ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE"

Transcript

1 VOL. 37 A-B N. 5 - NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/ (conv. In L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/PD - Rivista mensile - Tiratura inferiore a copie - Taxe Perçue ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE AGOSTO 2014 Organo del CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN - Istituti Filippin - PADERNO DEL GRAPPA

2 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico F.Severi (Salerno) 1. Introduzione. Tra i vari problemi del calcolo delle probabilità suscita particolare curiosità ed interesse un noto quesito in letteratura, riguardante un tipo di coincidenze. Esso è stato formulato dal filosofo e matematico Richard von Mises nel 1939,[8]. In esso si esamina la probabilità che possano accadere delle coincidenze in un gruppo di persone posto all interno di un locale, aula, cinema, ecc. Più precisamente, si può articolare ciò con due domande: 1.Sia dato un gruppo formato da n persone, qual è la probabilità che almeno due di esse festeggino il compleanno nella stessa data, cioè nello stesso giorno e nello stesso mese? 2.Se si vuole scommettere sulla possibilità di vincere sul verificarsi di qualche coincidenza di compleanni, quanto deve essere numeroso il gruppo di persone, ovvero quanto deve essere il minimo n? Si ignora per motivi di semplicità l anno bisestile, sebbene la sua inclusione non influenzerebbe sostanzialmente le considerazioni successive. L enunciato della seconda domanda costituisce, in letteratura il classico problema del compleanno e la sua soluzione, così come per la prima, porta ad esiti imprevedibili e a risultati che meritano un attenzione particolare. Tali fatti comportano, evidentemente, una riflessione di tipo didattico e metodologico più adeguata per lo sviluppo di concetti e situazioni legati all universo 595

3 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 della probabilità. Ci si interroga infatti profondamente sul significato oggettivo di casualità, contro l interpretazione soggettiva di ciò che noi intendiamo per essa stessa. Come verrà presto analizzata, la risposta alla seconda domanda è 23, ovvero questo è il più piccolo numero in cui posso scommettere di vincere, puntando sulla coincidenza di compleanni. Per la precisione con 23 persone ho una probabilità di successo del 50,7%. Si noti che una coincidenza sicura di due compleanni è soddisfatta immediatamente avendo un gruppo di persone pari a N=366. Evidentemente un ipotetica e facile riposta come 183, ottenuta su una base di proporzionalità, non solo non è corretta, ma mostra i limiti stessi e l inefficacia di un approccio lineare. Se si analizzano diverse date di nascita, scelte da dati anagrafici comuni, come due squadre calcistiche con l arbitro (per ottenere 23), delle scolaresche, bande musicali o altro si può effettivamente constatare l avverarsi di tale coincidenza. Tale evento ci si aspetta che si verifichi, anche se con la dovuta cautela, una volta su due. A titolo di esempio, ai Mondiali di calcio del 2014, dove le relative nazionali erano composte da 23 calciatori, si sono rilevati i casi dei brasiliani Hulk e Paulinho, nati entrambi il 25 luglio e quello degli argentini Gago e Fernandez che condividono anche la data di nascita. 2. Analisi e soluzione del problema. Valuteremo la risposta al problema del compleanno, cioè alla seconda domanda e gli argomenti utilizzati permetteranno di rispondere anche alla prima. Si possono allora seguire due dimostrazioni, entrambe valide in chiave didattica, poiché seguono modalità e approcci differenti ma in qualche modo complementari. La prima fa uso del calcolo combinatorio mentre la seconda si basa 596

4 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO specificamente sul concetto probabilistico di eventi indipendenti. Si consideri quindi, per un gruppo di n persone, l evento coincidenza di almeno due compleanni e lo si indichi con (Coinc_Compleanni), sottintendendo il riferimento a n. Il suo evento contrario, in cui per ogni coppia di persone scelte le date di nascita non coincidono mai, sarà invece indicato con (NonCoinc_Compleanni). Si calcolerà, per motivi di facilità, per prima la probabilità di quest ultimo evento. I casi favorevoli alla non coincidenza saranno allora le disposizioni semplici di 365 oggetti su n posti diversi, in quanto rappresentano le scelte in cui si possono scegliere n date differenti del calendario, cioè D 365,n. I casi possibili sono invece dati dalle disposizioni con ripetizione, ovvero le scelte in cui si possono scegliere n date qualsiasi del calendario, anche con coincidenze, che sono in numero di 365 n. Orbene, si ottiene: P(NonCoinc_Compleanni) Il primo valore di n per cui tale probabilità risulta minore di 0,50 è proprio 23. Si ha di conseguenza: P(Coinc_Compleanni)=1-P(NonCoinc_Compleanni) = = Si è utilizzata, per il calcolo, un approssimazione alla terza cifra decimale. Per una dimostrazione alternativa e più suggestiva si può ricorrere alla metafora di un gruppo di persone poste in una stanza. Precisamente ci sono n persone che entrano una alla volta in una stanza. Per la prima persona non ci sono problemi di coincidenza, in quanto ci sono 365 date possibili di compleanni. La seconda persona che entra nella stanza realizza la non coincidenza di compleanno con la prima, con probabilità.. 597

5 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Successivamente, la terza persona realizza la non coincidenza con le prime due, con probabilità e così via, l ultima realizza la non coincidenza di compleanno con le altre, con probabilità. Essendo i precedenti eventi indipendenti risulta: P(NonCoinc_Compleanni) =. Si noti quindi che il membro destro coinciderà con D 365,n e la frazione vale uno e si può omettere. Il grafico e la tabella successivi forniscono un andamento globale della probabilità dell evento (Coinc_Compleanni) in funzione del numero n. Probabilità di ottenere una coincidenza al variare del numero n. 598

6 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO Come si nota, per n=30 si ha una probabilità del 70% e per n=40 si raggiunge l 89%. Se n=60 superiamo il 99% pur non raggiungendo il 100% se non dal valore di n=366 in poi. Si può dimostrare che tale curva appartiene alla famiglia delle logistiche. Queste hanno un carattere asintotico, mentre la nostra presenta un valore effettivamente asintotico fino a 365 e successivamente, come detto, un andamento costante. 3. Risvolti didattici del problema del compleanno. Il problema del compleanno può essere proposto agli allievi di una classe liceale o di altro istituto, secondo le adeguate indicazioni nazionali. Esso offre la possibilità di riflettere sul concetto di casualità, ma anche sul tema attuale e scottante della fallacia del giocatore. Quali sono i meccanismi che portano un giocatore a scommettere spesso su poste non equilibrate? In che modo l analisi di un gioco viene concepita nell animo del giocatore? Sono solo alcune domande che richiedono, evidentemente, giusti spazi di riflessione in altra sede. Sapere però, che all interno di una sequenza di numeri, si possono verificare spesso delle coincidenze, mette in moto già una valutazione più seria e attenta sulla capacità stessa di comprendere la casualità e di come poterla interpretare. Si considereranno allora diverse situazioni didattiche da adottare in classe, che si possono rivelare d interesse concreto per favorire 599

7 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 idonei percorsi didattici. Si può presentare il problema del compleanno con il Gioco di buche e biglie: Si abbiano 365 buche e 23 biglie, si chiede agli allievi di inserire tali biglie in delle buche scelte in modo casuale. (Si dovrebbe chiaramente avvertire che la scelta di una buca di ogni allievo non deve essere comunicata all esterno). Con quale probabilità si verifica una coincidenza di due biglie nella stessa buca? La risposta è ancora del 50,7%, cioè è conveniente scommettere sull evento della coincidenza, piuttosto che su quello contrario. Un altra situazione didattica potrebbe essere la seguente: Scelta di Funzioni non iniettive: Sono dati due insiemi A e B rispettivamente di cardinalità 23 e 365. Scelta a caso una funzione da A a B qual è la probabilità che essa non sia iniettiva? In maniera alternativa a tale scelta si può considerare il seguente Problema degli arcieri: 23 arcieri scoccano i loro dardi su 365 bersagli possibili. Qual è la probabilità che due dardi confluiscano sullo stesso bersaglio. È possibile variare il numero usuale di 365 giorni di un calendario e ottenere risultati più generali sulle coincidenze, utilizzando la stessa tecnica dimostrativa. Si viene ad operare così con altri modelli concreti, ma altrettanto stimolanti ed efficaci, per gli sviluppi didattici che ne seguono. Si indicherà, quindi, con d il numero di giorni o il numero di oggetti che si devono scegliere -il calendarioe si cercherà di determinare il minimo n per cui l evento delle coincidenze, in breve (Coinc_Scelte), si verifichi con probabilità>50%. In modo analogo a quanto già visto si impone P(Coinc_Scelte)=1- P(NonCoinc_Scelte) =. Illustriamo ciò con il gioco della tombola, in cui si hanno novanta numeri e quindi il calendario ha d=90 scelte. Si calcola che con 600

8 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO n=12 estrazioni con reinserimento, si ha una probabilità di ottenere almeno una coincidenza di due numeri estratti, maggiore del 50%. Se si prova a giocare con le 40 carte da gioco classiche, con le dovute varianti locali, bastano 8 estrazioni con reinserimento per avere una probabilità di coincidenza maggiore del 52%, (con sette estrazioni ho una probabilità < 50%), mentre se si opera con le 52 carte francesi per avere delle analoghe chances di successo servono 9 estrazioni. Ecco un quadro illustrativo in cui si riporta per ogni lunghezza d, per valori minori di 100, il numero n cercato. L utilizzo di mezzi concreti carte, tombola o dadi si mostra utile e fruttuoso in chiave didattica, poiché offre un ambiente di gioco familiare e stimolante. Una situazione didattica alternativa e con risvolti altrettanto sorprendenti è data dal seguente esempio: Orologi e coincidenze: Si abbiano n orologi, in formato digitale, (o anche con lancette) alimentati a batteria. Qual è la probabilità che, almeno due di essi, mostrino sul display la stessa ora e lo stesso minuto, una volta esaurita la carica della batteria? In particolare come deve essere scelto n per avere una probabilità di successo maggiore del 50%? Soluzione: Ci sono 24 x 60 = 1440 configurazioni del display; quindi d=1440. Nel modo usuale si calcola la probabilità di successo, in funzione degli n orologi, come 601

9 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Valutando tale formula, si determina che occorrono n=45 orologi per scommettere sul successo di qualche coincidenza. Proprietà dei calendari: Dato un calendario con d giorni il numero n che fornisce la più piccola probabilità di ottenere almeno una coincidenza > 50% è funzione della radice quadrata di d. In formule si hanno: Queste funzioni sono da considerarsi valide in maniera asintotica, e sono una buona stima fino a Forniscono, infatti il giusto ordine di grandezza per orientarsi a determinare n in funzione dei giorni d del calendario. La dimostrazione di esse necessita normalmente della conoscenza degli sviluppi in serie. Per un approccio elementare in tal senso, si veda per esempio [11]. Un altra utile considerazione offerta dal problema del compleanno e che può aiutare a sondare aspetti non prevedibili sulla casualità è la seguente Domanda inversa: Quante persone n occorrono affinché si possa scommettere con successo (o alla pari) su una coincidenza di compleanno specificata, per esempio il nostro compleanno? La risposta appare ancora poco intuitiva ed è di 253. Si ottiene infatti che n persone hanno, in modo indipendente tra loro, una probabilità, di non coincidenza di compleanno con il nostro, pari a. Poiché interessa l evento complementare e che questo abbia probabilità >50% si ha:, che risolta fornisce il minimo valore n=253. Una facile risposta vicina a 180 comporterebbe un ipotesi sulle date necessariamente distinte tra loro e ciò non sarebbe corretto. Tale domanda inversa, insieme alla 602

10 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO costruzione di grafici e tabelle, può evidentemente porsi per tutte le altre situazioni viste in precedenza, come carte, tombola,ecc. Naturalmente ci si può avvalere di diversi strumenti software come Derive, Excel, linguaggi C, Visual Basic, R, ecc. per simulare tali attività di esplorazione sul mondo della probabilità e proporre percorsi didattici miranti a costruzioni significative. Alcune simulazioni in rete si possono trovare in [12][13]. 4.Aspetti della letteratura In letteratura il problema del compleanno è stato oggetto di diverse riflessioni e approcci spesso anche fantasiosi e peculiari. Tale attenzione non si è ancora esaurita del tutto, poiché si celano dei lati e aspetti non svelati completamente. Si accennerà a qualche risultato di tali sviluppi. Nel 1960 Il matematico McKinney [7] fornì una formula ricorsiva per rispondere al problema della coincidenza di tre compleanni. Si chiese, infatti, di trovare il minimo numero n per cui si poteva scommettere con successo su almeno una coincidenza di tre compleanni. La risposta è n=88. Successivamente dei risultati di tipo computazionale, [7],[3] hanno contribuito in modo analogo, a calcolare per valori di coincidenze successive, la minima numerosità di gruppi di n persone. (Diaconis e Mosteller 1989, [3]). La tabella riportata sotto, mostra tali valori di n per ogni coincidenza multipla. 603

11 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Per questo problema esistono anche delle formule generali in forma chiusa di tipo ricorsivo (del 1997), ma sono tutt altro che maneggevoli, si veda in proposito [14] [5]. I matematici M. Abramson e W. Moser pubblicarono nel 1970 More Birthday Surprises, [1] e calcolarono la probabilità di scommettere su eventi che sono quasi-compleanni, ovvero che probabilità esiste perché in un gruppo di n persone si possa scommettere su due date che differiscono al più di un giorno solamente. Il caso in cui le date sono coincidenti, viene ancora contemplato nel quasi-compleanno. Si intende che il calendario deve essere considerato chiuso a collana, cioè 31 Dicembre e 1 Gennaio sono giorni con distanza 1. La risposta è che 14 persone bastano per avere un quasi-compleanno con probabilità > 50%. Se si desidera un quasi-quasi-compelanno, ovvero come puntare sulla coincidenza di due date con distanza di al più 2 giorni, allora il minimo numero vincente è 11. Si mostra sotto, la tabella completa di tali fatti per descrivere i quasi compleanni con distanze generiche. Tra gli obiettivi attuali della ricerca c è quello di trovare per un calendario con d giorni, delle formule semplici per n, che siano asintoticamente corrette e nello stesso tempo più precise. I lavori di [4] hanno mostrato, per esempio, che se p indica la probabilità di successo di una coincidenza, il gruppo di persone deve essere almeno di n persone per ottenere tale probabilità p, secondo la seguente formula: 604

12 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO Si intende nell espressione al membro destro, il simbolo come parte intera superiore. La stima così ottenuta è ottima, con un errore di al più 1. Su quest argomento si consiglia anche la lettura dell articolo di D. Brink in [2]. In informatica il problema del compleanno è tutt ora oggetto di perfezionamento. È infatti legato ad una particolare codifica, chiamata Hash, utilizzata spesso in crittografia. In sintesi, si cerca di ottenere da un flusso di dati in input, delle particolari stringhe (sequenze) in output, mediante specifiche funzioni di codifica, non iniettive, rispettando alcune richieste. Si chiede, infatti, che tale codifica sia resistente a possibili collisioni, ovvero che sia arduo partire da due dati distinti ed arrivare allo stesso valore in uscita. Evidentemente l apparato di conoscenze legate alla problematica del compleanno, può aiutare a livello probabilistico, a valutare la bontà di un algoritmo di hashing. In conclusione, il problema del compleanno si può presentare a diversi livelli, secondo un approccio teorico, didattico ma anche applicativo. Il seguire tale evoluzione, anche da un punto di vista storico, rende consapevole lo studioso di come un argomento possa crescere sempre di più, stimolando la curiosità scientifica e contestualmente i mezzi stessi offerti dal calcolo delle probabilità. 605

13 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Bibliografia 1.Abramson, M.; Moser, W. O. J. (1970). "More Birthday Surprises". American Mathematical Monthly 77: Brink.D. A (probably) exact solution to the Birthday Problem RamanujanJ. (2012) 28: Diaconis, P. and Mosteller, F. "Methods for Studying Coincidences."J. Amer. Statist. Assoc. 84, , Ejaz Ahmed. S-McIntosh Richard J.. An Asymptotic Approximation for the Birthday Problem. Crux Mathematicorum 26(3) Canadian Mathematical Society Finch, S. "Puzzle #28 [June 1997]: Coincident Birthdays. 6.Levin, B. "A Representation for Multinomial Cumulative Distribution Functions."Ann. Statistics 9, , McKinney, E. H. "Generalized Birthday Problem."Amer. Math. Monthly 73, , Mises, R. von. "Über Aufteilungs--und Besetzungs- Wahrscheinlichkeiten." Revue de la Faculté des Sciences de l'université d'istanbul, N. S. 4, , Reprinted in Selected Papers of Richard von Mises, Vol. 2 Ed. P. Frank, S. Goldstein,M. Kac,W. Prager, G. Szegö, and G. Birkhoff). 9.Stewart, I. "What a Coincidence!" Sci. Amer. 278, 95-96, June Tesler, L. "Not a Coincidence!" 11.http://www.dm.unito.it/~cerruti/aprile-07-luglio 08.html#compleanno 12.https://people.richland.edu/james/misc/simulation/ /birthday.html 13.http://www.math.uah.edu/stat/applets/ /BirthdayExperiment.html 14.http://mathworld.wolfram.com/BirthdayProblem.html 606

Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno. Paderno del Grappa 24 Agosto;

Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno. Paderno del Grappa 24 Agosto; Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno Paderno del Grappa 24 Agosto; Il problema del Compleanno Didattica Analisi combinatoria Applicazioni Sviluppo

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com

187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo Nicola De Nitti nicoladenitti@gmail.com 187. Casualità Matematica e Metodo Monte Carlo icola De itti nicoladenitti@gmail.com Premessa Il concetto di probabilità, impiegato a partire dal XVII secolo, è diventato con il passare del tempo fondamentale

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N.R.D. Bologna Educare al pensiero probabilistico a scuola Ines Marazzani N..D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in: Marazzani I. (2002). Educare al pensiero probabilistico a scuola. In. D Amore

Dettagli

k n Calcolo delle probabilità e calcolo combinatorio (di Paolo Urbani maggio 2011)

k n Calcolo delle probabilità e calcolo combinatorio (di Paolo Urbani maggio 2011) b) (vedi grafo di lato) 7 0 9 0 0 0 ( E ) + + 0, ) Calcolare, riguardo al gioco del totocalcio, la probabilità dei seguenti eventi utilizzando il calcolo combinatorio a) E : fare b) E : fare 0 c) E : fare

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare materiali e quantità.

Dettagli

Random number generators

Random number generators Statistica computazionale Random number generators www.cash-cow.it Distribuito sotto licenza Creative Common, Share Alike Attribution 2 Indice I. Introduzione II. Processi fisici per la creazione di numeri

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa.

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa. Una sperimentazione Probabilità Si sta sperimentando l efficacia di un nuovo farmaco per il morbo di Parkinson. Duemila pazienti partecipano alla sperimentazione: metà di essi vengono trattati con il nuovo

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA INDICAZIONI METODOLOGICHE L'approccio approccio metodologico adottato si fonda sulla convinzione che la caratteristica fondamentale del pensiero

Dettagli

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery

Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Tecniche di DM: Link analysis e Association discovery Vincenzo Antonio Manganaro vincenzomang@virgilio.it, www.statistica.too.it Indice 1 Architettura di un generico algoritmo di DM. 2 2 Regole di associazione:

Dettagli

La probabilità nella vita quotidiana

La probabilità nella vita quotidiana La probabilità nella vita quotidiana Introduzione elementare ai modelli probabilistici Bruno Betrò bruno.betro@mi.imati.cnr.it CNR - IMATI San Pellegrino, 6/9/2011 p. 1/31 La probabilità fa parte della

Dettagli

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado M.Marchi Università Cattolica - Brescia L insegnamento della matematica nella scuola della riforma 16

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

I numeri delle macchine

I numeri delle macchine I numeri delle macchine Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Utilizzare in modo consapevole gli strumenti di calcolo automatico. Conoscenze Addizione e moltiplicazione nell insieme dei numeri

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

Prove e sottoprove. Perché il calcolo combinatorio. La moltiplicazione combinatorica. Scelta con e senza ripetizione { } ( )

Prove e sottoprove. Perché il calcolo combinatorio. La moltiplicazione combinatorica. Scelta con e senza ripetizione { } ( ) Perché il calcolo combinatorio Basato sulle idee primitive di distinzione e di classificazione, stabilisce in quanti modi diversi si possono combinare degli oggetti E molto utile nell enumerazione dei

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN MATEMATICA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. MATEMATICA TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Valori medi e misure della tendenza centrale

Valori medi e misure della tendenza centrale TERZA UNITA Valori medi e misure della tendenza centrale Una delle maggiori cause di confusione presso l uomo della strada nonché di diffidenza verso la statistica, considerata più un arte che una scienza,

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico

UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico UNA STORIA PROBABILE di Francesca D Iapico Si mostrano qui alcune delle tappe attraverso le quali si è compiuto il cammino che ha portato al calcolo delle probabilità come lo usiamo oggi Un racconto pensato

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO

MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO MATEMATICA COMPETENZE SPECIFICHE SCUOLA INFANZIA: LA CONOSCENZA DEL MONDO: ORDINE, MISURA E SPAZIO Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi, confrontare e valutare quantità; utilizzare semplici simboli

Dettagli

Un gioco con tre dadi

Un gioco con tre dadi Un gioco con tre dadi Livello scolare: biennio Abilità interessate Costruire lo spazio degli eventi in casi semplici e determinarne la cardinalità. Valutare la probabilità in diversi contesti problematici.

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 )

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Software portatile per calcolo quote e picchetti. Diventa autonomo nella generazione di picchetti. Licenza Shareware nominativa senza scadenza

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima)

La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima) La crittografia a chiave pubblica per giocare e imparare: il gioco del codice RSA (parte prima) Franco Eugeni, Raffaele Mascella, Daniela Tondini Premessa. Tra i saperi di interesse per tutte le età scolari

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA: MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

Modello probabilistico di un esperimento aleatorio. Psicometria 1 - Lezione 6 Lucidi presentati a lezione AA 2000/2001 dott.

Modello probabilistico di un esperimento aleatorio. Psicometria 1 - Lezione 6 Lucidi presentati a lezione AA 2000/2001 dott. Modello probabilistico di un esperimento aleatorio Psicometria 1 - Lezione 6 Lucidi presentati a lezione AA 2000/2001 dott. Corrado Caudek 1 Un esperimento è il processo attraverso il quale un osservazione

Dettagli

Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti

Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti Introduzione al pensiero probabilistico Il problema delle parti Problema (in piccoli gruppi di lavoro) Due giocatori di pari abilità disputano una serie di partite; vince il gioco chi, per primo, raggiunge

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA PER IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE Le Indicazioni Nazionali per il Primo Ciclo di Istruzione offrono agli insegnanti e alle scuole l'occasione per ridefinire il quadro di

Dettagli

CONTENUTI ESSENZIALI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO PRIMO BIENNIO

CONTENUTI ESSENZIALI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO PRIMO BIENNIO CONTENUTI ESSENZIALI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO PRIMO BIENNIO PRIMA Benvenuti in prima! Classificazione Confronto di quantità I vari aspetti del numero: cardinale, ordinale, linguistico,

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO 6 IC PADOVA con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SPECIFICHE Numeri! Conoscere e utilizzare algoritmi e procedure in

Dettagli

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico

Obiettivi dell Analisi Numerica. Avviso. Risoluzione numerica di un modello. Analisi Numerica e Calcolo Scientifico M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p. 3/43 M. Annunziato, DIPMAT Università di Salerno - Queste note non sono esaustive ai fini del corso p.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

Curricolo di MATEMATICA

Curricolo di MATEMATICA Istituto Comprensivo Gandhi a.s 2014/2015 Curricolo di MATEMATICA Scuola Primaria COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologie Imparare a imparare - Spirito

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEI SISTEMI DI CONTROLLLO AUTOMATICO: APPROCCIO CLASSICO APPROCCIO MODERNO CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE E DELL APPROCCIO CLASSICO : a) Fa riferimento essenzialmente al dominio

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

Limiti di Successione

Limiti di Successione Nicola Rossi Limiti di Successione Argomento di Portfolio IX Ciclo SSIS, Classe A049, Indirizzo F.I.M. A.A. 2008/2009 2 Introduzione Il concetto di limite è senza dubbio uno dei più importanti di tutta

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

Laboratorio di robotica: proposte per alcune attività didattiche di Cristana Bianchi Descrizione dell unità di lavoro e apprendimento L unità di lavoro viene programmata e realizzata con l intento di introdurre

Dettagli

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio)

Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio) Esercizi di Calcolo delle Probabilità (calcolo combinatorio 1. Lanciamo due dadi regolari. Qual è la probabilità che la somma delle facce rivolte verso l alto sia pari a 7? 1/6 2. Due palline vengono estratte

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE TERZA A - Numeri COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Successioni ricorsive

Successioni ricorsive Capitolo 1 Successioni ricorsive Un modo spesso usato per assegnare una successione è quello ricorsivo che consiste nell assegnare alcuni termini iniziali (il primo, oppure i primi due, oppure i primi...

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

MATEMATICA: classe prima

MATEMATICA: classe prima DALLE INDICAZIONI NAZIONALI: MATEMATICA: classe prima Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità di mettere in stretto rapporto

Dettagli

Polli e conigli. problemi Piano cartesiano. Numeri e algoritmi Sistemi e loro. geometrica. Relazioni e funzioni Linguaggio naturale e

Polli e conigli. problemi Piano cartesiano. Numeri e algoritmi Sistemi e loro. geometrica. Relazioni e funzioni Linguaggio naturale e Polli e conigli Livello scolare: primo biennio Abilità Interessate Calcolo di base - sistemi Risolvere per via grafica e algebrica problemi che si formalizzano con equazioni. Analizzare semplici testi

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Il confronto fra proporzioni

Il confronto fra proporzioni L. Boni Il rapporto Un rapporto (ratio), attribuendo un ampio significato al termine, è il risultato della divisione di una certa quantità a per un altra quantità b Il rapporto Spesso, in maniera più specifica,

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE Finalità ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE La matematica si propone come strumento per modellizzare il mondo e le attività dell uomo e, nello stesso tempo, come costruzione logica, indipendente dalle sue applicazioni

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli (1) ASSE DEI LINGUAGGI : ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli 1. Padroneggia gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

Probabilità. Esperimento, risultati e spazio campionario

Probabilità. Esperimento, risultati e spazio campionario Probabilità La probabilità è usata nel linguaggio comune per dare indicazioni quantitative sul verificarsi di certi eventi: i) probabilità di incorre in un data patologia causa l abuso di alcol, fumo,

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli