Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard"

Transcript

1 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può fare meglio ell atmosfera rarefatta dell economia economia del benessere spesso l ossigeno comincia ad esaurirsi prima di raggiungere la cima (R. Musgrave Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato La violazione del teorema dell economia del benessere: Beni pubblici: i mercati sono incompleti perchè non si produce tutto ciò che si domanda Monopolio e concorrenza imperfetta: il mercato è imperfetto perchè esiste potere di mercato sternalità: i mercati sono incompleti perché non si produce il livello socialmente desiderato Adverse selection e moral hazard: l informazione è imperfetta Disoccupazione: il mercato non opera secondo le sue potenzialità Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 3 4 Mercato assicurativo Le compagnie di assicurazione max i profitti. Gli individui nel lungo periodo ricevono prestazioni inferiori ai premi pagati. Da questa osservazione derivano due domande: Consideriamo un individuo con un reddito. La sua funzione di utilità è: U = U(, U > 0, U < 0 Il reddito dell individuo è una variabile aleatoria soggetta ad un evento negativo con un danno L che si verifica con una probabilità p. I due stati del mondo nella prospettiva incerta sono:. Perché gli individui si assicurano volontariamente? Reddito Probabilità bilità -L p -p Si verifica l evento negativo on si verifica l evento negativo. Sotto quali condizioni il mercato privato fornisce copertura assicurativa? Il reddito atteso nella prospettiva incerta è pari al reddito al netto della probabilità del danno: ( = p( L + ( p = pl = 5 6

2 5/0/05 Per evitare il rischio l individuo si assicura pagando un premio è attuarialmente equo pl che gli garantisce una copertura piena del danno L. La compagnia di assicurazione pone il premio al livello tale da garantire l equilibrio tra le entrate e le uscite. Il profitto atteso della compagnia è: ( P( p, L = ( p pl + p( pl L = ( p pl p( p L = 0 vento neg. non si verifica vento neg. si verifica Il premio attuarialmente equo garantisce all assicurato un reddito pari a quello atteso: pl= pl L + L = pl = (evento negativo non si verifica (evento negativo si verifica L individuo ha convenienza ad assicurarsi? Il reddito certo con l assicurazione coincide con il valore atteso della prospettiva incerta in assenza di assicurazione. L individuo dovrebbe essere indifferente al rischio!!!! 7 8 Il realtà in condizioni di in l individuo confronta: ( U ( = pu ( L + ( p U ( U ( pl = U ( Utilità attesa se non si assicura Utilità del reddito atteso se si assicura La funzione di utilità di un individuo avverso al rischio è concava. Ciò implica che: U ( ( < U ( pl Utilità attesa è minore dell utilità del reddito atteso Avversione al rischio: utilità attesa è minore dell utilità del reddito atteso. Funzione di utilità ( U ' > 0, U '' < 0 crescente e concava Utilità U( U( In corrispondenza di si ha che ( U ( < U ( (U( U(-L * equivalente certo della prospettiva incerta ( = U ( ( U Il valore della V = * 0 -L * =-pl Reddito 9 0 Condizioni per la copertura assicurativa Probabilità indipendenti Sotto quali condizioni il mercato privato fornisce una copertura assicurativa? sistono 5 condizioni: La probabilità del verificarsi dell evento assicurato per un qualsiasi individuo deve essere indipendente da quella per gli altri individui La probabilità deve essere inferiore a La probabilità deve essere nota o stimabile on deve esserci selezione avversa on deve esserci rischio morale La probabilità del verificarsi dell evento assicurato per un qualsiasi individuo deve essere indipendente da quella per gli altri individui. Se così non è il mercato non fornisce assicurazione! L assicurazione è data dietro prevedibilità degli eventi. Legge dei grandi numeri: gli individui possono trovarsi in una situazione incerta ma per la collettività la situazione è di virtuale. e.g. non so se morirò quest anno ma la probabilità di morire nella classe di età è nota e stabile!!!

3 5/0/05 Probabilità indipendenti Data una collettività di individui ognuno con un reddito yi aleatorio. Le variabili aleatorie yi sono indipendenti e hanno la stessa distribuzione con media μ e varianza σ. In assenza di assicurazione ogni individuo fronteggia una varianza σ. Se gli eventi sono indipendenti e presentano la stessa varianza, per la collettività il rischio è: Probabilità indipendenti Ipotizziamo che gli individui ex ante si accordano per formare un fondo comune da cui ex-post ognuno riceve: y = ( y + y + + y Forma di assicurazione K chiamata risk-pooling Dimostriamo che la varianza del reddito medio ricevuto con l assicurazione è inferiore alla varianza del singolo individuo. σ var( y = var yi = var = σ = < σ yi i= i= var ( y + y + K+ y = σ Varianza della collettività pari a volte la varianza dei singoli individui σ Attraverso il risk-pooling la varianza tende a 0 Lim = 0 se la popolazione tende ad infinito: gli individui si liberano dall in 3 4 Probabilità inferiore all unità, nota e stimabile Probabilità <: se p= il premio sarebbe maggiore della perdita assicurata. In tal caso nessuno si assicura!!! e.g. non esistono assicurazioni sanitarie per malati cronici; non esistono assicurazioni contro il furto in certe aree urbane ad alto rischio; Probabilità nota e stimabile: se così non è, l assicurazione non è in grado di calcolare il premio. e.g. il mk non offre copertura contro inflazione futura; Adverse selection e Moral hazard Se i rischi sono indipendenti ma l informazione è asimmetrica si verificano due forme di fallimento del mercato: Adverse selection: ex-ante il principale (compagnia di assicurazione non conosce alcune informazioni in possesso dell agente (assicurato e.g. assicurazione sanitaria: individui nascondono fatti relativi al loro stato di salute; Moral hazard: ex-post il principale (compagnia di assicurazione non può controllare alcune azioni dell agente (assicurato al fine di prevenire il rischio e.g. disoccupazione; gravidanza; 5 6 Adverse selection e Moral hazard Mercato assicurativo Adverse selection e Moral hazard sono esempi di informazione asimmetrica che rendono inefficiente la fornitura di un assicurazione privata. L informazione asimmetrica giustifica per ragioni di efficienza l intervento pubblico in molti settori, soprattutto in quello delle assicurazioni sociali contro i rischi. Perché esista un mercato assicurativo è necessario che: Individui avversi al rischio Imprese neutrali al rischio Probabilità del rischio indipendenti, inferiori all unità, note e stimabili Informazione completa Sotto queste condizioni Il mercato assicurativo è in grado di fornire una copertura piena del rischio attraverso un meccanismo risk pooling che annulla la varianza degli eventi incerti

4 5/0/05 (976 Ipotesi: Individui avversi al rischio ( U > 0, U < 0 che max utilità attesa Imprese indifferenti al rischio che max profitto Mercato assicurativo a copertura piena = presenza di assicurazione: Per l individuo avverso al rischio è preferito a. Variabili per la costruzione del modello: reddito potenziale ma aleatorio; p probabilità che si verifichi un evento ento negativo; d=l danno pari al risarcimento se esiste copertura piena; pl premio di rischio attuarialmente equo; L assicurazione se il premio è attuarialmente equo rende equivalenti i due stati di natura: = -pl reddito atteso in assenza di evento negativo; = -d+l-pl reddito percepito in presenza di evento negativo; L-pL -d - pl A pl -(-p/p Curva di indifferenza ( U( = pu( + ( p U ( assenza di assicurazione: Per l assicurazione indifferente al rischio è indifferente Vincolo di bilancio ( = ( p + p ( p = p p 9 0 Il vincolo di bilancio ( = p + ( p rappresenta il luogo delle alternative e che danno la stessa speranza matematica. Si tratta di una retta con inclinazione (-p/p. In un contesto di rischio il vincolo di bilancio ha un significato diverso da quello tradizionale, perché rappresenta l insieme dei contratti con premio equo che permettono ad un assicurazione neutrale al rischio di pareggiare il proprio bilancio. La retta della rappresenta il luogo dei punti = raggiungibili con l assicurazione dietro pagamento di un premio equo pl (retta A che rende indifferenti I due stati di natura. La funzione di utilità attesa ( U ( = pu( + ( p U ( nel piano e può essere rappresentata con una mappa di curve di indifferenza la cui forma dipende dalle ipotesi di avversione al rischio e la cui inclinazione esprime il SMS che in equilibrio è uguale alla pendenza del vincolo di bilancio. d ( p U '( ( p SMS = = = d p U '( p Dal lato della domanda, con l assicurazione l individuo max la sua utilità attesa dei due stati di natura e sotto il vincolo di bilancio: max ( U ( = pu ( d + L pl + ( p U ( pl max ( U = pu ( + ( p U ( s. v. ( = p + ( p L = pu ( + ( p U ( λ( p + ( p ( L = pu '( λ p λ = U '( L = ( p U '( λ( p λ = U '( U '( = U '( = Se il premio pl è attuarialmente equo e il risarcimento è pari al danno (d=l l individuo assicurandosi gode di copertura completa uguagliando le utilità marginali dei due stati di natura, ovvero ponendosi sulla linea della. Dal lato dell offerta, poiché le imprese assicurative sono neutrali al rischio, se i rischi sono indipendenti, stimabili e con p<, le compagnie di assicurazione sono disposte a fornire un contratto risk pooling che gli permette di ridurre la varianza individuale del reddito riconducendola a quella del reddito medio. y var( = var( nσ n n i i = var( = = i= n i= n n n y σ < σ All aumentare del numero degli assicurati l assicurazione raggiunge una situazione di che le permette di coprire interamente il danno. Se il mercato è concorrenziale con informazione perfetta le imprese di assicurazione garantiscono contratti a copertura integrale con premi attuarialmente equi (pl che annullano il profitto atteso. ( P = ( p pl + p( pl L = ( p pl p( p L = 0 vento neg. vento neg. si non si verifica verifica l assicurazione l assicurazione incassa solo i incassa i premi premi e paga i danni el piano degli stati di natura e il vincolo di bilancio rappresenta per l assicurazione indifferente al rischio l insieme dei contratti con premio equo che le permettono di pareggiare il proprio bilancio

5 5/0/05 La retta che unisce i punti e rappresenta quindi la curva dei contratti attuarialmente equi che sono offerti al consumatore (sotto la retta (P>0; sopra la retta (P<0. Cosa succede nel mercato se la condizione di perfetta informazione viene a mancare? Un contratto costituisce un equilibrio del mercato se: Il profitto atteso del contratto di equilibrio è nullo ((P=0; Qualsiasi altro contratto preferito dai consumatori porterebbe a chi lo offre una perdita attesa. Le due condizioni discendono direttamente dall ipotesi di concorrenza perfetta che conduce il profitto ad annullarsi. Il consumatore massimizza la sua utilità nel punto di tangenza tra la retta dei contratti equi e la sua curva di indifferenza più elevata ponendosi sulla linea della. Adeverse selection: si tratta di una situazione che conduce ad un processo di auto-selezione dei rischi nel senso che i buoni rischi escono dal mercato. Ipotesi: esistono due tipi di individui Individui ad alto rischio H; Individui a basso rischio L; 5 6 H Perfetta informazione: equilibrio separating a copertura piena L C C Sarebbe ottimale per l assicurazione offrire due contratti, C e C con copertura piena tali che ph > pl il che implica per gli individui H curve di indifferenza e vincoli di bilancio più piatti. In C l individuo L max la sua utilità attesa ((U(L e l impresa max il profitto atteso (((P=0. In C l individuo H max la sua utilità attesa ((U(H e l impresa max il profitto atteso (((P=0. H Adverse selection: fallimento del risk pooling L C C3 C C4 Poiché esiste asimmetria informativa la compagnia non è in grado di diversificare il rischio e offrirebbe un contratto di risk-pooling calcolato sul rischio medio (pm con L che sovvenziona H (C3. Ma per L l utilità attesa di C3 è minore di quella in assenza di contratto. Ogni contratto che si posiziona tra C3 e che permette all impresa di non incorrere in perdite è preferibile per L (e.g. C4. L non si assicura (si autoseleziona, facendo aumentare i premi per coloro che restano nel mercato. 7 8 Adverse selection: separating risk a copertura parziale H L C C C5 L assicurazione può fornire ad L un contratto separating con copertura parziale a parità di utilità attesa di H, che tuttavia rappresenta una soluzione di second best perché L non si posiziona sulla linea della. In C5 U ' ( > U '( ' L assicurazione offre contratti: C a copertura piena per H e C5 a copertura parziale per i L. H non ha incentivo a camuffarsi in L perché incorrerebbe in una perdita se si verifica l evento negativo. 9 Se esiste Adeverse selection un mercato di concorrenza perfetta può non avere equilibrio oppure può avere un equilibrio inefficiente. L inefficienza deriva dal fatto che i bassi rischi non ottengono assicurazione completa. Gli alti rischi senza trarne vantaggio generano una esternalità negativa sui bassi rischi. Se gli alti rischi ammettessero di avere un elevata probabilità di subire l evento negativo, tutti starebbero meglio e nessuno starebbe peggio. 30 5

6 5/0/05 L unica soluzione al problema dell Adeverse selection consiste nel rendere obbligatoria l assicurazione impedendo ai bassi rischi di abbandonare il contratto pooling. e.g. mutue assicurazioni sanitarie (i giovani finanziano la malattia dei vecchi; assicurazione contro gli infortuni (i settori a basso rischio finanziano quelli ad alto rischio; schemi pensionistici non diversificati tra uomini e donne (che vivono di più; In tutti questi casi si verifica la rottura tra premi e probabilità dei rischi. Cosa succede nel mercato se la condizione di perfetta informazione viene a mancare? Moral hazard: si traduce in un comportamento scorretto dell assicurato che riduce la prevenzione del rischio (p diviene endogena o conduce ad abusare della copertura assicurativa (L diviene endogena. Ipotesi: esistono due tipi di individui Individui che seguono un comportamento corretto C; Individui che seguono un comportamento scorretto SC; 3 3 SC C Moral Hazard: copertura parziale C C C5 C4 C6 Sarebbe ottimale per l assicurazione offrire due contratti, C e C con copertura piena tali che psc > pc Ciò è impossibile se esiste asimmetria informativa. Sulla linea della i SMS di SC e C sono sempre diversi. In C, Usc(00>Uc(90: il premio è troppo basso per SC; In C Usc(5>Uc(5: il premio è troppo alto per C; In C4, Usc(90=Uc(90; In C5 Usc(5>Uc(5; La soluzione di second best va cercata a parità di utilità per SC e C. L eq. si trova in C6 con un contratto a copertura parziale che comporta una compartecipazione al costo, garantendo un comportamento corretto anche se U '( > U '( 33 Se esiste Moral hazard gli individui non prevengono il rischio o abusano della copertura assicurativa perché esiste un terzo pagante (p e L sono variabili endogene. Quanto più completa è la copertura assicurativa, tanto meno gli individui sopportano le conseguenze delle loro azioni. on hanno cioè incentivo a comportarsi correttamente come se dovessero sopportare direttamente le loro perdite. Solo una soluzione di second best mitiga il problema. e.g.: Schemi bonus-malus nella RCA (con premi più elevati per chi subisce incidenti; Franchigie L=d-f ( risarcimento pari al danno meno un deducibile; Schemi di co-assicurazione L= (-hl (l assicurato si accolla un h% del danno; 34 Cosa abbiamo imparato Il Modello di Rothschild-Stiglitz dimostra che in presenza di asimmetria informativa è impossibile perseguire contemporaneamente obiettivi di equità (fornitura universale dell assicurazione; efficienza (identificazione delle classi di rischio; perché l autoselezione dei buoni e cattivi rischi (adverse selection el incapacità di indurre gli assicurati ad un comportamento corretto (moral hazard conduce sempre a soluzioni di equilibrio inefficiente con copertura parziale dei rischi. Solo l intervento pubblico (assicurazione obbligatoria garantisce soluzioni pooling Pareto superiori. Fallimenti del mercato La condizione di avversione al rischio degli individui e indifferenza a rischio delle assicurazioni Le condizioni per la copertura piena del rischio da parte del mercato privato Il modello di Rothscild-Stiglitz Perfetta informazione ed equilibrio separating con copertura piena e rischi diversificati Adverse selection e fallimento di soluzioni risk-pooling Adverse selection e separating risk con copertura parziale Moral hazard e copertura parziale Soluzioni pareto superiori con obbligatorietà che garantiscono soluzioni pooling Dove studiare? P. Bosi, Corso di scienza delle finanze, Cap

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par.

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. 4) Le carenze informative Diverse tipologie di carenze informative

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Sistemi sanitari a confronto. Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE. Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale

Sistemi sanitari a confronto. Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE. Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale Sistemi sanitari a confronto Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale Differenze nella dimensioni della spesa pubblica Quali sono le differenze

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 18: Informazione incompleta (moral hazard) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

INFORMAZIONE ASIMMETRICA

INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2010/2011 INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA Enza Caruso Lezione n. 9-0 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento;

Selezione avversa. Informazione nascosta; Possibili conseguenze: Possibili rimedi: distruzione dei mercati; razionamento; Selezione avversa Informazione nascosta; Possibili conseguenze: distruzione dei mercati; razionamento; Possibili rimedi: Screening Signaling; Costi; Equilibri (pooling and screening) Selezione avversa

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

In un sistema (economico) un ampia varietà di eventi incerti possono determinare la ricchezza di uno o più individui del sistema.

In un sistema (economico) un ampia varietà di eventi incerti possono determinare la ricchezza di uno o più individui del sistema. Rischio In un sistema economico) un ampia varietà di eventi incerti possono determinare la ricchezza di uno o più individui del sistema. Alcuni esempi rappresentativi: - il verificarsi di un terremoto

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Contratto di agenzia

Contratto di agenzia Contratto di agenzia Se l azione e non è osservabile (verificabile), il contratto di first best non è più utilizzabile. La scelta ottimale dell agente con salario fisso è esercitare sforzo nullo; La soluzione

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Il sistema sanitario

Il sistema sanitario Il sistema sanitario Struttura della lezione Parte 1: Teorica - Il mercato delle assicurazioni sanitarie -I fallimenti del mercato in sanità - L intervento pubblico Parte 2: Istituzionale -Sistemi sanitari

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 8: Informazione incompleta (moral hazard) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Le operazioni di assicurazione

Le operazioni di assicurazione Le operazioni di assicurazione Giovanni Zambruno e Asmerilda Hitaj Bicocca, 2014 Outline 1 Lezione 1: Le operazioni di assicurazione Condizione di indifferenza Condizione di equità 2 Premio equo, premio

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile

TEMPO E RISCHIO. Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Esercitazione TEMPO E RISCHIO Il valore del denaro è funzione del tempo in cui è disponibile Un capitale - spostato nel futuro si trasforma in montante (capitale iniziale più interessi), - spostato nel

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Il Sistema Sanitario

Il Sistema Sanitario Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione L attivitá di regolazione svolta dall operatore pubblico La domanda di assicurazione L offerta di assicurazione I limiti del mercato assicurativo

Dettagli

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

NOME STUDENTE: @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Universita' Politecnica delle Marche Corso di laurea di primo livello in Economia, Mercati e Gestione d'impresa Anno accademico 2008-2009 ESAME DI POLITICA ECONOMICA - Appello_3 [1] NOME STUDENTE: ******************************************************************************

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4

POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009. Linda Meleo l.meleo@libero.it. lezione 4 POLITICA ECONOMICA A.A. 2008/2009 Linda Meleo l.meleo@libero.it lezione 4 1 LA LEZIONE PRECEDENTE Esternalità Di produzione e di consumo; Negative e positive. Misure per internalizzare gli effetti delle

Dettagli

Modello di Stigliz e Weiss (1981)

Modello di Stigliz e Weiss (1981) Modello di Stigliz e Weiss (1981) Esposizione a cura di: Roberto Stefano Nicola Esistenza di un ampia varietà di modelli che portano alla definizione del razionamento del credito: TUTTI HANNO LO SCOPO

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 2: Equilibrio economico generale (part 2) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010

Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 Esame di Politica Economica 1 appello Sessione Estiva A.A. 2009-2010 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA

L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2011/2012 L INFORMAZIONE ASIMMETRICA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Alireza Naghavi. Capitolo 6 (c) Dumping. Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale. Economia Internazionale

Alireza Naghavi. Capitolo 6 (c) Dumping. Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale. Economia Internazionale Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 6 (c) Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale 1 Dumping Il Dumping è la pratica che consiste nel praticare un prezzo più basso

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli