UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA DIPARTIMENTO DI PATOLOGIA DIAGNOSTICA E CLINICA VETERINARIA SEZIONE DI SCIENZE SPERIMENTALI E BIOTECNOLOGIE APPLICATE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA VETERINARIA TESI DI LAUREA PESTE DEI PICCOLI RUMINANT I(PPR) NEL SAHARA OCCIDENTALE: indagine epidemiologica nelle Wilaias e nei Territori Liberati della Repubblica Democratica Araba Saharawi (RASD). PESTE DES PETITS RUMINANTS (PPR) IN WESTERN SAHARA: a epidemiological survey among Wilaias and Liberated Territories of the Saharawi Arab Democratic Rebublic (SARD). Settore Scientifico Disciplinare VET 05 LAUREANDO Sabatini Laura RELATORE Prof. Passamonti Fabrizio ANNO ACCADEMICO

2 INDICE ABSTRACT pag. 4 RIASSUNTO pag INTRODUZIONE pag CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PPR pag EZIOLOGIA pag EPIDEMIOLOGIA E TRASMISSIONE pag SEGNI CLINICI E LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE pag DIAGNOSI pag DIAGNOSI DIFFERENZIALE pag PREVENZIONE E CONTROLLO pag PARTE SPERIMENTALE pag AREA DI STUDIO pag STORIA E SITUAZIONE POLITICA pag IL POPOLO SAHARAWI E LA SUA STORIA pag I CAMPI PROFUGHI SAHARAWI OGGI pag POPOLAZIONE ED ECONOMIA pag TECNICHE DI ALLEVAMENTO pag I SERVIZI VETERINARI SAHARAWI pag ASPETTI CLIMATICI E TERRITORIALI pag MATERIALI E METODI pag PIANO DI CAMPIONAMENTO pag. 59 2

3 3.4.2 ELABORAZIONE STATISTICA DEL CAMPIONE DI STUDIO pag SCREENING ANTICORPALE NELLA RASD pag PROTOCOLLO ELISA COMPETITIVA pag RISULTATI pag ANALISI DI SIEROPREVALENZA pag SIEROPREVALENZA GENERALE pag SIEROPREVALENZA PER SINGOLE REGIONI pag SIEROPREVALENZA PER CLUSTER pag ANALISI DI CORRELAZIONE pag CORRELAZIONE PER SPECIE ANIMALE pag CORRELAZIONE PER ETA DEI SOGGETTI pag CORRELAZIONE PER SESSO DEI SOGGETTI pag FUNZIONE DI CORRELAZIONE pag ANALISI DI MODELLAZIONE SPAZIALE pag CONCLUSIONI pag. 84 BIBLIOGRAFIA pag. 86 3

4 ABSTRACT Peste des Petitis Ruminants (PPR) is an acute viral disease affecting small ruminants and characterized by high morbidity and mortality. Up to today it is considered a tropical disease because of its major diffusion in sub-saharian Africa, Middle East and south of Asia, but ecological and environmental changes that have taken place in these last years and the intensification of the animal trade could favour the spread of this disease even in Europe. This study aims to perform an epidemiological survey of PPR in the Saharawi Arab Democratic Republic (SARD), assessing the potential presence of the virus, since no reference data had been reported, but also its prevalence and the distribution in these territories. This work, conducted with the collaboration of the Veterinary Direction of the Pubblic Helth Ministery, is based on census and collection of sheep and goat population and camels living on this territories, from which blood samples were collected to undergo serological tests. Blood samples were collected in March and April 2008 and the sampling methodologyperformed has been allowed to identify 11 sites of sampling for a total of 976 tested animals. The results of these tests have evidenced a serological positive prevalence in about 30% of the tested animals, even though during the collection no animal presented clinical signs related to the subjected disease. A major number of 4

5 positive animals was revealed in goats with higher prevalence in subjects over 36 moths of age. Some positive cases were reported also in camels, which normally aren t considered a susceptible species to this disease. 5

6 RIASSUNTO La Peste dei Piccoli Ruminanti (PPR) è una malattia virale acuta che colpisce gli ovi-caprini, caratterizzata da elevata morbilità e mortalità. A tutt oggi viene considerata una malattia tropicale in quanto presenta la sua maggiore diffusione in Africa sub-sahariana, Medio Oriente e Asia meridionale, ma i cambiamenti di ordine ecologico-ambientale a cui si assiste negli ultimi anni e l intensificarsi del commercio animale potrebbero favorire la diffusione di questa malattia anche in Europa. Lo scopo di questo studio è stato quello di eseguire un indagine epidemiologica sulla PPR nei Campi Profughi Saharawi e nei Territori Liberati della Repubblica Democratica Araba Saharawi (RASD), per valutarne sia l eventuale presenza, dato che non esistonosono dati bibliografici in merito, sia la prevalenza e distribuzione. Lo studio, svolto in collaborazione con la Direzione di Veterinaria del Ministero della Salute Pubblica della RASD, si è basato sul censimento e campionamento della popolazione ovi-caprina e dei dromedari presenti in queste regioni dai quali sono stati eseguiti prelievi di sangue da sottoporre a test sierologici. La raccolta dei campioni di ematici è stata effettuata nei mesi di Marzo e Aprile 2008 utilizzando una specifica metodica di campionamento che ha permesso di individuare 11 aree di campionamento per un totale di 976 animali testati. I risultati degli esami eseguiti hanno messo in evidenza una prevalenza sierologica in circa il 30% dei campioni testati, anche se al momento del campionamento 6

7 nessun soggetto presentava segni clinici riconducibili alla malattia. Una maggiore sieropositività è stata riscontrata nei caprini con maggior prevalenza negli animali di età superiore a 36 mesi. Alcune positività sono state evidenziate anche nei dromedari, i quali normalmente non rappresentano una specie sensibile a questa malattia. 7

8 1. INTRODUZIONE La Peste dei Piccoli Ruminati (PPR) è una malattia infettiva degli ovini e dei caprini caratterizzata da alta morbilità e mortalità. E una malattia soggetta ad obbligo di notifica, tenuta sotto stretta sorveglianza dall Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE) e un tempo inserita nella lista A, ossia tra le malattie ad elevato impatto economico. La PPR risulta capillarmente distribuita in tutta l Africa Sub-Sahariana, nel Medio Oriente e nell Asia Meridionale (fig.1), dove causa gravi perdite economiche (Taylor, 1984a; Shaila et al., 1989; Diallo, 2003) e si presenta come un forte ostacolo allo lo sviluppo dell allevamento dei piccoli ruminanti in questi Paesi (Couacy-Hymann et al., 2007). Figura 1: Distribuzione mondiale della PPR (dati OIE, 2004). Malattia riportata presente Malattia riportata assente Dati non disponibili o assenti 8

9 Questa malattia fu descritta per la prima volta in Costa d Avorio nel 1942 (Gargadennec & Lalanne, 1942) e fu denominata Peste dei Piccoli Ruminanti per favorire la sua differenziazione dalla Peste Bovina con cui presenta numerose correlazioni dal punto di vista eziologico, clinico ed anatomo-patologico. E anche nota come complesso stomatite-pneumoenterite che meglio descrive i segni clinici associati alla malattia (Rowland et al., 1969, 1970). In seguito la PPR fu segnalata anche in alcune regioni francesi dell Africa Occidentale ed in Senegal (Gilbert e Monnier, 1962) con conseguente diffusione in gran parte del continente africano, in particolar modo nelle regioni al nord della zona sub-sahariana, in Sudan (El Hag Ali e Taylor, 1984; Taylor, 1984), in Africa Orientale, Kenya e Uganda (Wamwayi et al, 1995) ed Etiopia (Roeder et al., 1994). In Tanzania non sono stati mai segnalati focolai attivi nonostante la presenza della malattia nei paesi confinanti quali Kenya ed Uganda (P.N. Wambura, 2000). A tutt oggi è quindi possibile affermare che la PPR è presente in molti paesi africani che si trovano tra l Oceano Atlantico e il Mar Rosso. L area principalmente interessata è quella che si estende dal nord dell Egitto al sud del Kenia e da est a ovest del Gabon; mancano segnalazioni nel resto del continente africano (fig.2). Il 23 luglio 2008 le autorità sanitarie del Marocco hanno segnalato la presenza di due focolai nella parte centrale del Paese dove la malattia si è rapidamente diffusa a sud e a nord-est ed il 14 agosto 2008 sette focolai sono stati riportati al confine con l Algeria. Attualmente più di un centinaio di focolai sono stati denunciati su tutto il territorio marocchino (CESME). 9

10 Al momento la situazione in Africa sta diventando sempre più preoccupante in quanto si stanno evidenziando nuovi focolai d infezione. Figura 2: Distribuzione della PPR nel continente africano. Per quanto riguarda la Penisola Arabica la PPR è endemica in Oman (Taylor et al., 1990) ed è stata anche riscontrata in Arabia Saudita (Abu Elzein et al., 1990) mentre in Medio Oriente è presente in Libano, Giordania (Lefefre et al., 1991) ed Israele (OIE, 1993). In Asia fu segnalata per la prima volta in India nel 1987 (Shaila et al., 1989) dove da allora si presenta a carattere endemico (Nanda et al., 1996) e da cui si è estesa sino al Nepal, Bangladesh, Tajikistan, Pakistan ed Afganistan (AVIS). Nel 2007 nuovi focolai sono stati notificati in Cina (Tibet e Nepal), dove la malattia è tutt ora presente. In Europa, dove la PPR non viene segnalata, il rischio maggiore è rappresentato dall introduzione di animali recettivi e infetti (piccoli ruminanti) provenienti da Paesi endemici ed è per questo motivo che la legislazione veterinaria europea vieta il commercio di animali sensibili alla PPR con paesi non indenni (CESME). 10

11 La distribuzione geografica degli ultimi 50 anni probabilmente è riconducibile ad una maggiore consapevolezza della malattia dovuta ad una più alta disponibilità di mezzi diagnostici e ad una maggiore conoscenza del virus che in natura potrebbe avere subito mutazioni (AVIS). La PPR è una malattia contagiosa a rapida diffusione che colpisce gli ovi-caprini, animali che per le popolazioni africane rappresentano la maggiore fonte di sostentamento. Dal commercio del bestiame, infatti, deriva buona parte del reddito di queste popolazioni e quindi la presenza della PPR implica un grande impatto socio-economico. Studi epidemiologici risultano essere, di conseguenza, particolarmente significativi non solo nelle aree dove la malattia è endemica ma anche in quelle a rischio di introduzione come ad esempio l Europa dove in questo momento la PPR è assente, sebbene alcuni paesi europei, in particolare quelli più a sud come la Spagna ed a est come la Grecia, a causa della loro posizione geografica, risultano essere particolarmente esposti all introduzione della malattia. Occorre inoltre ricordare che un ulteriore rischio per il continente europeo è rappresentato dalla presenza della malattia in Turchia, dove l infezione è presente fin dal 1999 (CESME). 2. CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PPR 2.1 EZIOLOGIA Il virus della Peste dei Piccoli Ruminanti (PPRV) appartiene alla famiglia Paramyxoviridae, genere Morbillivirus, antigenicamente correlato al virus della Peste Bovina, del Cimurro del cane, del Morbillo umano, e ai virus che colpiscono i 11

12 mammiferi marini (Phocine distemper delle foche, Morbillivirus dei Cetacei isolati da delfini e focene), anch essi inclusi nello stesso genere (Gibbs et al., 1979; Barrett et al., 1993). Gli appartenenti alla famiglia dei Paramyxoviridae sono virus a RNA molto grandi ( nm di diametro), particolarmente pleomorfi. Il nucleocapside, a simmetria elicoidale, contiene un filamento di ssrna ( ) di Figura 3: struttura del PPRV (AVIS). kb, non segmentato, ed avvolto dall envelope (fig.3). La resistenza delle particelle virali al calore, all acidità e ai comuni disinfettanti è molto scarsa in tutti i membri della famiglia, con l eccezione del virus della malattia di Newcastle o pseudo-peste aviare, che oltre ad essere termoresistente, sopravvive per mesi a temperatura ambiente e a 4 C, nei tessuti degli animali infetti e nelle uova. Il virus della PPR può resistere a temperatura di 60 C per 60 minuti, è stabile a ph compreso tra 4 e 10, è sensibile ad alcool, etere ed ai comuni disinfettanti e può sopravvivere al congelamento e alla refrigerazione per lunghi periodi. I membri della famiglia Paramyxoviridae possiedono due tipi di proteine del nucleocapside, strutturali ed ausiliarie: le strutturali sono proteine che vengono denominate in modo diverso a seconda del genere (NP, NC o N). Sono proteine costituite da due domini: amino-terminale, che comprende i due terzi della molecola e che interagisce direttamente con l RNA, e carbossi-terminale, che si pone sulla superficie esterna del nucleocapside, rendendolo particolarmente flessibile. 12

13 Le proteine ausiliari sono invece implicate nel processo di trascrizione e replicazione del genoma. Si differenziano in proteina L (large), molto grande (che verosimilmente rappresenta la RNA polimerasi) e proteina P, fosforilata (polymerase associated), più piccola. Insieme possiedono l attività enzimatica richiesta per la trascrizione (RNA polimerasi) e per le modificazioni posttrascrizionali dell RNAm: poliadenilazione all estremità 3 e metilazione al 5. Le glicoproteine dell envelope hanno funzioni sia di attacco che di fusione. Le proteine di attacco sono diverse nei diversi generi: H (emoagglutinina) ed N (neuroaminidasi) nel genere Paramyxovirus sono in grado di riconoscere i recettori cellulari specifici che presentano acido sialico, per i quali hanno un affinità molto elevata; sono in grado di agglutinare gli eritrociti dei mammiferi e dei uccelli e, contemporaneamente, presentano attività neuraminidasica che si esplica al momento del rilascio delle particelle. La proteina H nel genere Morbillivirus è deputata all adsorbimento ed è emoagglutinante, ma non ha attività neuraminidasica. La proteina G nel genere Pneumovirus possiede la sola funzione di adsorbimento e manca di attività emoagglutinante e neuraminidasica. La proteina 5F, di fusione, è presente in tutti i generi e garantisce la fusione dell envelope con la membrana cellulare, permettendo il rilascio del nucleocapside nel citoplasma. Le proteine F vengono sintetizzate come precursori inattivi (F 0 ), e sono attivate dall azione di un enzima cellulare tripsino-simile. Questo scinde la F 0 in F 1, la cui parte idrofobica si inserisce nella membrana cellulare, e in F 2, sub-unità più piccola che rimane ancorata alla F 1 mediante ponti disolfuro. Grazie a questo meccanismo, l entrata del nucleocapside avviene a ph neutro. Il fatto che l ingresso del virus 13

14 nelle cellule sia legato alla modificazione enzimatica della F 0 ha due importanti conseguenze: 1) il tropismo del virus è ristretto ai tipi cellulari che possiedono le adatte proteasi; 2) la maggiore o minore sensibilità delle diverse F 0 all azione enzimatica è direttamente collegata a diversi gradi di patogenicità. La proteina F agisce anche come fattore di fusione tra cellule contigue, permettendo la diffusione del virus persino in presenza di anticorpi. Dal momento che la proteina F è fondamentale per la penetrazione, come lo sono le proteine di adesione, gli anticorpi anti-f contribuiscono, insieme a quelli diretti contro le proteine di adesione, a conferire immunità nei confronti del virus. Dal punto di vista antigenico, le proteine superficiali dei Paramyxovirus sono molto più stabili rispetto a quelle degli Orthomyxovirus. Sono stati infatti definiti alcuni sierotipi nel genere Paramyxovirus (che forse sono da intendere come specie virali diverse), ma nell ambito dello stesso sierotipo le variazioni tra isolati diversi sono molto scarse ed evidenziabili solo mediante anticorpi monoclonali. Nel genere Morbillivirus sono state messe in evidenza estese cross-reazioni tra gli antigeni superficiali F, ma non con H. All interno di una singola specie virale la configurazione antigenica è molto uniforme. Sempre nell ambito delle proteine di attacco dell envelope ritroviamo anche le proteine M, di matrice. Queste si allineano all interno dell envelope e sono deputate al riconoscimento del nucleocapside durante l assemblaggio e verosimilmente partecipano anche alla formazione dell envelope stesso. 14

15 Il processo di replicazione si esplica con lisi cellulare con formazione di sincizi e di corpi inclusi acidofili. Pur essendo la replicazione completamente a carico del citoplasma, corpi inclusi acidofili si formano anche nel nucleo. La replicazione inizia con la trascrizione primaria dell RNA gonomico, ad opera della RNA polimerasi-rna dipendente, in 6-10 (secondo i generi) filamenti di RNAm monocistronici, che utilizzano la stessa sequenza leader e sono sintetizzati nello stesso ordine in cui i rispettivi geni sono situati nel genoma. Deve quindi esistere, all inizio e alla fine di ogni gene, un meccanismo che controlla l inizio e la fine della trascrizione: in effetti, alle estremità dei geni, esistono delle sequenze nucleotidiche omologhe alle sequenze coinvolte nei segnali di inizio/fine trascrizione del DNA cellulare. Inoltre, esiste una fine regolazione nella quantità di RNAm trascritto per ciascun gene, che dipende dalla posizione del gene stesso nel genoma. L efficienza della trascrizione, infatti, decresce con l aumentare della distanza del gene stesso dall estremità 3 del genoma. Il motivo di tale regolazione è che il virus necessita di molte copie delle proteine strutturali (come ad esempio la NP) e solo di alcune copie delle proteine di attività enzimatica (come ad esempio la L). Contemporaneamente alla trascrizione degli RNAm si producono alcuni filamenti (+) a lunghezza genomica che fungono da intermedi replicativi per la sintesi dell RNA progenie. Ovviamente, la trascrizione dell intero RNA ( ) genomico in un singolo filamento (+) comporta che, in questo caso, la trascrizione stessa avvenga ignorando tutti i segnali di inizio/fine. Non è ancora del tutto chiaro come il medesimo enzima (RNA polimerasi) possa comportarsi in due modi così diversi. 15

16 Potrebbe essere dovuto al fatto che l interazione dell enzima con le proteine del nucleocapside in via di formazione sia in grado di influenzare l attività in questo senso. La maturazione e il rilascio prevedono l incorporazione delle proteine strutturali glicosilate [H e N (N o G) e F] nella membrana plasmatica della cellula ospite, l associazione della proteina M alla superficie interna della stessa membrana, l allineamento del nucleocapside (RNA+NP+L+P) al di sotto della proteina M e, infine, il rilascio, mediante budding, dei virioni maturi (Poli). In natura è recettiva al virus della PPR la capra, in minor misura la pecora ed il bovino che, se sottoposto ad infezione sperimentale, presenta soltanto febbre di modesta entità. Nel maiale è riproducibile soltanto la forma subclinica, seguita da risposta anticorpale, non associata ad escrezione del virus mentre nel cervo, l infezione sperimentale, può provocare sintomi di entità molto variabile con possibile acquisizione di infezione subclinica o di infezione acuta o letale. Su base sierologica, con l impiego di anticorpi policlonali, è possibile dimostrare strette correlazioni antigeniche nei confronti degli altri membri del genere Morbillivirus, che risultano particolarmente marcate per il virus della Peste Bovina andando a giustificare la presenza di reazioni sierologiche crociate in pecore e bovini inoculati con i rispettivi virus. Comunque l analisi del genoma con sonde molecolari derivate dal gene N (nucleoproteina), oppure l impiego di antisieri monoclonali attivi sulle proteine di superficie consentono di riconoscere l appartenenza dei virus a specie distinte (Farina & Scatozza 1998). 16

17 2.2 EPIDEMIOLOGIA E TRASMISSIONE La Peste dei Piccoli Ruminanti (PPR) è una infezione virale acuta, altamente contagiosa che colpisce i piccoli ruminanti e occasionalmente anche alcuni ruminanti selvatici (Gazella dorcas, Capra ibex nubiana, Oryx gazella, Ovis orientalis laristanica), caratterizzata da febbre alta, scolo nasale e oculare, polmonite, necrosi, infiammazione ed ulcerazione delle mucose e delle membrane del tratto gastro-intestinale che portano a grave diarrea (Radostits et al., 2000). A causa dell elevato tasso di mortalità, soprattutto tra i giovani animali, la PPR riveste una grande importanza economica anche per le misure restrittive che porta al commercio del bestiame (Al-Majali, A.M., et al., 2008). Quando la malattia si presenta per la prima volta in una zona sono possibili manifestazioni caratterizzate da febbre molto alta e forte depressione che spesso esitano nella morte dei soggetti colpiti ancor prima dell evidenziazione di ogni altro tipico segno clinico. Un quadro più comune tuttavia, si appalesa con una rapida diffusione della malattia con improvvisa comparsa di depressione, secrezioni nasali e oculari, respirazione anomala, tosse, diarrea e morte (fig.4). Figura 4: gregge affetto da PPR (P.L. Roeder). 17

18 Sebbene sia le capre che le pecore siano suscettibili all infezione e possano manifestare segni clinici di malattia, a volte tale specie non vengono colpite simultaneamente. Nel continente africano ad esempio sono più comunemente colpiti i caprini, mentre in Asia meridionale ed occidentale principalmente gli ovini (AVIS). Le secrezioni oculari e nasali tipiche della PPR, come pure le feci, contengono grandi quantità di virus. Piccolissime particelle aerosoliche, che si liberano in seguito a tosse e starnuti, favoriscono la diffusione del virus tra gli animali e lo stretto contatto quindi rappresenta il più importante fattore di rischio ai fini della trasmissione. Secrezioni ed escrezioni infette possono anche contaminare acque di bevanda, alimenti o le lettiere, trasformandoli in ulteriori fonti di infezione anche se quest ultimi sono relativamente importanti in quanto il virus della PPR non è in grado di sopravvivere a lungo al di fuori dell ospite (Recognizing Peste des Petits Ruminants, a field manual FAO). La localizzazione primaria del virus è rappresentata dalla mucosa delle prime vie respiratorie a cui segue replicazione nelle tonsille palatine e nei linfonodi faringei e mandibolari. Il successivo adsorbimento alla superficie dei mononucleati è responsabile della viremia che precede di 1-2 giorni la comparsa dei sintomi. Le localizzazioni secondarie sono rappresentate dagli organi linfoidi, nonchè dalle mucose degli apparati digerente e respiratorio. Nella fase prodromica, la replicazione virale è molto efficiente ma si arresta successivamente alla comparsa di febbre e di anticorpi specifici nel torrente circolatorio. La viremia persiste a 18

19 lungo in presenza di stipiti virali ad elevata virulenza e/o di soggetti ad elevata recettività, ma di norma alla guarigione non segue lo stato di portatore anche se, sia pure occasionalmente, il virus è stato isolato a distanza di settimane o mesi dalla regressione dei sintomi. Casi clinici di PPR possono essere associati a movimentazione degli animali, all abitudine di costituire gruppi di animali di specie ed età diverse, all introduzione di nuovi soggetti, al commercio animale ed, in particolare, nei mercati dove greggi provenienti da differenti regioni vengono poste a stretto contatto o, infine, con greggi nomadi attraverso la condivisione di pascoli e punti di abbeverata. Anche i cambiamenti climatici possono svolgere un ruolo importante, episodi di malattia infatti si registrano più frequentemente all inizio della stagione delle piogge (caldo e umido), o l inizio della stagione secca. Nelle aree endemiche la maggior parte degli animali malati o morti risultano quelli di età compresa tra i quattro mesi e i due anni (AVIS). La trasmissione avviene quindi per contatto diretto per via inalatoria, mentre il contatto indiretto, pur non potendo essere escluso, assume rilevanza modesta. La comparsa di PPR in territori riconosciuti indenni è costantemente riferibile all importazione di animali infetti che presentano una forma subclinica o asintomatica. Nelle aree indenni, quindi, in presenza di animali ad alta recettività, la PPR evolve in forma grave e letale anche dopo contatto con stipiti a bassa virulenza al contrario di quanto si verifica invece nelle aree endemiche. La morbilità può raggiungere anche il 100% in una popolazione recettiva, mentre la mortalità varia 19

20 dal 50 all 80%. Queste percentuali sono in genere più basse nelle zone endemiche dove gli animali entrano frequentemente in contatto con il virus. 2.3 SEGNI CLINICI E LESIONI ANATOMOPATOLOGICHE I segni clinici, in seguito ad infezione naturale, compaiono in media dopo due/sei giorni dall avvenuto contatto, con l insorgenza improvvisa di febbre alta, C, anoressia e ottundimento del sensorio. Inizialmente si può osservare un essudazione oculo-nasale sierosa che si trasforma poi in muco-purulenta in seguito ad infezioni batteriche secondarie che si sviluppano soprattutto a carico dell apparato respiratorio (Pasteurella sp.) (fig. 5 e 6). A breve distanza di tempo compaiono erosioni ed aree necrotiche sulle mucose del cavo orale associate a diarrea persistente. Figura 5: secrezione oculare sierosa (FAO). Figura 6: secrezione oculo-nasale muco- Purulenta (FAO). Uno o due giorni dopo l insorgenza della febbre le membrane delle mucose buccali e oculari diventano molto congeste. La necrosi epiteliale porta a delle piccole aree tondeggianti di colore grigio sulle gengive, sul palato, sulle labbra, all interno delle guance e sulla superficie superiore delle lingua che tendono a crescere di numero e di dimensioni fino a confluire (fig.7). La cavità buccale 20

21 assume un aspetto drasticamente modificato, assume un colorito pallido ed è ricoperta di cellule morte che in alcuni casi possono formare una vera e propria pellicola di materiale spesso ed appiccicoso al di sotto del quale si possono trovare ulteriori erosioni superficiali (fig.8). In alcuni casi le lesioni possono non essere facilmente notate e richiedono un attendo esame visivo. Con il semplice sfregamento della gengiva e del palato è possibile asportare materiale maleodorante contenente brandelli di tessuto epiteliale. Stesse modificazioni si posso riscontrare anche nelle mucose del naso, della vulva e della vagina dove le labbra tendono a gonfiarsi e a ricoprirsi di croste. Figura 7: tipica lesione buccale in corso di PPR (CESME). Figura 8: tipico aspetto della mucosa Buccale in corso di PPR (FAO). Con il progredire della malattia viene prodotto un caratteristico essudato maleodorante dalla bocca e, i soggetti colpiti, a causa del dolore non riescono ad aprire la bocca e quindi a nutrirsi. La diarrea compare generalmente dopo due o tre giorni dall insorgenza della febbre, anche se, in alcuni casi può non essere evidente. Le feci sono inizialmente morbide e poi acquose, maleodoranti e possono contenere tracce di sangue e pezzi di tessuto necrotico. Quando la diarrea non è evidente, l inserimento di un 21

22 tampone di cotone idrofilo nel retto può rilevare la presenza di feci molli spesso macchiate di sangue. Gli animali colpiti presentano una respirazione anomala, a volte talmente veloce da presentare discordanza toraco-addominale ad ogni atto respiratorio. Nei casi più gravi si può avere difficoltà nella respirazione con intensi rumori respiratori, che l animale esprime estendendo testa e collo, dilatando le narici, protendendo la lingua e con una tosse non secca ma dolorosa, tipici segni di una polmonite. Questi soggetti possono andare incontro a forte disidratazione visibile dagli occhi notevolmente incavati. La morte può subentrare dai sette ai dieci giorni dalla comparsa dei primi segni clinici di malattia. Alcuni animali, a seguito di una lunga convalescenza, possono invece recuperare un buono stato di salute. Superata la fase acuta della malattia frequentemente si possono riscontrare piccole lesioni nodulari a livello cutaneo, sulla parte esterna delle labbra ed intorno al muso. L eziologia di queste lesioni non è ben nota ma viene ipotizzata un infezione da Dermatophilus sp. o la riattivazione del virus dell ectima contagioso (AVIS). La carcassa di un animale colpito generalmente risulta essere emaciata, con i quarti posteriori sporchi e ricoperti di feci morbide o acquose e con i bulbi oculari estremamente incavati in seguito alla imponente disidratazione. Gli occhi e il naso risultano secchi o coperti da essudazioni. A livello della bocca si riscontrano erosioni biancastre sulle gengive, sul palato molle e su quello duro, sulla lingua, nelle guance fino a tutto l esofago. Le labbra 22

23 sono gonfie e possono presentare anch esse erosioni ed eventualmente croste e noduli. Il rivestimento della cavità nasale è congesto con essudazione di colore chiara o gialla cremosa e presenza di erosioni. I polmoni presentano aree di colore rosso scuro o porpora, duri al tatto, specialmente nei lobi anteriore e cardiaco, come riscontro di polmonite lobare acuta è indicativa di complicanze secondarie (fig. 9 e 10). Figura 9: riscontro di polmonite lobare acuta Figura 10: tipiche lesioni polmonari in corso in corso di PPR (FAO). di PPR (FAO). I linfonodi, a livello polmonare ed intestinale, sono morbidi ed aumentati di volume. L abomaso è congesto e talvolta emorragico. Anche il piccolo intestino appare congesto, emorragico con presenza di erosioni e le placche del Peyer presentano deplezione linfocitaria indicativa del coinvolgimento delle strutture linfoidi. Il grosso intestino (cieco, colon e retto) presenta piccole emorragie rossastre lungo le pieghe della mucosa che tendono a confluire con il tempo diventando più scure fino a risultare verdi-nerastre nelle carcasse più vecchie (fig 11). 23

24 Figura 11: tipiche lesioni a zebra del colon (FAO). 2.4 DIAGNOSI L elevata diffusibilità della PPR ed il relativo comportamento su base anatomoclinico, che si possono riscontrare nelle aree endemiche, danno fondamento al sospetto diagnostico anche se i caratteri della malattia possono variare ampiamente in relazione alla recettività degli animali e alla virulenza degli stipiti virali presenti nei singoli focolai. Supporto significativo nell indagine anamnestica è sicuramente quello riguardante la movimentazione degli animali con attenzione all introduzione di nuovi soggetti provenienti dalle zone infette e/o aree endemiche. La comparsa improvvisa di secrezioni oculo-nasali, diarrea e morte associata a problemi respiratori, soprattutto in soggetti giovani, deve suscitare il sospetto di malattia così come i rilievi dell indagine post-mortem nelle carcasse colpite. La sola diagnosi provvisoria non è però sufficiente perché molte altre gravi malattie che colpiscono gli ovi-caprini possono presentare segni clinici riconducibili alla PPR; per questo è sempre necessaria anche una diagnosi di laboratorio per individuare la presenza del virus o di anticorpi specifici. 24

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica

Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Bluetongue: malattia e situazione epidemiologica Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie AGRICOLTURA. Il Ministero ha ridotto l area soggetta a restrizioni per contenere la

Dettagli

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara Caratteri generali I virus dell influenza A, B, C sono gli unici membri della Famiglia Orthomyxoviridae Tutti patogeni per l uomo (A anche per animali) Virione

Dettagli

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM

Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM Definizione Malattia infettiva acuta Altamente contagiosa Colpisce gli animali ad unghia fessa Caratterizzata da febbre vescicole sulle mucose

Dettagli

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol.

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol. Orthoreovirus, Rotavirus, Orbivirus, Coltivirus Caratteri generali: Privi di mantello. Due involucri capsidici. 10-12 segmenti di RNA genomico a doppio filamento. Reovirus Stabili in svariate condizioni

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015

OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 OGNI TETTO IN PIÙ CONTA! Una campagna crowdfunding per ricostruire le case dei Saharawi distrutte dall alluvione dell autunno 2015 PROMOTORI Jaima Sahrawi (Reggio Emilia), El Ouali (Bologna), Kabara Lagdaf

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino

Influenza. Prof. Vincenzo Cuteri. Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Influenza Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Orthomyxoviridae: Influenza Pandemie ed epidemie influenzali 1918 Spagnola (H1-N1) 20 milioni di morti 1957 Asiatica

Dettagli

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico

Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Schmallenberg virus: l ennesima emergenza sanitaria per la zootecnia della Sardegna? Nuoro, 20 dicembre 2012 Dal prelievo alla diagnosi: Descrizione del percorso diagnostico Annalisa Oggiano Dipartimento

Dettagli

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici

La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici La malattia di Aujeszky: aspetti diagnostici Stefano Nardelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Isola della Scala (VR) 10.05.2011 STORIA (1813) (1902) (1934) prima descrizione USA prurito

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles)

Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Silvia Preziuso silvia.preziuso@unicam.it Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Camerino Streptococcus Streptococcus equi subsp. equi (S. equi) Adenite equina (Strangles) Adenite equina (Strangles)

Dettagli

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO GENERALITA A causa della natura di PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO, il virus può esprimere la sua attività biologica solo all interno di una CELLULA OSPITE che permetta la completa espressione del suo

Dettagli

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura Influenza Suina - definizione Influenza suina Malattia infettiva, contagiosa, ad andamento acuto Caratterizzata da sintomi respiratori Eziologia virale Orthomyxoviridae Influenza virus tipo A I nfluenzavirus

Dettagli

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia

L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia ZOONOSI EMERGENTI E RIEMERGENTI: tra vecchie conoscenze e nuove realtà Torino, 26 febbraio 2013 L epatite E nei suini domestici e selvatici in Italia Fabio Ostanello Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole zanzare,

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali

Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola Informazioni Generali Malattia da Virus Ebola (Ebola Virus Disease = EVD) Origini Il virus Ebola prende il nome dal fiume Ebola, nello stato dello Zaire (ora Repubblica Democratica

Dettagli

Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche. Federica Monaco ICT

Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche. Federica Monaco ICT Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche Federica Monaco ICT Padova 4 Novembre 2011 Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali sono Enti Sanitari

Dettagli

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane

Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Programma di vaccinazione nei cuccioli di cane Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie UNICAM 5/2/2007 Prof. Vincenzo Cuteri 1 Importanza della profilassi immunizzante Durata immunità materna:

Dettagli

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010)

LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA ARABA (1884-2010) FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea magistrale in Lingue moderne per la comunicazione internazionale Anno accademico 2011/2012 LA RESISTENZA SAHRAWI. DALL INSEDIAMENTO SPAGNOLO ALLA PRIMAVERA

Dettagli

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia

PSEUDORABBIA. Scheda pseudorabbia Pag. 1. Caratteristiche della patologia E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia PSEUDORABBIA Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Pseudorabbia (Malattia di Aujeszky). E.1.2 Agente/i eziologico/i Herpesvirus del suino (PRV). E.1.3 Breve descrizione

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR)

RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR) RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO (IBR) La rinotracheite infettiva dei bovini (IBR) è una malattia infettiva e contagiosa dei bovini causata dall HERPESVIRUS BOVINO tipo 1 (BHV-1). Descritta negli USA

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

Cimurro Malattia di Carré. Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie Università di Camerino

Cimurro Malattia di Carré. Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie Università di Camerino Cimurro Malattia di Carré Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie Università di Camerino Tassonomia Ord. Mononegavirales Ord. Mononegavirales Fam. Paramyxoviridae Sottofam. Paramyxovirinae

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

04/05/2009 DEFINIZIONE DIFFUSIONE E TRATTAMENTO. Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Corso di Igiene.

04/05/2009 DEFINIZIONE DIFFUSIONE E TRATTAMENTO. Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Corso di Igiene. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di laurea in Biologia Indirizzo Biologia Sanitaria Corso di Igiene L influenza Prof. P. Cavallo 1 DEFINIZIONE Malattia prevalente dell apparato respiratorio (naso,

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE

POXVIRUS. VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS VIRUS a DNA con ENVELOPE POXVIRUS Caratteristiche: Virus molto grande e COMPLESSO Con inviluppo (2 membrane), 200-400 nm Forma ovoidale o a parallelepipedo Genoma dsdna lineare, 130-300 Kbp Unico

Dettagli

PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA

PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA PRINCIPI DI DIAGNOSTICA VIROLOGICA Generalità I virus sono parassiti endocellulari obbligati, la particella virale completa (virione) presenta il genoma costituito da

Dettagli

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus PESTIVIRUS fam. FLAVIVIRIDAE Suddivisa in tre generi Flavivirus Pestivirus Hepacivirus 1 CLASSIFICAZIONE DEI PESTIVIRUS Un tempo classificati in BVDV, CSFV, BDV Questo schema tiene conto SOLO dello spettro

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio

individuazione della causa di una patologia Diagnostica di laboratorio DIAGNOSI (διαγνωσισ = distinguere) individuazione della causa di una patologia Diagnosi su base clinica e/o anatomo-patologica sospetto o orientamento diagnostico Diagnosi di laboratorio (diagnosi eziologica)

Dettagli

Malattie infettive a trasmissione aerea

Malattie infettive a trasmissione aerea Ogni anno, immancabilmente, si ripete un incontro puntuale quanto indesiderato... quello fra l uomo ed i virus influenzali Malattie infettive a trasmissione aerea Ambiente: densità della popolazione occasioni

Dettagli

CIMURRO DEFINIZIONE EZIOLOGIA. Fam. PARAMYXOVIRIDAE

CIMURRO DEFINIZIONE EZIOLOGIA. Fam. PARAMYXOVIRIDAE CIMURRO DEFINIZIONE Il cimurro è una malattia infettiva e contagiosa del cane e di altri carnivori ad andamento acuto, sub-acuto o cronico, caratterizzata da sintomi respiratori e/o gastro-intestinali

Dettagli

AFTA EPIZOOTICA. Agenti Eziologici di Malattie Vescicolari 14/04/2014

AFTA EPIZOOTICA. Agenti Eziologici di Malattie Vescicolari 14/04/2014 Agenti Eziologici di Malattie Vescicolari Famiglia Genere Malattia sigla Sierotipi PICORNA VIRIDAE PICORNA VIRIDAE Aphtov. Afta FMD Enterov. Malattia vescicolare dei suini RHABDO Stomatite VIRIDAE Vesiculov.

Dettagli

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos.

La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. La sierologia si può usare come screening? Non sul singolo animale: Solo 11,8% (12/102) con PCR ed ELISA pos. Solo 3,92% (4/102) con PCR e FDC pos. FDC viene confermata da ELISA FDC è frequentemente associata

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita

Che cos è l AIDS. Il virus H.I.V. è la causa dell immunodeficienza acquisita HIV e AIDS Che cos è l AIDS L A.I.D.S. o S.I.D.A. è una sindrome da immunodeficienza acquisita. E una malattia del sistema immunitario che ne limita e riduce le funzioni. Le persone colpite sono più suscettibili

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula

EZIOLOGIA. Bacillus anthracis - gram positivo. - forma bastoncellare. - immobile. - sporigeno e con presenza di capsula CARBONCHIO EMATICO Malattia infettiva a carattere setticemico che colpisce bovini, ovini e caprini, suini, cavallo e uomo; è caratterizzata da una setticemia acuta ad insorgenza improvvisa e decorso rapidamente

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi

PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi PRODUZIONI ANIMALI NELLE TENDOPOLI SAHRAWI A cura di Germano Cassina Medico veterinario esperto in emergenza sanitaria nei campi profughi SITUAZIONE POLITICA I Sahrawi, letteralmente gente del deserto,

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI

Come e quando fare i test. Antonino Di Caro INMI Come e quando fare i test Antonino Di Caro INMI Come e quando fare il test Antonino Di Caro, antonino.dicaro@inmi.it Maria Rosaria Capobianchi, maria.capobianchi@inmi.it Concetta Castilletti, concetta.castilletti@inmi.it

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia

Bollettino Epidemiologico n. 78. L Influenza Aviaria e il timore di una pandemia Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 78 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-322240 - Fax 0824-23154 - e-mail sep@aslbenevento.it L Influenza Aviaria

Dettagli

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria

Le epatiti virali DEFINIZIONE VIRUS DELLE EPATITI. Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Corso di Igiene Curriculum Biologia Sanitaria Le epatiti virali Prof. P. Cavallo 1 DEFINIZIONE Con il termine epatiti virali si intendono una serie di forme infettive

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO Retrovirus RNA virale DNA Virale (integrato nel genoma dell ospite) mrna virale, genoma - trasferimento invertito (retro) dell informazione genetica - solitamente, ben adattati

Dettagli

Orthopoxvirus. Categoria A: virus. Vaiolo. Famiglia Poxviridae. Vaiolo

Orthopoxvirus. Categoria A: virus. Vaiolo. Famiglia Poxviridae. Vaiolo Categoria A: virus Orthopoxvirus A. Azzi-Firenze, 21 febbraio 2005 Facilità di diffusione e trasmissione interumana Letalità elevata Capacità di suscitare panico e disordini Necessità di predisporre piani

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

Foglio di approfondimento Virus

Foglio di approfondimento Virus Foglio di approfondimento Virus VIRUS DELL INFLUENZA L influenza è una malattia virale acuta del tratto respiratorio causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, suddivisi in 3 generi

Dettagli

Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante

Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante Edward Jenner e il vaccino del vaiolo a cura di Monica Morgante BIOGRAFIA Edward Jenner, famoso medico inglese nato a Berkley, nel Gloucerstershire, il 17 maggio 1749 e morto il 26 gennaio 1823, divenne

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA. prof. Oliviero E. Varnier Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Genova ROSOLIA prof. Oliviero E. Varnier WWW.MICROBIOLOGIA.UNIGE.IT Sezione di Microbiologia Dipartimento di Scienze Chirurgiche Diagnostiche Integrate (DISC)

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

LE RETROVIROSI DEI FELINI. Classificazione. Proprietà antigeniche

LE RETROVIROSI DEI FELINI. Classificazione. Proprietà antigeniche LE RETROVIROSI DEI FELINI Rappresentano un gruppo di malattie che rivestono un ruolo importante nella patologia dei felini Sono sostenute da virus denominati retrovirus per la presenza di un enzima denominato

Dettagli

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV)

L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) L IMMUNODEFICIENZA FELINA (FIV) E LA LEUCEMIA FELINA (FeLV) Nel panorama delle patologie che interessano i nostri amici gatti risultano particolarmente degne di nota l Immunodeficienza Felina (FIV) e la

Dettagli

Anamnesi Sintomi Lesioni. Diagnosi. Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica

Anamnesi Sintomi Lesioni. Diagnosi. Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica Silvio Pascucci 1 Anamnesi Sintomi Lesioni Esami : Istologici Virologici Sierologici Diagnosi Il ricorso agli esami di laboratorio è enormemente ingigantito, in particolare per la diagnosi virologica 2

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Campylobacter: ancora un patogeno emergente?

Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Campylobacter: ancora un patogeno emergente? Ludovico DIPINETO Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali Università degli Studi di Napoli Federico II Campylobacter Batteri appartenenti

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

Arterite Virale Equina (AVE)

Arterite Virale Equina (AVE) Arterite Virale Equina (AVE) Prof. Vincenzo Cuteri Dipartimento Scienze Veterinarie Università degli Studi di Camerino 27/04/2009 1 Introduzione Evidenziata alla fine del 19 secolo Denominata: Congiuntivite

Dettagli

PisAcqua 2010. Patologie delle specie ittiche, igiene degli allevamenti e sicurezza dei prodotti

PisAcqua 2010. Patologie delle specie ittiche, igiene degli allevamenti e sicurezza dei prodotti PisAcqua 2010 Patologie delle specie ittiche, igiene degli allevamenti e sicurezza dei prodotti Patologie virali associate al consumo di molluschi bivalvi HAV e Norovirus Pisa 7 maggio 2010 Dr. Laura Serracca

Dettagli

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso.

Nell allegato (all.1) si riportano alcune informazioni di base relative alla malattia ed alla epidemia in corso. NOTA OPERATIVA GORES : indicazioni per la sorveglianza e gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti di malattia da Virus Ebola (MVE) collegati con l epidemia in Africa Occidentale L epidemia

Dettagli

BLUETONGUE. Bluetongue (febbre catarrale degli ovini).

BLUETONGUE. Bluetongue (febbre catarrale degli ovini). BLUETONGUE Caratteristiche della patologia Informazioni E.1 Malattia E.1.1 Nome patologia Bluetongue (febbre catarrale degli ovini). E.1.2 Agente/i eziologico/i Bluetongue virus (BTV), virus a RNA privo

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO UNIVERSITÀ DI PISA 16 Gennaio 2015 SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN SANITÀ ANIMALE ALLEVAMENTO E PRODUZIONI ZOOTECNICHE Seminario Aggiornamento sulle leptospirosi degli animali LA LEPTOSPIROSI NEL CAVALLO

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

A cura del dr. Giovanni Piu

A cura del dr. Giovanni Piu A cura del dr. Giovanni Piu INFLUENZA Parola derivata dalla lingua Italiana, perché si supponeva che la malattia fosse dovuta all influenza climatica svolta da una sfavorevole congiunzione astrale. E una

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI La sindrome influenzale Che cosa è l influenza? Chi si ammala di influenza? Quali sono i sintomi? Cosa bisogna fare quando si ha l influenza? Quando è necessario chiamare il medico?

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo TECNICHE PER L ANALISI

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS I virioni, rappresentano la fase biologicamente inattiva, dei singoli virus. Le diverse famiglie di virus utilizzano strategie replicative a causa della differente organizzazione

Dettagli

Virus a DNA senza envelope ADENOVIRUS

Virus a DNA senza envelope ADENOVIRUS Virus a DNA senza envelope ADENOVIRUS ADENOVIRUS Isolati per la prima volta nel 1953, da adenoidi e tonsille - 1953 identificazione di un virus come causa del processo degenerativo di colture cellulari

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA I.P.S.I.A. Bettino Padovano Senigallia INDIRIZZO CHIMICO BIOLOGICO 2009/10 ALUNNO:MATTEO BARBARINI CLASSE: 5 TECNICO CHIMICO-BIOLOGICO DOCENTE:PROF.SSA

Dettagli