Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso"

Transcript

1 Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso Questo nuovo volume sviluppa un analisi sul welfare nella nostra provincia. Il miglioramento della qualità della vita e del welfare rappresentano un asse fondamentale per la crescita e il benessere del nostro territorio. Il libro raccoglie progetti, azioni, idee e suggerimenti, che il Piano Strategico sta indirizzando organicamente verso un nuovo sviluppo del sistema sociale locale proiettato su nuovi livelli di qualità della vita. Il sistema sociale oggi deve far fronte sempre più a nuove e complesse richieste da parte dei cittadini. Sostegno alle famiglie, cura degli anziani e dei minori, politiche per i giovani, aiuto a non autosufficienti e disabili, rappresentano una domanda sociale prioritaria. La famiglia, in particolare, deve essere riconosciuta come soggetto tutelare dei nuovi diritti. La famiglia non è più solo un ammortizzatore sociale, ma una persona sociale, che svolge un ruolo primario per sostenere le trasformazioni demografiche, per rafforzare la coesione sociale e per valorizzare i principi di sussidiarietà, come già chiaramente indicato anche nel Libro Bianco sul Welfare. Il sistema del Nord Est sta attraversando una rapida transizione che coinvolge tutti gli aspetti economici e sociali del territorio, e determina un forte mutamento nelle relazioni che legano l economia, il territorio e il benessere sociale. Questi fattori di discontinuità richiedono un cambiamento che, avviando un processo di innovazione, sia anche in grado di rispondere, con azioni strategiche strutturate, all esigenza di ridefinizione del modello economico e sociale. Per rimettere in moto l economia dunque, c è bisogno della mobilitazione di tutti per realizzare un grande progetto condiviso, capace di migliorare le condizioni di vita, sostenere le realtà sociali che più stanno soffrendo e rilanciare la competitività del sistema produttivo. Sempre maggiore attenzione dovrà essere riservata ai giovani, alle donne e agli anziani, con politiche indirizzate alla tutela sociale. In queste pagine abbiamo un immediato riscontro di quale sia l impegno nel sostenere il Welfare, che viene espresso sia da programmi pubblici, che dal mondo del volontariato e da quello del non-profit. Un ruolo primario viene attribuito al terzo settore, che a pieno titolo affianca Enti Locali, Asl e Stato nell erogazione di servizi alle necessità di welfare. Le cooperative sociali, con un consistente incremento numerico, registrano un grande dinamismo e una forte crescita nell impegno socio-sanitario. Il Piano Strategico, che sin dalla sua nascita ha individuato ed eletto tra i suoi macroobiettivi la qualità sociale e di vita, ci permette, con questo quadro completo delle forze che co-agiscono nella produzione di servizi indirizzati ai bisogni dei cittadini, di preparare la nostra provincia ad affrontare le sfide della crescente competitività, dando priorità alle politiche sociali che svolgono un ruolo di coesione della società nei suoi valori fondamentali. Ci permette inoltre, di indirizzare nuove azioni ed interventi in sintonia con quelli esistenti, e di andare a rafforzare quelle aree che oggi richiedono maggiore concentrazione di risorse. 15

2

3 Prefazione di Federico Tessari Presidente Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Con molto piacere accolgo l uscita di questo nuovo volume del Piano Strategico dedicato al welfare ed all economia civile in provincia di Treviso. Il welfare è conquista fondamentale della civiltà, per fare in modo che tutti i cittadini partecipino, in modo diretto o indiretto, allo sviluppo economico ed al benessere di un territorio; ed i meno fortunati abbiano adeguate reti di sostegno e solidarietà. Non c è ricchezza individuale senza felicità pubblica, dicevano gli economisti italiani di scuola rinascimentale. Oggi peraltro sappiamo che tra le sfide future di un territorio c è il ripensamento ed aggiornamento del welfare: il quale deve perseguire obiettivi di equità interpretando i nuovi tempi, le metamorfosi della società, le più complesse e differenziate esigenze delle persone. Ci sarà sempre meno welfare state erogato in modo paternalistico, inefficiente, ed indifferenziato e sempre più welfare civile: sorretto da una rete capillare di soggetti no-profit, che intercetta i fabbisogni nel territorio ed eroga servizi in modo dedicato. Il Terzo Settore impropriamente chiamato così presupponendo una sua terzietà rispetto all economia tradizionale diventerà sempre più braccio operativo e fiduciario delle istituzioni pubbliche e del sistema socio-economico nel complesso, per produrre servizi personali e sociali in chiave moderna. Non è un caso se, nel 2005, si è costituito in Camera di Commercio di Treviso un Osservatorio dell Economia Civile: non solo per comprendere meglio, ed in modo organico, la realtà del no-profit in provincia, ma anche e soprattutto per sancire, in modo definitivo, la sua piena dignità e complementarietà nel sistema economico. In un Piano Strategico dunque è perfettamente sensato affrontare queste sfide: accanto alle infrastrutture, al riposizionamento economico delle filiere produttive, alle politiche della conoscenza, il nuovo welfare, le nuove reti di solidarietà, l integrazione fra istituzioni e soggetti no-profit sono anch essi fattori cruciali per ripensare ed evolvere il nostro modello di sviluppo e convivenza. 17

4

5 PARTE I IL PIANO STATEGICO E L INTERVENTO PER LO SILUPPO DEL CAPITALE SOCIALE

6

7 Capitolo primo Il capitale reticolare Le traiettorie di un territorio in transizione. Analisi dei reticoli sociali della Marca trevigiana di Enzo Risso Coordinatore Piano Strategico e ricercatore di publicares Dati: ricerca di publicares Una società solida, alla ricerca di una dimensione comunitaria della socialità e di una condivisione delle passioni Impegnati nella rete familiare, sospinti verso una vigorosa dedizione nel volontariato, fluttuanti tra le reti amicali; distaccati e distanti dall attenzione alla politica e disincantati verso l impegno civico. È questo, in breve, il ritratto dei trevigiani, messo a confronto con le dinamiche nazionali. La Marca trevigiana si dimostra una realtà territoriale che mantiene ancora un forte e attivo tessuto sociale e reticolare. Un contesto più intrecciato e solido rispetto a quello che emerge nella media del paese. Una reticolarità che ha garantito, nel tempo, la tenuta sociale locale e ha supportato, se non agevolato, la lunga fase dello sviluppo degli scorsi decenni. La Marca conferma, ancora oggi, una buona capacità di sviluppare una parte del proprio capitale sociale. Assicura, nella forma e nel contenuto, il mantenimento di quelle caratteristiche che, nella struttura delle relazioni sociali, facilitano l azione cooperativa di individui, famiglie, gruppi sociali e organizzazioni. La famiglia, in questo territorio (come nel resto del paese, anche se con una pervasività maggiore), continua ad essere la primaria fonte dell iniziativa sociale e dell imprenditorialità diffusa, sia per i singoli sia per le formazioni sociali. Persiste nel suo ruolo di primo pilastro del processo sociale, cui si lega un radicato senso dell impegno altruistico individuale, mentre appare in deficit quello civico e collettivo. Nella realtà trevigiana appare perdurante, se osserviamo i dati di affezione e impegno sul fronte familiare, del volontariato e anche su quello amicale, una socialità proiettata su quella che possiamo definire la centralità di una relazionalità sotterranea e informale, che sostiene e solidifica la quotidianità della vita in un complesso di reti di influenza, di cameratismi, di azione verso l altro e verso se stessi, di percorsi di amicizia e sostegno locale, di familismi e familiarismi, nonché di altre forme di aiuto che si mantengono nel tempo e che sono costitutive del tessuto sociale locale. I dati rilevati portano alla luce anche la struttura del meccanismo di cambiamento in atto nel territorio. A chi ha accreditato (sovrastimando una dinamica relazionale determinata dall incedere di una società delle apparenze e dello sfoggio) un eccesso di vezzo minimalismo relazionale del territorio, imperniato su una lettura che fa dell individuo e dell individualismo il cardine fondante su cui si sarebbe delineata la socialità trevigiana negli ultimi anni, viene, in qualche modo contraddetto, almeno per la sproporzione di peso assegnata a questi fattori. 21

8 Il quadro territoriale appare, in realtà, multipolare e multiforme, soggetto a una peculiare eterogeneizzazione, a un politeismo dei valori e a una ologrammatica che stanno incidendo e proiettando nuove o innovate dimensioni della relazionalità e della socialità locale. Occorre, in ogni caso, essere cauti quando si trattano temi ad alta intangibilità come quelli della reticolarità e del capitale sociale. Due temi in cui, l intangibilità, è totale e non si riscontra solo nei punti di partenza che sono alla base della produzione (materiale) o nei meccanismi (finanziari) che indirettamente esso determina, ma si manifesta, anche e soprattutto, nel processo stesso di capitalizzazione e nelle sue caratteristiche costitutive. Nel suo complesso, l indagine realizzata in provincia di Treviso, evidenzia una traiettoria locale in cui la vita quotidiana non si fonda più solo e soltanto a partire dall individuo (potente e solitario, chiuso nella sua microsfera), ma si staglia lungo un nuovo bisogno di emozionalità, di relazionalità con gli altri, di fusione di intenti e percezioni, di condivisione di percezioni e letture della contemporaneità, di costruzione di gruppi, di congreghe, di connessioni e complicità. C è, in qualche modo, un ritorno (o una nuova andata) di passionalità comunitaria, una tendenza che proietta verso l altro. Che spinge sì ad imitarlo, ad apparire, alla ricerca dell esserci, ad individuare i tratti di comunanza e di clan attraverso un agire clanico oltreché individuale, ma preme anche per una maggiore partecipazione emozionale con gli altri, a ricercare le ragioni e gli affetti locali, particolari, situazionali, che valorizzano la persona nella sua completezza e interezza, che danno rilievo alla capacità e possibilità di vivere le emozioni. La crescita dell attenzione per la rete familiare, l impegno nel volontariato e le proiezioni verso il mondo amicale, quindi, evidenziano una società trevigiana che avverte il bisogno di una nuova e maggiore dimensione comunitaria della socialità. Complessivamente, dall analisi dei reticoli territoriali, emerge un quadro che contiene solidità e fragilità, adeguatezze e inadeguatezze. La realtà della Marca, sul fronte delle solidità, appare contraddistinta da ricchezza relazionale, da forza del capitale sociale familiare e da ricchezza delle reti sociali. Sul versante delle fragilità, il quadro appare più complesso e contraddittorio, con una tendenziale debolezza del capitale civico; con un deficit delle risorse dei saperi e simboliche e, soprattutto, della capacità di individuare un sistema di fini e obiettivi condivisi; con una fragile fiducia sistemica. I buoni livelli di fiducia, specie quella interpersonale, sono certamente una grande possibilità per questo territorio, uno dei fattori di adeguatezza del capitale sociale. Una risorsa che può essere investita nello sviluppo e nella capacità di reagire di fronte alle complessità contemporanee. La principale inadeguatezza per la Marca, specie dal punto di vista delle proiezioni economiche e della relazione tra capitale sociale sviluppo, è legato al dato del familismo. La sua preponderanza, specie in un epoca globale e delle conoscenze limita la capacità di espandersi e la capacità competitiva nelle economie globali, perchè ha una fragile disponibilità di capitale sociale e umano. 22

9 Il capitale sociale locale Un serbatoio di energie, tra punti di forza e debolezze Il capitale sociale è un serbatoio di energie. La sua funzione economica, in un territorio, si dispiega almeno lungo tre traiettorie: nella capacità di ridurre i costi di transazione e i fattori di incertezza; nella possibilità di agevolare gli scambi e nell incoraggiare e facilitare le forme di investimento in capitale fisico, finanziario ed umano; nella forza di stimolare la soluzione cooperativa e collettiva dei problemi di una contemporaneità sempre più frastagliata. Esso trova fondamento in quelle radici culturali che Bourdieu 1 definisce le abitudini etiche ereditate (idee, valori, relazioni sociali). I primi due elementi che emergono con forza, nella Marca, sono la proiezione verso l impegno verso gli altri, con i trevigiani impegnati nel volontariato molto di più della media degli italiani. Un analoga punta di differenza la troviamo sul familismo, sulla rete di attenzione dedicata ai parenti, alle persone della cerchia larga familiare e non solo al nucleo ristretto. In questo ambito i trevigiani mostrano una reticolarità familiare che coinvolge tutta la società (95%), contro un analogo dato che si ferma all 83% per la media nazionale. Un interessante peculiarità, anche in questo caso in grado di divellere consolidati luoghi comuni, è la tensione all impegno religioso. Territorio a forte presa cattolica, i trevigiani si scoprono meno dediti, della media italiana, a una religiosità attenta e impegnata. Non si tratta di una differenza in quel generico afflato verso la religione, ma di una minor valenza del ruolo della religione quale fattore costituente i propri impegni settimanali. Ciò non toglie che la religione permanga, per la società trevigiana, una delle fonti della vita e del senso comunitario locale. Non a coso le organizzazioni basate sulla fede permangono utili alla realtà civica sia direttamente, fornendo sostegno sociale e servizi alla comunità, sia indirettamente, stimolando competenze e valori civici, incoraggiando aperture verso l altro e le forme di inclusione. Quello che segna e determina la differenza, secondo i dati che emergono dall analisi valoriale effettuata nel 2004 nella Marca, è un minor afflato, una minor condivisione militante dei valori cattolici, dell insegnamento della chiesa, del ruolo della chiesa. Significativamente bassi, ancora più limitati della media paese, appaiono l interesse e l impegno civico e quello politico. Emerge, nella realtà locale, un silente ritiro dai rapporti civici e politici che diminuisce la capacità del territorio di individuare obiettivi comuni e la conseguente tensione a attivarsi per il bene collettivo e complessivo. La tendenza rilevata nella vita civica può rafforzare le spinte centrifughe del capitale sociale e, soprattutto, può limitare, in modo consistente, la sua riproduzione e la sua valorizzazione. 1 P. Bourdieu, Le Capital Social. Notes Provisoires., in Actes de la Recherche en Sciences Sociales, n. 31,

10 Nel corso della settimana Lei dedica almeno un paio d ore del suo tempo a: dato medio Treviso dato medio Italia alla famiglia (in senso largo) agli amici alla religione al volontariato e ad attività legate al sociale ai comitati di cittadini e di quartiere a un partito politico 5 7 a nessuno di questi* 1 7 * modalità di risposta non stimolata somma delle risposte positive I dati, nel loro complesso, trovano riscontro e fondamento nella visione valoriale dell impegno espressa dai trevigiani. Per la maggioranza impegnarsi vuol dire dedicarsi a chi ha bisogno e fare volontariato. Solo il 4% intende impegno come fare politica e solo il 7% lo interpreta come azione civica. Ha un maggiore appeal il tema ambientale, con il 16% di persone che trovano in quei valori un fattore motivante l azione. Per Lei impegnarsi per gli altri e per la comunità in cui vive, significa soprattutto: fare volontariato all interno di un associazione 39 dedicarsi a chi ha bisogno 62 fare politica 4 difendere l ambiente 16 partecipare ai comitati cittadini 7 nessuna di queste cose 1 somma delle risposte consentite Identikit della reticolarità trevigiana Ma chi sono le persone che si dedicano di più al volontariato? Come è composto e qual è il profilo di questo insieme? Sono, innanzitutto, persone di scolarità media e alta, trentenni e quarantenni, dediti a lavori autonomi o dipendenti. Non ci sono, invece, sostanziali differenze di genere. Se guardiamo gli altri temi, scopriamo che ai partiti dedicano maggiore attenzione, negli ultimi anni, le donne rispetto agli uomini, mentre questi ultimi appaiono più attenti alle nuove forme di azione, come i comitati civici. Sono più interessati (sempre ai partiti) le persone a bassa scolarità, mentre quelle a media e alta scolarità appaiono più proiettate sui movimenti civici. Nei segmenti per età, sono le persone over 55 anni più interessare alla vita di partito, mentre i trentenni sono più attivi nei comitati. Infine, ai partiti guardano con più attenzione i lavoratori dipendenti. Sul fronte dell impegno religioso, le differenze sono, anche qui singolari. La mappa di attenzione delinea un impegno religioso caratterizzato dal genere e, in parte, dall età. Una mappa che vede più donne di uomini (con la metà delle donne intervistate che dedicano almeno due ore alla religione e solo un terzo dei dirimpettai di genere), più over 55 anni, ma anche 24

11 una buona parte di trentenni. La partecipazione religiosa trova in prima fila, in questo territorio, le persone a alta scolarità (non solo, quindi, quelle a basso livello di scolarizzazione), i pensionati e le casalinghe. Le traiettorie della relazionalità amicale, infine, trovano più deboli solo le persone anziane, i pensionati e le casalinghe. Solidità e fragilità del tessuto sociale trevigiano La complessità delle dinamiche presenti nel tessuto locale possono essere analizzate da due diverse angolature. Ciò consente di identificare sia la multidimensionalità del quadro che produce, sia gli elementi di solidità e fragilità, di adeguatezza e inadeguatezza. Se scrutiamo le dinamiche locali da un punto di vista micro 2, possiamo valutare il ruolo e la funzione del capitale sociale territoriale dal punto di vista individuale, ovvero la valenza e il peso delle risorse che le persone, i residenti nella Marca, sono in grado di ottenere e attivare grazie alla rete di relazioni sociali esistenti nella provincia. Se, invece, analizziamo il contesto del capitale sociale territoriale da un punto di vista macro 3, siamo in grado di valutare la sua funzione come bene collettivo, soppesando la coesione sociale, la fiducia, la consistenza civica e istituzionale. Complessivamente, il duplice approccio proposto consente una prima, benché superficiale e da approfondire, analisi e verifica del rapporto tra capitale sociale, reti e sviluppo sociale. Va chiarito che questo metodo di verifica della relazione tra sviluppo sociale e capitale sociale, incrociando l approccio micro-relazionale e quello macro-relazionale, consente una vision delle dinamiche globali del capitale relazionale territoriale e si fonda sulla duplice considerazione che, per un verso, esistono dei meccanismi di rafforzamento del capitale sociale a livello macro che possono attuarsi solo attraverso le pratiche perseguite a livello individuale e, dall altro verso, un tessuto culturale ricco e costantemente attento ai processi di rafforzamento e innovazione, nonché ai percorsi di fiducia nelle istituzioni e nel sistema locale, può incoraggiare gli scambi e gli accordi tra singoli soggetti. È indispensabile individuare il circolo virtuoso tra i due livelli macro e micro, poiché le spinte verso lo scioglimento delle incertezze caratterizzanti la produzione e il sostentamento del capitale sociale collettivo, possono essere identificate nelle categorie comprese nel capitale sociale individuale. Il livello micro, quindi, svolge una funzione attiva di basamento per le persone, mentre il livello macro è fondamentale per: diminuire l incertezza complessiva dell agire di un territorio e delle persone che vi abitano; incoraggiare azioni cooperative, rendendo in tal modo fruttifero l investimento in relazioni; incrementare la solidità dei significati condivisi all interno del territorio. 2 L approccio micro deriva dalla teoria della scelta razionale e dalla teoria dello scambio e considera il capitale sociale dal punto di vista individuale. Gli autori di riferimento sono Bourdieu e Coleman. 3 L approccio macro trae origine dalla teoria funzionalista, e concepisce il capitale sociale come un bene collettivo. Gli autori di riferimento sono Putnam e Fukuyama. 25

12 Va chiarito, infine, che il rapporto tra capitale sociale e reti sociali è una relazione di reciprocità, non d identità. Il capitale sociale è, certamente, incardinato nelle relazioni sociali, ma non coincide con esse. Analogamente, le reti sociali possono essere una condizione favorevole allo sviluppo del capitale sociale, ma anche dei vincoli per l azione. Il capitale sociale, di per sé e in ogni caso, è sempre produttivo, in quanto richiama e raffigura le risorse che possono essere utilizzate dalle persone, che risiedono nella Marca, per realizzare i propri scopi e il proprio destino. La produttività del capitale sociale, tuttavia, è indotta dalle caratteristiche dei social network e dalle particolari risorse che le relazioni sociali sono in grado di attivare. Il valore della fiducia La fiducia è un tratto distintivo della modernità. Essa è una risorsa messa in campo dalle persone per fronteggiare la crescente complessità della società, l aumento dell instabilità e l espansione delle incertezze. La fiducia può essere definita, quindi, come un aspettativa di esperienze con valenza positiva per l attore, maturata sotto condizioni d incertezza, ma in presenza di un carico cognitivo e/o emotivo tale da permettere di superare la soglia della mera speranza 4. Il concetto deve essere valutato, pertanto, nella sua duplice dimensione: 1. interpersonale, 2. sistemica. La fiducia, per un territorio come quello della Marca, è un attivatore delle interazioni sociali e delle capacità competitive. Essa è elemento costitutivo e fondante sia delle relazioni cooperative sia della capacità competitive. Dal punto di vista della fiducia interpersonale, il quadro trevigiano si presenta, sostanzialemente positivo. Pur se con un avvicinamento lento, la maggioranza dei cittadini ha una tendenziale dispobilità alla fiducia, un progressivo approccio al mondo. Il 44% dei rispondenti, non a caso, segnala una propensione verso la fiducia, pur marcata dal bisogno di tempo e quindi di fattori di conoscenza e relazione. Il 18% appare sostanzialmente avvolto in un meccanismo proiettivo. Complessivamente il 66% della società locale vive e opera in un contesto di sostanziale apertura e dinamicità. Solo il 36% delle persone intervistate segnala una sostanziale impermeabilità ai processi di connessione fiduciaria. In questo segmento ritroviamo, soprattutto, le persone che avvertono la mancanza di strumenti di conoscenza e disamina della contemporaneità, come gli over 55 anni, i soggetti a bassa scolarità, i pensionati, le casanghe e in generale il segmento delle persone non incluse nel processo di lavoro. Quale delle seguenti affermazioni condivide maggiormente? Treviso Italia Occorre tempo per fidarsi degli altri Non si è mai sufficientemente prudenti per fidarsi degli altri Gran parte della gente è degna di fiducia Nessuna di queste* 1 0 * modalità di risposta non stimolata 4 A. Mutti, Capitale sociale e sviluppo, Il Mulino, Bologna,

13 Il fronte della fiducia sistemica, da parte sua, appare avvolto da movimenti particolarmente complessi. Qui si inseriscono più fattori. Su un versante incombe la disaffezione verso la politica e l impegno civico. Su un altro versante incontriamo la valutazione e la percezione che i trevigiani hanno delle trasformazioni globali in atto. Incidono, in questo ambito, le debolezze riscontrate sul fronte del concetto di stabilità e quelle sull adeguatezza percepita di fronte alle dinamiche globali e trasformative della nostra società. In questi ultimi anni il tema della stabilità ha trovato quale alter ego quello di flessibilità. Ha incontrato nella capacità di effettuare veloci e repentini adattamenti ai cambiamenti esterni, una nuova pagina della capacità competitiva e della disponibilità al rischio. Alla necessità di maggiore flessibilità si sono aggiunte la ricerca di qualità e il bisogno di sempre maggiori processi di innovazione. Tutti fattori legati allo sviluppo di processi di cooperazione. Elementi che implicano la condivisione di un linguaggio comune, lo sviluppo di forme di conoscenza tacita (per sfruttare le tecnologie e le formule organizzative codificate) e un peculiare dinamismo individuale. Sul fronte della fiducia sistemica emergono nella Marca quattro dimensioni indebolenti: la tendenziale inadeguatezza individuale di fronte alle sfide globali e ai cambiamenti la strisciante sfiducia nelle capacità del paese la insistente ricerca di stabilità, sicurezza e certezza la scarsa fiducia nel sistema politico In particolare, rileggendo i dati dell indagine 2004 di publica.swg sui valori dei trevigiani, scopriamo che, rispetto alla maggioranza degli italiani, i cittadini della Marca avvertono maggiormente la necessità di sicurezza e stabilità e registrano in modo peculiare e in modo non dissimile dalle media nazionale (nonostante ci si ritrovi in un area ad alta dinamicità imprenditoriale) lo stress da competizione, il sentirsi inadeguati rispetto alle sfide della contemporaneità. FUTURO SMARRITO Il trend riassume il vissuto di chi sente che il Paese sta perdendo la sfida con l innovazione. Si guarda con scetticismo ad ulteriori possibilità di progresso e affiora una marcata nostalgia del passato. 27

14 INADEGUATEZZA INDIVIDUALE Segnala il senso di inadeguatezza individuale rispetto ad un contesto professionale e sociale percepito come fortemente competitivo. Adesioni all orientamento Lei preferisce stabilità o cambiamento 28

15 L incrociarsi di questi temi è provvido di conseguenze sulla realtà locale e apre una riflessione peculiare sulla capacità del capitale umano locale di mantenere livelli di solidità nel tempo. Come spiega Luhmann 5, le persone e i sistemi locali sono maggiormente disposti alla fiducia se possono fare affidamento su quella che viene definita la sicurezza interiore del sistema e delle sue relazioni. Se hanno una sorta di fiducia intrinseca in se stessi e nel complesso che li circonda. La capacità propulsiva della fiducia è legata non tanto e solo a fattori personali, quanto a fattori sociali e sistemici. È legata alla capacità di elaborare una autorappresentazione di sé nel sistema e del sistema stesso, in grado di contenere e ridurre la complessità dell oggi e del vivere quotidiano. La sicurezza del sé, come fondamento della fiducia, può essere ricondotta, pertanto, alla disponibilità di meccanismi interni per la riduzione della complessità. Meccanismi che sono sociali e cognitivi, legati alla conoscenza e alla comprensione della complessità. Qui, compare una delle tare del sistema trevigiana, una delle inadeguatezze principali: il deficit delle conoscenze e dei saperi di un territorio solidificato nel fare, ma ancora poco attento a investire sul capitale umano. Questo meccanismo, alla lunga ma anche già oggi, può decostruire i livelli di fiducia e la capacità di rielaborare i messaggi della modernità. Ci troviamo di fronte, quindi, a una società trevigiana con ancora un livello forte di fiducia in sé, ma con un tarlo interno che, se non affrontato, può incidere, anche in modo consistente, proprio sulla capacità di produzione e riproduzione di fiducia. 5 N. Luhmann, La fiducia, il Mulino, Bologna

16 La mappa delle dinamiche del tessuto sociale trevigiano Tra solidità e fragilità, adeguatezze e inadeguatezze Il complesso di queste considerazioni, osservando l insieme dei dati locali, porta alla luce 4 diverse dinamiche. Sul fronte del quadro micro (che considera il capitale sociale dal punto di vista dell attore e della rete e lo valuta come il complesso di risorse disponibili in forza dell appartenenza ad uno specifico insieme di relazioni sociali), rintracciamo i punti di solidità del quadro della Marca, mentre sul versante opposto, di quello macro (che attiene ai beni pubblici e assume il valore di coesione sociale, condivisione di norme e valori, di fiducia generalizzata) individuiamo i punti di fragilità del trevigiano. Integrando queste due dinamiche con quelle della fiducia interpersonale e sistemica, possiamo individuare altre due dinamiche, rispettivamente quella dell adeguatezza e dell inadeguatezza del tessuto sociale della Marca di fronte alle nuove sfide globali. LA MAPPA DEL DINAMICHE DEL TESSUTO SOCIALE DELLA MARCA SOLIDITÀ. La realtà della Marca appare contraddistinta da ricchezza relazionale, da forza del capitale sociale familiare e da ricchezza delle reti sociali. FRAGILITÀ. Il quadro appare più complesso e contraddittorio, con una tendenziale debolezza del capitale civico; con un deficit delle risorse dei saperi e simboliche e, soprattutto, della capacità di individuare un sistema di fini e obiettivi condivisi; con una fragile fiducia sistemica. ADEGUATEZZA. I sufficienti livelli di fiducia, specie quella interpersonale, sono certamente una grande possibilità per questo territorio. Una risorsa che può essere investita nello sviluppo e nella capacità di reagire di fronte alle complessità contemporanee INADEGUATEZZA. Il principale pericolo per la Marca, specie dal punto di vista delle proiezioni economiche e della relazione tra capitale sociale sviluppo, è legato al dato del familismo. La sua preponderanza, specie in un epoca globale e delle conoscenze limita la capacità di espandersi e la capacità competitiva nelle economie globali, perchè ha una fragile disponibilità di capitale sociale e umano. Le dinamiche in movimento Lo sfarinamento del capitale civico, la possibilità e necessità di ripresa Un fattore di criticità del tessuto sociale locale da valutare con attenzione è quello dell inaridirsi del capitale civico e, soprattutto, dell impegno politico. Il quadro trevigiano appare composito, con dinamiche interne contrastanti, anche se significative. Da un lato, rispetto al dato medio italiano, vi è una discreta percentuale di persone che ha aumentato il proprio impegno e interesse per la politica. Sul versante opposto, vi è maggiore quota di persone che si sono allontanate. Per comprendere questo fenomeno occorre analizzare i diversi segmenti della società. I giovani sono quelli che fanno registrare la maggior crescita di attenzione verso la poli- 30

17 tica, insieme alle persone con alta scolarità. Ad allontanarsi dall interesse sono, invece, gli uomini, i lavoratori autonomi, ma anche le persone che si avvicinano alla religione o che decidono di dedicarsi al volontariato. Va segnalato, inoltre, che, rispetto al dato medio nazionale, il processo di allontanamento e sfarinamento coinvolge soprattutto chi, negli ultimi anni, si era avvicinato alla politica. Il 45% degli attivi, in provincia di Treviso, segnala una diminuzione dell interesse. I motivi di tale scelta sono sostanzialmente legati a un solo fattore: la delusione. Un elemento che colpisce, soprattutto, i lavoratori autonomi e in quaranta-cinquantenni. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per un partito politico è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/ la sua partecipazione per un partito politico è diminuita? è rimasto deluso 66 si interessa di altre cose 13 preferisce dedicare più tempo alla famiglia 12 deve dedicare più tempo al lavoro 4 preferisce dedicare più tempo a se stesso 2 altro* 1 non sa/non risponde 2 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione politica Lo sfarinamento del capitale civico risulta leggermente rallentato dall impegno civico. I meandri della società locale appaiono composti da esili fili, ma in questi anni alcune reti si sono andate tessendo. Cresce un po l appeal delle nuove forme di azione locale e quello politicocivico. Così, rispetto alla media nazionale, l interesse e la partecipazione civica è in salita. Cresce, innanzitutto, tra i cinquantenni, tra i lavoratori dipendenti e tra le persone ad alta scolarità. Ci troviamo di fronte a una precisa traslazione dall interesse per la politica a quella per i comitati, con un particolare passaggio delle persone che prima si dedicavano alla politica partitica, oppure con la maggiore presenza, nei comitati, di persone già impegnate nel volontariato. Ci troviamo di fronte, quindi a una duplice dinamica: da un lato il calo di impegno politico-partitico, sposta energie e persone verso l azione civica e quella sociale, sposta cioè la disponibilità di voglia di fare dalla militanza, all impegno concreto, che dà risultati tangibili immediati; dall altro lato l impegno nel sociale alimenta in modo limitato l agire politico, mentre diventa fucina di quello civico. POLITICA IMPEGNO CIVICO O SOCIALE IMPEGNO SOCIALE IMPEGNO CIVICO 31

18 In questo ambito, altro tema particolarmente interessante, è il fattore di abbandono. A differenza della politica, i comitati civici non deludono in modo consistente chi vi partecipa. La scelta di diminuire l impegno è legata maggiormente alle ondivaghe possibilità dell impegno, che alterna i momenti di interesse con quelli di ritorno di attenzione alla famiglia o di spostamento di azione su altri fronti. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/la sua partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere è diminuita? Treviso si interessa di altre cose 27 preferisce dedicare più tempo alla famiglia 26 è rimasto deluso 20 preferisce dedicare più tempo a se stesso 9 deve dedicare più tempo al lavoro 8 altro* 8 non sa/non risponde 2 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere Il capitale sociale familiare, il suo valore radicante e il ritiro dalla società Il bisogno di sostegno, di emozionalità, di relazionalità segna nettamente un ritorno alla famiglia e alla sua rete a Treviso. È un tentativo di rifugio, forse, di fronte a una complessità della società che in qualche modo spaventa e accresce il bisogno e la necessità di certezze. Con il termine capitale sociale familiare si indica la quantità e la qualità del tempo trascorso insieme dai membri di una famiglia, ossia la misura sui generis delle relazioni orientate alla valorizzazione del legame familiare, all attenzione e alla cura reciproca tra i membri della famiglia. Così appare netto, da parte dei trevigiani l aumento di attenzione alla rete familiare. Una proiezione che, proprio per la fase di difficoltà che vive l economia locale, trova in prima fila i lavoratori dipendenti. Ma questa dinamica, specie per effetto della necessità di una nuova e più calda affettività relazionale, coinvolge anche gli strati più forti della società locale, come le persone con un maggior livello istruttivo e i giovani. 32

19 Il ritorno di interesse verso la famiglia registra alte tendenze tra chi si è occupato di politica, ma anche tra chi si è impegnato nel volontariato. È dalla famiglia, pertanto, che nascono la fiducia, lo spirito di collaborazione e la reciprocità verso gli altri che incontriamo nella Marca. Si può, dunque, riconoscere che la famiglia, nel trevigiano, è il capitale sociale più importante. È fonte di coesione del tessuto sociale, è fattore di supporto e aiuto per la sfera del lavoro e dell impresa, è luogo di sollecitazione all impegno pro-sociale. Permane, inoltre, la sfera più importante per gli effetti e per il ben essere delle persone. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per la famiglia in senso largo (oltre coniuge/compagno-a/figli) è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/ la sua partecipazione per la famiglia in senso largo (oltre coniuge/compagno-a/figli) è diminuita? Treviso si interessa di altre cose 27 si interessa di altre cose 26 preferisce dedicare più tempo a se stesso 23 è rimasto deluso 21 deve dedicare più tempo al lavoro 17 altro* 14 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione alla vita famigliare-parentale Il capitale sociale familiare, le sue criticità Il familismo trevigiano, non ha solo pregi, ma ha anche alcuni lati critici, specie nella proiezione che determina verso la società. Nella Marca la famiglia non alimenta né la spinta verso l impegno politico, né quella verso l attivismo civico. Da questo punto di vista si può dire che il sistema familiare locale è una rete neutra, in parte ostile all impegno collettivo per la società. In questo senso la famiglia non sembra costituire un luogo di relazioni che stimola e incentiva aspettative di cooperazione verso l esterno, verso la società. Appare una dimensione più chiusa e rivolta all interno, alla rete relazionale allargata del nucleo familiare e a quella amicale. Altro problema legato al familismo è quello relativo agli effetti sul dinamismo economico locale. Ovvero sulla quantità di capitale umano e sociale che, realtà volte a un eccesso di 33

20 minimalismo relazionale, sono in grado di alimentare o di attrarre. La preponderanza del sistema familistico, specie in un epoca globale trasformativa come quella attuale, può trasformare ciò che in passato era un merito (le piccole imprese sono riuscite a realizzare economie di scala da grande impresa efficiente), in un ostacolo. Come ricorda Francis Fukuyama 6 queste organizzazioni non hanno la possibilità di espandersi molto sulle economie globali, perchè non hanno una disponibilità di capitale sociale e umano adeguato e non hanno la capacità di attrarre nuovo capitale umano. La quantità e la dimensione del capitale sociale familiare nella Marca, impone anche azioni politiche e sistemiche al suo sostegno. Essendo la ricchezza locale, essa non va depauperata, né lasciata a se stessa. Occorrono interventi per le famiglie in grado di stimolare e promuovere la mutualità attiva fra i gruppi familiari. Appaiono utili strumenti che stimolino patti associativi tra famiglie, puntando all empowerment dei diversi gruppi e sistemi familiari. Occorrono, cioè, scelte volte a sostenere una dinamica relazionale fatta di fiducia, collaborazione e reciprocità, perché solo attraverso questa via sarà possibile mantenere quel capitale micro che permane centrale nel capitale sociale trevigiano. Il tema è importante anche perché se è vero che il familismo ha implementato e sostenuto l imprenditorialità locale, è anche vero che le dinamiche d impresa e lavoro sfruttano il capitale sociale familiare e, alla lunga, lo possono depauperare. In questo ambito, specie per il peso e il ruolo del volontariato in questa area, occorre stimolare l azione volontaria come attivatore e promotore del capitale familiare. La religione e il suo ruolo attivo La partecipazione religiosa segna, nei dati complessivi, una differenza tra il quadro nazionale e quello locale, con un maggior disimpegno nel trevigiano, rispetto alla media del paese. Una conferma ulteriore la ritroviamo nelle dinamiche specifiche, con un numero maggiore di persone che, nella Marca, si sono allontanate dall attivismo religioso. Il dato va soppesato con attenzione. Non si può non considerare che, in questa realtà, per effetto dello storico legame con la chiesa e per il ruolo svolto dalla religione nella dimensione valoriale collettiva, oggi si possa registrare non tanto un affievolirsi del credo, quanto un processo di disincanto. D altra parte, a livello nazionale, c è oggi un processo di lento e progressivo riavvicinamento alla religione, per effetto di quel processo di secolarizzazione, avvenuto nei decenni passati, che ha alimentato, nonostante le sue intenzioni, un senso di inquietudine nell uomo contemporaneo, privato di saldi punti di riferimento, diviso dal contrasto tra la disponibilità di sempre maggiori mezzi per perseguire il proprio benessere materiale e l assenza di un ordine etico, ma anche politico e sociale, capace di dare alla vita un senso più complessivo 7. A supporto della tesi del disincanto valoriale, ovvero di un processo di lento affievolirsi della capacità di presa dei contenuti complessivi del magistero religioso, troviamo alcuni dati 6 F. Fukuyama, Fiducia, Rizzoli, Milano M. Salvadori, Le inquietudini dell uomo onnipotente, Laterza, Roma-Bari

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

dare voce a chi non ne ha

dare voce a chi non ne ha Un Progetto per la Coesione Sociale dare voce a chi non ne ha Nota riguardante la Prima Fase Finanziato tramite il Bando Volontariato 2008 1 INTRODUZIONE Per la Consulta delle Organizzazioni del Volontariato

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli