Deformazione miocardica longitudinale e circonferenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deformazione miocardica longitudinale e circonferenziale"

Transcript

1 La sindrome del QT lungo (LQTS) è caratterizzata da prolungamento del potenziale di azione cardiaco (APD). La maggiore durata del potenziale di azione è registrata nell'endomiocardio e nel mesomiocardio e si associa a un allungamento della contrazione cardiaca. La deformazione miocardica (o sforzo) longitudinale e circonferenziale (fig. 1) può essere evidenziata con la particolare tecnica ecocardiografica dell'inseguimento macchioline (speckle tracking). Deformazione miocardica longitudinale e circonferenziale Figura 1. Curve di sforzo miocardico nella proiezione apicale asse lungo in un soggetto sano (sinistra) e in un paziente LQTS (destra). Nell'individuo sano la durata della contrazione (370 millisecondi) è omogenea in tutti i 6 segmenti. Il paziente LQTS mostra un aumento di durata della contrazione (460 millisecondi) nei 3 segmenti settali (curve di sforzo, rossa, blu scuro, e rosa), indicando un certo grado di dissipazione meccanica della contrazione miocardica. AVC indica chiusura della valvola aortica. Lo studio (1) ha incluso 101 portatori "genotipici" di mutazione LQTS e 35 individui sani. Aritmie cardiache erano presenti in 48 portatori di mutazioni, mentre 53 erano asintomatici. La durata della contrazione miocardica è stata valutata con l'ecocardiografia di sforzo (strain) come il tempo dall'onda Q dell'ecg al picco dello sforzo in 16 segmenti del ventricolo sinistro. Lo sforzo è stato valutato lungo l'asse longitudinale, che rappresenta principalmente le fibre sottoendocardiche, e lungo l'asse circonferenziale, che rappresenta le fibre mesomiocardiche. La durata media della contrazione è risultata essere più lunga nei portatori di mutazioni LQTS rispetto a quella di individui sani (445±45 verso 390±40 millisecondi P<0.001) e più lunga in portatori sintomatici rispetto a quelli asintomatici LQTS (460±40 verso 425±45 millisecondi; P<0.001). La durata della contrazione nelle fibre sottoendocardiche (longitudinal strain) era più lunga di quella delle fibre mesomiocardiche (circumferential strain) nei pazienti LQTS sintomatici (460±45 verso 445±45 millisecondi; P=0.008) ma non nei pazienti asintomatici e individui sani, evidenziando una dispersione meccanica trans murale. Tale differenza temporale 1

2 era presente nella maggioranza dei segmenti del ventricolo sinistro ed era più evidente in pazienti con LQT2 e in quelli con sindrome di Jervell and Lange-Nielsen. Una curva ROC (receiver operating caratteristics) è un grafico della sensibilità, o tasso di veri positivi, rispetto al tasso di falsi positivi, per un sistema di classificatore binario in quanto la sua soglia di discriminazione è varia. Il ROC può anche essere rappresentato equivalentemente tracciando la frazione di veri positivi meno i falsi positivi (TPR = tasso di veri positivi) rispetto alla frazione di falsi positivi meno i veri negativi (FPR = tasso di falsi positivi). Conosciuto anche come una curva caratteristica relativa di funzionamento, perché è un confronto di due caratteristiche di funzionamento (TPR e FPR). L'analisi ROC fornisce gli strumenti per selezionare i modelli possibilmente ottimali e di scartare quelli non ottimali indipendentemente dal contesto di costo o della distribuzione della classe. L'analisi ROC è collegata in modo diretto e naturale all'analisi costi / benefici di diagnostica nel processo decisionale. In questo studio, come evidenziato con l'analisi ROC, la dispersione meccanica longitudinale, confrontata con il QTc, permetteva una migliore discriminazione tra i portatori di mutazioni LQTS con e senza eventi cardiaci con un'area sotto la curva ROC (AUC) di 0.87 (95% intervallo di confidenza [CI], verso 0.71 per QTc (95% CI, ; P<0.01).) (Figura 2). Figura 2 Curve ROC di eventi cardiaci in 101 portatori di mutazione LQTS Figura 2. La dispersione meccanica, confrontata con il QTc, dimostra una migliore sensibilità nella discriminazione dei pazienti che esperirono eventi cardiaci. Il QTc di 460 millisecondi mostrava una sensibilità del 42% (95% CI, 29-57) e una specificità dell' 81% (95% CI, 67-91) per identificare portatori di mutazione con una storia di eventi. Il valore di taglio ottimale per la dispersione meccanica era di 33 millisecondi e identificava portatori di mutazione con una storia di eventi con una sensibilità del 76% (95% CI, 61-87) e 2

3 una specificità del 91% (95% CI, 78-98). Vi è stata una modesta ma significativa correlazione tra dispersione QTc nell'ecg e dispersione meccanica nell'ecocardiografia (r=0.30, P=0.007). 1. Kristina Hermann Haugaa, Jan P. Amlie, Knut Erik Berge, et al. Transmural Differences in Myocardial Contraction in Long-QT Syndrome. Mechanical Consequences of Ion Channel Dysfunction Circulation. 2010;122: Indice: Imaging: Conseguenze Meccaniche della Disfunzione dei Canali Ionici pag. 1-2; Editoriale: Prevenzione della Morte Improvvisa Post Infartuale, pag. 3-9; Leading article: SINDROME DELLA TACHICARDIA POSTURALE ORTOSTATICA pag. 8-12; Focus: Solo Compressione del Torace da parte dei soccorritori durante Resuscitazione Cardiopolmonare. Clopidogrel Con o Senza Omeprazolo nella Malattia Coronarica, pag ; Medicina e morale: Violazioni dell'etica medica; pag Prevenzione della Morte Improvvisa Post Infartuale Circa il 10%-15% di sopravvissuti un infarto miocardico acuto con funzione ventricolare sinistra depressa muoiono entro 2 anni. (1 5) Nella popolazione generale l'80% delle morti sono cardiache, metà delle quali sono improvvise (6) e spesso attribuite a bradiaritmie o tachiaritmie ventricolari, specialmente in pazienti con scompenso cardiaco. (2 5,7) Tuttavia, una grande proporzione di morti tra i pazienti con cardioverter-defibrillatore impiantabile rivelano, che le morti definite come improvvise non sono dovute a aritmie cardiache e quelle definite come morti non improvvise possono in realtà essere dovute a aritmie cardiache, (8,9) sottolineando la discrepanza tra le definizioni di evento clinico aritmico e l'evenienza di una vera aritmia cardiaca. Sulla prevenzione della morte improvvisa dopo infarto miocardico (IM), industria e governi hanno speso milioni di dollari negli ultimi trent'anni, ma la migliorata sopravvivenza dei pazienti dopo infarto miocardico rilevata nel corso di questi anni, potrebbe essere attribuita soprattutto alla riduzione dell'estensione dell'infarto. La diminuita estensione della zona di necrosi è il risultato di una riperfusione coronarica precoce ottenuta sia con farmaci trombolitici che con interventi coronarici percutanei, come anche di un progresso nel trattamento farmacologico dopo la fase acuta dell'infarto miocardico, in cui sono inclusi β-bloccanti adrenergici, inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina, bloccanti i recettori dell'angiotensina, e antagonisti dell'aldosterone. 3

4 Nonostante tali progressi, non abbiamo assistito a una riduzione della morte improvvisa dopo infarto miocardico. Infatti, trent'anni fa la morte improvvisa contava per circa il 50% di morti cardiache dopo infarto miocardico in pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra (FE) (10,11) Secondo alcuni studi la proporzione relativa di morti improvvise sembrava essere diminuita a circa il 30% delle morti cardiache, dopo l'istituzione della terapia riperfusiva dell'infarto miocardico acuto (12, 13). Invece, altre analisi hanno evidenziato che la morte cardiaca rimane la causa di una metà di tutta la mortalità cardiaca dopo infarto miocardico. (14) Anche un altro recentissimo studio dimostra che la morte improvvisa conta per il 50% della mortalità cardiaca in pazienti con recente infarto miocardico e FE (15) Tali conclusioni documentano che nonostante le notevoli recenti diminuzioni della mortalità dovuta a malattia coronarica, la morte improvvisa rappresenta ancora una sfida importante, e ciò per molte ragioni. Innanzitutto, nei pazienti con malattia coronarica e infarto miocardico, la morte improvvisa non è una singola entità; i suoi meccanismi patogenetici sono eterogenei e si modificano nel tempo dopo l'infarto miocardico. A fronte di meccanismi eterogenei un solo test non sarà sufficiente a identificare tutti i pazienti a rischio, e una modalità di trattamento non sarà ottimale per tutti. Così, nonostante l'impianto di migliaia di cardioverter-defibrillatori impiantabili (ICDs) negli ultimi dieci anni, e almeno la metà di questi furono impiantati per la prevenzione primaria della morte improvvisa, tale evento costituisce tuttora la più frequente singola causa di morte di origine medica. Siamo in questa situazione, perché non comprendiamo bene i meccanismi patogenetici che provocano la morte improvvisa e neppure i fattori immediati che fanno scattare l'arresto cardiaco. Il "monitor cardiaco impiantabile" (MCI), implementato per la registrazione automatica di aritmie, permette rilevamento, quantificazione, e documentazione di eventi aritmici durante un monitoraggio prolungato che si estende fino a mesi. L'uso clinico e di ricerca con tale registratore di ECG (loop recorders) è stato finora in gran parte focalizzato su pazienti sintomatici con sincope. Il Cardiac Arrhythmias and Risk Stratification After Myocardial Infarction (CARISMA) (15) è stato uno studio multicentrico osservazionale in cui da un totale di 5869 pazienti consecutivi esaminati in 10 centri Europei ne furono arruolati 312 sopravvissuti dopo un recente (21 giorni) infarto miocardico (IM) con una FE Innanzitutto i pazienti furono sottoposti a una serie di tests invasivi e non invasivi per definire la stratificazione del rischio, verso fibrillazione ventricolare (FV) o tachicardia ventricolare sostenuta sintomatica (TV). I fattori predittivi più forti di eventi aritmici primari risultarono essere le misure di variabilità della frequenza cardiaca, e l'induzione di TV sostenuta monomorfa durante la stimolazione elettrica programmata (PES) (HR = 4.8, 95% CI, , P = 0.003) (7). A ciò ha fatto seguito l'impianto del monitor cardiaco in grado di registrare tachiaritmie ( 125 bpm per 16 battiti) e bradiaritmie ( 30 bpm o asistolie 4.5 secondi) per un periodo di 2 anni. (16) Dopo 2 anni di follow-up, 25 pazienti (8% della popolazione dello studio) esperirono 1 degli eventi primari: l'ecg documentava "aritmia cardiaca fatale o quasi fatale, assai probabilmente trattabile con un defibrillatore impiantabile (ICD)." Furono escluse le aritmie che si sono verificate in pazienti con scompenso cardiaco in fase terminale o durante ischemia refrattaria (16). Ventisei pazienti che avevano il loop recorder morirono, e in 16 di questi un ECG fu registrato entro 1 ora dalla morte. Aritmie nel tempo del decesso furono egualmente divise tra tachicardia ventricolare (TV) o fibrillazione ventricolare (FV) e bradiaritmie. (17) La morte cardiaca fu definita come improvvisa in 9 pazienti e come morte non improvvisa in 10. Tra i pazienti con ECG interpretabile del monitor cardiaco impiantato al momento del decesso, FV era presente in 6 di 9 morti improvvise (mai la TV), e una bradycardia era presente solo in 1 delle 9 morti improvvise. Le aritmie documentate al tempo della morte cardiaca non improvvisa includevano FV (1), TV (1), e bradiaritmie (4). (18) Nello studio CARISMA vengono invece riportate tutte le aritmie documentate dal monitor cardiaco, e anche la loro relazione con il decorso clinico. (15) Quindi per la prima volta si ha la descrizione completa (Tab.1) delle aritmie spontanee che si sono verificate nei primi 2 anni dopo un infarto miocardico acuto. 4

5 Tabella 1. Incidenza di aritmie cardiache registrate dal monitor cardiaco impiantabile Aritmia Pazienti, n, (incidenza,%) Eventi n Bradicardia sinusale ( 30 bpm, 8 battiti ) 20 ( 6.7 ) 111 Arresto Sinusale ( 5 s) 16 ( 5.4 ) 23 FA di nuova insorgenza ( 125 bpm, 16 battiti ) 82 ( 27.6 ) 538 Blocco AV di grado elevato (dal secondo al terzo grado; 30 bpm, 8 battiti ) 29 ( 9.8 ) 124 TV non sostenuta ( 125 bpm, 16 battiti, < 30 s) 39 ( 13.1 ) 64 Tachicardia ventricolare sostenuta ( 125 bpm, 30 s) 9 ( 3.0 ) 20 FV ( 125 bpm, 16 battiti ) 8 ( 2.7 ) 19 Qualsiasi aritmia 137 ( 46.1 ) 885 L'andamento nel tempo delle aritmie registrate dal monitor cardiaco risulta anche essere interessante. L'incidenza del blocco AV fu più elevata nei primi 3 mesi dopo l'infarto miocardico, ma tali eventi continuarono a presentarsi durante tutti i 2 anni del periodo di osservazione. Invece, TV e FV sostenute furono molto più concentrate nei primi 3 mesi dopo l'infarto, con pochissimi episodi nel restante periodo di monitoraggio. Ciò concorda con precedenti osservazioni e suggerisce che vi sono 2 periodi di rischio elevato di morte improvvisa da tachiaritmie: Il primo, precoce dopo l'infarto miocardico, è seguito da un periodo latente, e il secondo poi con numeri crescenti di eventi comincia molto più tardi (4 o più anni) l'infarto miocardico acuto (19,20). La figura 1A mostra il tempo di comparsa della prima bradiaritmia, documentato nel 17% dei pazienti. L'arresto sinusale si è manifestato in 16 pazienti (5%) ed è stato sintomatico in 3 di essi. Venti pazienti (7%) esperirono bradicardia sinusale; 4 di essi erano sintomatici. Il blocco AV di grado elevato fu documentato in 29 pazienti (10%), 8 dei quali presentavano sintomi in coincidenza dell'evento. Il numero complessivo degli episodi di blocco AV di grado elevato fu 124, corrispondente al 14% di tutte le aritmie, con 48 eventi (39%) verificatosi nelle ore diurne (7-23), ma solo 20 (42%) furono sintomatiche (Figura 2A). Tutte le bradicardie furono più frequenti nelle ore notturne. La figura 1B mostra il tempo di comparsa del primo evento tachiaritmico. A differenza delle bradiaritmie, gli eventi tachiaritmici furono egualmente distribuiti nelle 24 ore. Fibrillazione atriale di prima insorgenza (FA) con risposta ventricolare 125 bpm fu registrata in 82 pazienti (27%). Di tutti gli episodi di FA, l'88% fu asintomatico. Sessantaquattro episodi di TV non sostenuta ( 16 beats) furono rilevati in 39 pazienti (13%), di cui 92% asintomatici e senza preferenza circadiana. Vi furono 20 eventi di TV sostenuta in 9 pazienti con 1 episodio fatale. Cinque dei 9 pazienti non presentarono mai sintomi. Gli altri 4 pazienti ebbero 9 episodi sintomatici di TV nelle ore diurne. La fibrillazione ventricolare (FV) fu non fatale in 3 pazienti: 2 di essi furono risuscitati, e 1 evento si è auto esaurito (Figura 2B). TV sostenuta o FV furono rilevate dal monitor cardiaco impiantabile in 9 di 11 ICD impiantati per la prevenzione secondaria. 5

6 Figura 1 Figura 1. Grafici Kaplan-Meier che mostrano il tempo di comparsa della prima bradiaritmia o tachiaritmia. A, Kaplan-Meier ha stimato la probabilità della prima bradiaritmia: tempo (dall'infarto) al primo blocco AV di grado elevato, bradicardia sinusale, e arresto sinusale rilevate dal monitor cardiaco impiantabile. B, Kaplan-Meier ha stimato la probabilità della prima tachiaritmia. NsVT indica TV non sostenuta. (15) 6

7 Figura 2 7

8 Figura 2. Elettrogrammi di aritmie registrate con il monitor cardiaco impiantabile. A, Blocco AV parossistico di secondo e terzo grado. Al momento della registrazione, il paziente avvertì stordimento ma non attivò il monito cardiaco che si è attivato automaticamente in. Al paziente fu impiantato un pacemaker 5 giorni dopo. B, Questo paziente presentò un grave attacco sincopale e non riuscì a usare l'attivatore. Sono stati registrati due episodi di TV non sostenuta; il secondo episodio provoca TV polimorfa che degenera in FV. L'episodio è attivato automaticamente in. La FV si è riconvertita in TV polimorfa, che è terminata spontaneamenta (non mostrata). Il paziente ricevette poi un ICD. (15) In questo studio, il fattore predittivo più potente di morte cardiaca (10 casi) è risultato essere il blocco atrioventricolare di grado elevato che si è verificato nel 9% dei pazienti (n=29). Dopo la rilevazione del blocco atrioventricolare di grado elevato, 10 pazienti ricevettero un pacemaker, e 3 un cardioverter defibrillatore (ICD). Ciò nonostante, 5 dei 13 pazienti esperirono successivamente morte cardiaca, comprendenti 3 morti improvvise. Dei rimanenti 16 pazienti con blocco AV senza pacemaker o ICD, 5 esperirono morte cardiaca, ma solo 1 fu classificata come improvvisa. La relazione tra il blocco atrioventricolare di grado elevato e la successiva mortalità cardiaca non è chiara. La mancanza di un'associazione tra il tipo morte e il blocco AV limita la nostra capacità di prendere decisioni terapeutiche adeguate. D'altra parte sembra che in alcuni di questi pazienti né pacemaker né ICD costituiscano un provvedimento terapeutico sufficiente ma che dovrebbe essere considerata l'indicazione al trapianto del cuore. Bibliografia 1. McGovern PG, Jacobs DR, Jr, Shahar E, et al. Trends in acute coronary heart disease mortality, morbidity, and medical care from 1985 through 1997: the Minnesota Heart Survey. Circulation. 2001;104: Camm AJ, Pratt CM, Schwartz PJ, et al. Mortality in patients after a recent myocardial infarction: a randomized, placebo-controlled trial of azimilide using heart rate variability for risk stratification. Circulation. 2004;109: Solomon SD, Zelenkofske S, McMurray JJ, et al. Sudden death in patients with myocardial infarction and left ventricular dysfunction, heart failure, or both. N Engl J Med. 2005;352: Hohnloser SH, Kuck KH, Dorian P, et al. Prophylactic use of an implantable cardioverterdefibrillator after acute myocardial infarction. N Engl J Med. 2004;351: Huikuri HV, Castellanos A, Myerburg RJ. Sudden death due to cardiac arrhythmias. N Engl J Med. 2001;345: Yap YG, Duong T, Bland M, et al. Potential demographic and baselines variables for risk stratification of high-risk post-myocardial infarction patients in the era of implantable cardioverter-defibrillator: a prognostic indicator. Int J Cardiol. 2008;126: Mitchell LB, Pineda EA, Titus JL, et al. Sudden death in patients with implantable cardioverter defibrillators: the importance of post-shock electromechanical dissociation. J Am Coll Cardiol. 2002;39: Epstein AE, Carlson MD, Fogoros RN, et al. Classification of death in antiarrhythmia trials. J Am Coll Cardiol. 1996;27: Pratt CM, Greenway PS, Schoenfeld MH, et al. Exploration of the precision of classifying sudden cardiac death: implications for the interpretation of clinical trials. Circulation. 1996;93: Bigger J, Fleiss J, Kleiger R, Miller P, Rolnitzky L, the Multicenter Post-Infarction Research Group. The relationships among ventricular arrhythmias, left ventricular dysfunction, and mortality in the 2 years after myocardial infarction. Circulation. 1984;69: Mukharji J, Rude R, Poole K, et al. the MILIS Study Group. Risk factors for sudden death after acute myocardial infarction: two year follow-up. Am J Cardiol. 1984;54: Rouleau JL, Talajic M, Sussex B, et al. Myocardial infarction patients in the 1990s: their risk factors, stratification and survival in Canada: the Canadian Assessment of Myocardial Infarction (CAMI) Study. J Am Coll Cardiol. 1996;27: Adabag AS, Therneau TM, Gersh BJ, et al. Sudden death after myocardial infarction. JAMA. 2008;300:

9 14. Yap YG, Duong T, Bland M, et al. Temporal trends on the risk of arrhythmic vs. nonarrhythmic deaths in high-risk patients after myocardial infarction: a combined analysis from multicentre trials. Eur Heart J. 2005;26: Bloch Thomsen PE, Jons C, et al. for the Cardiac Arrhythmias and Risk Stratification After Acute Myocardial Infarction (CARISMA) Study Group. Long-term recording of cardiac arrhythmias with an implantable cardiac monitor in patients with reduced ejection fraction after acute myocardial infarction: The Cardiac Arrhythmias and Risk Stratification After Acute Myocardial Infarction (CARISMA) Study. Circulation. 2010;122: Huikuri HV, Raatikainen MJP, Moerch-Joergensen R, et al. for the Cardiac Arrhythmias Risk Stratification after Acute Myocardial Infarction (CARISMA) Study Group. Prediction of fatal or near-fatal cardiac arrhythmia events in patients with depressed left ventricular function after an acute myocardial infarction. Eur Heart J. 2009;30: Gang UJO, Jons C, Jorgensen RM, et al. on behalf of the CARISMA Investigators. Heart rhythm at the time of death documented by an implantable loop recorder. Europace. 2010;12: De Ferrari GM, Sanzo A, Bertoletti A, et al. Baroreflex sensitivity predicts long-term cardiovascular mortality after myocardial infarction even in patients with preserved left ventricular function. J Am Coll Cardiol. 2007;50: Huikuri HV, Tapanainen JM, Lindgren K, et al. Prediction of sudden cardiac death after myocardial infarction in the beta-blocking era. J Am Coll Cardiol. 2003;42: Gorgels APM, Gijsbers C, de Vreede-Swagemakers J, et al. Out-of-hospital cardiac arrest: the relevance of heart failure: the Maastricht Circulatory Arrest Registry. Eur Heart J. 2003;24: Prof. Paolo Rossi, primario cardiologo, Novara 9

10 SINDROME DELLA TACHICARDIA POSTURALE ORTOSTATICA Fu Q, VanGundy TB, Galbreath MM, PhD, et al. Postural Orthostatic Tachycardia Syndrome. J Am Coll Cardiol, 2010; 55: , doi: /j.jacc Introduzione E stata descritta la sindrome da tachicardia posturale ortostatica (POTS, Postural Orthostatic Tachycardia Syndrome ), altresì nota come intolleranza cronica all ortostatismo, che affligge più di americani ed è caratterizzata dall impossibilità di mantenere la stazione eretta a lungo a causa di sensazione di capogiro, debolezza e presincope intollerabili (1). Tale quadro clinico colpisce, in vasta maggioranza, soggetti di sesso femminile ed ha un impatto deleterio sulla qualità di vita, impedendo lo svolgimento delle comuni attività lavorative, di studio e ricreative. Il meccanismo fisiopatologico dell'intolleranza cronica all ortostatismo rimane in larga misura inspiegato, sebbene sia stata proposta una relazione con il decondizionamento e con il concomitante coesistere di ipovolemia e atrofia cardiaca (cuore piccolo e poco distensibile). A favore di questa interpretazione vi sono le osservazioni in ambiente di microgravità (effettuate su astronauti e volontari sani (2,3), che vedono ridurre la propria tolleranza alla stazione eretta dopo esposizione a gravità ridotta nonostante una adeguata performance fisica di partenza) e quelle sui pazienti costretti a prolungato allettamento. Altre ipotesi chiamano in causa, l alterazione della risposta al sistema nervoso autonomo o un alterato riflesso barorecettoriale. Non è d altra parte disponibile una terapia farmacologica in grado di risolvere la sintomatologia; spesso i farmaci devono essere sospesi per la presenza di effetti collaterali (4). Gli Autori del lavoro, ritenendo fondamentale chiarire le basi fisiopatologiche dell'intolleranza cronica all ortostatismo, sposano la tesi del decondizionamento e propongono una dimostrazione di questo meccanismo suggerendo un programma di allenamento fisico per migliorare la tolleranza dei pazienti alla stazione eretta. Gli obbiettivi dello studio sono stati dunque 1) dimostrare l ipotesi che l'intolleranza cronica all ortostatismo sia attribuibile alla concomitante presenza di cuore atrofico e ipovolemia (cioè, decondizionamento) 2) dimostrare che un adeguato programma di allenamento può migliorare o addirittura guarire la intolleranza cronica all ortostatismo agendo sulla fisiopatologia sottostante. POPOLAZIONE DELLO STUDIO (vedi anche tabella 1): sono stati considerati 54 pazienti consecutivi con intolleranza cronica all ortostatismo inviati alla Clinica di valutazione della Funzione Autonomica degli Autori tra dicembre 2004 e aprile 2008; 8 pazienti hanno rifiutato immediatamente l arruolamento (non erano interessati a partecipare ad un programma di 10

11 ricerca), altri 18 hanno rifiutato gli accertamenti previsti e l ipotesi di sospendere la terapia farmacologica in corso per partecipare allo studio. Sono dunque state arruolate 28 pazienti (27 donne ed 1 uomo; un ulteriore paziente è stato escluso dallo studio successivamente, dopo aver ricevuto diagnosi di sindrome di Ehlers Danlos, che può implicare rimodellamento cardiaco e vascolare), e confrontati con 16 controlli sani (15 donne ed 1 uomo). Dei 27 pazienti con intolleranza cronica all ortostatismo, il 55%, presentava una forma lieve (incremento ortostatico di 35 bpm), il 45%, una forma moderato-severa (incremento ortostatico >35 bpm). La maggior parte dei pazienti aveva ricevuto in passato terapia beta-bloccante, farmaci che espandono la volemia, agonisti alfa1-adrenergici; tutti i farmaci con azione sul sistema nervoso autonomo sono stati sospesi 2 settimane o più prima dello studio. Tutti i soggetti arruolati erano non fumatori; nessuno era un atleta di resistenza allenato; tutti hanno effettuato una rigorosa anamnesi ed esame obbiettivo, un ECG e un test di ortostatismo della durata di 10 minuti; è stato ottenuto il consenso informato. VALUTAZIONE BASALE: tutti i partecipanti sono stati valutati con: 1) test di funzione autonomica e di volemia; 2) valutazione della regolazione neuroumorale durante ortostatismo di 2 ore; 3) risonanza magnetica cardiaca. ALLENAMENTO FISICO A BREVE TERMINE: 25 pazienti (24 donne, 1 uomo) hanno partecipato ad un programma di allenamento ottimizzato della durata di 3 mesi; 19 hanno completato il programma e sono stati rivalutati. TEST DI FUNZIONE AUTONOMICA: tutti i partecipanti hanno assunto una dieta isocalorica standard con assunzione libera di liquidi; a 2 ore di distanza da una leggera colazione, è stata effettuata una valutazione simultanea di elettrocardiogramma, pressione arteriosa, microneurografia (mediante elettrodo sottile nel nervo peroneo; registrazione dell attività di scarica e analisi computerizzata del numero di picchi e della loro frequenza, come indice dell attivazione ortosimpatica) (5,6) e frequenza respiratoria registrata dopo 30 minuti di riposo in posizione supina, dopo manovra di Valsalva (al momento di massimo calo della pressione diastolica) e dopo Handgrip sostenuto fino all esaurimento (sforzo compiuto al 40% dell intensità massima con l arto superiore dominante), quindi dopo tilting passivo a 30 per 6 minuti e a 60 per 45 minuti (o fino a presincope). Sono stati ricavati in maniera indiretta la portata cardiaca e le resistenze periferiche (7), la volemia (8,9), i volumi e la massa ventricolare sinistra (risonanza magnetica) (10). PROGRAMMA DI ALLENAMENTO: tutti i pazienti hanno effettuato sessioni di minuti 2-4 volte/settimana di attività di base (75% della fc massimale teorica), ovvero bicicletta, nuoto o rematore in posizione semirecombente per evitare i sintomi dell'ortostatismo. Man mano che l allenamento cresceva, venivano introdotte altre sedute settimanali e l allenamento coi pesi. Erano inoltre incoraggiati l incremento dell introito di sale e di liquidi e lo svolgimento di attività fisica anche dopo la conclusione dello studio. Veniva valutata la variazione di qualità di vita dei pazienti con apposito questionario (11) prima e dopo il programma di allenamento. Tabella 1 caratteristiche dei soggetti Variabili Pazienti con sindrome ortostatica (n = 26 donne, 1 uomo) Controlli (n = 15 donne, 1 uomo) Età (anni) 26 (21, 33) 28 (23, 35) Altezza (cm) 163 (161, 172) 166 (162, 172) Peso (kg) 64 (57, 70) 63 (56, 68) BMI (kg/m 2 ) 23 (22, 26) 22 (21, 24) 11

12 Frequenza cardiaca basale da supino (bpm) Frequenza dopo 10 di ortostatismo (bpm) Variazione di frequenza (beats/min) 88 (77, 93) * 72 (64, 77) 114 (108, 131) * 89 (77, 99) 32 (24, 38) * 17 (10, 22) Ematocrito (%) 39 (37, 40) 38 (36, 40) Volemia (ml/kg) 60 (54, 64) * 71 (65, 78) Volume plasmatico (ml/kg) 39 (36, 43) * 49 (44, 52) Massa ventricolare sinistra (g/kg) Volume telediastolico ventricolare sinistro (ml/m 2 ) 1.26 (1.12, 1.37) * 1.45 (1.34, 1.57) 60 (52, 65) 64 (57, 70) * p < 0.01 versus controlli sani. Valori presentati come mediana (25 e 75 percentile). RISULTATI FUNZIONE AUTONOMICA E RISPOSTA EMODINAMICA L attività simpatica muscolo scheletrica registrata con micro neurogramma (MSNA) è aumentata significativamente durante tilting a 30 e ulteriormente durante tilting a 60 in tutti i soggetti (pazienti e controlli); la pressione sistolica è aumentata significativamente nei pazienti ma non nei controlli, la pressione diastolica è aumentata significativamente nei pazienti e nei controlli. I pazienti presentavano una portata cardiaca e una gittata sistolica inferiore sia da supini che in ortostatismo, i pazienti presentavano maggiori resistenze periferiche. (figura 1). Questi risultati e la risposta dei parametri emodinamici durante handgrip fa pensare, a parere degli Autori, ad una conservata funzione autonomica e ad una normale risposta barorecettoriale nei pazienti con (risposte sovrapponibili ai controlli sani). Le differenze di portata e gittata sistolica, invece, evidenziano la presenza probabile di un cuore piccolo e rigido e di una ridotta volemia. 12

13 Figura 1 Figura 1: Attività ortosimpatica nei pazienti POTS e nei controlli sani, di base e durante tilting; in entrambi i gruppi si osserva analogo incremento durante ortostatismo. EFFETTI DEL PROGRAMMA D'ALLENAMENTO. Tutti i 25 pazienti hanno iniziato il programma di allenamento (la posizione semirecombente degli esercizi all inizio dell allenamento ha consentito di evitare l insorgenza dei sintomi legati all ortostatismo), 19 lo hanno completato. Le ragioni di abbandono sono state: 2 pazienti avevano impegni lavorativi incompatibili con gli esercizi, 2 pazienti hanno avuto infortuni non legati al programma (incidente domestico e incidente stradale), 1 paziente ha ricevuto diagnosi di epilessia oltre a POTS, 1 paziente ha sofferto di una aritmia non correlata all allenamento. Gli abbandoni non sembravano legati alla POTS o alla sua severità (i pazienti che hanno abbandonato presentavano caratteristiche basali analoghe agli altri). L allenamento aumentava il picco di consumo di ossigeno (26,8 ml/kg/min [24,1-29,0] pre-allenamento vs 28,9 ml/kg/min [26,7-32,7] post-allenamento), la volemia ed il volume plasmatico (39 ml/kg [34-42] preallenamento vs 41 ml/kg [37-43] postallenamento) e la massa ventricolare dei pazienti POTS (quest ultima diventava sovrapponibile a quella dei controlli sani). Alla fine del programma di allenamento 10 dei 19 pazienti POTS non presentavano più i criteri diagnostici di POTS (erano guariti ); la qualità di vita era significativamente migliorata in tutti i pazienti. L allenamento diminuiva significativamente la frequenza cardiaca in ortostatismo in tutti i pazienti (p=0,02), mentre non si evidenziavano variazioni assolute significative nell attività ortosimpatica. (figura 2) 13

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

Idoneità alla guida e sincope *

Idoneità alla guida e sincope * TITOLETTO ARTICOLO Idoneità alla guida e sincope * Introduzione Occorre inizialmente sottolineare come tutti i dati disponibili suggeriscano che lo stato clinico del conducente di un autoveicolo, se si

Dettagli

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE Paolo Donateo per conto dello Steering Committee degllo studio ISSUE 2 (vedi appendice) Centro Aritmologico, Dipartimento di

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

SINCOPE in giovane donna: esordio improvviso della sindrome da QT lungo

SINCOPE in giovane donna: esordio improvviso della sindrome da QT lungo Caso clinico Gianluca Manzo, Nicola Capuano SINCOPE in giovane donna: esordio improvviso della sindrome da QT lungo Introduzione La sindrome del QT lungo è una sindrome caratterizzata da anomalie elettrocardiografiche

Dettagli

La terapia della sincope neuromediata guidata dal loop-recorder

La terapia della sincope neuromediata guidata dal loop-recorder La terapia della sincope neuromediata guidata dal loop-recorder Carlo Menozzi, Fabio Quartieri, Nicola Bottoni, Gino Lolli, Paolo Donateo*, Michele Brignole*. U.O. Cardiologia Interventistica. Arcispedale

Dettagli

Giornata Regionale SIDS, SIUDS & ALTE

Giornata Regionale SIDS, SIUDS & ALTE La Spezia, 27 Novembre 2010 Giornata Regionale SIDS, SIUDS & ALTE Il dilemma del QT lungo G. Suriano S.C. Pediatria e Neonatologia ASL 5 Spezzino Direttore Prof. S. Parmigiani Quale QT lungo Sindrome del

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi Fabrizio Ammirati UOC Cardiologia GB Grassi ASL RM D Ostia Roma Introduzione

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso.

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso. [Numero 13 - Articolo 3. Aprile 2007] Alterazioni elettocardiografiche maggiori e minori in donne asintomatiche: correlazione con rischio di eventi cardiovascolari e mortalità Titolo originale: "Major

Dettagli

NOTIZIARIO Situazione attuale rinnovo patente

NOTIZIARIO Situazione attuale rinnovo patente ASSOCIAZIONE ITALIANA PORTATORI DI DEFIBRILLATORE ONLUS: Registro Regionale VR0755 del 06/08/2008 Sede c/o Divisione Clinicizzata di Cardiologia Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona - Piazzale

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Dr. Ruggero Tomei Divisione Clinicizzata di Cardiologia Direttore Prof. Corrado Vassanelli SDR Del QT corto Si caratterizza per la presenza sull ecg di base

Dettagli

Sistemi di analisi ECG MARS Ambulatory Valutare e prevedere: ora è possibile

Sistemi di analisi ECG MARS Ambulatory Valutare e prevedere: ora è possibile GE Healthcare Sistemi di analisi ECG MARS Ambulatory Valutare e prevedere: ora è possibile La prevenzione inizia con la conoscenza In tutto il mondo, i casi di malattie cardiache sono in costante e rapido

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

Materiale di approfondimento

Materiale di approfondimento Materiale di approfondimento Cos è lo scompenso cardiaco Lo scompenso cardiaco è una malattia sempre più frequente che compare quando il cuore, danneggiato, non è più in grado di svolgere la sua normale

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

Frequenza cardiaca e studio del profilo aritmico

Frequenza cardiaca e studio del profilo aritmico GIAC Volume Numero 1 Marzo 2007 Frequenza cardiaca e studio del profilo aritmico R.M. Polimeni, G. Meduri G Ital Aritm Cardiostim 2007;1:7-11 TITOLETTO Struttura Complessa di Cardiologia-UTIC, Ospedale

Dettagli

Aggiornamenti Scientifici FADOI

Aggiornamenti Scientifici FADOI Sintesi delle linee guida AIAC (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) Franco Giada 1, Giuseppe Inama 2, Manuel Bertaglia 3, Claudio Pedrinazzi 2, Michele Gulizia 4, Renato Pietro Ricci

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione d

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo?

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Una gran parte della popolazione giovanile partecipa ad attività sportive ricreazionali o competitive Una regolare attività

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

Il Defibrillatore Impiantabile. La nuova frontiera della prevenzione primaria

Il Defibrillatore Impiantabile. La nuova frontiera della prevenzione primaria Il Defibrillatore Impiantabile. La nuova frontiera della prevenzione primaria Domenico Maria Carretta* Responsabile Laboratorio di elettrofisiologia. Cardiologia Ospedaliera Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS

NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS NEL CUOREUORE DELLO SPORTPORT FONDAZIONE ANTONIO VALENTINO ONLUS Introduzione La opera dal 2000 nel settore della ricerca scientifica per lo studio delle cardiomiopatie di origine genetica, causa di morte

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO

SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO MEDI.TER Cooperativa Medicina del Territorio Programma formativo 2008 SCOMPENSO CARDIACO: management in primary care CASO CLINICO 7 e 24 maggio 2008 Dr. Claudio Esposito Paziente di sesso maschile anni

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA

QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA 1 QUANTIZZAZIONE DELLA LA STENOSI AORTICA L ecocardiografia bidimensionale permette un adeguata valutazione dell anatomia valvolare aortica, ma la quantizzazione del vizio è affidata essenzialmente alla

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE

CARATTERISTICHE angina SENSAZIONE Dolore coronarico: gravativo, oppressivo, costrittivo, retrosternale, a morsa, in crescendo,con irradiazioni anche extratoraciche Dolore da dissecazione aortica: lacerante, precordiale e/dorsale, andamento

Dettagli

www.regione.piemonte.it/sanita 1

www.regione.piemonte.it/sanita 1 1 PREMESSA L infarto miocardico acuto (IMA) e l angina instabile (AI) fanno parte di un gruppo di malattie globalmente definite sindromi coronariche acute (SCA). Gli aspetti elettrocardiografici di esordio

Dettagli

SPORT ED APPARATO CARDIOVASCOLARE SINCOPE

SPORT ED APPARATO CARDIOVASCOLARE SINCOPE SPORT ED APPARATO CARDIOVASCOLARE SINCOPE SINCOPE! Perdita di coscienza totale, dovuta ad anossia cerebrale! Ad inizio brusco: SENZA ALCUN PRODROMO oppure CON PRODROMI! Responsabile della perdita del tono

Dettagli

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE

Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.221 relativo a EPLERENONE Giugno 2014 EPLERENONE 25 mg 50 mg cpr

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva 3 Meeting di Rianimazione-Emergenza e Terapia Intensiva Avezzano 8-9-10 Giugno 2006 Sala Conferenze ARSSA Corso di Aggiornamento Teorico-Pratico per Infermieri Professionali: Nursing in Area Critica Relazione

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. ABBREVIAZIONI 5. APPROCCIO TERAPEUTICO FASI NOME/COGNOME (Funzioni) FIRMA DATA Redazione Verifica Approvazione Pagina 2 di 7 1.

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: NE METTIAMO TROPPI O TROPPO POCHI?

DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: NE METTIAMO TROPPI O TROPPO POCHI? Rel. 15/2007 5-10-2007 11:09 Pagina 137 DEFIBRILLATORI IMPIANTABILI: NE METTIAMO TROPPI O TROPPO POCHI? G. Turitto New York Methodist Hospital-Cornell Heart Center, Brooklyn, New York. Introduzione Le

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE. che cosa sono

LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE. che cosa sono LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE LE ARITMIE CARDIACHE che cosa sono Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. Quando si osserva un aumento anomalo dei

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015 CUORE D ATLETA 30 ottobre 2015 Gli atleti agonisti, per la preparazione, seguono rigorose schede d allenamento che comprendono sedute giornaliere di più ore e che portano a vari adattamenti sia a carico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore biventricolare (CRT D), in grado di stimolare l atrio

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa

Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa 7 Congresso Nazionale AIAC Genova, 3-5 Aprile 2008 Lo Studio Elettrofisiologico Endocavitario nella stratificazione del rischio di morte improvvisa Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

TEST NON INVASIVI NELLA STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO ARITMICO Novara, 14 gennaio 2011 C.P.S. Laura Valzi PATOLOGIE - IMA in fase sub-acuta (dopo stabilizzazione i della cicatrice, a 2-4 settimane dall evento

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE

Commissione Regionale Farmaco RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 2330/2008) Documento PTR n. 123 relativo a: RANOLAZINA E PIANO TERAPEUTICO REGIONALE Dicembre 2010 Indicazioni registrate Ranolazina La ranolazina

Dettagli

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L.

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Scelsi Unità Scompenso Cardiaco e Trapianti Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici.

Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Sicurezza nella sospensione delle statine: meccanismi biomolecolari e clinici. Abstract L utilizzo vantaggioso delle statine nella prevenzione primaria e secondaria dei disturbi cardiovascolari e nei soggetti

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA!

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! M.Lettino In occasione dell ultimo congresso della Societa Europea di Cardiologia, che si e tenuto a Barcellona a fine estate, sono stati comunicati i

Dettagli

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili

Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Il Telemonitoraggio con il CareLink Network per i Pazienti Portatori di Dispositivi Cardiaci Impiantabili Andrea Donato Patient Management and Service Solutions Manager Medtronic Italia Spa Alcune considerazioni

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

Tecnologie per lo studio della sincope. Ing. Valentina Viscardi

Tecnologie per lo studio della sincope. Ing. Valentina Viscardi Tecnologie per lo studio della sincope Ing. Valentina Viscardi 1 Tecnologie per lo studio della sincope: - Nexfin (monitoraggio pressorio battitobattito non invasivo) - V-Patch h(loop recorder esterno)

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa

Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi. Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Che cosa èl infarto? Riconoscerne subito i sintomi Prof. Anna Sonia Petronio Head Cardiac Catheterization Laboratory, Ospedale Cisanello, Pisa Definizione Una sindrome coronarica acuta èun quadro clinico

Dettagli

Studio SUP 2 Guideline based pacing therapy for Reflex Syncope

Studio SUP 2 Guideline based pacing therapy for Reflex Syncope Syncope Unit Project 2 Studio SUP 2 Guideline based pacing therapy for Reflex Syncope Investigatore Principale: M. Brignole Syncope Unit Project 2 Board: Ammirati F Badami A Brignole M (responsabile progetto)

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015

APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 APPROFONDIMENTI IN CARDIOLOGIA CORSO FAD 16 NOVEMBRE 31 DICEMBRE 2015 Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 143001, edizione 1 Responsabile scientifico: Pasquale Guarini Destinatari dell attività formativa:

Dettagli

Prospettive attuali e future nella terapia della sincope: terapia farmacologica, tilt training, quando il PM

Prospettive attuali e future nella terapia della sincope: terapia farmacologica, tilt training, quando il PM Simposio Multidisciplinare sulla Sincope Brescia, 9 maggio 2009 Prospettive attuali e future nella terapia della sincope: terapia farmacologica, tilt training, quando il PM Claudio Pedrinazzi U.O. Cardiologia

Dettagli

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca

La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca La Gestione Perioperatoria del Paziente Cardiopatico in Chirurgia non Cardiaca Obiettivi dell incontro Epidemiologia OBIETTIVO DELL INCONTRO Parlare dei nuovi orientamenti nel trattamento dell operando

Dettagli

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco

Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Terapia farmacologica e non dello scompenso cardiaco Statine e scompenso cardiaco: un associazione imprevista Verona, 21 Gennaio 2006 Mariantonietta Cicoira, MD, PhD Divisione di Cardiologia Direttore:

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli