IT PERFORMANCE MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IT PERFORMANCE MANAGEMENT"

Transcript

1 IT PERFORMANCE MANAGEMENT Esce dal mondo della tecnologia la misurazione delle performance dell It in banca. Perché non è più solo un tema per addetti ai lavori, ma soprattutto un tema di business. Per questo bisogna approfondirlo insieme: banche e vendors. FUORI DALLE REGOLE Al contrario di quanto abbiamo fatto per quasi 15 anni, in questo numero, per la prima volta, abbiamo unito Dossier e Focus. Le due sezioni del nostro giornale rappresentano due punti di vista differenti su argomenti spesso simili. Nel Dossier raccogliamo e pubblichiamo le esperienze e le visioni del mondo bancario su un determinato argomento direttamente dalla voce dei protagonisti; nella sezione Focus al contrario su quello stesso argomento raccogliamo e pubblichiamo la visione dei vendors, dei fornitori di tecnologia. Nel caso del tema forte di questo mese, l It Performance Management, abbiamo invece deciso di mettere i due punti di vista direttamente a confronto, nello stesso numero e l uno di seguito all altro. Perché il tema è a nostro parere così importante, così centrale in questo momento di grande attenzione ai costi e agli investimenti, che riunire in un unico corpus, considerevole anche dal punto di vista dello ingombro nel giornale, ci sembrava il modo più efficace per sottolineare la necessità di ripensare con attenzione e lungimiranza al tema dell impiego dell It nel mondo bancario e agli investimenti conseguenti. Dalla lunga serie di interventi che pubblichiamo emerge con forza un pensiero: l It va misurata, nelle sue prestazioni e nelle sue capacità di sostenere il business. Perché solo così si é in grado di capire realmente quanto si possono spremere gli investimenti fatti per sviluppare i propri progetti strategici. La redazione Ci sono tre fattori che rendono l It performance management un tema di grande attualità, spiega Alessio Meloni, Executive Advisor di Gartner. In primo luogo, la crisi finanziaria ha reso più intenso il rapporto tra l It e le altre funzioni aziendali, in particolare rispetto a quella Finance. E un fenomeno avvenuto in tutti i settori anche se in alcuni, tra cui certamente quello bancario, l It gode di un prestigio e di uno status maggiori. Dopo l inizio della crisi, il CFO è entrato nella funzione It per verificarne le spese: e questa maggiore attenzione all allocazione degli investimenti It è un trend che, secondo Gartner, non passerà. Per questo abbiamo inserito tra le priorità d azione dei CIO nel 2010 lo sviluppo della disciplina del financial e performance management, che consenta una maggiore attenzione all aspetto finanziario e più rigore nel controllo del business e, seconda priorità, un investimento nel procurement, con l assegnazione di personale con skill precise e specifiche in quel tipo di funzioni. Anche nel contesto di lenta ripresa in cui stiamo entrando, l It Performance Management resterà attuale: ci si troverà infatti nella necessità di allocare il capitale, scarso, tra l It e le altre funzioni e questa allocazione richiederà un confronto serrato e attento sul reale contributo delle diverse funzioni al business, confronto che potrà avvenire solo sulla base di metriche e criteri di valutazione chiari. Un secondo fattore che porta in primo piano l ITPM è lo spostamento dell offerta It verso i modelli a servizio: nel 2009 il cloud computing è stato un vero e proprio mantra, e questo trend continuerà anche nel prossimo futuro. Il modello a servizio presenta tra i suoi vantaggi una maggiore flessibilità ma anche una migliore confrontabilità del funzionamento dell It interno con soluzioni provenienti dall esterno, sia in termini di efficienza operativa sia dal punto di vista dei costi. Gli impatti di questo trend sono due: da un lato l It è maggiormente esposta allo confronto dei costi secondo la prospettiva dei servizi invece che solo secondo la prospettiva della natura delle spese, come nel passato. Da un altro lato le scelte It dovranno confrontarsi con problemi di analisi finanziaria più complessi per scegliere se sviluppare una iniziativa adottando il modello tradizionale basato sugli investimenti oppure il modello emergente insito nel cloud basato sulla operazionalizzazione dei costi Infine, un terzo elemento di attualità dell It Performance Management è da ricondursi proprio alle conseguenze della crisi. In ogni fase di ripresa, infatti, si riscontrano due fenomeni: un aumento delle fusioni e un maggiore turn over dei CEO. L aumento delle M&A è una conseguenza dell indebolimento di alcune realtà aziendali, che vengono assorbite dalle imprese che hanno tenuto meglio durante il periodo di difficoltà. La funzione It si trova a dover sviluppare le proprie capacità di due diligence, perché dopo una fusione è necessario gestire due macchine It che devono lavorare insieme e andare a fondersi. Il cambio di CEO, invece, viene spesso visto come uno stimolo alla ripresa, un Alessio Meloni, Executive Advisor di Gartner 44 AZIENDABANCA - GENNAIO/FEBBRAIO 2010

2 NELLE PROSSIME PAGINE: Alessio Meloni, Executive Advisor Gartner Mauro Selvetti, Direttore Generale Bankadati Enrico Fatucchi, Direzione governo operativo, Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi Marco Bernardini, Responsabile Direzione Erogazione ICT del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi Fulvio Bonacina, Head of Service Delivery Management di DB Consorzio Paolo Calvi, Responsabile Macchina Operativa Banca Euromobiliare Paolo Torelli, Cio di Fiditalia Fasto Bolognini, CEO di Quercia Software Massimiliano Monfreda, Financial Services Sector Leader IBM Italia Global Business Services Romeo Scaccabarozzi, presidente di Axiante Giovanni Carosso, Responsabile Tecnologie ed Erogazione servizio Cedacri Maurizio Taglioretti, channel sales manager per la regione SEMEA di GFI Software Paolo Bozzola, Partner e Head of Consulting di Neptuny Pietro Ferraro, It Management Practice Manager di SAS Igino Petrucci, Capo progetto; Paolo Di Bella, IT & Quality Assurance, Divisione Finanza, Engineering; Alessio Camilli, Responsabile di produzione, componenti della Business Unit IT & Quality Assurancedi Engineering Albert Zammar, Regional Sales Manager di Riverbed Italia Sabrina Rosati, Executive Vice President di Tagetik Gianfranco Naso, Country manager di BMC Software segnale forte di cambiamento capace di aprire una nuova fase anche all interno dell azienda. Dopo la nomina, generalmente, il nuovo management dedica un certo controllo alla performance, anche finanziaria, dell It. Quale performance L idea di performance dell It è qualcosa che viene dato per scontato in molte realtà aziendali. La definizione di performance, però, è tutt altro che omogenea, limitandosi spesso alla mera operatività tecnica, ed è funzione diretta del grado di evoluzione della cultura d impresa nella propria relazione con l It. La funzione It ha tre obiettivi principali nello svolgere la propria attività: il primo è scegliere le cose giuste da fare, il secondo è farle in modo corretto, il terzo è controllare e dimostrare i benefici ottenuti con quelle scelte, commenta Meloni. Oggi, in molte aziende la performance viene intesa esclusivamente con il secondo obiettivo, il fare le cose in modo corretto, limitandosi a una performance operativa. Sono ancora poche le aziende che arrivano a gestire il benefit ottenuto dal business attraverso azioni a forte componente informatica: si tratta di una disciplina raramente sviluppata ma che permette di provare la correttezza delle scelte effettuate attraverso dati e misurazioni. Dipende tutto da come l It viene percepito e inteso all interno dall azienda, quindi in sostanza dallo stadio di evoluzione della cultura aziendale di gestione del valore. A un livello base, l It viene percepito come un costo, e quindi la misurazione della performance si limita a una valutazione tecnico-finanziaria. Con una maggiore maturità, l It arriva a essere percepito come erogatore di un servizio: il performance management si allarga quindi all analisi di quali servizi vengono erogati e di quanto sono performanti. In un contesto aziendale evoluto, infine, si giunge alla comprensione del ruolo dell It nel contribuire direttamente ad alcuni KPI di business, sia di processo sia di bottomline: in alcune industrie l It diventa persino un canale diretto di vendita. Questa idea dell It non può evolversi indipendentemente dalla cultura aziendale sulla gestione del valore e sull interdipendenza dei processi e degli obiettivi di business. Secondo Gartner, prosegue Meloni, le aziende hanno una diversa maturità nella gestione del valore, similmente a quanto accade per l It: all inizio il value management ha una struttura a silos, per business unit, arrivando poi ad evolversi fino alla costruzione di un framework aziendale di KPI, anche trasversali, per misurare l operatività e gli investimenti. Anche questa misurazione, d altronde, dipende dal livello di maturità dell azienda: se l impresa non ha una cultura sviluppata su questo tema, non riesce a trovare ad esempio un collegamento tra azione di business e investimento It, a stabilire un legame tra spesa It e KPI, in quanto individuare e fare comprendere al management legami di causalità non diretti e non univoci non è affatto semplice. Per molti obiettivi, infatti, sono numerosi i fattori da prendere in considerazione, ed è solo con una gestione integrata del valore che arrivo a una corretta consapevolezza dell interazione tra diversi KPI. E un traguardo cui si può arrivare solo allineando l It alle aspettative di business, passando da un idea dell It come sola eccellenza operativa a una visione più ampia e consapevole che riconosca le due nature dell It come erogatore di servizi e dell It come strumento di crescita del busines. Questo processo di maturazione interno all azienda che non può avvenire senza l impegno personale di un CIO carisma- GENNAIO/FEBBRAIO AZIENDABANCA 45

3 A un livello base, l It viene percepito come un costo, e quindi la misurazione della performance si limita a una valutazione tecnico-finanziaria. Con una maggiore maturità, l It arriva a essere percepito come erogatore di un servizio: il performance management si allarga quindi all analisi di quali servizi vengono erogati e di quanto sono performanti. In un contesto aziendale evoluto, infine, si giunge alla comprensione del ruolo dell It nel contribuire direttamente ad alcuni KPI di business, sia di processo sia di bottomline tico ed autorevole. Che cosa misurare Anche le metriche da monitorare cambieranno quindi con l evolversi della cultura aziendale nei confronti dell It: al cambiamento dell idea delle funzioni e degli obiettivi dell It, infatti, cambieranno anche gli aspetti da prendere in considerazione per valutarla. Nella prima fase, quella della performance operativa, aggiunge Meloni, la valutazione si baserà soprattutto su una lista di dati legati all ambito finanziario (Capex, Opex, costo del lavoro, allocazione delle spese, TCO degli asset ecc.) e alle metriche delle attività progettuali (completamento on budget, on time, varianze costi e tempi e così via). Nelle fasi successive ci si sposta verso una visione dell It servizio e le metriche si arricchiscono e stratificano di conseguenza introducendo obiettivi e misurazioni sui livell di servizio e costi dei servizi definiti in un portafoglio espliicito di servizi che sono business oriented ed in alcuni casi market oriented (per un confronto diretto con l esterno). Come abbiamo già accennato, la funzione It non può evolversi in questa direzione se non di concerto con un generale aumento di consapevolezza delle altre discipline all interno dell azienda: per concepire l It come un erogatore di servizi è infatti necessario poter associare i processi ai servizi. Solo così si può andare oltre, creando un legame tra le metriche e i KPI di business, e con quelli trasversali in particolare. Nelle aziende che si trovano ancora nella prima fase, il 70% delle metriche presenti nei report riguarda parametri tecnici, mentre nelle aziende più evolute il rapporto si ribalta, almeno nella comunicazione esterna, a favore degli indicatori relativi a servizi e KPI di business, progressivamente e agli indicatori lagging vengono affiancati quelli leading, che permettono una corretta valutazione anche dei trend futuri, oltre che una vista a consuntivo di quanto realizzato. Comunicare la performance La performance dell It non va solo misurata, ma anche comunicata correttamente, per evidenziare la funzione e il contributo agi obiettivi di business, sia ai vertici aziendali sia ai clienti interni della funzione It e al personale della funzione stessa. Dal punto di vista comunicativo l It performance può avere, oltre al top management, anche altri interlocutori a livello aziendale, in particolare gli utenti diretti del business e la funzione It interna e non ultimo all esterno i propri provider che saranno allineati e responsabilizzati su questi obiettivi ed indicatori. Per quanto riguarda i clienti della funzione It, tipicamente le altre funzioni aziendali, bisogna partire dalle loro esigenze e delle loro aspettative, utilizzandole per settare e gestire correttamente gli SLA. La comunicazione va poi differenziata, a partire dalle metriche utilizzate, adottando un framework di KPI basato su prospettive multiple, ad esempio distinguendo gli indicatori in base al business layer cui vanno comunicati. Le business unit, infatti, non sono tutte uguali: alcune sono più innovative, altre sono tipicamente follower. Non posso utilizzare lo stesso tono di comunicazione con tutte, perché per alcune un determinato livello di informazione sulla SCORECARD CONSTRUCT BY BUSINESS EXPECTATION PROFILE 46 AZIENDABANCA - GENNAIO/FEBBRAIO 2010

4 IL VALUE BUSINESS MODEL DI GARTNER PER L performance potrebbe non essere adatto. L accento in questo caso va quindi messo sulla sostenibilità della comunicazione sulla performance dell It, in cui vengono bilanciate le metriche tecniche, relative all efficienza operativa, con quelle che hanno un legame diretto con i KPI di business. La scelta delle metriche da comunicare è tutt altro che banale: c è il rischio infatti di commettere errori che potrebbero distorcere la comunicazione con il top management, privo di determinate competenze tecniche e quindi maggiormente soggetto a errori nella valutazione di importanza e gerarchia dei KPI. Valutare l outsourcing Un discorso a parte merita la misurazione della performance in tutti quei casi in cui l It è dato in outsourcing. Non solo per la necessità di basare la propria valutazione del servizio su dati oggettivi, provenienti da una fonte neutrale o quantomeno interna all azienda, ma anche e soprattutto per l effetto positivo che la definizione di parametri e metriche di monitoraggio (che sono sempre il risultato, come abbiamo visto, della cultura e della consapevolezza dell azienda sul ruolo dell It) può avere nel costruire rapporti di sourcing chiari, basati su obiettivi di business e di efficienza espliciti e condivisi. Nel rapporto con i fornitori l evoluzione della cultura aziendale a proposito della funzione It è determinante, chiosa Meloni. Se non sono in grado di spiegare che cosa è per me un servizio e quali sono i miei criteri di performance la valutazione di un vendor è difficile. Infatti gli obiettivi di business espliciti sono presenti in pochissimi contratti come una responsabilità condivisa tra l It e il business, nel rapporto con i fornitori questa condivisione di obiettivi è rara. Da questo derivano molte storture nel rapporto di sourcing, in cui manca un allineamento di obiettivi e metriche e, conseguentemente, dei sistemi di princing. Il CIO al centro del cambiamento Nel costruire un framework di performance vanno quindi tenuti presenti diversi obiettivi, conclude Meloni. In primis bisogna spiegare gli investimenti e il contributo dell It verso gli obiettivi di business, poi si deve comunicare verso l utente della funzione It, disegnando in modo chiaro i KPI sui servizi. Poi è necessaria una visione interna, rivolta al personale It: adottare dei KPI gerarchici può essere utile come incentivo o penalità per guidare il comportamento delle risorse umane. Il performance management può diventare così uno strumento di cambiamento. In questo processo il CIO gioca un ruolo centrale, in quanto deve elevare il livello del confronto con le altre funzioni, fornendo lo stimolo per l evoluzione della cultura aziendale. Gartner ha rilevato da tempo un trend molto interessante nel profilo dei CIO: sono sempre più numerosi infatti coloro che ricoprono questa posizione pur essendo privi di un background tecnico o che rivestono anche altre funzioni all interno dell azienda, adottando quindi una visione meno tecnologica e più vicina al business. Già l annuale ricerca Gartner CIO Agenda del 2008 ha rilevato come circa il 25% dei CIO attualmente in carica provengono da una posizione di Execu- tive in un altra BU aziendale. Un CIO con questo profilo può certamente ampliare il livello del discorso sulla performance della struttura It, in quanto parte da una prospettiva più ampia sulla sua funzione. Il problema ritorna però alle risorse umane: è indispensabile infatti che la funzione It, il personale che la compone, sia in grado di seguire questo salto di qualità, questa evoluzione nel modo di pensare. NEL PROSSIMO NUMERO: DOSSIER - SISTEMI DI PAGAMENTO Sistemi di pagamento, carte contactless e sistemi mobile. I sistemi di pagamento stanno attirando sempre più l attenzione delle banche come un settore nel quale ricavare margini.sistemi come le carte contactless e i pagamenti mobile stanno passando, all estero e in Italia, dalla fase sperimentale alle prime implementazioni su larga scala. Tendenze, prospettive, esperienze e quesiti aperti, nelle esperienze bancarie dall Italia e dall Europa. GENNAIO/FEBBRAIO AZIENDABANCA 47

5 UN TERMOMETRO SULLA SALUTE DEI SERVIZI Per Creval e Bankadati investire in Performance Management significa migliorare il business. Attraverso soluzioni capaci di correlare i dati gestionali e i costi aziendali Visti i ritorni positivi continueremo in questa direzione, aumentando progressivamente gli ambiti coperti da sistemi di performance management e il numero degli indicatori utilizzati. Parole significative, queste, pronunciate da Mauro Selvetti, Direttore Generale Bankadati, società del Gruppo Creval che presidia la gestione e lo sviluppo delle attività inerenti la tecnologia dell informazione, l organizzazione, il back office, la gestione dei costi e i processi di supporto, che lasciano intendere il pensiero, assolutamente positivo, di Credito Valtellinese nei confronti dell It Performance Management. Secondo il manager, infatti, i buoni investimenti non soffrono la crisi, non temono ridimensionamenti di budget o cambi di rotta. Come nel caso dell It Performance Management che per Creval sembra proprio rappresentare una certezza. Esplicitare il legame tra investimenti e ritorni attesi Nonostante la crisi, il Gruppo ha continuato a investire. Per noi investimento non significa innovazione fine a se stessa, ma questa rappresenta solo il mezzo attraverso cui perseguire gli obiettivi aziendali complessivi. Abbiamo investito in nuove tecnologie in un ottica di riduzione dei costi attraverso azioni di efficientamento e ri-organizzazione. La nostra ricetta per non smettere di investire consiste nell esplicitare maggiormente il legame tra investimenti e ritorni attesi. Magari proprio attraverso un sistema di It Performance Management, in grado di monitorare e misurare continuamente le informazioni chiave che fungono da termometri sullo stato di Mauro Selvetti, Direttore Generale Bankadati salute di servizi, prodotti e processi. Report sintetici per una visione chiara degli indicatori Nel caso Creval, come conferma Selvetti, Performance Management significa disporre di un insieme di azioni tra loro combinate che sono sintetizzabili in alcuni semplici e chiare attività. Quali, ad esempio, la pianificazione e la gestione dei progetti e delle iniziative innovative, la gestione e il controllo dei costi aziendali, l analisi e il presidio organizzativo, lo sviluppo di software. O ancora, la gestione e il controllo della sicurezza logica, dei piani di business continuity e della qualità dell Ict, la gestione della relazione con i clienti esterni e il back office bancario. Tutte attività per 48 AZIENDABANCA - GENNAIO/FEBBRAIO 2010

6 La nostra ricetta per non smettere di investire consiste nell esplicitare maggiormente il legame tra investimenti e ritorni attesi cui Creval, o meglio Bankadati, stila report approfonditi di analisi e monitoraggio, che offrono una visione chiara e sintetica di alcuni indicatori ritenuti chiave, i cosiddetti, KPI, o Key Performance Indicators Un occhio alle spese Nel caso della pianificazione e gestione dei progetti, sottolinea Selvetti, abbiamo implementato una reportistica specifica che permette il monitoraggio degli effort spesi dalle funzioni aziendali su ciascuna iniziativa, confrontandoli con il pianificato iniziale. Oppure, nel caso dell esercizio del sistema informativo e dell Ict in genere, sono state sviluppate viste sintetiche che, alimentandosi in continuo dai dati di sistema, segnalano tempestivamente lo stato di anomalia nelle elaborazioni dei cicli batch, i livelli di utilizzo delle risorse di sistema, oppure il livello di servizio offerto da alcune funzioni aziendali, quali, ad esempio, l help desk. Tutto questo permette alla banca di tenere sempre sotto controllo lo stato di salute, come lo definisce lo stesso Selvetti, delle infrastrutture tecnologiche, allo scopo di eludere eventuali spiacevoli inconvenienti o la possibilità di dire di aver puntato su un investimento sbagliato. Business Intelligence a supporto del Performance Management Un atteggiamento del tutto positivo, dunque, quello di Creval nei confronti delle nuove tecnologie a supporto delle infrastrutture tecnologiche e del controllo continuo delle performance. Per esempio, nei confronti della Business Intelligence, che per lo stesso Selvetti, rappresenta il prossimo passo verso un sempre più efficace sistema di monitoraggio delle performance bancarie. Siamo soddisfatti degli strumenti e dei processi di governo delle performance, precisa ancora Selvetti. Ma poiché la perfezione non esiste, siamo sempre pronti a migliorare. In quest ottica stiamo potenziando i nostri attuali sistemi di monitoraggio e controllo attraverso l utilizzo di strumenti evoluti di Business Intelligence. Secondo noi, la BI rappresenta lo sbocco naturale degli strumenti tradizionali di analisi, gestione e controllo delle performance. Secondo Selvetti, infatti, nel corso degli ultimi anni la tecnologia ha messo a disposizione delle banche una incommensurabile quantità di dati gestionali. Dati che, tuttavia, nonostante la loro importanza, le aziende non sono riuscite a utilizzare al meglio per prendere decisioni vincenti. Stimolare l analisi dei dati e la conoscenza aziendale Le cause di questo inefficace utilizzo delle informazioni fornite dalla tecnologia, sottolinea ancora il Direttore Generale Bankadati, stanno nella passata mancanza di strumenti potenti, capaci di rendere navigabili i dati in maniera flessibile, in base alle singole esigenze dei vari dipartimenti aziendali. Ma non solo. Anche nella non conoscenza delle relazioni esistenti tra questi dati. Perché questi problemi rappresentino il passato c è bisogno di sfruttare la Business Intelligence come strumento di Performance Management e di formalizzare e diffondere la conoscenza aziendale investendo nella descrizione dei processi gestionali di Bankadati e dei processi bancari. Sonia Paddeu GENNAIO/FEBBRAIO AZIENDABANCA 49

7 UN PERFORMANCE MANAGEMENT SEMPRE PIÙ PERFORMANTE Per il Consorzio Operativo Montepaschi, che offre servizi informativi al gruppo bancario, monitorare i livelli di servizio è una regola. Per questo i team di Enrico Fatucchi e Marco Bernardini lavorano ogni giorno all implementazione della struttura Circa 40 persone impiegate, un 2 % di investimenti annui per i nuovi progetti e ben due strutture dedicate. Sono questi i numeri che caratterizzano il Performance Management del Gruppo Montepaschi, che, grazie all opera del Consorzio Operativo, rappresenta un area strategica per le banche del gruppo. La misurazione delle performance è storia vecchia all interno del nostro gruppo, raccontano Enrico Fatucchi, Direzione governo operativo, Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi e Marco Bernardini, Responsabile Direzione Erogazione Ict del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi. È anzi dalla nascita della stessa Banca Toscana che si parla e si pratica il Performance Management. Ma rispetto ai primi anni, in cui la funzione di monitoraggio delle prestazioni era affogata nelle strutture classiche che si occupavano di erogazione dei servizi e talvolta sacrificata, oggi riveste un importanza strategica. Montepaschi non può fare a meno del Performance Management Il Gruppo Montepaschi, con le sue banche e le aziende collegate, ha reale bisogno di parole come Capacity Planning, Monitoraggio e Governo operativo. Tutte attività che i team di Fatucchi e Bernardini portano avanti per anticipare le esigenze informative e informatiche del gruppo e per rispettare quanto richiesto lato business. Per il consorzio operativo Montepaschi e per le banche del gruppo, con It Performance Management ci si riferisce alla misurazione delle prestazioni per verificare che queste siano in linea con quanto richiesto dal business, ad assetti legati a come la struttura riesce a supportare in maniera adeguata il business, precisa il responsabile dell area facility management. Ma non solo. Con Performance Management Montepaschi intende anche la capacità di prevedere e pianificare le future esigenze di business e di prepararsi a rispondere a queste. Ecco perché all interno del consorzio esiste un team, quello capeggiato da Bernardini, composto da una decina di persone, che si occupa, appunto di capacity planning. Ed esiste anche un team, l area facility management di Fatucchi, composto da altrettante risorse, la cui attività, invece è il monitoraggio, attraverso piattaforme informative in grado di raccogliere, collegare ed elaborare i dati, dei livelli di soddisfazione degli utenti. Monitorare per migliorare Monitorare i processi di business si- 50 AZIENDABANCA - GENNAIO/FEBBRAIO 2010

8 Enrico Fatucchi, Direzione governo operativo, Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi Marco Bernardini, Responsabile Direzione Erogazione ICT del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi gnifica poter migliorare, racconta ancora Fatucchi. Significa individuare eventuali cause di disservizio ed eliminarle. Per questo motivo è dal 1472 anno di costituzione di Banca Toscana- che si fa Performance Management. Allora con strumenti rudi, quali taccuini, fogli e schede, mentre oggi con infrastrutture innovative, piattaforme in grado di favorire la condivisione dei dati e la loro elaborazione a supporto del business. Ma tutto è perfettibile, come confermano i manager. In un ottica di continuo miglioramento ed eccellenza dei servizi offerti dal nostro consorzio, stiamo implementando le nostre architetture informative allo scopo di migliorare le prestazioni dell area di capacità planning, catturando le statistiche e costruendo proiezioni in grado di mostrarci lo stato di evoluzione del sistema. Per quanto riguarda, invece, il governo operativo, nel corso del 2009 abbiamo dato il via a un progetto che ci doterà di uno strumento capace di gestire il catalogo dei servizi offerti dal consorzio, gli aspetti contrattuali legati agli accordi con i fornitori, di raccogliere gli SLA e di renderli pubblici agli occhi dei nostri utenti. Primo passo di questo ambizioso progetto, che darà nuova linfa alla struttura di IT Performance Management, la riproposta di SLA passati, da confrontare con gli attuali e con i futuri Fino a oggi i livelli di soddisfazione si basavano su pochi e quasi elementari parametri, sottolinea Fatucchi. Grazie a questo nuovo progetto di ristrutturazione informativa, affidato a un provider esterno, il consorzio sarà in grado di mettere in piedi algoritmi sofisticati, in cui concorreranno diverse componenti tecnologiche. Tutto per mostrare agli utenti le performance garantite. Facility Management ed Erogazione ICT insieme nel controllo delle prestazioni Performance che, a detta di Bernardini, vengono misurate ininterrottamente. I livelli di servizio, i tempi di risposta delle nostre architetture e dei nostri servizi sono sotto costante attenzione. Ogni giorno, a ogni ora e in ogni minuto. Proprio come avvenne nel corso della ristrutturazione aziendale che ha visto il Gruppo Montepaschi triplicare, nel solo 2009, le sue misure, in termini di dimensioni, sportelli e volumi. In quel frangente, il consorzio operativo è stato chiamato a verificare, dal lato IT e dal lato business, se era in grado di offrire gli stessi livelli di servizio a una struttura che era passata da a più di sportelli. Inutile dire che solo un gruppo fornito di risorse umane, aiutato da un set di architetture e strumenti informativi avanzati avrebbe potuto capire quale sarebbe stato il livello di prestazioni. La nostra forza, sottolinea ancora Marco Bernardini, è stata, tra le altre cose, la stretta collaborazione esistente tra l area di Facility Management e la Direzione Erogazione ICT. Quest ultima è, in concreto, l area preposta alla produzione dei dati e alla loro prima elaborazione, che viene seguita da un attenta analisi da parte del team che opera con Enrico Fatucchi. Senza It non c è Performance Management Dunque, se non ci fosse l It, o meglio l It Performance Management, forse in Montepaschi non esisterebbe nemmeno un area dedicata al monitoraggio dei livelli di servizio e forse, o meglio, probabilmente non si potrebbe governare il business. L It è qualcosa di imprescindibile, confermano i due responsabili. Prima il sistema informativo era fatto di schede. Ma non saremmo cresciuti, se il gruppo non avesse creduto nell importanza dell Information Technology. Per il consorzio e per Montepaschi l IT non è qualcosa di estraneo al business. Anzi. È strettamente collegato e a volte addirittura generatore di nuovo business. Ecco perché, in un gruppo come Montepaschi non si può fare a meno di misurare le performance. E migliorare il Performance Management. Sonia Paddeu GENNAIO/FEBBRAIO AZIENDABANCA 51

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli