Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza"

Transcript

1 Università degli studi di Roma Tor vergata Dottorato di ricerca in Economia Aziendale Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Roma, 16 Gennaio 2013

2 Obiettivi Il Laboratorio si propone di indagare i comportamenti dei soggetti e delle istituzioni che compongono il sistema finanziario in relazione a: Linguaggio utilizzato; Informazioni diffuse attraverso i media. Il Laboratorio intende creare opportunità di collaborazione e condivisione tra i ricercatori e gli operatori per quanto riguarda le prospettive e gli strumenti di analisi. 2

3 Struttura Il Laboratorio è attivato nell ambito del Dottorato di Ricerca in Economia Aziendale, percorso Banking and Finance. Direttore del Laboratorio: Vincenzo Farina Comitato Scientifico: in via di costituzione Sponsor esterni: Associazione Italiana per il Factoring (ASSIFACT). Sorgente Group. 3

4 Ambiti di ricerca Comportamento intermediari finanziari e organismi di controllo Efficienza dei mercati e comportamento agenti economici 4

5 Comportamento intermediari finanziari e organismi di controllo Possibili temi da sviluppare / approfondire nel Laboratorio: L analisi degli orientamenti culturali degli intermediari finanziari in relazione alla performance, alla creazione di valore ed alla compliance regolamentare L analisi degli stili di vigilanza delle autorità di controllo L analisi della reputazione (industry e/o firm-specific) L analisi della trasparenza informativa di intermediari finanziari ed imprese (es. analisi della relazione fra contenuto e livello di disclosure delle informazioni finanziarie rese pubbliche) La valutazione del grado di complessità della documentazione rivolta, in particolar modo, ai clienti retail 5

6 Efficienza dei mercati e comportamento agenti economici Possibili temi da sviluppare / approfondire nel Laboratorio: Dinamica delle bolle speculative (legata al comportamento dei noise traders ) Investor sentiment (generale e/o firm-specific) e mercati finanziari Investor attention (generale e/o firm-specific) e mercati finanziari Natura e capacità di influenza delle fonti informative Modalità di comunicazione e capacità di influenza delle informazioni 6

7 Efficienza dei mercati e comportamento agenti economici Framework di riferimento Evento Modalità di diffusione delle informazioni Livello di attenzione Effetti 7

8 Output attesi Il Laboratorio ritiene obiettivi prioritari: Produrre ricerche secondo criteri di qualità generalmente riconosciuti tra gli studiosi di intermediari e mercati finanziari. Produrre ricerche che siano utili ai soggetti che operano nel sistema finanziario. 8

9 Esperienza sul tema (articoli su riviste) Carretta, A., Farina, V., Fiordelisi, F., Martelli D., Schwizer, P. (2011). The impact of corporate governance press news on stock market returns, European Financial Management, vol. 17, n.1, pp Carretta, A., Farina, V., Schwizer, P. (2011). Cultural fit and post-merger integration in banking M&As, Journal of Financial Transformation, vol. 33, pp Carretta, A., Farina, V., Schwizer, P. (2010). The day after Basel 2: Do regulators comply with banking culture?, Journal of Financial Regulation and Compliance, vol. 18 n. 4, pp

10 Esperienza sul tema (Saggi all interno di volumi) Carretta, A., Farina, V., Graziano E.A., Reale M. (2013). Does Investor Attention Influence Stock Market Activity? The Case of Spin-Off Deals. In: Mattarocci, G., Carretta, A., Asset Pricing, Real Estate and Public Finance over the Crisis. Palgrave Macmillan. Carretta, A., Farina, V., Nako, A. (2012). Web 2.0, mass media e circolazione delle notizie finanziarie: il caso dello spread btp-bund. In: Bracchi G., Masciandaro D., Fondazione Rosselli, XVII Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano, La banca commerciale territoriale nella crisi dei mercati. Fondazione Rosselli. Edibank - Bancaria Editrice, Milano. Carretta, A., Farina, V., Graziano E.A., (2011). Dal dire al fare. Principi della regolamentazione e azione di vigilanza: l evoluzione nel disegno delle regole e dei controlli. In: Bracchi G., Masciandaro D., Fondazione Rosselli, XVI Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano, L Europa e oltre - Banche e imprese nella nuova globalizzazione. Edibank - Bancaria Editrice, Milano. (L articolo è pubblicato anche su Bancaria, n. 10, pp. 2-13) Carretta, A., Farina, V., Schwizer, P. (2010). Does board composition affect strategic frames of banks?. In (a cura di) Fiordelisi F., Molyneux P., Previati D., New Issues in Financial Institutions Management, Palgrave Macmillan, London. Caratelli, M., Farina, V., Giannotti, C. (2009) La comunicazione al mercato del rischio immobiliare: una verifica empirica per le SGR immobiliari Italiane. In: Bracchi G., Masciandaro D., Fondazione Rosselli, XIV Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano, Dopo la crisi. L industra finanziaria Italiana tra stabilità e sviluppo. Edibank - Bancaria Editrice, Milano. Carretta, A., Farina, V., Schwizer, P. (2009). Chi ha paura della sana e prudente gestione? Un confronto dell'atteggiamento della Vigilanza e delle banche verso il rischio. In: Bracchi G., Masciandaro D., Fondazione Rosselli, XIV Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano, Dopo la crisi. L industria finanziaria Italiana tra stabilità e sviluppo. Edibank - Bancaria Editrice, Milano Carretta, A., Farina, V., Fiordelisi, F., Schwizer, P. (2009). Does Corporate Culture Affect Shareholder Value? Evidence from European Banking. In (a cura di) Carretta, A., Fiordelisi, F. Mattarocci, G. New Drivers of Performance in a Changing Financial World. Palgrave Macmillan, London. 10

11 Lavori in corso Good News, Bad News: a Prososal to Rethink and to Measure Banks' Reputation Vincenzo Farina, Università di Roma Tor Vergata Giampaolo Gabbi, Università di Siena Daniele Previati, Università di Roma Tre Obiettivi Il lavoro si propone di sviluppare una metodologia di analisi della reputazione applicabile agli intermediari finanziari. 11

12 Lavori in corso Don t stand so close to me: Unione Bancaria e stili di vigilanza. Does fitness matter? Alessandro Carretta, Università di Roma Tor Vergata, Vincenzo Farina, Università di Roma Tor Vergata, Franco Fiordelisi, Università di Roma Tre Paola Schwizer, Università di Parma Obiettivi L'attribuzione alla Bce dei poteri di supervisione sulle maggiori banche europee è un passo importante verso l'integrazione comunitaria. Il lavoro si propone di individuare e confrontare gli stili di vigilanza adottati finora dagli organi di controllo dei principali paesi, per valutarne le implicazioni sulla prospettiva di esercizio unitario dei controlli. 12

13 Lavori in corso Mass Media, Investor Attention and the Stock Market Vincenzo Farina, Università di Roma Tor Vergata Marco Reale, Università di Canterbury (NZ) Obiettivi Il lavoro si propone di indagare nel tempo la relazione esistente tra market sentiment, attenzione degli investitori e performance del mercato azionario 13

14 Strumenti proprietari

15 A.M.I.C.A. (Automatic Monitoring of Internet & Content Analysis) Funzioni: Web mining (RSS feed, Twitter, Facebook, ) Content analysis: Funzioni di base (Come viene comunicato?) Category frequency analysis (es. sentiment analysis) (Come viene comunicato?) Latent semantic analysis (Cosa viene comunicato?) Analisi leggibilità testi (Come viene comunicato?) Social network analysis (Chi comunica?, Quali sono i maggiori influencer?) 15

16 Web mining Rss feeds (quotidiani, blogs, ecc ) Twitter Facebook? 16

17 ma non solo Documenti interni Rss feeds (quotidiani, blogs, ecc ) Twitter Facebook? Documenti autorità supervisione (es. SEC) 17

18 Content analysis Funzioni di base Word frequency analysis Analisi concordanze 18

19 Content analysis Category frequency analysis (es. sentiment analysis) Tipologie: Firm-specific Tematica Vocabolario di riferimento: Uso di liste predefinite (LIWC, General Inquirer, Loughran & McDonald, ecc ) Uso di tecniche di machine learning: Classificatori bayesiani naif Classificatori nearest neighbor (KNN) Classificatori support vector machine (SVM) 19

20 Content analysis Come funzionano i classificatori? 2 dimensioni 3 + dimensioni 20

21 Content analysis Latent semantic analysis Tecnica che consente di ridurre il contenuto di un documento a pochi concetti chiave. Utile quando si tratta di analizzare corpus testuali di grande dimensione. Es. Documento -> Bello: Cane, Gatto, Tempo, Giorno, Clima Applicazione LSA: Cane, Gatto -> Animali Tempo, Clima, Giorno -> Condizioni meteo Risultato -> Bello: Animali, Condizioni meteo 21

22 Content analysis Analisi della leggibilità dei testi Indici di leggibilità: Indice di Flesch Indice di Kincaid Indice di Gunning s Fog Indice GULPEASE Esempio indice di Flesch: con P = numero delle sillabe, calcolato su un campione di 100 parole; S = numero medio di parole per frase. 22

23 Social network analysis Struttura dei risultati a partire da motori di ricerca (es. Google, Yahoo, Bing) 23

24 Social network analysis Struttura dei legami fra soggetti che discutono di uno stesso argomento 24

25 Dal dire al fare Principi della regolamentazione e azione di vigilanza: l evoluzione nel disegno delle regole e dei controlli Carretta Farina Graziano 2011

26 Indice Obiettivi Letteratura Analisi Risultati Conclusioni 26

27 Obiettivi Analizzare la comunicazione della Banca d Italia nella prospettiva di segnale di indirizzo dei comportamenti. Si vuole infatti verificare se i temi ed i principi presenti nelle comunicazioni ufficiali: vengono ripresi a livello dell azione di vigilanza effettivamente svolta influenzano (e come) i comportamenti dei soggetti vigilati 27

28 Letteratura Incremento significativo di contributi teorici ed empirici che sottolineano l importanza dall attività di comunicazione delle Banche Centrali. Alcuni ambiti di comunicazione per le Banche Centrali: 1. obiettivi di politica monetaria 2. linee di azione correnti 3. previsioni sull andamento dell economia 4. indicazione delle linee di azione future 28

29 Letteratura Gli strumenti di comunicazione delle banche centrali sono diversi: conferenze stampa pubblicazione di bollettini economici audizioni pubbliche discorsi e interviste dei membri degli organi decisionali siti Internet documenti di ricerca e di discussione 29

30 Letteratura Per misurare l impatto della comunicazione occorre considerare come questa si rifletta sul comportamento degli attori che operano sul mercato: L influenza sulle aspettative del mercato La riduzione dell incertezza La garanzia di indipendenza La comunicazione e l azione di vigilanza 30

31 Letteratura La comunicazione delle banche centrali, soprattutto se queste godono di una buona credibilità, incide sull entità, sulla direzione Per misurare delle reazioni l impatto del mercato della e sul comunicazione grado occorre prevedibilità delle politiche monetarie future. considerare come questa si rifletta sul comportamento degli attori che operano sul mercato: L influenza sulle aspettative del mercato La riduzione dell incertezza La garanzia di indipendenza La comunicazione e l azione di vigilanza 31

32 Letteratura Se la comunicazione guida correttamente le Per misurare aspettative l impatto allora i prezzi della reagiscono comunicazione occorre correttamente e le decisioni di policy diventano considerare come questa si rifletta sul più prevedibili. comportamento degli attori che operano sul mercato: L influenza sulle aspettative del mercato La riduzione dell incertezza La garanzia di indipendenza La comunicazione e l azione di vigilanza 32

33 Letteratura Per misurare l impatto della comunicazione occorre All incremento dei livelli di indipendenza delle considerare banche centrali come fa questa generalmente si rifletta seguito sul la comportamento richiesta di una degli maggiore attori accountability. che operano sul mercato: L influenza sulle aspettative del mercato La riduzione dell incertezza La garanzia di indipendenza La comunicazione e l azione di vigilanza 33

34 Letteratura Per misurare l impatto della comunicazione occorre considerare Il contenuto come della comunicazione questa si in rifletta tema di principi sul di supervisione bancaria indirizzata al mercato può comportamento degli attori che operano sul mercato: trovare riscontro: nell azione di vigilanza successivamente svolta L influenza sulle aspettative del mercato comportamento dei soggetti vigilati La riduzione dell incertezza La garanzia di indipendenza La comunicazione e l azione di vigilanza 34

35 Analisi Oggetto dell analisi sono: i discorsi del Governatore e dei membri del Direttorio della Banca d Italia le sanzioni di vigilanza riportate nei Bollettini di Vigilanza nel periodo

36 Analisi L indagine si articola in tre fasi: 1. esame dei discorsi della Banca d Italia mediante l utilizzo di metodologie CATA (Computer Aided Text Analysis). 2. esame di 78 Bollettini di Vigilanza pubblicati mensilmente da Banca d Italia tra il 2002 ed il 2009, con riferimento alla sezione Sanzioni Amministrative (1.452 sanzioni). 3. individuazione di una relazione fra il contenuto dei discorsi relativi ai diversi anni ed il peso delle sanzioni di vigilanza contenute all interno delle diverse macro-classi. 36

37 Fase 1 Definizione del vocabolario di analisi Category frequency analysis 37

38 Fase 2 Definizione delle macro-classi di sanzioni 38

39 Fase 3 Individuazione di una relazione fra il contenuto dei discorsi relativi ai diversi anni ed il peso delle sanzioni di vigilanza contenute all interno delle diverse macro-classi. 39

40 Risultati Rilevanza media dei diversi ambiti di vigilanza all interno dei discorsi (numero di parole ogni mille) 40

41 Risultati Contenuto dei discorsi nel periodo (numero di parole ogni mille) 41

42 Risultati Rilevanza media delle macro-classi di sanzioni 42

43 Risultati Andamento delle sanzioni erogate da Banca d'italia nel periodo

44 Risultati Tematiche dei discorsi e sanzioni di vigilanza *Discorsi = variazione del numero di parole (ogni mille) nel periodo **Sanzioni = variazione % della categoria nel periodo 44

45 Conclusioni Ciò che emerge è che il contenuto dei discorsi contiene, anche se le evidenze sono limitate ai soli ambiti dell adeguatezza patrimoniale e contenimento dei rischi e della governance, organizzazione e controlli interni, dei segnali di indirizzo per i soggetti vigilati. sul fronte dell adeguatezza patrimoniale sembrerebbe confermata, almeno in parte, l ipotesi che le comunicazioni contengano le linee guida dell azione di vigilanza futura. sul fronte riguardante governance, organizzazione e controlli interni, i soggetti vigilati tenderebbero a rispondere con una maggiore (minore) compliance alle norme a fronte della più (meno) intensa pressione regolamentare. 45

46 Web 2.0, mass media e circolazione delle notizie finanziarie: il caso dello spread btp-bund Carretta Farina Nako 2012

47 Indice Obiettivi Letteratura Analisi Risultati Conclusioni 47

48 Obiettivi Come si diffonde una notizia? Chi sono i soggetti chiave nella circolazione delle informazioni finanziarie? Esiste una relazione fra il grado di diffusione della notizia e l attenzione verso la stessa? 48

49 Obiettivi Questo lavoro considera due aspetti legati alla diffusione delle notizie finanziarie: 1. Identificazione gli attori che hanno un ruolo centrale nella propagazione delle notizie finanziarie. 2. Relazione tra grado di circolazione delle notizie finanziarie e livello di attenzione / consapevolezza degli individui con l idea che la variazione di attenzione / consapevolezza sia influenzata dai mass media. 49

50 Letteratura La letteratura rileva diverse modalità di diffusione delle informazioni finanziarie. Word of mouth: gli investitori fanno grande affidamento sui consigli di familiari, amici e colleghi per quanto riguarda le loro scelte finanziarie. Mass media (giornali, reti televisive, canali radiofonici, web): l informazione viene diffusa attraverso un processo top-down: partendo dai mass media, dove viene originata e prodotta, essa si diffonde poi attraverso un passaggio verticale fino a raggiungere il pubblico. Web 2.0 (social network, blog, microblogging): luoghi di interazione dove l informazione non solo viene diffusa ma addirittura originata. Spesso vengono utilizzati anche dai media tradizionali. 50

51 Analisi Oggetto dell analisi sono le notizie riguardanti lo spread tra btp e bund diffuse mediante: mediante i principali siti di informazione in Italia (es. Corriere della Sera, Repubblica, Il Sole 24 Ore, ecc) Twitter, una delle più importanti piattaforme di microblogging. Il caso delle notizie riguardanti lo spread tra btp e bund, è interessante per almeno tre motivi: esiste un fattore oggettivo che le origina, ossia l andamento della serie storica degli spread btp-bund le notizie sugli spread btp-bund sono diffuse con continuità, almeno dalla seconda metà dell anno 2011 l eco sui diversi media dell argomento è molto forte 51

52 Fasi Su Twitter viene tracciato, durante il periodo 21 Maggio Maggio 2012, l intero flusso di tweet convergente attorno all hashtag #spread per esaminare, mediante la social network analysis, la capacità di influenza degli utenti che contribuiscono alla circolazione delle notizie (Obiettivo 1). Mediante un modello di autoregressione vettoriale (VAR), viene indagata, durante il periodo Settembre 2011 Gennaio 2012, l esistenza di una relazione fra l andamento dello spread btp-bund, la circolazione delle notizie sull argomento ed il grado di attenzione / consapevolezza degli individui (Obiettivo 2). 52

53 Natura e capacità d influenza delle fonti informative: lo spread btp bund visto da Twitter Per studiare la relazione tra natura e capacità di influenza delle fonti informative si utilizza la metodologia della social network analysis (Mitchell 1969; Wasserman, Faust 1994). I dati sono rappresentati da tutti i tweet convergenti verso l hashtag #spread, raccolti dalle 8:37 del giorno 21 Maggio 2012 alle 11:56 del giorno 30 Maggio

54 Natura e capacità d influenza delle fonti informative: lo spread btp bund visto da Twitter Nel complesso, 240 utenti hanno generato 491 tweet e 180 retweet. Sulla base di questi ultimi è stato possibile definire il network delle interazioni tra tutti gli utenti. 54

55 Natura e capacità d influenza delle fonti informative: lo spread btp bund visto da Twitter L analisi della natura degli utenti di Twitter si basa sulla semplice distinzione fra mass media, blog e singoli individui. La misurazione della centralità di un utente nel network, considerata un indicatore del suo impatto, utilizza invece il concetto di betweenness dei singoli attori. 55

56 Natura e capacità d influenza delle fonti informative: lo spread btp bund visto da Twitter 56

57 Natura e capacità d influenza delle fonti informative: lo spread btp bund visto da Twitter Esistenza di una relazione fra la natura delle fonti ed il loro impatto sulla circolazione delle informazione. anche nell ambito degli strumenti Web 2.0, i media tradizionali hanno una forte influenza sulla circolazione di informazioni finanziarie. Il ruolo dei blog, specialmente di tipo finanziario, non è trascurabile. 57

58 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui Al fine di stimare le relazioni fra l andamento dello spread btpbund, la diffusione delle notizie sull argomento ed il grado di attenzione / consapevolezza degli individui, nell ambito del periodo Settembre 2011 Gennaio 2012, si impiega un modello di autoregressione vettoriale (VAR). Il modello utilizza le seguenti variabili: Spread: rappresenta la differenza logaritmica del livello giornaliero degli spread fra btp e bund, i cui dati sono stati estratti dalla banca dati Bloomberg. Hits: rappresenta la differenza logaritmica della ricorrenza giornaliera congiunta delle parole spread e btp all interno di tutte le notizie pubblicate nel periodo di riferimento. Tutte le notizie analizzate provengono dalla banca dati Factiva. Attenzione, costruita utilizzando, in differenza logaritmica, i dati giornalieri delle ricerche riguardanti lo spread fra btp e bund effettuate dagli utenti sul motore di ricerca Google 58

59 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui 59

60 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui *** Livello di significatività 1% ** Livello di significatività 5% * Livello di significatività 10% 60

61 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui Dopo aver stimato il modello statistico, è necessario dare una struttura economica al sistema attraverso un modello SVAR (Structural VAR), con il quale è possibile stimare la funzione impulso-risposta per le nostre variabili. Per risalire alla rappresentazione strutturale c è bisogno di restrizioni che rendano il modello interpretabile economicamente. A tal fine, attraverso la scomposizione di Cholesky si impone un preciso ordine ricorsivo che implica un ordine di endogeneità delle variabili del VAR (l ordine imposto è il seguente: 1. spread, 2. hits e 3. attenzione). 61

62 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui 62

63 Spread btp-bund, circolazione delle notizie e attenzione degli individui In linea con le ipotesi di partenza, la variazione (positiva) di interesse dei mass media in un certo giorno è influenzata dalla variazione (positiva) dello spread sia istantanea (come si evince dalla funzione impulso risposta) sia nel giorno precedente. L attenzione degli individui invece è catturata certamente dall evoluzione dello spread nel giorno precedente ma anche, a livello istantaneo, da uno shock della variazione d interesse dei mass media, che produce un aumento immediato di attenzione nella misura del 25%. 63

64 64

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Università degli studi di Roma Tor vergata Dottorato di ricerca in Economia Aziendale Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Roma, 21 Gennaio 2014 Obiettivi Il Laboratorio si

Dettagli

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae Elvira Anna Graziano Curriculum Vitae DATI ANAGRAFICI Cognome e Nome Elvira Anna Graziano Data di nascita 06/02/1984 Luogo di nascita Cariati (CS) Residenza Via Beata Teodora, 14 87067 Rossano (CS) Domicilio

Dettagli

Curriculum Vitae VINCENZO FARINA. Date of birth: 27/03/1978 vincenzo.farina@uniroma2.it. Education

Curriculum Vitae VINCENZO FARINA. Date of birth: 27/03/1978 vincenzo.farina@uniroma2.it. Education Curriculum Vitae VINCENZO FARINA Date of birth: 27/03/1978 vincenzo.farina@uniroma2.it Education 2007 Phd, Banking and Finance, University of Rome Tor Vergata. 2001 Degree, Business administration, Bocconi

Dettagli

Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro

Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro Il Laboratorio real estate: attività del 2012 e sguardo al futuro Workshop di presentazione dei LAB Università di Roma Tor Vergata 15 16 gennaio 2013 Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università

Dettagli

Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale

Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale Laboratorio di Ricerca in Governance e Controlli Interni Convegno di presentazione delle attività del Laboratorio Il ruolo del consiglio di amministrazione nel governo del sistema di rischi aziendale Roma,

Dettagli

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale

Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI. Posizione attuale Curriculum Vitae CLAUDIO GIANNOTTI Nato a Roma l 11 dicembre 1969 Indirizzi e-mail: giannotti@economia.uniroma2.it giannotti@lum.it Posizione attuale Professore Ordinario di Economia degli intermediari

Dettagli

VINCENZO FARINA

VINCENZO FARINA VINCENZO FARINA Email: vincenzo.farina@uniroma2.it Dipartimento di Management e Diritto Università di Roma Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma Ultimo aggiornamento: Settembre 2016 POSIZIONE ATTUALE

Dettagli

Presentazione dell attività del Laboratorio

Presentazione dell attività del Laboratorio Università degli Studi di Roma TOR VERGATA Dottorato di Ricerca in Banca e Finanza Dottorato di Ricerca in Economia Dottorato in Scienze Economiche e Aziendali Laboratorio di Ricerca in Governance e Controlli

Dettagli

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Gli intermediari finanziari: quadro competitivo e fabbisogni di regolamentazione Alessandro Carretta Università di Roma Tor Vergata Associazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE PROF. UGO POMANTE

CURRICULUM VITAE PROF. UGO POMANTE CURRICULUM VITAE PROF. UGO POMANTE Dati Anagrafici Luogo e data di nascita: Sede universitaria: Dipartimento afferenza Atri (TE), 22 Ottobre 1970 Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia Via

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma

La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma La shared mobility, nuova frontiera della mobilità urbana: le prospettive per l area metropolitana di Roma OBIETTIVI Da qualche anno a questa parte, le soluzioni di trasporto condivise stanno conoscendo

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

Il Laboratorio di Finanza Immobiliare

Il Laboratorio di Finanza Immobiliare Dottorato di ricerca in Banca e Finanza Il Laboratorio di Finanza Immobiliare Claudio Giannotti Università LUM 1 Gli obiettivi Il Laboratorio si propone di realizzare ricerche che siano rigorose sul piano

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Istruzione e formazione. Nome(i) / Cognome(i) Maria-Gaia Soana

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Esperienza professionale. Istruzione e formazione. Nome(i) / Cognome(i) Maria-Gaia Soana Curriculum Vitae Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Maria-Gaia Soana Indirizzo(i) 25, Largo Pertini, 26041, Casalmaggiore (CR) Telefono(i) 0375/40659 Cellulare: 339/2740692 Fax 0375/40659 E-mail

Dettagli

Presentazione dell attività del Laboratorio

Presentazione dell attività del Laboratorio Gruppo di Studio e Attenzione Imprese, Regolamentazione e Antitrust Università degli Studi di Roma TOR VERGATA Laboratorio di Ricerca in Governance e Controlli Interni Presentazione dell attività del Laboratorio

Dettagli

IL RISCHIO DI SPREAD :

IL RISCHIO DI SPREAD : Corso tecnico/pratico Seconda Edizione IL RISCHIO DI SPREAD : MISURAZIONE E GESTIONE TRAMITE COSTRUZIONE IN AULA DI MODELLI IN EXCEL Milano, 26 e 27 novembre 2013 Hotel Four Points Sheraton Via Cardano

Dettagli

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it CURRICULUM VITAE Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it Nato a Milano il 20 gennaio 1954. Laurea in Economia Aziendale nell Università Bocconi di Milano, 1976. ITP International Schools of Business Management,

Dettagli

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it CURRICULUM VITAE Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it Nato a Milano il 20 gennaio 1954. Laurea in Economia Aziendale nell Università Bocconi di Milano, 1976. ITP International Schools of Business Management,

Dettagli

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it http://www.economia.uniroma2.it/bancafinanza/

Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it http://www.economia.uniroma2.it/bancafinanza/ CURRICULUM VITAE Alessandro Carretta carretta@uniroma2.it http://www.economia.uniroma2.it/bancafinanza/ Nato a Milano il 20 gennaio 1954. Laurea in Economia Aziendale nell Università Bocconi di Milano,

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

2003 oggi Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari, Università di Parma.

2003 oggi Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari, Università di Parma. Paola Schwizer Curriculum Vitae Informazioni personali Formazione Nata il 30 maggio 1965 a Milano Nazionalità italiana Lingue: tedesco, inglese, francese 1989, Laurea in Economia Aziendale, Università

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Indagini statistiche attraverso i social networks

Indagini statistiche attraverso i social networks Indagini statistiche attraverso i social networks Agostino Di Ciaccio Dipartimento di Scienze Statistiche Università degli Studi di Roma "La Sapienza" SAS Campus 2012 1 Diffusione dei social networks Secondo

Dettagli

L innovazione nei servizi di pagamento dalla SEPA alla PSD2: OBEP, P2P, Mobile e Instant Payment

L innovazione nei servizi di pagamento dalla SEPA alla PSD2: OBEP, P2P, Mobile e Instant Payment ATTIVITA DI RICERCA 2015 L innovazione nei servizi di pagamento dalla SEPA alla PSD2: OBEP, P2P, Mobile e Instant Payment PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI L introduzione della SEPA ha impegnato

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Curriculum della propria attività scientifica e didattica

Curriculum della propria attività scientifica e didattica Curriculum della propria attività scientifica e didattica 2000 Laurea (Economia e Commercio) 2004 Dottorato di ricerca in Banca e finanza 2007 Ricercatore confermato di Economia degli intermediari finanziari

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO

LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO diapositiva #1/9 LA NUOVA ERA DEL MARKETING POLITICO Internet come strumento di costruzione e gestione del consenso - Marco Artusi Prof. a contratto in Università di Modena e Reggio Emilia CEO LEN STRATEGY

Dettagli

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie Il MANAGER e la COMUNICAZIONE Strategie, metodi e nuove tecnologie Manuale per sviluppare le competenze individuali e facilitare il flusso comunicativo all interno e all esterno dell organizzazione Indice

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale

Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale Alessandra Righi, Monica Scannapieco FORUM PA 28 Maggio 2015 Indice Il Sentiment Le Inchieste sul Sentiment Uso dei Social media

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

FINANZA E INDUSTRIA IN ITALIA

FINANZA E INDUSTRIA IN ITALIA FINANZA E INDUSTRIA IN ITALIA Ripensare la «corporate governance» e i rapporti tra banche, imprese e risparmiatori per lo sviluppo della competitivita A CURA DI ROBERTO CAFFERATA SOCIETÀ EDITRICE IL MULINO

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti

Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti Il Pricing nel Settore Finanziario: Tendenze e problemi aperti La prospettiva dell offerta delle assicurazioni di Sergio Paci Università Bocconi 1 Il tema del pricing è molto complesso e articolato anche

Dettagli

Formazione, attività scientifica e/o professionale

Formazione, attività scientifica e/o professionale STEFANIA SYLOS LABINI Bari 25/4/1981 stefania.syloslabini@unifg.it Formazione, attività scientifica e/o professionale Titoli accademici e altri titoli Marzo 2007: Dottore di Ricerca in Scienze bancarie

Dettagli

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Anno Accademico 2009-2010 1 Rapporto

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR Definio Reply è la piattaforma che Fondaco SGR utilizza per la raccolta, il calcolo e la verifica di dati e misure finanziarie sui fondi gestiti e sui mandati

Dettagli

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti NOTA PER LA STAMPA DOCUMENTO DELL ABI A GOVERNO, AUTORITA E ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti Non è cambiato lo spread per i tassi

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Il nuovo processo comunicativo per migliorare la relazione Banca-Cliente

Il nuovo processo comunicativo per migliorare la relazione Banca-Cliente Il nuovo processo comunicativo per migliorare la relazione Banca-Cliente DIMENSIONE CLIENTE Gianni Fuolega Roma, 26 Marzo 2010 Lo scenario Ingresso sul mercato di una nuova generazione di Clienti da catturare

Dettagli

Curriculum Vitae. Professore aggregato di Finance presso l università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Economia e Finanza

Curriculum Vitae. Professore aggregato di Finance presso l università di Roma Tor Vergata Dipartimento di Economia e Finanza Curriculum Vitae Nato a Roma (RM) il 22/11/1978 Indirizzo e-mail: gianluca.mattarocci@uniroma2.it Posizione attuale Ricercatore confermato di Economia degli Intermediari Finanziari presso l università

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Web sentiment analysis

Web sentiment analysis 2 Obiettivi dell analisi e metodologia Inpdap ha condotto una macroanalisi di Sentiment sul web per rilevare la percezione da parte dei cittadini verso i servizi erogati La piattaforma Iride, su cui è

Dettagli

Social Banking 2.0 La presenza social delle banche e l evoluzione del rapporto banca-cliente

Social Banking 2.0 La presenza social delle banche e l evoluzione del rapporto banca-cliente Social Banking 2.0 La presenza social delle banche e l evoluzione del rapporto banca-cliente Dimensione Social & 2.0 Milano, 1 ottobre 2014 La popolazione di Facebook è più numerosa di quella dell'india,

Dettagli

La misura di performance dei fondi immobiliari: una ricerca sui fondi retail

La misura di performance dei fondi immobiliari: una ricerca sui fondi retail Il nuovo ruolo dell esperto indipendente alla luce della crisi finanziaria La performance dei fondi immobiliari, il Mortgage Lending Value e il Property and Market Rating Roma, 09-11-2012 La misura di

Dettagli

E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010

E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010 E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010 Milano, 18 maggio 2010 Perché un altra ricerca sull E-Commerce L 2010 è una ricerca effettuata da ContactLab in collaborazione con Netcomm, tramite questionario

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano

Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE. FrancoAngeli. Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano Fabio Fortuna L INFORMATIVA SUI RISCHI NELLE BANCHE FrancoAngeli Facoltà di Economia dell Università Telematica delle Scienze Umane Niccolò Cusano COLLANA DELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Fase di Progetto B. Gli indicatori

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

Strategie di investimento in fondi immobiliari. Gianluca Mattarocci Università di Roma Tor Vergata

Strategie di investimento in fondi immobiliari. Gianluca Mattarocci Università di Roma Tor Vergata Strategie di investimento in fondi immobiliari Gianluca Mattarocci Università di Roma Tor Vergata 1 Indice Introduzione Misure di performance del portafoglio gestito Misure di performance corrette per

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

Economia aziendale - introduzione-

Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale scienza che studia le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle aziende (Zappa 1927) mira a dare norme e precetti per la razionale

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane Bando Giovani Ricercatori Progetto di ricerca Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane di Manuela Stranges Dipartimento di Economia e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II

La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II La Compliance Risk Survey nei servizi di investimento Fase II Paola Musile Tanzi Milano, 1 dicembre 2008 SIA-EAGLE Clients & Friends Copyright SDA Bocconi 2008 Compliance Risk nei servizi di investimento

Dettagli

MONITORARE I SOCIAL MEDIA. Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica

MONITORARE I SOCIAL MEDIA. Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica MONITORARE I SOCIAL MEDIA Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica Marco Mengoni e i social media La social television La classifica dei vincitori di Sanremo ricalca quella delle

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA

CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA CURRICULUM ATTIVITÁ DIDATTICA E SCIENTIFICA di Marina Brogi marina.brogi@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA - Vicepreside della Facoltà di Economia dell Università di Roma La Sapienza - Professore

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi

La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi CONFIDENZIALE SOLO PER DISCUSSIONE La selezione degli investimenti in fondi di Private Equity: criteri e parametri significativi Il Private Equity incontra i Family Office: Focus su aspetti strategici

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

lavoratore e così via.

lavoratore e così via. Dal Dire al Fare Sesto Salone delle Responsabilità Sociale d Impresa Milano, 28 settembre 2009 Fondazione Marco Vigorelli La Corporate Family Responsibilitycome vantaggio competitivo nella gestione delle

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

Stati Generali della Green Economy

Stati Generali della Green Economy Stati Generali della Green Economy Le misure e le riforme economiche e fiscali necessarie per attivare un green new deal Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab r.stasi@abilab.it www.abilab.it ABI Energia

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

E possibile creare ricchezza in Italia gestendo il risparmio?

E possibile creare ricchezza in Italia gestendo il risparmio? E possibile creare ricchezza in Italia gestendo il risparmio? Maurizio G. Esentato Amministratore Delegato Classis Capital SIM SpA Crisi di Fiducia e Gestione del Risparmio LUISS Business School Roma,

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari SCIENZE COGNITIVE PER UNA REGOLAZIONE EFFICACE Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari Roma, 20 aprile 2015 La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La

Dettagli

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica

Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Avviso pubblico per l assegnazione di n.1 Borsa di Ricerca sulla Finanza Pubblica Art. 1 - Oggetto La Fondazione Rosselli, istituto di ricerca indipendente e no-profit che opera nell ambito delle scienze

Dettagli

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE

S A B R I N A L E O. POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE S A B R I N A L E O POSIZIONE ATTUALE: Assegnista di ricerca FORMAZIONE Novembre 2013 (21-22 novembre) Sapienza Università di Roma. Partecipazione Corso di Formazione Come presentare una proposta di successo

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli