La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche. Savona, 14 Giugno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche. Savona, 14 Giugno 2008"

Transcript

1 La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche Savona, 14 Giugno 2008

2 Definizione Diverticolosi del colon: mera presenza di diverticoli in assenza di sintomatologia Malattia diverticolare: quadro sintomatologico associato alla presenza dei diverticoli. Diverticolite: infiammazione acuta di uno o più diverticoli ed espressione di malattia diverticolare complicata

3 Epidemiologia: distribuzione per età Età Uomini Donne II %

4 PREVALENZA E TASSO DI MORTALITA Popolazione Totale Europea % individui con diverticoli 27,3% tasso annuale di ricoveri per malattia diverticolare 209/ incidenza annuale di perforazione colica per diverticoli 16/ Tasso di mortalità di pts ricoverati per malattia diverticolare 3% Numero di morti per malattia diverticolare /anno Diverticular disease of the colon in Europe: epidemiology, impact on citizen healthand prevention M. Delvaux. APT 2003; 18 (suppl, 3):

5 CLINICA: SINTOMI PIU FREQUENTI Dolore/fastidio addominale intermittente Meteorismo e flatulenza Alvo irregolare (feci caprine e/o diarrea/stipsi) Nausea, malessere generale, tenesmo Rettorragia minore Sintomi urologici (disuria, stranguria) Febbricola L 80% dei pazienti con diverticoli rimane asintomatico

6 Clinica MALATTIA DIVERTICOLARE DIVERTICOLITE <5% DIVERTICOLOSI Asintomatica 80% MALATTIA DIVERTICOLARE Sintomatica 15% Microperforazione Macroperforazione Dolore Emorragia Flogosi Locale Ascesso Fistola Ostruzione Perforazione

7 MALATTIA DIVERTICOLARE Dieta ad alto contenuto di fibre e antimeteorici Antispastici Antibiotici topici Fermenti lattici ad alta concentrazione 5-ASA DIVERTICOLITE Lieve (ospedalizzazione?) Grave (ospedalizzare!) Dieta idrica Riposo a letto Come trattare??? Antibiotico-tp. ampio spettro (amox+ac clav/cipro+metron) Aspirazione naso-gastrica NPT Bilancio idro-elettrolitico Antibiotico-tp (metro/gent/aztr/cefalo)

8 Ruolo delle fibre nella malattia diverticolare Vecchia concezione :aumentato apporto di fibre, normale motilità intestinale, aumento della massa fecale.( Burkitt) Nuova concezione: fibre non assorbibili, effetti prebiotici e probiotici, effetto positivo sulla motilità, sull alvo, e benefici sul colon (acidi grassi a corta catena).

9 Risultati della supplementazione di fibre nella malattia diverticolare non complicata Fiber supplementation Trial Pts (n) Daily dose Duration Symptom reduction Painter 1974 Open 62 9 Bran 12-14g Bran 6.7g 8 weeks 89% < 0.02* Brodribb 1977 RCT 9 16 Placebo 0.6 g methylcel 1 g 12 weeks N.S * <0.01 * Hodgson 1977 RCT 11 Placebo bran 7 g 12 weeks N.S * 40% Ornstein et al 1981 RCT 56 Ipsagula husk 9 g placebo 2.3 g 16 weeks 41% 45% Leahy et al 1985 Open High fibre diet > 25g Free diet < 25 g 10 years 81% 56% * = mean symptom score variation from baseline to the end of treatment = p<0.05 L. Petruzziello, G Costamagna, Review APT 2006, vol 23,;

10 Apporto raccomandato di frutta o vegetali: g /die/ per gli adulti Marlett J. Position of the American Dietetic Association : healt implications of dietary fiber. J am diet assoc 20021;102:

11 Quali fibre?? Fibre insolubili lignina cellulosa Fibre solubili pectine gomme mucillagini Fibre miste crusca inulina fruttoligossaccaridi

12 Prebiotici

13 Cos è un prebiotico? Ingredienti non digeribili che stimolano la crescita e/o l attività di uno o più batteri del colon favorendo il benessere dell ospite. ospite. Gibson and Roberfroid, 1995 Non tutte le fibre sono uguali e non tutte le fibre sono prebiotiche. M. Hill. The right fibre for the right disease. ICSS -The Royal Society of Medicine1998 -

14 Azioni fisiologiche della fibra alimentare

15 Effetti fisiologici delle fibre insolubili Grado di fermentabilità molto ridotto Elevata proprietà igroscopica Incremento della massa fecale

16 Effetti fisiologici delle fibre solubili Grado di fermentabilità elevato Fermentazione localizzata prevalentemente nel cieco e nel colon destro Incremento non significativo del volume fecale per aumento della massa batterica Rallentamento della velocità di transito intestinale

17 Does ispaghula husk stimulate the entire colon in diverticular disease? 7 pts con dolore addominale 9 pazienti con alterazioni dell alvo 10 pazienti con diverticoli del colon sn Ispaghula husk 7 g/die x 4 settimane Risultati 4 femmine 6 maschi 5 /7 riduzione del dolore addominale 7/9 miglioramento dell alvo H A Thorburn et al. Gut, 1992, 33;

18 Risultati P<0.05 P= NS P<0.05 P= NS Effetti della fibra ispaghula sui tempi di transito intestinali Effetti della fibra ispaghula sulla pressione intracolica

19 The target Ieri la parete Oggi il lume

20 Probiotici

21 Che cos è un probiotico? Organismi vivi che,se ingeriti in numero consistente, esercitano effetti benefici sulla salute indipendentemente dall alimentazione alimentazione di base Schaafsma G, 1996 Integratore alimentare di microrganismi vivi che esercitano un effetto benefico migliorando l equilibrio microbico intestinale Fuller

22 Quali probiotici????? Organismi con attività probiotica: Lactobacilli Bifidobacteria Streptococci Altri ceppi batterici: Enterococchi E. coli non patogeni Organismi non batterici: Yeasts (Saccharomyces boulardii)

23 Probiotici e malattia diverticolare. Primo studio sull utilizzo utilizzo di probiotici nella malattia sintomatica diverticolare non complicata E. coli Non-patogeno Strain Nissle (Mutaflor cps) Vs. 5 weeks Antibiotico dichlorchinolone Probiotici mostrano un periodo di remissione di 14,1 mesi (p = 0.001) Fricu, Eur J Gastroenterol Hepatol 2003

24 EFFICACIA DIMOSTRATA DEI PROBIOTICI IN: Post-diverticulitis stenoses of the colon (Giaccari, 1993) Uncomplicated acute colonic diverticulitis (Cremonini, 2002)

25 La Rifaximina A poorly Absorbed Antibiotic

26 La Rifaximina Efficacia della rifaximina nel trattamento della malattia diverticolare sintomatica non complicata. Un trial multicentrico in doppio-cieco con placebo. Papi et al, APT 1995

27 La Rifaximina Gruppo Rifaximina 84 pz Pz. con malattia diverticolare non complicata Gruppo Placebo 84 pz Glucomannano 2gr/die Rifaximina 400mg bid per 7gg ogni mese Placebo 2cp bid per 7gg ogni mese Papi et al, 1995 Follow-up trimestrale per 12 mesi

28 Score Globale Global symptom score Gruppo Rifaximina Gruppo Placebo p-<0, mesi 6 mesi 12 mesi Papi et al, 1995

29 La Rifaximina Rifaximina riduce i sintomi della malattia diverticolare non complicata acquisita del colon. Latella et al, Int J colorectal Dis 2003

30 Disegno Studio Score globale durante il follow-up Rifaximina 400 mg x 2 /die + Glucomannano 4 g x 7 giorni al mese vs Glucomannano 4 g/ die Latella et al, Int J colorectal Dis 2003

31 La Rifaximina Efficacia della somministrazione ciclica a lungo termine della Rifaximina della malattia diverticolare non complicata acquisita del colon. World J Gastroenterol ; 13(2):

32 Metodi 307 pazienti assegnati at random a: Rifaximina (400 mg x 2 / die x 7 gg ogni mese) + supplementazione di fibre (almeno 20 gr/die) e sola supplementazione di fibre Risultati La somministrazione ciclica di Rifaximina in aggiunta alla supplementazione di fibre con la dieta è più efficace nel ridurre i sintomi e la frequenza delle complicanze rispetto alla sola supplementazione di fibre.

33 Interazione tra Rifaximina e fibre in pazienti con malattia diverticolare Studio in doppio cieco 64 pazienti con malattia diverticolare non complicata Fibre (20 g/die) + Rifaximina 1.2g/die per 15 giorni Fibre (20 g/die) + placebo Dopo 30 giorni crossover Score sintomatico globale p<0.05 rifaximina+ fibre Baseline fibre+ placebo Endpoint p=ns Rifaximina: -Costipazione: p< Dolore addominale: p< Gonfiore: p<0.01 -Dyspepsia: p=ns - Tenesmo: p=ns Placebo: p =ns per tutti i sintomi D Incà et al.aliment Pharmacol Ther Apr 1;25(7):771-9

34 INFIAMMAZIONE DIVERTICOLARE EssudatO, eritema, edema e tessuto di granulazione peridiverticolare

35 In a fragment from a diverticular orifice, there is a surface exudate of fibrin and neutrophilis, with underlying granulation tissue. S.Ghorai, AJG, 2003, Vol. 98, N 4. Diverticular disease-associated segmental colitis Lamps LW, Knapple WL. Clin Gastroenterol Hepatol Jan;5(1):27-31.

36 SPETTRO DI MALATTIA Coliti microscopiche Melanosis coli Gatroenterite eosinofila Colite da catartici IBS M. diverticolare Enteriti infettive Enterite attinica Colite da diversione Ulcere solitarie del retto Pouchite IBD

37 La Mesalazina

38 Trattamento a lungo termine con mesalazina e rifaximina Vs rifaximina da sola per i pazienti con ricorrenti attacchi di diverticolite acuta del colon Gruppo Mesalazina + Rfx 109 pz Pz. ricoverati per diverticolite 7gg di: Gruppo Rfx 109 pz Rifaximina 400mg bid + 5-ASA 800mg tid Rifaximina 400mg bid A seguire. Rifaximina 400mg bid + Mesalazina 800mg bid 7gg ogni mese Rifaximina 400mg bid 7gg ogni mese Follow-up trimestrale per 12 mesi + colonscopia a 3,6,12 mesi Tursi et al., Dig Liv Dis 2002

39 Recidive di diverticoliti durante il follow-up rifaximina+ mesalazina rifaximina % P<0.01 pre-trattamento 3 mese 6 mese 9 mese 12 mese Tursi et al., Dig Liv Dis 2002

40 MESALAZINA:SOMMINISTRAZIONE CONTINUA VS CICLICA 40 PZ con recente attacco (<3 mesi) di malattia diverticolare non complicata GRUPPO A:18 pz mesalazina 1.6 g/die GRUPPO B: 16 pz mesalazina 1.6 g/die per 10 giorni al mese Pazienti senza sintomi mesi 6 mesi 12 mesi 18 mesi * 24 mesi * p<0.05 Gruppo A Gruppo B Tursi at al, Dig Dis Sci Mar; 52(3):

41 EFFICACY OF MESALAZINE VERSUS RIFAXIMIN IN THE TREATMENT OF SYMPTOMATIC DIVERTICULAR DISEASE Gruppo R1: (41 pts) rifaximina 200 mg bid Gruppo M1: (42 pts) mesalazina 400 mg bid 170 pazienti con diagnosi di malattia diverticolare sintomatica non complicata trattati per 10 giorni ogni mese Gruppo R2: (45 pts) rifaximina 400 mg bid Follow-up: 3 mesi Gruppo M2:(42 pts) mesalazina 800 mg bid Global symptomatic score P=ns P< months 3 months Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 Frequency of symptoms (%) Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 lower abdominal pain tenesmus diarrhoea Di Mario, Franzè et al, Dig Dis Sci 50: ; 2005

42 A 12 MESI DI FOLLOW-UP Group R1: (66 pts) rifaximin 200 mg bid Group M1: (67 pts) mesalazine 400 mg bid 268 pazienti con diagnosi di malattia diverticolare sintomatica non complicata trattati per 10 giorni ogni mese Group R2: (69 pts) Rifaximin 400 mg bid Group M2:(66 pts) mesalazine 800 mg bid Group R1 Group R2 Group M1 Group M rate of symptoms (%) rate of symptoms (%) Abdominal lower pain Tenesmus Bloating Diarrhoea 0 febbre nausea well-being Dysuria Bleeding Di Mario, Franzè et al, Dig Dis Sci 2007; 52(11):

43 Global symptomatic score Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 baseline 3 months 6 months 9 months 12 months Group R1 mean±sd T0 baseline 8.67±4.20 T1 3 months 7.78±4.4 9 T1 vs T0 P=NS T2 6 months 7.07±4.1 7 T2 vs T0 P=NS T3 9 months 6.89±3.4 9 T3 vs T0 P=NS T4 12month s 8.18±4.4 3 T4 vs T0 P=NS Group R2 mean±sd 9.46± ±4.1 6 P< ±6.3 2 P ±4.5 5 P< ±3.3 1 P< Gruppo M1 mean±sd 10.18± ±4.12 P< ±3.4 1 P< ±2.8 9 P< ±1.9 1 P< Gruppo M2 mean±sd 9.48± ±3.7 5 P< ±2.9 2 P< ±2.7 0 P< ±1.6 3 P<0.0001

44 Global symptom score Risultati rifaximin group mesalazine group P=ns P=0,02 P<0,001 P<0,001 P<0,0001 baseline 3 months 6 months 9 months 12 months GSS-T0 Baseline mean±sd *P T2 vs T0 GSS-T2 6 months mean±sd *P T4 vs T0 GSS-T4 12 months mean±sd Rifaximin group (Group R1 + R2) 9.08±4.46 P= ±5.40 P< ±4.07 Mesalazine group (Group M1 + M2) 9.82±4.81 P< ±3.09 P< ±1.86

45 QUALITY OF LIFE IN UNCOMPLICATED DIVERTICULAR DISEASE: IS IT ANOTHER GOOD REASON FOR THE TREATMENT? PF RP BP GH VT SF RE MH diverticulosis group T0 diverticulosis group T1 Italian normative group Comparato G, Franzè A, Di Mario F Dig Dis. 2007;25(3):252-9.

46 QUALITY OF LIFE IN UNCOMPLICATED DIVERTICULAR DISEASE: IS IT ANOTHER GOOD REASON FOR THE TREATMENT? Comparato G, Franzè A, Di Mario F Dig Dis. 2007;25(3): PF RP BP GH VT SF RE MH rifaximin group mesalazine group PF RP BP GH VT SF RE MH rifaximin group mesalazine group

47 Malassorbimento di lattosio in pazienti affetti da malattia diverticolare non complicata 90 pts con malattia diverticolare Lattulosio breath test e lattosio breath test all arruolamento arruolamento e dopo 8 settimane di trattamento. OCTT (orocecal transit time) SIBO Malassorbimento di lattosio Trattati ognuno con : Rifaximina 800mg/die + mesalazina 2.4 g /die per 10 gg seguito da mesalazina 1.6 g per 8 settimane. Risultati OCTT ritardato in 67/ % Intolleranza al lattosio in 59/90 65,55% SIBO in 53/ % 49/59 (71,74%) affetti anche da SIBO e ritardato OCTT Associazione tra malassorbimento di lattosio e SIBO : p< /59 (5,09%) con ritardato OCTT 7/59 (11,86%) senza SIBO o ritardato OCTT Tursi et al. Dig Dis Sci 2006; 51:

48 Dopo 8 settimane di trattamento prima del trattamento dopo trattamento P<0.02 P<0.02 paz con LM paz. Con ML+ SIBO+ ritardato OCTT ritardato OCTT OCTT normale La maggior parte dei pazienti con malattia diverticolare non complicata ha un malassorbimento di lattosio. Il trattamento della patologia colica porta ad una riduzione dello stesso. Tursi et al. Dig Dis Sci 2006; 51:

49 SIBO

50 Mesalazina e probiotici

51 Mesalazina e/o Lactobacillus casei nella prevenzione delle ricorrenze di malattia diverticolare sintomatica non complicata 90 pazienti con malattia diverticolare precedentemente trattati con Rifaximina 800 mg / die + mesalazina 2,4 g / die per 10 giorni seguito Mesalazina 1.6 g/ die per 8 settimane Assegnati at random a 3 trattamenti Mesalazina 1.6 g / die 27 pts Per 12 mesi L. Casei DG 750 mg / die per 15 giorni al mese 29 pts Mesalazina 1.6 g /die + L. casei per 15 giorni al mese 29 pts Tursi et al. J Clin Gastroenterol 2006; 40:

52 Risultati Gruppo Mesalazina: Gruppo L. casei DG: Gruppo Mesalazina + L.casei Asintomatici 23/27 Asintomatici 23/29 Asintomatici 29/29 76,7 % 76,7 % 100% sintomatici asintomatici Sintomi indagati : 1) stipsi, 2) diarrea, 3) dolore addominale, 4) rettorragia, 5) muco nelle feci sintomatici asintomatici sintomatici asintomatici 0= assente 6-7 = moderato score 1-2= molto lieve 8-10 = severo 3-5= lieve Tursi et al. J Clin Gastroenterol 2006; 40:

53 Triveneto Centers Interdisciplinary Group for Ulcer Study (founded 1987) From 2000 Parma Efficacy of Mesalamine and the association of Mesalamine and probiotics versus Rifaximin in the treatment of Symptomatic Diverticular Disease Curlo M. (1), Fanigliulo L. (1), Cavallaro L.G. (2), Altavilla N.(3), Aragona G.(4) Bacchin P. (5), Comparato G. (4), Dal Bò N. (6), De Bastiani R. (5), Fedrizzi F. (7), Marcon V.(8), Marin R. (9), Tafner G.(10), Franzè A. (2), Di Mario F. (1) and G.I.S.U ( Interdisciplinary group for ulcer disease) (1) Section of Gastroenterology, Department of Clinical Sciences, University of Parma, Italy(2) Hospital of Parma, Gastroenterology Unit;(3) Hospital of Albano Laziale, Gastroenterology Unit;(4) Hospital of Piacenza, Gastroenterology Unit; (5) Hospital of Feltre, Gastroenterology Unit;(6) Hospital of Treviso, Gastroenterology Unit; (7) Hospital of Mezzo Corona, Gastroenterology Unit; (8) Hospital of Agordo, Gastroenterology Unit; (9) Hospital of Dolo, Gastroenterology Unit; (10) Hospital of Trento, Gastroenterology Unit.

54 Disegno dello studio Gruppo R: (86 pz) Rifaximina 400 mg bid 243 pazienti consecutivi con malattia diverticolare sintomatica non complicata TRATTATI PER 10 GIORNI AL MESE, OGNI MESE Gruppo M+L.casei DG: (82 pz) Mesalazina 400 mg bid + L. Casei DG 300 mg bid Gruppo M: (75 pts) Mesalazina 800 mg bid

55 Confronto tra terapie ad ogni step Rifaximin Mesalamine Mesalamine+L.casei DG Score Sintomatico Globale T0 T1 T2 T3 vs Rifaximin T1 T2 T3 Mesalamine P<0,05 P<0.05 P<0.05 Kruskal-Wallis test for indipendents samples Mesalamine+ L.casei P<0,05 P<0,05 P<0,05

56 NOTES CONCLUSIONI Prebiotici : ruolo della stipsi Probiotici: prevalenza della SIBO Rifaximina: quale dosaggio? terapia combinata? Mesalazina: terapia ciclica o continuativa? associazioni?

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI

TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI Dalle linee guida alla pratica clinica: tra evidenze e incertezze LECCO, 5 maggio 2009 EBM Migliori evidenze

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo incontinenza fecale è una delle condizioni più debilitanti e gravi che causano isolamento dell individuo, provocano seri problemi psicologici e ne compromettono l integrazione nella società. L incontinenza

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile GIIO DOCUMENTO DI INDIRIZZO Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile Il presente documento è frutto della collaborazione di molte persone ed è stato condiviso con gli organi collegiali

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

La stitichezza nell anziano

La stitichezza nell anziano Che cos è la stitichezza e quali sono le cause?... 2 Perché gli anziani sono a rischio di stitichezza?...4 Come si previene la stitichezza?...6 Come valutare l anziano con stitichezza cronica?... 10 Quali

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota

Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Percorso adolescenza:l agoiniezione di vit K nel punto San Yinjiao per la dismenorrea, risultati di uno studio pilota Grazia Lesi1 Liviana Gammi1 Francesco Cardini2 Annagiulia Gramenzi3 1- Dipartimento

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli