Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno"

Transcript

1 Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività di questi. Conoscere la connettività di una molecola significa sapere quali coppie di atomi sono legati tra loro. Esistono diversi criteri per scrivere le strutture di Lewis, quello utilizzato in questa esercitazione è basato sul definire un insieme di elettroni del livello di valenza per la molecola, che vengono ridistribuiti in accordo con la regola dell ottetto, tenendo conto delle numerose eccezioni. Es. Scrivere la formula di Lewis del metanolo, C 3, prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. 1) Determinare il numero totale di valenza della molecola, sommando il numero di elettroni di valenza di ciascun atomo. Se la molecola ha carica negativa o positiva si aggiungono o si sottraggono tanti elettroni quanto vale la carica in valore assoluto. Configurazione elettronica del livello di valenza di ciascun atomo: C: [e] 2s 2 2p 2 4e - : [e] 2s 2 2p 4 6e - :1s 1 4x1e - Tot.14e - di valenza della molecola 2) Definire la connettività degli atomi. Non esiste una regola certa per definire la connettività nota la formula molecolare, è necessario acquisire una certa familiarità con i composti chimici e le loro strutture. Frequentemente esiste un atomo centrale al quale tutti gli altri sono connessi, gli atomi di idrogeno sono spesso posti in periferia rispetto all atomo centrale, al quale sono collegati direttamente o indirettamente (ad esempio tramite un non metallo, l ossigeno o l azoto etc.). A volte la formula molecolare contiene informazioni su come si può scomporre la molecola in sottogruppi. Come in questo caso: C 3 : la molecola è composta dal gruppo metilico, C 3 e un gruppo ossidrile, Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno 3) Si pone una coppia di elettroni di legame per ciascuna coppia di elettroni legati tra loro, prendendoli dall insieme degli elettroni di valenza della molecola.

2 Così sono utilizzati 10 dei 14 e - di valenza della molecola 4)Gli elettroni rimanenti: si dispongono gli elettroni a coppie su ciascun atomo cominciando da quelli periferici con lo scopo di completare l ottetto (8 elettroni per ciascun atomo siano essi condivisi o di non legame). Attenzione all eccezioni: a)l idrogeno può disporre di un solo doppietto elettronico di legame (raggiunge la configurazione elettronica più stabile con 2 elettroni). b)atomi del secondo periodo detti elettron poveri raggiungono la configurazione elettronica più stabile con 4 o 6 elettroni (es.be, B) c)alcuni non metalli dei periodi superiori al secondo (es. S,P in SF 4,SF 6,PCl 5 ) possono disporre in certe condizioni di più di 8 elettroni nel loro livello di valenza della molecola, si parla in questo caso di ottetto espanso (fino a 10 o 12 ). Questo perché atomi di questi periodi possono disporre degli orbitali d in cui possono collocare questi elettroni. I non metalli del secondo periodo non possono far questo perché non dispongono di tali orbitali. In questo caso: ci sono 4 elettroni da distribuire come doppietti di non legame. Iniziando dagli atomi più periferici, gli idrogeni hanno già raggiunto la loro configurazione più stabile, mentre l ossigeno ha solo 4 elettroni di legame. Gli elettroni rimanenti andranno a costituire i due doppietti di non legame dell ossigeno. 5)A questo punto della costruzione rimangono tre possibilità: a) Tutti gli atomi soddisfano la regola dell ottetto con qualsiasi eccezione ammessa: la formula di Lewis è pronta a meno delle cariche formali. b) Non bastano gli elettroni che abbiamo a disposizione per completare gli ottetti di tutti gli atomi. Bisogna formare dei legami multipli per condivisione di doppietti di non legame. c) Dopo aver completato gli ottetti di tutti gli atomi, sono ancora disponibili elettroni. In questo caso gli elettroni in eccesso vengono attribuiti all atomo centrale come doppietti di non legame, il quale con una certa probabilità disporrà di un ottetto espanso. 6) La carica formale: non ha alcun significato fisico, non è una carica formale, ha significato solo in una specifica rappresentazione di Lewis. La carica formale serve per tener conto della differente distribuzione di elettroni quando si passa dagli atomi isolati alla struttura costruita, in cui gli elettroni non sono più solamente localizzati sugli atomi ma anche condivisi. Il calcolo della carica formale si fa attribuendo a ciascun atomo nella struttura metà degli elettroni di legame più tutti quelli di non legame. Quindi la carica formale di ogni atomo si ottiene facendo la differenza tra il numero di elettroni che l atomo aveva nel livello di valenza quando era isolato e il numero di elettroni che ha nella molecola secondo l attribuzione appena definita.

3 Carica formale= L V s + 2 Con V= e - di valenza dell atomo, S= n tot. di e - presenti come coppie solitarie, L= n tot. di e - presenti come coppie di legame. C.F. (C)= 4 (e - di valenza)- 4 ( e - impiegati nei legami)=0 C.F.()= 6(e - di valenza)- 2 ( e - impiegati nei legami)-4 (e - coppie di e - solitarie)=0 C.F.()=1(e - di valenza) - 1 ( e - impiegati nei legami)=0 Quando la carica formale è zero, per convenzione non si segnala nella formula di struttura. 7) Previsione della geometria molecolare Si applica la teoria della repulsione delle coppie elettroniche di valenza (VSEPR-Valence Shell Electron Pair Repulsion ) secondo cui la geometria della molecola in prossimità di ciascun atomo è quella che minimizza la repulsione tra le coppie elettroniche sia di legame che di non legame. Se si stabilisce il numero di coppie elettroniche attorno all atomo centrale si può determinare come gli atomi periferici si dispongano intorno ad esso. Attenzione; in questa trattazione i legami doppi sono considerati come legami singoli, quindi si conta una sola coppia di elettroni, per questo spesso è più chiaro parlare di gruppi di cariche. In tabella sono riportate le tipologie di geometrie che corrispondono al numero (o raggruppamenti) di coppie elettroniche. Nel metanolo, l atomo centrale, il carbonio è circondato da quattro coppie di elettroni, la simmetria intorno ad esso è tetraedrica, leggermente distorta perché le coppie di elettroni di legame attorno al carbonio non sono identiche (il carbonio è legato a 3 idrogeni e un ossigeno). In questa figura si è adottata la notazione stereochimica, per mettere in evidenza la geometria tetraedrica che l atomo centrale impone alla molecola. Mettendo nel piano del foglio gli atomi, C,, gli altri due risulteranno essere sporgenti da essi verso l osservatore (cuneo continuo) o in opposizione ad esso (cuneo tratteggiato)

4 8) orbitali ibridi La simmetria dell atomo di carbonio del metano è tetraedrica, quindi il carbonio utilizza gli orbitali sp 3 per fare i quattro legami direzionati lungo i vertici di un tetraedro. Es. Scrivere la struttura di Lewis dell ammoniaca (N 3 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. Determinare il numero totale di valenza della molecola N: [e] 2s 2 sp 3 5e - di valenza : 1s 1 3x1e - di valenza Tot.8 e - di valenza o 4 coppie di elettroni Definire la connettività degli atomi: atomo centrale N (solitamente -ma non è una regolal atomo centrale è il meno elettronegativo o è quello che può formare il maggior numero di legami). Si pone una coppia di elettroni di legame per ciascuna coppia di elettroni legati tra loro. Si sono utilizzati 6 e -, sono ancora disponibili 2 e -. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. Gli idrogeni, hanno già raggiunto la loro configurazione più stabile, il doppietto va sull azoto, che così raggiunge l ottetto. La carica formale per ogni atomo della molecola è zero Formula di struttura di Lewis: non fornisce indicazioni sulla geometria spaziale della molecola o delle coppie elettroniche, ma solo sulla topologia della molecola (quale atomo è legato con un altro), sul tipo di legame tra atomo e atomo ( semplice,doppio, triplo) e sull eventuale presenza di coppie non condivise. Previsione della geometria delle coppie di elettroni (VSEPR) Nell ammonica, l atomo centrale, l azoto è circondato da quattro gruppi di cariche (3 coppie di legame e una coppia non condivisa), per minimizzare la repulsione la geometria intorno all azoto è tetraedrica distorta a causa della coppia di elettroni di non legame che esercita una repulsione maggiore di quelle di legame. L angolo di legame N è circa 107, inferiore all angolo del tetraedro regolare, 109,5.

5 La simmetria intorno all atomo di azoto è tetraedrica, l azoto utilizza orbitali sp 3 : tre orbitali sp 3 sono utilizzati per formare i legami con l idrogeno e uno per la coppia di elettroni non condivisa. La geometria di una molecola è determinata dalla posizione degli atomi che la costituiscono. La geometria dell ammoniaca è definita dalla posizione nello spazio dell atomo di azoto e dei tre atomi di idrogeno, ed è piramidale. Quindi per l ammoniaca, la geometria delle coppie (tetraedrica) non coincide con la geometria molecolare (piramidale), queste due figure geometriche si somigliano ma non sono identiche. Valutazione della polarità della molecola dell ammoniaca. Individuata la struttura spaziale della molecola è possibile stabilire se si tratta di una molecola polare o apolare. Una molecola è polare quando la distribuzione delle cariche elettroniche è tale per cui il momento di dipolo elettrico complessivo µ della molecola è diverso da zero. L azoto è più elettronegativo dell idrogeno, nei legami N- gli elettroni di legame sono spostati verso l azoto, è possibile individuare un momento di dipolo per ciascun legame N-. I vettori sono orientati dall idrogeno all azoto, cioè dalla carica positiva a quella negativa ( i testi di fisica adottano la convenzione opposta). Bisogna considerare anche il momento di dipolo tra l azoto e la coppia di elettroni non condivisa, diretto da N verso il lobo. La somma vettoriale di tutti i momenti di dipolo è diversa da zero, la molecola di N 3 è polare.

6 ES. Scrivere la struttura di Lewis dell acqua( 2 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. 1s 1 2e - : [e]2s 2 2p 4 6e - Tot.8e - -- così sono impegnati 4e - su 8e - di valenza complessivi della molecola. Gli hanno raggiunto la configurazione più stabile, quindi i 4 rimanenti si distribuisco sull ossigeno come coppie di elettroni non condivisi. La carica formale per ogni atomo della molecola è zero. Previsione della geometria molecolare secondo la teoria VSEPR Nella molecola dell acqua, l atomo centrale, l ossigeno è circondato da quattro coppie di elettroni, 2 di legame e due di non legame, per minimizzare la repulsione la geometria intorno all ossigeno è tetraedrica distorta a causa delle coppia di elettroni di non legame L angolo di legame N è circa 104, inferiore all angolo del tetraedro regolare, 109,5. La simmetria intorno all atomo di ossigeno è tetraedrica, l ossigeno utilizza orbitali sp 3, due orbitali sp 3 sono utilizzati per formare i legami con l idrogeno e due per la coppie di elettroni non condivisi. Geometria delle coppie: tetraedrica distorta Geometria della molecola: angolare Il momento di dipolo complessivo è diverso da zero. ES. Scrivere la struttura di Lewis dell anidride carbonica (C 2 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. C: [e] 2s 2 2p 2 4e - : [e]2s 2 2p 4 2x6e - 16e - di valenza -C- sono impegnati 4e -, si dispongono i doppietti di elettroni rimasti, iniziando dagli atomi più periferici, 3 coppie di e - per ogni ossigeno,

7 Si controlla l ottetto di ogni atomo: gli ossigeni hanno raggiunto l ottetto, mentre il carbonio ha solo 4e -, la struttura non è corretta. gni ossigeno può condividere una coppia di elettroni in modo tale che anche il carbonio raggiunga l ottetto. C La carica formale per ogni atomo della molecola è zero L atomo centrale della molecola di anidride carbonica, il carbonio, è circondato da due gruppi di elettroni di legame (per la determinazione della geometria dell atomo centrale secondo la teoria VSEPR i legami doppi sono considerati come quelli semplici) quindi per minimizzare la repulsione tra i due gruppi di elettroni la configurazione del carbonio è lineare. La geometria delle coppie elettroniche coincide con la geometria della molecola (non ci sono coppie di elettroni non condivisi). Il carbonio nell anidride carbonica utilizza orbitali ibridi sp: due orbitali ibridi sp vengono utilizzati per formare i due legami sigma (δ), due orbitali p per la formazione dei legami pigreco (π) (il legame doppio è formato da un legame δ e uno π). L anidride carbonica è apolare, in quanto il momento di dipolo complessivo della molecola è nullo. ES. Scrivere la struttura di Lewis del cloruro di berillio (BeCl 2 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. Be: [e] 2s 2 2e - Cl: [Ne] 3s 2 3p 5 2x7e - =14e - Tot.=16e - Atomo centrale = Be (è il meno elettronegativo) sono utilizzati 4 e - ne sono disponibili ancora 12 e - Si dispongo gli elettroni rimanenti come coppie di elettroni di non legame cominciando dagli atomi periferici con lo scopo di completare l ottetto tenendo conto delle eccezioni. In questo caso il berillio fa parte del secondo periodo elettron poveri per cui raggiungono l ottetto con 4 o 6 elettroni(il boro). Ponendo le tre coppie di elettroni non condivisi su ogni cloro, si utilizzano i 16 elettroni complessivi di valenza della molecola. Per i due atomi di cloro è rispettata la regola dell ottetto, e anche per il berillio nella sua eccezione. La carica formale per ogni atomo della molecola è zero. L atomo centrale della molecola del cloruro di berillio, il berillio è circondato da due gruppi di elettroni di legame, per minimizzare la repulsione la configurazione del berillio è lineare.

8 La geometria delle coppie elettroniche coincide con la geometria della molecola (non ci sono coppie di elettroni non condivisi sull atomo centrale). Il berillio nella molecola del cloruro di berillio utilizza orbitali ibridi sp che vengono utilizzati per formare i due legami sigma con il cloro Formule di risonanza di Lewis Quando una molecola può essere rappresentata da più formule di Lewis, che hanno la stessa posizione degli atomi, ma differente distribuzione degli elettroni, si dice che la struttura è meglio rappresentata come insieme di formule di risonanza o formule limite. Questo perché in certe molecole gli elettroni di legame si possono distribuire tra più atomi (elettroni delocalizzati), generando strutture di una certa simmetria. Questa proprietà non si può descrivere con una sola formula di Lewis in cui le coppie di elettroni sono localizzate (quelle di non legame su un atomo, quelle di legame tra i due atomi coinvolti nel legame). Molecole con elettroni delocalizzati sono meglio descritte da più di una formula di Lewis, ciascuna delle quali contribuisce solo parzialmente alla descrizione. Per stabilire quale peso ha ciascuna formula limite, si fa riferimento alla carica parziale, la struttura con il maggior peso sarà quella con minore differenza di carica formale tra i suoi atomi. ES. Scrivere la struttura di Lewis del monossido di azoto (N), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. N:[e] 2s 2 2p 3 5e - 4 :[e] 2s 2 2p 6e - Tot. 11e - N N- sono utilizzati 2 e - ne sono disponibili ancora 9. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. L ossigeno ha raggiunto l ottetto con 8 elettroni, l azoto rimane con 7 elettroni. Calcolo della carica formale: C.F.(N)= =0 C.F.()=6-2-4=0 Geometria molecolare =lineare ( le molecole biatomiche possono essere solo lineari). L azoto utilizza orbitali ibridi sp. Un orbitale sp è utilizzato per il legame δ, l altro per il doppietto di elettroni non condiviso; un orbitale p per la formazione del legame π (il

9 legame doppio N- è formato da un legame δ e uno π) e l altro orbitale p per l elettrone spaiato. ES. Scrivere la struttura di Lewis del biossido di azoto (N 2 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. N:[e] 2s 2 2p 3 5e - :[e] 2s 2 2p 4 6e - x2 Tot. 17 e - sono utilizzati 4 e - ne sono disponibili ancora 13 e -. Si dispongono i rimanenti e lettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. N Gli ossigeni hanno raggiunto l ottetto, mentre l azoto ha solo 5 elettroni, si può far condividere una coppia di elettroni da un atomo di ossigeno. Calcolo della carica formale C.F.(N)= 5-3-1=+1 C.F. ( )=6-1-4=-1 C.F. ( )=6-2-4= 0 E possibile scrivere una struttura identica a questa se è l altro ossigeno a condividere una coppia di elettroni. Le due formule differiscono solamente per la distribuzione degli elettroni, sono dette formule di risonanza. Si dice che la struttura del biossido di azoto è descritta da un insieme di formule di risonanza. E possibile anche scrivere

10 Le formule di risonanza descrivono i seguenti dati sperimentali: i legami N- sono di uguale lunghezza e la carica negativa è divisa tra i due atomi di ossigeno. L atomo centrale del biossido di azoto, l azoto, è circondato da tre gruppi di elettroni, due di legame più un elettone spaiato,la geometria elettronica è trigonale planare, con angoli maggiori di 120 (trigonale distorta) poiché la repulsione esercitata dall elettrone spaiato è minore rispetto ad una coppia di elettroni. La geometria della molecola è angolare: L azoto nel biossido di azoto utilizza orbitali ibridi sp 2. Due orbitali sp 2 vengono utilizzati per formare due legami sigma con l ossigeno e uno per l elettrone spaiato, l orbitale p dell azoto viene utilizzato per la formazione del legame π. ES. Scrivere la struttura di Lewis dell acido fosforico ( 3 P 4 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR. P:[Ne] 3s 3p 2 3-5e :[e] 2s 2 2p 4 6e - x4 : 1s 1 1e - x3 Tot. 32e - Connettività degli atomi: Gli acidi sono caratterizzati da gruppi legati all atomo centrale, l atomo centrale è il fosforo.

11 P sono utilizzati 14 e - ne sono disponibili ancora 18. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. Tutti gli atomi hanno raggiunto l ottetto. P Calcolo della carica formale (-1) (+1) P C.F.(P)= 5-4=+1 C.F. ( )=6-1-6=-1 C.F. ( )=6-2-4= 0 Ma il fosforo appartiene al terzo periodo della tavola periodica, fa parte di quelli elementi che possono utilizzare gli orbitali d per disporre gli elettroni e ottenere una maggiore stabilità (ottetto espanso). Se si fa condividere una coppia di elettroni dall ossigeno che ha tre coppie di elettroni non condivisi :

12 (-1) (+1) P C.F.(P)= 5-5=0 C.F. ( )=6-2-4= 0 P In questa struttura non c è separazione di carica. Nell acido fosforico, il fosforo è circondato da quattro coppie di elettroni, la simmetria intorno ad esso è tetraedrica. Il fosforo nell acido fosforico utilizza orbitali sp 3 per fare i quattro legami δ e un orbitale d per il legame π, i quattro legami sono direzionati lungo i vertici di un tetraedro. La geometria delle coppie elettroniche coincide con la geometria della molecola. La geometria dei gruppi è angolare. P Si può spiegare considerando l ossigeno come atomo centrale di R con R= 2 P 3, l ossigeno è circondato da quattro raggruppamenti di elettroni (due di legame e due di non legame), la geometria dell atomo centrale è tetraedrica, in cui due orbitali sp 3 sono occupati dalle coppie di non legame, quindi la disposizione di R è angolare. R ES. Scrivere la struttura di Lewis dell acido borico ( 3 B 3 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR.

13 B:[e] 2s 2 2p 1 3e - :[e] 2s 2 2p 4 6e - x3 : 1s 1 1e - x3 Tot. 24e - Connettività degli atomi: si tratta di un acido, quindi i gruppi sono legati all atomo centrale, l atomo centrale è il boro. B Sono utilizzati 12 e -, ne sono disponibili ancora 12. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. B Tutti gli atomi hanno raggiunto la loro configurazione più stabile, ricordandosi che il boro fa parte del secondo periodo elettron poveri per cui raggiunge l ottetto con 6 elettroni (il berillio con quattro). La carica formale per ogni atomo della molecola è zero. L atomo centrale è circondato da tre gruppi di elettroni, ha simmetria B trigonale planare. Il boro utilizza i tre orbitali sp2 per i tre legami δ, l orbitale p è vuoto. Come per 3 P 4, la geometria dei gruppi è angolare ES. Scrivere la struttura di Lewis dello ione clorito (Cl 2 - ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR

14 Cl:[Ne] 3s 2 3p 5 7e - :[e] 2s 2 2p 4 6e - x2 1 carica negative 1e - Tot.20e - Connettività degli atomi: il cloro è l atomo centrale (meno elettronegativo) sono utilizzati 4 e -, ne sono disponibili ancora 16. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto. Cl atomi hanno raggiunto l ottetto. Dal calcolo della carica formale: sono utilizzati i 16 e - di valenza complessivi della molecola e tutti gli La somma delle cariche formali è uguale alla carica complessiva della molecola, in questo caso è -1. Il cloro appartiene al terzo periodo, potrebbe essere un caso di ottetto espanso. Se un ossigeno condivide una coppia di elettroni, la formula sarà: Si ottiene una struttura con minor separazione di carica. Le formule principali formule di risonanza sono: ppure:

15 Il cloro è circondato da quattro gruppi di elettroni (due di legame e due di non legame): simmetria tetraedrica delle coppie di elettroni, la geometria molecolare è angolare. Il cloro utilizza orbitali sp 3. Due orbitali sp 3 per i legami δ con gli ossigeni, due per le coppie di elettroni solitarie, mentre l orbitale d è Cl utilizzato per la formazione del legame π. (-1) ES. Scrivere la struttura di Lewis dell idrossilammina (N 2 ), prevederne la struttura secondo la teoria VSEPR N:[e] 2s 2 2p 3 5e - :[e] 2s 2 2p 4 6e - :1s 1 1e - x3 Tot.14e - Connettività degli atomi: N è l atomo centrale a cui sono legati due e un gruppo N sono utilizzati 8 e -, ne sono disponibili ancora 6 e -. Si dispongono i rimanenti elettroni a coppie su ciascun atomo, cominciando da quelli periferici con lo scopo di completarne l ottetto N sono utilizzati i 16 e - di valenza della molecola e tutti gli atomi hanno raggiunto l ottetto. La carica formale per ogni atomo della molecola è zero. L atomo centrale è circondato da quattro gruppi di elettroni, ha simmetria tetraedrica. L azoto utilizza tre orbitali sp 3 per i tre legami δ, uno per la coppia di elettroni di non legame. La geometria della molecola è trigonale piramidale. N

16

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1

Daniele Trovò allievo dell ITIS Natta di Padova Reazioni degli acidi carbossilici 1 Indice: Pagina Acidità degli acidi carbossilici 2 eattività degli acidi carbossilici 4 Preparazione dei cloruri 5 Preparazione delle anidridi 6 Preparazioni degli esteri 7 Preparazioni delle ammidi 8 Sintesi

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Struttura molecolare

Struttura molecolare Struttura molecolare Molecole Gruppi discreti di atomi legati in modo stabile Caratterizzate da distanze, angoli e torsioni ben definite Esempio: Metano, CH 4 Distanze C-H 1.10 Å; Angoli H-C-H 109.5 Connettività:

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia CHIMICA ORGANICA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Atomo di C e ibridizzazione sp 2 Nel suo stato fondamentale l atomo di C presenta

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Alcheni Gli alcheni sono idrocarburi che contengono un doppio legame carbonio-carbonio sono anche detti olefine o idrocarburi insaturi La formula molecolare è C n

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio

Rappresentazione schematica degli orbitali e degli elettroni del carbonio L'atomo di carbonio L'elemento chimico carbonio ha numero atomico 6 (Z = 6) e massa atomica relativa 12,011. I suoi elettroni tendono a riempire progressivamente gli orbitali atomici, partendo dai sottolivelli

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica ISOMERIA L'isomeria di struttura è connessa al diverso modo in cui gli atomi di due o più composti si legano tra loro in sequenza. Ci sono due forme: isomeria di posizione e isomeria di catena. La stereoisomeria

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra . Conoscenze di base per le Scienze della Terra Il Lago Natron è un lago salino che si trova in Tanzania. Il suo bellissimo colore rosso non è dovuto a una bizzarra forma di inquinamento, ma deriva dalla

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

2m (con L = 0, 1, 2,...)

2m (con L = 0, 1, 2,...) Capitolo 2 Proprietà elettromagnetiche dei nuclei Spin e momento magnetico del nucleo: generalità Se una carica e si muove di moto circolare uniforme, per esempio un elettrone attorno ad un nucleo, esiste

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hillis, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM PLUS Chimica organica, biochimica e biotecnologie SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Capitolo 1 Dal carbonio agli idrocarburi

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Areni Composti aromatici

Areni Composti aromatici Areni Composti aromatici Areni: composti contenenti l anello benzenico Aromatico: aggettivo usato un tempo per indicare fragrante, ora indica la elevata stabilità di un sistema ciclico contenente elettroni

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli