2 COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE NEL NUOVO LICEO SCIENTIFICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE NEL NUOVO LICEO SCIENTIFICO"

Transcript

1 2 COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE NEL NUOVO LICEO SCIENTIFICO 1

2 ITALIANO: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Padroneggiare gli strumenti e- spressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti (A) Comprendere nel loro significato messaggi orali di vario genere in situazioni formali e informali,cogliendone il contenuto esplicito e implicito e le funzioni (1) Esprimersi oralmente con un linguaggio sufficientemente chiaro e appropriato alla situazione comunicativa (2) Principali strutture grammaticali della lingua italiana La comunicazione e i suoi fattori Lessico fondamentale per comunicare oralmente in situazioni formali e informali Sostenere il proprio punto di vista considerando e comprendendo le diverse posizioni (3) Principi di organizzazione del discorso del discorso descrittivo, narrativo, espositivo,argomentativo Leggere,comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo (B) Padroneggiare le strutture della lingua presenti nei testi (1) Applicare strategie diverse di lettura (2) Comprendere globalmente il contenuto dei testi ed enuclearne le informazioni essenziali (3) Principali connettivi logici Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi Strategie di lettura Principali generi letterari Contesto storico di riferimento di alcune opere e dei loro autori 2

3 Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Riconoscere le specificità dei generi letterari trattati Produrre parafrasi e riassunti Produrre testi scritti corretti e coerenti secondo le tipologie testuali esaminate e adeguati alle diverse situazioni comunicative Il testo narrativo ed elementi di narratologi Uso del dizionario Modalità e tecniche delle diverse forme di produzione scritta: parafrasi, riassunti, lettere, verbali,etc. Fasi della produzione scritta: pianificazione, stesura e revisione Articolo di cronaca, testi espositivi e argomentativi, commenti e analisi testuali Utilizzare gli strumenti per la fruizione consapevole del patrimonio letterario ( D) N.B. tale competenza è legata al raggiungimento delle prime tre Acquisire l abitudine alla lettura consapevole per approfondire la cultura personale e maturare un approccio critico alla realtà (1) Saper analizzare un testo letterario seguendo una griglia di interpretazione (2) Strumenti dell analisi del testo Storia dei vari generi letterari e una significativa scelta di testi Saper esprimere per orale e per iscritto un giudizio personale motivato, ovvero supportato da conoscenze e riflessione ( 3 3

4 LATINO: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Leggere,comprendere, analizzare, contestualizzare e tradurre testi latini semplici (A) Comprendere testi orali e scritti in italiano attinenti il latino (1) Leggere correttamente in latino (2) Comprendere i testi degli esercizi, i manuali in uso (3) Consultare il dizionario (4) Comprendere il tema fondamentale di un brano in latino (5) Analizzare le strutture linguistiche di un testo riconoscendole come riferibili a strutture e regole già studiate (6) Individuare il significato di parole ad alta frequenza d uso (7) Tradurre i testi, adeguati come difficoltà all anno di corso, rendendo correttamente le strutture latine presenti (8) Selezionare le conoscenze storiche e/o letterarie utili e le conoscenze già possedute relative all argomento (9) Operare raffronti tra termini latini e i loro derivati italiani (10) Classe prima Concetto di lingua flessiva (coniugazione, declinazione, funzioni logiche) Le parti del discorso nella lingua latina: analogie e differenze rispetto all italiano Fondamenti di fonetica Flessione nominale (sostantivo e aggettivo):desinenze e funzioni logiche Flessione verbale delle quattro coniugazioni regolari e del verbo sum,forma attiva e passiva (modo indicativo ed eventualmente congiuntivo,infinito e participio) Connettivi coordinanti Connettivi subordinanti che introducono proposizioni secondarie al modo indicativo Uso dell infinito presente come soggetto e come complemento oggetto Flessione e funzioni del pronome e dell aggettivo pronominale Complementi preposizionali Principali proposizioni subordinate con l indicativo Classe seconda Completamento della flessione e funzione del pronome Flessione verbale : modo congiuntivo attivo e passivo delle quattro coniugazioni regolari e di sum; participio, gerundio, gerundivo e supino Verbi deponenti Verbi atematici Gradi dell aggettivo e dell avverbio 4

5 Principali proposizioni subordinate con il congiuntivo Proposizioni infinitive Particolari costruzioni latine: cum narrativo, perifrastica attiva e passiva, ablativo assoluto N.B la programmazione potrà subire delle variazioni con eventuali anticipazioni di alcuni argomenti in prima in base alla loro diversa disposizione nei libri di testo adottati 5

6 STORIA E GEOGRAFIA: primo biennio Storia COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Comprendere il cambiamento o la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto tra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto tra aree geografiche e culturali (A) Utilizzare gli strumenti e le fonti pertinenti alla disciplina (testi,atlanti geostorici, cartine tematiche)(1) Leggere e analizzare grafici,tabelle e schemi (2) Comprendere la terminologia specifica della disciplina(3) Distinguere e saper ricavare informazioni storiche da fonti dirette e indirette(4) Collocare eventi e fenomeni nel tempo e nello spazio (5) Acquisire gli elementi fondamentali dei vari periodi storici indicati riconoscendo i rapporti di causa-effetto (6) Confrontare società diverse nel tempo e nello spazio (7) Individuare analogie e differenze tra fenomeni storici(8) Collegare le conoscenze storiche ad altre discipline uali geografia,italiano e latino ( solo per l indirizzo scientifico) (9) Esporre i contenuti studiati utilizzando il lessico specifico della disciplina (10) Caratteristiche di carte geografiche, storiche, linee del tempo, tabelle e grafici Classe prima Le civiltà del Vicino Oriente: lineamenti essenziali di sviluppo sociale, istituzionale,culturale La civiltà greca: il mondo egeo-cicladico,la Grecia arcaica, la Grecia classica, il Mediterraneo e l Oriente ellenistici Roma fino alla crisi della Repubblica: l Italia nel neolitico, gli Etruschi, la Roma arcaica, Roma potenza italica e poi mediterranea, la crisi della repubblica Classe seconda Dalla crisi della repubblica alla caduta dell impero romano d Occidente: Augusto e La dinastia giulio-claudia, il principato adottivo e il secolo d oro dell impero, il cristianesimo; la crisi del III secolo; l impero romano-cristiano e la caduta dell impero romano d Occidente L Alto Medioevo : l impero bizantino; l Islam e gli Arabi; l ascesa del Papato e i Longobardi; Carlo Magno e l Europa carolingia L Europa nell età feudale 6

7 Comprendere significati e valori delle regole contenute nella Costituzione (1) Collocare l esperienza personale in un ambito di rispetto delle regole sociali,di riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione,a tutela della persona,della collettività e dell ambiente (B) Comprendere la norma giuridica a partire dalle proprie esperienze e dal contesto scolastico (2) Identificare i diversi modelli istituzionali e di organizzazione sociale e le principali relazioni tra persona-famigliasocietà-stato (3) Identificare il ruolo delle Istituzioni europee e dei principali organismi di cooperazione internazionale (4) Adottare nella vita quotidiana comportamenti responsabili per la tutela e il rispetto dell ambiente e delle risorse naturali (5) Riconoscere le funzioni di base dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali per sapere a chi rivolgersi, qualora necessario (6) Classe prima e seconda Storia,struttura e principi fondamentali della Costituzione italiana Conoscenze di base sul concetto di norma giuridica Conoscere i diritti umani nella storia,nella cultura e negli ordinamenti giuridici delle civiltà studiate Conoscere le diverse forme di stato e di governo,le principali problematiche legate all integrazione e alla tutela dei diritti umani oggi e nella storia (con riferimento alle civiltà studiate Conoscere la storia dell Unione Europea nelle sue tappe fondamentali Organi dello Stato e loro funzioni principali Organi e funzioni di Regioni, Province e Comuni Principali organizzazioni internazionali e loro ruolo 7

8 Geografia COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Comprendere, collegare e confrontare aree geografiche e culturali diverse Utilizzare gli strumenti della disciplina (testi,carte geografiche,atlanti,etc.) (1) Leggere,analizzare,costruire grafici,tabelle e schemi (2) Comprendere la terminologia propria della disciplina (3) Identificare gli elementi caratterizzanti dell ambiente fisico e antropico (4) Individuare le relazioni esistenti tra gli elementi di un ambiente fisico e di un ambiente antropizzato (5) Distinguere i diversi aspetti di un fenomeno: politico,sociale,economico, demografico,culturale e collegarli tra loro (6) Acquisire la consapevolezza della stretta connessione tra uomo ambiente e dei diversi rapporti che, nel tempo e nello spazio,intercorrono tra essi per promuovere momenti di riflessione sulla complessità della realtà contemporanea (7) Utilizzare le conoscenze geografiche in relazione alla storia (8) Esporre in modo organico contenuti appresi con terminologia adeguata (9) Caratteristiche degli strumenti della geografia:carte,grafici,tabelle Caratteristiche principali e tipologie del territorio:paesaggi climatici ed ecosistemi Aspetti significativi dei principali stati extraeuropei (geografia descrittiva e umana) Connessione tra uomo, ambiente,spazio,territorio e studio delle problematiche attraverso una campionatura di situazioni (tali problematiche saranno scelte dai singoli docenti sulla base della programmazione individuale) Lessico specifico della disciplina 8

9 FRANCESE: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Utilizzare la lingua francesee per i principali scopi comunicativi e operativi CLASSE PRIMA Funzioni comunicative Entrare in contatto con qualcuno Presentarsi Dare del tu, dare del voi Scusarsi, ringraziare, chiedere di ripetere Salutare Identificare qualcuno o qualche cosa Offrire qualche cosa Esprimere gusti e preferenze Rispondere sì o no Identificare degli oggetti Indicare la presenza o l assenza Parlare di se e della propria famiglia Dire cosa si fa, dove si vive, dove si lavora Parlare di azioni passate Fare domande sulla professione Dare informazioni personali Esprimere l appartenenza Chiedere e dare informazioni sulla nazionalità Chiedere indirizzo e numero di telefono Fare domande su diversi livelli di lingua Fare le presentazioni Dire dove si è, dove si va e da dove si viene Invitare Accettare e rifiutare un invito Esprimere stati d animo Chiedere e dire l ora e il giorno Chiedere la causa di un fatto e giustificare Esprimere un azione futura o un intenzione Nozioni grammaticali I pronomi personali soggetto je, tu, il,...moi, toi... Qui est-ce, qu est-ce que c est C est, ce sont Articoli determinativi e indeterminativi La preposizione de + indeterminativo L accordo dell aggettivo Il plurale dei nomi La negazione Si, oui, non I verbi in -er, être, avoir, s appeler (ind. pres.) Il y a Pas de / pas des Il passato prossimo di alcuni verbi Interrogativa con que e qu est-ce que être + nome di professione Il femminile dei nomi di professione Gli aggettivi possessivi C est / il est. de, à, dans, chez I verbi comprendre, apprendre, faire conna ître, lire, écrire (ind. pres. e pass. pross.) Preposizioni con nomi di paesi e città Il femminile degli aggettivi di nazionalità L accordo dell aggettivo La frase interrogativa L interrogativa con qui, quoi, où, d où, comment, quand. Quel, quels, quelle, quelles Le cifre La preposizione à + articolo determinativo Il pronome on I verbi venir, sortir, partir, devoir, vouloir, pouvoir (ind. pres. 9

10 CLASSE SECONDA Esprimere l appartenenza Indicare il colore Descrivere dei vestiti Fare delle descrizioni: aspetto fisico, carattere Esprimere una quantità indefinita Funzioni comunicative Parlare del proprio tempo libero Esprimere i propri gusti e preferenze Descrivere delle azioni Dire ciò che si sta facendo, o che si sta per fare Situare, localizzare Chiedere e dare informazioni per strada Dire di fare o non fare qualcosa Dare ordini e consigli Esprimere l obbligo o il divieto Chiedere qualche cosa in un negozio Chiedere al ristorante Parlare di azioni passate, raccontare Confrontare, fare delle previsioni, negare Esprimere la causa, esprimere ipotesi Parlare del tempo atmosferico Parlare di sé, del proprio carattere ed abitudini Esprimere la simultaneità Descrivere animali Esprimere identità, differenza, somiglianza Confrontare, caratterizzare Fare domande su identità, lavoro, studio Entrare in contatto con qualcuno Rifiutare di entrare in contatto Identificare qualcuno o qualcosa Esprimere apprezzamenti e rispondere Informarsi su prezzo e qualità di un prodotto Reagire, rimproverare, protestare, insultare e pass. pross.) Il est + ora, c est + nome del giorno Pourquoi / Parce que Aller + infinito Gli aggettivi dimostrativi A + nome o pronome (moi, toi, lui...) L accordo degli aggettivi di colore Il femminile degli aggettivi L articolo partitivo du, de la, de l, des Verbi in -ir, dire, mettre (ind. pres. e pass. pross.) Nozioni grammaticali Comparativo mieux, meilleur Aggettivi, pronomi e avverbi negativi Personne, rien, aucun, plus, jamais Parce que, puisque, car, à cause de Verbi impersonali: il pleut, il neige Frase ipotetica e valore del futuro Condizionale, gerundio e participio presente Avverbi di modo Pronomi interrogativi e dimostrativi e possessivi Uso dell ausiliare: casi particolari Superlativo relativo Le mieux, le meilleur, le pire C est...qui/ c est que Verbi di opinione La coordinazione mais, ou, et, donc, or, ni, car La durata cela fait, il y a, depuis Formazione del congiuntivo e suo uso Verbi esprer, suffire Forma passiva par e de Condizionale passato Uso dei modi e dei tempi Il semble, il me semble Espressione della conseguenza Uso dei pronomi doppi 10

11 Scusarsi, trovare delle giustificazioni Accettare o rifiutare delle scuse Esprimere l appartenenza Mettere in rilievo un informazione Esprimere la durata Esprimere la necessità, la volontà, la preferenza Esprimere sentimenti e stati d animo, ironia Leggere e comprendere titoli di cronaca Riassumere un fatto di cronaca Mettere in rilievo, nominalizzare Raccontare avvenimenti del passato Situare avvenimenti nel tempo Fare domande in maniera indiretta Riportare discorsi Chiedere e dare informazioni di viaggio Chiedere e dare consigli Rimproverare qualcosa, disapprovare Esprimere rimpianti Formulare ipotesi sul passato Esprimere possibilità, dubbio, certezza Esprimere la conseguenza Leggere una pagina di teatro Riassumere una scena Esprimere sentimenti concessione/opposizione Confortare qualcuno Esprimere apprezzamenti positivi o negativi Cercare di modificare l opinione di qualcuno Argomentare per difendere la propria tesi Leggere e commentare sondaggi Esprimere scopo e condizione Animali, mestieri Comportamenti. identità e personalità Espressioni figurate Espressione dell opposizione/concessione Anteriorità, simultaneità, posteriorità Espressione dello scopo e della condizione Aggettivi e pronomi indefiniti 11

12 TEDESCO: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Utilizzare la lingua tedesca per i principali scopi comunicativi e operativi CLASSE PRIMA Competenze comunicative Salutarsi e presentarsi; sillabare il proprio nome; indicare il proprio indirizzo e numero di telefono; contare e calcolare; chiedere e indicare professione e provenienza di una persona; indicare relazioni di parentela; parlare della propria famiglia. nominare e descrivere oggetti d uso quotidiano; chiedere e dare informazioni su percorsi urbani; chiedere, comprendere e annotare prezzi; rivolgersi a un commesso per acquistare un articolo (alimentari, abbigliamento, fiori) descrivere abitudini alimentari; ordinare e pagare al ristorante; esprimere apprezzamenti; parlare dei gusti personali; indicare ciò che è permesso o possibile fare; formulare divieti; rispondere a una richiesta o a un ordine; fissare un appuntamento; scrivere brevi messaggi agli amici; chiedere e dare informazioni sui mezzi di trasporto pubblici: orari e itinerari; raccontare un semplice evento recente. offrono consigli Strutture grammaticali Struttura della frase enunciativa e interrogativa; pronomi personali; indicativo presente dei verbi: ausiliari, modali, deboli e principali verbi forti; verbi con prefisso separabile; articolo determinativo; articolo indeterminativo il genere dei sostantivi; numeri cardinali e ordinali; la forma di cortesia; pronome dimostrativo das; pronome indefinito man; pronomi interrogativi; preposizioni:aus, bei, mit nach, zu, von; in, an, auf ; für, ohne, gegen, um; aggettivi possessivi; la negazione nicht e kein; congiunzioni und oder aber e sondern; aggettivo predicativo; casi nominativo, accusativo e dativo; il partitivo; uso di sehr e viel; participio passato dei verbi deboli e dei principali verbi forti; preterito di sein e haben; Area semantica Saluti e presentazioni Famiglia Oggetti d uso quotidiano Topografia urbana, edifici, attrazioni turistiche Negozi Abbigliamento Cibi e bevande Mezzi di trasporto Tempo libero 12

13 CLASSE SECONDA Raccontare la propria giornata; Formulare proposte e discuterne; Esprimere interesse e meraviglia; Esprimere desideri e richieste in modo cortese; Parlare di intenzioni e programmi; Chiedere e dare consigli; Esortare qualcuno a fare qualcosa.; Esprimere incertezza, riconoscenza, Scrivere un invito; Valutare somiglianze e differenze; Formulare un ipotesi; Motivare una affermazione e sostenere un opinione; Riferire affermazioni, domande, ordini e richieste formulati da terzi. Scrivere una lettera personale; Comprendere testi informativi del settore turistico. Stilare semplici programmi di viaggio; Informarsi sullo stato di salute di una persona; rivolgersi a un medico; descrivere un semplice sintomo; Comprendere le previsioni meteorologiche; Parlare delle proprie esperienze scolastiche (materie, valutazioni, pagelle, orari ecc.); Parlare dei propri progetti futuri. Descrivere un abitazione; Comprendere un inserzione; Descrivere cose e persone; Comprendere e raccontare una fiaba. 13 Strutture grammaticali Complementi di moto a luogo e stato in luogo. Preposizioni con l accusativo e il dativo. Il complemento di termine. L imperativo. I pronomi personali accusativo e dativo. Comparativo di maggioranza e superlativo relativo Il caso genitivo. Il Genitivo dei nomi propri. Aggettivi e sostantivi di nazionalità. I numeri ordinali. La data. Complementi di tempo. Indicazioni di misura. Il pronome interrogativo welcher. Aggettivi attributivi e aggettivi sostantivati; Aggettivi dimostrativi. La comparazione. La struttura della frase subordinata. Subordinate causali, oggettive e concessive. Le interrogative indirette Il preterito dei verbi ausiliari e modali. Verbi riflessivi e pronomi riflessivi. I principali verbi con preposizioni. I verbi di posizione sitzen/ setzen, stehen/ stellen, liegen/ legen, hängen/ hängen Le preposizioni con accusativo e dativo Il congiuntivo II e la perifrastica wuerde+infinito Il periodo ipotetico; La comparazione dell aggettivo attributivo. Area semantica Viaggi Salute e corpo umano Tempo atmosferico Scuola e formazione Professioni Paesaggi e ambienti naturali La casa Vita quotidiana Abbigliamento Fiabe

14 SPAGNOLO: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Utilizzare la lingua spagnola per i principali scopi comunicativi e operativi CLASSE PRIMA Funzioni comunicative Pronunciare e scrivere correttamente Fare lo spelling Salutare qualcuno e congedarsi Presentarsi e presentare Chiedere e dare informazioni personali (nome, età, nazionalità, domicilio, numero di telefono) Parlare delle varie professioni Parlare di ciò che si possiede Identificare cose e persone Esprimere l esistenza di qualcosa o di qualcuno Identificare i punti cardinali Descrivere la stanza da letto Localizzare un luogo in una cartina Descriversi e descrivere una persona (fisicamente e caratterialmente) Esprimere i propri gusti Parlare della propria famiglia (relazioni familiari) Comprare da vestire Parlare del tessuto, del colore, della taglia, e del prezzo dei vari vestiti Fissare un appuntamento Chiedere e dare l ora Chiedere e saper dire la data Parlare di azioni abituali Invitare qualcuno Accettare o rifiutare un invito Rispondere al telefono e mantenere una conversazione telefonica Esprimere obbligo e necessità Chiedere e dare informazioni e indicazioni su luoghi ed edifici Esprimere la distanza 14 Strutture grammaticali Articoli Pronomi personali soggetto Forma di cortesia (tú / usted) Presente Indicativo del verso ser Formazione del plurale Aggettivi e pronomi dimostrativi Interrogativi qué, quién, cuál, cómo, dónde Presente Indicativo dei verbi di 1ª, 2ª, 3ª coniugazione Presente Indicativo dei verbi riflessivi Aggettivi possessivi (antepuestos / pospuestos) e pronomi possessivi Preposizioni Presente Indicativo dei verbi estar e dar Hay / Está / Están Estar + gerundio Presente Indicativo dei verbi irregolari di 2ª coniugazione Muy / Mucho Il verbo gustar Aggettivi qualificativi El que / El de Pronomi personali complemento: forme atone Desde hasta / De a Uso dell articolo con i giorni della settimana Presente Indicativo dei verbi con dittongazione Ir / Venir Preposizioni a / en Perifrasi all infinito: Ir a, Estar a punto de, Acabar de, Volver a, Tener que Traer/llevar; pedir/preguntar; quedar/quedarse Así / Tan Imperativo affermativo regolare e irregolare di 2ª persona

15 CLASSE SECONDA Dare ordini, permessi e istruzioni Descrivere la casa e le sue stanze Descrivere un appartamento Manifestare accordo e disaccordo Parlare di azioni recenti Descrivere luoghi, cose e persone del passato Parlare di azioni abituali nel passato Parlare dei gusti nel passato Esprimere cambiamenti Paragonare persone e cose Parlare di azioni passate Chiedere e dare informazioni sui viaggi e sugli orari dei vari mezzi Prenotare un biglietto Fare piani per il futuro Le regole dell accento Funzioni comunicative Prendere decisioni. Parlare di mestieri. Parlare della salute. Esprimere sentimenti. Prenotare camere, tavoli etc. Chiedere e dare consigli. Esprimere la propria opinione e argomentarla. E- sprimere dubbi. Formulare ipotesi. Esprimere desideri e speranze. Fare ipotesi. Riassumere una conversazione. Dire cosa si deve e non si deve fare. Parlare di permessi e regole. Chiedere e dare suggerimenti. Esprimere preferenze. Parlare di possibilità future, di situazioni immaginarie nel futuro. 15 Imperativo + pronomi Pretérito Perfecto de Indicativo Participi irregolari Usi principali di por e para Pretérito Imperfecto de Indicativo Pretérito Pluscuamperfecto Comparativi e Superlativi Pretérito Indefinido dei verbi regolari e irregolari Futuro dei verbi regolari e irregolari Entre / dentro de; Area semantica L alfabeto Gli spazi e gli oggetti dell aula Forme di saluto Numerali Nazioni e nazionalità Professioni e luoghi di lavoro Avverbi e preposizioni di luogo Punti cardinali Mobili e oggetti della camera da letto Descrizione della persona (parti del corpo, stati d animo, carattere) Espressioni di parentela I colori Il vestiario I giorni, i mesi, le stagioni, le parti del giorno Il telefono Attività e luoghi del tempo libero I negozi La città Indicatori di direzione Parti della casa Mobili L ambiente Il tempo atmosferico La stazione ferroviaria Strutture grammaticali Contrasto pretérito perfecto\pretérito indefinido, passivo e forma impersonale, futuro di probabilità, subordinate temporali, imperativo negativo, alguien, nadie, alguno, ninguno, algo, nada,

16 Scusarsi. Usare la forma passiva. Parlare di cose fatte fare ad altri. Esprimere rimpianti su un azione passata, mostrare interesse o sorpresa. Parlare del tempo atmosferico. Parlare di abitudini passate. Riportare dialoghi. Esprimere emozioni, sensazioni. condizionale semplice e composto, congiuntivo (presente, passato, imperfetto e trapassato), neutro, ipotetiche (I, II, III tipo) subordinate causali, finali, concessive, relative, discorso indiretto. Storia della Lingua: vocali e consonanti dal latino classico al castigliano moderno Area semantica Il lessico necessario ad esprimere le funzioni linguistiche in elenco, in particolare quello legato alle seguenti aree semantiche: Informatica, biografia, natura, sport, corpo umano, ospedale, hotel, ristorante, cibo,utensili casalinghi, cinema, teatro, musica, animali domestici. 16

17 INGLESE: primo biennio COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Utilizzare la lingua inglese per i principali scopi comunicativi e operativi CLASSE PRIMA Funzioni comunicative Descrivere persone Fare acquisti Descrivere routines e abitudini Chiedere informazioni Descrivere il tempo atmosferico Descrivere luoghi Dare indicazioni stradali Raccomandare luoghi Ambientare una storia Parlare di eventi e azioni passate Descrivere sentimenti Esprimere obblighi, divieti, assenza di necessità Fare progetti per il futuro Esprimere previsioni Chiedere e dare suggerimenti Chiedere scusa Offrire, invitare, accettare Descrivere animali, monumenti Esprimere opinioni Paragonare persone e cose Parlare di distanze e tempi di azione / viaggio Paragonare situazioni passate, presenti, future Parlare di attività ed esperienze recenti Scrivere lettere ad un amico Scrivere un articolo su un personaggio famoso Scrivere una lettera da una località di vacanza Scrivere un articolo su un viaggio Nozioni grammaticali Present simple/ present continuous Past simple/ past continuous Present perfect Past perfect Relative pronouns Definite article Prepositions (place time) Modal verbs: must, to have to, need, should, can, could Comparisons Futures : will, to be going to, present continuous 1 st type conditionals Reported speech (statements and questions) Area semantica Descrizione fisica/carattere Vestiario Stati d animo e sentimenti /Carattere Alloggio, sistemazione Tempo atmosferico / clima Aggettivi che descrivono luoghi Posizione di un edificio o di una facility Regole Interessi, tempo libero, vacanze Indicazioni stradali Situazioni pericolose Attività di lavoro / luoghi di lavoro Azioni ed eventi passati.civiltà antiche Edifici Giorni della settimana / routine quotidiana Divertimento : attività del tempo libero e sportivi Locali pubblici Materie scolastiche Lavori domestici Mezzi di trasporto 17

18 CLASSE SECONDA Scrivere brevi storie Scrivere una lettera ad un amico in cui si offrono consigli Funzioni comunicative Chiedere e dare indicazioni stradali Chiedere permesso e fare richieste Esprimere deduzioni, supposizioni, neces- sità, obbligo, divieto Dire ciò che si è riusciti a fare nel passato Esprimere consigli, preferenze Esprimere desideri Parlare di azioni abituali nel passato Parlare di ciò che si permette di fare, e di ciò che si costringe o persuade a fare Far fare qualcosa Dire da quanto tempo dura una situazione o azione Dire da quanto tempo durava una situa- zione o azione Descrivere posizione e movimento Valutare somiglianze e differenze con- frontare pregi e difetti Esprimere sentimenti ed emozioni Parlare della salute e del corpo umano Descrivere persone e cose Narrare eventi passati Descrivere eventi in sequenza Parlare di ipotesi possibili, improbabili, irreali o difficilmente realizzabili Riferire discorsi, domande, ordini, richie- ste Progetti per il futuro / previsioni Suggerimenti Confronto persone e cose Distanze e tempi di azione / viaggio Inviti / scuse / offerte Attività ed esperienze recenti Nozioni grammaticali Strutture linguistiche di base con particolare attenzione a : Tempi del presente e del passato nella forma semplice e progressiva Forma di durata: present perfect simple/ continuous Forma di durata: past perfect simple/ continuous Forme di futuro: will/be going to/present continuous/future continuous/future perfect Modali can, could, may, might, must, should, ought to, had better, would rather wish + past tense/past perfect Used to vs be/get used to Forma passiva Periodo ipotetico: 1, 2, 3 tipo Reported speech Verbi seguiti da infinito e/o ing form Preposizioni + -ing form Phrasal verbs Uso articoli Comparativi e superlativi Pronomi relativi: defining / non-defining Pronomi riflessivi e reciproci Area semantica Il lessico necessario ad esprimere le funzioni linguistiche in elenco relative alle abilità, in particolare quello legato alle seguenti aree semantiche: posizione geografica e topografica emozioni e sentimenti, stati d animo dimensioni, distanza ambiente, condizioni atmosferiche carattere e personalità malattie e salute sport / viaggi 18

19 MODULI MODULO 1: insiemi ed elementi di logica, relazioni e funzioni MODULO 2: elementi di geometria razionale piana MODULO 3: strutture numeriche ed aritmetica COMPETENZE * a) a), c), e) a) b) MATEMATICA: primo biennio CLASSI CONOSCENZE ABILITA Prima Prima Prima Linguaggio elementare degli insiemi. Relazioni e funzioni Connettivi logici Implicazione, condizioni sufficienti, necessarie Conoscere il significato dei termini: assioma, definizione, teorema, corollario, ipotesi e tesi. Dimostrazioni per assurdo. sistema ipotetico-deduttivo, enti geometrici primitivi e assiomi di base criteri di congruenza dei triangoli, rette tagliate da trasversale, somma angoli interni, punti notevoli dei triangoli, trapezi, parallelogrammi, corrispondenza di Talete, luoghi geometrici numeri naturali: operazioni e proprietà, legge di annullamento del prodotto Massimo comun divisore e minimo comune multiplo frazioni numeriche : operazioni, proprietà e ordinamento numeri razionali definizione di potenze, teoremi e potenze con esponente intero negativo Saper interpretare formule insiemistiche Saper riconoscere le principali proprietà delle relazioni in un insieme Saper individuare fra le relazioni le funzioni Saper riconoscere ipotesi e tesi in un teorema esposizioni rigorose sotto il profilo logico e linguistico la differenza fra definizione e caratteristiche derivate la dimostrazione delle proprietà principali delle figure piane calcolo di espressioni saper calcolare il MCD tra numeri naturali, operando con l algoritmo euclideo scomposizione di numeri naturali in fattori primi calcolo di espressioni e riconoscimento di frazioni equivalenti trasformazione di numeri decimali periodici in frazioni calcolo di espressioni con consapevolezza e padronanza di tecniche 19

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli