RELAZIONE PER COMMISSIONE NAZIONALE ESATTORIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PER COMMISSIONE NAZIONALE ESATTORIALI"

Transcript

1 RELAZIONE PER COMMISSIONE NAZIONALE ESATTORIALI La situazione generale politica del paese è assai difficile, come difficile è prevederne gli sviluppi: le incognite sono innumerevoli ma tutte hanno come comune denominatore la difficoltà palese della compagine governativa, il rischio (o l opportunità per alcuni), di elezioni in primavera; non sfugge a nessuno che potremmo trovarci senza governo e questo non sarebbe senza influenza sulle cose già decise, come il protocollo, come su quelle da decidere, la finanziaria, il rinnovo dei contratti, le iniziative confederali sul fisco e, perché no, ahimè, anche la nostra problematica sulla previdenza. Il cammino della Finanziaria appare problematico; le forze centrifughe presenti al Governo, in particolare la parte moderata, sfruttando i numeri risicati, gioca al ribasso sulla finanziaria stessa, ricattando continuamente a fronte di scelte che devono mantenersi moderate. Porre attenzione alle dichiarazioni di Draghi e ad una situazione economica, in particolare per il nostro paese, molto delicata. Il Governatore parla di livelli salariali bassi, i più bassi nella UE e dice che la leva salariale è preziosa per un rilancio dei consumi interni, come volano per l intera economia domestica. Certo le ricette che propone poi sono un misto di aziendalismo, flessibilità e salario discrezionale, ma tant è, importante, anche per i rinnovi contrattuali, è questo riferimento alla ripresa salariale. Si aggancia a questa anche la proposta sollevata da Epifani di avere meno fisco in busta paga con l obiettivo di varare un piano di cinque anni per aumentare i salari netti di cento euro. In questi mesi ha preso piede una diffusa critica al sistema partiti che però, partita da elementi di assoluta verità e innestandosi in una situazione di disagio diffuso per la percezione della lontananza dei partiti stessi ai problemi reali e quotidiani della gente, rischia di scivolare verso qualunquismo e disaffezione complessiva. Ancora una volta la grande voglia di partecipazione, di voler contare, di rimarcare il proprio protagonismo, dando luogo a grandi manifestazioni, dalla partecipazione al referendum sindacale, alle manifestazioni di Roma del 20 e del 26 del pubblico impiego hanno saputo invertire la rotta di questa deriva, ristabilendo, secondo me, le giuste direzioni della critica alla politica: democrazia, partecipazione diretta, protagonismo, ruolo fondamentale del movimento sindacale e più in generale delle lavoratrici e dei lavoratori; questi sono i messaggi lanciati da milioni di persone al nostro Governo, alle forze politiche, all intero paese. $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Usciamo come sindacato da una consultazione di grande importanza per civiltà e spessore democratico. Siamo stati attori di una vicenda sociale di grande rilievo, attori di una fase importante della vita del paese, di una straordinaria prova di democrazia, la prima dopo oltre un decennio dall ultima volta che si erano espressi i lavoratori su un accordo confederale. E, come ha detto Epifani nel direttivo del 22 ottobre, penso non sia esagerato che tutto questo potrebbe aver determinato l esaurirsi di quella spinta all antipolitica, al grilliamo, al qualunquismo sfrenato che ha segnato gli ultimi mesi della vita del paese. 1

2 Il sindacato si conferma ancora come luogo di riferimento per le lavoratrici ed i lavoratori di questo paese; come luogo di ricostruzione della partecipazione e del coinvolgimento decisionale; sponda opposta alla deriva innestata dalla crisi partitica e dalla sfiducia nelle istituzioni politiche di questo paese. Quanto accaduto in sede di scrittura del Protocollo del 23 luglio testimonia delle resistenze che ancora permangono in parti del Governo, nonostante si siano assunti impegni ben precisi con tutte le organizzazioni sindacali. Tutti ciò rappresenta un rischio politico che continuiamo ad avere davanti anche durante il dibattito parlamentare, il rischio che parti più o meno ampie del disegno di legge siano oggetto di tentativi di manomissione, magari con la pretesa di migliorare l accordo. Anzi, l ambiguità del Governo rimane proprio quando afferma che il dibattito parlamentare potrà portare a dei miglioramenti del testo sottoscritto con il sindacato, quando tutti sanno che gli equlibri politici e parlamentari oggi non portano ad una maggior affermazione delle istanze delle forze di sinistra, ma semmai il contrario. Esiste nella compagine governativa quella corrente di pensiero ben rappresentata che tende in ogni momento a ridimensionare la portata delle acquisizioni sindacali, che continua a vedere nello Stato sociale uno dei capitoli dai quali drenare risorse, che vede nel risparmio e nel recupero di risorse, nonostante gli impegni presi, un occasione per ridimensionare il ruolo del sindacato e il valore delle sue intese. Su questo terreno va di pari passo anche l iniziativa della Confindustria, di elargire come anticipi del futuro CCNL, quote di salario. Si badi che questo avviene accompagnato dalle dichiarazioni di Montezemolo circa l inadeguatezza e la perdita di tempo delle trattative nazionali: un modo per delegittimare anche in questo caso la valenza del CCNL. Nelle sue conclusioni ai lavori del Direttivo Nazionale, Epifani ha introdotto un percorso di discussione nelle strutture categoriali e territoriali della durata di circa due mesi (da qui anche uno spostamento corrispondente della Conferenza d Organizzazione) utile a verificare se le condizioni che sono state alla base delle scelte congressuali unitarie sono ancora in essere oppure è venuta meno la condivisione politica di quell intesa unitaria a partire da un dibattito franco e sereno sui giudizi di questa fase che hanno portato alla sottoscrizione del Protocollo non per rimetterne assolutamente in discussione il merito ma per aprire un confronto sui metodi di approccio che ci sono stati e sui comportamenti con i quali il dissenso si è articolato. Sarà un percorso di verifica che ci servirà anche come ulteriore occasione per discutere, lubrificare, attivare i meccanismi democratici interni, oltre che a riconfermare, io mi auspico, la coesione e l unità emersi dal congresso. In tal senso anche la nostra categoria si troverà a discutere di questi argomenti nel Direttivo Nazionale convocato per il 19\20 novembre a Rimini. Il settore della riscossione Con Equitalia si è avviato il confronto che ha portato alla definizione dell accordo quadro sulle uscite incentivate e l utilizzo del Fondo e che continua sulle agevolazioni creditizie e sull intervento in materia di assistenza sanitaria. Tutto questo non in modo agevole, tutt altro: esso è stato complicato sia dai continui tentennamenti della controparte ma anche da un tavolo sindacale spesso confuso, velleitario, dove, a posizioni non discusse e poco coerenti con l esigenze di trattativa, si contrapponevano, a volte ed in modo inspiegabile, radicalismi che costringevano il tavolo stesso a continui ritorni sugli argomenti e sulle posizioni precedentemente assunte. La nostra delegazione di sigla, in questa situazione, ha svolto un ruolo di cerniera, prezioso e continuo, non cedendo ad impulsi di rottura ma, ribadendo con determinazione i contenuti più avanzati del negoziato, cercando sempre poi la ricucitura, con grande pazienza e tenacia. 2

3 Ciò ha permesso il raggiungimento, se pur con un supplemento ulteriore di trattativa, dell intesaquadro sulle uscite incentivate. Un accordo che permette alle nostre situazioni aziendali, in un quadro di garanzie di trattamento per tutti uniforme rispetto agli incentivi ed ai tempi, di poter intavolare, in sede aziendale la definizione delle intese necessarie per attivare il Fondo stesso, con una particolare attenzione alla tematica delle assunzioni, degli organici, della mobilità territoriale, del mantenimento della professionalità. Quindi un accordo positivo che certamente non da piena autonomia alle situazioni aziendali di stabilire cifre e tempi, ma da un lato si raggiunge l obiettivo che il tavolo sindacale si era prefissato fin dall inizio: quello dell equità nella misura degli incentivi, raggiungendo le migliori condizioni per tutti le lavoratrici ed i lavoratori del settore e non creando, come successo precedentemente, condizioni di disparità e di ingiustizia palesi e conclamate. Nel contempo riconosce, per il raggiungimento degli accordi aziendali, un tempo congruo di trattativa (in pratica fino al 31\12\2008) che permette la predisposizione di intese supplementari, in particolare sul mantenimento degli organici. Si è quindi avviato il confronto sulle agevolazioni creditizie e sulla polizza sanitaria, confronto che sembra trovare le strade giuste per una intesa positiva e soddisfacente. L ultimo incontro con Equitalia si è svolto il 30 ottobre scorso, al termine di una intersindacale alla quale hanno partecipato anche esperti di compagnie assicurative specializzate nel ramo sanitario e brokers, su invito di oo.ss. (Gerardo Gerardi per falcri è anche presidente CASDIC -, Alfredo Gaeta per DKW salute (fiba), Maciocco Willis per fabi, Lambertini Luca per fisac Unisalute -). In merito all ASSISTENZA SANITARIA, le prestazioni da richiedere sono state definite, in linea di massima, seppure siano da perfezionare, nella logica di ottenere prestazioni effettivamente esigibili, particolarmente riguardo a prestazioni odontoiatriche base. Rispetto alle problematiche più generali: - almeno in questa fase iniziale non è possibile partire con una cassa specifica di settore, per problemi di tempi e di costi complessivi, ma le oo.ss. hanno già ottenuto l assenso circa una commissione bilaterale che monitori, nel corso del primo periodo di due o tre anni, l andamento del contratto di polizza sanitaria che si andrà a definire, e nel contempo lavori per costruire una cassa di settore; - controparte ha un suo consulente assicurativo o broker: abbiamo chiesto che venga pagato a piè di lista, e non vengano invece posti a carico della compagnia assicuratrice i costi delle sue provvigioni, perche in tale caso detti costi inciderebbero e graverebbero direttamente sulle prestazioni; - il percorso di costruzione dell assistenza sanitaria del settore prevede, per scelta di controparte, una gara pubblica: le oo.ss. hanno ottenuto di costituire una commissione che, in breve tempo, dovrà definire congiuntamente il capitolato e le condizioni per l appalto (formalmente bando e gara sono a carico, e pertanto definiti dall azienda); - il costo del pacchetto di prestazioni sul quale ci si è confrontati è orientativamente individuato in 800 euro, dei quali, al momento attuale della trattativa, 700 a carico Holding e 100 a carico lavoratori (ma riteniamo non sia impossibile pervenire al risultato di 800 a carico di controparte). E probabile che una proposta che contenga un offerta base presentabile comporti un costo di 1000, dei quali 200 potrebbero essere posti a carico dei lavoratori. In una logica di prestazioni di qualità, sarà possibile prevedere un pacchetto di proposta aggiuntivo, ad opzione e con un minimo di adesione; 3

4 - l onere individuato copre il personale in servizio ed il nucleo dei conviventi fiscalmente a carico; sono previsti premi di favore per i conviventi (da stato di famiglia) non fiscalmente a carico. AGEVOLAZIONI CREDITIZIE: le proposte migliori pervenute sono quelle di Unicredit/Capitalia e Banco Popolare. Su proposta di controparte si è deciso di fare la convenzione con entrambe. Le oo.ss. hanno posto il problema della necessità di prevedere, per i finanziamenti accesi, la garanzia di potere continuare a godere delle condizioni attuali. Sui mutui controparte è disponibile ad una retrocessione del 1,5% Nulla, al momento, rispetto alle condizioni definite dalle banche per prestiti personali e scoperti ci c/c. E avviato il confronto, ma non di probabile esito positivo, rispetto ad alcune ipotesi di prestito d onore. ASSUNZIONI: è stato chiesto un tavolo di confronto. Il prossimo incontro è fissati il 14 prossimo, e sarà preceduto da una riunione unitaria che si svolgerà il pomeriggio del giorno precedente PREVIDENZA DI SETTORE: E da rilevare negativamente che resta purtroppo ancora in sospeso tutta la partita legata alla Previdenza complementare dove, come scritto anche nel comunicato unitario, la sua definizione non richiede una volontà positiva solo tra le parti (dove peraltro con l accordo del 4 aprile le OO.SS. del settore ed Equitalia hanno convenuto di proseguire anche per i nuovi assunti il versamento dei contributi al Fondo di previdenza del settore con le modalità e le misure attualmente in essere, individuando anche un percorso condiviso finalizzato alla creazione di una previdenza integrativa di settore) ma anche e in particolare dall Inps e dai Ministeri del Lavoro e dell Economia, oltre che dal Parlamento Italiano che in tal senso dovrà legiferare per modificare l attuale norma che disciplina il Fondo Nazionale di Previdenza. Voi capite bene come il destino di questo Governo sia piuttosto importante anche per i tempi di definizione di questa partita, onde evitare che, come al gioco dell Oca, si sia costretti tutte le volte a tornare da capo; si sono svolti incontri con i vertici dell Inps e con responsabili della Previdenza del Ministero del Lavoro lo scorso 16 luglio e il 20 settembre dove è sembrato che queste parti in causa si siano convinte ad avviare un confronto tecnico vero con il sindacato; gli sforzi finora prodotti sono stati grandi, anche perché quando si ha a che fare con i Ministeri, con l Inps e con le varie Commissioni Parlamentari, anche organizzare una semplice riunione diventa fatica improba; se poi si deve anche entrare nel merito e far capire l assurdità di certe scelte, l importanza quindi delle decisioni da assumere e la relativa urgenza delle stesse, la fatica si triplica. Rimandando ad approfondimenti ulteriori nel corso della riunione stessa concludo rispetto alla Previdenza, sottolineando l importanza decisiva di una scelta operata dalle Segreterie Nazionali: esse, al fine di avviare un vero confronto di merito, hanno preannunciato, e presto verrà ufficializzata, una iniziativa forte di tutta la categoria: sciopero e manifestazione nazionale, davanti al Ministero dell Economia, in occasione della prossima scadenza ICI di dicembre. E comunque evidente, e la decisione assunta in sede unitaria mi sembra ormai, oltre che significativa assolutamente indispensabile, che, se non si scorgono in materia elementi di concreto movimento e di fattiva iniziativa da parte degli Enti e dei Ministeri interessati, sia nella Finanziaria o in allegati ad essa e comunque con segnali precisi di mutamento dell attuale situazione di stallo, la categoria dovrà mobilitarsi con forza e determinazione; da parte della Segreteria Nazionale della 4

5 Fisac, in una simile eventualità, si garantirà lo sforzo organizzativo onde assicurare una significativa presenza e per una piena riuscita della manifestazione. Passando agli argomenti aziendali, è importante che si avvii nelle aziende il confronto unitario per la determinazione delle piattaforme di rinnovo del CIA. Dobbiamo cercare di aprire diversi fronti di iniziativa onde diversificare su più tavoli la contrattazione e dare, nel suo insieme, maggior forza alle nostre rivendicazioni, evidentemente cercando di recuperare in azienda temi che magari a livello nazionale si stenta a portare a casa. E in questo modo, sviluppando iniziativa negoziale concreta che si difende anche l autonomia, l agibilità e la titolarità dei Coordinamenti Aziendali. Criticità aperte e trattative di fusione Sulle criticità, che peraltro non sono numerose, spicca senza dubbio quella di Etr sia da un punto di vista delle relazioni sindacali complessive con un azienda che pare proseguire in una vecchia politica poco rispettosa del tavolo negoziale, intenta a fare giochetti sui trasferimenti tentando di mettere le Organizzazioni sindacali una contro l altra, che sul piano dell unità sindacale, dove i rapporti tra le varie sigle restano profondamente critici. Nel merito sul primo problema delle relazioni sindacali un chiarimento con il coinvolgimento di Equitalia è alle porte, sul secondo tema della ricomposizione del tavolo, secondo le procedure dettate dai regolamenti unitari verrà indetta a breve una riunione come Segreterie Nazionali con i Coordinamenti per vedere di trovare una soluzione adeguata, coerente e rispettosa della dignità della nostra sigla e delle altre, se ci riusciamo. Una situazione che deve rientrare nelle criticità è quella relativa ad Equitalia servizi (ex CNC) dove continua ad esistere una non chiarezza di ruoli e strategie chiare che Equitalia assegna a questa azienda. Le scelte invece sono caratterizzate da profonde contraddittorietà e da scarsa chiarezza strategica; sembra quasi che il governo di questa azienda venga affidato ad una navigazione a vista con interventi assolutamente improvvisati e sporadici. Questo genera, oltre a preoccupazioni evidenti per il futuro, anche a veri e propri depauperamenti della professionalità degli addetti stessi. Altre criticità storiche sono quelle di Perugia e Frosinone; per la prima ci sono anche state manifestazioni davanti alla Sede di Equitalia in Millevoi ed il problema è comunque in risalto sia nell intersindacale nazionale che presso le dirigenze di Equitalia; si dovrà trovare una soluzione equilibrata e di reciproca soddisfazione, anche se questo non appare agevole. Esistono poi dei problemi di relazioni sindacali complicate e difficili per quanto riguarda le aziende di Lecce e Rimini che dovranno prossimamente essere oggetto di ulteriori interventi. Sul fronte delle fusioni l elenco è abbastanza cospicuo: esse vanno avanti con l avvio delle procedure previste e la presenza del sindacato. Già conclusa quella di Sondrio Como Lecco; in corso d opera quelle di Cuneo e Alessandria in Nomos (ex Uniriscossioni); di Bergamo in Esatri; di Reggio Emilia con Parma; ci sarà la fusione di Rieti in Gerit e poi a seguire quelle di Viterbo e Frosinone; prevista entro l anno la fusione delle due aziende lucane di Matera e Potenza, le cui procedure non sono comunque ancora partite. Per quanto riguarda la Sicilia si stanno avviando i confronti per l attivazione del Fondo Esuberi dove è previsto un incontro per il 13 novembre e, nel contempo si sta approntando la piattaforma di rinnovo del Contratto Integrativo. L ultimo accenno che voglio fare in questa mia lunga relazione, ma spero completa, esauriente e di stimolo ai vostri interventi, è legato all ormai imminente varo del nuovo sito della Fisac Nazionale e, all interno di questo, di un sottosito dedicato al settore della Riscossione. Entro la settimana dovrebbe partire il tutto, con un logico periodo sperimentale di un mesetto, nel quale verificare le eventuali disfunzioni ed apportare correzioni e ulteriori perfezionamenti. 5

6 E un evento molto importante sotto tutti gli aspetti: il primo fra tutti è quello di dare visibilità a tutti i lavoratori e lavoratrici dei nostri settori della competenza, preparazione, ruolo e importanza della nostra Organizzazione in modo tecnicamente avanzato, coerente e continuativo; poi assicuriamo un livello di informazione e di conoscenza di tutta l attività della nostra sigla in tutti i settori che ci vedono impegnati, dalla contrattazione nazionale aziendale\gruppo e quella dei comparti, alle tematiche sulla salute e sicurezza, disagio e internazionale, ai problemi legati alla Previdenza, al settore legale ecc. Finalmente ed in modo sistematico anche il settore della riscossione trova, all interno di questo contenitore, un suo spazio ampio di riferimento per tutte le lavoratrici ed i lavoratori del comparto. Come Segreteria Nazionale abbiamo sfruttato la competenza, l esperienza e la positività riscontrata nel lungo periodo di attività, del sito gestito da Salvatore Baiano, che, con le opportune e già concordate modifiche in modo da armonizzare il sito stesso a quello Fisac, diverrà operativo in questa prima fase come link dal sito nazionale e poi, entro 15\20 giorni effettivamente come sottosito a tutti gli effetti. Naturalmente esso, pur già essendo strumento di consultazione e di accesso generale per i contenuti di carattere complessivo sul settore, fino ad ora aveva caratterizzato la sua opera come sito di GestLine prima e Equitalia Polis poi. E evidente che a questo punto diventando il sito ufficiale della Riscossione e non di una sola azienda la sua mission si allarga; saranno previsti, nel sito stesso, una serie di bottoncini di richiamo per le notizie dalle aziende come per l emeroteca. Va da sé, ferma restando che la responsabilità politica della gestione del sito Fisac nel suo insieme risiede nella Segreteria Nazionale, che onde non incorrere nell errore di avere una macchina di grossa cilindrata e sfruttarla come una 500 tutte le compagne e i compagni del settore, ad iniziare evidentemente dal sottoscritto, dai coordinatori Silvano e Daniele e dall intera delegazione alle trattative, nonché dai nostri rappresentanti nelle varie aziende, devono garantire un impegno costante alla sua implementazione, al suo aggiornamento costante, ad un interfaccia continuativa con Baiano che è il responsabile della gestione del sito. Ezio Dardanelli Roma 7/8 novembre

Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015

Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015 Piattaforma per il Rinnovo del CCNL Imprese di Pulizia e Servizi Integrati/Multiservizi Triennio 2013/2015 PREMESSA Il rinnovo del vigente Contratto Collettivo Nazionale avvenuto il 31.05.2011 è stato

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1

RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 XVI LEGISLATURA Giunte e Commissioni RESOCONTO STENOGRAFICO n. 1 N.B. I resoconti stenografici delle sedute di ciascuna indagine conoscitiva seguono una numerazione indipendente. 11ª COMMISSIONE PERMANENTE

Dettagli

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI -

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007 Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Cari Amici, come a tutti voi noto, presso la nostra sede nazionale

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo dell accordo sulla previdenza complementare per i post 93

Piattaforma per il rinnovo dell accordo sulla previdenza complementare per i post 93 Piattaforma per il rinnovo dell accordo sulla previdenza complementare per i post 93 Le pensioni debbono essere protette e debbono garantire condizioni di vita dignitose MANIFESTO DI ATENE (12 CONGRESSO

Dettagli

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale 10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale a cura di MAURO ZANONI In questi giorni, dopo le numerose assemblee sindacali svolte nei luoghi di lavoro, prende avvio la trattativa

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Premesso che

VERBALE DI ACCORDO. Premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 1 agosto 2001, in Milano tra BANCA CARIGE S.p.A. IntesaBci S.p.A. Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. Biverbanca S.p.A. Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno S.p.A.

Dettagli

Il 2007 Un anno di scelte importanti

Il 2007 Un anno di scelte importanti Il 2007 Un anno di scelte importanti Liberalizzazione, rinnovo contrattuale, elezioni RSU e previdenza complementare. Queste le sfide che impegneranno l Slp Cisl nell anno appena cominciato. Molte le decisioni

Dettagli

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori.

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Sindacato Lavoratori Comunicazione Roma, 12 Gennaio 2015 Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Lo Scenario

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E GIL UNIPOL CGIL Le finalita della Convenzione Alla luce della proficua esperienza maturata in oltre vent anni di collaborazione, CGIL ed Unipol intendono procedere

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO Il problema dell estensione del secondo livello. In questa tornata contrattuale la Fim di Bergamo deve rendersi protagonista, coinvolgendo per quanto

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013 1 PREMESSA Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil della provincia di Asti nel presentare

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA

RINNOVO CCNL GAS-ACQUA RINNOVO CCNL GAS-ACQUA INTRODUZIONE Il prossimo 31 dicembre 2009 scade il contratto di lavoro per gli addetti al settore gasacqua. Gli scenari in cui ci si appresta a rinnovare il contratto vedono, sempre

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento

INDICE. Introduzione 9. Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento INDICE Introduzione 9 Capitolo primo Il quadro legislativo di riferimento Dal D.LGS 626/94 al D.LGS 81/08 15 Il D.LGS 81/08 ovvero il Testo Unico sulla Sicurezza 18 Campo di applicazione e obblighi fondamentali

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A

BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A BANCA VALSABBINA FIRMATO L ACCORDO PER IL RINNOVO DEL C.I.A Dopo una lunga ed complessa trattativa, durata parecchi mesi, è stato siglato l accordo fra le OO.SS. e l azienda che aggiorna il vigente contratto

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

Politiche del lavoro: la formazione continua

Politiche del lavoro: la formazione continua Politiche del lavoro: lavoro la formazione continua Uno dei capitoli di maggiore condivisione tra le Organizzazioni sindacali di Pietro Nocera Responsabile Comunicazione UILCA Gruppo UBI Banca Sono trascorsi

Dettagli

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES Il giorno 2/12/2014 tra - la SOCIETÀ REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI, in persona del Presidente Iti Mihalich, con l assistenza di Josè Ramon Lopez

Dettagli

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE

DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE DOCUMENTO SULLA ORGANIZZAZIONE DELLA FILT VERSO IL CONGRESSO NAZIONALE Nel percorso che ci porterà ai congressi nazionali della Filt e della Cgil abbiamo ritenuto opportuno, anche a seguito del confronto

Dettagli

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali di Roma e del Lazio supplemento ad Informazioni-Fisac MAGGIO 2000 non sanno immaginare altro... il potere è questo... fare l unica cosa che si crede

Dettagli

Ferisce più la penna che la spada

Ferisce più la penna che la spada Anno X Gennaio 2015 Ferisce più la penna che la spada Sommario 3 Anno X N 24 - Gennaio 2015 IL NUOVO MODELLO DI SERVIZIO DI BANCA DEI TERRITORI. GIOVANI E SINDACATO CHIAMA Torino Risponde A cura di Simona

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale.

La Cgil, pur non condividendo le Linee Guida ha dichiarato che parteciperà al tavolo di confronto allargato sulla riforma del modello contrattuale. LA RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE: IL DOCUMENTO SULLE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE SOTTOSCRITTO DA CISL, UIL E CONFINDUSTRIA La riforma del modello contrattuale La

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE (2012-2015)

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE (2012-2015) PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE (2012-2015) PREMESSA Con questa Piattaforma si vuole procedere al rinnovo del CCNL per i lavoratori dell industria alimentare per il periodo ottobre

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO FLC Cgil DI VICENZA SULLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO ASIAGO 30-31 AGOSTO 2007

GRUPPO DI STUDIO FLC Cgil DI VICENZA SULLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO ASIAGO 30-31 AGOSTO 2007 GRUPPO DI STUDIO FLC Cgil DI VICENZA SULLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO ASIAGO 30-31 AGOSTO 2007 Premessa La FLC Cgil di Vicenza, ha costruito l opportunità per una trentina di insegnanti della provincia,

Dettagli

I RAPPORTI FRA R.L.S. E ORGANO DI VIGILANZA

I RAPPORTI FRA R.L.S. E ORGANO DI VIGILANZA Massimo Gigli* I RAPPORTI FRA R.L.S. E ORGANO DI VIGILANZA *Responsabile Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro A.S.L. n. 2 Distretto del Perugino Prima di passare ad analizzare le possibilità

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU)

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006 Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) L indagine AlmaLaurea ci consente di analizzare l assetto del sistema formativo del nostro Paese

Dettagli

Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione:

Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione: CONSIGLIO GENERALE (1) ORDINE DEL GIORNO SU FORMAZIONE Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione:

Dettagli

I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS

I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS I Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS (Scheda Informativa a cura del Dipartimento Politiche Sociali) Il legislatore italiano, all atto del recepimento della Direttiva 89/391/CEE con il

Dettagli

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica.

Nelle banche di credito cooperativo le esigenze di rafforzamento patrimoniale possono trovare ostacolo nella loro speciale forma giuridica. Quale Credito cooperativo? Il Governatore di Banca d Italia, nel corso del suo recente intervento al Congresso annuale Assiom Forex del 7 febbraio c.te, ha dedicato una puntuale riflessione al sistema

Dettagli

PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte

PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte PROTOCOLLO DI RELAZIONI SINDACALI TRA CGIL CISL UIL Piemonte ANCI Piemonte - LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI Piemonte Premessa Le politiche delle Amministrazioni locali, ed in particolare le politiche di bilancio,

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Calzaturiero avviene in un momento non facile per l economia

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PREMESSA L accordo siglato il 23 luglio 93 da OO.SS., Governo e Confindustria, valorizza le ragioni del lavoro nei suoi molteplici aspetti occupazionali,

Dettagli

Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015

Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015 Piattaforma Rivendicativa Per Il Rinnovo CCNL Turismo 2013-2015 PREMESSA La crisi economica che sta colpendo duramente il nostro paese, non risparmia il Turismo, con l aggravante che questo settore potrebbe

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni Statuto (aggiornato in base alle modifiche apportate dal 4 Congresso Nazionale svoltosi a Torino il 20-21 gennaio 2012) 1 Art. 1 - Denominazione E' costituita

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista" Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni Forum La partecipazione dei lavoratori nelle imprese, promosso dal Quotidiano Il Riformista e Cisl, Roma 13 giugno 2008 c/osenato della Repubblica - Sala Capitolare Chiostro del Convento di S. Maria sopra

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

XXV Congresso nazionale Fiom-Cgil Montesilvano 14-16 aprile 2010

XXV Congresso nazionale Fiom-Cgil Montesilvano 14-16 aprile 2010 Federazione Impiegati Operai Metallurgici nazionale Corso Trieste, 36-00198 Roma - tel. +39 06 85262341-2 fax +39 06 85303079 www.fiom.cgil.it - e-mail: protocollo@fiom.cgil.it XXV Congresso nazionale

Dettagli

LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE

LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE RUOLO DELLA FORMAZIONE NELLE POLITICHE DEL PERSONALE PARTE II - CAPITOLO 1 LE POLITICHE DEL PERSONALE TRA PROCESSI DI STABILIZZAZIONE E SPINTE AL CAMBIAMENTO: QUALE RUOLO PER LA FORMAZIONE di Francesco

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F.

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER L ATTUAZIONE DELLE PREVISIONI DELL ART. 4 E DELL ART. 6 DELL ACCORDO 17 OTTOBRE 1997 E PER LA DEFINIZIONE DI ULTERIORI PROPOSTE DI

Dettagli

PARTE LA RILEVAZIONE DELLE DELEGHE SINDACALI

PARTE LA RILEVAZIONE DELLE DELEGHE SINDACALI CIRCOLARE INFORMATI VA 1 dicembre 2011 PARTE LA RILEVAZIONE DELLE DELEGHE SINDACALI GLI ADEMPIMENTI PRELIMINARI - Finalmente dopo 6 anni ritorna la rilevazione delle deleghe per misurare la rappresentatività

Dettagli

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA

Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA. Al SINDACO del Comune di SOLOPACA. Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA Al Signor PRESIDENTE del Consiglio Comunale di SOLOPACA Al SINDACO del Comune di SOLOPACA Al SEGRETARIO del Comune di SOLOPACA OGGETTO: INTERROGAZIONE" Ai sensi degli artt. 43 del D.Lgs. 267/2000 e 40

Dettagli

Convegno alte professionalità e quadri direttivi. due attuali realtà che compongono il Gruppo Bancario, Cariparma e Friuladria.

Convegno alte professionalità e quadri direttivi. due attuali realtà che compongono il Gruppo Bancario, Cariparma e Friuladria. VOCE di FRIULADRIA Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti novembre 2007 SOMMARIO Congresso di gruppo. 1 La Mifid vista dal risparmiatore 2 Prossimi appuntamenti 3 Congresso FIBA CISL di gruppo.

Dettagli

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA

ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa ARMONIZZAZIONE FONDO DI PREVIDENZA EX BAV & ARMONIZZAZIONE FONDI A PRESTAZIONE DEFINITA Nei giorni scorsi, sulla base delle previsioni codificate nell

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni Statuto (aggiornato in base alle modifiche apportate dal 3 Congresso Nazionale svoltosi a Torino il 16-17 gennaio 2009) Art. 1 - Denominazione 1 E' costituita

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

81zeroOTTO. Sicurezza&Dintorni. a cura della Commissione Nazionale Sicurezza CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO

81zeroOTTO. Sicurezza&Dintorni. a cura della Commissione Nazionale Sicurezza CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO a cura della Commissione Nazionale Sicurezza 81zeroOTTO Sicurezza&Dintorni 17 maggio 2013 CONGRESSO NAZIONALE 2013 CASTELLANETA MARINA - TARANTO 17-19 MAGGIO LA SICUREZZA NEL SETTORE ELETTRICO: IL PUNTO

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2606 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFORGIA, ARLOTTI, BOCCUZZI, CAPOZZOLO, CENNI, CENSORE, D INCECCO, FOSSATI, GRASSI, GIUSEPPE

Dettagli

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

SPECIALE FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali della Concessione di Roma supplemento ad Informazioni-Fisac OTTOBRE 2000 Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che rappresentano queste

Dettagli

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO

* * * LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E IL SILENZIO ASSENSO LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SECONDO L ULTIMA RIFORMA PREVIDENZIALE Lo scorso 28 luglio il Parlamento italiano ha dato il via libera alla riforma delle pensioni approvando, col voto di fiducia, la legge

Dettagli

Risposta del Sindaco Buono al manifesto del Cons. Aspriello

Risposta del Sindaco Buono al manifesto del Cons. Aspriello In relazione alle informazioni riportate nella interrogazione del Cons. ASPRIELLO e al conseguente manifesto da lui pubblicato con la presente si specifica quanto segue: 1. Le essenziali informazioni riportate

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni Statuto (aggiornato in base alle modifiche apportate dal 5 Congresso Nazionale svoltosi a Torino il 16-17 gennaio 2015) 1 Art. 1 - Denominazione E' costituita

Dettagli

IPOTESI DI VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 Febbraio 2010 in Firenze, tra EQUITALIA CERIT S.p.A, rappresentata dall Amministratore Delegato, Carlo Mignolli ed il responsabile Direzione Indirizzo e controllo,

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E ISL UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra CISL e Compagnia Assicuratrice Unipol 09 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per gli iscritti 09 Linea rischi auto

Dettagli

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo.

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo. Data 30 Gennaio 2015 Protocollo: 31/15/PC/cm Servizio: Sviluppo Sostenibile Salute e Sicurezza Bilateralità Cooperazione Oggetto: Convegno Nazionale CGIL CISL UIL sugli Appalti Pubblici. Roma 10 febbraio

Dettagli

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti,

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, premesso che: la crisi economica che, a livello mondiale, ha colpito ogni comparto produttivo

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE

Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi di Siena SPA ACCORDO SU CESSIONE SPORTELLI MPS A BANCA CR FIRENZE Il giorno 22 aprile 2010, a Siena, alla presenza dei responsabili del personale e delle relazioni

Dettagli

INTESA SANPAOLO: TRATTATIVE IN CORSO Siamo consapevoli che oggi i lavoratori hanno bisogno di risposte certe sul loro futuro.

INTESA SANPAOLO: TRATTATIVE IN CORSO Siamo consapevoli che oggi i lavoratori hanno bisogno di risposte certe sul loro futuro. RACCOLTA DELLE INFORMATIVE, PROPOSTE ED ACCORDI dal 29 gennaio al 2 febbraio 2007 Foglio per informare e confrontarsi con i lavoratori e le lavoratrici sui temi in discussione. A cura delle Segreterie

Dettagli

CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI AGROPOLI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PREVIDENZA INTEGRATIVA A FAVORE DEL PERSONALE IN FORZA ALLA POLIZIA LOCALE DELLA CITTA DI AGROPOLI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 DOCUMENTO SULLE POLITICHE ABITATIVE Il presente documento costituisce un primo risultato delle riflessioni avviate dalle Regioni e rappresenta

Dettagli

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI ANTEGNATE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E PER L APPLICAZIONE DEL SISTEMA PREMIALE Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n.

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

VERSO UN NUOVO WELFARE LOCALE UNA PROPOSTA CONDIVISA PER IL PIANO DI ZONA 2012-2014

VERSO UN NUOVO WELFARE LOCALE UNA PROPOSTA CONDIVISA PER IL PIANO DI ZONA 2012-2014 VERSO UN NUOVO WELFARE LOCALE UNA PROPOSTA CONDIVISA PER IL PIANO DI ZONA 2012-2014 0. Premessa Il presente documento nasce da un percorso di confronto realizzato nel periodo novembre 2011 gennaio 2012

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE UNIONE ITALIANA LAVORATORI TESSILI ABBIGLIAMENTO PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE Area TESSILE MODA Premessa Nell attuale fase di crisi finanziaria

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA

PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA PIATTAFORMA DEL RINNOVO INTEGRATIVO PROVINCIALE DI BENEVENTO 2011 2013 PREMESSA La situazione attuale del settore delle costruzioni, nella provincia di Benevento, impone di rendere più strutturali le relazioni

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA

Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA Libero / Falcri Fiba Cisl Fisac Cgil Uilca Piattaforma per il rinnovo del CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE Cassa di Risparmio di Venezia SpA PREMESSA La struttura del Gruppo è costituita da una Capogruppo,

Dettagli

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014

COMUNICATO N. 08/14. Prot. n. 033/14 Roma, 4 febbraio 2014 FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E LEGACOOP UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra LEGACOOP e Compagnia Assicuratrice Unipol 07 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per i Soci e i Dipendenti delle

Dettagli

PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale. Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale).

PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale. Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale). PROVINCIA DI PISA Prot. 65558 02.04.00 Pisa, lì 5.3.2012 Il Direttore Generale Al Presidente della Provincia Che tempo che fa (linee e numeri di politica del personale). Le vicende del personale hanno

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Siamo alle solite! Notiziario interno. Siamo alle solite! Accordo SIDAC IN QUESTO NUMERO

Siamo alle solite! Notiziario interno. Siamo alle solite! Accordo SIDAC IN QUESTO NUMERO Notiziario interno FASTFERROVIE NUMERO 7 ANNO 2007 12 MARZO 2007 Siamo alle solite! IN QUESTO NUMERO Siamo alle solite! Accordo SIDAC Agenda della settimana DATA ORA EVENTO 15/03 09.00 Incontro con l A.D.

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli