Si veda il contributo pionieristico di Solow (1956).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si veda il contributo pionieristico di Solow (1956)."

Transcript

1 Introduzione di Alberto Brugnoli Tornare alla crescita. Questo è il monito lanciato dal governatore della Banca d Italia nelle sue prime Considerazioni finali e poi ribadito con decisione in quelle successive 1. Tornare alla crescita. Questo è l imperativo più volte evocato nel corso degli ultimi anni da economisti, personalità del panorama scientifico, culturale e sociale, politici di diversi schieramenti. Tornare alla crescita. Non perché la crescita sia automaticamente la panacea di ogni male o perché si confidi in meccanici circoli virtuosi centrati su di essa. Tornare alla crescita perché non saranno altrimenti possibili per gli Italiani ulteriori miglioramenti del welfare compatibili con il riequilibrio dei conti pubblici. E perché l Italia, in quanto economia dotata di un rilevante patrimonio di risorse, soprattutto umane, ha un insostituibile responsabilità anche nei confronti dell Europa allargata che si va costituendo. La teoria economica fin dagli anni 50 2 sottolinea come la possibilità di crescita di lungo periodo non sia garantita dalla semplice accumulazione di fattori di produzione. Ciò che nel lungo periodo consente una crescita sostenuta è l aumento della produttività, cioè la capacità di usare in modo sempre più efficiente le risorse a disposizione 3. E, in un mondo caratterizzato da una sempre maggiore concorrenza internazionale, anche la competitività internazionale dipende ultimamente dalla produttività. Un rapido sguardo ai dati consente di cogliere come proprio la produttività sia il fattore cruciale sul quale il sistema Italia deve indirizzare i propri sforzi, se realmente intende tornare a crescere e continuare a competere a livello internazionale. La Tab. 1, elaborata sui 1 Banca d Italia (2006, 2007, 2008). 2 Si veda il contributo pionieristico di Solow (1956). 3 Si definisce produttività il rapporto tra il volume dell output ottenuto dal processo produttivo e il volume dei fattori impiegati. Più precisamente, si può distinguere tra produttività totale, misurata rapportando l output prodotto al complesso degli input impiegati, e produttività parziale, determinata dal rapporto tra quantità di output e ogni singolo fattore utilizzato.

2 XIV INTRODUZIONE Tabella 1 Tasso di crescita della produttività totale dei fattori, media annua (%) Paese Australia 1,7 0,8 Austria 1,0 0,6 Belgio 0,8 1,7 Canada 1,0 0,5 Danimarca 0,2 0,6 Finlandia 2,1 1,6 Francia 1,2 1,0 Germania 1,1 0,9 Giappone 0,9 1,8 Grecia.... Irlanda 4,5 2,4 Italia 0,2 0,5 Nuova Zelanda 0,9 0,3 Olanda 0,4 0,6 Portogallo 1,5 0,2 Regno Unito 1,3 1,4 Spagna 0,1 0,2 Svezia 1,6 1,7 Svizzera 0,5 0,2 Stati Uniti (USA) 1,5 1,7 Fonte: OECD Factbook (2008) dati forniti nel Factbook 2008 dell Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) 4, consente una visione sintetica del fenomeno. Nel periodo l Italia ha registrato una diminuzione media annua della produttività totale dei fattori (tfp) pari allo 0,2%, costituendo con la Spagna caratterizzata anch essa da una cre- 4 Australia, Austria, Belgio, Canada, Corea del Sud, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria, Stati Uniti (USA).

3 INTRODUZIONE XV scita negativa un eccezione tra i Paesi OCSE. In Irlanda, nello stesso periodo, la tfp è aumentata a un tasso medio annuo del 4,5%, in Finlandia del 2,1%, negli Stati Uniti dell 1,5% e nel Regno Unito dell 1,3%. E per l Italia i dati relativi al periodo sono ancora più preoccupanti ( 0,5%, la peggiore performance tra i Paesi OCSE). L esame dell andamento della produttività può considerare differenti aspetti. Un recente contributo di Daveri 5, per esempio, osserva come esso possa celare dinamiche settoriali assai differenziate. L autore suddivide l andamento aggregato della produttività del lavoro in Italia nel 2006 in due componenti: la variazione di produttività riferita ai settori industriali (+1,9%) e quella riferita ai settori dei servizi privati ( 0,2%). Si può quindi osservare che nel 2006 il contenuto tasso di crescita della produttività è stato in gran parte motivato dalla sua stagnazione nel settore dei servizi (in particolare assicurazioni, intermediazione finanziaria e settore dell attività immobiliare). L analisi svolta da Daveri può essere completata riferendosi ai dati Tabella 2 Tasso di crescita settoriale produttività del lavoro in Italia, media annua (%) Settore Agricoltura, silvicoltura e pesca 4,9 6,8 2,4 2,3 Industria in senso stretto 2,1 3,4 0,4 0,9 Costruzioni 0,3 0,5 0,1 0,5 Commercio, riparazioni, alberghi e ristoranti, trasporti e comunicazioni 1,4 1,5 1,2 2,3 Intermediazione monetaria e finanziaria; attività immobiliari ed imprenditoriali 2,7 3,5 1,7 2,6 Altre attività di servizi 0,1 0,4 0,8 0,3 Totale 1,4 2,2 0,4 0,5 Fonte: Istat (2007) 5 Daveri (2007).

4 XVI INTRODUZIONE di più lungo periodo presentati nella Tab Essi confermano che la variazione della produttività totale del lavoro è il frutto di dinamiche settoriali alquanto differenziate, tra le quali la performance peggiore in media in Italia negli ultimi 25 anni viene registrata per il settore dei servizi, in particolar modo proprio nei comparti dell intermediazione monetaria e finanziaria e dell attività immobiliare. In una diversa prospettiva di analisi può essere utile considerare l andamento delle componenti della produttività del lavoro: il capitale per ora lavorata e la tfp 7. La Tab. 3 mostra la sostanziale equivalenza di peso delle due componenti negli ultimi 25 anni ( ) e la loro variazione nel tempo. A questo riguardo, si può notare nell ultimo periodo ( ), anche a integrazione di quanto riportato in Tab. 1, un ritorno alla crescita, seppur modesta, della componente tfp, dopo alcuni anni di variazione percentuale negativa, a fronte di una tendenzialmente continua diminuzione della crescita percentuale annua del capitale per unità di lavoro. Tabella 3 Tasso di crescita delle componenti della produttività del lavoro in Italia, media annua (%) Crescita della produttività del lavoro 1,5 2,2 0,4 0,8 0,5 Capitale per ora lavorata 0,7 1,0 0,4 0,5 0,2 Produttività totale dei fattori 0,8 1,2 0,0 1,3 0,3 Fonte: Istat (2007) 6 Va infatti considerato che le variazioni di produttività totale nel breve periodo non possono essere interpretate come variazioni dovute solo al progresso tecnico, in quanto catturano anche quella parte di contributo alla crescita generato da una maggiore o minore intensità di utilizzo dei fattori. Le misure dei volumi di input infatti non incorporano le variazioni dell intensità di utilizzo. Ne segue che durante fasi di espansione la produttività totale è sovrastimata, mentre quella dei singoli fattori è sottostimata (maggiore intensità di utilizzo). Viceversa, durante le fasi di recessione (minor intensità di utilizzo), la produttività totale è sottostimata mentre quella degli input è sovrastimata. 7 Per un approfondimento sul ruolo delle due componenti nel recente passato italiano, si veda il contributo di Saltari e Travaglini (2006).

5 INTRODUZIONE XVII Numerosi sono i contributi che tentano di indagare le cause della deludente performance della produttività in Italia 8. Non interessa in questa sede procedere a una loro rivisitazione puntuale, ma solo segnalare, se ancora occorresse, quanto anche la sempre più vivace letteratura in materia confermi la crucialità della questione per il futuro italiano. La rilevanza del tema motiva il presente lavoro, realizzato allo scopo di analizzare dettagliatamente due decisive leve per la crescita della produttività: l integrazione economica e le liberalizzazioni nel settore dei servizi. Benché altre variabili siano altrettanto importanti, siamo certi che un approfondimento delle due da noi privilegiate, ancora poco investigate, possa portare un significativo contributo a quella che potrebbe essere definita la sfida italiana per la produttività. L integrazione economica è un fenomeno complesso, parte di quell inarrestabile processo conosciuto come globalizzazione. In questa sede, la identificheremo principalmente con l incremento di flussi di commercio e di investimenti diretti esteri (IDE) che ha interessato la scena mondiale negli ultimi decenni. La Tab. 4, tratta dalla pubblicazione dell OCSE sopra citata, evidenzia come la quota del commercio estero in percentuale del prodotto interno lordo (PIL) 9 sia aumentata progressivamente a partire dagli anni 70 nella quasi totalità dei Paesi OCSE. La media OCSE di questo indice di apertura è passata dal 12,7% nel 1970 al 26,3% nel L Italia registra un aumento dell indice dal 15,7% del 1970 al 28,2% del 2006, ponendosi in una posizione intermedia tra alcune grandi economie dell area OCSE, caratterizzate da un tasso di apertura fisiologicamente più basso (soprattutto Stati Uniti e Giappone), e le piccole economie aperte (Lussemburgo, Repubblica Slovacca, Belgio, Ungheria, Irlanda, Repubblica Ceca, Olanda, Austria, Danimarca), caratterizzate da tassi di apertura superiori al 50%. Ampio è senz altro lo spazio ancora possibile di incremento del peso dei flussi commerciali sul PIL nel caso dell Italia, soprattutto se rapportato a due importanti attori, quali Canada (35%) 8 Tra i più recenti, si veda lo studio di Foresti et al. (2006), che individua tra i principali fattori l inefficienza dei servizi alle imprese, l eccessiva burocrazia, la ridotta percentuale di investimenti in R&S e il basso utilizzo di tecnologie ICT da parte delle imprese, e i contributi di Nicoletti e Scarpetta (2003 e 2005), che offrono invece dettagliate analisi comparative dell impatto di liberalizzazioni e privatizzazioni sulla produttività totale. 9 L indice riportato è calcolato come media delle importazioni e delle esportazioni di beni e servizi, a prezzi correnti, in percentuale del PIL.

6 XVIII INTRODUZIONE Tabella 4 Quota del commercio estero in % del PIL (beni e servizi) Paese Australia 13,0 16,1 16,3 22,5 22,3 Austria 29,0 35,1 37,3 44,7 53,3 Belgio 49,5 58,1 68,5 83,2 86,1 Canada 21,0 27,2 25,7 42,7 35,0 Corea del Sud 18,7 36,0 28,5 39,2 42,7 Danimarca 29,9 34,0 34,9 43,6 50,5 Finlandia 25,0 31,8 23,2 38,4 41,9 Francia 15,5 22,0 22,0 28,1 27,6 Germania 17,2 22,7 24,8 33,2 42,3 Giappone 10,2 14,2 10,0 10,3 15,5 Grecia 11,7 22,6 20,3 27,2 28,2 Islanda 44,1 35,5 33,0 37,5 41,5 Irlanda 38,4 52,8 54,2 91,6 74,6 Italia 15,7 22,4 19,1 26,6 28,2 Lussemburgo 81,3 87,4 94,9 139,5 151,3 Messico 9,6 14,2 19,2 32,0 32,6 Norvegia 36,8 40,0 37,2 38,0 37,5 Nuova Zelanda 23,0 29,9 26,7 34,7 30,0 Olanda 46,8 54,1 54,6 67,3 69,5 Polonia ,9 30,3 40,8 Portogallo 22,9 28,8 34,5 35,2 35,0 Regno Unito 21,9 26,0 25,3 29,1 30,2 Repubblica Ceca ,5 64,9 74,2 Repubblica Slovacca ,5 71,5 88,0 Spagna 12,9 15,8 17,8 30,6 29,1 Svezia 24,0 30,3 29,7 43,0 47,3 Svizzera 31,5 36,1 35,1 42,8 48,7 Turchia 5,1 8,6 15,4 27,8 32,0 Ungheria ,9 77,5 Stati Uniti (USA) 5,6 10,4 10,3 13,2 14,1 Media UE15 20,1 26,6 26,5 35,4 38,3 Media OCSE12 12,7 19,4 18,3 22,3 26,3 Fonte: OECD Factbook (2008) e Germania (42,3%), o a tutte le economie scandinave. Significativo potrebbe essere, di conseguenza, l incremento di produttività favorito attraverso tale via.

7 INTRODUZIONE XIX La Tab. 5 permette di cogliere invece l evoluzione degli stock di IDE in entrata in percentuale del PIL. Come la tabella evidenzia, gli anni 90 sono stati caratterizzati da un progressivo aumento dell importanza di tali investimenti nella totalità dei Paesi considerati. In Italia l indice è passato dal 5,3% del 1990 al 15,9% del Un buon risultato, che tuttavia è ridimensionato da quelli ottenuti dagli altri Paesi riportati in tabella. Ampio è quindi, anche in questo caso, lo spazio per una maggiore integrazione economica e un possibile aumento di produttività 10. Tabella 5 Quota degli stock di IDE in entrata in % del PIL Unione Europea 10,5 26,0 38,0 Francia 7,0 19,6 35,0 Germania 6,5 14,3 17,4 Irlanda 79,4 131,9 81,2 Italia 5,3 11,0 15,9 Regno Unito 20,6 30,4 47,8 Spagna 12,5 26,9 36,2 Canada 19,7 29,8 30,4 Stati Uniti (USA) 6,8 12,8 13,5 Fonte: Unctad, WIR (2007) Un ulteriore direttrice di policy è rappresentata dalle liberalizzazioni, invocate a lungo e da più parti quale possibile stimolo forte all economia e in parte attuate negli ultimi anni, principalmente attraverso i due pacchetti Bersani (Legge 248/2006, Legge 40/2007). In questo campo è ancora l OCSE che fornisce un analisi dettagliata del processo di liberalizzazione percorso nei Paesi membri in sette settori chiave dei servizi: trasporto aereo, ferroviario e su gomma, telecomunicazioni, fornitura di servizi energetici come elettricità e gas, servizi postali. La costruzione 10 A questo proposito, vale forse la pena menzionare che, per quanto riguarda gli IDE, il World Investment Report 2007 dell UNCTAD attribuisce un 112 posto all Italia in termini di Inward FDI performance nel 2005, ma le riconosce un 29 posto in termini di Inward FDI potential. Per un analisi puntuale delle partecipazioni italiane all estero ed estere in Italia, si veda Mariotti e Mutinelli (2007).

8 XX INTRODUZIONE degli indici OCSE, che verrà spiegata più in dettaglio nel terzo capitolo, consente di giungere anche a un indicatore sintetico di liberalizzazione, che assume valori da 0 (massima liberalizzazione) a 6 (massima regolamentazione). La Tab. 6 riporta i valori proposti dall OCSE per diversi Paesi per il primo e l ultimo anno disponibili (1975 e 2003). Il percorso compiuto dall Italia appare virtuoso, con una riduzione dell indice da 5,8 (il più alto dopo Francia e Portogallo nel 1975) a 2,6 (migliore dei valori registrati da Svizzera, Francia, Irlanda e Grecia). La strada delle libe- Tabella 6 Processi di liberalizzazione in alcuni servizi (numeri indice da 0 a 6. 0: massima liberalizzazione) Paese Regno Unito 4,8 1,0 Stati Uniti 3,7 1,4 Australia 4,0 1,5 Danimarca 5,5 1,6 Olanda 5,6 1,6 Germania 5,2 1,7 Canada 4,3 1,9 Svezia 4,5 1,9 Spagna 5,1 2,0 Belgio 5,5 2,1 Nuova Zelanda 4,9 2,1 Giappone 5,1 2,2 Norvegia 5,5 2,3 Austria 5,2 2,4 Finlandia 5,5 2,4 Italia 5,8 2,6 Portogallo 5,9 2,6 Svizzera 4,1 2,8 Francia 6,0 3,0 Irlanda 5,7 3,2 Grecia 5,7 4,1 Fonte: OCSE (2006)

9 INTRODUZIONE XXI ralizzazioni è tuttavia ancora lunga, come emerge dal confronto con Paesi come il Regno Unito, gli Stati Uniti o l Australia. Tali indicazioni sono state peraltro recentemente confermate da un ulteriore studio sulle liberalizzazioni dei servizi a cura dell Istituto Bruno Leoni (IBL), che ripropone un esperimento già effettuato con successo nel 2007 (IBL, 2008). La metodologia adottata dall IBL consiste nel determinare la posizione relativa dell Italia nei diversi settori (elettricità, gas, telecomunicazioni, ecc.) rispetto a un benchmark europeo. Il risultato medio ottenuto nel 2007 era uno stato di liberalizzazione in Italia pari al 52% rispetto ai benchmark considerati (essenzialmente Regno Unito, Svezia e Irlanda); nel 2008 si registra un ancor più sconfortante 47% 11. Il contesto italiano è quindi senz altro passibile di ampi margini di sviluppo nella direzione verso cui convergono tutti i sistemi moderni: liberalizzare l economia, aprendo settori e mercati a nuovi concorrenti. Il presente lavoro si compone quindi di due parti. Inizialmente viene affrontato il tema della relazione tra integrazione economica e produttività. Il primo capitolo presenta una rassegna della letteratura teorica ed empirica in materia, con particolare riferimento ai principali canali legati al commercio e agli IDE attraverso i quali l integrazione economica può favorire la crescita della produttività. Il secondo capitolo propone una verifica econometrica dell impatto dell integrazione economica sulla produttività. Gli autori testano l impatto sulla produttività della penetrazione delle importazioni usando un campione di circa imprese manifatturiere italiane per il periodo Nello spirito del lavoro di Amiti e Konings (2005), essi considerano l impatto sulla produttività sia della penetrazione delle importazioni nella stessa industria dell impresa considerata, sia di quella nelle industrie a monte. La seconda parte del volume è invece dedicata alla relazione tra 11 In realtà il peggioramento effettivo dal 2007 al 2008 è di un solo punto percentuale. Infatti, nell indice 2008 sono stati inclusi nuovi settori (servizi idrici, trasporto pubblico locale, fisco e pubblica amministrazione), poi ricalcolati anche per il 2007: con l aggiunta di questi, il valore dell indice del 2007 sarebbe 48%. A livello metodologico, invece, corre l obbligo di osservare come la scelta di un benchmark europeo, per quanto comprensibilmente motivata dalla sempre crescente rilevanza della dimensione comunitaria nella disciplina dei servizi, potrebbe rischiare di risultare fuorviante, se il Paese più avanzato in Europa accusasse un ritardo sensibile nei confronti del benchmark mondiale. Questa considerazione non toglie comunque certo rilevanza al lavoro dell IBL, che fornisce un quadro assai più dettagliato dello stato dell arte rispetto a quello fornito dall OCSE, i cui dati permettono però una valutazione dell evoluzione del processo di liberalizzazione nel corso degli anni che la natura dello studio IBL, relativo ai soli , non consente.

10 XXII INTRODUZIONE liberalizzazioni nel settore dei servizi e produttività. Il terzo capitolo presenta l impatto delle politiche di liberalizzazione, intraprese nel periodo in sette settori dei servizi, sulla produttività dei fattori e sui processi di crescita economica in alcuni Paesi che aderiscono all OCSE. A tal fine, sono stati utilizzati alcuni indicatori numerici strutturali, elaborati dai ricercatori dell OCSE, che descrivono il grado di liberalizzazione conseguito in ciascuno Stato membro per settore economico e annualità. Il quarto capitolo propone una rassegna della recente letteratura riguardante l impatto della liberalizzazione sulla produttività, per poi passare dapprima a un analisi di correlazione tra indici di liberalizzazione descritti nel capitolo terzo e proxy della produttività e, in seguito, a una verifica econometrica, sul campione di Paesi OCSE considerato, dell impatto della liberalizzazione nel settore dei servizi sulla produttività del lavoro. Il capitolo quinto presenta una verifica dell impatto della liberalizzazione dei servizi sulla produttività di un campione di circa imprese manifatturiere italiane nel periodo e un indagine volta a quantificare i possibili effetti di alcune operazioni strategiche di liberalizzazione nel settore dei servizi dell economia italiana. Tale indagine permette di evidenziare priorità concrete di policy e di indicarne possibili effetti sulla produttività aggregata nel settore manifatturiero. Nel capitolo conclusivo, infine, viene fornita una serie di spunti di policy di potenziale interesse per l agenda di governo. Nota di edizione. Al fine di permettere la lettura del testo anche dal pubblico non specializzato, le parti più tecniche sono state inserite in appositi box.

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI -

STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI - STATI UNITI IL SISTEMA SANITARIO PIU GRANDE DEL MONDO - LE DIMENSIONI - 1 Eleonora Corsalini Milano, 23 Novembre 2009 CONTENUTI Comparazione Paesi OCSE Comparazione Paesi G7 Focus sul Sistema Sanitario

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005

Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 Tassi di attività femminili nei paesi OCSE, 2006 Oecd, Employment Outlook, 2005 1.Islanda 83,5 2.Svezia 76,6 3.Norvegia 75,4 4.Danimarca 75,1 5.Svizzera 74,3 6.Canada 73,1 7.Finlandia 72,9 8.Nuova Zel.

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE VOLUNTARY DISCLOSURE I CAMBIAMENTI, NEL CONTESTO MONDIALE, IN MATERIA DI SCAMBIO DI INFORMAZIONI HOTEL AC FIRENZE 11 FEBBRAIO 2014 AVV. SALVATORE PARATORE OBIETTIVO DELL INTERVENTO ILLUSTRARE IN VENTI

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2 Mercato libero dell energia elettrica e del gas: evoluzione dalla liberalizzazione, passaggi dal servizio di Maggior Tutela e confronto con altri Paesi europei. Indice: Indice; p. 1 Introduzione; p. 2

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Centro Studi Il nodo della qualità

Centro Studi Il nodo della qualità Centro Studi Il nodo della qualità Ignazio Visco Banca d Italia Il nodo della qualità Quantità di capitale umano: convergenza? Paradosso italiano: rendimenti bassi e HK basso Perché: insufficiente qualità

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010

Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 Prodotti assicurativi innovativi a supporto del risk management Roma, 24 Novembre 2010 2010 Genworth Financial, Inc. All rights reserved. 0 Genworth Financial Gruppo Assicurativo indipendente e globale

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

Onere fiscale elevato in Svizzera

Onere fiscale elevato in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 4: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Onere fiscale elevato in Svizzera Nel confronto internazionale, la Svizzera viene regolarmente considerata un paradiso fiscale. Le cifre dell

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE

IX. APPROFONDIMENTI DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA 2008-2011 EQUITÀ SOCIALE IX. APPROFONDIMENTI IX.1 EQUITÀ SOCIALE L equità sociale continua ad essere un obiettivo prioritario della strategia politica del Governo. Le trasformazioni di carattere economico e sociale che hanno interessato

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche?

Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Efficacia ed equità dei sistemi scolastici in base ai dati di PISA Quali politiche scolastiche? Maria Teresa Siniscalco National Project Manager PISA 2003 Roma, 17 aprile 2007 1. La fotografia che PISA

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013 Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale Dicembre 2013 Sommario Premessa e sintesi dei risultati Il lavoro svolto Risultati aziende italiane Risultati aziende europee 2 Premessa L obiettivo

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTITUTO NAZIONALE PER IL COMMERCIO ESTERO Annuario 2007-1) Merci, servizi, investimenti diretti L Annuario Commercio estero e attività internazionali

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Le tariffe per l abbonamento ADSL in Europa: analisi su prezzi e velocità proposti dai principali Provider europei INDICE p. 1 1. Le tariffe ADSL in Europa e in

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III.1 Crescita: produttività e competitività I problemi dell Italia hanno radici profonde, che superano la congiuntura sfavorevole degli ultimi anni. Il processo di

Dettagli

La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado

La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado La prova nazionale all interno dell esame esame di stato della scuola secondaria di primo grado Roma, 18 marzo 2008 Le competenze degli studenti: Il ruolo della valutazione esterna di Piero Cipollone Incontro

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO)

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) I Forum di Cronache di Gusto Taormina, 20 ottobre 2014 IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento Lo scenario:

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

Ulisse per le vendite all estero

Ulisse per le vendite all estero 1Sistema Informativo Ulisse per le vendite all estero Gennaio 2014 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO 2Sistema Informativo, In un contesto di forti cambiamenti dell ambiente

Dettagli

CORSO DI MACROECONOMIA

CORSO DI MACROECONOMIA CORSO DI MACROECONOMIA Prof. Giuseppe Travaglini Dott.ssa Elisa Lenti Anno accademico 2014-20152015 TEMI DI RIFLESSIONE MACROECONOMICA L Offerta: Il Pil, la Spesa Aggregata, la struttura produttiva delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 Premessa - Nel corso

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Gli andamenti della spesa sanitaria: l Italia in una sintetica comparazione internazionale su dati OCSE. F. Pammolli e N. C.

Gli andamenti della spesa sanitaria: l Italia in una sintetica comparazione internazionale su dati OCSE. F. Pammolli e N. C. Gli andamenti della spesa sanitaria: l Italia in una sintetica comparazione internazionale su dati OCSE F. Pammolli e N. C. Salerno 1/04 Gennaio 2004 INDICE Introduzione 1. Le caratteristiche generali

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Doing Better for Children. Fare meglio per l infanzia. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Doing Better for Children. Fare meglio per l infanzia. Summary in Italian. Sintesi in italiano Doing Better for Children Summary in Italian Fare meglio per l infanzia Sintesi in italiano Attingendo a un ampia gamma di fonti informative, la presente pubblicazione definisce e analizza diversi indicatori

Dettagli