MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE"

Transcript

1 MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO MARZO Scenari e posizionamento strategico nel territorio Conoscere per valutare e programmare 1 Sergio Zucchetti 1

2 Modello Valutazione delle Politiche Pubbliche Il modello consente di valutare le ricadute territoriali delle programmazioni strategiche e settoriali a valenza territoriale sia in termini aggregati, sia considerando la distribuzione degli effetti sul territorio. 2

3 Piano Regionale di Sviluppo Programmazione economica Indicatore di Performance del Territorio Obiettivi di Governo Pianificazione territoriale 3

4 Analisi Statistica La costruzione del set di indicatori ha comportato una prima ricognizione del patrimonio statistico per comprendere: la natura dell informazione il grado di dettaglio l informazione storica il livello di territorializzazione dei dati e una seconda riclassificazione per natura e livello di territorializzazione dell informazione. 4

5 Indicatore Sintetico di Priorità: cosa e come Consente agli attori coinvolti nel processo di programmazione di decidere, al fine di ottimizzare l intervento pubblico sul territorio: dove investire (definizione delle aree prioritarie d intervento) cosa fare (definizione del rating degli investimenti) come fare (individuazione degli strumenti operativi) In altre parole la metodologia consente di capire: perché e in quali aree geografiche è utile e opportuno iniettare risorse pubbliche nel sistema economico quale impatto economico è in grado di generare tale intervento 5

6 Indicatori di Equa Ripartizione Indicatori di Stato di Salute Distribuzio ne trasferimenti correnti Distribuzio ne trasferimenti in conto capitale Indicatore Sintetico di Priorità Indicatori di Impatto Economico Stock di Ricchezza Intensità dell attivit attività produttiva Attrattività dell area Caratteristich e territoriali Impatto indotto dal volume delle spese Impatto indotto dalla qualità della spesa 6

7 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Definizione del set informativo. Approntamento di una folta batteria di indicatori economici a livello comunale che, complessivamente considerati, forniscono un quadro esauriente della situazione economica di un area locale, permettendo di distinguere tra le aree che si trovano in situazione di relativa difficoltà e quelle che versano in buonstato di salute economica. Allineamento. Poiché ogni indicatore ha una sua propria metrica di misurazione (i depositi bancari si misurano in milioni di Euro, le unità locali in migliaia, i consumi elettrici in KW e via dicendo), al fine di rendere omogenee le misurazioni sono state definite solo grandezze relative (normalizzando rispetto alla popolazione, al numero addetti, alla superficie territoriale e altro), o tassi di variazione %. 7

8 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Ponderazione. Definizione di un sistema di pesi. Il sistema di pesi deve contemplare considerazioni a-priori di carattere strettamente economico, sociale, statistico (la qualità e la disponibilità dei dati) e matematico (impiego di strumenti di programmazione dinamica lineare). Aggregazione. Costruzione, tramite aggregazione ponderata dei singoli indicatori di cui al punto (1) e sulla base di pesi di cui al punto (3), della Mappa delle Opportunità, che sintetizza in un numero tutte le informazioni veicolate dai diversi singoli indicatori economici in merito alle caratteristiche rilevanti delle varie aree territoriali. 8

9 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Normalizzazione. A ciascuno dei singoli indicatori è stata applicata una procedura di normalizzazione14 in virtù della quale i valori assunti da ciascun indicatore risultano distribuirsi (non uniformemente) lungo l intervallo [0-1]; questa procedura rende agevoli e immediati i confronti incrociati tra comuni e indicatori. Indji= (Valji-MiniValji)/(MaxiValji-MiniValji), dove j=indicatore, i=comune Definizione del ranking. La normalizzazione [0-1] è cruciale anche perché rende immediata la definizione del ranking delle aree dismesse in funzione della rilevanza/interesse regionale. Ai comuni che presentano valori dell indicatore sintetico vicini allo 1 si associa elevato interesse regionale; l opposto si verifica se l indicatore sintetico assume valori vicini a 0. 9

10 Indicatori dello Stato di Salute Forniscono indicazioni circa l opportunità di erogare finanziamenti a favore di un sistema economico Permettono di discriminare tra aree economicamente meno sviluppate e territori che versano in migliori condizioni di salute economica 10

11 Sezione I: indicatori dello stato di salute Sottosezione I.I. Indicatori dello stock ricchezza comunale (peso su sez. I: 0.30) IND1: Volume depositi bancari comunali procapite (0.04); [03] IND2: % Volume depositi banc.comun. procapite (0.03); [03/02, bp] IND3: % Volume depositi banc.comun. procapite (0.01); [03/01, lp] (approssimano la ricchezza e la capacità di risparmio del risparmiatore medio) IND4: % Volume Depositi Bancari comunali (0.03); [03/02, bp] IND5: % Volume Depositi Bancari comunali (0.01); [03/01, lp] (misurano la capacità complessiva di attrarre risparmio privato anche di non residenti) 11

12 segue Sottosezione I.I. IND6: Entrate tributarie comunali procapite (0.04); [02] IND7: % Entrate tributarie comunali procapite (0.03); [02/01, bp] IND8: % Entrate tributarie comunali procapite (0.01); [02/99, lp] (approssimano la capacità contributiva del contribuente medio) IND9: % Entrate tributarie totali comunali (0.03); [02/01, bp] IND10: % Entrate tributarie totali comunali (0.01); [02/99, lp] (misurano la capacità comunale di attrarre e drenare risorse anche di non residenti) IND11: Ici comunale procapite (0.02); [02] IND12: % Ici comunale procapite (0.01); [02/01, bp] IND13: % Ici comunale procapite (0.01); [02/99, lp] (approssimano la capacità contributiva del contribuente medio) IND14: % Ici comunale (0.01); [02/01, bp] IND15: % Ici comunale (0.01); [02/99, lp] (misurano la capacità comunale di attrarre e drenare risorse anche di non residenti) 12

13 Sottosezione I.II. Indicatori di intensità dell attività produttiva Sottosezione I.II. Indicatori di intensità dell attività produttiva (peso su sez. I: 0.40) IND16: Unità locali attive (U.L.)/ superf comunale (0.08) [01] IND17: % Unità locali (0.07); [01/91 lp]*ind16 IND18: % Unità locali (0.05); [01/96 bp]*ind16 IND19: Addetti / superf comunale (0.08); [cens 2001] IND20: % Addetti (0.07); [01/91 lp] *IND19 IND21: % Addetti (0.05); [01/96, bp] *IND19 13

14 Sottosezione I.III. Indicatori di attrattività Sottosezione I.III. Indicatori di attrattività (peso su sez. I: 0.20) IND22: Addetti comunali / popolazione residente comunale (0.07); [01] IND23: % (Addetti comun. / pop. Resid. Comun.) (0.065); [01/96,bp] IND24: % (Addetti comun. / pop. Resid. Comun.) (0.065); [01/91,lp] (misurano la capacità del comune di attrarre occupazione) 14

15 Sottosezione I.IV. Caratt. territoriali e dotaz. infrastrutturale Sottosezione I.IV. Caratteristiche territoriali e dotazione infrastrutturale (peso su sez. I: 0.10). IND25 # procapite scuole dislocate in territorio comunale (0.05) [05] IND26 # procapite strutture sanitarie operanti sul territorio (0.05) [05] 15

16 16

17 17

18 18

19 19

20 Indicatori di Equità Distributiva Forniscono indicazioni circa l equità di un intervento finanziario dal punto di vista redistributivo Permettono di individuare aree che hanno già beneficiato in passato di tali finanziamenti e territori che invece sono rimasti relativamente più scoperti 20

21 Sezione II: indicatori di Ripartizione Bilanciata Sottosezione II.I Distribuzione trasferimenti in conto capitale (peso su sez.ii: 0.80) IND27: trasf in conto capitale dalle regioni / popolazione comunale (0.20); [02] IND28: trasf. dallo stato / popolazione comunale (0.10); [02] IND29: % trasf. da regioni a comune (0.20); [02/01,bp] IND30: % trasf. da regioni a comune (0.05); [02/99,lp] IND31: % trasf. da stato a comune (0.10); [02/01bp] IND32: % trasf. da stato a comune (0.15); [02/99,lp] 21

22 Sottosezione II.II Distribuzione trasferimenti correnti Sottosezione II.II Distribuzione trasferimenti correnti (peso su sez.ii: 0.20) IND33: trasf correnti dalle regioni / popolazione comunale (0.05); [02] IND34: trasf dallo stato / popolazione comunale (0.02); [02] IND35: % trasf. da regioni al comune (0.05); [02/01,bp] IND36: % trasf. da regioni al comune (0.01); [02/99,lp] IND37: % trasf. dallo stato al comune (0.03); [02/01,bp] IND38: % trasf. dallo stato al comune (0.04); [02/99,lp] 22

23 23

24 24

25 25

26 Indicatori di Impatto Economico Forniscono indicazioni sugli effetti economici prodotti nel corso del tempo da politiche di intervento pubblico a carico del tessuto economico locale e della sua capacità di produrre ricchezza e sviluppo 26

27 Sottosezione III.I. Impatto indotto dal volume della spesa Sottosezione III.I. Impatto indotto dal volume della spesa (peso su sez. III: 0.80) IND39: addetti(t) / tot spese conto capitale(t-j) (0.12); [01-96/02-01] IND40: addetti / tot spese (0.18); [01-96/02-99] IND41: addetti / tot spese (0.10); [01-91/02-99] IND42: unità locali / tot spese (0.12); [01-96/02-01] IND43: unità locali / tot spese (0.18; [01-96/02-99] IND44: unità locali / tot spese (0.10); [01-91/02-99] 27

28 Impatto indotto dalla qualità della spesa Consente di correlare le variabili strutturali del tessuto economico con la propensione agli investimenti delle Amministrazioni Pubbliche e la loro capacità di Programmare, esso infatti sintetizza: Quanto e come gli investimenti pubblici sono in grado di generare sviluppo La capacità delle Amministrazioni Pubbliche di spendere bene, ossia di erogare risorse per investimenti senza ingessare il proprio bilancio 28

29 Sottosezione III.II Impatto indotto dalla qualità della spesa Sottosezione III.II Impatto indotto dalla qualità della spesa (peso su sez. III: 0.20) IND45: addetti / RIF (0.025); [01-96/02-01] IND46: addetti / RIF(0.05); [01-96/02-99]] IND47: addetti / RIF (0.025); [01-91/02-99] IND48: unità locali / RIF(0.025); [01-96/02-01] IND49: unità locali / RIF (0.05); [01-96/02-99] IND50: unità locali / RIF (0.025); [01-91/02-99] 29

30 segue Sottosezione III RIF = Rigidità Finanziaria Autonomia finanziaria Rigidità strutturale Saldo procapite Ponderazione 35 % ponderazione 30 % ponderazione 35 % L'autonomia finanziaria è data dal rapporto tra le Entrate proprie (Titolo I: Entrate Tributarie; Titolo III: Entrate extratributarie) e il totale delle Entrate correnti (Titolo I: Entrate Tributarie; Titolo II: Entrate da Trasferimenti; Titolo III: Entrate extratributarie La Rigidità strutturale è data dal rapporto tra la somma delle Spese per il personale, Spese per interessi passivi pagati sul debito e Spese per il rimborso delle quote di capitale pagate sul debito, e la somma delle Entrate tributarie, Entrate da Trasferimenti ed Entrate extratributarie (Entrate correnti) Differenza pro-capite tra le spese in conto capitale e i trasferimenti in conto capitale 30

31 31

32 Il sistema di navigazione: Metodologia di lavoro 1. Definizione delle variabili target alte ; 2. Individuazione dei fattori che concorrono a definire l evolversi delle variabili target; 3. Misurazione dei target e dei fattori che li determinano mediante predisposizione di indicatori quantitativi integrati da valutazioni qualitative; 4. Ricostruzione dell architettura di interconnessione tra target e tra target e i fattori di influenza; 22/03/

33 Il sistema di navigazione: Metodologia di lavoro Sulla scorta dei 4 step precedenti: 1. Ricostruzione dello scenario evolutivo inerziale ; Inerziale: proiezione delle dinamiche fisiologiche già in atto + effetti di azioni/interventi in corso d opera o già decisi e da implementare; 2. Definizione della matrice di policy che individua: Gli strumenti/interventi/leve che più impattano su ciascun target Loro possibili traduzioni operative (fattibili e al contempo originali) 3. Simulazione di scenari evolutivi di policy alternativi a quello inerziale; Prodotti muovendo le leve come da matrice di policy Rilevanza suggerimenti/indicazioni/curiosità del Tavolo 33

34 Le variabili target Le variabili target individuate come obiettivi da scenarizzare : Competitività Performance Economica e Benessere (non solo economico) Attrattività Efficienza Innovazione 34

35 L articolazione delle variabili target Ogni target è articolato in specifiche macro-famiglie. Ciò consente, al contempo, flessibilità di ragionamento e più facile connessione con misure e interventi previste nella matrice di policy. 35

36 ..ecco le macro-famiglie Competitività Imprese Capitale Umano Servizi Infrastrutture Pubblica Amministrazione Performance e benessere Economico Sociale Ambientale Attrattività Produttiva (imprese e investimenti) Mercato del Lavoro (persone) Reddituale e Fiscale (residenti e imprese) Turistica (visitatori) Servizi e Sicurezza (residenti e imprese) 36

37 eccone altre.. Efficienza e Matching/Gap Produttiva Da Governance Domanda e Offerta di lavoro Infrastrutturale Innovazione R&S Modello specializzazione produttiva Capitale Umano 37

38 Gli indicatori Ciascun fenomeno socio-economico è misurato mediante uno o più indicatori La loro aggregazione ragionata per blocchi definisce l andamento delle famiglie che influenzano i target Gli indicatori hanno profondità temporale Alcuni fenomeni (e i rispettivi indicatori) possono entrare in più di una famigliare e influenzare target diversi In alcuni dei casi del punto è possibile che un medesimo fenomeno abbia impatto desiderabile su un target e indesiderabile su un altro 38

39 Declinazione degli indicatori Per ogni indicatore di base si è proceduto a calcolare A) il valore provinciale e regionale, B) l evoluzione temporale, C) il gap tra provincia di Varese e il dato regionale e D) l evoluzione nel tempo del gap. IND 1 Anni Livelli Varese Livelli Lombardia Delta Varese Gap (Varese - Lobardia) Delta Gap (Varese - Lobardia) ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2439 0,1299-0,0061 0,1140-0, ,2703 0,1471 0,0264 0,1232 0, ,2941 0,1639 0,0238 0,1302 0, ,2703 0,1493-0,0238 0,1210-0, ,1852 0,1282-0,0851 0,0570-0, ,1852 0,1282-0,0851 0,0570-0,

40 Un noiosissimo elenco: Gli indicatori per famiglie (a dx) e target Target COMPETITIVITA Ind 1 % popolazione sul totale Capitale Umano Ind 2 tasso dipendenza dai giovani Capitale Umano Ind 3 1/ "ass"(%maschi (15-54)-%femmine(15-54)) Capitale Umano Ind 4 tasso attività Capitale Umano Ind 5 1/ "ass"(tasso att maschi- tasso att femmine) Capitale Umano Ind 6 tasso di occupazione Capitale Umano Ind 7 1/ "ass"(tasso occ maschi- tasso occ femmine) Capitale Umano Ind 8 % forze lavoro su pop attiva Capitale Umano Ind 9 1/ "ass"(% maschi forze -% femmine forze lavoro) Capitale Umano Ind 10 % iscritti superiori/pop under 24 Capitale Umano Ind 11% diplomati superiori/pop Capitale Umano Ind 12 % iscritti tot corsi/pop under 24 Capitale Umano Ind 13 % professionalità qualificate sul totale Capitale Umano Ind 14% Spese per formazione su V.A. provinciale Capitale Umano 40

41 Ind 15 numero imprese totali attive Imprese Ind 16 % imprese attive nei settori elevata crescita Imprese Ind 17 dimensione media impresea Imprese Ind 18 1/varianza (% imprese per settore) Imprese Ind 19 % exp in paesi a elevata crescita Imprese Ind 20 importazioni /V.A. provinciale Imprese Ind 21 exp/imp Imprese Ind 22 % fallimenti (o procedure concorsuali)/tot imprese Imprese Ind 23 % protesti su imprese e persone Imprese Ind 24 impieghi/depositi Imprese Ind 25 costo medio del debito Imprese Ind 26 indicatori di accessibilità Imprese Ind 27 sofferenze/impieghi Imprese Ind 28 saldo annuale (avviamenti/cessazioni) Imprese 41

42 Ind 29 Networking: numero associati/tot imprese del bacino Imprese Ind 30 n.brevetti / n.imprese Imprese Ind 31 % Spesa per ricerca su V.A. Imprese Ind 32 Prezzi al Consumo: inverso (cioè 1/X) di DELTA prezzi prov; Imprese Ind 33 Prezzi al Consumo: inverso (cioè 1/X) di (delta prezzi prov - delta prezzi regione) Imprese Ind 34 numero Istituti scolastici e sanitari/popolazione Servizi Ind 35 numero Istituti scolastici e sanitari/superficie ter Servizi Ind 36 numero musei, cinema, biblioteche/popolazione Servizi Ind 37 numero musei, cinema, biblioteche/superficie ter Servizi Ind 38 numero sportelli bancari/popolazione Servizi Ind 39 numero sportelli bancari/superficie ter Servizi Ind 40 Reati: inverso (cioè 1/X) di reati/popolazione P.A. Ind 41 Km rete viairia/sup territoriale Infrastrutture 42

43 segue Ind di base Benessere e Performance Target BENESSERE E PERFORMANCE Ind 1 delta V.A Economico Ind 2 delta fatturato Economico Ind 3 delta Occupazione Economico Ind 4 delta produzione Economico Ind 5 delta consumi Economico Ind 6 varianza monte redditi e monte consumatori rispetto alle fasce Economico Ind 7 % redditi inferiori a soglia predefinita Economico Ind 8 delta percentuale Investimenti produttivi delle imprese Economico Ind 9 delta percentuale Popolazione Attiva Economico Ind 10 delta percentuale Occupati Economico Ind 11 delta percentuale Ore lavorate Economico Ind 12 % tasso di occupazione Economico Ind 13 inverso (cioè 1/x) di tasso di disoccupazione Economico Ind 14 quotazioni medie prezzi mercato immobiliare Economico Ind 15 delta percentuale Imprese attive Economico Ind 16 delta percentuale addetti Economico Ind 17 % produttivo e commerciale / superficie totale Economico Ind 18 gettito IRPEF / popolazione Economico Ind 19 exp-imp Economico Ind 20 inverso (cioè 1/X) di DELTA% sofferenze Economico 43

44 Ind 21 rapporto sofferenze/impieghi Economico Ind 22 numero ore Cassa integrazione/occupati Economico Ind 23 numero ore Cassa Integrazione in deroga/occupati Economico Ind 24 saldo avviamenti e cesazioni Economico Ind 25 rapporto consumi produttivo elettrici/ numero imprese Economico Ind 26 rapporto consumi residenziale elettrici / numero persone Economico Ind 27 numero veicoli circolanti/popolazione Economico Ind 28 (depositi+impieghi)/popolazione Economico Ind 29 delta percentuale popolazione Sociale Ind 30 immigrazione/popolazione tot Sociale Ind 31 numero lavoratori in mobilità/ tot occupati Sociale Ind 32 numero esercizi commerciali/superficie territoriale Sociale Ind 33 numero istituti scolastici e sanitari/superficie Sociale Ind 34 numero istituti scolastici e sanitari/popolazione Sociale Ind 35 numero museu cinama e biblioteche/superficie Sociale Ind 36 numero sportelli bancari/superficie Sociale Ind 37 inverso di (numero reati/popolazione) Sociale Ind 39 dotazione monitor + dati ambientali (li ho) Ambientale Ind 40 inverso di numero veicoli circolanti/km rete viaria Ambientale 44

45 Target ATTRATTIVITA Ind 1 Tasso di occupazione Mercato del lavoro Ind 2 Tasso di disoccupazione Mercato del lavoro Ind 3 Migrazione: (in-out)/popolazione*1000 Mercato del lavoro Ind 4 Costo abitazione: Indice Prezzi Istat capitolo 4 Mercato del lavoro Ind 5 PIL procapite Reddituale - fiscale Ind 6 V.A procapite Reddituale - fiscale Ind 7 Fatturato per impresa Reddituale - fiscale Ind 8 Inverso delta prezzi complessivi Reddituale - fiscale Ind 9 numero veicoli circolanti procapite Reddituale - fiscale Ind 10 (depositi+impieghi)/popolazione Reddituale - fiscale Ind 11 Consumi procapite Reddituale - fiscale Ind 12 Varianza redditi per scaglioni Reddituale - fiscale Ind 13 Varianza contribuenti per scaglioni Reddituale - fiscale Ind 14% Redditi bassi sul tot reddito Reddituale - fiscale 45

46 Ind 15 % imprese servizi alla persona su tot imprese Mercato del lavoro Ind 16 % addetti imprese servizi alla persona su tot addetti Mercato del lavoro Ind 17 %imprese servizi alla imprese su tot imprese Produttiva Ind 18 % addetti imprese servizi alle imprese su tot addetti Produttiva Ind 19 % aree dismesse su sup territoriale Mercato del lavoro Ind 20 Arrivi turistici/popolazione Turistica Ind 21 Presenze turistiche/arrivi Turistica Ind 22 dotazione infrastrutture trasporto e logistiche su superficie; Turistica Ind 23 inverso rapporto veicoli dotazione rete viaria Turistica Ind 24 dotazione istituti scolastici (numero classi) e sanitari (numero posti letto) su popolazione Servizi e sicurezza Ind 25 addetti alle imprese ricreativo-culturali/superf. Servizi e sicurezza Ind 26 imprese attività ricreativo-culturali per 1000 abitanti Servizi e sicurezza Ind 27 sportelli bancari per 1000 abitanti Servizi e sicurezza Ind 28 reati per 1000 abitanti Servizi e sicurezza 46

47 Target EFFICIENZA Ind 1 delta V.A. Produttiva Ind 2 V.A./ o addetti Produttiva Ind 3 Capacità produttiva utilizzata Produttiva Ind 4 % Popolazione Attiva su pop totale Produttiva Ind 5 gap maschi attivi /femmine attive Produttiva Ind 6 varianza classi di età pop attiva Produttiva Ind 7 % Popolazione occupatia su pop totale Produttiva Ind 8 gap maschi occupati /femmine occupati Produttiva Ind 9 varianza classi di età pop occupati Produttiva Ind 10 gap maschi/femmine tasso di disoccupazione Produttiva Ind 11 varianza classi di età tasso di disoccupazione Produttiva Ind 12 varianza addetti tra settori Produttiva Ind 13 varianza esportazioni tra settori Produttiva Ind 14 % fallimenti (o procedure concorsuali)/tot imprese; Produttiva Ind 15 % protesti su imprese Finanziaria 47

48 Ind 16 impieghi/depositi Finanziaria Ind 17 costo medio del debito Finanziaria Ind 18 accessibilita al credito Finanziaria Ind 19 inverso di DELTA sofferenze Finanziaria Ind 20 inverso di rapporto sofferenze/impieghi o depositi Finanziaria Ind 21 saldo avviamenti-cessazioni Produttiva Ind 22 Successo formativo qualificati corsi di formazione profess a un anno dalla qualifica per qualifica professionale Domanda Offerta di lavoro Ind 23 inverso di varianza (Apprendisti assunti attivi e formati per settore e qualifica e tipologia di formazione) rispetto ai settori e qualifiche Domanda Offerta di lavoro Ind 24 matching % tra Professionalità richiestee somma laureati+diplomati per tipologia Domanda Offerta di lavoro Ind 25 numero associati/tot imprese del bacino Governance Ind 26 inverso di rapporto consumi elett produttivo/ numero imprese Produttiva Ind 27 inverso di consumi elett residenziale/ numero persone Produttiva Ind 28 Inverso di numero veicoli/km rete viaria Produttiva Ind 29 Km/sup territoriale; Infrastrutturale Ind 30 (addetti/popolazione)/(km rete viaria+ferroviaria); Infrastrutturale Ind 31 impieghi/depositi Finanziaria 48

49 Target INNOVAZIONE Ind 1 %fatturato (o prod) dei settori high tech sul totale fatturato Settori Ind 2 % imprese attive settori high tech sul totale Settori Ind 3 dimensione media imprese Settori Ind 4 % addetti delle imprese settori high tech sul totale addetti Settori Ind 5 % exp in aree high tech sul totale exp Settori Ind 6 %exp prodotti high tech sul totale exp; Settori Ind 7 %imp prodotti high tech sul totale imp; Settori Ind 8 % importazioni da aree high tech sul totale imp Settori Ind 9 (exp-imp) high tech Settori Ind 10 % popolazione 25-54; Capitale umano Ind 11 tasso dipendenza dai giovani Capitale umano Ind 12 % attiva su totale popolazione; Capitale umano Ind 13 % sul totale attiva Capitale umano 49

50 Ind 14 % su totale occupati Capitale umano Ind 15 % occupati con elevato titolo studio o mansione o contratto sul totale Capitale umano Ind 16 % iscritti superiori/pop under 24 Capitale umano Ind 17 % diplomati superiori/pop Capitale umano Ind 18 % professionalità qualificate sul totale Capitale umano Ind 19 % spese formazione su V.A. provinciale Capitale umano Ind 20 % laureati/popolazione; % laureati facoltà high tech/laureati totali Capitale umano Ind 21 Numero brevetti/n.imprese R&S Ind 22 % Spese ricerca e sviluppo su V.A. R&S Ind 23 Numero centri ricerca/superficie territoriale R&S Ind 2 Numero addetti centri/popolazione R&S Ind 25 Indice completezza e numero addetti filiere tecnologiche su addetti totali R&S 50

51 L aggregazione Tutti gli indicatori di base, utilizzando la metodologia degli indicatori compositi, sono stati aggregati prima per famiglie e successivamente in Indicatori Sintetici delle variabili target IND COMPETITIVITA' INDICATORE SINTETICO COMPETITIVITA' INERZIALE INDICATORE SINTETICO COMPETITIVITA' POST POLICY anni SERVIZI INFRASTRUTTURE IMPRESE CAPITALE UMANO P.A , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

52 Un tentativo di schema riassuntivo Definizione della Matrice di Policy Definizione dello scenario inerziale vs scenario di policy IND TARGET IND TARGET IND FAM. IND FAM. IND FAM. IND BASE IND BASE IND BASE IND BASE IND BASE 52

53 LO SCHEMA VISIVAMENTE SCENARIO DI POLICY NUOVO INERZIALE SCENARIO INERZIALE SCENARIO STATICO TREND STORICO POLICY Policy sui singoli fenomeni (indicatori) Trasmissione agli indicatori di Sezione Trasmissione alla variabile target Policy direttamente sugli indicatori di sezione 53

54 SCENARIO INERZIALE: COMPETITIVITA (risultati preliminari e provvisori) SERVIZI INFRASTRUTTURE IMPRESE CAPITALE UMANO P.A. INDICATORE DI SINTESI 54

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia 9 maggio 2005 Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale

Dettagli

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale 1.1.1 Imprese registrate

Dettagli

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55

Parma. I numeri del comune. Abitanti* 187.938 443.176 Superficie (km 2 ) 260,6 3.447,48 Densità (ab. per km 2 ) 721,17 128,55 Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Parma I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 87.98.7 Superficie (km ),.7,8 Densità (ab. per km ) 7,7 8, * al.. Numero Addetti unità locali Imprese*

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Brescia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 193.99 1..9 Superficie (km ) 9,3.7, Densità (ab. per km ).13,1 3,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

GeoDomino. Il sistema di geomarketing

GeoDomino. Il sistema di geomarketing GeoDomino Il sistema di geomarketing GeoDomino Cos è GeoDomino è uno strumento di analisi territoriale di supporto alle decisioni che permette di adeguare le strategie di sviluppo e la gestione operativa

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating

CERVED RATING AGENCY. Metodologia di rating CERVED RATING AGENCY Metodologia di rating maggio 2014 1 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONE...3 LA SCALA DI RATING...3 IL MODELLO DI RATING...5 LA BASE INFORMATIVA...6 LE COMPONENTI DELL ANALISI...7 Cebi

Dettagli

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Genova I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.98 88. Superficie (km ),9 1.8,79 Densità (ab. per km ).8, 7, * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi

4. ANALISI DEL CONTESTO. 4.1 Analisi del Contesto Esterno. In sintesi 4. ANALISI DEL CONTESTO 4.1 Analisi del Contesto Esterno In sintesi Macro-ripartizione: Centro Superficie: 9.401,38 Km 2 Comuni: 236 Abitanti: 1.553.138 % di stranieri residenti: 9,0 Indice di vecchiaia

Dettagli

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Bolzano/Bozen. I numeri del comune. Abitanti* 105.713 515.714 Superficie (km 2 ) 52,29 7.398,38 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes Il benessere equo e sostenibile nelle città Bolzano/Bozen I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.7.7 Superficie (km ),9 7.98,8 Densità (ab. per km )., 9,7 * al.. Numero Addetti unità locali

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di.

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di. REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 5.3 Attivazione di iniziative mirate di marketing finalizzate a promuovere le risorse endogene e ad attrarre investimenti esterni nei settori avanzati

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69

Bari. I numeri del comune. Abitanti* 322.751 1.261.964 Superficie (km 2 ) 117,39 3.862,88 Densità (ab. per km 2 ) 2.749,4 326,69 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Bari I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.71 1.1.9 Superficie (km ) 117,9.8,88 Densità (ab. per km ).79,,9 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3.

Firenze. I numeri del comune. Abitanti* 377.207 1.007.252 Superficie (km 2 ) 102,32 3.513,69 Densità (ab. per km 2 ) 3. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Firenze I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 377.7 1.7. Superficie (km ) 1,3 3.13,69 Densità (ab. per km ) 3.686,9 86,66 * al 1.1.1

Dettagli

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni.

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Quali sono le aspettative delle imprese, come le imprese riconoscono e valorizzano la qualità dell'offerta: l'esperienza

Dettagli

NOTA. Integrazione all intervento dell Amministratore Delegato Ing. Cristiano Cannarsa

NOTA. Integrazione all intervento dell Amministratore Delegato Ing. Cristiano Cannarsa 25 gennaio 2012 NOTA Oggetto: Audizione della Sogei S.p.A. del 9 novembre 2011 presso la Commissione Finanze e tesoro del Senato Integrazione all intervento dell Amministratore Delegato Ing. Cristiano

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14

Trieste. I numeri del comune. Abitanti* 204.849 235.700 Superficie (km 2 ) 85,11 212,51 Densità (ab. per km 2 ) 2.407,01 1.109,14 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Trieste I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti*.89.7 Superficie (km ) 8,11 1,1 Densità (ab. per km ).7,1 1.19,1 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione

Tabella 1. Definizione degli indicatori. Criteri di selezione Il numero di indicatori che si possono stimare per monitorare una destinazione è potenzialmente molto ampio perché molteplici sono gli aspetti che richiederebbero un controllo costante e sistematico. E

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città Stato dell arte della rilevazione avviata nelle grandi città: primi confronti Maggio 2014 Struttura 1.

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Sergio Zucchetti 1 L evoluzione della finanza pubblica locale Decreti Stammati

Dettagli

ALLEGATO 3. Nota Tecnica e Metodologica SD02U

ALLEGATO 3. Nota Tecnica e Metodologica SD02U ALLEGATO 3 Nota Tecnica e Metodologica SD02U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI BOTTICINO (Provincia di Brescia) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Giugno 2013 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I CARATTERISTICHE DELL

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2012 - Scheda di benchmarking, Comune di Bari Maggio 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2012 - Scheda di benchmarking, Comune di Bari Maggio 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città KPI 2012 - Scheda di benchmarking, Comune di Bari Maggio 2014 Indice del documento Presentazione del

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014

Gli indicatori per la misurazione e la valutazione. KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Gli indicatori per la misurazione e la valutazione della performance dei servizi nelle Grandi Città KPI 2013 - Scheda di benchmarking, Comune di Venezia Dicembre 2014 Fase di Progetto B. Gli indicatori

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI

INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA E PREVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA AL 2010 NELLO SCENARIO TENDENZIALE 6 - ASPETTI METODOLOGICI 7 - INDICATORI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI SETTORI INDUSTRIA, TERZIARIO,

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE: AREA COMUNE (INCLUSIVA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE) Processo Sequenza di processo Area di Attività

Dettagli

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite 12 Dicembre 2012 Denny De Angelis Luca Peyrano 1 Come sarebbe l Italia con 1.000 società quotate Manuela Geranio, Emilia

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti

Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti IL RENDICONTO, LA PRODUZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO Gestione delle risorse finanziarie per l anno 2003: le scelte qualificanti La legge Finanziaria 2003 oltre a confermare la riduzione

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione

Claudio Lattanzi. More Controllo Performance: i dati. unico progetto di modellazione Claudio Lattanzi More Controllo Performance: i dati transazionali ed aggregati in un unico progetto di modellazione Le informazioni sono in continua crescita ma non sempre questo patrimonio aziendale viene

Dettagli

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati Elaborazione promossa dalla Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di CONFINDUSTRIA PADOVA IL RUOLO DEI SERVIZI INNOVATIVI E TECNOLOGICI NELLA STRUTTURA ECONOMICA DI PADOVA E DEL VENETO Settembre 2010

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010

LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010 LuBeC Lucca Beni Culturali 2010 Lucca, 21 e 22 ottobre 2010 IL VALORE DI ARCUS S.p.A.: LE RICADUTE DEGLI INVESTIMENTI SUL SISTEMA PAESE Ettore Pietrabissa Direttore Generale di Arcus S.p.A. 1 GLI EFFETTI

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

Roma, 2 ottobre 2003 Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione Camera dei Deputati

Roma, 2 ottobre 2003 Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione Camera dei Deputati INDAGINE CONOSCITIVA SULL UTILIZZO DELLE RISORSE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI RELATIVE AL PERIODO 1994-99 DOSSIER Attività dell ISTAT nell ambito di programmi co-finanziati attraverso i Fondi Strutturali

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG39U

STUDIO DI SETTORE WG39U A L L E G AT O 9 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG39U A G E N Z I E D I M E D I A Z I O N E I M M O B I L I A R E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto 1. INFORMAZIONI GENERALI SUL REGIME DI AIUTO DA ATTIVARE 1.1 PISL: ContrATTO IMPrESA Contributo all Azione Territoriale per l Occupazione qualificata.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VK18U

STUDIO DI SETTORE VK18U ALLEGATO 11 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VK18U STUDI DI ARCHITETTURA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'obiettivo dell'applicazione dello studio di settore è di attribuire

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG87U

STUDIO DI SETTORE VG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG87U CONSULENZA FINANZIARIA, AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli

Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia

Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia Sviluppare la previdenza complementare in un contesto di PMI Il caso del Fondo Pensione Regionale del Friuli Venezia Giulia Seminario Assoprevidenza, Novembre 2010 P.Marizza Agenda Il progetto lo stato

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

Premessa Convenzione Veneto Lavoro - Università di Padova. Costruzione di LALLA

Premessa Convenzione Veneto Lavoro - Università di Padova. Costruzione di LALLA Convegno Dati e indicatori possibili sull inserimento lavorativo e professionale Relazione: L utilizzo del SILV (sistema informativo lavoro del Veneto) per l analisi degli esiti occupazionali dei laureati

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Luigi Di Falco Responsabile Servizio Vita e Welfare Le assicurazioni vita In un contesto di ricchezza delle famiglie italiane stabile, cresce la quota in assicurazioni vita

Dettagli

di impatto del nuovo ISEE

di impatto del nuovo ISEE Aree Metropolitane Il sistema di valutazione di impatto del nuovo ISEE Clesius srl Il cloud computing Uno dei maggiori trend nel settore ICT di questi ultimi anni è senza dubbio il Cloud Computing, ovvero

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca

La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca La crisi e le prospettive della manifattura in Italia Fulvio Coltorti, Direttore emerito dell Area Studi Mediobanca 4 aprile 2014 i 100 anni Maserati Da dove veniamo? Declino & trasformazione 1974 1975

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

FORMIT. Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e sulla Integrazione delle Tecnologie Ente Morale riconosciuto con status consultivo presso l ONU

FORMIT. Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e sulla Integrazione delle Tecnologie Ente Morale riconosciuto con status consultivo presso l ONU Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e sulla Integrazione delle Tecnologie Ente Morale riconosciuto con status consultivo presso l ONU STRATEGIE ED AZIONI DI SOSTEGNO AL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO:

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013

L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013 L ANDAMENTO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA SICILIA NEL 2013 Analisi dei dati statistici e risultati della seconda indagine empirica sulle imprese siciliane 2013 Parte I analisi dei dati statistici

Dettagli

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP

L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP L associazione degli Enti di Previdenza Privati AdEPP Gli iscritti 2 Il numero degli iscritti AdEPP al 2013 è pari a 1.416.245 unità, con un aumento percentuale del 15,7% tra il 2005 e il 2013. Se si considera

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG82U

STUDIO DI SETTORE VG82U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG82U SERVIZI PUBBLICITARI, RELAZIONI PUBBLICHE E COMUNICAZIONE 862 CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015. Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI OSSERVATORIO ECONOMICO Maggio 2015 a cura della Tommaso Di Nardo Gianluca Scardocci 112 110 108 106 104 102 100 Roma 15 giugno 2015

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Fonti di dati e strumenti utilizzati per analisi statistiche a supporto dei processi decisionali

Fonti di dati e strumenti utilizzati per analisi statistiche a supporto dei processi decisionali Comune di Trieste Fonti di dati e strumenti utilizzati per analisi statistiche a supporto dei processi decisionali Evento: L informazione statistica per il territorio: strumenti e buone pratiche CCIAA

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli