RAPPRESENTA IL PRIMO GRADINO NELLO STUDIO DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA E VA ESEGUITA OGNI QUALVOLTA SI SOSPETTI UNA PATOLOGIA POLMONARE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPRESENTA IL PRIMO GRADINO NELLO STUDIO DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA E VA ESEGUITA OGNI QUALVOLTA SI SOSPETTI UNA PATOLOGIA POLMONARE"

Transcript

1 Dr. Attanasi

2 IN ALTERNATIVA:

3 !"

4

5 RAPPRESENTA IL PRIMO GRADINO NELLO STUDIO DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA E VA ESEGUITA OGNI QUALVOLTA SI SOSPETTI UNA PATOLOGIA POLMONARE PERMETTE NELL'ADULTO E NEL BAMBINO COLLABORANTE DI DETERMINARE LA PRESENZA DI DISFUNZIONI DELL'APPARATO RESPIRATORIO CONTRIBUENDO AD UNA DIAGNOSI DI MALATTIA E AD UNA CLASSIFICAZIONE IN OSTRUTTIVA, RESTRITTIVA O MISTA. DI VALUTARNE LA GRAVITA' RAPPRESENTA UN UTILE STRUMENTO PER IL FOLLOW -UP DEL PAZIENTE VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA ALLA TERAPIA CONSISTE NEL REGISTRARE IL MOVIMENTO DI ARIA CHE ENTRA ED ESCE DAL POLMONE DURANTE LE MANOVRE RESPIRATORIE

6 VOLUMI POLMONARI DINAMICI : RIFLETTONO LA CAPACITA' DI SVUOTAMENTO RAPIDO DEI POLMONI SOTTO LO SFORZO MASSIMALE DEI MUSCOLI RESPIRATORI. SONO OTTENUTI FACENDO RIFERIMENTO ALL'INTERVALLO DI TEMPO IN CUI VENGONO PRODOTTI E GRAFICAMENTE RAPPRESENTATI DA CURVE VOLUME TEMPO (SPIROMETRIMETRI CONVENZIONALI) OPPURE RAPPRESENTATI GRAFICAMENTE SU UN SISTEMA DI ASSI CARTESIANI COME CURVE FLUSSO / VOLUME SULLA QUALE E' POSSIBILE LEGGERE DIRETTAMENTE IL FLUSSO IN BEN DETERMINATI MOMENTI DELL'ESPIRAZIONE (PNEUMOTACOGRAFO) SE DURANTE L'ESPIRAZIONE FORZATA SI MISURANO I FLUSSI IN FUNZIONE DELLA QUANTITA' DI ARIA ESPIRATA,

7 DAL TRACCIATO SPIROMETRICO E' QUINDI POSSIBILE RISALIRE: a) ALLA QUANTITA' DI ARIA ESPIRATA GLOBALMENTE DOPO UNA INSPIRAZIONE FORZATA ( CAPACITA' VITALE FORZATA) b) ALLA QUANTITA' DI ARIA ESPIRATA NEL PRIMO SECONDO (FEV1) c) AL FLUSSO NELLA PARTE INTERMEDIA DELLA CAPACITA' VITALE ( MASSIMO MEDIO FLUSSO ESPIRATORIO MMEF) O PIU' SPESSO DEFINITO COME FLUSSO COMPRESO TRA IL 25-75% DELLA CAPACITA' VITALE ( FEF 25-75%) CON UN SEMPLICE FLUSSIMETRO E' INFINE POSSIBILE OTTENERE IL PICCO DI FLUSSO ( PEF) E CIOE' LA VELOCITA' MASSIMA CON LA QUALE L'ARIA ESCE DAL POLMONE ALL'INIZIO DELLA ESPIRAZIONE.

8 RANGE DI NORMALITA' DEI PRINCIPALI PARAMETRI PARAMETRO VALORE NORMALE (% DEL PREDETTO) FVC >80 FEV1 > 80 FEF > 70 FEV1/ FVC >

9 # # $ 75% 25%

10 # %&

11 '!(!") PEF FEV 1

12 COME SI ESEGUE LA SPIROMETRIA: ESEGUIBILE IN GENERE DAI 5 ANNI ( QUANDO IL BAMBINO E' IN GRADO DI COLLABORARE PER UNA MANOVRA ESPIRATORIA FORZATA) STRUMENTI ADATTABILI ALLE CAPACITA' DI UN BAMBINO, IN GRADO DI FORNIRE MISURE ACCURATE A FLUSSI E VOLUMI BASSI PROVA DA ESEGUIRE IN AMBIENTE TRANQUILLO E PRIVO DI DISTRAZIONI CON PERSONALE MEDICO SANITARIO IN GRADO DI ENTRARE IN EMPATIA CON LUI. VENGONO RILEVATI ETA', PESO, ALTEZZA. ETNIA ( CHE PERMETTONO DI SELEZIONARE I VALORI DI RIFERIMENTO A CUI SI PARAGONANO QUELLI OTTENUTI DALLA PROVA EFFETTUATA DAL BAMBINO)

13 IL TEST SI ESEGUE CON PAZIENTE IN PIEDI O SEDUTO CON APPLICATO UNO STRINGINASO IL BAMBINO DEVE PRENDERE TRA LE LABBRA UN BOCCAGLIO COLLEGATO ALLA MACCHINA, ENTRO IL QUALE POI SOFFIERA' TENERE BUSTO E CAPO ERETTI LA MANOVRA CONSISTE IN UNA INSPIRAZIONE MASSIMALE CHE CORRISPONDE ALLA CAPACITA' POLMONARE TOTALE O TLC ( TOTAL LUNG CAPACITY) SEGUITA DA UNA ESPIRAZIONE RAPIDA E MASSIMALE CHE SI COMPLETA CON IL RAGGIUNGIMENTO DEL VOLUME RESIDUO O VR TEMPO DELLESPIRAZIONE SECONDI

14 INTERPRETAZIONE DEI PARAMETRI SPIROMETRICI: PEF: SFORZO DIPENDENTE RISENTE SOPRATTUTTO DI UN'OSTRUZIONE DELLE PRIME VIE AEREE VANTAGGI: 1) COLLABORAZIONE RICHIESTA MINIMA 2) L'APPARECCHIATURA E' SEMPLICE MANEGGEVOLE CON UN PREZZO LIMITATO, TUTTE CARATTERISTICHE CHE NE FAVORISCONO L'UTILIZZO DOMICILARE..

15 IL FEF E' UN PARAMETRO SFORZO INDIPENDENTE, PER QUESTO RIFLETTE LO STATO DI OSTRUZIONE DELLE PICCOLE VIE AEREE

16 IL FEV1, E' UN PARAMETRO SFORZO DIPENDENTE RAPPRESENTA UNA DELLE MISURE PIU' RIPRODUCIBILI DELLA SPIROMETRIA OCCUPANDO IL 75-85% DELL'FCV AVREBBE UNA POSIZIONE INTERMEDIA TRA PEF E FEF (RAPPRESENTANDO PERO' PIU' IL GRADO DI PERVIETA' DELLE GROSSE VIE AEREE) SI RIDUCE ALL'AUMENTARE DELL'OSTRUZIONE BRONCHIALE

17 I DATI OTTENUTI POSSONO ESSERE INTERPRETATI IN DUE MODI 1) IN RAPPORTO AI VALORI PREDETTI SECONDO SESSO, ETA', RAZZA, ALTEZZA 2) PARAGONATI A QUELLI DI REGISTRAZIONI PRECEDENTI. UN METODO NON ESCLUDE L'ALTRO E NEL FOLLOW -UP E' PIU' IMPORTANTE IL CONFRONTO CON I VALORI DEL SOGGETTO OTTENUTI DALLE PROVE PRECEDENTI PER SEGUIRE NEL TEMPO L'EVOLUZIONE DELLA MALATTIA O PER DOCUMENTARNE LA RISPOSTA AD EVENTUALI TERAPIE A TALE PROPOSITO E' MOLTO IMPORTANTE CONSIDERARE LA VARIAZIONE RELATIVA DI UN SINGOLO PARAMETRO SPIROMETRICO RISPETTO ALLE PRECEDENTI OSSERVAZIONI. IL SIGNIFICATO DELLE VARIAZIONE NEL TEMPO DI UN PARAMETRO DI FUNZIONALITA' RESPIRATORIA, DIPENDE DAL LA SUA NORMALE VARIABILITA'; SIGNIFICATIVA E' UNA VARIAZIONE SUPERIORE A UNA DEVIAZIONE STANDARD

18 Variazione del FEV 1 clinicamente significativa pur restando i valori nella norma rispetto ai predetti 120% 100% 80% Tempo 1 Tempo 2

19 NELLA PATOLOGIA OSTRUTTIVA COME E' L'ASMA, NELLE FASI PRECOCI, SONO LE PICCOLE VIE AD ESSERE INTERESSATE E LA RIDUZIONE DEI VOLUMI ESPIRATORI E' EVIDENTE PRINCIPALMENTE A BASSI VOLUMI. LA CURVA FLUSSO VOLUME MOSTRA FCV E FEV1 NORMALI, MENTRE RIDOTTO E' IL FEF SE L'OSTRUZIONE E' INVECE MAGGIORE, IL FEV1 SI RIDUCE PROGRESSIVAMENTE MENTRE L'FCV RIMANE INVARIATA.

20 PEF = 94% predicted FEV 1 = 53% predicted

21 '!(!") PEF FEV 1

22 INDICE DI TIFFENEAU IL RAPPORTO FEV1/FCV VIENE DEFINITO INDICE DI TIFFENEAU ED IL VALORE NORMALE E' SOLITAMENTE SUPERIORE ALL'83-85% 85% NEI BAMBINI. NEL SOGGETTO CON PATOLOGIA ASMATICA PER IL RIDURSI DEL FEV1 ESSO TENDE A DIMINUIRE. SE L'OSTRUZIONE RISULTA MAGGIORE, SI PUO' AVERE UNA RIDUZIONE ANCHE DEL FCV CHE INDIRETTAMENTE RAPPRESENTA UN INDICE DI AUMENTO DEL VR O VOLUME RESIDUO PER UNA CONDIZIONE DEFINITA DI AIR TRAPPING

23 TEST DI BRONCOREVERSIBILITA' CONSISTE NEL SOMMINISTRARE UN BETA 2 AGONISTA COME IL SALBUTAMOLO PER VIA INALATORIA, AL TERMINE DELLA PROVA SPIROMETRICA DI BASE. SI ATTENDE MINUTI E QUINDI SI RIPETE LA PROVA EFFETTUANDO IN QUESTO MIDO IL COSIDETTO POST E' UNA PROCEDURA CHE RISULTA UTILE QUANDO LA PROVA INIZIALE DA SEGNI DI BRONCOSTRUZIONE PER VALUTARE IL GRADO DI REVERSIBILITA', OPPURE CONSENTE DI VEDERE QUAL'E' IL VERO PERSONAL BEST DI UN SOGGETTO. ABBIAMO INFATTI ACCENNATO PRIMA CHE I VALORI OTTENUTI DA UNA PROVA E RIENTRANTI NEL RANGE DEI VALORI OTTENUTI PER LA POPOLAZIONE SANA, POSSONO COMUNQUE ESSERE ANORMALI PER IL SOGGETTO IN ESAME, E' QUINDI NECESSARIO INDIVIDUARE IL RANGE DI NORMALITA' DI CIASCUN BAMBINO.

24 NEL TEST DI BRONCOREVERSIBILITA' IL PARAMETRO PIU' IMPORTANTE DA VALUTARE E' IL FEV1. VIENE CONSIDERATA POSITIVA O PATOLOGICA UNA REVERSIBILITA' SUPERIORE AL 12%. IL FEF E' PIU' SENSIBILE E PIU' VARIABILE, QUINDI SI CONSIDERA SIGNIFICATIVA UNA VARIAZIONE SUPERIORE O UGUALE AL 45% SE C'E' MIGLIORAMENTO DEI PARAMETRI DOPO BRONCODILATATORE SI PARLA DI PATOLOGIA OSTRUTTIVA. SE NON C'E' MIGLIORAMENTO BISOGNA PENSARE ALLA POSSIBILITA' DI UN' OSTRUZIONE ANATOMICA FISSA COME UNA MALACIA O UN TAPPO DI MUCO NELLE VIE AEREE.

25 VALIDITA' DEL TEST SPIROMETRICO 1) LA CURVA SIA PRIVA DI ARTEFATTI: TOSSE, ESPIRIO INSUFFICIENTE O INTERRUZIONE PRECOCE DELLA ESPIRAZIONE. 2) LA FASE ESPIRATORIA ATTIVA DURI ALMENO 3 SECONDI NEL BAMBINO PICCOLO E 6 SECONDI NEL PIU' GRANDE O NELL'ADOLESCENTE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEL PLATEAU NELLA CURVA V/T 3) SI DEVONO OTTENERE ALMENO 3 TEST CHE SODDISFINO I CRITERI DI ACCETTABILITA'. IN QUESTI, IL VALORE DELLA FVC E DEL FEV1 DEVONO AVERE UNA VARIABILITA' INFERIORE A 200 ML O AL 5% DEL VALORE RISULTATO MAGGIORE

26 MANCATA RISPOSTA AL BRONCODILATATORE - NON PERMETTE DI ESCLUDERE UN'ASMA -ASMA IN FASE DI REMISSIONE O BEN CONTROLLATA E QUINDI I FLUSSI ESPIRATORI SONO GIA' NEI LIMITI DELLA NORMA. -ASMA DI GRAVITA' TALE DA NON RISPONDERE AL BETA 2 STIMOLANTE ( STATO DI MALE ASMATICO O ASMA CRONICA GRAVE) -IL TRATTAMENTO CON STEROIDI NEI DUE CASI SBLOCCA LA SITUAZIONE E PERMETTE DI OTTENERE UNA RISPOSTA AL BRONCODILATATORE -NEL BAMBINO NON COLLABORANTE SI RICONTROLLA IL PAZIENTE DOPO L'AEROSOL PER COGLIERE EVENTUALI MODIFICAZIONI DELLA DISPNEA, DEI SIBILI, E MIGLIORE TRASMISSIONE DEL MURMURE VESCICOLARE

27 UTILITA' DELLA SPIROMETRIA IN PRIMO LUOGO PUO' SVELARE UN'OSTRUZIONE COSI' MODESTA DA NON ESSERE APPREZZABILE ALL'ESAME OBIETTIVO ( RIDUZIONE DEL FEF 25-75) PERMETTE DI VALUTARE SE E COME LA PERVIETA' DELLE VIE AEREE VARIA NEL SINGOLO PAZIENTE E QUESTO SIA IN CONDIZIONI BASALI SIA A SEGUITO DI VARI APPROCCI TERAPEUTICI PERMETTE DI CONTROLLARE SE IL SINGOLO PAZIENTE ESEGUE CORRETTAMENTE LA TERAPIA INALATORIA PRESCRITTA PERMETTE AD ESEMPIO DI SAPERE SE LA RISPOSTA AL BRONCOBILATATORE EROGATO DIRETTAMENTE COME SPRAY DOSATO SIA EGUALE O INFERIORE ALLA RISPOSTA OTTENUTA USANDO O UN ADATTATORE O LO STESSO PREPARATO IN POLVERE SULLA RISPOSTA CI SI BASERA' OVVIAMENTE PER SCEGLIERE LA VIA DI SOMMINISTRAZIONE NELLA TERAPIA CONTINUATIVA.

28 IPERDISTENSIONE POLMONARE VALUTABILE ATTRAVERSO LA MISURAZIONE DEL VOLUME RESIDUO ( VR ) CIOE' L'ARIA CHE RESTA ALL'INTERNO DEL POLMONE ALLA FINE DI UN'ESPIRAZIONE FORZATA VALUTAZIONE INDIRETTA ALLA SPIROMETRIA ( RIDUZIONE DELLA FCV CORRISPONDE AD UN AUMENTO DEL VR) VALUTAZIONE DIRETTA CON LA TECNICA DELLA DILUIZIONE DELL' ELIO O CON IL PLETISMOGRAFO

29 DA' RISULTATI PIU' VERITIERI IN QUANTO MISURA TUTTA L'ARIA CHE RESTA NEL POLMONE COMPRESA ANCHE L'AIR TRAPPING. DATO CHE NELLA MAGGIOR PARTE DEI PAZIENTI ESISTE UNA STRETTA CORRELAZIONE FRA RIDUZIONE DEI FLUSSI ESPIRATORI DA UN LATO E AUMENTO DI VOLUME RESIDUO DALL'ALTRO, QUEST'ULTIMO PARAMETRO NON AGGIUNGE IN GENERE NULLA DI PIU' ALLA NORMALE SPIROMETRIA. UTILITA' LA STORIA DI DIFFICOLTA' RESPIRATORIA PERSISTENTE NEI MESI, SIA I REPERTI OBIETTIVI DI PREGRESSA BRONCOSTRUZIONE (COME TORACE A BOTTE E IPERTONO DEGLI STERNOCLEIDOMASTOIDEI) CONTRASTANO CON IL RISCONTRO DI FLUSSI ESPIRATORI AI LIMITI DELLA NORMA. IN QUESTI SOGGETTI LA DIMOSTRAZIONE DI UN AUMENTO DEL VOLUME RESIDUO PUO' ESSERE ESTREMAMENTE IMPORTANTE IN QUANTO CONFERMA, SEPPUR INDIRETTAMENTE LA PRESENZA DI UN'OSTRUZIONE BRONCHIALE E QUINDI LA NECESSITA' DI UN INTERVENTO TERAPEUTICO LA CUI RISPOSTA POTRA' ESSERE SEGUITA ATTRAVERSO LA MODIFICAZIONI DEL VR STESSO

30 LA SPIROMETRIA PERMETTE DI STABILIRE LA GRAVITA' DELLA MALATTIA E LA REVERSIBILITA' DELL'OSTRUZIONE DOPO BRONCODILATATORE, CARATTERISTICHE TALVOLTA DIFFICILMENTE STABILIBILI SULLA SEMPLICE VALUTAZIONE CLINICA. NELL'ASMA LA MANCANZA DI SEGNI SEMEIOLOGICI CLASSICI PER PATOLOGIA OSTRUTTIVA ALL'ASCULTAZIONE DEL TORACE, NON PERMETTE DI ESCLUDERE UNA SOTTOSTANTE PRESENZA DI OSTRUZIONE AL FLUSSO AEREO. LA PREDIZIONE DI UNA CONDIZIONE OSTRUTTIVA CON L'ASCULTAZIONE TORACICA E LA STORIA CLINICA NON SEMPRE E' POSSIBIBILE IN TUTTI I CASI DI ASMA SI PUO' CONCLUDERE CHE LA SPIROMETRIA E' UN TEST SEMPLICE E RAPIDO CHE FORNISCE UTILI INFORMAZIONI PER LA DIAGNOSI DI PATOLOGIA POLMONARE ANCHE QUALORA IL QUADRO CLINICO NON SIA CHIARO. PERMETTE INOLTRE IL FOLLOW-UP DEL PAZIENTE E LA RISPOSTA ALLA TERAPIA IN ATTO.

31 -UTILIZZABILE QUANDO NON SIA POSSIBILE LA SPIROMETRIA LA SUA DETERMINAZIONE PUO' RENDERSI UTILE : NELLA PRATICA AMBULATORIALE : COME INDICE GENERICO DI BRONCOSTRUZIONE, CONOSCENDO GIA' I VALORI ABITUALI DEL BAMBINO IN OSPEDALE : IN PRONTO SOCCORSO PER FORMULARE UN GIUDIZIO INIZIALE SULLA GRAVITA' DI UN ATTACCO ASMATICO IN REPARTO DI DEGENZA PER UNA VALUTAZIONE SEMPLICE DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA AL LETTO DEL PAZIENTE.

32 IN PARTICOLARE PER I PAZIENTI CON SCARSA PERCEZIONE DEI SINTOMI ( LA CAPACITA' DEGLI ASMATICI NEL RICONOSCERE L'ENTITA' DELLA PROPRIA BRONCOSTRUZIONE E' MOLTO SOGGETTIVA E VARIABILE): -VALUTAZIONE DELLA VARIABILITA' CIRCADIANA DEL PARAMETRO -ASMA INSTABILE -STORIA DI ATTACCHI ASMATICI GRAVI TRATTAMENTO CRONICO CON STEROIDI INALATORI AD ALTE DOSI O CON STEROIDI ORALI. -SOSPETTA SCARSA COMPLIANCE TERAPEUTICA.

33 MISURAZIONI GIORNALIERE RIPETUTE NEL TEMPO A DOMICILIO POSSONO RIVELARSI UTILI PER SEGUIRE L'EVOLUZIONE DI UNA DETERMINATA PATOLOGIA POLMONARE, O PER DOCUMENTARE LE ESCURSIONI CIRCADIANE DEL PARAMETRO PERMETTENDO QUINDI DI ADEGUARE LA TERAPIA ALLE EFFETTIVE NECESSITA' DEL PAZIENTE. E' IMPORTANTE ALLORA: -CONSIDERARE COME BASALE IL MIGLIORE VALORE PERSONALE IN CONDIZIONI DI STABILITA' CLINICA E SUCCESSIVAMENTE INIZIARE LE MISURAZIONI GIORNALIERE DEL PEF. OSCILLAZIONI ENTRO L'80% DEL VALORE BASALE SONO DA CONSIDERARE ANCORA NELLA NORMA VALORI COMPRESI TRA IL 50% E L'80% INDICANO UN PEGGIORAMENTO DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA TALE DA GIUSTIFICARE UNA REVISIONE DEL TRATTAMENTO VALORI INFERIORI AL 50% ESPRIMONO INVECE UNA CONDIZIONE DI IMPORTANTE GRAVITA' CLINICA CON RICHIESTA DI MISURE TERAPEUTICHE D'URGENZA

34 IN PARTICOLARE PER L'ASMA: MISURAZIONI BI-QUOTIDIANE ( MATTINO / SERA ) POSSONO ESSERE UTILIZZATE A SCOPO DIAGNOSTICO: OSCILLAZIONI CIRCADIANE DI AMPIEZZA SUPERIORE AL 20% SONO INFATTI MOLTO SUGGESTIVE DI ASMA, MENTRE NEI SOGGETTI ASMATICI IN TRATTAMENTO INDICANO UNA INSTABILITA' CLINICA CHE RICHIEDE PRONTE MODIFICHE TERAPEUTICHE.

35 ( INTERRUPTER RESPIRATORY RESISTANCE TECNIQUE) METODICHE NON INVASIVE PER LO STUDIO E LA MISURAZIONE DELLE RESISTENZE RESPIRATORIE A VOLUME CORRENTE, CHE NON NECESSITANO DI UNO SFORZO RESPIRATORIO E CHE QUINDI SI PRESTANO AD UNA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA' RESPIRATORIA IN BAMBINI IN ETA' PRESCOLARE O COMUNQUE NON COLLABORANTI

36 IL BAMBINO RESPIRA TRANQUILLAMENTE A VOLUME CORRENTE, ATTRAVERSO UN BOCCAGLIO ED HA IL NASO CHIUSO DA UNO STRINGINASO. LA TECNICA MISURA LE VARIAZIONI DI PRESSIONE CHE SI VERIFICANO ALLA BOCCA IN SEGUITO AD UNA BRUSCA INTERRUZIONE DEL FLUSSO E VIENE ESEGUITA CON UNO PNEUMOTACOGRAFO ED UN SISTEMA A VALVOLA CHE PERMETTE L'INTERRU5ZIONE DEL FLUSSO. IL PRINCIPIO CHE NE STA ALLA BASE E' CHE DURANTE UNA BREVE INTERRUZIONE (100MS) DEL FLUSSO AEREO A RESPIRAZIONE CORRENTE, LA PRESSIONE ALVEOLARE SI METTE RAPIDAMENTE IN EQUILIBRIO CON LA PRESSIONE ALLA BOCCA, CHE RAPPRESENTA COSI' UNA STIMA DELLA PRESSIONE CHE SI AVEVA NELLE VIE AEREE AL MOMENTO DELL'INTERRUZIONE.

37 DIVIDENDO QUESTA PRESSIONE PER IL FLUSSO MISURATO IMMEDIATAMENTE PRIMA DELL'OCCLUSIONE (O IMMEDIATAMENTE DOPO NELLA VARIANTE OPENING ) SI OTTIENE LA RESISTENZA DELLE VIE AEREE PIU' UNA CERTA PARTE DELLA RESISTENZA DEL TESSUTO POLMONARE E DELLA PARETE TORACICA. E' UNA TECNICA SU CUI CI SONO PUBBLICAZIONI IN LETTERATURA CHE NE DIMOSTRANO LA FATTIBILITA' E LA RIPETIBILITA' NELLA FASCIA DI ETA' TRA I 3 E I 6 ANNI. HA UNA BUONA CORRELAZIONE CON LE ALTRE TECNICHE CONSIDERATE GOLD STANDARD ED E' IN GRADO DI INDIVIDUARE LE VARIAZIONI DI CALIBRO DELLE VIE AEREE LA COMPARSA RECENTE IN LETTERATURA DI VALORI DI RIFERIMENTO, FAVORISCE L'INTERPRETAZIONE CLINICA DELLE MISURAZIONI OTTENUTE CON IL RINT.

38 SI BASA SULLA POSSIBILITA' DI INVIARE ALL'APPARATO RESPIRATORIO, DURANTE LA RESPIRAZIONE A VOLUME CORRENTE, UN SEGNALE SONORO. IL SEGNALE HA UNO SPETTRO DI FREQUENZE PRESTABILITO E VIENE DEFINITO FUNZIONE FORZANTE LA MISURAZIONE DEL FLUSSO (V') E DELLA PRESSIONE (PRS) ALLA BOCCA, FATTE CONTEMPORANEAMENTE ALLA SOVRAPPOSIZIONE DEL SEGNALE SONORO, CONSENTE CON L'AUSILIO DI UN COMPLESSO CALCOLO MATEMATICO DI METTERE IN RELAZIONE I SINGOLI VALORI DELLE RESISTENZE RESPIRATORIE CON LO SPETTRO DI FREQUENZE DELLA FUNZIONE FORZANTE. CARATTERISTICHE: TECNICA SFORZO INDIPENDENTE -APPLICABILE A BAMBINI CON ETA' SUPERIORE A 3 ANNI. -E' UN PARAMETRO DI COMPORTAMENTO ELASTICO DEL POLMONE.

39 -VALUTANO LA REATTIVITA' DEL BRONCO. -L'IPERREATTIVITA' BRONCHIALE (IB) PUO' ESSERE DEFINITA COME UNA ESAGERATA RISPOSTA BRONCOSTRUTTIVA A STIMOLI NON ALLERGENICI DI NATURA CHIMICA E/O FISICA. -SONO UTILI SE LA SPIROMETRIA E' NORMALE E SI SOSPETTA UNA DIAGNOSI DI ASMA

40 LA SCELTA DEL TEST DI PROVOCAZIONE PER LA VALUTAZIONE DELLA REATTIVITA BRONCHIALE SI BASA SU CRITERI DI ORDINE CLINICO, FISIOPATOLOGICO E METODOLOGICO. LA BRONCOPROVOCAZIONE CON METACOLINA E LA METODICA PIU STANDARDIZZATA E IN GRADO DI OFFRIRE RISULTATI PIU ATTENDIBILI POTENDO ESSERE OTTIMAMENTE RIPRODUCIBILE NEGLI ADULTI.

41 IN ETA PEDIATRICA E UN TEST POCO STANDARDIZZABILE ED E SOSTITUITO DAL TEST DA SFORZO CHE E PIU RIPRODUCIBILE PERCHE LA FUNZIONE RESPIRATORIA HA VARIAZIONI DIPENDENTI DALL ETA E TAGLIA FISICA E NELLO STESSO SOGGETTO SI MODIFICA CONTINUAMENTE IN SEGUITO AL NORMALE ACCRESCIMENTO SOMATICO

42 VIENE USATO PREVALENTEMENTE A SCOPO DIAGNOSTICO PER EVIDENZIARE UNA BRONCOSTRUZIONE INDOTTA DA ESERCIZIO FISICO (EIB) L'EIB E' COMUNE NELL'ASMA SOPRATTUTTO IN ETA' PEDIATRICA ESSENDO PRESENTE NEL 60-95% DEI BAMBINI ASMATICI INOLTRE L'EIB E' DOCUMENTATA IN CIRCA UN 40% DI BAMBINI ANCHE IN ASSENZA DI SINTOMI APPARENTI DI ASMA PER TALE MOTIVO TRA I VARI TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE ( METACOLINA, ISTAMINA ECC) IL TEST DA SFORZO E' RITENUTO IL PIU' SPECIFICO INDICATORE DI ASMA

43 Corsa libera di 6 minuti Fc pari all 80% del massimo valore previsto per l eta eta Respirazione attraverso la bocca Temperatura ambiente tra 23 e 25 gradi Umidita < 40%

44 MISURAZIONE DEL FEV1 O DEL PEF PRIMA DELL ESERCIZIO, ENTRO 1 MINUTO DAL TERMINE DI QUESTO E QUINDI AD INTERVALLI DI MIN I RISULTATI SONO ESPRESSI COME MASSIMA RIDUZIONE PERCENTUALE DI FEV1 O PEF VALORE PRE-ESERCIZIO ESERCIZIO- VALORE MINIMO POST ESRCIZIO/ VALORE PRE ESERCIZIO POSITIVITA PER RIDUZIONI DEL 15%

45 INALAZIONE DI DOSI CRESCENTI DI METACOLINA ESECUZIONE SPIROMETRIA SUCCESSIVA AD OGNI INALAZIONE LA RISPOSTA AL TEST DI BRONCOPROVOCAZIONE VIENE QUANTIFICATA COME PERCENTUALE DI CADUTA, RISPETTO AL VALORE BASALE, DI UNA VARIABILE FUNZIONALE, GENERALMENTE IL VOLUME ESPIRATORIO FORZATO IN UN SECONDO FEV1, DOPO SOMMINISTRAZIONE DELLO STIMOLO. IL RISULTATO PUO ESSERE ESPRESSO COME CONCENTRAZIONE O DOSE DELLA SOSTANZA CHE CAUSA UNA CADUTA DEL FEV1 UGUALE O SUPERIORE AL 20% DEL VALORE BASALE ( PC20 O PD20 RISPETTIVAMENTE). IL TEST E CONSIDERATO POSITIVO QUANDO LA PC20 RISULTI INFERIORE O UGUALE AD 8 MG/ML, VALORE ASSUNTO COME DISCRIMINANTE TRA STATO DI IPERREATTIVITA E NORMALITA

46 PER EVITARE FALSE RISPOSTE NEGATIVE E' NECESSARIO ESEGUIRE IL TEST A DISTANZA DELLA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI CHE POSSONO IMPEDIRE LA BRONCOSTRUZIONE TEOFILLINA ANIDRA E BETA 2 STIMOLANTI NELLE ULTIME ORE TEOFILLINA RITARDO E DISODIOCROMOGLICATO NELLE ULTIME 24 ORE ANTISTAMINICI NEGLI ULTIMI GIORNI

47 PER EVITARE FALSE RISPOSTE POSITIVE SARA' NECESSARIO ESEGUIRE IL TEST A DISTANZA DA STIMOLI CHE POSSONO AUMENTARE MOMENTANEAMENTE L'IPERREATTIVITA' BRONCHIALE INFEZIONI VIRALI O VACCINAZIONI CON VIRUS ATTENUATI POLLUZIONE ATMOSFERICA COMPRESO IL FUMO DI SIGARETTA TEST DI PROVOCAZIONE CON ANTIGENI

48 UNA RISPOSTA POSITIVA ( PRESENZA DI IPERREATTIVITA') INDICA L'ESISTENZA DI UNA FLOGOSI BRONCHIALE SEPPUR NON CLINICAMENTE EVIDENTE PERMETTE DI INDIRIZZARE LA TERAPIA NEL SINGOLOPAZIENTE: DATO CHE TUTTI GLI SFORZI TERAPEUTICI SONO INDIRIZZATI A COMBATTERE L'INFIAMMAZIONE DELLA MUCOSA, SI CAPISCE COME UN TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE POTRA' SERVIRE A STABILIRE SE NEGLI INTERVALLI TRA I VARI EPISODI BRONCOSTRUTTIVI E' O MENO NECESSARIA UNA TERAPIA CONTINUATIVA ( CROMONI-STEROIDI)

49 PERMETTE DI STUDIARE L'EFFECACIA E LE MODALITA' DI AZIONE DEI SINGOLI FARMACI: COSI' IL NORMALIZZARSI O L'ATTENUARSI DI UNA RISPOSTA AD UN TEST DI PROVOCAZIONE DOPO UN TRATTAMENTO PIU' O MENO PROLUNGATO, STARA' AD INDICARE CHE QUEL DETERMINATO INTERVENTO HA AVUTO UN'AZIONE ANTIFLOGISTICA ANALOGAMENTE, LA NORMALIZZAZIONE DI UN TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE DOPO PROVVEDIMENTI ATTI A RIDURRE GLI STIMOLI FLOGISTICI( PER ESEMPIO MISURE ANTIPOLVERE O SOGGIORNO IN ALTA MONTAGNA) INDICHERA' CHE TALI MISURE HANNO RIDOTTO LA FLOGOSI BRONCHIALE

50 INALAZIONE DI SOSTANZE, IN PARTICOLARE ALLERGENI, PROBABILI RESPONSABILI DELLA MALATTIA IN QUEL DETERMINATO SOGGETTO. LA RISPOSTA PIU' COMUNE ALL'INALAZIONE DELL'ALLERGENE SI VERIFICA A DISTANZA DI MINUTI E SI ESAURISCE IN CIRCA ORE QUESTA REAZIONE DEFINITA IMMEDIATA E' SOSTENUTA DALLE IGE ( ANCHE SE NON SI PUO' ESCLUDERE CHE ENTRINO IN GIOCO LE IgG) ALLA REAZIONE DI TIPO IMMEDIATO PUO' SEGUIRE DOPO 1-61 ORE UNA SECONDA BRONCOSTRUZIONE DEFINITA << REAZIONE TARDIVA>> IN QUEST'ULTIMO CASO IL PAZIENTE PRESENTA POI PER PARECCHI GIORNI UN'ABNORME RISPOSTA ANCHE AI TEST DI STIMOLAZIONE ASPECIFICA

51 DI QUI IL SOSPETTO CHE POSSA ESSERE SUFFICIENTE UNA SINGOLA INALAZIONE DI UN ALLERGENE PER PROVOCARE UNA FLOGOSI PERSISTENTE NEL TEMPO QUESTI TETS COME QUELLI ASPECIFICI, NON POSSONO ESSERE ESEGUITI NEL PAZIENTE BRONCOSTRUITO, INOLTRE POTENDO DETERMINARE UNA <<REAZIONE TARDIVA>> GRAVE E PERSISTENTE, RICHIEDONO UN CONTROLLO PROLUNGATO CHE SI TRADUCE IN UN RICOVERO OSPEDALIERO. NEI LABORATORI DOVE VENGONO ESEGUITI QUESTI TEST E' INFINE NECESSARIO ADOTTARE TUTTI QUEGLI ACCORGIMENTI CHE EVITANO DI CONTAMINARE LE APPARECCHIATURE E I LOCALI DOVREBBE ESSERE PIU' SENSIBILE E PIU' SPECIFICO DEI TEST CUTANEI, QUANDO PERO' SI VANNO A CONFRONTARE I TEST DI INALAZIONE CON LE ALTRE INDAGINI ALLERGOLOGICHE CI SI ACCORGE CHE I RISULTATI DIPENDONO MOLTO DALLA CONCENTRAZIONE DELL'ANTIGENE IMPIEGATO E CHE COMUNQUE NON ESISTONO DIFFERENZE COSPIQUE.SOLO IL 4% DEI SOGGETTI CON TEST CUTANEI NEGATIVI HA POSITIVI I TEST DI INALAZIONE

52 SE A QUESTO SI AGGIUNGE LA MAGGIOR COMPLESSITA' NELL'ESECUZIONE DEI TEST DI INALAZIONE SI CAPISCE COME QUESTI VENGONO RISERVATI ALLA RICERCA O A SITUAZIONI PECULIARI. NEL 1 CASO POSSONO SERVIRE PER LO STUDIO DEI MEDIATORI DELLA BRONCOSTRUZIONE, E PER QUELLO DELLA RISPOSTA AI FARMACI E ALL'IMMUNOTERAPIA, NONCHE' PER LA PRECISAZIONE DEL RUOLO PATOGENETICO DI NUOVI ALLERGENI. NEL SINGOLO PAZIENTE INVECE IL TEST DI PROVOCAZIONE BRONCHIALE SPECIFICO PUO' ESSERE USATO PER CHIARIRE IL RUOLO PATOGENETICO DI UN DETERMINATO SINGOLO ALLERGENE QUANDO A QUESTO NON E' POSSIBILE ARRIVARE NE' CON L'ANAMNESI NE' CON GLI ALTRI TEST ALLERGOMETRICI

53

54 "! (!

55

56

57 !"

58 $ 25% (FEF 25 ) 50% (FEF 50 ) * 75% * (FEF 75 )

59 FVC = capacità vitale forzata E il massimo volume di aria che può essere espirato dopo un inspirazione massimale. FEV 1 = volume espiratorio forzato ad 1 sec Il FEV 1 è un buon indice integrato di pervietà delle vie aeree, variando inversamente con il grado di ostruzione bronchiale.

60 FEV 1 /FVC = indice di Tiffaneau E un parametro che si riduce nelle forme ostruttive FEF = = flusso medio tra il 25 e il 75% FVC Parametro sforzo-indipendente che riflette la pervietà delle vie aeree di calibro minore. E il primo parametro a ridursi nell asma.

61 VALORI DI NORMALITA FVC > 80% pred FEV 1 > 80% pred FEF > % pred FEV 1 /FVC > 83-85% 85% (>76% adulto)

62 QUADRO OSTRUTTIVO FEF RIDOTTO FEV 1 RIDOTTO INDICE DI TIFFANEAU (FEV 1 /FVC) RIDOTTO LIEVE FEV 1 <80 e >70 (% pred) MODERATO FEV 1 <70 e >60 MODERATO-GRAVE FEV 1 <60 e >50 GRAVE FEV 1 <50 e >34 MOLTO GRAVE FEV 1 <34

63 NORMALE OSTR. GRAVE OSTR. LIEVE!"##$ %&'$(

64

65 %#)$(*$#+"%"'$(

66 %#)$(*$#+"%"'$( +,, ( -,(!"'!. "! + ",!%/& /&0 1 * ,(( ") 6! 7!! -! 8++ 1,!!(!8!

67 , 1 (. β,! '! ( -, 1 +,, ( - β 9 ""!.! '!, %!& %:, ;<<=& 1 > " "! + +!8 "! ++ ( - β %':;<<;& 1 +,, ( - β.,, ++!,

68 A

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Test di funzionalità polmonare Indagano: La Ventilazione: Prove di Funzionalità Respiratoria

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

2010 The Yearofthe Lung

2010 The Yearofthe Lung World SpirometryDay2010 Progetto LIBRA, l anno del polmone e il World Spirometry Day L. Corbetta 2010 The Yearofthe Lung 15/10/2010 Prof. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it 2 WSD Yearofthe LungWeb

Dettagli

SPSAL DELLA PROVINCIA DI MODENA PROMOZIONE DELLA QUALITA IN MEDICINA DEL LAVORO REQUISITI DI QUALITA DELLE PROVE DI FUNZIONALITA RESPIRATORIA

SPSAL DELLA PROVINCIA DI MODENA PROMOZIONE DELLA QUALITA IN MEDICINA DEL LAVORO REQUISITI DI QUALITA DELLE PROVE DI FUNZIONALITA RESPIRATORIA SPSAL DELLA PROVINCIA DI MODENA PROMOZIONE DELLA QUALITA IN MEDICINA DEL LAVORO REQUISITI DI QUALITA DELLE PROVE DI FUNZIONALITA RESPIRATORIA 1 INTRODUZIONE La spirometria costituisce l indagine strumentale

Dettagli

Test di Reattività Bronchiale

Test di Reattività Bronchiale Test di Reattività Bronchiale Claudio Bruschi Servizio di Fisiopatologia Respiratoria Fondazione S.Maugeri I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Montescano Diagnosi di Asma VALUTAZIONE FUNZIONALE BASALE

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE

PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Direttore: Prof. L.M. Fabbri Progetto PnemoWeb E-medicine per la formazione e la gestione di Asma e BPCO PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI DELL ASMA BRONCHIALE Dr.ssa Elisabetta Rovatti Modena 17 gennaio

Dettagli

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia

Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Governo clinico delle patologie respiratorie croniche in medicina generale. Dr. Franco Macchia Le malattie respiratorie e, in particolare la BPCO e l'asma, stanno diventando un problema di salute sempre

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA

AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA AGGIORNAMENTI IN PNEUMOLOGIA www.aimarnet.it DALL'INALATORE AL POLMONE: IMPLICAZIONI CLINICHE DEL CICLOESONIDE E DEGLI ALTRI STEROIDI INALATORI Review scientifica del lavoro: Autori: Nave R, Mueller H

Dettagli

FIMP Rete allergologica

FIMP Rete allergologica Linee Guida ASMA Il presente questionario è ANONIMO FIMP Medico compilatore ANONIMO Regione e località N bambini in convenzione Anno di entrata in convenzione Specializzazioni (oltre a quella in Pediatria)

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Approccio intermedio fra i precedenti

Approccio intermedio fra i precedenti Modelli usati per simulare il sistema respiratorio Ingegneria Biomedica Anno Accademico 2008-0909 Tommaso Sbrana Un modello è una rappresentazione di un oggetto o di un fenomeno che ne riproduce alcune

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

dott. Massimiliano Molfetta

dott. Massimiliano Molfetta dott. Massimiliano Molfetta Telefono amb. 0436890344 Cellulare 330537056 molfettamassimiliano@gmail.com medico chirurgo specialista in chirurgia generale via Annibale De Lotto 34/a San Vito di Cadore esercizi

Dettagli

IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA

IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA I CONGRESSO REGIONALE AAITO Sestri Levante 18 marzo 2006 Dott.Antonello NICOLINI S.C.Pneumologia REATTIVITA BRONCHIALE Iperreattivita bronchiale : esagerata risposta

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

cosmed.it MISURA DELLA FUNZIONALITÀ POLMONARE Distribuita in Italia da: COSMED srl

cosmed.it MISURA DELLA FUNZIONALITÀ POLMONARE Distribuita in Italia da: COSMED srl Distribuita in Italia da: COSMED srl Ufficio di Milano Via dei Piani di Monte Savello 37 Albano Laziale - Roma 00041 ITALIA Tel 06 931-5492 Fax 06 931-4580 c/o Centro dir. SUMMIT - Palazzo C2 Via Brescia,

Dettagli

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello

CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008. Lorenzo Mariniello CASO CLINICO FIMPAGGIORNA 2008 IL PEDIATRA TRA ANTICHI PROBLEMI E NUOVE ACQUISIZIONI IN TEMA DI.. Caserta 8 Maggio 2008 Lorenzo Mariniello A.F., maschio 12 anni, è giunto per la prima volta alla mia osservazione

Dettagli

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI REGIONANDO 2000 REGIONE PUGLIA UNITÀ OPERATIVA TISIOLOGIA II PRESIDIO PNEUMOLOGICO COLONNELLO D AVANZO OSPEDALI RIUNITI AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA - FOGGIA CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE,

Dettagli

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Dipartimento di Oncologia, Ematologia e Patologie dell Apparato Respiratorio Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio Prove di funzionalità

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B. Uomo di 40 anni, agricoltore, fumatore (25 packyears), giuntoci alla prima osservazione

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro

1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA. Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro 1 SINTOMI ATTRIBUITI AD ALTRA PATOLOGIA Tosse da reflusso gastroesofageo Tosse da rinorrea posteriore Stato ansioso Patologia Cardiovascolare Altro Sottodiagnosi di Asma 90 80 70 Uomini Donne 60 % 50 40

Dettagli

Asma difficile on-line

Asma difficile on-line Asma difficile on-line è il nome di un Archivio web-based promosso dalla SIMRI e gestito in collaborazione con il CINECA che raccoglie casi di pazienti con asma problematico grave, affetti cioè da asma

Dettagli

Self- Management e Adherence nella persona con Asma

Self- Management e Adherence nella persona con Asma 1 Self- Management e Adherence nella persona con Asma (E. Semprini, P. Di Giacomo, CdL in Infermieristica; G.Gardini, Ambulatorio Asma; K. Falcone, L. Lazzari Agli, UO Pneumologia - AUSL Romagna, Rimini)

Dettagli

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto

Paziente MMG Pneumologo Infermiere Fisioterapista Distretto INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia (dispnea, tosse, ec) o INIZIO Individua tipologia dei pazienti Linee guida GOLD Ambulatori con agende riservate. Nella fase iniziale la frequenza dell ambulatorio

Dettagli

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2 P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori A cosa serve? Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia F. Sangalli APPARATO RESPIRATORIO: Insieme di organi che

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica

Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica LEZIONI E SEMINARI MALATTIE DELL APPARATO DELLAPPARATO RESPIRATORIO ANNO ACCADEMICO 2009 2010 Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica Prof. Lorenzo Corbetta

Dettagli

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I

AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I AZIENDA POLICLINICO UMBERTO I CARTA DEI SERVIZI BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE E ASMA GRAVE 2015-2016 Con la Sponsorizzazione di BCPO La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia delle vie

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.R.: - ha sofferto di non precisati episodi di tosse con sibili da bambina scomparsi nell età adulta. - Riferisce da circa 5 anni tosse produttiva con episodi

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini

Indice. 5 Introduzione. Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini IN QUESTA GUIDA Indice GUIDA PER I GENITORI 5 Introduzione Anatomia 6 Il sistema respiratorio 6 Faringe 6 Laringe 7 Trachea 7 Respirazione 8 Differenze tra adulti e bambini Fisiopatologia 8 Cos è l occlusione

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE INSUFFICIENZA RESPIRATORIA E QUALITA DI VITA Dr Rolando Negrin U.O.C.Pneumologia O.C.Vicenza 26-10-2013 La Sclerosi Laterale Amiotrofica(SLA)

Dettagli

ARIA PURA NEL TARVISIANO. UNO STUDIO SUI BAMBINI ASMATICI

ARIA PURA NEL TARVISIANO. UNO STUDIO SUI BAMBINI ASMATICI ARIA PURA NEL TARVISIANO. UNO STUDIO SUI BAMBINI ASMATICI Mario Canciani Responsabile Servizio di Allergo-Pneumologia Clinica Pediatrica Università di Udine canciani.mario@aoud.sanita.fvg.it Tel. 0432

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica.

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. A Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. Allergia - Ipersensibilità dell'organismo verso una sostanza di origine

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

L asma non va in vacanza

L asma non va in vacanza L asma non va in vacanza Non dimenticare di controllare ASMA e RINITE allergica anche d estate A cura della Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A.Via G. Fabbroni, 6-00191 Roma www.msd-italia.it www.univadis.it

Dettagli

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI?

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Per reazione avversa a farmaci si intende qualsiasi risposta non desiderata

Dettagli

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA

SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA SUHMS SWISS UNDERWATER AND HYPERBARIC MEDICAL SOCIETY ASMA RACCOMANDAZIONI 2012-2015 DELLA SOCIETÀ SVIZZERA DI MEDICINA SUBACQUEA E IPERBARICA "SUHMS" Società svizzera di medicina subacquea e iperbarica

Dettagli

Corso di Medicina dello Sport

Corso di Medicina dello Sport Corso di Medicina dello Sport Prof. Attilio Parisi Anno Accademico 2011-2012 LA FISIOPATOLOGIA DA SPORT: APPARATO RESPIRATORIO ADATTAMENTI dell apparato respiratorio all esercizio fisico Aumento della

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Gli Interventi di Chirurgia Toracica o Addominale alta favoriscono la comparsa di : Complicanze respiratorie polmonari. 1) Atelectasie. 2) Ingombro di

Dettagli

PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI

PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI PDTA VIRTUOSI NEI DISTRETTI VENETI ESTE 13 APRILE 2012 Piergiorgio Trevisan Margherita Andretta INTEGRAZIONE OSPEDALE - TERRITORIO: PERCORSI DIAGNOSTICO- TERAPEUTICI PER ASMA E BPCO PER L AREA VASTA DI

Dettagli

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma

Allungati e Respira Programma Parti dal Diaframma TEST PAUSA CONTROLLO (PC) VALUTAZIONE TOLLERANZA CO2 origine test: Metodo Buteyko 2014 Tutti i diritti riservati www.allungatierespira.com Il test della PC è stato elaborato dal Dott.Buteyko, medico che

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino Analisi sulla gestione del paziente asmatico in medicina generale e dell aderenza alle indicazioni delle linee guida GINA: l esperienza della Area Vasta 1 Fano Asur Marche Carmen Vitali Responsabile U.O.

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3076 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CARELLA, BOCO, BORTOLOTTO, CORTIANA, DE LUCA Athos, LUBRANO DI RICCO, MANCONI,

Dettagli

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI Provincia di Ferrara Provincia di Rovigo LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI Claudio Sartini

Dettagli

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania

IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania IL TITOLO ANTISTREPTOLISINICO (TAS): E SEMPRE UTILE RICHIEDERLO? Dott. Giuseppe Di Mauro Dott. Lorenzo Mariniello ASL CE/2 Regione Campania Che cos è il TAS? Il TAS rappresenta la concentrazione nel siero

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

LIVELLI DI AZIONE DELLE

LIVELLI DI AZIONE DELLE Tecniche di clearance delle vie aeree tramite utilizzo di Dispositivi Oscillatori ad Alta Frequenza Un alternativa per la disostruzione bronchiale e la riespansione polmonare LIVELLI DI AZIONE DELLE TECNICHE

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO

SINTOMI NON TIPICI DI BPCO 1 BPCO-COPD SI DEFINISCE, DAL PUNTO DI VISTA FISIOPATOLOGICO, COME UNA MALATTIA CARATTERIZZATA DA OSTRUZIONE CRONICA E PROGRESSIVA DEL FLUSSO AEREO, CON ACCELERATO DECLINO DELLA FUNZIONE RESPIRATORIA,

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

Appendice C: Algoritmi

Appendice C: Algoritmi NHS National Institute for Health and Clinical Excellence Gestione della Bronchite Cronica Ostruttiva negli adulti in assistenza primaria e secondaria. (Aggiornamento parziale) Pubblicata nel mese di giugno

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica TRACCIA DI STUDIO Variabilità biologica In natura si osservano differenze non solo tra soggetti, ma anche in uno stesso individuo per svariati fattori endocrini, metabolici, emozionali, patologici, da

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Esiste un legame. tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia

Esiste un legame. tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia Esiste un legame tra il sonno e la mia salute dentale? Nuovo sistema di diagnosi e trattamento per l'apnea del sonno e la roncopatia I disturbi del sonno Il sonno è talmente importante che gli esseri umani

Dettagli

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO

Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Assessment funzionale del paziente anziano con BPCO Dott. Salvatore Battaglia Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (Di.Bi.MIS) La spirometria semplice: BPCO Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI ASMA e SPORT FIRENZE 9 Giugno 2012 Dott. W. Castellani U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI La correlazione fra ASMA ed ESERCIZIO FISICO risale alla seconda metà del II

Dettagli

LE CURE TERMALI. Le cure inalatorie

LE CURE TERMALI. Le cure inalatorie LE CURE TERMALI Le cure inalatorie LE ACQUE TERMALI DI COMANO Curano la pelle, migliorano la vita L acqua di Comano è un acqua oligominerale caratterizzata dalla presenza di sali di bicarbonato, calcio,

Dettagli

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Università degli Studi di Pavia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo INTERPRETARE

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI Collaborazione ASL Como- UOOML Desio - Centro di allergologia Ospedale S.Raffaele Milano Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Como Direttore M.Rita

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON BPCO Versione III Aprile 2012 1 FASE 1: IDENTIFICAZIONE

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

CASO CLINICO ANAMNESI

CASO CLINICO ANAMNESI CASO CLINICO N.RO 1 ANAMNESI Paziente di 44 anni inviata da MMG per dispnea, soprattutto notturna. In anamnesi, fibromatosi uterina e colectomia destra in adenocarcinoma. Nulla dal punto di vista respiratorio.

Dettagli

Modulo 4. Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico

Modulo 4. Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico Modulo 4 Manifestazioni cliniche e possibili complicanze dell'asma allergico Classificazione di gravità prima dell inizio del trattamento STEP 4 Grave persistente STEP 3 Moderato persistente STEP 2 Lieve

Dettagli

Televoto Far comparire poi la domanda 2

Televoto Far comparire poi la domanda 2 Caso 1 sess. 1 Antonio, 50 anni, fumatore, si presenta al medico di famiglia dopo un episodio influenzale perché la tosse persiste da 3 settimane negli ultimi giorni anche con un po di catarro giallino.

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Camera distanziatrice per inalatori predosati MDI

Camera distanziatrice per inalatori predosati MDI Camera distanziatrice per inalatori predosati MDI Azione mirata, obiettivo centrato www.airliquidemedicalsystems.it www.airliquidemedicalsystems.com L uso della camera distanziatrice è raccomandato dalle

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di specializzazione in Idrologia Medica Direttore: Prof.

Università degli Studi di Pavia Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di specializzazione in Idrologia Medica Direttore: Prof. Università degli Studi di Pavia Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di specializzazione in Idrologia Medica Direttore: Prof. Plinio Richelmi L'importanza dell'aloterapia nel trattamento delle malattie

Dettagli

Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria. GraphicArt FraDabro 2014

Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria. GraphicArt FraDabro 2014 Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria TOSSE Meccanismo protezione delle vie aeree infezioni di origine virale o batterica agenti irritanti ( fumo, polveri, gas) stimoli termici (aria molto

Dettagli

Esercitazione di gruppo

Esercitazione di gruppo 12 Maggio 2008 FMEA FMECA: dalla teoria alla pratica Esercitazione di gruppo PROCESSO: accettazione della gravida fisiologica a termine (38-40 settimana). ATTIVITA INIZIO: arrivo della donna in Pronto

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

Concetto di potenza statistica

Concetto di potenza statistica Calcolo della numerosità campionaria Prof. Giuseppe Verlato Sezione di Epidemiologia e Statistica Medica, Università di Verona Concetto di potenza statistica 1 Accetto H 0 Rifiuto H 0 Ipotesi Nulla (H

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71. Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI

Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71. Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI Lo Spallanzani (2004) 18: 67-71 M. Corsini Atti di Convegni ASMA BRONCHIALE IN ETÀ PEDIATRICA: CASI CLINICI M. CORSINI Unità Operativa di Pediatria - Ospedale di Guastalla (RE) RIASSUNTO L esecuzione della

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli