Abitudini alimentari. Capitolo 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abitudini alimentari. Capitolo 11"

Transcript

1 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina 185 Capitolo 11 Abitudini alimentari La nascita ci porta dal luogo chiuso dell utero al mondo esterno, dove tutte le percezioni cambiano: intorno al corpo c è spazio; luce, suoni e odori arrivano in modo diretto; abbiamo un contatto con l aria, l acqua, i tessuti, le mani di chi accudisce; il respiro porta l aria dentro al corpo; latte e cibo portano all interno densità e sapori esterni. Il nostro qi incontra il qi degli alimenti e ne viene nutrito. Le abitudini di vita hanno sempre un influenza sostanziale sullo stato del qi, ma nel bambino sono in particolare le abitudini alimentari che hanno un ruolo primario sia nel generare disequilibri e malattie, sia nel riportare a uno stato di salute. Il qi ancora immaturo è particolarmente influenzato dal cibo introdotto: se il bambino ha un problema o una malattia, cioè se il suo sistema energetico è molto alterato, modificazioni anche piccole nell alimentazione (qualità, quantità, modalità di assunzione) aiutano consistentemente il trattamento con tuina o agopuntura o sono addirittura sufficienti per risolvere moltissime condizioni patologiche. Nei bambini il qi di Milza è sottoposto a richieste molto alte perché nelle prime fasi della vita la crescita è particolarmente rapida, ma il qi non si è ancora consolidato e le funzioni degli zangfu sono immature. Per questo motivo si dice che la Milza dei bambini non è sufficiente (xiao er pi bu zu ). La digestione è simile a un processo di cottura, distillazione e distribuzione: nello Stomaco il cibo si discioglie e matura, come in una pentola sul fuoco, la Milza separa la parte pura delle sostanze digerite da quella torbida, invia in alto il qi puro, che diventa qi e sangue, e manda in basso la parte torbida, che viene eliminata attraverso urine e feci. Il qi della Milza deve essere sufficiente per svolgere le sue funzioni: perché i bimbi possano utilizzare al meglio il qi degli alimenti guqi, i cibi che mangiano non devono richiedere troppo qi per essere digeriti. Il qi del bambino è fortemente impegnato nella crescita psicofisica e nella difesa dalle invasioni dei patogeni esterni: sappiamo bene che, quando gli attacchi dall esterno sono troppo forti o troppo frequenti, gran parte del qi del piccolo viene impiegato nelle funzioni di difesa e la sua crescita ne può risentire; allo stesso modo, se i cibi sono difficili da

2 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Medicina Cinese in Pediatria: agopuntura e tuina digerire, troppo qi viene impegnato nella loro trasformazione e ne rimane poco per gli altri compiti. Se è carente la funzione del jiao medio di trasformare e trasportare, il qi degli alimenti guqi non può essere mutato in qi vero zhenqi, il qi che ci fa vivere. Se la Milza non riesce a esplicare la sua funzione di separare il puro dall impuro, questi rimangono mescolati e ciò che è «impuro», tossico per l organismo, rimane all interno e produce danno. Se il qi necessario a elaborare l umidità è scarso, questa si accumula, si trasforma facilmente in flegma e il qi fa fatica a circolare. Se il qi prodotto dal jiao medio è insufficiente, si attinge alla riserva del Cielo Anteriore, si consuma il jing, e lo shen non può avere stabilità. In genere disturbi e malattie pediatriche derivano da un pieno (accumulo-ji di cibo, addensamento di umidità e flegma, eccesso di calore) o da un vuoto (insufficienza di qi di Milza, di Polmone, di Rene o di jing). Vuoto e pieno a loro volta generano eccesso e insufficienza: se il qi è scarso-vuoto non può circolare bene e quindi tende a produrre ristagno e quadri di pieno-shi; se invece c è una qualsiasi ostruzione-pieno il qi circola con più difficoltà e quindi tende a consumarsi e a produrre quadri di vuoto-xu. Tutti questi processi hanno spesso una componente più o meno rilevante che deriva da abitudini alimentari scorrette. Nella nostra società attuale «scorrette» significa in genere «troppo cibo», un eccesso che di solito non riguarda tanto la quantità consumata durante i singoli pasti, quanto la qualità degli alimenti e la frequenza della loro assunzione. L accumulo-ji di cibo è alla base della maggior parte di casi in cui il bimbo non sta bene: l ingorgo del qi può produrre disturbi prevalentemente somatici come catarro, tosse, otiti, eczema, oppure manifestarsi con aspetti emotivi e comportamentali quali difficoltà nel sonno, ipercinesia, irascibilità. Il principio generale è che bisogna facilitare il processo digestivo. Spesso questo viene invece appesantito e affaticato da comportamenti alimentari erronei, purtroppo molto comuni: allattamento troppo frequente, alimenti proposti durante lo svezzamento molto difficili da digerire, eccesso di cibi di «sapore tossico» durante l infanzia. Modalità alimentari L uso di alcune attenzioni nell assunzione del cibo può modificare profondamente lo stato energetico: se c è una buona elaborazione del qi, questo può essere disponibile in abbondanza per lo sviluppo psicofisico del bambino e per i compiti di difesa dai patogeni esterni. La medicina tradizionale cinese offre in questo senso alcune indicazioni fondamentali. Si privilegino i cibi cotti e tiepidi rispetto a quelli crudi e freddi perché richiedono meno qi per essere scaldati e trasformati: per esempio, se frutta e verdura vengono cotte non raffreddano il jiao medio. Si eliminino tutti gli alimenti di temperatura fredda, soprattutto in inverno: per esempio, mandarini e yogurt devono essere tolti dal frigorifero per tempo.

3 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Abitudini alimentari Si eviti che il bambino continui a mangiucchiare al di fuori dei pasti, così che i visceri-fu possano svuotarsi: per esempio, pasti e merende non si prolungano all infinito, ma hanno un inizio e una fine (lo stesso concetto vale anche per l allattamento). Si faccia in modo che il bimbo mangi tranquillo, così che il qi sia disponibile per compiere le sue funzioni di estrazione e trasformazione del qi degli alimenti: per esempio, si mangia con calma, seduti, dedicando al pasto il tempo e l attenzione necessari (guardare la televisione, rispondere al telefono, alzarsi in continuazione, affrontare argomenti emotivamente faticosi sono tutti elementi di disturbo). Si preferiscano cibi che abbiano essenza-jing: per esempio, alimenti di stagione, provenienti dalla zona in cui si vive, coltivati o allevati naturalmente, consumati freschi. Si limitino il più possibile i sapori «tossici», per esempio il dolce dello zucchero, il piccante e il salato degli aromi artificiali e dei conservanti, e le cotture «pesanti», quali i fritti. Se il bambino mangia male è necessario modificare i comportamenti alimentari. Può essere difficile, perché i sapori «tossici», cioè zucchero e aromatizzanti, producono una dipendenza. Il tipo di qi che forniscono è equivalente a quello delle sostanze «estreme», come oppiacei, amfetaminici, alcol, psicofarmaci: procurano cioè una risposta molto rapida, un qi molto potente, che produce un soddisfacimento sicuro, in termini di piacere e di prestazione. Questo qi «tossico» si sostituisce al qi prodotto da noi stessi e crea dipendenza dall elemento proveniente dall esterno. Avere sempre qi pronto e disponibile può essere una risposta a carenze interne o a eccessive richieste prestazionali, ma alla lunga questo tipo di qi «tossico» produce un danno ancora più grave, secondo i ben noti meccanismi della dipendenza e dell assuefazione. Per «ripulirsi» sono necessari tempo e fatica. Sta ai genitori trovare i modi migliori, che rendano più lieve la difficoltà. Noi adulti non possiamo eludere le nostre responsabilità nascondendoci dietro affermazioni quali I bambini sanno per natura cosa è bene, quindi se chiedono dolci vuol dire che ne hanno bisogno. Così come quando impediamo a un bambino di prendere il volo da un balcone, anche se probabilmente è spinto da una stupenda curiosità, allo stesso modo, se il piccolo cerca una via di soddisfacimento immediato, cioè per esempio un sapore «tossico», l adulto sa che alla lunga non è la soluzione migliore e deve intervenire per modulare desideri e bisogni e per aiutarlo a trovare soluzioni diverse. I genitori vogliono bene ai loro figli, non hanno bisogno di dimostrarglielo colludendo con un atteggiamento del tipo Se non mi dai quello che desidero allora non mi vuoi veramente bene. Questa sorta di ricatto ha buon gioco solo quando c è un incertezza di fondo nell adulto, che teme di essere inadeguato e manchevole. Non è necessario bandire totalmente caramelle, gelati, patatine e bibite varie. In generale, i comportamenti integralisti non hanno mai molto senso: siamo esseri che hanno una relazione con l esterno, quindi anche con il brutto, il cattivo, il pericoloso, e abbiamo le risorse per non esserne danneggiati. Come sappiamo, i qi patogeni colpiscono solo se il

4 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Medicina Cinese in Pediatria: agopuntura e tuina qi corretto non è sufficiente. 1 È quindi essenziale lo stato del nostro qi, ma è anche una questione di relazione tra stato interno e quantità di elementi nocivi: se sto in risaia tutti i giorni, o se continuo a mangiare gelati, è difficile che umidità o freddo non mi danneggino. Si tratta anche dell atteggiamento di fondo: il mondo è bello indipendentemente dai gelati, i genitori sono buoni anche se non mi permettono di mangiare patatine davanti alla TV, anzi i genitori sono buoni proprio perché si prendono la briga di non lasciarmi mangiare patatine davanti alla TV. Non soccombono di fronte ai miei piagnucolii e alle mie urla di bambino che desidera, e vuole, e si oppone a loro per costruirsi, e gli butta addosso tutto il brutto. Non si fanno travolgere, non scompaiono, non si annullano e non mi annullano. Allattamento Non intendiamo qui ricordare i vantaggi dell allattamento materno se non nei termini di medicina cinese. 2 Il latte materno ha un ottimo jing perché viene consumato fresco, è tiepido di natura, per cui non richiede qi del jiao medio per essere scaldato, è di sapore dolce moderato. È quindi perfetto per il neonato, ma non è detto che più ne diamo, meglio è: l eccesso, anche di una cosa buona, è pur sempre un eccesso. Anche il latte materno può essere in quantità eccessiva, e ciò avviene essenzialmente quando l allattamento è troppo frequente. Secondo la medicina cinese, i visceri-fu devono rimanere vuoti, cioè devono ricevere e poi svuotarsi. Se lo Stomaco rimane sempre pieno, la Terra non riesce a compiere la sua funzione di far salire la sostanza pura e far scendere la torbida, non può trasformare e trasportare appropriatamente. Perché si compia la digestione è necessario uno spazio di tempo adeguato prima che venga ingerito altro cibo. Se si accumula latte, si crea un ristagno, il bambino si ingolfa, fa fatica. Si produce un accumulo-ji di cibo: il bimbo piange, urla, ha la pancia dura, feci maleodoranti, verdastre o dure, rigurgiti o vomito. L equazione per cui più cibo corrisponde a più crescita non è valida, anzi l eccesso di cibo richiede un consumo maggiore di energie e quindi è più facile che il bimbo si ammali. Ovviamente è importante una certa cura anche nell alimentazione della madre, con un attenzione particolare nell evitare cibi e modalità che tendono a creare un eccesso di calore o di flegma. 1. Dove colpiscono i xie il qi è in vuoto, se zhengqi all interno si conserva allora i xie non possono attaccare (Suwen, cap. 62). 2. La composizione del latte materno è ovviamente quella più indicata per il neonato e l allattamento al seno è in genere la soluzione meno impegnativa in termini pratici oltre che un grande piacere psichico e fisico per la madre, come si suppone lo sia per il bambino. Se però per qualche motivo viene scelto l allattamento artificiale, non c è ragione per cui la madre debba sentirsi in colpa: ci sono infiniti modi per sostituire ciò che eventualmente manca.

5 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Abitudini alimentari Quando l allattamento è a richiesta, è facile che le poppate siano troppo ravvicinate (per esempio, nel neonato l intervallo dovrebbe essere di almeno 2-3 ore). Infatti il latte è buono, fa contento il bambino: se un neonato piange e viene allattato, si calma. Il latte è un piacere immediato, e anche i genitori sono soddisfatti quando vedono che il bimbo si quieta, ma la richiesta espressa con il pianto non riguarda sempre solo il cibo: a volte altre risposte non solo sono possibili, ma sono anche più indicate. Differire il soddisfacimento non è sempre facile per un genitore, che naturalmente vorrebbe il bimbo sempre felice. Però è un primo limite che va dato, e di cui purtroppo siamo noi adulti a doverci fare carico. Sarà così molte altre volte: il bimbo desidera tutto il mondo, ma il genitore è l adulto, che si deve quindi assumere la responsabilità di contenere. Il piccolo «no» al latte è una prima, orribile frustrazione: sta al genitore essere in grado di elaborarla, di trovare cioè alternative meno immediatamente soddisfacenti, ma che sviluppino altre possibilità. In genere si entra così in uno spazio di piacere diverso dalla risposta-cibo, a cui si accede «distraendo» il bimbo con il canto, la parola, il sorriso, lo sguardo, il movimento, l abbraccio: i mondi della crescita umana. Svezzamento Secondo il sistema di lettura energetica della medicina cinese, il latte materno si forma per trasformazione del sangue-xue. Circa sei mesi dopo il parto qi e xue tornano al loro equilibrio e il sangue torna all utero. L allattamento, un compito in genere molto appagante per la madre, ma anche molto impegnativo, può andare verso la sua conclusione e lasciar posto allo svezzamento. Svezzamento significa inserire altri cibi in un alimentazione che fino a quel momento era costituita di solo latte. È bene quindi che nei primi periodi questi cibi assomiglino quanto più possibile al latte materno, per poi avvicinarsi con calma a un alimentazione più complessa, seguendo la maturazione dell apparato digerente. Il qi del lattante è ora più stabile, può avere maggiori contatti con il qi esterno, è in grado di cominciare a trasformare il qi di alimenti a lui più estranei. Lo svezzamento comporta il passaggio a un alimentazione complessa (cereali, frutta, verdura, legumi, latticini, carne, pesce), cambiamenti nella consistenza del cibo (da liquido a sempre più solido), variazioni nella temperatura degli alimenti (dal latte a temperatura corporea a piatti più caldi o più freddi). Il bimbo inizia a trovare nel mondo esterno il cibo che gli serve: è un primo passo verso la separazione dalla madre e la creazione di una propria autonomia. Lo svezzamento è un processo complesso, che si svolge nel corso di cinque-sei anni, anche se i primi tempi sono i più importanti. La maturazione del sistema digerente nel suo insieme è un processo che comprende svariati aspetti, quali la crescita dei denti, lo sviluppo delle attività enzimatiche, l incremento delle capacità senso-motorie. Il momento in cui iniziare lo svezzamento ci viene suggerito dal bambino stesso, quando si mostra interessato al cibo, per esempio cercando di afferrare ciò che vede nei piatti degli altri. La digestione avviene con un dispendio energetico contenuto e un buon guadagno in

6 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Medicina Cinese in Pediatria: agopuntura e tuina termini di sostanze assorbite se lo svezzamento segue la natura-costituzione del bambino: genere, quantità, modalità di preparazione degli alimenti devono essere individualizzati. In generale, il cibo deve essere digeribile per l età in cui viene assunto, con temperatura, consistenza, cottura adeguate. Per ogni bambino lo svezzamento ha ritmi diversi: la velocità è variabile, i rallentamenti sono frequenti. Se si introducono troppo precocemente cibi impegnativi per la digestione, ne deriva facilmente un accumulo-ji di cibo, con umidità e flegma. Inoltre il qi che deve esplicare la funzione di trasformazione non è sufficiente e vengono quindi utilizzate energie che dovrebbero essere impiegate nello sviluppo fisico e psichico e nella difesa dai patogeni esterni. Perché il processo digestivo avvenga senza difficoltà e gli alimenti possano quindi essere assimilati bene, i cibi devono essere pre-elaborati. Per evitare un eccesso di lavoro al jiao medio, ancora immaturo, si portano quindi a una temperatura vicina a quella del corpo, si riducono a una consistenza cremosa, si cuociono. Per quanto riguarda la scelta dei cibi da introdurre nel corso dello svezzamento, l alimento più semplice è la «pappa di riso», che sostiene qi, sangue e liquidi, tonifica la Milza, armonizza lo Stomaco ed elimina l eccesso di umidità. Per prepararla, si cuoce molto a lungo 1 parte di riso in 6 parti di acqua, fino a quando il riso si disfa in una crema. La pappa di riso è usata non solo come primo alimento nello svezzamento, ma anche ogni volta che c è un disturbo da accumulo-ji di cibo o una qualsiasi una malattia (e quindi il qi è sottoposto a un carico maggiore). 3 Il bimbo piccolo ha bisogno di una varietà di cibi minima rispetto alle abitudini di un adulto, il «consumismo» dei sapori non gli è utile: perché possa esserci un cambiamento, è necessario che ci sia una base sicura, cioè cibi già noti. La solidità viene dal conoscere bene, il conoscere bene viene dalla ripetizione dell esperienza, dall assimilazione di ciò che ci è estraneo. Se succede qualcosa di buono e poi succede di nuovo, e si ripete ancora tante volte, allora non si tratta di un evento casuale, estemporaneo, aleatorio: mi posso fidare. Da qui potrò anche partire per esplorare con tranquillità altri pezzi di mondo, altri sapori. Riso e carote, carote e riso vanno benissimo giorno dopo giorno, e poi si potrà inserire la mela cotta, e il terzetto può proseguire ancora a lungo così composto. Quindi il corpo potrà farsi amico con un altra verdura, con calma. Il sistema del qi potrà incontrare un altro qi, di un altro alimento, e imparare a conoscerlo. E così via, senza fretta, dando il tempo perché il nuovo cibo possa essere accolto e tutto si assesti nel migliore dei modi. In termini più tecnici possiamo dire che è importante inserire nella dieta un cibo alla volta, per poter osservare se il bambino è in grado di tollerarlo. Se compaiono segni quali alterazioni dell alvo, presenza di alimenti mal digeriti nelle feci, arrossamenti cutanei, aumento della produzione di muco, disturbi del sonno, o qualsiasi altra forma di manifestazione di accumulo-ji di cibo, di calore o di flegma, si sospende l alimento e si ritenta dopo uno-due mesi. 3. Per altre ricette, vedi l ultima parte del capitolo.

7 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Abitudini alimentari All inizio si scelgono quindi verdure di sapore moderato, dolce, e di natura neutra. Dapprima sotto forma di brodo vegetale, poi cotte e ridotte a purea. Il latte di capra è meglio del latte vaccino, oppure va bene il latte di riso, ma non quello di soia, perché è di natura troppo fredda. 4 Se il bimbo ha sete, l acqua semplice va benissimo, mentre bevande e succhi di frutta di produzione industriale hanno un sapore dolce eccessivo, che non solo favorisce l accumulo di umidità e indebolisce la Milza, ma, come già accennato, facilmente crea anche dipendenza. Grano, mais, riso integrale, proteine animali in tutte le varie forme vengono introdotti solo in un secondo tempo perché richiedono troppo qi per essere trasformati. È anche utile tener conto che nelle diverse aree del mondo si consumano più abitualmente cibi differenti (grano, riso, tapioca, patate), che quindi influenzano la «formaxing» dell energia ancestrale zongqi: il qi del bambino ha maggiore facilità a elaborare e usare il qi degli alimenti maggiormente presenti nella tradizione della sua famiglia. Per tonificare il qi In alcuni casi la debolezza del qi è pervasiva e ha radici profonde, ma comunque l impegno richiesto dalla crescita, le fatiche emotive, gli attacchi dei patogeni esterni sono tutti aspetti che consumano qi, e ci sono periodi in cui il qi del bambino è messo a dura prova. L insufficienza di qi si manifesta con sintomi quali scarso appetito, feci poco formate, facilità a stancarsi, richieste continue di attenzione, fragilità emotiva, suscettibilità alle malattie, deficit di crescita, colorito e lingua pallidi. 5 In questi casi sono importanti gli alimenti di sapore dolce moderato, il sapore del qi della Terra, che sta al centro e attraverso cui passano gli altri quattro elementi/movimenti per trasformarsi uno nell altro. Inoltre si privilegiano cibi con un qi di natura neutra o tiepida, per aiutare il qi del bimbo, che è debole e non scalda a sufficienza. Facciamo allora in modo che nell alimentazione siano presenti verdure e legumi, quali porri, cipolle, zucca, lenticchie; diamo un po di movimento, per esempio con prezzemolo o sesamo nero; sosteniamo lo yang con una piccola quantità di frutta secca, come noci, nocciole, mandorle, pinoli, castagne; tra le carni scegliamo l agnello, ma vanno bene anche pollo e manzo. È opportuno aggiungere anche un pochino di sapore piccante sottile per sostenere il Metallo-Polmone e muovere il qi, in modo che i tonici non risultino troppo pesanti, evitando però il piccante eccessivo, come pepe, peperoncino, paprika. Molte erbe aromatiche e spezie sono di natura tiepida o calda e di sapore piccante moderato: basilico, rosmarino, 4. Esulano dagli intenti di questo testo tematiche quali la discussione sugli organismi geneticamente modificati o sulla funzione ormono-simile della soia. 5. I cibi che vengono suggeriti in questo quadro e in quelli seguenti riguardano i bambini che hanno completato lo svezzamento.

8 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Medicina Cinese in Pediatria: agopuntura e tuina timo, anice stellato, cannella, noce moscata, chiodi di garofano, semi di finocchio, zenzero. È utile inserire anche il sapore salato moderato, perché favorisce Rene e diuresi: l orzo è un ottima scelta. Per risolvere i quadri di pieno (accumulo-ji di cibo, flegma, umidità, calore) L accumulo-ji di cibo può manifestarsi con dolore o gonfiore addominale, coliche neonatali, rigurgiti di latte, guance rosse, macchie eritematose, stipsi, feci verdastre, catarro denso, irritabilità, sonno disturbato, odore molto forte dell alito e di sudore, feci, urine, induito linguale giallo. L accumulo-ji di cibo va risolto perché è alla radice delle «cento malattie», tende a trasformarsi in calore, a colpire il Fegato e ad addensarsi in flegma. Bisogna innanzi tutto modificare le modalità di alimentazione. Se c è calore, si preferiscono alimenti il cui qi ha le qualità del dolce e dell amaro e natura neutra o fresca: inseriamo nell alimentazione il fresco dei diversi germogli; ricordiamoci di verdure e legumi quali ceci, soia verde e gialla, bietole, zucchine, sedano, spinaci, piselli, fagiolini, carote cotte e crude, cetrioli, melanzane, asparagi; diamo molto spazio alla frutta, come mele, pere, mandarini, arance, limoni, anguria, melone, kiwi, cachi; teniamo presente il pesce, per esempio seppie, sogliole, triglie, trote; tra le carni privilegiamo il coniglio. Per purificare il calore, inseriamo un pochino di amaro moderato, per esempio carciofi, cicoria, salvia, capperi; scegliamo formaggio di capra fresco; proviamo con una tisana di verbena. Per muovere il qi aggiungiamo un po di piccante e di acido moderati, di natura fresca o fredda: vanno bene maggiorana e origano, tè verde, tè di menta, di biancospino o di bucce di mandarino, olive, alghe, dofu (tofu), yogurt. Ricordiamoci del miglio e pensiamo alla frutta, scegliendo, secondo la stagione, tra pere, mele, pesche, nespole, fragole, more, prugne, oppure agrumi. Per risolvere l accumulo di umidità o l addensamento di flegma è fondamentale eliminare gli alimenti troppo dolci, i latticini e i cibi crudi o freddi, perché umidificano eccessivamente e favoriscono la produzione di flegma. È invece utile il dolce moderato, un po di piccante che muove, un po di acido che astringe, un po di amaro che concentra e asciuga l umidità. Se l umidità si associa al freddo si scelgono alimenti di natura neutra o tiepida e senza esagerare calda, mentre si evitano i cibi di natura fredda, crudi, freddi come temperatura. I sapori acido e piccante rimangono utili per muovere: vanno bene cipolle (piccante-dolce), peperoni, porri, scalogno, ravanelli, aglio, timo, basilico. Per umidificare, per esempio quando c è secchezza di Polmone o Intestini, sono utili miele, latte e latticini; mele, pere e banane; miglio, soia gialla e nera, dofu, uova; spinaci, bietole, melanzane, pomodori, piselli, crescione; albicocche, arachidi, mandorle, noci, nespole, agrumi, cachi; malto di riso; semi di lino, sesamo, pinoli; carne di maiale, seppie.

9 11rossi _11rossi x 09/11/ Pagina Abitudini alimentari Per rispondere ai patogeni esterni In caso di calore da penetrazione dei patogeni esterni bisogna rinforzare il qi difensivo e allo stesso tempo far sì che i processi digestivi non impegnino troppa energia, che deve rimanere disponibile per le funzioni di difesa. Quindi i cibi saranno semplici, facilmente digeribili, in piccole quantità, serviti tiepidi. Va sostenuto lo yin, dal momento che i bambini tendono per natura al deficit di yin e all eccesso di yang e inoltre il calore dei patogeni esterni consuma yin e liquidi. Si preferisce quindi la cottura al vapore, che mantiene una maggiore idratazione nei cibi. Se la malattia richiede la somministrazione di antibiotici o di antinfiammatori, bisogna tonificare il jiao medio perché il freddo e l amaro richiedono molto qi per essere metabolizzati. Vanno quindi privilegiati cibi dal sapore dolce delicato, come la pappa di riso. 6 Se la malattia è da vento-freddo si preferiscono cibi con un qi di natura calda o tiepida, che aiutano a disperdere il freddo patogeno attraverso la sudorazione. Sono utili le minestre di riso con zucca o porri, un pezzetto di rapa, un cipollotto o lo scalogno, insaporiti con timo e rosmarino. Fanno bene le mele o le pere cotte, a cui si può aggiungere un po di cannella, una dozzina di pinoli o mandorle, un paio di chiodi di garofano. E soprattutto è efficace il decotto di 3-4 fettine di radice di zenzero fresco (utile anche in caso di nausea e vomito). Se la malattia è da calore si preferiscono cibi freschi, evitando gli alimenti di natura decisamente fredda perché danneggiano il jiao medio. Viene naturale pensare a yogurt e dofu, alla frutta con un alto contenuto di acqua (agrumi, anguria, cachi, kiwi), alla verdura di natura fresca, a erbe come origano o maggiorana, al tè verde o al tè di menta. Se la malattia è esterna si preferiscono cibi di sapore moderato piccante (porta il qi verso l alto e l esterno, favorisce l eliminazione dei patogeni), se la malattia è interna si privilegiano i sapori moderati amaro (purifica e purga), acido (astringe e sostiene yin e liquidi), salato (sostiene il Rene). Spesso quando un bimbo è malato ha poco appetito: sta usando il suo qi per eliminare i patogeni esterni piuttosto che per le funzioni digestive. Durante la fase acuta della malattia, a patto che il bambino beva a sufficienza, un apporto ridotto di cibo non reca danno. 6. Si può usare riso integrale se lo si cuoce molto a lungo e lo si passa poi attraverso un colino a maglia piccola, che trattiene la parte grezza ma lascia filtrare i nutrienti.

10

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Menù equilibrato invernale 1

Menù equilibrato invernale 1 Menù equilibrato invernale 1 Frullato di banane e cachi (pg 209*) (leggermente scaldato) Orzo con latte di soia e miele Manciata di uvetta con semi di girasole tostati Spaghetti alla cinese (pg 268*) Insalata

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

Disordini del sistema gastroenterico

Disordini del sistema gastroenterico Capitolo 10 Disordini del sistema gastroenterico Milza e stomaco sono fondamentali nel processo di digestione. Localizzati nel jiao medio, 1 costituiscono la «radice del qi del Cielo posteriore»: lo stomaco

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

LE STAGIONI DELLA TERRA

LE STAGIONI DELLA TERRA LE STAGIONI DELLA TERRA L azione divina del cibo. Un giorno Annapurna, Dea della natura e dispensatrice del cibo, andò da Brahma il Signore Assoluto a chiedere consiglio; non riusciva più a capire gli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIALISI

ALIMENTAZIONE E DIALISI Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza Nefrologia e Dialisi Direttore: dr. Roberto Scarpioni ALIMENTAZIONE E DIALISI L alimentazione

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI

ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI E MIE R IC E T T E ZUPPA DI CEREALI E LEGUMI MISTI Ingredienti: Legumi secchi o freschi a scelta Cereali misti a scelta Carota, sedano, cipolla dorata, aglio Salvia, rosmarino Olio extravergine di oliva

Dettagli

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Fascia altimetrica Colture vegetali MEDIA REGIONALE ettaro/coltura Pianura ACTINIDIA 300,00 Collina ACTINIDIA 275,00 Pianura ACTINIDIA SOTTO RETE ANTIGRANDINE

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA CUCINA CENTRALIZZATA ASP- SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA A cura della Dietista Dott.ssa Giulia De Nicola e in collaborazione con i Coordinatori Emiliano Papini

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari

DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari I piatti sono stati preparati in modo semplice combinando solo tre o quattro alimenti freschi, di buona qualità, in base alle indicazioni

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

L alimentazione dell infante

L alimentazione dell infante L alimentazione dell infante allattamento svezzamento IL LATTE MATERNO L alimento principe dei primi sei mesi Colostro: il primo latte Molto ricco di proteine Contiene molti fattori ad azione immunologica

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

Le ricette di Simone Salvini

Le ricette di Simone Salvini Le ricette di Simone Salvini per 21 Maggio 2015 IN COLLABORAZIONE CON: 1 kg riso Nerone 6 lt acqua 60 g sale 500 g Erbe aromatiche 1) S raffreddare subito in acqua e ghiaccio. 2) 3) finemente e le erbe

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

IL TUO CORSO PER UNA CUCINA TUTTA NATURALE IL BUFFET VEGANO E VEGETARIANO

IL TUO CORSO PER UNA CUCINA TUTTA NATURALE IL BUFFET VEGANO E VEGETARIANO IL TUO CORSO PER UNA CUCINA TUTTA NATURALE Gennaio 2015 MERCOLEDI 28 - dalle 9,00 alle 17,30 GIOVEDI 29 - dalle 9,00 alle 14,00 IL BUFFET VEGANO E VEGETARIANO Per motivi di salute oppure per una scelta

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica Anno scolastico 2012-2013 Città di Piossasco Assessorato all Istruzione LC/MT - MARZO 2013 L Amministrazione comunale ha pensato

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE DOCUMENTO DI INDIRIZZO INDICAZIONI GENERALI E INGREDIENTI PER LA GESTIONE DEL MENÙ SCOLASTICO (RICETTARIO) Emissione Gennaio 2011

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1

Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1 Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria n.1 UOC Nefrologia e Dialisi Direttore Dottor Antonio Selvi POTASSIO: NON SOLO FRUTTA E VERDURA! Il potassio è un sale minerale con funzioni vitali: è necessario per

Dettagli

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao,

INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, MUSTAZZOLI dolce tipico salentino MUSTACCERE GLASSATE vss INGREDIENTI: Farina di grano tenero tipo 00, zucchero, mandorle, latte, INGREDIENTI:Farina grano tenero tipo uova, margarina al burro, cacao, 00,

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

QUESTIONARIO ALIMENTARE

QUESTIONARIO ALIMENTARE 1 QUESTIONARIO ALIMENTARE Barbara Naldi 2015 2 DATI PERSONALI Nome e Cognome Data di nascita Via, Numero CAP / Paese Numero telefonico Indirizzo email Cassa Malati Nome del medico di famiglia Se donna:

Dettagli

LA DIETA VEGETARIANA

LA DIETA VEGETARIANA LA DIETA VEGETARIANA Le persone che seguono un alimentazione vegetariana sono, a dispetto dell opinione generale, tante. Può essere utile perciò cercare di capire qualcosa di più riguardo questo tipo di

Dettagli

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca

Menù AZZURRO. Prepasto Zanzarelli. Minestra Brodetto saracenico. Pasto Pollo al finocchio. Postpasto Budino di frutta secca Menù AZZURRO Prepasto Zanzarelli Minestra Brodetto saracenico Pasto Pollo al finocchio Postpasto Budino di frutta secca 1 Ricetta e preparazione menu azzurro (4) Zanzarelli (Libro de arte coquinaria, Maestro

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA È UN ALIMENTAZIONE SCARSAMENTE CARIOGENA PER I DENTI.

LA DIETA MEDITERRANEA È UN ALIMENTAZIONE SCARSAMENTE CARIOGENA PER I DENTI. LA DIETA MEDITERRANEA È UN ALIMENTAZIONE SCARSAMENTE CARIOGENA PER I DENTI. La carie dentaria rappresenta una delle patologie croniche più diffuse a livello mondiale. Si tratta di una malattia a eziologia

Dettagli

PANIFICIO LA MADRE - LISTINO 2014

PANIFICIO LA MADRE - LISTINO 2014 PEZZATURA PANE DI GRANO TENERO farina di grano tenero 0,acqua,pasta madre,sale 1 kg - 500 gr PANE AZZIMO DI GRANO TENERO PANE INTEGRALE DI GRANO TENERO farina di grano tenero 0/int., fiocchi di farro,

Dettagli

IL CAVALIERE LANCILLOTTO. gli aceti balsamici. ingredienti Aceto di vino, mosto d uva concentrato, colorante: caramello (E150d). Contiene solfiti.

IL CAVALIERE LANCILLOTTO. gli aceti balsamici. ingredienti Aceto di vino, mosto d uva concentrato, colorante: caramello (E150d). Contiene solfiti. gli aceti balsamici LANCILLOTTO ACETO BALSAMICO DI MODENA I.G.P. Questa qualità di Aceto Balsamico di Modena I.G.P. è contraddistinta da una più elevata sciropposità, un acidità più stemperata, da un maggior

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione

Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione Ivrea, 17 ottobre 2013 Lo svezzamento tra tradizione e medicalizzazione L istruzione è una bellissima cosa, ma è bene ricordarsi, di tanto in tanto, che nulla di ciò che importa sapere può essere insegnato

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli