Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è"

Transcript

1 Lo studio del campo di tensione e di deformazione esistente in una qualsiasi struttura, in conseguenza dell applicazione di sollecitazioni esterne, è di fondamentale importanza per poterne definire il margine di sicurezza.

2 Si consideri una barra di materiale omogeneo con un estremo vincolato e l altro sollecitato da una forza assiale, applicata al baricentro della sezione. Si immagini il tirante costituito da tante fibre assiali. La forza è applicata solo alla fibra centrale. Le altre fibre vengono messe in carico per effetto della coesione tangenziale.

3 Si consideri una barra di materiale omogeneo con un estremo vincolato e l altro sollecitato da una forza assiale, applicata al baricentro della sezione. La distribuzione di forza tra le fibre del tirante non è uniforme nell intorno del punto di applicazione del carico. Tuttavia, per effetto della coesione tangenziale, allontanandosi dal punto di applicazione della forza, la sollecitazione si estende all intera sezione del tirante. d una distanza pari ad un diametro circa dal punto di applicazione, la distribuzione di forza può essere considerata uniforme. Oltre questa distanza possono essere trascurati gli effetti locali del carico. Si immagini il tirante costituito da tante fibre assiali. La forza è applicata solo alla fibra centrale. Le altre fibre vengono messe in carico per effetto della coesione tangenziale. Si consideri una barra di materiale omogeneo con un estremo vincolato e l altro sollecitato da una forza assiale, applicata al baricentro della sezione. Si può immaginare che le fibre del tirante siano soggette a forze elementari f la cui somma corrisponde al carico esterno. f f Se ci si pone il problema progettare la barra, ovvero di stabilire quale diametro essa debba avere per resistere ad una determinata forza, è necessario effettuare una prova sperimentale su una barra simile, realizzata con lo stesso materiale e con la stessa sezione resistente.

4 Misura delle prestazioni del materiale: La prova di trazione La forza applicata dalla macchina al provino viene incrementata gradualmente fino alla rottura. 0 Trasduttore di spostamento Macchina di trazione-compressione da 0 tonn Cella di carico per la misura della forza Misura delle prestazioni del materiale: La prova di trazione La forza applicata dalla macchina al provino viene incrementata gradualmente fino alla rottura. max max è il carico massimo al quale il provino può resistere. 0 Macchina di trazione-compressione da 0 tonn max 4

5 Misura delle prestazioni del materiale: La prova di trazione max La forza applicata dalla macchina al provino viene incrementata gradualmente fino alla rottura. max Rottura max è il carico massimo al quale il provino può resistere. 0 Grafico ottenuto dalla prova di trazione l max Il valore misurato max nella prova di trazione dipende certamente dal materiale con cui il provino è realizzato ma dipende anche dalla sezione resistente : dunque la prova non caratterizza il materiale. max Utilizzando il valore max per progettare un tirante si è costretti ad eseguire una prova su una barra identica, con la medesima sezione. max confronto Rottura max Se, però, si utilizza il rapporto per confrontare le due situazioni allora non è più necessario ripetere la prova per ogni diverso valore della sezione ; in questo caso sarà sufficiente una sola prova, eseguita su un provino di area resistente qualsiasi, 0, per prevedere il carico di rottura di qualunque componente soggetto a trazione. max 5

6 Il valore limite Rottura è indipendente dalla sezione e può quindi essere considerato una caratteristica del materiale. Utilizzando tale valore limite, il progetto del tirante, ovvero la determinazione dell area della sezione necessaria a sopportare il carico, previsto dalla specifica, risulta agevole. Dalla prova di trazione si ricava Limite Rottura confronto Rottura max max 0 0 max L area della sezione del tirante necessaria per resistere alla forza senza che si verifichi la rottura si calcola semplicemente Rispetto al valore minimo necessario è opportuno mantenere un margine di sicurezza XS X L 0 S Tensione ammissibile X L S L 0 Relazione di progetto max Introducendo il concetto di sforzo specifico, ovvero di forza per unità di area si può scrivere: f a area a f Considerando, con maggiore aderenza alla realtà, che la sezione sia un continuo e non un numero discreto di fibre, la sommatoria precedente si può scrivere come integrale calcolato sulla sezione: d Nell ipotesi che la distribuzione di forza sia uniforme nella sezione si può scrivere: N m Pa è la grandezza che deve essere confrontata con il valore limite consentito dal materiale: L 6

7 Per effetto del carico la barra subisce un allungamento l (o un accorciamento, in dipendenza dal verso della forza). l l f l 0 nche in questo caso è conveniente ragionare in termini specifici piuttosto che assoluti. l 0 l f l Dividendo l allungamento per la lunghezza della barra si ottiene l allungamento specifico: ε l f l l 0 0 l l 0 L allungamento specifico è detto deformazione È possibile definire la deformazione in modo diverso: ε l f dl l ln l l f l0 0 l ε l 0 l ε ln l f 0 La deformazione così definita è detta ingegneristica La deformazione così definita è detta logaritmica o anche deformazione vera (true strain) Per effetto del carico la barra subisce un allungamento l (o un accorciamento, in dipendenza dal verso della forza). l 0 l f l l ε ε l 0 Deformazione ingegneristica f Deformazione logaritmica 0 ln l l Oltre alla variazione di lunghezza nella direzione di applicazione del carico, si osserva un altro effetto: 0 una variazione trasversale di dimensioni, sempre opposta a quella osservata parallelamente alla direzione di applicazione del carico ν coefficiente di Poisson ε trasversale -ν ε longitudinale ν ε trasversale ε longitudinale 7

8 Per molti materiali, entro un certo limite della tensione, esiste un rapporto di proporzionalità tra la forza e l allungamento l. Causa l 0 l f l l K Effetto La costante K è definita anche come rigidezza della struttura. Costante di proporzionalità E K l 0 l E E l 0 La costante K dipende dalla geometria e dal materiale. è un parametro dipendente dal materiale. Ricordando la definizione di tensione ed applicando la definizione di deformazione la relazione tra forza e spostamento può essere scritta in una forma indipendente dalla geometria e legata solo al materiale con cui è costruito il componente: l 0 l f l Tensione Deformazione Normalizzando rispetto all area della sezione si ottiene: l ε l 0 l E l 0 l E E ε l 0 Relazione costitutiva E è detto modulo elastico del materiale o modulo di Young E ε 8

9 max Grafico ottenuto dalla prova di trazione Rottura R Rottura Il grafico della prova di trazione si può rappresentare in termini di tensione e deformazione, invece che forza e spostamento, si ottiene una curva con andamento monotono. l 0 0 Se la tensione è definita in rapporto all area deformata della sezione piuttosto che alla sezione nominale 0 la curva di trazione è monotona. α E tan Il modulo elastico è misurato dalla tangente dell angolo formato tra il tratto rettilineo della curva di trazione e lasse delle ascisse. α ε Grafico ottenuto dalla prova di trazione Per valutare il modulo elastico, tuttavia, non è conveniente utilizzare la curva di trazione a causa della forte incertezza della misura. max Rottura Sono usati quindi altri metodi di misura, generalmente sfruttando la dipendenza da E del comportamento dinamico del materiale. La frequenza propria della barra f è data da una relazione del tipo: 0 f π K M π E l M 0 Se la geometria e la massa sono note si ricava il modulo elastico E. α E tan Il modulo elastico è misurato dalla tangente dell angolo formato tra il tratto rettilineo della curva di trazione e lasse delle ascisse. α ε 9

10 Utilizzando i soli concetti discussi fin ora è già possibile impostare il progetto o la verifica di semplici strutture, costituite da tiranti e puntoni, utilizzando come condizione la resistenza o la rigidezza. l 0 Calcolo a resistenza Specifica: forza applicata coefficiente di sicurezza X s la struttura si considera danneggiata quando la tensione supera il valore limite L Definizione di tensione X s L Relazione di progetto Calcolo a rigidezza (o a deformazione) Specifica: forza applicata lunghezza indeformata del tirante l 0 modulo elastico E la struttura si considera danneggiata quando lo spostamento supera il valore limite l L Relazione forza spostamento K l l l 0 X s E ll E l 0 Relazione di progetto Specifica: tirante a sezione piena circolare retta d carico 0 kn lunghezza del tirante l mm allungamento limite l mm fattore di scurezza X s.5 l 0 Materiale (alluminio): tensione limite L 0 MPa modulo di Young E 70 GPa In base alla specifica si determini il diametro del tirante d Dalla condizione di resistenza si ha: X d s 0 4 π E-6 m 0E6 5.0 mm 4 5 π.6 mm Resistenza rigidezza d.6 mm d 5.7 mm Dalla condizione di rigidezza si ha: l 0 X s E ll E-6 m 9.9 mm 70E d 5.7 mm La condizione di rigidezza è più stringente e richiede un diametro maggiore. 0

11 l 0 d Specifica: tirante a sezione piena circolare retta carico 0 kn allungamento limite l mm fattore di scurezza X s.5 Materiale (alluminio): tensione limite L 0 MPa modulo di Young E 70 GPa In base alla specifica si calcolino le dimensioni del tirante: d ed l 0 Non è più data in specifica la lunghezza l 0 ; le variabili di progetto sono quindi : d ed l 0 La condizione di resistenza non è cambiata quindi i valori dell area e del diametro che rispettano questa condizione sono: X s mm d.6 mm Dimensioni: d.6 mm l mm Dalla condizione di rigidezza si ha: l 0 X s E ll l 0 E ll X s 70E E mmm α h T Si vuole verificare la capacità di carico del martinetto a vite rappresentato nello schizzo B s Sfruttando la simmetria rispetto al piano verticale nel quale giace l asse della vite, è possibile studiare solo metà della struttura. L DTI B 00 mm h 0 mm s 8 mm L tale che 0 < α <60 d (vite) 5 mm Materiale: R 00 MPa Della vite si considera solo metà della sezione.

12 T è la forza totale applicata al martinetto; è la forza applicata alla metà del martinetto in esame. C T 60 0 P Vite V α α P D nalisi delle forze applicate ai vari componenti acendo l equilibrio nel nodo si ottiene: P P senα senα V V acendo l equilibrio nel nodo D ( o C è lo stesso)si ottiene: La forza applicata al tirante centrale è metà di quella applicata in realtà alla vite, della quale però si considera solo metà della sezione resistente. B V cosα V P senα cosα tanα La configurazione più sfavorevole si verifica per il valore minimo di α, quindi 0 T è la forza totale applicata al martinetto; è la forza applicata alla metà del martinetto in esame. C T compressione V 0 P Vite V compressione trazione V P Le forze nei puntoni valgono quindi: D P V senα tanα T 4 senα La forze nel tirante, ovvero nella vite valgono: T tanα compressione compressione B

13 In conclusione si ha: P V senα tanα T 4 senα T tanα rea puntone: rea vite: V P π d 4 4 h s m π m Si assume quale coefficiente di sicurezza X S il valore.5 quindi la tensione ammissibile vale R 00E6 0 X.5 0 S MPa Tensione nella vite: Tensione nei puntoni: V V V P P P V V T tan α T 4 senα P V 0 0 T T tan α V 0 4 senα P 0 In conclusione si ha: P V senα tanα T 4 senα T tanα rea puntone: rea vite: V P π d 4 4 h s m π m Si assume quale coefficiente di sicurezza X S il valore.5 quindi la tensione ammissibile vale Quindi per α 0 si ha: R 00E6 0 X.5 0 S MPa Per la vite: T tan α 0 V tan N Nei puntoni: T 4 senα P sen N La vite risulta essere l elemento debole del sistema. È opportuno, quindi, un aumento di sezione per la vite.

14 In conclusione si ha: P V senα tanα T 4 senα T tanα rea puntone: rea vite: V P π d 4 4 h s m π m Si assume quale coefficiente di sicurezza X S il valore.5 quindi la tensione ammissibile vale R 00E6 0 X.5 0 S MPa L area della vite che assicura la stessa resistenza dei puntoni vale: V T tan α tan m e quindi il diametro vale: 4 4 V d 7. 7 π.45 mm 4

15 Stato di tensione pluriassiale / Trazione pura stato di tensione monoassiale x M M / (6 M) / (π d ) Nel caso generale lo stato di tensione è triassiale Trazione e torsione stato di tensione piano y z x x Stato di tensione in un punto z Dall equilibrio alla rotazione si ha: ( dzdx) dy ( dxdy) dz 0 yz zy z zy yz z zy z dy xy xz yz yx zx zy y yz dy dz yz y zx xz zy yz y dz xy zy z y x x 9 componenti yx dx 6 componenti indipendenti y 5

16 dz z Stato di tensione in un punto area di BCD D normale n αy z y x x C y z C γ x z D z y β n B cos α l cos β m cos γ n x y x B dy n componente della tensione normale al piano dx S x x / S y y / S z z / x l y m z n Stato di tensione in un punto z z D y D z x x y C x z B x xy y x y C Dall equilibrio alla traslazione in direzione x si ottiene: y B xz z x x x x + y xy + z xz 6

17 Stato di tensione in un punto z z D y D z xy x x x y C x z B x y y yz y xy y x y xz x C Dall equilibrio alla traslazione in tutte le direzioni si ottiene: y x B yz z z z xz z x x x + y xy + z xz y x xy + y y + z yz z x xz + y yz + z z x x x + y xy + z xz y x xy + y y + z yz z x xz + y yz + z z S x x / S y y / S z z / x l y m z n x / x / x + y / xy + z / xz y / x / xy + y / y + z / yz z / x / xz + y / yz + z / z 7

18 x x x + y xy + z xz y x xy + y y + z yz z x xz + y yz + z z S x x / S y y / S z z / x l y m z n S xn l S x S yn m S y S zn n S z S x l x + m xy + n xz S y l xy + m y + n yz S z l xz + m yz + n z S xn l x + l m xy + l n xz S yn l m xy + m y + m n yz S zn l n xz + m n yz + n z n componente della tensione normale al piano n S xn + S yn + S zn n l x + m y + n z + ( lm xy + ln xz + m n yz ) x x x + y xy + z xz y x xy + y y + z yz z x xz + y yz + z z S x x / S y y / S z z / x l y m z n S xn l S x S yn m S y S zn n S z S x / l x x + / m x xy + + n y / xz xy + z / xz S y / l xy x + / m xy y + n y yz / y + z / yz S z / l xz x + / m xz yz + n y / z yz + z / z S xn l x + l m xy + l n xz S yn l m xy + m y + m n yz S zn l n xz + m n yz + n z n componente della tensione normale al piano n S xn + S yn + S zn n l x + m y + n z + ( lm xy + ln xz + m n yz ) 8

19 Tensioni principali z D z n xy x x x Il piano BCD è ora orientato parallelamente ad un piano principale. Su BCD quindi 0 e n di conseguenza: n y y yz y xy y x y xz x nx S x ny S y nz S z x B yz z z z xz z C y nx l n l ny m n m nz n n n S x l S y m S z n S x l S y m S z n S x l x + m xy + n xz S y l xy + m y + n yz S z l xz + m yz + n z Tensioni principali l l x + m xy + n xz m l xy + m y + n yz n l xz + m yz + n z l ( - x ) - m xy - n xz 0 - l xy + m ( - y ) - n yz 0 - l xz - m yz + n ( - z ) 0 l + m + n Equazione cubica dello stato di tensione ( - x ) - xy - xz - xy ( - y ) - yz 0 - xz - yz ( - z ) - ( x + y + z ) + ( x y + y z + x z - xy - xz - yz ) + - ( x y z + xy xz yz - x yz - y xz - z xy ) 0 9

20 Tensioni principali - ( x + y + z ) + ( x y + y z + x z - xy - xz - yz ) + - ( x y z + xy xz yz - x yz - y xz - z xy ) 0 Le tensioni principali sono le soluzioni dell equazione cubica dello stato di tensione I coefficienti della cubica devono essere indipendenti dall orientamento del sistema di riferimento scelto I x + y + z I x y + y z + x z - xy - xz - yz I x y z + xy xz yz - x yz - y xz - z xy Le tre quantità I, I e I sono invarianti rispetto all orientamento del sistema di riferimento Tensioni principali z Piano BCD Il sistema di riferimento x y z è orientato con l asse x parallelo alla normale del piano BDC (che è un piano principale) Sul piano BCD deve essere x y x z 0 x y x 0

21 Tensioni principali z z y Il sistema di riferimento x y z è orientato con l asse x parallelo alla normale del piano BDC (che è un piano principale) Piano BCD y z Sul piano BCD deve essere x y x z 0 L unica componente tangenziale diversa da 0 è quindi y z z y x y x Tensioni principali z Piano BCD Il sistema di riferimento x y z è orientato con l asse x parallelo alla normale del piano BDC (che è un piano principale) Sul piano BCD deve essere x y x z 0 L equazione cubica dello stato di tensione calcolata nel sistema x y z diventa: x x y - ( x + y + z ) + + ( x y + y z + x z - y z ) - ( x y z - x y z ) 0 [ - x ] [ ( - y )( - z ) - y z ] 0

22 [ - x ] [ ( - y )( - z ) - y z ] 0 Tensioni principali L equazione ha tre soluzioni x y + z + y - z ( ) + y z y + z - y - z ( ) + y z Tensioni principali: piani di massimo taglio n γ G normale n S l S m S n α β E Il sistema di riferimento è orientato secondo le direzioni principali ricordando l espressione di n : n l x + m y + n z + + ( lm xy + ln xz + m n yz ) e tenendo conto della particolare orientazione del sistema di riferimento, la tensione normale agente sul piano EG è data da: n l + m + n

23 Tensioni principali: piani di massimo taglio La forza risultante agente sul piano EG può essere espressa come somma vettoriale delle sue componenti: r + + r S + S + S r n + r l + m + n ricordando la relazione r - n n l + m + n l + m + n - (l + m + n ) Tensioni principali: piani di massimo taglio l + m + n - (l + m + n ) Calcolando le derivate parziali della rispetto a l m n e uguagliandole a 0 si ottengono i valori dei coseni direttori che individuano i piani di massimo taglio: l 0 m ± ½ n ± ½ l ± ½ m 0 n ± ½ l ± ½ m ± ½ n 0 E i valori del taglio su tali piani sono dati dalle relazioni: ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) ± ½ ( - )

24 Tensioni principali: piani di massimo taglio La giacitura dei piani di massimo taglio può essere rappresentata graficamente: l 0 m ± ½ n ± ½ l ± ½ m 0 n ± ½ l ± ½ m ± ½ n 0 ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) Il cerchio di Mohr Y S z Si consideri il piano RS parallelo all asse z ed inclinato di α rispetto all asse x Ipotesi: stato piano di tensione n rea rea P α R X S y R α n x Si immagini ora di spostare il punto di vista sull asse z 4

25 Il cerchio di Mohr Y S x y Si consideri lo stato tensionale sul piano RS Dall equilibrio alla traslazione si ha: X cos α + Xy sen α - cos α - sen α 0 y sin α + Xy cos α - sin α + cos α 0 X cos α Xy cos α α P Xy sen α y sen α rea R X moltiplicando la prima per cos α e la seconda per sin α si ha: X cos α + Xy sin α cos α - cos α + - sin α cos α 0 y sin α + Xy sin α cos α - sin α + + sin α cos α 0 sommando le due equazioni si ottiene: X cos α + y sin α + Xy sin α cos α Il cerchio di Mohr ricordando che: sin α sin α cos α X cos α + y sin α + Xy sin α cos α l equazione precedente può essere riscritta in forma leggermente diversa: ( X cos α + y sin α) + Xy sin α quindi, moltiplicando e dividendo per il primo termine, si ha: / ( X cos α + y sin α) + Xy sin α ricordando, inoltre, che: cos α cos α - sin α da cui si ottiene: + cos α cos α e - cos α sin α si può ancora riscrivere l equazione precedente nella forma seguente: / [ X (+ cos α ) + y (- cosα)] + Xy sin α che equivale a: ½ ( x + y ) + ½ ( x - y ) cos α + xy sen α 5

26 Il cerchio di Mohr tornando ora alle due equazioni di equilibrio: x y X cos α + Xy sen α - cos α - sen α 0 y sin α + Xy cos α - sin α + cos α 0 moltiplicando questa volta la prima per sin α e la seconda per cos α si ha: X sin α cos α + Xy sin α - sin α cos α - sin α 0 y sin α cos α + Xy cos α - sin α cos α + cos α 0 sottraendo le due equazioni si ottiene: ( x - y ) sin α cos α + Xy ( sin α - cos α ) - 0 che equivale a: ½ ( x - y ) sen α - xy cos α Il cerchio di Mohr Y S Le componenti della tensione e sul piano RS e possono dunque essere espresse in funzione delle componenti x e y e dell angolo α mediente le seguenti relazioni: X cos α Xy cos α α P Xy sen α y sen α rea R X ½ ( x + y ) + ½ ( x - y ) cos α + xy sen α ½ ( x - y ) sen α - xy cos α 6

27 Il cerchio di Mohr L angolo α che individua i piani principali può essere ricavato cercando il massimo della funzione (α): ½ ( x + y ) + ½ ( x - y ) cos α + xy sen α ovvero, uguagliando a 0 la derivata d/dα d/dα - ½( x - y ) sin α + xy cos α 0 ( x - y ) sin α xy cos α e quindi tg α xy x - y Il cerchio di Mohr cos α P S α sen α Nel sistema di riferimento orientato secondo le direzioni principali le equazioni di equilibrio si possono scrivere come segue: R rea Posto: ½ ( + ) + ½ ( - ) cos α ½ ( - ) sen α ½ ( + ) δ ½ ( - ) ρ ( - δ ) + ρ 7

28 Il cerchio di Mohr ( - δ ) + ρ δ ½ ( + ) questa è l equazione di un cerchio nel piano δ ρ ½ ( - ) ρ ½ ( x + y ) + ½ ( x - y ) cos α + xy sen α ½ ( + ) + ½ ( - ) cos α Il cerchio di Mohr ½ ( x - y ) sen α - xy cos α ½ ( - ) sen α y x max convenzione sui segni delle tensioni xy + α L angolo α che individua il piano principale rispetto alla direzione x è dato dalla relazione: α tg α xy ( x - y ) 8

29 Il cerchio di Mohr Le tensioni principali possono essere ricavate geometricamente dal cerchio di Mohr se sono note le componenti di tensione nel sistema xy: ½ ( x + y ) + {[( x - y )/] + xy } y x ½ ( x + y ) - {[( x - y )/] + xy } max xy + e il massimo valore del taglio è dato da: xy max {[( x - y )/] + xy } max ( - )/ Il cerchio di Mohr Costruzione del cerchio di Mohr Dati: x y xy x Y y xy - xy X + xy X α - xy Y 9

30 Il cerchio di Mohr x y xy x xy x Il cerchio di Mohr x y xy α 0

31 Il cerchio di Mohr x y xy α Il cerchio di Mohr x y xy α

32 Il cerchio di Mohr y x max xy α Il cerchio di Mohr y x y y xy α

33 Il cerchio di Mohr Caso della trazione pura x / max 0 45 x Il cerchio di Mohr Caso della torsione pura M x M (6 M) / (π d ) max - xy 0 xy 45

34 Il cerchio di Mohr Stato di tensione triassiale max ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) ± ½ ( - ) Esempio di calcolo Il supporto rappresentato nello schizzo è costituito da una barra in alluminio a sezione circolare retta. Si vuol calcolare il diametro in base alla seguente specifica: a L d M 0 kg L Specifica: L 0.5m L 0.5m M 0 kg a 4g 40 m/s Tensione ammissibile max 50 MPa M a N d? Momento flettente Momento torcente Le tensioni principali sono calcolate dall equazione: Nella sezione d incastro si ha: M L M f L f f M t L π d π d 6M 6L t π d π d x + y x y, ± + xy dove 0 x f e y 4

35 Esempio di calcolo Il supporto rappresentato nello schizzo è costituito da una barra in alluminio a sezione circolare retta. Si vuol calcolare il diametro in base alla seguente specifica: a f f, ± + max L M 0 kg L L 6L ± + π d π d π d 6 π d 6 6 ( L + L + L L + L + L π ) ( L + L ) π d ( ) ( ) π max L ( ) d 6 d L + L d Specifica: L 0.5m L 0.5m M 0 kg a 4g 40 m/s Tensione ammissibile max 50 MPa M a N L π d f π 50E6 6L π d [ L ± L + L ] 6.mm Esempio di calcolo Il cerchio di Mohr nella sezione di incastro nel caso L L L L max max ± ½ ( - ) 5

36 Esempio di calcolo Il cerchio di Mohr nella sezione di incastro nel caso L > L L L max ± ½ ( - ) max Esempio di calcolo Il cerchio di Mohr nella sezione di incastro nel caso L 0 L max ± ½ ( - ) max 6

37 Esempio di calcolo P i Il disco rappresentato nello schizzo è soggetto ad una pressione di forzamento. In corrispondenza del raggio interno lo stato tensionale è dato dalle seguenti relazioni: PR i i R e r tensione radiale R e Ri Ri PR i i R + e c R tensione circonferenziale e Ri Ri a 0 la tensione assiale è nulla rc 0 la tensione tangenziale è nulla r ra ca 0 nulle sono anche le altre tensioni di taglio c c e sono quindi tensioni principali c r la a 0 è la terza tensione principale r Esempio di calcolo Disco soggetto ad una pressione di forzamento. Posto: si ha: P i 0 MPa R e 0.5 m R i 0.05 m P i c. 5MPa c r c r 0MPa a 0 r max ( ) (.5MPa ( 0MPa) ). 5MPa 7

38 Esempio di calcolo Disco soggetto ad una pressione di forzamento. P i max max ± ½ ( - ) Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Dati: M m P 0 kw n D 60 mm D 80 mm L 80 mm L 00 mm L 60 mm d 0 mm L L M t Si vuol calcolare lo stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Rapporto di trasmissione L n n M M M r t M M r d d P M m m ω M M m t 8

39 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. zione dinamica del pignone sulla ruota forza agente sul dente T componente tangenziale R componente radiale ω r ω t Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore orze applicate all albero intermedio T R d D D ω R T L L L 9

40 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore + Convenzione positiva D D ω R R T T Equilibrio alla rotazione M T T M D t D M m D D 0 T T T D D P m D ω 0 R T tgα T tg0 R T tg0 T Pm D ω Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore T Posto: P 0 kw 0.5 n 000 D 60 mm D 80 mm D D ω R R T T Pm 60 D π n T 796N π 000 D 0.6 T T N D 0.08 R T tgα T tg N R T tg N 40

41 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano verticale Piano verticale ω L L L Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano verticale Piano verticale R ω R L L L 4

42 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano verticale Piano verticale R R ω L L L Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Calcolo delle reazioni vincolari Equilibrio alla rotazione intorno al punto Piano verticale M 0 R R R B L ( L + L ) + R ( L + L + L ) 0 R R B R ( L + L ) R RB R B ( L + L + L ) L Equilibrio alla traslazione verticale L L L V 0 R + R R RB R + R R B R 0 4

43 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Posto: L 80 mm L 00 mm L 60 mm Piano verticale R R R B R B R B R ( L + L ) R ( L + L + L ) L ( ) 90 ( ) R N B L L L R + R R B R R N Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Posto: L 80 mm L 00 mm L 60 mm Piano verticale M V Diagramma dei momenti B M V R L Nm R M V R B M V R B L Nm L L L 4

44 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano orizzontale Piano orizzontale L L L Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano orizzontale Piano orizzontale M t T M t T L L L D 0.6 M t T Nm D 0.08 M t T Nm 44

45 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Piano orizzontale Piano orizzontale T T L L L Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Calcolo delle reazioni vincolari Equilibrio alla rotazione intorno al punto Piano orizzontale M 0 T T R R B L L L B R ( L + L ) R ( L + L + L ) 0 T L + T B B T L + T ( L + L ) ( L + L + L ) Equilibrio alla traslazione verticale V 0 R + RB T T R T + T R B 0 45

46 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Posto: L 80 mm L 00 mm L 60 mm Piano orizzontale B R B T L + T ( L + L ) ( L + L + L ) ( ) ( ) R N B T T R R B R T + T R B L L L R N Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Schema dell albero come trave appoggiata agli estremi Posto: L 80 mm L 00 mm L 60 mm Piano orizzontale Diagramma dei momenti M O R L Nm B M O R B L Nm R R B M O M O L L L 46

47 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Piano verticale M V Momento flettente complessivo nella sezione M M V + M O M V M Nm Piano orizzontale Momento flettente complessivo nella sezione M M V + M O M Nm M O M O L L L Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Momento torcente D 0.08 M t T Nm -M t M t L L L 47

48 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Stato di tensione nella sezione f M f W f M f πd compressione - f MPa π 0.0 Mf + trazione M f t M t W t M t 6 πd 6 t MPa π 0.0 y M t t t f f z x Esempio di calcolo y Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore f z f t f x f 4. MPa t 40. 6MPa f f, ± + t f f x z MPa.9MPa max 7. (.9) max t tg α f α atg t 7. 7 f 70.0MPa 48

49 Esempio di calcolo Riduttore di velocità ad ingranaggi. Stato di tensione dell albero intermedio del riduttore Il cerchio di Mohr max α t x f 7. 0 y 40.6 t ine 49

50 50

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Generalità e note di teoria

Generalità e note di teoria Capitolo 1 Generalità e note di teoria In questo capitolo sono riportate alcune note delle teorie utilizzate, riguardanti: Verifiche di resistenza. Dati del problema e convenzioni. Ipotesi fondamentali.

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ESERCIZI DA ESAMI (1996-2003) Prove triassiali

ESERCIZI DA ESAMI (1996-2003) Prove triassiali ESERCIZI DA ESAMI (1996-23) Prove triassiali Esercizio 1 Un provino di argilla è consolidato isotropicamente in cella triassiale con: pressione di cella: σ c = 4 kpa contropressione neutra: B.P. = 2 kpa

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo

Le molle. Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle Costruzione di Macchine 2 Prof. Stefano Beretta Chiara Colombo Le molle 2 Le molle sono elementi in grado di deformarsi elasticamente, assorbendo energia. Applicazioni caratteristiche: accumulatore

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Strutture in Acciaio:

Strutture in Acciaio: Strutture in Acciaio: i Verifica degli elementi strutturali STATI LIMITE DI ESERCIZIO STATI LIMITE ULTIMI DELLE SEZIONI (RESISTENZA DELLE SEZIONI) Si possono considerare due stati limite: 1. Stato

Dettagli

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2005/06 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Proporzionamento della trasmissione a cinghie Noti la potenza nominale P n del motore, il tipo di motore e di

Dettagli

CRITERI DI RESISTENZA DEI MATERIALI

CRITERI DI RESISTENZA DEI MATERIALI CRITERI DI RESISTENZA DEI MATERIALI Tutti i materiali da costruzione rimangono in campo elastico sino ad una certa entità delle sollecitazioni su di essi agenti. Successivamente, all incrementare dei carichi,

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2

Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Verifiche di sicurezza di una costruzione 1/2 Le costruzioni devono soddisfare opportuni requisiti di sicurezza nei confronti della loro capacità portante Capacità portante Attitudine di una struttura

Dettagli

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti;

Per prima cosa si determinano le caratteristiche geometriche e meccaniche della sezione del profilo, nel nostro caso sono le seguenti; !""##"!$%&'((""!" )**&)+,)-./0)*$1110,)-./0)*!""##"!$%&'((""!" *&)23+-0-$4--56%--0.),0-,-%323 -&3%/ La presente relazione ha lo scopo di illustrare il meccanismo di calcolo che sta alla base del dimensionamento

Dettagli

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1)

Figura 1: Azioni generalizzate sul concio infinitesimo di piastra. dx dy = 0 (1) Equazione risolvente delle piastre sottili Al fine di determinare l equazione della superficie elastica, cioè l unica incognita del problema, dato che tutte le altre grandezze sono scritte in funzione

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A.

Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria D.I.S.T.A.R.T. Comportamento sotto carico di esercizio delle strutture in C.A. Appunti dai seminari tenuti dal ing. Ferretti XVII ciclo del dottorato

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Inflessione delle travi

Inflessione delle travi Inflessione delle travi In precedenza si è esplicitato il legame sollecitazione-curvature-tensioni nelle travi, ma non è ancora stato affrontato il problema del calcolo delle frecce di inflessione Il calcolo

Dettagli

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI

CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI CALCOLO TEORICO DELLE CONNESSIONI Relatore: INDICE: Connettori metallici a gambo cilindrico alle tensioni ammissibili Approccio di calcolo agli stati limite - Teoria di Johansen - Formule proposte dalle

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Le molle. M. Guagliano

Le molle. M. Guagliano Le molle M. Guagliano Introuzione Le molle sono organi meccanici che hanno la proprietà i eformarsi molto sotto carico, ma rimaneno nel campo elastico el materiale i cui sono costituite, ovvero non accumulano

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 2004-2005

PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 2004-2005 ITIS OMAR NOVARA DIPARTIMENTO DI MECCANICA PROGRAMMA DI MECCANICA CLASSE QUARTA MECCANICA 004-005 La compressione e la trazione semplice Determinazione del modulo di elasticità normale tramite il diagramma

Dettagli

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO

PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO PARTE IV: RESISTENZA AL TAGLIO Resistenza al taglio in corrispondenza dei contatti fra le particelle Definizione dell angolo di attrito Φ μ tgφ μ = f con f = coefficiente di attrito Interpretazione micromeccanicistica

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-3-2012

Dettagli

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE

75 CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE CAPITOLO 6: PROVE EDOMETRICHE 75 CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE CAPTOLO 6: PROVE EDOMETRCE La prova edometrica è una prova di compressione assiale senza deformazione laterale, serve a determinare le caratteristiche di comprimibilità dei

Dettagli

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia

Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia Operazioni sui vettori Scomposizione di un vettore F in un vettore e in una coppia F (non baricentrico) = F (baricentrico) + Momento orario F. b F (diretto verso il basso) = vettore spostato a sinistra

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Sistemi di travi Corsi di Laurea in

Dettagli

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Roma, 29 gennaio 2009 Convegno Sika INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO: utilizzo di materiali fibrorinforzati e malte da ripristino Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Ugo Ianniruberto

Dettagli

M296 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO

M296 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO M29 ESME DI STTO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRILE CORSO DI ORDINMENTO Indirizzo: MECCNIC Tema di: DISEGNO, PROGETTZIONE ED ORGNIZZZIONE INDUSTRILE Nel disegno allegato è rappresentato un albero che trasmette

Dettagli

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione

Prova d esame del 30 giugno 2010 Soluzione UNIVERSITÀ I PIS Facoltà di Ingegneria Meccanica nalitica e dei Continui (CS Ing. Nucleare e della Sicurezza Industriale) Scienza delle Costruzioni (C Ing. Nucleare e della Sicurezza e Protezione) Scienza

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE

ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio di disegno CAD ANALISI E VERIFICA DI UN RIDUTTORE AERONAUTICO PER AUMENTARNE LA POTENZA TRASMISSIBILE

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Esercitazione 01: Calcolo degli spostamenti mediante il teorema del Castigliano

Esercitazione 01: Calcolo degli spostamenti mediante il teorema del Castigliano Meccanica e Tecnica delle Costruzioni Meccaniche Esercitazioni del corso. Periodo II Prof. Leonardo BERTINI Ing. Ciro SANTUS Esercitazione 01: Calcolo degli spostamenti mediante il teorema del Castigliano

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento

Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Dimensionamento di un azionamento di avanzamento Saranno forniti i criteri per la scelta dei servomotori e dei principali componenti meccanici di un azionamento di avanzamento. dimensionamento stazionario

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Torsione Prova di torsione su un cilindro cavo

Torsione Prova di torsione su un cilindro cavo Torsione e taglio Torsione Prova di torsione su un cilindro circolare cavo Sforzi tangenziali al variare del sistema di riferimento Barre di sezione circolare Sezione circolare cava Sezioni di forma qualunque

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N.

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N. Edutecnica.it Azioni interne esercizi risolti 1 razione Esercizio no.1 soluzione a pag.7 Determina il diametro di un tirante (a sezione circolare in acciaio Fe0 da sottoporre ad una forza F10.000N di lunghezza

Dettagli

S u S e S u S e S u S e 65 29.5 325 114 280 96 60 30 238 109 295 99 82 45 130 67 120 48 64 48 207 87 180 84 101 51 205 96 213 75. T ti i dirit riserva

S u S e S u S e S u S e 65 29.5 325 114 280 96 60 30 238 109 295 99 82 45 130 67 120 48 64 48 207 87 180 84 101 51 205 96 213 75. T ti i dirit riserva Esercizi aggiuntivi capitolo 3 2-4 Si classificano, in tabella, i valori del logaritmo in base dieci di 55 osservazioni sperimentali dei cicli al guasto rilevati durante prove di fatica a livelli di sollecitazione

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Idraulica delle correnti: definizioni

Idraulica delle correnti: definizioni Idraulica delle correnti: definizioni Assumiamo un asse z verticale, positivo verso l alto, avente origine su un piano di riferimento orizzontale (nei calcoli per gli acquedotti si assume come riferimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO

CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO CORSO DI LAUREA IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2013-14 PROVA DI INGRESSO 20 Settembre 2013 Fisica 1. La figura è una vista dall alto di quattro scatole identiche, S 1, S 2, S 3, S 4, appoggiate su un piano

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Meccanica e Macchine esame 006 MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Sessione ordinaria 006 Si debba trasmettere una potenza di 7,5 kw da un motore elettrico avente velocità angolare di 1450 giri/min

Dettagli

σ a σ R σ S σ N σ LF Tensione alterna La Curva di Wöhler N Numero di cicli log N Fatica oligociclica

σ a σ R σ S σ N σ LF Tensione alterna La Curva di Wöhler N Numero di cicli log N Fatica oligociclica Fatica oligociclica a Tensione alterna R S N Zona di progettazione a tempo (fatica ad alto numero di cicli) LF La Curva di Wöhler Vita infinita 10 4 N Numero di cicli 10 7 10 8 log N 1 a Fatica oligociclica

Dettagli

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura

La deformazione plastica. La deformazione plastica. Lavorazioni per deformazione. Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura La deformazione plastica La deformazione plastica Lavorazioni per deformazione Il processo di laminazione Estrusione e trafilatura La forgiatura 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi della lezione Valutare

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI GEOTECNICA 8. COMPORTAMENTO MECCANICO DEI TERRENI RESISTENZA DEI TERRENI PERCORSO TENSIONALE IN UNA PROVA TRIASSIALE DRENATA PROVA TRIASSIALE DRENATA TERRENO NC PRESSIONE NEUTRA NULLA COMPRESSIONE ISOTROPA

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

Molle. Descrizione 06/11/2014. Manutenzione aeronautica e PCM A.A. 2013/2014. Manutenzione aeronautica e PCM A.A. 2013/2014

Molle. Descrizione 06/11/2014. Manutenzione aeronautica e PCM A.A. 2013/2014. Manutenzione aeronautica e PCM A.A. 2013/2014 Molle 17:46 1 Descrizione Sono degli elementi meccanici in grado di assorbire notevoli quantità di energia senza raggiungere sollecitazioni critiche, vengono impiegate per diversi scopi tra cui: Attenuazione

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì TRAVI RETICOLARI AGGIORNAMENTO DEL 7/11/2011 Le travi reticolari sono strutture formate da aste rettilinee, mutuamente collegate

Dettagli

Si ipotizza che i coni della frizione siano in ghisa e che tra essi sia interposto del ferodo. (pag. I-79, I- 80)

Si ipotizza che i coni della frizione siano in ghisa e che tra essi sia interposto del ferodo. (pag. I-79, I- 80) Traccia Lo schema disegnato in figura rappresenta un innesto a frizione conico con il quale si deve trasmettere la potenza di 125 kw che ruotano a 2000 giri/minuto Fissato con motivato criterio ogni elemento

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla:

pure rivolta verso sinistra (se l accelerazione è positiva). Per l equilibrio dinamico del corpo la somma di tali forze deve essere nulla: Oscillatore semplice Vibrazioni armoniche libere o naturali k m 0 x Se il corpo di massa m è spostato di x verso destra rispetto alla posizione di riposo, è soggetto alla forza elastica di richiamo della

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori di posizione ed estensimetri Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Trasduttori di posizione La conoscenza diretta della posizione e degli spostamenti è generalmente utilizzata

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli