TUMORE POLMONARE MESOTELIOMA PLEURICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUMORE POLMONARE MESOTELIOMA PLEURICO"

Transcript

1 TUMORE POLMONARE MESOTELIOMA PLEURICO

2 TUMORE POLMONARE MESOTELIOMA PLEURICO Prof. Paolo Bidoli S.C. Oncologia Medica H. San Gerardo Monza

3 TUMORE POLMONARE Prof. Paolo Bidoli S.C. Oncologia Medica H. San Gerardo Monza

4 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

5 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

6 NSCLC EPIDEMIOLOGIA Stimati 221,000 nuovi casi ( M:F 115,000 : 106,000) e 156,900 (M:F 85,600 : 71,300) morti 1 Incidenza 70/ in Italia e USA Incidenza in forte crescita nei paesi asiatici e in quelli in via di sviluppo Rapporto M/F varia per area geografica (M:F = 1:1 in USA; 4:1 in UE) 1 Siegel R, Ward E, Brawley O, Jemal A. Cancer statistics, 2011: The impact of eliminating socioeconomic and racias disparities on premature cancer deaths. CA Cancer J Clin 2011; 61:

7 NSCLC EPIDEMIOLOGIA Europa e Italia Prima causa di morte per npl in, terza in. Riduzione incidenza e mortalità in da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in USA Prima causa di morte per npl sia in che in Riduzione incidenza e mortalità in da fine anni 80 Continuo aumento incidenza e mortalità in

8 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

9 EZIOLOGIA % % 4,5% 4% 2,5% 0 Fumo di tabacco Radon Amianto Fumo passivo Inquinamento atmosferico

10 EZIOLOGIA Il fumo di tabacco costituisce il principale fattore di rischio. È responsabile dell 85% delle morti per npl polmonare. Il fumo di sigaretta contiene oltre 300 sostanze chimiche inalate, 40 delle quali sono note come potenti cancerogeni

11 EZIOLOGIA L incidenza del tumore del polmone rispecchia le diverse abitudini di fumo di sigaretta N di sigarette/die fumate FUMATORE Durata in anni Contenuto di catrame

12 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

13 ISTOPATOLOGIA NSCLC CA EPIDERMOIDE ADENOCARCINOMA CA A GRANDI CELLULE Small-cell carcinoma Squamous cell carcinoma SCLC Adenocarcinoma 15% Large-cell carcinoma

14 ISTOPATOLOGIA NSCLC CARCINOMA A GRANDI CELLULE ADENOCARCINOMA CARCINOMA SQUAMOCELLULARE

15 ISTOPATOLOGIA Tumore primario Diffusione intratoracica Metastasi Sindromi paraneopl Squamoso Grandi cell. Adenoca +++ (centrale o parailare) ++ (centrale) + (periferico)

16 L Immunoistochimica può essere di aiuto nella definizione dell istotipo Histotype p63 CK7 TTF-1 HMWCKs Squamous cell Carcinoma Adenocarcinoma SCLC LCNEC Rossi G, Pelosi G et al; Int J Surg Pathol 2009

17 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

18 CARATTERISTICHE TOPOGRAFICHE TUMORI CENTRALI ( 70-80%) Squamocellulare 30% Microcitoma 18% TUMORI PERIFERICI ( 20-30%) Adenocarcinoma 31% Adenosquamoso 2% TUMORI MULTIFOCALI (1,5-2,5 %) Bronchiolo-alveolare 2-10%

19 Carcinoma Broncogeno / Anaplastico a grandi cellule

20 Adenocarcinoma Prevalente sviluppo periferico Precoce metastatizzazione (solo il 20% è limitato al torace) Possibili micrometastasi linfonodi

21 Adenocarcinoma: bronchiolo-alveolare Forma multicentrica con interessamento bilaterale diffuso (36%) Nodulo polmonare solitario (41%) Consolidamento parenchimale localizzato (22%)

22 Carcinoma squamocellulare Prevalente sviluppo centrale Sviluppo endoluminale con stenosi bronchiale: atelettasia Possibile necrosi centrale con formazione di cancro ascesso Velocità di accrescimento relativamente bassa rispetto gli altri istotipi: evidenza clinica quando è di notevoli dimensioni

23 Carcinoma Epidermoide o Squamocellulare Cavitazione di carcinoma epidermoide

24 ANAMNESI Clinica: Sintomi e segni di esordio ESAME OBIETTIVO Dolore osseo 25% Espettorazione Raucedine Disfagia 2% Tosse 75% Emottisi 29-35% Dolore alla spalla Dolore al torace Dispnea Anoressia 45-49% 58-60% Astenia 10% Calo ponderale 68% S. di Horner Febbre 15-20% S. della vena cava superiore 4% Ronchi Sibili e stridore 2% Consolidamento lobare Versamento pleurico Paralisi diaframmatica Versamento pericardico Ippocratismo digitale 20% Stadio clinico Sindromi paraneoplastiche

25 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

26 DIAGNOSI DI NPL POLMONE: TECNICHE DI IMAGING Rx Torace TC Torace Identifica le neoplasie polmonari da 4 a 6 volte più frequentemente dell Rx

27 DIAGNOSI DI NPL POLMONE Broncoscopia Sn + Sp: 80% in toto

28 Utilizzo diagnostico della FBS

29 SOSPETTO DIAGNOSTICO DI CARCINOMA POLMONARE Rx torace e TAC LESIONE PERIFERICA LESIONE CENTRALE OPZIONI DIAGNOSTICHE Biopsia transparietale Fibrobroncoscopia con biopsia transbronchiale e BAL Videotoracoscopia Toracotomia OPZIONI DIAGNOSTICHE Citologia dell escreato Fibrobroncoscopia con biopsia bronchiale e BAL Biopsia transparietale TC guidato Mediastinoscopia e/o PET Toracotomia

30 PET nel Carcinoma Polmonare Indicazioni appropriate Diagnosi differenziale con noduli polmonari solitari di dimensioni > 1 cm Stadiazione del parametro N e stadiazione del parametro M (eccetto encefalo) in casi di carcinoma polmonare giudicato potenzialmente operabile con le metodiche diagnostiche tradizionali Ristadiazione di carcinoma polmonare già trattato e considerato potenzialmente operabile con le metodiche diagnostiche tradizionali Sospetta recidiva neoplastica non confermata con le metodiche diagnostiche tradizionali

31 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

32 TNM T1: Tumore 3 cm,circondato da polmone o pleura viscerale primitivo non più prossimale del bronco lobare T1a: Tumore 2 cm T1b: Tumore > 2 ma 3 cm

33 TNM T2: Tumore > 3 ma 7 cm oppure un tumore^ che invade la pleura viscerale o il bronco principale 2cm dalla carena, atelettasia o polmonite ostruttiva che si estende fino all ilo ma senza coinvolgere l intero polmone T2a: Tumore > 3 ma 5 cm T2b: Tumore >5 ma 7 cm

34 TNM T3: Tumore > 7 cm Tumore che invade direttamente parete toracica, diaframma, n. frenico, pleura mediastinica o pericardio parietale Tumore nel bronco principale < 2 cm dalla carena o atelettasia /polmonite ostruttiva dell intero polmone Noduli tumorali separati nello stesso lobo

35 TNM T4: Tumore di ogni dimensione che invade il cuore, grossi vasi, trachea, nervo ricorrente laringeo, esofago, corpo vertebrale o carena. Noduli tumorali separati in un differente lobo ipsilaterale

36 TNM Stadiazione: fattore N (linfonodi) NX I linfonodi regionali non possono essere definiti N0 Non presenza di metastasi nei linfonodi regionali

37 TNM N0: Assenza di metastasi ai linfonodi (LFN) regionali N1: Metastasi ai LFN peribronchiali ipsilaterali e/o perilari e intrapolmonari compreso il coinvolgimento per diretta estensione

38 TNM N2: Metastasi ai LFN mediastinici ipsilaterali e/o sottocarenali

39 TNM N3: Metastasi ai LFN ilari o mediastinici controlaterali, ai LFN scaleni ipsi o controlaterali, ai LFN sovraclaveari

40 TNM Stadiazione: fattore M (metastasi ) MX Assenza di requisiti per definire la presenza di metastasi a distanza M0 Non evidenziabili metastasi a distanza M1 Presenza di metastasi in organi a distanza

41 TNM M1a: Noduli tumorali separati in un lobo controlaterale Tumore con noduli pleurici o con versamento pleurico maligno

42 TNM M1b: Metastasi a distanza

43 Stadiazione del TUMORE del polmone CARCINOMA OCCULTO Stadio 0 IA IB IIA IIB IIIA IIIB IV TNM Tx N0 M0 Tis N0 M0 T1a-b N0 M0 T2a N0 M0 T2b N0 M0 ; T1a-bN1 M0 ; T2a N1 M0 T2b N1 M0 ; T3 N0 M0 T1a,b N2 M0 ; T2a,b N2 M0; T3 N1 M0, T3 N2 M0; T4 N0 M0; T4 N1 M0 T4 N2 M0 ; ogni T N3 M0 Ogni T,N, M1 Goldstraw P, J Thorac Oncol IASLC staging handbook in thoracic oncology. Orange Park FI: Editorial Rx Press; 2009

44 Il tumore polmonare EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TERAPIA

45 NSCLC: Strategia terapeutica e risultati Stage % Terapeutical Strategy 5y-S % I A I B II III A Chirurgia Chirurgia ± Trattamento adiuvante III A N Trattamento Neoadiuvante + Chirurgia ± Trattamento adiuvante III B Chemioterapia + Radioterapia IV Chemioterapia ± Terapia Biologica + BSC <10

46 CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE : (Dopo intervento chirurgico) SCOPO: Ridurre la probabilità o ritardare la comparsa delle manifestazioni cliniche attribuibili alla malattia residua microscopica, dopo intervento chirurgico macroscopicamente radicale

47 ADJUVANT CT PHASE III TRIALS Post Meta-analysis Timeline NEGATIVE INT 0115 NEJM 2000 ALPI JNCI 2003 BLT 2004 CALGB 9633 ASCO 2006 POSITIVE NSCLCCG BMJ 1995 JLCRG NEJM 2004 IALT NEJM 2004 JBR.10 NEJM 2005 ANITA 01 Lancet 2006 LACE JCO 2008 A Wozniak, ASCO 2006

48 Risultati metanalisi nello NSCLC in stadio operabile Vantaggio della CT contenente Platino rispetto al solo controllo post-chirurgico in termini di: Riduzione della comparsa di recidive di circa il 13% Aumento della sopravvivenza globale a 5 anni di circa il 5%

49 Trattamento Adiuvante Quale chemioterapia?

50

51 Trattamento Adiuvante Quali pazienti?

52 CRITERI DI SELEZIONE DEI PAZIENTI Buon Performance Status Rapido recupero post-operatorio Patologie concomitanti Età < 70 anni Fumatori vs non Fumatori

53 NSCLC: Strategia terapeutica e risultati Stage % Terapeutical Strategy 5y-S % I A I B II III A Chirurgia Chirurgia ± Trattamento adiuvante III A N Trattamento Neoadiuvante + Chirurgia ± Trattamento adiuvante III B Chemioterapia + Radioterapia IV Chemioterapia ± Terapia Biologica + BSC <10

54 CHEMIOTERAPIA NEOADIUVANTE : Prima dell intervento chirurgico

55 Scopo Terapia Neoadiuvante: Controllo sistemico sulle micrometastasi a distanza Riduzione della massa neoplastica, con downstaging del tumore anche al fine di rendere fattibile l intervento chirurgico Riduzione degli effetti collaterali rispetto a terapie eseguite dopo intervento chirurgico o radioterapico radicale Riduzione della possibilità di diffusione di cellule tumorali vitali durante l intervento chirurgico

56 NSCLC: Strategia terapeutica e risultati Stage % Terapeutical Strategy 5y-S % I A I B II III A Chirurgia Chirurgia ± Trattamento adiuvante III A N Trattamento Neoadiuvante + Chirurgia ± Trattamento adiuvante III B Chemioterapia + Radioterapia IV Chemioterapia ± Terapia Biologica + BSC <10

57 NSCLC Stadio III Studi randomizzati: Conclusioni Una CT seguita da RT è superiore alla sola RT Una CT+RT concomitante migliora il controllo locoregionale e la sopravvivenza rispetto alla sola CT seguita da RT, a fronte di una maggior mielotossicità

58 NSCLC Stadio III Studi randomizzati: Conclusioni Una CT+RT concomitante esclusiva è in grado, in casistiche selezionate, di ottenere sopravvivenze a 3 anni < 30%

59 NSCLC: Strategia terapeutica e risultati Stage % Terapeutical Strategy 5y-S % I A I B II III A Chirurgia Chirurgia ± Trattamento adiuvante III A N Trattamento Neoadiuvante + Chirurgia ± Trattamento adiuvante III B Chemioterapia + Radioterapia IV Chemioterapia ± Terapia Biologica + BSC <10

60 CHEMIOTERAPIA PALLIATIVA

61 Prima linea di chemioterapia

62 TREATMENT OPTIONS FOR FIT A-NSCLC 1 st -Line Best Clinical Practice Chemioterapia con doppietta contenente Cisplatino: Npl SQUAMOSA Cisplatino + Gemcitabina Cisplatino + Vinorelbina Cisplatino + Docetaxel

63 TREATMENT OPTIONS FOR FIT A-NSCLC 1 st -Line Best Clinical Practice Npl NON SQUAMOSA Cisplatino + Pemetrexed better than Cisplatino + Gemcitabine Cisplatino + Docetaxel P-based CT + Bevacizumab Gefitinib: EGFR +

64 ARMI A DISPOSIZIONE CHEMIOTE RAPIA AGENTI BIOLOGICI

65 La scelta terapeutica si sta spostando da drivers basati sull istologia a drivers oncogenici mirati 1999 Selezione guidata dall istologia 2010 Drivers oncogenici * Evoluzione della strategia terapeutica in NSCLC Non-squamous Squamous Adenocarcinoma EGFR Mu EGFR WT Squamous 2008 Squamous-cell carcinoma KRAS PIK3CA Large cell carcinoma EGFR BRAF HER2 ALK MET Unknown EGFR Mu ALK+ KRAS Mu MET+ Other Nonsquamous Squamous WT Today Attuale pratica clinica standard per NSCLC Figure: Massachusetts General Hospital, data on file. Horn L, Pao W. J Clin Oncol 2009;26:

66 TREATMENT OPTIONS FOR FIT A-NSCLC 1 st -Line Best Clinical Practice Npl NON SQUAMOSA Cisplatino + Pemetrexed better than Cisplatino+ Gemcitabine Cisplatino + Docetaxel P-based CT+Bevacizumab Gefitinib: EGFR +

67 Potential Predictive Factors for Antitumor Efficacy of EGFR Inhibitors in NSCLC CLINICAL CHARACTERISTICS Never smoker Female gender Asian ethnicity HISTOLOGICAL CHARACTERISTICS Adenocarcinoma Non mucinous BAC MOLECULAR CHARACTERISTICS EGFR protein expression, EGFR gene copy number, Somatic EGFR gene mutations

68 Chairmen C. Gridelli F. de Marinis Panelists A. Ardizzoni F. de Marinis J. Y. Douillard N. Hanna C. Gridelli F. Perrone R. Pirker C. Manegold R. Rosell F. Shepherd

69 Utilizzo di Gefitinib nel trattamento di I a linea: STUDIO IPASS Patients: Chemonaïve Age 18 years Adenocarcinoma histology Never or light ex-smokers* Life expectancy 12 weeks PS 0-2 Measurable stage IIIB / IV disease Mok T, NEJM 2009 Gefitinib 250 mg/die 1:1 Carboplatin (AUC 5 or 6) Paclitaxel (200 mg / m2) 3 weekly# Endpoints: Primary Progression-free survival (non-inferiority) Secondary Objective response rate Overall survival Quality of life Disease-related symptoms Safety and tolerability Exploratory Biomarkers EGFR mutation EGFR-gene-copy number EGFR protein expression * Never smokers, <100 cigarettes in lifetime; light ex-smokers, Stopped >15 years ago and smoked 10 pack years; # limited to a maximum of 6 cycles.carboplatin / paclitaxel was offered to gefitinib patients upon progression PS, performance status; EGFR, epidermal growth factor receptor.

70 Studio IPASS M Fukuoka et al, P ASCO 2009

71 Follicoliti disseminate al tronco

72 Paronichia multipla dita mani con granulomi reattivi

73 EGFR mutato Unselected patients Median overall survival 24 months Overall response rate 73% Median overall survival 8 months Overall response rate with platinum based chemotherapy 20% Brigette Byma, Lancet Oncol 2010

74 Gefitinib in prima linea in pazienti selezionati Author Study N (EGFR mut +) RR (TKI vs CT) PFS (HR, 95%CI) Mok T NEJM 2009 Lee JS WCLC 2009 Mitsudomi T Lancet Oncol 2009 IPASS % vs 47.3% First-SIGNAL % vs 37.5% WJTOG % vs 32.2% 0.48 (0.36, 0.64) 0.61 (0.31, 1.22) 0.49 (0.34, 0.71) Maemondo M NEJM 2010 NEJGSG % vs 29% 0.36 (0.25, 0.51)

75 TREATMENT OPTIONS FOR FIT A-NSCLC 1 st -Line Best Clinical Practice Npl NON SQUAMOSA Cisplatino + Pemetrexed better than Cisplatino + Gemcitabine Cisplatino + Docetaxel P-based CT + Bevacizumab Gefitinib: EGFR +

76 OS and PFS IN PATIENTS WITH NONSQUAMOUS HISTOLOGY OS (Adenocarcinoma): 12.6 vrs 10.9 mesi; HR: 0.84; p: 0.03 OS (Grandi cellule): 10.4 vrs 6.7 mesi; HR:0.67 ; p:0.03

77 TREATMENT OPTIONS FOR FIT A-NSCLC 1 st -Line Best Clinical Practice Npl NON SQUAMOSA Cisplatino + Pemetrexed better than Cisplatino+ Gemcitabine Cisplatino + Docetaxel P-based CT + Bevacizumab Gefitinib: EGFR +

78 VEGF and ANGIOGENESIS

79 VEGF INHIBITION BY BEVACIZUMAB Early and Continued Benefit EARLY BENEFIT Regression of existing microvasculature CONTINUED BENEFIT Normalisation of surviving microvasculature Bevacizumab may act against tumours in three ways: 1. Regression of existing microvasculature 2. Normalisation of mature vasculature 3. Inhibition of production of new vasculature Inhibition of vessel regrowth and neovascularisation Reduces IFP and vessel density increases drug delivery Carmeliet P, Oncology 2005: 69; 4-10

80 BEVACIZUMAB FASI III E4599 e AVAiL E4599 (US) 1 Previously untreated stage IIIB/IV non-squamous NSCLC (n=878) CP (n=444) Avastin 15mg/kg + CP (n=434) Avastin PD* PD AVAiL (Ex-US) 2 Avastin 7.5mg/kg + CG (n=345) Avastin PD Previously untreated, stage IIIB, IV or recurrent non-squamous NSCLC (n=1,043) Placebo + CG (n=347) PD* No cross over permitted; Dose of Avastin every 3 weeks NSCLC = non-small cell lung cancer CP = carboplatin/paclitaxel; PD = progressive disease CG = cisplatin/gemcitabine Avastin 15mg/kg + CG (n=351) Avastin PD 1. Sandler A N Engl J Med Dec 14;355(24): Reck M J Clin Oncol Mar 10;27(8):

81 Efficacy with bevacizumab-based therapy in E4599, AVAiL and SAiL AVAiL 3 (7.5mg/kg) *Preliminary OS Sandler, et al. NEJM 2006 Reck, et al. JCO 2009 Manegold, et al. ESMO 2008 Crinò, et al. ASCO 2009

82 A-NSCLC THERAPY Significant Milestones in 1st-Line Median survival (months) 1970 BSC: 2 4 months 1980 Single-agent platinum: 6 8 months 1990 P-based doublets: 8 10 months P-based CT + BEVA: 12,5 months in NSQ P-based + Pemetrexed: 12,6 months in NSQ

83 A NSCLC NEW TREATMENT PARADIGM NSCLC EGFR mut+ Non-squamous Squamous Consider Gefitinib P-Based doublet ± Bevacizumab* Cisplatin + Pemetrexed P-based doublet *Beva-eligible: Non-squamous, No G 2 haemoptysis, No invasion of major vessels, No hemorrhagic disorders, No uncontrolled hypertension, No cavitation, No recent history of thrombosis, No recent anticoagulation

84 Seconda linea di chemioterapia

85 Quanti pazienti accedono alla II linea? Studio Fidias (JCO 09) JMEN (Lancet 09) ATLAS (ASCO 09) SATURN (Lancet 10) % pazienti trattati in I a linea che accedono alla II a linea

86 2nd-3rd LINE A-NSCLC TREATMENT Recent Guidelines Summary ASCO ESMO NCCN NCCN nd line Docetaxel Docetaxel Pemetrexed Erlotinib (response rates are higher in never smokers, women, ADC and Asians) Docetaxel Pemetrexed Erlotinib (may be considered also for PS3 pts) Docetaxel Pemetrexed Erlotinib/Gefitinib* (may be considered also for PS 3 pts) Not Reported Erlotinib Erlotinib/Gefitinib* 3rd line * For Selected Patients

87

88 EML4-ALK CLINICAL CHARACTERISTICS The EML4-ALK translocation defines a new molecular subset of NSCLC with distinct clinical and pathologic features Patients with EML4-ALK mutant tumors were: Younger Never/light smokers Adenocarcinomas, predominantly the signet ring cell subtype EML4-ALK positivity was associated with resistance to EGFR tyrosine kinase inhibitors Rearrangements in about 3% to 7% of patients. Shaw AT, JCO 2009

89 Kwak EL, NEJM 2010 Responses to Crizotinib

90 Crizotinib in advanced NSCLC Crizotinib is active in patients with anaplastic lymphoma kinase (ALK) positive non-small-cell lung cancer (NSCLC) ORR: 57% (80% with no previous treatment) 6-month PFS rate: 72% (median PFS not yet reached) Response or SD (disease control) in majority (87%) of patients Few serious adverse events reported: Gastrointestinal events Visual disturbances Most toxicity related to mild or moderate Kwak EL, NEJM 2010

91 FUTURE DIRECTIONS HER inhibitors Lapatanib Matuzumab BIB2992 Phase I Phase II Cetuximab Panitumumab Tarceva Iressa BSI 251 Figitumumab AZD2171 Phase III Aproved Vatalanib Avastin Sunitinib VEGF TRAP Vandetanib AMG-706 Sorafenib Angiogenesis inhibitors Talabostat AMG 655 Bexarotene RAD001 ARQ917 Bortezomib Celecoxib AS1404 AZD6244 ABT-751 Others

92 MESOTELIOMA PLEURICO Prof. Paolo Bidoli S.C. Oncologia Medica H. San Gerardo Monza

93 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

94 Malignant pleural mesothelioma Forma rara di tumore Tumore primitivo delle sierose che derivano dalle cellule mesoteliali di rivestimento ed hanno sede: Pleurica (87%) Peritoneale (5.1%) Pericardio(0.4%) Raramente a livello vaginale e testicolare. Nel 75% dei casi si presentano in forma diffusa (altamente maligna ed a rapida evoluzione) Nel 25% dei casi è rappresentato da forme solitarie (solitamente ad evoluzione lenta ed andamento benigno). Malignant pleural mesothelioma

95 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

96 L incidenza della malattia è in progressivo aumento (circa nuovi casi/anno negli USA incremento del 50% rispetto a 10 anni fa) Lungo periodo di latenza tra l esposizione all asbesto negli anni e l insorgenza della malattia. In Italia Maggiore incidenza in: Lombardia Piemonte Liguria Veneto Emilia Romagna Toscana Puglia Campania Sicilia EPIDEMIOLOGIA Malignant pleural mesothelioma

97 EPIDEMIOLOGIA L'età media alla diagnosi di mesotelioma maligno è anni Nella maggior parte dei pazienti, la malattia si sviluppa dopo un periodo di latenza di 40 anni dalla prima esposizione ad agenti cancerogeni Circa l'80% dei pazienti che sviluppano il mesotelioma sono uomini* Mediana di sopravvivenza globale (OS): Da 4 a 13 mesi per i pazienti non trattati Da 6 a 18 mesi per i pazienti trattati. La prognosi è peggiore nei pazienti: Sesso maschile Stadio avanzato della malattia trombocitosi Istologia sarcomatoide *Ascoli V, Scalzo CC, Facciolo F, et al. Malignant mesothelioma in Rome, Italy A retrospective study of 79 patients. Tumori. Nov-Dec 1996;82(6): Malignant pleural mesothelioma

98 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

99 Erionite Fibre organiche Virus Metalli pesanti Infiammazioni croniche EZIOLOGIA Minerale che fa parte della famiglia delle zeoliti. Presente in: Cave e miniere di argilla e caolini Nella fabbricazione di prodotti ed elementi prefabbricati in calcestruzzo, cemento, pietre artificiali, elementi in conglomerati leggeri, espansi, soffiati; in impianti di potabilizzazione, sterilizzazione e disinquinamento dell acqua; in lavori di finitura delle costruzioni; nella produzione di mattoni, tegole ed altri prodotti per edilizia; in servizi generali dell industria petrolchimica virus delle scimmie (SV) 40, che potrebbe essere stato un contaminante dei vaccini antipolio nel corso del 1950 e Studi in vitro hanno dimostrato la cancerogenicità del virus in un modello murino Non vi sono prove contrastanti per quanto riguarda il ruolo potenziale di SV40 nel mesotelioma umano Malignant pleural mesothelioma

100 EZIOLOGIA Circa il 70% dei casi di mesotelioma sono associati con l'esposizione all'amianto Minerale di magnesio silicato fibroso con proprietà isolanti. Lo sviluppo del mesotelioma inoltre è stato segnalato tra i coniugi di lavoratori dell'amianto, probabilmente a causa del contatto con gli indumenti dei lavoratori contaminati. Le radiazioni ionizzanti causa di mesotelioma, in particolare nei pazienti che ricevono radioterapia toracica PER: Linfoma Npl mammella Npl polmone Il fumo di sigaretta non ha mostrato di aumentare il rischio di mesotelioma Malignant pleural mesothelioma

101 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

102 Malignant pleural mesothelioma Epiteliale Sarcomatoide Bifasico Più della metà dei casi diagnosticati sono del sottotipo Epiteliale Il sottotipo Sarcomatoide è caratterizzata da cellule fusiformi Il mesotelioma Bifasico contiene una combinazione di cellule epiteliali e sarcomatoide Malignant pleural mesothelioma

103 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

104 Malignant pleural mesothelioma Dispnea (68%) Dolore toracico (69%) Versamento pleurico Perdita di peso Astenia Tosse (32%) Febbre (13%) Perdita di peso (20%) La crescita e l'estensione del tumore può provocare: Emotorace (78%) Sindrome della vena cava superiore. Malignant pleural mesothelioma

105 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

106 Toracentesi Diagnosi cito-istologica 50-60% di positività (osservatori esperti) Tecniche bioptiche Agobiopsia Toracotomia Consentono una maggior precisione diagnostica, purché sia sufficiente il materiale prelevato. Toracoscopia e pleuroscopia prelievi mirati sulle lesioni più significative ( Diagnosi certa in più del 90% dei casi. Malignant pleural mesothelioma

107 Rx torace 2p Diagnosi Radiologica TC torace con o senza mdc Versamento pleurico Ispessimento delle scissure interlobari, spesso di forma nodulare Ispessimento di ampi tratti della pleura (contorni frastagliati, talora a placche confluenti in nodulazioni di varia grandezza caratteristico è l ispessimento della pleura mediastinica). La restrizione dell emitorace maggiormente colpito è un altro aspetto caratteristico delle immagini registrabili con la TC qualora il notevole ispessimento della pleura tenda a comprimere concentricamente il parenchima polmonare Noduli polmonari con o senza calcificazioni, erosioni costali reperti TC espressione di malattia estesa che ha superato i confini della pleura. Scopo Evidenziare: Massa pleurica Effusioni Placche pleuriche L'entità della crescita tumorale L invasione delle strutture locali. Malignant pleural mesothelioma

108 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

109 TNM Malignant pleural mesothelioma

110 T1 T1a T1b Tumour limited to the ipsilateral parietal pleura with or without mediastinal with or without diaphragmatic pleural involvement Tumour involving the ipsilateral parietal pleura with or without mediastinal with or without diaphragmatic pleural involvement No involvement of the visceral pleura Tumour involving the visceral pleura Malignant pleural mesothelioma

111 T2 Tumour involving each of the ipsilateral pleural surfaces (parietal, mediastinal, diaphragmatic, and visceral pleura) with at least one of the following features: Involvement of diaphragmatic muscle Extension of tumour from visceral pleura into the underlying pulmonary parenchyma Malignant pleural mesothelioma

112 T3 Locally advanced, but potentially resectable tumour Tumour involving all of the ipsilateral pleural surfaces (parietal, mediastinal, diaphragmatic, and visceral pleura) with at least one of the following features: Involvement of the endothoracic fascia Extension into the mediastinal fat Solitary, completely resectable focus of tumour extending into the soft tissues of the chest wall Non-transmural involvement of the pericardium Malignant pleural mesothelioma

113 T4 Locally advanced, technically unresectable tumour Tumour involving all of the ipsilateral pleural surfaces (parietal, mediastinal, diaphragmatic, and visceral pleura) with at least one of the following features: Diffuse extension or multifocal masses of tumour in the chest wall, with or without associated rib destruction Direct transdiaphragmatic extension of tumour to the peritoneum Direct extension of tumour to the contralateral pleura Direct extension of tumour to mediastinal organs Direct extension of tumour into the spine Tumour extending through to the internal surface of the pericardium with or without a pericardial effusion; or tumour involving the myocardium Malignant pleural mesothelioma

114 N Nx N0 N1 N2 Regional lymph nodes cannot be assessed Regional lymph node metastases Metastases in the ipsilateral bronchopulmonary or hilar lymph nodes Metastases in the subcarinal or the ipsilateral mediastinal lymph nodes including the ipsilateral internal mammary and peridiaphragmatic nodes N3 Metastases in the contralateral mediastinal, contralateral internal mammary, ipsilateral or contralateral supraclavicular lymph nodes Malignant pleural mesothelioma

115 M M0 No distant metastasis M1 Distant metastasis present Malignant pleural mesothelioma

116 Malignant pleural mesothelioma Malignant pleural mesothelioma

117 Malignant pleural mesothelioma EPIDEMIOLOGIA EZIOLOGIA ANATOMIA PATOLOGICA PRESENTAZIONE CLINICA DIAGNOSI STADIAZIONE TRATTAMENTO Malignant pleural mesothelioma

118

119 Multimodality Options in Pleural Mesothelioma Malignant pleural mesothelioma

120 MARS TRIAL Malignant pleural mesothelioma

121 MARS TRIAL Malignant pleural mesothelioma

122 MARS TRIAL Malignant pleural mesothelioma

123 MARS TRIAL: RISULTATI RIPRODUCIBILI? Lo studio presenta una popolazione contenuta Alcuni pazienti nel braccio NO EPP hanno ricevuto tale chirurgia al di fuori dello studio Alcuni pazienti nel braccio EPP hanno rifiutato l intervento di chirurgia maggiore La chirurgia maggiore e stata concentrata in pochi centri La stadiazione preoperatoria era predeterminata ma evidenti i problemi di sovra-sottostadiazione La CT preoperatoria non era standardizzata

124 Malignant pleural mesothelioma Prima linea di chemioterapia Malignant pleural mesothelioma

125 Studio EMPHACIS Evaluation of mesothelioma in a Phase III trial of pemetrexed with cisplatin OS: 12,1 vs 9,3 mesi RR: 41 vs 17% TTP: 5,7 vs 3,9 mesi Malignant pleural mesothelioma

126 La chemioterapia di combinazione è stata associata ad un miglioramento della qualità di vita e controllo dei sintomi. Sulla base di questi risultati cisplatino e pemetrexed con acido folico e vitamina B12 è diventato lo standard mondiale di prima linea per i pazienti con MPM che sono candidati per il trattamento sistemico Malignant pleural mesothelioma

127 Malignant pleural mesothelioma

128 Malignant pleural mesothelioma

129 Malignant pleural mesothelioma

130 Malignant pleural mesothelioma

131 Malignant pleural mesothelioma Seconda linea di chemioterapia Malignant pleural mesothelioma

132 Seconda linea Ceresoli et al, Cancer Treat Rev 2011

133 Attualmente NON esiste ancora una Seconda linea consolidata. Si attendono ancora risultati da nuovi farmaci

134

135 2nd- LINE MPM TREATMENT Recent Guidelines Summary NCCN 2012 Pemetrexed (se non utilizzato in prima linea) 2nd line Vinorelbina Gemcitabina

136 Benchè i dottori lo curassero, gli cavassero sangue e gli facessero prendere molte medicine, tuttavia guarì. LEV NIKOLAEVIC TOLSTOJ Guerra e Pace Malignant pleural mesothelioma

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC incidenza 5% di tutti i tumori 85% circa dei tumori primitivi

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone?

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Protocollo di studio: Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Responsabile scientifico: Prof. Alessandro Giordano

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO PATOLOGIA DEL MEDIASTINO Agostino De Francisci S.O.D. Radiodiagnostica 4- A.O.U. Careggi Anatomia del mediastino E lo spazio al centro della cavità toracica i cui limiti sono rappresentati anteriormente

Dettagli

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM 3-2005 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli