Azienda Ospedaliera S. Salvatore Pesaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Ospedaliera S. Salvatore Pesaro"

Transcript

1 Azienda Ospedaliera S. Salvatore Pesaro CAPITOLATO DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SISTEMI SOFTWARE A SUPPORTO DEI PROCESSI CLINICO-SANITARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN SALVATORE DI PESARO. Base d asta: ,00, IVA esclusa

2 Parte I: DISPOSIZIONI TECNICHE 1. - PREMESSA Per l Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore la centralità del paziente e la continuità di cura costituiscono due obiettivi primari nel domino della sanità (vedesi Allegato 1 L Azienda e allegato 2 Carta dei servizi ). L'approccio moderno pone, infatti, il cittadino-utente al centro della struttura non più come passivo fruitore di un servizio pubblico, ma come 'cliente' di aziende modernamente organizzate. Dalla centralità del paziente nel processo di cura scaturisce l esigenza di progettare ed attuare un nuovo modello organizzativo di sanità nel nostro Paese, capace di catturare e governare le differenti dimensioni fisiche, psicologiche e sociali, oltreché cliniche, dei problemi presentati dal paziente. Nella ricerca di una risposta efficace (ed efficiente) al problema di garantire il diritto del cittadino alla continuità della cura, si va consolidando nel corso di questi ultimi anni una nuova cultura d integrazione dell ospedale con il territorio, ancora nelle prime fasi attuative, in grado di fornire risposte adeguate ai problemi clinicoassistenziali del paziente. Da un punto di vista organizzativo, questa nuova dimensione del problema si concretizza con l esigenza di progettare ed attuare percorsi clinico-assistenziali integrati: un insieme di piani assistenziali multidisciplinari e strutturati, basati su evidenze cliniche e scientifiche, che definiscono in dettaglio i passaggi essenziali della cura dei pazienti affetti da uno specifico problema clinico. Le prime difficoltà che s incontrano nella implementazione di un disegno così ambizioso per una sanità più moderna e vicina alle esigenze del paziente risiedono, senza dubbio, nel difetto di comunicazione tra i diversi attori coinvolti, a vario titolo, nel processo di cura: medici specialisti di varie discipline, personale infermieristico. Il Sistema Informativo Clinico (SIC), nella sua veste di strumento di supporto alla gestione del processo clinico, riveste un ruolo determinante nel sostegno e nella incentivazione della comunicazioni tra professionisti della salute, consentendo l acquisizione e la distribuzione tempestiva, capillare e finalizzata della documentazione clinica del paziente sia all interno dell ospedale, che tra diversi ospedali e tra il territorio e l ospedale. Attraverso la condivisione mirata dell informatizzazione raccolta dal SIC, è possibile seguire il percorso del Paziente Pagina 2 di 40

3 nelle fasi di presa in carico, preospedalizzazione, ricovero, intervento chirurgico, dimissione, follow-up. Nella sua concezione più moderna, il SIC, oltre a contenere le classiche notizie cliniche relative all anamnesi, all esame obiettivo, ecc., rende esplicite le clinical pathways della gran parte delle tipologie assistenziali trattate nelle strutture ospedaliere, secondo criteri di condivisione interdisciplinare ed interprofessionale, contribuendo a migliorare la gestione dei reparti di degenza, aumentando contestualmente i livelli di sicurezza. Un ulteriore determinate aspetto della gestione informatizzata del percorso clinico è quello di poter disporre delle liste di attesa secondo classi di priorità chiare e condivise. Attraverso l impiego di siffatte liste d attesa vengono costruiti i presupposti di una valutazione più laica della appropriatezza del ricovero (il paziente giusto, nel letto giusto, al momento giusto, ecc.). trasformando, di fatto, le liste di attesa in liste di programmazione, con garanzia di massima trasparenza dell intero processo. In conclusione, gli obiettivi raggiungibili attraverso l inserimento di un sistema informatizzato per la gestione del dato clinico, afferente dal processo di cura del paziente all interno della struttura sanitaria, possono essere così riassunti: Facilitare l introduzione delle linee guida. Facilitare audit di processo e revisioni di qualità. Migliorare la comunicazione multidisciplinare e la pianificazione dell assistenza, compresa l assistenza di base. Ridurre il rischio clinico. Raggiungere o superare gli standard di qualità esistenti. Ridurre la variabilità non giustificata. Identificare aree di ricerca e di sviluppo. Riduzione nella durata della permanenza in ospedale. Riduzione dei costi dell assistenza al paziente. Miglioramento dell outcome dei pazienti (migliore qualità della vita, ridotte complicanze). Aumento della soddisfazione del paziente rispetto al servizio. Migliore comunicazione tra medici ed infermieri. Migliore partecipazione dei pazienti o dei parenti nell assistenza. Riduzione del tempo trascorso dal personale nel compilare la documentazione. Pagina 3 di 40

4 2. - OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto ha l obiettivo di proseguire il processo di informatizzazione dell Azienda Ospedale San Salvatore di Pesaro, con particolare riferimento alle aree applicative cliniche attualmente non informatizzate (cfr. Figura 1) inerenti, primariamente, il percorso chirurgico e l'attività Libero Professionale (ALP intramoenia). Il progetto si estende inoltre alla informatizzazione di tutti gli ambulatori dell Azienda, con l obiettivo di gestire la produzione della ricetta unica nazionale, in conformità con quanto previsto dalla normativa vigente. A supporto dei processi di Clinical Governance dovrà infine essere fornito un sistema software, facente parte integrante del disegno progettuale, per consentire il completo monitoraggio dei singoli reparti e/o della intera struttura aziendale. Figura 1 Gli obiettivi principali di questo progetto sono i seguenti: 1. Realizzare un sistema informativo per il percorso Chirurgico sia SSN che ALP, quali la gestione delle Sale Operatorie, la gestione pre e post operatoria, il registro operatorio, la cartella anestesiologica (vedesi allegato n. 3 requisiti verbale operatorio, allegato n.4 tracciato sdo, allegato n.5 modello agenda ricoveri programmati ); 2. Realizzare un modulo di refertazione ambulatoriale, fruibile sia in regime SSN che nell ALP aziendale (vedesi allegato n.6 File C_tracciato specialistica 2008); 3. Implementare la produzione della ricetta unica nazionale, in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente (vedesi allegato n.6 File F_tracciato ) Gli obiettivi secondari e correlati di questo progetto sono i seguenti: 1. Implementare l integrazione dei prodotti in fornitura (prioritariamente mediante Middleware 1 già presente in Azienda) con i sistemi di anagrafe centrale, accettazione, 1 Middleware o integratore: rappresenta una scelta architetturale già avviata dall Azienda, che vede come strumento applicativo attualmente in produzione il software E*Gate Sun Microsystems (ex Seebeyond), sul quale sono attualmente implementate, seppur in modo non esaustivo, logiche di scambio messaggi HL7 di versione 2.1 e 2.5. Pagina 4 di 40

5 CUP e CASSA. 2. Realizzare l integrazione delle informazioni relative al blocco operatorio, alla gestione infermieristica dei turni e delle reperibilità e alle procedure di accettazione di reparto. Il progetto avrà un impatto diretto sull ALP per assicurarne il corretto esercizio, nel rispetto delle seguenti modalità: a. affidamento a personale aziendale del controllo dei volumi delle prestazioni; b. garanzia della riscossione degli onorari relativi alle prestazioni erogate; c. monitoraggio aziendale dei tempi di attesa delle prestazioni erogate d. prevenzione delle situazioni che determinano l'insorgenza di un conflitto di interessi o di forme di concorrenza sleale; e. progressivo allineamento dei tempi di erogazione delle prestazioni nell'ambito dell'attività istituzionale ai tempi medi di quelle rese in regime di libera professione intramuraria, al fine di assicurare che il ricorso a quest'ultima sia conseguenza di libera scelta del cittadino e non di carenza nell'organizzazione dei servizi resi nell'ambito dell'attività istituzionale. Quanto sopra in ottemperanza alla legge 120/07 e alle conseguenti Linee d indirizzo di cui alla D.G.R.M n 972 del 16 luglio 2008 e del Piano Aziendale adottato con Determina n. 483 dell 8 ottobre 2008, nel quale sono esplicitate le azioni che l Azienda intraprenderà in ottemperanza alle Linee Guida sopraccitate. In particolare l Azienda, in ottemperanza a quanto disposto dalla D.G.R.M n 972 del 16 luglio 2008, l Azienda ha deliberato, con provvedimento n 483 del 08/10/2008 (di cui si allega copia. Allegato n.8 al capitolato) il Piano Aziendale per il passaggio al regime ordinario dell attività libero professionale intramuraria MODULI APPLICATIVI ESISTENTI E DOTAZIONE PC Di seguito la mappatura dei moduli applicativi esistenti, dei relativi fornitori presenti presso l Azienda Ospedaliera e della dotazione di PC delle UU.OO. coinvolte: Descrizione applicazione Anagrafe Fornitore (Prodotto) ESEL (SACS) Pagina 5 di 40

6 CUP e Casse ADT Pronto Soccorso Gestione 118 Gestione Laboratorio di Analisi LIS Middleware di integrazione Gestione Radiologia RIS-PACS Gestione Anatomia Patologica Gestione Cartella Clinica Dialisi Cartella Clinica Cardiologia Cartella Clinica Malattie Infettive Gestione Emodinamica ESEL (SGP) ESEL (WinADT) ESEL (Firstaid) ESEL (118Net) Noema Life (DNLAB) Noema Life (E*Gate) Ge Medical system (Medora) Metafora Informatica (Armonia) La Traccia (Gepadial) 3A Sistemi TDA Speed Soluzioni Software Amministrativo ADS e DP (GP4 GE4, ecc. ) Mondo EDP (IrisWin) Elco sistemi Gestione Elimina code Ditta Teom Dipartimento DIPARTIMENTO MEDICO DIABETOLOGIA DERMATOLOGIA MAL. INFETTIV MEDICINA NEFROLOGIA NEUROLOGIA PNEUMOLOGIA tot. Numero PC (dati suscettibili di variazione) Pagina 6 di 40

7 DIP. CHIRURGICO CHIRURGIA OCULISTICA ORTOPEDIA OTORINOLARING NCH UROLOGIA ODONTOSTOMATOLOGIA SALE OPERATORIE DAY SURGERY POLO ENDOSC tot D.E.A. MEDICINA D'URGENZA/PS 10 CARDIOLOGIA 19 EMODINAMICA 4 RIANIMAZIONE 2 U.T.I.C. 3 Tot. 38 DIP. ONCO-EMAT. EMATOLOGIA 12 ONCOLOGIA 15 SALE OPEATORIE 1 tot. 28 DIP. MAT.-INFANT. PAT. NEONATALE PEDIATRIA OSTETRICIA-GINE SALE OPERATORIE tot. 17 Pagina 7 di 40

8 DIP. SERVIZI E TECNOSTR. RADIOLOGIA MEDICINA NUCLEARE 5 RADIOTERAPIA 5 ANATOMIA PATOLOGICA 8 POLIAMBULATORIO 14 FARMACIA 4 tot OGGETTO DELLA FORNITURA Per il conseguimento dei citati (cfr OBIETTIVI DEL PROGETTO) obiettivi primari e secondari del progetto, l A.O. San Salvatore di Pesaro intende evolvere il sistema informativo esistente, a miglior supporto dell esecuzione dei processi clinici aziendali. In conseguenza di ciò e nel quadro del suddetto progetto strategico, l Azienda intende affidare a soggetti dotati di idonei requisiti tecnici, organizzativi, finanziari e gestionali la fornitura e messa in opera di un sistema informatico clinico, di seguito riferito con l acronimo SIC, integrato nell attuale contesto applicativo dell A.O. San Salvatore di Pesaro (cfr MODULI APPLICATIVI ESISTENTI). Vengono di seguito riportati i requisiti del SIC ritenuti necessari al conseguimento degli obiettivi prefissati. Il SIC fornito dovrà essere integrato e modulare, in grado di rispondere alle diverse esigenze cliniche e gestionali dell Azienda. In particolare, esso dovrà consentire un accesso integrato alle informazioni ed ai documenti utilizzati e prodotti durante il ciclo di cura del paziente. L accesso uniforme ed integrato alle informazioni di interesse per il trattamento del paziente comporta la creazione di cartelle cliniche ed infermieristiche che forniscano supporto non solo alle attività di terapia e cura (Area Clinico Sanitaria), ma anche input chiari ed immediati per il miglioramento continuo del servizio, attraverso processi di audit sistematici per la valutazione dell efficienza gestionale e della qualità clinica (valutazione degli outcome) delle strutture erogatrici, il tutto associato e correlato ad una corretta analisi della componente amministrativa. Pagina 8 di 40

9 Nel suo complesso la soluzione applicativa dovrà consentire agli organi ed alle funzioni coinvolte nei diversi processi aziendali di comunicare ed interoperare senza la necessità di spostarsi dal proprio posto di lavoro. In quest ottica, è richiesto che il sistema consenta: Una appropriata organizzazione e presentazione dei dati acquisiti durante il processo di cura del paziente, in modo che le informazioni di interesse presenti nella cartella clinica, nelle schede ambulatoriali, ecc., siano accessibili a tutti gli utenti abilitati in maniera semplice e trasparente. La gestione ottimizzata, uniforme e sicura dei processi di farmaco-terapia, con particolare riferimento alle fasi di prescrizione (nei diversi contesti operativi della struttura: reparto di degenza, DH, ambulatorio, sala operatoria), pianificazione - allestimento (in reparto ed in farmacia), erogazione o consegna dei farmaci, La gestione strutturata del dossier clinico, attraverso informazioni e riferimenti codificati, a supporto del processo di analisi ed indagine statistica (flussi regionali, SDO, ISTAT, etc.). La corretta ed efficace gestione dei processi sanitari. La gestione ottimale delle risorse umane. L alimentazione del datawarehouse cui sarà collegata la funzionalità di cruscotto direzionale, che fungerà da supporto ai processi decisionali in ottica di Clinical Governance. Il sistema fornito dovrà inoltre fornire un valido supporto alle attività ospedaliere, attraverso un approccio centrato sul paziente, che tenga conto in maniera coerente non soltanto delle problematiche di tipo terapeutico e clinico, ma anche di quelle più prettamente organizzative, gestionali e di management clinico. Tutto questo si traduce nella richiesta da parte dell Ente appaltante della garanzia di conformità della soluzione in fornitura a logiche di: Gestione dei flussi applicativi orientate ai processi clinici aziendali; Scalabilità ed adattabilità della soluzione; Integrazione (interoperabilità); Flessibilità; Univocità delle informazioni gestite. In conclusione, il SIC offerto dovrà essere in grado di raccogliere tutte le informazioni generate durante il percorso di cura del paziente secondo modalità tali da consentire e, anzi, agevolare il collegamento tra le componenti cliniche, amministrative e gestionali del processo Pagina 9 di 40

10 di cura DESCRIZIONE DEI PRODOTTI E SERVIZI RICHIESTI Per una organizzazione più razionale dei requisiti di gara, si è ritenuto di dover fornire una partizione logica delle funzionalità richieste al SIC, attribuendo ciascuna di esse, per competenza, ad uno specifico modulo applicativo. Di seguito viene descritta l architettura logico-funzionale del SIC richiesto, composta dai seguenti moduli applicativi: 1. Modulo clinico; 2. Modulo di gestione del rischio; 3. Sistema di supporto ai processi di Clinical Governance. Per ciascun modulo applicativo si fornisce, quindi, una descrizione delle macro funzionalità ad esso attribuite. 5.1 Modulo clinico Il SIC dovrà disporre di un modulo ad hoc deputato alla gestione delle informazioni di natura clinica, rispondente alle seguenti caratteristiche minime: La soluzione software proposta dovrà supportare al meglio il processo di cura, implementando la logica del Dossier Clinico del Paziente. Il sistema dovrà prevedere i necessari meccanismi per la gestione separata dell attività istituzionale e di quella libero professionale. Il sistema dovrà presentare caratteristiche di configurabilità che consentano una gestione puntuale delle problematiche di reparto garantendo, nel contempo, la totale flessibilità nella definizione dei contenuti clinici propri dell approccio alla malattia di ogni singola unità operativa Gestione del Dossier Clinico del Paziente Una delle principali specificità richieste al modulo clinico del SIC in fornitura è la possibilità di implementare una logica di gestione delle informazioni riconducibile non solo all esperienza delle cartelle cliniche tradizionali, in grado di raccogliere i dati, le immagini ed i referti del paziente nell'arco della singola degenza (episodio), ma piuttosto a quella del dossier clinico o "record paziente", che si arricchisce e si compone delle informazioni raccolte durante tutti gli accessi dello stesso paziente alla struttura dell Ospedale. La possibilità di disporre di un sistema in grado di gestire non solo le prestazioni erogate a livello di singole unità operative, ma di un dossier clinico del paziente, che raccoglie in sé Pagina 10 di 40

11 aspetti di carattere clinico ed assistenziale, rappresenta in questo senso una evoluzione del concetto di spedalità, in favore di una maggiore apertura ed interazione anche con il territorio. Da un punto di vista funzionale, il modulo clinico del SIC si dovrà caratterizzare per i seguenti aspetti: Possibilità di gestire un dossier clinico (alimentato dagli applicativi verticali) che raccoglie ed organizza i dati clinici dei pazienti che sono entrati in contatto con la struttura (ricerca e visualizzazione dello storico dei dati clinici significativi); Integrazione nativa tra tutti i moduli software proposti in fornitura (continuità assistenziale); Apertura verso l integrazione con sistemi di terze parti. Il dossier clinico del paziente sarà strutturato per registrare le diverse possibili tipologie di accesso ai servizi dell'azienda, che possono essere così esemplificate: accesso diagnostico, accesso in regime di degenza, accesso in regime di day hospital, accesso terapeutico, accesso in regime di emergenza, ecc. La struttura del dossier clinico del paziente dovrà consentire agli operatori la navigazione guidata tra le informazioni rese disponibili con la massima flessibilità, modularità e semplicità di utilizzo. Il dossier così strutturato viene ad essere composto di tutti gli elementi raccolti dal momento dell'accertamento della patologia o del bisogno sanitario fino al suo esito finale, secondo la sequenza temporale degli interventi diagnostici, chirurgici, terapeutici ed assistenziali di volta in volta effettuati; durante ogni fase del contatto del paziente con l'azienda è consentito agli operatori, compatibilmente con gli opportuni vincoli di sicurezza, riservatezza e abilitazione, il recupero di tutte le informazioni raccolte nei precedenti accessi. Tutte le informazioni cliniche del paziente dovranno essere rese disponibili al personale dell'azienda direttamente nei luoghi nei quali essi svolgono le loro attività. La composizione delle informazioni afferenti al dossier clinico verrà elaborata attraverso lo strumento di cartella clinica vera e propria. In questo senso, la funzionalità di cartella clinica del modulo clinico costituirà lo strumento deputato alla gestione delle informazioni cliniche di natura multispecialisica del paziente, associate a episodi di degenza o ambulatoriali. Un requisito imprescindibile della cartella clinica è rappresentato dalla possibilità di configurare dinamicamente le informazioni presenti nelle maschere di gestione. Sarà positivamente valutata la possibilità di personalizzazione delle suddette maschere mediante un designer delle interfacce, che consenta agli utenti di definirne autonomamente i contenuti (campi, etichette, menù, ecc.). Pagina 11 di 40

12 La struttura della cartella dovrà inoltre essere modulare, in modo da permettere l'attivazione di alcune parti rispetto ad altre, in funzione dell attività clinica condotta nella singola fase del processo di cura. L uso che ne scaturirà sarà così semplificato ed inerente l attività clinica precipua per ciascuna fase, consentendo all utente di: registrare i dati clinici del paziente; pianificare le attività periodiche per pazienti ricoverati; gestire le attività specialistiche e di refertazione; consultare lo storico degli episodi clinici del paziente. La componente di cartella clinica dovrà consentire la produzione e gestione delle seguenti informazioni, in funzione dello specifico contesto specialistico dipartimentale: Informazioni inerenti l attività di tipo medico condotta durante l episodio di ricovero; Informazioni inerenti l attività di tipo infermieristico; Informazioni inerenti l episodio ambulatoriale. Oltre alla componente di tracciabilità dell informazione medica e clinica anzi descritta, centrali per garantire la continuità e l appropriatezza della cura del paziente, occorre menzionare il fatto che le elaborazioni statistiche sui dati clinici dei pazienti, l'aggregazione di informazioni in formati e secondo logiche non predefinite, le ricerche epidemiologiche sull efficienza e l'efficacia delle terapie chirurgiche, farmacologiche, assistenziali e dei protocolli operativi in genere rappresentano alcuni aspetti dell'attività sanitaria che devono gran parte della loro riuscita all'esistenza ed al buon funzionamento della componente clinica del SIC dell ospedale. A questo proposito, e parallelamente a tutte le attività precedentemente descritte e rivolte alla gestione degli aspetti medico-clinici del paziente, il modulo clinico del SIC dovrà supportare anche le attività di tipo amministrativo connesse alla gestione dell'ospedale (Flussi, Budget di U.O., Controllo di gestione). In ultimo, ma non di minore rilevanza, il modulo clinico del SIC dovrà essere provvisto dei necessari meccanismi di interfacciabilità con gli altri sistemi e basi dati presenti in Azienda, con particolare riferimento all Anagrafe, all Accettazione e al modulo CUP e Casse Gestione della terapia farmacologica Particolare enfasi sarà posta nella valutazione della funzionalità di gestione della terapia farmacologica, attraverso la quale rendere possibile la gestione informatizzata delle attività di prescrizione e somministrazione a bordo letto, pianificazione - allestimento (in reparto ed in Pagina 12 di 40

13 farmacia), erogazione o consegna dei farmaci, generazione del File F. Nella valutazione dello strumento in fornitura sarà posta particolare attenzione all impatto di tale funzionalità nel miglioramento dei seguenti parametri aziendali/indicatori di processo: Qualità del servizio; Sicurezza del paziente; Efficienza (valutata in termini di ottimizzazione dei processi e delle risorse); Economicità Gestione del percorso chirurgico Il modulo in oggetto dovrà gestire le informazioni di natura clinica acquisite a livello di ambulatorio, prericovero, intervento, Blocco Operatorio, dimissione e follow up. In particolare, la soluzione applicativa richiesta dovrà consentire di informatizzare il percorso clinico e la fase di programmazione dell intervento, implementando le seguenti funzionalità: gestione sale, gestione interventi e registro operatorio, cartella anestesiologica, contabilità di magazzino a centri di costo, statistiche sull attività chirurgica, ecc. Particolare enfasi dovrà essere posta sul tema della programmazione e monitoraggio dell occupazione razionale ed efficiente dei posti letto (bed management). Le figure professionali coinvolte nell utilizzo del modulo applicativo sono rappresentate da: i chirurghi per quanto riguarda il registro operatorio, gli infermieri per la gestione dei dati infermieristici, gli anestesisti per la gestione dei dati intraoperatori di anestesia, i caposala per la gestione del magazzino di sala operatoria, la direzione sanitaria e il controllo di gestione per la rilevazione dell attività chirurgica e per l analisi degli indicatori di qualità ed efficienza Gestione dell attività infermieristica Nell ottica della razionalizzazione dei processi e dell ottimizzazione dell impiego di risorse, è richiesta la fornitura di una procedura informatica progettata per rispondere in modo dinamico alla gestione del personale infermieristico e ausiliario all interno della struttura sanitaria. Il modulo dovrà permettere la programmazione e il controllo dell uso delle risorse, delle attività, dell efficienza, della qualità dei processi, consentendo la gestione operativa dei processi stessi. L area di intervento del sistema si colloca all interno di un più complesso sistema di flussi informativi, che comprende l attività gestionale della direzione sanitaria e si integra con i processi attivati nei reparti di degenzanelle sale operatorie, e negli altri servizi. Tali processi Pagina 13 di 40

14 hanno l obiettivo di gestire nei diversi aspetti l attività del personale infermieristico quali: turnistica, ferie, sostituzioni, allocazione delle risorse infermieristiche; scheda/cartella infermieristica; piani di lavoro per reparto; gestione del personale di sala operatoria in funzione degli interventi; carichi di lavoro; scheda anagrafico-curricolare e stato di servizio del personale. E inoltre richiesta la possibilità di interfacciare il modulo infermieristico con applicazioni a supporto della gestione di processi aziendali estesi a tutti i dipendenti, quali il rilevamento e controllo delle presenze e la gestione dell archivio giuridico individuale Gestione della refertazione specialistica SSN e ALP Il modulo di refertazione specialistica SSN e ALP è richiesto in fornitura per soddisfare le esigenze derivanti dal bisogno dei professionisti di uno strumento di refertazione, integrabile con i sistemi di prenotazione presenti e futuri. Il sistema dovrà permettere agli specialisti di tracciare la storia clinica del paziente, nei vari accessi, e dovrà ottemperare agli obblighi relativi all attività diagnostica intraospedaliera della nuova ricetta nazionale (art.50 legge 326 del 2003). Il modulo, destinato alla gestione clinica degli ambulatori specialistici, dovrà prevedere le funzionalità di redazione e stampe referti, redazione e stampa della ricetta, coerentemente alle normative nazionali e regionali. Il sistema di refertazione dovrà poter essere integrato ed interoperabile con il sistema di gestione delle prenotazioni in maniera bidirezionale, consentendo di evitare il flusso cartaceo dei piani di lavoro attualmente inviati alle unità erogatrici (cioè ai professionisti), ed integrando verso i sistemi di prenotazione le informazioni sulle modifiche ed aggiunte di prestazioni, rispetto al prenotato, cioè l effettivo erogato Funzionalità base del modulo clinico del SIC Configuratore cartelle cliniche per singolo reparto Ricerca paziente Identificazione del paziente (attraverso l identificativo univoco Aziendale) Visualizzazione episodi clinici pregressi (ricovero, ambulatorio) Gestione delle Anamnesi Gestione della rilevazione di parametri fisiologici Gestione di sistemi di stadiazione Esame Obiettivo Allergie Pagina 14 di 40

15 Gestione degli interventi chirurgici Esami di laboratorio Diario clinico o Gestione terapie o Rilevazione di parametri fisiologici o Configuratore di sistemi valutativi Gestione ordini interni o Invio richieste e prenotazioni di prestazioni specialistiche/diagnostiche. o Gestione stato avanzamento prestazione (accettata, erogata, refertata); o Consultazione del referto prodotto dalla Unità Operativa erogatrice. Gestione del percorso chirurgico e collegamento con Sale Operatorie Cartella infermieristica o Rilevazione parametri clinici o Diario infermieristico o Gestione attività infermieristiche o Gestione consumi Lettera di Dimissione normalizzabile Refertazione assistita Produzione Ricetta nazionale 5.2 Modulo di gestione del rischio In strutture complesse come i moderni ospedali, l informazione e la sua gestione sono beni di primaria importanza. Si richiede pertanto un sistema di gestione del rischio ospedaliero, che consenta di archiviare e monitorare le informazioni relative a eventuali errori o problematiche occorse nella struttura. Il sistema dovrà inoltre consentire di analizzarne le cause che hanno generato e le segnalazioni, al fine di ridurre l incidenza dell errore/problema e di predisporre accorgimenti utili a rimuoverne e/o ridurne le cause nella filosofia tipica delle logiche dell Incident reporting, audit clinici e ROOT anaysis. Il sistema dovrà fornire un ausilio al dimensionamento economico dei costi che la struttura deve sostenere nel caso in cui l errore comporti un danno (vedasi Allegato n.9 Prospetto aziendale risk management ) Il componente dovrà essere accessibile da tutta la rete ospedaliera e da tutti gli utenti della struttura. Devono essere previste almeno le seguenti tipologie di profili: utenti che possono esclusivamente immettere informazioni riguardanti eventi considerati critici; utenti che sono responsabili della gestione della qualità della struttura e che hanno quindi accesso a funzionalità avanzate quali: funzionalità di ricerca, visualizzazione, valutazione e classificazione degli eventi, produzione di reportistica di sintesi, Pagina 15 di 40

16 gestione di gruppi di lavoro per l analisi intensiva degli eventi tramite il metodo di RCA; utenti responsabili di tracciare gli eventi che hanno comportato un danno economico per la struttura. Dal punto di vista funzionale il modulo dovrà prevedere le seguenti caratteristiche: Immissione delle informazioni necessarie per la segnalazione degli eventi accaduti che near miss; Strumenti per la valutazione della gravità dell errore; Valutazione degli eventi occorsi in un periodo; Analisi dei dati e produzione report; Analisi dei fattori che incidono sulla sinistrosità; Determinazione delle probabili cause dei sinistri; Indicazioni finalizzate a proporre l'adozione di opportune azioni di contenimento del rischio; Possibilità di definire delle raccomandazioni o normative per ridurre il rischio focalizzate sul singolo reparto o su aree della struttura dove gli eventi indesiderati hanno una incidenza particolare rispetto alla media o ad un valore di soglia delle analisi prospettiche; Definizione dei budget di riduzione del rischio, con utilizzo integrato di strumenti di monitoraggio; Possibilità d individuare il modello economico migliore per il trattamento del rischio; Disponibilità di strumenti (dati attendibili) per migliorare la negoziazione con le assicurazioni. 5.3 Sistema a supporto dei processi di Clinical Governance Il sistema a supporto dei processi di Clinical Governance dovrà consentire il monitoraggio la performance aziendale attraverso un cruscotto direzionale. Tale esigenza deriva dalla necessità della struttura sanitaria di documentare la qualità aziendale sotto il profilo dell outcome, oltre che dell output, di individuare i propri punti di forza e di debolezza, di paragonarsi con uno standard, di rendere evidenti i propri risultati all utenza cercando di portare l intero sistema di erogazione delle cure ospedaliere verso le best practices. Il sistema di Clinical Governance dovrà essere integrato con le Banche Dati Aziendali già esistenti e con i flussi informativi di rendicontazione disponibili, attraverso la costruzione di un Data Warehouse che conterrà il patrimonio informativo integrato e certificato, sul quale verranno implementati i modelli di calcolo, analisi e reportistica del sistema in oggetto. Caratteristica fondamentale del sistema è la base dati contenente le informazioni clinico/sanitarie, prodotte dai sistemi di esercizio e acquisite tramite il modulo di interfacciamento attraverso un meccanismo di gestione grafico e parametrico, al fine di Pagina 16 di 40

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite 3D 2D 4D suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini Piattaforma integrata basata su tecnologia web, ideata per ottimizzare

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Agenda 1 Obiettivi strategici 2 Metodologia 3 Risultati 4 Conclusioni Agenda 1 Obiettivi

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

Prot. n. 1564 ARS/DG Ancona, il 12/10/2010

Prot. n. 1564 ARS/DG Ancona, il 12/10/2010 Prot. n. 1564 ARS/DG Ancona, il 12/10/2010 OGGETTO: Indagine di mercato finalizzata all acquisizione di servizi di sviluppo e manutenzione di un sistema informatico per la gestione del Sistema Informativo

Dettagli

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione SOFTWARE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO DEGLI AUSILI TERAPEUTICI 1. INFRASTRUTTURA... 2 2. CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE... 2 3. ELABORAZIONI... 3 4. TEMPI

Dettagli

Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra

Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra Specifiche tecniche e funzionali del Sistema Orchestra Sommario 1. Il Sistema Orchestra... 3 2. Funzionalità... 3 2.1. Sistema Orchestra... 3 2.2. Pianificazione e monitoraggio dei piani strategici...

Dettagli

GEPADIAL permette di:

GEPADIAL permette di: GEPADIAL è uno strumento innovativo per l organizzazione, il controllo clinico e la ricerca scientifica all interno dei Reparti di Nefrologia e Dialisi. Supporta tutte le attività gestionali e amministrative

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

e-health: cartella clinica elettronica

e-health: cartella clinica elettronica Obiettivi di Piano 2010 e-health: cartella clinica elettronica Dr. Raffaele Di Lorenzo Centro Regionale di Neurogenetica Lamezia Terme 15 giugno 2013 Cartella Clinica Elettronica Cartella Clinica Elettronica

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Contabilità Analitica Premessa

Contabilità Analitica Premessa Contabilità Analitica Premessa La funzione di programmazione aziendale e controllo presso l'aou San Luigi si sviluppa tramite una suite di cruscotti aziendali Abaco per l analisi dell andamento della produzione

Dettagli

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO PERCHE Una cartella Informatizzata Unica Il Progetto Ulisse Delibera G.R.T. n. 817/2002 Delibera G.R.T. n. 1344/2003 Delibera G.R.T. n. 1250/2005

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico

Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Allegato G): Sistema Informativo-Informatico Impostazione generale La gestione del centro logistico richiede un sistema informativo e informatico capace di gestire il magazzino con elevata produttività,

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIGITALIZZAZIONE, INDICIZZAZIONE E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI FASCICOLI DEL PERSONALE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA - CODICE CIG DI GARA 059271972F

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara Allegato al capitolato speciale di gara Specifiche Funzionali di Integrazione con il Sistema Informativo dell APSS Il presente documento definisce le specifiche funzionali che devono essere soddisfatte

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

Archiviazione Documentale

Archiviazione Documentale Archiviazione Documentale Il Progetto OPEN SOURCE tutto Italiano per la Gestione Elettronica della documentazione, firma digitale, conservazione sostitutiva, fatturazione elettronica e protocollo informatico.

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE

DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE Tabella dei contenuti 1. Introduzione 1.1 Propositi 1.2 Obiettivi 1.3 Definizioni, acronimi ed abbreviazioni 1.4 Riferimenti 1.5 Panoramica 2. Descrizione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO ALLEGATO

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna.

Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Descrizione e caratteristiche dell impianto d informatizzazione reni e Reparto Dialisi Serramanna. Si richiede la realizzazione, a completo carico della ditta aggiudicataria, di un sistema informatico

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Allegato a)

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Allegato a) Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Allegato a) Progetto degli interventi finalizzati all'utilizzo delle classi di priorità, registrazione diretta dell'erogato, interfacciamento tra il sistema CUP e

Dettagli

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Titolo prodotto: Portabilità Individuale Clinica (P.I.C.) Categoria: e-health Tipologia di prodotto Broadband/Online/WEB (channel): Abstract del progetto

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara C.A. Tutti i candidati procedura aperta per l acquisizione in locazione operativa di un sistema RIS/PACS per l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA

VER. 1 SETT 13 SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA SISTEMA GESTIONALE PER IL LABORATORIO HLA INDICE Caratteristiche Sistemi Operativi e configurazione LAN Client/Server Caratteristiche minime computer Database utilizzato Interfacciamento bidirezionale

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LOMBARDIA SANITA' REGIONE LOMBARDIA LA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO - SANITARIO

REGIONANDO 2000 REGIONE LOMBARDIA SANITA' REGIONE LOMBARDIA LA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO - SANITARIO REGIONANDO 2000 REGIONE LOMBARDIA SANITA' REGIONE LOMBARDIA LA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI - SISTEMA INFORMATIVO SOCIO - SANITARIO Il progetto del Sistema Informativo Socio Sanitario, promosso dalla Giunta

Dettagli

L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA

L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA Unità di Terapia Intensiva Cardiovascolare Dir. A. Locatelli L INFORMATION TECHNOLOGY IN UNA TERAPIA INTENSIVA QUALI VANTAGGI E QUALI TRAPPOLE NELL USO Dott. Francesco LEMUT La nostra storia 1^ INFORMATIZZAZIONE

Dettagli

Deliberazione N.: 802 del: 11/08/2015

Deliberazione N.: 802 del: 11/08/2015 Deliberazione N.: 802 del: 11/08/2015 Oggetto : AVVIO PROCEDURA NEGOZIATA (ART. 57, COMMA 2, LETT. B D.LGS N. 163/2006). PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE (2015-2017) ALLA SOCIETA NOEMALIFE SPA DEL SERVIZIO

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the Work la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the work E rivolto ai responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione o ai datori di lavoro Consente

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING

IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING SERVIZIO: PRODUZIONE, QUALITA, RISK MANAGEMENT -AOU DI SASSARI- IL SISTEMA DELL INCIDENT REPORTING E ormai consapevolezza diffusa che per governare l alta complessità delle Aziende Sanitarie e le attività

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO. b) N.6 Licenza di collegamento a ecografi o workstation DICOM (anche di terze parti).

INDAGINE DI MERCATO. b) N.6 Licenza di collegamento a ecografi o workstation DICOM (anche di terze parti). UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI MEDICINA INTERNA E SANITÀ PUBBLICA Prot. 626 L Aquila 06. 06. 2012 AVVISO INDAGINE DI MERCATO Il Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica ha

Dettagli

La procedura informatica del sistema di Incident Reporting. Manuale d uso a cura di Renata De Candido

La procedura informatica del sistema di Incident Reporting. Manuale d uso a cura di Renata De Candido La procedura informatica del sistema di Incident Reporting Manuale d uso a cura di Renata De Candido L ARSS ha implementato una procedura informatica che consente la registrazione e l archiviazione dei

Dettagli

Dettaglio Fasi Progettuali

Dettaglio Fasi Progettuali Procedura volta alla realizzazione di un nuovo sistema informatico, denominato G.U.S.-N., finalizzato all automazione dei processi di raccolta, condivisione ed elaborazione dei dati nazionali concernenti

Dettagli

MFP 3.0 - CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PIATTAFORMA

MFP 3.0 - CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PIATTAFORMA MFP 3.0 - CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PIATTAFORMA La piattaforma software mfp è un insieme di strumenti informatici appositamente studiati per gestire i processi di lavoro all interno dei servizi dei

Dettagli

SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2»

SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2» SETTE DOMANDE SU «Protocollo 2» 1. Che cosa è «Protocollo 2»? 2. A chi serve «Protocollo 2»? 3. Quali sono le principali funzionalità di «Protocollo 2»? 4. Quanto può essere adattato «Protocollo 2» alle

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

La rete della Buona Sanità e la mission

La rete della Buona Sanità e la mission La rete della Buona Sanità e la mission CALL CENTER / C.U.P. SSP 081 19707700 Sanità Senza Problemi è il network della sanità privata che coinvolge strutture polispecialistiche operanti, anche in convenzione

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno

Applicazione: SAI - Sistema di Audit Interno Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni: Amministrativo/Contabile Applicazione: SAI Sistema di Audit Interno Amministrazione: Agenzia delle Entrate Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma)

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Appalto per l Affidamento del Servizio di MANUTENZIONE, MONITORAGGIO E CONDUZIONE DEI SERVIZI DI SERVER FARM dell Azienda Sanitaria Locale Roma H compresa la realizzazione di due progetti IT finalizzati

Dettagli