Anno scolastico ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2014-1015 ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI"

Transcript

1 ' Anno scolastico ESAME DI STATO.2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI Voghera (PV) Via Scarabelli 57/59 tel fax Stradella (PV) Via A. Costa 17/23 tel fax Como (CO) Via Acquanera 43 tel Cod. Fisc.- P. IVA

2 INDICE Premessa 1 Profilo professionale di indirizzo Tecnico dei servizi commerciali Sede O.D.P.F. Istituto Santachiara C.f.p. di Stradella 1. 1 Descrizione figura professionale 1. 2 Obiettivi generale di indirizzo stabiliti 2 Profilo della classe 2. 1 Storia e profilo della classe 2. 2 Elenco dei docenti 2. 3 Elenco degli alunni 2. 4 Candidati esterni 3 Programmazione collegiale 3. 1 Obiettivi educativi comuni 3. 2 Obiettivi disciplinari trasversali raggiunti 3. 3 Obiettivi di apprendimento disciplinari raggiunti (si veda allegato 8/2) 3. 4 Numero di ore di lezione effettuate 3. 5 Metodologie didattiche 3. 6 Strumenti didattici 3. 7 Griglia di valutazione del Consiglio di Classe 3. 8 Strumenti per la valutazione e modalità di verifica 4 Attivita di recupero e/o potenziamento 5 Attivita curriculari ed extracurriculari 6 Alternanza scuola lavoro 7 Prove scritte effettuate secondo le tipologie previste per la terza prova 8 Allegati Firma docenti 8. 1 Griglia per l attribuzione del credito 8. 2 Obiettivi di apprendimento raggiunti/contenuti disciplinari/libri di testo 8. 3 Alternanza scuola - lavoro 8. 4 Simulazioni di prove d esame: prima/seconda/terza prova 2

3 PREMESSA La classe Quinta, che ha seguito il percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), ad ordinamento regionale, in possesso del Diploma Professionale TECNICO dei SERVIZI di IMPRESA, ha frequentato il corso annuale integrativo, valevole per l accesso all esame di Stato previsto dall art. 15 del Dlgs n. 226/05 e regolamentato, a livello nazionale dalle Linee guida recepite con DM 4/2011 e dall Ordinanza Ministeriale relativa a Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali e non statali - Anno scolastico 2014/2015 ed a livello regionale, dalle Linee guida regionali, allegato A al DDG 6801/13. Il gruppo di IeFP è stato aggregato alla classe 5A dell'istituto Professionale di Stato di Istruzione Superiore Carlo Calvi di Voghera (PV), per la sede associata Istituto Professionale per i servizi Commerciali A. Maragliano di Voghera (PV), sulla base della tabella di corrispondenza dei titoli di cui alle Linee regionali, allegato B) al DDG 6801/13, in coerenza con le disposizioni normative in materia. Gli alunni di tale gruppo sono aspiranti candidati interni all esame di stato; a seguito dello scrutinio di ammissione, in coerenza a quanto previsto dalla citata O.M. gli studenti saranno a tutti gli effetti considerati candidati interni. Il corso annuale del gruppo di IeFP si è sviluppato in coerenza con la fisionomia specifica dell ordinamento di IeFP, in ottemperanza alle specifiche disposizioni di cui alle Linee guida regionali e finalizzato all acquisizione del Titolo di Diploma Tecnico della Gestione Aziendale di Istruzione Professionale ed all ammissione alle corrispettive prove d esame di Stato. Nelle more dell adeguamento dell attuale normativa in materia di esami di Stato, il gruppo di IeFP deve sostenere la stessa prima e seconda prova previste per la classe ad ordinamento statale. La terza prova ed il colloquio possono essere differenziati, in rapporto delle specificità dei percorsi effettuati. 3

4 CLASSE 5 ISTITUTO SANTACHIARA STRADELLA 1. PROFILO PROFESSIONALE DI INDIRIZZO 1.1. Descrizione sintetica della figura Il Diplomato nell indirizzo Servizi commerciali ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione delle vendite. In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali ed internazionali Processo di lavoro caratterizzante la figura: - ricercare ed elaborare dati concernenti mercati nazionali e internazionali; - contribuire alla realizzazione della gestione commerciale e degli adempimenti amministrativi ad essa connessi; - contribuire alla realizzazione della gestione dell area amministrativo contabile; - contribuire alla realizzazione di attività nell area marketing; - collaborare alla gestione degli adempimenti di natura civilistica e fiscale; - utilizzare strumenti informatici e programmi applicativi di settore; - organizzare eventi promozionali; - utilizzare tecniche di relazione e comunicazione commerciale, secondo le esigenze del territorio e delle corrispondenti declinazioni; - comunicare in almeno due lingue straniere con una corretta utilizzazione della terminologia di settore; - collaborare alla gestione del sistema informativo aziendale. 4

5 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.1. Profilo generale della classe Il corso annuale si è sviluppato in coerenza con la fisionomia specifica dell ordinamento di IeFP, in ottemperanza alle specifiche disposizioni di cui alle Linee guida regionali e sulla base della Convenzione stipulata tra l Istituzione scolastica IIS C. Calvi e l Istituzione formativa O.D.P.F. Istituto Santachiara C.F.P., allegata al presente Documento. La declinazione specifica del percorso formativo trova evidenza nel relativo allegato. Gli esiti di apprendimento del corso annuale sono stati individuati al fine di sviluppare tutte le dimensioni del Diploma di Tecnico della gestione aziendale. Per l area di base, competenze linguistiche (lingua italiana e lingua straniera), matematica, scientifica e tecnologica e storico-socio economica, gli esiti sono stati declinati in termini di competenze/abilità e conoscenze essenziali e articolati per aree secondo lo schema delle Linee guida della regolamentazione regionale, conformemente alla specificità del percorso di IeFP di provenienza. In tali aree, le conoscenze sono declinate in contenuti conoscitivi specifici, per permettere la rintracciabilità e la correlazione con i contenuti disciplinari dell ordinamento statale, nonché evidenziare le opzioni realizzate dall équipe dei formatori. Per l area tecnico professionale gli esiti di apprendimento sono stati individuati direttamente in relazione a quelli dell ordinamento statale di IP, tenendo in considerazione le acquisizioni già certificate di cui al Diploma Professionale di IeFP. Per la declinazione specifica degli esiti di apprendimento si rimanda all allegato di cui sopra. Il gruppo classe, inizialmente composto da 15 allievi, nel corso del mese di novembre ha visto il ritiro di due studenti, mentre un allieva si è ritirata nel mese di gennaio. La classe, dal punto di vista scolastico, si presenta divisa in due gruppi; alcuni allievi hanno evidenziato un percorso lineare, hanno dimostrato un buon grado di attenzione ed interesse per tutte le attività formative proposte, pervenendo a valutazioni positive in tutte le discipline. Gli altri allievi hanno dimostrato un metodo studio non sempre adeguato e un impegno discontinuo, evidenziando una situazione di numerose insufficienze che potrebbero compromettere la loro ammissione all esame di Stato; il Consiglio ha avvisato le famiglie di tali allievi, che hanno manifestato l intenzione di recuperare le loro situazioni negative. A questo proposito sono stati attivati recuperi pomeridiani settimanali di due ore, aperti comunque a tutta la classe; i docenti supporteranno gli studenti nella rielaborazione delle conoscenze e dei contenuti e saranno assegnate esercitazioni scritte per il recupero delle parti di programma in cui si evidenziano le maggiori lacune. 5

6 I docenti tutti hanno cercato di rimotivare i ragazzi stimolandoli ad un approccio più responsabile verso l attività formativa con colloqui individuali e di gruppo. La classe evidenzia un comportamento globalmente corretto e rispettoso sia nei riguardi dei docenti che dei compagni Elenco dei docenti Materia Docente Continuità didattica nel biennio post-qualifica SI NO Italiano Storia Anna Luisa Covini X Matematica Alessandro Rossi X Inglese Luisa Quaroni X Francese Luisa Quaroni X Tecnica ed economia aziendale Luigi Nicelli X Economia e diritto Stefania Bernuzzi X Tecniche di comunicazione Anna Salvano X Educazione fisica Paolo Barbieri X Religione Don Cristiano Orezzi X 6

7 2. 3 Elenco degli alunni N. ALUNNO Cognome Nome Voto Attestato qualifica a.s.2012/13 Credito classe III a.s.2012/13 Voto Diploma professionale a.s.2013/14 Credito classe IV a.s.2013/14 1 ANDOLFI ELITA Totale credito 2 BALZARELLI MARTINA 70(*) 4 80(**) 5 3 BENINCASA ANGELA BIRSAN BIANCA ADINA BLOGNA ANTONINO DEL BO' VALENTINA 90(***) FRUSTAGLI ELENA MATRELLA DENISE MAZZOTTA MARIA GRAZIA 75(***) PANELLI CLAUDIA PANZARINO MICHELE 72(*) 5 70(**) 4 12 YUQUILEMA MATAMOROS 13 CAROLINA (*) a.s. 2011/12 (**) a.s. 2012/13 (***) Qualifica professionale di Operatore ai servizi di vendita 7

8 3. 4 Numero di ore lezione effettuate DISCIPLINE Lingua italiana Lingua inglese Storia Economia e diritto IRC Matematica Scienze motorie Tecniche di comunicazione Tecnica ed economia aziendale Francese NUMERO ORE SETTIMANALI MONTE ORE ANNUO NUMERO ORE EFFETTUATE Metodologie didattiche Lezioni frontali Lezioni interattive Problem Solving Lavori di gruppo Attività di laboratorio Casi aziendali IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazi one X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Scienze motorie X Esercizi X X X X X 8

9 3. 6 Strumenti didattici IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazione Scienze motorie Libri di testo X X X X X X X Dispense e/o appunti Cassette audio Cassette video Giornali e/o riviste Laboratorio PC Palestra/ campo da gioco X X X X X X X X X X X X X X X X X 3. 7 Griglia di valutazione Consiglio di Classe Al fine di rendere più omogenea la valutazione delle prestazioni degli utenti nelle varie discipline, il Consiglio di Classe stabilisce di adottare una scala valutativa e individua la seguente corrispondenza tra voti e capacità/abilità raggiunte dagli studenti nel corso dell anno scolastico. Voto Conoscenza Comprensione Non dimostra di possedere conoscenze Dimostra di possedere conoscenze frammentarie e superficiali Dimostra di possedere conoscenze essenziali Dimostra di possedere conoscenze abbastanza complete Dimostra di possedere conoscenze complete ed approfondite Comprensione nulla Comprensione parziale dei contenuti semplici Comprensione dei contenuti semplici Sicura comprensione di concetti più complessi Sicura ed autonoma comprensione di concetti complessi Capacità espositiva / Proprietà di linguaggio Manca di un linguaggio specifico ed ha un esposizione gravemente scorretta Usa un linguaggio poco appropriato ed ha un esposizione incerta Usa un linguaggio abbastanza appropriato ed ha un esposizione non sempre chiara e coerente Usa un linguaggio specifico corretto ed ha un esposizione chiara Usa un linguaggio chiaro e corretto ed ha sicurezza espositiva Tecnica risolutiva / Applicazione Non sa applicare le conoscenze Sa applicare parzialmente le conoscenze e deve essere guidato Sa applicare conoscenze a semplici esercizi Sa applicare le conoscenze con discreta sicurezza Sa applicare autonomamente le conoscenze a problemi complessi o nuovi Capacità di analisi e di sintesi Non sa manipolare alcun tipo di informazione Ha difficoltà nel manipolare anche le informazioni più semplici Sa manipolare le informazioni più semplici Sa manipolare correttamente le informazioni Sa manipolare autonomamente e con precisione anche informazioni complesse Rielaborazione Non dimostra alcuna rielaborazione Dimostra una rielaborazione parziale anche per concetti semplici Dimostra una rielaborazione per concetti semplici Dimostra una rielaborazione completa ma senza approfondimenti Dimostra una rielaborazione autonoma ed approfondita Capacità tecnico / grafica Non dimostra capacità tecnico/grafiche Dimostra capacità tecnico/grafiche solo parziali Dimostra sufficienti capacità tecnico/grafiche Dimostra adeguate capacità tecnico/grafiche Dimostra ottime capacità tecnico/grafiche 9

10 3. 8 Strumenti per la valutazione e modalità di verifica IRCe Lingua italiana Storia Matematica Lingua inglese e francese Economia e diritto Tecnica ed economia aziendale Tecniche di comunicazione Interrogazione X X X X X X Scienze motorie Interrogazione breve Produzione di saggio/articolo Prove strutturate Prove semistrutturate Risoluzione di problemi Verifica scritta tradizionale Lavori di laboratorio X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Esercizi X X X X 4. ATTIVITA' DI POTENZIAMENTO Disciplina Contenuto Partecipanti Lingua italiana Preparazione e Simulazione Prove d Esame Tutti presenti Tecnica ed economia aziendale Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Matematica Preparazione e Simulazione Prove d Esame Tutti presenti Lingua inglese Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Diritto ed economia Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti Tecniche di comunicazione Preparazione e simulazione Prove d Esame Tutti presenti 10

11 5. ATTIVITA CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI TIPO DI ATTIVITA USCITE DIDATTICHE E/O VIAGGI DI ISTRUZIONE QUINTO ANNO Visita alla città di Assisi in occasione della nomina del Vescovo di Tortona Visita all Esposizione Internazionale di Milano PROGETTI Anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza 6. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tutti gli alunni hanno svolto uno stage di 240 ore dal 05/03/2012 al 09/05/2012 durante il secondo anno di corso; uno stage di 300 ore dal 14/01/2013 al 26/03/2013 durante il terzo anno di corso e uno stage di 210 ore dal al durante il quarto anno di corso, presso aziende ed enti del territorio. (vedi allegato 8.4) 7. PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE PER LA TERZA PROVA I docenti di Matematica, Inglese, Tecniche di Comunicazione, Economia e Diritto hanno effettuato due simulazioni di Terza Prova. Il Consiglio di classe ha fissato come modalità il punto b art. 2 del Decreto 23/07/98 n 323: quesiti a risposta singola. Detta prova prevede 3 quesiti per ogni singola disciplina, quindi 12 quesiti in tutto. 8. ALLEGATI 8. 1 Griglia per l attribuzione del credito 8. 2 Obiettivi/Contenuti disciplinari/libri di testo 8. 3 Scheda alternanza scuola lavoro 8. 4 Simulazioni Prima/Seconda/Terza Prova e relative Griglie di Valutazione 11

12 12

13 Anno scolastico ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V ALLEGATO 8.1 GRIGLIA PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO 13

14 14

15 Anno scolastico ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V ALLEGATO 8.2 OBBIETTIVI/ CONTENUTI DISCIPLINARI/LIBRI DI TESTO 15

16 Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua Italiana Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Il testo letterario: le figure retoriche fondamentali; storia essenziale dei generi letterari; caratteristiche essenziali del testo poetico Saper utilizzare varie tipologie di scrittura (lettera, curriculum, saggi brevi, temi, articoli di giornali,recensioni, analisi di testo) Applicare tecniche di interazione relative agli aspetti pragmatici e soprasegmentali della comunicazione Applicare tecniche di ricerca, elaborazione e organizzazione di informazioni e concetti e del testo narrativo. Raggiungere una conoscenza di Applicare tecniche di articolazione Storia della lingua italiana e la questione della lingua nei secoli: gli snodi evolutivi fondamentali. Autori, opere e temi rilevanti della letteratura quello che è l evolversi dei generi, delle tematiche letterarie, delle trasformazioni linguistiche complessiva e locale del testo Utilizzare le strutture morfosintattiche e il lessico funzionali allo scopo e alla tipologia testuale Elementi di pragmatica della comunicazione Caratteristiche e convenzioni dei principali dell età contemporanea. linguaggi specialistici: commerciale, giuridico- amministrativo, tecnico Retorica e stilistica funzionali Morfosintassi e lessico Caratteristiche e convenzioni dei seguenti testi: commento, articolo di giornale, saggio breve, saggio espositivo/informativo argomentativo Tecniche di redazione di appunti e sintesi di testi orali e scritti Fonti documentarie multimediali Contenuti disciplinari Positivismo Naturalismo Verismo G. Verga Il Decadentismo. G. D Annunzio G. Pascoli L. Pirandello: Il primo Novecento. L avanguardia storica Il Futurismo Poesia tra le due guerre G. Ungaretti E. Montale La poesia degli anni Trenta: L Ermetismo S. Quasimodo La stagione del Neorealismo Cesare Pavese Letture e analisi del libro Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen 16

17 Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua italiana Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Il testo letterario: le figure retoriche fondamentali; storia essenziale dei generi letterari; caratteristiche essenziali del testo poetico e del testo narrativo. Storia della lingua italiana e la questione della lingua nei secoli: gli snodi evolutivi fondamentali. Autori, opere e temi rilevanti della letteratura dell età contemporanea. Devono raggiungere la capacità di leggere, comprendere e analizzare un testo a livello sia della forma sia del contenuto individuandone le tematiche centrali e sapendolo collocare nel suo contesto storico e culturale devono raggiungere la capacità di esporre per iscritto, collegare e rielaborare gli argomenti proposti Saper parafrasare un testo poetico Adottare specifiche tecniche di lettura e in rapporto alla tipologia di testo Utilizzare criteri di storicizzazione dei testi (analisi formale e del contesto sociale e culturale) Identificare i nessi tra produzione letteraria e quadro storico-culturale in chiave diacronica Applicare tecniche di analisi tematica, stilistica, narratologica Caratteristiche e convenzioni dei principali generi letterari Retorica, stilistica e narratologia Autori e opere maggiori della letteratura italiana del 900 Cornici storico- culturali dei maggiori eventi letterari del Novecento Fattori individuali e sociali nella formazione della personalità letteraria 17

18 Contenuti disciplinari Positivismo Naturalismo Verismo G. Verga Il Decadentismo. G. D Annunzio G. Pascoli L. Pirandello: Il primo Novecento. L avanguardia storica Il Futurismo Poesia tra le due guerre G. Ungaretti E. Montale La poesia degli anni Trenta: L Ermetismo S. Quasimodo La stagione del Neorealismo Cesare Pavese Letture e analisi del libro Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Storia Anna Luisa Covini V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali 18

19 I concetti ordinatori del sapere storico in ambito demografico, economico-sociale, politico e culturale, nel quadro di sviluppo dell età contemporanea. Contenuti disciplinari Gli studenti devono acquisire capacità di esporre organicamente i contenuti, facendo sempre più uso di un linguaggio specifico ai loro contesti Devono venire a conoscenza di quale sia il lavoro dello storico, quali siano le fonti a sua disposizione per l analisi degli avvenimenti di cui si vuole occupare Devono raggiungere una sicura conoscenza di quelli che sono stati gli sviluppi degli avvenimenti storici dai quali soprattutto dipendono le realtà in cui è calata la civiltà contemporanea e che hanno costituito il contesto storico, in cui si sono sviluppati gli avvenimenti letterari analizzati nelle ore di letteratura La prima guerra mondiale: le cause La rivoluzione russa L età dei totalitarismi: stalinismo, fascismo, nazismo La seconda guerra mondiale Il lungo dopoguerra Il bipolarismo e guerra fredda L Italia diventa Repubblica Recepire da diverse tipologie di fonti le informazioni relative all identità e storia del territorio Utilizzare concetti organizzatori - nuclei concettuali portanti Stabilire relazioni tra le variabili storiche Applicare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storico-sociali Applicare le conoscenze del passato per la comprensione del presente Gli strumenti della ricerca storica Concetti di epoca, evento, trasformazione, ciclo, durata, civiltà, popolo Eventi storici del 900 Strumenti / Sussidi Libri di testo, dispense, esercizi, fotocopie, ecc. Metodologia / Didattica Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo Attrezzature Videoregistratore Ambiente Aula, visita guidata Modalità di valutazione delle competenze Utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate Prova scritta, orale, test Note 19

20 Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua straniera: inglese Luisa Quaroni V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Comunicare in lingua comunitaria in forma orale e scritta, in contesti di vita quotidiana e professionale (Livello B1) del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) Contenuti disciplinary Business Theory Banking services to business Accessibile banking The Stock Exchange Who operates in the Stock Exchange? The London Stock Exchange The New York Stock Exchange Marketing Market research The marketing mix Approfondire le nozioni tecniche, professionali e culturali Ampliare ed integrare le informazioni già acquisite Comunicare secondo un registro standard e correttezza di pronuncia Approfondire il linguaggio settoriale mediante la lettura, la comprensione di testi scritti e orali Conoscere e saper riferire sui principali servizi bancari, i metodi di pagamento usati all estero, la Borsa valori Saper analizzare documenti scritti riguardanti il pagamento di merci Conoscere e saper riferire sulla globalizzazione Saper redigere lettere commerciali riferite ai reclami come applicazione della fraseologia appresa Saper redigere una domanda di assunzione coerente rispetto alla situazione, corretta nella forma e nel tono Conoscere e saper riferire i principali aspetti dell economia nel Regno Unito 20 Identificare i contenuti di messaggi orali, annunci e conversazioni relative all ambito di vita e di lavoro Applicare tecniche e criteri di ricerca di informazioni all interno di testi scritti di diversa estensione e natura Interagire con autonomia in [brevi] conversazioni, in presenza e telefoniche Utilizzare correttamente la fonetica di un repertorio di parole e frasi di uso comune Descrivere [aspetti essenziali di] esperienze ed eventi Produrre in modo comprensibile e corretto testi scritti di carattere quotidiano e specialistico di varia natura e finalità Identificare i fattori essenziali che caratterizzano la civiltà del paese straniero Connettivi logico-sintattici Lessico [di base] relativo ad argomenti di vita quotidiana e professionale Modalità, tecniche di scrittura e forme testuali di uso abituale in ambito professionale: messaggi [brevi], istruzioni, descrizioni, report, istanze, ordini, ecc. Registro linguistico formale e informale Strutture morfosintattiche semplici e articolate: modi e tempi verbali del presente e del passato, frasi subordinate (finali, causali, concessive, ecc ) Autori ed opere maggiormente significativi della letteratura moderna e contemporanea straniera

21 Online marketing Advertising The power of advertising Trade fairs Fair Trade Microfinance Ethical Banking Ethical investment Cultural profiles Britain since 1930, The Usa becomes a world power, Boom and bust,the USA since WWar II The Welfare State, ( UK/USA), Mass Media ( UK/USA) How globalization is changing the worl, What is World Trade Organisation Business Communication Reminders Replies to reminders The Job interview Curiiculum Vitae The covering letter Strumenti / Sussidi (libri di testo, esercizi,fotocopie ecc.) Metodologia / Didattica (Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo, pair work ) Attrezzature ( libro di testo, registratore, video, ecc) Ambiente ( aula, laboratorio video) Modalità di valutazione delle competenze (Es. Osservazione durante l esecuzione - utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze o del prodotto) Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate (prova di ascolto, orale, test) Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Lingua straniera: francese Luisa Quaroni V anno Interdisciplinare Disciplinare Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Comunicare in lingua comunitaria in forma orale e scritta, in contesti di vita Approfondire le nozioni tecniche, professionali e culturali Ampliare ed integrare le 21 Identificare i contenuti di messaggi orali, annunci e conversazioni relative all ambito di vita e di lavoro Interagire con autonomia in [brevi]

22 quotidiana e professionale (Livello B1) del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) informazioni già acquisite Comunicare secondo un registro standard e correttezza di pronuncia Approfondire il linguaggio settoriale mediante la lettura, la comprensione di testi scritti e orali scritti riguardanti il pagamento di merci Conoscere e saper riferire sulla globalizzazione Saper redigere lettere conversazioni, in presenza e telefoniche Utilizzare correttamente la fonetica di un repertorio di parole e frasi di uso comune Descrivere [aspetti essenziali di] esperienze ed eventi Produrre in modo semplice, comprensibile e corretto testi scritti di carattere quotidiano e specialistico di varia natura e finalità Identificare i fattori essenziali che caratterizzano la civiltà del paese straniero Connettivi logico-sintattici Lessico [di base] relativo ad argomenti di vita quotidiana e professionale Modalità, tecniche di scrittura e forme testuali di uso abituale in ambito professionale: messaggi [brevi], istruzioni, descrizioni, report, istanze, ordini, ecc. Registro linguistico formale e informale Contenuti disciplinari Le marketing et la publicité La monnaie: naissance, évolution, l Euro La Banque La bourse L Ouest e le Sud- Ouest dela France Le Centre- Est de la France Les regions méditerranéennes La France D outre mer La circulaire publicitaire Le rappel de paiement La circulaire d information La lettre de motivation e le C.V. Strumenti / Sussidi ( esercizi,fotocopie ecc.) Metodologia / Didattica (Lezione : frontale - teoria, con testimonianza audio-visiva, lavoro personale o di gruppo, jeu de role ) Attrezzature ( Lim, registratore, video, ecc) Ambiente ( aula, aula Lim) Modalità di valutazione delle competenze (Es. Osservazione durante l esecuzione - utilizzo di rubriche di valutazione delle prestazioni/competenze o del prodotto) Modalità di valutazione delle conoscenze e abilità adottate (prova di ascolto, orale, test) Note Area/Disciplina Docente Annualità Tipologia Matematica Alessandro Rossi V anno Interdisciplinare Disciplinare 22

23 Competenze Obiettivi Abilità minime Conoscenze essenziali Applicare il linguaggio matematico per descrivere e risolvere problemi Argomenti Definizione di funzione saper costruire il grafico di una f(x) per punti saper riconoscere una funzione pari e una dispari saper trovare il dominio di una funzione razionale intera e fratta saper riconoscere funzioni crescenti e decrescenti sapere la definizione di limite saper calcolare il limite di una funzione razionale intera e fratta saper determinare l equazione di un asintoto verticale o orizzontale di una funzione saper determinare l equazione di un asintoto obliquo saper trovare i punti di discontinuità di una funzione conoscere la definizione di derivata e significato geometrico relativo saper calcolare la derivata di una funzione razionale saper individuare gli intervalli in cui una funzione è crescente saper determinare massimi e minimi di una funzione saper trovare in quali intervalli una funzione ha concavità verso l alto e verso il basso saper determinare i flessi di una funzione saper studiare una semplice funzione razionale intera e fratta, fino al calcolo della derivata prima saper studiare il grafico di una funzione razionale intera e fratta, mediante il calcolo della derivata prima e seconda Dominio e codominio di una funzione razionale intera e fratta Grafico di una funzione per punti Funzioni pari e dispari Funzioni crescenti e decrescenti Intorno di un punto e intorno di infinito Limiti finiti o infiniti per x tendente a un valore finito o infinito 23 Identificare questioni risolvibili con l ausilio di strumenti matematici Verificare catene deduttive date Applicare modelli matematici codificati a problemi posti Identificare specifiche modalità di rappresentazione matematica di oggetti, fenomeni e situazioni in rapporto al problema Utilizzare codici formali, strumenti, tecniche e strategie di calcolo 1 - Geometria del piano e dello spazio b) Il problema della misura: lunghezza, area e volume. 3 - Funzioni ed equazioni a) Potenze a esponente reale. Funzioni esponenziale e logaritmica. Equazioni esponenziali e logaritmiche. 4 - Analisi infinitesimale a) Successione numerica e limite di una successione. Il numero (P greco) b) Limite di una funzione. Funzione continua. c) Derivata di una funzione. Rappresentazione grafica di una funzione. d) Studio di una funzione e sua rappresentazione grafica. 5 - Matematica finanziaria e ricerca operativa c) Esempi di problemi di ottimizzazione. d) Esempi di programmazione lineare. 6 - Elementi di informatica Calcolo di limiti: teorema della somma e differenza teorema del prodotto e quoziente Casi di indeterminazione

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l automazione industriale Standard formativo minimo regionale 1 Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE CIARDO PELLEGRINO

LICEO ARTISTICO STATALE CIARDO PELLEGRINO LICEO ARTISTICO STATALE CIARDO PELLEGRINO Sede Centrale Dirigenza e Uffici di Segreteria Via Vecchia Copertino, n. 6 73100 Lecce Succursale V.le de Pietro Lecce Codice meccanografico LESL03000R C.F. 93126450753

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Annalisa Butturini MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 A AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INGLESE/FRANCESE Anno Scolastico: 2014-2015 QUINTO ANNO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA 137 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 5 26/01/2015 14.12 PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ QUINTO ANNO TCNICO PR IL TURISMO 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Discipline turistiche e aziendali DOCNTI: Claudia Paccagnella Competenze da conseguire

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE FONDAZIONE IKAROS Via Avis Aido, 24054 CALCIO (BG) Anno scolastico 2014-2015 ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SERVIZI COMMERCIALI INDICE PREMESSA pag. 4 1 PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli