PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO"

Transcript

1 PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO Dr.ssa Carolina Ultori Dirigente Medico U.O. Geriatria Varese, 15 Aprile 2011

2 Prevalenza di diabete noto e neo - iperglicemia, in 2030 pz. ospedalizzati 62 % 26 normali diabete 12 neo Umpierrez GE, J Clin Endocrinol Metab 2002, 87:

3 TIPOLOGIA PAZIENTE IPERGLICEMICO a) diabete mellito noto preesistente al ricovero; b) diabete mellito di prima diagnosi durante la degenza, persistente dopo la dimissione; c) iperglicemia correlata alla degenza: si tratta di persone non note come diabetiche, con un iperglicemia comparsa per la prima volta durante il ricovero e regredita alla dimissione. La distinzione fra queste forme non è sempre immediata: è di grande utilità a questo scopo il dosaggio dell HbA1c, che andrebbe sempre eseguito al momento del ricovero in ospedale.

4 MISURAZIONE DELLA GLICEMIA In tutti i pazienti va eseguita la glicemia al momento del ricovero e la mattina seguente a digiuno Se la glicemia > 100: determinare la glicemia ogni 4-6 ore se il paziente non si alimenta se il paziente si alimenta, va misurata prima e due ore dopo i pasti. Considerare controlli notturni I dati vanno registrati in cartella clinica

5 Modificazioni di ormoni e substrati in condizioni di stress metabolico 600 % Glicemia FFA LATTATO CHETONI INSULINA GLUCAGONE ADRENALINA NORADRENALINA DOPAMINA CORTISOLO 0 Normale Stress Metabolico

6 Risposta metabolica allo stress Glucotossicità ormoni dello stress Glucosio Insulina Disfunzione immunitaria Rischio settico FFA Chetoni Lattato Danno cellulare/apoptosi Infiammazione Danno tissutale Ridotta riparazione tissutale Acidosi Ischemia Ospedalizzazione prolungata Disabilità Mortalità Specie reattive O 2 Fattori di transcrizione Mediatori secondari Modificato da: Clement S. et al. Diabetes Care, 2004; 27:553 Levetan CS. Endocrinol Metab Clin North Am 29: , 2000 Leahy JL, et al Diabetes Care 15: ,

7 Diabetes in Hospitalized Patients Reason for Higher Costs Higher Rate of Hospitalization Longer Stays More Procedures, Medications Chronic Complications More Arteriosclerotic Disease More Infections Complicated Pregnancies

8 Diabetes in Hospitalized Patients High-risk for Bacterial Infection Surgery Catheters Intravenous Access Anaesthesia Problems with wound healing Problems with tissue and organ perfusion

9 Insulin Requirements in Health and Illness Units Correction Nutritional Prandial Basal Healthy Sick/Eating Sick/NPO *Estimations for illustrative purposes: requirements may vary widely. Clement S, et al. Diabetes Care. 2004;27:

10 La terapia insulinica fonte di errori La terapia insulinica è fonte di errori nella somministrazione di farmaci in ospedale: 3%-4% degli errori Negli US è uno dei tre farmaci, principali responsabili di eventi avversi in occasione di ricoveri ospedalieri J Clin Pharmacol Jul;43(7):760-7 Clement S. Diabetes Care 2004, 27:

11 Hyperglycemia and Hospital Mortality 1826 consecutive ICU patients 10/99 thru 4/02, Stamford CT Mortality % >300 Average ICU glucose (mg/dl) Krinsley JS: Mayo Clin Proc 78: , 2003

12 OBIETTIVI GLICEMICI - pazienti in situazione critica il più possibile vicini a 110, in ogni caso < 180 mg/dl - pazienti in situazione non critica pre-prandiali il più possibile vicini a , post-prandiali < 180 mg/dl

13 GESTIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO PERIODO PRE-OPERATORIO CHIRURGIA MAGGIORE Si prevede consulenza diabetologica specialistica. Nel paziente diabetico in terapia ipoglicemizzante orale, in regime di non urgenza: passaggio da terapia ipoglicemizzante orale a terapia insulinica s.c. CHIRURGIA MINORE Sospensione dell'ipoglicemizzante orale nelle 12 ore precedenti l'intervento ed eventuale insulina correttiva. INTRA-OPERATORIO POST-OPERATORIO Gestione completa a carico dell Anestesista. Ripresa dell'alimentazione >24 ore e per via orale: P. DI PASSAGGIO DA TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA A TERAPIA SOTTOCUTE enterale (SNG o PEG): P.DI TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA IN NET e P. DI PASSAGGIO DA TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA A TERAPIA SOTTOCUTE IN NUTRIZIONE ENTERALE NPT: P. DI TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA IN Gestione completa a carico dell Anestesista. Ripresa dell'alimentazione entro 24 ore dall'intervento: ripresa della terapia ipoglicemizzante orale o insulinica s.c. alla ripresa dei pasti, monitorando la glicemia pre- e post-prandiale eventualmente adattandola in base ai riscontri glicemici.

14 GESTIONE DELLA TERAPIA INSULINICA NEL PAZIENTE CHIRURGICO Periodo pre-operatorio: attivare la consulenza diabetologica specialistica. Nel paziente in terapia ipoglicemizzante orale in chirurgia maggiore non urgente, prevedere il passaggio da terapia ipoglicemizzante orale a terapia insulinica s.c. Nel paziente in chirurgia minore (che prevede digiuno e la ripresa dell'alimentazione entro 24 ore dall'intervento) sospensione dell'ipoglicemizzante orale nelle 12 ore precedenti l'intervento.

15 GESTIONE DELLA TERAPIA INSULINICA NEL PAZIENTE CHIRURGICO Periodo intraoperatorio: gestione completa a carico dell Anestesista.

16 GESTIONE DELLA TERAPIA INSULINICA NEL PAZIENTE CHIRURGICO Periodo postoperatorio: In chirurgia maggiore: - pazienti degenti in Terapia Intensiva si consiglia l utilizzo di algoritmi infusionali condivisi per la terapia con insulina in infusione come da PROTOCOLLO DI TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA in T.I. - paziente che rientra in Reparto di degenza si prosegue con la terapia insulinica e.v., con successivo passaggio alla terapia s.c. secondo PROTOCOLLO DI PASSAGGIO DA TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA A TERAPIA SOTTOCUTE.

17 PROBLEMATICHE: IL DIGIUNO Spesso il digiuno in chirurgia minore inizia la sera prima dell intervento e termina il giorno dopo (es. in Ortopedia o per esecuzione di esami endoscopici): non si somministra l insulina rapida il mattino dell intervento, ma si pratica l analogo lento la sera prima (bed time). Nel paziente in buon compenso glicometabolico in terapia ipoglicemizzante orale o sc, che prevede la ripresa dell'alimentazione entro 24 ore dall'intervento, si consiglia il proseguimento della terapia abituale ai pasti, monitorando la glicemia pre- e post-prandiale, eventualmente adattando le dosi in base ai riscontri glicemici. In chirurgia maggiore spesso il digiuno è più prolungato prima e dopo l intervento (es. per posizionamento di SNG a caduta o di NA parenterale o enterale): prevedere quindi il passaggio alla terapia insulinica infusiva con schemi di monitoraggio glicemico programmati.

18 PROBLEMATICHE: METFORMINA Si sottolinea la necessità dell interruzione della terapia con metformina 48 ore prima del previsto intervento chirurgico o esame con mezzo di contrasto ed in tutti i pazienti affetti da patologie condizionanti insufficienza renale, insufficienza cardiaca e insufficienza respiratoria, per il rischio di sviluppare acidosi lattica.

19 Passaggio da terapia insulinica ev a terapia sc OBIETTIVO: a partire dalla 1 a giornata mantenere il range glicemico tra 140 e 180 mg/dl Nel caso in cui l insulina pronta infusa nelle 24 ore precedenti sia > 50 U.I., valutare di proseguire l infusione continua per eventuale stato di insulinoresistenza stress correlato; se persistenza di dosaggio insulinico elevato nelle seguenti 48 ore, richiedere la valutazione diabetologica CONTROLLI GLICEMICI in infusione e.v.: ogni 2 ore in Nutrizione Artificiale Enterale o Parenterale continua: ogni 4-6-ore In nutrizione ciclica: personalizzabile Se viene richiesta frequentemente o in alte dosi insulina di correzione, significa che è necessario modificare la dose di insulina basale e/o nutrizionale.

20 Passaggio da terapia insulinica ev a terapia sc 1 a giornata dall'estubazione il paziente deve essere mantenuto a digiuno: è consentita una dieta idrica, proseguendo con infusione e.v. di insulina e Glucosata al 5% tamponata con insulina e KCl (evitando l aggiunta di potassio per valori > 5.3 meq/l) e controlli glicemici associati

21 Passaggio da terapia insulinica ev a terapia sc 2 a giornata: il paziente inizia ad alimentarsi (dieta 2 a -3 a ) Somministrare analogo lento s.c. preferibilmente alla sera: la dose va calcolata come il 50% del fabbisogno insulinico delle 24 ore precedenti ed è somministrata 2 ore prima della interruzione dell infusione e.v. di insulina. Iniziare a somministrare analogo rapido s.c. preprandiale ( U/kg/pasto, da dimezzare se alimentazione ridotta); più comodamente la dose va calcolata dividendo per due la quantità di insulina somministrata nelle 24 ore precedenti, con una riduzione del 20%, somministrando 20% a colazione, 40% a pranzo, 40% a cena. Sospendere l'infusione e.v. di insulina 2 ore dopo circa la somministrazione s.c. La somministrazione dell analogo lento non è vincolata all alimentazione e permette un plateau glicemico controllato nel paziente a digiuno.

22 Passaggio da terapia insulinica ev a terapia sc 3 a giornata continuare con la somministrazione di analogo lento serale ed analogo rapido ai pasti: controlli glicemici pre- e postprandiali ed un controllo serale consentiranno di aggiustare la terapia insulinica. Si consiglia la verifica ogni 2-3 giorni dell'apporto insulinico assunto per eventuale aggiustamento delle dosi di insulina basale (vedere paragrafo Regola del 1500 ).

23 MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE DELLA NUTRIZIONE ARTIFICIALE Funzione intestinale Adeguata Enterale Insufficiente Parenterale <30 gg >30 gg <15 gg >15 gg SNG o SND Stomia Via periferica Via centrale

24 NUTRIZIONE ENTERALE (NE) Per la NE nel diabetico, l utilizzo di diete-formula patologia specifiche, è associato ad un migliore equilibrio glicometabolico rispetto a quello ottenibile con dieteformula standard. L utilizzo di diete-formula patologia specifiche, infatti, si associa a: - minore incremento della glicemia postprandiale - più basso picco glicemico - ridotta AUC glicemica. Fra le diverse diete-formula patologia specifiche per il diabete attualmente disponibili, sembra più opportuno utilizzare quelle: -a più elevato contenuto di MUFA; -a più basso contenuto di SFA; -a ridotto e modificato apporto di CHO (basso Indice Glicemico); -con fruttosio; - ricche di fibre e di FOS.

25 NUTRIZIONE ENTERALE (NE) La miscela nutrizionale può essere somministrata con le seguenti modalità: - Nutrizione enterale in boli - Nutrizione enterale ciclica o notturna - Nutrizione enterale continua Per la somministrazione della miscela nutrizionale, indipendentemente dalla modalità utilizzata, ci si dovrebbe sempre servire di una pompa nutrizionale in modo da ridurre al minimo i rischi delle oscillazioni glicemiche. Il trattamento insulinico deve essere scelto in relazione alle modalità di somministrazione della NE. La dose iniziale di insulina, nel paziente trattato in precedenza con altra modalità e stabilizzato dal punto di vista dell andamento glicemico, può essere calcolata considerando almeno la media della quantità di insulina somministrata nei due giorni precedenti (nelle 48 ore).

26 MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE DELLA NUTRIZIONE ENTERALE (NE) La somministrazione della nutrizione enterale a boli prevede la suddivisione della quantità totale di miscela in porzioni uguali da somministrare più volte al giorno in minuti, può essere utilizzato uno schema insulinico con boli ripetuti di insulina umana regolare o analogo rapido o del tipo basal-bolus. Le dosi andrebbero calcolate controllando la glicemia prima dell inizio della NE e due ore dopo il suo termine e aggiustate gradatamente. La somministrazione ciclica o notturna prevede un tempo di ore, implica uno schema con insulina ad azione intermedia con una piccola dose di insulina rapida al momento dell inizio della somministrazione della NE. In alternativa possono essere utilizzati analoghi lenti di durata intermedia.

27 MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE DELLA NUTRIZIONE ENTERALE (NE) La somministrazione in continuo, modalità questa più vantaggiosa ed efficace in quanto riduce la velocità di riempimento gastrico, implica l uso di uno schema con analogo lento 1 o 2 volte al giorno (con particolare attenzione, in caso di sospensione o non assorbimento di nutriente, a possibili ipoglicemie) eventualmente associata a una piccola dose di pronta all inizio della NE. In alternativa può essere utilizzato anche un analogo a lunga durata d azione. Nel paziente in NP stabilizzato che utilizza pompa peristaltica per le 24 h può essere utilizzato un analogo a lunga durata di azione sottocute. Eventuali iperglicemie occasionali possono essere corrette con analoghi ad azione rapida sottocute. NB: la gestione dell analogo lento: la glicemia bassa induce a non eseguire l analogo lento serale (bed time), che va invece eseguito, ricordando che la sua dose viene quantificata in base al valore della glicemia del mattino

28 NUTRIZIONE ENTERALE (NE) ENTERALE Componenti insulina Schema insulinico preferibile Continua Basale: 40% TDD Nutrizionale: 60% TDD Glargine (Detemir, NPH 2 v die, Insulina ev) Regolare ogni 6 h (ultrarapida 4 h) Correzione: regolare A boli Basale: 40% TDD Nutrizionale: 60% TDD Glargine (Detemir, NPH 2 v die, Insulina ev) Analogo rapido (Regolare) con ciascun bolo Correzione: analogo rapido Notturna Basale= Nutrizionale NPH Analogo rapido all inizio

29 Regola del Basal/Bolus nel trattare l iperglicemia 50% Bolo o Prandiale Insulina Basale 50% Gliemia Colazione Pranzo Cena

30 SCHEMA INSULINICO SUGGERITO NELLA TERAPIA ENTERALE CONTINUA Boli ogni 6 ore (regolare) Insulina basale (40% TDD) Enterale continua

31 NUTRIZIONE PARENTERALE (NPT) Modalità basale/prandiale insieme: - insulina e.v. separata dalla NPT - insulina umana regolare aggiunta alla NPT, se doppia via difficoltosa (80% TDD), con correzioni a boli per eventuali iperglicemie non controllabili (previo schema di controllo glicemico come consigliato) Correzione: Analogo rapido ogni 4 h Regolare ogni 6 h

32 NUTRIZIONE PARENTERALE (NPT) CALCOLO PROPORZIONE DI CORREZIONE IN UNITA' INSULINA EV IN BASE A APPORTO GLUCOSIO IN SACCA Si può iniziare con 0.1 U.I. di insulina per g di glucosio infuso o 0.15 U.I., se la glicemia è > 150 mg/dl. In soggetti obesi con diabete tipo 2 possono essere necessarie 0.2 U.I. di insulina per g di glucosio infuso. In diabetici di tipo 1 possono essere necessarie 0.5 U.I. di insulina per g di glucosio infuso.

33 Metodi per calcolare la dose totale di insulina (TDDI) In base alla quantità di insulina richiesta durante infusione e.v. In base alla dose totale di insulina usata a domicilio In base al peso e caratteristiche del paziente Se paziente ha queste caratteristiche: Insulino-sensibile: magro, malnutrito, a rischio di ipo, (spt se DT1), anziano, IRA, IRC (spt se dialisi) N (untà/kg/die) 0,3 Peso normale, con normale sensibilità insulinica, incluso DT1 0,4 Sovrappeso 0,5 Insulino resistente (obeso) o in terapia con alte dosi di corticosteroidi 0,6

34 Panoramica dei protocolli di infusione endovenosa La necessità e l importanza di controllare l iperglicemia nei pazienti critici ha solide evidenze ormai da oltre dieci anni: lo studio DIGAMI nell Infarto Miocardico acuto nel 1996 e successivamente dal 2001 gli studi della Van Den Berghe in diversi setting assistenziali, hanno riproposto con forza il ruolo dell iperglicemia come fattore prognostico negativo indipendente nella fase ospedaliera di molte patologie acute sia mediche che chirurgiche. Nonostante queste evidenze la glicemia resta oggi l unico parametro vitale non sottoposto a monitoraggio continuo nelle terapie intensive... La gestione del compenso glicemico in questi contesti non è semplice e richiede l utilizzo di algoritmi a gestione infermieristica che presentino al contempo caratteristiche di semplicità/fattibilità e sicurezza. I protocolli pubblicati sono diversi,ma l esperienza sul campo di coloro che hanno iniziato ad utilizzarli è stata la medesima: tutti i protocolli in uso sono un adattamento locale, discusso e condiviso, dei protocolli pubblicati (dal Digami allo Yale) e la stretta collaborazione con gli infermieri è la condizione essenziale per il successo.

35 JAMA. 2008;300(8): Milano 28-29/11/2008 Protocolli insulina endovenosi 35

36 Intensive Insulin Therapy in Critically Ill Patients Morbidity and Mortality Benefits Intensive therapy to achieve blood glucose 80 to 110 mg/dl reduced mortality (by 34%), sepsis (by 46%), dialysis (by 41%), blood transfusion (by 50%), and polyneuropathy (by 44%) 0 Blood Mortality Sepsis Dialysis Transfusion Polyneuropathy -10 Percent Reduction % 46% 41% 50% 44% Van den Berghe G, et al. N Engl J Med. 2001;345:

37 Trattamento dell iperglicemia nelle Unita di Terapia Intensiva Studio Van den Berghe 2001: Studio randomizzato controllato Popolazione studiata 1548 Pazienti ammessi in UTI Diabetici: 13% Diabetici insulino- trattati: 5% Milano 28-29/11/2008 Protocolli insulina endovenosi 37

38 Intensive Insulin Therapy in Critically Ill Patients Improves Survival Intensive treatment 4.6% mortality Survival in ICU (%) Conventional treatment 8% mortality Days after Admission Conventional: insulin when blood glucose > 215 mg/dl; mean AM blood glucose achieved was 153 mg/dl Intensive: insulin when glucose > 110 mg/dl and maintained at mg/dl; mean AM blood glucose achieved was 103 mg/dl Van den Berghe G, et al. N Engl J Med. 2001;345:

39 OBIETTIVI GLICEMICI Pazienti in situazione critica: iil piu' possibile vicino a 110 mg/dl, in ogni caso < 180 mg/dl Pazienti in situazione non critica: pre-prandiali il più possibile vicini a , post-prandiali < 180 mg/dl

40 INGREDIENTI PER COSTRIRE UN PROTOCOLLO EFFICACE Identificare il target glicemico Chiara indicazione delle dosi di insulina limitando il numero di calcoli Utilizzare algoritmi che prendano in considerazione la sensibilità all insulina e il trend di variazione della glicemia Chiara indicazione della concentrazione dell insulina (bolo e volume infusione) Indicazioni sulla frequenza del monitoraggio glicemico Chiarezza grafica Indicazioni per gli eventuali stop nella nutrizione Precise indicazioni sulle condizioni di stop e di ripresa del protocollo Allegare un protocollo preciso per il trattamento dell ipoglicemia Integrare con un protocollo per il passaggio alla terapia sottocute Renderlo adattabile anche per le aree non critiche definire gli ambiti di utilizzo 40

41 PROTOCOLLI DI TERAPIA INSULINICA ENDOVENOSA Devono essere algoritmi che possano essere gestiti dal personale infermieristico. Anche se sono stati pubblicati numerosi algoritmi, non esistono in letteratura raffronti diretti fra algoritmi diversi, e pertanto non è possibile raccomandarne uno specifico. Per tutti gli algoritmi è necessario, un controllo glicemico intensivo, anche se non ne è nota la frequenza ideale. 41

42 PROTOCOLLI DI TERAPIA INSULINICA ENDOVENOSA DIGAMI (insulina glucosio ev seguita da terapia insulinica sc ottimizzata) van den Berghe (insulina ev con obiettivo glicemico mg/dl) Protocollo di Portland (insulina ev fino a 3 giorni dopo intervento di cardiochirurgia. Obiettivi glicemici differenziati: mg/dl) Markovitz (insulina ev con obiettivo glicemico mg/dl) Protocollo di Yale (insulina ev con obiettivo glicemico mg/dl) Malmberg K. BMJ. 1997;314(7093): van den Berghe G, et al. N Engl J Med. 2001;345: Furnary, AP et al. Endocr Pract. 2004; 10-2; Markovitz LJ, et al. Endocr Pract. 2002;8: Goldberg PA, et al. Diabetes Care. 2004;27:

43 Algoritmo: statico/dinamico e Bolo insulinico di avvio e successivi Statici Range Dinamici - Centrati sulla sensibilità all insulina: metodo delle colonne (es. Markovitz), utilizzano il 1500/1700 o 1800 rule. - Centrati sulla variazione nel tempo della glicemia, richiedendo calcoli da operare sulle glicemie (considerando il tempo ed il grado di variazione nel tempo della glicemia: es. Yale/Portland). 43

44 Priming - Soluzioni di diluizione Standardizzare la preparazione della soluzione di insulina (abitualmente 1 U/ml) con soluzione fisiologica 0,9% alla quale non è necessario aggiungere albumina. Per ridurre il rischio di aderenza eccessiva alle pareti del sistema di infusione usare una concentrazione elevata di insulina (1U/ml). Alla preparazione ed al cambio del set da infusione effettuare il priming per saturare il legame dell insulina con il materiale dei set (consigliati in genere 50 ml (20 ml possono essere sufficienti secondo alcune esperienze*) (*) Goldberg PA, Kedves A, Walter K, et al. Waste not, want not : determining the optimal priming volume for intravenous infusions. Diabetes Technol Ther. 2006;8(5):

45 Timing del controllo glicemico La maggioranza dei protocolli consiglia il controllo ogni ora Il controllo frequente permette una gestione più sicura del trend glicemico Raggiunta una relativa stabilità glicemica i controllo sono consigliati con frequenza variabile da 2 a 4 ore Il monitoraggio continuo può rappresentare una prospettiva, se affiancato ad un protocollo efficace (informatizzato?) 45

46 TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA: Proposta di protocollo semplificato n 1 1 a infusione costituita da Soluzione Fisiologica 50 cc + insulina umana regolare 50 U.I. (la concentrazione è tale che 1 cc = 1 U.I./ora) 2 a infusione GIK (Glucosata 5% 500 cc con KCl 20 meq)- infusione a velocità variabile, secondo le condizioni emodinamiche del paziente (30-60 ml/ora) CONTROLLO STIK: dopo 1 ora per verifica dose (U.I./ora, poi OGNI 2 ORE per le PRIME 12 ore, quindi OGNI 4 ORE, se glicemie stabili Valore glicemia (mg/dl) Bolo e.v. di insulina umana regolare 1 a infusione: insulina 50 U.I. +Sol.Fisiologica 49.5 cc velocità del flusso 2 a infusione: GIK (Glucosata 5% 500 cc con KCl 20 meq) > U.I. 5 ml/ora NO U.I. 4 ml/ora NO U.I. 3 ml/ora NO NO 2.5 ml/ora NO NO 2 ml/ora SI NO 1.5 ml/ora (1 ml/ora di notte) NO 1 ml/ora (0.5 ml/ora di notte) SI SI < 110 STOP SI < 70 NO NO SI Glucosata al 10% 60 ml/ora + HGT ogni ora

47 TERAPIA INFUSIONALE INSULINICA: Proposta di protocollo semplificato n 2 (tipo Markovitz) con target mg/dl infusione 100 ml Soluzione Fisiologica U.I. insulina umana regolare (1 U.I./1 ml) infusione 2 a via: Soluzione Glucosata al 5% Controllo: glicemia (inizialmente) ogni ora e regolazione velocità di flusso dell'infusione insulinica. mg/dl < 100 No no no no No No

48 Proposta di protocollo n 2 (tipo Markovitz) con target mg/dl Algoritmo 1: inizio per la maggioranza dei pazienti Algoritmo 2: inizio per CABG, trapianto trattato con steroidi, diabetici trattati con > 80 U.I./die, pazienti non controllati con 1 Algoritmo 3: pazienti non controllati con 2 Algoritmo 4: pazienti non controllati con 3 Algoritmo 5: pazienti non controllati con 4 Aspetti operativi: l infusione di insulina è guidata dai livelli glicemici del paziente, determinati ogni ora (per lo meno fino alla conclusione della prima giornata), fino a quando non sono stabili se l obiettivo non è raggiunto o se la glicemia non si riduce di almeno 60 mg/dl rispetto al valore precedente, il paziente passa all algoritmo successivo se la glicemia è stabile per 2 volte consecutive nel range desiderato, il monitoraggio può essere eseguito ogni 2 ore, quindi ogni 4 ore

49 NOTE IN NUTRIZIONE PARENTERALE (NPT) PROBLEMATICHE: Gli schemi proposti di infusione insulinica si riferiscono alla necessità di impostare una via di infusione dedicata sia per l'insulina, sia per la seconda via con la Glucosata/nutrizione associata. Come è stato segnalato, a volte le terapie farmacologiche infusive intensive necessitano di posizionamento di CVC a più vie, che devono essere gestiti in massima sicurezza. Dedicare due vie di infusione alla gestione della terapia insulinica rende a volte poco maneggevole la gestione del device. Pertanto, nel caso in cui il paziente presenti un compenso soddisfacente (che si intende nei target glicemici condivisi), è comunque lecito impostare una nutrizione parenterale in sacca contenente insulina umana regolare. Nel caso in cui non si ottenesse un adeguato controllo, è indicato il passaggio a doppia via infusiva, come da schemi proposti.

50 NOTE IN NUTRIZIONE PARENTERALE (NPT) Si sottolinea la necessità di interruzione di terapia con metformina 48 ore prima e dopo il previsto intervento. N.B.: ACCETTABILE, SE EFFICACE, EFFETTUARE LA NUTRIZIONE PARENTERALE TOTALE IN SACCA TAMPONATA CON INSULINA ADEGUATAMENTE DOSATA. SUPERATO IL PROBLEMA DELLA ADESIONE ALLE PARETI DELLA SACCA: DEPOSITO NON SIGNIFICATIVO. NEI CASI POCO RESPONSIVI AD INFUSIONE IN POMPA CON INSULINA RAPIDA, POSSIBILITA DI UTILIZZO DI ANALOGO RAPIDO. IL CALCOLO DELLA PROPORZIONE DA MANTENERE TRA IL GLUCOSIO CONTENUTO NELLE SACCO E E L'UNITA' DI INSULINA REGOLARE DA INFONDERE E' DI 5:1. PER OGNI 5 GR DI GLUCOSIO CONTENUTO SI TAMPONI CON 1 UI DI INSULINA.

51 Ruolo dell'infermiere L applicazione dei protocolli ha lo scopo di: uniformare i metodi di lavoro modificare i comportamenti valutare la qualità dell assistenza promuovere l aggiornamento Il ruolo dell infermiere in questo campo riveste un ruolo fondamentale, sia nella raccolta dati e valutazione iniziale, che nel monitoraggio e nell evoluzione della terapia. L infermiere diventa osservatore speciale e assume responsabilità L utilizzo di questi strumenti permette all infermiere di prendere decisioni cliniche consapevoli, supportate da valenze scientifiche e di superare un tipo di assistenza per compiti, basata sulla routine e sulle abitudini, che spesso determina spreco di risorse e bassa efficacia assistenziale

52 La valutazione infermieristica Staff on the general medicine units were now considered experts in the use of the nomogram and helped facilitate its implementation throughout the hospital. The diabetes clinical nurse specialist developed teaching guidelines to help staff use the nomogram, and in-service education sessions were held on other units. Nurses on other units have easily mastered the nomogram calculations, although some have voiced resistance to hourly blood glucose checks.

53 PROTOCOLLO DI INFUSIONE INSULINICA 7 Nome del paziente: Data:. ora Glicemia mg/dl Velocità di infusione U/ora Glucosata 20%- 50ml/h Se glic<80mg/dl Note

54 U.O. TERAPIA INTENSIVA GENERALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALE DI CIRCOLO VARESE Direttore: Dott. Giulio Minoja Responsabile Struttura Semplice: Dott. Giuseppe Mazzi NUTRIZIONE ENTERALE: (SI RIMANDA LA CAPITOLO APPOSITO) Si utilizza il seguente schema insulinico solo al raggiungimento della nutrizione enterale totale con controllo glicemico inadeguato nonostante l utilizzo di formulazioni nutrizionali specifiche (tipo Diason, ecc.) 1 - Determinare la dose di insulina e.v. somministrata nelle 24 ore precedenti 2 - In alternativa riferirsi al seguente schema: nel caso che l insulina umana regolare infusa nelle 24 ore precedenti sia > 50 U.I., valutare di proseguire l infusione continua per eventuale insulinoresistenza stress correlatala dose di insulina rapida deve essere adattata ai cambiamenti dietetici/terapeutici e alle condizioni del paziente. Nella Nutrizione Entrale a boli/dieta libera controllo glicemico prima del bolo/pasto e dopo 4 ore. Nella Nutrizione Entrale continua controllo ogni 6 ore.

55 U.O. TERAPIA INTENSIVA GENERALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALE DI CIRCOLO VARESE Direttore: Dott. Giulio Minoja Responsabile Struttura Semplice: Dott. Giuseppe Mazzi Aspetti operativi: l infusione di insulina è guidata dai livelli glicemici del paziente, determinati ogni ora fino a quando non sono stabili se l obiettivo non è raggiunto o se la glicemia non si riduce di almeno 40 mg/dl rispetto al valore precedente, il paziente passa all algoritmo successivo se la glicemia si riduce di più di 80 mg/dl, si passa all algoritmo precedente se la glicemia è stabile per 2 volte consecutive nel range desiderato, il monitoraggio può essere eseguito ogni 2 ore, quindi ogni 6 ore CORREZIONI ESTEMPORANEE da 1 a 4 U.I. ogni 50 mg/dl di decremento della glicemia che si vuole ottenere

56 U.O. TERAPIA INTENSIVA GENERALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALE DI CIRCOLO VARESE Direttore: Dott. Giulio Minoja Responsabile Struttura Semplice: Dott. Giuseppe Mazzi CORREZIONI ESTEMPORANEE da 1 a 4 U.I. ogni 50 mg/dl di decremento della glicemia che si vuole ottenere Valore glicemico rilevato Dose bolo di analogo rapido mg/dl 8 U.I mg/dl 12 U.I mg/dl 15 U.I mg/dl 18 U.I mg/dl 22 U.I.

57 U.O. TERAPIA INTENSIVA GENERALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALE DI CIRCOLO VARESE Direttore: Dott. Giulio Minoja Responsabile Struttura Semplice: Dott. Giuseppe Mazzi Target raccomandati mg/dl* Consensus AACE-ADA 2009, ripresa nel Position statement dell ADA nel Gennaio 2010 * glicemia < 150 mg/dl in pazienti con sepsi grave/shock settico (Surviving Sepsis Campaign 2010) PAZIENTE IN NUTRIZIONE PARENTERALE (NPT) INIZIARE CON: - INSULINA IN SACCA NPT 0.05 U.I. di insulina umana regolare per g di glucosio infuso in pazienti con età < 50 anni con normale sensibilità insulinica U.I. di insulina umana regolare per g di glucosio infuso in pazienti obesi, diabetici noti o con fattori predisponenti all insulinoresistenza (sepsi, corticosteroidi, ecc.) Per valori di glicemia > 180 mg/dl correzione estemporanea (secondo schema) ed incremento di U.I. di insulina umana regolare in sacca NPT fino ad un massimo di 50 U.I., quindi (alla sostituzione della sacca NPT preparata senza aggiunta di insulina) passare ad:- INSULINA IN PERFUSIONE CONTINUA

58 U.O. TERAPIA INTENSIVA GENERALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALE DI CIRCOLO VARESE Direttore: Dott. Giulio Minoja Responsabile Struttura Semplice: Dott. Giuseppe Mazzi - INSULINA IN PERFUSIONE CONTINUA (consensualmente all inizio di sacca NPT non tamponata) analogo rapido 1 U.I./ ml in Soluzione Fisiologica Protocollo (tipo Markovitz modificato) con target mg/dl Algoritmo 1: inizio per pazienti con glicemia mg/dl (con NPT tamponata) Algoritmo 2: inizio per pazienti con glicemia > 250 mg/dl (con NPT tamponata) o non controllati con 1 Algoritmo 3: pazienti non controllati con 2 Algoritmo 4: pazienti non controllati con 3 Controllo della glicemia prima dell inizio della perfusione continua di insulina

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

La gestione del Diabete. Giuseppe Marelli

La gestione del Diabete. Giuseppe Marelli La gestione del Diabete nel post-intervento Giuseppe Marelli Dichiaro sotto la mia responsabilità che negli ultimi due anni ho avuto i seguenti rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori

Dettagli

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA IPOGLICEMIA Bellini Elisa Azienda Ospedaliera Sant'Anna - Como Presidio Ospedaliero Cantù-Mariano Comense Struttura di Mariano Comense Direttore della scuola formatori OSDI COMO 14 15 GIUGNO 2013 HOTEL

Dettagli

Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica. Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri

Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica. Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri Gestione della terapia insulinica in ospedale Schemi ed esempi di terapia insulinica Conegliano Dr. G. L. Gidoni Guarnieri IL CONTESTO OSPEDALIERO I DIABETICI IN OSPEDALE SONO IL 30 % DEI RICOVERATI SONO

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali

limitata efficacia clinica nel migliorare il controllo glicemico in pazienti con DMT2 in terapia con ipoglicemizzanti orali Six randomised controlled trials were included in the review. Because of the differences in patient characteristics, interventions and outcomes between the studies, it was not possible to perform a meta-analysis.

Dettagli

Gestione metabolica del parto e postparto

Gestione metabolica del parto e postparto Gestione metabolica del parto e postparto a cura di Raffaella Fresa Membro coordinamento GdS interassociativo SID-AMD «diabete e gravidanza» U.O Endocrinologia e Diabetologia ASL Salerno parto Parto Sentimenti

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Servizio di Diabetologia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Paziente diabetico con accesso in PS: Indicazioni all ospedalizzazione. Hospital Admission Guidelines for Diabetes Complicanze

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Il congresso del decennale

Il congresso del decennale Continuous Glucose Monitoring in pazienti diabetici critici ospedalizzati Esperienza preliminare su trenta soggetti Aglialoro A. 1, Patrone M. 1, Isetta M. 2, Magaia O. 3, Grondona P. 4, Guido R. 1, Caviglia

Dettagli

1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche

1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche 1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche 1.1. ALGORITMI PER L INFUSIONE ENDOVENOSA INTENSIVA DI INSULINA Anna Vittoria Ciardullo Centro di Diabetologia e Aterosclerosi U.O. Medicina Interna Ospedale

Dettagli

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi

Bambini con diabete. Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi Bambini con diabete Francesco, Elisa e il diabete: a scuola fra nuove opportunità terapeutiche e bisogni inevasi La storia di Francesco Francesco è un bimbo valdostano affetto da Diabete Mellito tipo 1,

Dettagli

La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale

La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale Quali Problematiche e Quali Risposte.. Graziano Di Cianni UOC Diabetologia e Mal. del Metabolismo - ASL 6- Livorno Diabete in Ospedale - Entità del Problema Il

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

numero di pazienti diabetici, cronici o di nuova insorgenza e a soggetti

numero di pazienti diabetici, cronici o di nuova insorgenza e a soggetti 24 Gestione della terapia insulinica nel paziente critico con protocollo infermieristico: monitoraggio, somministrazione e complicanze. The management of insulin therapy in critically ill patient with

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

C R I T I C I T À E B I S O G N I D E L L A P E R S O N A C O N D I A B E T E N E L S E T T I N G A S S I S T E N Z I A L E D E L L A M E D I C I N A

C R I T I C I T À E B I S O G N I D E L L A P E R S O N A C O N D I A B E T E N E L S E T T I N G A S S I S T E N Z I A L E D E L L A M E D I C I N A C R I T I C I T À E B I S O G N I D E L L A P E R S O N A C O N D I A B E T E N E L S E T T I N G A S S I S T E N Z I A L E D E L L A M E D I C I N A D U R G E N Z A IperIpoG Valeria Manicardi Direttore

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

Ospedale Evangelico S.Carlo

Ospedale Evangelico S.Carlo Ospedale Evangelico S.Carlo La gestione del diabete nel paziente ricoverato in area Chirurgica Dott.D.Venuti Il paziente chirurgico Diabete e chirurgia : il problema in numeri It is estimated that a diabetic

Dettagli

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI

EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI EDUCAZIONE DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON MICROINFUSORE CON L USO DI SOFTWARE DEDICATI Paola Ponzani U.O. Diabetologia - ASL 3 Genovese Bocca di Magra 4 giugno 2010 Abilità tecniche nella gestione del microinfusore

Dettagli

GESTIONE DEL PAZIENTE IPERGLICEMICO

GESTIONE DEL PAZIENTE IPERGLICEMICO GESTIONE DEL PAZIENTE IPERGLICEMICO L esperienza c/o Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna Raffaella Di Luzio Diabetologa e Nutrizionista SSD Medicina Interna Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna Un po

Dettagli

nutrizione enterale specifica per il diabete

nutrizione enterale specifica per il diabete Una formula per la nutrizione enterale specifica per il diabete () migliora la Variabilità Glicemica nei pazienti con diabete di tipo 2 Considerazioni su: Alish CJ et al. A Diabetes-Specific Enteral Formula

Dettagli

Nutrizione parenterale in Urgenza

Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Carmelo D'Amato M.D. 2 Nutrizione Parenterale Rientra nelle due forma di nutrizione artificiale Enterale Parenterale 2 3 Nutrizione Artificiale Somministrazione guidata

Dettagli

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio Dott. Mario Parillo Diabete e chirurgia 50 % dei paz. diabetici necessita di chirurgia - per patologie conseguenti a complicanze

Dettagli

Problematiche nutrizionali nel post-ictus

Problematiche nutrizionali nel post-ictus LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Problematiche nutrizionali nel post-ictus Giancarlo Sandri Stesura 14 marzo 2012 L ictus cerebrale rappresenta la seconda causa di

Dettagli

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia

Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Sistema di monitoraggio in continuo della glicemia Dal test sull urina all autocontrollo domiciliare fino al monitoraggio nei fluidi interstiziali Nell urina 1940-50: Clinitest, Clinistix strip, Acetest,

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress Glucerna Select 1. & 1.2 Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress La Variabilita Glicemica un importante fattore di Come agisce la Variabilità Glicemica

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DEL DIABETICO IN OSPEDALE

IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DEL DIABETICO IN OSPEDALE IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DEL DIABETICO IN OSPEDALE INQUADRAMENTO DELL IPERGLICEMIA Dr Gennaro Gadaleta UO di Medicina Ospedale di Cittiglio Association Between Hyperglycemia and Increased Hospital

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

I protocolli per la gestione del paziente diabetico in Ospedale

I protocolli per la gestione del paziente diabetico in Ospedale Corso ANIMO-FADOI La gestione del paziente diabetico in ospedale I protocolli per la gestione del paziente diabetico in Ospedale Valeria Manicardi Dipartimento Internistico Osp. di Montecchio AUSL di Reggio

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

Dott.ssa Alessandra Sforza. U.O.C. di Endocrinologia Ospedale Maggiore AUSL di Bologna

Dott.ssa Alessandra Sforza. U.O.C. di Endocrinologia Ospedale Maggiore AUSL di Bologna Dott.ssa Alessandra Sforza U.O.C. di Endocrinologia Ospedale Maggiore AUSL di Bologna Condizione di s tre s s Variazioni me tabolic he Proble matic he os te tric he Condizione di s tre s s Educazione conoscenza

Dettagli

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività NUOVE TECNOLOGIE NELLA CURA DEL DIABETE DI TIPO 1 Attività fisica e terapia insulinica Dott.ssa Guido ASL 3 Villa Scassi Dott.ssa A.Cattaneo LA CAPACITÀ DI ADEGUARE IL REGIME TERAPEUTICO (INSULINA E TERAPIA

Dettagli

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE

La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE La nutrizione clinica nella continuità Ospedale-Territorio: il punto di vista della SINPE Pietro Vecchiarelli U.O.C. Rianimazione Ospedale Belcolle- AUSL Viterbo Viterbo 1 La Malnutrizione ha un impatto

Dettagli

Anziani diabetici e badanti: la tecnologia agevola l autocontrollo domiciliare

Anziani diabetici e badanti: la tecnologia agevola l autocontrollo domiciliare Anziani diabetici e badanti: la tecnologia agevola l autocontrollo domiciliare Presentazione del caso Giovanni, un insegnante di greco e latino in pensione, ha 86 anni ed è diabetico dal 1990. Ha sempre

Dettagli

Protocollo Operativo per la Gestione del neonato ipoglicemico PO.PED.01. REFERENTI DEL DOCUMENTO Giovanni Danesi,.

Protocollo Operativo per la Gestione del neonato ipoglicemico PO.PED.01. REFERENTI DEL DOCUMENTO Giovanni Danesi,. Pag.: 1 di 7 Protocollo Operativo per la gestione del neonato ipoglicemico REFERENTI DEL DOCUMENTO Giovanni Danesi,. Indice delle revisioni Codice Documento Revisione N Data nuova emissione Doc. sostituiti

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia Roma 24 febbraio 2015 Grand Hotel del Gianicolo Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia I Franca Filippi Patrizia Bigarelli U.O. DI Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. San Camillo

Dettagli

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M.

IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA. Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. IL DATA MANAGEMENT NELLA PRATICA CLINICA Dott.ssa Silvia Acquati U.O. di Endocrinologia e Malattie Metaboliche Direttore Dott. M. Nizzoli RUOLO DEL COMPENSO GLICEMICO The Diabetes control and complications

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto

Al primo posto Al secondo posto Al terzo posto Dia 1 Nella scorsa lezione abbiamo tracciato il razionale della terapia insulinica. In questa lezione vedremo come i concetti teorici vedono la loro applicazione pratica, in una serie di comportamenti,

Dettagli

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA)

Percorso Sepsi. Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Percorso Sepsi Gestione della Sepsi Grave e dello Shock Settico, Identificazione e Trattamento. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) Giulio Toccafondi Centro Gestione Rischio Clinico,

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

Per una gestione globale è fondamentale

Per una gestione globale è fondamentale REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N 7 RAGUSA Centro di diabetologia Vittoria La gestione globale del paziente diabetico Dott.ssa A. Garofalo Inf.prof F. Vitale Per una gestione globale è

Dettagli

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Marco C. Amato Ricercatore di Endocrinologia presso Dipartimento Biomedico di Medicina Interna

Dettagli

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Nutrizione Artificiale nel Paziente Oncologico Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Direttore UF Aziendale Cure Palliative e Hospice La Limonaia Corso di Formazione MMG 26 gennaio PISTOIA Spesso

Dettagli

Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013

Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013 La nutrizione enterale e parenterale nel diabetico operato Donatella Noè UO di Dietologia e Nutrizione Clinica AO Ospedale San Carlo Borromeo - Milano Circa 10% dei pazienti ospedalizzati è affetto da

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO

NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO NUOVE STRATEGIE PER COMBATTERE LA MALNUTRIZIONE OSPEDALIERA: L ESPERIENZA DELL OSPEDALE L. SACCO DI MILANO Fulvio Muzio Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. Polo Universitario L. Sacco - Milano

Dettagli

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI

PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI PROCEDURA PER LA FORNITURA DI APPARECCHI, PRESIDI, DISPOSITIVI MEDICI E SENSORI PER PAZIENTI DIABETICI La fornitura di apparecchi, presidi e dispositivi per pazienti diabetici è disciplinata dall art.

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS

AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS AGD LECCO ONLUS ASSOCIAZIONE LECCHESE PER L AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE ONLUS SENIOR CAMP 2014 QUESTIONARIO MEDICO INFORMAZIONI GENERALI Dati del partecipante Cognome.. Nome Nato il.. Luogo di nascita

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO : IMPORTANZA DELLE IPERGLICEMIE

SCOMPENSO CARDIACO : IMPORTANZA DELLE IPERGLICEMIE Torino, 20 novembre 2008 SCOMPENSO CARDIACO : IMPORTANZA DELLE IPERGLICEMIE Dr. Nicoletta Barzaghi Servizio di Anestesia eterapia Intensiva CardioVascolare ASO Santa Croce e Carle in Cuneo Il diabete aumenta

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 IL diabete gestazionalee la gravida diabetica Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 Diabete pre-esistente esistente EFFETTI del DIABETE sulla GRAVIDANZA Anomalie

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SCENARIO DIABETOLOGIA

RASSEGNA STAMPA SCENARIO DIABETOLOGIA RASSEGNA STAMPA SCENARIO DIABETOLOGIA Aggiornamento 9 maggio 2016 Sommario TESTATA TITOLO DATA ILFARMACISTAONLINE.IT AGI ABOUTPHARMA.COM QUOTIDIANOSANITA.IT Diabete tipo 1. Con analoghi dell insulina meno

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza

Programma di accreditamento SIMI. Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Programma di accreditamento SIMI Esperienza della Medicina i 3 Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza prof. Paolo Cavallo Perin, prof. Graziella Bruno, Dept. of Medical Sciences, University

Dettagli

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma Educazione terapeutica strutturata nel diabete tipo 2. L'esperienza dell'ambulatorio infermieristico del Team diabetologico del Polo Sanitario di Colorno Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Questa pagina vuole essere un informativa circa il sollievo dal dolore postoperatorio per il vostro bambino attraverso l utilizzo di un

Dettagli

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO NUTRIZIONE ARTIFICIALE E una procedura terapeutica mediante la quale è possibile soddisfare i bisogni

Dettagli