RAF. Tutte le aziende del campione si concentrano nelle classi di rilevanza superiori (tra 8 e 10), con il 55% che attribuisce un punteggio massimo a questo ruolo. Rispetto al passato, si nota un maggiore equilibrio nell intervento del CRO sul rischio di credito e sul rischio di mercato. 30

31 Coinvolgimento del CRO nel processo di diffusione della cultura del rischio Con riferimento alla capacità di condizionare il processo di diffusione della cultura del rischio tra le funzioni e gli organi di governo, il CRO/Risk Management appare rilevante per tutto il Top management e il Board, mentre risulta coinvolto con minore intensità nell ambito creditizio e soprattutto della finanza. Va sottolineata una rilevante variabilità dei risultati che mostra l assenza di modelli dominanti. 31

32 Interdipendenza tra risk management e altre funzioni L interdipendenza tra Risk Management e altre Funzioni e Organi aziendali appare ancora da migliorare, in particolare rispetto alla Direzione del Personale. Cresce invece, rispetto al 2012, quella con i Sistemi Informativi. 32

33 CRO, Compliance e assunzione di rischio Nella quasi totalità dei casi il CRO/Risk Manager o la Compliance, pur partecipando ai Comitati, non hanno potere di veto. La loro presenza è peraltro diffusa anche nei Comitati Finanza e Comitati Crediti così come altri comitati rilevanti ai fini del governo del rischio e dei temi di conformità, ma sempre solo con funzioni consultive (salvo in un caso). CRO/Risk Management nei Comitati Co mita to Pre se nza Po te re d i ve to Comitato Controlli 90,91% 11,11% Comitato Rischi (se differente) 85,71% 16,67% Comitato Nuovi Prodotti 81,82% 10,00% Co mp lia nc e ne i Co mita ti Co mita to Pre se nza Po te re d i ve to Comitato Controlli 80,00% 10,00% Comitato Rischi (se differente) 85,71% 16,67% Comitato Nuovi Prodotti 81,82% 9,09% 33

34 Area 3 IT Governance 34

35 IT Governance Sfide poste dalla nuova regolamentazione Enfasi al tema dell IT Governance nella Circolare 263, Capitolo 8 Nuovi compiti in capo agli organi aziendali Migliore strutturazione e formalizzazione dei presidi di controllo su IT I temi aperti: Quale contributo può fornire la IT Governance al controllo e alla misurazione dei rischi? Quali logiche e strumenti sono stati adottati per gestire il governo dei Sistemi Informativi e i loro effetti sui rischi? Quali sono gli aspetti più critici di questo ambito? Quali sono le tendenze e le sfide? 35

36 Il contesto rilevato I piani di sviluppo dei sistemi informativi sono strutturati e oggetto di un processo formale di condivisione con il management, di monitoraggio e di aggiornamento (90% dei casi) Solo un terzo delle banche intervistate ha definito procedure per la diffusione dei principali trend tecnologici all interno dell organizzazione La performance dei sistemi informativi è monitorata strutturalmente con un set specifico di indicatori La gestione dei fornitori di servizi informatici è variegata, ma con una predominanza della delega data ai «tecnici» All interno del CdA non esistono tipicamente persone o comitati specificamente dedicati al tema dell Information Technology 36

37 Il contesto rilevato Solo nel 40% dei casi i CIO e le loro strutture sono direttamente responsabili della IT Governance, che è comunque affidata a ruoli di Top Management (es. COO, VD) Solo il 50% delle banche intervistate effettua regolarmente risk assessment globali (tutta la filiera) sull impiego dell ICT La data quality è un filone in progresso con soluzioni già applicate o in definizione nella totalità delle banche intervistate Tutte le banche, con diversa granularità in termini di approccio, hanno in essere controlli e processi per la mitigazione dei rischi ICT 37

38 Il contesto rilevato Il tema della continuità dei servizi ICT è molto ben identificato e condiviso e gestito (100%). Si rileva qualche criticità sulla coerenza tra continuità dei servizi e policy sui dati. Le implicazioni legali connesse all uso dei SI con particolare riguardo al tema della Privacy sono indirizzate con qualche problema di diffusione verso l organizzazione. La Data Governance è identificata come tema, ma i processi, l approccio metodologico e la strumentazione a supporto sono ancora da definire e affinare in molti contesti aziendali (circa 40%). 38

39 I punti fermi e l outlook Forte delega data alla funzione SI per gestire gli impatti dell ICT con un bilanciamento da parte di funzioni non-ict. Esiste la «dovuta diligenza», ma la parte del lavoro che resta da svolgere per migliorare la copertura dei rischi e, in ultima analisi, la coerenza tra ICT e fabbisogni del business è imponente. Manca attualmente un processo strutturato e integrato al processo decisionale. Il miglioramento su aree come la sicurezza e la qualità dei dati richiede uno sforzo esponenziale per progredire sulla maturity curve; una parte di questo sforzo va concentrato sul coinvolgimento delle funzioni di business. La Risk Governance richiede un aumento consistente dei dati da gestire e da analizzare anche mediante procedure automatiche previsionali. Le funzioni aziendali necessitano inoltre di prospetti di sintesi attendibili e con granularità coerenti con gli impieghi. La 263 prevede il coinvolgimento del CRO nella certificazione della qualità dei dati. L evoluzione del processo in ottica Data Governance e Data Quality è in corso presso molti istituti, in alcuni casi con soluzioni già applicate anche in ottica di convergenza CRO e CFO. 39

40 I punti fermi e l outlook I processi di ICT Risk e Governance degli Outsourcer dovranno essere industrializzati e integrati nelle valutazioni gestionali (es. definizione dei contratti verso clienti banca e verso gli outsourcer) e nei processi RAF. La performance dei sistemi informativi e la gestione dei fornitori ICT non sono sempre collegate ai processi IT e al Business per la necessaria valutazione degli impatti economici. In alcuni casi si sta comunque lavorando in questa direzione. Utilizzando gli stati suggeriti da COBIT 5 (0 incomplete, 1 performed, 2 managed, 3 established, 4 predictable, 5 optimizing) si può affermare che lo stato complessivo dell arte rilevato è intorno al 3-established. Il miglioramento verso 4 e auspicabilmente verso 5 non può essere ottenuto in forma incrementale sia sul fronte degli investimenti che su quello degli approcci, che probabilmente richiederanno una forte discontinuità con quanto fatto sino ad ora. 40

41 Area 4 Processo di valutazione dell adeguatezza dei controlli interni 41

42 Processo di valutazione dell adeguatezza dei controlli interni Sfide poste dalla nuova regolamentazione L organo con funzione di supervisione strategica assicura che il sistema dei controlli e l organizzazione aziendale rispettino i principi e i requisiti normativi, esprimendo annualmente una valutazione sul sistema. I temi aperti: Come avviene il processo di valutazione? Quale è la funzione responsabile? Quali strumenti la supportano? 42

43 La funzione responsabile «La funzione di revisione interna valuta la completezza, l adeguatezza, la funzionalità, l affidabilità delle altre componenti del sistema dei controlli interni, del processo di gestione dei rischi e degli altri processi aziendali, avendo riguardo anche alla capacità di individuare errori ed irregolarità.» Presidi della consistenza dei controlli interni: Qual è la funzione incaricata del processo di valutazione complessiva? Affidabilità Adeguatezza Completezza Funzionalità [VALORE] [VALORE] Internal Audit Comitato Controlli Amministratore Delegato Altro [VALORE] [VALORE] 43

44 Practices in materia di modelli Le esperienze analizzate si suddividono tra il ricorso ai modelli COSO/COBIT - ERM e ad altri modelli, tra i quali programmi interni di assicurazione e miglioramento della qualità (Corporate Quality Assurance Review) che riflettono standard internazionali. Il processo è risk-based. In sintesi, la Funzione di Audit è chiamata ad esprimersi su specifiche variabili connesse alla complessiva attività di audit svolta, avendo riguardo sia ad "aspetti generali" (organizzazione e struttura della Funzione ed impostazione metodologica), sia alla gestione dell'attività medesima (pianificazione, esecuzione, reporting, monitoraggio). 44

45 La comunicazione degli esiti Necessità di fornire l esito del processo di valutazione complessiva attraverso punteggi e formati di tipo quantitativo essendo tali modalità più «parlanti» per il CdA. L approccio che prevale nella valutazione complessiva degli esiti è risk-based. 45

46 Gli strumenti utilizzati Nel 58.3% dei casi, il processo è supportato da strumenti specifici tra i quali: Sistemi informativi (alcuni autoprodotti) che supportano l auditing per l'overview dei risultati e tengono traccia degli interventi condotti dalle singole funzioni di controllo, delle raccomandazioni e delle remediation per processi e per rischi Questionari di self risk assessment, reportistica periodica delle funzioni di controllo, key performance indicator Valutazione per ogni processo del rischio inerente in base alle risultanze delle attività di verifica e della valutazione delle altre funzioni di controllo Tools di supporto al CEO nella rappresentazione di tutti i risultati dei controlli portati avanti da ogni business unit Non emerge da questo punto di vista una Best Practice. 46

47 L integrazione con il RAF Nella maggior parte dei casi, l integrazione non è ancora completa Quando disponibile, il RAF è usato come benchmark per la valutazione del SCI. Raccordo del SCI con il «RISK APPETITE STATEMENT» per definire il RAF come misura dell intensità di calibrazione dello SCI: «approvazione delle linee di indirizzo del SCI verificando che esso sia coerente con gli indirizzi strategici e la propensione al rischio stabiliti, nonché sia in grado di cogliere l evoluzione dei rischi aziendali e l interazione tra gli stessi.» Possibile sviluppo nell uso del RAF come modello di integrazione e interrelazione delle funzioni di controllo 47

48 In sintesi La ricerca evidenzia un disegno più definito del sistema dei controlli e un impegno consistente delle banche per recepire le indicazioni normative. Le innovazioni nel sistema dei controlli paiono fortemente compliance-driven ed è importante che le singole banche riescano a valorizzare i nuovi processi e i risultati raggiunti. Emergono peraltro alcune aree di miglioramento: Meccanismi di governance e di coordinamento ancora da perfezionare (sviluppo competenze degli organi, definizione interazioni e responsabilità tra organi di supervisione, gestione e controllo, integrazione e relazione tra FAC e organi di governo) Qualità e efficacia delle relazioni tra FAC e altre funzioni aziendali (Business, Personale, ) Modelli di integrazione dei rischi e collegamenti tra business, controlli interni e Risk Appetite Framework Strumenti di sintesi e di analisi dei dati da potenziare per rafforzare la risk governance Pervasività e diffusione della cultura del rischio e del controllo quale driver fondamentale per la qualificazione delle scelte strategiche e per il governo degli equilibri gestionali 48

49 Il gruppo di lavoro SDA Bocconi School of Management Paola Schwizer Severino Meregalli Paola Musile Tanzi Giampaolo Gabbi In collaborazione con: Graziella Capellini, NIKE consulting Carolyn Dittmeier, Nedcommunity Ramona Diana Ghica, NIKE consulting Carlo Giaj Levra, NIKE consulting Marco Icardi, SAS Italy Renzo Traversini, SAS Italy Anselmo Marmonti, SAS Italy Walter Ballardin, SAS Italy Coordinamento: Paola Schwizer 49

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli

Analisi e gestione dei rischi. in TBS Group

Analisi e gestione dei rischi. in TBS Group 18 ottobre 2012 Analisi e gestione dei rischi in TBS Group Avv. Aldo Cappuccio (presidente del Comitato di Controllo Interno) 1 TBS Group S.p.A. TBS Group S.p.A. nasce e si sviluppa, agli inizi degli anni

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

attività indipendente obiettiva assurance consulenza miglioramento approccio professionale sistematico valore aggiunto

attività indipendente obiettiva assurance consulenza miglioramento approccio professionale sistematico valore aggiunto MASTER AMLP 1 DEFINIZIONE L Internal Auditing è un'attività indipendente ed obiettiva di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell'efficacia e dell efficienza dell'organizzazione. Assiste

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi

Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi Compliance Risk nell evoluzione dei servizi di investimento: natura, strumenti di controllo e aspetti organizzativi 2007 SDA Bocconi School of Management Copyright SDA Bocconi Premessa La Normativa di

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013

Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea. Aggiornato al 13/11/2013 Il Sistema dei Controlli nel Gruppo Bancario Iccrea Aggiornato al 13/11/2013 1 Il sistema dei controlli adottato da Iccrea Holding Le attività, i processi, l assetto organizzativo, la gestione del rischio,

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

L Enterprise Risk Management in Italia

L Enterprise Risk Management in Italia DISCUSSION PAPER L Enterprise Risk Management in Italia Risultati della survey condotta in collaborazione con l Osservatorio di Revisione della SDA Bocconi Seconda edizione Maggio 2012 kpmg.com/it 2 L

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Governance e Organizzazione una coerenza vincente. Susanna B. Stefani

Governance e Organizzazione una coerenza vincente. Susanna B. Stefani Governance e Organizzazione una coerenza vincente Susanna B. Stefani NUOVE FRONTIERE DELLA CORPORATE GOVERNANCE NYSE BOARD SUMMIT 2014 Richiesta di innalzare la trasparenza Maggior concentrazione del CdA

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA

INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA GIUSEPPE CERASOLI, CIA RESPONSABILE COMITATO PA INTERNAL AUDITING ROMA, 12 MAGGIO 2005 FORUM PA Fondato a New York nel 1941 Presente in 160 paesi, conta ora più di 110.000 membri Ha sede negli USA ma la sua Governance è Globale Globali sono pure il

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica

REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione. Modello operativo di verifica 14 ottobre 2013 REG. IVASS 39 Le politiche di remunerazione delle imprese di assicurazione Modello operativo di verifica MARCO CHIESA 1 GLI OBIETTIVI DEL MODELLO PREMESSA Negli ultimi anni i più eclatanti

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Riccardo Cesari (Università di Bologna e IVASS) Milano,SDA Bocconi, 10.7.2013 1 Crisi finanziaria e risk management

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV

Resoconto degli interventi. Sessione Plenaria IV Resoconto degli interventi Sessione Plenaria IV 1 Sessione plenaria IV La centralità delle risorse umane nella gestione del rischio di compliance 11 nov. 2011 ore 9.30 11.00 Chairman: Giancarlo Durante,

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB

Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Evoluzione del SCI e del processo di gestione dei rischi nel Gruppo BPB Antonio Zullo Chief Risk Officer Gruppo Banca Popolare di Bari 12 dicembre 2014 1 Il sistema dei controlli interni La nuova normativa

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento L evoluzione del contesto e le forze trainanti Le nuove professioni nel settore bancario Le sfide per il settore A caccia di talenti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel

Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Il sistema di governo dell ICT: ambiti di evoluzione del ruolo di COBIT in Enel Mario Casodi ICT Governance / epm Convegno Nazionale AIEA Pisa, 21 maggio 2009 INDICE Introduzione Gestione della mappa dei

Dettagli

Il ruolo dell Internal Auditing

Il ruolo dell Internal Auditing Il ruolo dell Internal Auditing Meccanismi di governance, evoluzione dei controlli interni e Position Paper AIIA Milano, 16 marzo 2006 Carolyn Dittmeier Presidente AIIA 1 Alcuni nuovi meccanismi di governance

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A.

Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A. Linea Guida Sistema di Controllo Interno e Gestione Rischi (SCIGR) Poste Italiane S.p.A. Introduzione Poste Italiane ha adottato un nuovo modello di business e organizzativo volto ad abilitare il conseguimento

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte

RISCHIO OPERATIVO. Gruppo di lavoro AIFIRM Rischio operativo: oggetto, sfide e stato dell'arte RISCHIO OPERATIVO Gruppo di lavoro AIFIRM "Rischio operativo": oggetto, sfide e stato dell'arte Davide Bazzarello Group Head Operational&Reputational Risk Unicredit Giampaolo Gabbi Università degli Studi

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE IL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 10 Febbraio 2012 Milano Auditorium ENEL - Via Carducci 13 Roma ENEL - Viale Regina Margherita 137 Indice Introduzione sulle modifiche apportate al

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Laura Crescentini Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale Roma, 29 marzo 2012 Il quadro di riferimento D. M. n. 703/1996

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Evento Filenet-CeTIF 25 marzo 2004 aula Pio XI Chiara Frigerio Federico Rajola, Università Cattolica di Milano www.cetif.it L agenda Il contesto bancario

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT ENTERPRISE RISK MANAGEMENT UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE STRATEGICA AZIENDALE 2 a edizione 20-22 MAGGIO 2015 www.mib.edu/erm ENTERPRISE RISK MANAGEMENT Rispondendo a un esigenza sempre più sentita

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II Paola Musile Tanzi Milano, 1 dicembre 2008 SIA-EAGLE Clients & Friends Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza

I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE. Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza I SISTEMI DI GESTIONE COME STRUMENTO MANAGERIALE PER LA COMPLIANCE AZIENDALE Massimo Tronci Università di Roma La Sapienza Confindustria - Bari, 30 settembre 2008 Questa presentazione Il contesto di riferimento

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

MANDATO INTERNAL AUDIT

MANDATO INTERNAL AUDIT INTERNAL AUDIT MANDATO INTERNAL AUDIT Il presente Mandato Internal Audit di Società, previo parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi in data 30 ottobre 2012 e sentito il Collegio Sindacale e l

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

Una modalità operativa per la Quality Assurance

Una modalità operativa per la Quality Assurance p w c Una modalità operativa per la Quality Assurance Milano, 28 Novembre 2006 *connectedthinking Massimiliano Pizzardi CIA - CCSA Indice Definizione del concetto di Quality Assurance dell attività di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani)

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) Obiettivo: Illustrare, anche con dibattito e casi concreti, gli strumenti, le regole

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli