UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione Corso di Dottorato in Scienze psicologiche, sociologiche e dell e-learning Curriculum-Scienze del comportamento e delle relazioni sociali Ciclo XXIV LA FORMAZIONE NEI CONTESTI DI LAVORO Una riflessione su un percorso formativo in azienda Tutor Chiar.ma Prof.ssa Barbara Pojaghi Dottoranda Dott.ssa Chiara Catini Coordinatore Chiar.mo Prof. Sebastiano Porcu ANNO 2013

2

3 INDICE PRIMA PARTE FORMAZIONE E APPRENDIMENTO NELLE ORGANIZZAZIONI INTRODUZIONE I. La formazione II. III Significati condivisi Cambiamento Complessità 1.1. Excursus storico 1.2. La formazione: una realtà in transizione Il paradigma modernista Il paradigma neo-modernista Il paradigma post-modernista 1.3. La formazione oggi: riflessioni in divenire La formazione psicosociale 2.1. Inquadramento concettuale 2.2. La concezione psicosociologica Metodi e strumenti 2.3. La narrazione come strumento di costruzione della conoscenza L apprendimento L autobiografia 3.1. La prospettiva del Self 3.2. Definizioni di apprendimento e contributi teorici Apprendimento metacognitivo 3.3. Apprendimento in situazione Apprendere partecipando 3.4. La formazione basata sull apprendimento e sul conoscere in pratica: il ruolo dell esperienza e della riflessione nell apprendimento adulto Riflessioni conclusive

4 SECONDA PARTE LA FORMAZIONE E IL CAMBIAMENTO IN AZIENDA IV. Studiare le organizzazioni: il caso Lube Cucine Feuerstein in azienda 4.1. Le organizzazioni: la prospettiva psico-culturale Cultura organizzativa La conoscenza nelle organizzazioni: apprendimento e cambiamento organizzativo 4.2. Lo studio delle organizzazioni: la metodologia qualitativa 4.3. Presentazione del piano di ricerca Linee generali Focalizzazione delle teorie di riferimento L analisi del contesto e definizione del problema: gli interrogativi di partenza Il piano di ricerca L individuazione delle ipotesi e gli obiettivi generali, Gli strumenti di ricerca, Le fasi della raccolta dati, Elaborazione e interpretazione dei risultati V. L organizzazione che forma: storie di lavoro, storie di persone : i risultati della ricerca 5.1. Il corso P.A.S. : contenuti, obiettivi e strategia formativa Ricostruzione dei significati emergenti: osservazioni, questionari e discussioni di gruppo 5.2. L importanza dell aspetto narrativo e del coinvolgimento diretto del Sé narrante: ricomposizione dei vissuti personali, emozionali e professionali 5.3. Rappresentazioni della formazione e cultura organizzativa: limiti e punti di forza 5.4. Il gruppo come strumento di formazione e come esperienza dell Altro diverso da sé 5.5. La trasferibilità dei contenuti della formazione e l operatività delle funzioni cognitive. Pratica formativa e pratica lavorativa, comunità di apprendimento e comunità di pratiche. Una riflessione alla luce del modello della formazione psicosociale 5.6. Apprendimento individuale e cambiamento organizzativo Considerazioni finali e possibili prospettive Bibliografia e sitografia Appendici 2

5 INTRODUZIONE Formare. Educare. Apparentemente sinonimi, sottendono una differenza chiaramente terminologica e intrinsecamente concettuale. Spesso utilizzati in letteratura come se equivalenti, tuttavia i due termini non sono del tutto sovrapponibili. Volendo motivare questa sottile differenza di significato, potremmo affermare che l educazione è quel processo di sviluppo delle facoltà fisiche, intellettive e morali nei giovani in età evolutiva, mentre la formazione è quel processo di affinamento di determinate competenze e capacità rivolto a soggetti adulti, molto utilizzata in ambito lavorativo quindi professionale. Il termine educazione deriva dal latino e-ducere, che letteralmente significa tirare fuori. L educazione infatti serve a tirare fuori dal bambino e dall adolescente quelle qualità necessarie per la vita all interno della società di appartenenza. La metafora implicita nel termine è quella dell'iniziazione con l'aiuto di un esperto, un capo (dux) che ha il ruolo di condurre l'iniziato dalle tenebre dell'ignoranza alla luce della sapienza. Il discente viene guidato dal fuori disordinato, senza legge e riferimenti saldi, al dentro di una nuova condizione di armonia e ordine a cui non tutti possono accedere. Educare, quindi, etimologicamente parlando sottende un azione intenzionale, dirigistica di un soggetto su di un altro. I greci identificavano il momento educativo con quello della paidéia. L'educazione per i greci era infatti quel particolare periodo di vita in cui il fanciullo veniva staccato dalla madre e quindi istruito, addestrato, iniziato alla vita adulta e alle armi, fino a quando non diventava un antropos (uomo). Dopo di che i giovani nobili potevano frequentare le scuole dei filosofi, a pagamento, con lo scopo principale di accrescere il bagaglio intellettuale e poter accedere ai livelli più alti della dirigenza militare, politica e/o amministrativa. Potremmo identificare questo secondo momento con quella che oggi definiamo formazione, un apprendimento volto ad obiettivi specifici e a portata di mano, mirato, deciso in buona misura dallo stesso individuo. L origine della parola formare deriva da latino fōrmare ovvero dare una forma, modellare. Seguendo l evoluzione che il termine ha avuto nell ambito delle scienze umane (paideia/humanitas/bildung) 1, formare significa favorire lo sviluppo organico del soggetto, autonomo e regolato, visto come evento dinamico, appunto come processo in cui giocano un ruolo importante le potenzialità e peculiarità di ogni soggetto e le rispettive intenzionalità di 1 Facciamo riferimento ad un contributo di F. Cassinari Cultura, identità, formazione in cui l autore ricostruisce la genealogia dell ideale formativo e l evoluzione della paidéia greca attraverso i concetti di humanitas (l educazione dell uomo alla sua vera forma, alla vera umanità) e di Bildung (la cultura coincide con la formazione intesa come sviluppo, progressione di potenzialità intrinseche) (Cassinari in Merlini, Bonoli, 2010). 3

6 formatore e formando. Tutte le parti coinvolte svolgono un ruolo attivo di co-costruzione della conoscenza e della relazione formativa secondo un principio di circolarità sistemica degli scambi comunicativi e intellettivi. Il coinvolgimento attivo del formando fa della formazione un paradigma integrato, attento alle molteplici variabili che intervengono nei processi di crescita degli individui in senso cognitivo e affettivo-relazionale, ma anche sociale e culturale. La sovrapposizione di senso dei termini formazione ed educazione, comune nel linguaggio odierno, costituisce quindi un fatto improprio, laddove, proprio per una questione etimologica, formare sottende la metafora, l idea di una sostanza cedevole, plasmabile, qualcosa che è già presente ma che non esiste ancora nella sua forma finale, mentre educazione suggerisce l idea che l essere umano sia in possesso di un patrimonio innato da estrarre e sviluppare (Laporta, 1976). Superando però il diverbio etimologico, il verbo formare viene utilizzato nella nostra quotidianità come sinonimo di educare, addestrare, richiamando, come gli altri, la semantica dell apprendere. La formazione è infatti molto simile all apprendimento sebbene implichi maggiore complessità e durata, risultando dalla continua ristrutturazione di assetti concettuali preesistenti e dalla capacità di operare con le competenze acquisite, trasferendole nelle pratiche quotidiane e professionali (Pojaghi, Nicolini, in Zuczkowski, Bianchi, 2009). L unicità dell esperienza di formazione sta esattamente nel bilanciamento delle conoscenze nuove con quelle pregresse, degli apprendimenti formali con quelli informali propri dei diversi contesti d azione. I formandi sono persone adulte, spesse volte lavoratori competenti: hanno proprie idee, credenze, opinioni, conoscenze implicite ed esplicite. L adulto che apprende compie un atto di volontà, una dichiarazione di disponibilità al cambiamento per il quale necessita di consapevolezza e auto-direttività. All inizio di questo percorso di ricerca sulla formazione nei luoghi di lavoro, in prima istanza, è stata immediata la constatazione della vastità della bibliografia esistente sul mondo della formazione, una vastità che potremmo dire disorientante e spesse volte fuorviante. Numerose sono le chiavi di lettura di uno dei temi più discussi in ambito politico, economico e sociale. 2 Fermo restando la necessità di rimanere in ascolto rispetto a ciascuno di questi canali interpretativi, poiché indici della complessità dell argomento in oggetto, se volessimo tentare di raggrupparli in macro-aree potremmo denominare tre diverse tendenze: quella funzionalista propria di coloro che guardano alla formazione come una leva del business e della produttività, quella tecnica propria di coloro che a partire dall esperienza sul campo 2 Si pensi alle recenti iniziative della Comunità Europea in materia di formazione espletate negli obiettivi di Lisbona e nella Strategia Europa Cfr. B. Castagna, Educazione e Formazione in Europa 2020, Enaip Formazione & Lavoro, n. 3, Per approfondimenti: 4

7 approcciano alla formazione come processo specificando le peculiarità dei diversi momenti costitutivi, in ultimo, quella socio-culturale propria di coloro che invece si rivolgono alla formazione prima di ogni altra possibilità interpretativa come ad un esperienza umana e di significato. Al di là di tutte le definizioni valutabili nel panorama della letteratura odierna, è opinione condivisa che la formazione presupponga fondamentalmente un vissuto di cambiamento (di atteggiamenti, pensiero, comunicazione, emozioni verso se stessi e gli altri) e per questo risulti strategica, ovvero costruttiva, sia dal punto di vista della crescita della persona che delle comunità di carattere sociale e organizzativo entro cui essa si trova a partecipare. Il presente progetto di ricerca rappresenta uno studio sulla formazione, nell accezione sociale e culturale sopra detta, condotto attraverso le dimensioni del formare, dell apprendere e del lavorare. Abbiamo assunto un approccio di tipo deduttivo, partendo nel primo capitolo dall analisi della formazione come concetto e come fenomeno. Onde evitare di proporre un impianto teorico che rappresentasse l attuale clima di disorientamento, si è avvertita la necessità di dare un taglio storico-culturale alla nostra analisi. Pertanto, dalla profilazione di cos è la formazione per coloro che se ne occupano e per coloro che se ne vorrebbero occupare, abbiamo scelto di procedere ad una ricostruzione storica del tema, evidenziando l inestricabilità del fare formazione con il mondo delle organizzazioni e del lavoro. A sostegno degli aspetti socio-economici che hanno contribuito a connotare culturalmente e storicamente il termine formazione, ci siamo avvalsi dei tre paradigmi-chiave modernista, neo-modernista e post-modernista. L analisi di contesto e quella storico-culturale attorno al tema della formazione hanno favorito la ricostruzione di un immagine della formazione particolarmente variegata, a tratti variabile, sicuramente complessa. La complessità, intesa come status, accanto alla propensione al cambiamento costituiscono due peculiarità del formare declinato nel suo essere attività e apprendimento. Per questa ragione, allineandoci con i fautori dell epistemologia della complessità, prendiamo atto che ciò che risulta complesso non può in alcun modo essere ridimensionato o semplificato, piuttosto deve essere rispettato e valorizzato, e sulla base di ciò una teoria generale della formazione ad oggi non risulta realizzabile, come sottolineato da Quaglino (2005) nei suoi ultimi contributi, e forse non rappresenta più una prerogativa. Il mondo della formazione, se intende cogliere le sfide del presente, in termini di complessità e cambiamento, deve tornare a focalizzare la propria attenzione sul soggetto e in modo particolare sulle questioni dell apprendere. Dal nostro punto di vista, l approccio psicosociale di cui ci siamo occupati nel secondo capitolo ha in sé gli strumenti utili a fronteggiare questo tipo di sfide, valorizzando con l intreccio di tre possibili livelli di analisi, l individuo, la comunità e 5

8 l organizzazione. L approccio psicosociale e psicosociologico ai fini del nostro lavoro ci permettono di delineare un contesto di analisi dei fenomeni del formare all interno delle organizzazioni e al tempo stesso ci offrono chiavi di lettura dei contesti di lavoro, comunicazione e formazione in chiave situata ovvero rappresentazionale e conversazionale. La narrazione, di cui parliamo nell ultimo paragrafo, riveste nella prospettiva un ruolo preponderante nella dinamica formativa, un strumento di mediazione sociale e culturale: attraverso di essa si creano relazioni, si negoziano significati ovvero si costruiscono conoscenza e identità individuali ed organizzative. Il soggetto al centro dell esperienza del fare formazione e dell organizzazione di lavoro è il tema portante del terzo capitolo. Se facciamo nostro l invito di alcuni importanti autori di riferimento per il nostro lavoro a ripristinare la centralità del soggetto in formazione, non possiamo fare a meno di sostenere le questioni dell apprendere entro quelle del formare. La prospettiva del Self che apprende è multidimensionale: l apprendimento coinvolge l individuo sotto molteplici aspetti, non solo cognitivi, ma anche psico-emotivi, sociali e culturali. È dal connubio di tutti questi aspetti che è possibile ricostruire per il suo valore reale l esperienza della formazione e dell apprendimento inteso come dinamica evolutiva ed essenza del cambiamento. A partire dai contribuiti significativi della psicologia cognitiva, soprattutto in materia di meta cognizione, abbiamo fatto nostra una prospettiva di analisi costruttivista, soprattutto sociale e situata. Ripercorrendo la teoria dell attività storico-culturale e la teoria dell apprendimento sociale vygostkiana, l apprendimento di cui parliamo si apre necessariamente alla pratica e in particolare alla pratica di comunità, definendosi come una questione di partecipazione e condivisione, oltre che di riflessione. Dopo un excursus sul contesto della formazione tra presente e passato e dopo aver attivato dei legami concettuali tra il fare formazione, in una declinazione psicosociale, e l apprendere, nel quarto capitolo torniamo, con un grado di specificazione maggiore, alla dimensione del contesto, ovvero alle organizzazioni intese come culture, luoghi di pratica e di apprendimento individuale e organizzativo e possibile cambiamento. Tutta la seconda parte del nostro elaborato è dedicata ad un progetto di ricerca condotto in ambito aziendale. Lo studio delle organizzazioni in senso psico-culturale e il riferimento ai fondamenti dei così detti workplace-studies costituiscono in apertura del capitolo una presentazione delle caratteristiche del mondo a cui ci affacciamo e degli strumenti scelti per condurre la nostra indagine. Nel secondo paragrafo faremo riferimento alla ricerca qualitativa e in particolare all etnografia che, permettendo di approcciare alle organizzazioni attraverso l osservazione diretta sul campo e le analisi 6

9 conversazionali, costituiscono a nostro avviso la scelta di metodo più funzionale a tracciare e trattare i dati organizzativi emergenti. L ultima parte del capitolo è dedicata alla presentazione del lavoro di ricerca condotto in azienda e alla ricostruzione di tutte le fasi percorse. Lo studio effettuato s incentra sul monitoraggio di un corso di formazione P.A.S. (Programma di Arricchimento Strumentale) incentrato sul metodo di R. Feuerstein. Nell ultimo capitolo ci siamo occupati di relazionare i risultati della nostra ricerca, ottenuti attraverso le osservazioni collezionate durante lo svolgimento del corso di formazione P.A.S., le attività di gruppo realizzate dopo la fine del corso e le interviste finali con tutti partecipanti. L analisi si basa su dati etnografici e conversazionali volti alla validazione delle ipotesi di partenza e di quelle emerse in corso d opera, ovvero al riconoscimento degli aspetti formali e informali della vita organizzativa, al rilevamento del patrimonio di conoscenze, non solo didattiche, apprese e trasferite nell attività di lavoro. Centrale resta il tema del cambiamento che rappresenta il cuore dell analisi e della valutazione della formazione: infatti, facendo leva sugli aspetti significazionali e sui riferimenti di meta-cognizione intra-conversazionali, è nostro interesse verificare se e con quali prerogative il training osservato abbia prodotto dei cambiamenti individuali e, attraverso di essi, un apprendimento e un cambiamento di tipo organizzativo. 7

10 8

11 PARTE PRIMA FORMAZIONE E APPRENDIMENTO 9

12 10

13 CAPITOLO PRIMO: LA FORMAZIONE 1.1. Significati condivisi Definire il termine formazione è un operazione che sottende un rischio evidente a tutti coloro che si occupano di questo tema: il rischio sta nell iniziare a tracciare un profilo caratteriale della formazione e non riuscire a dare compiutezza al lavoro fatto. La formazione ha un anima polisemica e interdisciplinare: tanti sono i significati attribuibili e le discipline che a vari livelli se ne occupano. Dalla pedagogia alla psicologia, dalla sociologia alla teoria dell organizzazione: sono tanti i campi del sapere che si occupano di questo argomento. Inevitabilmente, a nostro avviso, vista l importanza strategica della formazione nel panorama economico e sociale attuale, sia in termini di sviluppo che di opportunità/competitività. Il ricorso alla formazione come investimento e come strumento di sviluppo risulta vantaggioso sia per gli individui che per le organizzazioni. Per quanto concerne gli individui la formazione è essenziale per favorire la preparazione ai nuovi mestieri e sviluppare le nuove attitudini professionali e le relative competenze per mettere in atto determinate «performance». Altresì, per quanto riguarda le organizzazioni la formazione gioca un ruolo importante nel rafforzamento della loro posizione di concorrenza e nel rilancio dello sviluppo. Si tratta di un fattore chiave di riuscita dei mutamenti e delle riconversioni produttive (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 39). La sfuggevolezza, la poliedricità e al tempo stesso la trasversalità del tema hanno prodotto numerosi tentativi da parte dei cultori della materia di circoscrivere la polisemia del termine entro dei modelli il più possibile esemplificativi della situazione. Si veda a tal proposito la fig. 1 riportante la rete semantica del concetto di formazione elaborata da P. Goguelin (1973), indicativa della complessa geografia di senso entro cui si muove il termine formazione e della prossimità dei concetti di educare, istruire, insegnare. La sovrabbondanza di modelli, tentativi di analisi e definizioni sembrerebbe indicativa del fatto che non esiste ancora una sistematizzazione condivisa. Proviamo a valutare, senza pretesa di esaustività, alcune definizioni proposte dalla letteratura in materia: il termine formazione assume il significato di azione mirante allo sviluppo della abilità dell individuo (cioè delle capacità nell esecuzione del lavoro), alla trasmissione di informazioni (circa la cultura organizzativa, il funzionamento, la produzione) e non ultimo all acquisizione di un comportamento più consono al raggiungimento dei propri obiettivi e a quelli dell organizzazione (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 11). 11

14 La formazione si presenta oggi come un campo di pratiche sociali eterogenee aventi come soggetti adulti in situazione professionale (Margiotta, Salatin, in Bellotto, Trentini, 2000, p. 11). La formazione è principalmente una attività organizzativa finalizzata al miglioramento delle prestazioni di lavoro e al conseguimento di obiettivi produttivi. È al tempo stesso, una risposta per la gestione delle risorse umane, che può favorire lo sviluppo individuale nelle organizzazioni, garantire la crescita, innovazione e più soddisfacenti condizioni di lavoro (Fraccaroli, 2007, p. 87). Figura 1 (da P. Goguelin, La formazione permanente degli adulti, 1973, pag. 10) Formare implica un intervento profondo e globale che provoca nel soggetto uno sviluppo nel campo intellettuale, fisico o morale e un cambiamento nelle strutture corrispondenti a questi campi, in modo che questo sviluppo non sia sovrapposto alla struttura esistente, ma sia integrato in nuove strutture più generali, che consentono ad ognuno di raggiungere, secondo le proprie capacità, un livello culturale multidisciplinare, capace di fargli meglio comprendere i fenomeni della vita [ ]. Come tale, la formazione non è più un semplice fenomeno di acquisizione come la concepiva la maggior parte dei pedagoghi, ma ha come obiettivo una trasformazione della personalità, mettendo quindi in gioco dei meccanismi psicologici in altro modo più vasti (Goguelin, Cavozzi, Dubost, Enriquez, 1972, p. 15). 12

15 Formazione è attività educativa. Dunque il suo obiettivo è il sapere: la promozione, la diffusione, l aggiornamento del sapere. Nonché la promozione, la diffusione, l aggiornamento dei modi di utilizzo di tale sapere [ ]. Ma la finalità sottesa a un tale obiettivo va oltre: essa ha a che vedere con il significato profondo dell azione educativa come momento di crescita dei soggetti a cui si rivolge, volta a volta culturale, sociale, professionale, personale. È in questi termini che l attività educativa lega inestricabilmente apprendimento e cambiamento a un primo e più generale livello (Quaglino, 2005, p. 11) 3. Nelle prime due definizioni risultano centrali i temi dello sviluppo dell individuo inteso come soggetto adulto lavoratore, quindi l indissolubile legame della formazione con il mondo dell organizzazione, all interno del quale le pratiche formative rispondono all esigenza di creare, ampliare o specializzare conoscenze funzionali alla crescita professionale ovvero competenze. Nella terza, viene ribadito l aspetto organizzativo della formazione e la sua importanza strategica in termini di lavoro e qualità del lavoro; in più viene sottolineato come la formazione rappresenti una risorsa per la gestione delle risorse umane e in quanto tale offra significative possibilità di sviluppo e innovazione sul versante umano e della competitività tra organizzazioni. Se nei primi tre riferimenti bibliografici il senso della formazione sembra ricadere entro la relazione individuo-organizzazione di lavoro, nelle ultime due citazioni gli autori concentrano la loro attenzione sullo sviluppo del Sé, in particolare sulla dimensione psicologica delle attività 4 formative, sul sapere inteso come obiettivo e strumento al tempo stesso di un inevitabile processo trasformativo in termini di crescita e cambiamento personale. Il cambiamento, prodotto dell apprendimento, è sicuramente individuale ma può essere anche organizzativo. Come sottolinea Quaglino (2005), mentre per i soggetti il legame apprendimento cambiamento è un dato di fatto, per le organizzazioni è solo possibile, ovvero mentre per i soggetti il problema insito nella formazione è di essere disposti a cambiare, per le organizzazioni il problema è invece di essere disposte ad apprendere e ad accogliere in toto le implicazioni del cambiamento in atto. Come si può evincere da questa prima analisi, definire la formazione non è un operazione affatto semplice: non solo per la pluralità dei contributi disponibili in letteratura, l eterogeneità dei punti di vista, la polisemia dello stesso termine, già di per sé indici di complessità, ma per la congiunzione di tutti questi fattori insieme ad altri rintracciabili nella storia e nella cultura delle nostre società. Se volessimo quindi circoscrivere entro poche battute quello che ci sembra fungere da trait d union dei molteplici punti di vista sulla formazione è il tema del cambiamento e insieme ad esso quello della 3 Il secondo livello a cui l autore fa riferimento è quello organizzativo in cui il fine dell attività educativa, al di là del sapere dei soggetti, è il superamento di uno stato-problema. 4 Il concetto di sapere va declinato secondo la famosa triade sapere, saper fare, saper essere laddove per sapere si intende indicare le conoscenze da acquisire, per saper fare le abilità da sviluppare e per sapere essere i comportamenti e gli atteggiamenti a sostegno dei primi due. 13

16 complessità, che come vedremo in più occasioni del nostro discorso, risulta essere un tratto distintivo della teoria e della stessa pratica della formazione. Soffermiamoci sui concetti di complessità e cambiamento. Utilizzeremo il primo come chiave di lettura dell importanza della formazione nel panorama socio-economico attuale proprio in virtù del suo essere potenzialmente fautore della crescita del singolo e delle organizzazioni (la formazione, seguendo questa logica, riveste un ruolo strategico capace di rispondere alle esigenze del sistema sociale ed economico odierno), faremo riferimento al secondo per anticipare e in seguito interpretare l excursus storico del fenomeno della formazione attraverso le ere industriale e postindustriale fino ai giorni nostri e dare voce ad alcune correnti di pensiero a nostro avviso particolarmente significative per riuscire ad interpretare la pluralità del tema in oggetto. Cambiamento Il binomio formazione-cambiamento si potrebbe così sinteticamente rendere: la formazione cambia, il cambiamento trans-forma od anche conferisce nuova forma. Se quindi la formazione è lo strumento mediante il quale è possibile produrre e/o guidare il cambiamento (a partire da una progettualità e da una processualità date e insite nella natura stessa dell attività formativa), il cambiamento a sua volta produce delle modificazioni nell individuo e nel contesto in cui opera. Per questo motivo si parla di cambiamento individuale e di cambiamento organizzativo. Se nel primo si esplicita l essenza stessa della natura umana e del suo divenire storico, nel secondo è possibile rintracciare la necessità delle organizzazioni moderne di modificare i propri sistemi e sotto-sistemi organizzativi per poter sopravvivere nell ambiente circostante sempre più caratterizzato da incertezza e mutevolezza. Pertanto, dato il valore strategico del cambiamento in ambito organizzativo e in generale nel panorama economico odierno, tanto che la pratica del change management è entrata nel linguaggio abituale di chi si occupa di gestione d azienda, la formazione in quanto agenzia di cambiamento (può fungere sia da medium che da veiculum a seconda che produca cambiamento o offra strumenti di comprensione e accettazione del cambiamento) richiama l attenzione di coloro i quali hanno intenzione o necessità di guidare o semplicemente capire la transizione da uno stato di cose/sapere ad un altro. L attenzione che dedicheremo al cambiamento è funzione del fatto che: 1- ogni atto formativo auspica in sé il cambiamento: non si può non parlare di cambiamento parlando di formazione, così come non si può non parlare di apprendimento: come afferma Quaglino nella 14

17 postfazione del famoso Fare Formazione (2005, p. 183), una teoria per la formazione trova il suo sostegno anzitutto nell innesto del legame tra formare e apprendere ; 2- apprendimento e cambiamento sono indissolubilmente legati: non c è dubbio che la parola apprendimento denoti un cambiamento di qualche tipo; dire quale tipo di cambiamento è una faccenda delicata (Bateson, 2005, p. 328); 3- il cambiamento ha una doppia valenza e come tale deve essere pensato e gestito: può avere luogo nell individuo, nel gruppo, nell organizzazione; 4- la formazione è un attività in grado di produrre cambiamento organizzativo. Di seguito valuteremo un serie di visioni del cambiamento in ambito prevalentemente psicologico/individuale nel tentativo di motivare l inestricabilità del rapporto tra cambiamento e uomo, tra cambiare e apprendere ovvero tra cambiare e formare/essere formati (chi forma è esso stesso soggetto ad un processo di cambiamento in base al principio di circolarità dell apprendimento: citando Joseph Joubert, insegnare, è apprendere due volte 5 ). Superando la visione comportamentista del cambiamento inteso come esito del condizionamento secondo lo schema classico S R, funzionalmente al impostazione di questo lavoro, facciamo luce su due posizioni teoretiche particolarmente significative, quella sistemica e quella legata alla psicologia culturale, proprie dell ambito disciplinare cognitivista, entro il quale il cambiamento è invece inteso come trasformazione rappresentativa, che avviene primariamente a livello cognitivo e che poi è in grado di influenzare anche il campo emotivo ed affettivo (Demetrio, 1990, pag. 83). La posizione sistemica, a cui faremo riferimento più volte nello sviluppo delle nostre riflessioni, considera l individuo nella complessità delle sue dinamiche comunicative e relazionali, ovvero immerso in flussi continui di informazioni elaborate secondo due diverse modalità: la conoscenza esplicita/dichiarata e la conoscenza tacita/sottesa. Mentre possiamo definire la prima come l insieme dei modelli espliciti di sé e del mondo elaborati tramite procedure di rappresentazione verbale (è la modalità di rappresentare a se stessi e agli altri l oggetto dell elaborazione verbale), la seconda è relativa alla componente emotiva-affettiva dell individuo (le emozioni in questo senso assumono un ruolo fondamentale nel processo di elaborazione della conoscenza). La conoscenza è il risultato dell interazione tra il sistema di elaborazione esplicito e tacito ed è un processo continuo che si protrae durante tutto l arco della vita del soggetto e che appare come un inesauribile processo generativo, sempre aperto, in cui cioè, non può mai essere raggiunto uno stato particolare di maturità o di equilibrio ottimale per l eccellenza (Guidano, 1988, p. 41). Ciò a sostegno delle 5 Citazione da L. Onnis, Lo specchio interno. La formazione personale del terapeuta sistemico in una prospettiva europea, Franco Angeli, Milano,

18 tanto discusse iniziative di formazione continua (lifelong learning) rispetto alle quali l individuo risulta impegnato in un cammino evolutivo incessante e, ad età differenti e in situazioni di vario genere, si trova a dover fronteggiare problemi sempre diversi. Questi accadimenti possono innescare cambiamenti superficiali, in grado di modificare gli atteggiamenti del soggetto senza però andare ad intaccare la sua immagine di sé, o cambiamenti profondi che agiscono sul senso di identità del soggetto stesso. Il cambiamento profondo richiede una pausa di riflessione individuale (del ruolo trasformativo della riflessione parleremo nel capitolo dedicato all apprendimento): attraverso la riflessione può essere attivato il processo di creazione di una nuova identità personale che, nella continua dinamica con il contesto di riferimento, si organizza secondo nuove regole e sulla base di esse risponde efficacemente alle sfide della realtà circostante (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002). Volendo arrivare ad un livello di maggiore specificità della posizione sistemica, facciamo riferimento a Gregory Bateson, fondatore della scuola sistemica e autore della posizione teorica definibile come ecologia della mente. Negli scritti di Bateson (2005) è possibile rinvenire molti spunti di riflessione rispetto al concetto di cambiamento, in particolare al cambiamento in relazione ai processi di apprendimento. Un cambiamento indica un processo. Ma i processi sono a loro volta soggetti a cambiamento. Un processo può accelerare, può rallentare, o subire altri tipi di cambiamento, dopo i quali si dirà che si tratta di un processo «diverso» (Bateson, 2005, pp ). La mente ecologica è un sistema, un aggregato di parti interagenti contraddistinto da un livello minimo di complessità al di sotto del quale non è più possibile considerarla tale. I processi mentali che contraddistinguono il funzionamento circuitale del sistema mente subiscono il controllo dell informazione che è data da un insieme di segnali che codificano le differenze percepite ( una differenza è un idea e in quanto tale può innescare un ulteriore differenza) (Bateson, 2005, p. 524). In linea generale nell ottica sistemica l individuo è da intendersi come parte di un sistema e i suoi processi mentali sono manifestazioni scaturenti dalla dialettica con il sistema stesso. Attraverso la modificazioni di alcune variabili di sistema è possibile incidere sull individuo. Pertanto, il cambiamento del soggetto dipende dalle retroazioni che si instaurano all interno di un sistema, quindi non è predeterminato (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 46). Nella psicologia culturale l individuo, fortemente caratterizzato e influenzato dalla propria dimensione affettiva, sociale e storico-culturale, è visto come costruttore e de-costruttore della propria realtà cognitiva e quindi della propria conoscenza. A differenza di quanto sostenuto da Jean Piaget, al cui contributo molti esponenti della psicologia culturale fanno riferimento 16

19 nell elaborazione della propria posizione epistemologica 6, il soggetto non procede nel cammino della conoscenza seguendo linearmente una serie di stadi evolutivi, ma attraverso la scelta di tattiche e strategie, mediate culturalmente, che conducono ad una costruzione attiva del proprio sapere. Così facendo il cambiamento avviene attraverso procedure di meta-cognizione ossia di valutazione attenta dei propri processi cognitivi e di elaborazione delle informazioni. Il cambiamento è un processo di crescita ed ha natura relazionale: la dialettica e la retorica con l Altro diverso da sé, l interazione con la realtà socio-culturale circostante rappresentano le condizioni entro le quali l individuo costruisce la propria identità nel corso della vita. Uno dei modi più interessanti di vedere il cambiamento ai fini del presente lavoro di ricerca è dato dall approccio fenomenologico e dalla teoria del campo di Kurt Lewin (1972). Il campo è stato definito dall autore come una totalità di fatti coesistenti nella loro interdipendenza a partire dal quale è possibile dedurre il comportamento di una persona o di un gruppo: per comprendere a pieno qualsiasi tipo di fenomeno psicologico, tra cui il cambiamento, non è possibile escludere nessuno dei fattori interagenti e costitutivi il campo psicologico stesso, siano essi di carattere percettivo quindi consci che inconsci. 7 Qualsiasi comportamento o qualsiasi altro mutamento entro un campo psicologico dipende soltanto dalla particolare configurazione del campo psicologico a quel dato momento (principio di contemporaneità). Lo sviluppo del soggetto è considerato da Lewin come cambiamento dello spazio di vita (1972) e si esplica in una prospettica temporale tra passato e futuro attraverso un processo di differenziazione delle regioni che costituiscono il suo campo psicologico. Con la crescita l individuo aumenta il numero di regioni che compongono il suo campo, acquisendo un grado di complessità maggiore. Il cambiamento avviene quindi per aumento del numero delle regioni e diversa combinazione o ricombinazione tra loro. Un tale allargamento della prospettiva temporale può essere visto come un tipo di mutamento della struttura cognitiva (ibidem). Questo aspetto del cambiamento interconnesso cioè alla dinamiche di apprendimento verrà trattato nel terzo capitolo. Concludendo, quello che ci preme sottolineare è come questa visione dell uomo abbia dato seguito a tutta una serie di studi sui processi trasformativi che si verificano quanto l individuo è inserito all interno di un gruppo. Lewin concepisce il gruppo come un grande campo, all interno del quale ogni individuo rappresenta una regione che, sulla base di quanto detto sopra, risulta interdipendente 6 Si veda D. Fabbri, B. Munari, Strategie del sapere. Verso una psicologia culturale, Dedalo, Bari, Sulla base di quanto postulato dall autore un determinato comportamento (C) è sempre funzione della persona (P) e dell ambiente psicologico in cui essa è inserita (A), in base all equazione C = f (P, A) dove A e P costituiscono variabili coesistenti e interdipendenti. La persona e il suo ambiente psicologico, suddivisi a loro volta in un certo numero di unità o regioni (periferiche/zona percettivo-motoria e centrali/zona interno-personale), costituiscono il così detto spazio di vita (Lewin, 1972 in Stella, Quaglino, 1982). 17

20 rispetto alle altre regioni/elementi del gruppo. L interdipendenza della totalità dinamica creata attraverso la relazione tra individuo, gruppo e ambiente circostante costituisce il campo del gruppo. In virtù di questa forte interdipendenza il cambiamento del gruppo cambia anche l individuo per mezzo di situazioni conflittuali che se sapientemente gestite possono scaturire un mutamento programmato, ossia un passaggio da uno stato iniziale a uno stato desiderato. La teoria del campo offre l opportunità di interpretare il cambiamento secondo una visione strutturale sia dell individuo che del gruppo. Accettare le modificazioni degli equilibri presenti in una struttura individuale o di gruppo costituisce la base del cambiamento (corsivo nostro) (Battistelli, Majer, Odoardi, 2002, p. 46). Il concetto di accettazione ci riporta alla formazione, il cui obiettivo unanimemente riconosciuto è il cambiamento individuale ma che entro determinate condizioni, come postulato da Quaglino in Fare Formazione (2005), può condurre al cambiamento organizzativo: se è vero infatti che gli individui debbono essere disposti a cambiare, le organizzazioni a loro volta devono essere disposte ad apprendere. Le condizioni di cui parla l autore sono: 1- la formazione deve essere pensata e realizzata nei termini di processo: detto altrimenti ogni attività formativa non può prescindere dall individuazione di un sistema informativo (analisi dei bisogni e valutazione dei risultati) e da un sistema operativo (progettazione e azione formativa); 2- la formazione deve condividere un significato e un orientamento strategico (rispetto al progetto/meta/traguardo e non al problema), in quanto presidio dei processi di trasmissione del sapere e adeguamento del know-how, veicolo di riqualificazione e crescita professionale, spunto di riflessione e gestione delle recenti trasformazioni in materia di sistemi di relazioni e sistemi di valore proprie delle organizzazioni e del mondo del lavoro; 3- la formazione deve richiede tecnologia adeguata ed espressione dei valori: la formazione va orientata secondo la configurazione della complessità. Essa richiede tecnologia adeguata: [ ] attrezzatura più ricca, ma anche teoria più solida (Quaglino, 2005, p. 16). Ciò che è sicuro è che esclude ogni tendenza alla semplificazione. La configurazione della complessità richiede tuttavia non solo tecnologie più sofisticate ma anche espressione di valori (ibidem). Il recupero dei valori vuol dire anche e soprattutto recupero della centralità del soggetto all interno del progetto educativo. L attività di formazione non deve mai perdere di vista colui che apprende, i suoi bisogni, il contesto in cui si trova agire/interagire. Dunque la formazione come processo, orientamento strategico, tecnologia ed espressione dei valori rappresentano le condizioni vincolanti ogni attività formativa al pieno raggiungimento delle 18

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio La prospettiva dell apprendimento nei contesti formali, non formali ed informali U.S.R. Emilia Romagna Bologna, 27 novembre 2014 Piergiorgio Reggio Università Cattolica Milano Istituto Italiano di Valutazione

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare??

Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? Che confusione!!!! Se solo sapessi che mestiere vorrei fare?? A.D.V.P. Activation du Développement Vocationnel et Personnel G. Cappuccio Università di Palermo L A.D.V.P è stato creato nel 1970 da Denis

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe)

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe) Commissione didattica Progetto educativo La scrittura filosofica A. ELEMENTI DI CONTESTO A.1 Tipologia Progetto educativo biennale per i Licei A.2 Ambito territoriale Nazionale A.3 Tempi di realizzazione

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI

INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI INTEGRAZIONE E COMUNITA LOCALE CENTRO PROFESSIONALE COMUNALE CORSI PROPEDEUTICI: FALEGNAMERIA E IMPIANTI ELETTRICI DESCRIZIONE DEL PROGETTO La presenza nel territorio di centri per il recupero scolastico

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress

I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress I Corsi SNAPform 2015 Life in Progress Work in Progress Counselor in Progress Chi si Forma non si ferma! www.snapform.it info@snapform.it Corsi LIFE IN PROGRESS Il counseling per la vita di tutti i giorni

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

PREFAZIONE Questo volume sintetizza l esperienza decennale del Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna nell ambito della formazione manageriale e, coerentemente con le logiche

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli