AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE"

Transcript

1 AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE

2 Deliverable nº6: D6: DOCUMENTO con la metodologia dettagliata per l applicazione del 50/50 Work Package 2: Definizione dei requisiti di base e della metodologia del progetto 50/50 da attuare in ogni paese Partner coordinatore di questo deliverable: Sviluppo dei contenuti: UFUe.V. Independent Institute for Environmental Concerns Revisione e formato: Barcelona Provincial Council The sole responsibility for the content of this publication lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for any use that may be made of the information contained therein. 1

3 AZIONI PER L APPLICAZIONE DELLA METODOLOGIA 50/50 NELLE SCUOLE In questo documento si propone una descrizione sommaria delle attività e delle azioni che devono essere seguite prima e durante il progetto 50/50. Introduzione: - Euronet 50/50 è un progetto europeo che mira a promuovere il risparmio energetico nei centri d educazione, incoraggiando i cambiamenti delle abitudini d uso tra gli utenti delle apparecchiature. Dal risparmio energetico si ottiene un vantaggio economico da dividere tra l'amministrazione locale e la scuola stessa. - Il presente documento è stato preparato in modo tale da adattare la metodologia proposta da UFU alle caratteristiche del nostro sistema educativo. - Euronet 50/50 si concentra sugli studenti dai 6 ai 12 anni. - L'attuazione del progetto nelle scuole sarà della durata di due anni, a partire dal 1 gennaio 2010 e terminerà il 31 dicembre Questa proposta è aperta ai vostri suggerimenti e alle vostre esperienze per garantire il successo del progetto EURONET 50/50. 2

4 I. Introduzione 1. Quali sono gli obiettivi del risparmio energetico nelle scuole del 50/50? L'idea di questo progetto, basato sull esperienza raccolta in molte scuole tedesche, è quella di diffondere il metodo utilizzato del 50/50 e testarlo in 50 scuole delle regioni partner del progetto, creando una rete europea di scuole sostenitrici del risparmio energetico e della lotta ai cambiamenti climatici. L'obiettivo principale del progetto è quello di ridurre i consumi energetici nelle scuole, assicurare che questo risparmio aumenti e creare la rete Euronet 50/50. - Riuscire a ridurre il consumo energetico, modificando il comportamento degli utenti in combinazione con piccoli interventi di manutenzione. - Produrre un cambiamento nel comportamento degli utenti sensibilizzandoli alla protezione del clima e alle questioni ambientali. - Dare agli studenti un ruolo maggiore nello sviluppo di idee e di azioni per la salvaguardia dell energia e delle altre risorse nella scuola. - Promuovere tra gli studenti la consapevolezza energetica per raggiungere una maggiore sostenibilità, anche oltre il campo di applicazione del progetto Euronet 50/50, dal momento che possono diffondere ciò che hanno appreso durante il progetto a casa e altrove. - Risparmiare soldi che dovrebbero essere stati spesi per altre risorse energetiche e usarli per finanziare altri progetti e attività (il risparmio energetico medio ottenuto cambiando le abitudini dei consumatori è di solito il 10% della spesa iniziale) Gli investimenti in rinnovi/sostituzioni non sono l'obiettivo principale dei progetti 50/50 sul risparmio energetico, ma un interessante ristrutturazione/proposte di ammodernamento possono essere considerate. Un buon inizio assicura una buona fine -- Una buona pianificazione è la chiave del successo 2. Prima di lavorare con i ragazzi e le ragazze Per garantire il successo del progetto sia nella riduzione dei consumi energetici che nel coinvolgimento dei vari gruppi, prima di iniziare l'implementazione del 50/50 nelle scuole, devono essere effettuate varie azioni: A. selezionare le scuole sulla base dei criteri stabiliti dai partner del progetto - Responsabile: A.L.E.S.A. 3

5 B. piano di lavoro da fare nel dettaglio - Responsabile: A.L.E.S.A. C. definire chiaramente le persone che saranno coinvolte e quali saranno le loro funzioni - Responsabilità: A.L.E.S.A., scuole e comune di Lanciano D. definire come eseguire i prodotti finali che possono derivare da ogni azione Responsabilità: A.L.E.S.A.. Dato che ogni scuola applica la metodologia, la stessa può proporre nuovi prodotti. E. elaborare una proposta di continuità, per garantire il passaggio del team in modo che il progetto continui - Responsabilità: A.L.E.S.A. prepara una proposta di base che le scuole termineranno di definire e gestire. A.- la selezione delle scuole terrà conto dei criteri concordati tra i partner in aggiunta a quelli che A.L.E.S.A. ritiene rilevante per la caratteristiche dei propri centri di educazione. B. - nel dettaglio la pianificazione prevede: - la definizione della durata del progetto, che in questo caso è di due anni, a partire dall azione diretta nella scuola il 1 gennaio 2010 e fino al 31 Dicembre la definizione delle informazioni di base richieste: mappa della scuola con unità di energia connesse (riscaldamento, condotti, finestre, ecc), zona delle aule e dei corridoi, ecc. - Responsabilità: Comune di Lanciano. la raccolta delle informazioni sui consumi di energia ed i costi degli ultimi 3 anni - Responsabilità: Comune di Lanciano. la determinazione di quali saranno i dati immessi. - la definizione di un calendario approssimativo. - la determinazione dei contratti che dovranno essere sottoscritti tra A.L.E.S.A. e l amministrazione comunale di Lanciano e tra l amministrazione e le scuole: definire i contenuti in modo chiaro, stabilendo come le somme saranno divise e versate. - altre questioni di base. C.- determinare le persone che lavoreranno al progetto. I vari compiti saranno svolti durante tutto il progetto, ognuno dei quali con le persone corrispondenti. L'importanza di definire a priori chi parteciperà e cosa ognuno di loro andrà a svolgere non può essere sottovalutata. - Un rappresentante di A.L.E.S.A. le cui funzioni saranno: seguire gli sviluppi del progetto presso la scuola. coordinare le varie iniziative tra le persone coinvolte. diffondere tra i partner tutti i risultati del progetto che possono essere significativi per il corretto funzionamento del progetto presso la scuola. - Un rappresentante del comune di Lanciano, responsabile del pagamento 4

6 delle bollette energetiche e della scuola, le cui funzioni saranno: fornire tutte le informazioni energetiche della scuola: consumi e costi. riferire tutti i problemi relativi alla gestione della scuola che possono essere significativi per il buon funzionamento della scuola. - La scuola, attraverso il team amministrativo / docenti / consiglio di istituto le cui funzioni saranno: controllare l'attuazione del progetto presso la scuola. fornire tutte le informazioni che possono essere necessarie per il corretto funzionamento del progetto. assicurarsi il coinvolgimento di alcuni docenti responsabili del progetto. inviare i risultati e le azioni ai vari target group: studenti, famiglie, personale, utilizzatori delle attrezzature al di fuori delle ore di scuola, ecc. - Gli insegnanti, le cui funzioni saranno: indirizzare gli studenti responsabili della realizzazione del progetto. trasferire le conoscenze necessarie così da assicurare che gli studenti possono seguire i progetti, trarre conclusioni, fare proposte, ecc. diffondere le informazioni agli altri gruppi di docenti. - Il personale, le cui funzioni saranno: fornire tutte le informazioni richieste dagli studenti. accompagnare gli studenti nelle azioni atte ad ispezionare le attrezzature della scuola. riferire sulle azioni legate ai problemi energetici che possono essere svolte presso la scuola. ritrasmettere le informazioni agli utenti che utilizzano le strutture al di fuori degli orari scolastici. - Gli studenti responsabili della realizzazione del progetto. Questi studenti sono ragazzi e ragazze dai 6 ai 13 anni. Le loro funzioni sono: effettuare l'ispezione degli impianti: individuare i punti deboli della loro scuola, in termini energetici. prendere nota dei diversi parametri di interesse (temperatura, luce, ecc.). parlare con i loro compagni del progetto. condurre indagini con i rappresentanti degli studenti della scuola per scoprire le abitudini legate all'uso dell energia. 5

7 trasmettere messaggi sul risparmio energetico. proporre miglioramenti. essere in contatto con le altre scuole che fanno parte del progetto. utilizzare il web come canale di trasmissione e di comunicazione. - Il consulente esterno / insegnante, la cui funzione è la seguente: coordinare le attività di diagnosi energetica nella scuola: quali misure dovrebbero essere prese, come devono essere svolte e come possono essere supervisionate. trasmettere le conoscenze e le problematiche relative ai cambiamenti climatici. fornire supporto tecnico per le proposte di miglioramento che gli studenti possono proporre. Infine, allo scopo di svolgere le attività progettuali in modo organizzato, in ogni istituito saranno creati degli energy team per assicurare l'attuazione del progetto. Questo team è composto da: Un rappresentante di A.L.E.S.A.. Un rappresentante del comune di Lanciano Un rappresentante della scuola Gli studenti responsabili della realizzazione del progetto Un rappresentante del personale non docente D. Specificare come realizzare i prodotti finali derivanti da ogni azione. Ogni fase del progetto deve essere chiaramente definita e i risultati determinati. Questi ultimi non sempre hanno le stesse caratteristiche, ma possono variare notevolmente in ogni fase, dal momento che possono essere rappresentati da vari grafici sulle misure effettuate in varie classi, da manifesti informativi distribuiti nelle scuole o anche da un documento di sintesi. E. Proposta di continuità. Questo è un progetto, come già accennato, che inizialmente ha una durata di due anni, ma che si propone di continuare nel tempo e di aggiungere scuole partecipanti. Ecco perché è importante garantire fin dall'inizio, che il team di persone che avvia il progetto si impegni a far parte di esso, almeno per i primi due anni. Va tenuto presente che in questo test pilota, il progetto inizia a metà anno scolastico, il 1 gennaio, e che quindi alcuni degli studenti che iniziano il programma saranno fuori dalla scuola entro giugno. Sarebbe pertanto utile per gli studenti avere rappresentanti di entrambi gli anni scolastici o che il team di docenti si assicuri di continuare il progetto l'anno successivo. In secondo luogo, ci dovrebbe essere un follow-up e una relazione sugli sviluppi per migliorare la metodologia e lasciare quest ultimi stabilendo le azioni future. Questo è uno degli ultimi punti del 50/50 Euronet. In questo scenario il progetto si propone di garantire la sua continuità e le strutture che ha definito e gestisce. 6

8 Si deve tenere presente che il 50/50 non funziona quando il progetto è considerato solo come parte di normali lezioni scolastiche. Esso richiede una visione più ampia, con un forte coinvolgimento degli studenti e l introduzione di conoscenze esterne e di motivazioni. 7

9 II. Nove passi per un progetto 50/50 vincente Step 1 predisporre un energy team Step 2 valutare i consumi energetici della scuola Step 3 conoscenza, consapevolezza e pianificazione Step 4 Energy tour/ analisi Step 5 raccolta dati (audit) Step 6 piano d azione della scuola Step 7 diffusione dei risultati tra tutti i rappresentanti legati alla scuola Step 8 riferire le azioni che richiedono piccoli investimenti Step 9 Utilizzare e riferire il denaro risparmiato dalla scuola con i suoi sforzi 1. Step 1 Creazione dell energy team Il buon funzionamento del progetto si basa sull esistenza di un energy team che dovrà investire tempo e diventerà il motore del progetto nella scuola. Va tenuto presente che le ore in aula non sono sufficienti. Pertanto, una volta che le cose sono state programmate e sono state prese in considerazione tutte le misure anticipatamente, prima di lanciare il progetto deve essere istituito un energy team, devono essere assegnate le funzioni relative e dovrebbe essere proposta una metodologia operativa. Chi può partecipare? 8

10 - Una classe o un gruppo di rappresentanti di studenti interessati di classi diverse - il capo della manutenzione della scuola - 2 insegnanti interessati - Un rappresentante di A.L.E.S.A. - Un rappresentante del comune di Lanciano - Un rappresentante della scuola Quali saranno le sue funzioni? - Progettare e sviluppare i compiti che sono descritti nei seguenti steps (dal punto 2 al 9) Controllo degli impianti: individuare i punti deboli, in termini di energia, della scuola Prendere nota dei diversi parametri di interesse (temperatura, luce, ecc) Parlare con i propri compagni in merito al progetto Condurre indagini con il corpo degli studenti della scuola individuando le loro abitudini legate all'energia. Proporre miglioramenti Essere in contatto con altre scuole che fanno parte del progetto Utilizzare il web come canale di trasmissione e di comunicazione - Coordinare il progetto e prendere le decisioni necessarie per garantire un adeguato svolgimento - Trasmettere il progetto e i suoi risultati all'interno e all'esterno della scuola Come funzionerà? - In un primo momento si dovranno incontrare ogni 2 settimane, e con l'avanzare del progetto gli incontri potrebbero diventare più frequenti. - I rappresentanti più importanti della scuola devono essere sempre presenti: gli studenti coinvolti, i docenti, il capo della manutenzione, ecc.. - Il rappresentante della scuola, almeno una volta al mese e in qualunque momento il progetto lo richieda. - L insegnante aiuterà soprattutto nella raccolta di dati e nella valutazione delle sessioni. Risultato: - Elenco dei membri dell energy team - Norme per l energy team 2. Step 2 Valutazione dei consumi energetici della scuola Lo scopo di questa fase è quello di capire lo stato energetico della struttura in modo tale da essere in grado di analizzare che cosa serve, fonti di energia, elettrodomestici, ecc. e quindi spianare la strada all energy team per diagnosticare e individuare i punti forti e deboli, aspetti in cui si potrebbe fare più fatica, ecc. 9

11 Pertanto, questo controllo energetico mira a scoprire la situazione dei diversi ambienti: caldaie, radiatori, unità di condizionamento, la cucina, fonti di luce, finestre, ecc., la forma dei condotti; l'esistenza o meno dei dispositivi di controllo della temperatura (termostati, ecc.). Il controllo energetico dei lavoratori è fatto da: - Il management della scuola - Altri soggetti coinvolti nel progetto - Il personale della manutenzione - L insegnante responsabile del progetto Obiettivo: - Conoscere la situazione della scuola, tra cui: il sistema di riscaldamento le condizioni dell edificio. Tetto, finestre, isolamento termico, sottotetto, ecc. - Scoprire potenzialmente esperienze di successo per gli studenti - Rafforzare l'impegno di questi attori-chiave con il progetto Risultato: - Documento di base per lo svolgimento dell audit: elenco dei dispositivi energetici nella scuola aree dove il team di energia dovrà dedicare particolare attenzione 3. Step 3 Conoscenza, consapevolezza e pianificazione Questo è un passo importante per la comunicazione delle idee. Affinché il progetto possa essere adeguatamente sviluppato, gli studenti dell energy team devono avere una conoscenza teorica delle varie questioni connesse a Euronet 50/50. Allo stesso tempo, il fatto di conoscere i contenuti, afferrare il concetto, rafforzerà la sensibilizzazione, nonché la possibilità di trasferirli ad altri studenti. Il progetto non è solo per divertimento o per fondi. Il progetto 50/50 mira a dare una consapevolezza energetica, trasmettere un insegnamento positivo, far passare l idea che abbiamo un opportunità di fare qualcosa per il clima, per i cambiamenti climatici, per trasmettere messaggi come: Non tutto è perduto... se agiamo adesso" "Posso fare qualcosa che farà la differenza!" In questa fase, temi come il seguente dovrebbero essere introdotti: - effetto serra e cambiamenti climatici, la protezione del clima, cambiamenti energetici 10

12 - risparmio energetico, efficienza energetica ed energie rinnovabili, ecc. Per garantire il successo a lungo termine del progetto, è indispensabile in questa fase creare un atteggiamento positivo, dato che le numerose notizie sulle catastrofi naturali e le pubbliche discussioni possono portare ad un atteggiamento fatalista o indifferenza. In questa fase i risultati ottenuti dal controllo energetico che il personale qualificato ha effettuato saranno annunciati in modo che l energy team sarà in grado di pianificare la prossima azione: la raccolta di dati e la diagnosi. Sarà quindi anche una fase di pianificazione per: - la definizione delle attività da svolgere durante il controllo energetico - preparare i fogli di lavoro - delegare i compiti tra i membri dell energy team - preparare tutto il materiale necessario - i criteri che dovranno essere seguiti per le valutazioni Risultato: - Sintesi dei temi trattati - Riepilogo dei messaggi dati - Fogli di lavoro per l energy tour della scuola - Check list di tutto quello che deve essere analizzato 4. Step 4 Energy tour/ controllo Questo energy tour è ciò che l energy team già fa seguendo le linee guida previste nel paragrafo precedente, in cui devono annotare tutte le questioni che sono considerate rilevanti in termini energetici nella scuola. L'ispezione sarà guidata dal consulente esterno / auditor per garantire che le informazioni raccolte siano standardizzate. - L energy team svolge il controllo dell intero edificio scolastico, cercando in: Sistemi HVAC (seguendo il percorso naturale del processo, tra cui condotte) - Illuminazione e altre prese di energia elettrica - Acqua - Rifiuti Tutte le aule dovrebbero essere esaminate: - Aule nei diversi piani - Ingressi 11

13 - Scale - La Palestra - Docce - Bagni - Aula degli insegnanti - Magazzini -... Prendere appunti sui fogli di lavoro per essere discussi successivamente nelle riunioni dell energy team, così da arrivare a una diagnosi unica, comune e condivisa, dal momento che sarà il punto di partenza per le misurazioni future e per la proposta di azioni. L energy team, sulla base delle informazioni raccolte, dovrà progettare una proposta di punti o parametri da analizzare più in dettaglio, in modo tale che nel passaggio successivo che coinvolge la raccolta dati, i dati che devono essere ottenuti e i punti, le aree, che richiedono più attenzione sono già note. Risultato: - Mappa della scuola con il posizionamento di dispositivi di energia - Elenco delle osservazioni - Proposta dei dati da raccogliere e delle aree da analizzare nel passaggio seguente: Completamento della forma "Lo stato energetico nella nostra scuola" 5. Step 5 Raccolta dati Dopo aver fatto l energy tour della scuola per conoscere la sua reale situazione e per fare una diagnosi, è necessario avere una conoscenza precisa di come l'energia viene utilizzata. Questa conoscenza si otterrà dall analisi dei fatti, dalla lettura delle bollette, osservando tutti gli aspetti e registrandoli nel documento creato nel passaggio precedente. Raccolta di informazioni: tutte le informazioni che l energy group potrebbe aver trovato di interesse e sono registrate nel foglio di lavoro " Lo stato energetico nella nostra scuola " - situazione della Temperatura - situazione dell illuminazione - totale delle ore/luce nella nostra scuola - ecc. 12

14 Oltre alle informazioni raccolte relative all edificio scolastico, è anche interessante conoscere le abitudini degli studenti in termini di consumo energetico. L'energy team quindi realizzerà un sondaggio al fine di raccogliere informazioni relative a: - I reclami circa la temperatura, la qualità dell'aria, ecc. nelle aule - La loro opinione circa l'uso dei dispositivi elettronici e degli impianti - La loro opinione su altre questioni energetiche relative alla loro scuola Con le informazioni ottenute dai dati raccolti e il sondaggio realizzato, l'energy team propone dei comportamenti agli studenti e agli insegnanti al fine di migliorare l'uso dell'edificio: - Metodi di ventilazione per le aule - Metodi per la regolazione del riscaldamento - Utilizzo di apparecchiature elettriche - Utilizzo dell acqua (calda) -... Risultato: - Completato il form "Lo stato energetico nella nostra scuola" - Mappa della scuola con tutti i dispositivi di energia evidenziati e aule colorate sulla base dello studio (cioè, molto caldo, rosso; molto freddo, blu) - Sondaggio 6. Step 6 Piano d azione della scuola L energy team discute i risultati delle loro attività e le loro scoperte nella scuola, valutano lo stato energetico della scuola e propongono soluzioni o miglioramenti. Da quel punto, l energy team sviluppa e presenta delle proposte risolutive o migliorative per tutte quelle aree necessarie dove credono che la scuola può fare qualcosa. Allo stesso tempo il pensiero deve essere rivolto a modi di dare un seguito ai risultati delle nostre azioni che stiamo portando avanti. Quando possibile, si cercherà di raggiungere obiettivi specifici o per seguire trends (cioè, la riduzione delle ore con le luci accese, la temperatura nelle aule con non più di 25 gradi in inverno, ecc.). Sarebbe anche importante proporre dei termini per il completamento delle azioni e dei tempi proposti per il raggiungimento degli obiettivi fissati. Questi possono essere: - Fornire informazioni sulle procedure per la chiusura di finestre e sul funzionamento del Sistema di riscaldamento - Marcatura degli interruttori - Modifica della fornitura di acqua calda - Spegnere le apparecchiature elettroniche che non sono in uso - Dare informazioni su come usare gli apparecchi elettronici (stand-by) o in 13

15 quale occasione spendere può essere utilizzata una grande quantità di energia - Proporre riparazioni e migliorie per ottimizzare la situazione L energy team decide il target a cui destinare queste proposte: - Gli utenti (studenti e insegnanti) - La scuola - Gli utenti degli impianti al di fuori dell'orario scolastico - Il personale che si occupa della manutenzione e delle riparazioni della scuola L energy team crea meccanismi per raggiungere i loro diversi target di pubblico e per attuare i loro suggerimenti. Risultato: - Piano d'azione energetico - Calendario delle azioni 7. Step 7 Trasmissione dei risultati a tutti i rappresentanti della scuola Molto importante è comunicare quello che stiamo facendo per migliorare la consapevolezza dei vari target di pubblico e fare progressi nel cambiare le abitudini e gli atteggiamenti. Pertanto, in questo step ciò che stiamo cercando è di considerare le cose positive che stiamo facendo. Possiamo essere molto occupati, ma se nessuno lo sa, non c'è da meravigliarsi se il cambiamento non avviene. A questo punto, gli studenti (nell energy team) possono mostrare ai loro compagni che cosa hanno imparato e ciò che ogni utente può fare per risparmiare energia. Idee per la comunicazione dei risultati alla scuola e agli utenti della scuola: - Fare manifesti e giornalini - Spiegare a eventi scolastici - Preparare workshop - Creazione di una settimana del risparmio energetico - Creare un sito web - Dare uno spettacolo -... Invitare i redattori del giornale della scuola e le altre persone che potrebbero essere in grado di trasmettere ciò che stiamo facendo al momento della presentazione. Risultato: - Tutti gli strumenti utilizzati per divulgare il lavoro che è stato fatto, i risultati, consigli per essere rispettosi dell'ambiente, ecc. 14

16 - Pagina web, blog della scuola - Alcuni opuscoli per vari tipi di studenti e insegnanti (scuole per adulti, associazioni genitori-insegnanti, gruppi che utilizzano i servizi, ecc.) 8. Step 8 Report sulle misure che richiedono piccoli investimenti Quando l energy team realizza il piano di azione energetico della scuola alcune azioni che richiedono piccoli investimenti possono emergere. Queste azioni possono essere elencate e inviate, insieme ad una lettera informativa o una sintesi del progetto, a chi gestisce la scuola, agli amministratori, ai potenziali sponsor, ecc. Talvolta piccoli importi di soldi possono avere un lungo cammino. Va ricordato che l'obiettivo di questo progetto è non fare investimenti enormi. Alcune di queste misure possono comprendere: - Guarnizioni alle finestre e alle porte - Posizionare la carta di alluminio dietro i radiatori - Migliorare l'isolamento - Sostituire le lampadine con apparecchi ad alta efficienza energetica - Regolare il riscaldamento Suggerimenti per maggiori investimenti possono essere inviati agli amministratori (Team Equipment). 9. Step 9 Utilizzo e report dei soldi risparmiati dalla scuola con il suo impegno Alla fine del primo anno del progetto, è il momento di decidere come spendere il denaro che ha risparmiato la scuola grazie alle azioni svolte. Sarà anche necessario spiegare all amministrazione della scuola i vantaggi ottenuti, sia in termini energetici che finanziari. Dopo i risultati di ogni anno 50/50: - Spiegare all amministrazione scolastica quanta energia ha risparmiato la scuola e quanto ha ridotto le emissioni di CO2 - Spiegare all amministrazione scolastica quanti soldi ha ricavato la scuola dal risparmio energetico - Discutere su cosa si può fare con questi soldi e, se possibile, prendere una decisione comune e unanime su come spenderli. I progetti 50/50 non rendono obbligatorio destinare i fondi, ottenuti dal risparmio di energia, a misure per migliorare ulteriormente il risparmio energetico nella scuola. Generalmente ogni scuola ha altri progetti, idee ed esigenze. E anche se l'ideale 15

17 sarebbe per i fondi risparmiati favorire i cambiamenti nelle abitudini ecologiche per essere investite in questioni ambientali quali energia e cambiamento climatico, la scuola e gli studenti saranno gli unici a decidere come saranno spesi. E, infine, non dimenticate che i progetti dovrebbero essere divertenti per i ragazzi e le ragazze! 16

18 Partner: A.L.E.S.A. Srl Via Nicolini Chieti (CH) Tel. 0871/41421 Fax 0871/41944

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50?

I. Introduzione. 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? Con il supporto di I. Introduzione 1. Qualisonogliobiettividelrisparmioenergeticonellescuoledel50/50? L'idea di questo progetto, basato sull esperienza di Euronet 50/50, è quella di diffonderne la metodologia

Dettagli

MODELLO DI ENERGY AUDIT

MODELLO DI ENERGY AUDIT MODELLO DI ENERGY AUDIT Modello di Energy Audit Work Package n : 4 Deliverable nº: 13 Partner coordinatore di questo deliverable: A.L.E.S.A. Srl The sole responsibility for the content of this publication

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici Target: Energy Auditors Deliverable 2 Final version 02.07.2008 Indice A. Introduzione... 2 Tenere conto delle condizioni nei diversi Paesi...

Dettagli

Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola.

Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. "Per una scuola controcorrente" Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. UN PROGETTO DI COLLABORAZIONE TRA LA RETE DI SCUOLE PER LA SICUREZZA E LA PROVINCIA

Dettagli

"Per una scuola controcorrente"

Per una scuola controcorrente "Per una scuola controcorrente" t Un percorso educativo-didattico verso l'implementazione dell'efficienza energetica a scuola. Intelligent USe of Energy at School UN PROGETTO DI COLLABORAZIONE TRA LE SCUOLE

Dettagli

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA 2013 RacCOMaNDAzIONi POLItiche ITALIA 1 KEEP ON TRACK! I progressi per il raggiungimento dei target al 2020 occorre siano accuratamente monitorati per assicurare che l'attuale sviluppo sia in linea con

Dettagli

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA Provincia Regionale di Catania Il Project Work PROPOSTE PER IL PROJECT WORK N. TITOLO ATTIVITA Gli studenti effettueranno un

Dettagli

LEZIONI CON GLI ESPERTI

LEZIONI CON GLI ESPERTI IL SOLE A SCUOLA PREMESSA In riferimento al Programma per la promozione dell energia solare del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare-misura 2- Il sole a scuola l Istituto Comprensivo

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

"Blocco di appartamenti N.10"

Blocco di appartamenti N.10 Buone pratiche: realizzazione in Bulgaria "Blocco di appartamenti N.10" Informazioni generali Edificio multifamiliare Proprietà edificio Proprietà degli inquilini residenti Indirizzo Zaharna fabrica District,

Dettagli

FIESTA. Families Intelligent Energy Saving. Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934

FIESTA. Families Intelligent Energy Saving. Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934 Families Intelligent Energy Saving Targeted Action IEE/13/624/SI2.687934 FIESTA The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion

Dettagli

Attività didattica I.C. Cogoleto. Classi Primarie e Secondarie Primo Grado

Attività didattica I.C. Cogoleto. Classi Primarie e Secondarie Primo Grado Attività didattica I.C. Cogoleto Classi Primarie e Secondarie Primo Grado Anno Scolastico 2013 - Fondazione Muvita si propone, di concerto con il Comune di Cogoleto e l Istituto Comprensivo di Cogoleto,

Dettagli

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI!

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! Questa lista è uno strumento creato per aiutarvi a realizzare la vostra campagna ENGAGE. Essa contiene esempi di impegni per ispirare i partecipanti

Dettagli

Sistema Informativo Provinciale Provincia Barletta Andria Trani UNA VALIGIA D ENERGIA

Sistema Informativo Provinciale Provincia Barletta Andria Trani UNA VALIGIA D ENERGIA Avv. Roberta Pettinella Staff Program Manager S.I. BAT r.pettinella@infobat.it mob. 380 7692410 Dott. Alessio Caracci alessio.crc@gmail.com fisso 069300412 fax 06 98381236 UNA VALIGIA D ENERGIA Il percorso

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

RISULTATI DI APPLICAZIONI DI CONTINUOUS COMMISSIONING: UN CASO TEDESCO

RISULTATI DI APPLICAZIONI DI CONTINUOUS COMMISSIONING: UN CASO TEDESCO Workshop Building EQ, Milano 18 Dicembre 2008 RISULTATI DI APPLICAZIONI DI CONTINUOUS COMMISSIONING: UN CASO TEDESCO Ing. Michele Liziero IEE-Project: Tools and Methods for Linking EPBD and Continuous

Dettagli

CORE Energy. Servizi di consulenza per la gestione dell energia

CORE Energy. Servizi di consulenza per la gestione dell energia CORE Energy Servizi di consulenza per la gestione dell energia 1 Introduzione Nel perdurare dell attuale rallentamento economico, ottimizzare i costi operativi significa agire su uno dei fattori principali

Dettagli

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Gennaio 2010 GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Questa Guida è

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici Comune di Scuola Elementare 2 di 13 Indice 1. La domanda 2. Il risparmio in 3 punti 2.1. Il controllo 2.2.

Dettagli

Certificazione energetica in Regione Lombardia

Certificazione energetica in Regione Lombardia Milano 18 dicembre 2008 Certificazione energetica in Regione Lombardia IEE-Project: Tools and Methods for Linking EPBD and Continuous Commissioning (EPBD-cx) The sole responsibility for the content of

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

prima della ristrutturazione 3.172 m² dopo la ristrutturazione

prima della ristrutturazione 3.172 m² dopo la ristrutturazione Buone pratiche: realizzazione in Polonia "Dąbka" dopo la ristrutturazione prima della ristrutturazione Informazioni generali Tipica costruzione degli anni settanta realizzata a blocchi, con struttura in

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180

Ministero Istruzione Università e Ricerca ICS Milano-Spiga MIIC8BD00X Via Santo Spirito 21-20121 MILANO Tel: 02 8844 6233 Fax: 02 76005180 Circolare n.64 IC Milano Spiga Milano, 22/11/2011 Ai Docenti IC Milano Spiga OGGETTO : P.e.r.l.e. a.r.t.i.s.t.i.c.h.e. Spiga, Santo Spirito, Porta Nuova, Solferino Percorsi di progettazione partecipata

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

Quaderno di campo Sport di campo/trekking

Quaderno di campo Sport di campo/trekking Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin 30.401.310 / Edizione 2003 Quaderno di campo Sport di campo/trekking UFSPO 2532 Macolin La base: la fiducia La fiducia è l elemento

Dettagli

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato Illuminazione e risparmio energetico a scuola In cosa è consistita l attività? Nell ambito del progetto Green Schools

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE SOPRA - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FERRUCCIO DELL ORTO OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI CLASSI PRIME SOCIALIZZAZIONE - PARTECIPAZIONE Primo quadrimestre Si pone nella

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi ALLEGATO A Descrizione dei percorsi I percorsi proposti si sono differenziati a seconda del livello scolastico, mantenendo lo scopo di sensibilizzare i giovani (e indirettamente le loro famiglie) e di

Dettagli

Percorsi ludico educativi nelle scuole all'uso responsabile del denaro e per prevenire indebitamento, azzardopatie ed usura

Percorsi ludico educativi nelle scuole all'uso responsabile del denaro e per prevenire indebitamento, azzardopatie ed usura Bando 2014 Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica Percorsi ludico educativi nelle scuole all'uso responsabile del denaro e per prevenire indebitamento, azzardopatie

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali

PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali COMUNE DI REGGIO EMILIA PIANO DI COMUNICAZIONE PER L AVVIO DEL NUOVO SISTEMA DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI Linee guida generali 1. Inquadramento teorico del piano di comunicazione La gestione dei

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007 2013 Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Metodologia/procedura attività Linea 1 Premessa Le attività

Dettagli

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 La Buona Scuola in Toscana Vademecum per i Focus Group Il Focus Group (di seguito FG) è una tecnica di rilevazione basata

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Premessa: in Educazione Ambientale i processi rielaborativi e progettuali devono portare i ragazzi coinvolti dalla fase del recepire informazioni a quella

Dettagli

Territori 100% Rinnovabili

Territori 100% Rinnovabili Territori 100% Rinnovabili Il progetto europeo Territori 100% Rinnovabili si inserisce nelle politiche ambientali della UE intraprese nella lotta ai cambiamenti climatici tramite un cambiamento nell approvvigionamento

Dettagli

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino.

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Incontri informativi per far conoscere la guida Invecchiare in Svizzera. Guida alla

Dettagli

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato

C4 COMPONENTE PARTECIPAZIONE: Visione Comune Strategica. Fase 1 Avvio del processo partecipato MED Programme Progetto MedStrategy Strategia Integrata per lo Sviluppo Sostenibile delle Aree Rurali del Mediterraneo Project reference no.: 2G-MED09-282 C4 CMPNENTE PARTECIPAZINE: Visione Comune Strategica

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Energy Help Desk. Silvia Rossi

Energy Help Desk. Silvia Rossi Energy Help Desk Silvia Rossi The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion of the European Union. Neither the EASME nor

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

40 casi studio in Europa

40 casi studio in Europa Impianti solari termici nelle reti di teleriscaldamento 40 casi studio in Europa Report D3.3 The sole responsibility for the content of this document lies with the authors. It does not necessarily reflect

Dettagli

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni CORSO E-LEARNING LEZIONE 9 Indice (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato per il Progetto IUSES Intelligent

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione Articolo 1 - Oggetto Il presente Video Contest si inserisce nell ambito del progetto europeo Comenius PLAYWEB, facente parte del POF della scuola per gli anni scolastici 2012-2013 e 2013-2014. Come proposta

Dettagli

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE 3 giornata sull efficienza energetica nelle imprese 20 maggio 2008, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell è un associazione

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Dossier Corso. Titolo del corso: Programma Europeo di Formazione per la Ristrutturazione di Edifici Esistenti secondo criteri di Efficienza Energetica

Dossier Corso. Titolo del corso: Programma Europeo di Formazione per la Ristrutturazione di Edifici Esistenti secondo criteri di Efficienza Energetica Dossier Corso Titolo del corso: Programma Europeo di Formazione per la Ristrutturazione di Edifici Esistenti secondo criteri di Efficienza Energetica Per il progetto ETEROB 1 Pagina di controllo documento

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe

Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe Solar Heating and Cooling for a Sustainable Energy Future in Europe Vision Potential Deployment Roadmap Strategic Research Agenda Sintesi conclusiva Sintesi conclusiva L energia solare termica è una fonte

Dettagli

PROGETTO SHEEP. L ecodesign

PROGETTO SHEEP. L ecodesign PROGETTO SHEEP L ecodesign Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie Intelligenti per l Europa. I dettagli sul progetto e

Dettagli

SENTINELLA RIDURRE I CONSUMI È UN GIOCO DA RAGAZZI. Didattica e tecnologia per ridurre i consumi a scuola

SENTINELLA RIDURRE I CONSUMI È UN GIOCO DA RAGAZZI. Didattica e tecnologia per ridurre i consumi a scuola SENTINELLA RIDURRE I CONSUMI È UN GIOCO DA RAGAZZI Didattica e tecnologia per ridurre i consumi a scuola Risparmiare energia e acqua a scuola v Nelle scuole italiane ed europee i costi energetici sono

Dettagli

Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A

Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A Provincia Regionale di Messina Assessorato Ambiente Laboratorio Territoriale Nodo IN.F.E.A ECO RECYCLING POINT S.R.L. BRUNO S.P.A BANDISCONO per l anno scolastico 2014-2015 1 Premessa Oggi, diventa indispensabile

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico

Oggi parliamo di. Liberalizzazione del mercato elettrico The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. it does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for

Dettagli

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE.

STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. STRUMENTI ED AZIONI PER EDUCARE ALLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIA- TAED IL CONSUMO CONSAPEVOLE. IL PROGETTO ERREDÌ è un progetto pluriennale che si fonda sul riconoscimento

Dettagli

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy

MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE. Giornalismo divulgazione green economy MASTER IN COMUNICAZIONE AMBIENTALE Giornalismo divulgazione green economy Il Master in Comunicazione ambientale è ideato dal Centro Studi CTS e da Green Factor, società di consulenza sulle tematiche ambientali,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO.

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. Domenico DELLAROLE Responsabile Vendite Italia WIT Italia srl Forum Telecontrollo Reti

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

Il solare termico per impianti di teleriscaldamento

Il solare termico per impianti di teleriscaldamento Teleriscaldamento verde Il solare termico per impianti di teleriscaldamento Riccardo Battisti, Ambiente Italia S.r.l. The sole responsibility for the content of this document lies with the authors. It

Dettagli

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe

C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe C-LIEGE - Clean Last mile transport and logistics management for smart and efficient local Governments in Europe DELIVERABLE n. 7.1 TRANSFERABILITY PLAN FOR LOCAL GOVERNMENTS ON ENERGY SAVING AND SUSTAINABLE

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

CONOSCIAMO L'ENERGIA

CONOSCIAMO L'ENERGIA CONOSCIAMO L'ENERGIA dedicato alle scuole per far conoscere ai più piccoli l'energia, come usarla, come risparmiarla. Progetto ideato da: Marta Oriola Claudia Camera Deborah D'Emey LE FONTI DI ENERGIA

Dettagli

La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati

La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati La piattaforma di energy management per l analisi dei consumi disaggregati enersaving a supporto dei Comuni L iniziativa enersaving è la rete di aziende costituitasi per promuovere iniziative volte a incrementare

Dettagli

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO

PROMOZIONE LAVORO SERVIZI AL LAVORO COOPERATIVA SOCIALE DI SOLIDARIETÀ PROMOZIONE LAVORO CARTA SERVIZI SERVIZI AL LAVORO Ente accreditato per la Formazione Superiore presso la Regione Veneto con Decreto 854 del 08/08/2003 Ente accreditato

Dettagli

Sistemi di gestione energetica per i comuni

Sistemi di gestione energetica per i comuni Sistemi di gestione energetica per i comuni Sara Giona Presentazione Ökoinstitut Südtirol / Alto Adige Fondato nel 1989 da Hans Glauber Organizzazione senza scopo di lucro Campi di attività (locali ed

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014

La qualità nella gestione dei partenariati strategici. Monitoraggio e valutazione dei progetti. Firenze, 26 novembre 2014 La qualità nella gestione dei partenariati strategici Monitoraggio e valutazione dei progetti Firenze, 26 novembre 2014 Monitoraggio vs. Valutazione Monitoraggio Controllo degli aspetti salienti del progetto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Indice. Premessa, di Antonio Dalla pag. 11

Indice. Premessa, di Antonio Dalla pag. 11 Indice Premessa, di Antonio Dalla pag. 11 1. L'audit energetico, di Maurizio Simili» 19 1. Definizioni e finalità dell'audit energetico» 19 2. Le fasi dell'audit» 21 2.1. Fase 1» 21 2.2. Fase 2» 22 2.3.

Dettagli

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO

MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO MIGLIORA LA TUA ENERGIA EFFICIENZA E RISPARMIO EFFICIENZA ENERGETICA Utilizzare le risorse energetiche e idriche in modo corretto e responsabile, ridurre gli sprechi e le perdite, ottimizzare il ciclo

Dettagli

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008

P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Procedura P22 Effettuare gli audit del Sistema di gestione del Consiglio regionale Veneto certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Responsabile processo: Strutture interessate: Segretario generale

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Efficienza energetica degli immobili

Efficienza energetica degli immobili Efficienza energetica degli immobili Di cosa ci occupiamo? Horus Energia Ambiente s.r.l., specializzata nel campo dell efficienza energetica degli edifici civili ed industriali, offre ai propri clienti

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli