Introduzione. Di I. Gabutti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Di I. Gabutti (irene.gabutti@rm.unicatt.it)"

Transcript

1 Numero 30 Aprile 2012 Ce.Ri.S.Ma.S. News INDICE Introduzione Di I. Gabutti Progetti di ricerca 2 Formazione 4 Learning by Doing 5 Progetti sul campo 6 Intervista ai nostri associati Ex libris e dintorni In agenda 9 Novità da mondo 10 Appuntamento al prossimo numero 11 Anche quest anno il Ce.Ri.S.Ma.S. ha cercato di aumentare i vantaggi per le aziende associate in modo tale da rendere sempre più utile e stimolante la loro partecipazione alle attività del Centro. Esse, infatti, possono beneficiare di iscrizioni gratuite a corsi di formazione dedicati. Ogni Azienda associata può dunque iscriversi, senza oneri, ad una selezione di attività formative del catalogo corsi Ce.Ri.S.Ma.S. segnalata come "gratuità formativa", e progettata sulla base di una survey raccolta sul fabbisogno formativo degli associati stessi. Si tratta di 5 iscrizioni per i soci ordinari e di 10 iscrizioni per i soci sostenitori. Inoltre, gli associati possono beneficiare della partecipazione gratuita ad importanti eventi quali convegni e workshop il cui calendario, quest anno particolarmente ricco, è costantemente aggiornato sul sito del Ce.Ri.S.Ma.S. e quali incontri periodici (Key Note Speaker Series), aperti ad un pubblico selezionato di ricercatori, studenti dei Master ALTEMS e di esperti di fama internazionale. Agli associati sono riservati sconti particolari per gli interventi formativi (15% per i soci ordinari e 25% per i soci sostenitori) e per i progetti "sul campo" (5% per i soci ordinari e 10% per quelli sostenitori). Da quest anno è stata introdotta la possibilità di "vincere" un progetto "sul campo" che verrà assegnato per sorteggio ad un associato. E anche confermato l accesso gratuito ai servizi di ricerca istituzionale (partecipazione gratuita alle ricerche autofinanziate dal Ce.Ri.S.Ma.S. e disponibilità dei loro risultati, delle presentazioni e degli atti dei convegni), di tesi & stage (l'associato può disporre di attività o studi realizzati da un laureando o da uno studente di un Master con la supervisione di un docente dell'università Cattolica, nell'ambito di una tesi o di uno stage), di segnalazione di curricula di neolaureati, partecipanti ai Master o altro personale che interagisce con il Centro. Agli associati è infine riservata un ampia visibilità nell'ambito delle iniziative promosse dal Centro attraverso testimonianze a corsi e convegni o attraverso la partecipazione a ricerche e studi, nonché la possibilità di confrontarsi con le best practice nazionali ed internazionali e di interagire con il network di interlocutori coinvolti nelle attività del Centro. Per rendere ancora più efficace e proficuo collaborare con il Ce.Ri.S.Ma.S., da quest anno Giacomo Frittoli si occuperà formalmente di gestire i rapporti con gli associati, incontrando i referenti aziendali per delineare un percorso personalizzato per ciascun associato, in modo tale da massimizzare il valore che ciascuno di essi potrà conseguire lavorando con il Centro. Infine, da quest anno sono state introdotte numerose novità sul piano della comunicazione. Oltre alla progettazione di un restyling grafico e di una ristrutturazione del sito web, sono state aperte sui principali social network delle pagine dedicate al Centro, in modo tale da creare un nuovo strumento di aggiornamento ma anche un luogo di discussione ed interazione con i follower del Ce.Ri.S.Ma.S.. Oltre ad augurarvi una buona lettura della newsletter, dunque, vi diamo appuntamento su LinkedIn, Facebook e Twitter.

2 PROGETTI DI RICERCA PAG. 2 C E.R I.S.MA.S. N EWS Progetti di ricerca Questa sezione è destinata ad accogliere gli aggiornamenti ed i risultati sull attività di ricerca nell ambito della quale è impegnato il Centro. L IMPATTO ORGA- NIZZATIVO DELLE NUOVE TERAPIE ANTICOAGULANTI ORALI (TAO) Di M. Ruggeri La terapia anticoagulante orale (TAO) rappresenta un trattamento di fondamentale importanza nella cura e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e tromboemboliche. Consente di ridurre la coagulazione del sangue, in modo da proteggere i pazienti dal rischio di eventi tromboembolici come l infarto miocardico, l ictus o le embolie polmonari. I pazienti trattati con tali terapie sono seguiti all interno di centri specializzati che si dedicano al monitoraggio e alla gestione del paziente al fine di ridurre al minimo le complicanze legate alla terapia. L'impatto organizzativo relativo all'introduzione di nuove terapie anticoagulanti orali nei centri TAO è stato valutato mediante la somministrazione di un questionario ai dirigenti sanitari o ai responsabili di nove centri TAO in sei regioni italiane. Il questionario è articolato in tre sezioni, due relative all analisi dell assetto attuale dei centri ed una di prospettiva secondo la struttura del Core Model elaborato nell ambito del progetto EUNEHTA (European network of health technology assessment). La parte relativa all assetto attuale riguarda la descrizione delle caratteristiche del centro, del livello di complessità della struttura, del numero e del tipo di risorse umane che si dedicano alla gestione dei pazienti. La seconda parte esamina le opinioni dei responsabili del centro TAO relativamente ai cambiamenti organizzativi dovuti all introduzione delle nuove terapie nella pratica clinica. I responsabili dei centri prevedono che le nuove terapie saranno accettate con grande entusiasmo da specialisti e dai pazienti poiché miglioreranno la qualità della vita. Dalle rilevazioni condotte nei nove centri TAO, è e- merso che le nuove terapie non comporteranno cambiamenti radicali all interno dei centri, anzi secondo gli intervistati, l introduzione dei nuovi anticoagulanti determinerà soltanto una riorganizzazione delle attività. In particolare i centri svolgeranno attività di formazione per il personale al fine di garantire un appropriata prescrizione dei farmaci e consentire un adeguata gestione delle complicanze, mentre le attività di monitoraggio dell INR (International Normalized Ratio, un indice che misura il tempo necessario alla formazione del coagulo di fibrina, quando al plasma del paziente si aggiungono tromboplastina e calcio) e di gestione giornaliera del paziente saranno delegate ai MMG o al paziente stesso. L implementazione delle nuove tecniche terapeutiche sarà realizzata mediante il coinvolgimento degli specialisti sia nella fase di definizione dei criteri di eleggibilità ai nuovi ACO e di selezione dei pazienti, che nella diffusione di conoscenze e competenze. Tale obiettivo potrà essere raggiunto mediante attività di formazione orientate agli specialisti e attraverso una trasparente collaborazione tra i professionisti sanitari volta a facilitare la comunicazione con i pazienti. Gli investimenti più importanti sono attesi per l acquisto degli anticoagulanti orali e per il potenziamento della rete informatica in modo che i professionisti possano condividere i dati relativi a ciascun paziente. La rilevazione ha evidenziato la necessità di migliorare la comunicazione tra i professionisti sanitari attraverso la definizione di linee guida per delimitare le competenze del personale. Inoltre ha mostrato l esigenza di ottimizzare la comunicazione medico-paziente in quanto in molti casi il paziente non informa il medico del Centro delle eventuali interruzioni di trattamento. La migliore comunicazione tra medico e paziente potrà essere raggiunta solo se i pazienti aumenteranno la loro compliance. Infine i nuovi anticoagulanti orali garantiranno soprattutto un miglioramento della qualità della vita dei pazienti ma anche una maggiore autonomia del paziente grazie all autogestione nel monitoraggio dell INR ottenuta mediante la disponibilità di coagulometri portatili. Oltre alle suddette opportunità, le nuove terapie presenteranno però, alcune criticità tra cui il monitoraggio delle complicanze e la difficoltà a valutare l'effettivo grado di aderenza del paziente alla terapia.

3 N UMERO 30 PAG. 3 LA DIFFUSIONE DEI SISTEMI DI PERFORMANCE MEASUREMENT E MANAGEMENT DELL ASSISTENZA PRIMARIA IN ITALIA Di A. Cifalinò E in corso l analisi dei dati del progetto di ricerca istituzionale finalizzato a mappare il grado di diffusione dei sistemi di performance measurement (ovvero dei sistemi che consentono di rappresentare le performance) e management (ovvero dei sistemi che utilizzano le misure di performance in integrazione con i restanti processi manageriali) dell assistenza primaria nelle aziende sanitarie locali italiane. Come annunciato nelle precedenti Newsletter, si assume una concezione anglosassone di primary healthcare inclusiva non solo dell assistenza medica primaria (medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e continuità assistenziale), ma anche della farmaceutica territoriale, della specialistica ambulatoriale, della protesica e integrativa, dell assistenza domiciliare, dell assistenza residenziale e semiresidenziale, dell assistenza consultoriale e dell assistenza pediatrica di comunità. Complessivamente sono stati rilevati 59 questionari, equivalenti a circa il 40% delle ASL italiane alla data di riferimento della rilevazione. La raccolta dei dati si è fondata sull utilizzo di un questionario strutturato in cui si sono mappate sia le caratteristiche delle misure di performance sia le relative modalità di utilizzo. Attualmente è in corso di svolgimento l analisi dei dati. LA LOGISTICA SUL TERRI- TORIO: QUALI SPAZI PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEI COSTI E IL MIGLIORA- MENTO DEI LIVELLI DI PERFORMACE? Di S. Villa Il progetto vuole compiere una analisi della domanda di logistica indotta dalle attività territoriali di una azienda sanitaria individuando le aree di miglioramento e tratteggiando le possibili linee di innovazione tecnologica, gestionale ed organizzativa. La ricerca vuole comprendere quali siano i nodi e i flussi del sistema logistico territoriale che caratterizzano un Azienda Sanitaria, quali siano le possibili soluzioni gestionali, organizzative e tecnologiche per innovare la logistica del territorio e quale sia l effettivo impatto in termini di costi e standard di servizio offerti. A tal fine, i ricercatori del Ce.Ri.S.Ma.S. hanno analizzato quattro differenti casi di Aziende Sanitarie Locali: Cesena, Forlì, Roma E e Udine. Il progetto di ricerca si articola in tre distinte fasi: analisi di ricognizione dello situazione attuale ( as is ) condotta attraverso lo strumento dell intervista semi-strutturata. L obiettivo è quello di ricostruire i vari processi logistici incrociando attività e attori; analisi quantitativa sulla domanda e sulla strutturazione dell offerta basata sui dati routinariamente raccolti dall azienda; identificazione di soluzioni innovative e definizione di possibili scenari futuri e analisi impatto sui livelli di performance. E stata chiusa la prima parte di analisi qualitativa della situazione attuale dei processi logistici nelle aziende. I risultati preliminari dello studio, riferibili appunto a tale prima parte, evidenziano la presenza di tre principali problematiche: variabilità; poca chiarezza nei sistemi di programmazione; frammentazione e scarsa integrazione. Tali risultati saranno presentati a Milano, in via Nirone 15, il 5 giugno 2012 dalle ore

4 FORMAZIONE PAG. 4 C E.R I.S.MA.S. N EWS Formazione Questa sezione è dedicata alle attività formative organizzate dal Centro. A cura di A. Cifalinò I CORSI A CATALOGO I corsi a catalogo sono iniziative di formazione, della durata di 1 o 2 giornate di formazione, finalizzate ad erogare competenze manageriali sia di base sia elective, rivolte ad una o più categorie di professionisti sanitari ed amministrativi (a livello aziendale, di dipartimento, di distretto, di unità operativa o di servizi di staff). È possibile accedere al calendario analitico dei corsi in agenda per il 2012, nonché ai programmi e alle relative schede di iscrizione, visitando il sito del Ce.Ri.S.Ma.S. (www.cerismas.com). L offerta dei corsi a catalogo include: Il Governo strategico del personale nelle a- ziende sanitarie: modelli ed esperienze sul campo, Milano, 8 maggio 2012 (docente: A- merico Cicchetti); La logistica del paziente in ospedale: strumenti e soluzioni per ottimizzare i flussi dei pazienti, Milano, maggio 2012 (docente: Stefano Villa); Il governo dei percorsi clinico-assistenziali nelle aziende sanitarie: la valutazione degli esiti e l audit clinico, Milano, maggio 2012 (docenti: Marco Marchetti e Alberto Fiore); Il governo della formazione in sanità: dal dossier formativo ai modelli di pianificazione e valutazione dei processi formativi, Milano, giugno 2012 (docente: Antonella Cifalinò); Razionalizzazione e semplificazione dei processi tecnico-amministrativi, Milano, 9-10 ottobre 2012 (docente: Giacomo Frittoli); Principi contabili e certificabilità dei bilanci nella sanità pubblica, Milano, ottobre 2012 (docenti: Eugenio Anessi Pessina, Niccolò Persiani); Gestire persone, relazioni e obiettivi nelle reti multi-professionali e inter-organizzative, Milano, ottobre 2012 (docente: Daniela Isari); Dalla progettazione alla realizzazione dell'ospedale per intensità delle cure, Milano, 5-6 novembre 2012 (docenti: Americo Cicchetti, Antonella Cifalinò, Daniela Isari, Stefano Villa); Il governo dei percorsi clinico-assistenziali nelle aziende sanitarie: dalla mappatura delle attività all'analisi dei costi, Milano, novembre 2012 (docenti: Giorgio Casati e Paola Sacco); Valutare la performance individuale in sanità: strumenti per creare il modello, interpretare i dati, ottenere i risultati, Milano, novembre 2012 (docenti: Domenico Bodega, Fabrizio Bocci, Americo Cicchetti); Il ridimensionamento aziendale: strategie e modalità per gestire una riduzione del personale, Milano, 29 novembre 2012 (docente: Giacomo Frittoli). INTERVENTI FORMATIVI AD HOC Corsi di Formazione Manageriale (per Eupolis Scuola Direzione Sanità), con la partecipazione scientifica del Ce.Ri.S.Ma.S. Sono in corso di svolgimento ed attivazione interventi formativi ad hoc, progettati in modo personalizzato su specifica richiesta delle aziende committenti: Intervento di formazione residenziale e sul campo Ospedale per intensità delle cure, in collaborazione con Ospedale Civile di Sassuolo; Intervento di formazione residenziale e sul campo Sviluppo delle competenze in area amministrativa e territoriale, in collaborazione con AUSL di Cesena; Intervento formativo La valutazione delle performance, in collaborazione con Ospedale Civile di Sassuolo; Intervento formativo Il sistema degli acquisti per la sanità pubblica: la logistica sul territorio, in collaborazione con AO di Como; È in corso di svolgimento il Corso formazione manageriale per Direttori di struttura complessa (area ospedaliera), anno 2012, erogato dall Università Cattolica del Sacro Cuore con la Direzione scientifica del Ce.Ri.S.Ma.S.. La faculty Ce.Ri.S.Ma.S. partecipa, inoltre, all erogazione del Corso di formazione per Direttori generali, sanitari, amministrativi e sociali di azienda sanitaria, erogato da Eupolis. Intervento formativo Il valore di essere raro, in collaborazione con Uniamo FIMRS Onlus; Intervento formativo Metodologie di ricerca clinica, in collaborazione con Fondazione G.B. Bietti per lo studio e la ricerca in oftalmologia.

5 N UMERO 30 PAG. 5 Learning by doing Questa sezione è dedicata alle Community of Practice organizzate dal Centro. A cura di A. Cifalinò COMMUNITY OF PRACTICE PER ESPERTI DI FORMAZIONE E SVILUPPO ORGANIZZATIVO Proseguono, per il quarto anno consecutivo, le attività della Community of practice per esperti di formazione e sviluppo organizzativo, nata per supportare l emergere di processi di apprendimento organizzativo avente per oggetto le metodologie di governo strategico della formazione in sanità. Le aziende che hanno aderito ai lavori nel 2012 sono: Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta, La Nostra Famiglia - Medea, AO Lecco, AO Crema, AO Garbagnate, AO Mantova, ASL Como, ASL Milano 1, AUSL Imola, AUSL Parma, AOU Ferrara, Centro Ortopedico di Quadrante, Azienda per i servizi sanitari di Trento, AUSL Empoli. In continuità con i lavori avviati in precedenza, il programma 2012 (articolato in tre incontri residenziali) prevede tre approfondimenti: a) l implementazione del dossier formativo quale processo di governo delle competenze, in connessione con gli altri processi di gestione strategica del personale quale il fascicolo del personale ed i processi di valutazione del personale; b) i processi di valutazione della formazione (in modo che il dossier formativo costituisca un sistema non solo di pianificazione della formazione, ma anche di valutazione); c) il rapporto tra sviluppo e sostenibilità della formazione (tema che richiama, in particolare, la necessità di governare in modo proattivo i meccanismi di finanziamento legati ad esempio alle sponsorizzazioni). Inoltre, è prevista la prosecuzione delle seguenti attività avviate in passato: a) journal club in tema di competence portfolio e learning portfolio, con la partecipazione attiva dei membri aderenti alla Community ed il coordinamento scientifico del Ce.Ri.S.Ma.S.; condivisione delle pratiche aziendali in tema di progettazione, introduzione e sviluppo del dossier formativo, in modo che le aziende aderenti alla Community possano beneficiare di un contesto di riflessione in cui ricevere utili spunti di riflessione sia dall ascolto delle esperienze altrui sia dai feedback costruttivi che si ricevono alla propria presentazione; testimonianze istituzionali (di livello nazionale e regionale), cosicché le riflessioni sviluppate dalle aziende aderenti alla Community possano rimanere fortemente connesse al contesto istituzionale. FORUM TEMATICO LA MISURAZIONE DEI COSTI PER PERCORSO/PRESTAZIONE Di P. Sacco La realizzazione delle finalità istituzionali delle aziende sanitarie non può prescindere dall analisi dei bisogni di salute: il management deve quindi poter comprendere la relazione esistente tra percorsi di cura ed assistenza e risorse dedicate. Dopo aver ormai maturato una significativa esperienza nell utilizzo dei sistemi di contabilità analitica, prevalentemente articolati per unità operativa, le aziende sanitarie sono ormai pronte ad ulteriori ampliamenti del raggio di azione di questo strumento. In particolare è elevata l attenzione sulla misurazione dei costi per percorso assistenziale (ad e s e m p i o i l p e r c o r s o dell angioplastica coronarica o della riabilitazione post-ictus) e/o per prestazione (ad esempio una visita ambulatoriale, un esame diagnostico, un intervento chirurgico), anche in relazione all esigenza di dotarsi di costi standard e di effettuare comparazioni interne ed esterne che consentano di valutare correttamente le soluzioni organizzative più adatte a coniugare efficienza ed efficacia nell erogazione dei servizi sanitari in generale. Va sottolineato tuttavia come il concetto di costo standard venga talvolta calcolato con modalità poco aderenti alle finalità che a tale valore sono associate. Il costo standard esprime infatti, un valore-obiettivo determinato in relazione a condizioni operative predefinite e risente sia della struttura organizzativa che della qualità e quantità delle risorse disponibili. L impostazione di una corretta metodologia di rilevazione è, di conseguenza, indispensabile per ottenere un dato confrontabile ed efficacemente utilizzabile a supporto del processo decisionale aziendale. L a p r o p o s t a f o r m a t i v a d e l Ce.Ri.S.Ma.S. è quindi finalizzata a: individuare un solido quadro metodologico di riferimento all interno del quale analizzare e mettere a confronto le esperienze di misurazione del costo standard in sanità attraverso un confronto ed una condivisione di esperienze tra esperti di costing e performance measurement ed esperti di disegno dei processi/percorsi sanitari; facilitare la condivisione delle esperienze e delle pratiche delle aziende aderenti al iniziativa. Dalla presentazione di queste esperienze ci si attende l attivazione di un dibattito e confronto in merito ai requisiti e alle modalità di applicazione delle metodologie oggetto di discussione alle aziende sanitarie; realizzare una sperimentazione attiva delle metodologie presentate organizzando gruppi di lavoro aziendali o interaziendali, ed offrendo a ciascun gruppo guida e sostegno metodologico; esempi di possibili temi che possono divenire oggetto di sperimentazione e riflessione c o l l e t t i v a a l l i n t e r n o d e l l a Community, sono: l analisi ed il calcolo dei costi di percorsi integrati ospedale-territorio; la relazione tra il costing per centro di responsabilità ed il costing per percorso; l implementazione di sistemi di activity based costing e le relative criticità; la rilevazione e la misurazione dei costi in relazione ad un predeterminato percorso; condividere e valorizzare i risultati delle sperimentazioni realizzate all interno dei gruppi di lavoro. Per raggiungere tali obiettivi è fondamentale sviluppare una relazione forte con le aziende che parteciperanno al forum e stimolare la costituzione di una community professionale multidisciplinare in cui esprimere e valorizzare le differenti istanze rispetto agli obiettivi condivisi. Sono, pertan to, destina tari privilegiati dell iniziativa formativa sia gli operatori dell area Amministrazione/ Controllo di gestione sia gli operatori dell area clinico/assistenziale con funzioni di coordinamento e direzione di processi. Al fine di massimizzare l integrazione professionale, è previsto che ogni azienda partecipi al forum con diversi professionisti, nel limite massimo di quattro persone.

6 PROGETTI SUL CAMPO PAG. 6 C E.R I.S.MA.S. N EWS Progetti sul campo L area Progetti sul Campo si propone di mettere sul "banco di prova" e sperimentare nella realtà operativa logiche e strumenti di management innovativi. PROGETTO DI IMPLE- MENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZA- TIVO 231 NELLE CLI- NICHE ADDOMINALE EUR DI ROMA E VILLA DEI PINI DI ANZIO Di I. Gabutti Il progetto prevede l elaborazione da parte del Ce.Ri.S.Ma.S. di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo dei Rischi ai sensi del D. Lgs. 231/2001 per la Clinica Addominale Eur di Roma e per la Clinica Villa dei Pini di Anzio. A tal fine, il Ce.Ri.S.Ma.S. ha effettuato una serie di interviste ai principali referenti della clinica di Roma, formalizzando per ciascuno di essi i principali processi adottati nello svolgimento delle proprie mansioni, in modo tale da creare una fotografia dell assetto organizzativo della clinica, idonea ad evidenziare le maggiori aree di rischio di commissione di uno o più reati elencati nel decreto. Una volta delineata una mappa dei rischi, dunque, si è proceduto alla creazione di un codice etico, contente i principi generali cui tutti i membri dell organizzazione devono tendere nel corso del proprio operato e di un sistema disciplinare, volto a formalizzare l assetto sanzionatorio adottato dalla clinica in caso di comportamenti non in linea con le disposizioni del modello. Inoltre, è stato nominato un Organismo di Vigilanza, con il compito di vigilare sulla corretta implementazione del modello, nonché sul suo costante aggiornamento. Il modello è stato infine formalizzato in una parte generale, contenente gli obiettivi del modello stesso, le sue modalità di adozione, diffusione, aggiornamento ed applicazione, i suoi elementi, i principi contenuti nel codice etico, i compiti dell Organismo di Vigilanza, nonché la previsione del sistema disciplinare ed, infine, in una parte speciale, riportante in dettaglio la mappa delle aree sensibili, l assetto dei controlli preventivi adottati nonché la lista completa dei protocolli specifici adottati dalla clinica in risposta a ciascun rischio di commissione di reato rilevato nella mappa dei rischi. Nei primi mesi del 2012 il Ce.Ri.S.Ma.S. redigerà un modello organizzativo anche per la clinica Villa dei Pini di Anzio. Se da una parte vi sono state alcune chiare forme di recepimento del Decreto a livello regionale (si pensi alla Regione Lombardia che ha reso obbligatoria l adozione del modello a tutte le aziende sanitarie del proprio Ssr, alla Regione Calabria, che ha reso obbligatoria tale adozione per le aziende che operano in regime di convenzione con la Regione stessa), le quali hanno dunque reso necessario adeguarsi al Decreto in alcuni contesti territoriali, dall altro emerge come anche laddove non sia sorto un obbligo formale, sempre più il modello sia considerato necessario (emblematiche, in tal senso, sono le Linee Guida dell A.I.O.P.). Ciò non sorprende se si pensa che oltre ai noti vantaggi derivanti da un potenziale esonerò da responsabilità amministrativa in caso di commissione di un reato previsto dal Decreto, si aggiungono numerosi altri vantaggi quali, a titolo di esempio, una migliore immagine dell organizzazione, un più facile accesso al credito e, certamente non ultima, una più trasparente e limpida visione complessiva della propria organizzazione. PROGETTO PER LO SVILUPPO STRATEGICO E RIORGANIZZATIVO IN COLLA- BORAZIONE CON IL CENTRO DI RICERCA E FORMAZIONE AD ALTA TECNO- LOGIA NELLE SCIENZE BIOMEDICHE DI CAMPOBASSO Di A. Cicchetti Il Ce.Ri.S.Ma.S. presso la Fondazione di Ricerca e cura Giovanni Paolo II di Campobasso sta svolgendo un'attività di supporto specialistico nella delicata fase di sviluppo del piano industriale Il Piano è costruito per far leva sulle competenze distintive della Fondazione nell'area oncologica e cardiologica. Il gruppo di lavoro del Ce.Ri.S.Ma.S. lavora in stretto contatto con la Direzione strategica ed il Consiglio di amministrazione della Fondazione con attività specifica nell'area della gestione strategica delle risorse umane, in stretta connessione con il riorientamento delle attività assistenziali alla luce della revisione della rete ospedaliera Regionale deliberata dalla Regione Molise.

7 N UMERO 30 PAG. 7 Intervista ai nostri associati E POSSIBILE RISOLVERE LA CRISI ECONOMICA DI UN ENTE RELIGIOSO CHE OPERA IN SANITA? Ne parliamo con Giancarlo Ruscitti, Amministratore Delegato della Fondazione Opera San Camillo La Fondazione Opera San Camillo nasce il 23 dicembre 2008 su iniziativa della Provincia Religiosa Lombardo - Veneta dell Ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi. Gestisce in sei regioni del nord Italia 16 strutture: case di cura, IRCCS, ospedali accreditati, ambulatori, residenze per riabilitazione, per anziani non autosufficienti, per malati psichici. I numeri sono imponenti: 715 posti letto ospedalieri con ricoveri, 1,3 milioni di prestazioni ambulatoriali, 678 posti letto per anziani e un ottantina per pazienti con disturbi psichici. Quali sono state le cause della crisi dell ente che Lei oggi sta portando al risanamento? La sanità privata religiosa ha avuto la necessità, dopo la metà degli anni novanta, di porre sempre più attenzione, oltre che agli aspetti di accoglienza e di cura del malato, agli aspetti gestionali ed aziendali. Molto spesso chi governava questi enti non ha avuto la sensibilità o l energia per sviluppare le necessarie competenze manageriali. Si è assistito così al nascere di importanti crisi aziendali. La Provincia Lombardo Veneta dell Ordine dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi ha vissuto momenti di difficoltà gestionali ed organizzative dall inizio di questo secolo. Le principali cause della crisi erano riconducibili alla mancanza di una strategia complessiva ed a una parcellizzazione gestionale delle numerose strutture affidate a personale religioso, di buona volontà e decisionista, ma spesso senza una specifica formazione amministrativa e manageriale adeguata alla nuova realtà federalista del sistema sociosanitario nazionale. La Sede centrale non aveva funzione di indirizzo e coordinamento ma operava quasi esclusivamente come stanza di compensazione per le risorse finanziarie, gestendo solo pochi servizi condivisi. La parcellizzazione gestionale e la mancanza di procedure contabili e amministrative non rendevano possibile l introduzione di strumenti gestionali per la diffusione delle informazioni e lo sviluppo di adeguati strumenti di controllo. Questi problemi e la mancanza di una sistematica valutazione degli investimenti tecnologici e strutturali hanno, nel tempo, determinato un depauperamento del patrimonio. Quali sono state le strategie per il risanamento? Il progetto di risanamento si è fondato inizialmente su un profondo cambiamento istituzionale che ha consentito di creare i presupposti per una buona gestione. Si è realizzato attraverso: la costituzione nel 2008 di una Fondazione di diritto ecclesiastico legata alla Provincia Lombardo Veneta tramite un contratto d affitto di azienda; la partecipazione di laici all interno del Consiglio di Amministrazione e, infine, l avvio di una gestione corporate con funzioni aziendali centrali (Acquisiti, IT, Direzione Sanitaria, Marketing) e quindi omogenei strumenti per il controllo strategico e di gestione. In questi anni si è così riusciti a dare una dimensione aziendale unica alle diverse strutture operative nel territorio attraverso: la definizione di una strategia della Fondazione, l avvio di politiche di investimento miranti a sanare le carenze strutturali e a sviluppare nuove attività sanitarie e socio assistenziali, la revisione dei principali meccanismi operativi in particolare l introduzione di politiche di approvvigionamento centralizzate e l esternalizzazione di alcuni servizi accessori. Queste azioni hanno consentito di concentrare l attenzione sul core business e garantire maggiore flessibilità nella gestione. Oggi, a quasi 400 anni dalla morte di San Camillo, la Fondazione è una realtà che ha raggiunto l equilibrio economico con buone prospettive di sostenibilità futura. Questo ci permette di poter affermare che esistono le condizioni per cui un ente religioso possa coniugare la realizzazione del carisma del Padre Fondatore con le esigenze economico organizzative di una moderna azienda. Una gestione efficiente è, in momenti di risorse scarse, una necessità ineludibile che va cercata e costruita con le giuste competenze e gli adeguati talenti. La necessità di un approccio manageriale non è in antitesi con le finalità dell ente, con l esigenza dei religiosi di vivere e testimoniare la missione di soccorso agli infermi, ma ne è indispensabile corollario.

8 PAG. 8 C E.R I.S.MA.S. N EWS Ex libris e dintorni A cura di G. Frittoli Proponiamo tre libri che non possono mancare nella biblioteca ideale di un manager della sanità. Tre manuali indispensabili: due nelle loro ultime riedizioni rivedute ed ampliate ed una novità. Internal Audit Chiave per la Corporate Governance di Carolyn Dittmeier Edizioni: Egea Collana: Reference Marzo 2011 EAN: pp ,00 Il controllo interno è l attività che consente il miglioramento continuo dell azienda. Coniuga la conoscenza delle tecniche di analisi di processo, di valutazione del rischio, di misurazione degli impatti con le capacità di riprogettazione e di change management. Il manuale, in questa seconda edizione riveduta ed ampliata, espone, con grande maestria, in modo chiaro ed esaustivo, quanto c è da sapere sull attività di internal auditing. Interessante il nuovo capitolo sulla valutazione dei sistemi integrati di controllo interno dove si propone un nuovo modello di controllo integrato dei processi operativi. L autrice è Presidente dell ECIIA - European Confederation of Institutes of Internal Auditing - e Past President dell Ass. Italiana Internal Auditors. Metodi per la valutazione economica dei programmi sanitari di Michael F. Drummond, Mark J. Sculpher, George W. Torrance, Bernie J. O Brien, Greg L. Stoddart Edizione Italiana a cura di F. S. Mennini, A. Cicchetti, G. Fattore, P. Russo Edizioni: Il Pensiero Scientifico Editore, Collana:Spazi ISBN: novembre 2010 pp. 504, 45,00 Opera enciclopedica, già dalla prima edizione del 1987, poi cresciuta nella seconda edizione del 2000, ed ancora ampliata e aggiornata in questa terza edizione che, come definito dai curatori italiani, s impone come testo di riferimento a livello internazionale sulle metodologie della valutazione economica. Strumenti e logiche dell health technology assessment sono conoscenze indispensabili per ogni decisore del sistema sanitario. Il futuro delle politiche sanitarie dovrà fare i conti con i crescenti vincoli economico finanziari gestendo al meglio e più consapevolmente la razionalizzazione del sistema di offerta dei servizi sanitari. Politiche sanitarie in Italia: Il futuro del SSN in una prospettiva storica di Francesco Taroni Edizioni: Il Pensiero Scientifico Editore Collana:Spazi ISBN: settembre 2011 pp ,00 Non è ancora un classico, ma ha le caratteristiche per diventarlo. Francesco Taroni ci narra, in uno stile fluente ed armonioso, dello sviluppo delle politiche sanitarie in Italia dal secondo dopoguerra ad oggi. Il libro colma un vuoto nella storia della sanità italiana perché ci propone la trasformazione del sistema sanitario attraverso la lettura del divenire degli aspetti politico istituzionali. E uno strumento per navigare nella politica sanitaria dal dopoguerra ad oggi. Questa chiave di lettura è suggerita, forse non a caso, dall immagine di copertina Sestante 16 di Alberto Burri. Tante sono le metafore che possono collegare le due opere. Burri si laurea in medicina, è ufficiale medico, la sua vita artistica, dal dopoguerra ad oggi, è, come per il SSN, una evoluzione continua di tecniche e materiali, di ricerca e innovazione, di uso studiato dello spazio o di opere monumentali. Taroni ci conduce nell evoluzione della storia istituzionale della sanità sottolineando al lettore l esistenza di una sostanziale continuità fra i periodi di stabilità ed i momenti di crisi del sistema sanitario che deriva dal nesso dinamico che intercorre fra i nodi del passato e i problemi del presente. E proprio la mancanza di una consapevolezza della continuità dei problemi e delle loro cesure che priva, chi è impegnato a vario livello nel governo del SSN e nella gestione delle sue organizzazioni, di un importante strumento per valutare e quindi anche affrontare i problemi attuali. Burri, medico-artista si spegne nel 1995 anno usualmente preso a riferimento per l avvio del nuovo assetto aziendale del SSN. Chissà se l autore voleva proporci anche questa metafora

9 N UMERO 30 PAG. 9 In Agenda CONVEGNO NAZIONALE AIES 2012 Il 15 e 16 novembre 2012 si svolgerà presso la sede romana dell Università Cattolica del Sacro Cuore il XVII convegno nazionale dell Associazione Italiana di Economia Sanitaria (AIES), dal titolo RIFORME IN SANITÀ? IMPATTO E PROSPETTIVE PER IL SISTEMA E LE AZIENDE. L evento, organizzato dal Ce.Ri.S.Mas e da Altems (Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari) intende coinvolgere ricercatori ed operatori nel dibattito sull impatto prodotto dalle riforme che hanno interessato i sistemi sanitari negli ultimi 20 anni per cogliere le direttrici del cambiamento per il prossimo futuro. Il Convegno AIES rappresenta ormai da anni uno tra i migliori contesti in cui far emergere dibattiti ragionati circa la situazione del settore salute nel nostro Paese, senza tuttavia perdere di vista il contesto europeo. Il particolare momento storico che caratterizza il sistema economico nel suo complesso, e che il nostro Paese si trova a fronteggiare, presenta numerose analogie con il contesto che ha accompagnato le riforme dei primi anni 90, responsabili di profondi cambiamenti nel sistema salute. A circa venti anni da esse spetta oggi ai ricercatori ed agli operatori valutare quanto queste riforme abbiano concretamente dato vita a reali trasformazioni nell organizzazione complessiva dei sistemi sanitari, nonché nella gestione delle organizzazioni, dei processi e delle competenze ed, in definitiva, quanto abbiano contribuito al raggiungimento di un elevata efficacia in termini di miglioramento sostanziale dei risultati. Accanto alla valutazione di quanto accaduto, inoltre, il Convegno AIES intende spingere ricercatori ed operatori ad immaginare il futuro dei sistemi sanitari in un contesto europeo, analizzando in particolare i trend generali che interessano i paesi avanzati (invecchiamento della popolazione, incidenza delle malattie croniche, innovazione tecnologica) e quelli legati alla stringente crisi finanziaria, i quali stanno già oggi dando forma a nuovi sistemi sanitari. Infine un attenzione particolare sarà dedicata ai temi indicati dalla Commissione Europea, quali strumenti di integrazione nel campo sanitario, nell ottica della libera circolazione di cittadini e pazienti. Per ulteriori informazioni e per scaricare il programma dettagliato si veda il sito COMMUNITY OF PRACTICE CE.RI.S.MA.S. SULL'OUTSOURCING E BACKSOUR- CING IN SANITÀ Mercoledì 9 maggio 2012 dalle ore 17 si terrà la Community of Practice del Ce.Ri.S.Ma.S. dedicata al tema dell outsourcing e del backsourcing in sanità, presso il Policlinico Universitario A. Gemelli, in Largo Francesco Vito 1 a Roma, (aula 404) ed in videoconferenza con la sala Brasca dell Università Cattolica di Milano, Largo Gemelli 1, Milano. Interverranno all incontro la Prof.ssa Suzanne Young, (Professor of Management, La Trobe University, Melbourne, Australia), esperta conosciuta a livello internazionale per i suoi progetti nell area dell outsourcing/backsourcing in sanità e la Dott.ssa Loredana Luzzi, Direttore Amministrativo, Azienda Ospedaliera Guido Salvini di Garbagnate Milanese. Il tema trattato sarà introdotto dalla Prof.ssa Manuela S. Macinati e sarà moderato dal Prof. Americo Cicchetti, Responsabile Area Eventi Ce.Ri.S.Ma.S. Per ulteriori informazioni e per scaricare il programma si visiti il sito

10 PAG. 10 C E.R I.S.MA.S. N EWS Novità dal mondo POLITICHE REGIONALI E INNOVAZIO- NE GESTIONALE IN SANITÀ: LO SVI- L U P P O D E L L O P E R A T I O N S MANAGEMENT Si è tenuto presso l Auditorium CTO di Firenze in data aprile il convegno organizzato dal laboratorio regionale per la formazione sanitaria della Regione Toscana dal titolo Politiche regionali e innovazione Gestionale in Sanità: lo Sviluppo dell Operations Management. Nel convegno, oltre a riflettere sull importanza dell operations management nel contesto sanitario italiano di oggi e su quanto siano critiche tematiche quali la logistica, il patient flow management, l ingegnerizzazione dei processi e la gestione del rischio, vi è stata l opportunità di presentare numerosi studi ed esperienze sul campo relative ad organizzazioni sia interne che esterne alla regione. LE SFIDE DELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE: DALLA SORVEGLIANZA AGLI INTERVENTI SUL TERRITORIO L evento si terrà a Venezia il 21 e 22 giugno Esso rappresenta un momento di incontro per confrontarsi, a distanza di quasi tre anni dal primo convegno nazionale (Napoli, settembre 2009), sui risultati conseguiti, sugli impegni da assumere, sulle nuove sinergie da sviluppare nell ambito dell ambizioso percorso intersettoriale avviato da Guadagnare Salute con l obiettivo di modificare la frequenza e l esito delle maggiori malattie cronicodegenerative. La manifestazione è promossa dal Ministero della Salute, dalla Regione Veneto, dall Università Ca Foscari di Venezia e dall Istituto Superiore di Sanità, coordinatore del progetto Programma d informazione e comunicazione a sostegno di Guadagnare salute (PinC). L evento prevede, oltre al convegno scientifico, una mostra espositiva sulle esperienze di promozione della salute realizzate da soggetti pubblici e privati, eventi sociali, momenti di incontro e dibattiti. Il convegno si è articolato in tre sessioni: Gestione operativa e programmazione delle attività Allineare i servizi alla domanda La logistica in sanità Le iscrizioni sono gratuite e potranno essere effettuate solo in modalità online entro il 18 maggio Tra gli altri, ha partecipato all evento Eugene Litvak, Professore di Operations Management alla Harvard School of Public Health.

11 N UMERO 30 PAG. 11 Appuntamento al prossimo numero... ORARI D ACCESSO: Lunedì - Venerdì Ore e SEDE LEGALE: Università Cattolica del Sacro Cuore Largo Gemelli, Milano P.I SOCI FONDATORI: Università Cattolica del Sacro Cuore; Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta. SOCI SOSTENITORI: Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara; Bain & Company; Centro Cardiologico Monzino; Fondazione Opera San Camillo; Istituto Europeo di Oncologia; Ordine Ospedaliero di S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli; Policlinico Universitario "Agostino Gemelli". SOCI ORDINARI: AGEFOR A. USL di Modena; ASL Provincia Lodi; Associazione La Nostra Famiglia I.R.C.C.S. "E. Medea"; AUSL Parma; AUSL Reggio Emilia; Azienda Ospedaliera Guido Salvini ; Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità ; Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco; Azienda Usl 18 Rovigo; Azienda USL di Cesena; Bravosolution; Bureau Veritas; Casa di cura Mater Domini ; Casa di Cura GE.P.O.S.; Centro Ortopedico di Quadrante; Covidien Italia; Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero; GE Healthcare; GESI Gestione Sistemi per l'informatica; Honeywell; Istituto Clinico Città Studi Milano; Istituto Clinico Humanitas; ITAL TBS; Janssen Cilag S.p.A.; Johnson & Johnson Medical Holding; Lanzo Hospital; Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza; Ospedale Regionale di Locarno La Carità; Ospedale di Sassuolo; Skills Exeo - Divisione Sanità; UNIAMO - Federazione Italiana Malattie Rare; Zucchetti. SEGRETERIA OPERATIVA: Chiara Sanvico Università Cattolica del Sacro Cuore Via Necchi, 7 - III piano Milano Tel.: Fax: RESPONSABILE EDITORIALE: Irene Gabutti Facoltà di Economia Università Cattolica del Sacro Cuore Largo F. Vito, Roma Tel.: Per ricevere le prossime newsletter iscriversi su: Ce.Ri.S.Ma.S. La prossima Newsletter sarà pubblicata a luglio 2012

12 Pochi giorni prima del Natale scorso abbiamo salutato Leonardo la Pietra per l ultima volta. L ho conosciuto molti anni fa, quando il Ce.Ri.S.Ma.S. muovendo i suoi primi passi ha iniziato a collaborare con l Istituto Europeo di Oncologia. Da allora, abbiamo lavorato molto insieme. In Istituto, dove Leonardo ha saputo dare contenuto e identità al ruolo della Direzione Sanitaria di cui era responsabile. Nell ambito delle iniziative del nostro Centro a cui Leonardo non ha mancato di contribuire, soprattutto in prospettiva internazionale. Nel confronto quotidiano, magari bevendo insieme il primo caffè della mattina, perché Leonardo era un interlocutore mai scontato, sempre pronto a proporre un punto di vista originale, ad intercettare nuovi problemi, ad immaginare il futuro. In queste occasioni, ho pensato spesso che una persona come lui, curioso come un ricercatore sa esserlo, sia stata in qualche modo rubata all università. Non eravamo sempre d accordo su tutto. Entrambi appassionati dalle nostre tesi, ci siamo talvolta trovati su posizioni diverse ma ci siamo sempre trovati uniti nello sforzo di cambiare (in meglio) lo status quo, esplorando nuove strade. Non dimenticherò ciò che mi ha scritto nella sua ultima mail: Non potevano scegliere una persona migliore di te. Questo era Leonardo. Stefano Baraldi

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Sala Negri da Oleggio, Universita Cattolica del Sacro Cuore 13 maggio 2014 BENVENUTO E PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.)

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.) CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.) AREA FORMAZIONE COMMUNITY OF PRACTICE PER ESPERTI DI SVILUPPO ORGANIZZATIVO E FORMAZIONE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2015 DOCUMENTO A CURA DI A.CIFALINÒ

Dettagli

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica

Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non profit di ispirazione cattolica In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Programma formativo in Economia e gestione degli enti sanitari e socio-sanitari non

Dettagli

CENTRO MAGGIO SACCO OCUMENTO A A CURA DI P. S

CENTRO MAGGIO SACCO OCUMENTO A A CURA DI P. S CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO (CE.RI.S.MA.S.) PROGETTO FORUM F TEMATICO 2 2012 LA MISURAZIONE DEI COSTI PER PERCORSO/ /PRESTAZIONE D OCUMENTO A A CURA DI P. S SACCO MAGGIO 2012 UNIVERSITÀ

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016

MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 AREA FORMAZIONE LA SUPPLY CHAIN NELLE AZIENDE SANITARIE: MODELLI E STRUMENTI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI LOGISTICI MILANO, 15-16 GIUGNO 2016 Telefono: 02-72.34.39.07 - Fax: 02-72.34.38.28 - E-mail: cerismas@unicatt.it

Dettagli

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità 1ª edizione In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Obiettivi,

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE:

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: AREA FORMAZIONE LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: STRUMENTI E SOLUZIONI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI DEI PAZIENTI V EDIZIONE MILANO, 14-15 APRILE 2015 Intervento formativo - La logistica del paziente

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SOCIO SANITARIO Corsi a cura di

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S.

La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. La diffusione e l utilizzo delle misure di performance del primary healthcare in Italia: i risultati della ricerca Ce.Ri.S.Ma.S. Materiale a cura di Antonella Cifalinò «Quale» PHC? Si assume una concezione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Management della Farmacia Ospedaliera

Management della Farmacia Ospedaliera - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ & NON

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale

SSR 2007-2009. Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale SSR 2007-2009 Programmazione della rete dei servizi sanitari Segreteria Regionale Sanità e Sociale Regione holding GOVERNO DEL SSSR Struttura di governo regionale Potenziamento e riqualificazione della

Dettagli

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO 2012 2 INDICE INTRODUZIONE... 4 GLI ASSOCIATI DEL CERISMAS....5 LA COMPOSIZIONE DEL CERISMAS....8 LA RICERCA... 10 Ricerca istituzionale (2012)... 10

Dettagli

CERISMAS - AREA FORMAZIONE INTERVENTI FORMATIVI AD HOC PROPOSTA PER AGENZIA PER LA FORMAZIONE AUSL 11 DI EMPOLI

CERISMAS - AREA FORMAZIONE INTERVENTI FORMATIVI AD HOC PROPOSTA PER AGENZIA PER LA FORMAZIONE AUSL 11 DI EMPOLI CERISMAS - AREA FORMAZIONE INTERVENTI FORMATIVI AD HOC INTERVENTO DI FORMAZIONE IL SISTEMA DI CONTABILITÀ GENERALE DI CONTABILITÀ ANALITICA DELLA SOCIETÀ DELLA SALUTE PROPOSTA PER AGENZIA PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente PIANO FORMATIVO 2015 Tipologia evento RESIDENZIALE Titolo Congresso interregionale ANMDO SARDEGNA e ANMDO SICILIA INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO: ESPERIENZE A CONFRONTO Sede HOLIDAY INN CAGLIARI, Viale

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZ OSP. POLICLINICO MODENA SPERIMENTAZIONE DI METODOLOGIE, STRUMENTI DI SUPPORTO, FORMAZIONE PER UNA ATTIVITA' SISTEMATICA DI MEDICAL AUDIT PRESSO IL POLICLINICO

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale

Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale Percorso di rivalidazione dei certificati di formazione manageriale Corso 3 La logistica del paziente in ospedale: strumenti e soluzioni per ottimizzare i flussi dei pazienti Milano, 17 18 novembre 2011

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto

La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto La distribuzione territoriale delle tecnologie sanitarie in Lombardia: best practice a confronto. Venerdì 28 Novembre 2014 Ore 8.45 13.15 - Auditorium La LIUC Università Cattaneo è nata dalle imprese per

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 -

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - La crescente attenzione delle Direzione Aziendali verso lo sviluppo dell Attività

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI GIUSEPPE CERASOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968

INFORMAZIONI PERSONALI GIUSEPPE CERASOLI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPE CERASOLI Nazionalità Italiana Data di nascita 31/12/1968 ESPERIENZA LAVORATIVA Date da 01/09/03 Ragioneria Generale dello Stato Dirigente

Dettagli

Corso di perfezionamento in

Corso di perfezionamento in Corso di perfezionamento in GESTIONE STRATEGICA DEL PERSONALE IN SANITA Edizione n. 2 a.a. 2015-2016 In collaborazione con: Obiettivo La consapevolezza crescente che una cultura della gestione e dell'organizzazione

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

HTA IN ONCOLOGIA ROL E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA

HTA IN ONCOLOGIA ROL E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA HTA IN ONCOLOGIA ROL E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA MILANO, 26 NOVEMBRE 2013 Con il patrocinio di SEZIONE DI ONCOLOGIA PRESENTAZIONE L Health Technology Assessment (HTA) rimane un argomento al centro di numerosissimi

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/Nome Indirizzo Via Cosimo il Vecchio n. 2, 50129, Firenze, Italia Telefono 05532697972 Fax 05532697971 E-mail c.gheri@ispo.toscana.it Cittadinanza

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso la Scuola per Infermieri Professionali di Ferrara 1994

Dettagli

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Curriculum formativo ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Perugia in data 25/7/85 con voti 110/110 e

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori

Massimo Annicchiarico Azienda Usl di Modena Luca Baldino Azienda Usl di Piacenza Paola Bardasi Azienda Usl di Ferrara Tiziano Carradori Massimo Annicchiarico è nato a Taranto nel 1958. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l Università degli Studi di Bologna e successivamente specializzato in Medicina Interna e in Cardiologia. Dal

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Obiettivi e struttura del progetto

Obiettivi e struttura del progetto Obiettivi e struttura del progetto L innovazione organizzativa in ambito ospedaliero: il contesto di riferimento Americo Cicchetti Facoltà di Economia dell Università Cattolica del Sacro Cuore Ricercatore

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative Presentazione dei risultati della ricerca sui fabbisogni formativi delle imprese e sui profili professionali nei trasporti e nella logistica in Emilia-Romagna Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012

Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 Percorso di aggiornamento e confronto per Medici di Direzione delle Cure Primarie Anno 2011-2012 L approccio ai problemi sanitari di un territorio, malattie croniche in primis, richiede oggi una nuova

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio

L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Conferenza Stampa L assistenza garantita dal medico di famiglia: tutte le novità per il prossimo triennio Presentazione dell Accordo Locale 2012/2014 tra l Azienda USL di Parma e le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BRUNELLI VALENTINA Telefono 0372 405737 Fax 0372 405524 E-mail Nazionalità v.brunelli@ospedale.cremona.it Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

organizzazione sanitaria

organizzazione sanitaria Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria II Edizione IDELSON-GNOCCHI Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

La MISSIONE della Formazione

La MISSIONE della Formazione Presentiamo un contributo dell iscritta Enrica Cantinotti, che nella sua veste professionale di Referente per l Ufficio Formazione ASL 5 spezzino ha certamente un punto di vista privilegiato, circa la

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna

La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La Logistica Sanitaria per la Qualità e la sostenibilità delle cure: l Esperienza dell Area Vasta Romagna La rilevanza strategica della logistica nelle Aziende Sanitarie Stefano Villa, Ricercatore di Economia

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

news INDICE Progetti di ricerca Formazione sul campo Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario

news INDICE Progetti di ricerca Formazione sul campo Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario news Numero 37 Luglio 2014 Centro di Ricerche e Studi in Management Sanitario INDICE Migliorare la logistica e le operations nelle aziende sanitarie: perché e come? di S. Villa Progetti di ricerca 3 Progetti

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail katia.prati@auslromagna.it Cittadinanza Italiana-Francese Data di nascita Sesso Occupazione desiderata/settore professionale

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA OBIETTIVI Preparare professionisti del settore life-science a ricoprire ruoli nel Market Access e a interagire efficacemente con la struttura di Market Access. Far conoscere

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ISOLA FRANCESCA 2, VIA ERNESTO MASI, 40137, BOLOGNA, ITALIA Telefono 348 2263260 Fax E-mail francesca.isola@libero.it

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

Verso il PDTA della fibrillazione atriale

Verso il PDTA della fibrillazione atriale Verso il PDTA della fibrillazione atriale Stato dell arte della gestione della TAO nelle 21 Aziende del Veneto Dr.ssa Lucia Dalla Torre Cure Primarie Ulss7 Stratificazione della popolazione secondo il

Dettagli

Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie

Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie Percorsi di Innovazione nelle Cure Primarie Il punto di vista della Medicina Generale Giacomo Milillo Parma, 22 ottobre 2011 Intendiamoci sui termini Primary Care Assistenza Primaria Cure Primarie Assistenza

Dettagli