Elezioni Amministrative 2005 Programma della Lista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elezioni Amministrative 2005 Programma della Lista"

Transcript

1 Comune di Vezzano Elezioni Amministrative 2005 Programma della Lista Il nostro impegno per un alternativa alla politica del comune di Vezzano. Per questo il tuo sostegno è determinante Unser Engagement für eine Alternative zur Politik der Gemeinde Vezzano. Dafür ist Deine Unterstützung entscheidend. Our engagement for an alternative politics in Vezzano s government. Your support is decisive. Notre engagement pour une alternative à la politique de la municipalité de Vezzano. Ton soutien c est décisif. Pentru o alternativâ politicâ în Primâria Vezzano e ocupatia noastrâ. Pentru aceastâ serveste ajutorul vostru. Mundimi jonë për një alterativë politike i comunës së Vezzano. Për këte mbështetja jote ështè e rendèsishme. Nas trud za promenu politike komune Vezzano. Vasa podrska u ovom momentu je veoma bitna. 08 maggio 2005

2 Principi generali Il nostro Progetto 1. Il coinvolgimento responsabile dei cittadini nelle scelte dell amministrazione. Notiamo un generale spaesamento che si traduce in disinteresse per la cosa pubblica quando non addirittura in sfiducia verso le istituzioni. E assolutamente necessario recuperare credibilità alla politica con un agire che dimostri senza equivoci che gli amministratori del nostro Comune hanno un unico interesse e cioè il bene pubblico. Coinvolgere i cittadini rafforza la coesione sociale e quindi l identità della comunità: vanno cercate sinergie tra l amministrazione e le realtà economiche ed associative presenti sul territorio, costruendo occasioni d incontro e relazioni positive tra le persone. 2. La definizione di un progetto di governo credibile, di crescita e sviluppo del territorio e della comunità. Costruire un progetto vuol dire prima di tutto programmare nel tempo l utilizzo e lo sviluppo delle proprie risorse economiche, sociali ed umane sapendo che l autonomia della Provincia autonoma di Trento non ha risorse illimitate e quindi è inevitabile cambiare atteggiamento e prospettiva. Valorizzare prioritariamente i contenuti umani anche nelle problematiche economiche. È quindi importante investire sulle intelligenze, sui saperi e sulle forze sociali ed economiche presenti sul territorio, anziché spendere finanziamenti pubblici senza precise strategie ed obiettivi. Non è più accettabile né un atteggiamento di scarico di responsabilità sulle istituzioni superiori ( noi programmiamo ma la provincia non finanzia ) né l uso delle risorse poco oculato ( abbiamo i soldi e allora l importante è spenderli ) magari indipendentemente dalle oggettive necessità. Superare i vecchi schemi elettorali con promesse di grandi opere che servono solo a focalizzare promesse, magari sbagliate e spesso disattese, ma puntare soprattutto su un amministrazione che sia al servizio del cittadino.

3 Serve pensare ad un Comune di forte identità, che sappia valorizzare la propria specificità costruita soprattutto dalla varietà del territorio e dalla presenza di sette paesi in sé autonomi e rappresentativi di diverse storie culturali e sociali. Capire questa diversità rappresenta la vera ricchezza e aiuterà l amministrazione a confrontarsi con autorevolezza nei confronti d altri organi istituzionali (altri Comuni, Comprensorio, Provincia, Regione, Stato, Comunità Europea, ecc.). Va frenata la tendenza in atto di trasformazione del Comune di Vezzano in una sorta di periferia della città capoluogo. Costruire una nuova cultura di valle che valorizzi a pieno le potenzialità presenti nella Valle dei Laghi. Sarebbe anacronistico pensare che il Comune di Vezzano sia un identità isolata nel contesto di valle. 3. Il rispetto dell ambiente in cui viviamo è ricchezza non solo da salvaguardare, ma che può produrre a sua volta ricchezza. Il territorio è in generale il bene principale di cui disponiamo e la nostra valle (e il nostro comune) ne sono dotati con qualità privilegiata. Ce ne dobbiamo ricordare come di una risorsa preziosa e collettiva quando pensiamo ad uno sviluppo del Comune che sia inserito in un contesto socio economico più ampio. Sarà importante coniugare alcune specificità e particolarità (esempio l agricoltura e la viticoltura) con l offerta turistica e occupazionale. Le politiche per il nostro progetto La politica economica. Anche l amministrazione pubblica può orientare e sostenere alcune scelte di politica economica, sia sviluppando un rapporto costruttivo con gli altri enti, in particolare la Provincia e gli altri Comuni di valle e soprattutto con i Consorzi Irrigui e di Miglioramento Fondiario, sia operando scelte oculate nelle questioni di propria competenza, prima fra tutte il piano urbanistico. Ad esempio può incentivare l uso delle aree appositamente definite sia da parte delle realtà artigiane già esistenti sia quelle nuove, sostenendo così concretamente l avvio di nuove attività economiche.

4 Riteniamo importante valorizzare il patrimonio agricolo del Comune; esso va opportunamente sostenuto anche attraverso un patto con i produttori e con gli altri Comuni della valle che salvaguardi, oltre la produzione, la qualità dei prodotti (pensiamo alla diffusione di culture a basso impatto ambientale). Verificare con i soggetti interessati la possibilità di ripristinare servizi di piccola distribuzione commerciale, anche temporanea, nelle frazioni. Turismo dolce Il territorio non va consumato ma goduto. Anche il turismo ha un indubbio risvolto economico e l'amministrazione può svolgere un ruolo importante nella protezione e valorizzazione del territorio. Il Comune di Vezzano nel contesto della Valle dei Laghi, che è "ponte" tra il territorio di Trento e il lago di Garda, le Giudicarie e le Dolomiti di Brenta può sviluppare il turismo definito "dolce", salvaguardando l'ambiente naturale e valorizzando il patrimonio naturalistico del Gazza, i percorsi naturalistici e geologici, gli insediamenti storici, le attività agricole ed eno-gastronomiche, contribuendo così allo sviluppo dell'economia e dell'occupazione locale. Si può sviluppare il turismo con il miglioramento e la valorizzazione delle strutture ed infrastrutture necessarie alle attività per l'arrampicata sportiva, il trekking a piedi o a cavallo, il mountain bike e il volo libero. Le Pro Loco in collaborazione con i Comuni possono promuovere eventi ed appuntamenti culturali, eno-gastronomici e ricreativi che siano d attrazione per i residenti e che completino l'offerta turistica e l'ospitalità della zona e della valle. Per queste finalità occorre progettare e realizzare finalmente un "patto territoriale", che punti su un accordo tra produttori ed Enti Locali per la promozione delle attività economiche di valle e per la valorizzazione dei prodotti locali, utilizzando le risorse finanziarie della Provincia autonoma di Trento e della Comunità Europea.

5 La politica sociale Andranno individuate le modalità (Consorzi fra Comuni di valle o convenzioni) per garantire servizi di qualità alla persona e alla famiglia, quali: un asilo nido ed una presenza più incisiva del servizio delle Tagesmutter un centro servizi (per giovani ed anziani); strutture d accoglienza per persone in difficoltà (appartamenti protetti); Attenzione ai diritti dei bambini La politica comunale dovrà indirizzare risorse credibili e farsi parte attiva sia per sostenere iniziative proposte dalle scuole e dalle associazioni che abbiano come finalità la crescita culturale ed umana dei bambini, il sostegno ai genitori e alle loro associazioni, sia per trovare spazi ricreativi adeguati. Si prevede una seduta annuale del Consiglio Comunale con i bambini per ascoltare i loro problemi, ma anche le loro critiche e proposte. Coinvolgere i giovani Il nostro impegno è sostenere l associazionismo ed in particolare le società sportive, le Pro Loco, trovando spazi e strutture aperte o chiuse idonee per le loro attività (va individuato il modo migliore per il recupero di uno spazio polivalente nella struttura ex-enel), offrire occasioni di svago, dibattito e confronto (concerti, iniziative culturali ed interetniche anche tramite la collaborazione della biblioteca intercomunale). Massima attenzione al fenomeno dell uso di sostanze stupefacenti ed alcoliche, per evitare dei veri e propri drammi familiari e sociali (le stragi del sabato sera). Valorizzare il ruolo degli anziani dentro la comunità Utilizzando il loro sapere e la memoria della storia locale (iniziative con la scuola e la biblioteca); favorendo e incentivando attività in cui si possono sentire protagonisti e soggetti attivi (circoli anziani e pensionati, telefono d argento, incentivi per i piccoli lavori manuali); La vivibilità Il Comune deve farsi parte attiva nell affrontare i problemi dell inquinamento: mantenendo un approccio globale al problema dei rifiuti, incentivando ulteriormente la raccolta differenziata;

6 ricercando soluzioni che tolgano il traffico di passaggio dai centri. Vanno poi individuate soluzioni più congrue per i parcheggi in tutte le frazioni nel rispetto della compatibilità ambientale (non si possono occupare i centri storici, ma neppure i parcheggi devono essere troppo lontani dai centri di servizio); incentivando le soluzioni di riscaldamento con energia alternativa (solare, eolica, legno, fotovoltaica, ecc.); monitorando periodicamente i valori dell inquinamento elettromagnetico ed acustico anche con apposita convenzione con l Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari; valorizzare o trovare spazi fisici (piazze) in ogni frazione, e a Vezzano curare l arredo urbano che non è solo immagine esteriore ma che denota il senso, il sentire delle persone che ci vivono. Inoltre è necessario recuperare aree verdi in centro, anche con accordi con soggetti privati, che permettano alle persone di incontrarsi, passeggiare, riposare. Scuola e cultura La cura e la difesa della propria identità sono per noi strumento per capire meglio gli altri, quelli che sono diversi da noi, che sono portatori d altre importanti culture e tradizioni. Anche per questo il nostro slogan elettorale (il motto) è stato scritto in lingua araba, tedesca, inglese, francese, moldavo, albanese e serbo-croato, quale segnale di massima attenzione alle culture e lingue straniere e di quanti vi abitano nel comune di Vezzano. Vezzano deve diventare un Comune che educa alla mondialità e alla pace, che sostiene iniziative concrete di solidarietà, attraverso dei gemellaggi con realtà povere e incentivando e promuovendo con altri soggetti (esempio Casa della Pace di Trento) iniziative di sensibilizzazione e formazione nelle scuole e sul territorio. Per la scuola elementare va curato l aspetto di supporto logistico, verificando la possibilità dell assegnazione permanente di un bidello e l istituzione del nonno vigile. Il Comune amico dei cittadini A tal fine si prevede la creazione di un centro di servizi per il cliente cittadino e uno sportello URP (Ufficio Rapporti con il Pubblico) oltre al decentramento delle sedute consiliari che possono aver luogo, di tanto in tanto, nelle varie frazioni, al fine di consentire la partecipazione e l ascolto degli abitanti. A questo proposito sarà d aiuto ridefinire il ruolo e le funzioni dei rappresentanti di frazione per favorire il coinvolgimento degli abitanti, ma anche per dare efficienza ed efficacia alle decisioni

7 consiliari. Per garantire adeguatamente l efficacia delle politiche sarà necessario ridefinire gli assetti della Giunta comunale e le competenze dei diversi assessorati. Uno sforzo andrà poi fatto per garantire le norme di legge che prevedono la trasparenza degli atti al fine di agevolare la comprensione delle decisioni consiliari. Va ulteriormente sviluppato ed ampliato (da quadrimestrale a trimestrale) il periodico comunale Vezzano - Notizie dai 7 Paesi, perché diventi uno strumento d ulteriore partecipazione effettiva dei cittadini. Si deve altresì prevedere un potenziamento dei moderni sistemi informatici al servizio degli utenti e della collettività, attivandosi per garantire in tutto il territorio comunale linee telefoniche ad alta velocità (adsl- fibre ottiche). Per il servizio di Polizia Municipale l obiettivo è poter utilizzare effettivamente un vigile che non sia oberato da altri compiti amministrativi, dedicandosi all educazione, alla prevenzione e se necessario alla repressione di comportamenti pericolosi. Prevedere la creazione di un corpo di Polizia Municipale a dimensione sovracomunale. Le frazioni Dare pari dignità alle vari frazioni vuol dire affrontare prima di tutto i problemi delle stesse con un metodo di lavoro che preveda e garantisca parità di trattamento. Le priorità d intervento saranno decise insieme dal Consiglio Comunale, senza gerarchie precostituite. Alcuni interventi, in parte già trattati sopra, riguardano tutte le frazioni. Sinteticamente sono: il recupero dei centri storici, la cura dell arredo urbano, la valorizzazione e la sistemazione delle piazze come luogo d incontro; la realizzazione della viabilità e dei parcheggi; la revisione del servizio di trasporto pubblico fra le frazioni e Vezzano.

8 Elenchiamo nello specifico, per ogni frazione, i problemi che vorremmo affrontati nella prossima consiliatura. CIAGO FRAVEGGIO LON MARGONE RANZO marciapiede e pensilina per i mezzi pubblici - pavimentazione del centro storico - idoneo accesso viario per accedere alla parte superiore del paese ampliamento orario dell ambulatorio medico; ristrutturazione casa sociale - recupero storico ambientale del sentiero Scal e della strada interpoderale Fraveggio/Lon - sistemazione dell area attrezzata Piai e del vicino capitello votivo - realizzazione di un parco giochi; sistemazione della fontana recupero del sentiero Lon/monte Gazza rifacimento intonaco esterno della chiesa; arredo urbano - pensilina ed area per la manovra dei mezzi pubblici - spostamento della cabina elettrica creazione isola ecologica recinzione parapetti; completamento della circonvallazione (anello viario) - arredo urbano realizzazione di un centro sociale per le associazioni; S. MASSENZA realizzazione della passeggiata circumlacuale - valorizzazione dell opera umana rappresentata dalla centrale idroelettrica previa verifica con l ente proprietario della possibilità dell istituzione di un museo ristrutturazione della casa sociale; VEZZANO soluzione alla viabilità del bivio con l imbocco della Valle di Cavedine (con relativa idonea illuminazione) razionalizzazione del parcheggio e dell area ricreativa presso la scuola materna ed elementare realizzazione di un centro sociale per le associazioni creazione di un polo della protezione civile per VVF e CRI.

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd)

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) Votazioni del giorno 26 e 27 maggio

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Totale programma 1 - servizi generali 813.500,00 220.500,00 220.500,00

Totale programma 1 - servizi generali 813.500,00 220.500,00 220.500,00 PROGRAMMA DI INVESTIMENTO 2008-2010 Intervento Cap. descrizione 2008 2009 2010 Programma 1: Servizi generali 2010501 7260 Manutenzione straordinaria immobili di proprietà comunale 40.000,00 40.000,00 40.000,00

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Comune di Serrenti. Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu

Comune di Serrenti. Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu Comune di Serrenti Provincia del Medio Campidano Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu Azioni e progetti da realizzare nel corso del mandato amministrativo 2010-2015 Serrenti, giugno

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data]

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015 Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] URBANISTICA Progetto civico si propone di realizzare i seguenti obiettivi per l area urbanistica :

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali

LISTA N. 3 SI PUO' FARE DI PIU' candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO candidati alla carica di Consiglieri Comunali LOMBARDI GIULIANO CRESPIANI ROMANO FRANCINI GIUSEPPE MICHELI FRANCESCO MOSTI

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Programma Elettorale

Programma Elettorale ELEZIONI COMUNALI 2014 CASTRI DI LECCE Programma Elettorale Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perché

Dettagli

UMILTÀ E SPIRITO DI SERVIZIO

UMILTÀ E SPIRITO DI SERVIZIO IL NOSTRO STILE Prima del cosa c è il come : lo stile ed il metodo sono essenziali per capire la persona, per capire il modus operandi della squadra di governo. OSARE Buttiamo il cuore oltre l ostacolo,

Dettagli

IL BILANCIO DI MANDATO

IL BILANCIO DI MANDATO IL BILANCIO DI MANDATO 19 20 3. LINEE GUIDA PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI MANDATO Il mandato 2004-2009, si è aperto nel segno della continuità per la realizzazione di opere importanti che erano state individuate

Dettagli

TRENTINOFAMIGLIA N. 7.16

TRENTINOFAMIGLIA N. 7.16 PROGRAMMA DI LAVORO 2015 marzo 2015 Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili PAT Piazza Venezia, 41 38122 Trento Tel. 0461 491675/4127 Fax 0461 494111 agenziafamiglia@provincia.tn.it

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza COMUNE DI VALENZA ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 31-05-2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DELLA LISTA N. 1: Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza Cerchio

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione

Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale stanziamento impegni pagamenti % di realizzazione Analisi degli investimenti settore 1 - amministrazione generale Segreteria manutenzione straordinaria palazzo municipale 8.000,00 8.000,00 2.500,00 100% acquisto mobili,macchine,attrezzature ecc 13.000,00

Dettagli

Programma elettorale della Lista

Programma elettorale della Lista Programma elettorale della Lista "L.eonessa Futur a 2014" Questo programma non ha Ia pretesa di esaurire tutte le esigenze di Leonessa, del suo territorio e della sua popolazione. Alcune cose mancheranno

Dettagli

Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche

Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche Un nuovo canale per il DIALOGO tra cittadini e amministrazione Le RISORSE da destinare Ai cittadini è

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE SPESE IN CONTO CAPITALE Funzione 03 04 05 06 FUNZIONI GENERALI DI AMM.NE, DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANI ISTITUZIONALI, PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE GESTIONE ECONOMICA, FINANZIARIA,

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Cara amica bergamasca, caro amico bergamasco, sono Franco Tentorio, Sindaco di Bergamo. Ho deciso di ricandidarmi alla guida della coalizione che comprende Forza

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 Allegato e parte integrante della relazione previsionale e programmatica approvata dal consiglio comunale con

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Comune di Piegaro AVVISO PUBBLICO Approvato con Determinazione Dirigenziale n. 626 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. Piano dei Servizi. Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Comune di Torre de Busi Provincia di Lecco Piano dei Servizi ZONA E Allegato alla tav. S6 (PdS) ( le previsioni contenute nel Piano dei Servizi e concernenti le aree necessarie

Dettagli

PER UN FUTURO CONCRETO

PER UN FUTURO CONCRETO PARTITO DEMOCRATICO MONTAIONE ELEZIONI COMUNALI DEL 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE PER UN FUTURO CONCRETO La convinzione che anima il nostro progetto e attorno alla quale ruota l'intero nostro programma,

Dettagli

Programma amministrativo TRASPARENZA & SERVIZIO

Programma amministrativo TRASPARENZA & SERVIZIO Programma amministrativo 2012 2017 TRASPARENZA & SERVIZIO 1 INDICE 1. Premessa 2. La struttura dell Amministrazione Comunale 3. La cura del territorio: pianificazione, ambiente, sviluppo 4. Il sociale:

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267)

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI GRANCONA LISTA PROGETTO GRANCONA ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 Maggio 2014 Un progetto per

Dettagli

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino

Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Strategia territoriale per le aree dell arco alpino Documento di sintesi I cantoni alpini intendono rafforzare l area alpina quale spazio vitale, economico e culturale poliedrico, caratterizzato dalla

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali Progetto 3P Tavolo Paesaggio dell edilizia rurale Verbale dell incontro del 23 aprile 2008 Presenti: Nome Lino Balotti Ivan Bernardi Lorenzo Cervelli Alessia Chiappini Renato Marchesi Marcella Salvetti

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

Programma amministrativo elezioni 2011

Programma amministrativo elezioni 2011 Candidato Sindaco: Mauro Bordin Liste collegate: Lega Nord Bossi - Ieri Oggi Domani per Palazzolo - Alleanza per Bordin Programma amministrativo elezioni 2011 Per la famiglia Al centro dell azione amministrativa

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario

Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario Un Comune dovrebbe lavorare come un orchestra, non somigliare ad un fortino in difesa. Tema per un progetto di qualità. Sommario Il cittadino posto al centro di tutte le attività amministrative. o Coordinare

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI

SPESE PER RIMBORSO DI PRESTITI Interventi per rimborso Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Organi istituzionali, partecipazione e decentramento Segreteria generale, personale e organizzazione Gestione economica,

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Nota programmatica della Comunità Capi

Nota programmatica della Comunità Capi Gruppo Scout Troina 1 Nel formare i giovani cittadini è essenziale cercare di abituarli a cooperare con slancio, a dimenticare i loro desideri personali quando si tratta di procurare il bene dell intera

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Programma Amministrativo della Lista UNITI PER I CITTADINI PIER LUIGI GALLIGANI SINDACO Centro Sinistra per Ponte Buggianese

Programma Amministrativo della Lista UNITI PER I CITTADINI PIER LUIGI GALLIGANI SINDACO Centro Sinistra per Ponte Buggianese Programma Amministrativo della Lista UNITI PER I CITTADINI PIER LUIGI GALLIGANI SINDACO Centro Sinistra per Ponte Buggianese Elezioni Amministrative 26 27 maggio 2013 Il Programma Amministrativo della

Dettagli

SPESE IN CONTO CAPITALE

SPESE IN CONTO CAPITALE Utilizzo mobili, Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Organi istituzionali, partecipazione e decentramento Segreteria generale, sonale e organizzazione Gestione economica, finanziaria,

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 CANDIDATO SINDACO Patrizia Sbardolini CANDIDATI CONSIGLIERI Luca Felappi Raffaella Zanardini Serafino Frassi Luisa Manella Davide Morgera Alessandra Frassi

Dettagli

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che comporta il compito di realizzare questo progetto che ci

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO 1) COME AMMINISTREREMO Al primo posto del nostro progetto c e appunto l amministrazione del paese che deve passare da una gestione monocratica ad una

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

Consiglio Comunale 18 dicembre 2009

Consiglio Comunale 18 dicembre 2009 Consiglio Comunale 18 dicembre 2009 IL BILANCIO E STATO REDATTO TENENDO CONTO DELLA LEGGE N. 133/2008 GESTIONE CORRENTE Per la gestione ordinaria è prevista per l esercizio 2010 una spesa complessiva di

Dettagli

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO.

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO. PROGRAMMA ELETTORALE DEL CANDIDATO SINDACO LORELLA PERETTI E LISTE: PD PER ARZIGNANO, LISTA CIVICA PERETTI SINDACO, NOSTRARZIGNANO E ARZIGNANO AL CENTRO DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 - PARTE ENTRATA CAP codice voce econ Descrizione della tipologia di entrata da inserire nelle risorse ASSESTATO 2014 PREVISIONE 2015 0 0000000 Avanzo di amministrazione 50.200,00 50.000,00 Titolo 1 ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Cernusco Lombardone BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 al 19 maggio 2015 www.comune.cernuscolombardone.lc.it BILANCIO COME FUNZIONA Il bilancio di previsione del Comune risulta in pareggio: il

Dettagli

2005 100,000 4 Opere civili per Realizzazione Parcheggio "Scalo Ferroviario" 2005 500,000 680,000 7

2005 100,000 4 Opere civili per Realizzazione Parcheggio Scalo Ferroviario 2005 500,000 680,000 7 n. ord. Denominazione dell'opera pubblica Anno 1 Collegamento acquedotto comunale a rete AGSM in loc. Campagnetta 2 Realizzazione di un "Centro civico" in Piazza del Campagnol Costo totale presunto ) 206,000

Dettagli

SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015

SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015 Primarie Castelfranco Veneto Claudio Beltramello Sindaco #Castelfranco2015 SINTESI DEL PROGRAMMA #IoScelgoClaudio #Castelfranco2015 È ora di ripartire Castelfranco Veneto ha urgente necessità di un rilancio:

Dettagli

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA

Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA Città di Portici V SETTORE PROGRAMMAZIONE-LL-PP-URBANISTICA AVVISO pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate alla redazione del PIANO CITTÀ PORTICI e contratto di valorizzazione

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DI CAPISTRELLO ( AQ ) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DI CAPISTRELLO ( AQ ) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL COMUNE DI CAPISTRELLO ( AQ ) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO Candidato alla carica di Sindaco Sig. FRANCESCO CICIOTTI, nato a Capistrello il 27 Giugno 1952, nella

Dettagli

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica

Comune di Budrio Provincia di Bologna. Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica Il bilancio di previsione 2011 Presentazione sintetica In Italia c èc un grande debito pubblico. Ma come è suddiviso? (fonte Presidenza del Consiglio dei Ministri, 29 settembre 2010) Debito pubblico sul

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO Città di MOBILITÀ SICUREZZA AMBIENTE CULTURA TURISMO SPETTACOLO TERRITORIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE DEL CENTRO STORICO PROCESSO PARTECIPATO TREVISO COMMUNITY

Dettagli

Acquisto arredamenti e attrezzature reinvestimento quote ammort. 0004 Magnani Fabrizio 500,00 avanzo 500,00 avanzo 13

Acquisto arredamenti e attrezzature reinvestimento quote ammort. 0004 Magnani Fabrizio 500,00 avanzo 500,00 avanzo 13 Funzione 01 - FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE GESTIONE E DI CONTROLLO Servizio 101 - Organi Istituzionali Acquisto arredamenti e attrezzature 0001 Moretti Antonella 500,00 avanzo 500,00 avanzo 13

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA

COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA COMUNE DI ASSISI PUC 3 INTERCOMUNALE COMUNI DI SPELLO - ASSISI NOCERA UMBRA VALTOPINA AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 150 del 09 agosto 2013 Procedura ad evidenza pubblica

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2007

RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2007 PARABIAGO P.ZA VITTORIA 7-0331/406011-20015 - MI C.F.: 01059460152 P. I.V.A.: 01059460152 RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO 2007 Riepilogo generale delle spese - Impegni per spese in conto Pag. 1 FUNZIONI

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli