La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche. Savona, 14 Giugno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche. Savona, 14 Giugno 2008"

Transcript

1 La terapia medica della malattia diverticolare e nuove entità nosografiche Savona, 14 Giugno 2008

2 Definizione Diverticolosi del colon: mera presenza di diverticoli in assenza di sintomatologia Malattia diverticolare: quadro sintomatologico associato alla presenza dei diverticoli. Diverticolite: infiammazione acuta di uno o più diverticoli ed espressione di malattia diverticolare complicata

3 Epidemiologia: distribuzione per età Età Uomini Donne II %

4 PREVALENZA E TASSO DI MORTALITA Popolazione Totale Europea % individui con diverticoli 27,3% tasso annuale di ricoveri per malattia diverticolare 209/ incidenza annuale di perforazione colica per diverticoli 16/ Tasso di mortalità di pts ricoverati per malattia diverticolare 3% Numero di morti per malattia diverticolare /anno Diverticular disease of the colon in Europe: epidemiology, impact on citizen healthand prevention M. Delvaux. APT 2003; 18 (suppl, 3):

5 CLINICA: SINTOMI PIU FREQUENTI Dolore/fastidio addominale intermittente Meteorismo e flatulenza Alvo irregolare (feci caprine e/o diarrea/stipsi) Nausea, malessere generale, tenesmo Rettorragia minore Sintomi urologici (disuria, stranguria) Febbricola L 80% dei pazienti con diverticoli rimane asintomatico

6 Clinica MALATTIA DIVERTICOLARE DIVERTICOLITE <5% DIVERTICOLOSI Asintomatica 80% MALATTIA DIVERTICOLARE Sintomatica 15% Microperforazione Macroperforazione Dolore Emorragia Flogosi Locale Ascesso Fistola Ostruzione Perforazione

7 MALATTIA DIVERTICOLARE Dieta ad alto contenuto di fibre e antimeteorici Antispastici Antibiotici topici Fermenti lattici ad alta concentrazione 5-ASA DIVERTICOLITE Lieve (ospedalizzazione?) Grave (ospedalizzare!) Dieta idrica Riposo a letto Come trattare??? Antibiotico-tp. ampio spettro (amox+ac clav/cipro+metron) Aspirazione naso-gastrica NPT Bilancio idro-elettrolitico Antibiotico-tp (metro/gent/aztr/cefalo)

8 Ruolo delle fibre nella malattia diverticolare Vecchia concezione :aumentato apporto di fibre, normale motilità intestinale, aumento della massa fecale.( Burkitt) Nuova concezione: fibre non assorbibili, effetti prebiotici e probiotici, effetto positivo sulla motilità, sull alvo, e benefici sul colon (acidi grassi a corta catena).

9 Risultati della supplementazione di fibre nella malattia diverticolare non complicata Fiber supplementation Trial Pts (n) Daily dose Duration Symptom reduction Painter 1974 Open 62 9 Bran 12-14g Bran 6.7g 8 weeks 89% < 0.02* Brodribb 1977 RCT 9 16 Placebo 0.6 g methylcel 1 g 12 weeks N.S * <0.01 * Hodgson 1977 RCT 11 Placebo bran 7 g 12 weeks N.S * 40% Ornstein et al 1981 RCT 56 Ipsagula husk 9 g placebo 2.3 g 16 weeks 41% 45% Leahy et al 1985 Open High fibre diet > 25g Free diet < 25 g 10 years 81% 56% * = mean symptom score variation from baseline to the end of treatment = p<0.05 L. Petruzziello, G Costamagna, Review APT 2006, vol 23,;

10 Apporto raccomandato di frutta o vegetali: g /die/ per gli adulti Marlett J. Position of the American Dietetic Association : healt implications of dietary fiber. J am diet assoc 20021;102:

11 Quali fibre?? Fibre insolubili lignina cellulosa Fibre solubili pectine gomme mucillagini Fibre miste crusca inulina fruttoligossaccaridi

12 Prebiotici

13 Cos è un prebiotico? Ingredienti non digeribili che stimolano la crescita e/o l attività di uno o più batteri del colon favorendo il benessere dell ospite. ospite. Gibson and Roberfroid, 1995 Non tutte le fibre sono uguali e non tutte le fibre sono prebiotiche. M. Hill. The right fibre for the right disease. ICSS -The Royal Society of Medicine1998 -

14 Azioni fisiologiche della fibra alimentare

15 Effetti fisiologici delle fibre insolubili Grado di fermentabilità molto ridotto Elevata proprietà igroscopica Incremento della massa fecale

16 Effetti fisiologici delle fibre solubili Grado di fermentabilità elevato Fermentazione localizzata prevalentemente nel cieco e nel colon destro Incremento non significativo del volume fecale per aumento della massa batterica Rallentamento della velocità di transito intestinale

17 Does ispaghula husk stimulate the entire colon in diverticular disease? 7 pts con dolore addominale 9 pazienti con alterazioni dell alvo 10 pazienti con diverticoli del colon sn Ispaghula husk 7 g/die x 4 settimane Risultati 4 femmine 6 maschi 5 /7 riduzione del dolore addominale 7/9 miglioramento dell alvo H A Thorburn et al. Gut, 1992, 33;

18 Risultati P<0.05 P= NS P<0.05 P= NS Effetti della fibra ispaghula sui tempi di transito intestinali Effetti della fibra ispaghula sulla pressione intracolica

19 The target Ieri la parete Oggi il lume

20 Probiotici

21 Che cos è un probiotico? Organismi vivi che,se ingeriti in numero consistente, esercitano effetti benefici sulla salute indipendentemente dall alimentazione alimentazione di base Schaafsma G, 1996 Integratore alimentare di microrganismi vivi che esercitano un effetto benefico migliorando l equilibrio microbico intestinale Fuller

22 Quali probiotici????? Organismi con attività probiotica: Lactobacilli Bifidobacteria Streptococci Altri ceppi batterici: Enterococchi E. coli non patogeni Organismi non batterici: Yeasts (Saccharomyces boulardii)

23 Probiotici e malattia diverticolare. Primo studio sull utilizzo utilizzo di probiotici nella malattia sintomatica diverticolare non complicata E. coli Non-patogeno Strain Nissle (Mutaflor cps) Vs. 5 weeks Antibiotico dichlorchinolone Probiotici mostrano un periodo di remissione di 14,1 mesi (p = 0.001) Fricu, Eur J Gastroenterol Hepatol 2003

24 EFFICACIA DIMOSTRATA DEI PROBIOTICI IN: Post-diverticulitis stenoses of the colon (Giaccari, 1993) Uncomplicated acute colonic diverticulitis (Cremonini, 2002)

25 La Rifaximina A poorly Absorbed Antibiotic

26 La Rifaximina Efficacia della rifaximina nel trattamento della malattia diverticolare sintomatica non complicata. Un trial multicentrico in doppio-cieco con placebo. Papi et al, APT 1995

27 La Rifaximina Gruppo Rifaximina 84 pz Pz. con malattia diverticolare non complicata Gruppo Placebo 84 pz Glucomannano 2gr/die Rifaximina 400mg bid per 7gg ogni mese Placebo 2cp bid per 7gg ogni mese Papi et al, 1995 Follow-up trimestrale per 12 mesi

28 Score Globale Global symptom score Gruppo Rifaximina Gruppo Placebo p-<0, mesi 6 mesi 12 mesi Papi et al, 1995

29 La Rifaximina Rifaximina riduce i sintomi della malattia diverticolare non complicata acquisita del colon. Latella et al, Int J colorectal Dis 2003

30 Disegno Studio Score globale durante il follow-up Rifaximina 400 mg x 2 /die + Glucomannano 4 g x 7 giorni al mese vs Glucomannano 4 g/ die Latella et al, Int J colorectal Dis 2003

31 La Rifaximina Efficacia della somministrazione ciclica a lungo termine della Rifaximina della malattia diverticolare non complicata acquisita del colon. World J Gastroenterol ; 13(2):

32 Metodi 307 pazienti assegnati at random a: Rifaximina (400 mg x 2 / die x 7 gg ogni mese) + supplementazione di fibre (almeno 20 gr/die) e sola supplementazione di fibre Risultati La somministrazione ciclica di Rifaximina in aggiunta alla supplementazione di fibre con la dieta è più efficace nel ridurre i sintomi e la frequenza delle complicanze rispetto alla sola supplementazione di fibre.

33 Interazione tra Rifaximina e fibre in pazienti con malattia diverticolare Studio in doppio cieco 64 pazienti con malattia diverticolare non complicata Fibre (20 g/die) + Rifaximina 1.2g/die per 15 giorni Fibre (20 g/die) + placebo Dopo 30 giorni crossover Score sintomatico globale p<0.05 rifaximina+ fibre Baseline fibre+ placebo Endpoint p=ns Rifaximina: -Costipazione: p< Dolore addominale: p< Gonfiore: p<0.01 -Dyspepsia: p=ns - Tenesmo: p=ns Placebo: p =ns per tutti i sintomi D Incà et al.aliment Pharmacol Ther Apr 1;25(7):771-9

34 INFIAMMAZIONE DIVERTICOLARE EssudatO, eritema, edema e tessuto di granulazione peridiverticolare

35 In a fragment from a diverticular orifice, there is a surface exudate of fibrin and neutrophilis, with underlying granulation tissue. S.Ghorai, AJG, 2003, Vol. 98, N 4. Diverticular disease-associated segmental colitis Lamps LW, Knapple WL. Clin Gastroenterol Hepatol Jan;5(1):27-31.

36 SPETTRO DI MALATTIA Coliti microscopiche Melanosis coli Gatroenterite eosinofila Colite da catartici IBS M. diverticolare Enteriti infettive Enterite attinica Colite da diversione Ulcere solitarie del retto Pouchite IBD

37 La Mesalazina

38 Trattamento a lungo termine con mesalazina e rifaximina Vs rifaximina da sola per i pazienti con ricorrenti attacchi di diverticolite acuta del colon Gruppo Mesalazina + Rfx 109 pz Pz. ricoverati per diverticolite 7gg di: Gruppo Rfx 109 pz Rifaximina 400mg bid + 5-ASA 800mg tid Rifaximina 400mg bid A seguire. Rifaximina 400mg bid + Mesalazina 800mg bid 7gg ogni mese Rifaximina 400mg bid 7gg ogni mese Follow-up trimestrale per 12 mesi + colonscopia a 3,6,12 mesi Tursi et al., Dig Liv Dis 2002

39 Recidive di diverticoliti durante il follow-up rifaximina+ mesalazina rifaximina % P<0.01 pre-trattamento 3 mese 6 mese 9 mese 12 mese Tursi et al., Dig Liv Dis 2002

40 MESALAZINA:SOMMINISTRAZIONE CONTINUA VS CICLICA 40 PZ con recente attacco (<3 mesi) di malattia diverticolare non complicata GRUPPO A:18 pz mesalazina 1.6 g/die GRUPPO B: 16 pz mesalazina 1.6 g/die per 10 giorni al mese Pazienti senza sintomi mesi 6 mesi 12 mesi 18 mesi * 24 mesi * p<0.05 Gruppo A Gruppo B Tursi at al, Dig Dis Sci Mar; 52(3):

41 EFFICACY OF MESALAZINE VERSUS RIFAXIMIN IN THE TREATMENT OF SYMPTOMATIC DIVERTICULAR DISEASE Gruppo R1: (41 pts) rifaximina 200 mg bid Gruppo M1: (42 pts) mesalazina 400 mg bid 170 pazienti con diagnosi di malattia diverticolare sintomatica non complicata trattati per 10 giorni ogni mese Gruppo R2: (45 pts) rifaximina 400 mg bid Follow-up: 3 mesi Gruppo M2:(42 pts) mesalazina 800 mg bid Global symptomatic score P=ns P< months 3 months Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 Frequency of symptoms (%) Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 lower abdominal pain tenesmus diarrhoea Di Mario, Franzè et al, Dig Dis Sci 50: ; 2005

42 A 12 MESI DI FOLLOW-UP Group R1: (66 pts) rifaximin 200 mg bid Group M1: (67 pts) mesalazine 400 mg bid 268 pazienti con diagnosi di malattia diverticolare sintomatica non complicata trattati per 10 giorni ogni mese Group R2: (69 pts) Rifaximin 400 mg bid Group M2:(66 pts) mesalazine 800 mg bid Group R1 Group R2 Group M1 Group M rate of symptoms (%) rate of symptoms (%) Abdominal lower pain Tenesmus Bloating Diarrhoea 0 febbre nausea well-being Dysuria Bleeding Di Mario, Franzè et al, Dig Dis Sci 2007; 52(11):

43 Global symptomatic score Group R1 Group R2 Group M1 Group M2 baseline 3 months 6 months 9 months 12 months Group R1 mean±sd T0 baseline 8.67±4.20 T1 3 months 7.78±4.4 9 T1 vs T0 P=NS T2 6 months 7.07±4.1 7 T2 vs T0 P=NS T3 9 months 6.89±3.4 9 T3 vs T0 P=NS T4 12month s 8.18±4.4 3 T4 vs T0 P=NS Group R2 mean±sd 9.46± ±4.1 6 P< ±6.3 2 P ±4.5 5 P< ±3.3 1 P< Gruppo M1 mean±sd 10.18± ±4.12 P< ±3.4 1 P< ±2.8 9 P< ±1.9 1 P< Gruppo M2 mean±sd 9.48± ±3.7 5 P< ±2.9 2 P< ±2.7 0 P< ±1.6 3 P<0.0001

44 Global symptom score Risultati rifaximin group mesalazine group P=ns P=0,02 P<0,001 P<0,001 P<0,0001 baseline 3 months 6 months 9 months 12 months GSS-T0 Baseline mean±sd *P T2 vs T0 GSS-T2 6 months mean±sd *P T4 vs T0 GSS-T4 12 months mean±sd Rifaximin group (Group R1 + R2) 9.08±4.46 P= ±5.40 P< ±4.07 Mesalazine group (Group M1 + M2) 9.82±4.81 P< ±3.09 P< ±1.86

45 QUALITY OF LIFE IN UNCOMPLICATED DIVERTICULAR DISEASE: IS IT ANOTHER GOOD REASON FOR THE TREATMENT? PF RP BP GH VT SF RE MH diverticulosis group T0 diverticulosis group T1 Italian normative group Comparato G, Franzè A, Di Mario F Dig Dis. 2007;25(3):252-9.

46 QUALITY OF LIFE IN UNCOMPLICATED DIVERTICULAR DISEASE: IS IT ANOTHER GOOD REASON FOR THE TREATMENT? Comparato G, Franzè A, Di Mario F Dig Dis. 2007;25(3): PF RP BP GH VT SF RE MH rifaximin group mesalazine group PF RP BP GH VT SF RE MH rifaximin group mesalazine group

47 Malassorbimento di lattosio in pazienti affetti da malattia diverticolare non complicata 90 pts con malattia diverticolare Lattulosio breath test e lattosio breath test all arruolamento arruolamento e dopo 8 settimane di trattamento. OCTT (orocecal transit time) SIBO Malassorbimento di lattosio Trattati ognuno con : Rifaximina 800mg/die + mesalazina 2.4 g /die per 10 gg seguito da mesalazina 1.6 g per 8 settimane. Risultati OCTT ritardato in 67/ % Intolleranza al lattosio in 59/90 65,55% SIBO in 53/ % 49/59 (71,74%) affetti anche da SIBO e ritardato OCTT Associazione tra malassorbimento di lattosio e SIBO : p< /59 (5,09%) con ritardato OCTT 7/59 (11,86%) senza SIBO o ritardato OCTT Tursi et al. Dig Dis Sci 2006; 51:

48 Dopo 8 settimane di trattamento prima del trattamento dopo trattamento P<0.02 P<0.02 paz con LM paz. Con ML+ SIBO+ ritardato OCTT ritardato OCTT OCTT normale La maggior parte dei pazienti con malattia diverticolare non complicata ha un malassorbimento di lattosio. Il trattamento della patologia colica porta ad una riduzione dello stesso. Tursi et al. Dig Dis Sci 2006; 51:

49 SIBO

50 Mesalazina e probiotici

51 Mesalazina e/o Lactobacillus casei nella prevenzione delle ricorrenze di malattia diverticolare sintomatica non complicata 90 pazienti con malattia diverticolare precedentemente trattati con Rifaximina 800 mg / die + mesalazina 2,4 g / die per 10 giorni seguito Mesalazina 1.6 g/ die per 8 settimane Assegnati at random a 3 trattamenti Mesalazina 1.6 g / die 27 pts Per 12 mesi L. Casei DG 750 mg / die per 15 giorni al mese 29 pts Mesalazina 1.6 g /die + L. casei per 15 giorni al mese 29 pts Tursi et al. J Clin Gastroenterol 2006; 40:

52 Risultati Gruppo Mesalazina: Gruppo L. casei DG: Gruppo Mesalazina + L.casei Asintomatici 23/27 Asintomatici 23/29 Asintomatici 29/29 76,7 % 76,7 % 100% sintomatici asintomatici Sintomi indagati : 1) stipsi, 2) diarrea, 3) dolore addominale, 4) rettorragia, 5) muco nelle feci sintomatici asintomatici sintomatici asintomatici 0= assente 6-7 = moderato score 1-2= molto lieve 8-10 = severo 3-5= lieve Tursi et al. J Clin Gastroenterol 2006; 40:

53 Triveneto Centers Interdisciplinary Group for Ulcer Study (founded 1987) From 2000 Parma Efficacy of Mesalamine and the association of Mesalamine and probiotics versus Rifaximin in the treatment of Symptomatic Diverticular Disease Curlo M. (1), Fanigliulo L. (1), Cavallaro L.G. (2), Altavilla N.(3), Aragona G.(4) Bacchin P. (5), Comparato G. (4), Dal Bò N. (6), De Bastiani R. (5), Fedrizzi F. (7), Marcon V.(8), Marin R. (9), Tafner G.(10), Franzè A. (2), Di Mario F. (1) and G.I.S.U ( Interdisciplinary group for ulcer disease) (1) Section of Gastroenterology, Department of Clinical Sciences, University of Parma, Italy(2) Hospital of Parma, Gastroenterology Unit;(3) Hospital of Albano Laziale, Gastroenterology Unit;(4) Hospital of Piacenza, Gastroenterology Unit; (5) Hospital of Feltre, Gastroenterology Unit;(6) Hospital of Treviso, Gastroenterology Unit; (7) Hospital of Mezzo Corona, Gastroenterology Unit; (8) Hospital of Agordo, Gastroenterology Unit; (9) Hospital of Dolo, Gastroenterology Unit; (10) Hospital of Trento, Gastroenterology Unit.

54 Disegno dello studio Gruppo R: (86 pz) Rifaximina 400 mg bid 243 pazienti consecutivi con malattia diverticolare sintomatica non complicata TRATTATI PER 10 GIORNI AL MESE, OGNI MESE Gruppo M+L.casei DG: (82 pz) Mesalazina 400 mg bid + L. Casei DG 300 mg bid Gruppo M: (75 pts) Mesalazina 800 mg bid

55 Confronto tra terapie ad ogni step Rifaximin Mesalamine Mesalamine+L.casei DG Score Sintomatico Globale T0 T1 T2 T3 vs Rifaximin T1 T2 T3 Mesalamine P<0,05 P<0.05 P<0.05 Kruskal-Wallis test for indipendents samples Mesalamine+ L.casei P<0,05 P<0,05 P<0,05

56 NOTES CONCLUSIONI Prebiotici : ruolo della stipsi Probiotici: prevalenza della SIBO Rifaximina: quale dosaggio? terapia combinata? Mesalazina: terapia ciclica o continuativa? associazioni?

La diverticolosi del colon

La diverticolosi del colon La diverticolosi del colon Considerazioni sulla epidemiologia, sulla clinica e sulla prevenzione Definizione Protrusioni sacciformi della parete del colon di dimensioni variabili. Anatomicamente sono pseudodiverticoli

Dettagli

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia a cura di Renato Caviglia, MD, PhD Introduzione La diverticolite, complicanza frequente della diverticolosi (Fig. 1), è una condizione relativamente

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Imagine of the colon f r. izzello rizzello

Imagine of the colon f r. izzello rizzello Imagine of the colon f. rizzello 1 passo: quadro clinico Sintomi funzionali Stipsi Sintomi regionali dolore da rallentato transito organica da defecazione ostruita Diarrea acuta (< 2-3 sett) cronica (>

Dettagli

Malattia diverticolare del colon: ruolo della rifaximina-a

Malattia diverticolare del colon: ruolo della rifaximina-a Anno XV - n. 0/2011 - Reg. del Trib. di Roma n. 488 dell 8/8/1997 - Periodicità mensile - 2011 MEDIPRINT S.r.l. a socio unico - Direttore Responsabile: Antonio Guastella - Cod. 86/11 - Via Cossignano,

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926

Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926 Dott. Mayer-Hermann, Otto Dix-1926? Ho mal di pancia e la mia parrucchiera mi ha detto che è probabile che abbia i diverticoli; cosa sono? Piccole tasche che si formano attraverso la parete muscolare del

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo

Il Dolore Addominale. A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo Il Dolore Addominale A.Agnolucci U.O. Gastroenterologia AUSL 8 Arezzo SINTOMI ASSOCIATI con la STIPSI DEFECAZIONE 1. Evacuazioni non frequenti 2. Non urgenza 3. Feci evacuate con difficoltà (piccole o

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

La Malattia Diverticolare: fatti, miti

La Malattia Diverticolare: fatti, miti La Malattia Diverticolare: fatti, miti e leggende metropolitane Gianpiero Manes UOC di Gastroenterologia, Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Rho Peculiarità epidemiologiche og e Elevatissima

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

USC Gastroenterologia,

USC Gastroenterologia, Impiego dei probiotici in Gastroenterologia: razionale e risultati Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, i Seriate Indice della lettura La Rivoluzione del Microbiota: cosa abbiamo imparato Breve

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali

Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Le modificazioni del microbiota in corso di patologie gastrointestinali Microbiota Intestinale Composizione e concentrazione delle specie microbiche dominanti nei vari segmenti dell apparato gastrointestinale

Dettagli

La bevanda di latte fermentato contenente il ceppo Lactobacillus casei Shirota migliora i sintomi gastrointestinali in pazienti con stipsi funzionale.

La bevanda di latte fermentato contenente il ceppo Lactobacillus casei Shirota migliora i sintomi gastrointestinali in pazienti con stipsi funzionale. La bevanda di latte fermentato contenente il ceppo Lactobacillus casei Shirota migliora i sintomi gastrointestinali in pazienti con stipsi funzionale. Questo materiale è riservato ad uso esclusivo di medici

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

I DIVERTICOLI DEL COLON

I DIVERTICOLI DEL COLON Struttura Complessa di Gastroenterologia e di Endoscopia digestiva Direttore: Dott. Felice Cosentino www.endoscopiadigestiva.it www.medicitalia.it/felice.cosentino cosent@tin.it -Tel. 02/8599.4811 Ospedale

Dettagli

Malattia diverticolare IL RUOLO DELLA CHIRURGIA

Malattia diverticolare IL RUOLO DELLA CHIRURGIA Malattia diverticolare IL RUOLO DELLA CHIRURGIA Epidemiologia La malattia diverticolare rappresenta una delle più frequenti cause di ricovero ospedaliero nei paesi occidentali e la sua prevalenza aumenta

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

I DOLORI ADDOMINALI RICORRENTI CARLO TOLONE Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Caserta 02/02/2012 DAR Definizione bambini di età compresa fra 4 e 16 anni -con dolori addominali ricorrenti

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

Una delle meraviglie del corpo umano

Una delle meraviglie del corpo umano 6 Novembre 2012, Torino ALIMENTAZIONE, FUNZIONE INTESTINALE E BENESSERE LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO Una delle meraviglie del corpo umano APPARATO DIGERENTE Digestione degli

Dettagli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli

IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA. Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli IL DOLORE ADDOMINALE VISTO DAL PEDIATRA Dott. Renata Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Agadir, 18 25 luglio 2008 Aniello (8 anni) Dall età di 6 anni Aniello riferisce ripetuti

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale)

DYSBIO CHECK (Valutazione della disbiosi intestinale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI

MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI MALATTIA DIVERTICOLARE ASPETTI CHIRURGICI TEORICI E TECNICI www.fisiokinesiterapia.biz MALATTIA DIVERTICOLARE La malattia diverticolare si presenta con un ampio spettro di sintomi e di livelli di gravità.

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA

INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Riunione SIED LA COLONSCOPIA DI QUALITA Asti, 8 Novembre 2013 INDICAZIONE ALLA COLONSCOPIA Dr. Enrico MORELLO S.C. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva ASL TO4 * * The European Panel on Appropriateness

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Riccardo Troncone Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali e Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti Università Federico II,

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014

La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 La Salute Viaggia Con La Prevenzione Trieste, 10 novembre 2014 LA DIARREA DEL VIAGGIATORE Andrea Rossanese MD, PhD, DTM (Glas), FFTM RCPS (Glas) Certificate in Travellers Health Definizione di TD 1.

Dettagli

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Dr.D.Mazzucco SC Gastroenterologia P.O.Rivoli Aumento esponenziale delle richieste di colonscopie

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Colon Irritabile e MMG: nuovi ipotesi patogenetiche e nuove terapie

Colon Irritabile e MMG: nuovi ipotesi patogenetiche e nuove terapie Associazione medici Rhodensi e U.O. Gastroenterologia H. di Rho Colon Irritabile e MMG: nuovi ipotesi patogenetiche e nuove terapie Giorgio Minoli 22 settembre 2007 DEFINIZIONE IBS is a common but poorly

Dettagli

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

-SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA LA STIPSI INTESTINO CRASSO DEFINIZIONE:CRITERI DI ROMA 2 -SFORZO NELLA DEFECAZIONE -FECI DURE O A PEZZI -SENSAZIONE DI INCOMPLETA EVACUAZIONE e/o DI OSTRUZIONE ANALE -DEFECAZIONE MENO DI TRE VOLTE A SETTIMANA

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz NUOVE METODICHE DIAGNOSTICHE Nuove Metodiche diagnostiche Breath tests Videocapsula Endoscopia a Doppio Pallone Endoscopia Virtuale Endoscopia nuove tecniche narrow banding magnificazione e colorazione

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi.

acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. COS'E' L' INTOLLERANZA AL LATTOSIO? Il latte è composto da: acqua; grassi (saturi e insaturi); zuccheri; proteine; elementi minerali; vitamine; enzimi. Fra gli zuccheri, quello maggiormente presente è

Dettagli

Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale. Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli

Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale. Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli Ruolo della Flora Batterica nella Patologia Intestinale Dott. Ottaviano Tarantino Resp. UOS di Gastroenterologia ambulatoriale ASL 11 Empoli Integratori alimentari: distribuzione del mercato Number of

Dettagli

SINDROME DEL COLON IRRITABILE

SINDROME DEL COLON IRRITABILE SINDROME DEL COLON IRRITABILE Una diagnosi di esclusione 6 o0obre 2012 INTRODUZIONE IBS: uno dei più frequen= disturbi gastrointes=nali Prevalenza: tra il 5 e 20% Due volte più frequente nelle donne Aumento

Dettagli

L infezione è spesso asintomatica ma può essere associata con una varietà di manifestazioni intestinali.

L infezione è spesso asintomatica ma può essere associata con una varietà di manifestazioni intestinali. Giardia Lamblia Protozoo flagellato Infetta il duodeno ed il tratto superiore dell intestino tenue. L infezione è spesso asintomatica ma può essere associata con una varietà di manifestazioni intestinali.

Dettagli

Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva

Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva La gastrite, la colite e dintorni Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Milano Mi presento 45 anni, Laurea in Medicina e Chirurgia Toronto Specialista

Dettagli

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza

Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza Probiotici tra clinica, mercato e sicurezza I probiotici sono proposti per trattare i più disparati sintomi o malattie gastrointestinali. pesso l uso di tali prodotti è supportato più dalla pubblicità

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Carcinoma colorettale: epidemiologia e fattori di rischio. Sequenza adenoma carcinoma.

www.fisiokinesiterapia.biz Carcinoma colorettale: epidemiologia e fattori di rischio. Sequenza adenoma carcinoma. www.fisiokinesiterapia.biz Carcinoma colorettale: epidemiologia e fattori di rischio. Sequenza adenoma carcinoma. Incidenza mondiale del cancro colon-rettale Parkin D.M.Doll R. Incidenza nel mondo di nuovi

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace

La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace Divisione e Cattedra di Gastroenterologia Ospedale Universitario L. Sacco, Milano Principali recenti cambiamenti nella gestione della

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Cancro del Colon-Retto

Cancro del Colon-Retto Cancro del Colon-Retto Prevenzione, Screening e Sorveglianza Dott. Marco La Torre Dipartimento di Chirurgia Generale Azienda Ospedaliera Sant Andrea Epidemiologia Il carcinoma colon- rettale (CCR) è al

Dettagli

La malattia diverticolare del colon: Storia naturale e terapia medica

La malattia diverticolare del colon: Storia naturale e terapia medica La malattia diverticolare del colon: Storia naturale e terapia medica Roberta Barbera S.C. di Gastroenterologia e di Endoscopia digestiva (Dr: Dott. Felice Cosentino) Ospedale San Giuseppe - Milano Definizione

Dettagli

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI Razionale Occuparsi di nutrizione ai nostri giorni è il contributo maggiore che si può offrire alla comunità, perché è il metodo

Dettagli

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale

CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale CANCRO DELLA PROSTATA Corso di formazione specifica in Medicina Generale Dr. Giuseppe Ruoppo Urologia ASMN RE Reggio Emilia 15/10/2014 ARGOMENTI PARTE I Epidemiologia e Screening Diagnosi e stadiazione

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

US e tumori gastrointestinali

US e tumori gastrointestinali US e tumori gastrointestinali L ecografia nei tumori gastrointestinali V.Arienti Centro di Ricerca in Ecografia Internistica ed Interventistica Divisione di Medicina Interna Ospedale Maggiore C.A. Pizzardi

Dettagli

Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani

Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 2, 2000 Evidence Based Medicine: Sindrome dell'intestino irritabile a cura di Alberto Bozzani Definizione Combinazione di sintomi gastrointestinali cronici o ricorrenti

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE. LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE. LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE. LA SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE TERAPIA Andrea Cenni Medicina III Gastroenterologia Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia Fino a che

Dettagli

Oppioidi nel dolore neuropatico da neuropatia periferica e nevralgia post-erpetica

Oppioidi nel dolore neuropatico da neuropatia periferica e nevralgia post-erpetica Oppioidi nel dolore neuropatico da neuropatia periferica e nevralgia post-erpetica La sfida delle neuropatie dolorose L approccio al dolore neuropatico rimane deludente La migliore conoscenza dei meccanismi

Dettagli

IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI

IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI IBD: PROBLEMATICHE NUTRIZIONALI Dottor Silvio Caliari U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Ospedale Civile Maggiore, Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona Verona, 24.11.2010

Dettagli

Indispensabili alleati di bellezza

Indispensabili alleati di bellezza Indispensabili alleati di bellezza Gli effetti fotoprotettivi e sulle risposte immunitarie, e le azioni terapeutiche dei probiotici nelle alterazioni cutanee più diffuse di Anna Ghirardello, biologa nutrizionista

Dettagli

L alimentazione del cane e del gatto anziano

L alimentazione del cane e del gatto anziano L alimentazione del cane e del gatto anziano Età alla quale cani e gatti sono da ritenersi anziani Cani di taglia piccola Cani di taglia media Cani di taglia grande Cani di taglia gigante Gatti Peso (kg)

Dettagli

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Congresso Nazionale Evento Residenziale ECM per Medico Chirurgo Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 19-20-21 Settembre 2013 Atahotel VILLA PAMPHILI Via della Nocetta 105,

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova!

C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile. Nuova! C è un nuovo modo di proteggere l intimità femminile Nuova! Il Problema La microflora batterica vaginale rappresenta una fondamentale e primaria barriera naturale in grado di proteggere la salute genito-urinaria

Dettagli

Gli studi di costo sociale delle malattie Il caso Artrite Reumatoide Budget Impact Model per l Artrite Reumatoide Dati di input:

Gli studi di costo sociale delle malattie Il caso Artrite Reumatoide Budget Impact Model per l Artrite Reumatoide Dati di input: Farmaci innovativi: spesa o risparmio per il SSN? L impiego dei farmaci biologici in reumatologia Giorgio L. Colombo Università degli Studi di Pavia Facoltà di Farmacia e S.A.V.E. Studi Analisi Valutazioni

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

CELIACHIA: Il Quadro Clinico Nell Adulto

CELIACHIA: Il Quadro Clinico Nell Adulto CELIACHIA: Il Quadro Clinico Nell Adulto Marco Romano Gastroenterologia Seconda Università di Napoli Tel: 0815666714 Cell: 3356768097 E-mail: marco.romano@unina2.it Quadro Clinico Nel passato percepita

Dettagli

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN Dr.Raffaello Sostegni SC Gastroenterologia AO Ordine Mauriziano Torino COME MISURARE

Dettagli

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team

Pasquale Esposito & The Diges;ve Endoscopy Team Azienda Ospedaliera Universitaria Seconda Università degli Studi di Napoli DAI di Medicina Interna e Specialis;ca Unità Opera;va Complessa di Epato- Gastroenterologia UO di Endoscopia Diges;va DireAore

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia!

La ridotta percezione di benessere è un aspetto cruciale del concetto di malattia! PSICHE E DISTURBI DIGESTIVI LUCA DUGHERA CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO la salute è una condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplicemente l assenza di una malattia

Dettagli

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE

DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE DISORDINI FUNZIONALI GASTROINTESTINALI DEFINIZIONE QUADRI CLINICI, CORRELATI ALL ETA, CARATTERIZZATI DA SINDROME CRONICA O RICORRENTE, NON ASSOCIATI A PATOLOGIA ORGANICA, BIOCHIMICA O STRUTTURALE DISORDINI

Dettagli

Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia. Steatosi e danno epatico: che fare?

Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia. Steatosi e danno epatico: che fare? Percorsi assistenziali condivisi tra Medico di Medicina Generale e specialista in Epatologia Savona 28.11.2009 Steatosi e danno epatico: che fare? Alessandro Grasso S.S. Gastroenterologia ed Epatologia

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali

NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali Riunione Monotematica A.I.S.F. 2015 In memoriam della Prof.ssa Paola Loria Modena, 8-10 ottobre 2015 NAFLD, NASH e rischio di tumori intestinali Maurizio Ponz de Leon Dipartimento di Medicina Diagnostica,

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA!

DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Università Vita-Salute San Raffaele Facoltà di Medicina e Chirurgia DOTTORE..HO MAL DI PANCIA! Andrea Mangiagalli Medico di Medicina Generale Specialista in Microchirurgia e Chirurgia Sperimentale DOTTORE,

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore?

La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? La composizione del microbiota intestinale: un nuovo tipo di biomarcatore? Senza i biomarcatori, le sanità moderna non esisterebbe nemmeno. Questi indicatori biologici misurabili consentono ai medici di

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

CALCOLOSI DELLA COLECISTI

CALCOLOSI DELLA COLECISTI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA CLINICA DI GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA Direttore: Prof. Antonio Morelli GASTROENTEROLOGIA ed EPATOLOGIA: CALCOLOSI della COLECISTI e delle VIE BILIARI Dott. Danilo

Dettagli

All. 2. Scheda Rilevazione Dati. SORVEGLIANZA ENDOSCOPICA vs. CHIRURGIA DI RADICALIZZAZIONE DOPO POLIPECTOMIA COMPLETA DI UN POLIPO MALIGNO

All. 2. Scheda Rilevazione Dati. SORVEGLIANZA ENDOSCOPICA vs. CHIRURGIA DI RADICALIZZAZIONE DOPO POLIPECTOMIA COMPLETA DI UN POLIPO MALIGNO All. 2 Scheda Rilevazione Dati SORVEGLIANZA ENDOSCOPICA vs. CHIRURGIA DI RADICALIZZAZIONE All. 2 SORVEGLIANZA ENDOSCOPICA vs. CHIRURGIA DI RADICALIZZAZIONE SCHEDA-ANAMNESI Centro : Iniziali: Sesso: F M

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

Tumori maligni del colon e del retto

Tumori maligni del colon e del retto Tumori maligni del colon e del retto KEY POINTS: Epidemiologia Fattori di Rischio Biologia Anatomia patologica e staging Segni Clinici Diagnosi Prevenzione primaria e secondaria Terapia EPIDEMIOLOGIA -E

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli