Osservatorio E-Health Rapporto 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio E-Health Rapporto 2005"

Transcript

1 Osservatorio E-Health Rapporto 2005 Aprile 2006 Autori: Luca Buccoliero, Stefano Calciolari, CERGAS Università Bocconi Ricerca promossa e finanziata da Oracle Italia COPYRIGHT CERGAS

2 Indice PREMESSA OBIETTIVI DI RICERCA E STRUTTURA DEL RAPPORTO METODOLOGIA DI RICERCA IL CONTESTO SANITARIO NAZIONALE La spesa sanitaria nel SSN INTEGRAZIONE INFORMATIVA E STANDARD IN SANITÀ Lo standard DICOM Lo standard HL IHE RICOSTRUZIONE DELLE SCELTE STRATEGICHE IN AMBITO ICT Il ruolo della funzione sistemi informativi Esigenze di integrazione e risposte strategiche Approccio al problema della sicurezza Business intelligence e controllo direzionale VERSO ALCUNE RELAZIONI SIGNIFICATIVE Relazione tra ruolo della funzione SI ed esternalizzazioni ICT Relazione tra integrazione dell area clinica e performance aziendali Priorità di controllo e soddisfazione per gli strumenti di BI CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA COPYRIGHT CERGAS

3 PREMESSA I ricercatori CERGAS Bocconi hanno curato, per conto di Oracle Italia, l indirizzo scientifico e l elaborazione dati della ricerca avente ad oggetto la ricostruzione e l approfondimento delle percezioni strategiche dei responsabili di sistemi informativi delle aziende sanitarie ed ospedaliere del Sistema Sanitario Nazionale. Il tema è di particolare interesse sia per le indicazioni che può offrire all offerta sulle sensibilità ed esigenze fondamentali della domanda, sia per relazioni tra caratteristiche organizzative, tecnologie adottate e orientamenti decisionali. Per un settore ad alta intensità di tecnologia quale quello sanitario, che si confronta con un offerta in rapida evoluzione, è particolarmente apprezzabile disporre di sintetiche rappresentazioni delle principali caratteristiche dei sistemi informativi aziendali a livello nazionale. Inoltre, su alcuni temi fondamentali, gli orientamenti ed i giudizi di attori attivamente coinvolti nei processi evolutivi delle architetture tecnologiche risultano interessanti indicatori del valore delle soluzioni tecnologiche disponibili. Data la complessità di progettare un sistema informativo aziendale specialmente se articolato e influente su un diritto così fondamentale come la salute e la difficoltà di dimostrare l efficacia dei relativi investimenti nel breve periodo, è dunque importante monitorare le tendenze e le percezioni medie. Infatti, la semplice ricostruzione (ancorché accurata) di misure di input legate all informatizzazione in ambito sanitario (es. spese, macchinari medicali, ecc.) rischia di avere scarso valore conoscitivo se non affiancata da informazioni sui miglioramenti reali o percepiti ad essi riconducibili. COPYRIGHT CERGAS

4 1. OBIETTIVI DI RICERCA E STRUTTURA DEL RAPPORTO Le finalità della ricerca, coerentemente con il mandato ricevuto dal committente, sono riconducibili a due obiettivi fondamentali: da un lato, la ricostruzione delle scelte strategiche operate dalle aziende sanitarie del Sistema Sanitario Nazionale (SSN) in tema di automazione dei loro sistemi informativi attraverso le tecnologie della comunicazione e dell informazione (ICT); dall altro, l esplorazione di alcune relazioni tra caratteristiche strutturali delle aziende e scelte di investimento tecnologico e tra queste ultime ed alcuni indicatori di performance. La complessità della ricerca derivante dai suoi ambiziosi obiettivi è stata governata limitando le aree d indagine a tre: - integrazione dei processi aziendali (clinici ed amministrativi); - sicurezza del trattamento informatico dei dati; - business intelligence. La prima area d indagine fa riferimento all organizzazione delle attività per processi, ovvero la definizione di sequenze di attività, tra loro logicamente interrelate, in cui ogni risorsa è gestita lungo un ciclo di vita orientato al conseguimento di un obiettivo che rappresenta valore per l azienda. La scelta di questo oggetto d indagine è legata al rilievo che ha assunto nella letteratura del business process reengeneering (Galbraith 1973, Hammer 1990, Hammer e Champy 1993, Davenport 1993), che vede in tale modello organizzativo un fattore critico di successo. Infatti, i moderni sistemi ERP (Enterprise Resource Systems) che hanno trovato diffusione nel settore sanitario italiano negli ultimo decennio si basano proprio su tale premessa organizzativa. Inoltre, la letteratura e le esperienze volte a offrire risposta alle esigenze di continuità della cura vedono nella definizione di percorsi assistenziali del paziente (o percorsi diagnostico-terapeutici del paziente PDTP) la chiave per superare la frammentazione dell offerta di servizi sanitari. La dimensione della sicurezza fa riferimento alle garanzie che il sistema informatico aziendale offre rispetto alle esigenze di tutela dell integrità e della privacy dei dati sanitari. La tematica risulta di particolare interesse dato il carattere sensibile dei dati trattati dalle aziende sanitarie. COPYRIGHT CERGAS

5 Infine, la business intelligence riguarda gli strumenti finalizzati al supporto del controllo di gestione e della pianificazione strategica. Il ruolo chiave che tali tecnologie rivestono nel governo della complessità aziendale e delle relative risorse rendono particolarmente rilevante un approfondimento sulla loro diffusione ed il contributo che offrono alla direzione aziendale. Come già detto, oltre alla ricostruzione delle scelte strategiche fatte in tema di automazione informativa, la ricerca ha cercato di individuare alcune relazioni significative. Le conclusioni in merito a tale obiettivo, basate sui risultati dell indagine campionaria descritta nel paragrafo successivo, hanno valore limitatamente alle percezioni delle persone intervistate sia pure supportate dalla rilevante professionalità legata al ruolo organizzativo da esse ricoperto e dall accuratezza delle risposte fornite. La struttura del presente rapporto di ricerca si articola in cinque parti, corrispondenti ai diversi paragrafi che seguono. Nel 2 è descritta la metodologia su cui si è basata la ricerca. Segue, nel 3, una sintetica descrizione del SSN italiano che rappresenta il contesto di riferimento dell oggetto d analisi e degli attori intervistati. Nel 4 sono riportati un inquadramento sul ruolo dell integrazione (clinica ed amministrativa) nelle aziende sanitarie ed alcune note tecniche sulle caratteristiche degli standard clinici. Il 5 mette in evidenza i risultati più significativi relativi alla ricostruzione delle scelte strategiche operate dalle aziende sanitarie in tema di automazione dei loro sistemi informativi attraverso le ICT. Infine, il 6 espone le relazioni significative emerse dall analisi. COPYRIGHT CERGAS

6 2. METODOLOGIA DI RICERCA I risultati della ricerca si basano su una metodologia d indagine che si è avvalsa di tre strumenti tra loro complementari: analisi della letteratura esistente in materia; definizione del contesto istituzionale nazionale per la formulazione di un quadro di riferimento; somministrazione di un questionario (il cui testo può essere richiesto direttamente ai ricercatori) ai responsabili dei sistemi informativi delle aziende sanitarie italiane. Tali strumenti hanno consentito di cogliere diversi aspetti dell oggetto d analisi e conferire validità ai risultati. Infatti, l analisi della letteratura di riferimento (riportata in bibliografia) ha consentito di strutturare e focalizzare il questionario sulle dimensioni d analisi più rilevanti. Mentre il quadro istituzionale ha permesso di contestualizzare i risultati ottenuti e valutarne la rilevanza per il sistema di riferimento. Infine, il questionario ha rappresentato lo strumento di raccolta dati su cui sono state effettuate le elaborazioni per ricostruire le scelte strategiche delle aziende sanitarie e le percezioni su trend evolutivi, e per cogliere alcune relazioni significative. La somministrazione del questionario è stata rivolta tramite CATI 1 ai responsabili dei sistemi informativi di tutte le aziende sanitarie presenti sul territorio italiano tra Novembre e Dicembre In particolare, tre tipi di aziende sono state considerate: aziende sanitarie locali (o a seconda delle denominazioni regionali, unità sanitarie locali o unità socio sanitarie locali di seguito ASL), aziende ospedaliere (nelle regioni in cui è avvenuto lo scorporo dei presidi ospedalieri di seguito AO) ed IRCCS 2. Mentre i primi due tipi di aziende fanno capo al SSN, l ultimo tipo include anche aziende private accreditate, le cui attività svolte rivestono rilevanti caratteristiche scientifiche e di interesse pubblico. Per un totale di 341 aziende. Il tasso di risposta, ottenuto dopo cinque tentativi effettuati per ogni contatto (e che considera i soli questionari per cui una risposta ancorché non so è stata data ad ogni domanda), si 1 Computer Aided Telephone Interviewing. 2 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. COPYRIGHT CERGAS

7 è attestato a 90 (26,4%). La struttura del campione di aziende rispondenti è descritta nelle Figure 2.1 e 2.2. Tabella 2.1 Struttura del campione per tipo di azienda IRCCS 6% AO 36% ASL 58% Figura 2.2 Struttura del campione per area geografica Sud 31% Nord-Ovest 34% Centro 18% Nord-Est 17% E bene considerare che le ASL includono sia le aziende non dotate di presidi ospedalieri (nelle Regioni, come la Lombardia, in cui è avvenuto lo scorporo in proposito si veda il 3), COPYRIGHT CERGAS

8 sia quelle dotate di presidi (88,7% del campione). Ciò premesso, il numero di posti letto è un buon indicatore delle dimensioni aziendali di riferimento, il cui valore medio si attesta ai livelli più elevati nelle AO e nell area Nord-Est (Figg. 2.3 e 2.4). Figura 2.3 Numero medio di posti letto per tipo di azienda , , AO ASL IRCCS S1 Figura 2.4 Numero medio di posti letto per area geografica , , , Nord- Ovest Nord-Est Centro Sud COPYRIGHT CERGAS

9 3. IL CONTESTO SANITARIO NAZIONALE I sistemi sanitari europei sono da tempo al centro di significativi processi di riforma. Accanto a riforme di carattere più strutturale (si pensi all introduzione dei quasi-mercati nel Regno Unito o al recente processo di devoluzione regionale in Spagna), i quadri istituzionali sono destinatari di politiche finalizzate a introdurre elementi innovativi o a ripercorrere sentieri già sperimentati. Il SSN italiano, così come istituito dalla legge 833/78, non fa eccezione. La legge 833/78 istituisce un sistema sostanzialmente insensibile al vincolo delle risorse e alla conseguente necessità di selezionare priorità di offerta. L obiettivo e l eguale tutela della salute fisica e psichica di tutti i cittadini. Oggi, tuttavia, l obiettivo esplicito del SSN e la garanzia di livelli essenziali di assistenza (LEA) 3, nel riconoscimento dei vincoli di bilancio stabiliti in sede di programmazione economico-finanziaria. Questo cambiamento di orientamento è stato determinato da una successiva legislazione 4 che, di fronte alla crescita delle risorse assorbite dal SSN così come originariamente concepito, ha recepito la necessità di introdurre un vincolo sulla gestione. Certamente, gli effetti sulla salute continuano a essere determinanti per la selezione delle prestazioni, confermando così l obiettivo fondamentale di tutela della salute. Tale obiettivo, però, viene collocato nello spazio dell assistenza sanitaria ritenuta essenziale. Inoltre, esplicito e il collegamento al rispetto delle compatibilità macro-economiche (individuate in sede di programmazione economica). L offerta di servizi sanitari, in Italia, si concentra prevalentemente in strutture pubbliche. Anche se, a quest ultimo riguardo, nel periodo l incidenza di strutture sanitarie private operanti comunque prevalentemente all interno dell SSN secondo la logica dell accreditamento - è passata dal 9,9% al 12,4% sul totale. 3 Due sono le caratteristiche centrali dei LEA: (a) essere una lista negativa - ossia una lista che esclude le prestazioni da non effettuare, anziché includere quelle da assicurare -, il che appare coerente con l attuale incompletezza selettiva delle prove di efficacia e con i limiti di criteri univoci di razionamento in presenza di una pluralità di valutazioni sulla qualità della vita; (b) essere basati sul criterio dell appropriatezza clinica, ossia sulla necessità di evitare che prestazioni pur efficaci siano erogate a pazienti per i quali i rischi superano i benefici. 4 Si fa riferimento, per citare alcuni riferimenti normativi, al decreto legislativo 502 del 1992, al decreto legislativo 517 del 1993, al decreto legislativo 229 del 1999, ecc. COPYRIGHT CERGAS

10 Con il decreto legislativo 502/92 prende avvio il processo di aziendalizzazzione, che si sostanzia nell introduzione, da un lato, di norme di diritto privato e di pratiche gestionali tipiche delle imprese private (es. schemi di remunerazione collegati alle prestazioni erogate); dall altro, di forme di partnership fra offerta pubblica e privata. Se per l aziendalizzazione è possibile individuare un percorso di progressiva estensione, diversa è, invece, la situazione per la concorrenza. Un nocciolo di elementi di concorrenza, che perdura dagli inizi degli anni 90, è conseguente all abolizione dell istituto delle convenzioni con le strutture private. Tuttavia, sul modello di concorrenza da adottare se uno centrato sulla libertà di scelta degli utenti o uno centrato sulla libertà di scelta degli acquirenti (come nella prospettiva negoziale del contracting out) la normativa si è espressa variamente. Il contestuale processo di devoluzione in materia sanitaria a favore delle regioni, ha portato così alla realizzazione di sistemi sanitari regionali con caratteri significativamente distintivi. Basti pensare a due modelli alternativi quali quello lombardo e quello dell Emilia Romagna. Il primo ha proceduto verso una concorrenza centrata sulla libertà di scelta degli utenti, che ha previsto lo scorporo delle aziende ospedaliere (AO) dalle aziende sanitarie locali (AO) e la liberalizzazione dell offerta privata. Il secondo si è basato sul governo clinico della domanda. Ovvero, è prevista la fissazione ex ante (tramite accordo contrattuale) delle quote di produzione per ogni erogatore, l integrazione a rete dei diversi presidi e la resistenza a forme estese di privatizzazioni gestionali (al fine di contenere il rischi di opportunismo legati ad una produzione a rete). 3.1 La spesa sanitaria nel SSN In termini di incidenza percentuale sul PIL l Italia si posiziona su valori inferiori a quelli dell UE sia per la spesa sanitaria totale (7.7% contro un valore UE del 8.1% nel 1998), sia per quella pubblica (5.6% contro un valore UE del 5.9% nel 1998). Negli ultimi anni comunque l Italia si sta avvicinando al valore europeo, sia a causa della ripresa della spesa sanitaria, sai per il più contenuto tasso di crescita del PIL rispetto agli altri Paesi UE. COPYRIGHT CERGAS

11 Tabella Spesa sanitaria totale in percentuale sul PIL ( ) Austria 7% 8% 7,6% 7,5% 7,6% nd Belgio 7,4% 8,4% 8,7% 8,8% 9,1% 9,6% Danimarca 8,5% 8,2% 8,4% 8,6% 8,8% 9% Finlandia 7,8% 7,5% 6,7% 6,9% 7,2% 7,4% Francia 8,6% 9,5% 9,3% 9,4% 9,7% 10,1% Germania nd 10,6% 10,6% 10,8% 10,9% 11,1% Grecia 7,4% 9,6% 9,9% 10,2% 9,8% 9,9% Irlanda 6,1% 6,8% 6,3% 6,9% 7,3% nd Italia 7,9% 7,3% 8,1% 8,2% 8,4% 8,4% Olanda 8% 8,4% 8,3% 8,7% 9,3% 9,8% Portogallo 6,2% 8,2% 9,2% 9,4% 9,3% 9,6% Spagna 6,7% 7,6% 7,4% 7,5% 7,6% 7,7% Svezia 8,4% 8,1% 8,4% 8,8% 9,2% nd Regno Unito 6% 7% 7,3% 7,5% 7,7% nd UE 7,5% 8,8% 8,7% 8,9% 9,1% nd Stati Uniti 11,9% 13,3% 13,1% 13,8% 14,6% 15% Fonte: Database OCSE 2003 Le politiche di contenimento della spesa sanitaria pubblica adottate in Italia (e in Europa) a partire dagli anni 90, hanno prodotto una sensibile riduzione del livello di copertura pubblica della spesa. Analizzando nello specifico la situazione italiana, l andamento della ripartizione della spesa sanitaria tra pubblica e privata è presentato nella tabella 1.2. L ammontare della Spesa Sanitaria Pubblica totale è determinata: per circa il 56.2% dalla spesa ospedaliera pubblica (di cui il 79,4% per la gestione diretta degli istituti da parte delle Aziende Sanitarie Locali, mentre solo il 20.6% per la spesa ospedaliera convenzionata); per il restante 43.8% da altre funzioni di spesa (quali ad esempio la farmaceutica e la specialistica esterna). COPYRIGHT CERGAS

12 L ammontare della voce Spesa Sanitaria Privata comprende invece acquisto di medicinali (50,5%), servizi medici e paramedici non ospedalieri (40%), servizi ospedalieri (9,5%). Tabella 1.2. Spesa sanitaria pubblica e privata rispetto al PIL ( ) Spesa Sanitaria Pubblica Spesa Sanitaria Privata ,3% 2,1% ,4% 2,1% ,6% 2,1% ,6% 2,1% ,7% 2,1% ,9% 2,2% ,1% 2,0% ,3% 2,1% ,3% 2,1% Fonte: Database OCSE 2003 Focalizzando l attenzione sulla spesa pubblica, è interessante analizzare la spesa del SSN disaggregata secondo la classificazione economica (natura dei fattori produttivi impiegati) e il loro andamento nel decennio di riforme La tabella 1.3 evidenzia come il personale rappresenti la voce di spesa più significativa che nel periodo 1990/1997 ha subito una crescita continua e con un incidenza media del 40% sul totale. Nel 1998 e 1999, in assenza di rinnovi contrattuali e per politiche di controllo delle nuove assunzioni, la crescita del personale ha subito un notevole rallentamento. La seconda voce di spesa è rappresentata dai beni e servizi, che presenta un trend crescente a eccezione di una contrazione registrata nel 1995; non sembra quindi aver risentito in maniera particolare delle manovre di contenimento della spesa adottate nel corso degli Anni Novanta. COPYRIGHT CERGAS

13 Tabella 1.3. Trend della spesa sanitaria pubblica secondo la classificazione economica ( ) Fonte: Relazione Generale sulla Situazione Economica del Paese COPYRIGHT CERGAS

14 E da notare l andamento significativamente crescente della spesa per beni e servizi, in cui rientrano anche le risorse per le dotazioni ICT. Tuttavia si evidenzia che la spesa ICT in sanità, secondo una ricerca di Aica-Bocconi (Borgonovi, Camussone, Occhini, 2004), è pari allo 0,59% (più precisamente, lo 0,62% nella sanità pubblica e lo 0,50% nel caso della componente della sanità privata). Si tratta di una percentuale non trascurabile (oltre pari al 3% della spesa ICT a livello nazionale) ma nettamente inferiore ad altri settori nazionali ( ad es. manifatturiero pari a 1,14%, Camussone-Bielli 2002) e in grave ritardo agli investimenti medi ICT sanità registrati a livello UE pari a circa il 2% ( fonte CNR), a conferma di un settore potenzialmente interessante, sia per i vendor sia per le stesse aziende sanitarie, ma ancora non sufficientemente maturo. COPYRIGHT CERGAS

15 4. INTEGRAZIONE INFORMATIVA E STANDARD IN SANITÀ 5 L integrazione informativa, ovvero la tempestiva disponibilità delle informazioni necessarie allo svolgimento delle diverse fasi in cui si articolano i processi (clinici e/o amministrativi), è un esigenza fondamentale di ogni organizzazione. Tanto più per aziende ad alta intensità informativa come quelle sanitarie (Buccoliero 1998, Caccia 1997, Zviran e Armoni 1999). Conseguentemente, è ragionevole attendersi che un sistema informatico aziendale integrato supporti meglio i processi produttivi ed amministrativi, traducendosi in un più alto livello di efficienza ed efficacia. Non a caso l offerta applicativa si è evoluta verso un modello di soluzione denominato ERP 6, che prevede come filosofia di progettazione e operativa l integrazione informativa derivante dall integrazione nativa dei diversi moduli a supporto delle diverse fasi dei processi aziendali. Tuttavia, a prescindere dalla possibilità di adozione o dall esistenza di soluzioni ERP che rispondano a tutte le esigenze di un azienda sanitaria, la progettazione di un architettura di sistema informativo sanitario integrato necessita di appoggiarsi su standard di comunicazione delle informazioni prodotte da attori e sistemi diversi, ma che devono essere intelligibili ai diversi sistemi che le necessitano e, all occorrenza, riconducibili a banche dati condivise. In ambito clinico, esiste un percorso di certificazione delle soluzioni applicative secondo standard di comunicazione regolamentati da enti specializzati. Questo costituisce un supporto all orientamento degli investimenti ICT delle organizzazioni sanitarie. A tale proposito appare necessario chiarire alcuni presupposti che riguardano la definizione di standard. Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE (del 22 giugno 1998) norma è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa e che appartenga ad una delle seguenti categorie: norma internazionale (ISO), norma europea (EN), norma nazionale (UNI). Le norme sono documenti che definiscono le caratteristiche (dimensionali, di prestazione, ambientali, di sicurezza, di organizzazione, ecc.) di un prodotto, processo o servizio, in base 5 I contenuti di questo paragrafo relativi agli standard di comunicazione clinici sono stati ripresi dal rapporto Ricerca intervento del CERGAS Bocconi a supporto della riprogettazione del sistema informativo dell Istituto Scientifico Universitario San Raffaele, CERGAS, Enterprise Resource Planning. COPYRIGHT CERGAS

16 all attuale stato dell arte. Lo standard di conseguenza è un modello di riferimento che utilizza un insieme di elementi per uniformare (a livello nazionale o internazionale, a seconda dell ente regolatore) le caratteristiche di un prodotto o servizio con l obiettivo di semplificare processi operativi, ottimizzare le risorse, ridurre i costi. La certificazione di un prodotto o servizio può avvenire solo dopo la predisposizione di uno standard e, tendenzialmente, solo dopo che tale standard è stato codificato in una norma. In sanità i principali standard in uso sono: DICOM e HL7. Lo standard DICOM è stato approvato dall ISO (ed è generalmente adottato dai principali vendor di soluzioni RIS-PACS7). Lo standard HL7 è stato approvato dall ISO limitatamente ad alcune componenti fondamentali e nel mondo sanitario internazionale è comunque utilizzato come standard de facto. Alcuni paesi europei hanno già prodotto o stanno producendo una versione nazionale dello standard HL7 al fine di adattare tale standard ai requisiti funzionali ed ai processi operativi peculiari di ogni singolo Paese. L Italia appare in ritardo in tale ambito, anche se la costituzione dell affiliata HL7 Italia e alcuni tavoli tecnici del Dipartimento dell Innovazione Tecnologica stanno operando per favorire lo sviluppo di una versione nazionale dello standard. Il mercato sanitario ICT risulta utilizzare ancora poco tale standard, che rappresenta uno dei componenti fondamentali per la realizzazione di architetture di electronic medical record (ovvero un modello di cartella clinica condivisa a livello aziendale) basate sulla condivisione e l interoperabilita dei sistemi sanitari all interno delle strutture sanitarie e nel territorio. 4.1 Lo standard DICOM Fin dal 1983 la ACR (American College of Radiology) e la NEMA (National Electrical Manifactures Association), iniziarono a collaborare per creare una standardizzazione che potesse superare le diversità tra i vari costruttori. Dopo 2 anni fu presentato alla RSNA (Radiological Society of North America) la prima versione dello standard ACR-NEMA , che nel 1988 venne aggiornato alla nuova versione 2.0 (ACR-NEMA ). Lo standard non era esente da problemi, infatti non 7 Radiologic Information Systems Picture Archiving and Communication Systems. COPYRIGHT CERGAS

17 prevedeva specifiche sulla connessione in rete delle macchine, limite estremamente significativo per la possibilità di invio dei risultati di uno studio di imaging ad una apparecchiatura diversa da quella che lo ha effettuato. La necessità di scambiare immagini mediche con le relative informazioni (annotazioni, referti del medico, ecc.) tra i diversi soggetti di un ospedale, o tra ospedali diversi, attraverso le reti telematiche, ha fatto sorgere l esigenza della definizione di uno standard che consentisse una comunicazione globale tra le diverse strutture. L evoluzione di questo standard è il DICOM, che supera le difficoltà di interconnessione in rete, offrendo la possibilità di verificare se due apparecchi - dichiarati conformi - sono in grado di scambiare informazioni. Il completamento delle specifiche è avvenuto nel Settembre 1993 e il nuovo standard è stato presentato ufficialmente alla RSNA nello stesso anno. DICOM Versione 3.0 rappresenta lo standard de facto approvato dall ISO che consente ai vari dispositivi medici (TAC, risonanza magnetica, ecc.) l archiviazione e lo scambio (anche tra apparecchiature di diversi produttori) delle immagini e delle informazioni associate in formato digitale. Le specifiche di DICOM sono suddivise in parti (al fine di poter aggiornare la singola parte senza dover ripubblicare l'intero standard). La corrente versione consiste in 9 parti più due capitoli aggiuntivi che fissano i criteri secondo cui i file in formato DICOM possono essere scambiati attraverso supporti di memoria removibili come dischi e nastri. Alla base dei protocolli definiti da DICOM esiste un modello funzionale del mondo reale, cioè un modello di come le diverse attività ospedaliere (in particolare quelle radiologiche) si svolgono nell'ambiente operativo. Sotto il profilo tecnico DICOM realizza un esplicito e dettagliato modello di descrizione di una serie di oggetti (paziente, immagine, ecc.) che formano il dato radiologico, e di come essi sono tra loro collegati. DICOM è un oggetto composito, contiene cioè molte informazioni oltre ai pixel veri e propri: dati del paziente, dati dell esame, dati dell apparecchio usato etc. Nel messaggio scambiato in rete inoltre la parte informativa vera e propria (chiamata data set) è preceduta da una parte di comandi (detta command set ) che contiene istruzioni sulle operazioni da compiere sul data set COPYRIGHT CERGAS

18 DICOM può essere considerato un elemento fondamentale dei sistemi RIS/PACS (Radiological Information System a Picture archiving and Communication System), in quanto prevede l interconnessione sia meccanica che elettrica delle apparecchiature con costi e difficoltà minori ed una manutenzione semplificata. Nonostante la sua dettagliata normazione e la diffusione a livello internazionale, attualmente DICOM si presta ad alcune interpretazioni (es. dove e come le informazioni vengono archiviate e presentate alle applicazioni remote). Questo non significa che il fornitore non aderisce alle specifiche dello standard DICOM o che tali interpretazioni impediscono la connettività. Tuttavia, talvolta esse determinano una minore o maggiore interoperabilità. 4.2 Lo standard HL7 L organizzazione non profit Health Level Seven, Inc., abbreviato HL7, è stata fondata nel 1987 con lo scopo di sviluppare standard di scambio e integrazione dei dati clinici per la gestione dei processi di cura. E formata da membri rappresentanti più di 500 aziende, che includono il 90% degli information systems vendors della sanità. HL7 è ufficialmente accreditata come Standards Development Organisation presso l American National Standards Institute (ANSI). Il progetto HL7 prende il via nel marzo 1987 con l'obiettivo di semplificare le interfacce fra i diversi applicativi sanitari e si incentra sulla standardizzazione dei formati per lo scambio di alcuni gruppi di dati considerati comuni ad ogni sistema di tipo sanitario. HL7 fa riferimento ai dati scambiati, alla tempistica degli scambi, e alla comunicazione di errori fra diverse applicazioni. Infatti, esso è stato concepito per dare un framework di riferimento a tutti i sistemi sanitari per lo scambio di informazioni. Non si occupa, invece, degli aspetti implementativi. HL7 prevede che le informazioni vengano impacchettate in messaggi strutturati e trasmessi con opportune modalità proattive (ovvero non on demand, ma bensì anticipando l esigenza del sistema destinatario) di tipo broadcast. COPYRIGHT CERGAS

19 La versione prevedeva lo scambio di messaggi via socket, ma l ultimo aggiornamento (HL7 v.3) utilizza messaggistica basata completamente su XML, adeguandosi così alla logica delle applicazioni basate su tecnologia Java. Allo stato attuale lo standard riguarda le interfacce necessarie allo scambio di dati fra sistemi eterogenei rispetto ai seguenti temi: ammissione/dimissione/trasferimento dei pazienti; interrogazioni della banca dati sanitaria; pianificazione delle attività sanitarie e dell'impiego delle risorse; effettuazione di ordini; comunicazione di dati sanitari; gestione economica del ricovero; aggiornamento dei master file; gestione dei referti; assistenza al paziente e richiesta di consulenze. HL7 deve supportare gli scambi informativi fra sistemi implementati con una qualsiasi tecnologia (dal sistema di rete più evoluto ad un sistema che scambia dati attraverso file e floppy disk); deve supportare lo scambio dei dati di singole transazioni o di un insieme di transazioni raggruppate in file; deve permettere la presenza di variazioni locali alle singole organizzazioni pur mantenendo un elevato grado di standardizzazione. Mentre non presuppone nessuna architettura di sistema informativo è quindi pensato come una interfaccia "plug and play" fra diversi sistemi. Lo standard HL7 prevede sostanzialmente tre grandi tipi di interazioni fra entità in comunicazione: l aggiornamento dei dati non sollecitato (il sistema inviante invia un aggiornamento di dati al sistema ricevente che fornisce una conferma del ricevimento (acknowledgment); l interrogazione (query) grazie alla quale un sistema può interrogare una controparte che fornisce la risposta o una condizione di errore; COPYRIGHT CERGAS

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli