Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best"

Transcript

1 Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle Nazioni definì il concetto di mano invisibile, in base al quale il libero operare delle forze di mercato, a loro volta dirette dall agire di individui egoisti, promuove la crescita economica e con essa l interesse pubblico. A metà degli anni 50 del secolo scorso è stato dimostrato che solo se sono soddisfatte alcune condizioni specifiche la mano invisibile consente il raggiungimento automatico del massimo benessere collettivo. Tali condizioni sono formalizzate nei due teoremi fondamentali dell economia del benessere, che si riconducono principalmente ai contributi di Pareto e Walras 1 e alle dimostrazioni di Wald (1951), McKenzie (1954) e di Arrow e Debreu (1954). Il primo teorema fondamentale dell economia del benessere stabilisce che in presenza di mercati completi ogni equilibrio walrasiano di concorrenza perfetta, se esiste, è un ottimo paretiano. Pertanto, in assenza di esternalità, ogni situazione nella quale per ogni bene esiste un prezzo, considerato come dato dagli operatori, a cui domanda e offerta si uguagliano, e il regime di mercato è caratterizzato, sia dal lato della domanda che dell offerta, da omogeneità del prodotto, ampia numerosità degli operatori, assenza di cartelli, intese o accordi fra essi, libertà di entrata e di uscita dal mercato senza costi (contendibilità) e perfetta informazione che possa scongiurare la segmentazione dei mercati, corrisponde a un ottimo paretiano. La completezza dei mercati implica: - l assenza di esternalità, ovvero di vantaggi o svantaggi che un operatore produce su un altro operatore senza riceverne un corrispettivo o pagarli (si tratta di vantaggi o svantaggi che non sono oggetto di scambio e quindi non compaiono nel bilancio di chi li produce). - l assenza di beni pubblici e di beni di merito; - la presenza di mercati per tutti i beni sia presenti che futuri (ma ciò è possibile solo tenendo conto che essi sono accompagnati da costi di transazione, da asimmetria informativa e da incertezza). L equilibrio walrasiano di concorrenza perfetta è la situazione nella quale esiste un vettore di prezzi tale che l eccesso di domanda su ogni mercato è nullo. Questo equilibrio assicura la massimizzazione delle utilità dei consumatori e dei profitti degli imprenditori garantite dalle assunzioni di continuità e non saziabilità delle preferenze e della convessità degli insiemi di produzione. Quest ultima assunzione implica l assenza di rendimenti crescenti che ridurrebbero il costo totale medio all aumentare della produzione nel lungo periodo favorendo, come aveva 1 Cfr. Pareto V., (1906), Manuale di Economia politica, Società Editrice Libraria, Milano; Walras L., (1900), Éléments d'économie politique pure, Leipzig.

2 intravisto con preoccupazione Marshall e successivamente precisato Sraffa 2, la tendenza dei mercati verso forme di concorrenza monopolistica (Figura 21). Negli anni successivi, la realtà dei mercati ha ampiamente mostrato lo scarso realismo dell assunzione di regimi di costi costanti e prospettato di conseguenza l allontanamento progressivo dei mercati dalla concorrenza perfetta. Per il primo teorema, se i prezzi fungono da indicatori della scarsità per i produttori e dell utilità sociale per i consumatori, l esistenza di prezzi perfettamente concorrenziali consente di produrre la combinazione migliore di beni e servizi avvalendosi delle risorse e della tecnologia a disposizione della società. Tuttavia l importanza pratica del teorema è alquanto limitata per la difficoltà di soddisfare nelle economie concrete le condizioni che garantiscano l esistenza, l unicità e la stabilità di un equilibrio di concorrenza perfetta. D altra parte, l ottimo paretiano, per come è definito, può essere raggiunto con qualsiasi distribuzione delle risorse politicamente accettabile. Il primo teorema ha quindi natura descrittiva e astratta, in quanto mostra le conseguenze di una ben definita situazione di mercato in termini di un dato principio di ordinamento sociale. Esso può essere visto come una precisazione del concetto smithiano di mano invisibile oltre che dei suoi limiti concreti. Esso trascura i profili di equità nella distribuzione delle risorse: il mercato opera sulla base di una distribuzione delle risorse già esistente, che non riesce a modificare, se non marginalmente, attraverso l efficientamento (Figura 2). Pertanto, l operare della concorrenza perfetta rende efficiente il sistema produttivo data la distribuzione delle risorse tra i produttori e ottimizza il benessere dei consumatori data la distribuzione del reddito. In altre parole, ciascun individuo massimizza la sua utilità nei limiti del proprio reddito. Gli aspetti più problematici dell equilibrio walrasiano di concorrenza perfetta sono la sua stabilità oltre all esistenza e all unicità. In un mercato di concorrenza perfetta le condizioni per l ottimo paretiano sono tutte soddisfatte perché la legge del prezzo unico implica l unicità dei prezzi relativi (sms eguali e smt eguali) e la minimizzazione dei costi di produzione se le combinazioni produttive eguagliano i smst ai rapporti tra i prezzi dei fattori per ogni settore. Se l efficienza di un sistema produttivo dipende dal meccanismo dei prezzi in mercati di concorrenza perfetta, la sua equità è connessa, invece, alla distribuzione del reddito che è associata a un giudizio di valore. Per i marginalisti essa è invece legata alla corrispondenza tra produttività marginale e remunerazione dei fattori. Il secondo teorema fondamentale dell economia del benessere, quello detto prescrittivo, stabilisce che in un economia convessa (ovvero se le curve di indifferenza e gli isoquanti sono convessi), in presenza di mercati completi, un equilibrio economico generale concorrenziale consente di raggiungere una allocazione Pareto-efficiente (una posizione di ottimo paretiano) una volta raggiunta una distribuzione opportuna della dotazione iniziale dei beni disponibili. Esiste un ottimo paretiano per ogni distribuzione ma qui un punto fondamentale da comprendere riguarda la definizione opportuna della distribuzione delle dotazioni iniziali. In un 2 La questione viene ripresa successivamente in relazione alla definizione di esternalità. In presenza di rendimenti crescenti di scala, il costo totale medio decrescerebbe continuamente senza eguagliare mai il costo totale medio (Figura 21). L eguaglianza del prezzo al costo marginale darebbe luogo a produzioni in perdita.

3 contesto di individualismo etico, che insieme alla inconfrontabilità delle utilità è un presupposto dei due teoremi, l equità definita politicamente può rendere necessario uno spostamento sulla frontiera delle utilità ottenuto attraverso imposte o sussidi a somma fissa (sulla cui base imponibile il contribuente non può influire attraverso il suo comportamento). Il secondo teorema implica che considerazioni distributive e di efficienza possano essere vagliate separatamente. I due teoremi dell economia del benessere sono stati interpretati da molti economisti nel senso di suggerire una divisione di compiti fra Stato e mercato: al primo si assegnerebbe un obiettivo redistributivo mentre il secondo assolverebbe un ruolo allocativo nel caso in cui il mercato producesse una distribuzione inaccettabile. I due teoremi fondamentali hanno rilevanti implicazioni dal punto di vista della politica economica. Se esiste una configurazione di mercati perfettamente concorrenziali e completi, e quindi un equilibrio di mercato di concorrenza perfetta in assenza di esternalità, l operatore pubblico non dovrebbe intervenire, se non per una modifica previa della distribuzione delle dotazioni: infatti, qualunque altro intervento porterebbe il sistema in una posizione sub-ottimale, cioè di minore efficienza. Tuttavia, secondo il pensiero liberale, siccome qualunque allocazione Pareto-ottimale può essere raggiunta attraverso un equilibrio di mercato di concorrenza perfetta e un trasferimento a somma fissa, è meglio che il mercato sia lasciato a sé stesso (e realizzare una crescita più sostenuta del reddito), per redistribuirlo successivamente attraverso i trasferimenti. Dunque, la conclusione che discende dai due teoremi è che per far crescere più velocemente l economia è meglio che il mercato concorrenziale sia lasciato a sé stesso: la ricetta è quella del laissez faire, del free trade e del free market. Ma la realtà dei mercati è diversa. I due teoremi sono stati estesi, anche sulla base di contributi precedenti alla loro dimostrazione (Arrow, 1953), per tener conto sia della uniperiodalità sia dell incertezza che li accompagna. Il primo problema è stato affrontato con la creazione dei mercati dei beni futuri. Il secondo problema è stato affrontato considerando i mercati contingenti in cui i beni sono definiti in relazione al periodo e alla situazione che si verificherà nel periodo stesso. Entrambi questi tipi di mercati possono servire per effettuare coperture dei rischi legati all incertezza ma possono essere utilizzati anche per motivi speculativi. Il modello di Milton e Savage mostra che l incertezza dà luogo a un costo che può essere coperto dai mercati assicurativi (Figura 22). Nonostante le estensioni suddette, la realtà in cui viviamo è ancora caratterizzata da mercati incompleti che lasciano spazio sia alle esternalità che all incertezza. In conclusione, la presenza di mercati non perfettamente concorrenziali, beni pubblici, beni di merito, costi di transazione, asimmetrie informative e mercati incompleti danno luogo alla formazione di prezzi diversi da quelli di Arrow e Debreu e quindi a situazioni inefficienti (Figura 23). L esistenza di tanti ottimi paretiani quante sono le possibili distribuzioni delle dotazioni iniziali conduce a mettere in dubbio una convinzione molto radicata nella corporazione degli economisti e cioè che tra equità ed efficienza esista un trade-off ovvero un modo di scambiare l una con l altra come se esse condividessero la natura di obiettivo. Questa posizione trascura la diversa natura dell equità e dell efficienza e cioè che mentre la prima è un obiettivo che dipende da giudizio di valore, e in questo senso essa è lasciata alla scelta politica, la seconda ha solo natura di vincolo. In

4 altre parole, una volta scelta una qualsivoglia distribuzione delle dotazioni iniziali (prius), si procede a rendere efficiente il sistema economico (posterius). Tuttavia ogni situazione distributiva deve essere associata a un allocazione efficiente delle risorse. L efficienza I concetti di efficienza sono molteplici. Una prima distinzione si può fare tra i concetti di efficienza statica (allocativa o paretiana, x), e quelli di efficienza dinamica (adattiva, innovativa). L efficienza allocativa è associata alla concorrenza perfetta e prevede l uguaglianza tra prezzo di vendita e costo marginale di produzione. L efficienza x, dovuta a Leibenstein, consiste nella scelta dei programmi di produzione tecnicamente efficienti. Per questo, ogni individuo tenderà a perseguire un massimo relativo compatibile con le informazioni di cui dispone e i valori etici cui fa riferimento, laddove cause specifiche di inefficienza sono date dai contratti di lavoro incompleti (a causa di asimmetrie informative), dall imperfetta specificazione della funzione di produzione e dalla mancanza di motivazioni. L efficienza x mette in evidenza le carenze della teoria tradizionale neoclassica nell analizzare i meccanismi interni all impresa, pur rivalutando il ruolo della concorrenza e, in particolare, l eguaglianza dei saggi marginali di sostituzione tecnica tra i fattori produttivi lavoro e capitale (dati dal rapporto tra le loro remunerazioni: tasso di salario e tasso di interesse) nella promozione dell efficienza produttiva 3. L efficienza dinamica adattiva di Alchian 4 prevede la minimizzazione del costo medio di produzione nel tempo in presenza di apprendimento graduale nel modo di affrontare i problemi (learning by doing) e nella capacità di dare risposte corrette ai problemi stessi. L efficienza dinamica innovativa consiste, infine, nella capacità di introdurre innovazioni di processo o di prodotto che consentono di modificare il sentiero dei crescita dell economia. Su questo punto si ricorda la posizione di Schumpeter il quale sosteneva che l innovazione, in quanto legata all investimento, era favorita dalla grande impresa oligopolistica e monopolistica piuttosto che dalla piccola impresa concorrenziale che non poteva godere di extra profitti peraltro importanti proprio per favorire l attività innovativa. Una posizione opposta è stata invece argomentata da Arrow. Si può comunque osservare che proprio l acquisizione di quote di mercato crescenti fino alla posizione di monopolio può far venire meno una motivazione importante dell innovazione. L equità L'equità in economia è una situazione di equilibrio nell'allocazione delle risorse in cui nessun individuo preferisce la situazione degli altri individui alla propria. Nell economia del benessere, l equità può essere intesa come molto vicina al concetto di giustizia distributiva. In tale chiave, 3 Cfr. Leibenstein H., (1989), Efficienza X e sviluppo economico: una teoria generale, UTET, Torino. 4 Cfr. Alchian A., (1950), Uncertainty, Evolution and Economic Theory, Journal of Political Economy, June.

5 l equità è associata a un giudizio di valore con cui interpretare gli equilibri di ottimo paretiano a cui giunge un sistema economico e attraverso il quale giustificare un eventuale intervento pubblico di carattere redistributivo. Come si è visto per l efficienza, anche i concetti di equità sono molteplici e possono avere come obiettivo l egualitarismo del reddito, della ricchezza, delle opportunità (o dei punti di partenza) per tutti, oppure condizionarlo al merito, all impegno, alla produttività. Si osserva che in un economia di scambio l ottenimento di una situazione perfettamente egualitaria è temporalmente instabile e dovrebbe essere continuamente ricostituita. Inoltre, superato il punto di massimo consumo o reddito pro-capite sulla frontiera tecnologica, raggiunto anche attraverso una più equa distribuzione, ulteriori operazioni redistributive verso un maggiore egualitarismo posso produrre un effetto marginale negativo sul risparmio e sull'investimento (Baldassarri, Piga). In particolare, la redistribuzione tramite imposte, se da un lato consente ai pubblici poteri il perseguimento di obiettivi di giustizia distributiva, dall altro può generare, al contempo, distorsioni nelle attività di consumo e di produzione che danno luogo a perdite di efficienza allocativa (Figura 23). In realtà non esistono imposte (capitazione, poll tax) o sussidi a somma fissa in grado di svolgere, senza distorsioni, il compito distributivo previsto dal Secondo Teorema. Se la distribuzione associata al funzionamento del mercato concorrenziale non è accettabile dal punto di vista dell equità, i tentativi di modificare tale distribuzione attraverso gli strumenti fiscali suddetti produce inefficienze. Queste sono rappresentate dal cuneo fiscale individuato dal triangolo di Harberger nel caso di imposte sul consumo in cui l effetto sostituzione associato all imposta determina per i contribuenti una perdita secca di benessere sociale che non si trasferisce all erario in termini di gettito. Il second best Nelle situazioni in cui almeno una delle condizioni necessarie per realizzare l ottimo paretiano non è empiricamente rispettata, Lipsey e Lancaster hanno dimostrato, con il teorema del second best 5, che il raggiungimento di un secondo ottimo non implica necessariamente il rispetto di tutte le altre condizioni necessarie per realizzare il primo ottimo. Ciò vale anche nel caso di piccoli scostamenti 6 tra realtà di mercati e il modello astratto di Arrow e Debreu. In conclusione, il mutamento della distribuzione porta in pratica a una situazione di secondo ottimo anche se ciò non dà luogo a un trade-off tra equità ed efficienza se si assume che esse non condividano la stessa natura di obiettivo. 5 Cfr. Lipsey R.G., Lancaster K., (1956), The General Theory of Second Best, Review of Economic Studies, December. 6 Vedi a questo riguardo anche la problematica delle conseguenze di piccoli scostamenti posta da Akerlof G. A. e Yellen J. L. Can Small Deviations from Rationality Make Significant Differences to Economic Equilibria?, American Economic Review, 1985, pp

6 Il teorema del second best di Lipsey e Lancaster asserisce che se N condizioni definiscono un ottimo paretiano, non è vero che una situazione nella quale un numero n < N condizioni sono soddisfatte sia necessariamente superiore a una situazione in cui un numero minore m < n < N di esse siano soddisfatte. Se si manifesta un solo scostamento, il compito del policy-maker è quello di rimuoverlo; nell impossibilità di farlo, è necessario intervenire sull intero sistema. Infatti, la distorsione su un mercato non rimane isolata, ma si propaga sugli altri mercati. L intuizione che sta dietro a questo risultato deriva dal fatto che le distorsioni allocative causate dalla violazione di una delle condizioni di efficienza possono essere, in genere, attenuate da distorsioni di segno opposto indotte da altre violazioni. Un esempio: se un produttore generasse diseconomie esterne ambientali (producendo oltre il livello Pareto-ottimale), questa distorsione potrebbe essere controbilanciata nel caso in cui l impresa fosse anche monopolista (e quindi scegliesse un livello di produzione al quale il prezzo eccede il costo marginale del bene, restringendo nel modo opportuno la produzione). Una politica concorrenziale che inducesse l impresa a scegliere un livello di produzione concorrenziale tale che il prezzo eguagli il costo marginale potrebbe ridurre il benessere piuttosto che incrementarlo.

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA

GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Anna CODINI GOVERNO DELLA CONCORRENZA E RUOLO DELLE AUTHORITIES NELL UNIONE EUROPEA Paper numero 69 Dicembre 2007 GOVERNO DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni

28/04/2014 CAPITOLO 10. Mercati concorrenziali: applicazioni CAPITOLO 10 Mercati concorrenziali: applicazioni 1 1 L efficienza economica in un mercato concorrenziale 2 2 L efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell equilibrio perfettamente

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro)

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Mio Prologo Ripeto i concetti della prima lezione: Nessun uomo dovrebbe essere un'isola:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti

Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti 4 CAPITOLO 4 DISUGUAGLIANZE, EQUITÀ E SERVIZI AI CITTADINI Negli ultimi trent anni, la disuguaglianza è aumentata in molti paesi avanzati, ivi compresa l Italia. Peraltro, per i 27 membri dell Unione Europea

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti

Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti Principi fiscali ed economia globalizzata di Giuseppe Vitaletti Abstract - In questo lavoro vengono discussi principi ed obiettivi del sistema fiscale. I principi vengono dapprima inquadrati ed esaminati

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia

Dispensa per le lezioni di microeconomia. Marco Missaglia Dispensa per le lezioni di microeconomia Marco Missaglia 1 Introduzione In questa dispensa si tratteranno alcune questioni legate ai mercati, alla loro efficienza e ai loro fallimenti. Prima di tutto cercheremo

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli