Towers Watson Academy. Catalogo Corsi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Towers Watson Academy. Catalogo Corsi"

Transcript

1 Towers Watson Academy Catalogo Corsi

2 Towers Watson Academy Catalogo Corsi

3 Sommario Introduzione 4 People and Management 6 Project Management: 8 Fondamenti di project management 9 Gestione delle risorse umane di progetto 9 Avanzato: Metodi e tecniche di Project management 10 Aspetti Finanziari dei Progetti 10 Gestione dei Rischi di Progetto 11 Gestione degli Aspetti Legali e Contrattuali dei Progetti 11 International Bidding 12 La Comunicazione Efficace 13 L arte di comunicare, convincere e argomentare 14 Comunicazione Efficace col Teatro d Impresa 14 La Leadership 15 Self Leadership 16 Sviluppo della Performance con la Leadership Situazionale 16 Autenticità e Fiducia: Emotional Leadership 17 Manager as a Coach 17 Leadership e Innovazione 18 La motivazione dei collaboratori 18 Influencing without power: l uso delle reti sociali nella pratica manageriale 19 Personal Mastery: sviluppare la propria capacità di autogoverno in contesti lavorativi 19 Il TeamWorking 20 Costruire Gruppi di Successo 21 Gestire team di lavoro in contesti incerti e mutevoli 21 Le skills manageriali 22 Perchè sbagliamo? Introduzione all arte del pensiero sistemico e della decisione manageriale 23 Learning organizations: lo sviluppo di organizzazioni capaci di cambiare e adattarsi alle sfide. 23 Negoziare efficacemente 24 Gestire i conflitti 24 Change Management 32 Introduzione al Change Management 33 Il progetto di Change Management set up and governance 33 Il Change management nei progetti IT 34 Economics 35 Gli economics di base (attraverso il gioco: business play) 36 Il costing 36 Micromacro 37 Gli indicatori di performance 37 Il sistema di budget come strumento strategico di pianificazione a breve termine 38 Il business plan 38 Il controllo nelle aziende di servizi 39 La valutazione degli investimenti 39 Valutazione d impresa e le operazioni di mergers & acquisition 40 La gestione finanziaria 40 Caratteristiche e funzionamento dei mercati finanziari e il rapporto con le imprese 41 Risk and Financial Management 42 Software Attuariali 43 MoSes 44 MoSes C-ALM 44 ResQ 45 Emblem 45 Classifier 46 Radar 46 Enterprise Risk Management & Solvency II 47 Introduzione al calcolo della Standard Formula 48 Introduzione ai Generatori di Scenari Economici (ESG) risk neutral 48 Solvency II per Investment Managers 49 Validazione delle Best Estimate Liabilities Vita 49 Tecniche assicurative per rami danni 50 Tecniche di pricing 51 Tecniche di reserving 51 Talent & Reward 26 Talent Management 28 Analisi e valutazione ruoli 28 Analisi retributiva e politica meritocratica 29 Sales incentive 29 Benefit e perquisite 30 I benefit nelle aziende multinazionali 30 La comunicazione dei benefit 31 I flexible benefit 31

4 Towers Watson Academy Introduzione Towers Watson è una società di consulenza globale che aiuta le organizzazioni a migliorare la performance attraverso un efficace gestione delle persone, degli aspetti finanziari e del rischio. Con consulenti nel mondo offriamo soluzioni nelle aree benefit per i dipendenti, gestione del talento e dei sistemi retributivi, gestione del rischio e del capitale. Il nostro obiettivo è dare ai clienti la chiarezza necessaria a prendere le decisioni giuste e a fare le cose giuste. Il nostro approccio si fonda su una visione ampia dei problemi, che viene dalla nostra esperienza di lavoro su molte tematiche diverse. Ancora più importante: il nostro punto di vista parte da ciò che siamo capaci di vedere da una chiara comprensione della vostra organizzazione, del vostro modo di lavorare, dei vostri obiettivi e delle sfide che vi trovate ad affrontare. Integrando la visione d insieme e la comprensione della vostra realtà vi aiutiamo a raggiungere risultati concreti. Il catalogo formativo Towers Watson è pertanto il frutto dell esperienza e delle metodologie internazionali sviluppate da Towers Watson in oltre 130 anni di storia. 4 towerswatson.com

5 Towers Watson Academy 5

6 People and Management People and Management Nei grandi progetti il problema non è trovare il denaro; il denaro e le risorse sono facilmente disponibili! La sfida è trovare le persone giuste. Master Choa Kok Sui L Approccio I nostri interventi sono basati sui più recenti studi in discipline differenti e tuttavia molto integrate: dalle neuroscienze agli approcci cognitivi comportamentali, dai modelli delle learning organizations alle teorie sui sistemi complessi e sulle reti sociali applicate alla pratica del business. Il nostro obiettivo è rendere praticamente e pragmaticamente disponibili i risultati di ricerche complesse e a volte innovative utilizzando la nostra conoscenza dei linguaggi, dei bisogni e delle effettive prassi lavorative del mondo delle organizzazioni. Il nostro approccio è di tipo esperienziale allo scopo di garantire la massima concretezza e personalizzazione degli apprendimenti. L approccio esperienziale per noi consiste nel noto processo: esperienza, debrief, trasferimenti in ambiti reali. In questo senso concepiamo l attività formativa soprattutto come facilitazione e valorizzazione delle potenzialità latenti nei partecipanti. I nostri interventi sono supportati da specifici manuali originali che vengono forniti a corredo di ciascun corso, concepiti per essere uno strumento di lavoro e di consultazione. Il loro scopo principale è quello di guidare passo a passo i partecipanti nel trasferimento dei loro apprendimenti in pratiche lavorative. A supporto dei singoli interventi formativi offriamo anche altri servizi che aiutino a calare nella pratica i singoli apprendimenti. In particolare offriamo l accesso a portali tematici e specifici per ciascun workshop nel quale sono resi disponibili contenuti didattici monografici ed esercitazioni. Per diversi titoli i manuali sono integrati da guide per la lettura e per la visione di film che possano migliorare la consapevolezza su temi specifici. Offriamo infine percorsi di coaching e tutoraggio a supporto di ciascun intervento erogato: questo consente di provare, all inizio, ad applicare con persone esperte le capacità che si è iniziato a sviluppare durante il corso. 6 towerswatson.com

7 Percorsi Riteniamo, sulla base di una lunga e articolata esperienza, che gli interventi spot abbiano una limitata efficacia in termini di generazione di cambiamento nelle persone. Una riflessione che i partecipanti spesso fanno: un corso interessante, molti spunti utili ma poi... il lavoro quotidiano, le urgenze hanno avuto il sopravvento ed è stato difficile mettere in pratica... Per i partecipanti è spesso molto difficile integrare gli apprendimenti avvenuti durante un workshop all interno della loro vita lavorativa, questo è ancora più vero all aumentare delle pressioni e dello stress legati al bisogno di ottenere risultati nel breve termine. Per questi motivi ci siamo convinti dell assoluta necessità di proporre, ove possibile, percorsi formativi che prevedano almeno due momenti separati da una fase di learning on the job. La durata complessiva in molti casi può rimanere invariata ma, distribuendo gli stimoli, i risultati in termini di cambiamento dei comportamenti diventano molto più consistenti. L efficacia di tale approccio può essere ulteriormente aumentata sviluppando dei percorsi di coaching e tutoraggio a supporto degli interventi erogati per accompagnare i partecipanti nel percorso di implementazione delle capacità che si sono iniziate a sviluppare durante il corso. Learning comunity Un altro grande ausilio all apprendimento è quello della learning community finalizzata a favorire il confronto attivo e pratico fra i partecipanti sulle materie d insegnamento proposte. Questo approccio fornisce un ottima garanzia di contestualizzazione e aiuta a promuovere le logiche di apprendimento continuo anche fuori dai momenti formali dei workshop. In questo modo si esce dalla logica del docente che propone teorie a volte percepite come astratte e ci si muove nella direzione di un laboratorio all interno del quale persone con professionalità simili confrontano e valorizzano le proprie esperienze facendo del workshop un momento premiante, di riconoscimento, di valorizzazione della propria esperienza, di costruzione di utili reti sociali e professionali. In questo senso la nostra proposta come academy aggiunge il valore strutturale del confronto di esperienze fra i partecipanti a quello delle nostre proposte formative. Il valore concreto di questo approccio per le organizzazioni può essere facilmente letto nel contesto dei modelli delle reti sociali oggi molto diffusi all interno dei curricula formativi per la leadership. A supporto dei singoli interventi formativi offriamo anche altri servizi che aiutino a calare nella pratica i singoli apprendimenti. Micro conference Molti dei temi più innovativi di formazione sono poco conosciuti. A volte è difficile per le organizzazioni impegnarsi in percorsi di sviluppo senza avere avuto l opportunità di comprendere in modo chiaro e completo questi temi. Per questo proponiamo una serie di brevi, sintetiche conferenze introduttive sui temi più innovativi e particolari nel mondo dello sviluppo e della formazione. L impegno dei partecipanti è ridotto dal punto di vista dell investimento personale, l approccio è informativo e introduttivo. Gli scopi sono molteplici: aggiornarsi e mantenere una cultura delle tematiche emergenti in ambito manageriale, approfondire le tematiche di specifico interesse per decidere se impegnarsi in un percorso di sviluppo strutturato, sviluppare un agorà delle culture manageriali utile anche nelle specifiche pratiche di business. Tipologia e contenuti di questi moduli saranno costantemente aggiornati allo scopo di offrire un servizio costantemente aggiornato e stimolante. I singoli interventi saranno condotti da testimonials ed esperti di ciascun tema trattato. Il taglio di ogni singola conferenza sarà sempre finalizzato al cogliere gli aspetti più pratici e applicativi di ciascuna disciplina esplorata. Towers Watson Academy 7

8 People and Management Project Management Progetta sempre una cosa considerandola nel suo più grande contesto, una sedia in una stanza, una stanza in una casa, una casa nell ambiente, l ambiente nel progetto di una città Eliel Saarinen La formazione legata alle tematiche di Project Management in contesti aziendali articolati e complessi ha oggi un importanza strategica fondamentale: modelli innovativi, metodologie di lavoro sempre più sistematiche e strutture organizzative articolate richiedono competenze specifi che sul tema del Project Management. In ogni organizzazione aziendale molte attività sono organizzate per progetti al fi ne di concentrare l attenzione sull effi cacia, ovvero sul raggiungimento della qualità dei risultati, sul rispetto dei tempi e dei costi prestabiliti, garantendo la soddisfazione delle aspettative degli utenti fi nali, e sulla trasversalità dei processi per massimizzare i contributi individuali e innovativi. I progetti sono anche lo strumento attraverso il quale vengono implementati i cambiamenti e le innovazioni aziendali. Il Project Management è diventato quindi uno strumento chiave nel bagaglio di ogni manager e di ogni leader per gestire persone e risultati con maggiore effi cacia e con un costante controllo di costi e risultati da una parte e della motivazione e impegno dall altra. Towers Watson propone un approccio basato sui modelli internazionali più diffusi e consolidati ed una serie di seminari che costituiscono anche un percorso strutturato che parte dai primi approcci per arrivare alla gestione di progetti di elevata complessità in tutte le loro dimensioni. E anche possibile costruire percorsi aziendali o individuali di certifi cazione internazionale al Project Management. 8 towerswatson.com

9 Fondamenti di Project Management Gestione delle risorse umane di progetto Code: P&M 01 Durata: 3 Giorni Una introduzione dettagliata ai principi, agli strumenti ed alla comprensione delle tecniche fondamentali di project management garantisce la formazione necessaria all introduzione ed allo sviluppo del project management all interno delle aziende. Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifi ci, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Project staff (Project Manager/Team Member), personale di staff che lavori in aree critiche per il progetto (Quality, Procurement, etc.) Introduzione ai concetti base del Program e Project Management PMI - Project Management Institute o IPMA (International Project Management Association ) Multi Project Management Ciclo di vita e Strategia di progetto Ruoli e responsabilità Project Defi nition: defi nizione dei requisiti, organizzazione e leadership Gestione del Team di progetto Processo di pianifi cazione del progetto PBS, WBS Gestione dei tempi, metodo del percorso critico Stima dei costi, Monitoraggio e controllo del progetto Risk Management Gestione della qualità HSE Code: P&M 02 Apprendere come selezionare le risorse di progetto Sviluppare le competenze per una gestione effi cace del project team Apprendere come motivare il team Apprendere come defi nire ruoli e responsabilità Apprendere come identifi care i fabbisogni di training delle risorse impiegate nel progetto Apprendere le tecniche fondamentali per la gestione dello stress e del confl itto nella gestione del progetto Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifi ci, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Middle managers, Human Resources Directors ed il loro staff, Professionisti e specialisti che si operano nelle fasi del ciclo di vita del progetto. Ruoli e responsabilità. La natura temporanea delle strutture organizzative progettuali Organizzazioni permanenti Organizzazione e pianifi cazione di progetti HR : Interfaccia e vincoli Acquisizione risorse umane, sviluppo del team e performance Competenze gestionali e personali Team Building, Valutazione performance; Acquisizione & Ritenzione; Salute e Sicurezza; Formazione Towers Watson Academy 9

10 People and Management Avanzato: Metodi e Tecniche di Project Management Aspetti Finanziari dei Progetti Code: P&M 03 Acquisire ed applicare i metodi e le tecniche più efficaci nel project management con particolare riguardo a quelle di pianificazione e controllo del progetto Sviluppare una visione sistemica e strutturata del Project Management. Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifici, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Coloro i quali posseggano già una conoscenza di base del project management o anche una conoscenza specifica e che vogliano, condividendo le proprie esperienze e la propria professionalità, riconsiderare, da un diverso punto di vista, tecniche e metodologie utilizzate nella gestione dei progetti. Analisi dei rischi e Realizzazione del progetto Work Breakdown Structure Diagrammi a barre Tecniche Reticolari Gestione delle risorse Livellamento delle risorse Fast Tracking e Crashing Software (MSProject, MSExcel ) Code: P&M 04 Presentazione e successiva applicazione insieme ai partecipanti dei metodi e dei criteri utilizzati per la valutazione e selezione economica e finanziaria dei progetti secondo i metodi più efficaci diffusi oggi. Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifici, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Top e Middle Manager, Professionisti operanti sui contratti di progetto. In particolare Esperti e Responsabili delle fasi di pianificazione, controllo ed investimento (esecuzione) dei contratti, con enfasi particolare nei confronti di coloro che sono chiamati a supportare il team di progetto nella identificazione e risoluzione di problematiche nello sviluppo e nella esecuzione del contratto e derivanti dalla gestione delle interfacce economico-finanziarie. Tipi di progetti Clienti business e contractor Elementi base per la valutazione dei progetti Strumenti tradizionali di contabilità e definizione del budget Cash Flow. Analisi redditività investimenti nel tempo Determinazione del tasso di sconto per i cash flow analizzati Costo del capitale (WACC); Modelli di valutazione rischi e redditività Interdipendenza tra progetti. Valutazione dell NPV Matrici di selezione progetti Valutazione strategica dei progetti e decisioni di portafoglio Analisi dei rischi e dell incertezza Analisi della sensitività Analisi Albero delle decisioni 10 towerswatson.com

11 Gestione dei Rischi di Progetto Gestione degli Aspetti Legali e Contrattuali dei Progetti Code: P&M 05 Presentare ed analizzare nel dettaglio metodologie e tecniche di identificazione e gestione dei rischi di progetto Collegare la teoria alla pratica attraverso la risoluzione di case study realistici Supportare i partecipanti nella soluzione delle esercitazioni favorendo l applicazione dei concetti e degli strumenti presentati. Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifici, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Top e Middle Manager, Stakeholder. Identificazione del rischio Descrizione del rischio Risk Breakdown Structure (RBS) Analisi cause ed effetti Analisi qualitative e quantitativa Analisi statistiche Analisi della congruenza delle Riserve (Contingency ) Analisi Monte Carlo Analisi decisioni Risposte al rischio e monitoraggio dei rischi Processi in PMBOK /ICB Code: P&M 06 Sviluppare le competenze del project team nella gestione delle interfacce dislocate su scala globale nell ambito del contratto di commessa e da questo derivanti. Approccio pratico/applicativo con utilizzo di tool specifici, esercitazioni su casi reali e analisi delle realtà operative dei partecipanti. Il corso può essere tenuto in italiano o in inglese. Top e Middle Manager, Contract Administrator & Manager, Interface Managers. Definizioni Common law e civil law Elementi chiave dei contratti Processo di formazione del contratto Esecuzione del contratto Responsabilità Chiusura del contratto Ruolo del project manager nella gestione del contratto Termini e condizioni contrattuali Amministrazione del contratto Tipologie di contratto e rischi associati Clausole contrattuali Controllo delle modifiche Claim management Negoziazione Comunicazione Chiusura del contratto Towers Watson Academy 11

12 People and Management International Bidding (Provided In English Only) Code: P&M 07 Objectives Use a formal method of identifying customer needs and matching these against Company s products and services Describe the difference between product/service features advantages and benefi ts, and relate these terms to the customers and suppliers role in the buying cycle Understand the Prospect Qualifi cation process to decide if the Company is going to bid Use a process to assess Company s and competitors strengths and weaknesses against a set of valid decision criteria and develop strategies and plans to improve Company s chances of winning profi table business against competition Methodology Practical approach, with extensive contributes from International Senior Manager Senior Consultants, Top Managers and Advisors. Target Top and Middle Managers, Contract Administrators, Interfaces Managers. Topics Introduction The objectives of the course, participants personal objectives, timetable. Classroom Session Understanding Customer Needs Syndicate Work: Understanding Customers Needs Classroom Session: Prospect Qualifi cation The purpose of qualifi cation; the provision of a structured checklist for qualifying bids; the role of SCOTSMAN, bid sign-on; assessing and managing risk Syndicate Work: Prospect Qualifi cation Classroom Session: Competitive Analysis Syndicate Session: Competitive Analysis 12 towerswatson.com

13 La Comunicazione Efficace Abbiamo tutti dentro un mondo di cose: ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno per sé, del mondo com egli l ha dentro? Crediamo di intenderci; non ci intendiamo mai! Luigi Pirandello Questo percorso utilizza due approcci complementari: da una parte l uso delle tecniche attoriali per un pieno sviluppo delle potenzialità comunicative individuali e dall altra i modelli della psicologia differenziale, che aiutano a riconoscere le differenze individuali per un ottimale gestione delle relazioni. La proposta formativa è innanzitutto rivolta ad aumentare la consapevolezza di sé, l uso della propria emotività, la capacità di interazione e di espressione attingendo alle tecniche attoriali che non sono mirate alla performance in quanto tale, ma alla comprensione della propria natura, dello strumento che si andrà ad utilizzare in scena come nella vita lavorativa, insomma: se stessi. Il lavoro su queste tecniche può favorire una maggiore predisposizione a mettersi in gioco, a sperimentare nuove metodologie, riuscendo a raccogliere feedback diretti e costruttivi su abilità che spesso fanno la differenza tra una comunicazione fredda e impersonale e una comunicazione effi cace e coinvolgente. I percorsi suggeriti in quest area offrono anche l opportunità di acquisire una suffi ciente pratica per utilizzare nelle relazioni di lavoro quotidiane i principi della psicologia differenziale, che riconosce differenti profili e stili di comportamento individuali. Per esprimere effi cacemente la propria leadership nel contesto sociale nel quale si opera, è necessario tener conto delle proprie caratteristiche personali e di quelle dei propri interlocutori e della relazione di influenzamento reciproca che si può di volta in volta realizzare. Competenze chiave per la propria effi cacia personale, in ruoli sia professionali che manageriali, sono la negoziazione e la gestione dei conflitti, che possono orientarsi verso l interno dell organizzazione o l esterno, nei confronti di partner, clienti, fornitori, gruppi di interesse. Towers Watson Academy 13

14 People and Management L arte di comunicare, convincere e argomentare Code: CE 01 Riconoscere il proprio stile di comunicazione e di comportamento nel lavoro. Comprendere come i differenti stili comportamentali possono infl uenzarsi. Migliorare le abilità di ascolto ed espressione del proprio pensiero. Sviluppare effi caci strategie di relazione. La metodologia utilizzata è quella del ciclo dell action learning: esperienza concreta, rifl essione e concettualizzazione, sperimentazione attiva. A tale scopo viene proposto un mix di brevi presentazioni, esercizi e simulazioni individuali e di gruppo, questionari dedicati, momenti di discussione e sistematizzazione, video esemplifi cativi. L intervento può essere integrato con attività con coaches specializzati per creare e sostenere piani di sviluppo personalizzati. People Manager, Professional, Sales Force. I contesti sociali sul lavoro L autodiagnosi dello Stile di Relazione Il Personal Profi le People Reading: il concetto di lettura dei comportamenti Guida rapida alla lettura degli stili Palestra: identifi care i 4 stili di comportamento per gli altri partecipanti Esercizi e simulazioni sulla comunicazione persuasiva Identifi care e ridurre il livello di stress I 4 stili di comportamento: i segnali non verbali Flessibilità: un discorso pubblico interpretando stili diversi Cross-counseling lavoro sul feedback Analisi dell effi cacia del proprio stile nel contesto della riunione I Comportamenti effi caci con diversi stili di relazione Simulazione di relazioni uno a uno La formulazione di una Strategia di Relazione verso i diversi interlocutori nel sistema azienda Il Piano d Azione personale per instaurare una relazione di lavoro più effi cace con diversi interlocutori nel sistema azienda Comunicazione Effi cace col Teatro d Impresa Code: CE 01 Fornire gli strumenti per riconoscere e migliorare nel tempo le abilità di: ascolto espressione del proprio pensiero uso della voce uso del proprio corpo per comunicare nei contesti di: presentazioni in pubblico situazioni uno a uno comunicazione scritta ( , meeting notes, etc.) situazioni informali riunioni La metodologia utilizzata è quella del ciclo dell action learning: esperienza concreta, rifl essione e concettualizzazione, sperimentazione attiva. A tale scopo viene proposto un mix di brevi presentazioni, molti esercizi e simulazioni individuali e di gruppo che derivano dalla pratica dell addestramento degli attori. L intervento può essere integrato con attività con coaches specializzati per creare e sostenere piani di sviluppo personalizzati. People Manager, Professional, Sales Force. L importanza della Comunicazione sul lavoro Public Speaking Moving con videoriprese Esercizi sul ritmo (movimento e trasmissione di impulsi) Workshop sul public speaking con videoriprese Guida rapida alla lettura degli stili Il processo di scoperta: il proprio stile prevalente La mappa delle relazioni Esercizi di osservazione e feedback Rivedere e Rivedersi Feedback session Il Piano d Azione personale 14 towerswatson.com

15 La Leadership Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito Antoine De Saint-Exupéry Senza leadership, alle persone manca la lungimiranza e il coraggio di veleggiare e scoprire un Nuovo Mondo. Manager Redefi ned: The Competitive Advantage in the Middle of Your Organization. Di Thomas D. Davenport e Stephan D. Harding, Towers Watson. Lo sviluppo della leadership è da sempre un tema critico delle aziende. Come rendere più effi cace e più visibile la leadership del vertice? Come aiutare i nuovi manager a confrontarsi con le sfi de poste dal nuovo ruolo? Come accrescere la leadership negli alti potenziali e preparare la successione? Siamo oramai consapevoli dell esistenza di un industria dello sviluppo della leadership che propone incessantemente nuovi modelli e modi di intendere la leadership, nuovi programmi e rifacimenti di vecchi approcci. La differenza nell approccio Towers Watson sta nella modalità di defi nire e identifi care le cosiddette Leadership Capabilities utilizzando risultati empirici basati su banche dati che derivano dalle indagini organizzative Towers Watson, ad esempio le indagini di opinione che raccolgono dati da 400 aziende tra le più grandi al mondo con oltre 4 milioni di opinioni ogni anno e dalle ricerche che periodicamente conduciamo sulle aziende più innovative e più effi caci nel realizzare cambiamenti. La nostra offerta formativa parte dalle risposte alle seguenti domande: Che cosa caratterizza la leadership nelle aziende high performing? E nelle aziende più innovative? O capaci di realizzare con successo rilevanti cambiamenti? Cosa rende i leader effi caci nella percezione dei dipendenti? Quali fattori della leadership hanno empiricamente dimostrato di funzionare? Qual è la relazione tra strategia aziendale e comportamenti di leadership? Qual è il profi lo del middle manager effi cace? Executing Tasks Developing People Delivering the Deal Energizing Change Authenticity and Trust L offerta della TW Academy per lo sviluppo della leadership propone in modo fl essibile e personalizzabile una serie di moduli per lo sviluppo di una leadership effi cace. Towers Watson Academy 15

16 People and Management Self Leadership Code: L 01 Aiutare le persone ad essere artefici del proprio successo. Per guidare efficacemente i collaboratori è necessario che essi stessi prendano l iniziativa e si assumano la responsabilità della propria crescita personale verso una prestazione eccellente di lavoro. Questo seminario ha la finalità di: sviluppare una visione personale del lavoro e imparare a definire con chiarezza i propri obiettivi individuali definire di che cosa si ha bisogno (dai responsabili, collaboratori e colleghi) per raggiungere gli obiettivi applicare un metodo per misurare i progressi verso il successo e per gestire ostacoli e momenti di stress lungo il percorso imparare a costruire la competenza, superare la disillusione, accrescere l autostima e guadagnarsi l autorevolezza. La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Questo percorso può essere sostenuto nella fase di pre-training dalla raccolta di questionari sia in self assessment che compilati dal Manager del partecipante. Giovani Professional, Risorse con Potenziale, New Manager. Comportamenti e sfera d influenza Gli elementi della Self Leadership Le responsabilità chiave del proprio ruolo e stadi di sviluppo I bisogni collegati allo sviluppo Modello e stili di leadership Mappa della Self Leadership Il feedback come processo di crescita Partnering e influenza Negoziare l autonomia Il Piano di Azione personale Sviluppo della Performance con la Leadership Situazionale Code: L 02 Il Seminario ha la finalità di sviluppare la capacità di influenza nel rapporto capo/collaboratore, con obiettivi specifici: sviluppare un approccio/linguaggio strutturato sulla leadership saper riconoscere le abilità del leader situazionale sviluppare la capacità del leader di utilizzare i diversi stili di Leadership fornire strumenti per diagnosticare i quattro livelli di sviluppo professionale del collaboratore applicare il modello del Partnering for Performance ai diversi momenti dell interazione capo-collaboratore La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni Questo percorso può essere sostenuto nella fase post-training da un lavoro con executive coaches per creare e sostenere piani di sviluppo individuali. People Managers. I comportamenti efficaci e non nella gestione dei collaboratori I fondamentali della Leadership Situazionale: le tre abilità del leader La diagnosi: definizione di obiettivi competenza - coinvolgimento I 4 livelli di sviluppo dei collaboratori e i bisogni collegati ai diversi livelli Autodiagnosi del proprio stile di leadership I 4 stili di leadership e i comportamenti propri dei diversi stili I bisogni dei collaboratori e lo stile più adeguato di leadership Partnering for Performance - l accordo sulla prestazione e la condivisione dello stile di leadership I colloqui di valutazione e sviluppo Diagnosi del livello di sviluppo di un collaboratore La Developmental Task Analysis: Analisi di casi reali Piano di applicabilità del modello nella realtà operativa 16 towerswatson.com

17 Autenticità e Fiducia: Emotional Leadership Code: L 03 Migliorare la capacità di riconoscere e gestire le emozioni proprie, altrui e di gruppi. Le emozioni sono contagiose e le persone, sviluppando intelligenza emotiva, sono consapevoli dei sentimenti che trasmettono agli altri. Possono vedere come le emozioni e i sentimenti influiscono sulle performance collettive, migliorandole o, al negativo, limitandole. Dalla partecipazione al workshop i partecipanti possono attendersi di: Comprendere le 4 componenti dell Intelligenza Emotiva e sperimentarne l impatto nei ruoli di Leader Riconoscere punti di forza e aree di miglioramento personali, sperimentando modalità per migliorarsi Definire azioni per implementare l apprendimento alle relazioni di lavoro, con colleghi, clienti e collaboratori. La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Questo percorso può essere sostenuto nella fase di pre-training dalla raccolta di feedback a 360 per ciascun partecipante e da letture e link utili. Forniamo inoltre nella fase post-training l opportunità di lavorare con executive coaches per creare e sostenere piani di sviluppo individuali. Top e Middle Managers. I cluster della Intelligenza Emotiva Impatto dell intelligenza emotiva sulle pratiche di leadership Esercizi di consapevolezza: riconoscere le proprie emozioni e il loro impatto sulle proprie decisioni e sugli altri Esercizi di gestione della propria emotività: esprimere positivamente le proprie emozioni per interagire costruttivamente con l ambiente circostante e rispondere positivamente nelle situazioni di stress Esercizi di consapevolezza sociale: comprendere il ruolo delle emozioni nell ascolto e nelle interazioni per migliorarsi Gestione delle relazioni interpersonali: gli schemi relazionali per ispirare e influenzare gli altri in una relazione emozionalmente efficace Piano d azione individuale - Come migliorare la leadership emotiva Manager as a Coach Code: L 04 Il Coaching è un modello relazionale rivolto alle persone e alle organizzazioni che vogliono trasformare i propri obiettivi di crescita e di performance in risultati eccellenti. Il Coach offre supporto, allena e incoraggia le persone e i gruppi ad apprendere strategie utili per raggiungere le proprie mete personali e professionali senza sostituirsi a loro, né guidarle, ma aiutandole ad orientarsi tra le risorse disponibili. Il Manager, adottando un approccio da Coach nel gestire le proprie risorse, riesce ad incrementarne autonomia, senso di responsabilità e proattività. Le risorse aumentano il loro livello di soddisfazione e raggiungono più facilmente le loro performance. Dalla partecipazione al workshop i partecipanti possono attendersi di sviluppare abilità quali: Costruire fiducia reciproca Ascoltare attivamente Stimolare la positività e l ottimismo Sostenere le performance Fornire feedback Valorizzare le persone La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Offriamo l opportunità di lavorare con executive coaches al fine di creare e sostenere piani di sviluppo individuale. People Manager. Il programma esplora le modalità attraverso le quali il coach supporta le persone nell affrontare le cinque maggiori sfide nella vita e nel lavoro: Chiarificare dove si vuole andare Comprendere il punto di partenza Definire un piano di azione e un commitment Offrire e ricevere rinforzo positivo Riconoscere l esigenza di correggere il piano. I contenuti trattati sono: Benefici e Principi del Coaching La relazione di Coaching Il Coaching Models Le abilità del Coach: Listening, Language, Questioning, Strategizing, Messaging, Acknowledging I contesti del Coaching Towers Watson Academy 17

18 People and Management Leadership e Innovazione La motivazione dei collaboratori Code: L 05 Le aziende necessitano sempre più di innovazione, ma spesso i leader non sono consapevoli delle barriere che impediscono l implementazione di questa Strategia dell Innovazione. Towers Watson ha sviluppato un modello e un approccio metodologico, applicato in molte aziende di successo nel mondo, che prevede un percorso personalizzabile e concretamente verificabile. Il seminario consente ai partecipanti di verificare le proprie prassi di gestione delle persone e dell innovazione rispetto a un modello derivante dalle best practice, per identificare più efficaci strategie di coinvolgimento e motivazione dei gruppi di lavoro per lo sviluppo dell innovazione nei vari contesti aziendali. Dalla partecipazione al workshop i partecipanti possono attendersi di sviluppare abilità quali: Sviluppare innovazione nei diversi contesti aziendali Sostenere la capacità di decidere in situazioni complesse Verificare il proprio modello di gestione delle persone e di sperimentare l adozione di più efficaci strategie di coinvolgimento e motivazione dei collaboratori Aumentare la capacità di promuovere l innovazione La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Offriamo l opportunità di lavorare con executive coaches al fine di creare e sostenere piani di sviluppo individuale. Top e Middle Managers. Il processo di conduzione efficace del lavoro di gruppo: costituzione, manutenzione, e sviluppo Competizione, cooperazione, fiducia Lo sviluppo del pensiero innovativo Le tecniche e gli strumenti per accrescere l innovazione Il cambiamento dei paradigmi individuali come base per stabilire relazioni organizzative efficaci ed ottenere performance eccellenti Le condizioni organizzative per lo sviluppo dell innovazione Code: L 06 Durata: 1+1 Giorni Il tema della motivazione dei collaboratori non è certamente nuovo. Negli ultimi anni alcuni cambiamenti strutturali hanno messo in discussione alcune delle modalità tradizionali di confrontarsi con questo tema. L utilizzo di motivatori estrinseci è divenuto particolarmente critico: minore disponibilità di leve economiche e minori opportunità di carriera da offrire ai propri collaboratori. Per questo motivo è essenziale comprendere meglio come attivare processi di motivazione intrinseca e imparare ad utilizzare con efficacia le relative tecniche manageriali. Questo approccio, molto più semplice da apprendere di quanto si potrebbe supporre, risulta straordinariamente efficace nei moderni contesti lavorativi. Alla fine del workshop i partecipanti dovrebbero: Comprendere le dinamiche fondamentali che determinano la tipologia e l intensità di motivazione dei propri collaboratori Identificare le proprie modalità di gestione e sviluppo della motivazione nei collaboratori Essere in grado di mettere a punto un piano di sviluppo individuale per accrescere la motivazione dei propri collaboratori senza l utilizzo di incentivi e premi La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Top e Middle Managers. I fondamenti della motivazione, le esperienze e le aspettative individuali dei partecipanti La capacità di riconoscere e discriminare le differenti tipologie di motivazione La capacità di riconoscere e valorizzare le specificità individuali dei collaboratori in ambito motivazionale Le essenziali distinzioni pratiche fra i concetti di premio, punizione e rinforzo La capacità di mettere in pratica il metodo del rinforzo positivo e di comprendere le ragioni per le quali è più veloce, efficace ed economico La creazione di un piano articolato di valorizzazione e motivazione del proprio gruppo di collaboratori 18 towerswatson.com

19 Influencing without power: l uso delle reti sociali nella pratica manageriale Code: L 07 Durata: 1+1 Giorni L arte di usare le reti sociali come strumento per valorizzare i propri ruoli aziendali e ottenere risultati importanti e stabili. Molte organizzazioni si trovano ad operare con strutture organizzative di tipo matriciale. Molto spesso il successo di progetti di importanza critica dipende dalla capacità dei responsabili di governare team di collaboratori nei confronti dei quali non si abbiano posizioni di autorità gerarchica. Moltissimi processi di cambiamento sono governati con questo tipo di logiche. Per questo motivo (e per molti altri connessi con i processi di globalizzazione) è importante comprendere la natura delle reti sociali e le strategie per il loro utilizzo. Alla fine del workshop i partecipanti saranno in grado di: Comprendere la propria struttura e la propria capacità di influenza all interno dell organizzazione Sviluppare un piano di crescita della propria capacità di influenzamento attraverso le relazioni Saper leggere le strutture relazionali dei propri interlocutori in ambito lavorativo e sapere gestire con maggiore efficacia i relativi rapporti di influenzamento La metodologia utilizzata è quella dell Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Offriamo l opportunità di lavorare con executive coaches al fine di creare e sostenere piani di sviluppo individuale. People manager che si trovano a gestire team formali e informali senza disporre di un autorità ufficiale nei confronti dei partecipanti. Le caratteristiche, la natura delle reti sociali e perché oggi siano divenute fondamentali nella pratica manageriale Imparare a conoscere il proprio profilo e le proprie capacità di influenzamento attraverso le relazioni Sapere riconoscere le strutture e le caratteristiche delle reti di relazioni all interno delle organizzazioni: perché la densità, la diversità e la tipologia dei nostri contatti può essere un elemento determinate nel definire la nostra capacità di ottenere risultati e di fare carriera Conoscere ed essere in grado di mettere in pratica adeguate strategie per sviluppare e calibrare in modo adeguato la nostra rete sociale in funzione dei nostri ruoli e dei nostri obiettivi Personal Mastery: sviluppare la propria capacità di autogoverno in contesti lavorativi Code: L 08 Durata: 2+1 Giorni In questo percorso si apprendono modalità e strategie per perseguire in modo concreto ed efficace il proprio sviluppo individuale e quello dei propri collaboratori. Spesso questa capacità di governare se stessi e di apprendere è definita con il termine proattività Alla fine del workshop i partecipanti dovrebbero: Essere capaci di distinguere i propri comportamenti reattivi ed istintivi da quelli realmente scelti e responsabili, definiti come proattivi Identificare in modo coerente obiettivi e mezzi per raggiungerli Conoscere i propri errori cognitivi e sviluppare strategie per limitarli Action Learning: esperienze concrete, riflessioni e concettualizzazioni, sperimentazione attiva. Un mix di presentazioni, discussioni in gruppo, video e contributi di ospiti, simulazioni. Offriamo l opportunità di lavorare con executive coaches al fine di creare e sostenere piani di sviluppo individuale. Top e Middle Managers. La pratica del governo di sé nel contesto dei principali modelli di gestione manageriale: learning organizations (Senge), Seven Habits (Covey), Emotional intelligence (Goleman), Situational Leadership (Blanchard) Identificazione dei profili individuali e relative aree di sviluppo La pratica dello sviluppo della proattività: come imparare a governare se stessi e come imparare ad imparare La capacità di focalizzare la proattività: l arte di identificare mete e obiettivi sia sul breve che sul lungo termine, sia in ambito professionale che privato La capacità di allenarsi allo sviluppo della proattività Towers Watson Academy 19

20 People and Management Il TeamWorking Nessuno è così brillante da solo quanto possiamo esserlo tutti insieme Anonimo Il lavoro di gruppo può essere una esperienza estremamente stimolante e formativa, quando si verifi cano le migliori condizioni per mettere insieme le motivazioni e le competenze distintive dei componenti del team. L approccio adottato nei corsi proposti trae le sue origini in molteplici esperienze: La formazione esperienziale e in outdoor, da cui deriviamo la modalità di fare formazione: si sperimentano forme di collaborazione su tematiche, anche apparentemente lontane dalla esperienza di lavoro dei partecipanti, che rappresentano in realtà delle chiare metafore della vita aziendale. Si offre la possibilità di pianifi care e realizzare strategie vincenti, affrontando imprevisti e coordinandosi a vicenda, mettendo insieme energie e abilità delle persone al servizio del team; La ricerca sui gruppi di successo, da cui derivano le regole e i modelli organizzativi per il funzionamento dei gruppi e che consentono di diagnosticare e identifi care le nuove prassi da adottare; La dimensione emotiva e relazionale, che aiuta a fondare l azione sulla partecipazione, ad infondere il senso dell obiettivo e dell appartenenza, a migliorare la comunicazione e le capacità di ascolto, a fare attenzione ai segnali nel gruppo e al clima. Ci si sperimenta quindi rispetto alle doti di adattamento, ascolto, gestione dello stress, fl essibilità e reattività. I corsi proposti sono indirizzati ad affrontare diverse tipologie di sfi de: Il team building: la costruzione di team veramente effi caci e orientati alla performance e allo sviluppo delle abilità dei partecipanti; La leadership dei team: il tipo di leadership più effi cace nelle diverse fasi del ciclo di vita del team; La guida dei team in contesti di forte cambiamento. 20 towerswatson.com

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli