Anno scolastico ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2014-1015 ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI"

Transcript

1 ' Anno scolastico ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI Voghera (PV) Via Scarabelli 57/59 tel fax Stradella (PV) Via A. Costa 17/23 tel fax Como (CO) Via Acquanera 43 tel Cod. Fisc.- P. IVA

2 INDICE Premessa 1 Profilo professionale di indirizzo Tecnico dei servizi commerciali Sede O.D.P.F. Istituto Santachiara C.f.p. di Stradella 1. 1 Descrizione figura professionale 1. 2 Obiettivi generale di indirizzo stabiliti 2 Profilo della classe 2. 1 Storia e profilo della classe 2. 2 Elenco dei docenti 2. 3 Elenco degli alunni 2. 4 Candidati esterni 3 Programmazione collegiale 3. 1 Obiettivi educativi comuni 3. 2 Obiettivi disciplinari trasversali raggiunti 3. 3 Obiettivi di apprendimento disciplinari raggiunti (si veda allegato 8/2) 3. 4 Numero di ore di lezione effettuate 3. 5 Metodologie didattiche 3. 6 Strumenti didattici 3. 7 Griglia di valutazione del Consiglio di Classe 3. 8 Strumenti per la valutazione e modalità di verifica 4 Attivita di recupero e/o potenziamento 5 Attivita curriculari ed extracurriculari 6 Alternanza scuola lavoro 7 Prove scritte effettuate secondo le tipologie previste per la terza prova 8 Allegati Firma docenti 8. 1 Griglia per l attribuzione del credito 8. 2 Obiettivi di apprendimento raggiunti/contenuti disciplinari/libri di testo 8. 3 Alternanza scuola - lavoro 8. 4 Simulazioni di prove d esame: prima/seconda/terza prova 2

3 PREMESSA La classe Quinta, che ha seguito il percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), ad ordinamento regionale, in possesso del Diploma Professionale TECNICO dei SERVIZI di IMPRESA, ha frequentato il corso annuale integrativo, valevole per l accesso all esame di Stato previsto dall art. 15 del Dlgs n. 226/05 e regolamentato, a livello nazionale dalle Linee guida recepite con DM 4/2011 e dall Ordinanza Ministeriale relativa a Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali e non statali - Anno scolastico 2014/2015 ed a livello regionale, dalle Linee guida regionali, allegato A al DDG 6801/13. Il gruppo di IeFP è stato aggregato alla classe 5A dell'istituto Professionale di Stato di Istruzione Superiore Carlo Calvi di Voghera (PV), per la sede associata Istituto Professionale per i servizi Commerciali A. Maragliano di Voghera (PV), sulla base della tabella di corrispondenza dei titoli di cui alle Linee regionali, allegato B) al DDG 6801/13, in coerenza con le disposizioni normative in materia. Gli alunni di tale gruppo sono aspiranti candidati interni all esame di stato; a seguito dello scrutinio di ammissione, in coerenza a quanto previsto dalla citata O.M. gli studenti saranno a tutti gli effetti considerati candidati interni. Il corso annuale del gruppo di IeFP si è sviluppato in coerenza con la fisionomia specifica dell ordinamento di IeFP, in ottemperanza alle specifiche disposizioni di cui alle Linee guida regionali e finalizzato all acquisizione del Titolo di Diploma Tecnico della Gestione Aziendale di Istruzione Professionale ed all ammissione alle corrispettive prove d esame di Stato. Nelle more dell adeguamento dell attuale normativa in materia di esami di Stato, il gruppo di IeFP deve sostenere la stessa prima e seconda prova previste per la classe ad ordinamento statale. La terza prova ed il colloquio possono essere differenziati, in rapporto delle specificità dei percorsi effettuati. 3

4 CLASSE 5 ISTITUTO SANTACHIARA STRADELLA 1. PROFILO PROFESSIONALE DI INDIRIZZO 1.1. Descrizione sintetica della figura Il Diplomato nell indirizzo Servizi commerciali ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione delle vendite. In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali ed internazionali Processo di lavoro caratterizzante la figura: - ricercare ed elaborare dati concernenti mercati nazionali e internazionali; - contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; - contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativo contabile; - contribuire alla realizzazione di attività nell area marketing; - collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; - utilizzare strumenti informatici e programmi applicativi di settore; - organizzare eventi promozionali; - utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del territorio e delle corrispondenti declinazioni; - comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di settore; - collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale. 4

5 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.1. Profilo generale della classe Il corso annuale si è sviluppato in coerenza con la fisionomia specifica dell ordinamento di IeFP, in ottemperanza alle specifiche disposizioni di cui alle Linee guida regionali e sulla base della Convenzione stipulata tra l Istituzione scolastica IIS C. Calvi e l Istituzione formativa O.D.P.F. Istituto Santachiara C.F.P., allegata al presente Documento. La declinazione specifica del percorso formativo trova evidenza nel relativo allegato. Gli esiti di apprendimento del corso annuale sono stati individuati al fine di sviluppare tutte le dimensioni del Diploma di Tecnico della gestione aziendale. Per l area di base, competenze linguistiche (lingua italiana e lingua straniera), matematica, scientifica e tecnologica e storico-socio economica, gli esiti sono stati declinati in termini di competenze/abilità e conoscenze essenziali e articolati per aree secondo lo schema delle Linee guida della regolamentazione regionale, conformemente alla specificità del percorso di IeFP di provenienza. In tali aree, le conoscenze sono declinate in contenuti conoscitivi specifici, per permettere la rintracciabilità e la correlazione con i contenuti disciplinari dell ordinamento statale, nonché evidenziare le opzioni realizzate dall équipe dei formatori. Per l area tecnico professionale gli esiti di apprendimento sono stati individuati direttamente in relazione a quelli dell ordinamento statale di IP, tenendo in considerazione le acquisizioni già certificate di cui al Diploma Professionale di IeFP. Per la declinazione specifica degli esiti di apprendimento si rimanda all allegato di cui sopra. Il gruppo classe, inizialmente composto da 15 allievi, nel corso del mese di novembre ha visto il ritiro di due studenti, mentre un allieva si è ritirata nel mese di gennaio. La classe, dal punto di vista scolastico, si presenta divisa in due gruppi; alcuni allievi hanno evidenziato un percorso lineare, hanno dimostrato un buon grado di attenzione ed interesse per tutte le attività formative proposte, pervenendo a valutazioni positive in tutte le discipline. Gli altri allievi hanno dimostrato un metodo studio non sempre adeguato e un impegno discontinuo, evidenziando una situazione di numerose insufficienze che potrebbero compromettere la loro ammissione all esame di Stato; il Consiglio ha avvisato le famiglie di tali allievi, che hanno manifestato l intenzione di recuperare le loro situazioni negative. A questo proposito sono stati attivati recuperi pomeridiani settimanali di due ore, aperti comunque a tutta la classe; i docenti supporteranno gli studenti nella rielaborazione delle conoscenze e dei contenuti e saranno assegnate esercitazioni scritte per il recupero delle parti di programma in cui si evidenziano le maggiori lacune. 5

6 I docenti tutti hanno cercato di rimotivare i ragazzi stimolandoli ad un approccio più responsabile verso l attività formativa con colloqui individuali e di gruppo. La classe evidenzia un comportamento globalmente corretto e rispettoso sia nei riguardi dei docenti che dei compagni Elenco dei docenti Materia Docente Continuità didattica nel biennio post-qualifica SI NO Italiano Storia Anna Luisa Covini X Matematica Alessandro Rossi X Inglese Luisa Quaroni X Francese Luisa Quaroni X Tecnica ed economia aziendale Luigi Nicelli X Economia e diritto Stefania Bernuzzi X Tecniche di comunicazione Anna Salvano X Educazione fisica Paolo Barbieri X Religione Don Cristiano Orezzi X 6

7 2. 3 Elenco degli alunni N. ALUNNO Cognome Nome Voto Attestato qualifica a.s.2012/13 Credito classe III a.s.2012/13 Voto Diploma professionale a.s.2013/14 Credito classe IV a.s.2013/14 1 ANDOLFI ELITA Totale credito 2 BALZARELLI MARTINA 70(*) 4 80(**) 5 3 BENINCASA ANGELA BIRSAN BIANCA ADINA BLOGNA ANTONINO DEL BO' VALENTINA 90(***) FRUSTAGLI ELENA MATRELLA DENISE MAZZOTTA MARIA GRAZIA 75(***) PANELLI CLAUDIA PANZARINO MICHELE 72(*) 5 70(**) 4 12 YUQUILEMA MATAMOROS 13 CAROLINA (*) a.s. 2011/12 (**) a.s. 2012/13 (***) Qualifica professionale di Operatore ai servizi di vendita 7

8 3. 4 Numero di ore lezione effettuate DISCIPLINE Lingua italiana Lingua inglese Storia Economia e diritto IRC Matematica Scienze motorie Tecniche di comunicazione Tecnica ed economia aziendale Francese NUMERO ORE SETTIMANALI MONTE ORE ANNUO NUMERO ORE EFFETTUATE Metodologie didattiche Lezioni frontali Lezioni interattive Problem Solving Lavori di gruppo Attività di laboratorio Casi aziendali IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazi one X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Scienze motorie X Esercizi X X X X X 8

9 3. 6 Strumenti didattici IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazione Scienze motorie Libri di testo X X X X X X X Dispense e/o appunti Cassette audio Cassette video Giornali e/o riviste Laboratorio PC Palestra/ campo da gioco X X X X X X X X X X X X X X X X X 3. 7 Griglia di valutazione Consiglio di Classe Al fine di rendere più omogenea la valutazione delle prestazioni degli utenti nelle varie discipline, il Consiglio di Classe stabilisce di adottare una scala valutativa e individua la seguente corrispondenza tra voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell anno scolastico. Voto Conoscenza Comprensione Non dimostra di possedere conoscenze Dimostra di possedere conoscenze frammentarie e superficiali Dimostra di possedere conoscenze essenziali Dimostra di possedere conoscenze abbastanza complete Dimostra di possedere conoscenze complete ed approfondite Comprensione nulla Comprensione parziale dei contenuti semplici Comprensione dei contenuti semplici Sicura comprensione di concetti più complessi Sicura ed autonoma comprensione di concetti complessi Capacità espositiva / Proprietà di linguaggio Manca di un linguaggio specifico ed ha un esposizione gravemente scorretta Usa un linguaggio poco appropriato ed ha un esposizione incerta Usa un linguaggio abbastanza appropriato ed ha un esposizione non sempre chiara e coerente Usa un linguaggio specifico corretto ed ha un esposizione chiara Usa un linguaggio chiaro e corretto ed ha sicurezza espositiva Tecnica risolutiva / Applicazione Non sa applicare le conoscenze Sa applicare parzialmente le conoscenze e deve essere guidato Sa applicare conoscenze a semplici esercizi Sa applicare le conoscenze con discreta sicurezza Sa applicare autonomamente le conoscenze a problemi complessi o nuovi Capacità di analisi e di sintesi Non sa manipolare alcun tipo di informazione Ha difficoltà nel manipolare anche le informazioni più semplici Sa manipolare le informazioni più semplici Sa manipolare correttamente le informazioni Sa manipolare autonomamente e con precisione anche informazioni complesse Rielaborazione Non dimostra alcuna rielaborazione Dimostra una rielaborazione parziale anche per concetti semplici Dimostra una rielaborazione per concetti semplici Dimostra una rielaborazione completa ma senza approfondimenti Dimostra una rielaborazione autonoma ed approfondita Capacità tecnico / grafica Non dimostra capacità tecnico/grafiche Dimostra capacità tecnico/grafiche solo parziali Dimostra sufficienti capacità tecnico/grafiche Dimostra adeguate capacità tecnico/grafiche Dimostra ottime capacità tecnico/grafiche 9

10 3. 8 Strumenti per la valutazione e modalità di verifica IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazione Interrogazione X X X X X X Scienze motorie Interrogazione breve Produzione di saggio/articolo Prove strutturate Prove semistrutturate Risoluzione di problemi Verifica scritta tradizionale Lavori di laboratorio X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Esercizi X X X X 4. ATTIVITA' DI POTENZIAMENTO Disciplina Contenuto Partecipanti Lingua italiana Preparazione e Simulazione Prove d Esame Tutti presenti Tecnica ed economia aziendale Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Matematica Preparazione e Simulazione Prove d Esame Tutti presenti Lingua inglese Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Diritto ed economia Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Tecniche di comunicazione Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti 10

11 5. ATTIVITA CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI TIPO DI ATTIVITA USCITE DIDATTICHE E/O VIAGGI DI ISTRUZIONE QUINTO ANNO Visita alla città di Assisi in occasione della nomina del Vescovo di Tortona Visita all Esposizione Internazionale di Milano PROGETTI Anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza 6. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tutti gli alunni hanno svolto uno stage di 240 ore dal 05/03/2012 al 09/05/2012 durante il secondo anno di corso; uno stage di 300 ore dal 14/01/2013 al 26/03/2013 durante il terzo anno di corso e uno stage di 210 ore dal al durante il quarto anno di corso, presso aziende ed enti del territorio. (vedi allegato 8.4) 7. PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE PER LA TERZA PROVA I docenti di Matematica, Inglese, Tecniche di Comunicazione, Economia e Diritto hanno effettuato due simulazioni di Terza Prova. Il Consiglio di classe ha fissato come modalità il punto b art. 2 del Decreto 23/07/98 n 323: quesiti a risposta singola. Detta prova prevede 3 quesiti per ogni singola disciplina, quindi 12 quesiti in tutto. 8. ALLEGATI 8. 1 Griglia per l attribuzione del credito 8. 2 Obiettivi/Contenuti disciplinari/libri di testo 8. 3 Scheda alternanza scuola lavoro 8. 4 Simulazioni Prima/Seconda/Terza Prova e relative Griglie di Valutazione 11

12 12

13 Anno scolastico ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V ALLEGATO 8.1 GRIGLIA PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO 13

14 14

15 Anno scolastico ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V ALLEGATO 8.2 OBBIETTIVI/ CONTENUTI DISCIPLINARI/LIBRI DI TESTO 15

16 Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua Italiana Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Il testo letterario: le figure retoriche fondamentali; storia essenziale dei generi letterari; caratteristiche essenziali del testo poetico Saper utilizzare varie tipologie di scrittura (lettera, curriculum, saggi brevi, temi, articoli di giornali,recensioni, analisi di testo) Applicare tecniche di interazione relative agli aspetti pragmatici e soprasegmentali della comunicazione Applicare tecniche di ricerca, elaborazione e organizzazione di informazioni e concetti e del testo narrativo. Raggiungere una conoscenza di Applicare tecniche di articolazione Storia della lingua italiana e la questione della lingua nei secoli: gli snodi evolutivi fondamentali. Autori, opere e temi rilevanti della letteratura quello che è l evolversi dei generi, delle tematiche letterarie, delle trasformazioni linguistiche complessiva e locale del testo Utilizzare le strutture morfosintattiche e il lessico funzionali allo scopo e alla tipologia testuale Elementi di pragmatica della comunicazione Caratteristiche e convenzioni dei principali dell età contemporanea. linguaggi specialistici: commerciale, giuridico- amministrativo, tecnico Retorica e stilistica funzionali Morfosintassi e lessico Caratteristiche e convenzioni dei seguenti testi: commento, articolo di giornale, saggio breve, saggio espositivo/informativo argomentativo Tecniche di redazione di appunti e sintesi di testi orali e scritti Fonti documentarie multimediali Contenuti disciplinari Positivismo Naturalismo Verismo G. Verga Il Decadentismo. G. D Annunzio G. Pascoli L. Pirandello: Il primo Novecento. L avanguardia storica Il Futurismo Poesia tra le due guerre G. Ungaretti E. Montale La poesia degli anni Trenta: L Ermetismo S. Quasimodo La stagione del Neorealismo Cesare Pavese Letture e analisi del libro Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen 16

17 Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua italiana Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Il testo letterario: le figure retoriche fondamentali; storia essenziale dei generi letterari; caratteristiche essenziali del testo poetico e del testo narrativo. Storia della lingua italiana e la questione della lingua nei secoli: gli snodi evolutivi fondamentali. Autori, opere e temi rilevanti della letteratura dell età contemporanea. Devono raggiungere la capacità di leggere, comprendere e analizzare un testo a livello sia della forma sia del contenuto individuandone le tematiche centrali e sapendolo collocare nel suo contesto storico e culturale devono raggiungere la capacità di esporre per iscritto, collegare e rielaborare gli argomenti proposti Saper parafrasare un testo poetico Adottare specifiche tecniche di lettura e in rapporto alla tipologia di testo Utilizzare criteri di storicizzazione dei testi (analisi formale e del contesto sociale e culturale) Identificare i nessi tra produzione letteraria e quadro storico-culturale in chiave diacronica Applicare tecniche di analisi tematica, stilistica, narratologica Caratteristiche e convenzioni dei principali generi letterari Retorica, stilistica e narratologia Autori e opere maggiori della letteratura italiana del 900 Cornici storico- culturali dei maggiori eventi letterari del Novecento Fattori individuali e sociali nella formazione della personalità letteraria 17

18 Contenuti disciplinari Positivismo Naturalismo Verismo G. Verga Il Decadentismo. G. D Annunzio G. Pascoli L. Pirandello: Il primo Novecento. L avanguardia storica Il Futurismo Poesia tra le due guerre G. Ungaretti E. Montale La poesia degli anni Trenta: L Ermetismo S. Quasimodo La stagione del Neorealismo Cesare Pavese Letture e analisi del libro Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Storia Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali 18

19 I concetti ordinatori del sapere storico in ambito demografico, economico-sociale, politico e culturale, nel quadro di sviluppo dell età contemporanea. Contenuti disciplinari Gli studenti devono acquisire capacità di esporre organicamente i contenuti, facendo sempre più uso di un linguaggio specifico ai loro contesti Devono venire a conoscenza di quale sia il lavoro dello storico, quali siano le fonti a sua disposizione per l analisi degli avvenimenti di cui si vuole occupare Devono raggiungere una sicura conoscenza di quelli che sono stati gli sviluppi degli avvenimenti storici dai quali soprattutto dipendono le realtà in cui è calata la civiltà contemporanea e che hanno costituito il contesto storico, in cui si sono sviluppati gli avvenimenti letterari analizzati nelle ore di letteratura La prima guerra mondiale: le cause La rivoluzione russa L età dei totalitarismi: stalinismo, fascismo, nazismo La seconda guerra mondiale Il lungo dopoguerra Il bipolarismo e guerra fredda L Italia diventa Repubblica Recepire da diverse tipologie di fonti le informazioni relative all identità e storia del territorio Utilizzare concetti organizzatori - nuclei concettuali portanti Stabilire relazioni tra le variabili storiche Applicare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storico-sociali Applicare le conoscenze del passato per la comprensione del presente Gli strumenti della ricerca storica Concetti di epoca, evento, trasformazione, ciclo, durata, civiltà, popolo Eventi storici del 900 Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note 19

20 Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua straniera: inglese Luisa Quaroni V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Comunicare in lingua comunitaria in forma orale e scritta, in contesti di vita quotidiana e professionale (Livello B1) del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) Contenuti disciplinary Business Theory Banking services to business Accessibile banking The Stock Exchange Who operates in the Stock Exchange? The London Stock Exchange The New York Stock Exchange Marketing Market research The marketing mix Approfondire le nozioni tecniche, professionali e culturali Ampliare ed integrare le informazioni già acquisite Comunicare secondo un registro standard e correttezza di pronuncia Approfondire il linguaggio settoriale mediante la lettura, la comprensione di testi scritti e orali Conoscere e saper riferire sui principali servizi bancari, i metodi di pagamento usati all estero, la Borsa valori Saper analizzare documenti scritti riguardanti il pagamento di merci Conoscere e saper riferire sulla globalizzazione Saper redigere lettere commerciali riferite ai reclami come applicazione della fraseologia appresa Saper redigere una domanda di assunzione coerente rispetto alla situazione, corretta nella forma e nel tono Conoscere e saper riferire i principali aspetti dell economia nel Regno Unito 20 Identificare i contenuti di messaggi orali, annunci e conversazioni relative all ambito di vita e di lavoro Applicare tecniche e criteri di ricerca di informazioni all interno di testi scritti di diversa estensione e natura Interagire con autonomia in [brevi] conversazioni, in presenza e telefoniche Utilizzare correttamente la fonetica di un repertorio di parole e frasi di uso comune Descrivere [aspetti essenziali di] esperienze ed eventi Produrre in modo comprensibile e corretto testi scritti di carattere quotidiano e specialistico di varia natura e finalità Identificare i fattori essenziali che caratterizzano la civiltà del paese straniero Connettivi logico-sintattici Lessico [di base] relativo ad argomenti di vita quotidiana e professionale Modalità, tecniche di scrittura e forme testuali di uso abituale in ambito professionale: messaggi [brevi], istruzioni, descrizioni, report, istanze, ordini, ecc. Registro linguistico formale e informale Strutture morfosintattiche semplici e articolate: modi e tempi verbali del presente e del passato, frasi subordinate (finali, causali, concessive, ecc ) Autori ed opere maggiormente significativi della letteratura moderna e contemporanea straniera

21 Online marketing Advertising The power of advertising Trade fairs Fair Trade Microfinance Ethical Banking Ethical investment Cultural profiles Britain since 1930, The Usa becomes a world power, Boom and bust,the USA since WWar II The Welfare State, ( UK/USA), Mass Media ( UK/USA) How globalization is changing the worl, What is World Trade Organisation Business Communication Reminders Replies to reminders The Job interview Curiiculum Vitae The covering letter Strumenti / Sussidi (libri di testo, esercizi,fotocopie ecc.) Metodologia / Didattica (Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo, pair work ) Attrezzature ( libro di testo, registratore, video, ecc) Ambiente ( aula, laboratorio video) Modalità di valutazione delle competenze (Es. Osservazione durante l esecuzione - utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze o del prodotto) Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate (prova di ascolto, orale, test) Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua straniera: francese Luisa Quaroni V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Comunicare in lingua comunitaria in forma orale e scritta, in contesti di vita Approfondire le nozioni tecniche, professionali e culturali Ampliare ed integrare le 21 Identificare i contenuti di messaggi orali, annunci e conversazioni relative all ambito di vita e di lavoro Interagire con autonomia in [brevi]

22 quotidiana e professionale (Livello B1) del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) informazioni già acquisite Comunicare secondo un registro standard e correttezza di pronuncia Approfondire il linguaggio settoriale mediante la lettura, la comprensione di testi scritti e orali scritti riguardanti il pagamento di merci Conoscere e saper riferire sulla globalizzazione Saper redigere lettere conversazioni, in presenza e telefoniche Utilizzare correttamente la fonetica di un repertorio di parole e frasi di uso comune Descrivere [aspetti essenziali di] esperienze ed eventi Produrre in modo semplice, comprensibile e corretto testi scritti di carattere quotidiano e specialistico di varia natura e finalità Identificare i fattori essenziali che caratterizzano la civiltà del paese straniero Connettivi logico-sintattici Lessico [di base] relativo ad argomenti di vita quotidiana e professionale Modalità, tecniche di scrittura e forme testuali di uso abituale in ambito professionale: messaggi [brevi], istruzioni, descrizioni, report, istanze, ordini, ecc. Registro linguistico formale e informale Contenuti disciplinari Le marketing et la publicité La monnaie: naissance, évolution, l Euro La Banque La bourse L Ouest e le Sud- Ouest dela France Le Centre- Est de la France Les regions méditerranéennes La France D outre mer La circulaire publicitaire Le rappel de paiement La circulaire d information La lettre de motivation e le C.V. Strumenti / Sussidi ( esercizi,fotocopie ecc.) Metodologia / Didattica (Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo, jeu de role ) Attrezzature ( Lim, registratore, video, ecc) Ambiente ( aula, aula Lim) Modalità di valutazione delle competenze (Es. Osservazione durante l esecuzione - utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze o del prodotto) Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate (prova di ascolto, orale, test) Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Matematica Alessandro Rossi V anno Interdisciplinare Disciplinare 22

23 Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Applicare il linguaggio matematico per descrivere e risolvere problemi Argomenti Definizione di funzione saper costruire il grafico di una f(x) per punti saper riconoscere una funzione pari e una dispari saper trovare il dominio di una funzione razionale intera e fratta saper riconoscere funzioni crescenti e decrescenti sapere la definizione di limite saper calcolare il limite di una funzione razionale intera e fratta saper determinare l equazione di un asintoto verticale o orizzontale di una funzione saper determinare l equazione di un asintoto obliquo saper trovare i punti di discontinuità di una funzione conoscere la definizione di derivata e significato geometrico relativo saper calcolare la derivata di una funzione razionale saper individuare gli intervalli in cui una funzione è crescente saper determinare massimi e minimi di una funzione saper trovare in quali intervalli una funzione ha concavità verso l alto e verso il basso saper determinare i flessi di una funzione saper studiare una semplice funzione razionale intera e fratta, fino al calcolo della derivata prima saper studiare il grafico di una funzione razionale intera e fratta, mediante il calcolo della derivata prima e seconda Dominio e codominio di una funzione razionale intera e fratta Grafico di una funzione per punti Funzioni pari e dispari Funzioni crescenti e decrescenti Intorno di un punto e intorno di infinito Limiti finiti o infiniti per x tendente a un valore finito o infinito 23 Identificare questioni risolvibili con l ausilio di strumenti matematici Verificare catene deduttive date Applicare modelli matematici codificati a problemi posti Identificare specifiche modalità di rappresentazione matematica di oggetti, fenomeni e situazioni in rapporto al problema Utilizzare codici formali, strumenti, tecniche e strategie di calcolo 1 - Geometria del piano e dello spazio b) Il problema della misura: lunghezza, area e volume. 3 - Funzioni ed equazioni a) Potenze a esponente reale. Funzioni esponenziale e logaritmica. Equazioni esponenziali e logaritmiche. 4 - Analisi infinitesimale a) Successione numerica e limite di una successione. Il numero (P greco) b) Limite di una funzione. Funzione continua. c) Derivata di una funzione. Rappresentazione grafica di una funzione. d) Studio di una funzione e sua rappresentazione grafica. 5 - Matematica finanziaria e ricerca operativa c) Esempi di problemi di ottimizzazione. d) Esempi di programmazione lineare. 6 - Elementi di informatica Calcolo di limiti: teorema della somma e differenza teorema del prodotto e quoziente Casi di indeterminazione

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli