PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO"

Transcript

1 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 10 ANNO SCOLASTICO PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO FRANCESE classe prima FINALITA - Sviluppo, in collegamento con l'insegnamento dell'italiano, della consapevolezza che la lingua è uno strumento di comunicazione e delle modalità linguistiche del comunicare. - Acquisizione della consapevolezza che la lingua è uno strumento di conoscenza e di esplorazione della cultura di un paese straniero e sviluppo di un atteggiamento di tolleranza e rispetto verso gli aspetti divergenti da quelli italiani. - Sviluppo di un atteggiamento di curiosità ed interesse per l'apprendimento delle lingue straniere e di motivazione ad usare questa lingua ricercandone le possibili occasioni. - Comprensione dell'utilità dello studio della lingua straniera in ambito internazionale. - Sviluppo di una competenza plurilingue e pluriculturale e acquisizione dei primi strumenti utili ad esercitare la cittadinanza attiva nel contesto quotidiano, sia territoriale che al di fuori del territorio nazionale. OBIETTIVI GENERALI - Sviluppo delle quattro abilità fondamentali: saper capire ascoltando, saper esprimersi, saper leggere e saper scrivere, stimolando le capacità di adoperare la lingua straniera in situazioni di comunicazione in contesti funzionali. - Sviluppo delle capacità di confrontare e contrastare strutture della lingua straniera e italiano cogliendo somiglianze e differenze, giungendo alle opportune generalizzazioni e consolidando così le proprie conoscenze grammaticali in tutte le lingue. - Avvio a fondamentali capacità di uso attivo e flessibile della lingua in concrete attività comunicative di tipo quotidiano. - Memorizzazione di un patrimonio lessicale e strutturale. TRAGUARDI FINALI DI COMPETENZA : Al termine della classe prima, secondo il QCER Quadro comune europeo di riferimento per le lingue: Livello elementare A1/Contatto. - L'alunno riesce a comprendere e ad utilizzare espressioni familiari e quotidiane molto semplici che mirino a soddisfare dei bisogni concreti. - Riesce a presentarsi o a presentare qualcuno e porre delle domande semplici in situazioni a lui familiari. - Puo' comunicare se l'interlocutore parla lentamente e distintamente.

2 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 2 di 10 - Puo' scrivere brevi messaggi per salutare, ringraziare, invitare, può riempire formulari. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA COMUNITARIA: FRANCESE INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO - CLASSI PRIME Ascolto (comprensione orale) Lettura (comprensione scritta) Interazione orale Produzione orale Scrittura (produzione scritta) Riflessione sulla lingua e sull apprendimento Comprendere le informazioni principali di brevi messaggi orali su argomenti di vita quotidiana espressi con articolazione lenta e chiara. Leggere e individuare informazioni concrete e prevedibili in semplici testi di uso quotidiano (per es. un annuncio, un prospetto, un menu, un orario ) e in lettere personali. Fare domande, rispondere, dare informazioni su argomenti familiari riguardanti la vita quotidiana e attività consuete. Produrre brevi testi orali su argomenti noti di vita quotidiana, anche utilizzando supporti multimediali. Produrre espressioni e frasi scritte, collegate da semplici connettivi, su argomenti noti di vita quotidiana, anche utilizzando strumenti telematici. Ascoltando insegnanti, nativi, registrazioni audio-video, compagni: o Riconoscere e discriminare elementi fonetici, espressioni e sequenze linguistiche. o Comprendere istruzioni ed indicazioni brevi e semplici. o Cogliere semplici dati (date, quantità, cifre, orari ). o Comprendere dati personali (nome, età, nazionalità, rapporti di parentela, preferenze..) e semplici descrizioni relative a persone, animali, ambienti, oggetti dall insegnante e da brevi testi registrati. o Ricavare informazioni legate ad abitudini personali (routine quotidiana, scolastica, attività del tempo libero). o Ricavare dati e informazioni da brani, lettere, messaggi, schede relativamente a persone, ambienti, animali, attività quotidiane e del tempo libero, abitudini alimentari, cibi, oggetti. o Ricavare il senso globale e informazioni da lettere, riviste, descrizioni e brani su semplici argomenti di civiltà (elementi geografici, festività, cibi, attività del tempo libero). o Sostenere una breve conversazione usando forme di saluto/congedo formali ed informali e formule augurali. o Interagire con coetanei per conoscerli presentando se stesso/a e gli altri, facendo domande e rispondendo su particolari personali come nome, età, provenienza, nazionalità, possesso, abitazione, famiglia, routine quotidiana, abilità, attività del tempo libero, abitudini alimentari. o Utilizzare lessico e funzioni studiate in situazioni di lavoro di coppia o di gruppo. o Utilizzare suoni e ritmi della lingua nella ripetizione e produzione di parole, espressioni e sequenze linguistiche rispettandone la pronuncia e l intonazione. o Parlare di sé dando informazioni personali (nome, età, provenienza, cose che possiede, abitazione, famiglia, abilità, attività del tempo libero, abitudini alimentari, preferenze, routine). o Descrivere in modo semplice un oggetto, un luogo, una persona, un immagine. o Scrivere correttamente parole, espressioni e brevi frasi usando termini noti. o Compilare moduli, tabelle, schemi con i dati personali richiesti come nome, età, provenienza, nazionalità, possesso, abitazione, famiglia, abilità, attività del tempo libero, routine. o Produrre semplici testi (brevi lettere, messaggi, ) per presentarsi, presentare un amico, descrivere la casa, la stanza, l aula, le abitudini alimentari, la giornata. o Scrivere biglietti augurali e cartoline o semplici lettere. Conoscere le funzioni comunicative, le o Riconoscere, memorizzare funzioni, strutture e lessico studiati. strutture e il lessico studiati e o Utilizzare funzioni, strutture e lessico corretti nel contesto adeguato. applicarli in contesti comunicativi o Riconoscere i propri errori cercando di correggerli spontaneamente. adeguati. Conoscenza della cultura Conoscere aspetti caratteristici del paese straniero e operare alcuni confronti tra le varie civiltà. o Ricavare notizie da testi, carte, immagini, opuscoli riguardanti la geografia, tradizioni, feste, abitudini alimentari, attività del tempo libero relativi al paese studiato e riferirli in lingua. o Conoscere aspetti caratteristici del paese straniero studiato. o Confrontare gli aspetti studiati con la propria esperienza.

3 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 3 di 10 OBIETTIVI MINIMI Comprensione della lingua orale: saper individuare la funzione comunicativa di un breve messaggio contenente lessico noto e capire il significato globale di un breve e semplice testo anche grazie all aiuto di domande guida. Comprensione della lingua scritta: capire globalmente un testo semplice già presentato e cogliere le informazioni essenziali con l aiuto di domande guida. Produzione della lingua orale: saper ripetere in modo corretto semplici dialoghi appresi mnemonicamente, riprodurre con pronuncia sufficientemente corretta le principali funzioni linguistiche trattate. Saper leggere testi contenenti lessico e strutture noti. Saper rispondere a domande semplici relative ad argomenti noti. Produzione della lingua scritta: saper copiare correttamente brevi testi. Saper produrre frasi minime e/o rispondere a domande dirette. Conoscenza delle strutture: riconoscere e usare le più elementari strutture della lingua affrontate. Conoscenza della civiltà: conoscere alcuni aspetti salienti di carattere socio-culturale dei Paesi di cui si studia la lingua. CONTENUTI CONOSCENZE (in corsivo le conoscenze di base) I quadrimestre: -Unité d'apprentissa ge1 del testo in adozione Quelle chance! Vol. 1 II quadrimestre -Unité d'apprentissage 2 del testo.

4 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 4 di 10 UNITE 1 : FUNZIONI LINGUISTICO-COMUNICATIVE:: Salutare-congedarsi-chiedere e dire come va-presentarsi-chiedere nome, età, dove si abita-dire la nazionalità-la data di nascita-identificare qualcuno-fare gli auguri-ringraziare STRUTTURE GRAMMATICALI: Pron. pers.-art. det. e indet. - pres.indicativo dei verbi del 1 gruppo ed irreg.:essere, avere, andare, venire - plurale e femminile dei sost e degli aggettivi (regola generale),agg possessiviprep à-de anche con nomi di nazioni LESSICO: alfabeto, colori, numeri fino a 69,umore, famiglia, paesi e nazionalita' UNITE 2 : FUNZIONI LINGUISTICO-COMUNICATIVE: Identificare e descrivere un oggetto-esprimere gusti e preferenze-chiedere e dire l'ora-descrivere aspetto fisico e carattere-scrivere una breve lettera o mail di presentazione STRUTTURE GRAMMATICALI: Verbi in -er, verbi preferire, leggere, scrivere -forma interrog- il y a - pourquoi/parce que - plur e femm(casi particolari)-agg beau, nouveau, vieux,fou -agg dimostrativi- ça -imperativosuperlativo assoluto e ralativo-pron.tonici LESSICO: vestiti, numeri oltre 100, stagioni e tempo meteo, materie scolastiche, classe e materiale scolastico,passatempi, aspetto fisico, carattere MEDIAZIONE DIDATTICA STRATEGIE - Lezione interattiva e lezione frontale; attività individuale, sviluppo dell atteggiamento di cooperazione tra pari attraverso lavori a coppie, a piccoli gruppi, a squadre. - Sviluppo sistematico delle conoscenze grammaticali attraverso un approccio induttivo che sollecita la scoperta delle regole, con i tradizionali esercizi applicativi, esercizi di trasformazione e tabelle riepilogative. Cicliche revisioni delle strutture linguistiche. - Approccio nozionale funzionale finalizzato alla comunicazione - Drammatizzazioni per lo sviluppo di tutte le abilità, per l espressività e per la capacità di relazione - Attività ludiche (giochi, canzoni) - Attività/schede di potenziamento/sviluppo. - Per gli alunni si prevedono: sollecitazioni, controllo del materiale, dell esecuzione dei compiti, della correzione in classe, stimolazione alla partecipazione attiva con domande e coinvolgimento nelle conversazioni, nuove spiegazioni adatte al ritmo cognitivo dell alunno. - Durante l anno verranno previste esercitazioni di recupero, fissazione e rinforzo grammaticale / lessicale / funzionale guidate e/o graduate. - Per gli alunni BES (Bisogni Educativi Speciali) verranno richieste le conoscenze minime/di base ed eventualmente l uso passivo di alcune strutture grammaticali

5 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 5 di 10 ATTIVITA - Uso di registrazioni audio e di filmati per introdurre le funzioni e il lessico e per migliorare la pronuncia e l intonazione; - dialoghi per memorizzare funzioni e lessico; - esercizi di ascolto, completamento, abbinamento e ripetizione; - esercizi di lettura; - role play/simulazione; - esercizi di abbinamento parola-illustrazione; - attività di scrittura per fissare funzioni e lessico presentati; - esercizi grammaticali di completamento, trasformazione, domanda-risposta; - giochi per rielaborare e memorizzare lessico e funzioni; - completamento di tabelle, moduli e questionari; - lettura e ricostruzione di un brano; - completamento di fumetti; - scrittura di una lettera guidata e di una semplice descrizione - attività di scrittura di un dialogo basato su una serie di istruzioni - attività di scrittura di un intervista a un compagno - giochi per favorire l interazione orale - ascolto di canzoni - attività interdisciplinari STRUMENTI -Testo in adozione: Quelle Chance 1 (livre de l'élève et Cahier + multi-rom+prontuario dei verbi) -CD audio di classe e dello studente -Cdrom dello studente (multi-rom) -Videoregistratore/lettore DVD -Lavagna interattiva -Materiale autentico, semi autentico o fotocopiato -Dizionario -Canzoni- filastrocche -Giochi -Cartelloni -Oggetti -Carte geografiche VERIFICA E VALUTAZIONE

6 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 6 di 10 INDICATORI DI DISCIPLINA E CRITERI ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) a) riconoscere e discriminare suoni; b) riconoscere elementi di un messaggio già presentato; c) comprendere il significato generale di un messaggio, cogliere informazioni specifiche. LETTURA (COMPRENSIONE SCRITTA) a) comprendere il significato globale di un breve testo scritto b) individuare termini noti e semplici informazioni specifiche c) individuare alcune informazioni inferenziali del messaggio. PARLATO (INTERAZIONE E PRODUZIONE ORALE) a) riprodurre la corretta pronuncia; b) memorizzare il materiale linguistico e c) riutilizzarlo in contesti comunicativi noti SCRITTURA (PRODUZIONE SCRITTA) a) riprodurre testi scritti ortograficamente corretti; b) completare o redigere semplici testi, seguendo un modello o una traccia, in modo sostanzialmente corretto nell uso del lessico, strutture, funzioni RIFLESSIONE SULLA LINGUA E SULL APPRENDIMENTO a) conoscere e usare funzioni, strutture grammaticali e lessico; b) confrontare strutture e funzioni tra L1,L2,L3 CONOSCENZA DELLA CULTURA a) conoscere semplici aspetti di carattere socio-culturale dei paesi di cui si studia la lingua; b) operare semplici confronti La valutazione si articolerà in: - una autovalutazione nella quale gli studenti dovranno valutare le loro conoscenze/prestazioni; - verifìche in itinere nel corso dell' attività didattica e sommative a conclusione di ogni percorso didattico attraverso test oggettivi e test soggettivi, colloqui / interrogazioni. Prove diversificate saranno somministrate agli alunni con certificazione di handicap o svantaggio debitamente documentate. Costituiscono oggetto della valutazione e sono di competenza del docente: 1. la valutazione degli apprendimenti linguistici 2. la valutazione dei fattori non linguistici Per quanto riguarda la valutazione dei fattori non linguistici, le osservazioni sistematiche permettono di verificare il comportamento scolastico dell'alunno rispetto alla situazione di partenza, ovvero: * l'atteggiamento: l interesse, la curiosità, la partecipazione e la disponibilità sia verso l'insegnante che verso i compagni; * l autonomia: l'alunno si sa organizzare, si auto corregge ed é capace di usare i vari strumenti (libro, quaderno, eserciziario, dizionario, ecc);

7 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 7 di 10 * la cooperazione, che consiste nella capacità di lavorare in coppia o in gruppo o semplicemente di aiutare e/o ricevere aiuto; * l'impegno: se esegue i compiti, se e' accurato nell'esecuzione e rispetta i tempi di consegna. Verranno valutati le reali possibilità di ogni alunno, le modalità di approccio ai contenuti, i tempi di attenzione, di concentrazione, il grado di partecipazione e interesse al lavoro in classe, l'impegno nello studio e nei compiti assegnati a casa, il raggiungimento degli obiettivi, il progresso dell alunno rispetto ai livelli di partenza. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE COMPRENSIONE ORALE E SCRITTA: Domande in L1,L2 Esercizi vero/falso completamento - scelta multipla - abbinamento immagine/testo - riordino sequenze PRODUZIONE E INTERAZIONE ORALE: Lettura, interventi insegnante/alunno, drammatizzazione, scambi a coppie o piccoli gruppi, descrizioni, role-play PRODUZIONE E INTERAZIONE SCRITTA: Dettato, dialoghi su traccia o da completare, redazione di messaggi-lettere, descrizioni; risposta a questionari RIFLESSIONE SULLA LINGUA ORALE: Domande dell'insegnante, scambi a coppie o piccoli gruppi SCRITTA: Esercizi di completamento sostituzione trasformazione di vero/falso, scelta multipla, riordino frasi, strutturazione di domande e risposte CONOSCENZA DELLA CULTURA Esercizi di vero/falso-completamento, scelta multipla; questionari; domande in L1,L2; interrogazioni NUMERO DELLE PROVE PER QUADRIMESTRE Come da regolamento sulla valutazione: verranno effettuate non meno di tre registrazioni per disciplina, per quadrimestre, ricavate da prove scritte e/o orali. Le registrazioni saranno distribuite nell arco temporale del quadrimestre e concorreranno alla definizione del voto quadrimestrale. Con legenda esplicita, nel registro possono essere annotate anche delle osservazioni sistematiche sul processo di apprendimento che concorreranno alla determinazione del voto quadrimestrale. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE SINGOLE PROVE ORALI O SCRITTE voto criterio

8 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 8 di Conseguimento organico e sicuro di tutti gli obiettivi, con eventuale rielaborazione personale 8 Conseguimento sicuro di tutti gli obiettivi 7 Conseguimento abbastanza sicuro di quasi tutti gli obiettivi 6 Acquisizione delle abilità e conoscenze fondamentali 5 Raggiungimento incompleto delle abilità e conoscenze fondamentali 4 Gravi lacune negli apprendimenti 3 Impreparazione (come segnale forte, può non far media) STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE CLASSE PRIMA LIVELLI DI COMPETENZA DESCRITTORI/ INDICATORI ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) INTERAZIONE ORALE Comprende in modo globale il contenuto di un testo orale riguardante argomenti personali, senza bisogno di ripetizioni. Comprende il contenuto di un testo orale nella maggior parte dei dettagli, senza bisogno di ripetizioni. Comprende il contenuto di un testo orale nella maggior parte dei dettagli, se espresso in modo lento e ben articolato. Comprende parzialmente il contenuto di un testo orale se espresso in modo lento e con più ripetizioni. Comprende con difficoltà un testo orale, anche se espresso in modo chiaro, lento e con frequenti ripetizioni. Non comprende il contenuto di un messaggio o di brevi e semplici espressioni, anche se espresso in modo chiaro, lento e con frequenti ripetizioni. In una breve conversazione a carattere personale sa interagire in modo completo e adeguato, rispettando la correttezza fonologica, lessicale e grammaticale. Sa interagire in modo semplice ma adeguato in brevi conversazioni, evidenziando solo lievi inesattezze formali. E in grado di sostenere brevi e semplici conversazioni, con alcuni errori di tipo formale che non impediscono la comprensione del messaggio.

9 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 9 di 10 INTERAZIONE ORALE PRODUZIONE ORALE LETTURA (COMPRENSIONE SCRITTA ) SCRITTURA (PRODUZIONE SCRITTA) E in grado di sostenere limitati scambi dialogici, con frasi semplici e brevi, pur commettendo errori di tipo fonologico, lessicale e/o grammaticale. Interagisce con difficoltà in un dialogo, se pur semplice. Commette molti errori di tipo fonologico, lessicale e grammaticale. Il messaggio orale risulta inefficace o incomprensibile per i gravi errori di tipo fonologico, lessicale e grammaticale. Produce semplici messaggi in modo pertinente e completo, e li espone con chiarezza e correttezza fonologica, lessicale e grammaticale. Produce semplici messaggi in modo chiaro e completo, e li espone con lievi imprecisioni di tipo fonologico, lessicale e grammaticale. Produce semplici e brevi messaggi e li espone con qualche errore di tipo fonologico, lessicale e grammaticale. Espone semplici messaggi in modo sufficientemente chiaro ma elementare. L espressione presenta incertezze, il lessico e l uso delle strutture non sono sempre corretti. Anche se guidato non è in grado di esporre semplici messaggi orali. L esposizione è limitata all uso di alcune parole o espressioni ma il messaggio non risulta sufficientemente chiaro e comprensibile. Non è in grado di produrre messaggi orali completi e sufficientemente comprensibili, a causa dei numerosi errori di tipo fonologico e grammaticale. Comprende senza incertezze semplici testi riguardanti argomenti personali, isolando informazioni sia esplicite che implicite. Comprende in maniera globale un testo riguardante argomenti personali, individuando molti dati espliciti ed alcuni impliciti. Comprende un testo riguardante argomenti personali nella sua globalità e individua alcune informazioni specifiche. Comprende semplici testi individuando solo alcune informazioni esplicite. Comprende un testo semplice e breve con difficoltà, individuando un numero di informazioni insufficiente. Non comprende testi se pur brevi e semplici, non riconoscendo i concetti espliciti né lo scopo comunicativo del testo. Produce testi semplici ma pertinenti, chiari e completi. Dimostra una buona padronanza lessicale e delle strutture morfo-sintattiche. L ortografia è corretta. Produce testi dai contenuti semplici ma pertinenti, chiari e completi. Il lessico è appropriato; l ortografia e le strutture morfo-sintattiche sono sostanzialmente corrette.

10 Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 10 di 10 RIFLESSIONE SULLA LINGUA E SULL APPRENDIMEN TO CONOSCENZA DELLA CULTURA Scrive testi semplici ma pertinenti e chiari, anche se non dettagliati. Il lessico è semplice ma appropriato. Commette alcuni errori ortografici e/o grammaticali. Scrive testi molto semplici, usando un lessico limitato. Commette errori di ortografia che però non ostacolano la comprensione della frase; uso incerto o incompleto della morfologia e della sintassi. Ha difficoltà a produrre un testo chiaro e pertinente. Il lessico è approssimativo, l uso delle strutture carente, l ortografia è scorretta. Produce testi incompleti, confusi o dal contenuto inconsistente; commette numerosi errori ortografici e l uso delle strutture morfo-sintattiche è gravemente lacunoso. Conosce e usa con sicurezza ed in modo appropriato lessico, strutture e funzioni linguistiche. Utilizza con discreta padronanza lessico e strutture linguistiche, anche se con qualche imprecisione. Distingue e usa la maggior parte delle funzioni linguistiche e delle espressioni lessicali, pur commettendo alcuni errori. Possiede un lessico elementare e commette errori nell uso delle funzioni linguistiche che però non compromettono la comprensibilità del messaggio. Utilizza in modo confuso e scorretto lessico e strutture linguistiche. La conoscenza e l uso di lessico e funzioni linguistiche sono gravemente lacunosi. Acquisizione completa degli argomenti affrontati; opera significativi confronti con la propria cultura. Acquisizione abbastanza completa degli argomenti affrontati; opera alcuni confronti tra le due culture. Acquisizione discreta degli argomenti trattati; se guidato, è in grado di cogliere differenze e affinità tra le due culture. Acquisizione essenziale dei contenuti di civiltà. Se guidato, opera semplici confronti fra le due culture. Conosce in modo frammentario e superficiale i contenuti affrontati. Mancata acquisizione dei contenuti di civiltà affrontati.

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T.

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. (Formazione e Aggiornamento anche con Supporto Tecnologico) Via di Pantaneto, 45 - I-53100 Siena Tel. +39.0577.240245 Fax +39.0577.240239 e-mail: fast@unistrasi.it

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato:

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato: 1 Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2 A cura degli Enti certificatori dell italiano L2 Hanno collaborato: Serena Ambroso, Massimo Arcangeli, Monica Barni, Giuliana

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli