UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Corso di Dottorato in Scienze psicologiche, sociologiche e dell e-learning Curriculum-Scienze del comportamento e delle relazioni sociali Ciclo XXIV LA FORMAZIONE NEI CONTESTI DI LAVORO Una riflessione su un percorso formativo in azienda Tutor Chiar.ma Prof.ssa Barbara Pojaghi Dottoranda Dott.ssa Chiara Catini Coordinatore Chiar.mo Prof. Sebastiano Porcu ANNO 2013

2

3 INDICE PRIMA PARTE FORMAZIONE E APPRENDIMENTO NELLE ORGANIZZAZIONI INTRODUZIONE I. La formazione II. III Significati condivisi Cambiamento Complessità 1.1. Excursus storico 1.2. La formazione: una realtà in transizione Il paradigma modernista Il paradigma neo-modernista Il paradigma post-modernista 1.3. La formazione oggi: riflessioni in divenire La formazione psicosociale 2.1. Inquadramento concettuale 2.2. La concezione psicosociologica Metodi e strumenti 2.3. La narrazione come strumento di costruzione della conoscenza L apprendimento L autobiografia 3.1. La prospettiva del Self 3.2. Definizioni di apprendimento e contributi teorici Apprendimento metacognitivo 3.3. Apprendimento in situazione Apprendere partecipando 3.4. La formazione basata sull apprendimento e sul conoscere in pratica: il ruolo dell esperienza e della riflessione nell apprendimento adulto Riflessioni conclusive

4 SECONDA PARTE LA FORMAZIONE E IL CAMBIAMENTO IN AZIENDA IV. Studiare le organizzazioni: il caso Lube Cucine Feuerstein in azienda 4.1. Le organizzazioni: la prospettiva psico-culturale Cultura organizzativa La conoscenza nelle organizzazioni: apprendimento e cambiamento organizzativo 4.2. Lo studio delle organizzazioni: la metodologia qualitativa 4.3. Presentazione del piano di ricerca Linee generali Focalizzazione delle teorie di riferimento L analisi del contesto e definizione del problema: gli interrogativi di partenza Il piano di ricerca L individuazione delle ipotesi e gli obiettivi generali, Gli strumenti di ricerca, Le fasi della raccolta dati, Elaborazione e interpretazione dei risultati V. L organizzazione che forma: storie di lavoro, storie di persone : i risultati della ricerca 5.1. Il corso P.A.S. : contenuti, obiettivi e strategia formativa Ricostruzione dei significati emergenti: osservazioni, questionari e discussioni di gruppo 5.2. L importanza dell aspetto narrativo e del coinvolgimento diretto del Sé narrante: ricomposizione dei vissuti personali, emozionali e professionali 5.3. Rappresentazioni della formazione e cultura organizzativa: limiti e punti di forza 5.4. Il gruppo come strumento di formazione e come esperienza dell Altro diverso da sé 5.5. La trasferibilità dei contenuti della formazione e l operatività delle funzioni cognitive. Pratica formativa e pratica lavorativa, comunità di apprendimento e comunità di pratiche. Una riflessione alla luce del modello della formazione psicosociale 5.6. Apprendimento individuale e cambiamento organizzativo Considerazioni finali e possibili prospettive Bibliografia e sitografia Appendici 2

5 INTRODUZIONE Formare. Educare. Apparentemente sinonimi, sottendono una differenza chiaramente terminologica e intrinsecamente concettuale. Spesso utilizzati in letteratura come se equivalenti, tuttavia i due termini non sono del tutto sovrapponibili. Volendo motivare questa sottile differenza di significato, potremmo affermare che l educazione è quel processo di sviluppo delle facoltà fisiche, intellettive e morali nei giovani in età evolutiva, mentre la formazione è quel processo di affinamento di determinate competenze e capacità rivolto a soggetti adulti, molto utilizzata in ambito lavorativo quindi professionale. Il termine educazione deriva dal latino e-ducere, che letteralmente significa tirare fuori. L educazione infatti serve a tirare fuori dal bambino e dall adolescente quelle qualità necessarie per la vita all interno della società di appartenenza. La metafora implicita nel termine è quella dell'iniziazione con l'aiuto di un esperto, un capo (dux) che ha il ruolo di condurre l'iniziato dalle tenebre dell'ignoranza alla luce della sapienza. Il discente viene guidato dal fuori disordinato, senza legge e riferimenti saldi, al dentro di una nuova condizione di armonia e ordine a cui non tutti possono accedere. Educare, quindi, etimologicamente parlando sottende un azione intenzionale, dirigistica di un soggetto su di un altro. I greci identificavano il momento educativo con quello della paidéia. L'educazione per i greci era infatti quel particolare periodo di vita in cui il fanciullo veniva staccato dalla madre e quindi istruito, addestrato, iniziato alla vita adulta e alle armi, fino a quando non diventava un antropos (uomo). Dopo di che i giovani nobili potevano frequentare le scuole dei filosofi, a pagamento, con lo scopo principale di accrescere il bagaglio intellettuale e poter accedere ai livelli più alti della dirigenza militare, politica e/o amministrativa. Potremmo identificare questo secondo momento con quella che oggi definiamo formazione, un apprendimento volto ad obiettivi specifici e a portata di mano, mirato, deciso in buona misura dallo stesso individuo. L origine della parola formare deriva da latino fōrmare ovvero dare una forma, modellare. Seguendo l evoluzione che il termine ha avuto nell ambito delle scienze umane (paideia/humanitas/bildung) 1, formare significa favorire lo sviluppo organico del soggetto, autonomo e regolato, visto come evento dinamico, appunto come processo in cui giocano un ruolo importante le potenzialità e peculiarità di ogni soggetto e le rispettive intenzionalità di 1 Facciamo riferimento ad un contributo di F. Cassinari Cultura, identità, formazione in cui l autore ricostruisce la genealogia dell ideale formativo e l evoluzione della paidéia greca attraverso i concetti di humanitas (l educazione dell uomo alla sua vera forma, alla vera umanità) e di Bildung (la cultura coincide con la formazione intesa come sviluppo, progressione di potenzialità intrinseche) (Cassinari in Merlini, Bonoli, 2010). 3

6 formatore e formando. Tutte le parti coinvolte svolgono un ruolo attivo di co-costruzione della conoscenza e della relazione formativa secondo un principio di circolarità sistemica degli scambi comunicativi e intellettivi. Il coinvolgimento attivo del formando fa della formazione un paradigma integrato, attento alle molteplici variabili che intervengono nei processi di crescita degli individui in senso cognitivo e affettivo-relazionale, ma anche sociale e culturale. La sovrapposizione di senso dei termini formazione ed educazione, comune nel linguaggio odierno, costituisce quindi un fatto improprio, laddove, proprio per una questione etimologica, formare sottende la metafora, l idea di una sostanza cedevole, plasmabile, qualcosa che è già presente ma che non esiste ancora nella sua forma finale, mentre educazione suggerisce l idea che l essere umano sia in possesso di un patrimonio innato da estrarre e sviluppare (Laporta, 1976). Superando però il diverbio etimologico, il verbo formare viene utilizzato nella nostra quotidianità come sinonimo di educare, addestrare, richiamando, come gli altri, la semantica dell apprendere. La formazione è infatti molto simile all apprendimento sebbene implichi maggiore complessità e durata, risultando dalla continua ristrutturazione di assetti concettuali preesistenti e dalla capacità di operare con le competenze acquisite, trasferendole nelle pratiche quotidiane e professionali (Pojaghi, Nicolini, in Zuczkowski, Bianchi, 2009). L unicità dell esperienza di formazione sta esattamente nel bilanciamento delle conoscenze nuove con quelle pregresse, degli apprendimenti formali con quelli informali propri dei diversi contesti d azione. I formandi sono persone adulte, spesse volte lavoratori competenti: hanno proprie idee, credenze, opinioni, conoscenze implicite ed esplicite. L adulto che apprende compie un atto di volontà, una dichiarazione di disponibilità al cambiamento per il quale necessita di consapevolezza e auto-direttività. All inizio di questo percorso di ricerca sulla formazione nei luoghi di lavoro, in prima istanza, è stata immediata la constatazione della vastità della bibliografia esistente sul mondo della formazione, una vastità che potremmo dire disorientante e spesse volte fuorviante. Numerose sono le chiavi di lettura di uno dei temi più discussi in ambito politico, economico e sociale. 2 Fermo restando la necessità di rimanere in ascolto rispetto a ciascuno di questi canali interpretativi, poiché indici della complessità dell argomento in oggetto, se volessimo tentare di raggrupparli in macro-aree potremmo denominare tre diverse tendenze: quella funzionalista propria di coloro che guardano alla formazione come una leva del business e della produttività, quella tecnica propria di coloro che a partire dall esperienza sul campo 2 Si pensi alle recenti iniziative della Comunità Europea in materia di formazione espletate negli obiettivi di Lisbona e nella Strategia Europa Cfr. B. Castagna, Educazione e Formazione in Europa 2020, Enaip Formazione & Lavoro, n. 3, Per approfondimenti: 4

7 approcciano alla formazione come processo specificando le peculiarità dei diversi momenti costitutivi, in ultimo, quella socio-culturale propria di coloro che invece si rivolgono alla formazione prima di ogni altra possibilità interpretativa come ad un esperienza umana e di significato. Al di là di tutte le definizioni valutabili nel panorama della letteratura odierna, è opinione condivisa che la formazione presupponga fondamentalmente un vissuto di cambiamento (di atteggiamenti, pensiero, comunicazione, emozioni verso se stessi e gli altri) e per questo risulti strategica, ovvero costruttiva, sia dal punto di vista della crescita della persona che delle comunità di carattere sociale e organizzativo entro cui essa si trova a partecipare. Il presente progetto di ricerca rappresenta uno studio sulla formazione, nell accezione sociale e culturale sopra detta, condotto attraverso le dimensioni del formare, dell apprendere e del lavorare. Abbiamo assunto un approccio di tipo deduttivo, partendo nel primo capitolo dall analisi della formazione come concetto e come fenomeno. Onde evitare di proporre un impianto teorico che rappresentasse l attuale clima di disorientamento, si è avvertita la necessità di dare un taglio storico-culturale alla nostra analisi. Pertanto, dalla profilazione di cos è la formazione per coloro che se ne occupano e per coloro che se ne vorrebbero occupare, abbiamo scelto di procedere ad una ricostruzione storica del tema, evidenziando l inestricabilità del fare formazione con il mondo delle organizzazioni e del lavoro. A sostegno degli aspetti socio-economici che hanno contribuito a connotare culturalmente e storicamente il termine formazione, ci siamo avvalsi dei tre paradigmi-chiave modernista, neo-modernista e post-modernista. L analisi di contesto e quella storico-culturale attorno al tema della formazione hanno favorito la ricostruzione di un immagine della formazione particolarmente variegata, a tratti variabile, sicuramente complessa. La complessità, intesa come status, accanto alla propensione al cambiamento costituiscono due peculiarità del formare declinato nel suo essere attività e apprendimento. Per questa ragione, allineandoci con i fautori dell epistemologia della complessità, prendiamo atto che ciò che risulta complesso non può in alcun modo essere ridimensionato o semplificato, piuttosto deve essere rispettato e valorizzato, e sulla base di ciò una teoria generale della formazione ad oggi non risulta realizzabile, come sottolineato da Quaglino (2005) nei suoi ultimi contributi, e forse non rappresenta più una prerogativa. Il mondo della formazione, se intende cogliere le sfide del presente, in termini di complessità e cambiamento, deve tornare a focalizzare la propria attenzione sul soggetto e in modo particolare sulle questioni dell apprendere. Dal nostro punto di vista, l approccio psicosociale di cui ci siamo occupati nel secondo capitolo ha in sé gli strumenti utili a fronteggiare questo tipo di sfide, valorizzando con l intreccio di tre possibili livelli di analisi, l individuo, la comunità e 5

8 l organizzazione. L approccio psicosociale e psicosociologico ai fini del nostro lavoro ci permettono di delineare un contesto di analisi dei fenomeni del formare all interno delle organizzazioni e al tempo stesso ci offrono chiavi di lettura dei contesti di lavoro, comunicazione e formazione in chiave situata ovvero rappresentazionale e conversazionale. La narrazione, di cui parliamo nell ultimo paragrafo, riveste nella prospettiva un ruolo preponderante nella dinamica formativa, un strumento di mediazione sociale e culturale: attraverso di essa si creano relazioni, si negoziano significati ovvero si costruiscono conoscenza e identità individuali ed organizzative. Il soggetto al centro dell esperienza del fare formazione e dell organizzazione di lavoro è il tema portante del terzo capitolo. Se facciamo nostro l invito di alcuni importanti autori di riferimento per il nostro lavoro a ripristinare la centralità del soggetto in formazione, non possiamo fare a meno di sostenere le questioni dell apprendere entro quelle del formare. La prospettiva del Self che apprende è multidimensionale: l apprendimento coinvolge l individuo sotto molteplici aspetti, non solo cognitivi, ma anche psico-emotivi, sociali e culturali. È dal connubio di tutti questi aspetti che è possibile ricostruire per il suo valore reale l esperienza della formazione e dell apprendimento inteso come dinamica evolutiva ed essenza del cambiamento. A partire dai contribuiti significativi della psicologia cognitiva, soprattutto in materia di meta cognizione, abbiamo fatto nostra una prospettiva di analisi costruttivista, soprattutto sociale e situata. Ripercorrendo la teoria dell attività storico-culturale e la teoria dell apprendimento sociale vygostkiana, l apprendimento di cui parliamo si apre necessariamente alla pratica e in particolare alla pratica di comunità, definendosi come una questione di partecipazione e condivisione, oltre che di riflessione. Dopo un excursus sul contesto della formazione tra presente e passato e dopo aver attivato dei legami concettuali tra il fare formazione, in una declinazione psicosociale, e l apprendere, nel quarto capitolo torniamo, con un grado di specificazione maggiore, alla dimensione del contesto, ovvero alle organizzazioni intese come culture, luoghi di pratica e di apprendimento individuale e organizzativo e possibile cambiamento. Tutta la seconda parte del nostro elaborato è dedicata ad un progetto di ricerca condotto in ambito aziendale. Lo studio delle organizzazioni in senso psico-culturale e il riferimento ai fondamenti dei così detti workplace-studies costituiscono in apertura del capitolo una presentazione delle caratteristiche del mondo a cui ci affacciamo e degli strumenti scelti per condurre la nostra indagine. Nel secondo paragrafo faremo riferimento alla ricerca qualitativa e in particolare all etnografia che, permettendo di approcciare alle organizzazioni attraverso l osservazione diretta sul campo e le analisi 6

9 conversazionali, costituiscono a nostro avviso la scelta di metodo più funzionale a tracciare e trattare i dati organizzativi emergenti. L ultima parte del capitolo è dedicata alla presentazione del lavoro di ricerca condotto in azienda e alla ricostruzione di tutte le fasi percorse. Lo studio effettuato s incentra sul monitoraggio di un corso di formazione P.A.S. (Programma di Arricchimento Strumentale) incentrato sul metodo di R. Feuerstein. Nell ultimo capitolo ci siamo occupati di relazionare i risultati della nostra ricerca, ottenuti attraverso le osservazioni collezionate durante lo svolgimento del corso di formazione P.A.S., le attività di gruppo realizzate dopo la fine del corso e le interviste finali con tutti partecipanti. L analisi si basa su dati etnografici e conversazionali volti alla validazione delle ipotesi di partenza e di quelle emerse in corso d opera, ovvero al riconoscimento degli aspetti formali e informali della vita organizzativa, al rilevamento del patrimonio di conoscenze, non solo didattiche, apprese e trasferite nell attività di lavoro. Centrale resta il tema del cambiamento che rappresenta il cuore dell analisi e della valutazione della formazione: infatti, facendo leva sugli aspetti significazionali e sui riferimenti di meta-cognizione intra-conversazionali, è nostro interesse verificare se e con quali prerogative il training osservato abbia prodotto dei cambiamenti individuali e, attraverso di essi, un apprendimento e un cambiamento di tipo organizzativo. 7

10 8

11 PARTE PRIMA FORMAZIONE E APPRENDIMENTO 9

12 10

13 CAPITOLO PRIMO: LA FORMAZIONE 1.1. Significati condivisi Definire il termine formazione è un operazione che sottende un rischio evidente a tutti coloro che si occupano di questo tema: il rischio sta nell iniziare a tracciare un profilo caratteriale della formazione e non riuscire a dare compiutezza al lavoro fatto. La formazione ha un anima polisemica e interdisciplinare: tanti sono i significati attribuibili e le discipline che a vari livelli se ne occupano. Dalla pedagogia alla psicologia, dalla sociologia alla teoria dell organizzazione: sono tanti i campi del sapere che si occupano di questo argomento. Inevitabilmente, a nostro avviso, vista l importanza strategica della formazione nel panorama economico e sociale attuale, sia in termini di sviluppo che di opportunità/competitività. Il ricorso alla formazione come investimento e come strumento di sviluppo risulta vantaggioso sia per gli individui che per le organizzazioni. Per quanto concerne gli individui la formazione è essenziale per favorire la preparazione ai nuovi mestieri e sviluppare le nuove attitudini professionali e le relative competenze per mettere in atto determinate «performance». Altresì, per quanto riguarda le organizzazioni la formazione gioca un ruolo importante nel rafforzamento della loro posizione di concorrenza e nel rilancio dello sviluppo. Si tratta di un fattore chiave di riuscita dei mutamenti e delle riconversioni produttive (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 39). La sfuggevolezza, la poliedricità e al tempo stesso la trasversalità del tema hanno prodotto numerosi tentativi da parte dei cultori della materia di circoscrivere la polisemia del termine entro dei modelli il più possibile esemplificativi della situazione. Si veda a tal proposito la fig. 1 riportante la rete semantica del concetto di formazione elaborata da P. Goguelin (1973), indicativa della complessa geografia di senso entro cui si muove il termine formazione e della prossimità dei concetti di educare, istruire, insegnare. La sovrabbondanza di modelli, tentativi di analisi e definizioni sembrerebbe indicativa del fatto che non esiste ancora una sistematizzazione condivisa. Proviamo a valutare, senza pretesa di esaustività, alcune definizioni proposte dalla letteratura in materia: il termine formazione assume il significato di azione mirante allo sviluppo della abilità dell individuo (cioè delle capacità nell esecuzione del lavoro), alla trasmissione di informazioni (circa la cultura organizzativa, il funzionamento, la produzione) e non ultimo all acquisizione di un comportamento più consono al raggiungimento dei propri obiettivi e a quelli dell organizzazione (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 11). 11

14 La formazione si presenta oggi come un campo di pratiche sociali eterogenee aventi come soggetti adulti in situazione professionale (Margiotta, Salatin, in Bellotto, Trentini, 2000, p. 11). La formazione è principalmente una attività organizzativa finalizzata al miglioramento delle prestazioni di lavoro e al conseguimento di obiettivi produttivi. È al tempo stesso, una risposta per la gestione delle risorse umane, che può favorire lo sviluppo individuale nelle organizzazioni, garantire la crescita, innovazione e più soddisfacenti condizioni di lavoro (Fraccaroli, 2007, p. 87). Figura 1 (da P. Goguelin, La formazione permanente degli adulti, 1973, pag. 10) Formare implica un intervento profondo e globale che provoca nel soggetto uno sviluppo nel campo intellettuale, fisico o morale e un cambiamento nelle strutture corrispondenti a questi campi, in modo che questo sviluppo non sia sovrapposto alla struttura esistente, ma sia integrato in nuove strutture più generali, che consentono ad ognuno di raggiungere, secondo le proprie capacità, un livello culturale multidisciplinare, capace di fargli meglio comprendere i fenomeni della vita [ ]. Come tale, la formazione non è più un semplice fenomeno di acquisizione come la concepiva la maggior parte dei pedagoghi, ma ha come obiettivo una trasformazione della personalità, mettendo quindi in gioco dei meccanismi psicologici in altro modo più vasti (Goguelin, Cavozzi, Dubost, Enriquez, 1972, p. 15). 12

15 Formazione è attività educativa. Dunque il suo obiettivo è il sapere: la promozione, la diffusione, l aggiornamento del sapere. Nonché la promozione, la diffusione, l aggiornamento dei modi di utilizzo di tale sapere [ ]. Ma la finalità sottesa a un tale obiettivo va oltre: essa ha a che vedere con il significato profondo dell azione educativa come momento di crescita dei soggetti a cui si rivolge, volta a volta culturale, sociale, professionale, personale. È in questi termini che l attività educativa lega inestricabilmente apprendimento e cambiamento a un primo e più generale livello (Quaglino, 2005, p. 11) 3. Nelle prime due definizioni risultano centrali i temi dello sviluppo dell individuo inteso come soggetto adulto lavoratore, quindi l indissolubile legame della formazione con il mondo dell organizzazione, all interno del quale le pratiche formative rispondono all esigenza di creare, ampliare o specializzare conoscenze funzionali alla crescita professionale ovvero competenze. Nella terza, viene ribadito l aspetto organizzativo della formazione e la sua importanza strategica in termini di lavoro e qualità del lavoro; in più viene sottolineato come la formazione rappresenti una risorsa per la gestione delle risorse umane e in quanto tale offra significative possibilità di sviluppo e innovazione sul versante umano e della competitività tra organizzazioni. Se nei primi tre riferimenti bibliografici il senso della formazione sembra ricadere entro la relazione individuo-organizzazione di lavoro, nelle ultime due citazioni gli autori concentrano la loro attenzione sullo sviluppo del Sé, in particolare sulla dimensione psicologica delle attività 4 formative, sul sapere inteso come obiettivo e strumento al tempo stesso di un inevitabile processo trasformativo in termini di crescita e cambiamento personale. Il cambiamento, prodotto dell apprendimento, è sicuramente individuale ma può essere anche organizzativo. Come sottolinea Quaglino (2005), mentre per i soggetti il legame apprendimento cambiamento è un dato di fatto, per le organizzazioni è solo possibile, ovvero mentre per i soggetti il problema insito nella formazione è di essere disposti a cambiare, per le organizzazioni il problema è invece di essere disposte ad apprendere e ad accogliere in toto le implicazioni del cambiamento in atto. Come si può evincere da questa prima analisi, definire la formazione non è un operazione affatto semplice: non solo per la pluralità dei contributi disponibili in letteratura, l eterogeneità dei punti di vista, la polisemia dello stesso termine, già di per sé indici di complessità, ma per la congiunzione di tutti questi fattori insieme ad altri rintracciabili nella storia e nella cultura delle nostre società. Se volessimo quindi circoscrivere entro poche battute quello che ci sembra fungere da trait d union dei molteplici punti di vista sulla formazione è il tema del cambiamento e insieme ad esso quello della 3 Il secondo livello a cui l autore fa riferimento è quello organizzativo in cui il fine dell attività educativa, al di là del sapere dei soggetti, è il superamento di uno stato-problema. 4 Il concetto di sapere va declinato secondo la famosa triade sapere, saper fare, saper essere laddove per sapere si intende indicare le conoscenze da acquisire, per saper fare le abilità da sviluppare e per sapere essere i comportamenti e gli atteggiamenti a sostegno dei primi due. 13

16 complessità, che come vedremo in più occasioni del nostro discorso, risulta essere un tratto distintivo della teoria e della stessa pratica della formazione. Soffermiamoci sui concetti di complessità e cambiamento. Utilizzeremo il primo come chiave di lettura dell importanza della formazione nel panorama socio-economico attuale proprio in virtù del suo essere potenzialmente fautore della crescita del singolo e delle organizzazioni (la formazione, seguendo questa logica, riveste un ruolo strategico capace di rispondere alle esigenze del sistema sociale ed economico odierno), faremo riferimento al secondo per anticipare e in seguito interpretare l excursus storico del fenomeno della formazione attraverso le ere industriale e postindustriale fino ai giorni nostri e dare voce ad alcune correnti di pensiero a nostro avviso particolarmente significative per riuscire ad interpretare la pluralità del tema in oggetto. Cambiamento Il binomio formazione-cambiamento si potrebbe così sinteticamente rendere: la formazione cambia, il cambiamento trans-forma od anche conferisce nuova forma. Se quindi la formazione è lo strumento mediante il quale è possibile produrre e/o guidare il cambiamento (a partire da una progettualità e da una processualità date e insite nella natura stessa dell attività formativa), il cambiamento a sua volta produce delle modificazioni nell individuo e nel contesto in cui opera. Per questo motivo si parla di cambiamento individuale e di cambiamento organizzativo. Se nel primo si esplicita l essenza stessa della natura umana e del suo divenire storico, nel secondo è possibile rintracciare la necessità delle organizzazioni moderne di modificare i propri sistemi e sotto-sistemi organizzativi per poter sopravvivere nell ambiente circostante sempre più caratterizzato da incertezza e mutevolezza. Pertanto, dato il valore strategico del cambiamento in ambito organizzativo e in generale nel panorama economico odierno, tanto che la pratica del change management è entrata nel linguaggio abituale di chi si occupa di gestione d azienda, la formazione in quanto agenzia di cambiamento (può fungere sia da medium che da veiculum a seconda che produca cambiamento o offra strumenti di comprensione e accettazione del cambiamento) richiama l attenzione di coloro i quali hanno intenzione o necessità di guidare o semplicemente capire la transizione da uno stato di cose/sapere ad un altro. L attenzione che dedicheremo al cambiamento è funzione del fatto che: 1- ogni atto formativo auspica in sé il cambiamento: non si può non parlare di cambiamento parlando di formazione, così come non si può non parlare di apprendimento: come afferma Quaglino nella 14

17 postfazione del famoso Fare Formazione (2005, p. 183), una teoria per la formazione trova il suo sostegno anzitutto nell innesto del legame tra formare e apprendere ; 2- apprendimento e cambiamento sono indissolubilmente legati: non c è dubbio che la parola apprendimento denoti un cambiamento di qualche tipo; dire quale tipo di cambiamento è una faccenda delicata (Bateson, 2005, p. 328); 3- il cambiamento ha una doppia valenza e come tale deve essere pensato e gestito: può avere luogo nell individuo, nel gruppo, nell organizzazione; 4- la formazione è un attività in grado di produrre cambiamento organizzativo. Di seguito valuteremo un serie di visioni del cambiamento in ambito prevalentemente psicologico/individuale nel tentativo di motivare l inestricabilità del rapporto tra cambiamento e uomo, tra cambiare e apprendere ovvero tra cambiare e formare/essere formati (chi forma è esso stesso soggetto ad un processo di cambiamento in base al principio di circolarità dell apprendimento: citando Joseph Joubert, insegnare, è apprendere due volte 5 ). Superando la visione comportamentista del cambiamento inteso come esito del condizionamento secondo lo schema classico S R, funzionalmente al impostazione di questo lavoro, facciamo luce su due posizioni teoretiche particolarmente significative, quella sistemica e quella legata alla psicologia culturale, proprie dell ambito disciplinare cognitivista, entro il quale il cambiamento è invece inteso come trasformazione rappresentativa, che avviene primariamente a livello cognitivo e che poi è in grado di influenzare anche il campo emotivo ed affettivo (Demetrio, 1990, pag. 83). La posizione sistemica, a cui faremo riferimento più volte nello sviluppo delle nostre riflessioni, considera l individuo nella complessità delle sue dinamiche comunicative e relazionali, ovvero immerso in flussi continui di informazioni elaborate secondo due diverse modalità: la conoscenza esplicita/dichiarata e la conoscenza tacita/sottesa. Mentre possiamo definire la prima come l insieme dei modelli espliciti di sé e del mondo elaborati tramite procedure di rappresentazione verbale (è la modalità di rappresentare a se stessi e agli altri l oggetto dell elaborazione verbale), la seconda è relativa alla componente emotiva-affettiva dell individuo (le emozioni in questo senso assumono un ruolo fondamentale nel processo di elaborazione della conoscenza). La conoscenza è il risultato dell interazione tra il sistema di elaborazione esplicito e tacito ed è un processo continuo che si protrae durante tutto l arco della vita del soggetto e che appare come un inesauribile processo generativo, sempre aperto, in cui cioè, non può mai essere raggiunto uno stato particolare di maturità o di equilibrio ottimale per l eccellenza (Guidano, 1988, p. 41). Ciò a sostegno delle 5 Citazione da L. Onnis, Lo specchio interno. La formazione personale del terapeuta sistemico in una prospettiva europea, Franco Angeli, Milano,

18 tanto discusse iniziative di formazione continua (lifelong learning) rispetto alle quali l individuo risulta impegnato in un cammino evolutivo incessante e, ad età differenti e in situazioni di vario genere, si trova a dover fronteggiare problemi sempre diversi. Questi accadimenti possono innescare cambiamenti superficiali, in grado di modificare gli atteggiamenti del soggetto senza però andare ad intaccare la sua immagine di sé, o cambiamenti profondi che agiscono sul senso di identità del soggetto stesso. Il cambiamento profondo richiede una pausa di riflessione individuale (del ruolo trasformativo della riflessione parleremo nel capitolo dedicato all apprendimento): attraverso la riflessione può essere attivato il processo di creazione di una nuova identità personale che, nella continua dinamica con il contesto di riferimento, si organizza secondo nuove regole e sulla base di esse risponde efficacemente alle sfide della realtà circostante (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002). Volendo arrivare ad un livello di maggiore specificità della posizione sistemica, facciamo riferimento a Gregory Bateson, fondatore della scuola sistemica e autore della posizione teorica definibile come ecologia della mente. Negli scritti di Bateson (2005) è possibile rinvenire molti spunti di riflessione rispetto al concetto di cambiamento, in particolare al cambiamento in relazione ai processi di apprendimento. Un cambiamento indica un processo. Ma i processi sono a loro volta soggetti a cambiamento. Un processo può accelerare, può rallentare, o subire altri tipi di cambiamento, dopo i quali si dirà che si tratta di un processo «diverso» (Bateson, 2005, pp ). La mente ecologica è un sistema, un aggregato di parti interagenti contraddistinto da un livello minimo di complessità al di sotto del quale non è più possibile considerarla tale. I processi mentali che contraddistinguono il funzionamento circuitale del sistema mente subiscono il controllo dell informazione che è data da un insieme di segnali che codificano le differenze percepite ( una differenza è un idea e in quanto tale può innescare un ulteriore differenza) (Bateson, 2005, p. 524). In linea generale nell ottica sistemica l individuo è da intendersi come parte di un sistema e i suoi processi mentali sono manifestazioni scaturenti dalla dialettica con il sistema stesso. Attraverso la modificazioni di alcune variabili di sistema è possibile incidere sull individuo. Pertanto, il cambiamento del soggetto dipende dalle retroazioni che si instaurano all interno di un sistema, quindi non è predeterminato (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 46). Nella psicologia culturale l individuo, fortemente caratterizzato e influenzato dalla propria dimensione affettiva, sociale e storico-culturale, è visto come costruttore e de-costruttore della propria realtà cognitiva e quindi della propria conoscenza. A differenza di quanto sostenuto da Jean Piaget, al cui contributo molti esponenti della psicologia culturale fanno riferimento 16

19 nell elaborazione della propria posizione epistemologica 6, il soggetto non procede nel cammino della conoscenza seguendo linearmente una serie di stadi evolutivi, ma attraverso la scelta di tattiche e strategie, mediate culturalmente, che conducono ad una costruzione attiva del proprio sapere. Così facendo il cambiamento avviene attraverso procedure di meta-cognizione ossia di valutazione attenta dei propri processi cognitivi e di elaborazione delle informazioni. Il cambiamento è un processo di crescita ed ha natura relazionale: la dialettica e la retorica con l Altro diverso da sé, l interazione con la realtà socio-culturale circostante rappresentano le condizioni entro le quali l individuo costruisce la propria identità nel corso della vita. Uno dei modi più interessanti di vedere il cambiamento ai fini del presente lavoro di ricerca è dato dall approccio fenomenologico e dalla teoria del campo di Kurt Lewin (1972). Il campo è stato definito dall autore come una totalità di fatti coesistenti nella loro interdipendenza a partire dal quale è possibile dedurre il comportamento di una persona o di un gruppo: per comprendere a pieno qualsiasi tipo di fenomeno psicologico, tra cui il cambiamento, non è possibile escludere nessuno dei fattori interagenti e costitutivi il campo psicologico stesso, siano essi di carattere percettivo quindi consci che inconsci. 7 Qualsiasi comportamento o qualsiasi altro mutamento entro un campo psicologico dipende soltanto dalla particolare configurazione del campo psicologico a quel dato momento (principio di contemporaneità). Lo sviluppo del soggetto è considerato da Lewin come cambiamento dello spazio di vita (1972) e si esplica in una prospettica temporale tra passato e futuro attraverso un processo di differenziazione delle regioni che costituiscono il suo campo psicologico. Con la crescita l individuo aumenta il numero di regioni che compongono il suo campo, acquisendo un grado di complessità maggiore. Il cambiamento avviene quindi per aumento del numero delle regioni e diversa combinazione o ricombinazione tra loro. Un tale allargamento della prospettiva temporale può essere visto come un tipo di mutamento della struttura cognitiva (ibidem). Questo aspetto del cambiamento interconnesso cioè alla dinamiche di apprendimento verrà trattato nel terzo capitolo. Concludendo, quello che ci preme sottolineare è come questa visione dell uomo abbia dato seguito a tutta una serie di studi sui processi trasformativi che si verificano quanto l individuo è inserito all interno di un gruppo. Lewin concepisce il gruppo come un grande campo, all interno del quale ogni individuo rappresenta una regione che, sulla base di quanto detto sopra, risulta interdipendente 6 Si veda D. Fabbri, B. Munari, Strategie del sapere. Verso una psicologia culturale, Dedalo, Bari, Sulla base di quanto postulato dall autore un determinato comportamento (C) è sempre funzione della persona (P) e dell ambiente psicologico in cui essa è inserita (A), in base all equazione C = f (P, A) dove A e P costituiscono variabili coesistenti e interdipendenti. La persona e il suo ambiente psicologico, suddivisi a loro volta in un certo numero di unità o regioni (periferiche/zona percettivo-motoria e centrali/zona interno-personale), costituiscono il così detto spazio di vita (Lewin, 1972 in Stella, Quaglino, 1982). 17

20 rispetto alle altre regioni/elementi del gruppo. L interdipendenza della totalità dinamica creata attraverso la relazione tra individuo, gruppo e ambiente circostante costituisce il campo del gruppo. In virtù di questa forte interdipendenza il cambiamento del gruppo cambia anche l individuo per mezzo di situazioni conflittuali che se sapientemente gestite possono scaturire un mutamento programmato, ossia un passaggio da uno stato iniziale a uno stato desiderato. La teoria del campo offre l opportunità di interpretare il cambiamento secondo una visione strutturale sia dell individuo che del gruppo. Accettare le modificazioni degli equilibri presenti in una struttura individuale o di gruppo costituisce la base del cambiamento (corsivo nostro) (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 46). Il concetto di accettazione ci riporta alla formazione, il cui obiettivo unanimemente riconosciuto è il cambiamento individuale ma che entro determinate condizioni, come postulato da Quaglino in Fare Formazione (2005), può condurre al cambiamento organizzativo: se è vero infatti che gli individui debbono essere disposti a cambiare, le organizzazioni a loro volta devono essere disposte ad apprendere. Le condizioni di cui parla l autore sono: 1- la formazione deve essere pensata e realizzata nei termini di processo: detto altrimenti ogni attività formativa non può prescindere dall individuazione di un sistema informativo (analisi dei bisogni e valutazione dei risultati) e da un sistema operativo (progettazione e azione formativa); 2- la formazione deve condividere un significato e un orientamento strategico (rispetto al progetto/meta/traguardo e non al problema), in quanto presidio dei processi di trasmissione del sapere e adeguamento del know-how, veicolo di riqualificazione e crescita professionale, spunto di riflessione e gestione delle recenti trasformazioni in materia di sistemi di relazioni e sistemi di valore proprie delle organizzazioni e del mondo del lavoro; 3- la formazione deve richiede tecnologia adeguata ed espressione dei valori: la formazione va orientata secondo la configurazione della complessità. Essa richiede tecnologia adeguata: [ ] attrezzatura più ricca, ma anche teoria più solida (Quaglino, 2005, p. 16). Ciò che è sicuro è che esclude ogni tendenza alla semplificazione. La configurazione della complessità richiede tuttavia non solo tecnologie più sofisticate ma anche espressione di valori (ibidem). Il recupero dei valori vuol dire anche e soprattutto recupero della centralità del soggetto all interno del progetto educativo. L attività di formazione non deve mai perdere di vista colui che apprende, i suoi bisogni, il contesto in cui si trova agire/interagire. Dunque la formazione come processo, orientamento strategico, tecnologia ed espressione dei valori rappresentano le condizioni vincolanti ogni attività formativa al pieno raggiungimento delle 18

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Questo articolo è apparso sul n.11 della rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 febbraio 2003; viene riprodotto sul nostro sito per gentile concessione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli