ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE"

Transcript

1 VOL. 37 A-B N. 5 - NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/ (conv. In L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/PD - Rivista mensile - Tiratura inferiore a copie - Taxe Perçue ATTI DEL XLIII SEMINARIO NAZIONALE AGOSTO 2014 Organo del CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN - Istituti Filippin - PADERNO DEL GRAPPA

2 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico F.Severi (Salerno) 1. Introduzione. Tra i vari problemi del calcolo delle probabilità suscita particolare curiosità ed interesse un noto quesito in letteratura, riguardante un tipo di coincidenze. Esso è stato formulato dal filosofo e matematico Richard von Mises nel 1939,[8]. In esso si esamina la probabilità che possano accadere delle coincidenze in un gruppo di persone posto all interno di un locale, aula, cinema, ecc. Più precisamente, si può articolare ciò con due domande: 1.Sia dato un gruppo formato da n persone, qual è la probabilità che almeno due di esse festeggino il compleanno nella stessa data, cioè nello stesso giorno e nello stesso mese? 2.Se si vuole scommettere sulla possibilità di vincere sul verificarsi di qualche coincidenza di compleanni, quanto deve essere numeroso il gruppo di persone, ovvero quanto deve essere il minimo n? Si ignora per motivi di semplicità l anno bisestile, sebbene la sua inclusione non influenzerebbe sostanzialmente le considerazioni successive. L enunciato della seconda domanda costituisce, in letteratura il classico problema del compleanno e la sua soluzione, così come per la prima, porta ad esiti imprevedibili e a risultati che meritano un attenzione particolare. Tali fatti comportano, evidentemente, una riflessione di tipo didattico e metodologico più adeguata per lo sviluppo di concetti e situazioni legati all universo 595

3 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 della probabilità. Ci si interroga infatti profondamente sul significato oggettivo di casualità, contro l interpretazione soggettiva di ciò che noi intendiamo per essa stessa. Come verrà presto analizzata, la risposta alla seconda domanda è 23, ovvero questo è il più piccolo numero in cui posso scommettere di vincere, puntando sulla coincidenza di compleanni. Per la precisione con 23 persone ho una probabilità di successo del 50,7%. Si noti che una coincidenza sicura di due compleanni è soddisfatta immediatamente avendo un gruppo di persone pari a N=366. Evidentemente un ipotetica e facile riposta come 183, ottenuta su una base di proporzionalità, non solo non è corretta, ma mostra i limiti stessi e l inefficacia di un approccio lineare. Se si analizzano diverse date di nascita, scelte da dati anagrafici comuni, come due squadre calcistiche con l arbitro (per ottenere 23), delle scolaresche, bande musicali o altro si può effettivamente constatare l avverarsi di tale coincidenza. Tale evento ci si aspetta che si verifichi, anche se con la dovuta cautela, una volta su due. A titolo di esempio, ai Mondiali di calcio del 2014, dove le relative nazionali erano composte da 23 calciatori, si sono rilevati i casi dei brasiliani Hulk e Paulinho, nati entrambi il 25 luglio e quello degli argentini Gago e Fernandez che condividono anche la data di nascita. 2. Analisi e soluzione del problema. Valuteremo la risposta al problema del compleanno, cioè alla seconda domanda e gli argomenti utilizzati permetteranno di rispondere anche alla prima. Si possono allora seguire due dimostrazioni, entrambe valide in chiave didattica, poiché seguono modalità e approcci differenti ma in qualche modo complementari. La prima fa uso del calcolo combinatorio mentre la seconda si basa 596

4 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO specificamente sul concetto probabilistico di eventi indipendenti. Si consideri quindi, per un gruppo di n persone, l evento coincidenza di almeno due compleanni e lo si indichi con (Coinc_Compleanni), sottintendendo il riferimento a n. Il suo evento contrario, in cui per ogni coppia di persone scelte le date di nascita non coincidono mai, sarà invece indicato con (NonCoinc_Compleanni). Si calcolerà, per motivi di facilità, per prima la probabilità di quest ultimo evento. I casi favorevoli alla non coincidenza saranno allora le disposizioni semplici di 365 oggetti su n posti diversi, in quanto rappresentano le scelte in cui si possono scegliere n date differenti del calendario, cioè D 365,n. I casi possibili sono invece dati dalle disposizioni con ripetizione, ovvero le scelte in cui si possono scegliere n date qualsiasi del calendario, anche con coincidenze, che sono in numero di 365 n. Orbene, si ottiene: P(NonCoinc_Compleanni) Il primo valore di n per cui tale probabilità risulta minore di 0,50 è proprio 23. Si ha di conseguenza: P(Coinc_Compleanni)=1-P(NonCoinc_Compleanni) = = Si è utilizzata, per il calcolo, un approssimazione alla terza cifra decimale. Per una dimostrazione alternativa e più suggestiva si può ricorrere alla metafora di un gruppo di persone poste in una stanza. Precisamente ci sono n persone che entrano una alla volta in una stanza. Per la prima persona non ci sono problemi di coincidenza, in quanto ci sono 365 date possibili di compleanni. La seconda persona che entra nella stanza realizza la non coincidenza di compleanno con la prima, con probabilità.. 597

5 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Successivamente, la terza persona realizza la non coincidenza con le prime due, con probabilità e così via, l ultima realizza la non coincidenza di compleanno con le altre, con probabilità. Essendo i precedenti eventi indipendenti risulta: P(NonCoinc_Compleanni) =. Si noti quindi che il membro destro coinciderà con D 365,n e la frazione vale uno e si può omettere. Il grafico e la tabella successivi forniscono un andamento globale della probabilità dell evento (Coinc_Compleanni) in funzione del numero n. Probabilità di ottenere una coincidenza al variare del numero n. 598

6 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO Come si nota, per n=30 si ha una probabilità del 70% e per n=40 si raggiunge l 89%. Se n=60 superiamo il 99% pur non raggiungendo il 100% se non dal valore di n=366 in poi. Si può dimostrare che tale curva appartiene alla famiglia delle logistiche. Queste hanno un carattere asintotico, mentre la nostra presenta un valore effettivamente asintotico fino a 365 e successivamente, come detto, un andamento costante. 3. Risvolti didattici del problema del compleanno. Il problema del compleanno può essere proposto agli allievi di una classe liceale o di altro istituto, secondo le adeguate indicazioni nazionali. Esso offre la possibilità di riflettere sul concetto di casualità, ma anche sul tema attuale e scottante della fallacia del giocatore. Quali sono i meccanismi che portano un giocatore a scommettere spesso su poste non equilibrate? In che modo l analisi di un gioco viene concepita nell animo del giocatore? Sono solo alcune domande che richiedono, evidentemente, giusti spazi di riflessione in altra sede. Sapere però, che all interno di una sequenza di numeri, si possono verificare spesso delle coincidenze, mette in moto già una valutazione più seria e attenta sulla capacità stessa di comprendere la casualità e di come poterla interpretare. Si considereranno allora diverse situazioni didattiche da adottare in classe, che si possono rivelare d interesse concreto per favorire 599

7 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 idonei percorsi didattici. Si può presentare il problema del compleanno con il Gioco di buche e biglie: Si abbiano 365 buche e 23 biglie, si chiede agli allievi di inserire tali biglie in delle buche scelte in modo casuale. (Si dovrebbe chiaramente avvertire che la scelta di una buca di ogni allievo non deve essere comunicata all esterno). Con quale probabilità si verifica una coincidenza di due biglie nella stessa buca? La risposta è ancora del 50,7%, cioè è conveniente scommettere sull evento della coincidenza, piuttosto che su quello contrario. Un altra situazione didattica potrebbe essere la seguente: Scelta di Funzioni non iniettive: Sono dati due insiemi A e B rispettivamente di cardinalità 23 e 365. Scelta a caso una funzione da A a B qual è la probabilità che essa non sia iniettiva? In maniera alternativa a tale scelta si può considerare il seguente Problema degli arcieri: 23 arcieri scoccano i loro dardi su 365 bersagli possibili. Qual è la probabilità che due dardi confluiscano sullo stesso bersaglio. È possibile variare il numero usuale di 365 giorni di un calendario e ottenere risultati più generali sulle coincidenze, utilizzando la stessa tecnica dimostrativa. Si viene ad operare così con altri modelli concreti, ma altrettanto stimolanti ed efficaci, per gli sviluppi didattici che ne seguono. Si indicherà, quindi, con d il numero di giorni o il numero di oggetti che si devono scegliere -il calendarioe si cercherà di determinare il minimo n per cui l evento delle coincidenze, in breve (Coinc_Scelte), si verifichi con probabilità>50%. In modo analogo a quanto già visto si impone P(Coinc_Scelte)=1- P(NonCoinc_Scelte) =. Illustriamo ciò con il gioco della tombola, in cui si hanno novanta numeri e quindi il calendario ha d=90 scelte. Si calcola che con 600

8 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO n=12 estrazioni con reinserimento, si ha una probabilità di ottenere almeno una coincidenza di due numeri estratti, maggiore del 50%. Se si prova a giocare con le 40 carte da gioco classiche, con le dovute varianti locali, bastano 8 estrazioni con reinserimento per avere una probabilità di coincidenza maggiore del 52%, (con sette estrazioni ho una probabilità < 50%), mentre se si opera con le 52 carte francesi per avere delle analoghe chances di successo servono 9 estrazioni. Ecco un quadro illustrativo in cui si riporta per ogni lunghezza d, per valori minori di 100, il numero n cercato. L utilizzo di mezzi concreti carte, tombola o dadi si mostra utile e fruttuoso in chiave didattica, poiché offre un ambiente di gioco familiare e stimolante. Una situazione didattica alternativa e con risvolti altrettanto sorprendenti è data dal seguente esempio: Orologi e coincidenze: Si abbiano n orologi, in formato digitale, (o anche con lancette) alimentati a batteria. Qual è la probabilità che, almeno due di essi, mostrino sul display la stessa ora e lo stesso minuto, una volta esaurita la carica della batteria? In particolare come deve essere scelto n per avere una probabilità di successo maggiore del 50%? Soluzione: Ci sono 24 x 60 = 1440 configurazioni del display; quindi d=1440. Nel modo usuale si calcola la probabilità di successo, in funzione degli n orologi, come 601

9 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Valutando tale formula, si determina che occorrono n=45 orologi per scommettere sul successo di qualche coincidenza. Proprietà dei calendari: Dato un calendario con d giorni il numero n che fornisce la più piccola probabilità di ottenere almeno una coincidenza > 50% è funzione della radice quadrata di d. In formule si hanno: Queste funzioni sono da considerarsi valide in maniera asintotica, e sono una buona stima fino a Forniscono, infatti il giusto ordine di grandezza per orientarsi a determinare n in funzione dei giorni d del calendario. La dimostrazione di esse necessita normalmente della conoscenza degli sviluppi in serie. Per un approccio elementare in tal senso, si veda per esempio [11]. Un altra utile considerazione offerta dal problema del compleanno e che può aiutare a sondare aspetti non prevedibili sulla casualità è la seguente Domanda inversa: Quante persone n occorrono affinché si possa scommettere con successo (o alla pari) su una coincidenza di compleanno specificata, per esempio il nostro compleanno? La risposta appare ancora poco intuitiva ed è di 253. Si ottiene infatti che n persone hanno, in modo indipendente tra loro, una probabilità, di non coincidenza di compleanno con il nostro, pari a. Poiché interessa l evento complementare e che questo abbia probabilità >50% si ha:, che risolta fornisce il minimo valore n=253. Una facile risposta vicina a 180 comporterebbe un ipotesi sulle date necessariamente distinte tra loro e ciò non sarebbe corretto. Tale domanda inversa, insieme alla 602

10 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO costruzione di grafici e tabelle, può evidentemente porsi per tutte le altre situazioni viste in precedenza, come carte, tombola,ecc. Naturalmente ci si può avvalere di diversi strumenti software come Derive, Excel, linguaggi C, Visual Basic, R, ecc. per simulare tali attività di esplorazione sul mondo della probabilità e proporre percorsi didattici miranti a costruzioni significative. Alcune simulazioni in rete si possono trovare in [12][13]. 4.Aspetti della letteratura In letteratura il problema del compleanno è stato oggetto di diverse riflessioni e approcci spesso anche fantasiosi e peculiari. Tale attenzione non si è ancora esaurita del tutto, poiché si celano dei lati e aspetti non svelati completamente. Si accennerà a qualche risultato di tali sviluppi. Nel 1960 Il matematico McKinney [7] fornì una formula ricorsiva per rispondere al problema della coincidenza di tre compleanni. Si chiese, infatti, di trovare il minimo numero n per cui si poteva scommettere con successo su almeno una coincidenza di tre compleanni. La risposta è n=88. Successivamente dei risultati di tipo computazionale, [7],[3] hanno contribuito in modo analogo, a calcolare per valori di coincidenze successive, la minima numerosità di gruppi di n persone. (Diaconis e Mosteller 1989, [3]). La tabella riportata sotto, mostra tali valori di n per ogni coincidenza multipla. 603

11 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Per questo problema esistono anche delle formule generali in forma chiusa di tipo ricorsivo (del 1997), ma sono tutt altro che maneggevoli, si veda in proposito [14] [5]. I matematici M. Abramson e W. Moser pubblicarono nel 1970 More Birthday Surprises, [1] e calcolarono la probabilità di scommettere su eventi che sono quasi-compleanni, ovvero che probabilità esiste perché in un gruppo di n persone si possa scommettere su due date che differiscono al più di un giorno solamente. Il caso in cui le date sono coincidenti, viene ancora contemplato nel quasi-compleanno. Si intende che il calendario deve essere considerato chiuso a collana, cioè 31 Dicembre e 1 Gennaio sono giorni con distanza 1. La risposta è che 14 persone bastano per avere un quasi-compleanno con probabilità > 50%. Se si desidera un quasi-quasi-compelanno, ovvero come puntare sulla coincidenza di due date con distanza di al più 2 giorni, allora il minimo numero vincente è 11. Si mostra sotto, la tabella completa di tali fatti per descrivere i quasi compleanni con distanze generiche. Tra gli obiettivi attuali della ricerca c è quello di trovare per un calendario con d giorni, delle formule semplici per n, che siano asintoticamente corrette e nello stesso tempo più precise. I lavori di [4] hanno mostrato, per esempio, che se p indica la probabilità di successo di una coincidenza, il gruppo di persone deve essere almeno di n persone per ottenere tale probabilità p, secondo la seguente formula: 604

12 IL PROBLEMA DEL COMPLEANNO E LE SUE VARIANTI B.PAOLILLO Si intende nell espressione al membro destro, il simbolo come parte intera superiore. La stima così ottenuta è ottima, con un errore di al più 1. Su quest argomento si consiglia anche la lettura dell articolo di D. Brink in [2]. In informatica il problema del compleanno è tutt ora oggetto di perfezionamento. È infatti legato ad una particolare codifica, chiamata Hash, utilizzata spesso in crittografia. In sintesi, si cerca di ottenere da un flusso di dati in input, delle particolari stringhe (sequenze) in output, mediante specifiche funzioni di codifica, non iniettive, rispettando alcune richieste. Si chiede, infatti, che tale codifica sia resistente a possibili collisioni, ovvero che sia arduo partire da due dati distinti ed arrivare allo stesso valore in uscita. Evidentemente l apparato di conoscenze legate alla problematica del compleanno, può aiutare a livello probabilistico, a valutare la bontà di un algoritmo di hashing. In conclusione, il problema del compleanno si può presentare a diversi livelli, secondo un approccio teorico, didattico ma anche applicativo. Il seguire tale evoluzione, anche da un punto di vista storico, rende consapevole lo studioso di come un argomento possa crescere sempre di più, stimolando la curiosità scientifica e contestualmente i mezzi stessi offerti dal calcolo delle probabilità. 605

13 L'INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA E DELLE SCIENZE INTEGRATE VOL.37 A-B N.5 NOVEMBRE-DICEMBRE 2014 Bibliografia 1.Abramson, M.; Moser, W. O. J. (1970). "More Birthday Surprises". American Mathematical Monthly 77: Brink.D. A (probably) exact solution to the Birthday Problem RamanujanJ. (2012) 28: Diaconis, P. and Mosteller, F. "Methods for Studying Coincidences."J. Amer. Statist. Assoc. 84, , Ejaz Ahmed. S-McIntosh Richard J.. An Asymptotic Approximation for the Birthday Problem. Crux Mathematicorum 26(3) Canadian Mathematical Society Finch, S. "Puzzle #28 [June 1997]: Coincident Birthdays. 6.Levin, B. "A Representation for Multinomial Cumulative Distribution Functions."Ann. Statistics 9, , McKinney, E. H. "Generalized Birthday Problem."Amer. Math. Monthly 73, , Mises, R. von. "Über Aufteilungs--und Besetzungs- Wahrscheinlichkeiten." Revue de la Faculté des Sciences de l'université d'istanbul, N. S. 4, , Reprinted in Selected Papers of Richard von Mises, Vol. 2 Ed. P. Frank, S. Goldstein,M. Kac,W. Prager, G. Szegö, and G. Birkhoff). 9.Stewart, I. "What a Coincidence!" Sci. Amer. 278, 95-96, June Tesler, L. "Not a Coincidence!" 11.http://www.dm.unito.it/~cerruti/aprile-07-luglio 08.html#compleanno 12.https://people.richland.edu/james/misc/simulation/ /birthday.html 13.http://www.math.uah.edu/stat/applets/ /BirthdayExperiment.html 14.http://mathworld.wolfram.com/BirthdayProblem.html 606

Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno. Paderno del Grappa 24 Agosto;

Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno. Paderno del Grappa 24 Agosto; Il problema del compleanno Bonaventura Paolillo Liceo Scientifico Franceso Severi - Salerno Paderno del Grappa 24 Agosto; Il problema del Compleanno Didattica Analisi combinatoria Applicazioni Sviluppo

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1

Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Disciplina: SCIENZE MATEMATICHE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 OBIETTIVO FORMATIVO Comprendere come gli strumenti matematici siano necessari per operare nella realtà. L alunno si muove con sicurezza nel calcolo

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI ISTITUTO COMPRENSIVO SANT AGOSTINO Scuola Secondaria di I grado UNGARETTI Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI SCIENZE MATEMATICHE, CHIMICHE, FISICHE E NATURALI Insegnante: Prof. Lorella

Dettagli

Biologia L alimentazione

Biologia L alimentazione Istituto Scolastico Comprensivo Statale Curricolo di istituto a.s 2015/2016 Classe SECONDA Scuola secondaria di primo grado Competenze chiave Competenza di base di scienza e tecnologia

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico e Comunicazione. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Informatico e Comunicazione Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 132 Gestione di progetto

Dettagli

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 )

Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Totoquote totocalcio expert. ( per Windows XP, Vista, 7 ) Software portatile per calcolo quote e picchetti. Diventa autonomo nella generazione di picchetti. Licenza Shareware nominativa senza scadenza

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA

PROGRAMMA DI MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO SCUOLA PRIMARIA di AVIO anno scolastico 2013-2014 Insegnante: Flavia Dossi Classe V PROGRAMMA DI MATEMATICA INDICAZIONI METODOLOGICHE Arrivati all ultimo anno della scuola primaria

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA INDIRIZZO TECNICO SCIENTIFICO CLASSI CORSI AFM, RIM, SIA BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: PAGETTI, GOI NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE I QUADRIMESTRE

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

MATEMATICA e SCIENZE

MATEMATICA e SCIENZE UNITA DI APPRENDIMENTO 1 e CLASSE: 1 Tempi: settembre /ottobre / novembre Anno Scolastico 2015 / 2016 Il numero e la misura Il metodo scientifico La materia e le sue trasformazioni Conoscenze Ripresa complessiva

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA

INFORMATICA. DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA INFORMATICA DOCENTE: CAVALLO Serena Classi: III E A.S.: 2013-2014 FINALITA L insegnamento di INFORMATICA nel secondo biennio si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA INDICAZIONI METODOLOGICHE L'approccio approccio metodologico adottato si fonda sulla convinzione che la caratteristica fondamentale del pensiero

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria

Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Casalgrande (R.E.) PROGETTAZIONE DI ISTITUTO MATEMATICA Scuola primaria CLASSE PRIMA Obiettivi formativi ABILITA CONOSCENZE Il numero - Contare in senso progressivo e regressivo. -

Dettagli

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado 1 di 6 AREA Matematico scientifica MATERIE COINVOLTE Matematica - Scienze DOCENTI Patrizia Lualdi - Silvia Colombo RIFERIMENTO AI DOCUMENTI NAZIONALI E DI ISTITUTO P.E.C.U.P L allievo utilizza le conoscenze

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa.

Una sperimentazione. Probabilità. Una previsione. Calcolo delle probabilità. Nonostante ciò, è possibile dire qualcosa. Una sperimentazione Probabilità Si sta sperimentando l efficacia di un nuovo farmaco per il morbo di Parkinson. Duemila pazienti partecipano alla sperimentazione: metà di essi vengono trattati con il nuovo

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA

LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA LICEO CLASSICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE, LICEO MUSICALE E COREUTICO, LICEO LINGUISTICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali

Dettagli

PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA REDATTI NELL'ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013

PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA REDATTI NELL'ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA REDATTI NELL'ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 Istituti coinvolti : I.C. Bassa Anaunia,Revò, Fondo,Cles,Taio, PREMESSA: La tecnologia si pone come laboratorio di analisi e ambiente

Dettagli

PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA

PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA PIANI DI STUDIO TECNOLOGIA PREMESSA: La tecnologia si pone come laboratorio di analisi e ambiente di formazione, dando vita a didattiche interdisciplinari. L'alunno, attraverso questa disciplina, può comprendere

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.2013/2014)

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno. Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V. Anno scolastico 2014-2015

Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno. Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V. Anno scolastico 2014-2015 Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: INFORMATICA Classe: V I Docenti della Disciplina Salerno, lì 20 settembre 2014 Finalità della Disciplina: Mettere lo studente

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

Corso di Psicometria Progredito

Corso di Psicometria Progredito Corso di Psicometria Progredito 3.1 Introduzione all inferenza statistica Prima Parte Gianmarco Altoè Dipartimento di Pedagogia, Psicologia e Filosofia Università di Cagliari, Anno Accademico 2013-2014

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica

UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica UniMC Facoltà di Lettere Filosofia Corso di informatica umanistica a.a. 2009/2010 Prof. Pierluigi Feliciati pierluigi.feliciati@unimc.it MODULO zero Cos'è l'informatica umanistica? 1 Nel 1946 Roberto Busa,

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari

Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Liceo scientifico statale Galileo Galilei 35030 Selvazzano Dentro (PD) Anno scolastico 2013-2014 Dipartimento di Informatica: Obiettivi Disciplinari Il presente documento descrive gli obiettivi disciplinari

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Esempio II.1.2. Esempio II.1.3. Esercizi

Esempio II.1.2. Esempio II.1.3. Esercizi Calcolo combinatorio Il calcolo combinatorio consiste nello sviluppo di nozioni e tecniche per contare i possibili ordinamenti di un insieme e le possibili scelte di sottoinsiemi di un insieme Ha numerosi

Dettagli

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Uff. I - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Ordinamenti

Dettagli

15. Antico gioco russo

15. Antico gioco russo 15. Antico gioco russo In un antico gioco russo, attraverso i risultati casuali ottenuti dall allacciamento di cordicelle, i giovani cercavano una previsione sul tipo di legame che si sarebbe instaurata

Dettagli

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica?

Introduzione. Perché un altro libro sui quiz di logica? Introduzione Per gran parte dei concorsi pubblici, dall'accesso al'università alla selezione per posti lavorativi i quiz di logica solo parte importante dei quesiti selettivi. Non richiedono una preparazione

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza matematicoscientifica COMPETENZE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI Scuola Secondaria di I grado Considerate la vastità degli argomenti trattati e le esigenze peculiari di ogni classe, ciascun insegnante deciderà quali unità didattiche

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli