ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI DI ELETTROTECNICA"

Transcript

1 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1

2 2 esercizi in corrente continua completamente svolti RICHIAMI DI MATEMATICA DAL NUMERO DECIMALE ALLA FRAZIONE DECIMALE Dato il numero decimale scrivere la frazione decimale corrispondente: Es: 0.23 = 23/ = / REGOLA: Si scrive il numero decimale senza la virgola e si divide 1 seguito da tanti zeri quante sono le cifre decimali. DALLA FRAZIONE DECIMALE AL NUMERO DECIMALE Data la frazione decimale scrivere il numero decimale corrispondente: Es: 12/100= /1000= REGOLA: Si scrive il numeratore e a partire dalla cifra unità si sposta la virgola verso sinistra di tanti posti quanti sono gli zeri a denominatore POTENZE DECIMALI ad esponente positivo ad esponente negativo 10E 1 = 10 10E -1 = E 2 = E -2 = E 3 = E -3 = E 4 = E -4 =

3 3 esercizi in corrente continua completamente svolti GRANDEZZE ELETTRICHE E LORO UNITA DI MISURA DENOMINAZIONE UNITA DI MISURA SIMBOLO TENSIONE EL VOLT V CORRENTE EL AMPERE A RESISTENZA EL OHM Ω POTENZA EL WATT W ENERGIA EL JUOLE J ENERGIA TERMICA CALORIA Cal SCALA DEI MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI multipli sottomul tipli DENOMINAZION SIMBOLO VALORE DEC E GIGA G 10E 9 MEGA M 10E 6 KILO K 10E 3 base milli m 10E -3 micro µ 10E -6 nano n 10E -9 EQUIVALENZA Quando si scende si multipla la base 10E 3 *n, dove n rappresenta il numero di posti che separa il valore iniziale da quello finale; viceversa quando si sale si divide per lo stesso fattore 10E 3 *n. Esempio: 12 kw = 12*(10E 3 *1) W = [W] 25,4 ma = 25,4 / (10E 3 *1) A = 25,4/1000 A = [A] 3

4 4 esercizi in corrente continua completamente svolti SISTEMA METRICO DECIMALE MISURE DI LUNGHEZZA Denominazione Simbolo Val Decimale Miriametro Mm 10E 4 Chilometro Km 10EE 3 Ettometro hm 10 2 Decametro dam 10E 1 metro m 1 decimetro dm 10E -1 centimetro cm 10E -2 millimetro mm 10E -3 MISURE DI SUPERFICIE Miriametro Quad Mm 2 10E 8 Chilometro Quad Km 2 10E 6 Ettometro Quad ettaro Decametro Quad ara hm 2 ha dam 2 a 10E 4 10E 2 Metro Quadr m 2 1 Decimetro quad dm 2 10E -2 Centimetro quad cm 2 10E -4 Millimetro quad mm 2 10E -6 MISURE DI VOLUME Decastero das 10E 1 Metro cubo m 3 1 stero s 1 decistero ds 10E -1 decimetrocubo dm 3 10E -3 Centimetro cubo cm 3 10E -6 Millimetro cubo mm 3 10E -9 4

5 5 esercizi in corrente continua completamente svolti RESISTIVITA DEI MATERIALI CONDUTTORI Più usati Nome Resistività a 0 C r o [Ω*mm 2 /m] Coefficiente di temperatura a 0 C a o RAME ALLUMINIO ACCIAIO FERRO OTTONE PIOMBO NICHELIO PLATINO ARGENTO ARGENTANA NICHELINA MANGANINA COSTANTANA NICROMO MERCURIO TUNGSTENO

6 6 esercizi in corrente continua completamente svolti RESISTIVITA A T C ρ (T) =ρ o *(1+α o *T) INTENSITA DI CORRENTE Dove Q = quantità di elettricità t = tempo in secondi I = Q / t [A] DENSITA DI CORRENTE δ= I /s [A/mm 2 ] Dove s sezione del conduttore s = 3.14*d 2 /4 [mm 2 ] d= diametro del conduttore = rad.q.( 4*s/ 3.14) FORMULE USATE PER LA RISOLUZIONE DEI CIRCUITI 1 a LEGGE DI OHM V AB = R AB *I AB I AB = V AB /R AB R AB = V AB / I AB 2 a LEGGE DI OHM R = ρ T *L/ s Dove ρ T è la resistività del materiale conduttore alla temperatura T C L è lunghezza del conduttore in metri S è la sezione del conduttore in mm 2 LEGGE DI OHM PER UN CIRCUITO CHIUSO Dove E AB è la fem del generatore R i è la resistenza interna del generatore R è la resistenza totale del circuito esterno I AB = E AB / ( R i +R) CADUTA DI TENSIONE INTERNA AL GENERATORE V i = R i *I CADUTA DI TENSIONE % v L% = 100* (V L / V a ) Dove V L è la caduta di tensione sulla linea V a è la tensione di arrivo TENSIONE DISPONIBILE AI MORSETTI DEL GENERATORE V AB = E V i CORRENTE DI C. TO C. TO DEL GENERATORE I CC = E / R i 6

7 7 esercizi in corrente continua completamente svolti LEGGI DI KIRCHHOFF 1 A LEGGE AI NODI: la somma aritmetica delle correnti entranti ai nodi è uguale alla somma delle correnti uscenti. 2 A LEGGE ALLE MAGLIE: la somma algebrica di tutte le fem che agiscono in una maglia è uguale alla somma algebrica delle cadute di tensione lungo i lati appartenenti alla stessa maglia. COLLEGAMENTI PRATICI IMPORTANTI SERIE DI RESISTENZE 1. L intensità di corrente è la stessa per tutte le resistenze della serie 2. Le ddp tra i capi delle singole resistenze sono proporzionali alle singole resistenze 3. La ddp totale agente agli estremi della serie è la somma aritmetica delle singole ddp 4. L intera serie equivale ad un'unica resistenza di valore pari alla somma aritmetica delle singole resistenze che la compongono: R S = R 1 +R 2 +R 3 +R PARALLELO DI RESISTENZE 1. La ddp applicata è la stessa per tutte le resistenze del parallelo 2. Le correnti nelle singole resistenze sono inversamente proporzionali alle rispettive resistenze 3. La corrente totale che attraversa il complesso delle resistenze in parallelo costituisce la corrente nel circuito principale ed è la somma delle correnti nelle singole resistenze derivate. 4. L intero parallelo o arco multiplo equivale ad un'unica resistenza di valore pari al reciproco della somma dei reciproci delle singole resistenze : R p = 1/ (1/R 1 +1/R 2 +1/R 3 +1/R 4 +..) CASI PARTICOLARI 1. Se le resistenze del parallelo sono due, la relazione precedente si semplifica: R p = ( R 1 *R 2 ) / ( R 1 +R 2 ) 2. Se le resistenze del parallelo sono tutte uguali ad R: R p = R / n 7

8 8 esercizi in corrente continua completamente svolti CONCETTI ENEREGETICI POTENZA ELETTRICA P = L / t [W ] POTENZA GENERATA: P = E *I [W ] POTENZA ASSORBITA P = V*I = R*I 2 = V 2 / R PERDITA SULLA LINEA P L = R*I 2 PERDITA % SULLA LINEA p% = 100* R*I 2 / Pu RENDIMENTO DEL GENERATORE Rend = Pd/Pg Dove Pd è la potenza disponibile ai morsetti del generatore, Pg è la potenza dello stesso generatore RENDIMENTO DELL UTILIZZATORE Rend = Pu/Pg Dove Pu è la potenza assorbita dall utilizzatore Pg è la potenza dello stesso generatore ENERGIA ELETTRICA W = P * t [J] oppure [Ws] ENERGIA TERMICA E T = * R*I 2 * t(s) [ cal] E T = * R*I 2 * t(h) [ cal] COSTO ENERGIA ELETTRICA Costo = E T * p u Dove pu è il prezzo unitario PESO SPECIFICO: ps = Peso / Volume [Kg/dmc] [ g / mmc] 8

9 9 esercizi in corrente continua completamente svolti RISOLUZIONE DEI CIRCUITI COL METODO ZIM Introduzione In un circuito funzionante a vuoto c è la presenza di una tensione, ma non scorre corrente. In un circuito funzionante a carico c è la presenza di una tensione e la circolazione di una corrente. Il metodo ZIM consiste nell applicazione di 5 fasi: 1 a fase: INDIVIDUAZIONE Individuare tutti i morsetti e punti di connessione dei componenti attivi ( generatori) e passivi ( resistenze) presenti nel circuito funzionante a carico; 2 a fase: IDENTIFICAZIONE identificare tutti i punti di connessione con una lettera dell alfabeto ad esclusione delle seguenti V R I G E, con il seguente criterio: assegnare la stessa lettera a quei punti di connessione uniti da un tratto di conduttore, mentre lettere diverse a quei punti di connessione separati dal simbolo del generatore o del resistore. 3 a fase: SEMPLIFICAZIONE Semplificare il circuito applicando le conoscenze della serie: componenti attraversati dalla stessa corrente ( oppure quando la fine di uno è l inizio solo di un altro) ; del parallelo, componenti che presentano la stessa ddp oppure che presentano le stesse lettere agli estremi). Il procedimento termina quando si arriva ad una sola resistenza da collegare ai morsetti del generatore. Naturalmente è necessario riscrivere tanti circuiti quante sono le semplificazioni usate. Per ogni circuito modificato è necessario conservare la stessa identificazione dei morsetti per la parte non modificata. 4 a fase: ANALISI Dall ultimo circuito calcolare la corrente erogata dal generatore applicando la legge di OHM. Risalire al primo circuito e per esso applicare tante leggi di OHM quante sono le correnti incognite. 5 a fase: RICERCA Dopo aver scritto tutte le relazioni di OHM per il calcolo delle correnti, si riprende la prima relazione: se in essa è noto il valore della ddp. Basta eseguire il calcolo per avere il valore della corrente. In caso contrario, a partire dall ultimo circuito fino al primo, individuare quel circuito in cui sono presenti i due punti della ddp, con un solo componente tra essi, e calcolare la ddp incognita per il calcolo della corrente richiesta. Procedere in modo analogo per le atre correnti. 9

10 10 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.1 Eseguire le seguenti trasformazioni 12 ma=.a 25 KV=..V 2,4 mw=...:w 29,4 A=.mA 12,3 KΩ=..Ω 12,345 MW=.W 12 cm =.m 23,45 mm =.m 3 Km =..m 320 m =...mm 20 mm 2 =.m cm 2 =...m 2 1,2 m 2 =..cm 2 2,5 m 2 =.mm 2 17 m 3 =,,,,,,,,mm 3 14 cm 3 =..mm mm 3 =..m 3 SOLUZIONE Eseguire le seguenti trasformazioni 12 ma= 12*10-3 A= A 25 KV= 25*10 3 V = V 2.4 mw= 2.4*10-3 W= W 29.4 A= 29.4*10 3 ma= ma 12.3 KΩ= 12,3*10 3 Ω= Ω 12,345 MW=12,345*10 6 W= W 12 cm =12*10-2 m= m 23,45 mm =23,45 * 10-3 m = m 3 Km =3*10 3 m = 3000 m 320 m =320 *10 3 mm= mm 20 mm 2 =20* 10-6 m 2 = m cm 2 =100* 10-4 m 2 = 0.01 m 2 1,2 m 2 = 1,2 * 10 4 cm 2 = cm 2 2,5 m 2 =2,5 * 10 6 mm 2 = mm 2 17 m 3 = 17 * 10 9 mm 3 = mm 3 14 cm 3 = 14 * 10 3 mm 3 = mm mm 3 =20800* 10-9 m 3 = m 3 10

11 11 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.2 Calcolare la resistenza elettrica che deve presentare un conduttore di piombo di lunghezza L = 4 Km. di diametro di 2mm, alla temperatura di 0 C. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Pb 1. R=? L = 4 Km d= 2mm T =0 C La resistenza elettrica del conduttore piombo si calcola applicando la legge di OHM: R = ρ T *L/ s Dove ρ T =alla temperatura di 0 C= [Ω*mm 2 /m] L = 4 Km = 4000 m S= 3,14 *d 2 /4 = 3.14 * 4 / 4 = 3.14 mm 2 Ritornando alla formula precedente e sostituendo i valori noti si ha: R = * 4000 / 3.14 = Ω ES.3 Calcolare la sezione di un conduttore di ferro, lungo 5 Km, alla temperatura di 15 C, con resistenza elettrica di 2,3 KΩ. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Fe 1. s=? L = 5 Km R = 2,3 KΩ. T = 15 C La sezione del conduttore di ferro si ricava dalla formula inversa della legge di OHM s = ρ T *L / R Dove ρ T = 15 C = ρ 0 *( 1+α*T) = 0.13* ( *15) = 0.14 [Ω*mm 2 /m] L= 5 Km = 5000 m R = 2,3 KΩ Sostituendo i valori numerici nella formula precedente si ha: s= 0.14 * 5000/2300 = 0.3 mm 2 11

12 12 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.4 Calcolare la lunghezza di un conduttore di rame che deve presentare una resistenza elettrica da 120 Ω, di diametro d= 2,5 mm, alla temperatura di 20 C. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Cu 1. L=? R = 120 Ω d= 2,5 mm T =20 C La lunghezza del conduttore di rame si ricava dalla formula inversa della legge di OHM L = s* R / ρ T Dove ρ T = 20 C = ρ 0 *( 1+α*T) = 0.016* ( *20) = [Ω*mm 2 /m] R = 120 Ω s= 3,14 *d 2 /4 = 3.14 * / 4 = 4.9 mm 2 Sostituendo i valori numerici nella formula prevedente: L= 4.9 *120 / = 34588,23 m 12

13 13 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.5 Un generatore di corrente continua con E = 120 V e resistenza interna Ri = 2 Ω, alimenta un utilizzatore che presenta una resistenza di 10 Ω. Calcolare: La corrente erogata dal generatore La cdt interna del generatore La tensione disponibile ai suoi morsetti SOLUZIONE CIRCUITO EL. CALCOLARE 1.E = 120 V 1.I AC = 2.Ri = 2 Ω 2.Vi =V BC 3.Ru=10 Ω 3.Vd =V AB DATI Per calcolare la corrente erogata dal generatore si applica la legge di OHM per un circuito chiuso: I AC = V AC / R AC Dove R AC, detta resistenza totale, è la resistenza somma di tutte le resistenze incontrate dalla corrente quando si propaga nel circuito, comprese tra il morsetto + e del generatore: R AC = R AB +R BC = (2+10)= 12 Ω Pertanto la corrente precedente risulta, sostituendo i valori numerici noti: I AC = 120 / 12 = 10 A Per calcolare la cdt interna Vi si applica la legge di OHM : Vi= V BC = R BC * I BC = 2 *10 = 20 V Per calcolare la tensione disponibile ai morsetti del generatore, si applica la seguente formula: Vd = E Vi = = 100 V 13

14 14 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.6 Un utilizzatore presenta una resistenza Ru= 100 Ω e viene attraversato da una corrente I = 10 ma erogata da un generatore di tensione con resistenza interna Ri = 1 Ω. Calcolare la fem del generatore. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE 1.Ru= 100 Ω 1.E= 2.Ri = 1 Ω 3. I AB = 10 ma Dalla legge di OHM per un circuito chiuso si calcola la fem del generatore: E = Vd + Vi Dove Vd è la tensione disponibile ai morsetti esterni del generatore A e B : quindi essa è anche V AB, e cioè con la legge di OHM: Vd= V AB = R AB * I AB = 100 *10*10-3 = 1000 mv = 1 V Dove Vi detta cdt interna del generatore risulta: Vi= V BC = R BC *I BC = Ri*I AB = 1*10*10-3 = 10 mv = 0,01 V Pertanto la fem del generatore risulta: E = 1+ 0,01 = 1,01 V 14

15 15 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.7 Un generatore di corrente continua con fem E = 220 V, resistenza interna Ri =5 Ω alimenta un utilizzatore che presenta le seguenti caratteristiche nominali: Vn= 250V, In= 2,5 A. Calcolare: la corrente assorbita dall utilizzatore La c.d.t. interna del generatore La ddp ai capi dell utilizzatore SOLUZIONE CIRCUITO EL. CALCOLARE 1.E = 220 V 1.I AB = 2.Ri = 5 Ω 2.Vi =V BC 3.Vn=250 V 3.V AB 4. In= 2,5 A DATI Dalle caratteristiche nominali dell utilizzatore si ricava la sua resistenza che è costante a tutte le condizioni di carico: R AB = Ru = Vn / In = 250 / 2,5 = 100 Ω La corrente assorbita dall utilizzatore, essendo anche la corrente erogata dal generatore, si calcola applicando la legge di OHM: I AC = V AC / R AC Dove V AC = E = 220 V R AC = R AB + R BC = 100+5= 105 Ω Pertanto la corrente precedente: I AC = 220 / 105 =2,09 A La cdt Vi = V BC = R BC * I BC = 5*2,09= 10,47 V La ddp ai capi dell utilizzatore : V AB = R AB *I AB = 100*2,09= 209 V 15

16 16 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.8 Un generatore di corrente continua con fem E = 220 V, Ri=5 Ω alimenta due utilizzatori collegati in parallelo di cui le caratteristiche nominali sono rispettivamente le seguenti: V n1 = 250 V - I n1 = 25 A V n2 = 260 V - I n2 = 13 A Calcolare: la corrente erogata dal generatore La cdt interna del generatore La tensione disponibile ai morsetti del generatore La corrente assorbita da ciascun utilizzatore SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE 1.E = 220 V 1.I AC = 2.Ri = 5 Ω 2.Vi =V BC 3.Vn1=250 V 3.V AB 4. In1= 25 A 4. I1= 5. V2n=260 V 5. I2 = 6. In2= 13 A Dalle caratteristiche nominali dei due carichi si calcolano le rispettive resistenze applicando la legge di OHM: Ru1 = Vn1 / In1 = 250 / 25= 10 Ω Ru2= Vn2 / In2 = 260 / 13 = 20 Ω Per calcolare la corrente richiesta Iac, erogata dal generatore, si semplifica il circuito assegnato applicando la regola del parallelo e della serie di resistenze, fino ad arrivare ad una sola resistenza detta resistenza equivalente totale da applicare ai morsetti del generatore di fem E che coincide con la Vac e al termine si applica la legge di OHM (1) I AC = V ac / R ac 16

17 17 esercizi in corrente continua completamente svolti Per fare questo si procede per gradi. Si applica la regola del parallelo a quelle resistenze che presentano i morsetti identificati dalle stesse lettere: nel nostro caso Ru1 e Ru2, entrambe presentano A e B : Rp = (Ru1*Ru2) / ( Ru1+Ru2)= (10*20)/(10+20)= = 6,67 Ω Si modifica il circuito in seguito alla semplificazione: Si applica la regola della serie tra la Rp e la Ri, e cioè Rs = Rp + Ri = 6,67+5= 11,67 Ω Si modifica nuovamente il circuito nel seguente: A questo punto si applica la formula precedente (1): I AC = V ac / R ac =220/11,67=18,85 A Per calcolare la cdt sulla resistenza interna, si prende in esame il secondo circuito, e in esso si applica la legge di OHM: Vi = V BC = R BC * I BC Dove R BC = Ri = 5 Ω I BC = I AC = 18,85 A Quindi Vi= 5*18,85= 94,26 A La tensione disponibile ai morsetti del generatore: V AB = E - Vi = ,26 = 125,74 V Per calcolare la corrente assorbita da ciascun utilizzatore si applica la legge di OHM per ognuno: I1 = V AB / Ru1 = 125,74 / 10 = 12,58 A I2 = V AB / Ru2 = 125,74 / 20 = 6,3 A 17

18 18 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.9 Un generatore di corrente continua, di resistenza interna trascurabile, alimenta tramite una linea lunga 1 km un utilizzatore. La linea è costruita con conduttore di rame ( ρ cu =0,0175 [Ω*mm 2 / m] ) a sezione costante, avente un diametro di 25/10 di mm. La resistenza dell utilizzatore è il 90% della resistenza complessiva. Calcolare: 1.la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore 3. In un secondo tempo si allaccia in parallelo al 1 carico un 2 carico per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 30%. Calcolare la resistenza del 2 carico. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 1 km 1 R L ρ cu =0,0175 [Ω*mm 2 / m] d = 25/10 di mm. 3. R u2 R u1 = 90% R T R T = R T - 30% R T La resistenza della linea si calcola con la seguente relazione: R L = ρ cu * 2 L/ s Dove L = 1000 m s = 3,14 * d 2 /4 = 3,14 * 2,5 2 / 4 = 4,9 mm 2 Quindi la R L = 0,0175 *2* 1000 / 4,9 = 7,14 Ω Per calcolare la resistenza dell utilizzatore si fa sistema fra le due espressioni seguenti: R T = R u1 + R L R u1 = 90% R T R T = 0,9* R T +R L R T -0,9* R T = R L R T ( 1-0,9) = R L R T = R L / 0,1 = 7,14 / 0,1 = 71,4 Ω Quindi la R u1 = 90% * R T = 90/100 * 71,4 = 64,2 Ω 18

19 19 esercizi in corrente continua completamente svolti Per calcolare la resistenza del 2 carico in parallelo al 1 si tiene conto della terza richiesta del problema: R T = R T -30% R T = 0,7* R T = 0,7 * 71,4 = 49,98 Ω La resistenza R u2 si deduce dal calcola della R T e cioè: R T = R L + ( R u1 *R u2 ) / ( R u1 +R u2 ) Dopo alcuni passaggi di semplificazione si ottiene: R u2 = 129 Ω ES.10 Una linea a due conduttori, lunga 3 km, di rame, diametro 35/10 mm, alimenta all arrivo un utilizzatore. Calcolare : la resistenza della linea La resistenza dell utilizzatore sapendo che la resistenza della linea è uguale all 8% della resistenza totale del circuito In un secondo tempo si deriva dal punto intermedio della linea un secondo carico per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 20%. Calcolare la resistenza del secondo carico. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 3000 m 1. R L d = 3,5 mm 2. R u1 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 3. R u2 R L = 8% R T R T = R T - 20% R T La resistenza della linea di rame si calcola con la seguente formula: R L =ρ cu *2*L / s Dove s = 3,14 * d 2 / 4= 3.14*3.5 2 / 4 = 9.62 mm 2 La resistenza della linea: R L = 0,0175 *2*3000 / 9,62 = Ω La resistenza dell utilizzatore poiché è in serie alla linea, risulta: R u1 = R T - R L Essendo R L = 8/100 R T, si ricava la resistenza R T in funzione della R L : R T = 100/8 R L = 100 / 8 * = Ω 19

20 20 esercizi in corrente continua completamente svolti Quindi R u1 = =125,4 Ω Per calcolare la resistenza del secondo utilizzatore si procede nel seguente modo: R T = R T - 20 % R T = 80 % R T = = 80/100 * = Ω Essendo il 2 utilizzatore derivato a metà della linea risulta: R T = R L /2 + ( R L /2 + R u1 ) // R u2 ( Il simbolo // corrisponde al parallelo) Dopo alcuni passaggi e ordinando rispetto alla sola incognita R u2 si ricava il suo valore: R u2 = Ω ES.11 Una linea a due conduttori lunga 1200 m, di rame, con diametro da 28/10 mm, alimenta all arrivo un utilizzatore da 50 Ω. In un secondo tempo si allaccia alla linea a 800 m di distanza dall origine, un 2 utilizzatore avente una resistenza di 60 Ω, e a 200 metri dall origine un 3 utilizzatore avente una resistenza di 35 Ω. Calcolare: la resistenza complessiva del circuito con i tre utilizzatori allacciati La resistenza complessiva del circuito col 2 e 3 utilizzatore allacciato. SOLUZIONE 20

21 21 esercizi in corrente continua completamente svolti CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 1200 m 1. R T12 d = 2,8 mm 2. R T23 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m R u3 = 50 Ω R u2 = 60 Ω R u1 = 35 Ω La resistenza dei tronconi di linea di rame si calcola con la seguente formula: R L =ρ cu *2*L / s Dove s = 3,14 * d 2 / 4= 3.14*2,8 2 / 4 = 6,15 mm 2 La resistenza del 1 tronco di linea: R L1 = 0,0175 *2*200/ 6,15 = 1,13 Ω La resistenza del 2 tronco di linea: R L2 = 0,0175 *2*600/ 6,15 = 3,41 Ω La resistenza del 3 tronco di linea: R L3 = 0,0175 *2*400/ 6,15 = 2,27 Ω La resistenza complessiva con i tre utilizzatori e i tronchi di linea, risulta: R T =((( R u3 +R L3 ) //R u2 )+R L2 //R u1 )+R L1 R s1 = R u3 +R L3 = 50+2,27= Ω R p1 = (R u2 *R s1 ) / (R u2 +R s1 ) = (60*52.27) / ( ) = = Ω R s2 = R L2 + R p1 = = Ω 21

22 22 esercizi in corrente continua completamente svolti R p2 = ( R s2 *R u3 ) / ( R s2 +R u3 ) = ( 33.34*35 ) / ( )= = Ω R T = R L1 + R p2 = = 18.2 Ω R s1 = R L2 + R u2 = = Ω R p1 = (R u3 *R s1 ) / (R u3 +R s1 ) = ( 35*63.41) / ( ) = Ω R T = R L1 + R p1 = = Ω 22

23 23 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.12 Un generatore di cc alimenta tramite una linea di rame lunga 200 m un utilizzatore. La densità di corrente nel conduttore di linea è uguale a 4 A/mm 2 ; la resistenza interna del generatore è i 2/3 della resistenza della linea; la cdt percentuale della linea riferita alla tensione in arrivo è uguale all 8%; la resistenza totale del circuito è uguale a 15 Ω. Calcolare : la fem del generatore Il diametro del conduttore di linea SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L= 200 m 1. E= ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 2. d= δ= I/s = 4 A/mm 2 R i = 2/3 R L R T = 15 Ω v L % = 8% Applicando il 2 principio di Kirchhoff si calcola la fem del generatore: E V AB V B C V CB = 0 Dove V AB, tensione sulla linea, applicando la legge di OHM, risulta: V AB = R AB * I R AB è la resistenza della linea, quindi risulta: ρ cu 2L/s Quindi sostituendo nell espressione precedente si ricava: V AB = R AB * I = cu 2L*I/s = 0,0175 *2*200*4= 27.2 V Dalla conoscenza della tensione sulla linea % riferita all arrivo: v L% =100* V L /V A mediante una formula inversa si ricava la tensione in arrivo V A = 100* V L / v L% Sostituendo le tensioni con i punti indicati si ottiene: V BC = 100*V AB / 8= 100*27.2/8=340 V La cdt interna V CD applicando la legge di OHM risulta: V CD = Ri*I = (2/3 R L )*I = 2/3 V L = 2/3 *27.2 = V Pertanto ritornando alla formula precedente della fem si ricava: E = = V Per calcolare il diametro del conduttore si applica la seguente relazione: d = rad.q (4*s/ 3.14 ) La sezione s si calcola dalla formula inversa della densità di corrente : s = I/ δ Dove la corrente erogata dal generatore I risulta, applicando la legge di OHM per un circuito chiuso: I = E / RT = / 15 = 25.7 A Quindi s= 25.7 / 4 = 6.4 mm 2 Pertanto il diametro d= radq ( 4*6.4/3.14) = 2.86 mm 23

24 24 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.13 Un generatore di c.c. sviluppa una tensione costante di 300 V e alimenta tramite una linea di rame due utilizzatori aventi ubicazioni diverse. Il primo è posto alla distanza di 180 m dal generatore, e alla tensione nominale di 250 V assorbe la corrente nominale di 12A; Il secondo è posto alla distanza di 400 m dal generatore e alla tensione nominale di 230 V assorbe la corrente nominale di 14 A. La linea è costruita con conduttore di sezione costante da 35/10 di mm. La corrente di corto circuito del generatore è di 350 A. Si supponga che i valori delle resistenze degli utilizzatori possano ritenersi costanti alle diverse condizioni di carico. Calcolare la corrente assorbita da ciascun utilizzatore. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE E=300 V 1. I1 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 2. I2 d=3.5 mm Icc= 350A L 1 = 180 m V n1 = 250V I n1 = 12A L 2 =400 m V n2 = 230V Per calcolare le correnti assorbite da ciascun utilizzatore, è necessario calcolare prima la corrente totale, erogata dal generatore, applicando la legge di OHM: I = E / R T La resistenza totale è R T = (R u2 +R L2 ) //R u1 + R L1 +Ri Le singole resistenze valgono rispettivamente: Ru1= Vn1 / In1= 250/12= 20.8 Ω Ru2 = Vn2 / In2 = 230 / 14 = Ω ( resistenze degli utilizzatori : essendo costante nelle diverse condizioni di carico, si ricavano dalle caratteristiche nominali) Essendo la sezione costante essa vale: s= 3,14 * d 2 / 4 = 3.14*3.5 2 /4 = 9.6 mm 2 24

25 25 esercizi in corrente continua completamente svolti Quindi la resistenza del secondo e del primo tronco di linea risultano: R L2 = ρ cu 2L 2 /s = *2*( )/9.6=0.8 Ω R L1 = ρ cu 2L 1 /s = *2*180/9.6= 0.65 Ω La resistenza interna del generatore, nota la Icc e la fem del generatore, risulta: Ri = E/ Icc = 300/350 = 0.86 Ω Ritornando alla formula precedente della resistenza totale e sostituendo i valori numerici: RT = Ω. La corrente erogata dal generatore : I = E / R T = 300/10.95= 27.4 A Per calcolare la corrente assorbita dal 1 utilizzatore, è necessario conoscere la ddp ai suoi capi, che risulta essere V BD, quindi: V BD = E Ri*I R AB *I = E -( Ri+R AB )*I = =300*( )*24.4= V Applicando la legge di OHM ai due lati dell arco doppio si hanno le correnti assorbite dagli utilizzatori: I 1 = V AB / R U1 = 258.5/20.8= A I 2 = V AB / ( R u2 + R L2 )= 258.5/( ) = A 25

26 26 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.14 Parte prima. Si abbia un forno elettrico a resistenza alimentato con una tensione continua pari a V=230 [V] (ma nulla cambierebbe se fosse alimentato con una tensione alternata di valore efficace 230 [V]). Si vuole determinare il valore della resistenza R J del forno sapendo che esso deve essere in grado di elevare da J 1 =20 [ C] a J 2 =60 [ C] la temperatura di una quantità d olio minerale pari a 50 litri nel tempo di 15 minuti. Si assuma per il forno un rendimento del h=90%. Il sistema allo studio può essere rappresentato con la seguente figura: I V R h Per prima cosa si deve determinare il lavoro termico necessario per realizzare il voluto riscaldamento dell olio. Come si sa dal corso di fisica, la quantità di calore W J necessaria per riscaldare una sostanza si determina con l espressione: WJ = m cs ( J2 - J1) [cal] dove m [kg] è la massa della sostanza, c S [cal/( C g)] è il calore specifico della sostanza, J 1 e J 2 [ C] le temperature iniziale e finale della sostanza. Nel nostro caso la massa la determiniamo attraverso il volume v [dm 3 ] e la densità dell olio minerale d [kg/dm 3 ]: v = 50 [l] = 50 [dm d = 0,875 [kg/dm 3 3 ] ] m = v d = 50 0,875 = 43,75 [kg] Il calore specifico per l olio minerale vale c S =458,6 [cal/(kg C)], siamo quindi in grado di determinare il calore necessario: 4 S ( J2 - J1) = 43,75 458,6 (60-20) 80,25 10 W = m c = J [cal] Ricordando che una caloria equivale a 4,187 joule abbiamo infine: 4 W J = 80, ,187 = 33,60 10 [J] Considerando che detto lavoro deve essere compiuto in 15 minuti, calcoliamo la potenza calorica del forno: 5 26

27 27 esercizi in corrente continua completamente svolti P J = W t J = 33, = 3733 [W] Naturalmente, essendo il forno non ideale ma caratterizzato da un rendimento pari al 90% ovvero pari a 0,90, la potenza elettrica della resistenza riscaldante sarà maggiore: h = P P J R P R PJ = = h 3733 = 4148 [W] 0,90 Considerando che è nota la tensione applicata alla resistenza, mediante la legge di Joule possiamo trovare la resistenza stessa: 2 V V V 230 PR = V I = V = R = = = R R P 4148 La corrente assorbita dalla resistenza vale: 2 R 2 12,75 [ohm] PR 4148 I = = = 18,03 V 230 [A] Parte seconda. La resistenza sopra calcolata deve essere realizzata con un filo di Nichel-Cromo a spirale che presenta una resistività a zero gradi centigradi pari a 1,06 [Ω mm 2 /m] ed un coefficiente di temperatura a zero gradi centigradi pari a 5, [ C -1 ]. Considerando in base all esperienza una densità di corrente d I =9 [A/mm 2 ] calcoliamo la sezione e la lunghezza del filo necessario allo scopo. La sezione si calcola immediatamente: I I 18,03 d I = s = = 2 [mm 2 ] s di 9 = Visto il piccolissimo valore del coefficiente di temperatura possiamo ritenere in questa applicazione trascurabile la variazione di resistività conseguente alla variazione di temperatura. Ricordando come la resistenza dipende dalle dimensioni avremo infine: r l R s 12,75 2 R = l = = = 24,06 [m] s r 1,06 27

28 28 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DA SVOLGERE N.1 Un generatore in cc con resistenza interna trascurabile, alimenta attraverso una linea lunga 1 Km un utilizzatore. La linea è costruita con conduttore di rame a sezione costante avente un diametro di 25/10 mm. La resistenza dell utilizzatore è il 90% della resistenza complessiva del circuito. Calcolare: 1. la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore 3. in un secondo tempo si allaccia in parallelo al 1 carico un 2 utilizzatore per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 30%. Calcolare la resistenza del 2 utilizzatore N.2 Si deve costruire una linea a 2 conduttorii lunga 10 Km per una portata di 200 A, s= 60 mm 2 di rame. Calcolare : 1. il diametro del conduttore di linea 2. resistenza elettrica del conduttore di linea 3. il peso del conduttore di linea N.3 Una linea a conduttori lunga 15 Km è costruita con conduttore di rame da 35/10 di mm e alimenta all arrivo un utilizzatore. Calcolare: 1. la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore sapendo che la resistenza della linea è uguale all 8% della resistenza complessiva del circuito. 3. in un secondo tempo si deriva dal punto intermedio della linea un 2 utilizzatore per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 20%. N.4 Una linea a 2 conduttori lunga 1200 metri, di rame da 28/10 mm di diametro alimenta all arrivo un utilizzatore di 50 ohm. In un secondo tempo si allaccia alla linea a 800 metri di distanza dall origine un 2 utilizzatore avente una resistenza di 60 ohm e a 200 metri di distanza dall origine un terzo utilizzatore avente una resistenza di 35 ohm. Calcolare : 1. la resistenza complessiva del circuito con i tre utilizzatori allacciati 2. la resistenza complessiva del circuito col 2 e 3 utilizzatore allacciati 28

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ

SISTEMA INTERNAZIONALE DI UNITÀ LE MISURE DEFINIZIONI: Grandezza fisica: è una proprietà che può essere misurata (l altezza di una persona, la temperatura in una stanza, la massa di un oggetto ) Misurare: effettuare un confronto tra

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

2. E L E M E N T I S T R U T T U R A L I E T E R R I T O R I A L I D I U N A Z I E N D A A G R A R I A

2. E L E M E N T I S T R U T T U R A L I E T E R R I T O R I A L I D I U N A Z I E N D A A G R A R I A 2. E L E M E N T I S T R U T T U R A L I E T E R R I T O R I A L I D I U N A Z I E N D A A G R A R I A Capitolo 2 - Elementi strutturali e territoriali di un azienda agraria 2. 1. G r a n d e z z e e u

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

Esercizi svolti di Elettrotecnica

Esercizi svolti di Elettrotecnica Marco Gilli Dipartimento di Elettronica Politecnico di Torino Esercizi svolti di Elettrotecnica Politecnico di Torino TOINO Maggio 2003 Indice Leggi di Kirchhoff 5 2 Legge di Ohm e partitori 5 3 esistenze

Dettagli

CONCETTO di GRANDEZZA

CONCETTO di GRANDEZZA CONCETTO di GRANDEZZA Le GRANDEZZE FISICHE sono qualità misurabili di un corpo o di un fenomeno Esempi di grandezze Per misurare una grandezza occorre un adeguato strumento di misura GRANDEZZA Lunghezza

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

La lunghezza e le grandezze da essa derivate

La lunghezza e le grandezze da essa derivate La lunghezza e le grandezze da essa derivate Strumenti di misura: - Righello o riga graduata - Metro a nastro - Flessometro - Calibro Definizione di Metro: il metro è lo spazio percorso dalla luce nel

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume)

GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) DISPENSE DI FISICA LA MISURA GRANDEZZE FISICHE (lunghezza, area, volume) Misurare significa: confrontare l'unità di misura scelta con la grandezza da misurare e contare quante volte è contenuta nella grandezza.

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito CLASSI PRIME MISURA E UNITA DI MISURA La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, 1-2-5-10-0,001-1.000.000001-1 000 000 che definisce quante volte un CAMPIONE prestabilito è compreso nella grandezza

Dettagli

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012

Michele D'Amico (premiere) 6 May 2012 Michele D'Amico (premiere) CORRENTE ELETTRICA 6 May 2012 Introduzione La corrente elettrica può essere definita come il movimento ordinato di cariche elettriche, dove per convenzione si stabilisce la direzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Sistema Internazionale (SI)

Sistema Internazionale (SI) Unità di misura Necessità di un linguaggio comune Definizione di uno standard: Sistema Internazionale (SI) definito dalla Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure nel 1960 Teoria dei Circuiti Prof.

Dettagli

Ripasso pre-requisiti di scienze per gli studenti che si iscrivono alle classi prime

Ripasso pre-requisiti di scienze per gli studenti che si iscrivono alle classi prime Ripasso pre-requisiti di scienze per gli studenti che si iscrivono alle classi prime Per seguire proficuamente i corsi di scienze della scuola superiore devi conoscere alcune definizioni e concetti di

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Conduzione e Corrente Elettrica

Conduzione e Corrente Elettrica Conduzione e Corrente Elettrica I conduttori (metallici) sono solidi costituiti da atomi disposti in maniera ordinata nello spazio, che hanno perso uno o più elettroni (negativi) che sono liberi dimuoversinello

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli

Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito, delle grandezze circuitali e classificazione dei bipoli Definizione di circuito elettrico Da un punto di vista fisico un circuito si presenta come una connessione di elementi o

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS

PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO. Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS ISTITUTO VERONESE MARCONI Sede di Cavarzere (VE) PROGRAMMA DEFINITIVO di Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni Docente: VARAGNOLO GIAMPAOLO Insegnante Tecnico Pratico: ZANINELLO LORIS Classe

Dettagli

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm

10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Capitolo 10 Correnti elettriche 10.1 Corrente, densità di corrente e Legge di Ohm Esercizio 10.1.1 Un centro di calcolo è dotato di un UPS (Uninterruptible Power Supply) costituito da un insieme di 20

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze Prof. M. C. Capizzo MODULO 1 Conoscere e misurare le grandezze Cos è la Fisica? Indagine sulla natura con gli strumenti matematici MECCANICA TERMODINAMICA ELETTROMAGNETISMO movimento dei corpi fenomeni

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA. Corso Integrato di Misure Elettriche ed Elettroniche

Corso di Laurea Triennale in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA. Corso Integrato di Misure Elettriche ed Elettroniche UNIVERSITÀ DI GENOVA - FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Triennale in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso Integrato di Misure Elettriche ed Elettroniche Modulo

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza

Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza Misurare una grandezza La Grandezza 1. La grandezza è una caratteristica misurabile. Lunghezza Massa Peso Volume Capacità Densità Peso specifico Superficie Pressione Forza Lavoro Potenza 2. Misurare una

Dettagli

LA RESISTENZA ELETTRICA

LA RESISTENZA ELETTRICA LA RESISTENZA ELETTRICA La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un conduttore di opporsi al passaggio di una corrente elettrica quando è sottoposto ad una tensione.

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali

Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali Richiami sul sistema metrico decimale e sui sistemi di misure non decimali Misurare una grandezza significa, dopo aver prefissato una unità di misura, calcolare quante volte tale unità è contenuta nella

Dettagli

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica

ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTROSTATICA + Carica Elettrica + Campi Elettrici + Legge di Gauss + Potenziale Elettrico + Capacita Elettrica ELETTRODINAMICA + Correnti + Campi Magnetici + Induzione e Induttanza + Equazioni di Maxwell

Dettagli

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min?

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? ESECIZIO Un filo è percorso dalla corrente di 3,0 A. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? (b) Se la corrente è dovuta a un flusso di elettroni, quanti elettroni passano per un punto

Dettagli

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA Sistemi di misura Enti geometrici fondamentali GEOMETRI SISTEMI DI MISUR Si dice grandezza tutto ciò che si può misurare, Es: la durata di una lezione di matematica, il peso di un ragazzo, la lunghezza

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Appunti tratti dal videocorso di Elettrotecnica 1 del prof. Graglia By ALeXio Parte b Bipoli elettrici - potenza entrante Tensione e corrente su di un bipolo si possono misurare secondo la convenzione

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi corrente alternata trifase ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE ALTERNATA TRIFASE A cura del Prof. M ZIMOTTI DEFINIZIONI 1 2 esercizi corrente alternata trifase STS: sistema trifase simmetrico

Dettagli

Concetti fondamentali

Concetti fondamentali Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Elettrotecnica Teoria dei Circuiti Concetti fondamentali UNITÀ DI MISURA Standard per la misurazione di grandezze fisiche MKSA (Giorgi) Sistema

Dettagli

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1

Sia data la rete di fig. 1 costituita da tre resistori,,, e da due generatori indipendenti ideali di corrente ed. Fig. 1 Analisi delle reti 1. Analisi nodale (metodo dei potenziali dei nodi) 1.1 Analisi nodale in assenza di generatori di tensione L'analisi nodale, detta altresì metodo dei potenziali ai nodi, è un procedimento

Dettagli

:1000 :100 :10 : x X10 X100 x1.000 chilometro ettometro decametro metro decimetro centimetro millimetro Km hm dam m dm cm mm

:1000 :100 :10 : x X10 X100 x1.000 chilometro ettometro decametro metro decimetro centimetro millimetro Km hm dam m dm cm mm MISURIMO... L LUNGHZZ Quanto spazio c è tra te e la lavagna? Quanto è alta la tua sedia? Quanto è largo il tuo libro di matematica? La risposta giusta la può dare solo il metro. Il metro corrisponde, all'incirca,

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI

PROGRAMMA PREVENTIVO: Tecnologie Elettrico-Elettroniche e Applicazioni. Modulo n 1: STRUTTURA DELLA MATERIA E FENOMENI ELETTRICI CONTENUTI OBIETTIVI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@ipsiamarconi.it -

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Sistemi Di Misura Ed Equivalenze

Sistemi Di Misura Ed Equivalenze Sistemi Di Misura Ed Equivalenze (a cura Prof.ssa M.G. Gobbi) Una mamma deve somministrare al figlio convalescente 150 mg di vitamina C ogni giorno. Ha a disposizione compresse da 0,6 g: quante compresse

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Fisica II. 4 Esercitazioni

Fisica II. 4 Esercitazioni Fisica Esercizi svolti Esercizio 4. n un materiale isolante si ricava una semisfera di raggio r m, sulla cui superficie si deposita uno strato conduttore, che viene riempita di un liquido con ρ 5 0 0 Ωm.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale

Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale Per gli Istituti Tecnici Industriali e Professionali Potenza elettrica nei circuiti in regime sinusoidale A cura del Prof. Chirizzi Marco www.elettrone.altervista.org 2010/2011 POTENZA ELETTRICA NEI CIRCUITI

Dettagli

Corrente elettrica. Daniel Gessuti

Corrente elettrica. Daniel Gessuti Corrente elettrica Daniel Gessuti indice 1 Definizioni 1 Definizione di corrente 1 Definizione di resistenza 2 2 Effetto Joule 3 Circuiti in parallelo 4 3 Circuiti in serie 5 4 Il campo magnetico 5 Fenomeni

Dettagli

Il metodo sperimentale

Il metodo sperimentale modulo0 Il metodo sperimentale indice glossario tavola periodica costanti calcolatrice Obiettivi del modulo Conoscere... il metodo sperimentale le grandezze fisiche il Sistema Internazionale e le sue unità

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua

approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua approfondimento Corrente elettrica e circuiti in corrente continua Corrente elettrica e forza elettromotrice La conduzione nei metalli: Resistenza e legge di Ohm Energia e potenza nei circuiti elettrici

Dettagli

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura Grandezze fisiche e loro misura Essendo la Fisica basata sul metodo scientifico-sperimentale, c è la necessità di effettuare delle misure. Le caratteristiche misurabili di un corpo prendono il nome di

Dettagli

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Il trasformatore è una macchina elettrica statica, il cui

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3 Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI MAT 3 PESO SPECIFICO MISURA DEL TEMPO PERCENTUALE NUMERI PERIODICI STATISTICA CALCOLO DELLE PROBABILITÀ ASSE CARTESIANO

Dettagli

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE

CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE CALCOLO ELETTRICO DELLE LINEE ELETTRICHE Appunti a cura dell Ing. Stefano Usai Tutore del corso di ELETTROTECNICA per meccanici e chimici A. A. 2001/ 2002 e 2002/2003 Calcolo elettrico delle linee elettriche

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

Studio d ingegneria Dott.Ing.Piero Arona

Studio d ingegneria Dott.Ing.Piero Arona STRUTTURA DELLA MATERIA E noto da tempo che la materia è costituita da un aggregato di molecole e come queste sono a loro volta costituite da atomi, essendo l atomo la più piccola particella che entra

Dettagli

GRANDEZZE E UNITA DI MISURA

GRANDEZZE E UNITA DI MISURA Processo logico di un indagine sperimentale: quali grandezze misurare scegliere lo strumento di misura adatto come effettuare la misura: definire le condizioni, delineare una procedura analisi dei risultati:

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

II.b. dei numeri decimali. in problemi di misura. La rappresentazione sulla retta

II.b. dei numeri decimali. in problemi di misura. La rappresentazione sulla retta I numeri decimali in problemi di misura. La rappresentazione sulla retta II.b Si acquisisce familiarità con i numeri decimali anche attraverso attività di misura concrete, ad esempio con il tradizionale

Dettagli

Istituto di formazione professionale Don Bosco

Istituto di formazione professionale Don Bosco Istituto di formazione professionale Don Bosco Settore elettrico ELETTROTECNICA Eserciziario A.S. 204 205 CIRCUITI ELETTRICI, CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI e MACCHINE ELETTRICHE Fabio PANOZZO 4 Capitolo

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

Flusso del campo magnetico

Flusso del campo magnetico Lezione 19 Flusso del campo magnetico Il flusso magnetico o flusso di B attraverso una superficie aperta delimitata da un contorno chiuso e dato da Se il contorno chiuso e un circuito, il flusso in questione

Dettagli

1. La corrente elettrica

1. La corrente elettrica . Elettrodinamica. La corrente elettrica Finora abbiamo studiato situazioni in cui le cariche elettriche erano ferme. Nell elettrodinamica si studia il moto delle cariche elettriche. Una corrente elettrica

Dettagli

Esempi di esercizi di Impianti e sistemi di sicurezza

Esempi di esercizi di Impianti e sistemi di sicurezza Esempi di esercizi di Impianti e sistemi di sicurezza Primo Esonero Esercizi su Impianti Antintrusione Informazioni generali: Schema del circuito elettrico che collega l alimentatore al sensore: dove è

Dettagli

Struttura dell atomo

Struttura dell atomo Proprietà elettriche dei materiali Attrazione e repulsione delle cariche Se si sfregano due bacchette di plastica con un panno di lana e poi le bacchette vengono avvicinate, si vede che esse tendono a

Dettagli