Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Orari (PCO) degli. Città di Avigliana"

Transcript

1 Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana

2

3 Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni del PCO * Crediti

4

5 Introduzione Le città sono meccanismi complessi, composti di più parti il cui movimento deve essere il più possibile sincronizzato. Un grande orologio condiziona l esistenza di chi ci vive. Un tempo per il lavoro, un tempo per il riposo, ma anche per affrontare le incombenze della vita. Tempi che a volte non dialogano fra loro. Ecco quindi la necessità di una pianificazione del tempo che metta in relazione i soggetti che interagiscono sullo scenario urbano: cittadini, istituzioni, associazioni, forze produttive. Ma non si tratta di pensare ad un Piano che si limiti a coordinare gli orari dei servizi in relazione ai ritmi di vita dei cittadini. Il Piano di Coordinamento degli Orari è uno strumento che agisce anche e soprattutto sulla qualità della vita a partire dall idea che una politica dei tempi attraversi e condizioni tutte le altre politiche e che richieda una costruzione partecipata insieme ai diversi attori presenti sulla scena urbana. Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) è pertanto uno strumento che supporta i cittadini nel migliorare la propria gestione del tempo (tempo del lavoro, della famiglia, tempo libero, dei figli, ecc.) e consente alla città nel suo complesso di migliorare la compatibilità tra i diversi orari e, di conseguenza, l utilizzo dei luoghi, degli spazi e delle risorse. Approvato con Atto n. 111 assunto dal Consiglio Comunale del 28 settembre 2010

6 Il percorso per l elaborazione del PCO Il Piano di Coordinamento degli Orari di Avigliana ha assuntole sembianze di un laboratorio aperto che è nato, nella sua formulazione progettuale, da studi e ricerche, da concertazione politica, ma anche dal confronto con i cittadini sia nella fase di elaborazione, sia di attuazione. Il Piano non si realizza con strumenti tradizionali: è un processo lungo, complesso, sperimentale, costruito in rapporto costante con i soggetti sociali e istituzionali, e deve essere inteso come un insieme di orientamenti e di azioni che si intersecano interfacciandosi con le altre programmazioni dell ente pubblico, indicando le priorità e scegliendo gli interessi e le esigenze che vanno privilegiati. Le tappe del percorso di costruzione del PCO di Avigliana sono state articolate in modo da favorire la creazione di reti e scambi in grado di dare vita ad azioni comuni improntate alla valorizzazione di risorse e opportunità locali, al radicamento delle stesse azioni, alla creazione di condizioni locali che possano garantire forme di autorganizzazione e di co-gestione locale nell attuazione delle attività. Il perseguimento, raggiungimento e consolidamento di questi obiettivi è stato realizzato attraverso l utilizzo di metodologie e strumenti che hanno consentito di rispondere sia alle esigenze del processo nel suo complesso, sia alla volontà dell Amministrazione comunale di acquisire nuove modalità di approccio e gestione dello sviluppo del territorio. Le attività di elaborazione del Piano di Coordinamento degli Orari hanno visto il coinvolgimento dei seguenti attori: cittadini; donne e famiglie, in particolare; associazioni e i gruppi locali; organizzazioni economiche e imprenditoriali; istituzioni pubbliche e i loro uffici; scuola; fruitori temporanei della città, cioè la quota di popolazione che occupa temporaneamente la città nel corso della giornata o in occasione di eventi particolari.

7 Gli obiettivi del PCO di Avigliana Quattro sono gli obiettivi generali che il Piano intende raggiungere: Migliorare la fruibilità e l accessibilità dei servizi pubblici e privati attraverso la definizione e l attuazione di modalità e strategie funzionali non solo a garantire orari appropriati, ma anche i servizi di trasporto e le infrastrutture di collegamento necessarie. Migliorare l integrazione dei tempi della città attraverso il loro coordinamento, creando un armonia tra esigenze, spostamenti e servizi, nella convinzione che sia un fattore strategico per migliorare anche la qualità della vita e del territorio. Stimolare e responsabilizzare la città rispetto al tema dei tempi e della qualità della vita attraverso il coinvolgimento attivo dei soggetti locali, individuando soluzioni in grado di rispondere a queste esigenze. Promuovere connessioni tematiche e integrazione con la programmazione e la pianificazione locale, favorire la messa in rete dei progetti esistenti, garantirne la visibilità in modo integrato e coordinato, trasformandoli in vere e proprie politiche, in grado di incidere concretamente sul contesto.

8 Le fasi di lavoro Il percorso di costruzione del Piano di Coordinamento degli Orari del Comune di Avigliana è stato articolato in sei fasi di lavoro: indagine conoscitiva del contesto locale; rilievo ed analisi delle esigenze, delle criticità, delle risorse locali e delle idee progettuali; mappatura dei servizi; progettazione delle azioni del Piano; elaborazione finale del Piano di Coordinamento degli Orari; coordinamento e verifica delle attività, comunicazione ed informazione. La prima fase del programma di lavoro è consistita nella raccolta dei materiali sulle principali trasformazioni urbanistiche e del territorio, in atto o in programma, e sulle principali politiche in materia di orari dei servizi pubblici e privati, tempi e pari opportunità, partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, flessibilizzazione dei servizi. L indagine si è concretizzata attraverso interviste e incontri con i tecnici dei diversi settori comunali coinvolti, creazione di una mailing list dei soggetti locali e dei referenti dei servizi coinvolti nel processo e incontri con il gruppo di lavoro interni e esterni. La seconda ha riguardato l analisi di esigenze e criticità dal punto di vista dei cittadini che utilizzano la città, attraverso due incontri a Drubiaglio e al Villaggio Primavera. Questa fase ha consentito di rilevare le caratteristiche del territorio che vengono percepite e vissute come risorse locali (materiali e immateriali) da valorizzare attraverso le politiche dei tempi, o come criticità da limitare e su cui intervenire, e di raccogliere le prime idee progettuali coinvolgendo direttamente i destinatari del Piano.

9 Si è poi passati alla ricostruzione del quadro dei tempi dei principali servizi della città, definendo una mappatura degli orari e della loro accessibilità che ha consentito di ricostruire altri aspetti utili legati alla fruizione ed al livello di accessibilità. Un attività che si è sviluppata attraverso raccolta informazioni, questionario on-line, tavoli tecnici di approfondimento, incontri gruppo di lavoro. La quarta fase è entrata nel merito della progettazione del Piano, attraverso una consultazione pubblica aperta a tutti coloro che vivono e/o lavorano ad Avigliana, che ha consentito di raccogliere idee, suggerimenti, criticità e visioni utili per orientare e programmare le azioni del PCO. Attraverso Focus group di approfondimento tematici ed incontri di coprogettazione per la definizione delle azioni del Piano si è poi giunti nella quinta fase di lavoro all elaborazione finale del Piano. L ultima fase, trasversale a tutto il percorso di definizione del Piano, ha previsto una serie di attività di coordinamento, monitoraggio e verifica con la Pubblica Amministrazione rispetto all organizzazione e allo stato di avanzamento del progetto e del percorso di lavoro e attività di comunicazione funzionali sia alla riconoscibilità del progetto, sia alla sua visibilità sul territorio.

10 I temi e le azioni del PCO Il Piano di Coordinamento degli Orari è, di fatto, una guida per la conoscenza e la fruizione del territorio; individua le esigenze e le priorità delle politiche dei tempi nonché di conciliazione dei diversi tempi della città e di chi vi abita e/o lavora. Il Piano individua, sulla base di quanto emerso nell approfondimento con il territorio, in particolare col confronto con chi lo vive, una serie di temi di indirizzo che costituiscono i principali obiettivi che la città intende perseguire in materia di tempi. Per ogni tema di indirizzo sono state individuate alcune possibili azioni emerse come particolarmente interessanti nel corso del processo di elaborazione e definizione del Piano. Ogni tema di indirizzo è strettamente connesso agli altri così come forte è la relazione tra le diverse azioni individuate nel Piano.

11 Il Piano di Coordinamento degli Orari della Città di Avigliana intende affrontare il tema delle pari opportunità, concentrandosi in particolare sulla conciliazione dei tempi di vita. L obiettivo è l individuazione di azioni concrete di intervento a partire dall intreccio di diversi fattori: l organizzazione del lavoro, il lavoro di cura, il sistema dei trasporti, i servizi della città, il tempo per sé, creando anche le basi per la costruzione di un tavolo di concertazione e di coordinamento sul tema dei tempi e degli orari. Questo obiettivo si traduce, da un lato, nello sviluppo, promozione e implementazione di azioni e politiche sul territorio in grado di favorire una politica dei tempi capace di rispondere ai bisogni dei cittadini e, dall altro, individuare appropriate modalità per fare della flessibilità un opportunità di conciliazione e di fruizione positiva dei tempi e degli spazi della città in una logica di pari opportunità. I temi di indirizzo che caratterizzano il Piano di Coordinamento degli Orari del Comune di Avigliana sono cinque: Migliorare l accessibilità ai servizi pubblici Promuovere spazi di condivisione e di socializzazione Attivare la città sul tema dei tempi Incentivare percorsi di mobilità lenta e sostenibile Sperimentare e sviluppare forme di conciliazione dei tempi

12 Migliorare l accessibilità ai servizi pubblici Il tema punta alla qualità della relazione fra Comune e cittadini attraverso nuove modalità nell erogazione dei servizi, in particolare alle persone anziane e parti di territorio lontane dalla sede dei servizi comunali. Le azioni offrono l opportunità di agire secondo logiche integrate, permettendo la definizione di percorsi e strumenti innovativi finalizzati alla promozione della qualità complessiva della città. Migliorare l attrattività, la fruizione e l accessibilità, rispondendo alle esigenze dei potenziali fruitori, significherà anche favorire percorsi di orientamento e accesso ai servizi, informazione e comunicazione anch essi condivisi dai vari attori in gioco. Le azioni proposte sono: La giornata del cittadino in Comune: apertura prolungata, eventualmente anche continuativa, di tutti gli uffici comunali un giorno a settimana coordinando e armonizzando così gli orari dell apertura al pubblico. Urca itinerante: Ufficio Relazioni con i Cittadini Aviglianesi, oggi aperto nel Palazzo Comunale, itinerante nelle frazioni e presso il mercato settimanale il giovedì al fine di migliorarne la conoscenza e la fruibilità da parte della cittadinanza; Creazione di una rete civica: realizzazione di una rete wireless cittadina fruibile gratuitamente per l accesso a Internet. Informazione per favorire la fruizione dei servizi: realizzazione di tre mini guide in formato cartaceo e/o in pdf da consultare sul sito del Comune. Promuovere spazi di condivisione e di socializzazione Il Piano intende promuovere spazi di condivisione in cui le persone possano trovarsi, confrontarsi, condividere esperienze, esigenze e sviluppare il senso di appartenenza alla comunità. Una particolare attenzione è rivolta alla manutenzione del verde esistente e all animazione degli spazi pubblici urbani, pensati come luoghi per sviluppare relazioni e socialità fra le persone di ogni età. La variante del PRG, in corso di redazione, offre l occasione per proporre il ripensamento, dal punto di vista progettuale, funzionale e sociale, dell area intorno alla scuola Anna Frank nella frazione di Drubiaglio sperimentando l approccio spazio/temporale per riqualificare/rivitalizzare una parte di città attraverso il coinvolgimento dei cittadini e dei soggetti locali, con l obiettivo di migliorare la qualità della vita. Le azioni proposte sono: Il giardino delle donne: proseguire il lavoro iniziato con il Piano di Accompagnamento Sociale del Contratto di Quartiere II, con il coinvolgimento di un gruppo di donne, italiane e straniere, residenti o con attività commerciali nel centro storico, per la definizione degli utilizzi di un giardino dietro il Palazzo comunale. Ripensare l area intorno alla scuola Anna Frank: promuovere l avvio della progettazione partecipata per la ridefinizione progettuale e il ripensamento di usi, fruizione, gestione e animazione dell intera area. L area dell ecomuseo dell ex dinamitificio Nobel: attivazione di un tavolo di lavoro con la Pubblica Amministrazione e le associazioni per comprendere insieme quali funzioni può ospitare.

13 Incentivare percorsi di mobilità lenta e sostenibile La mobilità è uno dei fattori che incide sulla qualità di una città, dal punto di vista ambientale come da quello dello stress, dei disagi e dei problemi di sicurezza determinati dal traffico. Parlare di mobilità sostenibile significa comprendere come le persone e le merci, anche in ambito urbano, possono spostarsi in maniera agevole, con delle tempistiche che si armonizzano con le esigenze dei cittadini e dei fruitori e non, al contrario, che le condizionano. Il tema è fortemente legato al processo in atto nel Comune di Avigliana per il Patto dei Sindaci e pone particolare attenzione alle realtà scolastiche valorizzando le esperienze già compiute in questi anni sui percorsi sicuri, con l attivazione delle linee del Piedibus, e puntando a sviluppare nei bambini la cultura e il senso di appartenenza alla città per renderli partecipi a trasformarla partendo da sé. Le azioni proposte sono: Trasporto a chiamata: attivare il servizio Provibus che offre la possibilità al cittadino di prenotare telefonicamente la corsa in funzione delle sue necessità di spostamento. Piano Spostamenti Casa Lavoro per l Istituto Galileo Galilei: avviare un percorso di lavoro per la costruzione del Piano spostamenti casa/scuola degli studenti e del personale docente e non docente. Mobilità lenta e percorsi sicuri casa scuola: incentivare la pratica della mobilità lenta e a basso impatto ambientale attraverso l uso delle biciclette, attraverso l organizzazione di un bicibus (gruppo di scolari che vanno e tornano da scuola accompagnati in bicicletta da genitori volontari) a Drubiaglio con la scuola Anna Frank. Informazione sulla mobilità sostenibile ad Avigliana: realizzazione di una mappa della città scaricabile anche dal sito internet del Comune, con indicate tutte le opportunità di mobilità, gli orari, i tragitti e i recapiti per ricevere informazioni maggiormente dettagliate.

14 Il Piano costituisce una prima occasione per la città di avviare una riflessione articolata sulla qualità della vita a partire dai tempi, fornendo l opportunità per il territorio di iniziare a produrre dei cam- Sperimentare e sviluppare forme di biamenti concreti sperimentando soluzioni e introducendo degli conciliazione dei tempi elementi di innovazione. Il tema promuove anche una maggiore qualità del lavoro, ponendo particolare attenzione alle tematiche della conciliazione. Le azioni progettuali sono impostate nella logica di considerare specificità e priorità del contesto specifico di intervento (i dipendenti comunali, le scuole, ) e delle politiche locali che la Città promuove. Hanno lo scopo di avviare una sperimentazione completa sul tema della conciliazione nel settore pubblico e, in futuro, nel privato. Le azioni proposte sono: Spesa on line/ a domicilio (sul posto di lavoro) per i dipendenti comunali: aumentare e potenziare i servizi che possano consentire ai dipendenti comunali di conciliare gli orari di vita professionale e familiare per migliorare la gestione del tempo aumentando l offerta di risorse locali a servizio delle pari opportunità. Armonizzare gli orari scolastici: introdurre elementi di flessibilità negli orari delle scuole per favorire le esigenze delle famiglie tenendo conto di quelle pedagogiche, delle necessità di conciliazione dei tempi vita-lavoro dei genitori e degli operatori della scuola. Attivare la città sul tema dei tempi Gli obiettivi del Piano sono legati ad una riflessione costante sui tempi, a un monitoraggio continuo delle esigenze, dei servizi e all introduzione di nuovi elementi che consentono di migliorare la qualità dei tempi di una città e quindi la qualità della vita. Per attuare politiche temporali efficaci occorre sviluppare un progetto che induca tutti gli attori sociali ad un adeguata riflessione e a una responsabilità attiva sulla riorganizzazione dei tempi, degli orari e degli spazi della città. Compito del Piano è far emergere la dimensione del tempo in tutte le politiche che influenzano la vita in città, per sviluppare nei soggetti pubblici e privati che determinano le scelte, un modo di pensare che considera gli effetti di ogni decisione sul tempo urbano e su quello individuale. L azione proposta è: Costituzione di un tavolo di coordinamento sui tempi della città: il tavolo ha il compito di sviluppare la riflessione e il lavoro avviato, individuando nuove strategie e soluzioni.

15 Crediti Il processo di elaborazione del Piano di Coordinamento degli Orari è stato promosso dall Amministrazione Comunale di Avigliana e realizzato grazie al cofinanziamento della Regione Piemonte (D.D. n. 42 del 14/11/ Avviso pubblico per la presentazione della richiesta di contributi per l adozione e l attuazione dei P.C.O.) L equipe tecnica incaricata della redazione del Piano di Coordinamento degli Orari è costituita dallo Studio Associato R. Dispenza e A. Nasso_architetti (Torino) e dalla dott.ssa Irene Ropolo. Tutti le Aree comunali con il coordinamento del direttore generale hanno contributo al processo di elaborazione del PCO attraverso la compilazione del questionario, la partecipazione a incontri e riunioni tenatiche e del gruppo di lavoro, momenti di progettazione partecipata, approfondimenti tecnici e reperimento materiali di documentazione. La grafica del progetto è stata ideata da: logo - arch. Aldo Blandino brochure - Alberto Nicoletta I testi della brochure sono stati curati dall Ufficio Comunicazione del Comune di Avigliana (Ebe Gallo, Gianni Pacchiardo). Stampata su carta ecologica Ecolabel europeo rispondente ai criteri del Protocollo APE della Provincia di Torino.

16 Per informazioni: Ufficio Politiche sociali: Ufficio Ambiente:

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari

Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari 2 Convegno Nazionale Ospedale Città e Territorio Verona, 13-15 Settembre 2007 Riflessioni su Percorsi comuni di Progettazione Integrata La rete dei servizi sanitari Le strutture Sanitarie territoriali

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

CAF per il nostro restyling

CAF per il nostro restyling ISTITUTO AUTONOMO COMPRENSIVO STATALE MADRE TERESA DI CALCUTTA Via Antonio Iannotta, Medaglia d oro V. M. - Pignataro Maggiore (Caserta) Tel. e fax. 0823 871059 ceic82400g@istruzione.it www.iacpignataromaggiore.it

Dettagli

Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare.

Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare. Il trasporto di GPL: tecnologia e cultura della sicurezza in Liquigas. Il programma LiquiCare. Agenda Il trasporto di GPL in Liquigas Gli strumenti di controllo e gestione dei viaggi delle autobotti Il

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di BASILICATA 1 2 Introduzione Il presente documento è il risultato del lavoro del gruppo di ricerca promosso dall USR della Basilicata e composto dai Dirigenti dell Ufficio I e dell Ufficio II, dai due Dirigenti

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 5 Carpi amica delle bambine e dei bambini Responsabile

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod.

WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI. Deliverable di Progetto # (cod. WP7 IMPLEMENTAZIONE A REGIME SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITATIVO- QUANTITATIVO DEI SERVIZI EROGATI Deliverable di Progetto # (cod. A7P2) Versione 1.0 del 26.03.10 1 Indice 1. Premessa 3 2. Qualità e miglioramento

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo

AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO. Storia, obiettivi e attività del tavolo AFFIDAMENTO FAMILIARE NELLA PROVINCIA DI TORINO Il video LE STORIE DELL AFFIDO è un progetto del Tavolo permanente di Coordinamento sull Affidamento Familiare della provincia di Torino, con la realizzazione

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

all.to. A Organizzazione dei servizi di comunicazione ed informazione del Comune di Capannori

all.to. A Organizzazione dei servizi di comunicazione ed informazione del Comune di Capannori all.to. A Organizzazione dei servizi di comunicazione ed informazione del Comune di Capannori e all.to.b Programma delle iniziative di comunicazione anno 2003 U.R.P. Ufficio Stampa Portavoce del Sindaco

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Tracce di scenari futuri

Tracce di scenari futuri 2 giorno Tracce di scenari futuri 13 giugno 14 giugno Rapporto del laboratorio di co-progettazione seconda giornata 2015 Il percorso Il percorso di partecipazione Imola ripartecipa è promosso dall Amministrazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1 Titolo del progetto ManiTese 2 Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Cod. aree di intervento: ASSISTENZA A 01 (Anziani)

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro

Telelavoro, un sistema flessibile per l organizzazione del lavoro BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F. 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Presentazione

Dettagli

Il Sistema di Indicatori di Qualità

Il Sistema di Indicatori di Qualità Il Sistema di Indicatori di Qualità Provincia - Palazzo Cisterna nell ambito dell educazione ambientale e alla sostenibilità a cura di Provincia di Torino Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Boniche,,

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo

Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Giovani: incontro, ascolto, comunicazione, protagonismo Tema programmatico [ ] A: competitività

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

PROGETTO REWIND. Padova, 4 ottobre 2013. Rewind

PROGETTO REWIND. Padova, 4 ottobre 2013. Rewind PROGETTO REWIND Padova, 4 ottobre 03 UNA COMUNITA DI PRATICHE (SINDACALE E NON) AL SERVIZIO DEL CICLO DI VITA DI UN ATTIVITA FORMATIVA (DALL ANALISI DEL FABBISOGNO ALLA PROGETTAZIONE, DALLA CONDIVISIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO L alternanza scuola-lavoro, istituita tramite L. 53/2003 e Decreto Legislativo n. 77 del 15 aprile 2005 e successivamente innovata e regolamentata con i D.P.R. 15 marzo

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Il Comune di Bolzano: l impatto della pianificazione spazio-temporale sulla vita delle cittadine e dei cittadini

Il Comune di Bolzano: l impatto della pianificazione spazio-temporale sulla vita delle cittadine e dei cittadini Il Comune di Bolzano: l impatto della pianificazione spazio-temporale sulla vita delle cittadine e dei cittadini Arch. Maria Chiara Pasquali Assessora all Urbanistica, alla Casa e ai Tempi della Città

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013 Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 La riforma della Pubblica Amministrazione impone la revisione e

Dettagli

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE

QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE QUESTIONARIO sull ASSISTENTE SOCIALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 4 sezioni: 1. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 2. CONOSCENZE 3. ABILITA 4. CARATTERISTICHE PERSONALI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: UNA CITTA A COLORI ENTE Comune di SETTIMO TORINESE SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale: attività interculturali

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA PROGETTO CONTINUITA e ORIENTAMENTO Continuità tra ordini di scuola All interno dell Istituto comprensivo assume una particolare rilevanza la continuità del processo educativo tra i tre ordini di scuola.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità

I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità I bisogni sociali del territorio e la Fondazione di Comunità Incontro con le Organizzazioni del Terzo Settore Lunedì 26 ottobre 2015 - Fondazione Carispezia I bisogni sociali del territorio Nuove modalità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto TEMPO del Comune di Firenze. FORUM PA IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze. Nozione di tempo e implicazioni culturali; Normativa esistente

Dettagli

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto Comune di Olgiate Molgora Progetto Visite in comune Laboratori di consultazione e di progettazione rivolti a bambini e ragazzi per la realizzazione di percorsi di visita ai luoghi istituzionali della città

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

Cooperativa CO.S.S.A.G.I.

Cooperativa CO.S.S.A.G.I. CARTA DEI SERVIZI Cooperativa CO.S.S.A.G.I. Aggiornata con CdA del 31/10/2014 Cooperativa Sociale CO.S.S.A.G.I. Onlus sede legale e amministrativa Corso Italia n. 22 09092 Arborea (Or) e-mail coop.soc.cossagi@tiscali.it

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ALLEGATO I - scheda sintetica di progetto

ALLEGATO I - scheda sintetica di progetto Centro di Educazione Ambientale del Comune di Trinitapoli Centro di Educazione Ambientale del Comune di Trinitapoli LEGAMBIENTE Circolo l Airone Onlus Ente di Gestione AI DIRIGENTI SCOLASTICI ai docenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA

IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA IL PIANO TERRITORIALE DEGLI ORARI DEL COMUNE DI CARONNO PERTUSELLA dal Progetto PIU.M.A. alle politiche temporali Progetto cofinanziato dalla Regione Lombardia, ex art 6 Legge Regionale 28/2004 Politiche

Dettagli

COMUNE DI MIRA Città d arte

COMUNE DI MIRA Città d arte COMUNE DI MIRA Città d arte P.zza Nove Martiri, 3-30034 Mira (Ve) Tel. +39 041/5628211 (centralino) www.comune.mira.ve.it P.E.C. comune.mira.ve@pecveneto.it C.F./P.IVA 00368570271 SETTORE 1 SERVIZI AL

Dettagli

LA PROGETTAZIONE COMUNE

LA PROGETTAZIONE COMUNE LA PROGETTAZIONE COMUNE La fase operativa di Lasciamo il segno ha avuto inizio con un percorso di progettazione partecipata secondo la metodologia Goal Oriented Project Planning che ha visto coinvolti

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli