Obiettivi: scopo del presente lavoro è quello di rilevare quanto la ricerca nell ambito sociologico e dell epidemiologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivi: scopo del presente lavoro è quello di rilevare quanto la ricerca nell ambito sociologico e dell epidemiologia"

Transcript

1 Rassegne bibliografiche Possono gli operatori professionali del gioco d azzardo e gli esercenti dei locali del gioco influenzare in senso preventivo le condotte dei giocatori? Analisi e revisione della letteratura Augusto Consoli 1, Elsa Marcaccini 1, Lorena Camera 1 1 Dipartimento di Patologia delle Dipendenze C. Olievenstein, A.S.L. TO2, Torino Obiettivi: scopo del presente lavoro è quello di rilevare quanto la ricerca nell ambito sociologico e dell epidemiologia sociale abbia esplorato il ruolo degli esercenti dei diversi tipi di locali di gioco, all interno delle possibili influenze che il setting nel quale si svolge il gioco d azzardo può avere sull andamento del fenomeno. Metodo: il lavoro parte da una breve analisi dei fattori soggettivi e delle componenti sociali, e delle relative rappresentazioni, che interagiscono nell evoluzione del fenomeno del GAP presso la popolazione. Successivamente viene riportata una revisione della letteratura sviluppata nel contesto italiano e internazionale che consente di rilevare la complessità dei molteplici aspetti in studio. Risultati: rispetto agli esiti emergono degli interessanti rilievi, tra cui il fatto che quasi tutti gli studi sono svolti su personale che opera nel campo del gioco d azzardo con ruolo professionale (gestori di casinò, sale giochi e scommesse ecc.). Buona parte di questi studi tratta le criticità relative ai rischi, per questi lavoratori, di incorrere in modalità di gioco problematico mentre una minore parte si occupa di studiare le strategie messe in atto per individuare e fronteggiare modalità di gioco d azzardo patologico tra i clienti dei locali. In particolare a livello internazionale si sono riscontrati pochi studi sugli esercizi non esclusivamente dedicati al gioco d azzardo, all interno dei quali opera personale generalmente non specializzato, mentre negli studi realizzati a livello nazionale si osserva una maggiore focalizzazione su queste tipologie di locali. Conclusioni: complessivamente non risulta analizzata in modo approfondito l interazione tra gestore e giocatori e le sue possibili influenze sulla condotta di gioco, ed emerge come non sia presente nei gestori una realistica consapevolezza delle problematicità presenti né l assunzione di un compito di supporto per un gioco meno rischioso o di prevenzione nei riguardi dei soggetti con tendenza a comportamenti più problematici. Vengono infine evidenziati alcuni spunti e ipotesi relative sia all utilità di intraprendere alcune possibili azioni sulla formazione degli operatori e sulla regolamentazione del gioco che ad alcune prospettive di future ricerche. Parole chiave: gioco d azzardo, locali da gioco, personale locali gioco, prevenzione, riduzione del danno, gioco responsabile Can gambling workers influence in a preventive way the gamblers behaviours? A review of the literature Objectives: the purpose of this paper is to detect how sociology and social epidemiology have explored the role of the operators as one of the possible factors which influence gambling behaviors. Methods: the work begins with a brief analysis of the subjective factors, social components and representations, which interact in the evolution of the phenomenon of PG among the population. Are then given the results of the review of the literature produced in Italy and internationally, that highlight the complexity of the many dimensions observed. Results: from the review some interesting findings have emerged, including that almost all studies have been conducted on staff working Contatti: Dott. Augusto Consoli Direzione del Dipartimento di Patologia delle Dipendenze, C. Olievenstein, A.S.L. TO2 C.so Vercelli, Torino Italy tel: /508 Fax:

2 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero in the field of gambling at professional level (operators of casinos, gambling halls etc.). Most of these studies have investigated the risk for these workers to run into problematic gambling mods, while only few have investigated the strategies adopted to identify and face pathological gambling among patrons. We have found few international studies on those venues, the majority, where gambling activities, as lotteries and slot machines, take places and where there are not qualified operators skilled in gambling activities. The studies conducted at national level, on the other hand, are focused on non-professionals operators, but the interaction between operators and gamblers, and its possible influence on gambling behaviors, is not deeply analyzed. Conclusions: on the whole, the interaction between operators and gamblers seems to be not deeply analyzed by literature. It appears that gambling operators do not have a realistic awareness of possible risks, do not promote less risky games, nor play a preventive role for potentially problematic gamblers. Finally, we describe some proposals on the utility to undertake training course for gambling operators and to adopt specific regulations, as well as we provide some insights for future research in this field. Keywords: gambling, gambling venues, gambling venue staff, prevention, harm minimization, responsible gambling Introduzione ll fenomeno del gioco d azzardo: aspetti epidemiologici e psicosociologici I movimenti di sviluppo ed espansione che negli ultimi decenni hanno caratterizzato, a livello globale, l andamento dell industria e del mercato del gioco d azzardo legalizzato si sono riflessi in un progressivo e costante incremento dell offerta e della diffusione dei locali in cui sono presenti opportunità di gioco. Diffusione che, secondo quanto riportato dalla letteratura di settore, svolgerebbe un ruolo di rilievo seppure mediato da fattori culturali e socio-demografici, oltre che dalle capacità di adattamento della comunità nell influenzare comportamenti ed atteggiamenti 1-6. I dati presentati nell edizione più recente del Global Gambling Report mostrano che nel corso del 2012 il fatturato complessivo del mercato modiale del gioco si è attestato intorno ai 430 miliardi di dollari, facendo registrare un incremento del 2% che, sebbene inferiore a quello rilevato negli anni precedenti I, conferma comunque il mantenimento di un trend positivo di crescita da parte di questo settore 7,8. In maniera analoga, anche il volume d affari dell industria del gioco sembra aver conosciuto nell ultimo decennio un progressivo e costante incremento, così come emerge dalle rilevazioni Eurispes e dai dati A.A.M.S., secondo cui la raccolta lorda annuale per i giochi pubblici sarebbe passata dai 35,4 miliardi di euro del 2003 agli 80 del 2011, fino ad arrivare agli 87 miliardi di euro del 2012 II9-11. Cifre significative (a cui peraltro, come sottolineato dall Associazione Libera, andrebbero aggiunti i circa 10 miliardi di euro di fatturato illegale), che pongono l Italia al primo posto in Europa e al terzo nel mondo 12. La quota di entrate più consistente risulta provenire dalle diverse tipologie di slot machines (new slot, VLT), che raccolgono complessivamente il 56% del fatturato legale totale, seguite dai giochi online (14%), dalle lotterie istantanee (10%) I Il rallentamento del trend di crescita osservato è probabilmente da attribuirsi in prevalenza alla flessione del mercato europeo, recentemente colpito da una crisi generalizzata dei consumi; flessione che, d altra parte, risulta almeno in parte compensata dallo sviluppo dell industria del gioco nordamericana e di quella asiatica, che costituiscono attualmente due tra le realtà più floride e maggiormente in espansione. II La spesa annuale complessiva, al netto delle vincite pagate, è stata invece di circa 17,1 miliardi di euro, con una contrazione del 3,5% rispetto all anno precedente. Di questi, 8,1 miliardi sono andati allo Stato come gettito erariale, mentre i restanti 9 sono stati incassati dai diversi soggetti che compongono la rete statale ufficiale dei concessionari di gioco. e dal lotto (6%) 11. Attualmente, quindi, sarebbero proprio gli apparecchi elettronici da intrattenimento, presenti sul territorio italiano con una elevatissima densità (in media 1 ogni 150 abitanti), a fungere da traino per il mercato del gioco. Non si può del resto sottovalutare il fatto che la distribuzione sempre più capillarizzata delle occasioni di gioco ha probabilmente favorito una maggiore accessibilità, non solo in termini territoriali, ma anche di rappresentazioni sociali e psicologiche, garantendo, di fatto, la possibilità di entrare in contatto con il gioco d azzardo anche a fasce di popolazione precedentemente poco interessate dal fenomeno, e nel contesto di ambienti tradizionalmente ed esplicitamente non destinati alle attività di gioco 13. Nel complesso, sembra quindi possibile affermare che il mercato del gioco costituisce, in Italia, una realtà di evidente rilevanza, sociale ed economica, anche in relazione al significativo impatto sui livelli occupazionali III. Realtà il cui sviluppo è stato in qualche misura favorito ed incentivato dalle politiche governative finanziarie, che hanno consentito e supportato la progressiva crescita e differenziazione dell offerta di gioco e il parallelo ricorso ad attività di promozione e pubblicizzazione sempre più ampie, intense e mirate. Non a caso, l anomalia di uno Stato che promuove e incoraggia il gioco d azzardo, evitando di considerare i rischi cui sono esposti quegli stessi cittadini che deve tutelare, è stata più volte sottolineata in pubblicazioni e interventi di esperti del settore, divenendo sempre più spesso oggetto di discussione anche in contesti politici locali e nazionali Va a questo proposito evidenziato che, a differenza di quanto è accaduto per le altre dipendenze legali, come quella dal fumo di tabacco e dall alcol, nel caso del gioco d azzardo manca in Italia una regolamentazione che permetta ai policy maker di intervenire in modo efficace per la tutela dei cittadini, in particolar modo delle fasce più deboli, a fronte dell incremento del mercato. Tuttavia può essere segnalata anche, quale elemento di novità, la recente entrata in vigore della Legge 189/2012 (conversione, con modificazioni, del decreto legge 158/2012), recante disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute, all interno della quale sono state inserite anche disposizioni in materia di regolamentazione del gioco d azzardo 17. In particolare, la Legge prevede per gli esercenti l obbligo di III Attualmente si stima che le aziende operanti nel settore dei giochi siano oltre (comprendendo anche coloro che esercitano le attività di gioco in forma complementare rispetto all attività principale), con un livello occupazionale complessivo di circa unità. 32

3 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione esporre nei locali in cui vi sia offerta di giochi pubblici materiale informativo volto ad evidenziare il rischio di dipendenza dal gioco d azzardo, e a segnalare la presenza sul territorio di servizi di assistenza pubblici o del privato sociale per la cura delle persone con patologie correlate al gioco d azzardo. Dal momento che il compito di predisporre il materiale informativo veniva affidato alle Aziende Sanitarie, senza entrare nel merito di ulteriori disposizioni applicative, l attuazione è stata affrontata in modo disomogeneo nelle varie regioni, in alcuni casi attraverso la diffusione di materiale prodotto a livello regionale, in altri tramite informative redatte dalle singole ASL e pubblicate sui rispettivi siti web aziendali. Pur trattandosi solo di una disposizione che obbliga a introdurre degli avvisi, non accompagnata da altri interventi e non inserita in progetti di formazione e prevenzione più ampi, l applicazione della Legge sopra citata si può considerare certamente un innovazione, la cui portata non è però al momento ancora quantificabile. Sarà di indubbio interesse nei prossimi anni la valutazione del suo effettivo impatto rispetto all attività dei gestori professionali del gioco e all approccio al fenomeno in generale. La pubblicità e la promozione del gioco d azzardo La questione di quanto incida la pubblicità sul consumo di un prodotto capace di creare dipendenza, come il gioco d azzardo, o l alcol o il fumo, è piuttosto complessa. Uno studio britannico sulla valutazione dell impatto della pubblicità nella diffusione del gioco d azzardo problematico e patologico, ha preso in esame la letteratura su gambling e pubblicità, settore in cui le ricerche empiriche sono ancora scarse, facendo riferimento soprattutto ad altre aree di rilevante interesse, già da tempo esplorate, come quella dell uso di alcol 18. Le ricerche censite rispetto all alcol rilevano in genere che la regolamentazione della pubblicità può essere un utile strumento, ma sono da considerarsi importanti anche variabili legate al contesto ambientale, alla effettiva disponibilità del prodotto, al suo prezzo. Allo stesso modo, per quanto riguarda il gioco, a favorire il comportamento concorre, oltre allo stimolo costituito dal messaggio pubblicitario, anche la presenza di caratteristiche strutturali e situazionali, come la localizzazione delle postazioni di gioco e il loro numero. Rispetto alla pubblicità del gioco sui media inoltre, molti studi esaminati nell articolo citato rilevano che i messaggi veicolati sono spesso illusori, non spiegano le reali possibilità di vincita e tendono ad alimentare aspettative di facili guadagni. Pur non essendo possibile trarre conclusioni sull effetto della pubblicità rispetto al gioco problematico, per la ancora scarsa quantità di dati, viene sottolineata l importanza di una pubblicità corretta, non ingannevole, attenta ai comportamenti di gioco responsabile, e quindi alla diffusione di buone pratiche, come i Codici di regolamentazione presenti in molti Stati, soprattutto al fine di tutelare le fasce di popolazione più fragili. Le ricerche sull impatto della pubblicità sono per lo più rivolte a tipologie di consumatori, alla popolazione generale e in particolare ai giovani. Minore è l attenzione riservata in quest ambito agli operatori professionali del gioco e resta ancora aperto i quesito su quali canali di informazione possono contribuire efficacemente alla costruzione di una adeguata rappresentazione del gioco d azzardo e del concetto di giocatore problematico negli esercenti dei locali di gioco. L informazione e l approccio commerciale alla diffusione dei dati Oltre alle forme di pubblicità più diffuse, veicolate attraverso i principali media, c è una varietà di fonti di informazione di tipo più professionale, a cominciare dal sito internet dell A.A.M.S., che riporta dati statistici sul mercato del gioco, a quelli di Sisal, Lottomatica, fino ai diversi siti specializzati collegati a varie concessionarie. Nel rapporto Sisal 2010 viene dato ampio spazio alla descrizione di una società all avanguardia, di successo, attenta alla formazione dei dipendenti, alla soddisfazione dei clienti, all aderenza a codici e regolamenti etici anche in tema di pubblicità. Vengono sottolineate le caratteristiche di competenza, trasparenza, sensibilità ai problemi sociali, e alla scelta di una politica di gioco responsabile, che le sono valsi il riconoscimento della certificazione della European Lottery 19. I dati relativi ai volumi crescenti di denaro speso nei giochi vengono naturalmente letti come risultati positivi di un efficace lavoro di impresa e di marketing. Si segnala in particolare l esistenza di un filo diretto con i gestori, ai quali verrebbe fornita assistenza e formazione, anche in tema di gioco responsabile (argomento a cui viene dedicato un intero capitolo). Il concetto di gioco responsabile, che più recentemente ha sostituito quello di gioco sicuro, utilizzato spesso nei messaggi dell A.A.M.S., viene di per sé assimilato a quello di gioco legale, lasciando intendere che i pericoli siano connessi prevalentemente solo a quello illegale. Anche il termine ludopatia, che non trova riscontro a livello clinico (la definizione del DSM IV è, come è noto, gioco d azzardo patologico ) viene sempre più citato, alimentando ambiguità e confusione, come se si parlasse solo di gioco in generale, tralasciando l aspetto dell azzardo, che però è proprio quello che più ha a che fare con le problematiche comportamentali reiterative o additive. Sempre nello stesso rapporto 2010 vengono descritti i risultati di una ricerca commissionata da Sisal all Istituto ISPO su cosa pensano gli italiani sul gioco patologico. A quanto viene riferito nel documento, dalle interviste effettuate emerge che la maggior parte del campione ritiene che i giocatori siano responsabili e in genere capaci di controllarsi, e che la penetrazione sociale della dipendenza da gioco sia minima. Il gioco in sé è considerato innocente, e chi ne diventa dipendente esprime un disagio e una debolezza che prescindono dall ambiente in cui si manifestano. Messaggi di questo tipo, che raggiungono i gestori impegnati nelle ricevitorie e nelle varie sedi commerciali, possono tendere a costruire una rappresentazione del gioco d azzardo come attività sicura, scevra da rischi, fonte di divertimento e di possibili guadagni, e dei giocatori come clienti informati, in grado di operare delle scelte responsabili: l eventualità che si instaurino problemi di dipendenza riguarda tutt al più una minoranza di persone che hanno già per conto loro disturbi o difficoltà sul piano psicologico, ma non ha nulla a che fare con l offerta di gioco. Rispetto alla costruzione della rappresentazione che operatori e aziende del gioco hanno di sé, viene stimolata l identificazione e l appartenenza a un gruppo descritto come di successo e competente, in cui i guadagni personali attesi sono in linea con la filosofia aziendale. I rischi legati al gioco problematico restano sullo sfondo, e le competenze auspicate e i comportamenti richiesti per il ruolo professionale si limitano all esercizio della legalità (gestione corretta degli apparecchi, divieto ai minori di 18 anni). Non ultimo va sottolineato l aspetto paradossale della vendita dei Gratta e Vinci anche negli Uffici Postali, dove il perso- 33

4 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero nale viene incaricato di fare promozione direttamente con il pubblico agli sportelli. Ciò appare particolarmente rischioso se si pensa al rapporto di prossimità, e spesso di fiducia, che si viene a creare, soprattutto nei piccoli centri, con le fasce di popolazione più fragili, come gli anziani e i pensionati. Una delle principali difficoltà rispetto all applicazione di codici di regolamentazione e di buone pratiche al fine di favorire una cultura del gioco responsabile è proprio la dispersione e la moltiplicazione dei soggetti interessati. Le esperienze internazionali di formazione dei gestori e di riduzione del danno sono rivolte in genere a una tipologia ben precisa di gestori professionali, come quelli dei casinò, delle sale giochi e sale scommesse, mentre nella situazione italiana la categoria è molto varia, includendo anche negozianti, tabaccai, giornalai, personale cioè non specificamente dedicato a questo tipo di attività. Uno studio australiano del 2003 sulla percezione dell efficacia delle strategie di gioco responsabile tra i gestori di casino e sale giochi, suggerisce alcune considerazioni a questo proposito 20. Sono state riscontrate differenze nella percezione del proprio ruolo e nell applicazione della regolamentazione nei diversi contesti esaminati: tra aree territoriali periferiche e centrali, tra esercizi più grandi e più piccoli, tra quelli inseriti in contesti di scambio e comunicazione in città e quelli più isolati. In media risultava che gli esercenti meno informati sulle disposizioni da applicare e meno convinti della loro utilità fossero quelli che lavoravano in contesti più isolati, più lontani, più piccoli. L appartenere a contesti più grandi, meglio organizzati, che possono disporre più facilmente di informazioni, facilita quindi la messa in atto di programmi di formazione e sensibilizzazione e di buone pratiche. Nella situazione italiana in particolare ci sembra che gli esercenti si ritrovino in una sorta di territorio di confine, tra il mondo invitante di Azzardopoli assunto per scelte commerciali, genericamente legittime, e favorite dallo sviluppo esponenziale di un mercato che ha progressivamente modificato il sistema, e l esperienza di prossimità con situazioni complesse, o anche francamente problematiche, alle quali non sono stati preparati e rispetto alla gestione delle quali non possiedono strumenti adeguati 12. L individuo tra mass media, processi decisionali e comportamenti Passando adesso dagli elementi di contesto a quelli relativi al singolo individuo, può essere interessante evidenziare brevemente alcuni meccanismi che il soggetto può utilizzare quando si pone in rapporto con il gioco d azzardo. In questo contesto volutamente si tralascia l attenzione sulle situazioni di particolare vulnerabilità o sui quadri di marcata problematicità psicopatologica che si possono riscontrare tra chi si approccia al gioco d azzardo analizzando invece i meccanismi generali comuni alla maggior parte degli individui. Un primo punto da osservare è quello dell influenza della comunicazione sociale, dei suoi diversi contenuti e della sua percezione ed elaborazione da parte del soggetto. Si può ipotizzare che se da un lato la pubblicità e la promozione del gioco hanno un importante ruolo nella diffusione del gioco d azzardo anche i tentativi di trasmettere informazioni e messaggi orientati alla tutela della salute individuale e collettiva e alla promozione di stili di vita più sicuri potrebbero svolgere una funzione di direzione opposta e con funzione positiva. Tra i molti fattori che possono influenzare il grado di efficacia delle comunicazioni, finalizzate alla promozione della salute vi è la difficoltà a veicolarle con strumenti e modalità adeguate e, per l individuo, di selezionare dati e informazioni all interno di una grande massa di contenuti e stimoli che vengono costantemente trasmessi alla popolazione generale e a specifiche sottopopolazioni. Il singolo individuo di fronte a questa elevatissima quantità di stimoli, raramente coerenti o collocati e fruibili in un ordine gerarchico di importanza e priorità, si trova nella difficoltà di avere un approccio critico. Tale difficoltà si estende quindi alle ricadute comportamentali, o almeno a quella parte dei processi che conducono alla generazione dei comportamenti basata su meccanismi razionali, sia rispetto a tematiche generali relative alla salute che, in particolare, su ambiti specifici e carichi di elementi di ambivalenza come il gambling, il fumo, l assunzione di alcol ecc. A complicare questi aspetti si pone la caratteristica specifica del gioco d azzardo. Infatti mentre un modo semplicistico di porre la questione potrebbe condurre ad una formulazione dicotomica, ad esempio la scelta tra le affermazioni giocare è una cosa negativa oppure giocare non è una cosa negativa, le soluzioni concettuali e i conseguenti comportamenti che possono realisticamente essere individuati si pongono in un range che può essere rappresentato come le percentuali di rischio presenti all interno della gamma dei diversi stili e pattern di partecipazione al gioco. Ma anche se l analisi dei messaggi e la conoscenza delle problematiche connesse al gioco d azzardo potessero essere più adeguate ed efficaci, la previsione della loro ricaduta nei comportamenti individuali e collettivi non sarebbe naturalmente possibile, basandosi questi non tanto su elementi di conoscenza oggettiva e su percorsi razionali strettamente consequenziali ma su molte altre variabili. Tra le diverse componenti si vuole evidenziare il valore e il significato che ha, per il soggetto, il rapporto con i diversi gradi di rischio connesso con eventi o azioni nelle quali può essere coinvolto. Possibili valenze e significati del rischio Per ciascuna persona la prossimità con il rischio presente in qualche evento che può riguardarlo suscita emozioni e atteggiamenti diversi. Una osservazione classica che permette di rilevare delle modalità molto evidenti e spesso drammatiche, e quindi utili per una funzione esplicativa, è quella con cui si possono esprimere tali atteggiamenti in adolescenza, tenendo conto che alcuni di questi tratti possono essere presenti anche in fasi successive del ciclo di vita dell individuo. Attualmente è superata la lettura prevalentemente orientata a spiegare la prossimità al rischio come frutto di elementi psicopatologici espliciti o latenti ribaltando anzi la prospettiva fino a considerare l assunzione del rischio nell adolescenza come un esperienza di grande importanza nello sviluppo della propria autonomia e della capacità di contatto e conoscenza dell ambiente. Sia nell adolescenza che nell adulto è inoltre presente un meccanismo di particolare importanza denominato Falso Consenso : in questo caso i propri rischi sono considerati come meno pericolosi e negativi quando anche tanti altri corrono gli stessi rischi. Questo meccanismo è chiamato falso consenso perché se un comportamento è assunto da una sola persona o da tanti questo non cambia la probabilità statistica che accada un certo evento alla singola persona. Vi può poi essere un atteggiamento di Ottimismo irrealistico, Overconfidence, che consiste in una visione eccessivamente ottimistica del futuro. In questo stato mentale si ritiene che le cose negative effettivamente accadono ma non al soggetto stesso che inoltre è convinto che le cose positive gli accadono in misura maggiore che ad altri. L overconfidence è elevata nei soggetti che hanno l idea di 34

5 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione avere la capacità e possibilità di controllare gli eventi esterni dal proprio interno (locus of control interno). Inoltre l overconfidence aumenta quando il soggetto si pone a valutare il rischio di altre persone e si ritiene più capace di altri a controllare gli eventi esterni. Secondo alcuni autori questa posizione è collegata ad un tentativo di protezione della propria identità e specificità rispetto all accomunamento al resto della collettività, cosa che può essere avvertita come un appiattimento e una perdita di identità L esito frequente è comunque l assunzione di comportamenti che determinano una minore protezione di sé. Certamente questo mutamento di prospettiva che tende a non considerare i diversi livelli di coinvolgimento con situazioni di rischio come di per sé patologici non esclude la possibilità di riconoscere i diversi esiti, anche negativi, della vicinanza con eventi particolarmente rischiosi né la ricerca, e l esistenza, di possibili problematiche psicologiche e sociologiche preesistenti e sottostanti. In tal senso si sono mossi diversi studi che hanno individuato una serie di fattori che consentono di discernere tra tali possibili scenari giungendo anche a definire anche un quadro di insieme che correla tra loro tali diversi fattori che costituisce il nucleo della Problem Behaviour Theory All interno di tali complessi scenari elaborati dai diversi ricercatori è interessante osservare come il senso di appartenenza al contesto sociale, le pressioni orientate a sostenere questo sentimento e il rapporto con il sistema delle regole attraverso la mediazione interpersonale da parte di soggetti con un ruolo riconosciuto rivestono un significato ed una salienza particolare 27,28. Regole, divieti ed effetti paradossi In diverse situazioni un comportamento problematico individuale o collettivo può essere ridotto o depotenziato per mezzo di regole o divieti. Tuttavia è esperienza comune osservare come in alcuni ambiti la preesistenza o l introduzione di regole non determini l effetto desiderato. Per comprendere più a fondo il possibile esito di un divieto è utile tener conto del fenomeno della reattanza che consiste in un comportamento che si oppone al rispetto della regola introdotta. Tale reazione è stata particolarmente studiata da Jack Brehm ed ha più probabilità di essere messa in atto quando il numero di alternative che il soggetto ha di fronte si riduce marcatamente 29. Il comportamento che si determina, secondo l autore, si articola in due modalità distinte: la tendenza a riconquistare l alternativa perduta e la perdita di interesse per l alternativa disponibile, anche se precedentemente gradita e ricercata. Come può essere traslata l osservazione e la relativa concettualizzazione della reattanza nell ambito dell introduzione di regole o divieti finalizzati alla prevenzione del gioco d azzardo patologico? Infatti in questo caso, come prima veniva evidenziato rispetto alla poco realistica semplificazione della totale presenza o totale assenza del rischio, non ci troviamo davanti ad una opzione dicotomica, ad esempio fumare o non fumare, ma ad una modalità qualitativa e quantitativa del giocare. Per di più, in questo caso, chi ha il compito e l autorità di introdurre eventuali limitazioni è lo Stato che è, allo stesso tempo e quasi ovunque, il maggior produttore di possibilità di gioco d azzardo per la popolazione. Questo quadro di insieme introduce una riflessione relativa non tanto all obiettivo della cessazione dell offerta del gioco d azzardo, o tanto meno ad una sua interdizione e divieto, ma piuttosto all introduzione di un sistema di regolazione più articolata, che tenga conto tra l altro dell analisi dei possibili esiti che complessivamente l introduzione di nuovi giochi d azzardo, in presenza di altri giochi già disponibili e delle problematiche esistenti o emergenti, può determinare. Inoltre il sistema di regolazione dovrebbe maggiormente tenere in conto il risvolto che certi fattori ambientali e certe forme di pressione sociale possono avere, oltre che nella popolazione generale, nei comportamenti individuali di un certo numero di persone particolarmente vulnerabili. Come è stato accennato nelle brevi sintesi sopra riportate sia i messaggi sociali che le regole presenti nel contesto e i meccanismi psicologici che si possono osservare nei comportamenti e nel fenomeno del gioco costituiscono una complessa rete di interazioni che possono avere però una loro modulazione e rivalutazione anche per mezzo di figure che operino in prossimità dei soggetti interessati. E per questo che abbiamo voluto focalizzare la nostra attenzione sul ruolo di mediazione che può assumere, all interno del setting del gioco, la figura dell esercente nei locali nei quali si svolgono le sessioni di gioco. La revisione della letteratura Metodologia e criteri di selezione La ricerca bibliografica ha tenuto conto dei contributi pubblicati, in formato cartaceo o elettronico, nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2002 ed il 30 settembre Le fonti di riferimento sono state diverse. In primo luogo, sono state consultate alcune banche dati ( PUBMED, EBSCO e PSYNET), tramite il ricorso a stringhe di parole chiave ( gambling employees ; gambling operators ; gambling workers ; gambling staff ) e la successiva selezione dei risultati restituiti sulla base dell attinenza con il tema oggetto di studio IV. Le medesime combinazioni di parole, declinate sia in lingua italiana che inglese, sono poi state utilizzate per effettuare una più generale ricerca sul web (tramite il motore di ricerca Scholar di Google), che ha tra l altro permesso di individuare anche documenti appartenenti alla cosiddetta letteratura grigia. In questo caso sono stati presi in considerazione, per ogni query inviata, i primi 300 risultati proposti (ordinati in base alla pertinenza), ulteriormente filtrati in relazione alla loro rilevanza. Infine, sono stati consultati (integralmente o tramite il ricorso a parole chiave) gli indici relativi alle annate 2002/2012 di alcune riviste scientifiche nazionali e internazionali (S&P - Salute e Prevenzione, Personalità/Dipendenze, International Gambling Studies, Journal of Gambling Issues) e gli archivi di alcuni Centri di Documentazione specialistici e biblioteche online (Ce.Do.S.T.Ar. Centro documentazione, studi e ricerca sul fenomeno delle dipendenze patologiche del Dipartimento delle Dipendenze dell Azienda U.S.L. 8 di Arezzo V, Centro Studi, Documentazione e Ricerche del Gruppo Abele VI, Ce.S.D.A. Centro studi, ricerca e documentazione su Dipendenze e Aids del Dipartimento Dipendenze IV Sono stati, in particolare, selezionati ricerche e studi empirici focalizzati intorno alla figura del personale operante nei locali da gioco, al fine di esplorare preliminarmente le differenti modalità attraverso cui le peculiarità connesse al ruolo sociale e professionale di questa categoria sono state fino ad ora considerate ed indagate. Si è invece scelto di escludere dalla revisione quegli studi che, pur coinvolgendo le medesime figure professionali, si proponevano un obiettivo conoscitivo differente, quale ad esempio la valutazione dell efficacia di determinati programmi formativi o interventi di prevenzione. V VI 35

6 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero dell A.S.L. 10 di Firenze VII, Research and scholarly publications of Southern Cross University VIII, GambLIB Gambling Research Database IX, Centri di Documentazione Dipendenze della Regione Emilia Romagna X, Responsible Gambling Council XI, Retecedro Rete dei centri di documentazione sulle dipendenze patologiche della Regione Toscana XII, Wiley online library XIII ). Risultati In totale sono stati individuati 38 studi, a carattere prevalentemente qualitativo. Di questi, 30 sono stati condotti in ambito internazionale (, Cina, Corea, Canada e USA) e hanno assunto, quale oggetto di indagine, figure specializzate con una identità professionale e, generalmente, una formazione specifica, operanti in locali esclusivamente o comunque prevalentemente dedicati all esercizio delle attività di gioco d azzardo (casinò, club e sale da gioco interne agli hotel). Gli 8 studi effettuati sul territorio nazionale italiano, invece, hanno considerato una gamma di soggetti e di contesti più eterogenea, andando ad esplorare sia l ambiente dei casinò che i nuovi luoghi del gioco legalizzato: Bingo, sale giochi e sale scommesse, quindi, ma anche e soprattutto tutti quegli esercizi commerciali tradizionalmente ed esplicitamente non dedicati al gioco d azzardo (tabaccherie, bar, edicole, ), che attualmente costituiscono il settore più florido del mercato del gioco italiano, e sono solitamente gestiti da figure professionali più ibride, che non hanno ricevuto una formazione specifica e spesso non possiedono conoscenze particolari in materia, al di là di quelle maturate sul campo XIV. Le caratteristiche e conclusioni principali di ciascuna ricerca sono state sintetizzate nelle tabelle 1 e 2. Discussione Nel complesso, sembra possibile rilevare come la ricerca sulle figure operanti nei locali da gioco, pur non costituendo uno dei filoni privilegiati di indagine nell ambito della letteratura multidisciplinare sul gioco d azzardo, stia conoscendo, specie nel corso degli ultimi anni, un certo sviluppo. Il campo di osservazione scelto dai ricercatori pare progressivamente ampliarsi ad includere una molteplicità di fattori reciprocamente interconnessi tra loro, e il focus si sposta dall analisi delle caratteristiche individuali dei singoli giocatori o della rilevazione di carattere epidemiologico quantitativo, alla comprensione dei contesti sociali ed ambientali, oltre che delle condizioni in cui il fenomeno stesso si sviluppa e verifica. Le prospettive a partire dalle quali i ricercatori hanno considerato, osservato ed analizzato il personale dei locali da gioco appaiono piuttosto diversificate tra loro. Per quanto riguarda gli studi condotti a livello nazionale, è possibile osservare come almeno sei degli otto lavori esami- VII VIII IX X ; XI XII XIII XIV I ricercatori italiani hanno, in qualche ricerca, concentrato la loro attenzione su Sale Bingo, sale giochi e sale scommesse, locali che propongono quasi esclusivamente attività di gioco, riservando però una attenzione privilegiata alla figura del giocatore nati sembrino iscriversi all interno di una comune linea di indagine, condividendo sia gli obiettivi generali che la metodologia di ricerca Si tratta, più in dettaglio, di esperienze riconducibili al paradigma della ricerca-azione, che mirano prevalentemente ad approfondire la conoscenza del fenomeno gioco d azzardo nei suoi aspetti sociali e nei risvolti disfunzionali e patologici attraverso la mappatura delle opportunità di gioco lecito, l osservazione svolta all interno dei locali e, soprattutto, l analisi delle percezioni e delle rappresentazioni degli esercenti. Questi ultimi vengono infatti considerati come figure chiave, che possono offrire un contributo prezioso alla comprensione delle componenti locali e contestuali del fenomeno e dei pattern comportamentali e di consumo. Questi, stando ai dati rilevati, si confermano conoscitori esperti e osservatori competenti, seppure talvolta inclini a minimizzare o sottostimare i rischi connessi al gioco d azzardo. I restanti due lavori si focalizzano invece, in un caso, sulla valutazione delle competenze mostrate dal personale di un casinò rispetto al riconoscimento dei giocatori patologici, con particolare riferimento ai criteri di discernimento empirici implicitamente applicati ed alla loro affinità con quanto proposto dalla nosografia psichiatrica, e nell altro, sull attenzione posta dagli esercenti verso il rispetto della normativa vigente, oltre che sul tipo di relazioni che tendono ad instaurare con la clientela 40,41. Per quanto riguarda gli studi internazionali, sono state identificate perlomeno tre direttrici di ricerca. Nell ambito della prima, che parrebbe essere stata sviluppata prevalentemente, sebbene non esclusivamente, nel contesto asiatico, vengono esaminati ed approfonditi principalmente i fattori che possono favorire o ostacolare l erogazione di un servizio di qualità alla clientela, le variabili individuali ed organizzative che possono incidere sulle condotte e sulla soddisfazione professionale, l eventuale adozione da parte del personale di stili di vita non salutari, la possibile insorgenza di sintomatologie da stress correlate al lavoro, il verificarsi di fenomeni di burnout o tendenza al turnover L obiettivo delle ricerche è in questo caso posto quindi esclusivamente sugli aspetti professionali, con particolare riferimento ai livelli di benessere organizzativo e qualità, totale e del lavoro, indagati prevalentemente attraverso la somministrazione e l analisi di interviste. La seconda direttrice di ricerca, all interno della quale si collocano 16 degli studi esaminati, fa invece esplicito riferimento alla possibile evoluzione patologica dei comportamenti di gioco, ed individua nel personale operante nei locali una categoria particolarmente a rischio, soprattutto in relazione alla ampia accessibilità (intesa in termini fisici, spaziali, ma anche sociali e cognitivi) delle occasioni di gioco. L attenzione dei ricercatori si focalizza in questo caso sulla rilevazione, effettuata tramite interviste, questionari o scale specifiche, dei tassi di prevalenza di gioco sociale e problematico tra i membri dello staff dei locali significativamente più elevati di quelli riscontrati nell ambito della popolazione generale o sull identificazione dei possibili fattori di rischio e di protezione In questo gruppo di ricerche sono inoltre stati inclusi due lavori che, sempre riferendosi a campioni estratti dalla popolazione del personale dei locali da gioco, hanno esplorato, rispettivamente, il primo la possibile comorbilità tra gioco d azzardo problematico ed altre forme di abuso di sostanze o disturbi psichiatrici ed il secondo, gli specifici pattern associati all evoluzione delle patologie da gioco 63,64. La terza direttrice di ricerca ruota attorno alla funzione potenzialmente svolta dal personale operante nei locali nell ambito dell attuazione di strategie ed interventi di riduzione del 36

7 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione danno. In particolare, i ricercatori si focalizzano sulla possibilità di individuare adeguati indicatori comportamentali che consentano il riconoscimento precoce dei giocatori a rischio, nonché sulle effettive competenze mostrate dal personale 65,66. Vengono inoltre esaminate le modalità di interazione con la clientela maggiormente problematica e di gestione delle eventuali richieste di supporto avanzate dai giocatori o dai loro familiari Lo strumento di indagine privilegiato è costituito, anche in questo caso, dall intervista. Nel complesso, sembrano emergere diverse criticità, connesse sia all identificazione di indicatori validi ed efficaci che alle difficoltà sperimentate dallo staff dei locali nel rapportarsi con la clientela problematica, specie in assenza di una richiesta esplicita e diretta. E però soprattutto uno degli studi più recenti a sottolineare come la necessità di conciliare le responsabilità sociali con le richieste e le aspettative di principali, clienti ed altri significativi, oltre che con le proprie reali competenze, possa alimentare nel personale vissuti di ambivalenza e conflitti di ruolo 71. La presente panoramica sulla letteratura, del resto, pare proprio mettere in luce, attraverso la molteplicità delle prospettive adottate, la multidimensionalità dell oggetto di studio, evidenziando sfaccettature diverse della peculiare posizione occupata da questa categoria professionale, chiamata a rapportarsi con un fenomeno sociale complesso, a confrontarsi con le rappresentazioni, percezioni ed interessi dei diversi e molteplici soggetti coinvolti, e ad integrare i differenti e talvolta inconciliabili - messaggi e significati veicolati dai vari contesti di appartenenza (individuale, familiare, gruppale, istituzionale, comunitario, ). Tale complessità non può essere trascurata e va necessariamente considerata, anche in riferimento all eventuale progettazione di strategie ed interventi di riduzione del danno e promozione del gioco responsabile. Le esperienze internazionali e gli studi condotti in materia, infatti, pur non avendo finora consentito di ottenere dati univoci circa la valutazione dell efficacia delle diverse sperimentazioni, sembrano suggerire la necessità di costruire forme di intervento articolate, che operino su piani differenti ed integrino azioni complementari, sia a livello educativo che strutturale e normativo, stimolando la reale partecipazione e l assunzione di responsabilità da parte di ciascuno dei soggetti sociali coinvolti, nonché favorendo l adesione critica e consapevole alle politiche di prevenzione Tornando all obiettivo prioritario di questa rassegna, sembra interessante rilevare la pressoché totale mancanza di studi che si focalizzino sulla osservazione e descrizione dei processi specifici e delle caratteristiche di interdipendenza e valorizzazione delle individualità e soggettività che possono contraddistinguere le relazioni presenti o potenziali che si instaurano tra operatori dei locali e clientela. Le interazioni tra staff e giocatori vengono infatti analizzate esclusivamente in riferimento alle situazioni di criticità, al fine di valutare se gli addetti ai lavori siano in grado di rispondere adeguatamente alle eventuali richieste di supporto loro rivolte, e in che modo sia possibile incrementare le loro competenze e abilità. Non risultano essere prese in considerazione le situazioni, assai più comuni e frequenti, di gioco sociale, né tantomeno la potenziale funzione incentivante o dissuasiva svolta dal personale. Anche nel caso specifico degli studi sul contesto italiano è possibile notare come, benché la maggior parte di essi abbia previsto l effettuazione di sessioni di osservazione, l attenzione dei ricercatori sia stata rivolta prevalentemente ai giocatori, non soffermandosi, se non marginalmente, sui processi interattivi e comunicativi che vengono a connotare e qualificare le relazioni tra clienti ed esercenti. Conclusioni Il gioco d azzardo costituisce un fenomeno complesso che, per poter essere anche solo parzialmente compreso, necessita di una adeguata attenzione sia alle componenti e implicazioni socio-economiche, antropologiche, culturali e politiche, che alle relazioni dinamiche che si instaurano tra i vari stakeholders, compresi gli individui e le famiglie coinvolte, e alle loro reciproche rappresentazioni, percezioni, interessi. L obiettivo del presente lavoro è stato quello di approfondire, attraverso una revisione della letteratura, quale posizione e ruolo occupi il personale dei locali da gioco all interno di questo sistema e quali criticità e potenzialità siano rilevabili in una prospettiva preventiva. Tra i diversi elementi emersi si evidenzia un primo aspetto costituito dal fatto che la maggior parte dei contributi si riferisce a studi condotti in contesto internazionale, in Paesi con più radicate tradizioni e cultura di gioco ed è focalizzata su figure professionali specifiche, che svolgono la loro attività in locali dedicati totalmente o primariamente alle attività di gioco d azzardo. Va poi sottolineato che gli studi considerati fanno riferimento prevalentemente a due angolature specifiche di osservazione che vedono coinvolto il personale dei locali come categoria a rischio rispetto allo sviluppo di patologie da gioco o, alternativamente, come soggetto attivo nell ambito di interventi di riduzione del danno, impegnato nell applicazione dei regolamenti aziendali e nel riconoscimento e/o nella gestione della clientela maggiormente problematica mentre le interazioni reciproche fra personale e clientela risultano indagate, sulla base della revisione, in modo marginale. Nel contesto italiano, che è piuttosto eterogeneo, comprendendo sia locali prevalentemente dedicati al gioco (casinò, sale Bingo, sale giochi, sale scommesse) che esercizi dedicati al commercio di molteplici tipologie di prodotti e offerte di attività, la quasi totalità degli studi esaminati si è concentrata su questa seconda tipologia, che al momento costituisce una delle fasce del mercato maggiormente in espansione. Nei contesti osservati i dati rilevati hanno confermato la capacità e la potenzialità degli esercenti di cogliere aspetti e dinamiche propri del fenomeno, ma hanno evidenziato anche una tendenza a sottovalutare o minimizzare gli aspetti di rischio e problematicità e a relativizzare la possibilità di un proprio coinvolgimento. Gli elementi emersi possono offrire interessanti spunti di riflessione, anche in riferimento alla eventuale progettazione di ricerche e di sviluppo di politiche, strategie ed interventi di promozione del gioco responsabile nel nostro paese. In Italia, contrariamente a quanto avvenuto in altri Paesi europei ed extraeuropei da circa un decennio, la promozione di campagne di informazione e formazione orientate alla gestione di iniziative di riduzione del danno e tutela del consumatore è stata fino ad oggi limitata e circoscritta. Una eccezione di un certo rilievo a questa tendenza può essere considerata quella del progetto promosso dal Ministero della Salute che, nell arco del biennio ha coinvolto operatori sanitari, un certo numero di commercianti e rappresentanti istituzionali di diverse regioni italiane 78. Tale esperienza tuttavia non ha avuto seguito in termini di sviluppo, riproposizione, diffusione e valutazione dei risultati. Più recentemente, come già ricordato, l entrata in vigore della Legge 189/2012 ha introdotto alcune disposizioni relative all obbligo per gli esercenti di esporre informative sui rischi del gioco d azzardo patologico e sulle indicazioni per accedere alle cure. Le ragioni di tale carenza sono probabilmente molteplici e possono essere connesse sia all ambivalenza generata dal fat- 37

8 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero to che lo Stato è chiamato a svolgere una funzione regolatoria rispetto all offerta di prodotti e servizi di cui è anche promotore, sia alle specificità del mercato che, come si è detto, è caratterizzato da una marcata capillarizzazione delle offerte e dal coinvolgimento di operatori appartenenti a professionalità diverse. Occorre inoltre considerare che la rilevante espansione che il fenomeno ha avuto sul territorio italiano negli ultimi anni ha determinato criticità e rapidi cambiamenti culturali ancora poco studiati a livello sociologico, facendo emergere problematiche la cui regolazione e gestione non è ancora integrata nel sistema normativo e nelle attuali politiche sociali e sanitarie. E quindi ragionevole ritenere che, nell immediato futuro, sarà necessario un maggiore investimento in politiche preventive ed interventi rivolti alla promozione della salute sia in ambito sociale allargato che all interno dei luoghi del gioco. All interno del quadro sopra sintetizzato la ricerca psicosociologia potrà quindi svolgere una funzione di notevole rilievo sia nel monitorare dati ed esiti degli interventi di prevenzione svolti nei locali del gioco professionale che nell approfondire dinamiche e possibili interventi all interno dei contesti del gioco ad ampia diffusione nella rete commerciale, anche al fine di sperimentare e osservare le potenziali influenze esercitate dal personale di tali locali in termini di incentivazione o dissuasione. Bibliografia 1. Pearce J, Mason K, Hishcock RR, Day PP. A national study of neighbourhood access to gambling opportunities and individual gambling behaviour. J Epidemiol Community Health. 2008; 62(10): Robitaille E, Heriean P. An analysis of the accessibility of video lottery terminals: the case of Montréal. International J Health Geogr. 2008;7(2). 3. Sévigny S, Ladouceur R, Jacques C, Cantinotti M. Links between casino proximity and gambling participation, expenditure and pathology. Psychology Addict Behav. 2008; 22(2): Storer J, Abbott M, Stubbs J. Access or adaptation? A meta-analysis of surveys of problem gambling prevalence in and New Zealand with respect to concentration of electronic gaming machines. International Gambling Studies. 2009; 9(3): Welte JW, Wieczorek WF, Barnes GM, Tidwell MC, Hoffman JH. The relationship of ecological and geographic factors to gambling behavior and pathology. J Gambl Stud. 2004; 20(4): Young M, Markhamb F, Doranc B. Too close to home? The relationships between residential distance to venue and gambling outcomes. International Gambling Studies available online. com/doi/abs/ / (consultato il 20/11/2013 ). 7. Global Betting and Gaming Consultancy Global Gambling Revenues Passed US$ 400 billion. global-gambling-revenues-passed-us-400-billion/#!prettyphoto (consultato il 20/11/2013 ) 8. Global Betting and Gaming Consultancy. Europe s Woes Slow Global Gambling Growth in (consultato il 20/11/2013) 9. Eurispes. Rapporto 2011: la fiscalità delle newslot estratto dello studio. (consultato il 20/11/2013) 10. A.A.M.S. I dati sulla raccolta dei giochi. php?id=5320 (consultato il 20/11/2013) 11. Camera dei Deputati Commissione VI Finanze. Audizione del Direttore dell Agenzia delle dogane e dei monopoli sulle tematiche relative all operatività dell Agenzia. 6 giugno it/leg17/resoconti/commissioni/stenografici/pdf/06/audiz2/audizione/2013/06/06/leg.17.stencomm.data a1.com06.audiz2.audizione.0001.pdf (consultato il 20/11/2013) 12. Libera. Azzardopoli. Il paese del gioco d azzardo. Quando il gioco si fa duro le mafie iniziano a giocare. Numeri, storie e giro d affari criminali della terza impresa italiana. Roma, pages/serveblob.php/l/it/idpagina/5741 (consultato il 20/11/2013) 13. Moore SM, Thomas AC, Kyrios M, Bates G, Meredyth D. Gambling accessibility: a scale to measure gambler preferences. J Gambl Stud. 2011; 27(1): Bellio G. Audizione presso la Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato AAMS. (consultato il 20/11/2013 ) 15. Rascazzo F. Se il popolo teme il futuro dategli l azzardo. Narcomafie. 2010; Lavanco G, Croce M. Psicologia delle dipendenze sociali. Mondo interno e comunità. McGraw Hill, Milano, LEGGE 8 novembre 2012, n. 189 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, recante disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un piu alto livello di tutela della salute.gu n.263 del Suppl. Ordinario n (consultato il 20/11/2013) 18. Griffiths MD. Does gambling advertising contribute to Problem Gambling? Int J Ment Health Addict. 2005; 3(2): SISAL. Rapporto sociale document_library/get_file?uuid= c-0c2d-47da-9f0b- 6e31f1f8cf82&groupId=10389 (consultato il 20/11/2013). 20. Breen H, Buultjens J, Hing N. Perceived efficacy of responsible gambling in Queensland hotels, casinos and licensed clubs. Report per la Research and Community Engagement Division of Queensland Treasury, Elkind D. Understanding the young adolescent. Adolescence. 1978; 13(49); McKenna F. It won t happen to me: unrealistic optimism or illusion of control? Br J Psychol. 1993; 84(1): Millstein SG, Halpern-Felsher BL. Judgements about risk and perceived invulnerability in adolescents and young adults. J Res Adolesc. 2002; 12(4): Bonino S, Cattelino E, Ciairano S. Adolescenti e rischio. Comportamenti, funzioni e fattori di protezione. Giunti Editore, Firenze, Jessor R. New perspectives on adolescent risk behavior. Cambridge University Press, New York, Jessor R. Risk behavior in adolescence: a psychosocial framework understanding and action. J adol Health. 1991; 12: Bonino S. Il fascino del rischio negli adolescenti. Giunti, Firenze, Cicognani E, Zani B. La salute a rischio in adolescenza: il fenomeno dell ottimismo irrealistico. Psicologia clinica dello sviluppo. 1999; 1: Brehm SS, Brehm JW. Psychological reactance: a theory of freedom and control. Academic Press, New York, Croce M, Muzzupappa E. La sala corse da dietro lo specchio. Appunti e riflessioni di osservazione partecipante. In Lavanco G, Croce M (a cura di), Psicologia delle dipendenze sociali. McGraw Hill. Milano, Lavanco G. All ombra del gioco: patologie e azzardo socialmente consentito. Intervento presentato al corso Gioco d azzardo: alla ricerca di possibili integrazioni tra Servizio Pubblico, privato sociale e territorio, svoltosi nelle sedi di Arezzo, Firenze e Lucca Lavanco G, Varveri L [a cura di]. Psicologia del gioco d azzardo e della scommessa. Carocci editore. Roma, Capitanucci D, Smaniotto R, Biganzoli A, Rizzi E, Romito J, Crespi M, Fantoni M, Gobbo M, A qualitative investigation into gambling points in Varese (Italy). The owners perceptions about their gambling clients. Abstract Book Prévention du jeu excessif et recherche: de la legislation à l action, Losanna (CH), 1-2 marzo 2005, p Cinnella P, Iannone R Lomini A. Azione 5 del progetto di prevenzione all uso di sostanze e comportamenti a rischio. Progetto IN.contro Ricerca sul gioco d azzardo nel territorio di Casalmaggiore http://www. cedostar.it/documenti/ricerca_casalmaggiore_esercenti_giochi_legali_gambling.pdf (consultato il 20/11/2013 ). 35. Filippi C, Breveglieri L. Malati di gioco. Una ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo patologico nel territorio della provincia di Lodi. Quaderni dell Osservatorio. 2010; 8. 38

9 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione 36. Marcaccini E, Camera L, Consoli A. La percezione del fenomeno del gioco d azzardo patologico tra gli esercenti dei locali di gioco. Un indagine in un territorio circoscrizionale della città di Torino. Dal fare al dire. 2012; 21(2): Marcaccini E, Luciani S, Camera L. Indagine sulla percezione del fenomeno del gioco d azzardo patologico. Comunicazione presentata al convegno Giocare per vivere o vivere per giocare seconda edizione. Il GAP tra malattia individuale e fenomeno sociale: l intervento dei Servizi. Torino, 21/05/ Novelli D. Costruzione di un progetto di ricerca di sensibilizzazione sul G.A.P. nella città di Alessandria. Comunicazione presentata al convegno Giocare per vivere o vivere per giocare seconda edizione. Il GAP tra malattia individuale e fenomeno sociale: l intervento dei Servizi. Torino, 21/05/ Ranieri F, Bonicolini C, Cocci V, Frullano D, Mencaroni G, Sangalli M, Dimauro PE. Gioco d azzardo lecito ad Arezzo: interviste agli esercenti di esercizi con slot machines e lotto. Bollettino sulle Dipendenze. 2007; 3: Molin V. Dentro il casinò: quando il gioco si fa malato. Rivista di criminologia, vittimologia e sicurezza. 2011; 5(2): Eurispes, L Italia in gioco. Rapporto Italia Back K, Lee C, Abbott J. Internal relationship marketing: Korean casino employees job satisfaction and organizational commitment. Cornell hotel and restaurant administration quarterly: the journal of the Cornell University School of Hotel Administration. 2011; 52(2). 43. Hu SX, Luk A, Leong C, U C, Van F. The correlation of work conditions with unhealthy lifestyles and occupational health problems of casino croupiers in Macau. J Gambl Stud [epub ahead of print]. 44. Lam CS. Frontline employees informal learning and customer relationship skills in Macao casinos: an empirical study. UNLV Gaming Research & Review Journal. 2011; 15(2): Taormina RJ. Factors related to casino dealer burnout and turnover intention in Macau: implications for casino management. International Gambling Studies. 2009; 9(3): Tiyce M, Hing N, Cairncross G, Breen H. Employee stress and stressors in gambling and hospitality workplaces. J Human Resources in Hospitality & Tourism. 2013;12(2): Wan YKP. Exploratory assessment of the Macao casino dealers job perceptions. International Journal of Hospitality Management. 2010; 29(1): Zeng Z, Forrest D, McHale IG. Happiness and job satisfaction in a casino-dominated economy. J Gambl Stud. 2013; 29(3): Guttentag D, Harrigan K, Smith S. Gambling by Ontario casino employees: gambling behaviours, problem gambling and impacts of the employment. International Gambling Studies. 2012; 2(1): Hing N. Examining gambling by staff from Victorian gaming venues: a comparison with the general Victorian Population. Gambling Research. 2009; 21(2): Hing N, Gainsbury S. Workplace risk and protective factors for gambling problems among gambling industry employees. J Business Research. 2013; 66(9): Hing N, Gainsbury S. Risky business: Gambling problems amongst gaming venue employees in Queensland,. Journal of Gambling Issues. 2011; Department of justice. Accessibility and gambling problems amongst gaming venue staff. State of Victoria, (consultato il 20/11/2013) 54. Hing N. Risk and Protective Factors Relating to Gambling by Employees of Gaming Venues. International Gambling Studies. 2008; 8(1): Hing N, Breen H. Gambling amongst gaming venue employees: counsellors perspectives on risk and protective factors in workplace. Gambling Research. 2005; 17(2): Hing N, Breen H. Workplace factors that encourage and discourage gambling amongst gaming venue employee: an employees perspective. Gambling Research. 2006; 18(2): Hing N, Breen H. Workplace factors that encourage and discourage gambling amongst gaming venue employees: a managers perspective. International Journal of Mental Health and Addiction. 2007; 5(4): Hing N, Breen H. How working in a gaming venue can lead to problem gambling: the experiences of six gaming venue staff. Journal of Gambling Issues. 2008; 21: Hing N, Breen H. Working in n gaming venues, and shiftwork. Journal of Hospitality and Tourism Management. 2008; 15(1): Hing N, Breen H. Risk and protective factors relating to gambling by employees of gaming venues. International Gambling Studies. 2008; 8(1): Hing N, Nisbet S. A qualitative perspective on physical, social and cognitive accessibility to gambling. Journal of Gambling Issues. 2010; 24: Wu AM, Wong EM. Disordered gambling among Chinese casino employees. J Gambl Stud. 2008; 24(2): Lee TK, LaBrie RA, Rhee HS, Shaffer HJ. A study of South Korean casino employees and gambling problems. Occupational Medicine. 2008; 58(3): Shaffer HJ, Hall MN. The natural history of gambling and drinking problems among casino employees. J Soc Psychol. 2002; 142(4): Delfabbro P, Osborn A, Nevile M, Skelt L, McMillen J. Identifying Problem Gamblers in Gambling Venues. Report for Gambling Research Delfabbro P. Venue staff knowledge of their patrons gambling and problem gambling. J Gambl Stud. 2012; 28(2): Hing N. Nuske E. Assisting problem gamblers in the gaming venue: an assessment of responses provided by frontline staff, customer liaison officers and gambling support services to problem gamblers in the venue. Queensland Office of Regulatory Policy, Hing N, Nuske E. Assisting problem gamblers in the gaming venue: a counselor perspective. Int J Ment Health Addict. 2011; 9(6): Hing N, Nuske E. Assisting problem gamblers in the gaming venue: an assessment of practices and procedures followed by frontline hospitality staff. International Journal of Hospitality Management. 2011; 30(2): Responsible Gambling Council s Centre for the Advancement of Best Practice. Responding to patrons with potential gambling problems. Report relative all Insight Project Hing N, Nuske E. Responding to problem gamblers in the venue: role conflict, role ambiguity and challenges for hospitality staff. Journal of Human Resources in Hospitality & Tourism. 2012; 11(2): Blaszczynski A, Collins P, Fong D, Ladouceur R, Nower L, Shaffer H, Tavares H, Venisse J. Responsible gambling: general principles and minimal requirements. J Gambl Stud. 2011; 27(4): Breen H, Buultjens J, Hing N Evaluating implementation of the voluntary responsible gambling code of practice in Queensland,. Newscan: Responsible Gambling Council Ontario. 2005; 7(31): Capitanucci D. Dipendenza da gioco d azzardo: quale sistema di servizi in Italia? In Lavanco G, Varveri L (a cura di), Psicologia del gioco d azzardo e della scommessa. Carocci editore, Roma, Croce M. E possibile prevenire o ridurre i danni del gioco d azzardo? In Lavanco G, Varveri L (a cura di), Psicologia del gioco d azzardo e della scommessa. Carocci editore, Roma, LaPlante DA, Gray HM, LaBrie RA, Kleschinsky JH, Shaffer HJ. Gaming industry employees responses to responsible gambling training: a public health imperative. J Gambl Stud. 2012; 28(2): Wynne HJ. What have we really learned about problem gambling prevention? What s next? discovery-2011/what-have-we-really-learned-about-problem-gambling-prevention-what s-next-.pdf?sfvrsn=8 (consultato il 20/11/2013) (consultato il 15/04/2012). 78. Ministero della Salute. CCM Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, Progetto: Dipendenze comportamentali/gioco d azzardo patologico: progetto sperimentale nazionale di sorveglianza e coordinamento/monitoraggio degli interventi. Bollettino sulle Dipendenze. 2011; 34(1):

10 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero Tab. 1 Studi nazionali Autore, anno di pubblicazione, titolo Caratteristiche e cenni metodologici Area geografica di riferimento Focus/Temi 1 Marcaccini E. et al (2012) Indagine sulla percezione del fenomeno del gioco d azzardo patologico tra gli esercenti dei locali di gioco. Ricerca Mappatura di alcuni locali da gioco (n=76), somministrazione di interviste strutturate a gestori degli esercizi (n=38), ed effettuazione di brevi sessioni di osservazione. Italia Obiettivo: mappatura e descrizione dei locali da gioco presenti sul territorio; esplorazione della percezione dei gestori rispetto al fenomeno del gioco d azzardo ed al passaggio tra il gioco sociale ed il gioco patologico, nonché della rappresentazione del proprio ruolo attuale o potenziale. Conclusioni: gli intervistati sembrano mostrare una certa conoscenza delle dinamiche e delle nuove tipologie di gioco, una buona consapevolezza dei rischi e una discreta competenza nel riconoscimento dei soggetti problematici, ma anche una marcata tendenza a minimizzare ed allontanare il problema da sé. Rispetto alle modalità di intendere il proprio ruolo ed il rapporto con la clientela sembrano delinearsi due atteggiamenti potenzialmente contrapposti, di cui uno più focalizzato sulla propria funzione commerciale, e l altro caratterizzato da una maggiore sensibilità verso le criticità e i rischi connessi all offerta di gioco. 2 Molin V. (2011) Dentro il casinò: quando il gioco si fa malato. Ricerca Analisi qualitativa di interviste somministrate a membri dello staff di un casinò (n=8). Italia Obiettivo: analisi delle competenze mostrate dal personale del casinò in riferimento al riconoscimento dei giocatori patologici. Conclusioni: i partecipanti allo studio mostrano buone competenze nel riconoscimento degli aspetti di rischio e di comportamenti patologici, e sembrano far inconsapevolmente riferimento ad un modello di gioco patologico affine a quello proposto dalla nosografia psichiatrica. Le loro capacità diagnostiche però non paiono essere valorizzate né adeguatamente promosse o utilizzate nel contesto dell ambiente lavorativo. 3 Filippi C., Breveglieri L. (2010) Malati di gioco. Una ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo patologico nel territorio della provincia di Lodi. Ricerca Report di un progetto di ricerca che ha previsto più azioni. In particolare, per approfondire la conoscenza delle caratteristiche territoriali, è stata effettuata una mappatura delle opportunità di gioco presenti e della loro distribuzione spaziale, seguita da sette giornate di osservazione. Italia Obiettivo: mappatura delle opportunità di gioco e analisi del rapporto tra la dimensione demografica e il numero di locali da gioco; osservazione delle caratteristiche dei luoghi e delle modalità di gioco; esplorazione informale delle percezioni dei gestori. Conclusioni: in tutti i comuni considerati, a prescindere dalle loro dimensioni, è stata rilevata la presenza di almeno una opportunità di gioco ogni 1000 residenti, con sensibili variazioni nella distribuzione. La fase di osservazione ha inoltre consentito di far emergere spunti interessanti rispetto alle caratteristiche dei locali (anche in termine di gestione degli spazi e di utilizzo di luci e suoni), ai comportamenti di gioco ed alle interazioni tra giocatori e tra giocatori ed esercenti. 4 Eurispes (2009) L Italia in gioco. Il punto di vista degli esercenti. Ricerca Svolgimento di un sondaggio su un campione di 300 esercenti. Italia Obiettivo: esplorare le opinioni degli esercenti, il rapporto che tendono ad instaurare con i clienti e le modalità attraverso cui assicurano il rispetto della normativa vigente. Conclusioni: la maggior parte degli esercenti contattati non sembra mostrare particolare attenzione verso la necessità di assicurare il rispetto della normativa vigente (ad esempio per quanto concerne il divieto di gioco ai minori) o l opportunità di scoraggiare i comportamenti a rischio. 5 Novelli D. (2009) Costruzione di un progetto di sensibilizzazione sul G.A.P. nella città di Alessandria. Ricerca Mappatura dei locali da gioco e somministrazione di interviste strutturate a 38 esercenti. Italia Obiettivo: acquisire informazioni circa le caratteristiche locali del fenomeno e le percezioni degli esercenti; costruire un profilo del giocatore abituale. Conclusioni: la maggior parte degli intervistati concorda con l idea che il gioco possa diventare un problema e la metà di loro si è talvolta sentito in dovere di far notare ad un cliente che stava esagerando con il gioco. Il giocatore abituale sembrerebbe essere maschio, di età compresa tra i 36 e i 60 anni, e mostrerebbe la tendenza a recarsi giornalmente nel locale per giocare. 40

11 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione 6 Ranieri F. et al. (2007) Gioco d azzardo lecito ad Arezzo: interviste agli esercenti di esercizi con slot machines e lotto. Mappatura dei locali da gioco e somministrazione di interviste strutturate a 87 esercenti. Italia Obiettivo: mappatura dei locali da gioco presenti sul territorio; costruzione di un profilo del giocatore abituale sulla base delle percezioni degli esercenti; sensibilizzazione. Conclusioni: le stime fornite dagli intervistati sembrano essere in linea con l esperienza clinica e con quanto indicato dalla letteratura, sia per quanto riguarda le caratteristiche dei giocatori che per quanto concerne la presenza di giocatori assidui. I gestori appaiono quindi come osservatori competenti. Rispetto al loro rapporto con la clientela oscillano tra la tendenza a limitarsi a svolgere il proprio ruolo di commerciante e la propensione a mostrare maggiore sensibilità e interesse verso i rischi connessi all offerta di gioco. 7 Cinnella P. et al. (2006) Azione 5 del progetto di prevenzione all uso di sostanze e comportamenti a rischio. Progetto IN contro Ricerca sul gioco d azzardo nel territorio di Casalmaggiore. Ricerca Mappatura dei locali di gioco presenti sul territorio (n=57), somministrazione di interviste ad esercenti (n=53) ed effettuazione di 142 ore di osservazione. Italia Obiettivo: valutazione della diffusione del gioco d azzardo legalizzato e della percezione del fenomeno da parte degli esercenti dei locali da gioco; raccolta di dati sulle modalità di gioco. Conclusioni: sul territorio preso in esame sono presenti numerose opportunità di gioco. Gli esercenti si sono dimostrati buoni osservatori del fenomeno, sebbene probabilmente inclini a sottostimare i rischi connessi ad alcune tipologie di gioco. I giocatori sono prevalentemente adulti, ed il loro profilo sembra variare in relazione al gioco prevalente. 8 Capitanucci D. et al. (2005) A qualitative investigation into gambling points in Varese (Italy). The owners perceptions about their gambling clients. Ricerca Mappatura dei locali da gioco e somministrazione di interviste strutturate agli esercenti. Italia Obiettivo: mappatura dei locali da gioco presenti sul territorio; approfondimento delle conoscenze circa i comportamenti di gioco degli avventori attraverso l analisi delle percezioni degli esercenti. Conclusioni: sono stati individuati più di 200 locali da gioco. I giochi maggiormente praticati sono, nell ordine slot machines, lotto e videopoker. I gestori non si mostrano in grado di tracciare un profilo dei giocatori occasionali, ma solo di quelli abituali. Non sembrano essere particolarmente sensibili ai rischi connessi all offerta di gioco, né interessati a ricevere informazioni sul gioco patologico. Tab. 2 Studi internazionali Autore, anno di pubblicazione, titolo 1 Hing N, Gainsbury S (2013) Workplace risk and protective factors for gambling problems among gambling industry employees. 2 Tiyce M et al. (2013) Employee stress and stressors in gambling and hospitality workplaces. Caratteristiche e cenni metodologici Somministrazione del CPGI e di interviste strutturate ad un campione di membri dello staff di differenti locali da gioco (n=551) Analisi qualitativa di materiali raccolti nel corso di un precedente studio attraverso la somministrazione di interviste a membri dello staff di diversi locali da gioco. Area geografica di riferimento Focus/Temi Obiettivo: analisi dei comportamenti di gioco d azzardo e rilevazione dell eventuale presenza di condotte di gioco problematico; individuazione dei possibili fattori di rischio e/o protezione. Conclusioni: vengono individuate cinque categorie di fattori di rischio e due di fattori di protezione rispetto al possibile sviluppo di comportamenti problematici di gioco da parte del personale dei locali. In particolare, viene evidenziato come la continua esposizione al gioco venga a configurarsi, contemporaneamente, come uno dei maggiori fattori di rischio, ma anche come un possibile fattore di protezione, nella misura in cui consente al personale di assistere alle frequenti perdite dei clienti e di entrare direttamente in contatto con soggetti problematici. Viene inoltre sottolineato il rilevante ruolo - incentivante o dissuasivo - svolto da colleghi e responsabili, non solo rispetto all eventuale insorgenza di patologie, ma anche in riferimento all atteggiamento mostrato verso la possibilità di riconoscere ed affrontare le proprie difficoltà. Obiettivo: analisi dei principali fattori di stress per il personale operante nei locali da gioco. Conclusioni: il personale operante nei locali da gioco, se confrontato con altre categorie professionali attive nel settore dell ospitalità e ristorazione, sembra essere sottoposto ad un maggior numero di fattori di stress, connessi sia alle condizioni ed all organizzazione del lavoro (turni, ), sia alle interazioni con la clientela, sia alle proprie responsabilità ed ai risvolti etici della propria attività. 41

12 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero Zeng Z et al. (2013) Happiness and job satisfaction in a casinodominated economy. 4 Delfabbro P. et al. (2011) Venue staff knowledge of their patrons gambling and problem gambling. 5 Guttentag D. et al. (2012) Gambling by Ontario casino employees: gambling behaviours, problem gambling and impacts of the employment. Somministrazione di interviste ad un campione composto da 1506 cittadini di Macao. Comparazione delle percezioni di alcuni membri dello staff di differenti locali da gioco con i risultati ottenuti al CPGI/PGSI da 303 clienti abituali Realizzazione di un sondaggio su un campione di membri dello staff di cinque casinò (n=934) e successiva somministrazione di un intervista (n=21). Cina Canada Obiettivo: valutazione della soddisfazione professionale e dell impatto di questa sullo stato di benessere generale, così come individualmente percepito. Conclusioni: in linea di massima il livello di soddisfazione professionale sembra incidere significativamente sullo stato di benessere generale. Il personale dei casinò, se confrontato con il resto della popolazione, pare mostrare un analogo senso di appagamento, connesso al fatto di avere un occupazione stabile, ma anche (nonostante le buone condizioni salariali) un maggior senso di insoddisfazione professionale, probabilmente legato a caratteristiche peculiari del proprio ruolo lavorativo. Obiettivo: valutazione della competenza mostrata dal personale di locali da gioco di piccola e media dimensione nell individuazione dei giocatori problematici. Conclusioni: i giocatori individuati dal personale come maggiormente a rischio hanno effettivamente conseguito punteggi più elevati al CPGI/PGSI. Le valutazioni effettuate però non risultano sufficientemente accurate e sensibili da consentire l identificazione di tutti i soggetti problematici. Obiettivo: analisi dei comportamenti di gioco di un campione di membri dello staff di cinque casinò. Conclusioni: i comportamenti di gioco sembrano essere influenzati positivamente o negativamente - da numerosi fattori, connessi sia all ambiente di lavoro che alla personale condizione professionale (anzianità di servizio, esperienze precedenti, mansioni ricoperte). Nel complesso vengono comunque rilevati tassi di prevalenza di gioco patologico nettamente superiori rispetto a quelli riscontrati nell ambito della popolazione generale. Tra i soggetti maggiormente problematici vengono individuati sia individui che hanno incrementato i loro comportamenti di gioco dopo essere stati assunti dal casinò sia individui che si sono orientati verso quella professione in virtù di una precedente passione per il gioco d azzardo. 6 Hing N., Nuske E. (2012) Responding to problem gamblers in the venue: role conflict, role ambiguity and challenges for hospitality staff. Analisi tematica di interviste somministrate a membri dello staff di diverse tipologie di locali da gioco (n=48). Obiettivo: esplorazione delle modalità attraverso cui il personale dei locali da gioco tende a gestire le richieste di aiuto avanzate dai giocatori. Conclusioni: gli intervistati evidenziano diverse criticità, connesse alla difficoltà di individuare i comportamenti problematici, al reciproco imbarazzo sperimentato, al timore di invadere la privacy dei clienti o provocare reazioni negative, al rischio di diminuire il giro di affari o entrare in conflitto con i responsabili e, più in generale, al carico emotivo che l assunzione di questo compito comporta. Si riflette inoltre su quanto la necessità di conciliare le proprie responsabilità nell ambito della prevenzione del gioco patologico con le aspettative di responsabili, clienti ed altri significativi, oltre che con le proprie effettive competenze possa generare ambiguità e conflitto di ruolo. 7 Hu S.X. et al. (2012) The correlation of work conditions with unhealthy lifestyles and occupational health problems of casino croupiers in Macau. Somministrazione di un questionario ad un campione di croupier di casinò (n=1042). Cina Obiettivo: esplorazione delle correlazioni tra condizioni di lavoro, adozione di stili di vita non salutari (abuso o dipendenza da alcol, tabacco, sostanze, videogiochi o gioco d azzardo) e insorgenza di sintomi lavoro-correlati in un campione di croupier. Conclusioni: un alta percentuale degli intervistati mostra elevati livelli di insoddisfazione verso le proprie condizioni di lavoro, che risultano essere significativamente correlati all insorgenza di sintomi lavoro-correlati, ma non con l adozione di stili di vita non salutari. 42

13 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione 8 Responsible Gambling Council s Centre for the Advancement of Best Prctices (2012) Responding to patrons with potential gambling problems. Report (revisione della letteratura e di materiali prodotti dalle industrie del gioco + ricerca) Lo studio ha previsto l effettuazione di interviste a personale operante nei locali da gioco, la realizzazione di focus groups di giocatori problematici e l organizzazione di dibattiti e momenti di confronto tra diversi stakeholders (rappresentanti dell industria del gioco, ricercatori, figure di cura, giocatori) Canada Obiettivo: fornire indicazioni utili allo sviluppo di buone pratiche nell individuazione e gestione di situazioni problematiche o francamente patologiche da parte del personale operante nei locali da gioco. Conclusioni: dal confronto tra idee e rappresentazioni dei diversi stakeholders sembra emergere un sostanziale accordo circa la necessità di incrementare le competenze di gestione delle situazioni patologiche da parte del personale dei locali da gioco, anche al fine di migliorare la qualità del servizio offerto e i livelli di benessere organizzativo e soddisfazione professionale. Il progetto, d altra parte, ha permesso anche di evidenziare alcune delle difficoltà sperimentate dai lavoratori dell industria del gioco, spesso in imbarazzo nel rapportarsi con i clienti maggiormente problematici (specie in assenza di esplicite richieste di aiuto o supporto), anche a causa dell ambiguità del proprio ruolo professionale e dell insufficiente chiarezza con cui vengono definite mansioni, responsabilità e possibilità di intervento. Sulla base di queste osservazioni, sono state formulate alcune indicazioni operative, presentate in chiusura del report, che sembrano suggerire l importanza di passare da un approccio di tipo reattivo ad un approccio maggiormente attivo e proattivo, e di favorire l adozione sistematica di strategie e comportamenti più consapevoli e responsabili da parte del personale dei locali da gioco, sia attraverso la proposta di appropriati percorsi formativi, sia attraverso l adozione di norme e regolamenti più chiari. 9 Back K. et al. (2011) Internal relationship marketing: Korean casino employees job satisfaction and organizational commitment. Somministrazione di un questionario a personale di casinò (n=328). Corea Obiettivo: esplorazione delle relazioni tra qualità del servizio, soddisfazione professionale, autoefficacia, autostima e dedizione al lavoro, anche al fine di individuare strategie per incrementare il livello di soddisfazione del personale e limitarne la tendenza al turnover. Conclusioni: la qualità del servizio offerto e l autoefficacia sembrano influenzare positivamente la soddisfazione professionale che, a sua volta, influisce su autostima e dedizione al lavoro. 10 Hing N., Gainsbury S. (2011) Risky business: Gambling problems amongst gaming venue employees in Queensland,. Somministrazione di un questionario a membri dello staff di diverse tipologie di locali da gioco (n=511). Obiettivo: esplorazione della prevalenza dei comportamenti di gioco e di gioco problematico tra il personale dei locali da gioco. Conclusioni: i tassi di prevalenza relativi ai comportamenti di gioco e gioco problematico riscontrati tra gli intervistati appaiono significativamente maggiori rispetto a quelli riferibili alla popolazione generale. Tra i soggetti che presentano livelli di patologia gravi o moderati, inoltre, molti dichiarano di aver incrementato notevolmente la frequenza delle giocate dopo l assunzione. 11 Hing N., Nuske E. (2010) Assisting problem gamblers in the gaming venue: a counselor perspective. Analisi tematica di interviste somministrate a counsellor specializzati nel trattamento del gioco d azzardo patologico (n=23). Obiettivo: esplorazione delle modalità attraverso cui il personale dei locali da gioco tende a gestire le eventuali richieste di aiuto avanzate dai giocatori problematici. Conclusioni: si evidenzia una presunta limitata competenza del personale nella gestione delle richieste di aiuto dei giocatori, anche a causa della mancanza di formazione specifica. Viene inoltre sottolineato come i giocatori non siano molto propensi a cercare il supporto dello staff a causa prevalentemente dei vissuti di vergogna, di questioni relative alla riservatezza, e della scarsa conoscenza delle risorse su cui poter fare affidamento. 12 Hing N., Nuske E. (2011) Assisting problem gamblers in the gaming venue: an assessment of practices and procedures followed by frontline hospitality staff. Analisi tematica di interviste somministrate a membri dello staff di diverse tipologie di locali da gioco (n=48). Obiettivo: esplorazione delle modalità attraverso cui il personale dei locali da gioco tende a gestire le eventuali richieste di aiuto avanzate dai giocatori problematici. Conclusioni: gli intervistati ritengono di possedere adeguate competenze per la gestione delle richieste di aiuto. Si evidenziano però anche le difficoltà connesse alle situazioni in cui i giocatori, pur presentando comportamenti a rischio o francamente problematici, non richiedono aiuto. 13 Lam C.S. (2011) Frontline employees informal learning and customer relationship skills in Macao casinos: an empirical study. Somministrazione di interviste semistrutturate a membri del personale dei casinò (n=49) Cina Obiettivo: esplorazione delle modalità attraverso cui gli apprendimenti informali possono influenzare la capacità del personale dei casinò di rapportarsi ai clienti. Conclusioni: l apprendimento informale sembra orientare in modo specifico la condotta degli intervistati, inducendoli, in particolare, a mostrarsi corretti e rispettosi, intuire gli stati emotivi dei loro clienti dai segnali non verbali e gestirli adeguatamente, mostrare un buon autocontrollo. 43

14 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero Hing N., Nisbet S. (2010) A qualitative perspective on physical, social and cognitive accessibility to gambling. Somministrazione telefonica di un intervista semistrutturata a membri dello staff di diverse tipologie di locali da gioco (n=40). Obiettivo: valutazione dell influenza dei fattori legati all accessibilità rispetto al rischio, per il personale operante nei locali da gioco, di sviluppare comportamenti di gioco problematico. Conclusioni: la maggiore accessibilità, intesa in senso ambientale, sociale e cognitivo, può rappresentare un significativo fattore di rischio. 15 Wan Y.K.P. (2009) Exploratory assessment of the Macao casino dealers job perceptions. Somministrazione di interviste a membri del personale di casinò (n=51) Cina Obiettivo: esplorazione degli atteggiamenti e delle percezioni relative al proprio lavoro da parte di un campione di membri dello staff di casinò. Conclusioni: vengono individuati differenti fattori che possono ostacolare l erogazione di un servizio di qualità, e sono riconducibili essenzialmente a difficoltà di comunicazione interne ed esterne, mancanza di trasparenza, problematiche relative all integrazione culturale, senso di precarietà 16 Department of Justice (2009) Accessibility and gambling problems amongst gaming venue staff. Effettuazione di un sondaggio su un campione di membri del personale di diverse tipologie di locali da gioco (n=533) e successiva effettuazione di un intervista telefonica (n=40) Obiettivo: esplorare le connessioni tra l accessibilità al gioco e la prevalenza di comportamenti patologici attraverso la comparazione di un campione di personale dello staff di locali da gioco cui è permesso di giocare nel proprio ambiente lavorativo con un campione analogo cui però è vietato e un terzo campione appartenente alla popolazione generale. Conclusioni: nell ambito del campione autorizzato a giocare nel proprio ambiente lavorativo sono stati rilevati tassi di prevalenza di gioco patologico superiori a quelli riscontrati negli altri campioni, e verosimilmente connessi alla maggiore accessibilità fisica, sociale e cognitiva delle opportunità di gioco. Gli effetti dell esposizione al gioco, apparentemente confermati anche dal fatto che i comportamenti problematici mostrati dagli interpellati riguardano spesso la tipologia di gioco prevalente nel loro luogo di lavoro, sembrano però poter essere limitati dalla partecipazione ad adeguati percorsi formativi. 17 Hing N. (2009) Examining gambling by staff from Victorian gaming venues: a comparison with the general Victorian Population. Somministrazione di interviste e del CPGI/PGSI a membri dello staff di differenti tipologie di locali da gioco (n=533).. Obiettivo: analisi delle caratteristiche dei comportamenti di gioco tra il personale dei locali da gioco. Conclusioni: tra il personale dei locali si rilevano livelli di partecipazione e tassi medi di frequenza significativamente più elevati di quelli riscontrati tra la popolazione generale. La prevalenza di comportamenti patologici (così come definiti dal CPGI/PGSI) risulta inoltre essere di sei volte maggiore. 18 Hing N., Nuske E. (2009) Assisting problem gamblers in the gaming venue: an assessment of responses provided by frontline staff, customer liaison officers and gambling support services to problem gamblers in the venue. Somministrazione di interviste a personale, CLO (addetti al supporto della clientela e degli eventuali membri dello staff che presentino comportamenti problematici di gioco) e responsabili di diverse tipologie di locali da gioco, oltre che a counsellors specializzati nel trattamento del gioco d azzardo patologico (n complessivo=132) Obiettivo: esplorazione delle modalità attraverso cui le varie figure professionali operanti nei locali da gioco tendono a gestire le richieste d aiuto avanzate dalla clientela, e del modo in cui si interfacciano con i servizi di trattamento specializzati. Conclusioni: le modalità attraverso cui vengono gestite le relazioni con la clientela problematica o a rischio risultano variabili. Si evidenzia, in particolare, la difficoltà di intervenire nel caso in cui i giocatori non richiedano alcun aiuto o, in alternativa, la richiesta provenga dall esterno (familiari, amici, ). Tale difficoltà pare del resto rispecchiarsi in una carenza di formazione specifica rispetto a queste situazioni. Anche i livelli di interazione con le strutture di trattamento si rilevano piuttosto variabili e influenzati da diversi fattori. 19 Taormina R.J. (2009) Factors related to casino dealer burnout and turnover intention in Macau: implications for casino management. Studio condotto su un campione di membri dello staff di alcuni casinò (n=172). Cina Obiettivo: esplorazione delle possibili modalità attraverso cui alcune variabili individuali e organizzative possono incidere sulla soddisfazione professionale, la tendenza al turnover e il rischio di burnout. Conclusioni: il rigido controllo dell espressione delle emozioni (richiesto dal ruolo professionale) risulta essere connesso negativamente alla soddisfazione professionale che è invece, influenzata positivamente dall ambizione e dalla formazione. Tale modalità di controllo risulta inoltre poter essere correlata (così come la presenza di nevrosi) al rischio di burnout. Al contrario, l esistenza di prospettive future e di adeguati livelli di soddisfazione professionale costituiscono fattori protettivi sia rispetto al burnout che (insieme alla conoscenza degli aspetti organizzativi) alla tendenza al turnover. 44

15 GAP - Esercenti sale da gioco e prevenzione 20 Hing N. (2008) A quantitative analysis of workplace influences on responsible gambling and problem gambling amongst employees of Queensland gaming venues. Somministrazione di interviste e del CPGI/PGSI a membri dello staff di differenti tipologie di locali da gioco (n=511). Obiettivo: analisi quantitativa di alcuni aspetti, emersi nel corso di un precedente studio qualitativo, connessi al rischio, per lo staff dei locali da gioco, di sviluppare comportamenti di gioco problematico. Conclusioni: il campione di intervistati mostra tassi di prevalenza di comportamenti ad alto, medio e moderato rischio (secondo i criteri del CPGI/PGSI ) significativamente superiori alla media. Vengono individuate sei categorie di fattori di rischio statisticamente correlate con lo sviluppo di comportamenti problematici tra il personale dei locali da gioco e tre gruppi di fattori protettivi, che possono orientare la progettazione di strategie e interventi di riduzione del danno. 21 Hing N., Breen H. (2008) How working in a gaming venue can lead to problem gambling: the experiences of six gaming venue staff. Studio di 6 casi attraverso la somministrazione di interviste semistrutturate a membri dello staff di differenti locali da gioco. Analisi tematica dei contenuti. Obiettivo: analisi di sei casi di membri dello staff di alcuni locali da gioco che hanno sviluppato patologie da gioco dopo la loro assunzione. Conclusioni: gli intervistati evidenziano numeroso fattori di rischio connessi al proprio ambiente di lavoro (stretta interazione con i giocatori, influenze esercitate dai colleghi e dai responsabili, continua esposizione ad interventi promozionali e di marketing, stress legato ai turni di lavoro), rispetto a cui gli interventi di formazione e promozione del gioco responsabile non sembrano esercitare una sufficiente azione protettiva. 22 Hing N., Breen H. (2008) Working in n gaming venues, and shiftwork. Analisi tematica di interviste somministrate a membri dello staff di diverse tipologie di locali da gioco (n=92). Obiettivo: valutazione dei possibili fattori di rischio/protezione connessi al lavoro su turni in relazione alla possibilità di sviluppare comportamenti di gioco problematico. Conclusioni: numerosi intervistati ritengono che il lavorare su turni li esponga al rischio di sviluppare comportamenti di gioco problematico, soprattutto a causa della necessità di occupare i tempi morti fra i turni, della difficoltà di coltivare altri interessi o frequentare luoghi ricreativi differenti, della scarsità di relazioni sociali e della tendenza a socializzare con i propri clienti. Altri invece sostengono che il lavoro su turni scoraggi i comportamenti di gioco, a causa della difficoltà di conciliare i propri orari con quelli delle sale da gioco. Altri ancora non rilevano alcuna influenza, e preferiscono occupare diversamente il proprio tempo libero. 23 Hing N., Breen H. (2008) Risk and protective factors relating to gambling by employees of gaming venues. Analisi tematica di interviste somministrate a membri dello staff (n=86) e responsabili (n=73) di diverse tipologie di locali da gioco, giocatori problematici individuati tra il personale dei medesimi esercizi (n=6), e counsellors specializzati nel trattamento del gioco d azzardo patologico (n=32). Obiettivo: esplorazione dei fattori di rischio connessi al lavoro in locali da gioco rispetto alla possibilità di sviluppare comportamenti di gioco problematico. Conclusioni: partendo da un analisi dei principali elementi che possono incoraggiare o scoraggiare i comportamenti di gioco, vengono individuati numerosi fattori di rischio/protezione e possibilità di intervento che riguardano la propensione al gioco, il mantenimento di forme sociali/responsabili di gioco e le caratteristiche stesse dei prodotti offerti. 24 Lee T.K. et al. (2008) A study of South Korean casino employees and gambling problems. Studio svolto su un campione di 388 membri del personale operante nei casinò. Sulla base dei risultati riportati al SOGS sono stati individuati due gruppi (giocatori vs non giocatori), successivamente comparati in riferimento ad altre variabili (fumo, alcol, depressione) Corea Obiettivo: esplorare lo stato di salute mentale e l atteggiamento verso il gioco patologico dei membri dello staff dei casinò che sperimentano difficoltà nel controllo dei comportamenti di gioco. Conclusioni: tra i soggetti con problemi legati al gioco d azzardo si riscontrano tassi di prevalenza significativamente più alti di tabagismo, alcolismo e disturbi depressivi. Questi soggetti, inoltre, mostrano un atteggiamento meno positivo rispetto alla possibilità che il sistema sanitario pubblico possa offrire adeguato supporto per le problematiche legate al gioco. 25 Wu A.M., Wong E.M. (2008) Disordered gambling among Chinese casino employees. Somministrazione di un questionario e del SOGS a 119 dipendenti del casinò di Macao. Cina Obiettivo: valutazione del possibile impatto di alcune variabili (atteggiamento verso l industria e le attività di gioco, percezione circa l importanza del proprio ruolo professionale, stress connesso al lavoro) sul rischio, per i lavoratori dei casinò, di sviluppare comportamenti di gioco problematico. Conclusioni: l atteggiamento mostrato verso l industria del gioco sembra influenzare la valutazione dell importanza del proprio ruolo professionale. Tale valutazione contribuisce a determinare livelli differenti di stress, che sembrano poter avere un impatto, seppure limitato, sul rischio di sviluppare patologie da gioco. 45

16 Italian Journal on Addiction Vol. 3 Numero Delfabbro P. et al. (2007) Identifying problem gamblers in gambling venues. Report (revisione della letteratura e delle esperienze internazionali + ricerca) Lo studio ha previsto l effettuazione di interviste strutturate a lavoratori dell industria del gioco (n=120) e counsellors specializzati (n=15), la somministrazione di un questionario e del CPGI/PGSI ad un campione di giocatori abituali (n=700) e la conduzione di diverse sessioni di osservazione all interno dei locali da gioco (140 ore in totale). Obiettivo: identificazione di possibili indicatori utili ad individuare i soggetti a rischio nel contesto dei locali da gioco. Conclusioni: il personale dei locali da gioco si dichiara tendenzialmente fiducioso circa la propria capacità di individuare i giocatori a rischio, e mostra un sostanziale accordo con gli indicatori proposti dai ricercatori; esplicita però anche la difficoltà di intervenire e relazionarsi con i presunti giocatori problematici. I counsellors ritengono possibile l individuazione precoce dei soggetti a rischio nell ambito dei locali da gioco, ma sottolineano la necessità di formare adeguatamente il personale. I dati emersi dall analisi dei questionari somministrati ai giocatori e dalle osservazioni hanno permesso di confermare la significatività degli indicatori individuati dai ricercatori e la possibilità di utilizzarli per il riconoscimento dei giocatori problematici. In conclusione, i ricercatori sostengono che l individuazione precoce dei soggetti a rischio possa costituire un efficace misura di riduzione del danno, a patto che non prescinda da un analisi articolata e contestuale dei comportamenti dei giocatori e sia supportata da adeguati interventi di formazione rivolti allo staff e altri accorgimenti tecnici ed organizzativi. 27 Hing N., Breen H. (2007) Workplace factors that encourage and discourage gambling amongst gaming venue employees: a managers perspective. Report relativo ad una delle fasi di un progetto di ricerca qualitativa più articolato. Questa fase, in particolare, ha previsto l analisi tematica di interviste somministrate ai responsabili di diverse tipologie di locali da gioco (n=73). Obiettivo: approfondimento della conoscenza dei possibili fattori di rischio che possono favorire lo sviluppo di comportamenti di gioco problematico nel personale dei locali da gioco. Conclusioni: gli intervistati individuano 46 elementi che possono favorire l avvicinamento del personale al gioco, 27 che possono scoraggiarlo e 47 che risultano ininfluenti. La maggior parte dei gestori riferisce di ritenere che lavorare nei locali disincentivi i comportamenti di gioco. 28 Hing N., Breen H. (2006) Workplace factors that encourage and discourage gambling amongst gaming venue employee: an employees perspective. Report relativo ad una delle fasi di un progetto di ricerca qualitativa più articolato. Questa fase, in particolare, ha previsto l analisi tematica di interviste somministrate a membri del personale di diverse tipologie di locali da gioco (n=66). Obiettivo: approfondimento della conoscenza dei possibili fattori di rischio che possono favorire lo sviluppo di comportamenti di gioco problematico nel personale dei locali da gioco. Conclusioni: gli intervistati citano più di 50 elementi che possono incoraggiarli ad avvicinarsi al gioco, e che possono essere ricondotti ad alcune ampie categorie: le interazioni con i giocatori, l esposizione agli stimoli e agli interventi promozionali, l influenza esercitata dai colleghi e dai responsabili, il lavorare su turni, lo stress connesso al lavoro. I ricercatori evidenziano d altra parte come questi stessi fattori possano contemporaneamente rappresentare, in particolari condizioni, aspetti che scoraggiano l avvicinamento al gioco. Viene inoltre mostrato come gli interventi di formazione e promozione al gioco responsabile non costituiscano, così come esperiti, adeguati e validi deterrenti. 29 Hing N., Breen H. (2005) Gambling amongst gaming venue employees: counsellors perspectives on risk and protective factors in workplace. Somministrazione di interviste a counsellor specializzati nel trattamento del gioco d azzardo patologico (32). Obiettivo: analisi dei comportamenti di gioco dei membri dello staff dei diversi locali ed esplorazione della possibilità di promuovere il gioco responsabile attraverso interventi che modifichino l ambiente di lavoro. Conclusioni: gli intervistati tendono a confermare l idea che lo staff dei locali da gioco costituisca una categoria a rischio ed individuano 40 fattori di rischio, 15 fattori di protezione e 14 possibili strategie per promuovere l adozione di comportamenti di gioco responsabile. 30 Shaffer H.J., Hall M.N. (2002) The natural history of gambling and drinking problems among casino employees. Somministrazione ripetuta tre volte del SOGS e del CAGE ad un campione volontario di 6067 membri del personale di casinò. USA Obiettivo: analisi della prevalenza di problematiche legate al gioco o all abuso di alcol tra il personale dei casinò; esplorazione degli specifici pattern associati all evoluzione di queste patologie. Conclusioni: tra coloro che hanno sviluppato problemi legati al gioco o all abuso di alcol, alcuni mostrano una certa capacità di recupero. Tali capacità sembrano parzialmente influenzate da variabili demografiche e biologiche, oltre che dalla presenza di disturbi depressivi e vissuti di insoddisfazione. 46

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli