NEW ECONOMY E PICCOLA IMPRESA: LE OPPORTUNITA' DEL SOFTWARE LIBERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEW ECONOMY E PICCOLA IMPRESA: LE OPPORTUNITA' DEL SOFTWARE LIBERO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE Corso di laurea in Scienze dell'amministrazione SOCIOLOGIA DELL ORGANIZZAZIONE Tesi di Laurea: NEW ECONOMY E PICCOLA IMPRESA: LE OPPORTUNITA' DEL SOFTWARE LIBERO Candidato: Angelo D'Adorante Relatore: Prof.ssa Anna Carola Freschi Anno accademico

2 INDICE INTRODUZIONE... 6 Parte I: La conoscenza come valore CAPITOLO 1: New economy e knowledge economy 1.1 New economy: realtà o illusione? Informazionalismo e complessità organizzativa Knowledge economy CAPITOLO 2: Distretti Industriali e modello giapponese: l'emergere del modello a rete 2.1 Fordismo e post fordismo I Distretti Industriali: teoria di Marshall Il modello giapponese I due modelli a confronto con le nuove discontinuità CAPITOLO 3: Sviluppo e limiti dell'impresa distrettuale 3.1 I limiti del distretto industriale Due scelte per l'impresa: exploitation ed exploration Verso l'impresa rete

3 Parte II: ICT e comunità CAPITOLO 4: Internet e il nuovo modello d'impresa 4.1 Internet: la rete delle reti Le organizzazioni della new economy L'impatto delle ICT sulle organizzazioni: due teorie - Venkatraman e Keen Il paradigma Cisco Systems CAPITOLO 5: Comunità 5.1 Comunità e comunità virtuali Comunità per la divisione del lavoro cognitivo Comunità e apprendimento situato CAPITOLO 6: Comunità e impresa 6.1 Impresa come comunità di pratiche Criteri di valutazione di una comunità Casi: Xerox, Amazon, E-bay

4 Parte III: Comunità virtuali, etica e produttività CAPITOLO 7: Economia del software 7.1 Sistema proprietario: Microsoft Sistema "open": Linux, Apache Economia del dono: il valore della reputazione CAPITOLO 8: Aspetti legati al software 8.1 Dalle comunità scientifiche alla comunità open source Copyright e copyleft Digital divide CAPITOLO 9: Spazi reali e spazi virtuali: i Distretti Tecnologici 9.1 L'importanza del territorio Toscana: il tentativo Arnovalley CAPITOLO 10: L'open source come possibilità 10.1 Comunità open source: un'opportunità per l'impresa Migrazione verso il software libero: il caso Faunalia Distretto empolese e software libero: un caso unico al mondo

5 CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA RINGRAZIAMENTI

6 INTRODUZIONE L'economia italiana sta attraversando un difficile momento connotato da recessione e sfiducia verso investimenti di lungo periodo, automatica reazione del mercato azionario all'euforia imprenditoriale che ha caratterizzato i primi anni del nuovo millennio, periodo altrimenti definito new economy, durante i quali si è potuto registrare l'esplosione della commercializzazione di Internet e il conseguente fenomeno della bolla speculativa delle imprese dotcom. Dal mondo del software libero e dell'open source proviene un'interessante opportunità di rilancio economico per la piccola impresa italiana. Questo lavoro si propone di delineare le dinamiche economiche, organizzative e sociali che hanno caratterizzato l emergere della cosiddetta new economy, e tentare un approfondimento sulle prospettive italiane di sviluppo di un modello economicoproduttivo-sociale della nuova economia molto specifico, basato sull'industria del software non proprietario e la sua effettiva applicabilità alla piccola impresa, con particolare riferimento alla realtà dei distretti industriali in linea con i requisiti competitivi e organizzativi che il nuovo contesto globale impone. Il lavoro è suddiviso in tre parti distinte per temi trattati, tipo di svolgimento e di acquisizione ed uso delle fonti. Nella prima parte si propongono alcuni elementi di base sulla new economy, elementi su cui viene impostata la successiva analisi. Partendo da autori contemporanei come Castells e Formenti e facendo debito riferimento a classici come Weber, Marshall e Thompson, si cercha di definire, sia da un punto di vista economico sia da un punto di vista sociologico, le dinamiche dell informazionalismo, modello produttivo che si è imposto a partire da almeno un quindicennio. Nel primo capitolo, in particolare, si evidenziano le problematiche relative alla complessità ambientale dovuta alla velocità di innovazione e diffusione delle ICT, ma anche le nuove possibilità a 6

7 disposizione dei vari attori economici della new economy che provengono dall'utilizzo della conoscenza in tutti i processi organizzativi. Nel secondo capitolo vengono introdotti alcuni elementi basilari per una riflessione sulla situazione italiana, con particolare riferimento ai possibili percorsi di sviluppo della piccola impresa guardando al percorso storico evolutivo delle forme organizzative prevalenti che ha portato dall'impresa fordista all emergere del modello giapponese, e alla rivalutazione dei Distretti Industriali. Nel terzo capitolo viene approfondito il tema del Distretto Industriale guardando alle implicazioni delle nuove tecnologie ed evidenziando continuità e discontinuità, opportunità e limiti, sia per il sistema produttivo locale 'distretto' che per la singola impresa. La seconda parte della tesi propone un approccio più specifico alle dinamiche organizzative dell'impresa, con riferimento all'introduzione di quelle soluzioni ICT, in particolar modo legate all'utilizzo di Internet, che sembra poter riuscire a modificare il funzionamento tradizionale favorendo l emersione di nuove strategie. Questa parte introduce la dimensione sociologica dell' informazionalismo, secondo la definizione di Manuel Castells riferita al passaggio evolutivo tecnologico in corso, associata essenzialmente al fenomeno delle comunità virtuali. Tale aspetto ha interessanti ripercussioni economiche in quanto le comunità virtuali possono essere viste anche come strumento strategico per l'impresa, grazie alla facilità con cui riescono a sviluppare processi di divisione del lavoro cognitivo e processi di apprendimento. Alcuni esempi servono per chiarire il punto, come nel caso di Xerox, Amazon e E-bay, che hanno avuto successo trovando un giusto equilibrio tra la funzione relazionale e la funzione produttiva, equilibrio che sembra contraddistinguere da un punto di vista economico la natura di comunità di una realtà produttiva. Nella terza ed ultima parte si tenta un approfondimento empirico su alcune esperienze toscane. Le fonti utilizzate sono soprattutto testimonianze di personaggi appartenenti al mondo politico ed economico, locale e nazionale, raccolte per mezzo di interviste aperte dirette e durante conferenze o convegni. La questione specifica affrontata riguarda l adozione del software libero/open source come opportunità di rilancio per la piccola impresa toscana e i distretti 7

8 industriali. Dopo aver evidenziato la centralità del settore del software nelle dinamiche economico-produttive delle economie nazionali moderne, si ripercorrono i momenti più importanti della storia del settore del software che hanno portato alla sua biforcazione in due famiglie principali: da un lato il sistema proprietario di Microsoft tipico di un'economia di scambio che si regge sulla scarsità delle risorse e sul vantaggio competitivo proveniente dal loro controllo; dall'altro il sistema libero di Linux e Apache tipico invece di un'economia del dono in cui le risorse sono abbondanti e la competizione si muove su dinamiche incentrate sulla reputazione e la capacità di invenzione. Dopo una panoramica del dibattito politico, che assume i tratti di una rivendicazione etica e sociale che anima il confronto economico tra i due modelli produttivi, si cercherà di evidenziare il punto di vista dei fautori del software libero e open source sulle opportunità di questo modello per la piccola impresa distrettuale toscana. Un approfondimento, la ricerca su Arnovalley, offre l occasione di guardare più da vicino alcuni problemi specifici: la necessità per le piccole e medie imprese di muoversi verso un livello di sviluppo tecnologico superiore per lo sviluppo dell'economia, centrato sull utilizzo delle ICT, e il rinnovamento della logica agglomerativa territoriale delle imprese new economy che non perde di centralità neanche quando la comunicazione e le informazioni si muovono soprattutto per vie virtuali. Il quadro emergente fa supporre che esista la possibilità, anche in Italia, di creare anche nuove forme di distretti, centrati sulla produzione di tecnologia digitale o digitali, sul modello della Silicon Valley americana. Nell'ultimo capitolo si cercherà quindi di mettere in luce come l esistenza di forme comunitarie nell organizzazione tradizionale dei distretti costituisca una risorsa in continuità con le opportunità offerte dalle nuove comunità virtuali. Impresa rete e comunità open source possono costituire risorse organizzative decisive nel contesto della competizione globale, ipotizzando un utilizzo delle ICT, da parte delle imprese distrettuali, come risorsa per l accumulazione e la condivisione di conoscenze necessarie alla competizione, come ambiente produttivo di apprendimento, e come incentivo alla creazione di relazioni collaborative in rete. A questo proposito sono portate ad esempio alcune esperienze toscane che si muovo in tale direzione: Faunalia e il Distretto Industriale empolese. In entrambi i casi, quindi sia a livello di singola impresa che di sistema locale di piccole imprese, si sta procedendo con risultati promettenti alla migrazione 8

9 completa da un sistema software e di gestione della conoscenza di tipo proprietario ad un sistema basato sul software libero/open source e ad un modello cooperativo di condivisione della conoscenza. 9

10 Parte I: La conoscenza come valore CAPITOLO 1: New economy e knowledge economy 1.1 New economy: realtà o illusione? Gli ultimi decenni della storia economica mondiale possono essere considerati un periodo di cambiamento generale legato al nuovo livello di sviluppo tecnologico raggiunto dall'umanità. Il termine più diffuso per definire la situazione attuale è new economy o net economy. La letteratura sia economica che organizzativa ha iniziato a trattare il tema della new economy all inizio degli anni 90, in coincidenza con il salto in avanti dell economia americana, che per prima aveva esplorato e valorizzato nuovi 10

11 settori industriali legati alle nuove tecnologie informatiche, che stavano conoscendo il loro più grande sviluppo grazie alla diffusione di Internet. Il consolidarsi della leadership statunitense vede la sua causa principale nello sfruttamento del potenziale produttivo e commerciale delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT- Information and communication technology). La storia della new economy si può legare con quella dell eccellenza tecnologica americana. Infatti, proprio gli anni '80-'90 sono caratterizzati dal massiccio investimento in infrastrutture e servizi dedicati allo sviluppo dei nuovi settori ad alto contenuto tecnologico; investimento che ha portato alla liberalizzazione dei mercati e alla globalizzazione del capitale sotto la spinta del governo statunitense. La prima definizione di new economy coincide quindi con quella del settore tecnologico dell ICT: si tratta delle imprese che producono gli strumenti e le applicazioni, hardware e software, i mezzi di calcolo e i mezzi di informazione e di comunicazione, nonché le imprese di servizi connessi alle crescenti applicazioni dell ICT ai più diversi campi economici e sociali. La prima fase della new economy vede un impetuoso incremento degli investimenti in settori ICT. Con il via libera alla commercializzazione di spazi virtuali su Internet, il segnale più impressionante è la moltiplicazione incontrollata del dot.com, un fenomeno che vide un'enormità di aziende commerciali gettarsi a capo fitto nei nuovi spazi creati dalle reti telematiche che inevitabilmente si stavano diramando su tutto il territorio mondiale, mossi dalle grandi aspettative economiche apparentemente offerte dalla rete. I primi anni vedono quindi un proliferare di nuove imprese, soprattutto startup di nuova generazione, effetto di venture capitals o alleanze strategiche, con una marcata impostazione innovatrice basata sull'uso incondizionato delle nuove risorse tecnologiche a disposizione. Gli Stati Uniti per primi hanno visto il fiorire di questo nuovo settore, ma presto il fenomeno dilagò negli altri paesi sviluppati, soprattutto sotto l'iniziativa privata di una nuova tipologia imprenditoriale che non voleva lasciarsi scappare la conquista delle nuove fonti di guadagno 1. 1 Bravo L., "Americanismo e postfordismo", in Dal fordismo alla globalizzazione. Cristalli di tempo politico, Roma, Manifestolibri, 2001, pp ,

12 I profitti delle prime dot.com furono però impressionanti e l'ingresso nei mercati azionari fece crescere il valore di queste imprese in maniera esponenziale ed in brevissimo tempo; le aspettative di guadagno fecero ovviamente affluire numerosi investimenti, quotazioni in borsa e nuove imprese sul mercato ICT. In molti seguirono il trend positivo che si stava creando in tutti i paesi industrializzati, ma ciò che la maggior parte di essi non considerò fu che questo effetto incredibilmente positivo non poteva durare per molto. Infatti, pochi anni dopo il boom economico, a cavallo dell'anno 2000, arrivò il periodo nero della new economy: molte delle imprese che si lanciarono nel nuovo mercato finirono per fallire in poco tempo 2. Come unanimemente osservato dagli intervistati (durante una ricerca effettuata nell'ambito del settore ICT in Toscana, proposta in dettaglio nel capitolo nove), intervistati che si considerano dei sopravvissuti ad uno spietato processo di selezione delle iniziative imprenditoriali; gli errori commessi dalle imprese private furono di natura concettuale, nati da una sopravvalutazione del mercato che si basava sull idea che qualsiasi cosa contenesse il suffisso.com potesse generare business e cambiare le abitudini all acquisto di consumatori e imprese. Come asseriscono l'amministratore delegato 3 della LTC (impresa legata al gruppo DADA) e il responsabile della Novadis.com 4, azienda leader in Toscana per il servizio di infrastrutture per Internet, da me intervistati, molti sono rimasti attratti dalla chimera dei guadagni facili, pochissimi ce l hanno fatta, moltissimi sono tornati alla realtà, alla visione tradizionale della old economy. Si trattava, secondo loro, di un mercato drogato dalle aspettative, che ha sortito guadagni solo nel breve periodo per coloro che hanno saputo sfruttare il momento opportuno, ma che non aveva le fondamenta necessarie per una stabilità duratura nel tempo. Possiamo definire una serie di elementi che hanno contribuito alla crisi della new economy 5 : 2 Formenti C., Not Economy, Milano, Rizzoli, pp , Intervista a Luisa Gallo (24/3/2003) 4 Intervista a Marco Caciulli (24/3/2003) 5 AA.VV, Dall euforia al crollo. La seconda vita della new economy, in Prometeo, volume V, n.20,

13 Una crisi da sovrapproduzione, derivante dalla contraddizione tra crescita illimitata dell offerta (potenzialità tecnologiche, volume d informazioni, ecc.) e limiti reali della domanda. Un inadeguatezza funzionale di parte dell offerta di tecnologie agli effettivi business delle imprese ed alle reali esigenze dei consumatori, legata anche allo sfasamento tra i tempi di produzione dell innovazione e quelli della sua diffusione e metabolizzazione nel corpo sociale. Una minore disponibilità, da parte delle imprese dei comparti tradizionali, ad investire in standard tecnologici dagli esiti incerti ed in servizi dal valore aggiunto solo potenziale, a sua volta derivante dalla congiuntura negativa. Se a questo aggiungiamo la crisi economica di interi paesi come l'ex Unione Sovietica, le crisi medio-orientali, le varie guerre che si sono susseguite in questi anni, si può capire che l'incertezza in cui vivono le imprese non consente all'imprenditoria di avere aspettative di guadagni sicuri che permettano nuovi investimenti su grande scala. L andamento recente delle imprese del settore ICT, dunque, è da inquadrare nel clima di recessione di tutta l'economia internazionale che, manifestatosi già nella primavera del 2001, si è poi pesantemente sostanziato nel crollo degli indici, nella depressione dei consumi e nel calo della produzione, registrati nell autunno 2001 e proseguiti nel corso del La situazione di crisi ha riportato a terra la riflessione sulla nuova economia 6 ; un fenomeno che non era limitato alla sfera dell impresa: la cosiddetta new economy, prima ancora che specifica forma dell economia o semplice comparto merceologico, ha rappresentato un formidabile dispositivo di scomposizione e ricomposizione sociale, delineando un blocco d interessi definito, più che su basi d appartenenza di ceto, dalla comunanza o contiguità di comportamenti e strategie individuali nei confronti del lavoro, del risparmio, degli investimenti. Nella sua fase ascendente, la new economy, secondo l immagine proposta da alcuni studiosi, ha rappresentato una cash cow, una mucca da soldi 7, 6 AA.VV, La new economy fra nuove illusioni e vecchia realtà, in Prometeo, volume V, n.18, gennaio Formenti C., Mercanti di futuro, Torino, Einaudi, pp ,

14 proprio in quanto paradigma tecnologico in grado di forzare la direzione dei mercati e influenzare le scelte degli investitori. Ma ha potuto realizzare ciò in forza di una formidabile capacità combinatoria di potenzialità tecniche, comportamenti innovativi nel lavoro e nell impresa, istanze di cambiamento sociale. La crisi della new economy è da leggersi innanzitutto come cedimento, o rottura, di questo dispositivo d integrazione 8 : sviluppo tecnologico, innovazione sociale, nuovo sistema impresa, investimento di capitale finanziario e azionariato diffuso, non costituiscono più un circuito virtuoso capace di generare benefici per tutte le componenti del sistema. Alcuni cambiamenti di natura tecnologica, organizzativa e gestionale introdotti dalle ICT sono irreversibili, ed è su questi che occorre focalizzare gli strumenti di ricerca e d osservazione analitica. Le imprese che più direttamente operano sul mercato dei beni e dei servizi ICT sono impegnate in una difficile fase di transizione, dalle conseguenze sovente dolorose in termini occupazionali e di redditività. I due intervistati ci confermano 9 infatti che il settore ICT ha visto negli anni 2002 e 2003 un generale fenomeno di decurtazione del personale, dovuto alle ristrettezze economiche in cui versavano la maggior parte delle imprese ed ai cali impressionanti dei ricavi. Nel contempo, è una transizione in cui le medesime imprese stanno selezionando le proprie risorse strategiche, focalizzando i business reali, ottimizzando prestazioni e processi, nella direzione di una crescente razionalità del sistema. Esaurita la stagione della crescita esponenziale e dei guadagni facili, la cui fine è stata certamente accelerata da comportamenti speculativi, gli operatori stanno, finalmente, entrando nell economia, intesa classicamente come agire razionale in condizioni di scarsità di risorse. Troppo frettolosamente entusiasti, analisti della net economy ed operatori di mercato alla continua ricerca di innovazione avevano decretato la fine dell economia dei luoghi come variabile essenziale nei processi produttivi 10. Il battesimo di fuoco della prima grande crisi ha costretto molti a ritornare sui 8 Castells M., L'età dell'informazione Volgere di millennio, Milano, Università Bocconi editore, volume III, traduzioni Egea pp.20-30, Interviste a Luisa Gallo e Marco Caciulli (24/03/2003) 10 Butera F., Il campanile e la rete, in Il Sole 24 ore, 22/4/

15 propri passi, inducendoli a più accorte valutazioni e alla riconsiderazione della rinnovata importanza che il territorio viene assumendo. Può forse sembrare un paradosso: nel momento in cui si esaminano analiticamente i processi di finanziarizzazione e di globalizzazione, il superamento o la forte ridefinizione dei classici confini fisici e politici, l economia dei luoghi torna prepotentemente a far valere il proprio peso. Ma per i più previdenti tra gli imprenditori della new economy, ovvero coloro che hanno saggiamente preferito puntare sulla solidità dei progetti piuttosto che sulle sirene dei facili guadagni di Borsa, questa non è una novità. Fin dal momento di decidere dove aprire la propria sede produttiva essi avevano capito che non si trattava di una scelta neutra e indifferente. La costruzione di capitale sociale, vero punto di forza per i neo-imprenditori delle nuove tecnologie che aggrediscono il mercato, la creazione di comunità, non possono svilupparsi solo attraverso la virtualità della Rete. È indispensabile la vicinanza fisica, il contatto diretto, il comune vissuto delle dinamiche territoriali. Allo stesso modo, un impresa specializzata in attività di consulenza non può che trovarsi vicino al cliente. Serve un mercato del lavoro attrattivo, in cui sia ricca la disponibilità di competenze professionali di tipo dirigenziale e tecnico, con elevati tassi di neo-imprenditorialità e lavoro indipendente 11. È necessaria, superfluo a dirsi, una dotazione strutturale e infrastrutturale adeguata alle esigenze che non sia legata in maniera esclusiva all informatica e alle telecomunicazioni. La presenza di università e organi istituzionali formativi e di ricerca è un'altra condizione necessaria per lo sviluppo generale di un'area. Il vero problema è come adoperarsi affinché questi soggetti facciano coagulo, facciano sistema. Problemi quali la formazione e l aggiornamento professionale non possono essere risolti in proprio, senza confrontarsi con l ipotesi di un interazione sinergica fatta di imprese, università e pubbliche amministrazioni 12. Il nuovo contesto economico sociale muove verso forme strutturali nuove, con maggiore importanza per le dinamiche cooperative e di relazionamento tra 11 Castells M., L'età dell'informazione - La nascita delle società in rete, Milano, Università Bocconi editore, volume I, traduzioni Egea pp.3-6, Castells M., op.cit. pp

16 i vari soggetti di un territorio, senza con questo limitare il raggio di azione del singolo. Fenomeni reticolari tra imprese si stanno sviluppando ovunque, facilitati dall'utilizzo delle ICT, in una logica di accumulo delle conoscenze, come fonte di valore per superare la fase di transizione e proiettarsi verso un futuro competitivo. 16

17 1.2 Informazionalismo e complessità organizzativa L'informazionalismo, ovvero il nuovo fenomeno a cui stiamo assistendo, naturale derivazione della velocità di circolazione dell'informazione nell'era della rete, fa sì che la comunicazione e la condivisione delle conoscenze e dei saperi crei un guadagno condiviso per tutti gli attori che si inseriscono nelle reti; sostanzialmente oggi è impensabile che un'impresa di qualsiasi tipo non debba fare i conti con la rete. Questa è una realtà storica che imposta il paradigma organizzativo su forme e modelli economici diversi dal passato, e che prevede alcuni punti fermi. Riassiumiamoli 13 : reti d'impresa : sotto forme diverse, in diversi contesti e derivanti da espressioni culturali distinte. Reti basate sulla famiglia come in Cina o in Italia settentrionale; reti imprenditoriali che nascono da vivai tecnologici come Silicon Valley; reti gerarchiche sul modello delle keiretsu giapponesi; reti organizzative di unità aziendali decentrate rispetto a grandi imprese precedentemente integrate verticalmente ma ora obbligate ad adattarsi alle realtà del tempo; reti aziendali costituite da clienti e fornitori di una data impresa, inserite in una più grande ragnatela di reti formatasi attorno ad altre società interconnesse in rete; infine reti cross-border derivanti da alleanze strategiche tra imprese e dalle loro reti sussidiarie di sostegno. Strumenti tecnologici (ICT): nuove reti di telecomunicazione; nuovi e potenti desktop computer; dispositivi di elaborazione legati a potenti server; nuovi software applicativi e adattabili; nuovi sistemi di comunicazione mobile che estendono collegamenti online in qualsiasi luogo e momento; linguaggio digitale diffuso tra i nuovi managers e lavoratori. Concorrenza globale: costante ridefinizione di prodotti, processi, mercati e 13 Vaciago E., Vaciago G. La new economy, Bologna, Il Mulino, pp ,

18 input, tra cui capitale e informazione. Lo stato: è sempre presente nella fase di sviluppo e decollo di un'economia, come nell'est asiatico; è agente costituente quando è necessario riconfigurare le istituzioni economiche come nell'unione Europea; è coordinatore, quando le reti territoriali hanno bisogno delle amministrazioni locali per creare quelle sinergie essenziali allo sviluppo dell'innovazione; infine è anche messaggero, quando si tratta di indirizzare un'economia nazionale o l'ordine economico mondiale verso una nuova fase storica, come è accaduto per il governo degli Stati Uniti per la costruzione di autostrade informatiche nel XXI secolo oppure per quanto riguarda la liberalizzazione dei mercati mondiali. Tutti questi elementi si uniscono per generare metaforicamente un singolo immenso organismo che è il simbolo dell'informazionalismo: l'impresa rete. L'economia informazionale costituisce un sistema socio-economico differente dal sistema dell'economia industriale, ma la differenza non sta nelle fonti di aumento della produzione, in quanto, in entrambi i casi, la conoscenza e l'elaborazione di informazioni rappresentano dei fattori cruciali per la crescita economica. Lo possono dimostrare la storia dell'industria chimica basata sulla scienza o la rivoluzione manageriale che ha creato il fordismo. La peculiarità invece risiede nella comprensione del potenziale di produttività dell'economia industriale matura, grazie ad uno spostamento verso un paradigma tecnologico fondato sulle ICT. L'economia informazionale incorpora conoscenze e informazioni in tutti i processi di produzione, gestione e distribuzione, creando la possibilità per le imprese di attuare forme di internazionalizzazione e outsourcing che svelano al capitalismo precedente nuovi campi di conquista, nuove risorse sfruttabili e nuove strade percorribili 14. Le ICT hanno fornito l'infrastruttura sulla quale l'espansionismo capitalista ha poggiato le basi per trasformarsi da mondiale a globale. Tuttavia gran parte della produzione e delle imprese rimane locale e regionale, per questo possiamo dire che la logica dell'informazionalismo non contrasta con quella dell'imprenditorialismo tradizionalmente inteso, ma ne potrebbe essere la conseguente evoluzione. 14 Rullani E., Il valore della conoscenza, in Economia e politica industriale, n.82,

19 Le ICT si attestano attorno al vecchio modello non modificandolo, ma aprendone la strada verso una nuova evoluzione. Il passaggio da industrialismo a informazionalismo, comunque, non è stato e non è così automatico per tutti. L'arrivo della nuova economia ha fatto selezione tra imprese, settori zone e paesi. Chi non si è adattato al nuovo sistema ha subito un crollo decisivo: un esempio calzante può essere quello dell'unione Sovietica che, a causa della rigidità del suo sistema industriale, non si è inserita nel paradigma informazionale e non ha saputo mantenere un valore produttivo ed economico sufficiente continuando nella sua politica individuale 15. Il fenomeno del passaggio da industrialismo a informazionalismo non è paragonabile a nessun'altro evento del passato dell'umanità, neanche al passaggio dall'economia agricola all'economia industriale o alla nascita del settore dei servizi. L'avvento dell'informazionalismo è un evento che pervade tutti i campi dell'agire umano, è qualcosa che interagisce anche con il più piccolo momento della vita quotidiana di ognuno di noi, diffondendosi non solo nel mondo dell'economia, ma nelle vite stesse dei cittadini del villaggio globale. Esistono oggi infatti un'agricoltura informazionale, un'industria informazionale e un terziario informazionale che producono e distribuiscono sulla base di informazioni e conoscenze incorporate nelle varie attività grazie alle ICT 16. Da Max Weber 17 apprendiamo che il capitalismo è l'effetto causato da un fondamento etico che risiede nell'uomo e che produce l'iniziativa imprenditoriale. Esisteva ed ancora esiste uno spirito del capitalismo che ha dato vita all'imprenditorialismo espansionista, un sentimento umano che non poteva essere soppresso. Il capitalismo ha trovato terreno fertile prima in alcuni singoli individui e poi, attraverso un processo selettivo, ha finito per contagiare interi gruppi sociali, fino a diventare la concezione fondamentale del sistema economico mondiale: sorge quindi spontaneo chiedersi se esista uno spirito 15 Balestri A., Devolution, regioni e distretti, Castells M., Galassia Internet, Milano, Feltrinelli, pp Weber M., Die protestantische Ethik und der Geist des Kapitalismus, 1945, traduzione Burresi P., L'etica protestante e lo spirito del capitalismo, Firenze, Sansoni, pp ,

20 dell'informazionalismo 18 che ha dato la spinta iniziale verso la costruzione delle reti tra imprese. Secondo Castells il fondamento socio-economico non è una nuova cultura o un nuovo sistema di valori, in quanto la diversificazione culturale dei soggetti, facenti parte della rete, e la molteplicità insita nella ragnatela vanno contro un'idea di cultura collettiva unificante. Non si tratta nemmeno di un insieme di istituzioni, in quanto l'impresa rete si snoda in diversi sistemi istituzionali e si plasma nelle più svariate forme organizzative. Ma in effetti esiste un codice culturale comune ai diversi aspetti dell'impresa rete. Tale codice è costituito dalle molte culture, dai molti valori, dalle istituzioni, dalle tradizioni e dalle idee che inducono i partecipanti a muoversi all'interno della rete ed ad adattarsi e trasformarsi al ritmo dell'avvicendarsi dei nuovi attori e delle nuove strutture nell'unità rete. È una cultura, ma una cultura mista, un mosaico di esperienze ed interessi che si intrecciano tra di loro, si scontrano e collaborano, e sono in continua evoluzione. Una realtà sfaccettata, anche virtuale. L'impresa impara a vivere all'interno di questa cultura ed ogni tentativo di stabilizzare la posizione all'interno della rete porta ad una obsolescenza strutturale che è troppo rigida rispetto al sistema variabile dell'informazionalismo. Lo spirito dell'informazionalismo è quindi una forza distruttrice creatrice 19, in cui la complessità è predominante ed irregolare, e si velocizza sempre di più grazie all'incremento della potenza dei calcolatori, che elaborano ed inviano i segnali e al continuo sviluppo di nuovi applicativi software e hardware. Il risultato pratico è una internazionalizzazione della produzione strutturata su reti di imprese che si reggono su alleanze strategiche e che perseguono scopi comuni, prediligendo lo scambio informativo e la cooperazione al posto dell'individualismo economico tipico dell'impresa fordista. La forma che il nuovo sistema economico assume è quella di una ragnatela che cambia costantemente forma sia nel complesso sia a livello di singolo nodo, in quanto ogni nuova impresa o società che si inserisce va ad occupare un posto nel territorio mondiale in base a caratteristiche di vantaggio 18 Castells M., L'età dell'informazione - La nascita delle società in rete, Milano, Università Bocconi editore, volume I, traduzioni Egea pp.30-31, Castells, op.cit, p 35 20

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

L impresa Significante Il Manifesto

L impresa Significante Il Manifesto L impresa Significante Il Manifesto Tetraedro del valore SINGOLA IMPRESA Qual è la visione della tua impresa? SISTEMA D IMPRESE La Visione Il nuovo rinascimento è l impresa Qual è la Missione della tua

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI

GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI VERSIONE PROVVISORIA GESTIONE DELLA CONOSCENZA ED APPRENDIMENTO COLLETTIVO BRUNO LAMBORGHINI ABSTRACT La gestione della conoscenza nelle organizzazioni diviene il fattore sempre più qualificante attraverso

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LO SVILUPPO LOCALE: DAI MODELLI TEORICI ALLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 a cura di Barbara Nicolai La crisi che stiamo attraversando ha inciso in maniera trasversale in tutti i paesi europei.

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Seminario di approfondimento Il valore della conoscenza Facoltà SEA - Corso di Sociologia a.a. 2007/2008 E. Martini 1 La società contemporanea è definita come società dell informazione, quando si vuole

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda

Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda Lo Standing adeguato per l inserimento in azienda LE TEMATICHE Il contesto competitivo Le competenze delle nuove imprese Gli obiettivi di sopravvivenza e di successo Come scegliere il personale Requisiti

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

L uso del web 2.0 nello sviluppo

L uso del web 2.0 nello sviluppo Rosa Cantoro L uso del web 2.0 nello sviluppo della cultura aziendale Gli strumenti della comunicazione interna e interpersonale Collana Risorse digitali per l e-learning e il knowledge management 02 Rosa

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

CARTA DI LANZAROTE. CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995

CARTA DI LANZAROTE. CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 CARTA DI LANZAROTE CARTA PER UN TURISMO SOSTENIBILE Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Noi, i partecipanti alla Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, riuniti

Dettagli

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy

Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Ruolo della Universita per la innovazione e lo sviluppo della Cube-Economy Paolo Manzelli ; pmanzelli@gmail.com ; http://www.egoceanet.it ; http://www.edscuola.it/lre.html Convegno CNU-2009 FIRENZE Abstract

Dettagli

Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995

Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Carta per un Turismo Sostenibile Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile Lanzarote, 27/28 aprile 1995 Noi, i partecipanti alla Conferenza Mondiale sul Turismo Sostenibile, riuniti a Lanzarote, Isole

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

ICT 2015 - Information and Communications Technologies

ICT 2015 - Information and Communications Technologies Avviso: ICT-10-2015 Programma Horizon 2020 ICT 2015 - Information and Communications Technologies H2020-ICT-2015 Data di apertura 15-10-2014 Data di pubblicazione 23-07-2014 Data di scadenza Date 14-04-2015

Dettagli

PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4

PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4 PMI : CONFERENZA BOLOGNA 2000 BUSINESS SYMPOSIUM TAVOLA ROTONDA 4 Migliorare la competitività delle PMI nelle Economie in transizione e nei Paesi in via di sviluppo nell'economia globale e i loro partenariati

Dettagli

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia

Ignazio Visco Governatore della Banca d Italia L A B. 0 Vent anni di bassa produttività totale dei fattori sono la conseguenza di un'insufficiente capacità di reagire ai cambiamenti indotti dalla rivoluzione tecnologica, puntando con decisione su innovazione

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 6 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata

crediti commerciali * giorni clienti + magazzino* giorni magazzino - debiti commerciali * giorni fornitori = fabbisogno * durata Approfondimento 1.1w 1. Congiuntura e ciclo finanziario delle imprese Per meglio comprendere la relazione tra ciclo congiunturale e dinamica finanziaria delle imprese - la quale a sua volta si riflette

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Introduzione ai processi aziendali

Introduzione ai processi aziendali Introduzione ai processi aziendali Introduzione Negli ultimi tempi si è cercato di vedere l'azienda anche come insieme di processi oltre che come insieme di funzioni, si è cercato di vedere ad esempio

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo

di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo GLI INVESTIMENTI COLONNE PORTANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE di Alberto Bubbio Amministrazione e finanza >> Pianificazione e controllo La redditività degli investimenti è sì un obiettivo, ma anche e soprattutto

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

Team Coaching Organizzativo

Team Coaching Organizzativo Team Coaching Organizzativo A chi si rivolge Negli ultimi vent anni si sono sviluppate in modo sempre più pervasive le organizzazioni a rete, insieme ad una grande varietà di team work, permanenti e ad

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita.

Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. Gruppo di lavoro Aggregazione disciplinare tecnologica Documento conclusivo Coordinatori: V. Marchis, D. Chiesa Moderatore: M. Genoviè de Vita. - 1 - 1 - PREMESSA a) La cultura della tecnica nel curricolo

Dettagli

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Infosecurity Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Milano, 10 febbraio 2005 Pietro Varaldo Direttore generale Federcomin

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale

Roma, 5-7 dicembre 2013. Workshop 2 Leadership, organizzazione e sviluppo professionale La leadership educativa nei paesi dell Europa latina: autonomie, identità, responsabilità Università Roma Tre - Dipartimento di Scienze della Formazione Piazza della Repubblica 10 Roma, 5-7 dicembre 2013

Dettagli

Europa, Governance e Sviluppo locale

Europa, Governance e Sviluppo locale Europa, Governance e Sviluppo locale Lucio Scognamiglio Direttore Eurosportello Confesercenti scognamiglio@infoeuropa.it Un quadro che cambia: la polarizzazione istituzionale Le politiche di sviluppo territoriale

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Sviluppo delle Risorse e delle Competenze Facoltà di Economia S.U.N. Vi è comunemente poca conoscenza del legame che intercorre tra risorse e competenze. Numerose ricerche dimostrano come le imprese che

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A FRANCESCO BURESTI, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A FRANCESCO BURESTI, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL LA NUOVA ORGANIZZAZIONE: 10 DOMANDE A INTERVISTA A, DIRETTORE GLOBAL PROCUREMENT ENEL SPEAKER Francesco Buresti, classe 1964 è direttore della Global Service Function Global Procurement in Enel. Si è laureato

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti

Eppure le tecnologie aprono spazi inediti Eppure le tecnologie aprono spazi inediti di Luciano Pero* La questione della rappresentanza e dell'intermediazione vista dall'interno della fabbrica. Il rinnovamento dei cicli produttivi ha trasformato

Dettagli

I migliori 10 libri del 2015

I migliori 10 libri del 2015 NUOVI PRODOTTI WEBREVIEW SOFTWAREREVIEW BOOKREVIEW APPREVIEW I migliori 10 libri del 2015 Scelti per Voi da TRADERS Proponiamo la selezione dei migliori 10 libri, in lingua italiana, a contenuto economico

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Perché un Master in Direzione del Personale

Perché un Master in Direzione del Personale Perché un Master in Direzione del Personale di Luigi M. Sanlorenzo (*) Saper gestire le risorse umane significa essere in grado di comprendere come raggiungere livelli di efficacia e quali sono le competenze

Dettagli