Approccio terapeutico dei tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approccio terapeutico dei tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi"

Transcript

1 Approccio terapeutico dei tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi La maggior parte dei pazienti affetti da adenocarcinoma del pancreas presenta, alla diagnosi, uno stadio avanzato di malattia. Ad oggi, le strategie terapeutiche, in presenza di malattia localmente avanzata o borderline resectable restano controverse. In questo lavoro abbiamo analizzato le definizioni correnti di tumore del pancreas localmente avanzato, la necessità di approcci terapeutici multidisciplinari, il ruolo della radiochemioterapia, dell ablazione con radiofrequenza, la brachiterapia, le tecniche di criochirurgia. Infine, abbiamo valutato la possibilità di resezione chirurgica dopo downstaging di malattia e i dati sulla sopravvivenza. Pancreatic adenocarcinoma, at the diagnosis, in the majority of patients, is a systemic or locally advanced disease. Up today, we lack a clear therapeutic strategies in presence of a locally advanced or borderline resectable disease. This article reviews the current definitions of locally advanced pancreatic cancer, how it is diagnosed and staged, the current multidisciplinary strategies, the benefits of neoadjuvant chemoradiotherapy, radiofrequency ablation, brachytherapy, cryosurgical techniques. After all, we considered tumor response rate, role of surgical resection after tumor downstaging and survival rate. Parole chiave: tumore del pancreas localmente avanzato, potenzialmente resecabile o borderline resectable, radiochemioterapia, ablazione con radiofrequenza, brachiterapia, criochirurgia, downstaging di malattia Key words: locally advanced pancreatic cancer, borderline resectable pancreatic cancer, chemoradiation therapy, radiofrequency ablation, brachytherapy, cryosurgery, pancreatic cancer downstaging Roberto alvia Isabella Frigerio Federico elvaggi Paolo Innocenti Claudio Bassi Paolo Pederzoli Dipartimento di Chirurgia Ospedale "G.B. Rossi" Università di Verona Dipartimento di Chirurgia Casa di Cura "P. Pederzoli" di Peschiera del Garda (VR) Dipartimento di cienze Chirurgiche, "G. d'annunzio" di Chieti Introduzione Il carcinoma pancreatico è la quarta causa di morte per neoplasia ed è associata ad una prognosi infausta (1). olo il 1020% dei casi è candidabile all intervento chirurgico con intento resettivo al momento della diagnosi (26), mentre il restante 80% dei casi presenta malattia metastatica o localmente avanzata (3,7). L intervento chirurgico oncologicamente radicale (R0) non è sufficiente, da solo, a migliorare la prognosi di questi pazienti: l insorgenza di recidiva locale, metastasi epatiche o entrambi può avvenire entro 12 anni (2). ono stati ampiamente dimostrati gli effetti del trattamento adiuvante sulla sopravvivenza nei pazienti con tumore del pancreas resecabili: la chemioterapia offre un vantaggio significativo di sopravvivenza, mentre l associazione di chemio e radioterapia postoperatoria è stato dimostrato avere l effetto contrario (8). Il gold standard del trattamento per i pazienti affetti da tumore pancreatico resecabile è ormai ben definito e si compone di chirurgia radicale seguita da chemioterapia adiuvante sistemica (8) Giorn Ital End Dig 2011;34:

2 178 Roberto alvia et al > Tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi Per i pazienti affetti da tumore del pancreas localmente avanzato non esiste attualmente uno schema terapeutico universalmente accettato. Nonostante la disponibilità di molti trattamenti, nessun consenso è stato raggiunto sulla loro combinazione e i dati attuali sono ancora discordanti. A fini palliativi, sono stati proposte diverse strategie come chemioterapia, radioterapia esterna o intraoperatoria, brachiterapia con iodio125, criochirurgia e ablazione con radiofrequenza. L obiettivo di questa analisi è valutare, nei pazienti con tumore localmente avanzato del pancreas, gli attuali risultati della chemioradioterapia adiuvante e dei diversi trattamenti chirurgici, ablativi invasivi e non, con particolare attenzione a: risposta locale percentuale di downstaging benefici clinici tossicità sopravvivenza. Il ruolo della chemioradioterapia (CRT) nel downstaging della neoplasia non resecabile: una strada verso la chirurgia Nella patologia oncologica gastrointestinale, è ampiamente dimostrato il beneficio della chemioradioterapia preoperatoria finalizzata a raggiungere i criteri di resecabilità laddove non vi fossero al momento della diagnosi. L effetto atteso dalla CRT è quello di ridurre il volume della neoplasia, la sua componente perivascolare e la percentuale di interessamento linfonodale (9). I risultati dell associazione di chemio e radioterapia sono stati superiori a quelli della sola chemioterapia o radioterapia in termini di mediana di sopravvivenza, senza tuttavia migliorare la prognosi a lungo termine dei pazienti affetti da neoplasia del pancreas (10). Dagli anni 90 ad ora diversi gruppi oncologici hanno proposto varie associazioni di terapia, e i benefici in termini di downstaging e di riduzione del rischio di recidiva locale sono stati dimostrati dai gruppi del Massachusetts General Hospital, Fox Chase Cancer Center, MD Anderson Cancer Center, Roger Williams Center e Mount inai Hospital (9, 10). Nelle loro casistiche la morbidità e mortalità postoperatoria non differivano da quella dei pazienti che non avevano ricevuto terapie preoperatorie. L effetto della terapia preoperatoria è evidente anche nei referti istologici: la completa scomparsa della neoplasia è tuttavia evento eccezionale e il riscontro di una macroscopica riduzione del tumore con le tecniche di imaging spesso non è soddisfacente (11). Non c è differenza, al momento, nella prognosi dei pazienti trattati con CRT preoperatoria o postoperatoria anche se la grande eterogeneità degli studi riportati rende difficile confrontare le varie casistiche: motivo di questa eterogeneità è, in primis, l assenza di una definizione universalmente accettata di tumore del pancreas localmente avanzato e dei criteri di resecabilità. Manca anche una classificazione oggettiva degli effetti del trattamento preoperatorio che sia basato su aspetti radiologici e, eventualmente, anatomopatologici. È difficile perciò interpretare in modo univoco i risultati che emergono dall analisi di queste casistiche. L individuazione dei pazienti affetti da carcinoma localmente avanzato rimane di cruciale importanza: la TAC spirale è attualmente l esame considerato da molti come il più affidabile nello stadiare localmente i rapporti vascolari della neoplasia. Considerando l infiltrazione vascolare come parametro discriminante, la classificazione è la seguente: non resecabile, borderline, resecabile (4,12). Viene definito localmente avanzato un tumore coinvolgente o infiltrante il tripode celiaco, l arteria mesenterica superiore e la confluenza mesentericoportale; anche il riscontro radiologico o intraoperatorio di coinvolgimento linfonodale peritumorale in un area compatibile con l area di irradiazione esterna classifica la neoplasia come localmente avanzata (4,11). Questa suddivisione è fondamentale per indirizzare il paziente al percorso terapeutico da cui ci si aspetta i benefici maggiori. L esperienza riportata da un centro italiano dimostra che un terzo dei pazienti affetti da tumore borderline trattato con CRT viene sottoposto a resezione radicale (4). Una neoplasia pancreatica viene definita da Varadhachary borderline resectable qualora c è il riscontro di infiltrazione di un breve tratto di arteria epatica comune con risparmio del tronco celiaco, coinvolgimento dell arteria mesenterica superiore interessante meno della metà della circonferenza del vaso (<180 ) e occlusione completa di un breve tratto della confluenza mesenterico portale (10). La classificazione proposta da Katz nel 2008 (13) suddivide i pazienti borderline in tre categorie: pazienti con caratteristiche anatomiche simili a quelle proposte da Varadhachary (tipo A); pazienti borderline all imaging o al riscontro intraoperatorio ma con ragionevole sospetto di malattia sistemica, per elevati valori di Ca19.9 o linfoadenopatie macroscopiche (tipo B); pazienti con malattia borderline ma non candidabili all intervento chirurgico per un basso performance status (tipo C) (13,14). Altri Autori, avvalendosi della classificazione proposta da Ishikawa nel 1992 (15) che propone invece quattro gradi di coinvolgimento della confluenza mesentericoportale da parte della neoplasia:

3 Non è mai stata documentata una completa risposta alla terapia (12). Lind et al hanno portato alla chirurgia resettiva radicale (R0) il 47% dei pazienti trattati con CRT (17). Il vantaggio supposto della CRT neoadiuvante era quello di raggiungere una completa radicalità oncologica con la resezione (R0), tuttavia la percentuale di pazienti sottoposti a chirurgia come primo trattamento e nei quali si è ottenuta una resezione R0 sale fino a raggiungere il 75% come riportato da Lind. Le differenze negli schemi di terapia neoadiuvante adottati nei diversi studi e la diverse modalità di stadiazione dei pazienti considerati porta ad una disomogeneità nei risultati in termini di risposta alla terapia e di percentuale di resezioni R0. Nell esperienza del Memorial loan Kettering venivano candidati all intervento chirurgico solo quei pazienti con risposta parziale alla restadiazione, mentre il gruppo della Duke University definisce la trombosi portale o l infiltrazione arteriosa come una controindicazione alla chirurgia. Altri autori considerano passibili di chirurgia resettiva quei pazienti con risposta parziale o con stabilità di malattia e normalizzazione dei markers oncologici (4). La resezione dopo terapia neoadiuvante porta a significativi vantaggi in termini di sopravvivenza se confrontata con i pazienti non sottoposti a CRT (4). La mediana di sopravvivenza nelle recenti casistiche è 15.4 mesi nel localmente avanzato e 14 mesi dopo chirurgia dei tumori resecabili alla diagnosi senza terapia preoperatoria (con o senza terapia adiuvante). Una sopravvivenza libera da malattia maggiore di 24 mesi è possibile solo in presenza di chirurgia R0. Lo studio di Wanebo et al sull efficacia della CRT neoadiuvante riporta quanto segue: di 14 pazienti con neoplasia localmente avanzata, tutti stadiati chirurgicamente prima di iniziare il trattamento, 8 sono andati incontro a resezione e in 6 casi è stata dimostrata una risposta istologica al trattamento. Un elevata morbidità e la mancanza di vantaggi in termini di sopravvivenza sono i principali punti critici di questo studio: la mediana di sopravvivenza nei pazienti resecati dopo CRT era di 19 mesi versus i 9 mesi dei pazienti non operati (9,11). È importante sottolineare che la CRT preoperatoria non aumenta il tasso di complicanze chirurgiche e, come riportato da altri autori, si può raggiungere una mediana di sopravvivenza di 2829 mesi dopo CRT neoadiuvante e resezione (7,12,17). La maggior parte dei pazienti è in grado di completare il ciclo di terapia neoadiuvante con accettabile livello di tossicità neurologica e gastrointestinale (12). L esame istologico dei pazienti sottoposti a resezione dimostra che, nonostante ci sia stata una risposta alla terapia, tuttavia persistono, alla periferia della neoplasia, cellule neoplastiche vitali raggruppate in isolati foci circondati da fibrosi (11). Anche se in presenza di nega tadio I: il tumore disloca l asse venoso senza riduzione del lume vasale; tadio II: compressione vasale unilaterale da parte del tumore; tadio III: compressione vasale bilaterale; tadio IV: compressione bilaterale vasale con riscontro di circoli vascolari collaterali), considerano i pazienti con dislocamento o compressione della vena mesenterica superiore o della confluenza mesenterico portale come borderline e quindi candidati a terapia neoadiuvante in previsione della chirurgia (16). In conclusione, come indicato dal gruppo di studio costituito dal Fox Chase Cancer Center e dall American Hepato Pancreato Biliary (AHBA) ociety of urgical Oncology (O) ociety for urgery of the Alimentary Tract (AT), i pazienti con malattia borderline devono essere sottoposti a chemioterapia di induzione prima dell intervento chirurgico (14). In altri studi lo status di localmente avanzato è riferito al coinvolgimento della circonferenza vasale che sia superiore o inferiore al 50% per un estensione maggiore o minore di 2 cm (17). La risposta alla CRT viene valutata secondo i criteri RE CIT (criteri di valutazione di risposta nei tumori solidi) con TAC spirale 68 settimane dopo la CRT (4,12). e la neoplasia non è più radiologicamente visibile si parla di risposta completa, mentre una riduzione di almeno il 30% del volume viene intesa come risposta parziale. Una riduzione < 30% o un incremento volumetrico < 20% della lesione viene intesa come stabilità di malattia mentre una progressione è presente qualora la neoplasia sia aumentata di > 20%. In uno studio su 25 pazienti con neoplasia localmente avanzata, il 64% presentava stabilità o riduzione di malattia dopo terapia neoadiuvante che consisteva in radioterapia esterna (RT) frazionata in dosi giornaliere di 180cGry per un totale di 4500cGry, associata a 5FU (11). La percentuale di dowstaging riportata da Jessup et al in uno studio su 16 pazienti raggiunge il 13% dopo CRT con un intervallo libero di malattia di 22.5 mesi (18). Uno studio prospettico del Memorial loankettering Center documenta il 3% di risposta parziale alla CRT tale da indicare l esplorazione chirurgica. Altri studi hanno dimostrato che il 33% dei pazienti con malattia borderline e il 6% di quelli con neoplasia non resecabile sono stati sottoposti a chirurgia resettiva dopo un trattamento CRT con gemcitabina (1000mg m2 settimana) associata a RT (2442 Gy, 1,62,8 Gy per dose) (10). a Cunha et al riportano un tasso di risposta parziale del 30% del gruppo studiato e sottoposto a CRT: il 21% di questi è andato incontro a demolizione con resezione vascolare maggiore (vena porta o vena mesenterica superiore). Giorn Ital End Dig 2011;34:

4 180 Roberto alvia et al > Tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi tività linfonodale e dei margini di resezione, l esperienza del MD Anderson Cancer Center conferma l impossibilità di una remissione patologica completa nei pazienti trattati con CRT preoperatoria. Lo studio presentato da Reni con una combinazione di 4 farmaci seguiti da RT ha riportato risultati importanti (6): la chemioterapia veniva eseguita per 6 mesi con cisplatino, epirubicina, 5fluorouracil/capecitabine, gemcitabina o docetaxel al posto dell epirubicina, e completata dalla radioterapia. Il 14% della popolazione studiata è andato incontro a resezione e la mediana di sopravvivenza è stata di 16.2 mesi (6). In questo studio, la sopravvivenza dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico resettivo è stata maggiore rispetto a quelli non candidabili a resezione per remissione solo parziale della neoplasia, e inoltre, i primi hanno avuto una più lunga sopravvivenza libera da malattia. Questi risultati sono ancora più importanti se si considera che la definizione di malattia localmente avanzata è stata rigorosa e che solo i pazienti in stadio III sono stati inclusi. L associazione dei diversi farmaci chemioterapici seguita dalla radioterapia non ha aumentato in modo significativo la tossicità del trattamento (6). Un concetto che gli autori hanno voluto sottolineare è che la chemioterapia sistemica è uno strumento per eliminare le micro metastasi e per selezionare un sottogruppo di pazienti che potrebbero trarre beneficio da trattamenti locoregionali. La chemioterapia di induzione può aumentare la percentuale di soggetti responsivi alla chemioradioterapia, riducendo il volume della neoplasia e la successiva chemioradioterapia può aumentare il numero di pazienti candidabili a resezione chirurgica anche se non tutti gli studi sono concordi nelle percentuali di guadagno della resecabilità. Le questioni irrisolte riguardano la capacità di valutazione obiettiva all imaging di risposta alla terapia e la percentuale di pazienti che vengono esclusi dall intervento per la difficoltà tecnica della resezione vascolare. Una recente revisione sistematica ha analizzato il tasso di resezione e la sopravvivenza dopo terapia neoadiuvante di diverse casistiche: viene riportato un tasso di resezione dell % incluso il % dei pazienti con resezione R0. I pazienti con neoplasia non resecabile alla diagnosi avevano una sopravvivenza mediana dopo l intervento che variava da 16.4 a 32 mesi. La mediana della sopravvivenza è di 23.6 mesi rispetto ai 14 mesi dei pazienti affetti da neoplasia in stadio precoce operati al momento della diagnosi (7). Il livello di evidenza sull utilità della CRT neoadiuvante nei pazienti con carcinoma pancreatico localmente avanzato è a tutt oggi basso: sono necessari ulteriori studi per trarre conclusioni definitive. Il ruolo della CRT neoadiuvante deve essere chiarito anche nel gruppo di pazienti con malattia borderline in quanto a rischio di resezione chirurgica non radicale. Ablazione con radiofrequenza (RFA) La radiofrequenza è un trattamento ablativo ampiamente utilizzato nella terapia palliativa di diverse neoplasie solide primitive e metastatiche. È recentemente divenuta un interessante opzione di terapia anche per il carcinoma del pancreas localmente avanzato. La letteratura tuttavia, non offre grandi esperienze sull applicazione della RFA nel carcinoma pancreatico. ono candidabili al trattamento quei pazienti che presentano malattia localmente avanzata in assenza di metastasi o ascite (5). La RFA viene eseguita in corso di laparotomia e sotto guida ecografica, entrambi fattori che garantiscono un controllo diretto e quindi più sicuro delle strutture vascolari e digestive peripancreatiche. Un recente studio ha dimostrato, in un gruppo di 50 pazienti con carcinoma pancreatico in stadio III, la fattibilità e la sicurezza della procedura, associata nel 60% dei casi a chirurgia palliativa e al 24% di morbidità (19). Alcuni autori hanno dimostrato un vantaggio in termini di sopravvivenza quando la RFA è associata a chirurgia palliativa (20): la sopravvivenza nei pazienti con malattia in stadio III trattati con RFA è stata di 38 mesi, contro i 14 mesi dei pazienti in stadio IV che avevano ricevuto lo stesso trattamento. i tratta di una delle più interessanti esperienze cliniche riportate in letteratura che dimostra un beneficio della RFA in termini di sopravvivenza per quei pazienti sottoposti a chirurgia palliativa (20). È stata confrontata la fattibilità, efficacia e sicurezza della RFA associata alla brachiterapia con Iodio125 dove l ablazione termica viene concentrata sulla porzione di neoplasia responsabile dell infiltrazione vascolare, mentre i reperi vengono impiantati nel tessuto pancreatico sano e nel duodeno. Nella serie riportata da Zou YP et al è stata dimostrata una miglior risposta locale, una significativa riduzione dei markers tumorali e del pain score, associati ad un minor tasso di complicanze. Altri studi hanno documentato il vantaggio nella qualità di vita raggiunto grazie ad un ottimale controllo del dolore (3,5,19). L associazione fra RFA e il trattamento con Iodio125 sembra quindi migliorare la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma in stadio III: serviranno ulteriori studi per confermare l efficacia della RFA integrata con altri trattamenti sperimentali. Brachiterapia La brachiterapia con Iodio125 analizzata in un ristretto numero di casi sembra offrire risultati promettenti (21). La tecnica prevede di raggiungere, nella sede della neoplasia, una dose cumulativa di 160 Gy irradiata in mo

5 do continuativo e omogeneo al fine di provocare morte cellulare (22). Dieci pazienti sui 31 studiati hanno ricevuto gemcitabina e 5FU dopo l impianto dei reperi: in tre casi viene descritta una risposta completa alla terapia, in 16 casi una risposta parziale e stabilità di malattia in 9 pazienti. La sopravvivenza mediana è stata di 7 e 11 mesi rispettivamente con il solo trattamento brachiterapico o con l associazione di chemioterapia (differenza significativa). In conclusione la brachiterapia con Iodio 125 è una metodica sicura, efficace e riproducibile per ottenere un controllo locale della malattia e provvedere ad un ottima palliazione dei sintomi (21,23). È riportato un controllo locale nell 80% dei pazienti trattati, con sopravvivenza a 123 anni rispettivamente del 33.9%, 16.9% e 7.8% con sopravvivenza mediana di 10 mesi (23). programmare i tempi e le dosi dei trattamenti chemioradioterapici neoadiuvanti. In terzo luogo, dopo aver chiarito i benefici citoriduttivi della terapia neoadiuvante, occorre definire le indicazioni alla chirurgia resettiva che può differire a seconda dei casi, o meglio, a seconda dei gruppi chirurgici di riferimento. In altre parole, l'esclusione dei pazienti dalla chirurgia con intento radicale potrebbe essere dettata anche dall abilità chirurgica personale. L'impatto reale della resezione curativa dopo chemioradioterapia è per queste ragioni ancora discussa. Risultati incoraggianti sembrano provenire dai nuovi trattamenti ablativi locali, come la radiofrequenza, la brachiterapia e la criochirurgia. ono necessari studi prospettici per definire il miglior protocollo terapeutico individuale e aumentare il numero di pazienti candidati alla resezione chirurgica curativa. Crioablazione Vengono riportati dati incoraggianti sulla criochirurgia nel trattamento del tumore del pancreas non operabile (24). L applicazione può essere percutanea o intraoperatoria: un numero variabile di criosonde (raffreddate a 160 C) viene collocato direttamente sul pancreas in base al diametro della neoplasia con lo scopo di raggiungere una temperatura di congelamento (22). I risultati di uno studio di fase I su 10 pazienti affetti da carcinoma pancreatico non resecabile dimostrano la sicurezza della procedura nella pratica clinica. Non viene riportata alcuna morbilità nè mortalità intraoperatoria. Non viene segnalato alcun vantaggio sulla sopravvivenza ma un buon effetto di controllo del dolore (24). Gli eventuali benefici in termini di risultati oncologici legati alla crioterapia devono essere indagati con ulteriori studi. L'effetto complementare della criochirurgia e dello Iodio125 è stato valutato in 49 pazienti (22). Questo studio ha reclutato anche pazienti in stadio IV di malattia ma i risultati suggeriscono un potenziale vantaggio solo per le neoplasie localmente avanzate (22). Conclusioni I dati provenienti dalla letteratura confermano che la chemioradioterapia neoadiuvante rappresenta una valida opzione per i pazienti affetti da carcinoma del pancreas localmente avanzato. In un terzo dei casi si ottiene un downstaging della neoplasia che diventa passibile di intervento resettivo. Alcuni aspetti rimangono comunque irrisolti: la stadiazione preoperatoria delle neoplasie non resecabili non è uniforme. È necessario standardizzare dei criteri oggettivi al momento della diagnosi per definire se un tumore è resecabile, localmente avanzato e borderline. Inoltre, è indispensabile Corrispondenza Roberto alvia Dipartimento di Chirurgia Ospedale "G.B. Rossi" P.le L. A. curo, Verona Tel Fax Bibliografia 1. Gillen, chuster T, Meyer Zum Büschenfelde C, Friess H, Kleeff J. Preoperative/neoadjuvant therapy in pancreatic cancer: a systematic review and metaanalysis of response and resection percentages. PLo Med 2010 Apr 20;7(4):e Neoptolemos JP, Dunn JA, tocken DD, Almond J, Link K, Beger H, Bassi C, Falconi M, Pederzoli P, Dervenis C, FernandezCruz L, Lacaine F, Pap A, pooner D, Kerr DJ, Friess H, Büchler MW; European tudy Group for Pancreatic Cancer. Adjuvant chemoradiotherapy and chemotherapy in resectable pancreatic cancer: a randomised controlled trial. Lancet 2001 Nov 10;358(9293): Zou YP, Li WM, Zheng F, Li FC, Huang H, Du JD, Liu HR. Intraoperative radiofrequency ablation combined with 125 iodine seed implantation for unresectable pancreatic cancer. World J Gastroenterol 2010 Oct 28;16(40): Massucco P, Capussotti L, Magnino A, perti E, Gatti M, Muratore A, gotto E, Gabriele P, Aglietta M. Pancreatic resections after chemoradiotherapy for locally advanced ductal adenocarcinoma: analysis of perioperative outcome and survival. Ann urg Oncol 2006 ep;13(9): D'Onofrio M, Barbi E, Girelli R, Martone E, Gallotti A, alvia R, Martini PT, Bassi C, Pederzoli P, Pozzi Mucelli R. Radiofrequency ablation of locally advanced pancreatic adenocarcinoma: an overview. World J Gastroenterol 2010 Jul 28;16(28): Reni M, Cereda, Balzano G, Passoni P, Rognone A, Zerbi A, Nicoletti R, Mazza E, Arcidiacono PG, Di Carlo V, Villa E. Outcome of upfront combination chemotherapy followed by chemoradiation for locally advanced pancreatic adenocarcinoma. Cancer Chemother Pharmacol 2009 Nov;64(6): Giorn Ital End Dig 2011;34:

6 Roberto alvia et al > Tumori solidi del pancreas non operabili alla prima diagnosi 7. Morganti AG, Massaccesi M, La Torre G, Caravatta L, Piscopo A, Tambaro R, ofo L, allustio G, Ingrosso M, Macchia G, Deodato F, Picardi V, Ippolito E, Cellini N, Valentini V. A systematic review of resectability and survival after concurrent chemoradiation in primarily unresectable pancreatic cancer. Ann urg Oncol 2010 Jan;17(1): Neoptolemos JP, tocken DD, Friess H, Bassi C, Dunn JA, Hickey H, Beger H, FernandezCruz L, Dervenis C, Lacaine F, Falconi M, Pederzoli P, Pap A, pooner D, Kerr DJ, Büchler MW; European tudy Group for Pancreatic Cancer. A randomized trial of chemoradiotherapy and chemotherapy after resection of pancreatic cancer. N Engl J Med 2004 Mar 18;350(12): Wanebo HJ, Glicksman A, Vezeridis MP, Clark J, Tibbetts L, Koness RJ, Levy A. Preoperative chemotherapy, radiotherapy, and surgical resection of locally advanced pancreatic cancer. Arch urg 2000 Jan;135(1):817; discussion Tse RV, Dawson LA, Wei A, Moore M. Neoadjuvant treatment for pancreatic cancera review. Crit Rev Oncol Hematol 2008 Mar;65(3): White R, Lee C, Anscher M, Gottfried M, Wolff R, Keogan M, Pappas T, Hurwitz H, Tyler D. Preoperative chemoradiation for patients with locally advanced adenocarcinoma of the pancreas. Ann urg Oncol 1999 JanFeb;6(1): a Cunha A, Rault A, Laurent C, Adhoute X, Vendrely V, Béllannée G, Brunet R, Collet D, Masson B. urgical resection after radiochemotherapy in patients with unresectable adenocarcinoma of the pancreas. J Am Coll urg 2005 ep;201(3): Katz MH, Pisters PW, Evans DB, un CC, Lee JE, Fleming JB, Vauthey JN, Abdalla EK, Crane CH, Wolff RA, Varadhachary GR, Hwang RF. Borderline resectable pancreatic cancer: the importance of this emerging stage of disease. J Am Coll urg 2008 May;206(5):83346; discussion Epub 2008 Mar Evans DB, Erickson BA, Ritch P. Borderline Resectable Pancreatic Cancer: Definitions and the Importance of Multimodality Therapy. Ann urg Oncol 2010;17: Ishikawa O, Ohigashi H, Imaoka, Furukawa H, asaki Y, Fujita M, Kuroda C, Iwanaga T. Preoperative indications for extended pancreatectomy for locally advanced pancreas cancer involving the portal vein. Ann urg 1992 Mar;215(3): Chun Y, Milestone BN, Watson JC, Cohen J, Burtness B, Engstrom PF, Haluszka O, Tokar JL, Hall MJ, Denlinger C, Astsaturov I, Hoffman JP. Defining venous involvement in borderline resectable pancreatic cancer. Ann urg Oncol 2010 Nov;17(11): Lind PA, Isaksson B, Almström M, Johnsson A, Albiin N, Byström P, Permert J. Efficacy of preoperative radiochemotherapy in patients with locally advanced pancreatic carcinoma. Acta Oncol 2008;47(3): Epub 2007 ep Jessup JM, teele G Jr, Mayer RJ, Posner M, Busse P, Cady B, tone M, Jenkins R, Osteen R. Neoadjuvant therapy for unresectable pancreatic adenocarcinoma. Arch urg 1993 May;128(5): Girelli R, Frigerio I, alvia R, Barbi E, Tinazzi Martini P, Bassi C. Feasibility and safety of radiofrequency ablation for locally advanced pancreatic cancer. Br J urg 2010 Feb;97(2): piliotis JD, Datsis AC, Michalopoulos NV, Kekelos P, Vaxevanidou A, Rogdakis AG, Christopoulou AN. Radiofrequency ablation combined with palliative surgery may prolong survival of patients with advanced cancer of the pancreas. Langenbecks Arch urg 2007 Jan;392(1): Zhongmin W, Yu L, Fenju L, Kemin C, Gang H. Clinical efficacy of CTguided iodine125 seed implantation therapy in patients with advanced pancreatic cancer. Eur Radiol 2010 Jul;20(7): Xu KC, Niu LZ, Hu YZ, He WB, He Y, Li YF, Zuo J. A pilot study on combination of cryosurgery and (125)iodine seed implantation for treatment of locally advanced pancreatic cancer. World J Gastroenterol 2008 Mar 14;14(10): Wang J, Jiang Y, Li J, Tian, Ran W, Xiu D. Intraoperative ultrasoundguided iodine125 seed implantation for unresectable pancreatic carcinoma. J Exp Clin Cancer Res 2009 Jun 23;28: Kovach J, Hendrickson RJ, Cappadona CR, chmidt CM, Groen K, Koniaris LG, itzmann JV. Cryoablation of unresectable pancreatic cancer. urgery 2002 Apr;131(4):

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica Documento redatto da: Dr.ssa J. Fiore Dr.ssa A. Novarino Prof.U. Ricardi Oncologia Medica I.

Dettagli

La chirurgia: come, quando e quale

La chirurgia: come, quando e quale La chirurgia: come, quando e quale V. Ziparo Facoltà di Medicina e Psicologia Dipartimento Medico-Chirurgico e Medicina Translazionale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia dell Adenocarcinoma

Dettagli

Terapie ablative locali dell HCC

Terapie ablative locali dell HCC 1 Terapie ablative locali dell HCC V. Arienti, L. Baldini, S. Pretolani Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica Divisione di Medicina Interna - Ospedale Maggiore Bologna

Dettagli

LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE

LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE LA CHIRURGIA PELVICA EXENTERATIVA: INDICAZIONI E LIMITI LE INDICAZIONI DA PATOLOGIE NON GINECOLOGICHE Patrizia Racca SSCVD ColoRectal Cancer Unit A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino La

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali

Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali Epidemiologia delle metastasi epatiche colorettali Prof. Ferdinando Cafiero Direttore Dipartimento di Oncologia Chirurgica Integrata Oncologia Chirurgica A Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato

Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato Trattamento chemioterapico neoadiuvante nel tumore dello stomaco localmente avanzato G. Margani, R. Carnuccio, L. Maran, A. Paccagnella, R. Merenda, E. Ancona per il Gruppo Multidisciplinare Oncologico

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL RENE

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL RENE LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL RENE Data di aggiornamento: giugno 2011 1 TERAPIA Tumore del RENE Terapia delle cisti renali complesse PRESENTAZIONE (TNM Ed. 2009) Cisti renale complessa tipo III di

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

HOT TOPICS IN CHIRURGIA

HOT TOPICS IN CHIRURGIA HOT TOPICS IN CHIRURGIA PANCREATICA CARCINOMI LOCALMENTE AVANZATI CYBERKNIFE? Dott.ssa Cristina Baiocchi Radioterapia Ospedale San Bortolo Vicenza Padova 15 Maggio 2010 NEOPLASIA PANCREATICA 5 25% dei

Dettagli

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici?

Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Radiochemioterapia nei tumori del retto nel paziente anziano: irradiare i linfonodi pelvici? Carlo Greco Radioterapia Oncologica Università Campus Bio-Medico di Roma - Via Álvaro del Portillo, 21-00128

Dettagli

TERAPIA TRANSARTERIOSA METASTASI EPATICHE DA NET

TERAPIA TRANSARTERIOSA METASTASI EPATICHE DA NET Roberto Galeotti Azienda Ospedaliero-Universitaria Arcispedale S.Anna di Ferrara Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio orio U.O.S. Radiologia Vascolare ed Interventistica -

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

Trattamento chirurgico. Oggi

Trattamento chirurgico. Oggi Trattamento chirurgico dei Tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici Oggi giancarlo pansini simona bonazza di maestro in maestro una introduzione The Neuroendocrine System and Its Tumors An Overview

Dettagli

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO?

I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? I NETs: : A CHE PUNTO SIAMO? La terapia: approccio multidisciplinare di una patologia complessa. CASO CLINICO Milano 20/06/2008 Laura Catena S.C. Oncologia Medica 2 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale

Dettagli

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani

TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani TRATTAMENTO DELL ADENOCARCINOMA T1 (ADENOMA CANCERIZZATO) Il parere del chirurgo: Vincenzo Trapani Adenoma cancerizzato/carcinoma colorettale iniziale (pt1) DEFINIZIONE Lesione adenomatosa comprendente

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

AUDIT CHIRURGIA TORACICA- IEO

AUDIT CHIRURGIA TORACICA- IEO AUDIT CHIRURGIA TORACICA IEO CHIRURGIA ANATOMICA RESETTIVA: MORBILITA E MORTALITA POST CHIRURGICA DAL 2003 AL 2010 Prof. Lorenzo Spaggiari Introduzione Nell ultimo decennio solo un numero limitato di articoli

Dettagli

TERAPIA FOCALE IN URO-ONCOLOGIAONCOLOGIA TUMORI DEL RENE Alessandro Volpe Ospedale Maggiore della Carità, Università del Piemonte Orientale, Novara < 50 anni > 75 anni RCC MIGRAZIONE DI STADIO STAGE I

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013 Torino 7 novembre 2013 Anatomia Patologica Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Anatomia

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

La radioterapia nelle metastasi cerebrali

La radioterapia nelle metastasi cerebrali La radioterapia nelle metastasi cerebrali G. Rubino, L. Pirtoli S.C. Radioterapia, Dipartimento ad Attività Integrata dell Immagine, Azienda O. U. Senese ed Università di Siena Il tumore polmonare è la

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO

Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO Dott.ssa Rosangela Trezzi ESAME MACROSCOPICO DESCRIZIONE MACROSCOPICA Accurata e Completa Succinta Ben organizzata Standardizzata Importanza INFORMAZIONI ESSENZIALI ALLA DIAGNOSI DOCUMENTAZIONE INTERPRETAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO Documento redatto da: Prof. M. Garavoglia S.C. Chirurgia Generale 1. A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Dipartimento interaziendale ed interregionale

Dettagli

NEOPLASIE VESCICALI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA

NEOPLASIE VESCICALI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA National Cancer Institute 2006 National Cancer Institute 2006 Classificazione anatomo-patologica Forme maligne (97%) Carcinoma a cellule di transizione (>90%) Carcinoma a cellule squamose Adenocarcinoma

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1

30/05/2011. Carcinoma esofageo. Anatomia. scaricato da www.sunhope.it 1 Carcinoma esofageo 1 Anatomia 2 scaricato da www.sunhope.it 1 3 Epidemiologia ed Eziologia 4 scaricato da www.sunhope.it 2 Epidemiologia ed Eziologia Costituisce il 50% di tutta la patologia d organo 7%

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE. Adolfo Francesco Attili

Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE. Adolfo Francesco Attili Indicazioni e controindicazioni cliniche a PEI, termo-ablazione e TACE Adolfo Francesco Attili Indicazioni e controindicazioni alla PEI / Termoablazione Valutazione del rapporto rischi/benefici (PEI-RTF)

Dettagli

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 24.10.2013 Dr.ssa S. Ferrario Dr.ssa M.V. Forleo Dr.ssa E. Piazza Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr.

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Singarelli Il follow-up del paziente operato Piero Iacovoni Acqui

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Rinaldo Guglielmi UOC Endocrinologia Il problema La maggior parte dei carcinomi tiroidei differenziati guarisce con il trattamento iniziale

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome tufano nunzio Data di nascita 24/06/1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL II

Dettagli

Audit Chirurgia Toracica IEO

Audit Chirurgia Toracica IEO Audit Chirurgia Toracica IEO Chirurgia Anatomica Resettiva: Morbilità e Mortalità Post Chirurgica dal 2003 al 2010 Prof. Lorenzo Spaggiari Introduzione Nell ultimo decennio solo un numero limitato di articoli

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

La strategia terapeutica palliativa nell ittero ostruttivo: evidenze e controversie

La strategia terapeutica palliativa nell ittero ostruttivo: evidenze e controversie U.O.C. Chirurgia I Azienda Ospedaliera S. Maria degli Angeli,, Pordenone Verona, 01 ottobre 2010 La strategia terapeutica palliativa nell ittero ostruttivo: evidenze e controversie UOC Chirurgia I Dott.

Dettagli

Commento a cura di Francesco Facciolo

Commento a cura di Francesco Facciolo Lee M. Krug, Harvey I. Pass, Valerie W. Rusch, Hedy L. Kindler, David J. Sugarbaker, Kenneth E. Rosenzweig, Raja Flores, Joseph S. Friedberg, Katherine Pisters, Matthew Monberg, Coleman K. Obasaju, and

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate METASTASI CEREBRALI Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici L incidenza è in aumento per: metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate migliorata sopravvivenza malattia metastatica

Dettagli

Epatocarcinoma: criteri criteri di di Barcellona

Epatocarcinoma: criteri criteri di di Barcellona Epatocarcinoma: criteri criteri di di Barcellona Unisce lo stadio neoplastico alla strategia terapeutica, mira a incorporare una stima prognostica e potenziali avanzamenti terapeutici in un unica proposta

Dettagli

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide

La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide La chirurgia del Carcinoma Differenziato della Tiroide Sottotitolo: Il Buono, il Brutto e il Cattivo Dott. Michele Minuto U.O.S. Chirurgia Endocrina (Chirurgia 1) IRCCS A.O.U. San Martino-IST L epidemiologia

Dettagli

Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva?

Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva? Quale trattamento adiuvante adottare per una neoplasia non muscolo invasiva? Un occhio alle LINEE GUIDA Il 75-85% dei pazienti che si presentano con neoplasia vescicale alla prima diagnosi, presenta una

Dettagli

La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo

La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo La radioterapia nel trattamento integrato del cancro del polmone non microcitoma Taranto 20 Gennaio 2006 La Radioterapia nel tumore localmente avanzato L opinione del Chirurgo Michele Loizzi La chirurgia

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico

Sarcoma epitelioide. Studio osservazionale prospettico Sarcoma epitelioide Studio osservazionale prospettico marzo 2015 1 Metodologia : Promotore: Autori: Centro coordinatore: Studio osservazionale Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Via Venezian,

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12%

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Al momento della diagnosi solo il 10-15% dei soggetti con carcinoma del polmone ha una forma localizzata. Di questi,

Dettagli

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione)

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Convegno Nazionale GISMa 2009 Workshop multidisciplinare dell equipe diagnosticoterapeutica Monitoraggio degli indicatori di qualità ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Rita Bordon CPO Piemonte Francesca

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

LA PERSONA CENTRO DELLA CURA

LA PERSONA CENTRO DELLA CURA AULSS 12 Veneziana Ospedale SS. Giovanni e Paolo di Venezia 1 Dipartimentp di Chirurgia Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale Direttore : Dr. Roberto Merenda LA PERSONA CENTRO DELLA CURA Venezia

Dettagli

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE

CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE CHIRURGIA TORACICA VIDEO- ASSISTITA (VATS): 10 ANNI DI ESPERIENZA PERSONALE S. SPINI MD, PhD; F. APICELLA MD, FCCP; P. CAPPELLINI MD, L. MAGGI MD Azienda Sanitaria Firenze Nuovo Ospedale S. Giovanni di

Dettagli

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino

ABRAXANE (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Campo obbligatorio ai fini dell'eleggibilità Campo obbligatorio ABRAXAN (nab-paclitaxel) - Carcinoma pancreas esocrino Abraxane in associazione con gemcitabina è indicato per il trattamento di prima linea

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Indicatori di qualità nei carcinomi genitali femminili: ovaio e utero Serata di presentazione progetto Zonta Club Locarno 13.04.2010 Registro Tumori Canton Ticino Istituto Cantonale di Patologia Via in

Dettagli

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora

Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto. Agora Lezione di Chirurgia Generale Tumori del colon e del retto EPIDEMIOLOGIA -E al quarto posto fra i tumori maligni nel mondo (1999); -800.000 casi diagnosticati ogni anno (World Health Association); -Incidenza

Dettagli

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi

Trattamenti preoperatori. Claudia Nisi Trattamenti preoperatori Claudia Nisi Caso clinico Donna di 49 anni, PS 0, nessuna comorbidità, dubbia allergia ad ASA. Sett 14 comparsa di macroematuria cistoscopia: Agevole introduzione del cistoscopio

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

IL CARCINOMA DELLA PROSTATA RUOLO DELLA CHIRURGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL CARCINOMA DELLA PROSTATA RUOLO DELLA CHIRURGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL CARCINOMA DELLA PROSTATA RUOLO DELLA CHIRURGIA www.fisiokinesiterapia.biz TERAPIA del K-PROSTATICO Tipo di trattamento WATCHFUL WAITING CHIRURGIA (PROSTATECTOMIA RADICALE) TERAPIA ORMONALE RADIOTERAPIA

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I RETTO Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale completa Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive Sostituisce la definizione di carcinoma

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza

Fegato. Caso clinico. Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Fegato Caso clinico Dott.ssa M.S.Favretto Radioterapia - Vicenza Caso Clinico I Paziente di 37 anni che in settembre 2012 presenta diarrea importante e dolore pelvico. Vengono proposti accertamenti da

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO RESETTIVO dell OSTEONECROSI dei MASCELLARI CORRELATA all UTILIZZO di BISFOSFONATI: REVISIONE della LETTERATURA

TRATTAMENTO CHIRURGICO RESETTIVO dell OSTEONECROSI dei MASCELLARI CORRELATA all UTILIZZO di BISFOSFONATI: REVISIONE della LETTERATURA TRATTAMENTO CHIRURGICO RESETTIVO dell OSTEONECROSI dei MASCELLARI CORRELATA all UTILIZZO di BISFOSFONATI: REVISIONE della LETTERATURA Dr.ssa Giorgia Saia Ricercatore Universitario Università degli Studi

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

Sarcomi delle Parti Molli

Sarcomi delle Parti Molli Congresso Nazionale di Chirurgia Pediatrica LA MALATTIA NEOPLASTICA NELL ADOLESCENTE E NEL GIOVANE ADULTO STRATEGIE A CONFRONTO Ferrara, 9 OTTOBRE 2013 Sarcomi delle Parti Molli Gianni Bisogno Clinica

Dettagli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli The follow up in prostate cancer Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli Benjamin Disraeli (1804 1881), uomo politico britannico In statistics Lies, more lies and then there are

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario

AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario AIRO INCONTRA SIRM Diagnostica per Immagini e trattamenti non chirurgici del nodulo polmonare solitario Valutazione della risposta e follow-up: il punto di vista dell oncologo radioterapista e del diagnosta

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo ANATOMIA PATOLOGICA Branca specialistica della medicina che studia le malattie umane mediante esame macroscopico degli organi o microscopico dei tessuti e delle cellule In ambito clinico l'anatomia patologica

Dettagli

VATS e tumore del polmone

VATS e tumore del polmone VATS e tumore del polmone Utilizzo della vats nella diagnosi, stadiazione e trattamento del tumore del polmone VATS Linfonodi mediastinici Versamento pleurico e pericardico Nodulo polmonare Exeresi VATS

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

1997 - Esame di ammissione al Board Europeo di Chirurgia Toracica e Cardio-Vascolare.

1997 - Esame di ammissione al Board Europeo di Chirurgia Toracica e Cardio-Vascolare. Prof. Lorenzo Spaggiari Dati personali Nato il 09/05/1961 a CASINA (RE) Codice fiscale SPGLNZ61E09B967H Indirizzo di residenza o domicilio: Indirizzo Via G. Antonini 32 20141 Milano, Italia Indirizzo E-mail

Dettagli

La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori La chemioterapia può servire? M. Terenziani S.C di Pediatria Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Le varie sub-entità patologiche dei Tumori a Cellule Germinali condividono una unica cellula

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione

A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione A.O. MONALDI HIGHLY SPECIALISED HOSPITAL GENERAL SURGERY DEPT. SIC: School of Advanced Laparoscopy Dept. Chief: Prof. F. Corcione Il ruolo del chirurgo generale in chirurgia oncologica dell'adolescente

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO ANNO 2012 TUMO GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL TESTA-COLLO TUMORI DELL IPOFARINGE A cura di: Mauro Magnano 1 TUMORE DELL IPOFARINGE Storia Naturale Il carcinoma a cellule squamose dell' ipofaringe è meno frequente

Dettagli