Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso"

Transcript

1 Prefazione di Leonardo Muraro Presidente della Provincia di Treviso Questo nuovo volume sviluppa un analisi sul welfare nella nostra provincia. Il miglioramento della qualità della vita e del welfare rappresentano un asse fondamentale per la crescita e il benessere del nostro territorio. Il libro raccoglie progetti, azioni, idee e suggerimenti, che il Piano Strategico sta indirizzando organicamente verso un nuovo sviluppo del sistema sociale locale proiettato su nuovi livelli di qualità della vita. Il sistema sociale oggi deve far fronte sempre più a nuove e complesse richieste da parte dei cittadini. Sostegno alle famiglie, cura degli anziani e dei minori, politiche per i giovani, aiuto a non autosufficienti e disabili, rappresentano una domanda sociale prioritaria. La famiglia, in particolare, deve essere riconosciuta come soggetto tutelare dei nuovi diritti. La famiglia non è più solo un ammortizzatore sociale, ma una persona sociale, che svolge un ruolo primario per sostenere le trasformazioni demografiche, per rafforzare la coesione sociale e per valorizzare i principi di sussidiarietà, come già chiaramente indicato anche nel Libro Bianco sul Welfare. Il sistema del Nord Est sta attraversando una rapida transizione che coinvolge tutti gli aspetti economici e sociali del territorio, e determina un forte mutamento nelle relazioni che legano l economia, il territorio e il benessere sociale. Questi fattori di discontinuità richiedono un cambiamento che, avviando un processo di innovazione, sia anche in grado di rispondere, con azioni strategiche strutturate, all esigenza di ridefinizione del modello economico e sociale. Per rimettere in moto l economia dunque, c è bisogno della mobilitazione di tutti per realizzare un grande progetto condiviso, capace di migliorare le condizioni di vita, sostenere le realtà sociali che più stanno soffrendo e rilanciare la competitività del sistema produttivo. Sempre maggiore attenzione dovrà essere riservata ai giovani, alle donne e agli anziani, con politiche indirizzate alla tutela sociale. In queste pagine abbiamo un immediato riscontro di quale sia l impegno nel sostenere il Welfare, che viene espresso sia da programmi pubblici, che dal mondo del volontariato e da quello del non-profit. Un ruolo primario viene attribuito al terzo settore, che a pieno titolo affianca Enti Locali, Asl e Stato nell erogazione di servizi alle necessità di welfare. Le cooperative sociali, con un consistente incremento numerico, registrano un grande dinamismo e una forte crescita nell impegno socio-sanitario. Il Piano Strategico, che sin dalla sua nascita ha individuato ed eletto tra i suoi macroobiettivi la qualità sociale e di vita, ci permette, con questo quadro completo delle forze che co-agiscono nella produzione di servizi indirizzati ai bisogni dei cittadini, di preparare la nostra provincia ad affrontare le sfide della crescente competitività, dando priorità alle politiche sociali che svolgono un ruolo di coesione della società nei suoi valori fondamentali. Ci permette inoltre, di indirizzare nuove azioni ed interventi in sintonia con quelli esistenti, e di andare a rafforzare quelle aree che oggi richiedono maggiore concentrazione di risorse. 15

2

3 Prefazione di Federico Tessari Presidente Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Con molto piacere accolgo l uscita di questo nuovo volume del Piano Strategico dedicato al welfare ed all economia civile in provincia di Treviso. Il welfare è conquista fondamentale della civiltà, per fare in modo che tutti i cittadini partecipino, in modo diretto o indiretto, allo sviluppo economico ed al benessere di un territorio; ed i meno fortunati abbiano adeguate reti di sostegno e solidarietà. Non c è ricchezza individuale senza felicità pubblica, dicevano gli economisti italiani di scuola rinascimentale. Oggi peraltro sappiamo che tra le sfide future di un territorio c è il ripensamento ed aggiornamento del welfare: il quale deve perseguire obiettivi di equità interpretando i nuovi tempi, le metamorfosi della società, le più complesse e differenziate esigenze delle persone. Ci sarà sempre meno welfare state erogato in modo paternalistico, inefficiente, ed indifferenziato e sempre più welfare civile: sorretto da una rete capillare di soggetti no-profit, che intercetta i fabbisogni nel territorio ed eroga servizi in modo dedicato. Il Terzo Settore impropriamente chiamato così presupponendo una sua terzietà rispetto all economia tradizionale diventerà sempre più braccio operativo e fiduciario delle istituzioni pubbliche e del sistema socio-economico nel complesso, per produrre servizi personali e sociali in chiave moderna. Non è un caso se, nel 2005, si è costituito in Camera di Commercio di Treviso un Osservatorio dell Economia Civile: non solo per comprendere meglio, ed in modo organico, la realtà del no-profit in provincia, ma anche e soprattutto per sancire, in modo definitivo, la sua piena dignità e complementarietà nel sistema economico. In un Piano Strategico dunque è perfettamente sensato affrontare queste sfide: accanto alle infrastrutture, al riposizionamento economico delle filiere produttive, alle politiche della conoscenza, il nuovo welfare, le nuove reti di solidarietà, l integrazione fra istituzioni e soggetti no-profit sono anch essi fattori cruciali per ripensare ed evolvere il nostro modello di sviluppo e convivenza. 17

4

5 PARTE I IL PIANO STATEGICO E L INTERVENTO PER LO SILUPPO DEL CAPITALE SOCIALE

6

7 Capitolo primo Il capitale reticolare Le traiettorie di un territorio in transizione. Analisi dei reticoli sociali della Marca trevigiana di Enzo Risso Coordinatore Piano Strategico e ricercatore di publicares Dati: ricerca di publicares Una società solida, alla ricerca di una dimensione comunitaria della socialità e di una condivisione delle passioni Impegnati nella rete familiare, sospinti verso una vigorosa dedizione nel volontariato, fluttuanti tra le reti amicali; distaccati e distanti dall attenzione alla politica e disincantati verso l impegno civico. È questo, in breve, il ritratto dei trevigiani, messo a confronto con le dinamiche nazionali. La Marca trevigiana si dimostra una realtà territoriale che mantiene ancora un forte e attivo tessuto sociale e reticolare. Un contesto più intrecciato e solido rispetto a quello che emerge nella media del paese. Una reticolarità che ha garantito, nel tempo, la tenuta sociale locale e ha supportato, se non agevolato, la lunga fase dello sviluppo degli scorsi decenni. La Marca conferma, ancora oggi, una buona capacità di sviluppare una parte del proprio capitale sociale. Assicura, nella forma e nel contenuto, il mantenimento di quelle caratteristiche che, nella struttura delle relazioni sociali, facilitano l azione cooperativa di individui, famiglie, gruppi sociali e organizzazioni. La famiglia, in questo territorio (come nel resto del paese, anche se con una pervasività maggiore), continua ad essere la primaria fonte dell iniziativa sociale e dell imprenditorialità diffusa, sia per i singoli sia per le formazioni sociali. Persiste nel suo ruolo di primo pilastro del processo sociale, cui si lega un radicato senso dell impegno altruistico individuale, mentre appare in deficit quello civico e collettivo. Nella realtà trevigiana appare perdurante, se osserviamo i dati di affezione e impegno sul fronte familiare, del volontariato e anche su quello amicale, una socialità proiettata su quella che possiamo definire la centralità di una relazionalità sotterranea e informale, che sostiene e solidifica la quotidianità della vita in un complesso di reti di influenza, di cameratismi, di azione verso l altro e verso se stessi, di percorsi di amicizia e sostegno locale, di familismi e familiarismi, nonché di altre forme di aiuto che si mantengono nel tempo e che sono costitutive del tessuto sociale locale. I dati rilevati portano alla luce anche la struttura del meccanismo di cambiamento in atto nel territorio. A chi ha accreditato (sovrastimando una dinamica relazionale determinata dall incedere di una società delle apparenze e dello sfoggio) un eccesso di vezzo minimalismo relazionale del territorio, imperniato su una lettura che fa dell individuo e dell individualismo il cardine fondante su cui si sarebbe delineata la socialità trevigiana negli ultimi anni, viene, in qualche modo contraddetto, almeno per la sproporzione di peso assegnata a questi fattori. 21

8 Il quadro territoriale appare, in realtà, multipolare e multiforme, soggetto a una peculiare eterogeneizzazione, a un politeismo dei valori e a una ologrammatica che stanno incidendo e proiettando nuove o innovate dimensioni della relazionalità e della socialità locale. Occorre, in ogni caso, essere cauti quando si trattano temi ad alta intangibilità come quelli della reticolarità e del capitale sociale. Due temi in cui, l intangibilità, è totale e non si riscontra solo nei punti di partenza che sono alla base della produzione (materiale) o nei meccanismi (finanziari) che indirettamente esso determina, ma si manifesta, anche e soprattutto, nel processo stesso di capitalizzazione e nelle sue caratteristiche costitutive. Nel suo complesso, l indagine realizzata in provincia di Treviso, evidenzia una traiettoria locale in cui la vita quotidiana non si fonda più solo e soltanto a partire dall individuo (potente e solitario, chiuso nella sua microsfera), ma si staglia lungo un nuovo bisogno di emozionalità, di relazionalità con gli altri, di fusione di intenti e percezioni, di condivisione di percezioni e letture della contemporaneità, di costruzione di gruppi, di congreghe, di connessioni e complicità. C è, in qualche modo, un ritorno (o una nuova andata) di passionalità comunitaria, una tendenza che proietta verso l altro. Che spinge sì ad imitarlo, ad apparire, alla ricerca dell esserci, ad individuare i tratti di comunanza e di clan attraverso un agire clanico oltreché individuale, ma preme anche per una maggiore partecipazione emozionale con gli altri, a ricercare le ragioni e gli affetti locali, particolari, situazionali, che valorizzano la persona nella sua completezza e interezza, che danno rilievo alla capacità e possibilità di vivere le emozioni. La crescita dell attenzione per la rete familiare, l impegno nel volontariato e le proiezioni verso il mondo amicale, quindi, evidenziano una società trevigiana che avverte il bisogno di una nuova e maggiore dimensione comunitaria della socialità. Complessivamente, dall analisi dei reticoli territoriali, emerge un quadro che contiene solidità e fragilità, adeguatezze e inadeguatezze. La realtà della Marca, sul fronte delle solidità, appare contraddistinta da ricchezza relazionale, da forza del capitale sociale familiare e da ricchezza delle reti sociali. Sul versante delle fragilità, il quadro appare più complesso e contraddittorio, con una tendenziale debolezza del capitale civico; con un deficit delle risorse dei saperi e simboliche e, soprattutto, della capacità di individuare un sistema di fini e obiettivi condivisi; con una fragile fiducia sistemica. I buoni livelli di fiducia, specie quella interpersonale, sono certamente una grande possibilità per questo territorio, uno dei fattori di adeguatezza del capitale sociale. Una risorsa che può essere investita nello sviluppo e nella capacità di reagire di fronte alle complessità contemporanee. La principale inadeguatezza per la Marca, specie dal punto di vista delle proiezioni economiche e della relazione tra capitale sociale sviluppo, è legato al dato del familismo. La sua preponderanza, specie in un epoca globale e delle conoscenze limita la capacità di espandersi e la capacità competitiva nelle economie globali, perchè ha una fragile disponibilità di capitale sociale e umano. 22

9 Il capitale sociale locale Un serbatoio di energie, tra punti di forza e debolezze Il capitale sociale è un serbatoio di energie. La sua funzione economica, in un territorio, si dispiega almeno lungo tre traiettorie: nella capacità di ridurre i costi di transazione e i fattori di incertezza; nella possibilità di agevolare gli scambi e nell incoraggiare e facilitare le forme di investimento in capitale fisico, finanziario ed umano; nella forza di stimolare la soluzione cooperativa e collettiva dei problemi di una contemporaneità sempre più frastagliata. Esso trova fondamento in quelle radici culturali che Bourdieu 1 definisce le abitudini etiche ereditate (idee, valori, relazioni sociali). I primi due elementi che emergono con forza, nella Marca, sono la proiezione verso l impegno verso gli altri, con i trevigiani impegnati nel volontariato molto di più della media degli italiani. Un analoga punta di differenza la troviamo sul familismo, sulla rete di attenzione dedicata ai parenti, alle persone della cerchia larga familiare e non solo al nucleo ristretto. In questo ambito i trevigiani mostrano una reticolarità familiare che coinvolge tutta la società (95%), contro un analogo dato che si ferma all 83% per la media nazionale. Un interessante peculiarità, anche in questo caso in grado di divellere consolidati luoghi comuni, è la tensione all impegno religioso. Territorio a forte presa cattolica, i trevigiani si scoprono meno dediti, della media italiana, a una religiosità attenta e impegnata. Non si tratta di una differenza in quel generico afflato verso la religione, ma di una minor valenza del ruolo della religione quale fattore costituente i propri impegni settimanali. Ciò non toglie che la religione permanga, per la società trevigiana, una delle fonti della vita e del senso comunitario locale. Non a coso le organizzazioni basate sulla fede permangono utili alla realtà civica sia direttamente, fornendo sostegno sociale e servizi alla comunità, sia indirettamente, stimolando competenze e valori civici, incoraggiando aperture verso l altro e le forme di inclusione. Quello che segna e determina la differenza, secondo i dati che emergono dall analisi valoriale effettuata nel 2004 nella Marca, è un minor afflato, una minor condivisione militante dei valori cattolici, dell insegnamento della chiesa, del ruolo della chiesa. Significativamente bassi, ancora più limitati della media paese, appaiono l interesse e l impegno civico e quello politico. Emerge, nella realtà locale, un silente ritiro dai rapporti civici e politici che diminuisce la capacità del territorio di individuare obiettivi comuni e la conseguente tensione a attivarsi per il bene collettivo e complessivo. La tendenza rilevata nella vita civica può rafforzare le spinte centrifughe del capitale sociale e, soprattutto, può limitare, in modo consistente, la sua riproduzione e la sua valorizzazione. 1 P. Bourdieu, Le Capital Social. Notes Provisoires., in Actes de la Recherche en Sciences Sociales, n. 31,

10 Nel corso della settimana Lei dedica almeno un paio d ore del suo tempo a: dato medio Treviso dato medio Italia alla famiglia (in senso largo) agli amici alla religione al volontariato e ad attività legate al sociale ai comitati di cittadini e di quartiere a un partito politico 5 7 a nessuno di questi* 1 7 * modalità di risposta non stimolata somma delle risposte positive I dati, nel loro complesso, trovano riscontro e fondamento nella visione valoriale dell impegno espressa dai trevigiani. Per la maggioranza impegnarsi vuol dire dedicarsi a chi ha bisogno e fare volontariato. Solo il 4% intende impegno come fare politica e solo il 7% lo interpreta come azione civica. Ha un maggiore appeal il tema ambientale, con il 16% di persone che trovano in quei valori un fattore motivante l azione. Per Lei impegnarsi per gli altri e per la comunità in cui vive, significa soprattutto: fare volontariato all interno di un associazione 39 dedicarsi a chi ha bisogno 62 fare politica 4 difendere l ambiente 16 partecipare ai comitati cittadini 7 nessuna di queste cose 1 somma delle risposte consentite Identikit della reticolarità trevigiana Ma chi sono le persone che si dedicano di più al volontariato? Come è composto e qual è il profilo di questo insieme? Sono, innanzitutto, persone di scolarità media e alta, trentenni e quarantenni, dediti a lavori autonomi o dipendenti. Non ci sono, invece, sostanziali differenze di genere. Se guardiamo gli altri temi, scopriamo che ai partiti dedicano maggiore attenzione, negli ultimi anni, le donne rispetto agli uomini, mentre questi ultimi appaiono più attenti alle nuove forme di azione, come i comitati civici. Sono più interessati (sempre ai partiti) le persone a bassa scolarità, mentre quelle a media e alta scolarità appaiono più proiettate sui movimenti civici. Nei segmenti per età, sono le persone over 55 anni più interessare alla vita di partito, mentre i trentenni sono più attivi nei comitati. Infine, ai partiti guardano con più attenzione i lavoratori dipendenti. Sul fronte dell impegno religioso, le differenze sono, anche qui singolari. La mappa di attenzione delinea un impegno religioso caratterizzato dal genere e, in parte, dall età. Una mappa che vede più donne di uomini (con la metà delle donne intervistate che dedicano almeno due ore alla religione e solo un terzo dei dirimpettai di genere), più over 55 anni, ma anche 24

11 una buona parte di trentenni. La partecipazione religiosa trova in prima fila, in questo territorio, le persone a alta scolarità (non solo, quindi, quelle a basso livello di scolarizzazione), i pensionati e le casalinghe. Le traiettorie della relazionalità amicale, infine, trovano più deboli solo le persone anziane, i pensionati e le casalinghe. Solidità e fragilità del tessuto sociale trevigiano La complessità delle dinamiche presenti nel tessuto locale possono essere analizzate da due diverse angolature. Ciò consente di identificare sia la multidimensionalità del quadro che produce, sia gli elementi di solidità e fragilità, di adeguatezza e inadeguatezza. Se scrutiamo le dinamiche locali da un punto di vista micro 2, possiamo valutare il ruolo e la funzione del capitale sociale territoriale dal punto di vista individuale, ovvero la valenza e il peso delle risorse che le persone, i residenti nella Marca, sono in grado di ottenere e attivare grazie alla rete di relazioni sociali esistenti nella provincia. Se, invece, analizziamo il contesto del capitale sociale territoriale da un punto di vista macro 3, siamo in grado di valutare la sua funzione come bene collettivo, soppesando la coesione sociale, la fiducia, la consistenza civica e istituzionale. Complessivamente, il duplice approccio proposto consente una prima, benché superficiale e da approfondire, analisi e verifica del rapporto tra capitale sociale, reti e sviluppo sociale. Va chiarito che questo metodo di verifica della relazione tra sviluppo sociale e capitale sociale, incrociando l approccio micro-relazionale e quello macro-relazionale, consente una vision delle dinamiche globali del capitale relazionale territoriale e si fonda sulla duplice considerazione che, per un verso, esistono dei meccanismi di rafforzamento del capitale sociale a livello macro che possono attuarsi solo attraverso le pratiche perseguite a livello individuale e, dall altro verso, un tessuto culturale ricco e costantemente attento ai processi di rafforzamento e innovazione, nonché ai percorsi di fiducia nelle istituzioni e nel sistema locale, può incoraggiare gli scambi e gli accordi tra singoli soggetti. È indispensabile individuare il circolo virtuoso tra i due livelli macro e micro, poiché le spinte verso lo scioglimento delle incertezze caratterizzanti la produzione e il sostentamento del capitale sociale collettivo, possono essere identificate nelle categorie comprese nel capitale sociale individuale. Il livello micro, quindi, svolge una funzione attiva di basamento per le persone, mentre il livello macro è fondamentale per: diminuire l incertezza complessiva dell agire di un territorio e delle persone che vi abitano; incoraggiare azioni cooperative, rendendo in tal modo fruttifero l investimento in relazioni; incrementare la solidità dei significati condivisi all interno del territorio. 2 L approccio micro deriva dalla teoria della scelta razionale e dalla teoria dello scambio e considera il capitale sociale dal punto di vista individuale. Gli autori di riferimento sono Bourdieu e Coleman. 3 L approccio macro trae origine dalla teoria funzionalista, e concepisce il capitale sociale come un bene collettivo. Gli autori di riferimento sono Putnam e Fukuyama. 25

12 Va chiarito, infine, che il rapporto tra capitale sociale e reti sociali è una relazione di reciprocità, non d identità. Il capitale sociale è, certamente, incardinato nelle relazioni sociali, ma non coincide con esse. Analogamente, le reti sociali possono essere una condizione favorevole allo sviluppo del capitale sociale, ma anche dei vincoli per l azione. Il capitale sociale, di per sé e in ogni caso, è sempre produttivo, in quanto richiama e raffigura le risorse che possono essere utilizzate dalle persone, che risiedono nella Marca, per realizzare i propri scopi e il proprio destino. La produttività del capitale sociale, tuttavia, è indotta dalle caratteristiche dei social network e dalle particolari risorse che le relazioni sociali sono in grado di attivare. Il valore della fiducia La fiducia è un tratto distintivo della modernità. Essa è una risorsa messa in campo dalle persone per fronteggiare la crescente complessità della società, l aumento dell instabilità e l espansione delle incertezze. La fiducia può essere definita, quindi, come un aspettativa di esperienze con valenza positiva per l attore, maturata sotto condizioni d incertezza, ma in presenza di un carico cognitivo e/o emotivo tale da permettere di superare la soglia della mera speranza 4. Il concetto deve essere valutato, pertanto, nella sua duplice dimensione: 1. interpersonale, 2. sistemica. La fiducia, per un territorio come quello della Marca, è un attivatore delle interazioni sociali e delle capacità competitive. Essa è elemento costitutivo e fondante sia delle relazioni cooperative sia della capacità competitive. Dal punto di vista della fiducia interpersonale, il quadro trevigiano si presenta, sostanzialemente positivo. Pur se con un avvicinamento lento, la maggioranza dei cittadini ha una tendenziale dispobilità alla fiducia, un progressivo approccio al mondo. Il 44% dei rispondenti, non a caso, segnala una propensione verso la fiducia, pur marcata dal bisogno di tempo e quindi di fattori di conoscenza e relazione. Il 18% appare sostanzialmente avvolto in un meccanismo proiettivo. Complessivamente il 66% della società locale vive e opera in un contesto di sostanziale apertura e dinamicità. Solo il 36% delle persone intervistate segnala una sostanziale impermeabilità ai processi di connessione fiduciaria. In questo segmento ritroviamo, soprattutto, le persone che avvertono la mancanza di strumenti di conoscenza e disamina della contemporaneità, come gli over 55 anni, i soggetti a bassa scolarità, i pensionati, le casanghe e in generale il segmento delle persone non incluse nel processo di lavoro. Quale delle seguenti affermazioni condivide maggiormente? Treviso Italia Occorre tempo per fidarsi degli altri Non si è mai sufficientemente prudenti per fidarsi degli altri Gran parte della gente è degna di fiducia Nessuna di queste* 1 0 * modalità di risposta non stimolata 4 A. Mutti, Capitale sociale e sviluppo, Il Mulino, Bologna,

13 Il fronte della fiducia sistemica, da parte sua, appare avvolto da movimenti particolarmente complessi. Qui si inseriscono più fattori. Su un versante incombe la disaffezione verso la politica e l impegno civico. Su un altro versante incontriamo la valutazione e la percezione che i trevigiani hanno delle trasformazioni globali in atto. Incidono, in questo ambito, le debolezze riscontrate sul fronte del concetto di stabilità e quelle sull adeguatezza percepita di fronte alle dinamiche globali e trasformative della nostra società. In questi ultimi anni il tema della stabilità ha trovato quale alter ego quello di flessibilità. Ha incontrato nella capacità di effettuare veloci e repentini adattamenti ai cambiamenti esterni, una nuova pagina della capacità competitiva e della disponibilità al rischio. Alla necessità di maggiore flessibilità si sono aggiunte la ricerca di qualità e il bisogno di sempre maggiori processi di innovazione. Tutti fattori legati allo sviluppo di processi di cooperazione. Elementi che implicano la condivisione di un linguaggio comune, lo sviluppo di forme di conoscenza tacita (per sfruttare le tecnologie e le formule organizzative codificate) e un peculiare dinamismo individuale. Sul fronte della fiducia sistemica emergono nella Marca quattro dimensioni indebolenti: la tendenziale inadeguatezza individuale di fronte alle sfide globali e ai cambiamenti la strisciante sfiducia nelle capacità del paese la insistente ricerca di stabilità, sicurezza e certezza la scarsa fiducia nel sistema politico In particolare, rileggendo i dati dell indagine 2004 di publica.swg sui valori dei trevigiani, scopriamo che, rispetto alla maggioranza degli italiani, i cittadini della Marca avvertono maggiormente la necessità di sicurezza e stabilità e registrano in modo peculiare e in modo non dissimile dalle media nazionale (nonostante ci si ritrovi in un area ad alta dinamicità imprenditoriale) lo stress da competizione, il sentirsi inadeguati rispetto alle sfide della contemporaneità. FUTURO SMARRITO Il trend riassume il vissuto di chi sente che il Paese sta perdendo la sfida con l innovazione. Si guarda con scetticismo ad ulteriori possibilità di progresso e affiora una marcata nostalgia del passato. 27

14 INADEGUATEZZA INDIVIDUALE Segnala il senso di inadeguatezza individuale rispetto ad un contesto professionale e sociale percepito come fortemente competitivo. Adesioni all orientamento Lei preferisce stabilità o cambiamento 28

15 L incrociarsi di questi temi è provvido di conseguenze sulla realtà locale e apre una riflessione peculiare sulla capacità del capitale umano locale di mantenere livelli di solidità nel tempo. Come spiega Luhmann 5, le persone e i sistemi locali sono maggiormente disposti alla fiducia se possono fare affidamento su quella che viene definita la sicurezza interiore del sistema e delle sue relazioni. Se hanno una sorta di fiducia intrinseca in se stessi e nel complesso che li circonda. La capacità propulsiva della fiducia è legata non tanto e solo a fattori personali, quanto a fattori sociali e sistemici. È legata alla capacità di elaborare una autorappresentazione di sé nel sistema e del sistema stesso, in grado di contenere e ridurre la complessità dell oggi e del vivere quotidiano. La sicurezza del sé, come fondamento della fiducia, può essere ricondotta, pertanto, alla disponibilità di meccanismi interni per la riduzione della complessità. Meccanismi che sono sociali e cognitivi, legati alla conoscenza e alla comprensione della complessità. Qui, compare una delle tare del sistema trevigiana, una delle inadeguatezze principali: il deficit delle conoscenze e dei saperi di un territorio solidificato nel fare, ma ancora poco attento a investire sul capitale umano. Questo meccanismo, alla lunga ma anche già oggi, può decostruire i livelli di fiducia e la capacità di rielaborare i messaggi della modernità. Ci troviamo di fronte, quindi, a una società trevigiana con ancora un livello forte di fiducia in sé, ma con un tarlo interno che, se non affrontato, può incidere, anche in modo consistente, proprio sulla capacità di produzione e riproduzione di fiducia. 5 N. Luhmann, La fiducia, il Mulino, Bologna

16 La mappa delle dinamiche del tessuto sociale trevigiano Tra solidità e fragilità, adeguatezze e inadeguatezze Il complesso di queste considerazioni, osservando l insieme dei dati locali, porta alla luce 4 diverse dinamiche. Sul fronte del quadro micro (che considera il capitale sociale dal punto di vista dell attore e della rete e lo valuta come il complesso di risorse disponibili in forza dell appartenenza ad uno specifico insieme di relazioni sociali), rintracciamo i punti di solidità del quadro della Marca, mentre sul versante opposto, di quello macro (che attiene ai beni pubblici e assume il valore di coesione sociale, condivisione di norme e valori, di fiducia generalizzata) individuiamo i punti di fragilità del trevigiano. Integrando queste due dinamiche con quelle della fiducia interpersonale e sistemica, possiamo individuare altre due dinamiche, rispettivamente quella dell adeguatezza e dell inadeguatezza del tessuto sociale della Marca di fronte alle nuove sfide globali. LA MAPPA DEL DINAMICHE DEL TESSUTO SOCIALE DELLA MARCA SOLIDITÀ. La realtà della Marca appare contraddistinta da ricchezza relazionale, da forza del capitale sociale familiare e da ricchezza delle reti sociali. FRAGILITÀ. Il quadro appare più complesso e contraddittorio, con una tendenziale debolezza del capitale civico; con un deficit delle risorse dei saperi e simboliche e, soprattutto, della capacità di individuare un sistema di fini e obiettivi condivisi; con una fragile fiducia sistemica. ADEGUATEZZA. I sufficienti livelli di fiducia, specie quella interpersonale, sono certamente una grande possibilità per questo territorio. Una risorsa che può essere investita nello sviluppo e nella capacità di reagire di fronte alle complessità contemporanee INADEGUATEZZA. Il principale pericolo per la Marca, specie dal punto di vista delle proiezioni economiche e della relazione tra capitale sociale sviluppo, è legato al dato del familismo. La sua preponderanza, specie in un epoca globale e delle conoscenze limita la capacità di espandersi e la capacità competitiva nelle economie globali, perchè ha una fragile disponibilità di capitale sociale e umano. Le dinamiche in movimento Lo sfarinamento del capitale civico, la possibilità e necessità di ripresa Un fattore di criticità del tessuto sociale locale da valutare con attenzione è quello dell inaridirsi del capitale civico e, soprattutto, dell impegno politico. Il quadro trevigiano appare composito, con dinamiche interne contrastanti, anche se significative. Da un lato, rispetto al dato medio italiano, vi è una discreta percentuale di persone che ha aumentato il proprio impegno e interesse per la politica. Sul versante opposto, vi è maggiore quota di persone che si sono allontanate. Per comprendere questo fenomeno occorre analizzare i diversi segmenti della società. I giovani sono quelli che fanno registrare la maggior crescita di attenzione verso la poli- 30

17 tica, insieme alle persone con alta scolarità. Ad allontanarsi dall interesse sono, invece, gli uomini, i lavoratori autonomi, ma anche le persone che si avvicinano alla religione o che decidono di dedicarsi al volontariato. Va segnalato, inoltre, che, rispetto al dato medio nazionale, il processo di allontanamento e sfarinamento coinvolge soprattutto chi, negli ultimi anni, si era avvicinato alla politica. Il 45% degli attivi, in provincia di Treviso, segnala una diminuzione dell interesse. I motivi di tale scelta sono sostanzialmente legati a un solo fattore: la delusione. Un elemento che colpisce, soprattutto, i lavoratori autonomi e in quaranta-cinquantenni. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per un partito politico è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/ la sua partecipazione per un partito politico è diminuita? è rimasto deluso 66 si interessa di altre cose 13 preferisce dedicare più tempo alla famiglia 12 deve dedicare più tempo al lavoro 4 preferisce dedicare più tempo a se stesso 2 altro* 1 non sa/non risponde 2 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione politica Lo sfarinamento del capitale civico risulta leggermente rallentato dall impegno civico. I meandri della società locale appaiono composti da esili fili, ma in questi anni alcune reti si sono andate tessendo. Cresce un po l appeal delle nuove forme di azione locale e quello politicocivico. Così, rispetto alla media nazionale, l interesse e la partecipazione civica è in salita. Cresce, innanzitutto, tra i cinquantenni, tra i lavoratori dipendenti e tra le persone ad alta scolarità. Ci troviamo di fronte a una precisa traslazione dall interesse per la politica a quella per i comitati, con un particolare passaggio delle persone che prima si dedicavano alla politica partitica, oppure con la maggiore presenza, nei comitati, di persone già impegnate nel volontariato. Ci troviamo di fronte, quindi a una duplice dinamica: da un lato il calo di impegno politico-partitico, sposta energie e persone verso l azione civica e quella sociale, sposta cioè la disponibilità di voglia di fare dalla militanza, all impegno concreto, che dà risultati tangibili immediati; dall altro lato l impegno nel sociale alimenta in modo limitato l agire politico, mentre diventa fucina di quello civico. POLITICA IMPEGNO CIVICO O SOCIALE IMPEGNO SOCIALE IMPEGNO CIVICO 31

18 In questo ambito, altro tema particolarmente interessante, è il fattore di abbandono. A differenza della politica, i comitati civici non deludono in modo consistente chi vi partecipa. La scelta di diminuire l impegno è legata maggiormente alle ondivaghe possibilità dell impegno, che alterna i momenti di interesse con quelli di ritorno di attenzione alla famiglia o di spostamento di azione su altri fronti. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/la sua partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere è diminuita? Treviso si interessa di altre cose 27 preferisce dedicare più tempo alla famiglia 26 è rimasto deluso 20 preferisce dedicare più tempo a se stesso 9 deve dedicare più tempo al lavoro 8 altro* 8 non sa/non risponde 2 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione per i comitati di cittadini o di quartiere Il capitale sociale familiare, il suo valore radicante e il ritiro dalla società Il bisogno di sostegno, di emozionalità, di relazionalità segna nettamente un ritorno alla famiglia e alla sua rete a Treviso. È un tentativo di rifugio, forse, di fronte a una complessità della società che in qualche modo spaventa e accresce il bisogno e la necessità di certezze. Con il termine capitale sociale familiare si indica la quantità e la qualità del tempo trascorso insieme dai membri di una famiglia, ossia la misura sui generis delle relazioni orientate alla valorizzazione del legame familiare, all attenzione e alla cura reciproca tra i membri della famiglia. Così appare netto, da parte dei trevigiani l aumento di attenzione alla rete familiare. Una proiezione che, proprio per la fase di difficoltà che vive l economia locale, trova in prima fila i lavoratori dipendenti. Ma questa dinamica, specie per effetto della necessità di una nuova e più calda affettività relazionale, coinvolge anche gli strati più forti della società locale, come le persone con un maggior livello istruttivo e i giovani. 32

19 Il ritorno di interesse verso la famiglia registra alte tendenze tra chi si è occupato di politica, ma anche tra chi si è impegnato nel volontariato. È dalla famiglia, pertanto, che nascono la fiducia, lo spirito di collaborazione e la reciprocità verso gli altri che incontriamo nella Marca. Si può, dunque, riconoscere che la famiglia, nel trevigiano, è il capitale sociale più importante. È fonte di coesione del tessuto sociale, è fattore di supporto e aiuto per la sfera del lavoro e dell impresa, è luogo di sollecitazione all impegno pro-sociale. Permane, inoltre, la sfera più importante per gli effetti e per il ben essere delle persone. E Lei direbbe che negli ultimi 2/3 anni il suo interesse/la sua partecipazione per la famiglia in senso largo (oltre coniuge/compagno-a/figli) è: Treviso Italia partecipanti partecipanti Treviso Italia aumentato diminuito rimasto invariato* non sa/non risponde dati riportati a 100 in assenza di non risposte * modalità di risposta non stimolata Per quale dei seguenti motivi il suo interesse/ la sua partecipazione per la famiglia in senso largo (oltre coniuge/compagno-a/figli) è diminuita? Treviso si interessa di altre cose 27 si interessa di altre cose 26 preferisce dedicare più tempo a se stesso 23 è rimasto deluso 21 deve dedicare più tempo al lavoro 17 altro* 14 * modalità di risposta non stimolata rispondenti: quanti dichiarano diminuita la propria partecipazione alla vita famigliare-parentale Il capitale sociale familiare, le sue criticità Il familismo trevigiano, non ha solo pregi, ma ha anche alcuni lati critici, specie nella proiezione che determina verso la società. Nella Marca la famiglia non alimenta né la spinta verso l impegno politico, né quella verso l attivismo civico. Da questo punto di vista si può dire che il sistema familiare locale è una rete neutra, in parte ostile all impegno collettivo per la società. In questo senso la famiglia non sembra costituire un luogo di relazioni che stimola e incentiva aspettative di cooperazione verso l esterno, verso la società. Appare una dimensione più chiusa e rivolta all interno, alla rete relazionale allargata del nucleo familiare e a quella amicale. Altro problema legato al familismo è quello relativo agli effetti sul dinamismo economico locale. Ovvero sulla quantità di capitale umano e sociale che, realtà volte a un eccesso di 33

20 minimalismo relazionale, sono in grado di alimentare o di attrarre. La preponderanza del sistema familistico, specie in un epoca globale trasformativa come quella attuale, può trasformare ciò che in passato era un merito (le piccole imprese sono riuscite a realizzare economie di scala da grande impresa efficiente), in un ostacolo. Come ricorda Francis Fukuyama 6 queste organizzazioni non hanno la possibilità di espandersi molto sulle economie globali, perchè non hanno una disponibilità di capitale sociale e umano adeguato e non hanno la capacità di attrarre nuovo capitale umano. La quantità e la dimensione del capitale sociale familiare nella Marca, impone anche azioni politiche e sistemiche al suo sostegno. Essendo la ricchezza locale, essa non va depauperata, né lasciata a se stessa. Occorrono interventi per le famiglie in grado di stimolare e promuovere la mutualità attiva fra i gruppi familiari. Appaiono utili strumenti che stimolino patti associativi tra famiglie, puntando all empowerment dei diversi gruppi e sistemi familiari. Occorrono, cioè, scelte volte a sostenere una dinamica relazionale fatta di fiducia, collaborazione e reciprocità, perché solo attraverso questa via sarà possibile mantenere quel capitale micro che permane centrale nel capitale sociale trevigiano. Il tema è importante anche perché se è vero che il familismo ha implementato e sostenuto l imprenditorialità locale, è anche vero che le dinamiche d impresa e lavoro sfruttano il capitale sociale familiare e, alla lunga, lo possono depauperare. In questo ambito, specie per il peso e il ruolo del volontariato in questa area, occorre stimolare l azione volontaria come attivatore e promotore del capitale familiare. La religione e il suo ruolo attivo La partecipazione religiosa segna, nei dati complessivi, una differenza tra il quadro nazionale e quello locale, con un maggior disimpegno nel trevigiano, rispetto alla media del paese. Una conferma ulteriore la ritroviamo nelle dinamiche specifiche, con un numero maggiore di persone che, nella Marca, si sono allontanate dall attivismo religioso. Il dato va soppesato con attenzione. Non si può non considerare che, in questa realtà, per effetto dello storico legame con la chiesa e per il ruolo svolto dalla religione nella dimensione valoriale collettiva, oggi si possa registrare non tanto un affievolirsi del credo, quanto un processo di disincanto. D altra parte, a livello nazionale, c è oggi un processo di lento e progressivo riavvicinamento alla religione, per effetto di quel processo di secolarizzazione, avvenuto nei decenni passati, che ha alimentato, nonostante le sue intenzioni, un senso di inquietudine nell uomo contemporaneo, privato di saldi punti di riferimento, diviso dal contrasto tra la disponibilità di sempre maggiori mezzi per perseguire il proprio benessere materiale e l assenza di un ordine etico, ma anche politico e sociale, capace di dare alla vita un senso più complessivo 7. A supporto della tesi del disincanto valoriale, ovvero di un processo di lento affievolirsi della capacità di presa dei contenuti complessivi del magistero religioso, troviamo alcuni dati 6 F. Fukuyama, Fiducia, Rizzoli, Milano M. Salvadori, Le inquietudini dell uomo onnipotente, Laterza, Roma-Bari

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

ACCANTO. Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri

ACCANTO. Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri ACCANTO Progetto di formazione per titolari e necrofori d Aziende di Onoranze Funebri PREMESSA Il presente progetto ha origine dalla collaborazione instauratasi tra l Azienda di Onoranze Funebri Maffioli

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE

VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE VOLONTARIATO E INTEGRAZIONE Progetto di mediazione linguistica e culturale per l integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione internazionale in Italia attraverso il volontariato

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Le Fondazioni sociali

Le Fondazioni sociali Le Fondazioni sociali di Fabio Ferrucci e Sandro Stanziani (Università del Molise) sintesi della ricerca Le fondazioni attraversano in Italia una fase di crescita, per numero e varietà tipologica. La loro

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

NON PROFIT REPORT 2012

NON PROFIT REPORT 2012 NON PROFIT REPORT 2012 I COMPORTAMENTI DIGITALI DEGLI UTENTI FEDELI NEL TERZO SETTORE ABSTRACT Non Profit Report 2012 / 1 @contactlab #nonprofitreport PERCHÈ UNA RICERCA SUL NON PROFIT? GLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it

Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche. diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche diegomosna.it Civiche per il Trentino Principi e linee programmatiche segreteria@diegomosna.it facebook.com/diegomosna.it @diegomosna 3 La coalizione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

I Gas palestre di democrazia

I Gas palestre di democrazia I Gas palestre di democrazia Alcune riflessioni a partire da una ricerca sull associazionismo in Lombardia Francesca Forno Università degli Studi di Bergamo Gruppo di Studio e di conricerca Cittadinanza

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Il capitale sociale: prospettive sociologiche

Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il punto di vista della sociologia relazionale Pierpaolo Donati 1 Testo teorico di riferimento P. DONATI (a cura di), L approccio relazionale al capitale sociale,

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli