Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida al Corso di. Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio"

Transcript

1 Guida al Corso di Mineralogia e costituenti delle rocce con laboratorio (Lezioni dettate dal Prof. Antonino Lo Giudice) * Anno Accademico * Alcune delle figure presenti nel testo sono state tratte da siti web. A tutti gli Autori, anche anonimi, và il mio sentito ringraziamento.

2

3 Indice Prefazione al corso. Pag. 2 I costituenti delle rocce " 3 Caratteri strutturali e morfologici dei minerali " 5 Considerazioni sui reticoli cristallini " 10 Introduzione strutturale alla cristallografia morfologica " 11 Cristallografia morfologica " 15 Cristallografia strutturale " 23 Richiami sui caratteri generali delle onde luminose " 24 La cristallografia X " 33 Applicazioni della cristallografia X " 42 Ottica Cristallografica " 46 Caratteristiche ottiche generali dei minerali " 46 Birifrangenza e segno ottico dei minerali " 52 Le indicatrici ottiche " 54 Definizione e costruzione delle indicatrici ottiche " 54 Forme e geometria delle indicatrici ottiche " 56 Orientazione delle Indicatrici Ottiche nei minerali " 59 Osservazioni ottiche sui minerali " 65 Il Microscopio da mineralogia " 66 I diversi tipi di osservazione al microscopio " 68 Osservazioni a luce parallela (ortoscopica) e ad un solo polaroide " 68 Osservazioni a luce parallela e a due polaroidi (Nicol s incrociati) " 77 Riflessioni sull equazione del ritardo e informazioni deducibili dall osservazione dei colori d interferenza " 82 Riflessioni sulle posizioni d estinzione " 85 I compensatori " 90 Osservazioni a luce convergente (conoscopica) e a due polaroidi (Nicol s incrociati) " 95 Figure d interferenza dei minerali birifrangenti uniassici (dimetrici) " 96 Figure d interferenza dei minerali birifrangenti biassici (trimetrici) " 100 Determinazione del segno ottico nei minerali uniassici e biassici " 104 Riconoscimento al microscopio delle principali fasi minerali costituenti le rocce " 108 Cristallochimica dei minerali " 128 I minerali e le loro strutture cristalline " 128 Le regole di Pauling " 131 Isomorfismo " 137 I tipi di isomorfismo " 141 Caratteristiche generali della cristallizzazione delle miscele isomorfe " 144 Polimorfismo " 157 I tipi di polimorfismo " 160 Rassegna dei principali minerali costituenti le rocce " 165 I silicati " 165 Nesosilicati " 170 Sorosilicati " 173 Inosilicati " 174 Fillosilicati " 182 Tectosilicati " 190 Carbonati, solfati, fosfati, alogenuri, solfuri, ossidi e idrossidi, elementi nativi " 200 Appendice " 206 Peso specifico, Densità, Durezza, Suscettività magnetica, Piezoelettricità " 206 Le forme semplici nelle diverse classi dei diversi sistemi " 210 I geminati. Le principali leggi di geminazione nei feldspati " 218

4

5 Rassegna dei principali minerali costituenti le rocce La tipologia dei minerali che si rinvengono nella crosta terrestre discende direttamente dalla sua composizione. Poiché la composizione della litosfera è rappresentata in stragrande maggioranza ( 98.6%) da uno sparuto numero di elementi (in ordine d abbondanza: O, Si, Al, Fe, Ca, Na, K, Mg; a questi elementi seguono, talora in quantità significative, C, S, Ti, P, Mn, F, Cl, e gli elementi in tracce più abbondanti Sr, Rb, Ba, Cr, Zr, ecc.) dobbiamo attenderci che i minerali più diffusi abbiano composizione rappresentata dagli stessi predetti elementi. I minerali che si ritrovano più diffusamente in seno alle rocce appartengono a diverse tipologie composizionali. Tenendo conto della classificazione proposta da Strunz (1970) e della loro diffusione ricordiamo: i silicati 182 i carbonati, i solfati, i fosfati, gli alogenuri, i solfuri, gli ossidi e gli idrossidi, gli elementi nativi. I silicati I silicati sono dei composti ossigenati in cui il Silicio e l ossigeno assolvono alla funzione di radicale acido: essi sono stati a lungo considerati sali derivanti da ipotetici acidi silicici. Le moderne conoscenze sulla natura dei legami che intercorrono fra i diversi elementi in seno alle strutture cristalline fa sì che i silicati vengono oggi classificati su base strutturale. Detta classificazione discende dal diverso modo di collegarsi fra loro dei tetraedri di coordinazione SiO 4. Tali diverse modalità sono determinate dal rapporto Si : O che caratterizza l ambiente di formazione dei silicati. Si distinguono: Nesosilicati: silicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 non condividono alcun elemento con altri tetraedri. In seno alla struttura vengono pertanto individuati dei gruppi [SiO 4 ] 4 - ; si noti che le cariche negative risiedono negli ossigeni e che tali cariche dovranno essere saturate da altri cationi a numero di coordinazione diversa da quattro (tetraedrica). Ciò significa che la distribuzione tridimensionale degli ioni O 2 - determina sia i siti a coordinazione tetraedrica (occupati da Si) che altri siti strutturali che, occupati da cationi diversi da Si, garantiranno la neutralità elettrostatica della struttura (cfr. 2 a regola di Pauling). Nei nesosilicati pertanto avremo a che fare con strutture in cui sono presenti tetraedri di coordinazione SiO 4 fra loro isolati ed altri poliedri di coordinazione che facendo da ponte, collegano fra loro i diversi tetraedri e conferiscono alla struttura il suo assetto tridimensionale stabile. Sorosilicati: silicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 si raggruppano in un numero limitato (n) condividendo ciascuno di essi uno o due dei propri vertici con altrettanti tetraedri di coordinazione. n può assumere i valori di 2, 3, 4, 6. Se n = 2 si ha il raggruppamento [Si 2 O 7 ] 6 - determinato da una coppia di tetraedri di coordinazione SiO 4 che condividono un loro vertice (figura 175 a). Ogni coppia di tetraedri di coordinazione SiO 4 così determinata non condivide alcun proprio elemento con altre coppie. a b c d Figura Fra i silicati non tratteremo le fasi del biossido di silicio (SiO 2 ) che saranno trattate fra gli Ossidi.. 165

6 Se n = 3, 4 o 6 si hanno rispettivamente i raggruppamenti: Si 3 O 9, Si 4 O 12 e Si 6 O 18 (in generale [Si n O 3n ] 2n- ) (figura 175 b, c e d). Ognuno di detti raggruppamenti è dato rispettivamente da anelli triangolari, quadrati o esagonali in cui ciascun tetraedro di coordinazione SiO 4 condivide con quello che lo precede e che lo segue nell anello due dei suoi vertici (per questa caratteristica sono anche detti ciclosilicati). Ogni anello di tetraedri di coordinazione SiO 4 così determinato non condivide alcun proprio elemento con altri anelli. Analogamente a quanto già visto per i nesosilicati, tali gruppi isolati di tetraedri saranno connessi fra loro da altri poliedri di coordinazione che con i loro cationi occupanti ne neutralizzano le cariche negative e assicurano stabilità tridimensionale alla struttura. Inosilicati: silicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 si raggruppano in un numero illimitato ( ) condividendo ciascuno di essi due o tre dei propri vertici con altrettanti tetraedri di coordinazione. Si realizzano in tal modo delle successioni unidirezionali di tetraedri di coordinazione SiO 4 in cui ciascun tetraedro condivide con il tetraedro che lo segue e che lo precede due dei suoi vertici ed alcuni di essi possono inoltre condividere un altro dei propri vertici con un tetraedro ad esso affiancato. Dette distribuzioni unidirezionali di tetraedri di coordinazione SiO 4 vengono indicate come catene di tetraedri di coordinazione SiO 4. In relazione al fatto che si realizzi o meno la condivisione di un terzo vertice fra tetraedri di coordinazione SiO 4 fra loro affiancati si parla di catene semplici o di catene doppie. Possono esistere diversi tipi di catene semplici o di catene doppie. Catene semplici: si realizzano quando tutti i tetraedri di coordinazione SiO 4 condividono due dei loro vertici con i tetraedri che li seguono e li precedono nella catena; la disposizione spaziale dei tetraedri adiacenti nella catena determina i diversi tipi di catene caratterizzate da diversi periodi di ripetizione 183 lungo di esse. I tipi più significativi di catene semplici sono: a) catene con disposizioni equiverse dei tetraedri di coordinazione SiO 4. La disposizione dei tetraedri nella struttura cristallina è come quella esemplificata in figura Si noti che il periodo di ripetizione lungo la catena è pari alla lunghezza dello spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4 e che la catena stessa è ovviamente data dalla successione di tetraedri isoorientati uno accanto all altro. Ogni periodo di ripetizione comprende un solo tetraedro di coordinazione che, condividendo due dei suoi vertici con altri tetraedri di coordinazione individua un rapporto Si : O = 1 : 3 o, il che è lo stesso, un motivo [SiO 3 ] 2 - che si ripete all infinito. a b Figura 176 b) catene con disposizioni dei tetraedri di coordinazione SiO 4 speculari, traslati ed equiversi. La disposizione dei tetraedri nella struttura cristallina è come quella esemplificata in figura Ogni catena può essere assimilata ad un filare: il periodo di ripetizione lungo la catena corrisponde quindi al periodo d identità lungo il filare individuato dalla catena. 184 Nella figura 176 a i tetraedri di coordinazione SiO 4 sono rappresentati in modalità espansa (Si = pallino rosso; O = pallino verde). Nella figura 176 b gli stessi tetraedri di coordinazione SiO 4 sono rappresentati quali solidi visti dalla direzione di uno degli ossigeni non condivisi. Il Silicio si colloca al centro di detto solido e gli ossigeni ai suoi vertici. Questo secondo tipo di rappresentazione risulta graficamente più comoda e sarà di seguito generalmente adottata. Questi simbolismi saranno adottati anche nelle figure che seguono.. 166

7 Si noti che il periodo di ripetizione lungo la catena è pari al doppio della lunghezza dello spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4. Ogni periodo di ripetizione comprende due tetraedri di coordinazione che, condividendo ciascuno due dei loro vertici con altri tetraedri di coordinazione individuano un rapporto Si : O = 2 : 6 o, il che è lo stesso, un motivo [Si 2 O 6 ] 4- che si ripete all infinito. a Figura 177 b c) catene con disposizioni dei tetraedri di coordinazione SiO 4 ruotati e traslati. La rotazione così come la traslazione avviene lungo la direzione della catena. Una catena comune di questo tipo vede una rotazione di 120 ed una traslazione pari ad ⅓ del periodo d identità lungo la catena figura Si noti che il periodo di ripetizione lungo la catena è pari al triplo della lunghezza dello spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4. Ogni periodo di ripetizione comprende tre tetraedri di coordinazione che, condividendo ciascuno due dei loro vertici con altri tetraedri di coordinazione individuano un rapporto Si : O = 3 : 9 o, il che è lo stesso, un motivo [Si 3 O 9 ] 6 - che si ripete all infinito. Esistono altre catene di questo tipo in cui il periodo di ripetizione lungo la catena è eguale ad n volte lo spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4 e in cui la rotazione di ciascuno di essi lungo la catena è eguale a 360 / n. a Figura 178 b Quale che sia il tipo di catena semplice presente nella struttura cristallina, esse sono in numero infinito, fra loro parallele e ciascuna di esse non condivide con le altre alcun proprio elemento. Ciò significa che ancora una volta la distribuzione tridimensionale degli ioni O 2 - non solo determina le posizioni tetraedriche (centrate dal Si) ma anche altre posizioni strutturali che saranno occupate da altri cationi che con la loro presenza garantiranno la neutralità elettrostatica del reticolo cristallino ed il collegamento fra le diverse catene. Catene doppie: si realizzano attraverso la condivisione di elementi (vertici dei tetraedri di coordinazione SiO 4 ) di coppie di catene semplici contigue. I tipi più significativi di catene doppie sono: a) catene doppie derivanti dalla congiunzione di coppie di catene semplici contigue con disposizioni equiverse dei tetraedri di coordinazione SiO 4. La disposizione dei tetraedri nella struttura cristallina è come quella esemplificata in figura 179. Si noti che il periodo di ripetizione lungo la catena è pari alla lunghezza dello spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4 e che nella catena tutti i tetraedri di coordinazione condividono, con altrettanti tetraedri tre dei loro vertici.. 167

8 Ogni periodo di ripetizione comprende due tetraedri di coordinazione che, condividendo ciascuno tre dei loro vertici con altri tetraedri di coordinazione individuano un rapporto Si : O = 2 : 5 o, il che è lo stesso, un motivo [Si 2 O 5 ] 2 - che si ripete all infinito. a b Figura 179 b) catene doppie derivanti dalla congiunzione di coppie di catene semplici contigue con disposizioni dei tetraedri di coordinazione SiO 4 speculari, traslati ed equiversi. La disposizione dei tetraedri nella struttura cristallina è come quella esemplificata in figura 180. Si noti che il periodo di ripetizione lungo la catena è pari al doppio della lunghezza dello spigolo del tetraedro di coordinazione SiO 4. Ogni periodo di ripetizione comprende quattro tetraedri di coordinazione a Figura 180 b di cui due condividono due dei loro vertici con altri tetraedri di coordinazione e i restanti due condividono tre dei loro vertici con altri tetraedri di coordinazione; viene pertanto individuato un rapporto Si : O = 4 : 11 o, il che è lo stesso, un motivo [Si 4 O 11 ] 6 - che si ripete all infinito 185. Quale che sia il tipo di catena doppia presente nella struttura cristallina, esse sono in numero infinito, fra loro parallele e ciascuna di esse non condivide con le altre alcun proprio elemento. Anche in questo caso, come già detto in precedenza, la distribuzione tridimensionale degli ioni O 2 - determina altre posizioni strutturali che saranno occupate da altri cationi che con la loro presenza garantiranno la neutralità elettrostatica del reticolo cristallino ed il collegamento fra le diverse catene. 185 L individuazione del motivo strutturale [Si 4 O 11 ] 6- che si ripete all infinito può essere derivato dalla seguente considerazione: a) il motivo che si ripete linearmente lungo il filare che identifica la catena è dato da un anello esagonale (cfr. figura 180); b) ciascuno di tali anelli condivide con quello che lo precede e con quello che lo segue due dei suoi lati costituiti ciascuno da due Si e tre O: tali elementi condivisi appartengono per ciascun anello solo per la loro metà cioè Si = 1 e O = 1.5; c) gli altri elementi compresi nell anello (due Si ed otto O) appartengono interamente all anello e pertanto valgono ciascuno per una unità. Sommando il tutto si ottiene che un anello individua complessivamente 4 Si ed 11 O cioè il motivo [Si 4 O 11 ]

9 Fillosilicati: silicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 si raggruppano in un numero illimitato ( ) condividendo ciascuno tre dei propri vertici con altrettanti tetraedri di coordinazione contigui. Si realizzano in tal modo delle successioni bidirezionali di tetraedri di coordinazione SiO 4 in cui a b Figura 181 ciascun tetraedro condivide con i tetraedri che lo circondano tre dei propri vertici (figura 181). Nei fillosilicati gli ossigeni del tetraedro di coordinazione che risultano legati ad un solo Si sono rivolti tutti dalla medesima parte (cfr. figura 181). Dette distribuzioni bidirezionali di tetraedri di coordinazione SiO 4 vengono indicate come piani di tetraedri di coordinazione SiO 4. Il piano definito dai tetraedri di coordinazione SiO 4 è descritto da una maglia elementare rettangolare centrata (ABCD) che isola complessivamente 4 posizioni tetraedriche. Poiché ciascun tetraedro di coordinazione condivide tre dei suoi vertici con altrettanti tetraedri ne deriva un rapporto Si : O = 4 : 10 o, il che è lo stesso, un motivo [Si 4 O 10 ] 4 - che si ripete all infinito 186. La distribuzione degli ioni O 2 - (cfr. Figura 181) su infiniti piani fra loro paralleli determina oltre alle già descritte posizioni tetraedriche altre posizioni strutturali che saranno occupate da altri cationi che con la loro presenza garantiranno la neutralità elettrostatica del reticolo cristallino ed il collegamento fra i diversi piani di tetraedri di coordinazione SiO 4. Tectosilicati: silicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 si raggruppano in un numero illimitato ( ) condividendo ciascuno tutti e quattro i propri vertici con altrettanti tetraedri di coordinazione contigui. Vengono in tal modo a determinarsi delle distribuzioni tridimensionali continue di tetraedri di coordinazione SiO 4 caratterizzate da bassa densità ed i cui ossigeni individuano siti strutturali di elevate dimensioni che possono ospitare cationi ad elevato numero di coordinazione. Si noti come, dato che tutti i tetraedri di coordinazione SiO 4 condividono con altri tetraedri tutti i loro vertici, il rapporto Si:O che caratterizza tale distribuzione sia Si : O = 1 : 2 ciò vuol che in seno alla struttura si ha il motivo [SiO 2 ] n che si ripete all infinito. Si noti che alla formula SiO 2 corrisponde un composto neutro (biossido di silicio). Ciò vuol dire che ad una distribuzione tridimensionale dei tetraedri di coordinazione SiO 4 quale quella sopra descritta, stante l assenza di cariche negative da saturarsi, nella struttura, pur essendo presenti siti strutturali diversi da quelli tetraedrici, non saranno presenti cationi che vi troveranno collocazione: in altre parole non esisteranno silicati ma solo le varie modificazioni polimorfe di SiO 2. Vedremo più avanti, trattando nello specifico dei tectosilicati, come la vicarianza, in alcune posizioni tetraedriche, di Al 3+ con Si 4+ crea delle cariche negative da saturare e pertanto le ampie 186 Il valore [Si 4 O 10 ] 4- della cella elementare ABCD che si ripete all infinito sul piano reticolato può essere ricavato anche attraverso le medesime considerazioni esposte nella nota n

10 posizioni strutturali presenti nel reticolo (vuote nelle modificazioni polimorfe di SiO 2 ) saranno riempite da cationi che renderanno elettrostaticamente neutro il reticolo cristallino i tectosilicati pertanto esistono solo a condizione che detta vicarianza si realizzi e quindi saranno tutti degli allumosilicati. Nesosilicati Fra i minerali appartenenti al gruppo dei nesosilicati ricordiamo le olivine, i granati, l andalusite, la cianite, il cloritoide, la staurolite, la titanite e lo zircone. Le olivine. Sono miscele isomorfe in tutti i rapporti fra i termini puri Forsterite (Fo Mg 2 [SiO 4 ]) e Fayalite (Fa Fe 2 [SiO 4 ]); hanno formula strutturale Y 2 [ZO 4 ] e cristallizzano nel sistema rombico. La loro composizione generalizzata è espressa dalla seguente formula cristallochimica 187 : (Mg,Fe) 2 [SiO 4 ]. Il loro tipo si reticolo, vincolato alla ortogonalità degli assi, ed il basso numero di siti strutturali fra loro diversi non consentono la vicarianza Al 3+ Si 4+. In funzione del contenuto in Fo, le diverse miscele assumono le seguenti denominazioni: forsterite (Fo=100 90%), crisolito (Fo=90 70%), hyalosiderite (Fo=70 50%), hortonolite (Fo=50 30%), ferrohortonolite (Fo=30 10%), fayalite (Fo=10 0%). Le proprietà fisiche, ed in particolare quelle ottiche, di questi minerali cambiano al variare del tenore in Fa in soluzione solida. Oltre a quanto già detto in precedenza ricordiamo la variazione dell angolo 2Vα degli assi ottici che assume carattere diagnostico della loro composizione (Figura 182). Le caratteristiche del diagramma di cristallizzazione di questi minerali sono analoghe a quelle già descritte per le miscele Figura 182 isomorfe binarie a miscibilità completa (cfr. Figura 160) in cui il termine puro magnesiaco (Forsterite) è quello che cristallizza a temperatura più alta. I granati. Sono miscele isomorfe in vari rapporti fra i termini puri: Piropo (Py Mg 3 Al 2 [SiO 4 ] 3, Almandino (Alm Fe Al 2 [SiO 4 ] 3, Spessartina (Sp Mn 3 Al 2 [SiO 4 ] 3, Grossularia (Gr Ca 3 Al 2 [SiO 4 ] 3, Andradite (And Ca 3 Fe [SiO 4 ] 3, Uvarovite (Uv Ca 3 Cr 2 [SiO 4 ] 3. La loro formula strutturale è X 3 Y 2 [ZO 4 ] 3 e cristallizzano nel sistema monometrico. Anche in questo caso non si realizzano vicarianze fra Al 3 + e Si 4+. Si noti che la posizione Y a numero di coordinazione [6] è occupata da ioni con raggio ionico piccolo e fra loro prossimo (Al, Fe 3 +, Cr) mentre la posizione X a numero di coordinazione [8] cubica distorta è occupata da ioni a raggio ionico maggiore più ampiamente variabile (Mg, Fe 2+, Mn e Ca). Questo fatto fa sì che la miscibilità fra i diversi termini dei granati sia fortemente influenzata dal variabile grado di vicarianza che si realizza nella posizione strutturale X. In questo contesto si distinguono due serie di granati: - la serie della piralspite data dalle miscele isomorfe fra Piropo (Mg 3 Al 2 [SiO 4 ] 3, Almandino (Fe Al 2 [SiO 4 ] 3 e Spessartina (Mn 3 Al 2 [SiO 4 ] 3 ; 187 La formula cristallochimica rappresenta i rapporti molari fra i diversi elementi che compongono il minerale ed, attraverso l indicazione dei diversi siti strutturali e delle vicarianze che in essi si realizzano, i lineamenti essenziali della struttura cristallina che lo caratterizzano.. 170

11 - e la serie della ugrandite data dalle miscele isomorfe fra Grossularia (Ca 3 Al 2 [SiO 4 ] 3, Andradite (Ca 3 Fe [SiO 4 ] 3 ed Uvarovite (Ca 3 Cr 2 [SiO 4 ] 3. I rapporti di miscibilità allo stato solido fra i diversi termini dei granati, pertanto, si realizzano in modo significativamente diverso all interno dei termini delle serie piralspitica o di quelli della serie ugranditica nonché fra i termini delle due serie. I diagrammi di miscibilità relativi ai granati piralspitici e a quelli ugranditici sono riportati in figura 183. Si noti che fra i granati della serie piralsptica esiste una ampia lacuna di a Figura 183 b miscibilità binaria fra Piropo e Spessartina determinata dalla limitata vicarianza fra gli ioni Mg e Mn; la completa vicarianza fra Mg e Fe 2+ e fra Fe 2+ e Mn determina invece la completa miscibilità allo stato solido dell Almandino sia con il Piropo che con la Spessartina. Il tutto si compendia nell esistenza di una lacuna di miscibilità ternaria che progressivamente si riduce al crescere della presenza del termine Almandino nella miscela (figura 183 a). Per quanto riguarda i granati della serie ugranditica la prossimità dei raggi ionici di Al, Fe 3 + e Cr rende possibile qualsiasi miscela ternaria e la rarità dei granati cromiferi si correla con la bassa presenza del Cr nelle rocce (figura 183 b). Figura 184 I rapporti di miscibilità fra i granati della serie piralspitica e quelli della serie ugranditica sono mostrati in figura 184. Le possibili miscele isomorfe fra i vari termini dei granati in Figura 184 sono rappresentate dai diversi rapporti di vicarianza fra Ca e (Mg, Fe 2 +, Mn) nella posizione strutturale X e fra Al e Fe 3 + (stante la scarsa abbondanza dei termini cromiferi) nella posizione strutturale Y. Tali rapporti sono espressi dai valori di R 2 = Ca/(Ca + Mg+ Fe Mn) ed R 1 = Fe 3 + /(Al + Fe 3+ ). L andalusite e la cianite L andalusite e la cianite sono due delle modificazioni polimorfe del silicato d alluminio Al 2 O[SiO 4 ] l altra modificazione polimorfa (la Sillimanite) è un inosilicato. I loro campi di stabilità sono indicati in figura 185. Questi minerali sono tipici di rocce metamorfiche e caratterizzano ambienti diversi: la cianite è un minerale che caratterizza ambienti di alta pressione e temperature relativamente basse rispetto a quelle attese in base ad un gradiente geotermico normale 188 ; l andalusite è un minerale che caratterizza ambienti di alta temperatura e pressioni relativamente basse rispetto a quelle attese in 188 Lo studente avrà modo di approfondire nel corso di Petrografia quanto qui viene accennato.. 171

12 base ad un gradiente geobarico normale; la sillimanite è un minerale che caratterizza ambienti di alta temperatura e pressione quali quelle che si realizzano nel processo di metamorfismo regionale progrado di rocce pelitiche. La posizione del punto triplo di coesistenza delle fasi del silicato di alluminio ha notevole importanza petrologica. Figura 185 Il cloritoide Il cloritoide è un minerale monoclino la cui composizione è: [(Fe 2+,Mg) 2 Al] (OH) 4 Al 3 O 2 [SiO 4 ] 2. Esso ha una struttura che richiama quella della clorite 189 ed in cui sono presenti degli strati di ottaedri di coordinazione centrati da Mg, Fe 2+ ed Al, concatenati fra loro da tetraedri isolati [SiO 4 ]. Si tratta di un minerale che si rinviene in rocce metamorfiche di basso grado metamorfico, caratterizzate da particolari composizioni (cfr. nota n. 188). La staurolite La staurolite è un minerale monoclino pseudorombico la cui composizione è: [(Fe 2 +,Mg)2 (Al,Fe) 9 ] [SiO 4 ] 4 O 6 (O, OH) 2. Si tratta di un minerale che si rinviene in rocce metamorfiche di grado metamorfico medio basso, caratterizzate da particolari composizioni (cfr. nota n. 188). La titanite La titanite è un minerale monoclino ad abito prismatico la cui composizione è CaTiO[SiO 4 ]; il Ti ha numero di coordinazione [6] mentre il calcio ha numero di coordinazione [7]. È un minerale accessorio di molte rocce magmatiche e metamorfiche. Al microscopio si riconosce per il doppio sistema di tracce di sfaldatura secondo la forma {110} (simile a quello degli anfiboli), per il colore giallo bruno, per l elevato rilievo e l elevata birifrangenza. Lo zircone Lo zircone è un minerale tetragonale ad abito prismatico la cui composizione è Zr[SiO 4 ]; è un minerale accessorio di molte rocce magmatiche ricche in SiO 2 e metamorfiche. È isomorfo con altri silicati di metalli radioattivi (coffinite U[SiO 4 ], thorite Th[SiO 4 ]). Al microscopio si riconosce per essere incolore e dotato di elevato rilievo ed elevata birifrangenza. Quando incluso nella biotite si rivela spesso per la presenza di aloni policroici connessi al danneggiamento del reticolo cristallino della biotite causato dall emissione di particelle da parte degli elementi radioattivi in esso presenti. 189 La clorite è un fillosilicato di cui si dirà più avanti.. 172

13 Sorosilicati Fra i minerali appartenenti al gruppo dei sorosilicati ricordiamo gli epidoti, la lawsonite, la pumpellyite, il berillo e la tormalina. Gli epidoti Gli epidoti sono miscele isomorfe dei seguenti componenti: Clinozoisite Ca 2 AlAl 2 [SiO 4 ][Si 2 O 7 ](O,OH) 2 Epidoto s.s. (Pistacite) Ca 2 Fe 3 + Al2 [SiO 4 ][Si 2 O 7 ](O,OH) 2 Piemontite Ca 2 (Mn 3 + Fe 3+ Al)3 [SiO 4 ][Si 2 O 7 ](O,OH) 2 Allanite (Ca, Ce, La, Y) 2 (Mn 3+ Fe 3+ Al) 3 [SiO 4 ][Si 2 O 7 ](O,OH) 2 Tali miscele danno luogo a minerali monoclini. Del composto Ca 2 AlAl 2 [SiO 4 ][Si 2 O 7 ](O,OH) 2 esiste una modificazione rombica denominata Zoisite. Si noti come in seno alla struttura esistono gruppi isolati sia del tipo [SiO 4 ] che del tipo [Si 2 O 7 ]. Gli epidoti sono importanti minerali di rocce di basso grado metamorfico di tipo regionale. Sono anche il prodotto di trasformazione del plagioclasio calcico (saussuritizzazione). L allanite è un minerale accessorio di rocce granitoidi. La lawsonite e la pumpellyite La lawsonite (rombica) e la pumpellyite (monoclina) sono minerali caratteristici di rocce metamorfiche legate a fenomeni di seppellimento di rocce basiche. La loro composizione è: Lawsonite CaAl 2 (OH) 2 [Si 2 O 7 ] Pumpellyite Ca 4 Mg(Al, Fe, Ti) 5 (O,OH) 4 [SiO 4 ] 2 [Si 2 O 7 ] 2 Il berillo Il berillo è un minerale esagonale caratteristico delle pegmatiti. Talora può raggiungere anche dimensioni metriche. La sua composizione è: Al 2 Be 3 [Si 6 O 18 ]. Le sue varietà limpide e trasparenti sono usate come gemme di elevato valore. Lo smeraldo è una varietà verde di berillo: il colore è dovuto alla presenza di Cr e V. L acquamarina è la varietà azzurra di berillo: il colore è legato alla presenza di tracce di Fe 2 +. La tormalina La tormalina è un minerale trigonale a composizione variabile del tipo: (Na,Ca)(Li,Fe 2+,Mg,Al, Fe 3+,Ti,Mn) 3 (Al) 6 (OH) 4 /[BO 3 ] 3 [Si 6 O 18 ]. Esso è un minerale accessorio in molte rocce magmatiche intrusive; si rinviene nelle pegmatiti e nei depositi pneumatolitici. È usata come gemma di discreto valore.. 173

14 Inosilicati Fra i minerali appartenenti al gruppo degli inosilicati ricordiamo i pirosseni, la wollastonite, gli anfiboli e la sillimanite. I pirosseni I pirosseni sono inosilicati a catena semplice con disposizione dei tetraedri di coordinazione SiO 4 speculari, traslati ed equiversi. (cfr. pag. 167 e Fig. 177). I pirosseni rispondono alla formula strutturale XY[Z 2 O 6 ] (X = posizione strutturale con numero di coordinazione [8] o [6]; Y = posizioni strutturali a coordinazione ottaedrica [6]; Z = posizione strutturale tetraedrica [4]) in cui [Z 2 O 6 ] individua il motivo strutturale (due tetraedri di coordinazione) che si ripete all infinito lungo tutte le catene. L orientazione reciproca delle diverse catene le vede fra loro parallele, parallele all asse delle z (c) ed alternativamente ruotale le une rispetto alle altre di 180. Tale distribuzione è ben evidenziabile se rappresentiamo ciascuna catena di tetraedri attraverso la sua visione su un piano ortogonale alla catena stessa (Figura 186). a b Figura 186. Aspetto di una catena di tetraedri di coordinazione Z 4 del tipo pirosseno, vista su un piano ortogonale alla direzione della catena. Dalla figura 186 a e b, si ricava chiaramente che ciascuna catena di tetraedri di coordinazione ZO 4 può essere rappresentata, su un piano ortogonale alla catena stessa, da un trapezio isoscele. Pertanto, considerato che l orientazione reciproca delle diverse catene le vede fra loro parallele ed alternativamente ruotale le une rispetto alle altre di 180, la rappresentazione della struttura di un pirosseno su una sua sezione ortogonale alle catene tetraedriche, sarà come quella riportata in figura 187. Si noti come ciascuna catena non sia elettrostaticamente neutra. Se consideriamo tutte le posizioni tetraedriche occupate dal Silicio si ha : [Si 2 O 6 ] 4 : per ogni catena le cariche negative da saturare risiedono nei vertici dei tetraedri di coordinazione che, in essa, non sono condivisi (con riferimento alla figura 187, vertici della base minore e della base maggiore dei trapezi). Nella figura 187 sono pure rappresentate le posizioni strutturali X ed Y che, ovviamente, si collocano in posizioni interposte alle catene Figura 187. Rappresentazione della struttura di un garantendo il loro collegamento e la stabilità pirosseno in sezione ortogonale alla direzione delle catene tridimensionale del reticolo. di tetraedri di coordinazione ZO 4. Si distinguono pirosseni a simmetria rombica (pirosseni rombici) e pirosseni a simmetria monoclina (pirosseni monoclini).. 174

15 Pirosseni rombici Nei pirosseni rombici la posizione strutturale X è di tipo ottaedrico ed assume sempre numero di coordinazione [6]. Tanto la posizione strutturale X che quella Y sono occupate da Fe 2 + e Mg fra loro vicarianti. Si hanno pertanto infiniti minerali corrispondenti alle infinite miscele isomorfe fra i termini puri di solo Mg (Enstatite En Mg 2 [Si 2 O 6 ]) e Figura 188. Diagramma di cristallizzazione schematico di un sistema a due componenti (A e B) che producono un composto intermedio (C) a fusione incongruente. quello di solo Fe 2+ (Ferrosilite Fs Fe 2 [Si 2 O 6 ]). La denominazione dei diversi termini della serie è funzione della loro composizione espressa come percentuale di enstatite: si distinguono l enstatite (100 En 88%); la bronzite (88 En 70%); la iperstene (70 En 50%); la ferro-iperstene (50 En 30%); la eulite (30 En 12%) e la ferrosilite (12 En 0%). È opportuno precisare a questo punto che la ferrosilite è un minerale presente solo a pressioni da medie ad alte; in condizioni di basse pressioni essa non è stabile e alla composizione Fe 2 Si 2 O 6 corrisponde l equilibrio di due fasi solide: la Fayalite Fe 2 [SiO 4 ] ed il quarzo SiO 2. Questo carattere si estende alle miscele molto ricche in Fs (Fs > 80%). Per quanto riguarda la Enstatite è opportuno ricordare che essa rappresenta un prodotto intermedio del sistema binario Forsterite (Mg 2 [SiO 4 ]) SiO 2 e che, essendo caratterizzata da fusione incongruentemente, dà luogo ad una cristallizzazione di tipo peritettico 190 (figura 188). Ciò influenza significativamente le modalità di cristallizzazione delle miscele isomorfe e dei sistemi a cui partecipano 191. I pirosseni rombici, come tutti i pirosseni, presentano un doppio sistema di tracce di sfaldatura secondo la forma {110} che determina angoli diedri di 92 e 88. Hanno bassa birifrangenza ed indici di rifrazione medio alti; il segno ottico e l angolo degli assi ottici assume valore diagnostico ai fini della determinazione della loro composizione (figura 189). I pirosseni rombici sono minerali tipici di rocce magmatiche sature o sovrassature in silice quali basalti calcalcalini e toleiitici, andesiti e gli equivalenti intrusivi Figura 189 gabbri e dioriti. Le varietà più ricche in magnesio si trovano in rocce ultramafiche (harzburgiti e lherzoliti) 192. I pirosseni ferro magnesiaci danno luogo ad un sistema polimorfo complesso. Con riferimento ai termini puri a composizione enstatitica e ferrosilitica si segnala l esistenza delle seguenti modificazioni: Enstatite e Ferrosilite (di cui si è già detto), Clinoenstatite e Clinoferrosilite (monocline) e protoenstatite e protoferrosilite (rombiche). In aggiunta a queste modificazioni polimorfe, fenomeni di ordinamento strutturale dei cationi Fe 2+ ed Mg fra i due siti strutturali X e Y (il Fe 2+, a maggiore raggio ionico, predilige il sito strutturale X) producono, per le miscele isomorfe, infinite modificazioni polimorfe a diverso grado d ordinamento all abbassarsi della temperatura si ha la stabilità delle fasi sempre più ordinate. Il modo di scrivere la formula 190 Lo studente è invitato a rivedere l argomento appreso nel corso di chimica. 191 Lo studente, nel corso di Petrografia, avrà modo di approfondire quanto qui accennato. 192 Lo studente, nel corso di Petrografia, avrà modo di approfondire quanto qui accennato.. 175

16 cristallochimica del pirosseno può mettere in evidenza tale ordinamento: se consideriamo una miscela isomorfa in cui il rapporto di vicarianza fra Mg e Fe 2+ sia Mg : Fe 2+ = 0.8 : 0.2, con la scrittura (Mg.8 Fe.2 )(Mg.8 Fe.2 )[Si 2 O 6 ] sarà indicato un termine disordinato; con la scrittura (Fe.4 Mg.6 ) (Mg)[Si 2 O 6 ] si indicherà un termine ordinato in cui tutto il ferro presente occupa la posizione strutturale X mentre tutto il magnesio presente occupa la posizione strutturale Y ed, il suo eccesso rispetto ad 1 (numero di siti per unità di formula) occupa, ovviamente, il sito strutturale X. Pirosseni monoclini Nei pirosseni monoclini la posizione strutturale X assume numero di coordinazione [8] (talora [7]) ed è occupata da Ca, Na, Mg, Fe. La maggiore elasticità del reticolo cristallino di questi pirosseni, la cui struttura si differenzia per lo slittamento delle carene parallelamente a se stesse in modo da trasformare la coordinazione del sito strutturale X da [6] e [8] (talora [7]), fa sì che le posizioni strutturali tetraedriche (occupate esclusivamente da Si nei pirosseni rombici, possano esser occupate anche da Al; parallelamente anche la posizione strutturale Y vede un più ampio spettro di possibili cationi occupanti. Di seguito si elencano le possibili vicarianze nei diversi siti strutturali: X [8] Ca, Na, Mg, Fe Y [6] Mg, Fe 2 +, Fe 3+, Al, Mn, Ti, Cr Z [4] Si, Al In relazione al diverso tipo di occupazione dei siti strutturali si distinguono i seguenti termini e serie di miscele isomorfe: - Pirosseni della serie Diopside (Di CaMg[Si 2 O 6 ]) Hedenbergite (Hd CaFe[Si 2 O6]) con le loro miscele isomorfe in tutti i rapporti Ca(Mg,Fe)[Si 2 O6]) (serie delle Saliti); - Pirosseni della serie Clinoenstatite (Mg 2 [Si 2 O6]) Clinoferrosilite (Fe 2 [Si 2 O6]) con le loro miscele isomorfe in tutti i rapporti (Mg,Fe) 2 [Si 2 O6]); - Pirosseni sodici: Jadeite (Jd NaAl[Si 2 O6]) ed Aegirina (o Acmite) ( Ac NaFe 3 + [Si2 O6]) 193 ; - Pirosseni della serie Diopside Hedenbergite Jadeite (Ca,Na)(Mg,Fe,Al)[Si 2 O6] (serie delle Omphaciti); - Pirosseni della serie Diopside Hedenbergite Aegirina (Ca,Na)(Mg, Fe 2 +, Fe 3+ )[Si2 O6]; I termini pirossenici e le loro miscele sin qui esaminati fanno riferimento alle vicarianze possibili nei siti strutturali X e Y. Come già accennato in questi minerali è inoltre possibile la vicarianza Al Si in posizione strutturale tetraedrica: tale vicarianza tuttavia anche se abbastanza limitata e, di norma, non eccedente il 30% delle posizioni tetraedriche, è molto diffusa. Questo fatto ha indotto ad individuare dei composti ipotetici che pur non esistendo allo stato solido in natura (non sono minerali) possono essere considerati quali sostanze isomorfe con i termini delle diverse serie dei pirosseni che abbiamo sopra ricordato. Fra i principali di questi composti ipotetici ricordiamo: - la molecola Ca Tschermak (CaAl[AlSiO6]) impropriamente chiamata Ca Tschermakite; - la molecola Ti Tschermak (NaTi[AlSiO6]) impropriamente chiamata Ti Tschermakite; 193 Benché Al e Fe 3+ siano fra loro vicarianti Jadeite e Aegirina non danno luogo ad una serie di miscele isomorfe in quanto il loro ambiente di formazione è geologicamente incoerente. La Jadeite è un minerale di rocce metamorfiche di alta pressione; la Aegirina è un minerale di rocce magmatiche alcaline.. 176

17 Tali componenti entrano a far parte significativamente della composizione dei pirosseni più comuni (Augiti 194 ) tanto che essi possono essere considerati miscele isomorfe fra i seguenti termini estremi: Diopside CaMg[Si 2 O6], Hedenbergite CaFe[Si 2 O6], Clinoenstatite Mg 2 [Si 2 O6], Clinoferrosilite Fe 2 [Si 2 O6], Jadeite NaAl[Si 2 O6], Aegirina NaFe 3+ [Si 2 O6], Ca Tschermakite CaAl[AlSiO6] e Ti Tschermakite NaTi[AlSiO6], a cui si aggiungono minori vicarianze in posizione ottaedrica di Mn e Cr. Alla luce di quanto visto possiamo pertanto dire che alle augiti corrisponde la seguente formula cristallochimica: (Ca,Mg,Fe 2 +,Na)(Mg,Fe 2+,Fe 3+,Cr,Mn,Ti)[(Si,Al)SiO6 ]) i vari cationi vicarianti nelle diverse posizioni strutturali sono indicati in ordine d abbondanza decrescente. Si noti che comunque i cationi Ca, Mg ed Fe 2+ sono quelli che occupano in modo significativo le posizioni strutturali extratetraedriche. Quando il Ti o il Fe 3+ o il Cr sono presenti con tenori particolarmente significativi si parla rispettivamente di Titano augite, Augite aegirinica o di Aegirina augite, augite cromifera o Cr augite. Tali minerali sono abbastanza frequenti in rocce magmatiche ed assumono particolari significati petrologici. Fra i pirosseni monoclini vanno presi in considerazione le pigeoniti. Le pigeoniti sono dei pirosseni la cui composizione può essere rappresentata dalla seguente formula cristallochimica: (Ca 0.2 (Mg,Fe 2 + )0.8 )(Mg,Fe 2 + )[Si2 O 6 ]. Dal punto di vista cristallochimico possono essere considerate delle miscele isomorfe fra termini della serie Diopside Hedenbergite e termini della serie Clinoenstatite Clinoferrosilite in cui il rapporto di vicarianza Ca/(Ca+Mg+Fe 2 + ) si concentra intorno al valore di 0.2 questo fatto fa sì che possano anche essre considerati quale una sorta di composto intermedio fra le saliti e le miscele Clinoenstatite Clinoferrosilite. La stabilità delle pigeoniti e la loro composizione in termini di rapporto Mg/(Mg+ Fe 2 + ) risulta molto influenzato dalla temperatura d equilibrio del sistema. Al diminuire della temperatura le pigeoniti stabili sono sempre più ferrifere (il rapporto Mg/(Mg+ Fe 2 + tende a zero). In base a ciò la pigeonite non è un minerale caratteristico di rocce magmatiche plutoniche (se presente essa è un termine fortemente ferrifero) mentre è comune in rocce magmatiche vulcaniche di adeguata composizione. Tuttavia la pigeonite di solo magnesio non si ritrova in natura in quanto la sua temperatura di cristallizzazione si colloca al di sopra della temperatura del liquidus per tutte le composizioni delle rocce magmatiche (la pigeonite di solo magnesio è un prodotto di sintesi). L insieme dei pirosseni più comuni viene schematizzato in un diagramma composizionale che prende in considerazione i componenti che, nelle loro composizioni, risultano più abbondanti: Mg 2 [Si 2 O 6 ] (En), Fe [Si 2 O 6 ] (Fs) e Ca 2 [Si 2 O 6 ] (Wo) 195 ; tale diagramma è denominato trapezio classificativo dei pirosseni ed in esso possono anche essere riportati i campi di miscibilità alle diverse temperature. 194 Le Augiti sono degli allumosilicati: l Alluminio è presente anche nel così detto radicale acido. 195 Allo stato solido non esiste un composto a formula cristallochimica Ca 2 [Si 2 O 6 ]. Ciò che esiste è la wollastonite (Wo) la cui formula cristallochimica è Ca 3 [Si 3 O 9 ] che non è un pirosseno e di cui si dirà più avanti. Se ricordiamo la definizione che abbiamo dato di componente di un sistema comprendiamo tuttavia che la sostanza Ca 2 [Si 2 O 6 ] può essere ben considerata quale un componente del sistema descrittivo dei pirosseni in quanto sia il Diopside che l Hedenbergite possono essere visti quali composti intermedi fra detto componente ed i componenti a composizione Mg 2 [Si 2 O 6 ] ed Fe 2+ 2 [Si 2 O 6 ], Al componente Ca 2 [Si 2 O 6 ] nel sistema dei pirosseni si attribuisce impropriamente la denominazione di componente Wollastonitico e si individua con il simbolo Wo.. 177

18 a Figura 190 La figura 190 riporta schematicamente una sintesi di quanto detto: in condizioni di alta temperatura (condizioni vulcaniche) figura 190a ed in condizioni di bassa temperatura (condizioni plutoniche) figura 190b. È evidente che detto modo di rappresentare la composizione dei clinopirosseni prescinde dai loro contenuti in Al tetracoordinato e negli altri cationi a numero di coordinazione [6] o [8]. La wollastonite La wollastonite è un inosilicato di calcio a catena semplice con disposizione dei tetraedri di coordinazione SiO 4 traslati e ruotati con rotazione di 120 (cfr. Figura 178). La sua composizione è espressa dalla formula cristallochimica Ca 3 [Si 3 O 9 ]. È un minerale triclino di colore bianco gialliccio tipico di calcari termometamorfosati ad opera di magmi. La sua formazione può essere espressa dalla reazione: CaCO 3 + SiO 2 = CaSiO 3 + CO 2. Gli anfiboli Gli anfiboli sono inosilicati a catene doppie derivanti dalla congiunzione di coppie di catene semplici con disposizioni dei tetraedri di coordinazione SiO 4 speculari, traslati ed equiversi (catene tipo pirosseno). La disposizione dei tetraedri di coordinazione nella struttura cristallina è già stata esemplificata in figura 180. Ciascun anello è centrato da un gruppo anionico (OH) disposto al suo centro ed al livello dei sei ossigeni non condivisi giacenti sul medesimo piano (cfr. figura 191). Gli anfiboli rispondono alla formula strutturale WX 2 Y 5 [(OH)Z 4 O 11 ] 2 (W = posizione strutturale con numero di coordinazione [12]; X = posizione strutturale con numero di coordinazione [8]; Y = posizioni strutturali a coordinazione ottaedrica [6]; Z = posizione strutturale tetraedrica [4]) in cui [(OH)Z 4 O 11 ] individua il motivo strutturale (un anello di tetraedri di coordinazione cfr. figura 180 e 191) che si ripete all infinito lungo tutte le catene. L orientazione reciproca delle diverse catene le vede fra loro parallele, parallele all asse delle z (c) ed alternativamente ruotale le une rispetto alle altre di 180. Tale distribuzione è ben evidenziabile se rappresentiamo ciascuna catena di tetraedri attraverso la sua visione su un piano ortogonale alla catena stessa (Figura 191). b. 178

19 a b Figura 191. Visione prospettica (a) ed ortogonale (b) delle catene di tetraedri di coordinazione SiO 4 che caratterizzano la struttura degli anfiboli proiettate su un piano ad esse ortogonale. Dalla figura 191 a e b, si ricava chiaramente che ciascuna catena doppia di tetraedri di coordinazione ZO 4 può essere rappresentata, su un piano ortogonale alla catena stessa, da un trapezio isoscele. Considerato che le diverse catene sono orientate parallelamente fra loro ed alternativamente ruotale di 180, la rappresentazione su una sua sezione ortogonale alle catene tetraedriche della struttura di un generico anfibolo risulta essere come quella riportata in figura 192. Si noti come ciascuna catena non sia elettrostaticamente neutra. Se consideriamo tutte le posizioni tetraedriche occupate dal Silicio si ha : [(OH)Si 4 O 11 ] 7 : per ogni catena le cariche negative da saturare risiedono nell ossidrile e nei vertici dei tetraedri di coordinazione che, in essa, non sono condivisi (con riferimento alla figura 191: O coincidenti con i vertici della base maggiore dei trapezi ed O ed (OH) giacenti sulla base minore dei trapezi). Figura 192. Rappresentazione della struttura di un anfibolo in sezione ortogonale alla direzione delle catene di tetraedri di coordinazione ZO 4. Nella figura sono rappresentate le posizioni strutturali W, X ed Y che si collocano in posizioni interposte alle catene garantendone il collegamento e la stabilità tridimensionale del reticolo. In tratteggio rosso è indicata la maglia elementare rappresentativa del motivo strutturale planare. Si noti che detta maglia isola complessivamente le seguenti posizioni strutturali: 2 di tipo W, 16 di tipo Z, 4 di tipo X, 10 di tipo Y, nonché 4 (OH) e 44 O. Da cui la formula strutturale semplificata WX 2 Y 5 [(OH)Z 4 O 11 ] 2. Si distinguono anfiboli a simmetria rombica (anfiboli rombici) e anfiboli a simmetria monoclina (anfiboli monoclini). Anfiboli rombici Negli anfiboli rombici la posizione strutturale W è vuota e tanto la posizione strutturale X che quella Y sono occupate da Mg e Fe 2+ fra loro vicarianti. La vicarianza del Fe 2+ al Mg tuttavia non si estende al di là del 50% in quanto al di sopra di tale soglia la miscela isomorfa con tale composizione presenta simmetria monoclina (vedi più avanti). Si hanno pertanto infiniti minerali (Antofilliti) corrispondenti alle infinite miscele isomorfe fra il termine puro di solo Mg (Antofillite Mg 2 Mg 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) 196 e quello ipotetico di solo Fe 2 + (Fe antofillite Fe 2 Fe 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) la cui composizione può essere espressa come segue: 196 Il simbolo indica che la posizione strutturale W è vuota.. 179

20 (Mg,Fe) 2 (Mg,Fe) 1.5 Mg 3.5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2. Gli anfiboli antofillitici sono isomorfi ad altri anfiboli rombici nel cui reticolo si ha una parziale sostituzione del Si tetracoordinato da parte dell Al. Tali anfiboli (della serie Gedritica) possono essere espressi dalla formula: (Mg,Fe) 2 (Mg,Fe) 3 Al 2 [(OH)AlSi 3 O 11 ] 2 Gli anfiboli della serie antofillitica presentano fenomeni di polimorfismo del tipo ordine disordine simili a quanto visto per i pirosseni rombici. Gli anfibolii rombici, come tutti gli anfiboli, presentano un doppio sistema di tracce di sfaldatura secondo la forma {110} che determina angoli diedri di 124 e 56 ; hanno bassa birifrangenza, indici di rifrazione medio alti angolo degli assi ottici e segno ottico variabili. Gli anfiboli rombici sono minerali di rocce metamorfiche di grado intermedio basso (bassa facies anfibolitica 197 ). Anfiboli monoclini Negli anfiboli monoclini la posizione strutturale W può essere sia vuota che occupata e le posizioni strutturali Z (tetraedriche) possano esser occupate sia dal Si che dall Al. Di seguito si elencano le possibili vicarianze nei diversi siti strutturali: W [12] Na X [8] Ca, Na, Mg, Fe Y [6] Mg, Fe 2 +, Fe 3+, Al, Mn, Ti, Cr Z [4] Si, Al In relazione al diverso tipo di occupazione dei siti strutturali si distinguono i seguenti termini e serie di miscele isomorfe: - Anfiboli ferro magnesiaci della serie della cummingtonite ( Mg 2 Mg 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) grunerite ( Fe 2 Fe 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ), - Anfiboli calcici della serie Tremolite ( Ca 2 Mg 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) Ferroactinolite ( Ca 2 Fe 5 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ), - Anfiboli sodici della serie del Glaucofane ( Na 2 Mg 3 Al 2 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) Ferro glaucofane ( Na 2 Fe 3 Al 2 [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ), - Anfiboli sodici della serie del Magnesio riebekite ( Na 2 Mg 3 Fe [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) Riebekite ( Na 2 Fe Fe [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) - Anfiboli sodici della serie del Magnesio arfvedsonite (NaNa 2 Mg 4 Fe 3+ [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ) Arfvedsonite (NaNa 2 Fe Fe 3+ [(OH)Si 4 O 11 ] 2 ), - Anfiboli della serie calcio sodica dati dalle miscele isomorfe fra i diversi componenti le due serie, Gli anfiboli sin qui tratteggiati fanno riferimento alle vicarianze possibili nei siti strutturali X e Y ed alla possibilità che la posizione strutturale W sia occupata o meno. Come già visto per i pirosseni anche per gli anfiboli è possibile la vicarianza Al Si in posizione strutturale tetraedrica: tale vicarianza è molto diffusa. Questo fatto ha indotto ad individuare, analogamente a quanto già visto 197 Lo studente, nel corso di Petrografia, avrà modo di approfondire quanto qui accennato.. 180

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

FACIES METAMORFICHE ED ASSOCIAZIONI MINERALOGICHE STABILI NELLE ROCCE METAMORFICHE

FACIES METAMORFICHE ED ASSOCIAZIONI MINERALOGICHE STABILI NELLE ROCCE METAMORFICHE Complementi di Petrografia N.O Scienze Geologiche, Lezione n. 6 FACIES METAMORFICHE ED ASSOCIAZIONI MINERALOGICHE STABILI NELLE ROCCE METAMORFICHE 1. Grado metamorfico e facies metamorfiche 1.1. Distribuzione

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno

Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno Scienze dei minerali Il minerale può essere inteso come una sostanza cristallina con una disposizione ordinata nelle tre direzioni dello spazio a uno stato di più bassa energia rispetto a una disposizione

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

MINERALOGIA SISTEMATICA

MINERALOGIA SISTEMATICA MINERALOGIA SISTEMATICA Classificazione dei minerali Sulla base della composizione chimica i minerali vengono suddivisi in gruppi o classi: 1. Elementi nativi: appartengono a questa classe elementi non

Dettagli

MINERALOGIA. definizione di minerale: un minerale è un solido naturale con elevato ordinamento a scala atomica ed una

MINERALOGIA. definizione di minerale: un minerale è un solido naturale con elevato ordinamento a scala atomica ed una MINERALOGIA definizione di minerale: un minerale è un solido naturale con elevato ordinamento a scala atomica ed una definita, ma non necessariamente fissa, composizione chimica. Si forma solitamente da

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1 I MINERALI Museo Geologico

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

Cap. II: Configurazione elettronica, struttura e proprietà dei materiali. Paramagnetismo

Cap. II: Configurazione elettronica, struttura e proprietà dei materiali. Paramagnetismo Cap. II: Configurazione elettronica, struttura e proprietà dei materiali (dia-magnetismo, para-magnetismo, ferro-magnetismo, ferri-magnetismo, antiferro-magnetismo) Non solo i magneti (le sostanze ferro-magnetiche)

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Silicati

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Silicati Corso di Laurea in SCIENZE NAURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Silicati Biopiriboli Strutture ordinate di minerali strettamente correlate a quelle dei pirosseni e anfiboli. biopiriboli

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

Idratazione dei singoli composti del clinker

Idratazione dei singoli composti del clinker Idratazione dei singoli composti del clinker il clinker finemente macinato reagisce con acqua formando prodotti di idratazione con proprietà leganti che conferiscono resistenza meccanica all impasto indurito

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Cap. 2 - Strutture cristalline.

Cap. 2 - Strutture cristalline. Cap. 2 - Strutture cristalline. Lo studio delle proprietà fisiche dei solidi è iniziato nei primi anni del '900 grazie alla scoperta della diffrazione X da parte dei cristalli. Lo studio delle proprietà

Dettagli

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre 1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre I minerali presenti in natura sono diverse migliaia. Considerando gli elementi della tavola periodica, tutti i possibili reticoli e

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico

Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Valutazione analitica del rifiuto contenente amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Giovanni Pecchini 1,

Dettagli

Gruppo Elettroni più esterni Valenza IV 4 (2+2) 2, 4 V 5 (1+2+2) 1, 3, 5 VI 6 (2 +2+2) 2, 4, 6 VII 7 (1+2+2+2) 1, 3, 5, 7

Gruppo Elettroni più esterni Valenza IV 4 (2+2) 2, 4 V 5 (1+2+2) 1, 3, 5 VI 6 (2 +2+2) 2, 4, 6 VII 7 (1+2+2+2) 1, 3, 5, 7 REAZINI CHIMICHE E BILANCIAMENT - Prof. Enrico Maria Bruti La Valenza La valenza è il numero di legami che un atomo può formare. La valenza è in stretta relazione con il numero di elettroni presenti nel

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico.

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta Parte II Classificazione delle Rocce Metamorfiche Il nome di una roccia metamorfica in genere si basa sul quello che la roccia era prima di essere metamorfosata

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

STOP AMIANTO SI FOTOVOLTAICO

STOP AMIANTO SI FOTOVOLTAICO Convegno STOP AMIANTO SI FOTOVOLTAICO Processo di trasformazione dell amianto Ing. Mauro Coppi Aspireco Service Gavardo Brescia Sassuolo, 17 febbraio 2012 Sassuolo, Palazzo Ducale Sala Biasin 1 Che cos

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Pozzo d'estrazione miniera di Cinabro Cerreto Piano (Gr) (Novembre 1993) (Foto Massimo Guarguagli) Anno 1 - n 0 (Aprile/Giugno 2004) II Edizione Gruppo

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI

4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI 4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI Le indagini relative allo studio della petrologia di fase sono state condotte su una rappresentanza di campioni ritenuti informativi per varietà e stato

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi

Materiali ceramici. Prof. Marco Boniardi Prof. Marco Boniardi 1 Composti chimici tra un metallo e un non metallo (a carattere prevalentemente ionico) Ossidi (SiO 2, Al 2 O 3, ZrO 2, MgO, BaTiO 3 ) Nitruri (Si 3 N 4 ) Carburi (B 4 C, WC, TiC,

Dettagli

Alluminio - Aluminium

Alluminio - Aluminium Alluminio - Aluminium Dati essenziali Nome: Alluminio Nome internazionale: aluminium Simbolo: Al Numero atomico: 13 Peso atomico: 26.981538 Gruppo: 13 Periodo: 3 Numero di assidazione: +3 Elettronegatività:

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA 1 Napoli 6 dicembre 2004 VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA A cura di Ugo Potenza Il gruppo orografico Somma-Vesuvio 1 fa parte del sistema vulcanico compreso tra la Toscana meridionale e il

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Lo ZIRCONE: aspetti mineralogici, modificazioni strutturali e relative implicazioni petrologiche

Lo ZIRCONE: aspetti mineralogici, modificazioni strutturali e relative implicazioni petrologiche GIORNATA GNM Bologna, 19 Maggio 2005 Lo ZIRCONE: aspetti mineralogici, modificazioni strutturali e relative implicazioni petrologiche Anna Carraro Dipartimento di Mineralogia e Petrologia - Università

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile v.3.0-2002 di Adriano Nardi - Univ. di Roma La Sapienza AVVERTENZA: l autore non si assume alcuna responsabilità circa eventuali danni morali

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE

MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E MECCANICA DEI TERRENI APPLICATA ALLE OPERE DI FONDAZIONE Caratteristiche e classificazione delle terre, influenza delle falde idriche nel sottosuolo,

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano mianto nell edilizia Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano Inquinamento indoor: l amianto nell edilizia 1 Argomenti 1. Cos è l amianto? 2. Come e dove lo possiamo trovare

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

AUSILIARI DI TINTURA

AUSILIARI DI TINTURA Appunti di chimica conciaria lasciati dal prof. Mauro Berto AUSILIARI DI TINTURA Vanno sotto tale denominazione tutti quei composti che vengono aggiunti al bagno di tintura, o prima della vera fase di

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico,

Quesiti e problemi. 12 Individua l elemento del terzo periodo che appartiene. 13 Completa la parte evidenziata del sistema periodico, SUL LIBR DA PAG 184 A PAG 18 Quesiti e problemi 1 L energia di legame 1 Definisci l energia di legame. L energia di legame è la quantità di energia che è necessario fornire a una mole di sostanza per rompere

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2004 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Sia la curva d equazione: ke ove k e

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Il magnetismo nella materia

Il magnetismo nella materia Le orbite degli elettroni in atomo di idrogeno Forma spaziale degli Orbitali elettronici di atomo di idrogeno Un solido Il magnetismo nella materia ferrimagnetismo Dr. Daniele Di Gioacchino Istituto Nazionale

Dettagli

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica

Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica EdiSES Istruzioni per l utilizzo dei modelli molecolari Serie completa di Modelli Molecolari per la Chimica Organica allegati ai seguenti volumi: Chimica Organica - Paula Y. Bruice Elementi di Chimica

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3

H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. Cenno ai complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli