TEORIA DEL CONSUMATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEORIA DEL CONSUMATORE"

Transcript

1 TEORIA DEL CONSUMATORE Premessa: La moderna teoria economica del comportamento del consumatore è intimamente legata alla teoria marginalista neo-classica, essendo fra l'altro da essa storicamente derivata. Ciò detto, va però precisato che la moderna teoria poggia su basi formali molto più generali e robuste (facendo in particolare a meno dell'ipotesi di utilità marginale decrescente, essendo fra l'altro il concetto stesso di utilità derivato e non primitivo), ancorché estremamente semplici. In particolare, l'ipotesi comportamentale di base è che i consumatori scelgano le combinazioni migliori fra quelle disponibili. Due fondamentali elementi sono dunque alla base della teoria: l) la definizione di ciò che costituisce l'insieme delle combinazioni di beni (o panieri) disponibili per i diversi consumatori; 2) la definizione di un apparato che consenta di dire quando un paniere è migliore di un altro. Alla prima definizione provvede il vincolo di bilancio; alla seconda l'apparato analitico delle "preferenze" del consumatore. Dato vincolo di bilancio e preferenze, tutta la teoria microeconomia del consumatore discende logicamente dalla formalizzazione di tali nozioni primitive. PRELIMINARI (Varian. paragrafo 2.2). IL VINCOLO DI BILANCIO Nella teoria si assume che il consumatore debba scegliere un paniere tra tanti disponibili. Un paniere è una combinazione X = (Xl, X2,..., xn) di quantità XI, X2,..., Xn, relative ad n beni. Gli n beni possono essere diversi per caratteristiche merceologiche; ma anche per diversa disponibilità nel tempo, nello spazio, negli stati del mondo. Perché, tuttavia, si possa parlare di n beni diversi, è necessario che per ogni bene possa identificarsi un mercato specifico, cosicché ad ogni bene corrisponda un ben definito prezzo. Dunque, se ci sono XI, X2,..., Xn beni, ci devono essere p}, pz,..., Pn prezzi (anche se ovviamente prezzi di beni diversi possono essere uguali). Si assume che il consumatore sia un "price-taker", ovvero se Pi è il prezzo di mercato del bene i, si assume che Pi rimanga costante indipendentemente dalla quantità Xi acquistata dal consumatore. Dati gli n beni e i relativi prezzi, un tipico paniere (Xl, X2,..., Xn) acquistabile dal consumatore è delimitato dalla capacità di spesa m, che il consumatore può sostenere; ovvero il paniere (x1, x2,..., Xn) acquistabile deve costare meno di m: p 1 x 1 + p 2 x p n x n m (1) L'insieme dei panieri che soddisfano la (1), chiamata vincolo di bilancio, costituiscono l'insieme di bilancio. La capacità di spesa m, e di qui l'insieme di bilancio, può essere influenzata da varie variabili e circostanze. Il caso più semplice (e quello che seguiremo nel resto del corso) è che m corrisponde ad un reddito monetario dato per il consumatore.

2 1. REDDITO ESOGENO DEL CONSUMATORE (Varian. paragrafi 2.2, 2.3, 2.4, 2.5, 2.6, 2.7). Quando m è un reddito esogeno per il consumatore, e n = 2 il vincolo di bilancio si riduce a: p 1 x 1 + p 2 x 2 m Tale caso consente una comoda rappresentazione grafica. bene 2 m/ p 2 Insieme di bilancio Retta di Bilancio p 1 x 1 + p 2 x 2 = m - p 1 / p STATICA COMPARATA SU VINCOLO DI BILANCIO m/ p 1 bene 1 a) Aumento di m da m a m ' b) Aumento di p1 da p1 a pl X 2 X 2 m ' / P 2 m / P 2 m / P 2 -P 1 / P 2 -P 1 / P 2 X 1 X 1 m / P 1 m ' / P 1 c)diminuzione di p2 da p2 a p2' m / P 1 m / P 1 d) Aumento di (m, p1, p2) tutti nella stessa proporzione λ.; da P1x1 + p2x2 m a λ.p1x1 + λ p2x2 λ m il vincolo di bilancio non si modifica X 2 m / P 2 X 2 λ m / P 2 = λm / λ P 2 m / P 2 -P 1 / P 2 = λ P 1 / P BENE NUMERARIO. X 1 m / P 1 = λ m/ P 1 X 1 Il caso d) dimostra che nella teoria economica i valori nominali della variabile (prezzi e reddito) non sono importanti; ciò che è importante sono i valori reali, ovvero i rapporti tra i prezzi (o prezzi

3 relativi) p1/p2 e il valore reale del reddito m/p1(o m/p2). Ciò significa anche che, dati i prezzi p1 e p2, possiamo sempre trasformare (o, come si dice, normalizzare) i prezzi, cioè che il prezzo di un bene sia uguale ad 1. Ad esempio i vincoli: i) p1x1 + p2x2 m ii) p1'x1 + x2 m' con pl' = pl/p2 e m' = m/p2 iii) xl + p2"x2 m" con p2" = p2/pl e m" = m/pl definiscono tutti lo stesso insieme di bilancio. Beni per i quali il prezzo è normalizzato a l (bene 2 nel vincolo ii), e bene l nel vincolo iii)), si dicono numerari. Tipicamente, nella realtà, il bene numerario è la moneta; ma nella teoria come bene numerario può essere preso qualsiasi bene o funzione di bene, come il bene composito (inteso come somma spesa per un insieme di beni, diversi da un bene dato). 1.3 VINCOLI ISTITUZIONALI. Ad influire sulla forma del vincolo di bilancio possono anche operare vincoli istituzionali di varia natura, imposti dallo Stato o derivanti da regole o comportamenti dei venditori operanti su certi mercati. Esempi (provare e disegnarne il grafico): l) ACCISE (imposta su quantità acquistate di determinati beni) (pl + t)xl + p2x2 m 2) IMPOSTE AD VALOREM (imposte sul volume di spesa per determinati beni) pl(l + r)xl + p2x2 m 3) SUSSIDI SU QUANTITÀ ((pl - s)xl + p2x2 m) e su volumi di spesa (pl(l- s)xl + p2x2 m) 4) VINCOLI DI RAZIONAMENTO, ovvero vincoli che possono operare su dei mercati, così che la quantità massima consumabile di un bene, ad esempio bene x1, debba essere inferiore ad una certa quantità fissata Xi. X 2 insieme di bilancio quando X l è razionato a Xi X l X l

4 2. CASO CON m ENDOGENO (Varian. paragrafi 9.2,). In alcuni casi (nella realtà nella maggioranze), la capacità di spesa di un consumatore può dipendere dalle sue stesse scelte. Ciò ad esempio può accadere quando il consumatore dispone di una dotazione iniziale dei beni oggetto di interesse. In particolare, nel caso n = 2, siano ω1 e ω 2 delle dotazioni del consumatore per il bene l e per il bene 2. Il consumatore può ovviamente consumare direttamente le dotazioni, nel quale caso xl = ω 1 e x2 = ω 2; ma può anche decidere di portare al mercato le sue dotazioni, venderle così da ottenere un reddito da utilizzare per acquistare e quindi consumare quantità diverse dei due beni. Naturalmente dovrà essere: p1x1 + p2x2 p1 ω 1 + p2 ω 2 (2) ovvero, vendendo tutte le sue dotazioni, il consumatore non potrà pensare di consumare quantità maggiori di entrambi i beni; ma potrà pensare di consumare quantità maggiori di un bene (quello che verosimilmente preferisce) e quantità minori dell'altro (quello che verosimilmente considera peggiore). Ovviamente, in tale senso, il mercato consente al consumatore di realizzare un miglioramento paretiano (si ricordi il termine dal corso di istituzioni). Graficamente la (2) è rappresentabile come: bene 2 w2 - p 1 / p 2 w1 bene 1 2.1VINCOLO DI BILANCIO DEL CONSUMATORE/LAVORATORE. (Varian, 9.8). Sia C un bene composito con prezzo 1. Sia L la quantità di tempo usata dal consumatore per il lavoro e remunerata con un salario reale (in termini di bene composto) W. Sia M una dotazione di reddito monetario fissa. Sia T la dotazione di tempo rispetto alla quale si misura il salario W (ad esempio 8 ore se W è salario orario; 24 giorni se è mensile; ecc.).dunque, il vincolo di bilancio del avoratore/consumatore può essere scritto come:c M+WL ovvero C + WR M + WT.

5 Graficamente: C -W M T Tempo libero R 2.2 VINCOLO DI BILANCIO DEL CONSUMATORE/RISPARMIATORE (Varian,10.1) Siano Cl e C2 quantità di beni compositi di consumo a tempo 1 e a tempo 2. Sia (1 + r) il prezzo del consumo C1 in termini di C2 considerato numerario (r è di fatto il tasso di interesse). Siano m1 e m2 i redditi esogeni del consumatore al tempo 1 e 2, entrambi misurati ai prezzi di, rispettivamente, C l e C2. Dunque, il vincolo di bilancio del consumatore/risparmiatore può essere scritto come: (1 + r)c1 + C2 (1 + r)ml + m2 (C1 + C2/l +r m1+ m2/l +r) Esso è detto vincolo di bilancio intertemporale. C2 m2 -(1+r) m1 C1

6 LE PREFERENZE E LA FUNZIONE DI UTILITÀ DEFINIZIONE. (Varian, 3.1). Con il termine di preferenze si intende una relazione binaria tra due panieri. In particolare: X> Y significa che il paniere X è strettamente preferito a Y X ~ Y significa che il paniere X è indifferente a Y X Ґ Y significa che il paniere X è debolmente preferito a Y, ovvero che il paniere Y non è preferito ax. 1.DALLE PREFERENZE ALLA FUNZIONE DI UTILITÀ 1.1 "RAZIONALITÀ" DEL CONSUMATORE. (Varian, 3.2). Data la relazione di preferenza, la teoria economica compie tre assunzione volte a garantire che il comportamento sia "razionale". In particolare, le tre assunzioni sono: - completezza, data una qualsiasi coppia di panieri X, Y, sarà sempre X Y o Y X - riflessività, dato un qualsiasi paniere X, sarà sempre X X - transitiva, dati tre panieri X, Y, Z, per cui vale X > Y e Y > Z, allora seguirà X >'?'" Z L'idea di razionalità incorporata nelle tre assunzioni è che dato un qualsiasi insieme {X, Y, Z,..., W} di panieri, il consumatore sarà sempre in grado di ordinare completamente l'insieme dal paniere migliore al paniere peggiore. In particolare, l'ordinabilità dell'insieme di panieri è assicurata dalla completezza (che garantisce che sia sempre possibile per una coppia di panieri dire quale è il migliore e quale il peggiore) e dalla transitività (che assicura che non possano esserci cicli di preferenze del tipo X > Y > Z> X). 1.2 CURVE DI INDIFFERENZA. (Varian, 3.3). Nel caso di panieri definiti su due beni, esempio X = (x1, x2), le preferenza del consumatore e le implicazioni delle tre ipotesi di razionalità, possono essere rappresentate graficamente. bene 2 insieme panieri debolmente preferiti a X (contiene tutti i panieri Y, Y tali che Y~ X) X 2 X curva di indifferenza (contiene tutti i panieri Y, tali che y.~ X) bene 1 X 1

7 Più in generale, le preferenze sono graficamente rappresentabili da una mappa di curve di indifferenza. Ad esempio, nel caso di X > Y > Z>... > W bene 2 X W Z Y bene FUNZIONE DI UTILITÀ. (Varian. tutto capitolo 4, 4.1, 4.4). Se le preferenze soddisfano le assunzioni di razionalità, cosicché qualsiasi insieme di panieri può essere ordinato dal migliore al peggiore, significa anche che si può stabilire una legge, ovvero una funzione che va dall'insieme di panieri alla retta dei numeri reali, cioè μ: {X, Y, Z,...} IR, tale che il minimo che la legge assegna al paniere X è maggiore o uguale al numero che la legge assegna al paniere Y se X Y; ovvero μ(x) μ(y) se e solo se X Y Tale legge μ è un esempio di funzione di utilità. Ovviamente, consumatori diversi avranno preferenze diverse e quindi leggi (o funzioni) di utilità che rappresentano le preferenze, diverse. i noti, tuttavia, che anche nel caso di un singolo consumatore, la funzione di utilità non è unica. In particolare, dato che l'unico ruolo della funzione di utilità è quello di assegnare numeri ai panieri in modo da rappresentare l'ordine di preferenze (e in tale senso si parla di funzione di utilità ordinale), è ovvio che una volta che abbiamo trovato un insieme di numeri che rappresentano tale ordine (come nel caso del grafico 1 in cui si è supposto che X> Y> Z), allora sarà sempre possibile trasformare quei numeri in altri insiemi di numeri che pure rappresentano le preferenze (come nei grafici 2, 3, 4). Grafico 1: bene 2 Z Y X μ =4 μ = 6 μ = 10 bene 1

8 Grafico 2 V 1 = μ 2 bene 2 Z Y X V 1 = 10 2 V 1 = 6 2 V 1 =4 2 bene 1 Grafico 3 V 2 = ln μ bene 2 Z Y X V 2 = ln10 V 2 = ln6 V 2 =ln4 bene 1 Grafico 4 V 3 = Vμ bene 2 Z Y X V 2 =V 10 V 2 = V6 V 2 =V4 bene 1 Ovviamente, affinché le trasformazioni di μ preservino l'ordine di preferenze, è necessario che le trasformazioni siano monotone crescenti. Formalmente, se μ rappresenta le preferenze allora anche Vμcon V > 0 (V derivata prima di V ) rappresenta le preferenze (come in effetti nel caso di V1, V2, V3 dei grafici). In tale senso, si dice che la funzione di utilità che rappresenta le preferenze di un consumatore è unica a meno di una trasformazione monotona crescente. La discussione appena svolta implica ovviamente anche che il particolare numero che ogni funzione di utilità assegna ad un dato paniere non ha alcun significato intrinseco, ovvero che l'utilità non è numerabile (su scala cardinale). In altre parole ancora, questo significa che in generale confronti fra utilità relative a panieri diversi servono solo a determinare in che direzione varia l'utilità passando da un paniere all'altro, ma non di quanto varia. Questo significa anche che mentre ha senso parlare di utilità marginale positiva o negativa, nulla si può dire di come varia

9 l'utilità marginale stessa (al contrario cioè di quanto facevano i marginalisti). Formalmente, data una funzione di utilità su due beni μ (Xl, X2), definiamo: utilità marginale del bene 1 utilità marginale del bene 2 M μ l = μ (Xl + X1, X2) - μ (X1, X2) / X1 M μ 2 = μ (X1. X2 + X2) - μ (X1,X2), / X Dunque, nulla possiamo dire su come in generale varino M μ l e M μ 2 mentre ovviamente in generale ci aspettiamo che sia MJlI che MJl2 siano positive. Per garantire ciò è tuttavia necessario fare un'altra esplicita assunzione (quella di monotonicità, in ciò che segue). 2. PREFERENZE REGOLARI O "WELL-BEHAVED" (Varian. paragrafo 3.5). Preferenze regolari o "well-behaved" sono preferenze che oltre alle assunzioni di razionalità, soddisfano altre due ipotesi: - monotonicità, dati due panieri X e Y tali che X contiene quantità non minori di Y per tutti i beni e quantità maggiori per almeno un bene, allora deve essere X >Y con n = 2, Xl Yl e X2 > Y2 X >Y - convessità, dato due panieri X, Y tra loro indifferenti, una loro combinazione lineare è non peggiore di entrambi; se poi la combinazione è strettamente migliore, allora le preferenze sono strettamente convesse. Con n = 2, X Y (txl + (l - t)y1, tx2 + (l - t)y2) (Xl, X2) L'intuizione delle due ipotesi è : a) per quanto riguarda la monotonicità, che "più è meglio"; e quindi l'utilità aumenta al crescere della quantità dei beni (cosicché la Mμ di ogni bene è positiva) b) per quanto riguarda la convessità, che "la media è perfetta agli estremi"; ovvero che l'individuo preferisce panieri con un po' di quantità di tutti i beni, piuttosto che panieri che non contengono o contengono pochissime quantità di qualche bene. Graficamente, la monotonicità implica che la pendenza delle curve di indifferenza sia negativa: bene 2 ΔX2 / ΔX1 ΔX2 bene 1 ΔX1 la convessità implica che la pendenza diminuisce in valore assoluto movendosi lungo la curva di indifferenza

10 bene 2 ΔX2 ΔX2 / ΔX1 ΔX2 ΔX1 ΔX1 bene 1 3. SAGGIO MARGINALE DI SOSTITUZIONE : MRS (Varian. paragrafo 3.6, 4.5). La pendenza di una curva di indifferenza costituisce il saggio marginale di sostituzione tra due beni, perché misura la proporzione in cui bisogna sostituire un bene con un altro al fine di rimanere nella stessa curva, ovvero sullo stesso livello di utilità. In riferimento al saggio marginale di sostituzione (MRS): - la monotonicità implica che MRS sia negativo - la convessità che MRS sia decrescente (poiché appunto la pendenza della curva diminuisce in valore assoluto) Una volta che conosciamo una funzione di utilità che rappresenta le preferenze, MRS è facile da calcolare. Essendo in particolare lungo una curva di indifferenza l'utilità costante, cosicché la variazione di utilità μ = 0 lungo una curva, data la regola del differenziale totale secondo cui μ=m μ1 μ1+ M μ2 x2 con μ= 0 segue x2/ x1= - M μ1/ M μ2 che è appunto MRS. 4. ESEMPI DI PREFERENZE E RELATIVE FUNZIONI DI UTILITA. (Varian, par. 3.4, 4.5) 4.1 BENI PERFETTI SOSTITUTI. (Se un consumatore è disposto a sostituire un bene con l altro ad un saggio costante). La funzione di utilità U(x 1, x 2 )= ax 1 +bx 2 con a>0, b>o, rappresenta situazioni in cui i beni si sostituiscono ad un tasso costante: MRS = Δx 2 /Δx 1 = -MU 1 /MU 2 =-a/b (costante) bene 2 Ovvero, 1 unità di x 1 si scambia con a/b unità del bene x 2, cioè vale per il consumatore a/b del bene x 2. bene 1

11 Ad esempio, se per rinunciare ad un cucchiaino di zucchero (x 1 ) il consumatore vuole 2 bustine di dolcificante (x 2 ), scriveremo la funzione di utilità come U(x 1,x 2 )=2x 1 +x 2. Ovviamente, se U(x 1,x 2 )=ax 1 +bx 2 rappresenta le preferenze di un consumatore, allora anche V (ax 1,bx 2 ), con V >0 rappresenta le preferenze. Nota che anche con n beni perfetti sostituti, la funzione di utilità sarà U(x 1,x 2,...,x n ) =ax 1 +bx dx n. 4.2 BENI PERFETTI COMPLEMENTI. (Beni consumati congiuntamente in proporzioni fisse). La funzione di utilità U(x 1,x 2 )=Min{ax bx 2 } con a>0, b>0, è una funzione che assegna al generico paniere (x 1, x 2 ) un valore pari al numero più piccolo tra ax 1 e bx 2. Si tratta cioè di preferenze relative a beni per i quali avere quantità maggiori di x 1 (x 2 ) quando ax 1 >bx 2 (bx 2 >ax 1 ) non genera alcun aumento di benessere. MRS=Δx 2 /Δx 1 = -Δ per bx 2 >ax 1 MRS=Δx 2 /Δx 1 = 0 per ax 1 >bx 2 MRS=Δx 2 /Δx 1 = non definito per ax 1 =bx 2 bene 2 curva indiff. curva indifferenza curva indifferenza bene 1 Il consumatore vuole cioè consumare i beni nella proporzione fissa di 1 unità di x 1 insieme ad a/b di x 2. Ad esempio, se il consumatore vuole 2 cucchiaini di zucchero (x 2 ) per ogni tazza di caffè (x 1 ), scriveremo U(x 1,x 2 )=Min{2x 1,x 2 } Ovviamente anche in questo caso, se U(x 1,x 2 )=Min{2x 1,x 2 } rappresenta le preferenze di un consumatore, anche V(Min{x 1,x 2 } con V >0, rappresenta le preferenze. Con n beni perfetti complementi, la funzione di utilità sarà: U(x 1,x 2,...,x n )= {ax 1 +bx dx n }. 4.3 PREFERENZE DI COBB-DOUGLAS. Una classe di preferenze molto utilizzate nell analisi economica sono le preferenze di Cobb- Douglas, rappresentate da funzioni di utilità del tipo: U(x 1,x 2 )=x 1a *x 2 b con a>0 e b>0. MRS=Δx 2 /Δx 1 =-MU 1 /MU 2 =-a/b*x 2 /x 1. bene 2 bene 2 bene 2 a/b=1/4 bene 1 a/b=1/2 bene 1 bene 1 a/b=4

12 b b Ovviamente, se U(x 1,x 2 )=x 1a *x 2 rappresenta lòe preferenze, anche V(x 1a x 2 ) con V >0 le rappresenta. Trasformazioni V() molto utilizzate sono: b logaritmica: ln( x 1a x 2 )=alnx 1 +blnx 2 b normalizzata: ( x 1a x 2 ) 1/(a+b) 1-α = x 1α x 2 con α= a/(a+b) α 1- α log. normalizzata: ln(x 1 x 2 )= αlnx 1 +(1-α)lnx 2 Preferenze Cobb-Douglas su n beni: U(x 1,x 2,...,x i,...,x j,...,x n )= x 1 α1, x 2 α2., x n αn Il saggio marginale tra due generici beni i,j è: MRS ij =Δx i /Δx j =-MU i /MU j =(-α i α j)*(xj/x i ).

13 SCELTA OTTIMA DEL CONSUMATORE Premessa: Date le preferenze e il vincolo di bilancio, la teoria economica semplicemente assume che un agente razionale sceglierà tra tanti panieri disponibili, ovvero che appartengono all insieme di bilancio, il paniere che è preferito. L obiettivo del consumatore è quello di scegliere il paniere migliore e di soddisfare al massimo le sue preferenze. 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI. 1. IL PANIERE SCELTO (Varian, par.5.1, 5.3). Data l ipotesi di monotonicità, segue che il paniere scelto X * =(x 1*,x 2*,...,x n* ) soddisfa il vincolo di bilancio con il segno di uguale: P 1 x 1* +P 2 x 2* +...+P n x n* =m. Se le preferenze del consumatore soddisfano anche l ipotesi di convessità stretta, il paniere scelto X * =(x 1*,x 2*,...,x n* ) sarà di OTTIMO INTERNO, nel senso che conterrà quantità positive di tutti i beni, ovvero x 1* >0, x 2* >0,..., x n* >0. Se viceversa le preferenze non sono strettamente convesse, l ottimo potrà essere di FRONTIERA, ovvero il paniere X * potrà contenere qualche quantità nulla. Inoltre ci potrà essere più di una scelta ottima. X2 X2 X2 X* X1* X* X1* X* X2* X1 OTTIMO INTERNO OTTIMO INTERNO X1 X1 OTTIMO DI FRONTIERA X2 X2 X* X2* X1* X1 X1 OTTIMO DI FRONTIERA 2 OTTIMI

14 1.2 SCELTA OTTIMA CON PREFERENZE STRETTAMENTE CONVESSE. Nel caso di preferenze strettamente convesse (grafico a) (e funzione di utilità differenziabile), nel punto di ottimo la curva di indifferenza è tangente al vincolo di bilancio. Ovvero con n=2, il paniere X * soddisferà le due condizioni matematiche: 1) MRS (x * 1, x * 2)=-MU 1 (x * 1, x * 2)/MU 2 (x * 1, x * 2)=-P 1 /P 2 condizione di tangenza 2) P 1 x 1* +P 2 x 2* =m vincolo di bilancio Se le curve di indifferenza sono strettamente onvesse(non hanno alcun tratto piatto), vi sarà una sola scelta ottima per ciascun insieme di bilancio. X2 E X* Se le curve sono strettamente convesse vi sarà una sola scelta ottima per ciascun insieme di bilancio. E X1 Per capire la condizione 1) di tangenza, si supponga che essa non sia soddisfatta, ad esempio nel punto E, P 1 /P 2 >MU 1 /MU 2, da cui MU 1 /P 1 >MU 2 /P 2. Questo significa che ogni unità di reddito spesa sul bene 1, dà al consumatore più utilità di ogni unità di reddito spesa sul bene 2. Dunque, il consumatore aumenterà la spesa su x 1 e ridurrà la spesa su x 2, spostandosi verso destra sul vincolo di bilancio. Data la convessità, ovvero MRS è decrescente in x 1 (e crescente in x 2 ), questo significa che un aumento di x 1 a scapito di x 2 tenderà ad aumentare MRS e quindi MU 1 /MU 2. Tale aumento continuerà fino al punto in cui MU 1 /MU 2 =P 1 /P 2 cioè in corrispondenza di x * sul grafico.. Oltre tale punto un ulteriore aumento di x 1, ridurrà ulteriormente MRS, a cui evidentemente seguirà MU 1 /MU 2 <P 1 /P 2 ovvero MU 1 /P 1 <MU 2 /P 2. Al consumatore a questo punto non converrà più acquistare x 1, ma aumenterà x 2 ritornando verso il punto x * che è infatti di ottimo. Si noti che tutto questo ragionamento dipende dall ipotesi di convessità, ovvero dal fatto che MRS sia decrescente in x 1 (e crescente in x 2 ), mentre non richiede nessuna ipotesi circa la variazione di MU 1 e MU 2 individualmente considerate. Nel caso di preferenze convesse, la condizione di tangenza è una condizione sufficiente. Da un punto di vista formale, la soluzione al problema del consumatore di trovare il paniere ottimo, ovvero che massimizza la sua funzione di utilità e soddisfa il vincolo di bilancio, si affronta con il metodo matematico noto come metodo di Lagrange, che non viene affrontato in questo corso. Si noti tuttavia (e questo è da sapere) che le condizioni di ottimo espresse dalla condizione di tangenza 1) e dal vincolo di bilancio 2) nel caso di n=2, si generalizzano alla situazione in cui i beni siano n.

15 Più precisamente, le condizioni che massimizzano la funzione di utilità U(x 1,x 2,...,x n ) e che soddisfano il vincolo di bilancio P 1 x 1 +P 2 x P n x n =m, sono: 1) MRS 12 = -MU 1 (x 1,x 2,...,x n )/MU 2 (x 1,x 2,...,x n )= -P 1 /P 2. 2) MRS 23 = -MU 2 (x 1,x 2,...,x n )/MU 3 (x 1,x 2,...,x n )= -P 2 /P 3 n-1) MRS n-1, n = -MU n-1 (x 1,x 2,...,x n )/MU n (x 1,x 2,...,x n )= -P n-1 /P n n) P 1 x 1 +P 2 x P n x n =m 1.3 ESEMPI DI SCELTE OTTIME. Perfetti sostituti. U(x 1,x 2 ) = ax 1 +bx 2 Δx 2 /Δx 1 =MRS=-MU 1 /MU 2 =-a/b in generale K-P 1 /P 2 la soluzione è di frontiera X2 X* X2 X* X* X1 X1 a) Se a/b > P 1 /P 2 MU1/P 1 > MU 2 /P 2 b) Se a/b < P 1 /P 2 MU1/P 1 < MU 2 /P 2 * * * * x 1 = m/p 1 ; x 2 = 0 x 1 = 0; x 2 = m/p 2 Perfetti complementi. U(x 1,x 2 )=Min{ax bx 2 } MRS non è definito Tuttavia è evidente che il consumatore vuole ax 1 =bx 2 ; dunque la scelta ottima x 1*,x 2*, eve soddisfare: X2 { a x * * 1 =b x 2 { qr * * P 1 x 1 + P 2 x 2 = m X 1 * =bm / bp 1 + ap 2 X 2* =am / bp 1 + ap 2 X1* X* X1

16 Preferenze di Cobb-Douglas. U(x 1,x 2 )= x 1 a * x b 2 a>0, b>0 Δx 1 /Δx 2 =MRS=-MU 1 /MU 2 =-a/b * x 2 /x 1 Applico la regola dell ottimo interno: qr { MRS=-P1 / P2 -P1/P2= A/B x2/x1 P 1 x 1 + P 2 x 2 = m { X1 * =(a / a+b) * m/ P 1 X 2* =(b / a+b) * m/ P 2 X2 X* X1 Dunque (a/a+b) e (b/a+b), rappresentano le quote di reddito che il consumatore con preferenze Cobb-Douglas spende rispettivamente per il bene x 1 e per il bene x 2. La stessa interpretazione vale evidentemente per i coefficienti della Cobb-Douglas normalizzata, 1- α ovvero x 1α x 2 (oppure αlnx 1 +(1-α)lnx 2 ) dove α = a/(a+b).

17 LA FUNZIONE DI DOMANDA (Varian 5.2; introduzione 6) Premessa: la scelta ottima x*= (x 1 *, x 2 *,, x n *) deve quindi essere tale da soddisfare il vincolo di bilancio: P 1 x 1 * + P 2 x 2 = m. In questo senso, la scelta ottima x 1 * x 2 * dipende oltre che dalle preferenze, dai parametri P 1, P 2 e m. In questo senso si dice che le quantità ottime dei beni sono funzioni del reddito m, e dei prezzi. Per il generico bene x i, scriveremo quindi la funzione di domanda: x i = f i (P 1, P 2,, P n, m) con i=1,, n Tali funzioni sono dette funzioni di domanda Marshalliana. 1.LA DOMANDA DEI BENI IN FUNZIONE DEL REDDITO. (Varian 6.1, 6.2, 6.3) A seconda di come varia la domanda di un bene al variare del reddito, possiamo dare una classificazione dei beni. Se guardiamo semplicemente alla direzione della variazione della domanda di un bene, distinguiamo tra: BENI NORMALI Δ x I / Δ m > 0 BENI INFERIORI Δ x I / Δ m < 0 X2 X2 curva reddito - consumo curva reddito - consumo X1 X1 m cresce, cresce la domanda di x I m cresce, x I diminuisce Possiamo anche confrontare la variazione proporzionale della domanda Δ x I / x I, rispetto alla variazione proporzionale del reddito Δ m / m. Cioè possiamo guardare a (Δ x I / x I ) / (Δ m / m), o (Δ x I / Δ m) / ( m / x I ). Distinguiamo tra: BENI DI LUSSO, la cui domanda cresce più che proporzionalmente al crescere di m: (Δ x I / m) * (m / x I ) > 1. BENI NECESSARI, la cui domanda cresce meno che proporzionalmente al crescere di m: (Δ x I / m) * (m / x I ) < 1. Beni che derivano da PREFERENZE OMOTETICHE, la cui domanda cresce nella stessa proporzione di m: (Δ x I / m) * (m / x I ) = 1.

18 Graficamente la domanda di un bene rispetto al reddito visualizza la curva di Engel. Dunque: Beni di Lusso X 1 Preferenze omotetiche Beni Necessari Si noti che la domanda di beni perfetti sostituti (X 1 = m/p), di beni perfetti complementi (X 1 = bm/ bp1 + bp2), di beni da preferenze Cobb-Douglas (X 1 = a / a+b * m/p1) rilevano che tutti i tre casi sono di preferenze omotetiche. m 2.LA DOMANDA DEI BENI IN FUNZIONE DEI PREZZI. (Varian 6.4, 6.5, 6.6, 6.7) Consideriamo la domanda Marshalliana di un bene: X i = f i (P i,, P n ) Quando varia un qualsiasi prezzo la domanda varia. Consideriamo come varia la domanda di un bene quando varia il proprio prezzo distinguiamo: P1 curva di domanda bene ordinario P1 curva di domanda bene di Giffen X1 X1 BENE INF. ORDINARIO Δ X 1 / Δ P 1 < 0 BENE DI GIFFEN Δ X 1 / Δ P 1 > 0 In generale, ovviamente ci aspettiamo che la maggior parte dei beni siano beni ordinari.

19 Nel caso abbiamo a che fare con beni ordinari è anche utile distinguere come varia la domanda di un bene x1 x2 al variare del prezzo di un altro bene p1, p2. in tal caso distinguiamo: x1 > 0 ( x2 >0) allora x1 e x2 sono sostituti lordi p2 p1 x1 < 0 ( x2 <0) allora x1 e x2 sono complementi lordi p2 p1 graficamente possiamo allora distinguere: X 1 ordinario, X 1 X 2 compl. lordi X 1 ordinario, X 1 X 2 sost. lordi X 2 Curva Prezzo- Consumo X 2 Curva Prezzo- Consumo X 1 X 1 P 1 P 1 Δ P 1 < 0 Δ X 1 > 0, Δ X 2 > 0 Δ P 1 < 0 Δ X 1 > 0, Δ X 2 < 0 X 2 Curva Prezzo- Consumo X 1 P 1 Δ P 1 < 0 Δ X 1 < 0

20 2.1 EFFETTO REDDITO, EFFETTO DI SOSTITUZIONE, EQUAZIONE DI SLUTZKY (Varian 8.1, 8.2, 8.3, 8.4, 8.5, 8.6) Concentriamoci ora in modo particolare sull analisi della variazione della domanda di un bene rispetto al proprio prezzo chiedendoci in particolare da cosa dipende la variazione totale della domanda di un bene così fra l altro da determinare se un bene è ordinario o di Giffen? A tale proposito notiamo che quanto il prezzo di un bene varia succedono due cose: da un lato, quel bene diventa più conveniente o meno conveniente (a seconda se il prezzo è diminuito o aumentato) rispetto agli altri beni; dall altro lato la capacità di spesa di un consumatore in termini reali è pure variata (è cresciuta se il prezzo è diminuito, è diminuita se il prezzo è aumentato) Con il termine di EFFETTO DI SOSTITUZIONE si intende la variazione della domanda di un bene dovuta esclusivamente alla maggiore o minore convenienza di quel bene a seguito della variazione del suo prezzo. Con il termine EFFETTO DI REDDITO si intende la variazione della domanda di un bene in seguito alla variazione del potere d acquisto in termini reali perché il prezzo del bene è variato. In termini più formali la variazione della domanda di un bene rispetto alle variazioni del prezzo la individuiamo con x1 = x1(p 1,m) - x1(p1,m) p1 ( p 1-p1) dove x1(p1,m) indica la domanda del bene a prezzo p1 e x1(p 1,m) la domanda del bene al prezzo p 1 dopo cioè la variazione (si noti che la domanda è indicata solo per x1(p1,m) poiché gli altri prezzi sono fissi). Per distinguere in x1 / p1 la componente dovuta all effetto di sostituzione e quella dovuta all effetto di reddito ritraduciamo nell analisi in reddito virtuale m tale da consentire al consumatore al prezzo p 1 cioè al nuovo prezzo di sostenere una spesa esattamente pari a quella che sosteneva prima della variazione di p1. Analiticamente m virtuale è data da: p 1 x1(p1,m) + p2 x2 (p2,m) = m graficamente m virtuale è un vincolo che passa dal vecchio punto di ottimo E mo con pendenza p 1/p2 X 2 X 1 L effetto di sostituzione è dato da: x1 s = x1(p 1,m ) - x1(p1,m) p1 p 1- p1

21 L effetto di reddito è dato da: x1 m = x1(p 1,m) - x1(p 1,m ) p1 p 1- p1 Dunque l effetto totale è pari a: x1 = x1 s + x1 m = [x1(p 1,m ) - x1(p1,m)] +[ x1(p 1,m)- x1(p 1,m ) ] = x1(p 1, m) x1(p1,m) p1 p1 p1 p 1- p1 p 1- p1 Noto anche che l effetto di reddito è a tutti gli effetti una variazione della quantità domandata dovuta solo ad una variazione di m (cioè a prezzi costanti). Dunque vorremmo in generale esprimere la variazione x1(p 1,m)- x1(p 1,m ) rispetto alla variazione di reddito m= m m. Date le identità di bilancio p 1 + p2x2 = m e p1 x1 + p2 x2 = m potremmo scrivere (p1 p1)x1= m -m, e dunque l effetto reddito diventa: x1 m = x1(p 1,m) - x1(p 1,m ) = - (x1(p 1, m) x1 (p 1,m ) x1= - x1 x1 p1 p 1- p1 m- m m Sostituendo nella precedente scomposizione abbiamo: x1 = x1 s + x1 m = x1 s - x1 x1 p1 p1 p1 p1 m questa espressione costituisce l EQUAZIONE DI SLUTSKY. Nota (anche dagli esempi grafici che seguono) che l effetto sostituzione è sempre negativo, nel senso che prezzo e quantità si innovano sempre in direzioni opposte, ovvero se p1 > 0 x1 s <0 se invece p1 < 0 x1 s >0. Ricordandoci allora le definizioni di beni normali e inferiori possiamo fare la seguente classificazione: BENI NORMALI x1 >0 beni ordinari x1 < 0 sempre m p1 BENI INFERIORI x1 < 0 con x1 s > x1 x1 beni ordinari x1 < 0 m p1 m p1 BENI INFERIORI x1 < 0 con x1 s < x1 x1 beni di Giffen x1 > 0 m p1 m p1 La prima derivazione è nota come legge della domanda ovvero, l equazione di Slutzky (con l effetto sostituzione sempre negativo) serve a dimostrare da quando la domanda di un bene cresce al crescere del reddito allora la domanda del bene diminuisce all aumentare del suo prezzo.

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli