ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI DI ELETTROTECNICA"

Transcript

1 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1

2 2 esercizi in corrente continua completamente svolti RICHIAMI DI MATEMATICA DAL NUMERO DECIMALE ALLA FRAZIONE DECIMALE Dato il numero decimale scrivere la frazione decimale corrispondente: Es: 0.23 = 23/ = / REGOLA: Si scrive il numero decimale senza la virgola e si divide 1 seguito da tanti zeri quante sono le cifre decimali. DALLA FRAZIONE DECIMALE AL NUMERO DECIMALE Data la frazione decimale scrivere il numero decimale corrispondente: Es: 12/100= /1000= REGOLA: Si scrive il numeratore e a partire dalla cifra unità si sposta la virgola verso sinistra di tanti posti quanti sono gli zeri a denominatore POTENZE DECIMALI ad esponente positivo ad esponente negativo 10E 1 = 10 10E -1 = E 2 = E -2 = E 3 = E -3 = E 4 = E -4 =

3 3 esercizi in corrente continua completamente svolti GRANDEZZE ELETTRICHE E LORO UNITA DI MISURA DENOMINAZIONE UNITA DI MISURA SIMBOLO TENSIONE EL VOLT V CORRENTE EL AMPERE A RESISTENZA EL OHM Ω POTENZA EL WATT W ENERGIA EL JUOLE J ENERGIA TERMICA CALORIA Cal SCALA DEI MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI multipli sottomul tipli DENOMINAZION SIMBOLO VALORE DEC E GIGA G 10E 9 MEGA M 10E 6 KILO K 10E 3 base milli m 10E -3 micro µ 10E -6 nano n 10E -9 EQUIVALENZA Quando si scende si multipla la base 10E 3 *n, dove n rappresenta il numero di posti che separa il valore iniziale da quello finale; viceversa quando si sale si divide per lo stesso fattore 10E 3 *n. Esempio: 12 kw = 12*(10E 3 *1) W = [W] 25,4 ma = 25,4 / (10E 3 *1) A = 25,4/1000 A = [A] 3

4 4 esercizi in corrente continua completamente svolti SISTEMA METRICO DECIMALE MISURE DI LUNGHEZZA Denominazione Simbolo Val Decimale Miriametro Mm 10E 4 Chilometro Km 10EE 3 Ettometro hm 10 2 Decametro dam 10E 1 metro m 1 decimetro dm 10E -1 centimetro cm 10E -2 millimetro mm 10E -3 MISURE DI SUPERFICIE Miriametro Quad Mm 2 10E 8 Chilometro Quad Km 2 10E 6 Ettometro Quad ettaro Decametro Quad ara hm 2 ha dam 2 a 10E 4 10E 2 Metro Quadr m 2 1 Decimetro quad dm 2 10E -2 Centimetro quad cm 2 10E -4 Millimetro quad mm 2 10E -6 MISURE DI VOLUME Decastero das 10E 1 Metro cubo m 3 1 stero s 1 decistero ds 10E -1 decimetrocubo dm 3 10E -3 Centimetro cubo cm 3 10E -6 Millimetro cubo mm 3 10E -9 4

5 5 esercizi in corrente continua completamente svolti RESISTIVITA DEI MATERIALI CONDUTTORI Più usati Nome Resistività a 0 C r o [Ω*mm 2 /m] Coefficiente di temperatura a 0 C a o RAME ALLUMINIO ACCIAIO FERRO OTTONE PIOMBO NICHELIO PLATINO ARGENTO ARGENTANA NICHELINA MANGANINA COSTANTANA NICROMO MERCURIO TUNGSTENO

6 6 esercizi in corrente continua completamente svolti RESISTIVITA A T C ρ (T) =ρ o *(1+α o *T) INTENSITA DI CORRENTE Dove Q = quantità di elettricità t = tempo in secondi I = Q / t [A] DENSITA DI CORRENTE δ= I /s [A/mm 2 ] Dove s sezione del conduttore s = 3.14*d 2 /4 [mm 2 ] d= diametro del conduttore = rad.q.( 4*s/ 3.14) FORMULE USATE PER LA RISOLUZIONE DEI CIRCUITI 1 a LEGGE DI OHM V AB = R AB *I AB I AB = V AB /R AB R AB = V AB / I AB 2 a LEGGE DI OHM R = ρ T *L/ s Dove ρ T è la resistività del materiale conduttore alla temperatura T C L è lunghezza del conduttore in metri S è la sezione del conduttore in mm 2 LEGGE DI OHM PER UN CIRCUITO CHIUSO Dove E AB è la fem del generatore R i è la resistenza interna del generatore R è la resistenza totale del circuito esterno I AB = E AB / ( R i +R) CADUTA DI TENSIONE INTERNA AL GENERATORE V i = R i *I CADUTA DI TENSIONE % v L% = 100* (V L / V a ) Dove V L è la caduta di tensione sulla linea V a è la tensione di arrivo TENSIONE DISPONIBILE AI MORSETTI DEL GENERATORE V AB = E V i CORRENTE DI C. TO C. TO DEL GENERATORE I CC = E / R i 6

7 7 esercizi in corrente continua completamente svolti LEGGI DI KIRCHHOFF 1 A LEGGE AI NODI: la somma aritmetica delle correnti entranti ai nodi è uguale alla somma delle correnti uscenti. 2 A LEGGE ALLE MAGLIE: la somma algebrica di tutte le fem che agiscono in una maglia è uguale alla somma algebrica delle cadute di tensione lungo i lati appartenenti alla stessa maglia. COLLEGAMENTI PRATICI IMPORTANTI SERIE DI RESISTENZE 1. L intensità di corrente è la stessa per tutte le resistenze della serie 2. Le ddp tra i capi delle singole resistenze sono proporzionali alle singole resistenze 3. La ddp totale agente agli estremi della serie è la somma aritmetica delle singole ddp 4. L intera serie equivale ad un'unica resistenza di valore pari alla somma aritmetica delle singole resistenze che la compongono: R S = R 1 +R 2 +R 3 +R PARALLELO DI RESISTENZE 1. La ddp applicata è la stessa per tutte le resistenze del parallelo 2. Le correnti nelle singole resistenze sono inversamente proporzionali alle rispettive resistenze 3. La corrente totale che attraversa il complesso delle resistenze in parallelo costituisce la corrente nel circuito principale ed è la somma delle correnti nelle singole resistenze derivate. 4. L intero parallelo o arco multiplo equivale ad un'unica resistenza di valore pari al reciproco della somma dei reciproci delle singole resistenze : R p = 1/ (1/R 1 +1/R 2 +1/R 3 +1/R 4 +..) CASI PARTICOLARI 1. Se le resistenze del parallelo sono due, la relazione precedente si semplifica: R p = ( R 1 *R 2 ) / ( R 1 +R 2 ) 2. Se le resistenze del parallelo sono tutte uguali ad R: R p = R / n 7

8 8 esercizi in corrente continua completamente svolti CONCETTI ENEREGETICI POTENZA ELETTRICA P = L / t [W ] POTENZA GENERATA: P = E *I [W ] POTENZA ASSORBITA P = V*I = R*I 2 = V 2 / R PERDITA SULLA LINEA P L = R*I 2 PERDITA % SULLA LINEA p% = 100* R*I 2 / Pu RENDIMENTO DEL GENERATORE Rend = Pd/Pg Dove Pd è la potenza disponibile ai morsetti del generatore, Pg è la potenza dello stesso generatore RENDIMENTO DELL UTILIZZATORE Rend = Pu/Pg Dove Pu è la potenza assorbita dall utilizzatore Pg è la potenza dello stesso generatore ENERGIA ELETTRICA W = P * t [J] oppure [Ws] ENERGIA TERMICA E T = * R*I 2 * t(s) [ cal] E T = * R*I 2 * t(h) [ cal] COSTO ENERGIA ELETTRICA Costo = E T * p u Dove pu è il prezzo unitario PESO SPECIFICO: ps = Peso / Volume [Kg/dmc] [ g / mmc] 8

9 9 esercizi in corrente continua completamente svolti RISOLUZIONE DEI CIRCUITI COL METODO ZIM Introduzione In un circuito funzionante a vuoto c è la presenza di una tensione, ma non scorre corrente. In un circuito funzionante a carico c è la presenza di una tensione e la circolazione di una corrente. Il metodo ZIM consiste nell applicazione di 5 fasi: 1 a fase: INDIVIDUAZIONE Individuare tutti i morsetti e punti di connessione dei componenti attivi ( generatori) e passivi ( resistenze) presenti nel circuito funzionante a carico; 2 a fase: IDENTIFICAZIONE identificare tutti i punti di connessione con una lettera dell alfabeto ad esclusione delle seguenti V R I G E, con il seguente criterio: assegnare la stessa lettera a quei punti di connessione uniti da un tratto di conduttore, mentre lettere diverse a quei punti di connessione separati dal simbolo del generatore o del resistore. 3 a fase: SEMPLIFICAZIONE Semplificare il circuito applicando le conoscenze della serie: componenti attraversati dalla stessa corrente ( oppure quando la fine di uno è l inizio solo di un altro) ; del parallelo, componenti che presentano la stessa ddp oppure che presentano le stesse lettere agli estremi). Il procedimento termina quando si arriva ad una sola resistenza da collegare ai morsetti del generatore. Naturalmente è necessario riscrivere tanti circuiti quante sono le semplificazioni usate. Per ogni circuito modificato è necessario conservare la stessa identificazione dei morsetti per la parte non modificata. 4 a fase: ANALISI Dall ultimo circuito calcolare la corrente erogata dal generatore applicando la legge di OHM. Risalire al primo circuito e per esso applicare tante leggi di OHM quante sono le correnti incognite. 5 a fase: RICERCA Dopo aver scritto tutte le relazioni di OHM per il calcolo delle correnti, si riprende la prima relazione: se in essa è noto il valore della ddp. Basta eseguire il calcolo per avere il valore della corrente. In caso contrario, a partire dall ultimo circuito fino al primo, individuare quel circuito in cui sono presenti i due punti della ddp, con un solo componente tra essi, e calcolare la ddp incognita per il calcolo della corrente richiesta. Procedere in modo analogo per le atre correnti. 9

10 10 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.1 Eseguire le seguenti trasformazioni 12 ma=.a 25 KV=..V 2,4 mw=...:w 29,4 A=.mA 12,3 KΩ=..Ω 12,345 MW=.W 12 cm =.m 23,45 mm =.m 3 Km =..m 320 m =...mm 20 mm 2 =.m cm 2 =...m 2 1,2 m 2 =..cm 2 2,5 m 2 =.mm 2 17 m 3 =,,,,,,,,mm 3 14 cm 3 =..mm mm 3 =..m 3 SOLUZIONE Eseguire le seguenti trasformazioni 12 ma= 12*10-3 A= A 25 KV= 25*10 3 V = V 2.4 mw= 2.4*10-3 W= W 29.4 A= 29.4*10 3 ma= ma 12.3 KΩ= 12,3*10 3 Ω= Ω 12,345 MW=12,345*10 6 W= W 12 cm =12*10-2 m= m 23,45 mm =23,45 * 10-3 m = m 3 Km =3*10 3 m = 3000 m 320 m =320 *10 3 mm= mm 20 mm 2 =20* 10-6 m 2 = m cm 2 =100* 10-4 m 2 = 0.01 m 2 1,2 m 2 = 1,2 * 10 4 cm 2 = cm 2 2,5 m 2 =2,5 * 10 6 mm 2 = mm 2 17 m 3 = 17 * 10 9 mm 3 = mm 3 14 cm 3 = 14 * 10 3 mm 3 = mm mm 3 =20800* 10-9 m 3 = m 3 10

11 11 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.2 Calcolare la resistenza elettrica che deve presentare un conduttore di piombo di lunghezza L = 4 Km. di diametro di 2mm, alla temperatura di 0 C. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Pb 1. R=? L = 4 Km d= 2mm T =0 C La resistenza elettrica del conduttore piombo si calcola applicando la legge di OHM: R = ρ T *L/ s Dove ρ T =alla temperatura di 0 C= [Ω*mm 2 /m] L = 4 Km = 4000 m S= 3,14 *d 2 /4 = 3.14 * 4 / 4 = 3.14 mm 2 Ritornando alla formula precedente e sostituendo i valori noti si ha: R = * 4000 / 3.14 = Ω ES.3 Calcolare la sezione di un conduttore di ferro, lungo 5 Km, alla temperatura di 15 C, con resistenza elettrica di 2,3 KΩ. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Fe 1. s=? L = 5 Km R = 2,3 KΩ. T = 15 C La sezione del conduttore di ferro si ricava dalla formula inversa della legge di OHM s = ρ T *L / R Dove ρ T = 15 C = ρ 0 *( 1+α*T) = 0.13* ( *15) = 0.14 [Ω*mm 2 /m] L= 5 Km = 5000 m R = 2,3 KΩ Sostituendo i valori numerici nella formula precedente si ha: s= 0.14 * 5000/2300 = 0.3 mm 2 11

12 12 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.4 Calcolare la lunghezza di un conduttore di rame che deve presentare una resistenza elettrica da 120 Ω, di diametro d= 2,5 mm, alla temperatura di 20 C. SOLUZIONE DATI CALCOLARE Cu 1. L=? R = 120 Ω d= 2,5 mm T =20 C La lunghezza del conduttore di rame si ricava dalla formula inversa della legge di OHM L = s* R / ρ T Dove ρ T = 20 C = ρ 0 *( 1+α*T) = 0.016* ( *20) = [Ω*mm 2 /m] R = 120 Ω s= 3,14 *d 2 /4 = 3.14 * / 4 = 4.9 mm 2 Sostituendo i valori numerici nella formula prevedente: L= 4.9 *120 / = 34588,23 m 12

13 13 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.5 Un generatore di corrente continua con E = 120 V e resistenza interna Ri = 2 Ω, alimenta un utilizzatore che presenta una resistenza di 10 Ω. Calcolare: La corrente erogata dal generatore La cdt interna del generatore La tensione disponibile ai suoi morsetti SOLUZIONE CIRCUITO EL. CALCOLARE 1.E = 120 V 1.I AC = 2.Ri = 2 Ω 2.Vi =V BC 3.Ru=10 Ω 3.Vd =V AB DATI Per calcolare la corrente erogata dal generatore si applica la legge di OHM per un circuito chiuso: I AC = V AC / R AC Dove R AC, detta resistenza totale, è la resistenza somma di tutte le resistenze incontrate dalla corrente quando si propaga nel circuito, comprese tra il morsetto + e del generatore: R AC = R AB +R BC = (2+10)= 12 Ω Pertanto la corrente precedente risulta, sostituendo i valori numerici noti: I AC = 120 / 12 = 10 A Per calcolare la cdt interna Vi si applica la legge di OHM : Vi= V BC = R BC * I BC = 2 *10 = 20 V Per calcolare la tensione disponibile ai morsetti del generatore, si applica la seguente formula: Vd = E Vi = = 100 V 13

14 14 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.6 Un utilizzatore presenta una resistenza Ru= 100 Ω e viene attraversato da una corrente I = 10 ma erogata da un generatore di tensione con resistenza interna Ri = 1 Ω. Calcolare la fem del generatore. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE 1.Ru= 100 Ω 1.E= 2.Ri = 1 Ω 3. I AB = 10 ma Dalla legge di OHM per un circuito chiuso si calcola la fem del generatore: E = Vd + Vi Dove Vd è la tensione disponibile ai morsetti esterni del generatore A e B : quindi essa è anche V AB, e cioè con la legge di OHM: Vd= V AB = R AB * I AB = 100 *10*10-3 = 1000 mv = 1 V Dove Vi detta cdt interna del generatore risulta: Vi= V BC = R BC *I BC = Ri*I AB = 1*10*10-3 = 10 mv = 0,01 V Pertanto la fem del generatore risulta: E = 1+ 0,01 = 1,01 V 14

15 15 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.7 Un generatore di corrente continua con fem E = 220 V, resistenza interna Ri =5 Ω alimenta un utilizzatore che presenta le seguenti caratteristiche nominali: Vn= 250V, In= 2,5 A. Calcolare: la corrente assorbita dall utilizzatore La c.d.t. interna del generatore La ddp ai capi dell utilizzatore SOLUZIONE CIRCUITO EL. CALCOLARE 1.E = 220 V 1.I AB = 2.Ri = 5 Ω 2.Vi =V BC 3.Vn=250 V 3.V AB 4. In= 2,5 A DATI Dalle caratteristiche nominali dell utilizzatore si ricava la sua resistenza che è costante a tutte le condizioni di carico: R AB = Ru = Vn / In = 250 / 2,5 = 100 Ω La corrente assorbita dall utilizzatore, essendo anche la corrente erogata dal generatore, si calcola applicando la legge di OHM: I AC = V AC / R AC Dove V AC = E = 220 V R AC = R AB + R BC = 100+5= 105 Ω Pertanto la corrente precedente: I AC = 220 / 105 =2,09 A La cdt Vi = V BC = R BC * I BC = 5*2,09= 10,47 V La ddp ai capi dell utilizzatore : V AB = R AB *I AB = 100*2,09= 209 V 15

16 16 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.8 Un generatore di corrente continua con fem E = 220 V, Ri=5 Ω alimenta due utilizzatori collegati in parallelo di cui le caratteristiche nominali sono rispettivamente le seguenti: V n1 = 250 V - I n1 = 25 A V n2 = 260 V - I n2 = 13 A Calcolare: la corrente erogata dal generatore La cdt interna del generatore La tensione disponibile ai morsetti del generatore La corrente assorbita da ciascun utilizzatore SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE 1.E = 220 V 1.I AC = 2.Ri = 5 Ω 2.Vi =V BC 3.Vn1=250 V 3.V AB 4. In1= 25 A 4. I1= 5. V2n=260 V 5. I2 = 6. In2= 13 A Dalle caratteristiche nominali dei due carichi si calcolano le rispettive resistenze applicando la legge di OHM: Ru1 = Vn1 / In1 = 250 / 25= 10 Ω Ru2= Vn2 / In2 = 260 / 13 = 20 Ω Per calcolare la corrente richiesta Iac, erogata dal generatore, si semplifica il circuito assegnato applicando la regola del parallelo e della serie di resistenze, fino ad arrivare ad una sola resistenza detta resistenza equivalente totale da applicare ai morsetti del generatore di fem E che coincide con la Vac e al termine si applica la legge di OHM (1) I AC = V ac / R ac 16

17 17 esercizi in corrente continua completamente svolti Per fare questo si procede per gradi. Si applica la regola del parallelo a quelle resistenze che presentano i morsetti identificati dalle stesse lettere: nel nostro caso Ru1 e Ru2, entrambe presentano A e B : Rp = (Ru1*Ru2) / ( Ru1+Ru2)= (10*20)/(10+20)= = 6,67 Ω Si modifica il circuito in seguito alla semplificazione: Si applica la regola della serie tra la Rp e la Ri, e cioè Rs = Rp + Ri = 6,67+5= 11,67 Ω Si modifica nuovamente il circuito nel seguente: A questo punto si applica la formula precedente (1): I AC = V ac / R ac =220/11,67=18,85 A Per calcolare la cdt sulla resistenza interna, si prende in esame il secondo circuito, e in esso si applica la legge di OHM: Vi = V BC = R BC * I BC Dove R BC = Ri = 5 Ω I BC = I AC = 18,85 A Quindi Vi= 5*18,85= 94,26 A La tensione disponibile ai morsetti del generatore: V AB = E - Vi = ,26 = 125,74 V Per calcolare la corrente assorbita da ciascun utilizzatore si applica la legge di OHM per ognuno: I1 = V AB / Ru1 = 125,74 / 10 = 12,58 A I2 = V AB / Ru2 = 125,74 / 20 = 6,3 A 17

18 18 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.9 Un generatore di corrente continua, di resistenza interna trascurabile, alimenta tramite una linea lunga 1 km un utilizzatore. La linea è costruita con conduttore di rame ( ρ cu =0,0175 [Ω*mm 2 / m] ) a sezione costante, avente un diametro di 25/10 di mm. La resistenza dell utilizzatore è il 90% della resistenza complessiva. Calcolare: 1.la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore 3. In un secondo tempo si allaccia in parallelo al 1 carico un 2 carico per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 30%. Calcolare la resistenza del 2 carico. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 1 km 1 R L ρ cu =0,0175 [Ω*mm 2 / m] d = 25/10 di mm. 3. R u2 R u1 = 90% R T R T = R T - 30% R T La resistenza della linea si calcola con la seguente relazione: R L = ρ cu * 2 L/ s Dove L = 1000 m s = 3,14 * d 2 /4 = 3,14 * 2,5 2 / 4 = 4,9 mm 2 Quindi la R L = 0,0175 *2* 1000 / 4,9 = 7,14 Ω Per calcolare la resistenza dell utilizzatore si fa sistema fra le due espressioni seguenti: R T = R u1 + R L R u1 = 90% R T R T = 0,9* R T +R L R T -0,9* R T = R L R T ( 1-0,9) = R L R T = R L / 0,1 = 7,14 / 0,1 = 71,4 Ω Quindi la R u1 = 90% * R T = 90/100 * 71,4 = 64,2 Ω 18

19 19 esercizi in corrente continua completamente svolti Per calcolare la resistenza del 2 carico in parallelo al 1 si tiene conto della terza richiesta del problema: R T = R T -30% R T = 0,7* R T = 0,7 * 71,4 = 49,98 Ω La resistenza R u2 si deduce dal calcola della R T e cioè: R T = R L + ( R u1 *R u2 ) / ( R u1 +R u2 ) Dopo alcuni passaggi di semplificazione si ottiene: R u2 = 129 Ω ES.10 Una linea a due conduttori, lunga 3 km, di rame, diametro 35/10 mm, alimenta all arrivo un utilizzatore. Calcolare : la resistenza della linea La resistenza dell utilizzatore sapendo che la resistenza della linea è uguale all 8% della resistenza totale del circuito In un secondo tempo si deriva dal punto intermedio della linea un secondo carico per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 20%. Calcolare la resistenza del secondo carico. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 3000 m 1. R L d = 3,5 mm 2. R u1 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 3. R u2 R L = 8% R T R T = R T - 20% R T La resistenza della linea di rame si calcola con la seguente formula: R L =ρ cu *2*L / s Dove s = 3,14 * d 2 / 4= 3.14*3.5 2 / 4 = 9.62 mm 2 La resistenza della linea: R L = 0,0175 *2*3000 / 9,62 = Ω La resistenza dell utilizzatore poiché è in serie alla linea, risulta: R u1 = R T - R L Essendo R L = 8/100 R T, si ricava la resistenza R T in funzione della R L : R T = 100/8 R L = 100 / 8 * = Ω 19

20 20 esercizi in corrente continua completamente svolti Quindi R u1 = =125,4 Ω Per calcolare la resistenza del secondo utilizzatore si procede nel seguente modo: R T = R T - 20 % R T = 80 % R T = = 80/100 * = Ω Essendo il 2 utilizzatore derivato a metà della linea risulta: R T = R L /2 + ( R L /2 + R u1 ) // R u2 ( Il simbolo // corrisponde al parallelo) Dopo alcuni passaggi e ordinando rispetto alla sola incognita R u2 si ricava il suo valore: R u2 = Ω ES.11 Una linea a due conduttori lunga 1200 m, di rame, con diametro da 28/10 mm, alimenta all arrivo un utilizzatore da 50 Ω. In un secondo tempo si allaccia alla linea a 800 m di distanza dall origine, un 2 utilizzatore avente una resistenza di 60 Ω, e a 200 metri dall origine un 3 utilizzatore avente una resistenza di 35 Ω. Calcolare: la resistenza complessiva del circuito con i tre utilizzatori allacciati La resistenza complessiva del circuito col 2 e 3 utilizzatore allacciato. SOLUZIONE 20

21 21 esercizi in corrente continua completamente svolti CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L = 1200 m 1. R T12 d = 2,8 mm 2. R T23 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m R u3 = 50 Ω R u2 = 60 Ω R u1 = 35 Ω La resistenza dei tronconi di linea di rame si calcola con la seguente formula: R L =ρ cu *2*L / s Dove s = 3,14 * d 2 / 4= 3.14*2,8 2 / 4 = 6,15 mm 2 La resistenza del 1 tronco di linea: R L1 = 0,0175 *2*200/ 6,15 = 1,13 Ω La resistenza del 2 tronco di linea: R L2 = 0,0175 *2*600/ 6,15 = 3,41 Ω La resistenza del 3 tronco di linea: R L3 = 0,0175 *2*400/ 6,15 = 2,27 Ω La resistenza complessiva con i tre utilizzatori e i tronchi di linea, risulta: R T =((( R u3 +R L3 ) //R u2 )+R L2 //R u1 )+R L1 R s1 = R u3 +R L3 = 50+2,27= Ω R p1 = (R u2 *R s1 ) / (R u2 +R s1 ) = (60*52.27) / ( ) = = Ω R s2 = R L2 + R p1 = = Ω 21

22 22 esercizi in corrente continua completamente svolti R p2 = ( R s2 *R u3 ) / ( R s2 +R u3 ) = ( 33.34*35 ) / ( )= = Ω R T = R L1 + R p2 = = 18.2 Ω R s1 = R L2 + R u2 = = Ω R p1 = (R u3 *R s1 ) / (R u3 +R s1 ) = ( 35*63.41) / ( ) = Ω R T = R L1 + R p1 = = Ω 22

23 23 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.12 Un generatore di cc alimenta tramite una linea di rame lunga 200 m un utilizzatore. La densità di corrente nel conduttore di linea è uguale a 4 A/mm 2 ; la resistenza interna del generatore è i 2/3 della resistenza della linea; la cdt percentuale della linea riferita alla tensione in arrivo è uguale all 8%; la resistenza totale del circuito è uguale a 15 Ω. Calcolare : la fem del generatore Il diametro del conduttore di linea SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE L= 200 m 1. E= ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 2. d= δ= I/s = 4 A/mm 2 R i = 2/3 R L R T = 15 Ω v L % = 8% Applicando il 2 principio di Kirchhoff si calcola la fem del generatore: E V AB V B C V CB = 0 Dove V AB, tensione sulla linea, applicando la legge di OHM, risulta: V AB = R AB * I R AB è la resistenza della linea, quindi risulta: ρ cu 2L/s Quindi sostituendo nell espressione precedente si ricava: V AB = R AB * I = cu 2L*I/s = 0,0175 *2*200*4= 27.2 V Dalla conoscenza della tensione sulla linea % riferita all arrivo: v L% =100* V L /V A mediante una formula inversa si ricava la tensione in arrivo V A = 100* V L / v L% Sostituendo le tensioni con i punti indicati si ottiene: V BC = 100*V AB / 8= 100*27.2/8=340 V La cdt interna V CD applicando la legge di OHM risulta: V CD = Ri*I = (2/3 R L )*I = 2/3 V L = 2/3 *27.2 = V Pertanto ritornando alla formula precedente della fem si ricava: E = = V Per calcolare il diametro del conduttore si applica la seguente relazione: d = rad.q (4*s/ 3.14 ) La sezione s si calcola dalla formula inversa della densità di corrente : s = I/ δ Dove la corrente erogata dal generatore I risulta, applicando la legge di OHM per un circuito chiuso: I = E / RT = / 15 = 25.7 A Quindi s= 25.7 / 4 = 6.4 mm 2 Pertanto il diametro d= radq ( 4*6.4/3.14) = 2.86 mm 23

24 24 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.13 Un generatore di c.c. sviluppa una tensione costante di 300 V e alimenta tramite una linea di rame due utilizzatori aventi ubicazioni diverse. Il primo è posto alla distanza di 180 m dal generatore, e alla tensione nominale di 250 V assorbe la corrente nominale di 12A; Il secondo è posto alla distanza di 400 m dal generatore e alla tensione nominale di 230 V assorbe la corrente nominale di 14 A. La linea è costruita con conduttore di sezione costante da 35/10 di mm. La corrente di corto circuito del generatore è di 350 A. Si supponga che i valori delle resistenze degli utilizzatori possano ritenersi costanti alle diverse condizioni di carico. Calcolare la corrente assorbita da ciascun utilizzatore. SOLUZIONE CIRCUITO EL. DATI CALCOLARE E=300 V 1. I1 ρ cu = 0,0175 Ω*mm 2 / m 2. I2 d=3.5 mm Icc= 350A L 1 = 180 m V n1 = 250V I n1 = 12A L 2 =400 m V n2 = 230V Per calcolare le correnti assorbite da ciascun utilizzatore, è necessario calcolare prima la corrente totale, erogata dal generatore, applicando la legge di OHM: I = E / R T La resistenza totale è R T = (R u2 +R L2 ) //R u1 + R L1 +Ri Le singole resistenze valgono rispettivamente: Ru1= Vn1 / In1= 250/12= 20.8 Ω Ru2 = Vn2 / In2 = 230 / 14 = Ω ( resistenze degli utilizzatori : essendo costante nelle diverse condizioni di carico, si ricavano dalle caratteristiche nominali) Essendo la sezione costante essa vale: s= 3,14 * d 2 / 4 = 3.14*3.5 2 /4 = 9.6 mm 2 24

25 25 esercizi in corrente continua completamente svolti Quindi la resistenza del secondo e del primo tronco di linea risultano: R L2 = ρ cu 2L 2 /s = *2*( )/9.6=0.8 Ω R L1 = ρ cu 2L 1 /s = *2*180/9.6= 0.65 Ω La resistenza interna del generatore, nota la Icc e la fem del generatore, risulta: Ri = E/ Icc = 300/350 = 0.86 Ω Ritornando alla formula precedente della resistenza totale e sostituendo i valori numerici: RT = Ω. La corrente erogata dal generatore : I = E / R T = 300/10.95= 27.4 A Per calcolare la corrente assorbita dal 1 utilizzatore, è necessario conoscere la ddp ai suoi capi, che risulta essere V BD, quindi: V BD = E Ri*I R AB *I = E -( Ri+R AB )*I = =300*( )*24.4= V Applicando la legge di OHM ai due lati dell arco doppio si hanno le correnti assorbite dagli utilizzatori: I 1 = V AB / R U1 = 258.5/20.8= A I 2 = V AB / ( R u2 + R L2 )= 258.5/( ) = A 25

26 26 esercizi in corrente continua completamente svolti ES.14 Parte prima. Si abbia un forno elettrico a resistenza alimentato con una tensione continua pari a V=230 [V] (ma nulla cambierebbe se fosse alimentato con una tensione alternata di valore efficace 230 [V]). Si vuole determinare il valore della resistenza R J del forno sapendo che esso deve essere in grado di elevare da J 1 =20 [ C] a J 2 =60 [ C] la temperatura di una quantità d olio minerale pari a 50 litri nel tempo di 15 minuti. Si assuma per il forno un rendimento del h=90%. Il sistema allo studio può essere rappresentato con la seguente figura: I V R h Per prima cosa si deve determinare il lavoro termico necessario per realizzare il voluto riscaldamento dell olio. Come si sa dal corso di fisica, la quantità di calore W J necessaria per riscaldare una sostanza si determina con l espressione: WJ = m cs ( J2 - J1) [cal] dove m [kg] è la massa della sostanza, c S [cal/( C g)] è il calore specifico della sostanza, J 1 e J 2 [ C] le temperature iniziale e finale della sostanza. Nel nostro caso la massa la determiniamo attraverso il volume v [dm 3 ] e la densità dell olio minerale d [kg/dm 3 ]: v = 50 [l] = 50 [dm d = 0,875 [kg/dm 3 3 ] ] m = v d = 50 0,875 = 43,75 [kg] Il calore specifico per l olio minerale vale c S =458,6 [cal/(kg C)], siamo quindi in grado di determinare il calore necessario: 4 S ( J2 - J1) = 43,75 458,6 (60-20) 80,25 10 W = m c = J [cal] Ricordando che una caloria equivale a 4,187 joule abbiamo infine: 4 W J = 80, ,187 = 33,60 10 [J] Considerando che detto lavoro deve essere compiuto in 15 minuti, calcoliamo la potenza calorica del forno: 5 26

27 27 esercizi in corrente continua completamente svolti P J = W t J = 33, = 3733 [W] Naturalmente, essendo il forno non ideale ma caratterizzato da un rendimento pari al 90% ovvero pari a 0,90, la potenza elettrica della resistenza riscaldante sarà maggiore: h = P P J R P R PJ = = h 3733 = 4148 [W] 0,90 Considerando che è nota la tensione applicata alla resistenza, mediante la legge di Joule possiamo trovare la resistenza stessa: 2 V V V 230 PR = V I = V = R = = = R R P 4148 La corrente assorbita dalla resistenza vale: 2 R 2 12,75 [ohm] PR 4148 I = = = 18,03 V 230 [A] Parte seconda. La resistenza sopra calcolata deve essere realizzata con un filo di Nichel-Cromo a spirale che presenta una resistività a zero gradi centigradi pari a 1,06 [Ω mm 2 /m] ed un coefficiente di temperatura a zero gradi centigradi pari a 5, [ C -1 ]. Considerando in base all esperienza una densità di corrente d I =9 [A/mm 2 ] calcoliamo la sezione e la lunghezza del filo necessario allo scopo. La sezione si calcola immediatamente: I I 18,03 d I = s = = 2 [mm 2 ] s di 9 = Visto il piccolissimo valore del coefficiente di temperatura possiamo ritenere in questa applicazione trascurabile la variazione di resistività conseguente alla variazione di temperatura. Ricordando come la resistenza dipende dalle dimensioni avremo infine: r l R s 12,75 2 R = l = = = 24,06 [m] s r 1,06 27

28 28 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DA SVOLGERE N.1 Un generatore in cc con resistenza interna trascurabile, alimenta attraverso una linea lunga 1 Km un utilizzatore. La linea è costruita con conduttore di rame a sezione costante avente un diametro di 25/10 mm. La resistenza dell utilizzatore è il 90% della resistenza complessiva del circuito. Calcolare: 1. la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore 3. in un secondo tempo si allaccia in parallelo al 1 carico un 2 utilizzatore per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 30%. Calcolare la resistenza del 2 utilizzatore N.2 Si deve costruire una linea a 2 conduttorii lunga 10 Km per una portata di 200 A, s= 60 mm 2 di rame. Calcolare : 1. il diametro del conduttore di linea 2. resistenza elettrica del conduttore di linea 3. il peso del conduttore di linea N.3 Una linea a conduttori lunga 15 Km è costruita con conduttore di rame da 35/10 di mm e alimenta all arrivo un utilizzatore. Calcolare: 1. la resistenza della linea 2. la resistenza dell utilizzatore sapendo che la resistenza della linea è uguale all 8% della resistenza complessiva del circuito. 3. in un secondo tempo si deriva dal punto intermedio della linea un 2 utilizzatore per cui la resistenza complessiva del circuito si abbassa del 20%. N.4 Una linea a 2 conduttori lunga 1200 metri, di rame da 28/10 mm di diametro alimenta all arrivo un utilizzatore di 50 ohm. In un secondo tempo si allaccia alla linea a 800 metri di distanza dall origine un 2 utilizzatore avente una resistenza di 60 ohm e a 200 metri di distanza dall origine un terzo utilizzatore avente una resistenza di 35 ohm. Calcolare : 1. la resistenza complessiva del circuito con i tre utilizzatori allacciati 2. la resistenza complessiva del circuito col 2 e 3 utilizzatore allacciati 28

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze:

Elettronica Analogica. Luxx Luca Carabetta. Nello studio dell elettronica analogica ci serviamo di alcune grandezze: Grandezze elettriche Serie e Parallelo Legge di Ohm, Principi di Kirchhoff Elettronica Analogica Luxx Luca Carabetta Premessa L elettronica Analogica, si appoggia su segnali che possono avere infiniti

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN

VERIFICA DEI PRINCIPI DI KIRCHHOFF, DEL PRINCIPIO DI SOVRAPPOSIZIONE DEGLI EFFETTI, DEL TEOREMA DI MILLMAN FCA D PNCP D KCHHOFF, DL PNCPO D SOAPPOSZON DGL FFTT, DL TOMA D MLLMAN Un qualunque circuito lineare (in cui agiscono più generatori) può essere risolto applicando i due principi di Kirchhoff e risolvendo

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

La misura. Cos è una grandezza e come si misura

La misura. Cos è una grandezza e come si misura La misura (UbiMath) - 1 La misura Cos è una grandezza e come si misura Una delle fasi più importanti e delicate del metodo scientifico è la raccolta dei dati e delle informazioni. La conoscenza del mondo

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Capitolo 7. Circuiti magnetici

Capitolo 7. Circuiti magnetici Capitolo 7. Circuiti magnetici Esercizio 7.1 Dato il circuito in figura 7.1 funzionante in regime stazionario, sono noti: R1 = 7.333 Ω, R2 = 2 Ω, R3 = 7 Ω δ1 = 1 mm, δ2 = 1.3 mm, δ3 = 1.5 mm Α = 8 cm 2,

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario

Elementi di analisi delle reti elettriche. Sommario I.T.I.S. "Antonio Meucci" di Roma Elementi di analisi delle reti elettriche a cura del Prof. Mauro Perotti Anno Scolastico 2009-2010 Sommario 1. Note sulla simbologia...4 2. Il generatore (e l utilizzatore)

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva

negativa Forza repulsiva Forza attrattiva 1 Corrente elettrica 1.1 Carica elettrica Sebbene le cariche elettriche siano tra i costituenti fondamentali della materia, l elettricità in natura è un fenomeno relativamente raro, se si eccettuano i

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato I INDICE Indice del libro Materiali digitali PER COMINCIARE Metodi e strumenti per il tuo lavoro 1. Come studiare la chimica 1. Il tuo metodo di studio 3. Richiami sulle potenze 4 4. La notazione scientifica

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm

LA LEGGE DI OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Laboratorio di.... Scheda n. 2 Livello: Base A.S.... Classe. NOME..... DATA... Prof.... LA LEGGE D OHM La verifica sperimentale della legge di Ohm Conoscenze - Conoscere la legge di Ohm - Conoscere lo

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli