Progettazione e valutazione di interventi per la sicurezza urbana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione e valutazione di interventi per la sicurezza urbana"

Transcript

1 Progettazione e valutazione di interventi per la sicurezza urbana UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA FACOLTÀ DI SOCIOLOGIA CORSO DI FORMAZIONE SICUREZZA URBANA ANNO ACCADEMICO 2007/2008

2 Progetto Insieme di attività correlate e finalizzate alla creazione di un servizio che risponde a degli obiettivi specifici, nel rispetto di tempi, costi, risorse e vincoli predeterminati. 2

3 Articolazione del progetto Obiettivi specifici tecnicamente raggiungibili ed interconnessi; Vincoli di tempo legati alla realizzazione dell intero progetto; Risorse umane, tecniche e finanziarie messe a disposizione; Organizzazione interna ben definita in termini di ruoli e compiti; Servizi ben definiti nell ambito della documentazione di progetto; Fasi del progetto con indicazione di vincoli e responsabilità; Pianificazione dettagliata (tempi, costi, risorse, servizi ); Strumenti di controllo dello stato di avanzamento del progetto; Piano dei rischi (qualora ne ricorrano particolari circostanze); Piano della qualità (qualora ne ricorrano particolari circostanze). 3

4 Fattori critici di successo Nel rispetto degli obiettivi, al fine del successo di un progetto è necessario disporre di un mix di risorse e di chiarezza rispetto a: contesto; obiettivi; responsabilità; tempo; costo; qualità. 4

5 Project management Complesso di attività destinate alla realizzazione di un progetto, comprendente le fasi della pianificazione, dell esecuzione e del monitoraggio. Tecnica gestionale efficace per progetti di una certa complessità tecnica, che coinvolgono molte risorse e che richiedono tempi relativamente lunghi di esecuzione. Sistema di mitigazione dei rischi insiti in qualsiasi progetto, che generalmente crescono in relazione alla complessità del progetto stesso. Disciplina che si occupa di definire e raggiungere obiettivi precisi, attraverso l uso ottimizzato di risorse scarse (persone, tempo, denaro, spazio ). 5

6 Project manager Figura professionale chiamata a gestire il progetto, attraverso una attività di coordinamento e controllo delle varie attività, finalizzata alla riduzione delle probabilità di insuccesso. La formazione del project manager richiede competenze organizzative e metodologiche (le competenze tecniche sono necessarie soltanto se utili all organizzazione delle risorse), quindi: buona conoscenza delle tecniche di project management; elevate abilità nel problem solving; spiccate caratteristiche di leadership; ottima capacità di comunicazione. 6

7 Compiti del project manager Elaborare la pianificazione e la programmazione di dettaglio; Organizzare le risorse umane a disposizione; Agevolare la comunicazione e l affiatamento del team di progetto; Distribuire le risorse sulle attività e monitorarne lo svolgimento; Controllare periodicamente lo stato di avanzamento del progetto; Assumere le iniziative volte a prevenire o mitigare i rischi; Mantenere i contatti con i clienti di riferimento; Realizzare la documentazione di sua competenza; Supervisionare la documentazione prodotta dal team di progetto; Controllare lo standard di qualità del prodotto o servizio; Riepilogare e rendicontare le attività svolte; Proporre soluzioni migliorative per futuri progetti. 7

8 Approcci al project management Traditional Project Management: approccio classico che consente di pianificare, eseguire e monitorare tutti gli aspetti che possono influire direttamente od indirettamente sull esito finale (nel Project Management Body of Knowledge sono contenuti i 45 processi alla base del project management individuati dal Project Management Institute e raggruppati in 5 gruppi ed in 9 aree di conoscenza). Extreme Project Management: approccio moderno ed agile che si concentra sull obiettivo, dimostrandosi particolarmente versatile di fronte al cambiamento delle condizioni. 8

9 Tecnichediprojectmanagement Work Breakdown Structure: definisce il percorso critico del progetto, con l individuazione delle attività elementari, il loro raggruppamento in macro-attività e l assegnazione delle risorse. Diagramma di Gantt: rappresenta graficamente le interrelazioni temporali degli elementi del progetto (macro-attività, attività elementari e risultati). Critical Chain: focalizza la propria efficacia sulla disponibilità delle risorse e sulle dipendenze logiche esistenti tra le attività di progetto. 9

10 Work Breakdown Structure Attraverso la WBS (Struttura Analitica di Progetto) si realizza una check-list delle attività elementari del progetto (tasks) ove includere tutte le possibili attività (regola del 100%) evitando ogni inutile sovrapposizione (che porterebbe a lavoro extra e ad incomprensioni): le attività elementari individuate vengono quindi raggruppate in macro-attività (work packages), realizzando uno schema di codifica su più livelli ed attribuendo a ciascuna attività un punteggio in base ad un giudizio personale fondato sullo sforzo richiesto e non sul tempo occorrente (la somma dei punti deve essere pari a 100), dopodiché si procede alla assegnazione delle risorse ad ogni attività individuata. Attenzione: la WBS è una classificazione degli scopi del progetto e quindi non è una lista di lavori, non è una pianificazione del progetto, non è una lista in ordine cronologico e non è una gerarchia organizzativa. 10

11 Diagramma di Gantt Attraverso il diagramma di Gantt (dal nome dell ingegnere statunitense che lo ideò nel 1917) il progetto viene rappresentato in tutto il suo arco temporale di realizzazione, attraverso barre orizzontale di lunghezza variabile che indicano le sequenze e la durata di ogni singola attività (il cui insieme costituisce la WBS): ovviamente le barre possono sovrapporsi durante lo stesso arco temporale in quanto più attività possono svolgersi in parallelo (in altri termini, il diagramma di Gantt consente la rappresentazione grafico del calendario delle attività, necessario per pianificare, coordinare e monitorare il progetto). Attenzione: è possibile associare un costo a ciascuna attività, determinando in tal modo il costo dell attività in relazione all impegno orario (naturalmente, in fase di progettazione il costo assume una valenza di previsione, tuttavia man mano che lo stato di realizzazione del progetto avanza, è possibile attribuire a ciascuna attività il proprio costo effettivo). 11

12 Critical Chain Attraverso la Critical Chain (Catena critica o Percorso critico) si cerca di porre la massima attenzione alle risorse a disposizione per realizzare il progetto, con l obiettivo di aumentare la produttività dello stesso: l approccio in parola deriva dall applicazione della Teoria dei vincoli, secondo la quale le risorse sono il vincolo primario di ogni progetto che, necessariamente, deve essere pianificato e gestito in maniera tale da assicurare una pronta partenza, con le risorse totalmente disponibili, a tutte le attività che si vengono a trovare sul percorso critico, dal quale dipende il risultato finale. Attenzione: la mancanza di pianificazione porta a spalmare le risorse sulle varie attività senza tener conto dei percorsi critici, rischiando di concludere alcune attività in anticipo (in quanto destinatarie di risorse sovrabbondanti) ma di non concludere il progetto per tempo (magari perché si sta attendendo la conclusione di altre attività critiche). 12

13 Progetto di sicurezza urbana Un progetto di sicurezza urbana deve individuare, organizzare e monitorare risorse umane, materiali e tecnologie per innescare azioni a supporto delle politiche di sicurezza urbana. 13

14 Progetto di sicurezza urbana bzç tààâtäx véçvxé ÉÇx w á vâüxéét xáväâwx v{x ÖâxáàÉ àxüå Çx ÑÉáát wxçà y vtüá véç Ä ÑâÜÉ ÉÜw Çx ÑâuuÄ véa ÇxvxáátÜ É véçá wxütüx ÉzÇ ÑÉÄ à vt w á vâüxéét Ç âçt véçà Çâ àõ áxçét áéäâé ÉÇx àüt ÉÜw Çx ÑâuuÄ vé Ç áxçáé áàüxààé? ÑÉÄ à v{x xw Ä é x x xw âüutç áà v{x? ÑÉÄ à v{x áév tä x âçëtäàüt áxü x w àxå Ç vâ tääx tâàéçéå x ÄÉvtÄ áñxààt âç ÜâÉÄÉ yéçwtåxçàtäxa cüéya _âv tçé itçwxää 14

15 Progetto di sicurezza urbana Le comunità locali hanno un immediato e diretto interesse a controllare e prevenire situazioni di degrado. Ogni intervento sociale e territoriale si riverbera sulle politiche di sicurezza urbana. Il controllo della microcriminalità, la protezione delle fasce deboli fino alla prevenzione e primo soccorso per eventi calamitosi hanno un effetto sinergico se realizzati integrando gli interventi ed in tale visione la Regione vuole supportare e valorizzare le politiche che si attuano sul territorio. 15

16 Tappedell evoluzionenormativa Legge n. 142/90 Riforme Bassanini L. Cost. n. 1/99 D.L.vo n. 267/00 L. Cost. N.3/01? Anno

17 Sicurezza urbana: le azioni ADEGUATEZZA DELL AZIONE & DIFFERENZIAZIONE DEGLI INTERVENTI La cura del bene comune investe, in prima istanza, l ente più vicino al cittadino. L esercizio delle funzioni amministrative deve essere adeguato, commisurato e conformato alle differenti realtà territoriali. 17

18 Sicurezza urbana: le sinergie Reti di solidarietà Capitale sociale Agenzie private Offerta di sicurezza ai cittadini Regioni Enti Locali Forze di Polizia 18

19 Sicurezza pubblica ed urbana SICUREZZA PUBBLICA Controllo e repressione di condotte poste in essere in violazione di norme al fine di impedirne il reiterarsi e sanzionarne gli autori. SICUREZZA URBANA Interventi integrati per dare risposte ai fenomeni di disagio derivanti da violazione di norme, ma anche da forme di degrado, inciviltà ed impoverimento del capitale umano. 19

20 Sicurezza urbana INSIEME DI FORME DI CONTROLLO ISTITUZIONALE E SOCIALE PER LA QUALITÀ DELLA VITA DELLE CITTÀ ATTRAVERSO LA SICUREZZA NEGOZIATA CON PIÙ ATTORI FORZE DI POLIZIA ASSOCIAZIONI ENTI LOCALI 20

21 Sicurezza urbana AFFRONTA I DISAGI E LE PROBLEMATICHE CHE SI GENERANO NELLE DINAMICHE DI CONVIVENZA URBANA DISAGIO URBANO traffico e tempi delle città degrado e teppismo contrazione del welfare per la sicurezza conformazione ed usi degli spazi urbani esclusione e vulnerabilità immigrati ed emarginati nomadi vita diurna e notturna 21

22 Sicurezza urbana Il passaggio graduale che il promotore istituzionale deve attuare si configura nell agire in via diretta sui problemi al far interagire i diversi soggetti istituzionali e sociali, pubblici e privati, portatori di bisogni, interessi, competenze e risorse, in modo tale da perseguire i risultati attesi nella prospettiva del valore pubblico e del bene comune, nella consapevolezza che nessun soggetto, da solo, è in grado di determinare cambiamenti decisivi nella direzione attesa. 22

23 Relazioni tra le istituzioni Un qualsiasi progetto deve ricercare forme di collaborazione di natura pattizia dando prevalenza ad una logica di accordi e di programmazione negoziata sulla normazione obbligante ; L accordo tende a sostituire l imposizione come forma di regolazione ed articolazione delle politiche pubbliche: in situazioni in cui diversi ambiti amministrativi insistono sullo stesso territorio; su materie che difficilmente, proprio per la centralità dei territori, possono essere separate e ricondotte a competenze esclusive. 23

24 Relazioni tra le istituzioni La dimensione collaborativa pervade molti enunciati costituzionali, accomunati dalla volontà di promuovere momenti di coesione e di raccordo tra i diversi livelli di governo fino ad apparire come prevalente rispetto a modelli rigidi di riparto delle funzioni. La strada nuova già intrapresa ed in via di rafforzamento è quella che privilegia il sistema degli accordi come meccanismo volto a generare comportamenti coerenti tanto degli interlocutori istituzionali che sociali, pubblici e privati (approccio pattizio all obbligazione pubblica e privata). 24

25 Progetti di sicurezza urbana AUTONOMIA DEGLI ENTI LOCALI RISPETTO DELLE COMPETENZE STATALI IMPULSO E COORDINAMENTO POLIZIE LOCALI AZIONI IN TEMA DI SICUREZZA URBANA 25

26 Polizia locale: funzioni SERVIZIO DI POLIZIA DEL TERRITORIO POLIZIA AMMINISTRATIVA POLIZIA GIUDIZIARIA Prevenzione e controllo dei comportamenti devianti ed illegittimi, con particolare riguardo a: illeciti amministrativi, sicurezza stradale, controllo del territorio e tutela ambientale. Collaborazione con le istituzioni pubbliche e private e con le Forze di Polizia per un efficace contrasto alla microcriminalità ed al degrado 26

27 Il progetto locale È uno degli strumenti per innalzare i livelli di sicurezza e vivibilità del territorio attuando concretamente i principi di sussidiarietà, adeguatezza dell azione, negoziazione e differenziazione degli interventi. Si concretizza in un progetto condiviso di sicurezza urbana, attraverso modalità di negoziazione, condivisione e partecipazione di soggetti pubblici e privati che progettano, pianificano ed attuano interventi ed azioni volte al contenimento del disordine e del disagio urbano e per il controllo di comportamenti illegittimi attraverso l efficiente azione degli operatori per la sicurezza, adeguate trasformazioni urbanistiche ed il consolidamento della percezione della sicurezza e del capitale sociale nella comunità di riferimento. È strumento di integrazione tra politiche ed azioni a livello locale e favorisce il coinvolgimento dei vari soggetti istituzionali e della società civile, ciascuno per le proprie competenze. 27

28 Contenuti e complessità Analisi preliminare della situazione; Individuazione degli obiettivi; Soggetti da coinvolgere; Strumenti attuativi; Ambiti di intervento; Attività ed interventi da realizzare; Pianificazione, tempistica e cronoprogramma degli interventi; Risorse umane impiegabili; Risorse strumentali impiegabili; Indicatori e modalità per il monitoraggio; Previsioni per eventuali rideterminazioni. 28

29 Fasi AMBITO E FINALITÀ PROPOSTA E PROMOZIONE CONTENUTI E SOGGETTI REALIZZAZIONE MONITORAGGIO E VERIFICA 29

30 1 Ambito e finalità I progetti locali di sicurezza urbana non possono risolvere problemi globali, possono contrastarli contenendone o mitigandone gli effetti sul territorio considerato. 30

31 1 Ambito e finalità Per costruire un progetto convergono conoscenze giuridiche, economiche e sociologiche, necessarie per definire la natura e le dimensioni del problema, raccogliere l insieme di dati ed informazioni sul fenomeno, identificare i soggetti utili (enti, istituzioni, privati ) e le risorse disponibili. 31

32 1 Ambito e finalità Il primo passo consiste nel mappare il territorio, delimitandone l area e sforzandosi di non applicare schemi predefiniti per conoscere chi lo vive (persone, istituzioni, società civile ) e le interazioni esistenti. 32

33 1 Ambito e finalità 33

34 1 Ambito e finalità Una definizione vaga o incerta non favorisce una progettazione razionale ed efficace: è opportuno quindi delineare un singolo problema su un territorio circoscritto per sviluppare una o più azioni. 34

35 1 Ambito e finalità Ci dovremo avvalere di dati ed analisi per conoscere e definire quantitativamente e qualitativamente il problema: fonti I.S.T.A.T., osservatori, centri di ricerca, sert, A.C.I., camere di commercio altre fonti di informazione e sondaggi rivolti alla cittadinanza, soggetti privilegiati 35

36 1 Ambito e finalità ATTENZIONE Accessibilità dei dati: rapidità, riservatezza, dettaglio. Costi: personale qualificato che elabora e costo di acquisizione. Attendibilità e tempi: raccolta e consultazione delle informazioni. 36

37 1 Ambito e finalità Circoscritto il problema e l ambito di intervento occorre identificare lo scopo in pratica ciò che si vuole ottenere elemento qualitativo che delinea il proposito perseguito e contraddistingue il progetto (esempio: riduzione degli atti vandalici e conseguente contenimento dei costi di manutenzione). 37

38 1 Ambito e finalità Il progetto deve contenere anche e soprattutto l obiettivo ovvero l elemento quantitativo, il risultato concreto che si vuole ottenere realizzando il progetto (esempio: diminuzione del 30% dei costi di manutenzione e sostituzione di manufatti danneggiati per atti vandalici nei parchi cittadini, nei prossimi 2 anni. 38

39 1 Ambito e finalità Un obiettivo per essere smart (intelligente) deve rispondere a queste domande: è Specifico? è Misurabile? è Adeguato? è Realistico? è Temporizzabile? 39

40 1 Ambito e finalità La definizione dello scopo e degli obiettivi da raggiungere ci indirizzano sulla tipologia di intervento o sul mix di interventi: prevenzione sociale, prevenzione situazionale, prevenzione comunitaria, interventi repressivi e di controllo Si individueranno quindi i soggetti da coinvolgere (istituzioni, enti, privati associazioni ) e le risorse finanziarie e materiali da impiegare. 40

41 1 Ambito e finalità Gli appartenenti alle Polizie locali sono interlocutori privilegiati per la buona realizzazione di un progetto per sensibilizzare le parti coinvolte ai problemi della criminalità e del degrado, motivare i partecipanti, aiutarli nella realizzazione del progetto ed orientarne le attività. 41

42 5 Monitoraggio e verifica Il monitoraggio è una attività di valutazione lungo tutto lo sviluppo del progetto (elemento dinamico) per valutare l adeguatezza delle risorse impiegate e degli interventi svolti ex ante, in itinere ed ex post, per dimostrarne la validità, eventualmente rimodulare ed infine informare su gli esiti del progetto. 42

43 5 Monitoraggio e verifica La verifica ci permette di valutare il raggiungimento dell obiettivo, i costi ed in pratica l efficacia del progetto, individuare indicatori utili, comparare il progetto con altre esperienze, affinare future progettazioni, migliorare il sistema di sicurezza urbana: si tratta di un processo oggettivo in cui si devono poter confrontare i risultati, un processo essenziale per sintetizzare gli esiti del progetto e diffonderli. 43

44 Problem Oriented Policing Metodo di problem solving che si è sviluppato negli Stati Uniti (1979) e che tenta di incentivare l efficacia dell azione preventiva e repressiva della polizia pianificando gli interventi e coinvolgendo tutti i soggetti della comunità, dai gruppi strutturati ai singoli cittadini. 44

45 Problem Oriented Policing \Ä ÑÜÉvxááÉ Ü v{ xwx w wxçà y vtüx ÑÜÉuÄxÅ Ç àxüå Ç ÑÜxv á? tçtä éétüx ÉzÇ á ÇzÉÄÉ ÑÜÉuÄxÅt? tvöâ á Üx Ät wévâåxçàté ÉÇx wxääx véüüxçà áàütàxz x w Ü áñéáàt y ÇÉ tw ÉÜt tññä vtàx? xáñäéütüx ÄË wéçx àõ tä vtáé véçvüxàé Ät véåñxàxçét wxääëtâàéü àõ ÉÑxÜtÇàx x ÄËtwxzâtàxéét wxääx Ü áéüáx ÅÑ xztu Ä x ätäâàtüx Äx áéäâé ÉÇ ÑÉáá u Ä ávxzä xçwé yüt xááxa cüéya [xüåtç ZÉÄwáàx Ç 45

46 Problem Oriented Policing Metodo S.A.R.A.: Scanning: identificazione di una situazione di disagio e determinazione della portata (sintesi dei fatti e delle segnalazioni) per enuclearne il problema od i problemi; Analysis: raccolta dei dati relativi al problema per determinarne la portata, la natura e le cause (autori, vittime, luoghi, tempi ed informazioni di contesto); Response: pianificazione ed attuazione di una risposta adeguata, con l eventuale coinvolgimento di attori estranei alla normale attività di polizia; Assessment: valutazione dell efficacia della risposta con dati comparabili con altri interventi svolti, per implementarne le esperienze. 46

47 Problem Oriented Policing Parametri per valutare l efficacia positiva di un intervento: il problema e il suo impatto rimangono gli stessi ma le risorse di polizia impiegate diminuiscono; il danno al pubblico si riduce sebbene il numero di segnalazioni rimane lo stesso; il disagio e le segnalazioni si riducono ovvero si spostano (effetto displacement); il problema si risolve completamente (senza effetto displacement). 47

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli