UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E RICERCHE DI MERCATO TESI DI LAUREA L Event Marketing. Un evoluzione del Marketing Industriale nel mercato del software. CANDIDATO Elisa Cendi RELATORE Chiar.mo Prof. Daniele Dalli Anno Accademico

2 2

3 Ringraziamenti: Questa tesi è il raggiungimento di un importante obiettivo nella mia vita, rappresenta il traguardo di un percorso stimolante che ha arricchito le mie aspirazioni e aspettative, donandomi un punto di vista spesso più pratico rispetto ad altri corsi di studio che avrei potuto intraprendere. Ringrazio per le conoscenze che mi hanno trasmesso, tutti i docenti del corso MRM e in particolare il mio relatore Daniele Dalli. Questa tesi non sarebbe stata possibile senza la disponibilità dell IBM Italia spa, del mio tutor aziendale Giancarlo Scotti e di tutto il reparto Software Marketing che mi hanno fornito le informazioni di cui avevo bisogno mostrando sempre una grande disponibilità e comprensione. L ultimo ringraziamento, ma non meno importante, ai miei genitori, a mia sorella Laura e a Luca che mi hanno sempre sostenuto e incoraggiato negli studi e nelle mie esperienze professionali; al mio gruppo universitario con i quali ho diviso serate di studio, momenti di sconforto ma anche le gioie per i nostri successi; agli ex stagisti IBM che mi hanno fatto sentire a casa anche a Milano e con i quali ho condiviso la nuova esperienza lavorativa; alla Jepi che ho visto nascere con tanta intraprendenza; ai miei nuovi colleghi BNL e a tutti i miei amici perchè ognuno ha contribuito a darmi gli stimoli necessari a concludere questa avventura. Grazie! 3

4 4

5 SOMMARIO Indice delle Tabelle e delle Figure. 7 Introduzione I. Uno scenario di riferimento... 8 II. Gli eventi come strumenti di marketing.. 10 III. Obiettivi e percorso del lavoro...12 Capitolo 1: La componente b2b dei servizi: il settore del software 1.1. Il software come servizio Lo sviluppo del marketing industriale Le relazioni commerciali: acquirente e venditore Strumenti integrati per la comunicazione Relationship Marketing Co-marketing e alleanze Il marketing dei servizi e la dimensione esperenziale. 53 Capitolo 2: Il marketing dei servizi b2b attraverso la gestione degli eventi 2.1. Definire e classificare gli eventi Il marketing degli eventi Evoluzioni in atto Capitolo 3: Il caso IBM Software Group 3.1. IBM Software Group: un po di storia e di attualità Gli eventi: una strategia consolidata La misurazione delle performance Un modello di pianificazione implementazione e verifica Analisi generale degli eventi IBM Software Group I Closing Event Il Software Solution Center Confronti e valutazioni di diversi tipi di eventi

6 Conclusioni..118 Bibliografia

7 INDICE DELLE FIGURE Figura 1.1 Segmentazione del mercato ICT in Italia anno Figura 1.2 Valore del mercato globale del SaaS, 2003/ Figura 1.3 Aree strategiche legate alla gestione delle informazioni Figura 1.4 Business Market Management Figura 1.5 Continum relazionale fra clienti/fornitori.. 45 Figura 1.6 Il ruolo della comunicazione tra relazioni e network. 48 Figura 1.7 Come mantenere le partnership con gli intermediari. 51 Figura 1.8 Sistema di erogazione del servizio. 57 Figura 1.9 Gestione della Customer Experience. 60 Figura 2.1 Esempio di Portfolio Planning Matrix Figura 3.1 Componenti della Portfolio strategy.. 92 Figura 3.2 Sviluppo del ciclo di vita del cliente Figura 3.3 Ciclo continuo di contatto con il cliente Figura 3.4 Lead Management Clienti Potenziali 105 Figura 3.5 Lead Management Leads validate Figura 3.6 Lead Management Valore Leads validate 106 Figura 3.7 Revenue Contratti Conclusi Figura 3.8 Revenue Valore dei Contratti Conclusi 107 Figura 3.9 Eventi IBM Italia Software Group Figura 3.10 Questionario di feedback 108 Figura 3.11 D1. Gradimento dell evento Figura 3.12 D2. Argomenti di interesse 110 Figura 3.13 D3. Argomenti di interesse futuro..110 Figura 3.14 Eventi SSC 2004/ Tabella 1.1 Class. dei business model nell'industria del software.. 18 Tabella 1.2 Differenze fra il settore industriale e i servizi.. 53 Tabella 2.1 Metodi di misurazione delle performance per obiettivo.. 77 Tabella 3.1 Obiettivi del Business On Demand.. 86 Tabella 3.2 Progettazione fasi SSC 112 7

8 INTRODUZIONE I. Uno scenario di riferimento Le aziende che producono beni e servizi per rivenderli sul mercato industriale rappresentano una realtà molto interessante specialmente per l applicazione del marketing alle strategie di produzione e vendita. A causa delle difficoltà spesso riscontrate nell affrontare il mercato, il management delle aziende ha ricercato nuove soluzioni maggiormente creative per aumentare i profitti; questa tendenza ha portato ad applicare approcci nati in altri contesti, come il relationship marketing, il marketing dei servizi e il marketing esperenziale, al mercato dei beni industriali. L attenzione in ogni approccio proposto è sempre rivolta al cliente, con l intento di risvegliare la sua attenzione emergendo sia dalla concorrenza che dai rumori di fondo della pubblicità tradizionale. Il moderno marketing business to business fonda quindi la sua strategia sulla soddisfazione del cliente e in particolare sulla comprensione, creazione e gestione del valore che influenza il modo di utilizzare gli strumenti del marketing mix. Nella nostra analisi non possiamo in ogni caso dimenticare che il mercato dei beni industriali segue proprie regole che si differenziano molto a seconda del settore in cui andiamo ad operare, è quindi necessario non generalizzare eccessivamente perché si andrebbe a semplificare uno scenario estremamente mutevole e problematico. I settori caratterizzati da un alta componente tecnologica sono soggetti a cambiamenti più rapidi e radicali e il mercato del software, di cui ci occuperemo, non fa differenza. A complicare ulteriormente le cose ci pensa il prodotto in questione, notoriamente immateriale (infatti solo nelle versioni domestiche destinate al consumatore finale lo possiamo vedere sotto forma di cd-rom) e spesso accompagnato da un servizio di manutenzione e personalizzazione che costituisce la maggior parte del costo del venduto; inoltre a seconda della composizione dell offerta (middleware, software applicativo, software di sistema), presenta caratteristiche diverse nella 8

9 produzione, nella composizione del canale distributivo, nella commercializzazione e nella comunicazione. Oltre al prodotto anche la concorrenza è particolarmente agguerrita costituita da un lato da grossi gruppi multinazionali, dall altro da produttori indipendenti medio/piccoli che talvolta possono essere acquisiti cambiando immediatamente le carte in tavola nello scenario competitivo; oltre a ciò non è nemmeno insolito assistere a delle collaborazioni in alcuni segmenti di mercato, continuando ad essere rivali in altri. Ad esempio IBM ha creato assieme a SAP un prodotto ottimizzato per le piccole medie imprese, ma entrambe hanno continuato ad offrire una propria versione di Database rivolto al medesimo segmento. L ulteriore elemento che caratterizza il mercato del software è sicuramente il più importante, ovvero il cliente. Nel nostro caso occorre considerare che il cliente è un azienda appartenente alla stessa categoria del fornitore, che conosce quindi il prodotto e il mercato in maniera approfondita e prende buona parte delle sue decisioni sulla base di caratteristiche oggettive e funzionali; è anche importante ricordare che spesso un solo cliente industriale può rappresentare la maggior parte del fatturato del proprio fornitore, poiché spesso l alta specificità del prodotto/servizio richiesto dal cliente porta ad una collaborazione diretta tra le due aziende sul piano della progettazione e dello sviluppo dell offerta. La fidelizzazione è perciò un elemento strategico non trascurabile che spesso riesce a fornire maggiore competitività e valore aggiunto ai prodotti offerti, ma perché sia realizzabile è essenziale che l azienda presti ascolto alle esigenze del cliente, ed è altresì necessario che il cliente stesso ricerchi un interscambio attivo, cioè una relazione con l azienda. La situazione in cui ci troviamo adesso è quella in cui la personalizzazione dei rapporti è diventata una priorità anche nel mercato industriale; la relazione è diventata sia un pilastro fondamentale sul quale si basa la cultura aziendale, che un elemento centrale per creare e mantenere i rapporti con la clientela, 9

10 ponendosi come uno dei fattori che hanno maggiormente caratterizzato la recente evoluzione del contesto economico. Un diverso impiego degli strumenti di comunicazione notoriamente conosciuti può servire a questo scopo, ovvero può aiutare a costruire con il cliente, un contatto individuale cercando di capire e analizzare la sua personale esperienza d uso specialmente in un mercato, come quello del software, dove a causa dell intangibilità e degli alti costi, non sempre viene riconosciuto il valore intrinseco del prodotto. II. Gli eventi come strumenti di marketing Il marketing mix nelle strategie business to business non differisce molto dalle leve utilizzate nel mercato consumer, d altra parte però le classiche 4P sono una classificazione troppo rigida che non sempre si adatta ad uno scenario complesso come quello dei beni industriali. Nel nostro mercato di riferimento è quindi possibile ampliare questa visione sia includendo altri strumenti come il personal selling fondamentale per illustrare prodotti o servizi complessi, sia dando nuova vita a strumenti ampiamente utilizzati nel coinvolgimento dei consumatori finali, ma che si trovano in una fase ancora in evoluzione quando sono utilizzati nei rapporti fra aziende. E in quest ultimo caso che ricade l evento, uno strumento che siamo abituati ad inquadrare all interno delle pubbliche relazioni, assieme alle sponsorizzazioni e agli altri strumenti con i quali l azienda si relaziona direttamente con il proprio target. Negli ultimi anni con l aumentare della concorrenza e l uso intensivo della pubblicità e con la complicazione degli scenari economici, è aumentato l impiego di questo mezzo di comunicazione versatile, idoneo a perseguire gli obiettivi economici e sociali dell azienda, grazie al recente impiego di una logica di marketing alla sua gestione. L evento permette, di avvicinarsi al cliente e di porsi contemporaneamente come interlocutore e ascoltatore; infatti attraverso la creazione di una comunicazione informale, questo strumento è in grado di raggiungere obiettivi di notorietà, aumentando il ricordo del 10

11 messaggio e ciò lo rende particolarmente adatto a stabilizzare o generare nuovi rapporti commerciali. Da qualche tempo si assiste ad una diversa interpretazione degli eventi: inizialmente venivano utilizzati per promuovere prodotti o servizi, oggi invece vengono considerati delle vere e proprie attività di business con una loro autonomia e professionalità. Il fenomeno in questione è facilmente percepibile osservando le diverse scelte di business che ci circondano; è infatti in continua crescita il numero delle aziende, istituzioni e organizzazioni che scelgono l evento (nelle sue numerose tipologie) come forma di comunicazione maggiormente partecipativa e alcune volte più profittevole della pubblicità sui media tradizionali. Quello che rende questo strumento un po sottovalutato è la molteplicità degli scopi per cui può essere utilizzato e la mancanza di una classificazione precisa, che in parte cercherò di dare in questo lavoro. Gli eventi si configurano sempre più come un mix di attività che devono essere bene integrate e organizzate per permettere il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Per assicurare un efficace combinazione di questi fattori è quasi sempre necessario l apporto di diversi operatori così da costruire, per ogni progetto/evento, una rete di collaborazioni (network). Per il marketing è quindi fondamentale considerare in modo strategico le varie alleanze e relazioni che possono nascere in questo tipo di manifestazioni, sia con i clienti finali (consumatori o aziende) a cui l evento è destinato, sia con le amministrazioni pubbliche per ottenere il loro consenso, sia con le altre aziende che partecipano sotto il profilo organizzativo e logistico. Nell immaginario comune, quando si parla di eventi di marketing, vengono alla mente tutte quelle attività promozionali, spesso mono-brand, che cercano di raggiungere il massimo coinvolgimento dello spettatore e che solitamente si rivolgono ad un mercato consumer, come l Heineken jammin festival e il World Ducati Week, che mirano ad attrarre rispettivamente gli amanti della musica e la comunità dei ducatisti. Ad ogni modo esistono anche eventi che si trovano a metà strada tra il b2c e il b2b come alcuni tipi di fiere/expo (Motor 11

12 Show di Bologna o lo SMAU di Milano) che si rivolgono sia agli appassionati del settore, sia a gli addetti ai lavori selezionando i due segmenti con aperture che dividano le aziende dal grande pubblico. Partecipando a questi eventi considerati di massa e osservando con attenzione le strategie e le logiche di comunicazione impiegate dalle aziende, è naturale che la comprensione dell utilizzo di questo strumento in un esclusiva ottica b2b risulti difficile, ma le aziende industriali, ormai da diversi anni, lo utilizzano sistematicamente per comunicare con altre organizzazioni, istituzioni e persino con le sedi distaccate della propria azienda. In particolare le aziende tecnologiche fanno un grande uso di questo strumento, all interno della loro strategia di marketing/vendita, perché devo no comunicare velocemente ma in modo molto dettagliato e specifico, i cambiamenti e le innovazioni che si susseguono cercando di battere sul tempo la concorrenza. In Italia sono i grandi gruppi multinazionali, come IBM, Microsoft, HP, che fanno un più largo uso di eventi, perché possono permettersi di sopportare gli elevati costi di allestimento, raggiungendo così target molto selezionati. III. Obiettivi e percorso del lavoro Questa tesi vuole offrire principalmente uno spunto di riflessione sulle opportunità di marketing nel mercato business to business. Per fare questo, lo studio è partito da una panoramica generale di un settore merceologico, il mercato del software, del quale sono state analizzate alcune strategie di marketing. Data la vastità dell argomento, questa trattazione ha focalizzato l attenzione in particolare sulle caratteristiche che rendono questo mercato diverso dagli altri settori industriali e per alcuni versi assimilabile al mercato dei servizi. Questa premessa è servita come punto di partenza per analizzare le nuove implicazioni del marketing dei beni industriali alla luce dei mutamenti dello scenario economico globale, soffermandoci sul ruolo del cliente e quindi del processo di vendita e sulle possibilità di utilizzare gli strumenti di 12

13 comunicazione disponibili in modo creativo e personalizzato in funzione delle esigenze del cliente. Il punto principale di questo lavoro è in fatti la figura del cliente che unisce tutte le decisioni di un azienda sia nel mercato industriale che in quello consumer. Per questo motivo la tesi evidenzia anche l importanza di costruire una relazione solida e duratura con il cliente, passando brevemente in rassegna la letteratura sul relationship marketing, sempre continuando a tenere in considerazione il nostro punto di vista b2b. In questo lavoro però quello che assume particolare rilievo nell analisi delle aspettative del cliente, è come modificare la sua esperienza d uso in un prodotto, come il software, che ha molte caratteristiche del servizio poiché solo dopo il suo acquisto se ne percepisce il reale valore, inoltre la sua immaterialità lo rende soggetto a oscillazioni di prezzo talvolta considerevoli e non comprese dall acquirente. Infatti per concludere il primo capitolo sono state illustrate le opportunità e i punti di forza necessari ad implementare una strategia basata sulla customer experience nell ambito del marketing b2b. Con il secondo capitolo introduciamo l oggetto di questa tesi, attraverso la descrizione e classificazione degli eventi e come essi possono essere utilizzati come strumento di marketing nelle strategie aziendali, che risulterà molto utile per capire al meglio la case history di cui parleremo nel successivo capitolo. Grazie alla disponibilità della IBM Italia spa, è stato possibile studiare da vicino la consolidata strategia di event marketing utilizzata con successo dall azienda. In questo frangente mi sono occupata di analizzare le attività di marketing implementate direttamente dal reparto Software Marketing, il quale incentra tutti i suoi sforzi nel supportare le vendite dei cinque brand del Middleware che compongono l offerta della Big Blue. Da questa esperienza è emersa infine un analisi degli eventi organizzati dal reparto, evidenziando le caratteristiche di due particolari tipologie di manifestazioni e sottolineando pregi e difetti dei metodi di valutazione utilizzati dall azienda per rilevare i risultati derivanti da questo tipo di strategia. 13

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Ricerche di Mercato Tesi di laurea LE RICERCHE DI MARKETING PER CONOSCERE, DISTINGUERE E COMUNICARE ALLA

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0 Anno 2009, versione 1.0 anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Antherica Srl Via Passo Buole, 82 42123 Reggio Emilia Email: info@antherica.com Web: www.antherica.com

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

UNIVERSITA STUDI DI PISA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA MARKETING E RICERCHE DI MERCATO

UNIVERSITA STUDI DI PISA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA MARKETING E RICERCHE DI MERCATO UNIVERSITA STUDI DI PISA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA MARKETING E RICERCHE DI MERCATO INNOVAZIONE DI PRODOTTO E RUOLO DEL DISTRIBUTORE IL CASO COOP BIO-LOGICI RELATORE Prof.ssa Maria

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI

FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI FONDIMPRESA- P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Area tematica: INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO (*) INDICE DEI CORSI Analisi di settore e internazionalizzazione (Mip) 2 Formazione

Dettagli

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE

IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE IL FUTURO DELLA SEGMENTAZIONE La segmentazione della lead generation per tipologia di cliente. Come raggiungere i 26 milioni d italiani uniti da internet ma divisi in 8100 comuni? What s next in customer

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci n.1 - Anno 2014 APRILE/GIUGNO n.1 aprile/giugno 2014 1 marzo maggio maggio SFC Strategia Finanza e Controllo Edizione a cura di: ASFIM, CREA VALORE ALL IMPRESA Associazione degli Specialisti in Finanza

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM Emilio Spera 4/11/2001 e.spera@tiscalinet.it IL PIANO DI MARKETING ON LINE di PCX

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

Marketing Definizioni e Declinazioni

Marketing Definizioni e Declinazioni 1 Marketing Definizioni e Declinazioni Corso di Laurea in Scienze di Internet Università di Bologna Docente Andrea De Marco Bologna 01-10-2008 2 Obiettivi del Corso I fondamentali strumenti concettuali

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Innovare per competere

Innovare per competere Innovare per competere il ruolo del CRM come elemento di crescita nelle vendite workshop a cura di: Giulia Zaia Veneto Ricerche Customer Relationship Management CRM ovvero gestione delle relazioni con

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Semplifica la gestione di una forza lavoro globale

Semplifica la gestione di una forza lavoro globale Semplifica la gestione di una forza lavoro globale Cezanne HR è un azienda internazionale, che gestisce clienti in tutto il mondo. Per questo sappiamo quanto possa essere complicato gestire le Risorse

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa

Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa Business Model Canvas strumenti per la creazione d'impresa 03 dicembre 2014 Saverino Verteramo Ricercatore DIMEG Docente di Gestione Aziendale presso Corso di Laurea Ing. Gestionale- Unical s.verteramo@unical.it

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Come realizzare un progetto CRM eccellente

Come realizzare un progetto CRM eccellente Come realizzare un progetto CRM eccellente Andrea Farinet World Marketing & Sales Forum 2008 Milano, 18 giugno Come valorizzare strategia di marketing e strategia CRM? Di quale CRM hanno realmente bisogno

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Gestione delle relazioni con il Cliente

Gestione delle relazioni con il Cliente Customer Relationship Management Cos è il Customer Relationship Management? Proviamo a tradurlo in italiano, sarà più facile da capire Gestione lle relazioni con il Cliente Ma perché è diventato così importante

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it www.a4dc.it A4 Design @Design_A4 Progetto promosso e curato da A4Design Nata dall intesa

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende:

L unione di più competenze per essere concreti: Il nostro slogan è Esperti di Processi, Non informatici. Il nostro approccio alle aziende: Servizi e Soluzioni Software per le PMI Soluzioni IT Aiutiamo a concretizzare le Vostre idee di Business. Nella mia esperienza oramai ventennale ho compreso come i processi delle imprese spesso non siano

Dettagli

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a.

CO.E.S. Compagnia Edil Sanitaria S.p.a. CO.E.S. COMPAGNIA EDIL SANITARIA S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ È stata costituita nel 1965. La filosofia che da sempre anima le strategie di CO.E.S. è la proposta al mercato idrotermosanitario di soluzioni

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Che cosa fa chi si occupa di marketing? 1. Capitolo 2 L ambiente di marketing 25. Prefazione Prefazione all edizione italiana

Sommario. Capitolo 1 Che cosa fa chi si occupa di marketing? 1. Capitolo 2 L ambiente di marketing 25. Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana XIII XIV Capitolo 1 Che cosa fa chi si occupa di marketing? 1 Introduzione 1 Che cos è il marketing 2 Lo sviluppo del concetto di marketing 3 CASO DI STUDIO

Dettagli

Il marketing della nautica da diporto

Il marketing della nautica da diporto Il marketing della nautica da diporto Prof Sergio Cherubini www.marketingnautico.net Perché i premi di marketing nella nautica? Page 2 Indicazioni dal panel di studio effettuato al NauticSud nn Il marketing,

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Gestione delle relazioni con il Cliente

Gestione delle relazioni con il Cliente Customer Relationship Management Cos è il Customer Relationship Management? Proviamo a tradurlo in italiano, sarà più facile da capire Gestione lle relazioni con il Cliente Ma perché è diventato così importante

Dettagli

IL CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) IN HOTEL

IL CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) IN HOTEL IL CRM (CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT) IN HOTEL LA GESTIONE AVANZATA DELLE RELAZIONI CON I CLIENTI DESTINATARI: DIRETTORI D ALBERGO COSTO: 122,00 (100,00 + 22% IVA INCLUSA) OBIETTIVI FORMATIVI Acquisire

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Al momento del lancio di una nuova impresa l imprenditore deve affrontare 4 domande collegate tra

Dettagli