massimizzazione del benessere sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "massimizzazione del benessere sociale"

Transcript

1 POLITICA ECONOMICA A.A Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE ( ) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba essere la configurazione ottimale di un sistema economico, in cui siano presenti più individui eterogenei, con diversi sistemi di preferenze e diverse dotazioni iniziali di fattori, come la capacità lavorativa e il capitale, e di beni. Il suo fine è di definire un OTTIMO SOCIALE a prescindere dalla descrizione del contesto istituzionale (economia decentrata o pianificata). Anche in questo caso viene costruito un modello in cui l aspetto essenziale è il processo di massimizzazione del benessere sociale L economia del benessere si fonda su alcuni presupposti generali che trovano di solito largo consenso, ma che di fatto costituiscono dei GIUDIZI DI VALORE (includono anche valutazioni di tipo etico e non sono quindi ascrivibili al solo concetto di razionalità) 1) Visione filosofica di tipo individualistico: gli individui sono razionali e i migliori giudici di se stessi; 2) Visione non organicistica della società: lo stato esiste, ma non è una fonte autonoma di valori. La sua volontà dipende dalla aggregazione delle volontà degli individui che ne fanno parte. 3) Si accetta il principio di efficienza, in accordo al quale la produzione, lo scambio e la distribuzione dei beni si informano al criterio secondo cui una riallocazione delle risorse che migliori il benessere di un individuo senza arrecare danno agli altri rappresenta un miglioramento del benessere della società (principio di Pareto) Il problema fondamentale è definire un ottimo sociale, che significa massimizzare il benessere della collettività, e per questo abbiamo bisogno di una funzione di benessere sociale. Si devono stabilire i parametri dai quali dipende il benessere sociale: in generale, il benessere sociale è definito in funzione delle utilità individuali. 1

2 SINTESI DEI RISULTATI DELL ECONOMIA DEL BENESSERE Che cosa significa definire una situazione di ottimo sociale? Risposta non univoca; ottimo per chi? Necessario introdurre il concetto di FUNZIONE DEL BENESSERE SOCIALE: W=W(U 1, U 2 ) => la sua forma dipende dalla nozione di equità Misura il benessere degli individui solo sulla base della loro utilità senza nessuna interdipendenza (è assente l idea di un bene dello Stato in sé) La sua definizione è necessaria per stabilire la priorità delle opzioni di politica economica L Utilità degli individui è misurata dalla quantità di beni e servizi di cui gli individui dispongono e di cui possono godere: Ui= Ui(Xi1,Xi2) i=1,2 Non esiste interdipendenza nel benessere dei due individui (punto di vista egoistico) Se esiste tale funzione: date certe dotazioni iniziali di fattori e di beni, date certe tecniche produttive, come dovrebbero essere organizzate la produzione e la distribuzione dei beni tra i vari individui della società al fine di realizzare il massimo benessere sociale? Prima conclusione importante: Pur senza bisogno di caratterizzare il contesto istituzionale è possibile definire alcune condizioni che devono essere rispettate per poter raggiungere il massimo benessere collettivo. Si considerano 2 individui: 1 e 2 2 beni: X 1 e X 2 2 fattori: L e K 2

3 Il problema è quello di massimizzare il benessere sociale tenendo conto dei vincoli costituiti dalle preferenze individuali, dalle tecniche di produzione e dalle dotazioni e diritti sui fattori produttivi: Max W=W(U 1, U 2 ) s.t. U 1 = U 1 (X 11, X 12 ) U 2 = U 2 (X 21, X 22 ) s.t. X 1 = X 1 (K 1, L 1 ) X 2 = X 2 (K 2, L 2 ) vincolo delle preferenze vincolo della tecnologia s.t. K 1 +K 2 = K L 1 +L 2 = L vincolo delle risorse X 11 +X 21 = X 1 X 12,+X 22 = X 2 Per questa massimizzazione è possibile identificare due gruppi di condizioni: A) le condizioni di efficienza paretiana (efficienza) B) le condizioni che riguardano la funzione del benessere sociale (distribuzione) A) le condizioni di efficienza paretiana Nella situazione di ottimo: 1) il saggio marginale di sostituzione tra i beni X 1 e X 2 dell individuo 1 sarà identico al saggio marginale di sostituzione per l individuo 2; efficienza nello scambio 2) i saggi marginali di trasformazione tecnica dei fattori produttivi K e L sono uguali nella produzione di entrambi i beni; efficienza nella produzione 3) per il sistema nel suo complesso, il saggio marginale di trasformazione calcolato sulla frontiera della produzione uguaglia il saggio marginale di sostituzione per i due individui. Efficienza globale nella composizione del prodotto Quando sono soddisfatte queste condizioni siamo in presenza di una situazione Pareto efficiente. 3

4 L insieme delle posizioni Pareto efficienti è infinito e può essere rappresentato graficamente sul piano delle utilità U 1 e U 2 con la grande frontiera delle utilità. Tuttavia, il programmatore onnisciente e paretiano non può scegliere quale Una scelta è possibile solo assumendo l'esistenza di una funzione del benessere sociale (W): W = W (U 1, U 2,..., U n ) che esprime le preferenze della collettività circa la distribuzione L'ottimo degli ottimi è il punto sw (fig.4) B) Le condizioni che riguardano la funzione del benessere sociale Nella situazione di ottimo sociale l utilità marginale sociale prodotta dall incremento di una unità addizionale del bene X1 o X2, messa a disposizione di un individuo deve essere uguale per ogni individuo. Partendo da una data frontiera delle utilità e da una funzione del benessere sociale, questo secondo gruppo di condizioni consente di individuare il punto sulla grande frontiera delle utilità a cui corrisponde il massimo benessere sociale. Importanza della separabilità dei due gruppi di condizioni. Ragioni che giustificano l intervento pubblico: * primo gruppo di condizioni: ragioni di efficienza * secondo gruppo di condizioni: ragioni distributive 4

5 Sulla base di questo impianto analitico sono stati dimostrati i DUE TEOREMI DELLA ECONOMIA DEL BENESSERE Primo teorema dell Economia del benessere Dimostra che le condizioni di efficienza paretiana sono realizzate in una economia decentrata di concorrenza perfetta. IN UN SISTEMA ECONOMICO DI CONCORRENZA PERFETTA, NEL QUALE VI SIA UN INSIEME COMPLETO DI MERCATI, UN EQUILIBRIO CONCORRENZIALE, SE ESISTE, È UN OTTIMO PARETIANO Questa soluzione dipende però dalla distribuzione iniziale delle risorse. Cambiando la distribuzione si ottiene un punto diverso sulla frontiera, Pareto efficiente ma con una distribuzione diversa. Il mercato di concorrenza perfetta permette di realizzare l efficienza paretiana, ma non risolve il problema della distribuzione ottimale del benessere. Una economia di mercato di concorrenza perfetta possiede caratteristiche di ottimalità paretiana già motivazioni di intervento pubblico (es. politiche di liberalizzazione dei mercati, abolizioni di posizioni di rendita e di monopolio legale) Se le condizioni poste per il funzionamento di un sistema concorrenziale si realizzassero sempre, non vi sarebbe evidentemente alcuno spazio, sotto il profilo produttivo, per l esistenza di un settore pubblico. Tutti i beni desiderati dai consumatori sarebbero forniti nelle quantità desiderate e sarebbero prodotti nelle condizioni più efficienti, ciò che permetterebbe di applicare i prezzi più bassi. Nella realtà non sempre tutte le condizioni di efficienza si realizzano. Alcuni mercati non funzionano, o funzionano in modo imperfetto, e dalle carenze e imperfezioni del mercato si apre lo spazio per l esistenza del settore pubblico. (definizione delle istituzioni) La soluzione Pareto efficiente definita dal mercato concorrenziale in ogni caso dipende dalla distribuzione iniziale delle risorse. Dal punto di vista sociale, la concorrenza perfetta permette l efficienza paretiana, ma può non risolvere il problema della distribuzione ottimale del benessere degli individui. 5

6 Secondo teorema dell Economia del benessere SE SONO RISPETTATE ALCUNE CONDIZIONI RELATIVE ALLE FUNZIONI DI UTILITÀ IINDIVIDUALI (INSIEMI DI PREFERENZA CONVESSI *), IN PRESENZA DI MERCATI COMPLETI, MODIFICANDO OPPORTUNAMENTE LE DOTAZIONI INIZIALI DELLE RISORSE, CON PARTICOLARI STRUMENTI DI REDISTRIBUZIONE (IMPOSTE E SUSSUÌIDI NON DISTORSIVI), UNA ECONOMIA CONCORRENZIALE CONSENTE DI REALIZZARE QUALSIASI STATO SOCIALE PARETO EFFICIENTE SULLA GRANDE FRONTIERA DELLE UTILITÀ, E QUINDI ANCHE QUELLO OTTIMO PER LA COLLETTIVITÀ * COMPLETEZZA TRANSITIVITÀ ORDINALITÀ VALIDITÀ NORMATIVA DI UNA ECONOMIA DECENTRATA DI TIPO CONCORRENZIALE. Strumenti non discorsivi (lump sum) non devono violare le tre condizioni di efficienza paretiana e quindi devono essere commisurati a fattori esogeni Valore negativo di questo secondo teorema per la difficoltà di utilizzare strumenti non distorsivi Se, per correggere la distribuzione realizzata dal mercato concorrenziale, il governo non è in grado di usare strumenti neutrali, l intervento correttivo comporterebbe l abbandono della grande frontiera e quindi delle soluzioni di first best. trade-off tra equità ed efficienza. (Okun: la redistribuzione avviene con un secchio con il fondo bucato, causando perdite per la società nel suo complesso) 6

7 LA FUNZIONE DEL BENESSERE SOCIALE La funzione del benessere sociale (FBS) è lo strumento che consente di ordinare in termini di benessere diversi possibili stati sociali (ovvero le diverse configurazioni di produzione, scambio e distribuzione dei beni tra gli individui). Si è anche detto che la sua definizione presuppone un giudizio di valore, e in particolare un diverso concetto di equità. Una funzione del benessere sociale (FBS) esprime il benessere collettivo in funzione del benessere delle persone che compongono la società e quindi definisce un loro ordinamento. Ne esistono diverse, che si ispirano a diversi postulati etici e filosofici. Ad esempio si possono considerare quattro diversi modi di aggregazione: 1. FBS UTILITARISTA (BENTHAM) 2. FBS EGUALITARIA 3. FBS RAWLSIANA 4. FBS INTERMEDIA 1. DEFINIZIONE UTILITARISTA (BENTHAM) Gli individui sono indistinguibili e il BS è la semplice somma del benessere dei singoli individui: W= W (U1 + U2 + + Un) Secondo BENTHAM la società deve massimizzare la somma delle utilità dei suoi membri (a prescinde dai livelli di utilità di due individui, la collettività è disposta a scambiare una unità di uno con una unità dell altro) Uguale peso delle utilità Il benessere della collettività è dato dalla somma di utilità. Questa concezione del benessere mira a massimizzare il benessere complessivo, trascurando completamente il modo in cui esso è distribuito tra gli individui. (figura a) 7

8 U 1 Figura a U 2 La funzione del benessere sociale utilitaristica additiva è neutrale da un punto di vista distributivo. Le curve avrebbero inclinazione diversa se le utilità dei due individui avessero un peso diverso. 2. DEFINIZIONE EGUALITARIA U 1 =U 2 Il benessere sociale raggiungerà il valore massimo solo nel punto in corrispondenza del quale i livelli di reddito e l utilità marginale dei due individui sono uguali. (figura b) (figura b) 8

9 3. DEFINIZIONE RAWLSIANA (o principio del max-min) dà forte peso all eguaglianza e all utilità delle persone più svantaggiate, il cui benessere influenza direttamente il benessere sociale: W = Min (U1, U2, Un) Il benessere aumenta solo se migliora la posizione del soggetto che sta peggio. Fondamento filosofico di una teoria più generale della giustizia sociale, all interno di una teoria del contratto sociale che solo parzialmente può essere considerata compatibile con l impostazione welfaristica. Per Rawls giustizia significa equità Si domanda quali sarebbero i principi che ipotetici individui che intendano costruire una società nella posizione originale sarebbero disposti ad accettare come base del loro vivere civile. necessario ragionare dietro il velo dell ignoranza supponendo inoltre che gli individui abbiano fondamentalmente un atteggiamento di avversione al rischio, argomenta e deduce i seguenti principi: 9

10 Principio della libertà -> ogni persona ha un identico diritto alla massima estensione della sua libertà compatibilmente con l analoga libertà degli altri individui Principio della differenza -> le disuguaglianze sociali devono essere risolte in modo che si realizzi il massimo beneficio per il meno avvantaggiato e si applichino a situazione aperte a tutti gli individui in condizioni di uguali opportunità (fondamento ad un principio distributivo) 4. FBS intermedia nella quale agli individui viene dato eguale peso, ma il contributo del benessere di ognuno è decrescente al crescere del livello di benessere individuale (ad es., è pari alla sua radice quadrata): W = F ( U 1 + U U n ) 10

11 A questo punto ci si chiede data la difficoltà di definire la funzione di benessere sociale se esistono delle condizioni ragionevoli che debbano essere rispettate per la costruzione della curva di benessere sociale? Dal punto di vista normativo si studia il passaggio dalle preferenze individuali a quelle collettive. Da un punto di vista normativo si studiano le relazioni tra processo di voto e formazione delle scelte sociali, ovvero la costruzione della FBS. Domanda: Attraverso i meccanismi di voto è possibile pervenire alla definizione di una funzione che sia in grado di ordinare diverse alternative sociali, rispettando i principi etici di carattere generale in una società di tipo democratico? TEOREMA DELLA IMPOSSIBILITA (ARROW, 1951) Arrow si è chiesto se fosse possibile determinare una procedura per passare da un insieme di preferenze individuali date a un sistema di decisione sociale dovendo, la procedura, soddisfare alcune condizioni irrinunciabili Quali sono queste condizioni? Requisiti del meccanismo di aggregazione in un sistema democratico: 1) LA FUNZIONE DEL BENESSERE SOCIALE DIPENDE ESCLUSIVAMENTE DALLE UTILITÀ DEGLI INDIVIDUI CHE COMPONGONO LA COLLETTIVITÀ Le utilità degli individui devono rispettare alcuni criteri: COMPLETEZZA TRANSITIVITÀ ORDINALITÀ NON MISURABILI E NON CONFRONTABILI 2) LE VARIAZIONI DI BENESSERE SOCIALE SONO VALUTATE SECONDO IL CRITERIO DI PARETO (PRINCIPIO DI PARETO DEBOLE) Se per tutti gli individui A > B anche a livello sociale vale la stessa preferenza. Il benessere della collettività viene accresciuto se aumenta l utilità di un individuo senza che si riduca quella di qualche altro. 11

12 3) INDIPENDENZA DELLE ALTERNATIVE IRRILEVANTI Se si sceglie tra due alternative il risultato non dovrebbe dipendere dalla presenza di una terza alternativa. 4) SCELTA NON DITTATORIALE Gli esiti non devono riflettere semplicemente le preferenze di un singolo individuo 5) DOMINIO NON RISTRETTO - LA REGOLA DI SCELTA COLLETTIVA DEVE ESSERE IN GRADO DI FUNZIONARE PER QUALUNQUE STRUTTURA DELLE PREFERENZE INDIVIDUALI Arrow dimostra che: ATTRAVERSO MECCANISMI DI AGGREGAZIONE DELLE PREFERENZE INDIVIDUALI (MECCANISMI DI VOTO) NON È POSSIBILE DEFINIRE UNA REGOLA DI SCELTA COLLETTIVA CHE PARTENDO DA ORDINAMENTI DI PREFERENZE COMPLETI E TRANSITIVI, SIA IN GRADO DI FORNIRE UN ORDINAMENTO DELLE ALTERNATIVE COMPLETO E TRANSITIVO CHE SODDISFI SIMULTANEAMENTE GLI ALTRI QUATTRO ASSIOMI FONDAMENTALI. Se noi escludiamo la possibilità di comparazioni interpersonali di utilità gli unici metodi per passare dalle preferenze individuali alle scelte sociali che siano accettabili e che siano definiti per un dato insieme di profili di preferenze individuali sono imposti o dittatoriali Il teorema della impossibilità di Arrow rappresenta quindi un ostacolo alla possibilità di definire dei criteri di formazione delle scelte collettive coerenti con i presupposti della teoria normativa dell economia del benessere. 12

13 IN GENERALE SI POSSONO SINTETIZZARE ALCUNI PROBLEMI NELL IMPIANTO DELLA TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE A) Non è utile per affrontare problemi di equità e giustizia: non è possibile confrontare politiche che hanno un impatto differenziato tra individui Il principio di Pareto non è in grado di dirci se il risultato dell azione è preferibile, dal punto di vista sociale, rispetto allo status quo. Criterio di Kaldor- Hicks Fondamentale è la definizione della FUNZIONE DI BENESSERE SOCIALE. => esplicitazione dei criteri equitativi utilizzati per confrontare situazioni o politiche diverse B) La funzione del benessere sociale è costruita aggregando in qualche maniera le preferenze dei componenti la collettività. Il problema è che le preferenze si possono aggregare in molteplici modi. C) Non è possibile trovare un meccanismo d aggregazione che sia in grado di rispettare contemporaneamente quelli che sono identificati come assiomi fondamentali per l economia del benessere. La teoria economica ha infatti dimostrato che se si vuole restare rigorosamente fedeli ai presupposti descritti (razionalità, individualismo...) e al principio di efficienza paretiana, è impossibile arrivare a definire una regola di decisione collettiva e cioè una regola di scelta tra diversi stati sociali che conduca al massimo benessere della società (teorema dell impossibilità di Arrow) D) Lo spostamento da a a sw (fig. 4) richiede la redistribuzione delle risorse nella collettività con strumenti non distorsivi; l uso di strumenti distorsivi impedisce il passaggio da un ottimo all altro. Trade-off equitàefficienza 13

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale

Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Corso di Politica Economica Teorie del benessere sociale Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzioni di benessere sociale che cosa intendiamo per bene comune? come è possibile confrontare

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) La funzione del benessere sociale Alberto Zanardi

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4]

Economia e politica di gestione del territorio. [1:cap.4] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.5: Efficienza ed Equità [1:cap.4] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Politica economica: Lezione 5

Politica economica: Lezione 5 Politica economica: Lezione 5 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Efficienza nella produzione Criterio

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Proprietà contratti e potere

Proprietà contratti e potere Proprietà contratti e potere Le istituzioni formali e informali Definiscono le regole dello scambio Possono risolvere i problemi di free riding Hanno effetti redistributivi 1) Definiscono e difendono i

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teorie del Benessere Sociale David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. TEORIA DEL CONSUMO prima parte (Varian, capp. 1-7) 1. Antonio compra

Dettagli

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali

Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Corso di Politica Economica Teorie delle scelte sociali Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Ottimo sociale Scelta di uno specifico punto Pareto ottimo sulla frontiera delle possibilità

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi

Scelta sociale. Definizione del problema. Il teorema di impossibilità di Arrow. Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Scelta sociale Definizione del problema Il teorema di impossibilità di Arrow Interpretazione e superamento attraverso l indebolimento degli assiomi Definizione del problema Il problema della scelta di

Dettagli

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzione di Benessere Sociale Problema della scelta di un punto socialmente ottimale lungo la frontiera

Dettagli

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA Enza Caruso Lezione n. 9-0 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Esame di scienza delle finanze. Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale.

Esame di scienza delle finanze. Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale. Esame di scienza delle finanze Corso di laurea in Economia Aziendale prof. Peragine 21-12-2011 Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale. 1. (3 punti) Le disponibilità a pagare per

Dettagli

Lezione 13 Il mercato e il prezzo

Lezione 13 Il mercato e il prezzo Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 13 Il mercato e il prezzo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Ricapitoliamo Nelle lezioni precedenti ci siamo occupati dei problemi di scelta

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 2: Equilibrio economico generale (part 2) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Corso di scienza delle finanze

Corso di scienza delle finanze Il Mulino, Bologna, Quinta edizione 2010 -------------------------------------------------------------------- Corso di scienza delle finanze Paolo BOSI Capitolo I. Le ragioni dell'intervento pubblico (P.

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 11: Potere di Mercato David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA SURPLUS del CONSUMATORE E utile poter disporre di una misura monetaria

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli