Con il supporto finanziario dell Unione Europea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con il supporto finanziario dell Unione Europea"

Transcript

1 Con il supporto finanziario dell Unione Europea

2 Il Libro Bianco WIT è stato scritto dallo staff del progetto WIT in collaborazione con le organizzazioni partner ed altri esperti esterni: si basa su materiale relativo alle politiche, esempi di pratiche e suggerimenti che riguardano i servizi sociali. I partner WIT ringraziano tutte le persone coinvolte per il loro grande impegno, dal concepimento ai commenti sulla struttura ed il linguaggio. This publication is supported by the European Union Programme for Employment and Social Solidarity - PROGRESS ( ). This Programme is implemented by the European Commission. It was established to financially support the implementation of the objectives of the European Union in the employment, social affairs and equal opportunities area, and thereby contribute to the achievement of the Europe 2020 Strategy goals in these fields. The seven-year Programme targets all stakeholders who can help shape the development of appropriate and effective employment and social legislation and policies, across the EU-27, EFTA-EEA and EU candidate and pre-candidate countries. For more information see: The information contained in this publication doesn t necessarily reflect the position or opinion of the European Commission. The sole responsibility of this publication content lies with the author. The Commission is not responsible for any use that may be made of the information here contained. European Commission as Contracting Authority 2

3 Indice dei contenuti COSA È STATO PRODOTTO DAL PROGETTO WIT Perché un Libro Bianco? I risultati del progetto WIT... 7 L Analisi di Benchmarking... 7 Le Migliori Pratiche identificate da WIT... 8 Il sistema WIT GIS... 9 La WIT Community SFIDE E PROSPETTIVE PER LE COMPETENZE DEI PROFESSIONISTI DEL SETTORE SOCIALE Sezione IDENTITÀ, QUALITÀ E RUOLI DEI PROFESSIONISTI DEL SETTORE SOCIALE Identità dei professionisti e qualità personali Il servizio sociale ed il suo potenziale di empowerment Implicazioni per la professione Professionisti del sociale come attori chiave del processo di policy-making Professionisti trascurati e supporto organizzativo Il Manager sociale, ieri, oggi (e domani) Stato del mercato del lavoro nel settore dei servizi sociali con specifico riferimento alla cura dei bambini ed ai caregivers professionali in Germania Sezione COMPETENZE EMERGENTI PER I PROFESSIONISTI DEL SOCIALE Le competenze che contano La comunicazione interculturale come competenza essenziale per i professionisti del sociale Sostenere percorsi di continuità di cura con le persone anziane e le loro famiglie: le competenze in gioco Proteggere, riparare, imparare. Il lavoro educativo con i bambini vittima di abusi e maltrattamenti INNOVAZIONE NEGLI SCHEMI DI FORMAZIONE Sviluppi nella formazione delle professioni del servizio sociale. Il caso della Germania : Un modello innovativo di formazione sperimentato sulla complessa tematica dell autismo Conduttori di gruppi di sostegno rivolti ai caregiver di anziani e non solo : Imprenditoria nel lavoro sociale: una caratteristica professionale o una sfida? Note sull accademizzazione dell istruzione alla prima infanzia in Germania CONCLUSIONI Un quadro per ragionare su nuove competenze nel lavoro sociale Le future competenze e conoscenze necessarie per tipologia di mansione Principali scelte strategiche per rispondere ai bisogni di competenze e conoscenze Conclusioni Riferimenti bibliografici Risorse on line... Errore. Il segnalibro non è definito. 3

4 Introduzione Il progetto WIT intende ampliare e rafforzare le competenze e le conoscenze dei professionisti della cura sociale, attraverso un confronto aperto e dinamico per condividere esperienze e scambiare informazioni ed opinioni a livello nazionale ed internazionale. Al fine di supportare l innovazione nei modelli organizzativi di gestione e la definizione di rinnovati percorsi formativi per gli operatori del settore, WIT ha stimolato il dibattito tra esperti e professionisti del settore dell innovazione e della ricerca sociale, chiamati a confrontarsi su temi specifici. La crescente domanda di nuove figure di professioni bianche (lavori nei servizi sanitari, sociali e di cura volti a garantire la salute e il benessere delle persone) offre importanti opportunità di sviluppo socio-economico nei territori dei Paesi Partner, ed è proprio su questa scia che il progetto WIT ha voluto capitalizzare e promuovere le buone prassi esistenti in Europa, cercando di attivare metodi innovativi di formazione e di imprenditorialità nel sociale. Gli studi sulle future tendenze delle competenze richieste dai sistemi sanitari e sociali europei mostrano chiaramente come tutti i paesi Membri si trovino ad affrontare un considerevole aumento della domanda di lavori bianchi rispetto ad un settore in crescita, andando verso una "welfare community", o anche verso un "well-being-community" che sta ri-plasmando il sistema europeo di welfare. Il concetto di welfare society contiene l'idea del welfare mix, che origina dalla logica di pluralizzazione dei soggetti del sistema sociale e riflette il fatto che in un simile sistema, accanto agli enti pubblici, i settori del privato no-profit e del privati for-profit, oltre alle famiglie ed alle reti informali 1, sempre più influenzano l'attuazione pratica delle politiche sociali. In questo modo, la comunità sociale può essere considerata anche come un insieme di condizioni culturali e comportamentali, in grado di impostare una difesa contro il rischio che, spostando il punto di vista dello Stato alla società, potrebbe generarsi un indebolimento del sistema piuttosto che un suo rafforzamento. In questo quadro, ai professionisti socio-sanitari sono sempre più richieste nuove competenze in base a scenari futuri prevedibili. Molti sistemi sanitari europei si stanno muovendo verso un assistenza integrata, in cui i bisogni sociali e sanitari siano congiunti il più armoniosamente possibile per ciascun individuo. Per queste ragioni l approccio di WIT ritiene fondamentale promuovere una riqualificazione multi-skilling dei professionisti del settore - in cui gli operatori acquisiscono conoscenze attingeendo da diverse discipline - che permetterà di migliorare la predisposizione verso una cura sociale integrata. Le attività di WIT hanno sostenuto la necessità di un maggiore investimento in capitale umano dei giovani al fine di soddisfare tali esigenze, stimolando inoltre lo sviluppo di corsi di formazione più adeguati per aiutare i lavoratori del settore ad aggiornare le loro competenze. 1 A community is [...] the combination of people united by the original law of reciprocal gift. It is, therefore, that at its basis there is not a common ownership or belonging, but, on the contrary, an impulse that compels us toward the others before that any institution or normative order imposes that on us, Edwards 2005, p

5 PARTE A COSA È STATO REALIZZATO DAL PROGETTO WIT 5

6 1. Perché un Libro Bianco? Nell'ambito del progetto WIT, co-finanziato dal Programma Europeo PROGRESS , i partner provenienti da Italia, Lituania, Germania e Bulgaria hanno iniziato ed ampliato una riflessione sui loro sistemi di welfare nazionale, sulle professioni sociali esistenti, su consolidate ed emergenti politiche sociali e competenze dei professionisti nel campo del welfare nei quattro paesi europei. Questo Libro Bianco ha lo scopo di fornire un quadro complessito di tutti i principali risultati e conclusioni del progetto, secondo una visione condivisa dei tre pilastri tematici che conducono l'analisi dei partner WIT, sul miglioramento delle competenze dei professionisti del sociale. La prima sezione è dedicata ad approfondire l'identità, le qualità e le funzioni dei professionisti del lavoro sociale; mostra le principali conclusioni raggiunte nel corso degli eventi e delle attività del progetto, analizzando l identità dei professionisti del lavoro sociale, le loro qualità personali, e il loro ruolo chiave nel processo decisionale. Un ulteriore attenzione è stata dedicata agli operatori sociali come professionisti trascurati e le loro competenze di empowerment, esistenti o emergenti, con riferimento a diversi tipi di gruppi vulnerabili (bambini abbandonati, ragazzi traumatizzati, anziani, persone che affrontano diversi tipi di discriminazione, donne che hanno avuto esperienza di violenza di genere o vittime di tratta di esseri umani, pazienti in percorsi di recupero da malattie mentali, giovani disabili). La seconda sezione tematica affronta il tema delle competenze ed abilità emergenti, con l'intento di esaminare le potenzialità della miscelazione di competenze (nuove, rinnovate e /o prese in prestito da altri settori), ed applicate alle nuove esigenze sociali. Da un lato la specificità data dalla necessità di un istruzione altamente specializzata e le esigenza di specifici target group e/o metodi acquisiscono una sempre maggiore rilevanza per i professionisti del settore. Dall altro, è riconosciuto come le competenze trasversali e generali facilitino la cooperazione tra i diversi profili, fornendo un terreno condiviso di intervento. La terza sezione è stata infine orientata a riflettere sul tema di schemi innovativi di formazione, soprattutto identificando nuovi modelli di formazione che possano avere una funziona ispiratoria, e che sono già sperimentati nei paesi partner. Essi si riferiscono in particolare a modelli di formazione professionale che si concentrano su professioni trasversali dei servizi sociali, come ad esempio operatori che lavorano per "scopi sociali", ma in "contesti sociali" non convenzionali. Un contributo interessante della Provincia di Milano è stato su questi due temi: "Un modello innovativo di formazione sperimentata sulla complessa questione dell autismo" e "Conduzione di gruppi di supporto gruppi di sostegno e/o mutuo aiuto rivolto a caregivers di anziani e non solo". Ogni sezione è stata arricchita da trattazioni tematiche sintetiche, evidenziando i contributi specifici dei partner WIT, soprattutto concentrandosi su elementi nazionali emersi durante il dibattito nel corso degli eventi del progetto. Le attività e i principali risultati di WIT intendono supportare le scelte dei decisori politici in materia di istruzione e formazione, per sviluppare nuove competenze necessarie ai professionisti del sociale che si occupano di gruppi vulnerabili, e quindi, su scala più vasta, a migliorare la qualità dei servizi forniti ai cittadini, anche attraverso un rafforzamento delle collaborazioni pubblico-private. In questo senso, i partner WIT si sono impegnati a sostenere istituzioni della formazione e dello sviluppo, università e centri di ricerca delle regioni interessate. Inoltre, WIT mira a sostenere l'innovazione nei modelli organizzativi e a ridurre al minimo il deficit informativo sugli attuali ed emergenti requisiti delle competenze del professionisti del settore sociale. 6

7 2. I risultati del progetto WIT L Analisi di Benchmarking Partendo dall'osservazione delle realtà nazionali l'analisi ha illustrato come, in tutti i quattro paesi europei coinvolti, i sistemi e le comunità di welfare attraversano una fase di ri-formulazione del modo in cui i sistemi di assistenza sociale sono stati finora organizzati e gestiti. È una tendenza evidente dimostrata dall'affermazione di profili professionali sempre più trasversali, che risponde alla crescente domanda di professionisti in campo sociale in grado di affrontare le nuove sfide della società, e dare risposte sempre più personalizzate ai bisogni. È una tendenza che riguarda tutta l Europa: vi è un aumento del numero di persone richieste per posizioni lavorative di assistenza sociale, quali operatori e assistenti personali. C'è ancora una domanda di operatori sociali con esperienza nel breve termine. La richiesta di operatori sociali che lavorano con i bambini non sembra diminuire e la domanda di professionisti con esperienza rimane costante. I programmi per assistenti sociali riconosciuti specializzati in servizi rivolti ad adulti e bambini sono meno richiesti rispetto ad assistenti sociali con esperienza. Lo sviluppo di questo tipo di programmi ha contribuito a migliorare il livello di competenza della forza lavoro; tuttavia è possibile che ci sia un eccesso di offerta degli stessi. È importante ricordare che nonostante il possesso di un recente titolo di qualifica, non tutti gli operatori sociali sono destinati a trovare un posto di lavoro. È consigliabile prestare una rilevante attenzione allo sviluppo professionale continuo per avere opportunità di acquisire esperienza e sviluppare competenze. I programmi formativi mirano a fornire ai nuovi operatori sociali una solida formazione on-the-job per alleviare le lacune di esperienza attualmente segnalati dai datori di lavoro. Il passaggio dal sostegno residenziale a quello su piccola scala e offrendo supporto nella comunità ha avuto un impatto sulle competenze necessarie. La deistituzionalizzazione è considerata fra i principali fattori di cambiamento del settore dei servizi sociali di interesse generale. Aubry et al. (2005) 2 fanno una distinzione tra le competenze necessarie prima di iniziare il lavoro e le competenze da imparare sul posto di lavoro. A loro avviso, i lavoratori nelle comunità di sostegno dovrebbero acquisire alcuni valori, attitudini, caratteristiche personali ed alcune competenze pratiche prima di iniziare il lavoro, ma la maggior parte di queste si imparano sul lavoro (vedi tabella 1). La vasta gamma di competenze riflette la complessità del sostegno in comunità attualment. 2 Source: Aubry et al., 2005, Although the model of Aubry describes the generic competences for community support providers working with people with psychiatric disabilities, most of the identified competences are generic for all community support workers in the health and social sector. 7

8 Le Migliori Pratiche identificate da WIT Il progetto WIT ha avuto tra i suoi obiettivi specifici quello di capitalizzare e diffondere le buone pratiche sul rafforzamento di rinnovate competenze per i professionisti del sociale, che i partner del progetto hanno identificato interagendo con le rispettive sfere pubbliche locali, gli ambienti di formazione accademica più elevata, i centri di formazione professionale e le agenzie di sviluppo territoriale. I partner hanno raccolto e valutato le buone pratiche individuate attraverso un sistema online peer-to-peer attivato sul sito di progetto, seguendo criteri di innovazione e trasferibilità, ed applicando un approccio olistico per superare i confini settoriali e valutare l'impatto di queste pratiche sulle condizioni di vita e di lavoro in Europa, e scoprire così quali hanno un potenziale di replicabilità. L'identificazione delle pratiche è stata realizzata sulla base di un insieme di criteri di riferimento: 1. Nuove ed emergenti esigenze della società/nuovi gruppi vulnerabili; 2. Credibilità dell'organizzazione; 3. Rafforzamento di competenze formali e non formali; 4. Aspetti innovativi (metodologie e strumenti utilizzati); 5. Sostenibilità dopo la sua prima implementazione; 6. Trasferibilità (a livello transnazionale e intersettoriale) e benefici derivati; 7. Risultati e/o l'impatto della pratica sperimentato principali; 8. Soddisfazione degli utenti finali. Considerando tali criteri e tenendo conto degli obiettivi della strategia Europa 2020, i partner WIT ritengono che le buone pratiche individuate possono contribuire a mettere in evidenza il ruolo dell'innovazione sociale per stimolare la condivisione di competenze rinnovate per gli operatori sociali, per incoraggiare una migliore gestione dell'organizzazione dei servizi sociali ed aumentare la qualità della vita dei beneficiari/clienti ed il loro livello di soddisfazione. Inoltre la selezione delle pratiche è stata fatta anche tenendo in debita considerazione il carattere di innovazione sociale, considerata nei termini di un intervento basato sull evidenza: l innovazione può consistere nell'applicare idee già esistenti in nuovi contesti, superando i confini settoriali, o nel combinare idee esistenti in modi nuovi. La Biblioteca Virtuale WIT La Biblioteca Virtuale WIT serve a raccogliere e classificare una serie di documenti pertinenti sui temi del progetto, raccolti dai partner. 8

9 Più di 50 documenti appartenenti a diverse tipologie (articolo, relazione, buone pratiche, analisi, guide, casi di studio, documenti legale, brochure, presentazioni, podcast) sono disponibili facilmente consultabili in biblioteca. Ognuno di loro è stato catalogato e messo in relazione all'interno di una "rete" di documenti connessi, scaricabili e di facile lettura. Alla base della catalogazione dei documenti si sono cinque principali categorie (competenze, modelli politici, standard di servizi di qualità, modelli organizzativi e migliori pratiche) e diversi temi prevalenti di riferimento: minori, disabili, immigrati, anziani, famiglia, inclusione, impresa sociale, temi psico-sociali, studenti, società civile, innovazione sociale, formazione professionale, giovani, società della conoscenza, discriminazione di genere ed abusi. I documenti sono stati per lo più forniti in inglese o nelle lingue dei paesi partner. Il sistema WIT GIS Il WIT GIS è stato concepito come un sistema infografico in grado di identificare alcune le risorse che a livello europeo supportano il miglioramento delle competenze per i professionisti dei servizi sociali, con un focus particolare sui 4 paesi partner (Italia, Bulgaria, Germania e Lituania). In più, grazie alla facile lettura dei dati rilevati, il sistema informatico aiuterà a raggiungere l obiettivo di una migliore corrispondenza tra l'offerta dei servizi sociali e la domanda di supporto sociale, consentendo ai professionisti del lavoro sociale (laureati o con diversi livelli di formazione professionale) di acquisire una migliore comprensione degli strumenti territoriali a loro disposizione. 9

10 Le risorse identificate appartengono a 5 categorie principali: 1. biblioteche; 2. centri di ricerca e di formazione; 3. università con programmi e corsi per la gamma di servizi sociali; 4. Associazioni di professionisti e centri di servizi; 5. buone pratiche registrate. Sono state raccolte più di 180 schede, che riportano la descrizione delle principali attività svolte nei "luoghi" riconosciuti come centri di sviluppo di competenze formali, informali e non formali per facilitare la valorizzazione della professione sociale. Il WIT GIS supporterà inoltre i decisori politici e gli attori chiave sul campo ad interpretare i dati in modo globale per rinforzare il dibattito sullo sviluppo di nuove competenze per i professionisti del servizio sociale nel 21 secolo. La WIT Community Un altro risultato importante del progetto WIT è stata la realizzazione della comunità WIT, che ha permesso di creare uno spazio user-friendly e dinamico di relazioni e scambi tra esperti, professionisti e colleghi nel campo del welfare e dell'innovazione sociale, appartenenti ai paesi partner e provenienti anche dal resto d Europa. Si compone di 5 workshop tematici permanenti che continueranno ad essere uno spazio privilegiato per le discussioni e gli ulteriori scambi, a seguito del workshop tematici che si sono svolti nelle sedi dei paesi partner (a Milano, Vilnius e Sofia) sui seguenti argomenti: 1. imprenditorialità nei servizi sociali e forme di finanziamento innovativo; 2. Nuoci schemi di formazione formale e non formale; 3. valorizzazione dei profili professionali dotati di più competenze (multi-skilled); 4. strumenti di innovazione sociale; 5. miglioramento dei sistemi informativi. Considerando globalmente tutti i risultati di WIT, più di soggetti interessati sono stati coinvolti negli eventi - fisici e virtuali - del progetto, più di professionisti provenienti dai 4 paesi sono stati raggiunti attraverso le 6 newsletter, realizzate in inglese e nelle lingue dei paesi partner sugli eventi ed i risultati ottenuti; i workshop 10

11 online di WIT sono costantemente visitati ed in totale più di visualizzazioni sono state fino ad ora registrate. Sulla base dei 13 eventi transnazionali realizzati (2 Conferenze Internazionali, 5 workshop, 3 tavole rotonde e 3 seminari) e tenendo conto di tutti gli stakeholders raggiunti, i partner WIT intendono continuare a consolidare la loro collaborazione per attivare ulteriori misure congiunte, che rafforzino il ruolo dei servizi sociali e sanitari nel dialogo civile e nel processo decisionale locale, nazionale ed europeo. 11

12 PARTE B SFIDE E PROSPETTIVE PER LE COMPETENZE DEI PROFESSIONISTI DEL SETTORE SOCIALE 12

13 Sezione 1. IDENTITÀ, QUALITÀ E RUOLI DEI PROFESSIONISTI DEL SETTORE SOCIALE 13

14 1.1. Identità dei professionisti e qualità personali La caratteristica più peculiare del servizio sociale consiste probabilmente nella sua inscindibilità dall evolversi di un approccio solidaristico del welfare e, quindi, dalle forme attraverso cui tale solidarietà si concretizza. In questo senso, i mutamenti in atto nei sistemi di welfare hanno un impatto diretto e profondo sulla professione dell assistente sociale. Nel corso del dibattito alimentato dalle conferenze, dai seminari e dalle tavole rotonde del progetto WIT, i partner ed i gruppi target partecipanti hanno avuto l'opportunità di indagare sul tema dell empowerment e dell'identità dei professionisti del settore sociale nel 21 secolo. "Cosa spinge a ragionare sulla scelta del lavoro sociale come professione? Quali sono i valori condivisi dagli assistenti sociali? Quali fra le qualità personali portano a lavorare a stretto contatto con altre persone? In che modo i cambiamenti in corso stanno interessando il rimodellamento della professione? sono alcune delle domande che sono state poste alla base della riflessione di WIT sui professionisti del sociale. Ciò che è emerso dai dibattiti di WIT è il fatto che si intraprendono professioni di aiuto come il lavoro nel settore sociale per molte ragioni diverse: è risultato ad esempio come alcuni professionisti siano guidati da una preoccupazione disinteressata per gli altri, altri sono spinti da un desiderio di contribuire a migliorare la condizione umana promuovendo la giustizia sociale. Un altro motivo può essere rintracciato nella necessità di ricambiare l'aiuto che essi stessi hanno ricevuto. Spesso, i lavoratori del sociale descrivono se stessi come "aiutanti" professionisti, in grado di supportare gli altri nell affrontare problemi, in condizioni di crisi, nel ricercare i risorse, fornire un supporto, e facilitare risposte sociali ai bisogni. In qualità di professionisti, nella maggior parte dei casi essi sono in possesso di una laurea che certifica un'adeguata base di conoscenze, hanno sviluppato le necessarie competenze, e aderiscono ai valori e all etica della professione sociale. I tecnici del lavoro sociale condividono orientamenti simili verso i valori. Hanno una considerazione positiva degli altri e dimostrano una genuina preoccupazione per il benessere altrui. L'altruismo, o una preoccupazione disinteressata per gli altri, dà vigore alla loro direzionalità verso l altro. Inoltre, i professionisti del settore sono dotati di un approccio ottimista circa il potenziale di cambiamento e sulla vita in generale, convinti che ea speranza realmente motivi i processi di cambiamento. Soprattutto, hanno una visione del futuro basata su un ideale di giustizia sociale. Un altra risultanza del dibattito stimolato dal progetto WIT è rintracciabile nel fatto che le qualità personali dei professionisti del sociale fanno la differenza nella capacità di lavorare con gli altri in modo efficace. Tra le qualità personali essenziali vi sono il calore, l'onestà, la genuinità, l'apertura, il coraggio, la speranza, l'umiltà, la preoccupazione, e la sensibilità. Queste qualità sono indispensabili per stabilire rapporti e costruire relazioni con i colleghi e con gli utenti. I lavoratori del sociale attribuiscono importanza alle collaborazioni lavorati sia con i loro pazienti che con i colleghi. La pratica del servizio sociale implica facilitare i cambiamenti, nel senso di lavorare con gli altri, non fare qualcosa a loro o per loro. Il professionista che 14

15 responsabilizza l altro sa apprezzare le differenze, mettere in risalto positivo la diversità, e valutare le persone per la loro unicità. Efficienti operatori del sociale sono affidabili, agiscono in modo responsabile, dimostrano solide capacità di giudizio, e rispondono delle loro azioni Il servizio sociale ed il suo potenziale di empowerment Il dibattito approfondito da WIT ha riconosciuto la capacità di empowerment che i professionisti del settore sociale hanno nei confronti degli utenti, come uno dei principali elementi nello sviluppo della professione analizzata. L empowerment implica una ferma convinzione di essere in grado di agire e di acquisire le risorse per aumentare quelle di un altro e trasmettere una speranza che completa i benefici derivanti dalle proprie risorse. La sensazione di essere efficace, competente e di avere potere e controllo sul corso della vita, il riconoscimento delle interconnessioni tra la sfera personale, interpersonale, organizzativa e di comunità, conducono ad un esperienza di responsabilizzazione unica. L empowerment prevede due fasi: un processo di acquisizione di responsabilizzazione ed uno stato finale di acquisita responsabilizzazione. Individui, famiglie e comunità responsabilizzate sviluppano lcapacità di accedere al potere personale, interpersonale e socio-politico 3. L empowerment si riferisce a stati mentali: il sentirsi utile e competente e/o percepire potenza e controllo; si riferisce inoltre ad una ridistribuzione di potere che risulta da una modifica delle strutture sociali 4. Implica anche l esercitare un controllo psicologico sugli affari personali, nonché influenzare il corso degli eventi in campo socio-politico. Sottolineando il mandato di giustizia sociale della professione, attraverso il quale i lavoratori del settore assumono un impegno di parte a lavorare con individui che sono privati di diritti civili o oppressi, i partner WIT riconoscono l'empowerment come strategia ed obiettivo per i professionisti del sociale nel lavoro con i gruppi vulnerabili (a causa di razza, età, etnia, genere, disabilità o orientamento sessuale). Come già affermato da Lee, i partner di WIT hanno riconosciuto che l empowerment della pratica significa aiutare gli utenti ad accedere a dare energia a se stessi, nel proprio io e verso gli altri, e negli ambienti sociali, economici e politici" Implicazioni per la professione I valori della professione sociale rinforzano la base di empowerment della pratica professionale. Il lavoro sociale adotta un punto di vista per cui gli esseri umani sono "organismi atti allo sforzo, attivi, in grado di organizzare la loro vita e le loro potenzialità di sviluppo a condizione che abbiano adeguati supporti ambientali" 6. Si 3 Gutiérrez, 1990, 1994; Parsons, Swift, Lee, 2001, p Maluccio, 1983, p

16 noti come questa visione enfatizza la capacità degli umani di adattamento e di cogliere le opportunità di crescita nell intero ciclo di vita. Questo punto di vista si connette con lo scopo del lavoro sociale inteso come un modo di liberare la potenza umana e sociale di sostenere lo sviluppo di competenze personali, interpersonali, e strutturali. Le persone raggiungono l'empowerment attraverso esperienze abilitanti. Tuttavia, ciò che è stato consolidato da WIT è che gli operatori del settore sociale non dispongono di un manuale d uso su come attivare il processo di empowerment degli utenti, né hanno a disposizione una ricetta con l esatta combinazione degli ingredienti che consentono l'empowerment; inoltre i processi di empowerment sono molteplici e multidimensionali 7. È stato osservato che il processo che porta all empowerment è altamente personalizzato e non replicabile ed implica che utenti e professionisti generino soluzioni su misura, in base alle dinamiche di ogni situazione. Vi sono, tuttavia, elementi comuni che caratterizzano questi processi: Concentrarsi sui punti di forza: un atteggiamento orientato a valorizzare punti di forza e competenze è in contrasto con la tendenza a concentrarsi sui deficit e sul funzionamento disadattivo 8. Al contrario, la letteratura professionale abbonda di informazioni su problemi funzionali, disadattamento, vittimizzazione ed impotenza. Il processo di supporto non facilita il cambiamento quando si descrivono i problemi in termini di deficit, incompetenza o disadattamento negli utenti; quando gli esperti si limitano alla sola definizione dei problemi; o quando gli operatori delineano piani di azione come un modo per superare le carenze degli utenti. Concentrandosi sui punti di forza significa considerare la natura multidimensionale delle risorse personali ed ambientali 9. Certo, gli esperti del settore devono tenere conto delle dinamiche di vittimizzazione e di impotenza; tuttavia, caratterizzare gli utenti come poveri, bisognosi, vittime incapaci che non riescono a trovare soluzioni ai loro problemi è controproducente per il cambiamento 10. Lavorare in modo collaborativo: gli operatori sociali orientati all empowerment lavorano in collaborazione con gli utenti. Essi si concentrano sui punti di forza e sulle capacità adattive degli utenti, nonché sulle loro competenze e potenzialità. Credere nel potenziale umano è centrale, poiché l'empowerment è legato alla nozione che gli individui hanno serbatoi non sfruttati ed indeterminabili di abilità mentali, fisiche, emotive, sociali e spirituali che possono essere espresse. La presenza di questa capacità per una crescita continua ed un intenso benessere comporta necessariamente di dover accordare alle persone il giusto rispetto e riconoscimento. 7 Rappaport, 1984, The strengths perspective supports a vision of knowledge, universally shared, creatively developed, and capable of enhancing individual and communal growth (Weick, 1992, p. 24). 9 Cowger & Snively, 2002; Miley, O Melia, & DuBois, 2013; Saleebey, Empowerment of clients and changing their victim status means giving up our position as benefactors (Pinderhughes, 1983, p. 337). 16

17 Riflettere criticamente sulle modalità strutturali: il lavoro sociale è una professione orientata ai diritti umani ed alla giustizia sociale. Rispondendo ai valori fondamentali della dignità umana e della giustizia sociale, gli operatori sociali che incorporano la riflessione critica nelle loro pratiche sono impegnati in un processo continuo di pensiero, azione e riflessione - un processo che raccoglie feedback per perfezionare prospettive ed azioni. Gli operatori sociali orientati all empowerment esaminano criticamente le modalità socio-politiche che delimitano l'accesso alle risorse ed alle opportunità. Collegare il potere personale e politico: l empowerment mette insieme due principali fonti di potere - potere personale e potere politico. Il primo riguarda la capacità di un individuo di controllare il proprio destino e di influenzare l'ambiente circostante. Il potere politico è l abilità di modificare i sistemi, ridistribuire le risorse, aprire strade di opportunità, e a livello generale contribuire a riorganizzare la società 11. Il processo di pratica clinica del servizio sociale fornisce il contesto per responsabilizzare i singoli, le famiglie, ed altri sistemi umani, aumentando la loro competenza sociale. Partecipare alla pratica politica, formulare proposte di politica sociale, è una strada per l'esercizio del potere politico per un cambiamento sociale costruttivo. La pratica dell assistenza sociale clinica fornisce il contesto per rafforzare il potere di individui, famiglie ed altri sistemi umani, aumentando il livello delle loro competenze sociali. Il processo di partecipazione nella pratica politica, la formulazione di proposte, sono opportunità di esercitare potere per un cambiamento sociale costruttivo. L'integrazione della pratica clinica e di quella politica crea un effetto sinergico dinamico per la promozione di un funzionamento adattivo e per lo sviluppo di condizioni sociali giuste. L empowerment per la crescita personale e familiare favorisce l'autosufficienza, mentre l empowerment per il progresso sociale ed economico riduce l anonimato e l alienazione 12. In sostanza, l'obiettivo del lavoro sociale orientato all empowerment non è solo l adattamento ai problemi; piuttosto l empowerment richiede ed implica un cambiamento sistemico Professionisti del sociale come attori chiave del processo di policymaking Di fronte ai cambiamenti in corso - questa è l'assunto di base - è essenziale che l assistenza sociale affronti in modo più sistematico le questioni attuali di politica sociale, al fine di migliorare la comprensione del quadro di politica sociale di riferimento e sviluppare la capacità di affrontare le sfide risultanti, dallo specifico punto di vista della professione. Questo è di importanza centrale ad un duplice livello: da un lato al fine di sviluppare una professionalità in grado di affrontare le 11 Lee, Hartman,

18 mutate condizioni; dall'altro, per poter partecipare, attraverso un dialogo interdisciplinare, ai processi di costruzione delle politiche. In prima linea nei processi che attuano le politiche, i professionisti del sociale dovrebbero essere considerati parte della comunità dei decisori politici, in quanto direttamente coinvolti nell esperienza di street-level, come parte integrante della costruzione delle politiche sociali dal basso. Per quanto riguarda l'identità della professione in Italia, la ricerca di Facchini e colleghi 13 mette in evidenza che, pur nella diversità dei luoghi di lavoro e dei percorsi, una sostanziale uniformità di modelli, di valori e di identità, riconoscibili nella vocazione alla relazione di aiuto e nella centralità della relazione con l utente, sono ancora valori portanti per la professione Professionisti trascurati e supporto organizzativo Come già rivelato da una ricerca condotta da Birutė Švedaitė-Sakalauskė, Lijana Gvaldaitė e Jolita Buzaitytė-Kašalynienė 14, il fenomeno dei "professionisti del sociale trascurati" viene vissuto dai lavoratori del settore che si trovano ad affrontare richieste ingiustificate, inopportune, non fondate, che non corrispondono all'essenza dell attività professionale. È stato evidenziato che le strategie per affrontare il fenomeno di una "professione trascurata" sono ugualmente determinate dalla personalità dell assistente sociale e dalle specifiche condizioni contestuali in cui l'assistente sociale si trova ad operare. Le organizzazioni che creano ambienti di sviluppo professionale favorevoli ed incoraggianti, innescano ulteriori possibilità di diverse strategie di qualità per affrontare il fenomeno da confrontare con organizzazioni/ambienti di sviluppo professionale non-supportivi, non incoraggianti e persino turbativi. Queste considerazioni sono state approfondite durante gli eventi WIT a Vilnius, dove è stato affrontato l importante tema del rapporto tra lavoratori del campo sociale e supporto organizzativo. Per supporto organizzativo si intende il supporto vissuto dal dipendente, ad un livello per cui i dipendenti credono che la loro organizzazione attribuisca valora ai loro contributi e si preoccupi del loro benessere 15. La teoria del supporto organizzativo afferma che i dipendenti ritengono senza dubbio che l'organizzazione possa avere un generale atteggiamento positivo o negativo nei loro confronti, che comprende il riconoscimento del loro contributo e la cura per il loro benessere 16. Il supporto organizzativo ha un impatto positivo sul comportamento del dipendente verso il lavoro, sulla fedeltà del dipendente, nonché sui risultati lavorativi. Inoltre, la ricerca sul supporto organizzativo aiuta a valutare le funzionalità di 13 Facchini, C. (2010) (a cura di): Tra impegno e professione. Gli assistenti sociali come soggetti del welfare. Bologna. In: Facchini, C. (a cura di): Tra impegno e professione. Gli assistenti sociali come soggetti del welfare. Bologna, DISREGARDED PROFESSIONALS : SOCIAL WORKERS AND THEIR POWER, Birutė Švedaitė-Sakalauskė, Lijana Gvaldaitė, Jolita Buzaitytė-Kašalynienė 15 Eisenberger, Huntington, Hutchison, Sowa,1986, Eisenberger, Stinglhamber, Vandenberghe, Sucharski, Rhoades, 2002,

19 gestione e la qualità dell'organizzazione, in modo da suggerire le nuove o migliorate capacità di gestione che si rendono necessarie Il Manager sociale, ieri, oggi (e domani) Susanna Galli (Manager del progetto WIT, Provincia di Milano), Mauro Tomè (Ariele Associazione Italiana di Psicosocioanalisi) La managerialità dei servizi e il manager sociale sono temi sempre più rilevanti e al centro dell attenzione di ricercatori ed istituzioni del welfare. In Italia, l attenzione a questi ruoli è emersa negli anni 90, con le riforme del SSN e dell assistenza, per poi accelerarsi decisamente all inizio del secolo, in seguito soprattutto all approvazione della L. 328/00. Il manager sociale si preoccupa di assicurare il funzionamento dei servizi sociali e socio-sanitari o di parte di essi in relazione al contesto di appartenenza organizzativo e territoriale, attraverso attività di propri colleghi o collaboratori o soggetti esterni. Attivo nel settore pubblico e privato (in Comuni, Aziende Sanitarie, Aziende Sociali, nell area della cooperazione sociale, dell impresa sociale e del volontariato), si riconosce per l espressione soprattutto di alcune competenze: coordinare collaboratori, motivando e dando feedback; gestire risorse economiche; condurre progetti, esprimendo capacità decisionali e mediazione dei conflitti; collaborare con strutture e servizi diversi; leggere e comprendere le risorse del territorio in cui opera. Negli ultimi anni in seguito ad una crescente contrazione delle risorse disponibili e la necessità di trovarne di nuove, ad graduale passaggio cambiamento nei servizi offerti 17 e ad uno spostamento, in generale, delle criticità della leadership da linee verticali a assi orizzontali 18, sorge spontaneo chiedersi come sia cambiato il manager sociale e se siano emerse nuove qualità e competenze. Si è cercato di trovare delle risposte a tale domanda all interno del progetto WIT, conducendo una ricerca-intervento con il coinvolgimento di alcuni manager sociali e la somministrazione di un questionario a una popolazione manageriale più ampia. A parziale conclusione dell indagine ci sentiamo di sintetizzare soprattutto tre punti. Innanzi tutto emerge una conferma sull esistenza di tale figura. Una considerazione non banale se si pensa che fino a poco fa anche solo la denominazione, manager sociale, creava riserve perché accostata con disagio al manager d azienda. La crisi non ha resettato il profilo - come invece talora può capitare - ma, anzi, ha pronunciato con maggior evidenza e convinzione la sua esistenza. 17 Da servizi di tipo prestazionale e/o di rete, finalizzati a erogare prestazioni professionali in quadro articolato a servizi di legame, orientati a integrare e mettere insieme risorse, competenze, opportunità. 18 È cioè necessario sia gestire adeguatamente i rapporti con propri capi e collaboratori, sia governare le relazioni con gli altri soggetti nel territorio 19

20 In secondo luogo è emersa una maggiore attenzione alla dimensione del compito operativo. Sembra emergere una maggiore preoccupazione, rispetto al passato, per tutte quelle attività e relative capacità volte più a favorire la dimensione operativa: pianificare, leggere i dati, progettare, gestire problemi, recuperare risorse economiche, ecc. D altro canto c è una tendenza a dare per scontate le competenze più centrate sulla relazione, che non costituiscono più una novità da curare. In terzo luogo stanno emergendo delle diversità interne di comportamento ed orientamento. Nell ultimo periodo, da un lato il manager sociale impegnato in ambito pubblico manifesta interesse e capacità soprattutto volte a comprendere la complessità crescente, il quadro normativo articolato, la composizione delle diverse opzioni; dall altro quello attivo nel privato e nel privato sociale è più attento sia alla dimensione economico-gestionale sia a valutare l esito del proprio operato rispetto al compito. Si tratta di tendenze che, connesse a tracce più leggere, aprono una serie di riflessioni e di ipotesi, anche di prospettiva, sicuramente da approfondire. In particolare due ci sembra interessante sottoporre. a) forse si stanno delineando due profili diversi sebbene entrambi manageriali. Il primo, attivo nel pubblico (enti locali, aziende sociali e sanitarie, ecc.), ha la necessità primaria di leggere la complessità crescente del sociale e delle istituzioni per orientare lo sforzo in risposta ai bisogni. Il secondo, impegnato nel privato (cooperative sociali, fondazioni di servizi, società private, ecc.), sente molto la pressione del compito e dell utenza ma è anche preoccupato dagli aspetti economici e di budgetting. È ora di battezzare due nuovi profili o si tratta di una situazione contingente? Ci sono ancora pochi elementi utili a dare una risposta; ciò nonostante siamo certi che si sta sviluppando una situazione che può aprire nuovi scenari e anche conflitti all interno del sistema. b) la seconda è una tendenza comportamentale: sembra esserci una (ri)scoperta della dimensione del mestiere. La situazione di cambiamento continuo e di incertezza richiama comportamenti professionali creativi ; occorre, cioè, trovare risposte innovative e convinte a problemi complessi in un sistema articolato, proprio perché non esistono soluzioni pre-confezionate e standardizzate. Questa situazione apre ad una prospettiva stimolante di maggiore responsabilzzazione, che riporta al centro il fine ultimo del proprio lavoro e la ricerca di tutto quanto utile per conseguirlo. Inoltre, nell'ambito delle finalità del progetto WIT, i risultati della ricerca-azione hanno permesso la progettazione di corsi specifici orientati alla gestione dei servizi sociali, già attivati dal Dipartimento delle Politiche Sociali della Provincia di Milano - Settore Formazione-, rivolti a numerosi professionisti del sociale chiamati ad assumere posizioni di gestione e coordinamento (assistenti sanitari, coordinatori di servizi sociali, direttori, i profili amministrativi, psicologi e sociologi). 20

E-Newsletter 5 Ottobre 2014. Co-finanziato da

E-Newsletter 5 Ottobre 2014. Co-finanziato da E-Newsletter 5 Ottobre 2014 Co-finanziato da E-Newsletter N. 5 Questo numero della newsletter di WIT intende introdurre brevemente alla piattaforma WITGIS e ad alcuni altri esempi di buone pratiche, che

Dettagli

E-Newsletter 1 Febbraio 2014

E-Newsletter 1 Febbraio 2014 E-Newsletter 1 Febbraio 2014 Co-Finanziato da Il progetto Il progetto WIT intende ampliare e rafforzare le competenze e le conoscenze dei professionisti della cura sociale, attraverso un confronto aperto

Dettagli

PROGETTO WIT. Descrizione del progetto. Susanna Galli, Provincia di Milano. I partner: Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità

PROGETTO WIT. Descrizione del progetto. Susanna Galli, Provincia di Milano. I partner: Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità Settore Welfare, terzo settore, Sostegno fragilità e disabilità The European Commission as the Contracting Authority PROGETTO WIT WHITE TASK FORCE ON THE DEVELOPMENT OF SKILLS OF THE SOCIAL WELFARE PROFESSIONALS

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE Questo documento offre una sintesi del PON Inclusione 2014-2020 con particolare riferimento agli interventi previsti a favore degli immigrati. PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie Intelligenti

Dettagli

OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI

OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI - PER LA SENSIBILIZZAZIONE CONTRO LA VIOLENZA SUGLI ANZIANI - Basate sull articolo di Kathryn Roberts: Lungo la linea di divisione

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe DELIVERABLE n. 7.1 TRANSFERABILITY PLAN FOR LOCAL GOVERNMENTS ON ENERGY SAVING AND SUSTAINABLE

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

"L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto

L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto "L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto Rapporto finale (Sintesi) Partenariato educativo Grundtvig Introduzione Tra agosto 2010 e luglio

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

Riepilogo del progetto

Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto 1. Contesto e scopo della agenda strategica Le malattie neurodegenerative (MN) sono condizioni debilitanti e in gran parte incurabili, strettamente legate all'invecchiamento. Tra

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

Principali conclusioni

Principali conclusioni Principali conclusioni 1 1. Povertà ed esclusione sociale continuano ad essere i principali ostacoli al raggiungimento dell obiettivo Europa 2020 di crescita inclusiva A livello UE e nella maggior parte

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

Servizio sociale e politiche di community care

Servizio sociale e politiche di community care SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE DI COMMUNITY CARE 15 1 Servizio sociale e politiche di community care Nei servizi sociali britannici, le politiche sociali orientate all assistenza decentrata sul territorio,

Dettagli

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress.

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. Dalla teoria... La formazione, nel campo della riabilitazione

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale

Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni di politiche a livello europeo e territoriale 1 Dati Tecnici TITOLO: Health4Growth: Piano di implementazione territoriale e Raccomandazioni

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato

La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Introduzione La Carta di Bangkok per la Promozione della Salute in un Mondo Globalizzato Finalità La Carta di Bangkok definisce azioni e impegni necessari per agire sui determinanti di salute in un mondo

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza

Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Linee-Guida per l implementazione e la valutazione di una Campagna informativa sul corretto uso dei servizi di Emergenza-Urgenza Luigi Palestini Maria Augusta Nicoli Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment IAMA Consulting Via Hugo, 4 20123 Milano tel +39 02 72.25.31 Fax +39 02 86.46.38.09 info@iama.it

Dettagli

ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA)

ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA) Scheda informativa dell'impresa sociale ASSOCIAZIONE SEED (SVIZZERA) Fondata nel 2007 Forma legale Associazione Settore Fornitore di servizi per organizzazioni che operano nel sociale / sociale / cooperazione

Dettagli

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO

INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO INNOVARE IL PRESENTE PER GARANTIRE IL FUTURO La flessibilità è entrata a far parte, ormai da molti anni, degli strumenti di gestione delle risorse umane, quale irrinunciabile opportunità per poter rispondere

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

PERSONAS EDITORI. Indagine associativa qualitativa. M. Ravera User Experience Consultant 24.06.2015

PERSONAS EDITORI. Indagine associativa qualitativa. M. Ravera User Experience Consultant 24.06.2015 PERSONAS EDITORI Indagine associativa qualitativa M. Ravera User Experience Consultant 24.06.2015 2015 Assist S.p.A. ALL RIGHTS RESERVED. This document was prepared by Assist S.p.A. for the use of the

Dettagli

Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali

Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali 4/02/2015 Bruna Zani (Presidente della Scuola di Psicologia e di Scienze della Formazione Università di Bologna,

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 REGIONE TOSCANA Consiglio regionale Commissione Istituzionale per le Politiche dell Unione europea e gli Affari Internazionali Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 In questa edizione: Aiuti di Stato:

Dettagli

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Nel documento Linee di indirizzo per il riconoscimento della figura professionale del mediatore interculturale prodotto dal

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA

Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA Carta dei Servizi SERVIZI DI QUALITA Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di religione, di opinioni politiche, personali

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

SME INTEGRATION GUIDE. SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES SME SMALL and MEDIUM-SIZED ENTERPRISES INTEGRATION GUIDE IT With financial support from the European Union Sole responsibility lies with the author and the Commission is not responsible for any use that

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari?

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari? UNION EUROPEENNE DE L ARTISANAT ET DES PETITES ET MOYENNES ENTREPRISES EUROPÄISCHE UNION DES HANDWERKS UND DER KLEIN- UND MITTELBETRIEBE EUROPEAN ASSOCIATION OF CRAFT, SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali

Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Promuovere la salute e ridurre le iniquità di salute: L azione sui determinanti sociali Workshop e Know-how exchange OMS-Regioni Venezia, 21 giugno 2012 Questo workshop si inserisce nel contesto della

Dettagli

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO CREATIVO 2010-3558/001-001 2 Indice: Introduzione... 3 1. Panoramica... 3 2. Note

Dettagli