MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE"

Transcript

1 MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO MARZO Scenari e posizionamento strategico nel territorio Conoscere per valutare e programmare 1 Sergio Zucchetti 1

2 Modello Valutazione delle Politiche Pubbliche Il modello consente di valutare le ricadute territoriali delle programmazioni strategiche e settoriali a valenza territoriale sia in termini aggregati, sia considerando la distribuzione degli effetti sul territorio. 2

3 Piano Regionale di Sviluppo Programmazione economica Indicatore di Performance del Territorio Obiettivi di Governo Pianificazione territoriale 3

4 Analisi Statistica La costruzione del set di indicatori ha comportato una prima ricognizione del patrimonio statistico per comprendere: la natura dell informazione il grado di dettaglio l informazione storica il livello di territorializzazione dei dati e una seconda riclassificazione per natura e livello di territorializzazione dell informazione. 4

5 Indicatore Sintetico di Priorità: cosa e come Consente agli attori coinvolti nel processo di programmazione di decidere, al fine di ottimizzare l intervento pubblico sul territorio: dove investire (definizione delle aree prioritarie d intervento) cosa fare (definizione del rating degli investimenti) come fare (individuazione degli strumenti operativi) In altre parole la metodologia consente di capire: perché e in quali aree geografiche è utile e opportuno iniettare risorse pubbliche nel sistema economico quale impatto economico è in grado di generare tale intervento 5

6 Indicatori di Equa Ripartizione Indicatori di Stato di Salute Distribuzio ne trasferimenti correnti Distribuzio ne trasferimenti in conto capitale Indicatore Sintetico di Priorità Indicatori di Impatto Economico Stock di Ricchezza Intensità dell attivit attività produttiva Attrattività dell area Caratteristich e territoriali Impatto indotto dal volume delle spese Impatto indotto dalla qualità della spesa 6

7 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Definizione del set informativo. Approntamento di una folta batteria di indicatori economici a livello comunale che, complessivamente considerati, forniscono un quadro esauriente della situazione economica di un area locale, permettendo di distinguere tra le aree che si trovano in situazione di relativa difficoltà e quelle che versano in buonstato di salute economica. Allineamento. Poiché ogni indicatore ha una sua propria metrica di misurazione (i depositi bancari si misurano in milioni di Euro, le unità locali in migliaia, i consumi elettrici in KW e via dicendo), al fine di rendere omogenee le misurazioni sono state definite solo grandezze relative (normalizzando rispetto alla popolazione, al numero addetti, alla superficie territoriale e altro), o tassi di variazione %. 7

8 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Ponderazione. Definizione di un sistema di pesi. Il sistema di pesi deve contemplare considerazioni a-priori di carattere strettamente economico, sociale, statistico (la qualità e la disponibilità dei dati) e matematico (impiego di strumenti di programmazione dinamica lineare). Aggregazione. Costruzione, tramite aggregazione ponderata dei singoli indicatori di cui al punto (1) e sulla base di pesi di cui al punto (3), della Mappa delle Opportunità, che sintetizza in un numero tutte le informazioni veicolate dai diversi singoli indicatori economici in merito alle caratteristiche rilevanti delle varie aree territoriali. 8

9 Metodologia degli indicatori sintetici e compositi Normalizzazione. A ciascuno dei singoli indicatori è stata applicata una procedura di normalizzazione14 in virtù della quale i valori assunti da ciascun indicatore risultano distribuirsi (non uniformemente) lungo l intervallo [0-1]; questa procedura rende agevoli e immediati i confronti incrociati tra comuni e indicatori. Indji= (Valji-MiniValji)/(MaxiValji-MiniValji), dove j=indicatore, i=comune Definizione del ranking. La normalizzazione [0-1] è cruciale anche perché rende immediata la definizione del ranking delle aree dismesse in funzione della rilevanza/interesse regionale. Ai comuni che presentano valori dell indicatore sintetico vicini allo 1 si associa elevato interesse regionale; l opposto si verifica se l indicatore sintetico assume valori vicini a 0. 9

10 Indicatori dello Stato di Salute Forniscono indicazioni circa l opportunità di erogare finanziamenti a favore di un sistema economico Permettono di discriminare tra aree economicamente meno sviluppate e territori che versano in migliori condizioni di salute economica 10

11 Sezione I: indicatori dello stato di salute Sottosezione I.I. Indicatori dello stock ricchezza comunale (peso su sez. I: 0.30) IND1: Volume depositi bancari comunali procapite (0.04); [03] IND2: % Volume depositi banc.comun. procapite (0.03); [03/02, bp] IND3: % Volume depositi banc.comun. procapite (0.01); [03/01, lp] (approssimano la ricchezza e la capacità di risparmio del risparmiatore medio) IND4: % Volume Depositi Bancari comunali (0.03); [03/02, bp] IND5: % Volume Depositi Bancari comunali (0.01); [03/01, lp] (misurano la capacità complessiva di attrarre risparmio privato anche di non residenti) 11

12 segue Sottosezione I.I. IND6: Entrate tributarie comunali procapite (0.04); [02] IND7: % Entrate tributarie comunali procapite (0.03); [02/01, bp] IND8: % Entrate tributarie comunali procapite (0.01); [02/99, lp] (approssimano la capacità contributiva del contribuente medio) IND9: % Entrate tributarie totali comunali (0.03); [02/01, bp] IND10: % Entrate tributarie totali comunali (0.01); [02/99, lp] (misurano la capacità comunale di attrarre e drenare risorse anche di non residenti) IND11: Ici comunale procapite (0.02); [02] IND12: % Ici comunale procapite (0.01); [02/01, bp] IND13: % Ici comunale procapite (0.01); [02/99, lp] (approssimano la capacità contributiva del contribuente medio) IND14: % Ici comunale (0.01); [02/01, bp] IND15: % Ici comunale (0.01); [02/99, lp] (misurano la capacità comunale di attrarre e drenare risorse anche di non residenti) 12

13 Sottosezione I.II. Indicatori di intensità dell attività produttiva Sottosezione I.II. Indicatori di intensità dell attività produttiva (peso su sez. I: 0.40) IND16: Unità locali attive (U.L.)/ superf comunale (0.08) [01] IND17: % Unità locali (0.07); [01/91 lp]*ind16 IND18: % Unità locali (0.05); [01/96 bp]*ind16 IND19: Addetti / superf comunale (0.08); [cens 2001] IND20: % Addetti (0.07); [01/91 lp] *IND19 IND21: % Addetti (0.05); [01/96, bp] *IND19 13

14 Sottosezione I.III. Indicatori di attrattività Sottosezione I.III. Indicatori di attrattività (peso su sez. I: 0.20) IND22: Addetti comunali / popolazione residente comunale (0.07); [01] IND23: % (Addetti comun. / pop. Resid. Comun.) (0.065); [01/96,bp] IND24: % (Addetti comun. / pop. Resid. Comun.) (0.065); [01/91,lp] (misurano la capacità del comune di attrarre occupazione) 14

15 Sottosezione I.IV. Caratt. territoriali e dotaz. infrastrutturale Sottosezione I.IV. Caratteristiche territoriali e dotazione infrastrutturale (peso su sez. I: 0.10). IND25 # procapite scuole dislocate in territorio comunale (0.05) [05] IND26 # procapite strutture sanitarie operanti sul territorio (0.05) [05] 15

16 16

17 17

18 18

19 19

20 Indicatori di Equità Distributiva Forniscono indicazioni circa l equità di un intervento finanziario dal punto di vista redistributivo Permettono di individuare aree che hanno già beneficiato in passato di tali finanziamenti e territori che invece sono rimasti relativamente più scoperti 20

21 Sezione II: indicatori di Ripartizione Bilanciata Sottosezione II.I Distribuzione trasferimenti in conto capitale (peso su sez.ii: 0.80) IND27: trasf in conto capitale dalle regioni / popolazione comunale (0.20); [02] IND28: trasf. dallo stato / popolazione comunale (0.10); [02] IND29: % trasf. da regioni a comune (0.20); [02/01,bp] IND30: % trasf. da regioni a comune (0.05); [02/99,lp] IND31: % trasf. da stato a comune (0.10); [02/01bp] IND32: % trasf. da stato a comune (0.15); [02/99,lp] 21

22 Sottosezione II.II Distribuzione trasferimenti correnti Sottosezione II.II Distribuzione trasferimenti correnti (peso su sez.ii: 0.20) IND33: trasf correnti dalle regioni / popolazione comunale (0.05); [02] IND34: trasf dallo stato / popolazione comunale (0.02); [02] IND35: % trasf. da regioni al comune (0.05); [02/01,bp] IND36: % trasf. da regioni al comune (0.01); [02/99,lp] IND37: % trasf. dallo stato al comune (0.03); [02/01,bp] IND38: % trasf. dallo stato al comune (0.04); [02/99,lp] 22

23 23

24 24

25 25

26 Indicatori di Impatto Economico Forniscono indicazioni sugli effetti economici prodotti nel corso del tempo da politiche di intervento pubblico a carico del tessuto economico locale e della sua capacità di produrre ricchezza e sviluppo 26

27 Sottosezione III.I. Impatto indotto dal volume della spesa Sottosezione III.I. Impatto indotto dal volume della spesa (peso su sez. III: 0.80) IND39: addetti(t) / tot spese conto capitale(t-j) (0.12); [01-96/02-01] IND40: addetti / tot spese (0.18); [01-96/02-99] IND41: addetti / tot spese (0.10); [01-91/02-99] IND42: unità locali / tot spese (0.12); [01-96/02-01] IND43: unità locali / tot spese (0.18; [01-96/02-99] IND44: unità locali / tot spese (0.10); [01-91/02-99] 27

28 Impatto indotto dalla qualità della spesa Consente di correlare le variabili strutturali del tessuto economico con la propensione agli investimenti delle Amministrazioni Pubbliche e la loro capacità di Programmare, esso infatti sintetizza: Quanto e come gli investimenti pubblici sono in grado di generare sviluppo La capacità delle Amministrazioni Pubbliche di spendere bene, ossia di erogare risorse per investimenti senza ingessare il proprio bilancio 28

29 Sottosezione III.II Impatto indotto dalla qualità della spesa Sottosezione III.II Impatto indotto dalla qualità della spesa (peso su sez. III: 0.20) IND45: addetti / RIF (0.025); [01-96/02-01] IND46: addetti / RIF(0.05); [01-96/02-99]] IND47: addetti / RIF (0.025); [01-91/02-99] IND48: unità locali / RIF(0.025); [01-96/02-01] IND49: unità locali / RIF (0.05); [01-96/02-99] IND50: unità locali / RIF (0.025); [01-91/02-99] 29

30 segue Sottosezione III RIF = Rigidità Finanziaria Autonomia finanziaria Rigidità strutturale Saldo procapite Ponderazione 35 % ponderazione 30 % ponderazione 35 % L'autonomia finanziaria è data dal rapporto tra le Entrate proprie (Titolo I: Entrate Tributarie; Titolo III: Entrate extratributarie) e il totale delle Entrate correnti (Titolo I: Entrate Tributarie; Titolo II: Entrate da Trasferimenti; Titolo III: Entrate extratributarie La Rigidità strutturale è data dal rapporto tra la somma delle Spese per il personale, Spese per interessi passivi pagati sul debito e Spese per il rimborso delle quote di capitale pagate sul debito, e la somma delle Entrate tributarie, Entrate da Trasferimenti ed Entrate extratributarie (Entrate correnti) Differenza pro-capite tra le spese in conto capitale e i trasferimenti in conto capitale 30

31 31

32 Il sistema di navigazione: Metodologia di lavoro 1. Definizione delle variabili target alte ; 2. Individuazione dei fattori che concorrono a definire l evolversi delle variabili target; 3. Misurazione dei target e dei fattori che li determinano mediante predisposizione di indicatori quantitativi integrati da valutazioni qualitative; 4. Ricostruzione dell architettura di interconnessione tra target e tra target e i fattori di influenza; 22/03/

33 Il sistema di navigazione: Metodologia di lavoro Sulla scorta dei 4 step precedenti: 1. Ricostruzione dello scenario evolutivo inerziale ; Inerziale: proiezione delle dinamiche fisiologiche già in atto + effetti di azioni/interventi in corso d opera o già decisi e da implementare; 2. Definizione della matrice di policy che individua: Gli strumenti/interventi/leve che più impattano su ciascun target Loro possibili traduzioni operative (fattibili e al contempo originali) 3. Simulazione di scenari evolutivi di policy alternativi a quello inerziale; Prodotti muovendo le leve come da matrice di policy Rilevanza suggerimenti/indicazioni/curiosità del Tavolo 33

34 Le variabili target Le variabili target individuate come obiettivi da scenarizzare : Competitività Performance Economica e Benessere (non solo economico) Attrattività Efficienza Innovazione 34

35 L articolazione delle variabili target Ogni target è articolato in specifiche macro-famiglie. Ciò consente, al contempo, flessibilità di ragionamento e più facile connessione con misure e interventi previste nella matrice di policy. 35

36 ..ecco le macro-famiglie Competitività Imprese Capitale Umano Servizi Infrastrutture Pubblica Amministrazione Performance e benessere Economico Sociale Ambientale Attrattività Produttiva (imprese e investimenti) Mercato del Lavoro (persone) Reddituale e Fiscale (residenti e imprese) Turistica (visitatori) Servizi e Sicurezza (residenti e imprese) 36

37 eccone altre.. Efficienza e Matching/Gap Produttiva Da Governance Domanda e Offerta di lavoro Infrastrutturale Innovazione R&S Modello specializzazione produttiva Capitale Umano 37

38 Gli indicatori Ciascun fenomeno socio-economico è misurato mediante uno o più indicatori La loro aggregazione ragionata per blocchi definisce l andamento delle famiglie che influenzano i target Gli indicatori hanno profondità temporale Alcuni fenomeni (e i rispettivi indicatori) possono entrare in più di una famigliare e influenzare target diversi In alcuni dei casi del punto è possibile che un medesimo fenomeno abbia impatto desiderabile su un target e indesiderabile su un altro 38

39 Declinazione degli indicatori Per ogni indicatore di base si è proceduto a calcolare A) il valore provinciale e regionale, B) l evoluzione temporale, C) il gap tra provincia di Varese e il dato regionale e D) l evoluzione nel tempo del gap. IND 1 Anni Livelli Varese Livelli Lombardia Delta Varese Gap (Varese - Lobardia) Delta Gap (Varese - Lobardia) ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2500 0,1250-0,0061 0,1250-0, ,2439 0,1299-0,0061 0,1140-0, ,2703 0,1471 0,0264 0,1232 0, ,2941 0,1639 0,0238 0,1302 0, ,2703 0,1493-0,0238 0,1210-0, ,1852 0,1282-0,0851 0,0570-0, ,1852 0,1282-0,0851 0,0570-0,

40 Un noiosissimo elenco: Gli indicatori per famiglie (a dx) e target Target COMPETITIVITA Ind 1 % popolazione sul totale Capitale Umano Ind 2 tasso dipendenza dai giovani Capitale Umano Ind 3 1/ "ass"(%maschi (15-54)-%femmine(15-54)) Capitale Umano Ind 4 tasso attività Capitale Umano Ind 5 1/ "ass"(tasso att maschi- tasso att femmine) Capitale Umano Ind 6 tasso di occupazione Capitale Umano Ind 7 1/ "ass"(tasso occ maschi- tasso occ femmine) Capitale Umano Ind 8 % forze lavoro su pop attiva Capitale Umano Ind 9 1/ "ass"(% maschi forze -% femmine forze lavoro) Capitale Umano Ind 10 % iscritti superiori/pop under 24 Capitale Umano Ind 11% diplomati superiori/pop Capitale Umano Ind 12 % iscritti tot corsi/pop under 24 Capitale Umano Ind 13 % professionalità qualificate sul totale Capitale Umano Ind 14% Spese per formazione su V.A. provinciale Capitale Umano 40

41 Ind 15 numero imprese totali attive Imprese Ind 16 % imprese attive nei settori elevata crescita Imprese Ind 17 dimensione media impresea Imprese Ind 18 1/varianza (% imprese per settore) Imprese Ind 19 % exp in paesi a elevata crescita Imprese Ind 20 importazioni /V.A. provinciale Imprese Ind 21 exp/imp Imprese Ind 22 % fallimenti (o procedure concorsuali)/tot imprese Imprese Ind 23 % protesti su imprese e persone Imprese Ind 24 impieghi/depositi Imprese Ind 25 costo medio del debito Imprese Ind 26 indicatori di accessibilità Imprese Ind 27 sofferenze/impieghi Imprese Ind 28 saldo annuale (avviamenti/cessazioni) Imprese 41

42 Ind 29 Networking: numero associati/tot imprese del bacino Imprese Ind 30 n.brevetti / n.imprese Imprese Ind 31 % Spesa per ricerca su V.A. Imprese Ind 32 Prezzi al Consumo: inverso (cioè 1/X) di DELTA prezzi prov; Imprese Ind 33 Prezzi al Consumo: inverso (cioè 1/X) di (delta prezzi prov - delta prezzi regione) Imprese Ind 34 numero Istituti scolastici e sanitari/popolazione Servizi Ind 35 numero Istituti scolastici e sanitari/superficie ter Servizi Ind 36 numero musei, cinema, biblioteche/popolazione Servizi Ind 37 numero musei, cinema, biblioteche/superficie ter Servizi Ind 38 numero sportelli bancari/popolazione Servizi Ind 39 numero sportelli bancari/superficie ter Servizi Ind 40 Reati: inverso (cioè 1/X) di reati/popolazione P.A. Ind 41 Km rete viairia/sup territoriale Infrastrutture 42

43 segue Ind di base Benessere e Performance Target BENESSERE E PERFORMANCE Ind 1 delta V.A Economico Ind 2 delta fatturato Economico Ind 3 delta Occupazione Economico Ind 4 delta produzione Economico Ind 5 delta consumi Economico Ind 6 varianza monte redditi e monte consumatori rispetto alle fasce Economico Ind 7 % redditi inferiori a soglia predefinita Economico Ind 8 delta percentuale Investimenti produttivi delle imprese Economico Ind 9 delta percentuale Popolazione Attiva Economico Ind 10 delta percentuale Occupati Economico Ind 11 delta percentuale Ore lavorate Economico Ind 12 % tasso di occupazione Economico Ind 13 inverso (cioè 1/x) di tasso di disoccupazione Economico Ind 14 quotazioni medie prezzi mercato immobiliare Economico Ind 15 delta percentuale Imprese attive Economico Ind 16 delta percentuale addetti Economico Ind 17 % produttivo e commerciale / superficie totale Economico Ind 18 gettito IRPEF / popolazione Economico Ind 19 exp-imp Economico Ind 20 inverso (cioè 1/X) di DELTA% sofferenze Economico 43

44 Ind 21 rapporto sofferenze/impieghi Economico Ind 22 numero ore Cassa integrazione/occupati Economico Ind 23 numero ore Cassa Integrazione in deroga/occupati Economico Ind 24 saldo avviamenti e cesazioni Economico Ind 25 rapporto consumi produttivo elettrici/ numero imprese Economico Ind 26 rapporto consumi residenziale elettrici / numero persone Economico Ind 27 numero veicoli circolanti/popolazione Economico Ind 28 (depositi+impieghi)/popolazione Economico Ind 29 delta percentuale popolazione Sociale Ind 30 immigrazione/popolazione tot Sociale Ind 31 numero lavoratori in mobilità/ tot occupati Sociale Ind 32 numero esercizi commerciali/superficie territoriale Sociale Ind 33 numero istituti scolastici e sanitari/superficie Sociale Ind 34 numero istituti scolastici e sanitari/popolazione Sociale Ind 35 numero museu cinama e biblioteche/superficie Sociale Ind 36 numero sportelli bancari/superficie Sociale Ind 37 inverso di (numero reati/popolazione) Sociale Ind 39 dotazione monitor + dati ambientali (li ho) Ambientale Ind 40 inverso di numero veicoli circolanti/km rete viaria Ambientale 44

45 Target ATTRATTIVITA Ind 1 Tasso di occupazione Mercato del lavoro Ind 2 Tasso di disoccupazione Mercato del lavoro Ind 3 Migrazione: (in-out)/popolazione*1000 Mercato del lavoro Ind 4 Costo abitazione: Indice Prezzi Istat capitolo 4 Mercato del lavoro Ind 5 PIL procapite Reddituale - fiscale Ind 6 V.A procapite Reddituale - fiscale Ind 7 Fatturato per impresa Reddituale - fiscale Ind 8 Inverso delta prezzi complessivi Reddituale - fiscale Ind 9 numero veicoli circolanti procapite Reddituale - fiscale Ind 10 (depositi+impieghi)/popolazione Reddituale - fiscale Ind 11 Consumi procapite Reddituale - fiscale Ind 12 Varianza redditi per scaglioni Reddituale - fiscale Ind 13 Varianza contribuenti per scaglioni Reddituale - fiscale Ind 14% Redditi bassi sul tot reddito Reddituale - fiscale 45

46 Ind 15 % imprese servizi alla persona su tot imprese Mercato del lavoro Ind 16 % addetti imprese servizi alla persona su tot addetti Mercato del lavoro Ind 17 %imprese servizi alla imprese su tot imprese Produttiva Ind 18 % addetti imprese servizi alle imprese su tot addetti Produttiva Ind 19 % aree dismesse su sup territoriale Mercato del lavoro Ind 20 Arrivi turistici/popolazione Turistica Ind 21 Presenze turistiche/arrivi Turistica Ind 22 dotazione infrastrutture trasporto e logistiche su superficie; Turistica Ind 23 inverso rapporto veicoli dotazione rete viaria Turistica Ind 24 dotazione istituti scolastici (numero classi) e sanitari (numero posti letto) su popolazione Servizi e sicurezza Ind 25 addetti alle imprese ricreativo-culturali/superf. Servizi e sicurezza Ind 26 imprese attività ricreativo-culturali per 1000 abitanti Servizi e sicurezza Ind 27 sportelli bancari per 1000 abitanti Servizi e sicurezza Ind 28 reati per 1000 abitanti Servizi e sicurezza 46

47 Target EFFICIENZA Ind 1 delta V.A. Produttiva Ind 2 V.A./ o addetti Produttiva Ind 3 Capacità produttiva utilizzata Produttiva Ind 4 % Popolazione Attiva su pop totale Produttiva Ind 5 gap maschi attivi /femmine attive Produttiva Ind 6 varianza classi di età pop attiva Produttiva Ind 7 % Popolazione occupatia su pop totale Produttiva Ind 8 gap maschi occupati /femmine occupati Produttiva Ind 9 varianza classi di età pop occupati Produttiva Ind 10 gap maschi/femmine tasso di disoccupazione Produttiva Ind 11 varianza classi di età tasso di disoccupazione Produttiva Ind 12 varianza addetti tra settori Produttiva Ind 13 varianza esportazioni tra settori Produttiva Ind 14 % fallimenti (o procedure concorsuali)/tot imprese; Produttiva Ind 15 % protesti su imprese Finanziaria 47

48 Ind 16 impieghi/depositi Finanziaria Ind 17 costo medio del debito Finanziaria Ind 18 accessibilita al credito Finanziaria Ind 19 inverso di DELTA sofferenze Finanziaria Ind 20 inverso di rapporto sofferenze/impieghi o depositi Finanziaria Ind 21 saldo avviamenti-cessazioni Produttiva Ind 22 Successo formativo qualificati corsi di formazione profess a un anno dalla qualifica per qualifica professionale Domanda Offerta di lavoro Ind 23 inverso di varianza (Apprendisti assunti attivi e formati per settore e qualifica e tipologia di formazione) rispetto ai settori e qualifiche Domanda Offerta di lavoro Ind 24 matching % tra Professionalità richiestee somma laureati+diplomati per tipologia Domanda Offerta di lavoro Ind 25 numero associati/tot imprese del bacino Governance Ind 26 inverso di rapporto consumi elett produttivo/ numero imprese Produttiva Ind 27 inverso di consumi elett residenziale/ numero persone Produttiva Ind 28 Inverso di numero veicoli/km rete viaria Produttiva Ind 29 Km/sup territoriale; Infrastrutturale Ind 30 (addetti/popolazione)/(km rete viaria+ferroviaria); Infrastrutturale Ind 31 impieghi/depositi Finanziaria 48

49 Target INNOVAZIONE Ind 1 %fatturato (o prod) dei settori high tech sul totale fatturato Settori Ind 2 % imprese attive settori high tech sul totale Settori Ind 3 dimensione media imprese Settori Ind 4 % addetti delle imprese settori high tech sul totale addetti Settori Ind 5 % exp in aree high tech sul totale exp Settori Ind 6 %exp prodotti high tech sul totale exp; Settori Ind 7 %imp prodotti high tech sul totale imp; Settori Ind 8 % importazioni da aree high tech sul totale imp Settori Ind 9 (exp-imp) high tech Settori Ind 10 % popolazione 25-54; Capitale umano Ind 11 tasso dipendenza dai giovani Capitale umano Ind 12 % attiva su totale popolazione; Capitale umano Ind 13 % sul totale attiva Capitale umano 49

50 Ind 14 % su totale occupati Capitale umano Ind 15 % occupati con elevato titolo studio o mansione o contratto sul totale Capitale umano Ind 16 % iscritti superiori/pop under 24 Capitale umano Ind 17 % diplomati superiori/pop Capitale umano Ind 18 % professionalità qualificate sul totale Capitale umano Ind 19 % spese formazione su V.A. provinciale Capitale umano Ind 20 % laureati/popolazione; % laureati facoltà high tech/laureati totali Capitale umano Ind 21 Numero brevetti/n.imprese R&S Ind 22 % Spese ricerca e sviluppo su V.A. R&S Ind 23 Numero centri ricerca/superficie territoriale R&S Ind 2 Numero addetti centri/popolazione R&S Ind 25 Indice completezza e numero addetti filiere tecnologiche su addetti totali R&S 50

51 L aggregazione Tutti gli indicatori di base, utilizzando la metodologia degli indicatori compositi, sono stati aggregati prima per famiglie e successivamente in Indicatori Sintetici delle variabili target IND COMPETITIVITA' INDICATORE SINTETICO COMPETITIVITA' INERZIALE INDICATORE SINTETICO COMPETITIVITA' POST POLICY anni SERVIZI INFRASTRUTTURE IMPRESE CAPITALE UMANO P.A , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

52 Un tentativo di schema riassuntivo Definizione della Matrice di Policy Definizione dello scenario inerziale vs scenario di policy IND TARGET IND TARGET IND FAM. IND FAM. IND FAM. IND BASE IND BASE IND BASE IND BASE IND BASE 52

53 LO SCHEMA VISIVAMENTE SCENARIO DI POLICY NUOVO INERZIALE SCENARIO INERZIALE SCENARIO STATICO TREND STORICO POLICY Policy sui singoli fenomeni (indicatori) Trasmissione agli indicatori di Sezione Trasmissione alla variabile target Policy direttamente sugli indicatori di sezione 53

54 SCENARIO INERZIALE: COMPETITIVITA (risultati preliminari e provvisori) SERVIZI INFRASTRUTTURE IMPRESE CAPITALE UMANO P.A. INDICATORE DI SINTESI 54

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 CONTRATTO METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 IMPIEGATI OPERAI LIV. QUALIFICA RETRIBUZIONE INDENNITA' TOTALE TOTALE mensile mensile TABELLARE INT. PROV. MESE ORA orario 01.01.02

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo "Convergenza"

PROGRAMMI OPERATIVI NAZIONALI 2007-2013 Obiettivo Convergenza UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali e Pari Opportunità Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli