- 3 scuola media Supplenti annuali scuola elementare - Supplenti annuali scuola media 3 Docenti in compartecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- 3 scuola media Supplenti annuali scuola elementare - Supplenti annuali scuola media 3 Docenti in compartecipazione"

Transcript

1 Istituto Comprensivo «Dozza» DATI STRUTTURALI ANNO DI ISTITUZIONE 1998/1999 PERSONALE IN SERVIZIO NEL CTP Docenti di ruolo scuola elementare Docenti di ruolo scuola media Docenti non di ruolo 1 scuola elementare 3 scuola media Supplenti annuali scuola elementare 1 1 Supplenti annuali scuola media Docenti in compartecipazione 1 di Inglese 10 di Lingue e Informatica con la scuola 1 di Matematica 1 di Italiano TURNOVER Quota dei docenti che lasciano annualmente il CTP Entità del «Nucleo Stabile» dei docenti PRESENZA DI INCARICHI PARTICOLARI NEL CTP Tipo di incarico 80% 1 Collaboratore del Dirigente Scolastico (Funzione Obiettivo) 2 Collaboratori del Dirigente Scolastico 75% 30% 20% 70% 1 Documentazione e produzione materiale didattico (Funzione Obiettivo) 1 Coordinatore del CTP 1 Coordinatore rapporti con Enti esterni (Funzione Obiettivo) 1 Coordinatore dei moduli formativi (Funzione Obiettivo) 1 Incaricato documentazione e monitoraggio 3 Collaboratori dello staff del Dirigente Scolastico 1

2 Istituto Comprensivo «Dozza» ALTRI COLLABORATORI i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazioni Insegnante Collaborazione professionale Insegnanti Collaborazione professionale Insegnanti Collaborazione professionale Numero persone impegnate Attività svolta Alfabetizzazione Insegnamento di Informatica, Storia, Insegnamento di Informatica Letteratura, Economia i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazione Insegnanti Collaborazione professionale Numero persone impiegate 2 Attività svolta Insegnamento di Lingue Straniere i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazione Esperti Collaborazione professionale Numero persone impegnate 1 Attività svolta Insegnamento corso di Fotografia DOTAZIONI STRUTTURALI Esclusiv. CTP Computer Laboratorio di Informatica Lavagne luminose Laboratori linguistici Televisori Videoregistratori Biblioteca Fotocopiatrici Teatro Altri laboratori Altro Comp. Scuola Facilità accesso Esclusiv. CTP Comp. Scuola Facilità accesso Esclusiv. CTP Comp. Scuola Facilità accesso 50 Sì 190 Sì 15 Sì 4 Sì 7 Sì 1 Sì 4 Sì 1 Sì 3 Sì Sì Sì Sì 4 Sì 1 Sì 3 Sì 4 Sì 1 Sì 3 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 4 Sì 7 Sì 2 Sì Sì Sì 1 Sì Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì Sì 2

3 Istituto Comprensivo «Dozza» STORIA Situazione locale precedente Corsi 150 ore Corsi di 150 ore e Università degli Adulti Cause nascita del CTP PRINCIPALI EVENTI ACCADUTI NEL TRIENNIO PASSATO Assetto formale Utenza Offerta formativa Esperienze di 150 ore Decisione ministeriale Cambio di sede del CTP Cambio di direzione Stipula di convenzioni con la FP Aumento generale degli utenti. Aumento degli extracomunitari Aumento corsi culturali. Istituzione di corsi d orientamento Aumento corsi di alfabetizzazione Domanda nel territorio di EdA Esperienza in loco di 150 ore Ruolo attivo della scuola Fusione con Scuola Media di Cesena di due Scuole Medie più una sede distaccata Aumento generale dei corsisti Triplicati i corsi di Informatica, di Lingue straniere, di Inglese. Duplicati i corsi di Francese e Spagnolo. Corsi serali di EdA Domanda del territorio di EdA Ruolo attivo della scuola Decisione ministeriale Stipula di convenzioni con CFP e Università aperte In generale in forte aumento Diminuzione corsi per licenza elementare Aumento corsi di Informatica e Lingue Straniere Risorse umane Stabili Stabili un terzo dei docenti Aumento dei docenti e dei collaboratori esterni. Diminuzione personale ATA Dotazioni strutturali Acquisto di computers e sussidi audiovisivi Convenzione con Istituti Superiori: ITC di Cesena, ITC di Forlì, ITC di Sarsina; e con Scuola Media di Gambettola per utilizzo di laboratori di Informatica con un maggior numero di personal computers Ampliamento dell edificio sede del CTP 3

4 MISSION Descrizione mission attuale Utenze considerate prioritarie Attività da sviluppare Istituto Comprensivo «Dozza» Alfabetizzazione linguistica e culturale Utenze con bassa scolarità e difficile situazione economica Corsi culturali e in particolare di Psicologia Innalzamento del livello culturale della popolazione. Offerta di qualifiche professionali. Promozione di intercultura Situazioni di priorità concordate con gli Enti locali anno per anno Qualunque utenza che esprima una domanda nel territorio Corsi funzionali all acquisizione di competenze trasversali (Unità didattiche di apprendimento ISFOL) e specifiche Alfabetizzazione e istruzione di base rivolta a fasce sociali marginali. Creare occasioni per l Alfabetizzazione funzionale. Rappresentare un riferimento per l EdA sul territorio Immigrati residenti per acquisire titoli di studio Lavoratori per formazione e riconversione professionale Adulti per corsi culturali in generale Dropout Insegnamenti connessi alla multimedialità. Corsi professionalizzanti. Corsi per acquisire abilità sociali 4

5 ORGANIZZAZIONE PROCESSI DECISIONALI Decisori effettivi Collegialità reale Istituto Comprensivo «Dozza» Coordinatori dei Gruppi di Progetto e Docenti del CTP Articolazione degli operatori in gruppi di lavoro Dirigente Scolastico, Coordinatore CTP, Comune Si realizza nelle riunioni mensili dei docenti e degli altri organi del CTP Progettazione del POF Modifica anno dopo anno Modifica annuale in base alle verifiche precedenti e alla domanda dell utenza Livello novità POF Quello relativo ai motivi sopra citati Programmazione delle innovazioni Ruoli esterni nella progettazione Enti locali Formazione Professionale Rilevate in base alle esigenze dell utenza Comuni Centri per stranieri Dirigente Scolastico, e Staff dei Collaboratori sulla base delle indicazioni del Comitato Provinciale per l EdA Si realizza negli organi di coordinamento del CTP Aggiornamento annuale in base all acquisizione di esperienza e ai mutamenti delle attività del CTP È relativo all evoluzione dei fabbisogni formativi dell utenza e alle competenze e risorse disponibili nel CTP Incontri mensili di coordinamento e Staff del Dirigente Scolastico Enti locali 5

6 PROCESSI OPERATIVI E GESTIONALI Gestione delle fasi di emergenza Personale impegnato nella gestione del CTP (% sul totale dei docenti) Livello utilizzo delle risorse finanziarie ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE Tipi di valutazioni effettuate Istituto Comprensivo «Dozza» Gestione attraverso flessibilità organizzativa e progettuale Gestite col coordinamento del Dirigente Scolastico e dello Staff con la suddivisione dei compiti in gruppi di lavoro 20% 10% 60% Totale Valutazioni in itinere e finale dei corsi. Assemblee di classe. Incontri con gli Enti locali Totale Valutazione finale complessiva del Collegio docenti. Questionario di gradimento compilato dagli utenti Totale Valutazione finale da parte del coordinamento del CTP. Questionari di gradimento. Monitoraggio delle attività svolte 6

7 ATTIVITÀ DEL CTP Formazione del personale (attività organizzate dal CTP) Istituto Comprensivo «Dozza» Formazione permanente per docenti neoassunti con tutoraggio Corso di uso didattico delle tecnologie informatiche. Corso di progettazione delle unità formative e delle modalità di certificazione ATTIVITÀ DI FATTO SVOLTE NEL CTP (ESCLUSA LA DIDATTICA) i Descrizione attività Promozione delle attività del CTP Progetto COMENIUS Promozione dei CTP Da chi viene svolta Tutti i docenti 2 operatori Tutti i docenti e personale ATA i Descrizione attività Uscite didattiche Tutoraggio in itinere Accoglienza Da chi viene svolta 3 docenti 2 operatori Tutti i docenti i Descrizione attività Interventi con esperti Test Center patente europea Informazione del computer Da chi viene svolta 4 docenti 10 docenti Docenti e Assistente i Descrizione attività Collaborazione con Università Laboratori della Terza Età Da chi viene svolta 2 docenti Docenti UTENZA Qualità dei rapporti con l utenza Rapporti collaborativi Cooperativi e di stimolo Collaborativi e di reciproco stimolo Utenze problematiche Extracomunitari. Utenza giovanile. Utenza carceraria Adolescenti di casa / famiglia 7

8 Istituto Comprensivo «Dozza» MERCATO E RELAZIONI ESTERNE Soggetti concorrenti nel territorio Scuole secondarie superiori Scuole secondarie superiori Centri privati Promozione delle attività nel territorio CONVENZIONI ESTERNE Volantini. Utilizzo di Enti locali e Sindacati Manifestini. Volantini. Stampa periodica Scuole superiori serali. Scuole private di Informatica e Lingue straniere Materiali illustrativi. Manifesti Comunicati su stampa e tv locali i Soggetto Centri di Formazione Professionale Comuni Casa della Pace Tipo di collaborazione Creazione di una rete di Centri per Utilizzo di locali. Supporto Accoglienza e formazione l EdA finanziario. Promozione Qualità del rapporto 1 Indice 5 Indice 3 i Soggetto Istituti Professionali di Stato Provincia Università Aperta Tipo di collaborazione Progettazione Uso locali. Promozione corsi. Formazione Individuazione fabbisogni Qualità del rapporto Indice 5 Indice 3 Indice 4 i Soggetto Università della Terza Età Comunità montana Centri di Formazione Professionale Tipo di collaborazione Convenzione per insegnamento Promozione corsi. Formazione e Orientamento Individuazione fabbisogni Qualità del rapporto Indice 5 Indice 6 i Soggetto Scuole di diverso grado Provincia Tipo di collaborazione Uso locali e materiali di Promozione e progetti integrati segreteria Qualità del rapporto Indice 6 i Soggetto Scuole Tipo di collaborazione Utilizzo di laboratori e di aule Qualità del rapporto Indice 6 Risorse esterne Comuni. Risorse finanziarie Scuole Superiori. Risorse logistiche Logistiche Scuole e Comuni. Utilizzo di aule 1 Indice 1 = insoddisfacente; Indice 7 = soddisfacente 8

9 PROBLEMI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO DEL CTP DISPONIBILITÀ DI RISORSE UMANE Istituto Comprensivo «Dozza» i Livello di criticità 2 Indice 6 Indice 7 Indice 3 Istituire l organico funzionale pluriennale Minore mobilità dei docenti. Esigenza di docenti più esperti Necessità di competenze professionali specifiche (es. in campo informatico FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE i Livello di criticità Indice 6 Indice 3 Indice 3 Formazione più coerente alla situazione operativa dei docenti realizzata con attività di ricerca / azione Migliorare la responsabilità operativa dei docenti RICERCA EDUCATIVA i Livello di criticità Indice 6 Indice 4 Indice 3 Esigenza di lavorare su Migliorare l analisi dei progetti mirati fabbisogni del territorio ABBANDONO DA PARTE DEI CORSISTI i Livello di criticità Indice 3 Indice 4 Indice 4 Organizzare corsi più brevi, Adeguare gli orari dei corsi alle esigenze Migliorare l organizzazione modulari e flessibili dei corsisti stranieri dell offerta formativa RAPPORTO CON LA FP PER L INTEGRAZIONE FORMATIVA i Livello di criticità Indice 2 Indice 1 Indice 4 Maggiore equità nella suddivisione delle risorse fra Scuola e FP 2 Indice 1 = bassa criticità; Indice 7 = alta criticità 9

10 RAPPORTI CON ALTRI SOGGETTI PER L INTEGRAZIONE Istituto Comprensivo «Dozza» i Livello di criticità Indice 2 Indice 2 Indice 2 Migliorare il rapporto con la Provincia per una reale integrazione RISORSE FINANZIARIE i Livello di criticità Indice 6 Indice 4 Indice 5 Richiesta di finanziamenti Esigenza di un maggiore contributo Aumento quantitativo e necessità di più elevati e più rapidi del MPI e di alcuni comuni una sicura disponibilità per la progettazione annuale LOGISTICA (EDIFICIO, SPAZI ) i Livello di criticità Indice 6 Indice 3 Indice 4 Esigenza di spazi specifici per i CTP Esigenza di disporre di maggiori Esigenza di numero maggiore di spazi delle scuole aule ATTREZZATURE DIDATTICHE E DI UFFICIO i Livello di criticità Indice 2 Indice 3 Indice 2 Migliorare le dotazioni in generale QUALITÀ DELLE POLITICHE TERRITORIALE SULLA EDA i Livello di criticità Indice 6 Indice 4 Indice 5 Esigenza di promuovere programmi Insensibilità e disinteresse da parte territoriali vincolanti di alcuni comuni Migliorare il confronto tra i diversi soggetti per una maggiore integrazione dei percorsi 10

11 RAPPORTI CON IL PROVVEDITORATO AGLI STUDI Istituto Comprensivo «Dozza» i Livello di criticità Indice 6 Indice 5 Indice 4 Esigenza di ricevere indicazioni precise RAPPORTI CON L IRRE Riduzione del turnover dei docenti. Aumento personale amministrativo. Aumento fondi per materiali didattici Necessità di definire la transizione tra il vecchio e il nuovo assetto istituzionale i Livello di criticità Indice 3 Indice 1 Indice 2 Organizzare attività di ricerca / azione più congruenti ai bisogni del territorio RAPPORTI CON GLI ALTRI CTP DELLA PROVINCIA i Livello di criticità Indice 1 11

12 Distretto 18 (10 Circolo) di Modena DATI STRUTTURALI Anno di istituzione 1998 PERSONALE IN SERVIZIO 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Sc. Elementare Sc. Media Sc. Elementare Sc. Media Sc. Elementare Sc. Media Docenti di ruolo Docenti non di ruolo 2 Supplenti annuali 3 2 Docenti in compartecipazione con la scuola 1 Alfabetizzazione TURNOVER Quota docenti che lasciano il CTP annualmente Entità del «Nucleo Stabile» dei docenti PRESENZA DI INCARICHI PARTICOLARI Tipo di incarico 100% 1 Coordinatore operativo (Funzione Obiettivo) 1 Tutor esami CELI (Funzione Obiettivo) 2 Tutors Italiano a distanza 2 Coordinatori di CFP 0% 30% 100% 45% 1 Insegnante elementare (Funzione Obiettivo) 1 Coordinatore operativo (Funzione Obiettivo) 1 Cooperatore operativo 12

13 Distretto 18 (10 Circolo) di Modena 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma ALTRI COLLABORATORI i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazione Insegnanti Collaborazione volontaria Insegnanti Collaborazione professionale Numero persone impiegate 1 2 Attività svolta Insegnamento di Italiano Alfabetizzazione degli stranieri i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazione Centri stranieri Collaborazione volontaria Esperti esterni Collaborazione professionale Numero persone impiegate Variabile 50 Attività svolta Insegnamento di Italiano Insegnamento di Informatica, Lingue straniere, Cultura generale Formatori Collaborazione professionale i Ruolo e funzioni. Tipo di collaborazione Fotografo Collaborazione professionale Numero persone impiegate Attività svolta Organizzazione di mostre Insegnamento in corsi di Qualificazione professionale (20). Insegnamento di Informatica (15) DOTAZIONI STRUTTURALI Esclusiv. CTP Computers 11 Laboratorio di Informatica 1 Lavagne luminose 4 Laboratori linguistici Televisori 3 Videoregistratori 3 Biblioteca 1 Fotocopiatrici 1 Teatro Altri laboratori Altro 1 Comp. Scuola Facilità accesso Esclusiv. CTP Comp. Scuola Facilità accesso Esclusiv. CTP Comp. Scuola Facilità accesso 5 Sì 120 Sì 2 Sì 10 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 Sì 1 1 Sì 5 Sì 11 Sì 13

14 STORIA Situazione locale precedente Cause nascita del CTP PRINCIPALI EVENTI ACCADUTI NELL ULTIMO TRIENNIO Assetto formale Distretto 18 (10 Circolo) di Modena Notevole quantità e articolazione di esperienze con ruolo primario degli Enti locali Iniziativa Enti locali (Comune, Provincia) Ruolo attivo della scuola Decisione ministeriale 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Corsi di Alfabetizzazione e di 150 ore Esperienze in loco di corsi 150 ore e di Eda Decisione ministeriale Unificazione attività di due Distretti Sviluppo di convenzioni con esterni Cambiamento di Dirigenti Utenza Elevato aumento extracomunitari Raddoppiata nel corso di un anno Aumento della frequenza di donne straniere Offerta formativa Corsi di Informatica triplicati Corsi di Inglese raddoppiati Licenza media stabile Corsi CELI. Corsi CILS di Italiano a distanza Risorse umane Stabili Dotazioni strutturali Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Corsi 150 ore e corsi di approfondimento culturale Ruolo attivo della scuola nel territorio Iniziativa degli Enti locali Domanda di EdA proveniente dal territorio Cambiamento di Dirigenti Scolastici. Accorpamento con un Istituto Comprensivo Convenzioni con CFP Aumento degli utenti dei corsi di Cultura generale e dell area artistica Diminuzione dei corsi di Licenza media Aumento dei corsi di Italiano per stranieri Stabili Acquisto computers e laboratorio di Informatica 14

15 MISSION Descrizione mission attuale Utenze considerate prioritarie Distretto 18 (10 Circolo) di Modena Dare risposta ai bisogni degli adulti con bassa scolarità Utenti con bassa scolarità Analfabeti funzionali Stranieri Detenuti 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Attenzione particolare ai problemi dell utenza straniera con l obiettivo di creare processi di interazione culturale Analfabeti Stranieri Attività da sviluppare Corsi di Italiano per stranieri Informatica Lingue straniere Corsi per la Licenza media Corsi di Italiano Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Contributo allo sviluppo della formazione degli adulti nel territorio. Creazione di un Centro di servizi e di orientamento Utenti con bassa scolarità Utenti per Alfabetizzazione funzionale e strumentale Corsi di Alfabetizzazione Corsi di Lingue Sviluppo di attività di accoglienza 15

16 ORGANIZZAZIONE PROCESSI DECISIONALI Decisori effettivi Collegialità reale Progettazione del POF Livello novità del POF Programmazione delle innovazioni Ruoli esterni nella progettazione Distretto 18 (10 Circolo) di Modena 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Docenti del CTP Gli insegnanti del CTP e Dirigente Scolastico Si realizza nelle riunioni settimanali Limitata a causa della distanza dei docenti delle sedi del CTP La struttura di base è la stessa degli Non esiste un vero e proprio POF; anni passati, con modifiche dovute si risponde ai bisogni degli iscritti alle nuove convenzioni firmate dal CTP Limitato ad alcune novità parziali ogni anno Vengono rilevate e decise dai docenti in base al contatto diretto con l utenza Biblioteche Comuni CFP Centro Stranieri Scuola secondaria superiore Viene discussa con gli Enti locali Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Corpo docente, Coordinatore e Dirigente scolastico Buona La struttura generale del POF è costante anno dopo anno Subisce mutamenti solo in base alle esigenze dell utenza, sul piano didattico e metodologico Proviene dalle richieste presentate dagli Enti locali e dagli insegnanti e dalle richieste dei corsisti Comuni CFP Comuni Associazionismo culturale 16

17 PROCESSI OPERATIVI E GESTIONALI Gestione delle fasi di emergenza Personale impiegato nella gestione del CTP (% sul totale dei docenti) Livello utilizzo delle risorse finanziarie ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE Tipi di valutazione effettuate Distretto 18 (10 Circolo) di Modena Vengono gestite nel corso delle riunioni settimanali (vedi sopra) 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Viene affrontata dai singoli insegnanti e dal Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Attraverso il Comitato operativo formato da Coordinatore, Dirigente Scolastico, Direttore dei servizi generali e amministrativi, Assistente amministrativo 70% 100% 25% Totale Valutazione finale complessiva del Collegio docenti. Questionario di valutazione compilato dagli utenti sulla qualità dei corsi e sull organizzazione del CTP Totale Riunioni finali dei docenti. Test di monitoraggio Totale Incontri periodici dei docenti del CTP. Test di monitoraggio 17

18 ATTIVITÀ DEL CTP Formazione del personale (attività organizzate dal CTP) Distretto 18 (10 Circolo) di Modena Corso di formazione sulla didattica modulare e ruolo del CTP Corso di formazione sulle unità di apprendimento capitalizzabili 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma ATTIVITÀ DI FATTO SVOLTE NEL CTP (ESCLUSA LA DIDATTICA) i Descrizione attività Collaborazioni con la Reperimento delle sedi Uscite didattiche Biblioteca Civica Da chi viene svolta Corsi scuola media Insegnanti Insegnanti di Lettere i Descrizione attività Organizzazione Cineforum Reperimento delle attrezzature Promozione del CTP Da chi viene svolta Corsi scuola media Insegnanti Dirigente Scolastico, Coordinatore e personale del CTP i Descrizione attività Organizzazione teatro Raccolta delle iscrizioni Costruzione del sito Web Da chi viene svolta Corsi scuola media in collaborazione Insegnanti Coordinatore con scuola serale superiore i Descrizione attività Sportello di accoglienza per stranieri Da chi viene svolta Insegnanti i Descrizione attività Organizzazione convegni di studio Da chi viene svolta Dirigente Scolastico, Coordinatore, Direttore dei servizi generali e amministrativi, docenti UTENZA Qualità dei rapporti con l utenza Rapporti cooperativi e di scambio reciproco Collaborativi e di reciproco stimolo Utenze problematiche Giovani di 1620 anni Donne dell Est europeo per l elevato livello di scolarizzazione Donne arabe per frequenza incostante causata da problemi familiari 18 Collaborativi e di reciproco stimolo

19 Distretto 18 (10 Circolo) di Modena MERCATO E RELAZIONI ESTERNE Soggetti concorrenti nel territorio Associazioni culturali diverse Promozione delle attività nel territorio Pubblicità. Manifesti. Radio locali. Giornali locali 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) CFP. Associazioni di volontariato. Università del tempo libero Pubblicità. Locandine Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma Scuole private Locandine. Comunicati stampa. Volantini CONVENZIONI ESTERNE i Soggetto Comune. Biblioteca «Delfini» Comune Comuni Tipo di collaborazione Iscrizioni. Percorso di lettura Raccolta iscrizioni. Finanziamento. Qualità del rapporto 1 Indice 6 Indice 6 Indice 6 i Soggetto Provincia Scuole CFP Tipo di collaborazione Supporto al CTP Raccolta di iscrizioni e docenza Qualità del rapporto Indice 6 Indice 6 Indice 4 i Soggetto Scuole superiori Provincia Tipo di collaborazione Supporto all insegnamento della Progettazione e finanziamento Lingua italiana Qualità del rapporto Indice 6 Indice 5 i Soggetto Modena Formazione Associazioni culturali Tipo di collaborazione Supporto all insegnamento della Progettazione e gestione attività Lingua italiana Qualità del rapporto Indice 4 Indice 5 i Soggetto Città dei Ragazzi Tipo di collaborazione Supporto all insegnamento della Lingua italiana Qualità del rapporto Indice 4 Risorse esterne Comune. Risorse finanziarie e logistiche Esperti esterni Consulenti tecnicoprofessionali Risorse finanziarie da Enti locali 1 Indice 1 = insoddisfacente; Indice 7 = soddisfacente 19

20 PROBLEMI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO DEL CTP DISPONIBILITÀ DI RISORSE UMANE Distretto 18 (10 Circolo) di Modena 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma ilivello di criticità 2 Indice 7 Indice 7 Indice 7 Necessità di un organico funzionale Maggiore dotazione organica di Richiesta di un organico funzionale insegnanti e di insegnanti alfabetizzatori FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE ilivello di criticità Indice 1 Indice 1 Indice 5 Sviluppare attività di formazione specifica per i docenti neoassunti RICERCA EDUCATIVA ilivello di criticità Indice 1 Indice 1 Indice 3 ABBANDONO DA PARTE DEI CORSISTI ilivello di criticità Indice 5 Indice 3 Indice 4 Offrire opportunità formative coerenti ai bisogni dell utenza in tempi brevi Stipula di un patto formativo con l utenza. Individuazione di corsi utili per gli utenti RAPPORTO CON LA FP PER L INTEGRAZIONE FORMATIVA ilivello di criticità Indice 3 Indice 3 Attività ancora poco sviluppata Miglior qualità delle convenzioni RAPPORTI CON ALTRI SOGGETTI PER L INTEGRAZIONE ilivello di criticità Indice 1 Indice 1 2 Indice 1 =bassa criticità; Indice 7 = alta criticità 20

21 Costruire una formazione integrata Distretto 18 (10 Circolo) di Modena 1 Circolo di Scandiano (Reggio Emilia) Istituto Comprensivo «San Secondo» di Parma RISORSE FINANZIARIE ilivello di criticità Indice 2 Indice 7 Indice 3 Contributi certi alla stesura del POF Aumento delle risorse finanziarie LOGISTICA (EDIFICIO, SPAZI ) ilivello di criticità Indice 1 Indice 7 Indice 5 Esigenza di spazi polifunzionali Non esiste una struttura adeguata Necessità di spazi più ampi ATTREZZATURE DIDATTICHE E DI UFFICIO ilivello di criticità Indice 1 Indice 6 Indice 3 Necessità di un ufficio di segreteria Spazi / attrezzature proprie del CTP QUALITÀ DELLE POLITICHE TERRITORIALE SULLA EDA ilivello di criticità Indice 2 RAPPORTI CON IL PROVVEDITORATO AGLI STUDI Indice 2 ilivello di criticità Indice 6 Indice 5 Indice 5 Esigenza di riconoscimento della Richiesta di coordinamento reale. Richiesta di assegnazione di organico specificità della tipologia di scuola più ampio Aumento dell organico di personale Rapporti con l IRRE ilivello di criticità Indice 1 Indice 3 Indice 2 RAPPORTI CON GLI ALTRI CTP DELLA PROVINCIA ilivello di criticità Indice 1 Indice 4 Indice 3 Necessità di un coordinamento tra i Migliorare il coordinamento provinciale fra dirigenti CTP 21

OFFERTA FORMATIVA CTP

OFFERTA FORMATIVA CTP ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI -SILVI OFFERTA FORMATIVA CTP SEZIONE POF 2014-15 Centro territoriale permanente Il Centro Territoriale Permanente è "luogo di lettura dei bisogni, di progettazione, di concertazione,

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Con il patrocinio della Convegno Nazionale Riconoscimento, validazione

Dettagli

I fabbisogni formativi dell utenza. Modalità di rilevazione adottate dai CTP

I fabbisogni formativi dell utenza. Modalità di rilevazione adottate dai CTP II I fabbisogni formativi dell utenza. Modalità di rilevazione adottate dai CTP Questa parte della ricerca riguarda le modalità utilizzate dai CTP per rilevare i fabbisogni formativi dell utenza. A tale

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA P.O.F PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2008-09

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA P.O.F PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2008-09 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Sede: via Malpighi, 2, 40017, San Giovanni in Persiceto (BO) Tel. 051-821256

Dettagli

PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014

PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 UNA RETE TERRITORRIALE DI SERVIZIO Il 32 CTP ha un ruolo di centralità nel territorio di Latina e borghi limitrofi grazie alla sua

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

AO SCOLASTICO 2012/ 2013 PIAO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL C.T.P. PIAO DELL OFFERTA PERSOALE ED ORARI DEL C.T.P. COTESTO SOCIO ECOOMICO E CULTURALE

AO SCOLASTICO 2012/ 2013 PIAO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL C.T.P. PIAO DELL OFFERTA PERSOALE ED ORARI DEL C.T.P. COTESTO SOCIO ECOOMICO E CULTURALE AO SCOLASTICO 2012/ 2013 P. O. F. PIAO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL C.T.P. Nell ambito del programma Nazionale di sperimentazione Dell autonomia PIAO DELL OFFERTA PERSOALE ED ORARI DEL C.T.P. D.M. 179 del

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena Accordo di Rete fra i CTP della provincia di Modena 1 L anno duemilanove il giorno 22 gennaio 2010 i Dirigenti Scolastici - Stentarelli Claudio CTP di Carpi - Campagnoli Paola CTP di Mirandola - Calanchi

Dettagli

Brochure Informativa. CIOFS-FP Emilia-Romagna Progetti formativi per un futuro concreto

Brochure Informativa. CIOFS-FP Emilia-Romagna Progetti formativi per un futuro concreto Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale CIOFS-FP E/R: Via Jacopo della Quercia, 4 40128 Bologna Tel. 051 361654 6316280 Fax 051 372123 ciofsbo@tin.it www.ciofsbo.org C.F. 92028510375

Dettagli

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI La proposta EDA, al fine di consentire una personalizzazione ed una differenziazione dei percorsi, è stata costruita secondo una logica modulare e flessibile, strutturata su un

Dettagli

C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2010/11 Istituto Comprensivo di Pieve di Cadore Premessa

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA Il Centro Territoriale Permanente (C.T.P.) è il settore dell Istituto comprensivo E. C. Davila che si occupa di istruzione

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE PROGETTO n. 1: RETE CON LO SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI DI VERDELLINO E CON GLI ENTI LOCALI DEL TERRITORIO (PIANO DI ZONA L.328/2000) A- PROGETTUALITÀ DELL ISTITUTO PROGETTO

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA ADRIA E BASSO POLESINE Anno scolastico 2006 2007

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA ADRIA E BASSO POLESINE Anno scolastico 2006 2007 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETA ADULTA ADRIA E BASSO POLESINE Anno scolastico 2006 2007 DOCUMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA La nozione di Istruzione e Formazione Permanente

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione in Età Adulta presso ISTITUTO COMPRENSIVO SONDRIO PAESI OROBICI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2012/2013 Approvato dal Collegio

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

da Centri Territoriali Permanenti Centri provinciali di Istruzione per Adulti di Augusta Marconi

da Centri Territoriali Permanenti Centri provinciali di Istruzione per Adulti di Augusta Marconi da Centri Territoriali Permanenti a Centri provinciali di Istruzione per Adulti di Augusta Marconi Introduzione QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. Attualmente

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio Mariagrazia Santagati Università Cattolica, Fondazione Ismu Mariagrazia Santagati Università Cattolica Fondazione Ismu

Dettagli

Programmazione delle attività didattiche del Centro Territoriale Permanente Valtiberina. Anno scolastico 2010-2011

Programmazione delle attività didattiche del Centro Territoriale Permanente Valtiberina. Anno scolastico 2010-2011 Programmazione delle attività didattiche del Centro Territoriale Permanente Valtiberina Anno scolastico 2010-2011 Il CTP VALTIBERINA istituito con decreto del Provveditore agli studi Arezzo nel giugno

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL CTP N 1 DELL AQUILA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL CTP N 1 DELL AQUILA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DEL CTP N 1 DELL AQUILA I CTP, istituiti su tutto il territorio nazionale dal Ministero della Pubblica Istruzione, coordinano le attività di istruzione e formazione degli adulti

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Anno di formazione e relazione finale

Anno di formazione e relazione finale Bergamo Anno di formazione e relazione finale Lunedì 24 novembre 2014 R. Rovaris Rita Rovaris 1 Istituito con la legge 270/82 e previsto dall art. 68 del CCNL 2006-2009. E un OBBLIGO. Requisiti: essere

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Di Santo Teresa. Telefono 0693660246 Fax 0693661258 E-mail t.disanto@provincia.roma.it. Data di nascita 17/10/1956

INFORMAZIONI PERSONALI. Di Santo Teresa. Telefono 0693660246 Fax 0693661258 E-mail t.disanto@provincia.roma.it. Data di nascita 17/10/1956 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Di Santo Teresa Telefono 0693660246 Fax 0693661258 E-mail t.disanto@provincia.roma.it Data di nascita 17/10/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Patrizia Gelmetti IRRE Lombardia MILANO - 8 febbraio 2005

Patrizia Gelmetti IRRE Lombardia MILANO - 8 febbraio 2005 Buone prassi, fattori di qualità, elementi di criticità. Richieste. Proposte Sintesi delle schede elaborate dai CTP delle Province di Milano, Bergamo, Brescia, Pavia, Sondrio, Varese IRRE Lombardia MILANO

Dettagli

dirigente scolastico Istituto Comprensivo G.Lombardo. Radice Siracusa,dall a.s. 2007-2008

dirigente scolastico Istituto Comprensivo G.Lombardo. Radice Siracusa,dall a.s. 2007-2008 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FRONTE CARMELA Indirizzo VIA AUGUSTA 52 96100 SIRACUSA Telefono 0931 750646/093168072 cell 368 3123297 Fax

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta IL TEMPO SCUOLA ORDINARIO 30 ORE SETTIMANALI

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE ATTIVITA e PROGETTI DELL ISTITUTO Anno scolastico 2014/2015

SCHEDA PRESENTAZIONE ATTIVITA e PROGETTI DELL ISTITUTO Anno scolastico 2014/2015 SCHEDA PRESENTAZIONE ATTIVITA e PROGETTI DELL ISTITUTO Anno scolastico 2014/2015 Progetto CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA. PER UNA SCUOLA SERALE INCLUSIVA. Docente responsabile Beppuccio NICOLOSI Gruppo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. Anno scolastico 2008/09

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. Anno scolastico 2008/09 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2008/09 Il Piano dell Offerta formativa 2008/09 è stato deliberato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 26 giugno 2008, con delibera n. 27/2008. CENTRO

Dettagli

Cosa è il CTP EdA. INTRODUZIONE: presentazione del C.T.P.

Cosa è il CTP EdA. INTRODUZIONE: presentazione del C.T.P. ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria 1 grado Via A. Volta, 1-24060 VILLONGO (BG) / 035 927200 e-mail: segreteria.icv@virgilio.it Cosa è il CTP EdA Il Centro Territoriale Permanente

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE E.D.A. DI OLGIATE E LOMAZZO. Intervento di Renato Tettamanti

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE E.D.A. DI OLGIATE E LOMAZZO. Intervento di Renato Tettamanti CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE E.D.A. DI OLGIATE E LOMAZZO Intervento di Renato Tettamanti C.T.P.-E.D.A. DI OLGIATE E LOMAZZO il Centro Territoriale Permanente (C.T.P.) opera: ad Olgiate e Lomazzo dal

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Lettera Rev. 4 del 01/06/2010

Documentazione SGQ SIRQ Lettera Rev. 4 del 01/06/2010 RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALLEGATA AL CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO DELL ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il P.O.F. dell Istituzione Scolastica, regolarmente predisposto e deliberato

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni.

Il progetto vuole essere una risposta concreta delle Istituzioni Scolastiche e del territorio alle richieste legislative degli ultimi anni. DSA 2 il progetto distrettuale Istituti Comprensivi di Castellarano, Casalgrande, Rubiera, Baiso Viano, Scandiano Boiardo,Scandiano Spallanzani ( R.E) Istituto Superiore Gobetti di Scandiano Progetto Crescere

Dettagli

Progetto E + Corso extracurriculare di arricchimento della lingua inglese. PRIMA FASE: periodo ottobre-dicembre anno 1

Progetto E + Corso extracurriculare di arricchimento della lingua inglese. PRIMA FASE: periodo ottobre-dicembre anno 1 UNITA DIDATTICA 1 - INFORMAZIONE DI SISTEMA Progetto E + Corso extracurriculare di arricchimento della lingua inglese ipotesi di soluzione PRIMA FASE: periodo ottobre-dicembre anno 1 Decisione didattica

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE IN ETÀ ADULTA. Scuola Secondaria Statale di 1 Grado A.Belvedere Vico Acitillo 90 Napoli

CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE IN ETÀ ADULTA. Scuola Secondaria Statale di 1 Grado A.Belvedere Vico Acitillo 90 Napoli CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE IN ETÀ ADULTA Scuola Secondaria Statale di 1 Grado A.Belvedere Vico Acitillo 90 Napoli Anno Scolastico 2014/2015 PIANO OFFERTA FORMATIVA PREMESSA Il Centro

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI

ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI Organigramma P.O.F. 2011-2012 ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DELLE RISORSE UMANE INTERNE GRUPPI DI LAVORO E COMMISSIONI - Staff direttivo. - Figure strumentali. - Servizio prevenzione e protezione dei rischi.

Dettagli

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Chi siamo Denominazione Istituto Scolastico "M.M.MILANO" POLISTENA Codice meccanografico della sede centrale RCTF030008 Indirizzo VIA DELLO SPORT, Polistena

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PREMESSA Facilitare l'ingresso nel nostro sistema scolastico ai ragazzi provenienti da altre nazionalità e culture, sostenerli nella fase di adattamento al nuovo contesto e favorire

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE A FAVORE DEI MINORI DI ORIGINE STRANIERA. Anno scolastico 2010-2011

MEDIAZIONE LINGUISTICA INTERCULTURALE A FAVORE DEI MINORI DI ORIGINE STRANIERA. Anno scolastico 2010-2011 Istituto Comprensivo Parziale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) con sezioni di Scuola Secondaria di 1 grado di Cavaria e Jerago e Scuola Primaria di Cavaria, Jerago e Orago Tel:

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE Prot. 16164 Milano,10 Ottobre 2005 Intesa tra L Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

32 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE per l'istruzione e la formazione in età adulta c/o I.C. "A. VOLTA" LATINA Telefono e Fax 0773/693372

32 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE per l'istruzione e la formazione in età adulta c/o I.C. A. VOLTA LATINA Telefono e Fax 0773/693372 32 CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE per l'istruzione e la formazione in età adulta c/o I.C. "A. VOLTA" LATINA Telefono e Fax 0773/693372 32 CTP Latina via S. Botticelli SITUAZIONE SOCIO-AMBIENTALE L'I.C.

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3. Cod. Ministeriale GEMM867015 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2013/14 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO P.LE SAN FRANCESCO 3 Cod. Ministeriale GEMM867015 LINEE ESSENZIALI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 FINALITÀ La nostra

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012

PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012 Pagina: 1 di 10 Parte 1 - Titolo del progetto Indicare la denominazione del progetto PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012 Responsabile progetto e Gruppo di lavoro Indicare Il responsabile del progetto

Dettagli

PRESIDENZA E AMMINISTRAZIONE: Via Prolungamento Piazza Gramsci - Tel. 0836/571753 - e-mail: presmartano@tin.it - martuff@tin.it

PRESIDENZA E AMMINISTRAZIONE: Via Prolungamento Piazza Gramsci - Tel. 0836/571753 - e-mail: presmartano@tin.it - martuff@tin.it ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Via Prolungamento Piazza Gramsci Tel. e Fax: 0836/575455 e-mail: itcmartano@lycosmail.com Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore "Salvatore Trinchese" http://utenti.tripod.it/martanoscuole

Dettagli

Scheda P PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DELL AUTONOMIA SCHEDA DI PRESENTAZIONE

Scheda P PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DELL AUTONOMIA SCHEDA DI PRESENTAZIONE Scheda P PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE DELL AUTONOMIA SCHEDA DI PRESENTAZIONE circolo didattico/istituto ( ordine, grado, denominazione) DIREZIONE DIDATTICA E. DE AMICIS indirizzo Via Aspromonte 35 città

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003)

IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) IL SISTEMA DI FORMAZIONE PERMANENTE DELLA REGIONE PIEMONTE Scheda informativa a cura dell Area Sistemi Formativi dell Isfol (marzo 2003) 1. Le politiche regionali di istruzione e formazione permanente

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE Liceo Antonio Rosmini - Trento LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE ISCRIZIONE Il Liceo delle Scienze umane opz. economico sociale corso serale è rivolto a studenti che abbiano

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco

Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco Istituto Comprensivo Via Aldo Moro Buccinasco La Scuola Classi : scuola formata da 7 corsi completi 21 classi 14 tempo normale e 7 tempo prolungato Organico docenti: circa 55 docenti quasi tutti di ruolo

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI FORMATIVI

CARTA DEI SERVIZI FORMATIVI CARTA DEI SERVIZI FORMATIVI 1. Generalità e obiettivi. Questa carta dei servizi dell Agenzia Formativa dell I.I.S Roncalli Sarrocchi di Poggibonsi ha lo scopo di illustrare brevemente la nostra struttura

Dettagli

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA MEDIA STATALE L COLETTI DI TREVISO Via Abruzzo, n1-31100 Treviso (TV) Tel 0422-230913 - Fax 0422-436476 e-mail: info@ctptreviso2it PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Progetto Lingue 2000

Progetto Lingue 2000 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale Progetto Lingue 2000 Monitoraggio Locale Scheda Dirigente / Docente Referente Lingue 2000 1 DATI ANAGRAFICI DELL ISTITUZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo "E. Toti" - Musile di Piave PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA PREMESSA PIANO TRIENNALE FORMAZIONE DOCENTI ED ATA TRIENNIO

Dettagli

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI

PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO ALUNNI IMMIGRATI ALUNNI STRANIERI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Nel nostro istituto gli studenti stranieri sono 98 (il 17,2 % della totalità degli studenti) di cui 26 alla

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Istituto Scolastico Comprensivo Statale S. GIOVANNI BOSCO Sc. Infanzia, Primaria e Secondaria di I g. San Salvatore Telesino Castelvenere Distretto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi

I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi I CENTRI TERRITORIALI DI EDUCAZIONE PERMANENTE di Augusta Marconi Se l offerta formativa integrata tra università, scuole ed agenzie di formazione professionale, favorita da Governo e Regioni, potrà rispondere

Dettagli

IN UN ANTICO PALAZZO NEL CUORE DEL CENTRO STORICO DI ASTI C È IL NOSTRO LICEO FREQUENTATO DA 1000 RAGAZZI

IN UN ANTICO PALAZZO NEL CUORE DEL CENTRO STORICO DI ASTI C È IL NOSTRO LICEO FREQUENTATO DA 1000 RAGAZZI IN UN ANTICO PALAZZO NEL CUORE DEL CENTRO STORICO DI ASTI C È IL NOSTRO LICEO FREQUENTATO DA 1000 RAGAZZI AL LORO SERVIZIO IL DIRIGENTE SCOLASTICO, PROF. GIORGIO MARINO, GLI 80 DOCENTI E I 21 ATA (segreteria,

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

Eurosofia: Offerta formativa 2015/2016. Offerta formativa 2015/2016

Eurosofia: Offerta formativa 2015/2016. Offerta formativa 2015/2016 Offerta formativa 2015/2016 Eurosofia: chi siamo EUROSOFIA Ente Italiano di Formazione Europea Professionale e di Ricerca è un associazione, la cui mission è istituire servizi di formazione e di ricerca-studio

Dettagli

Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008

Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008 Rapporto di monitoraggio dell Istruzione degli Adulti Basilicata Anno scolastico 2007/2008 Indice Introduzione I dati in sintesi 1. Le sedi 1.1. Le tipologie 1.2. La distribuzione dei Centri Territoriali

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli