La Rete multicanale dei Centri di Contatto della P.A. italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Rete multicanale dei Centri di Contatto della P.A. italiana"

Transcript

1 La Rete multicanale dei Centri di Contatto della P.A. italiana

2 Iniziativa del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione, in collaborazione con tutte le amministrazioni pubbliche che hanno servizi di contatto con il cittadino/cliente Per il pieno coinvolgimento delle amministrazioni pubbliche, Linea Amica oltre alle Amministrazioni centrali ha in corso accordi con Comuni, Province, Regioni, INPS- INAIL, Agenzie delle Entrate, ecc. Molti di questi enti già forniscono efficienti servizi a distanza ai clienti della P.A. Linea Amica mette in rete queste importanti esperienze, per valorizzarne i risultati e diffondere i servizi erogati. Il Network viene progressivamente esteso a tutto il territorio italiano ed il Formez, con la sua specifica esperienza di ricerca ed accompagnamento alla P.A., è chiamato a supporto del sistema nazionale dei centri di contatto e relazioni con il pubblico. Il Network di Linea Amica è in grado, già nel mese di sperimentazione, di fornire un report settimanale dei rapporti e della soddisfazione dei clienti della P.A.; entro due mesi, il monitoraggio dei contatti con i clienti, della loro soddisfazione o motivo di insoddisfazione, sarà effettuato e consultabile in tempo reale.

3 Ente INPS INAIL INPDAP Agenzia delle Entrate Comune di Roma Comune di Milano Lait Regione Lazio CUP 2000 Regione Emilia Romagna Alcune delle migliori esperienze del NETWORK Descrizione di alcuni servizi innovativi Il servizio di Contact Center risponde in sette lingue diverse. Chiarimenti su previdenza, contributi, infortuni, social card, bonus straordinario, indennità di disoccupazione e sospensione delle cartelle esattoriali. Assistenza specifica per disabili - oppure Spedizioni a casa di documenti e certificati. Risponde a richieste sulla previdenza e sui servizi di carattere creditizio e sociale dei dipendenti pubblici, in servizio e pensionati, direttamente o mettendoli in contatto con gli uffici competenti. Il servizio è fruibile anche tramite fax, al numero , o mail: Risponditore automatico, numero dedicato per le chiamate da estero e rete mobile, servizi SMS, Call Back, mail. Servizi speciali per persone disabili. Call center H 24, e interfaccia diretto in molti servizi comunali e possibilità di passare la chiamata direttamente ad AMA e municipalizzate È possibile la videocomunicazione con un operatore, aprire una sessione di chat testuale, condividere la navigazione oppure scambiare file. La videochiamata a Infoline è gratuita, esclusi i costi di connessione internet. Gestione del centro di prenotazione unico ReCup con re-call personalizzato per tutte le Asl del Lazio. Servizio per le urgenze segnalate dai medici di famiglia. Lettera di conferma prenotazione inviata direttamente a casa del cliente. Informazione aggiornata sulle code. Accesso multicanale ai servizi di prenotazione delle prestazioni sanitarie. Via SMS il cliente riceve indicazioni sul centro di prenotazione più vicino e relativi tempi d attesa. Pagamento on line con carta di credito, consultazione e richiesta on line della cartella clinica digitale, Sistemi di e-care per clienti anziani fragili. TOTALI Contatti giornalieri

4 Scenario: le strutture di contatto con i clienti della P.A. Oltre amministrazioni pubbliche hanno servizi di risposta al cittadino attraverso strutture di contatto e relazione con il pubblico (URP, Call Center, ecc.) Ogni giorno i centri di contatto del sistema P.A. ricevono e rispondono a oltre richieste di informazioni e servizi via telefono o web (per un quinto di competenza della P.A. centrale) La domanda potenziale è ancora più alta ed è frenata sia dal digital divide sia dalle difficoltà del cittadino/cliente di districarsi tra le competenze delle amministrazioni. Almeno clienti della P.A., ogni giorno, sono costretti a recarsi personalmente presso le amministrazioni per servizi che possono essere risolti telefonicamente o via web Gli standard qualitativi ed i livelli delle prestazioni si presentano disomogenei: in alcuni casi si raggiunge l eccellenza, in altri prevalgono fattori di sofferenza (budget limitati, tecnologie obsolete, organizzazioni insufficienti, risorse umane scarsamente formate o demotivate) I centri di contatto presentano scarsi livelli di interoperatività. Ne conseguono una immagine frammentata della P.A., un dispendio di risorse, un cliente insoddisfatto e disorientato I casi di successo dei contact center fanno registrare un livello di soddisfazione del cliente più alto di quello medio della P.A. Dal recupero di produttività del Front Office può derivare un aumento di credibilità della P.A. e quindi una fidelizzazione del cittadino con conseguente risparmio di tempo e denaro

5 Stima su contatti con URP e Centri di Contatto della PA (TELEFONO E MAIL) Tipologia di amministrazione Ministeri e agenzie in house Enti di Previdenza Agenzia delle Entrate/Fisco/Esattoria Altri enti nazionali Totale Stato Centrale Comuni/Province/Autonomie Locali Regioni, Asl e Strutture Sanitarie Totale Livello Locale Totale Livello Generale Contatti giornalieri Numero contatti giornalieri - Stime Formez Sono esclusi centri di contatto di Carabinieri, corpi di sicurezza, F.S. e aziende a partecipazione pubblica

6 Gli obiettivi di Linea Amica Le azioni di Linea Amica AUMENTARE LA CAPACITÀ DI RISPOSTA COMPLESSIVA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ITALIANA AL CITTADINO/CLIENTE Linea Amica non si sostituisce alle strutture di contatto delle P.A. ma ne favorisce la reperibilità, l utilizzo efficace e consapevole dei servizi. Si intende costruire un Network nazionale dei centri di contatto (Urp e Call Center) e proporre livelli progressivi di interoperabilità tecnologica e funzionale, elevando quantità e qualità delle prestazioni e realizzando una economicità complessiva dell erogazione dei servizi. Appositi corsi di formazione elevando gli standard di risposta. PROPORRE AL CLIENTE UNA P.A. UNITARIA E COERENTE, GENTILE, MODERNA, TRASPARENTE MISURABILE E VALUTABILE Il raccordo tra le varie strutture di Front Office centrali e locali favorisce la percezione unitaria del servizio e ne assicura coerenza, unitarietà e cortesia dell intera P.A. Il cliente potrà contattare Linea Amica attraverso Telefono, Mail, SMS (in prospettiva anche Social Network e Tv Digitale Terrestre). Linea Amica fornirà periodicamente i dati sui livelli di servizio (n di contatti, tipologia di richieste, n pratiche evase, distribuzione geografica). Inoltre, attraverso Linea Amica il cliente potrà esprimere la propria soddisfazione sui rapporti con la P.A. che sarà resa pubblica in tempo reale. SVILUPPARE, NEL CLIENTE, LA CONOSCENZA DELLE COMPETENZE E DELLE FUNZIONI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE SUPPORTARE LE FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE ALL USO DEGLI STRUMENTI E DEI SERVIZI PROPOSTI DAI CONTACT CENTER DELLA P.A. Un apposita azione di comunicazione, nonché il Portale e centralino di Linea Amica, orientano il cliente verso l amministrazione competente a risolvere il proprio problema. Viene aggiornata la rubrica dei centri di contatto e dei singoli servizi erogati, integrando il portale del cittadino. Un esperto del Formez prende in carico le richieste più articolate e segue l iter anche attraverso un recall telefonico che favorisce l individuazione delle inefficienze, delle duplicazioni e dei colli di bottiglia. Linea Amica propone dei servizi speciali di supporto per le persone disabili e per i clienti con scarsa conoscenza degli strumenti informatici (Digital Divide), integrando e valorizzando i servizi già esistenti.

7 Linea Amica il portale web Il portale offre: Rubrica della P.A. (motore di ricerca su Numeri Verdi, URP, Indice della PA, Italia.gov.it, Guida Monaci) Link ai principali Contact Center della P.A. centrale e locale Le domande e risposte più frequenti News testuali e Radio P.A. Amica (le ultime notizie di interesse del cittadino) Rileva la soddisfazione del cittadino con indicazione dell Emoticon ( - - ) Un assistente virtuale spiegherà come fare quesiti, segnalare disservizi, fare ricerca tra i siti della P.A.

8 LINEA AMICA - Fase di avvio (solo da telefono fisso*) Cosa fa Linea Amica - servizi attivi sin dalla prima fase e per tutta la durata del periodo sperimentale (Febbraio) - Valorizza tutti i servizi al cliente offerti via telefono dalle P.A. Aiuta chi non ha la padronanza delle nuove tecnologie ad usufruire da casa dei servizi della P.A. Indirizza il cittadino verso l amministrazione competente Rileva la soddisfazione del cittadino sui servizi informativi della P.A. Risponde alle mail del cittadino/cliente per segnalazioni/informazioni Le risorse impegnate oggi: 60 operatori in front-office e 60 esperti Formez in back-office Questi operatori da un lato risponderanno alle telefonate/segnalazioni/mail dei cittadini e dall altro supporteranno con standard, news e approfondimenti tutto il network degli URP e del front-office che parteciperanno al più grande URP d Europa. * Alcuni operatori diversi da TelecomItalia riconosceranno il numero verde solo dal 1 febbraio 2009

9 Dal 15 Febbraio Il servizio sarà esteso ai telefoni cellulari, agli sms e ai fax con numeri dedicati Il numero operatori/esperti impegnati sarà elevato a 160 La copertura di risposta passerà a contatti giornalieri LINEA AMICA gli sviluppi del servizio Il Network sarà progressivamente esteso a altri Enti, Comuni, Province e Regioni Dal 1 Marzo Servizio dedicato alle persone svantaggiate per facilitarne tutti i rapporti con la P.A. Saranno forniti report settimanali/mensili sull attività di Linea Amica (sia del contact center centrale che dell intero Network) Numero di domande/evase; Domande e risposte frequenti; Livello di soddisfazione del cittadino; Report sui disservizi Il portale sarà rinforzato con pieno utilizzo dell assistente virtuale e motore di ricerca sui siti della P.A. Sarà aggiornata la rubrica di tutti gli URP e Numeri Verdi della P.A. Dal 1 Aprile Partirà un piano di formazione per diffondere ad almeno operatori del network le stesse informazioni e favorire con una redazione unica news e aggiornamenti per accrescere e migliorare i servizi al cittadino I vari servizi di assistenza ai disabili da parte della P.A. saranno progressivamente integrati Il numero di operatori/esperti del Formez sarà elevato a 200 con possibilità di portare a 8000 i contatti giornalieri Sarà attivato un servizio di assistenza di secondo livello per i cittadini/clienti che avranno incontrato difficoltà nel contatto con la P.A., accompagnandoli nelle loro transazioni sino al raggiungimento del risultato

10 Report di Monitoraggio (sui servizi di Linea Amica e degli enti convenzionati) Con cadenza settimanale o mensile, verrà fornito un report di dettaglio per valutare l efficacia dei servizi erogati Denominazione Ente Dati Ente Tipologia servizio informativo (Urp, Contact Center, entrambi) Denominazione servizio informativo Responsabile del Servizio (nome e cognome) Telefono Numero operatori e infrastruttura Domande e risposte frequenti Tipologia di richieste (info generiche, specifiche, segnalazioni, assistenza) Numero dei contatti in entrata/uscita via telefono Numero dei contatti in entrata/uscita via mail Percentuale delle richieste disperse o inevase Durata media contatti con operatori Tempi di attesa del Cliente e di risposta Dati Giornalieri di funzionamento Soddisfazione dell utenza (con sistema di Emoticon) tel. o mail Motivo della insoddisfazione (in caso di ) via mail - - Tempi di attesa, cortesia, organizzazione servizio

11 LINEA AMICA il supporto per una P.A. senza barriere - Criticità individuate Il servizio dedicato alle fasce più deboli intende fornire un supporto concreto tanto alle Istituzioni quanto ai cittadini, di conseguenza il progetto parte dalla rilevazione di alcune problematiche che caratterizzano il rapporto tra le cittadino ed Amministrazione: 1) Il dialogo tra cittadini e Pubblica Amministrazione spesso è penalizzato da barriere cognitive e tecnologiche che escludono le persone più fragili. 2) Esistono diversi servizi sul territorio dedicati a cittadini svantaggiati e ai loro familiari, che non sono di fatto fruiti e fruibili perché non adeguatamente pubblicizzati. 3) Manca un punto di accesso unico che renda facilmente reperibili servizi e informazioni destinati alle categorie più deboli. 4) L assistenza ed il supporto alle categorie svantaggiate è sostenuta in gran parte da Associazioni, Cooperative ed Enti che hanno difficoltà a mettersi in contatto diretto con l interlocutore Istituzionale necessario per il corretto svolgimento delle proprie attività. Le risposte di Linea Amica Per far fronte alle criticità sopra elencate, il progetto intende: 1) Realizzare un punto di contatto multicanale rispondente alle esigenze di un maggior numero di utenti possibile. 2) Costruire un servizio informativo e di assistenza personalizzato sulle diverse disabilità. 3) Attivare un censimento periodico dei servizi destinati ai cittadini più deboli per renderli facilmente consultabili tramite una banca dati accessibile e strutturata. 4) Favorire il contatto tra le Strutture che svolgono un ruolo di assistenza e la Pubblica Amministrazione attraverso la creazione di un network ad hoc.

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 803.001 www.lineaamica.gov.it Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 1 Il Concept del servizio Linea Amica LINEA AMICA è un iniziativa del

Dettagli

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010

Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 803.001 www.lineaamica.gov.it Prima Convention nazionale degli operatori di Front Office ForumPA 18 maggio 2010 1 LINEA AMICA: CONCEPT DEL SERVIZIO Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it

803.001 www.lineaamica.gov.it 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica: il contact center multicanale della PA italiana Formez PA, 6 settembre 2011 1 FILOSOFIA DEL PROGETTO LINEA AMICA Linea Amica è il Contact Center multicanale della

Dettagli

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana

803.001 www.lineaamica.gov.it. Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 803.001 www.lineaamica.gov.it Linea Amica Il contact center multicanale della PA italiana 1 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti

Dettagli

Linea Amica. Progetto. Linea Amica. Il Contact Center multicanale della P.A. italiana

Linea Amica. Progetto. Linea Amica. Il Contact Center multicanale della P.A. italiana Progetto Linea Amica 803 999 Il Contact Center multicanale della P.A. italiana Formez Centro di Formazione Studi Ufficio Comunicazione ed Editoria 1 Concept del Servizio Linea Amica è il Contact Center

Dettagli

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 Evoluzione del Network di Linea Amica Meno costi per le PA, più efficienza per il cittadino 15 Marzo 2011 OGGI Linea Amica:

Dettagli

Linea Amica Abruzzo. insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini

Linea Amica Abruzzo. insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini Linea Amica Abruzzo insieme alla Protezione Civile 7 giorni su 7 per informare ed aiutare i cittadini 1 Il quadro e i tempi dell intervento di Linea Amica in Abruzzo Linea Amica parte il 29 gennaio 2009;

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati.

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Tipologie servizi (1) Servizi vetrina Esempio tipo Struttura Pregi e difetti Servizi

Dettagli

Il contact center INPS al servizio dell'utente

Il contact center INPS al servizio dell'utente Il contact center INPS al servizio dell'utente Francesco Colasuonno Responsabile sviluppo servizi di call center INPS Martedì, 4 giugno 2002 Hotel Excelsior Gallia Milano Martedì 11 giugno 2002 Sheraton

Dettagli

Il contact center INPS al servizio dell'utente

Il contact center INPS al servizio dell'utente Il contact center INPS al servizio dell'utente Francesco Colasuonno Responsabile sviluppo servizi di call center INPS Martedì, 4 giugno 2002 Hotel Excelsior Gallia Milano Martedì 11 giugno 2002 Sheraton

Dettagli

Forum PA, 8 maggio 2006

Forum PA, 8 maggio 2006 Forum PA, 8 maggio 2006 Perché servire i contribuenti? L Agenzia deve perseguire il massimo livello di adesione agli obblighi fiscali (tax compliance) attraverso l attività di informazione ed assistenza

Dettagli

Report di monitoraggio al 31 dicembre 2013 Consuntivo quinquennale e annuale

Report di monitoraggio al 31 dicembre 2013 Consuntivo quinquennale e annuale Report di monitoraggio al 31 dicembre 2013 Consuntivo quinquennale e annuale (a cura di Valentina Cagnacci e Antonella Lombardi) Roma, gennaio 2014 Indice: Introduzione... 3 Sezione 1 - Il consuntivo del

Dettagli

Il sito istituzionale: novità e prospettive

Il sito istituzionale: novità e prospettive Il sito istituzionale: novità e prospettive Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Inps Sempre più vicini a te Roma, 17 maggio 2010 2 Continua l impegno per essere sempre più vicini alle

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. 30 settembre 2009 Istituto Nazionale Previdenza Sociale 30 settembre 2009 Indice Executive summary Riferimenti normativi e organizzativi I vantaggi della PEC La situazione attuale: dati di utilizzo Una PEC per tutti i cittadini:

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

La P.A. cambia e ti semplifica la vita

La P.A. cambia e ti semplifica la vita La P.A. cambia e ti semplifica la vita Cambio di residenza, rinnovo del passaporto, PEC, pratiche burocratiche, servizi on line... Vuoi informazioni o assistenza nei tuoi rapporti con la Pubblica Amministrazione?

Dettagli

LINEA AMICA Linea Amica mettendo al centro della sua azione l ascolto, la cortesia e l accompagnamento del cliente 803.001

LINEA AMICA Linea Amica mettendo al centro della sua azione l ascolto, la cortesia e l accompagnamento del cliente 803.001 LINEA AMICA Linea Amica, attiva dal 29 gennaio 2009, fornisce ai cittadini informazioni e assistenza nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, mettendo al centro della sua azione l ascolto, la cortesia

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

Formazione azione Front office chiavi in mano

Formazione azione Front office chiavi in mano Formazione azione Front office chiavi in mano Oggi, più che nel passato, è fondamentale far percepire una maggiore Attenzione al Cittadino attraverso una P.A. unitaria, coerente, gentile, moderna, trasparente

Dettagli

Abi - Dimensione cliente Servizi High Tech nella gestione HighTouch. 11 Aprile 2012

Abi - Dimensione cliente Servizi High Tech nella gestione HighTouch. 11 Aprile 2012 Abi - Dimensione cliente Servizi High Tech nella gestione HighTouch 11 Aprile 2012 Agenda L attuale modello BCC Roma Il modello obiettivo 2 Bcc di Roma: Chi Siamo La BCC di Roma fa parte del sistema del

Dettagli

INDICE del documento. Contact Center

INDICE del documento. Contact Center INDICE del documento 1 Descrizione del servizio di... 2 1.1 Obiettivi del... 2 1.2 Servizi del in Fase Transitoria... 2 1.3 Supporti informativi per il... 3 2 Modello Organizzativo del servizio di... 4

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione

Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Il sito istituzionale tra tecnologia e innovazione Forum PA 2010 Roma, 17 maggio 2010 Roma, 17 maggio 2010 Stato dell arte Roma, 17 maggio 2010 2 Il processo di rinnovamento del sito web Inps procede per

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Convegno AICQ 21 giugno 2005. Sandro Golzio Città di Torino Direttore Divisione Patrimonio, Partecipazioni e Sistema Informativo

Convegno AICQ 21 giugno 2005. Sandro Golzio Città di Torino Direttore Divisione Patrimonio, Partecipazioni e Sistema Informativo Convegno AICQ 21 giugno 2005 Sandro Golzio Città di Torino Direttore Divisione Patrimonio, Partecipazioni e Sistema Informativo QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Qualità della P.A. significa fornire

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE dell Unità C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE LA CREAZIONE DELL URP DEL COMUNE DI MODICA 1. Intro L introduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009

Adottiamo una PEC. Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43. Roma, 11 novembre 2009 Adottiamo una PEC Spazio Etoile - Galleria Caetani, Piazza San Lorenzo in Lucina, 43 Roma, 11 novembre 2009 1 Indice Executive summary 1. Riferimenti normativi 2. 2010: anno della PEC 3. I vantaggi della

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

STATO AVANZAMENTO LAVORI

STATO AVANZAMENTO LAVORI ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) aggregazione di comuni denominata GRANDE MANTOVA ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) AGGREGAZIONE DI COMUNI CITTA DI CURTATONE PORTO MANTOVANO

Dettagli

CUD INPS ed invio telematico: i primi chiarimenti ufficiali dell Istituto

CUD INPS ed invio telematico: i primi chiarimenti ufficiali dell Istituto CIRCOLARE A.F. N. 40 del 5 Marzo 2013 CUD INPS ed invio telematico: i primi chiarimenti ufficiali dell Istituto Ai gentili clienti Loro sedi Premessa L INPS, con la circolare n. 32/2013 ha fornito alcune

Dettagli

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente CARTA DELLA QUALITA A. PRINCIPI ISPIRATORI E OBIETTIVI DELLA CARTA DELLA QUALITÀ La Carta della Qualità di Consorzio S.M.B. recepisce gli obiettivi di qualità dei servizi rientranti nell ambito del servizio

Dettagli

Iniziativa pilota. La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano. Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione

Iniziativa pilota. La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano. Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione La rilevazione della customer satisfaction a portata di mano Iniziativa pilota 23 marzo 2009 Indice Slide 1 - Customer satisfaction in tempo reale

Dettagli

Una pagella a colori per i servizi del Comune

Una pagella a colori per i servizi del Comune 1 Convention di Mettiamoci la faccia Una pagella a colori per i servizi del Comune Camera di Commercio di Roma Tempio di Adriano, Piazza di Pietra 2 luglio 2009 Comune di Milano : LA FIRMA DEL PROTOCOLLO

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA L INPS: a) con la circolare n. 32 del 26 febbraio scorso (allegato 1) ha: - comunicato che, dal corrente anno, assolverà all obbligo

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Roma Ufficio Territoriale del Governo Ufficio del Rappresentante dello Stato e della Conferenza permanente Via IV Novembre 119/A 00187 ROMA Tel. 06/67294481-4344 Monitoraggio del processo

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE 2 INTRODUZIONE Il presente documento illustra i risultati dell indagine effettuata presso gli italiani, volta a comprendere la percezione generale che essi

Dettagli

Comune di Domus de Maria

Comune di Domus de Maria ENTE Comune di Domus de Maria Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre

Dettagli

RadarWeb PA Una metodologia per la rilevazione della qualità dei siti web della PA. Palermo, 04 aprile 2012

RadarWeb PA Una metodologia per la rilevazione della qualità dei siti web della PA. Palermo, 04 aprile 2012 RadarWeb PA Una metodologia per la rilevazione della qualità dei siti web della PA Palermo, 04 aprile 2012 Linee guida Luglio 2010 Suggerire alla Pubbliche Amministrazioni criteri e strumenti per razionalizzare

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA 2015

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA 2015 VALORE VACANZA IN ITALIA Italia junior BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA 2015 Per giovani nati tra il 1 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2008 Durata dei soggiorni, a scelta, tra: otto giorni e sette notti

Dettagli

SORGONO ENTE SORGONO PROVINCIA NUORO ENTE. Obiettivi di accessibilità. per l anno 2014

SORGONO ENTE SORGONO PROVINCIA NUORO ENTE. Obiettivi di accessibilità. per l anno 2014 ENTE SORGONO PROVINCIA NUORO ENTE SORGONO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Il servizio sarà via via esteso agli iscritti interessati dai prossimi lotti di lavorazione.

Il servizio sarà via via esteso agli iscritti interessati dai prossimi lotti di lavorazione. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Spett.le Amministrazione Oggetto: Estratto Conto Dipendenti Pubblici Invio delle comunicazioni a un primo contingente di iscritti. Per consentire l erogazione delle

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Il progetto Reti Amiche. 21 gennaio 2009

Il progetto Reti Amiche. 21 gennaio 2009 Il progetto Reti Amiche 21 gennaio 2009 1 Il progetto Reti Amiche Il progetto Reti Amiche agevola il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione, apre agli utenti dei servizi pubblici i vantaggi

Dettagli

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena

L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net Rete Civica di Modena L interfaccia di Mo-Net nasce dal recepimento degli stimoli e delle indicazioni prodotte a livello nazionale, europeo e internazionale in tema di accessibilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

SINTESI BANDO X LE FAMIGLIE VALORE VACANZA 2014

SINTESI BANDO X LE FAMIGLIE VALORE VACANZA 2014 SINTESI BANDO X LE FAMIGLIE VALORE VACANZA 2014 N. 2 BENEFICI A CONCORSO: VALORE VACANZA IN ITALIA Italia junior Per giovani nati tra il 1 gennaio 2003 e il 31 dicembre 2007 Durata dei soggiorni, a scelta,

Dettagli

COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS

COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA-IGLESIAS Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre

Dettagli

CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI

CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI CERTIFICATI DI MALATTIA DIGITALI Decreto legislativo 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni 1 Il quadro

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA

IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA IL PERCORSO DELLA DIREZIONE REGIONALE SICILIA INPS - GESTIONE EX INPDAP NEL PROGETTO MIGLIORAPA PELLEGRINO MARINELLI (DIRIGENTE UFFICIO RELAZIONI CON L UTENZA, D.C. COMUNICAZIONE, GESTIONE EX INPDAP) La

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEL SITO WWW.SALUTEMIA.NET

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEL SITO WWW.SALUTEMIA.NET GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DEL SITO WWW.SALUTEMIA.NET ll sito salutemia.net è sviluppato come un unica pagina verticale con un sistema di ancoraggi, per passare da una sezione all altra mantenendo fissa

Dettagli

I mercati verticali. #oncspring@operanetcenter. Relatori: Simona Cattoni Paolo Pesarin

I mercati verticali. #oncspring@operanetcenter. Relatori: Simona Cattoni Paolo Pesarin I mercati verticali #oncspring@operanetcenter Relatori: Simona Cattoni Paolo Pesarin Sanità Assistenza domiciliare Pianificare visite Gestire interventi Monitorare attività Uso di materiali di consumo

Dettagli

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico - Report attività anno 2014 Obiettivo del Report è quello di fornire un quadro delle attività dell Ufficio Relazioni con il Pubblico del nostro Ente allo scopo di valutare

Dettagli

Comunicazione pubblica e accesso all informazione nell era digitale

Comunicazione pubblica e accesso all informazione nell era digitale Comunicazione pubblica e accesso all informazione nell era digitale Alessandra Amati amati@aipa.it Sommario nuovo concetto di comunicazione cambiamento nella percezione dell informazione la comunicazione

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CENTRALINO IN CLOUD E LA PIATTAFORMA CHE INTEGRA TUTTI I PROCESSI DI COMUNICAZIONE AZIENDALE In un momento di importante trasformazione economica, il Voice Management

Dettagli

Lavoro per TE. Gennaio 2015

Lavoro per TE. Gennaio 2015 Lavoro per TE Gennaio 2015 INDICE LOS STRUMENTO PER LO SVULUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE IL PORTALE LAVORO PER TE I SERVIZI 1 LO STRUMENTO PER LO SVILUPPO INTEGRATO DEI SERVIZI LAVORO PER TE

Dettagli

Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2

Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Azioni di Sistema - Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 (FSE) RomaL@bor, Qurami, E.V.A. La rete e

Dettagli

COMUNE DI NARBOLIA Provincia di Oristano Via Umberto n. 22 CAP 09070 Tel 0783.57513 - Fax 0783-57171

COMUNE DI NARBOLIA Provincia di Oristano Via Umberto n. 22 CAP 09070 Tel 0783.57513 - Fax 0783-57171 COMUNE DI NARBOLIA Provincia di Oristano Via Umberto n. 22 CAP 09070 Tel 0783.57513 - Fax 0783-57171 ENTE: COMUNE DI NARBOLIA Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9,

Dettagli

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova

I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE. Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova I SERVIZI ONLINE DEL PORTALE LAVORO E FORMAZIONE Dott. Giorgio Santarello Dirigente Settore Lavoro e Formazione Provincia di Padova Punto di partenza - Crisi economica del Mercato del Lavoro (utenza aumentata

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Referenti per successivi contatti con l Amministrazione:

Referenti per successivi contatti con l Amministrazione: Piano di Comunicazione Responsabile del Progetto: Seg. Leg. Franco Impalà Referenti per successivi contatti con l Amministrazione: Seg. Leg. Franco Impalà primosegretario.tbilisi@esteri.it Descrizione

Dettagli

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION

BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION BUONE PRATICHE DI CUSTOMER SATISFACTION FORUM PA 2011 10 maggio Il «kit» di customer satisfaction 2.0 L AMMINISTRAZIONE Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I numeri: 177 sedi 344 agenzie 20 mln

Dettagli

Ferrara, 06.02.2013 Prot. 2893. Agli Enti ed alle Amministrazioni di Ferrara con iscrizione Inps Gestione ex Inpdap. Patronati

Ferrara, 06.02.2013 Prot. 2893. Agli Enti ed alle Amministrazioni di Ferrara con iscrizione Inps Gestione ex Inpdap. Patronati Gestione ex Inpdap di Ferrara Ufficio Relazioni con il Pubblico Ferrara, 06.02.2013 Prot. 2893 Agli Enti ed alle Amministrazioni di Ferrara con iscrizione Inps Gestione ex Inpdap Ai Ai Patronati Sindacati

Dettagli

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2013 - Numero 2 27 febbraio 2013 Anno13 - Numero 2013 ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel. 0683057390-0683057422 Fax 0683057440

Dettagli

Strategia per la Multicanalità

Strategia per la Multicanalità Strategia per la Multicanalità Marco Stancati Maggio 2005 Fattori chiave di successo: le aspettative dei cittadini Interagire con la Pubblica Amministrazione in modo semplice Accedere ai servizi attraverso

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Navigando s impara SALUTE E BENESSERE 49 www.salute.gov.it MINISTERO DELLA SALUTE 78 Questo è il sito ufficiale del Ministero della Salute. Nella parte centrale della home page trovi le notizie In primo

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori. pag. 1

INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori. pag. 1 Case history INPS Telecom Italia INPS sempre piu OnLine : dare valori ai numeri, dare numeri ai valori pag. 1 Case history INPS Telecom Italia Introduzione pag. 2 Case history INPS Telecom Italia Introduzione

Dettagli

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni La rilevazione della customer satisfaction (CS) è utilizzata da molte amministrazioni per misurare la qualità percepita, cioè per conoscere il punto di vista dei

Dettagli

Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Risorse Umane.

Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Risorse Umane. Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Risorse Umane Roma, 14/09/2011 Circolare n. 119 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche

Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche Linee Guida per le informazioni di trasparenza sui siti Internet delle banche Convegno Dimensione Cliente a cura di Giustino Trincia _ responsabile dell Ufficio Rapporti con i Consumatori _ ABI Chiara

Dettagli