SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21. Domande concettuali"

Transcript

1 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 21 Domande concettuali C1. La genomica strutturale studia la composizione di un genoma. Lo scopo è di mappare tutti i geni nel genoma e alla fine di determinare la sequenza di tutti i cromosomi. La genomica funzionale cerca di capire in che modo le sequenze genetiche producano le caratteristiche delle cellule e i caratteri degli organismi. Perlopiù la genomica funzionale ha lo scopo di comprendere la funzione dei geni. Tuttavia, essa cerca anche di capire i ruoli di altre sequenze genetiche come i centromeri e le sequenze ripetute. La proteomica si concentra sulle funzioni delle proteine. Lo scopo ultimo è di comprendere in che modo gruppi di proteine agiscano come unità integrate. C2. Ci sono due ragioni fondamentali per spiegare perché il proteoma è più grande del genoma. La prima riguarda la maturazione del pre-mrna, un fenomeno che avviene soprattutto nelle specie eucariotiche. Lo splicing e l editing possono alterare la sequenza codificante dell mrna e quindi produrre forme alternative delle proteine con diverse sequenze aminoacidiche. La seconda regione riguarda le modificazioni post-traduzionali. Ci sono molti modi con cui la struttura di una determinata proteina può essere modificata covalentemente mediante gli enzimi cellulari. Questi includono per esempio la maturazione mediante proteolisi, la formazione di legami disolfuro, la glicosilazione, l aggiunta di lipidi, la fosforilazione, la metilazione, e l acetilazione. C3. Un database è una raccolta di molti file in un singolo archivio elettronico. Questi dati sono solitamente sequenze di DNA, RNA oppure di proteine. I dati derivano dal lavoro di numerosi laboratori di ricerca. Lo scopo principale di un database genomico è quello di organizzare l'informazione genetica di una singola specie. Un database genomico identificherà tutti i geni noti e indicherà le loro localizzazioni di mappa nel genoma. Inoltre, un database genomico può contenere altri tipi di informazioni, come una breve descrizione della sequenza, il nome dell'organismo dal quale è stata ottenuta la sequenza, e la funzione della proteina codificata, se nota. C4. Le sequenze centromeriche, le origini di replicazione, le sequenze telomeriche, le sequenze ripetute, e gli enhancer. Sono possibili anche altri esempi. C5. Il riconoscimento di sequenza si riferisce all identificazione informatica di una particolare sequenza, la cui funzione è già nota. Per esempio, un programma può identificare il sito dei codoni d'inizio (ATG) in una sequenza di DNA. Per confronto il riconoscimento di un pattern si basa su di un insieme di simboli ma non è necessariamente legato a particolari sequenze. C6. Ci sono alcune osservazioni interessanti. Le sequenze 1 e 2 sono simili tra loro, come lo sono le sequenze 3 e 4. Ci sono alcuni siti in cui i residui aminoacidici sono conservati nelle cinque sequenze. Questi aminoacidi possono essere particolarmente importanti per la funzione. C7. In genetica, il termine similarità significa che due sequenze genetiche sono simili tra loro. Omologia significa che due sequenze genetiche si sono evolute a partire da una sequenza ancestrale comune. Le sequenze omologhe sono simili tra loro, ma non tutte le brevi sequenze simili sono attribuibili all'omologia.

2 C8. A. Corretto B. Corretto C. Errato. Queste sono brevi sequenze genetiche simili tra loro. L operone lac e l operone trp non sono derivati da uno stesso operone ancestrale. D. Errato. I due geni sono omologhi tra loro, è corretto dire che le loro sequenze sono identiche al 60%. C9. Un'interruzione è necessaria quando due sequenze omologhe non sono della stessa lunghezza. Siccome le sequenze omologhe sono derivate dallo stesso gene ancestrale, due sequenze omologhe erano in origine della stessa lunghezza. Tuttavia, durante l'evoluzione le sequenze possono andare incontro a delezioni e/o inserzioni che le rendono più lunghe oppure più corte rispetto al gene originale. Se un gene subisce una delezione, sarà necessario inserire un'interruzione nella sequenza genica per allinearla al gene omologo. Se avviene un'inserzione nella sequenza del gene, sarà indispensabile inserire un'interruzione in una sequenza genica omologa per allineare le due sequenze. Domande sperimentali S1. Una libreria sottrattiva di cdna contiene i cdna ottenuti dagli mrna prodotti in un insieme determinato di condizioni ma non in altre. Per esempio, come descritto nella Figura 21.1, una libreria sottrattiva di cdna può contenere solamente i cdna ottenuti dagli mrna prodotti da cellule esposte a un ormone. Questo rappresenta un modo per identificare i geni che sono stati indotti in presenza dell'ormone. S2. Come descritto nel problema risolto R1, una ragione per costruire una libreria di cdna è quella di determinare quali RNA vengono prodotti quando cambiano le condizioni ambientali. Devi caricare sulla colonna una piccola quantità di cdna derivante dalle cellule esposte al mercurio. Ricorda che il cdna derivato dall mrna che è stato prodotto in assenza di mercurio è già legato alla colonna. Desideri che il cdna sintetizzato in presenza di mercurio si leghi a questo cdna se esso è complementare. Se viene caricato troppo cdna, tutti i cdna saranno legati ai loro complementari, e alcuni non si legheranno alla colonna, anche se possono essere complementari ai cdna. In altre parole, se carichi troppo cdna (ottenuto a partire dalle cellule esposte al mercurio), avrai saturato i siti di legame per i cdna che sono stati ottenuti in assenza di mercurio. Questo non è ideale, perché desideri che attraversino la colonna solamente i cdna che sono derivati dagli mrna espressi specificamente in presenza di mercurio. Questi cdna non sono complementari a nessuna molecola di cdna legata alla colonna. S3. A. Un microarray di DNA è un piccolo vetrino sul quale sono stati deposti molti frammenti diversi di DNA. In alcuni microarray, i frammenti di DNA, che vengono prodotti per sintesi (cioè mediante PCR), vengono deposti singolarmente sul vetrino. I frammenti di DNA sono lunghi tipicamente dalle 500 alle 5000 bp, e ne vengono distribuiti da poche migliaia a decine di migliaia. Alternativamente, dei brevi oligonucleotidi possono essere sintetizzati direttamente sulla superficie del vetrino. In questo processo, la sequenza di DNA in un determinato spot viene prodotta mediante il controllo selettivo dell'allungamento dell'oligonucleotide usando precisi fasci di luce. In questo caso, possono essere deposti centinaia di migliaia di frammenti. B. Nella maggioranza dei casi, il cdna marcato con fluorescenza viene ibridato con il microarray, sebbene possano essere utilizzati anche DNA genomico oppure RNA.

3 C. Dopo l'ibridazione, l'array viene lavato e visualizzato mediante un microscopio confocale che scansiona ciascun pixel (l'elemento più piccolo di un'immagine). Dopo avere eliminato il segnale di fondo, l'intensità finale della fluorescenza di ogni spot viene calcolata come media dei pixel che costituiscono ciascuno spot. I risultati sono costituiti da un gruppo di macchie fluorescenti in posizioni definite del microarray. S4. Il cdna marcato con fluorescenza verde è derivato dall mrna ottenuto precocemente dalle cellule, quando i livelli di glucosio erano alti. Gli altri campioni di cdna sono derivati da cellule raccolte in momenti successivi, quando i livelli di glucosio stavano diminuendo e quando si stava verificando lo shift diauxico. Questi erano colorati con fluorescenza rossa. La fluorescenza verde fornisce il livello base di espressione quando il glucosio è elevato. Nelle fasi successive, se il rapporto rosso/verde è elevato (cioè maggiore di uno), questo significa che un gene risulta attivato al diminuire dei livelli di glucosio, perché ci sono più cdna rossi che verdi. Se il rapporto è basso (cioè inferiore a uno) questo significa che un gene viene represso. S5. L'analisi dei cluster è un modo per analizzare i dati dei microarray di DNA. Usando un computer, i dati vengono analizzati per determinare se alcuni gruppi di geni manifestano gli stessi profili di espressione in determinate condizioni, come è illustrato nella sezione Dati della Figura EG (Esperimento di genetica 21.1 sul sito internet). Alcuni gruppi di geni formano dei gruppi (cluster) che sono accomunati da profili di espressione molto simili. Questo è utile perché permette di identificare i geni che partecipano a una funzione cellulare comune. S6. Nella prima dimensione (quindi nel gel allungato), le proteine migrano verso il punto dove la loro carica netta è zero. Nella seconda dimensione, le proteine in presenza di SDS si separano secondo la loro massa molecolare. S7. Sì, l'elettroforesi bidimensionale può essere utilizzata come tecnica di purificazione. Uno spot in un gel bidimensionale può essere tagliato e asportato, e la proteina può esserne eluita. Questa proteina purificata può essere sottoposta alla spettrometria di massa in tandem per determinarne la sequenza. Deve essere ricordato, tuttavia, che l'elettroforesi bidimensionale non viene utilizzata per purificare le proteine nel loro stato funzionale. L'esposizione all'sds nella seconda dimensione denatura le proteine e probabilmente ne inattiva la funzione. S8. Nella spettrometria di massa in tandem, il primo spettrometro determina la massa di un frammento peptidico della proteina di interesse. Il secondo spettrometro determina le masse di frammenti progressivamente più piccoli derivanti da quel peptide. Dato che le masse di ciascun aminoacido sono note, le masse molecolari di questi frammenti più piccoli rivelano la sequenza aminoacidica del peptide. Con l informazione della sequenza del peptide, è possibile utilizzare il codice genetico e ottenere le sequenze di DNA che potrebbero codificare quel peptide. A causa della degenerazione del codice genetico è possibile più di una sequenza. Queste sequenze sono utilizzate per interrogare un database genomico, che fornirà con buone probabilità una sequenza corrispondente. La sequenza genomica può poi essere analizzata per determinare l intera sequenza codificante per la proteina di interesse. S9. I due tipi generali di microarray di proteine sono i microarray di anticorpi e gli array di proteine funzionali. In un microarray di anticorpi, vengono deposte numerose molecole di anticorpi diversi, ciascuna che riconosce una sequenza peptidica diversa. Le proteine cellulari vengono isolate, marcate con fluorescenza ed esposte al microarray. Quando una proteina viene riconosciuta da un anticorpo, sarà catturata e rimarrà legata allo spot. Dato che ogni anticorpo riconosce una diversa sequenza peptidica, questo microarray può essere utilizzato per monitorare i livelli di espressione proteica. Un microarray di proteine funzionali prevede la purificazione delle proteine funzionali e la loro deposizione su un vetrino. Questo tipo di

4 microarray può essere analizzato rispetto alla specificità di substrato, di legame a specifiche sostanze, e/o alle interazioni proteina/proteina. S10. Una strategia è quella di utilizzare la ricerca di segnale, che si basa su sequenze note come i promotori, i codoni d inizio e di stop, i siti di splicing, per aiutarci a predire se una sequenza contiene, o meno, un gene strutturale. L approccio cerca di identificare una regione che contiene una sequenza promotore, seguita da un codone d inizio, e un codone di stop. Una seconda strategia si basa sull approccio della ricerca per contenuto. Lo scopo è quello di identificare le sequenze il cui contenuto di nucleotidi si differenzi in modo significativo da una distribuzione casuale, che è solitamente attribuibile all uso preferenziale dei codoni. L approccio della ricerca per contenuto cerca di localizzare le regioni codificanti identificando le zone dove il contenuto di nucleotidi manifesta una preferenzialità di scelta. Un terzo metodo per localizzare i geni strutturali è quello di cercare lunghi moduli di lettura aperti (ORF) all interno di una sequenza di DNA. Un ORF è una sequenza che non contiene codoni di stop. S11. Un motivo è una sequenza che svolge una particolare funzione. Ci sono motivi promotore, motivi enhancer, e motivi aminoacidici che svolgono ruoli funzionali nelle proteine. In una lunga sequenza genetica, un computer può analizzare la sequenza e identificare i motivi con elevata velocità e accuratezza. L'identificazione dei motivi aminoacidici permette ai ricercatori di capire la funzione di una particolare proteina. S12. Interrogando un database, è possibile identificare le sequenze genetiche che sono omologhe a una sequenza appena determinata. Nella maggior parte dei casi, le sequenze omologhe svolgono funzioni identiche oppure molto simili. Perciò, se viene identificato un elemento di un database omologo la cui funzione è già nota, questo fornisce un informazione importante rispetto alla funzione della sequenza appena determinata. S13. In un approccio comparativo, si utilizzano le sequenze di molti geni omologhi. Questo metodo assume che gli RNA con sequenze e funzioni simili abbiano una struttura simile. Per esempio, i programmi informatici possono confrontare molte sequenze di RNA 16S per prevederne la struttura secondaria. S14. La base per la predizione della struttura secondaria è che alcuni aminoacidi tendono ad essere presenti più frequentemente nelle α eliche o nei foglietti β. Questa informazione è stata ottenuta dalla frequenza statistica degli aminoacidi nelle strutture secondarie che sono già state cristallizzate. L accuratezza dei metodi predittivi è circa del 60-70%, il che non è soddisfacente. S15. Prima di poter predire la struttura terziaria di una proteina di interesse sulla base della sua sequenza aminoacidica, la struttura tridimensionale di una proteina omologa deve essere già stata risolta mediante cristallografia ai raggi X. S16. Il programma BACKTRANSLATE si basa sulla conoscenza del codice genetico. Ogni aminoacido corrisponde a uno o più codoni (sequenze di tre basi) che sono specificate dal codice genetico. Questo programma produrrà un singolo file con una sequenza di basi nucleotidiche. Il programma BACKTRANSLATE produrrà una sequenza basica degenerata perché il codice genetico è degenerato. Per esempio, la lisina può essere specificata da AAA oppure AAG. Il programma probabilmente genera un file singolo con una base degenerata in quella posizione. Per esempio, se la sequenza aminoacidica fosse lisina-metionina-glicinaglutamina, il programma produrrebbe la seguente sequenza 5 AA(A/G)ATGGG(T/C/A/G)CA(A/G)

5 Le basi indicate tra parentesi sono le basi possibili a causa della degenerazione del codice genetico. S17. I vantaggi di utilizzare un programma informatico sono la velocità e l'accuratezza. Una volta realizzato il programma, e avere inserito la sequenza nel computer, il programma è in grado di analizzare lunghe sequenze genetiche velocemente e in modo accurato. S18. A. Per identificare uno specifico elemento trasponibile, il programma userà il riconoscimento di sequenza. La sequenza degli elementi P è già nota. Al programma sarà fornita questa informazione e analizzerà un file di sequenza per cercare una corrispondenza. B. Per identificare un codone di stop, il programma userà il riconoscimento di sequenza. Esistono tre codoni di stop, che sono specifiche sequenze di tre basi. Al programma saranno fornite queste sequenze di tre basi e il software analizzerà la sequenza per identificare una corrispondenza perfetta. C. Per identificare un inversione di qualsiasi tipo, il programma utilizzerà il riconoscimento di un pattern. In questo caso il programma cercherà un pattern nel quale la stessa sequenza sia presente in direzioni opposte rispetto ai due file di sequenza. D. Per identificare i geni, una ricerca mediante l approccio di segnale usa sia il riconoscimento di sequenza che il riconoscimento di un pattern. Esso cerca un organizzazione degli elementi funzionali che costituirebbero un gene funzionale. Un approccio della ricerca per contenuto identifica i geni sulla base dei pattern, non sulla base degli elementi funzionali specifici. Questo approccio cerca un pattern nel quale il contenuto in nucleotidi sia diverso da una distribuzione casuale. Il terzo approccio per identificare un gene è l analisi di una sequenza genetica per identificare un lungo modulo di lettura aperto. Questo approccio è una combinazione di un riconoscimento di sequenza e riconoscimento di un pattern. Il programma ricerca elementi funzionali specifici (per esempio codoni di stop), ma cerca anche un pattern nel quale i codoni di stop siano lontani tra loro. S19. Un elemento funzionale è una sequenza specializzata (ossia una sequenza di basi oppure di aminoacidi) con un particolare significato o funzione. Due esempi possono essere un codone di stop (per esempio UAA), che è un elemento funzionale di basi, e una sequenza di aminoacidi che rappresenta un sito di glicosilazione (per esempio asparagina-qualsiasi aminoacido-serina oppure treonina, che è un elemento funzionale di aminoacidi oppure un motivo. Il programma informatico non crea questi elementi funzionali. Al programma vengono fornite le informazioni riguardanti gli elementi funzionali, e quest'informazione deriva dalla ricerca genetica. Gli scienziati hanno svolto degli esperimenti per identificare le sequenze di basi che costituiscono un codone di stop e le sequenze di aminoacidi che vengono glicosilate. Dopo che queste informazioni si sono rese disponibili grazie alla ricerca, esse possono essere inserite nei programmi informatici, che possono quindi analizzare nuove sequenze genetiche e identificare la presenza e la posizione dei codoni di stop e dei siti di glicosilazione. S20. A. E più probabile che gli aminoacidi più conservati (gli stessi in tutti i membri della famiglia) siano importanti per la struttura e/o la funzione. Questo perché una mutazione che cambi l aminoacido potrebbe alterare la struttura e la funzione, e questi tipi di mutazioni saranno selezionati a sfavore. Aminoacidi completamente conservati sono presenti nelle seguenti posizioni: 101, 102, 105, 107, 108, 116, 117, 124, 130, 134, 139, 143, e 147.

6 S21. B. E più probabile che gli aminoacidi meno conservati non siano molto importanti perché le variazioni nell aminoacido non sembrano inibire la funzione (altrimenti, la selezione naturale avrebbe eliminato questa mutazione). In un sito, la posizione 118, ci sono cinque diversi aminoacidi. A. Siccome la maggior parte delle sequenze della famiglia contengono una istidina, questo sembra essere il codone ancestrale. Il codone per l'istidina è mutato in un codone per l'arginina dopo la duplicazione genica che ha generato il gene della ζ globina. Questo sarebbe avvenuto dopo la comparsa dei primati ossia tra 10 e i 20 milioni di anni fa. B. Non sappiamo se il gene della globina ancestrale avesse una glicina oppure una prolina in posizione 121. La mutazione probabilmente è avvenuta dopo la duplicazione che ha generato la famiglia delle globine α e delle globine β, ma prima delle duplicazioni geniche che ha prodotto le copie multiple delle α e β globine, rispettivamente nel cromosoma 16 e 11. Perciò, essa è avvenuta tra i 300 e i 200 milioni di anni fa. C. Tutte le globine β possiedono un acido glutammico in posizione 103, e tutte le α-globine, eccetto la θ globina, presentano una valina. Non sappiamo se il gene ancestrale della globina avesse una valina oppure un acido glutammico nel codone 121. Tuttavia, una mutazione, che ha convertito l'uno nell'altro, è probabilmente avvenuta dopo la duplicazione che ha generato la famiglia della α-globine e delle β-globine, ma prima delle duplicazioni geniche che hanno prodotto le copie multiple delle α e β globine, rispettivamente nel cromosoma 16 e 11. Perciò, essa è avvenuta tra 300 e i 200 milioni di anni fa. La mutazione che ha generato il codone per l'alanina nel gene della θ globina è probabilmente avvenuta dopo la duplicazione genica che ha prodotto questo gene. Ciò si sarebbe verificato dopo la comparsa dei mammiferi (cioè negli ultimi 200 milioni di anni). S22. Questa sequenza è all interno del gene lacy dell operone lac di E. coli. I nucleotidi sono descritti nel paragrafo S23. Come descritto nella parte C del problema risolto R2, è probabile che il codone ancestrale codificasse serina. Consultando la tabella del codice genetico, un codone AGU oppure AGC della serina potrebbero mutare, mediante la sostituzione di una sola base, nel codone per Asn, Thr, oppure Ile. Al contrario, i codoni UCU, UCC, UCA, e UCG, che codificano ugualmente per la serina, non possono mutare in codoni per Asn oppure Ile con la variazione di una sola base. Perciò, i due possibili scenari sono illustrati di seguito. La base mutata è sottolineata. Le mutazioni avvengono a livello del DNA, sebbene siano indicate le sequenze dei codoni di RNA. Codone ancestrale ACU (Thr) AGU (Ser) AAU (Asn) AUU (Ile) Codone ancestrale ACC (Thr) AGC (Ser) AAC (Asn)

7 S24. AUC (Ile) A. Questa sequenza ha due regioni molto idrofobiche e lunghe circa 20 aminoacidi. Perciò, è probabile che questo polipeptide abbia due segmenti transmembrana. B. Esterno Membrana plasmatica Citoplasma S25. La struttura secondaria di un RNA è basata sulla capacità delle sequenze complementari (cioè le sequenze che seguono la regola dell'appaiamento AU/GC) di formare una doppia elica. Il programma impiega un approccio di riconoscimento di un pattern. Esso cerca le sequenze complementari sulla base della regola dell'appaiamento AU/GC. S26. A. Vero B. Falso. I programmi sono accurati solamente per il 60-70%. C. Vero

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Domini nelle Proteine

Domini nelle Proteine Struttura secondaria, Motivi e Domini nelle Proteine Proprietà generali Le forme ioniche degli aminoacidi, senza considerare alcuna ionizzazione delle catene laterali. Proprietà generali Tutti gli aminoacidi

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI

Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI I T I S G. F E R R A R I S Prof.ssa Silvia Recchia GLI ENZIMI DISPENSA BASATA SUI MATERIALI DEL PROF. F. GURZONI 1 Indice 1. La struttura! 2 2. Le prestazioni: l efficienza e la specificità! 7 3. L influenza

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II;

IL DIRETTORE. VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Napoli Federico II; AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI INCARICHI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DI DOCENZA NELL AMBITO DEL PRECORSO FORMATIVO DAL TITOLO FORMAZIONE DI ESPERTI NELL'IDENTIFICAZIONE E NELLO SVILUPPO DI NUOVI

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Versione A Libretto Test

Versione A Libretto Test LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 2 Linguaggio Matematico di Base LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 1. La media aritmetica di due numeri s e t è 2 3. Allora t è uguale a A. B. C. D. E. 4 2s 3 3 2s 2 4 3s 2 4 3s

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali

Spettrofotometro Agilent Cary 8454. Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali Spettrofotometro Agilent Cary 8454 Prestazioni, affidabilità e conformità eccezionali UV-VIS AGILENT Cary 8454 TECNOLOGia DIODE ARRAY COLLAUdata Agilent Technologies è il tuo partner ideale per la spettroscopia

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA VETERINARIA Anno Accademico 2010/2011 Test di Biologia 1. Quale dei seguenti composti NON è di natura lipidica? A) Chitina B) Tripalmitina C) Vitamina

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli