RAPPORTO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE"

Transcript

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE INDICE INTRODUZIONE PREMESSA METODOLOGICA E MODELLO ORGANIZZATIVO ATTUAZIONE PIANO CONCILIAZIONE: AZIONI DI SISTEMA Soggetti coinvolti LE ATTIVITA DI ASL MILANO Soggetti coinvolti LE ATTIVITA DI ASL MILANO 1 Soggetti coinvolti LE ATTIVITA DI ASL MILANO 2 Soggetti coinvolti CONCLUSIONI

2 INTRODUZIONE Regione Lombardia, in coerenza con quanto previsto dal Piano di Sviluppo Regionale, ha posto al centro della sua azione di governo politiche di Welfare tese a valorizzare la famiglia come soggetto attivo. In tale logica il sostegno alla famiglia e lo sviluppo di politiche atte a favorirne il protagonismo e la libertà di scelta risultano prioritarie. Al fine di perseguire questo obiettivo è necessario guardare la realtà con categorie innovative che permettano di superare la frammentazione degli interventi e favoriscano la presa in carico globale della famiglia. In particolare l attenzione alla famiglia richiede una riflessione sul sistema organizzato dei servizi e del lavoro in modo da attivare interventi che possano favorire la libertà di scelta. Si collocano in tale scenario le azioni di conciliazione famiglia lavoro, promosse dalla D.G.R. 381 del e dalla D.G.R del In particolare con D.G.R. 381 del la Giunta di Regione Lombardia ha assunto determinazioni in ordine al recepimento e all attuazione dell intesa sottoscritta il 29 aprile 2010 tra Governo, Regioni, Provincie autonome di Trento e Bolzano, ANCI, UPI e UNICEM per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, prevedendo uno specifico programma attuativo mirato alla facilitazione del rientro al lavoro di lavoratrici che abbiano usufruito di congedo parentale e per motivi legati a esigenze di conciliazione, all erogazione di incentivi per l acquisto di servizi di cura allo sviluppo di un sistema di rete a livello territoriale. In particolare con D.G.R. n. 812/2010 si è proceduto alla approvazione di uno schema di accordi di collaborazione territoriale per la definizione della rete di conciliazione. L accordo di collaborazione territoriale rappresenta il presupposto per la realizzazione a livello locale del complesso delle azioni e degli interventi in forma integrata, prevedendo la realizzazione di forme di governance partecipata fra Pubblico, Privato, Privato sociale e sistema delle famiglie/lavoratori e lavoratrici. PREMESSA METODOLOGICA E MODELLO ORGANIZZATIVO L Accordo di collaborazione per la realizzazione della rete territoriale per la Conciliazione di Milano sottoscritto in data 7 luglio 2011 si propone, tra gli obiettivi, quello di sostenere la costruzione e lo sviluppo di un sistema di politiche e di azioni volte alla conciliazione famiglia-lavoro, con particolare attenzione alle esigenze del territorio. Gli enti sottoscrittori sono i seguenti: Regione Lombardia ASL Milano ASL Milano 1 ASL Milano 2 Ambiti territoriali della ASL Milano Comune di Milano Ambiti territoriali della ASL Milano 1 Ambiti territoriali della ASL Milano 2 Consigliera provinciale di parità 2

3 Provincia di Milano Camera di Commercio, Industria, artigianato e agricoltura. L Accordo ha inteso, inoltre, imprimere un adeguato sviluppo alla valorizzazione della famiglia come soggetto attivo e come risorsa imprescindibile del welfare, attivando un complesso di azioni e di interventi rivolte a donne e uomini di diverse generazioni, attraverso la collaborazione tra persone, famiglie, associazioni, mondo del terzo settore, enti e istituzioni a livello locale, e in particolare con il sistema imprese e le parti sociali. Regione Lombardia e i soggetti proponenti dell Accordo hanno collaborato nelle aree di intervento relative a: - armonizzazione della programmazione territoriale per l integrazione delle politiche di conciliazione; - informazione/formazione specifica per realizzare percorsi e processi inclusivi e partecipati; - offerta integrata di servizi per migliorare l accessibilità degli stessi; - innovazione organizzativa per introdurre nuove forme di pianificazione del lavoro; - comunicazione sul territorio per favorire la conciliazione sia internamente agli enti che esterna, rivolta ai cittadini. Le azioni previste nel Piano sono state, in sintesi: - creazione di una rete di partner pubblico privati a livello territoriale; - sperimentazione di nuovi modelli di collaborazione per implementare i processi di conciliazione famiglia lavoro; - implementazione sul territorio delle azioni e degli interventi indicati nella D.G.R. n.381 del 5/08/2010, in particolare implementando delle Linee guida per la realizzazione della rete territoriale per la conciliazione. ATTUAZIONE PIANO CONCILIAZIONE Il primo step che ha reso operativo l Accordo di Collaborazione è stato la definizione del Piano di Lavoro territoriale che rappresenta lo strumento con cui il territorio assicura la piena realizzazione delle progettualità e degli adempimenti connessi. Il Piano di Lavoro viene gestito congiuntamente dalle tre ASL al fine di garantire interventi coordinati su tutta la provincia di Milano. Il coordinamento delle attività viene affidato alla ASL Milano 1 che svolge le funzioni di: raccordo con Regione Lombardia; verifica puntuale della programmazione e dell avanzamento degli interventi; organizzazione degli incontri dei tavoli istituzionali e tecnici, nonché raccordo tra gli stessi; coordinamento delle attività di mappatura dei servizi per la conciliazione e accompagnamento alla creazione della Filiera territoriale. Viene inoltre ravvisata la necessità di individuare un soggetto che svolga il ruolo di facilitatore delle politiche di conciliazione famiglia lavoro sul territorio. Il ruolo di 3

4 facilitatore viene affidato ad ARIFL che mostra la necessaria competenza ed esperienza sulle politiche di conciliazione. Nei mesi successivi alla stesura del Piano di Lavoro Territoriale si sono affrontate le seguenti tematiche: criteri di individuazione del modello organizzativo relativo alla filiera della conciliazione e dei relativi compiti; Individuazione di percorsi informativi, formativi e di accompagnamento per la PMI per potenziare opportunità di progettazione al fine di generare un dialogo sociale tra imprese, famiglie e Pubbliche Amministrazioni oltre ad una rete stabile tra gli enti coinvolti in tutto il processo; Ipotesi di azioni di fund raising, o comunque di catalizzazione di risorse da altri soggetti del territorio - quali Fondazioni bancarie, imprese, Istituti previdenziali, primi firmatari stessi dell Accordo - entro una logica di effetto moltiplicatore da porre nell utilizzo del capitale di base, tanto in termini di risorse economiche che (in quanto per altro significativamente connettibile) di progressiva crescita sia del sistema stesso e delle sue azioni; monitoraggio ed analisi entro le azioni di conciliazione già avviate sul territorio esperienze di successo, non tanto in termini di esportabilità dei moduli ma piuttosto di circuitazione di matrici di processo; creazione di un sito internet comune per favorire l accesso alle informazioni relative alla conciliazione dei cittadini, delle PMI ed delle PA. Il Piano di Lavoro viene considerato in continuo aggiornamento a causa della complessità e dell eterogeneità dei territori delle tre ASL. La versione approvata dal Tavolo Politico, infatti, costituisce una revisione 0 soggetta a continuo aggiornamento a seguito di analisi territoriali. In questa logica i componenti il Tavolo Tecnico hanno ravvisato la necessità di identificare alcune azioni di sistema da svolgersi congiuntamente da parte delle tre ASL. AZIONI DI SISTEMA Le tre ASL individuano alcune Azioni di Sistema sulla base delle progettazioni proposte dalla Provincia di Milano e dalla CCIAA. Al fine di realizzare queste progettazioni le tre ASL metteranno a disposizione (dalla voce Servizi Interaziendali ex DGR ) rispettivamente: ,00 ASL Milano; ,00 ASL Milano 1; ,00 ASL Milano 2. Una parte dei fondi ( ,00) verrà impegnata per l assistenza tecnica svolta da ARIFL che avrà un incarico dalla ASL Milano 1 ma che svolgerà un ruolo di facilitatore anche per gli altri membri del tavolo tecnico. Le progettualità analizzate sono le seguenti: 1. Attività di formazione sulle politiche e gli interventi di conciliazione famiglia lavoro realizzato dalla Provincia di Milano in collaborazione con ARIFL. L attività di formazione prevede 4 moduli così suddivisi: 1. Formazione ai componenti del Tavolo Politico Istituzionale: mezza giornata di formazione condotta da ARIFL e Variazioni; 4

5 2. Formazione per gli sportelli punti informativi sui territori: 4 moduli formativi, 2 giornate d aula; 3. Formazioni per le imprese: 4 moduli formativi, 2 giornate d aula; 4. Formazione per gli enti del territorio: 8 giornate circa, 1 per ogni distretto ASL. 2. Osservatorio donna realizzato dalla Provincia di Milano. 3. Promozione e gestione delle attività rivolte alle imprese in merito al tema della conciliazione realizzato da FORMAPER CCIAA. In particolare la Provincia di Milano ha proposto, in accordo con ARIFL e Variazioni, un percorso formativo in attuazione delle indicazioni contenute nella Finalità e) Intervento 2 Percorsi di conciliazione del Piano di Lavoro Territoriale dove si prevedono, accanto ad attività di coaching and counceling mirato alle imprese, anche attività di formazione, accompagnamento e tutoring sul campo per una progettazione più consapevole ed efficace su i temi della conciliazione. In risposta a questa indicazione strategica, nel Piano di lavoro territoriale per la promozione di interventi di conciliazione vita-lavoro a favore delle donne e dei soggetti che nella rete familiare sono gravati da carichi di cura sul territorio della Provincia di Milano, sono stati previsti livelli diversificati di formazione, sulla base del target e degli obiettivi da raggiungere, per consentire a tutti i soggetti coinvolti negli interventi, siano essi promotori, esecutori o destinatari, di comprendere gli obiettivi del Piano, di condividerli e attuare comportamenti o assumere decisioni coerenti. In dettaglio sono stati previsti tre livelli di formazione: -Livello strategico: formazione ai componenti del Tavolo di Indirizzo Politico Istituzionale per supportare il processo decisionale e la progettazione/realizzazione degli interventi; -Livello gestionale: formazione agli operatori delle ASL e degli altri soggetti promotori al fine di attuare gli ambiti specifici del Piano quali la strutturazione e implementazione della Filiera, creazione e gestione dei punti informativi, etc; -Formazione trasversale: formazione/informazione agli operatori locali (decision maker, leader, operatori ) per acquisire le nozioni generali legate al tema della conciliazione famiglia-lavoro oltre che le coordinate metodologiche. Le azioni formative sono l esito ed il risultato di una serie di attività propedeutiche svolte dai soggetti firmatari dell Accordo territoriale, tra cui principalmente: - l attività di mappatura della filiera della conciliazione condotta sul territorio - attività che ha consentito di individuare i diversi target beneficiari della formazione e di evidenziare i temi di maggior interesse e di definire un loro coinvolgimento strutturandoli in gruppi di interesse omogenei in base alla tipologia di organizzazione/ente, di fabbisogno formativo e di tipologia di servizi erogati; - processo di analisi e ricognizione dei fabbisogni formativi attraverso il lavoro dei Tavoli Tecnici organizzati dalle diverse ASL su i loro territori. Gli Obiettivi delle azioni formative si possono sintetizzare nei seguenti punti: - Svolgere un ruolo aggregazione per gruppi omogenei di soggetti coinvolti nel piano o da coinvolgere in un secondo momento quali enti/soggetti promotori (istituzioni, parti sociali, privato sociale, portatori di interesse); 5

6 - Creare una più diffusa consapevolezza sull importanza del tema Conciliazione, - Fornire informazioni che consentano una visione di insieme su tutti gli interventi sul territorio in tema di conciliazione; - Integrare le conoscenze dei diversi soggetti coinvolti e dei servizi presenti sul territorio che porti ad una integrazione tra le funzioni del sociale; - Fornire supporto ai processi di pianificazione territoriale degli enti/comuni; - Agevolare lo sviluppo di competenze per il fund raising pubblico/privato sulle politiche di conciliazione e di welfare aziendale; - Sostenere la crescita e lo sviluppo di nuove figure professionali nell ambito degli enti/imprese del territorio (sul genere del delegato sociale e o del Facilitatore delle politiche ); - definire un offerta formativa che in un ottica di integrazione e sussidiarietà possa convergere sulle esigenze formative già programmate/necessarie negli enti promotori degli Accordi; - Fornire uno spazio di confronto, formazione e informazione, indispensabile per mettere a sistema le iniziative territoriali e promuoverne lo sviluppo e la moltiplicazione dei risultati. In riferimento all azione 2 Osservatorio Donna sempre proposta dalla Provincia di Milano, si evidenzia che l osservatorio è stato istituito nel 2000 dalla Provincia di Milano ed è nato dalla considerazione che occorresse un punto di raccolta ed analisi rispetto alla necessità di promuovere risposte istituzionali adeguate alle necessità delle donne nell area provinciale di Milano. Esso costituisce un punto di osservazione, raccolta e analisi sia dei bisogni delle donne e delle famiglie sia delle risorse del territorio e si pone, dunque, come uno spazio che dialoga con due interlocutori privilegiati: le donne e il territorio in cui risiedono, aprendo con loro una relazione di reciprocità sui temi della condizione femminile e della conciliazione lavoro/famiglia. La visione privilegiata dell Osservatorio permette di connettere la domanda femminile con la disponibilità di informazioni, risorse e servizi. Consente, inoltre, d individuare le aree di necessità prive di risposta organizzata e di fornire, pertanto, dati e strumenti utili alla definizione di nuove e adeguate risposte istituzionali. Osservatorio Donna è un servizio dedicato a tutte le donne della provincia di Milano e consiste in: una Linea Verde gratuita e confidenziale per rispondere a quesiti e richieste in diverse aree tematiche una banca dati per raccogliere le risorse e i servizi, pubblici e privati, disponibili sul territorio provinciale una sezione web dedicata ai numeri delle donne dove trovare dati statistici e ricerche aggiornate sulle tematiche di genere. Le azioni si concretizzano, pertanto, in 4 aree: 1. gestione della linea verde di informazione e consulenza alle donne 2. monitoraggio e promozione della rete di risorse territoriali 3. implementazione e aggiornamento della banca dati informatizzata dei servizi 4. osservazione e analisi nell area della nuova realtà femminile. 6

7 La progettazione della Camera di Commercio viene ideata in attuazione della finalità C) del Piano Territoriale Attività propedeutiche alla strutturazione di uno sportello per le imprese e i cittadini. Le principali azioni previste sono le seguenti: - creazione di uno sportello fisico per le Aziende e PMI; - individuazione di una sezione dedicata sul sito della Camera di Commercio per informative alle aziende e ai cittadini; - realizzazione di Brochure sia per responsabili delle aziende che per i loro dipendenti; - realizzazione di Workshop itineranti nelle aziende e sul territorio al fine di incontrare nel contesto lavorativo le persone. L ESPERIENZA DI ASL MILANO LE ATTIVITA DI ASL MILANO Le azioni progettuali predisposte da Asl Milano sul tema della conciliazione famiglia-lavoro mirano a rispondere ad esigenze differenziate per popolazioni-target, legate alla rispettiva gestione dei tempi di vita, di cura e di lavoro e alle caratteristiche specifiche di territori molto diversi fra loro, per dimensioni e progettualità. Complessivamente le amministrazioni coinvolte hanno fatto uno sforzo notevole di condivisione delle successive fasi di lavoro e del disegno complessivo di sviluppo e implementazione di politiche di conciliazione a livello locale, cercando di intercettare le diverse istanze, di creare azioni sperimentali che potessero rispondere ai bisogni rilevati e nello stesso tempo di fare cultura all interno degli enti e con gli attori del territorio. Asl Milano ha costituito un gruppo di lavoro, composto dai referenti dei tre territori (Milano, Sesto S.G. e Cinisello) al fine di rafforzare e di uniformare le competenze sul tema della conciliazione vita-lavoro (doppia conciliazione, welfare territoriale e rapporti con le imprese, ecc.) e ne ha garantito il coordinamento operativo mediante le proprie strutture e il proprio personale; ha inoltre curato il coordinamento fra le azioni locali e il piano provinciale attraverso costanti rapporti con i referenti del Tavolo provinciale e della Regione. Si è infine occupata dei compiti amministrativi propedeutici alla realizzazione delle attività progettuali. In questa sua attività si è avvalsa della consulenza tecnica della società Variazioni srl, che ha fornito il proprio supporto in termini di coordinamento/allineamento del percorso di progettazione delle azioni sperimentali tra i diversi ambiti territoriali. I progetti proposti all interno del piano di azione di ASL Milano sono dieci: - sei promossi dal Comune di Milano - due dal Comune di Cinisello Balsamo - due dal Comune di Sesto San Giovanni. Il filo conduttore delle sperimentazioni è stato individuato nel concetto di doppia conciliazione, strettamente legato al duplice ruolo della Pubblica Amministrazione in materia e destinato a diventare un principio-guida condiviso nelle politiche di conciliazione che le pubbliche amministrazioni coinvolte potranno sviluppare anche in futuro. Le azioni possono quindi essere suddivise in due gruppi: 7

8 Azioni progettuali di conciliazione esterna, per le quali il target di riferimento è la cittadinanza, l utenza e le famiglie in generale; Azioni progettuali di conciliazione interna, per le quali il target di riferimento è rappresentato dalle/dai dipendenti della pubblica amministrazione. Le azioni trasversali di formazione (coordinate da Provincia di Milano) e di azioni dirette a supporto delle imprese (coordinate da CCIAA) saranno fondamentali per il corretto ed efficace sviluppo delle azioni progettuali. Per ciascuno dei progetti sperimentali frutto del processo di co-progettazione avviato viene di seguito fornita la descrizione delle azioni in programma, dei soggetti a vario titolo coinvolti e degli output previsti. Tutti i progetti previsti sono stati avviati, sono stati fatti gli incontri con molti degli stakeholder e la maggior parte delle azioni sono in fase di realizzazione. AZIONI PROGETTUALI DI CONCILIAZIONE ESTERNA 1. NUOVI SERVIZI DI WELFARE MENEGHINO( ) Ente responsabile dell azione: Comune di Milano L obiettivo perseguito è quello di definire e realizzare, in via sperimentale nuove soluzioni organizzative e di conciliazione, con particolare attenzione per le piccole e micro imprese. Si intende sperimentare un modello di servizio innovativo e una possibile nuova figura professionale, attraverso la figura del commesso on demand, una nuova figura professionale (il cosiddetto commesso jolly o meglio commesso on demand ) che possa essere utilizzata in condivisione tra diverse piccole realtà produttive di una stessa area, il quale compie compiti di disbrigo faccende quotidiane, offrendo ad imprese e lavoratori una soluzione efficace nella realizzazione di ipotesi di conciliazione vita-lavoro Soggetti coinvolti PARTNER: pool di professionisti, rappresentanze sindacali regionali, enti bilaterali, settore Politiche del Lavoro e settore Commercio e Attività Produttive del Comune di Milano per la sperimentazione della figura del commesso on demand. STAKEHOLDER: Associazioni di categoria; Associazioni presenti nell area in cui verrà sperimentato il servizio di commesso on demand e commercianti della zona; potenziali commessi on demand, rappresentanze sindacali. L azione prevede una mappatura econometrica del territorio, che possa aiutare a coinvolgere tutti i possibili azionisti interessati alla sperimentazione della figura professionale del commesso on demand, e del potenziale unico datore di lavoro di quest ultimo. 8

9 Il prodotto è la verifica dell esito della sperimentazione e dell efficacia di un nuovo servizio e di una possibile nuova figura professionale in condivisione fra più imprese e della possibilità di modellizzazione del servizio secondo criteri economicamente sostenibili. 2. IO CONCILIO ( ) Ente responsabile dell azione: Comune di Milano Si persegue l obiettivo di facilitare la diffusione e lo sviluppo di servizi di conciliazione, partendo da iniziative già parzialmente presenti in modo spontaneo sul territorio, tramite l implementazione dei servizi offerti da RadioMamma (partner principale del progetto) che ha l obiettivo in particolare di organizzare la community mobilization, costituita soprattutto dalle mamme, attivando e supportando la figura della mamma mobility organizer. L attenzione è posta principalmente sulla necessità di attivare risposte prossime alle necessità espresse dai soggetti, e in particolare dalle mamme in un quartiere pilota per poi estendere il modello in tutto il territorio. Per far ciò, si intende rendere attiva la partecipazione dei/delle cittadini/e nella espressione dei bisogni e nella soluzione degli stessi, attraverso la creazione di punti di incontro e focus group dedicati. Soggetti coinvolti PARTNER: RadioMamma per la gestione del progetto; scuole del quartiere interessato (zona Romolo-Navigli) per la concessione degli spazi all interno dei quali poter compiere i focus-group di individuazione delle necessità di conciliazione; Comune di Milano; esercizi family-friendly; Asl Milano. STAKEHOLDER: madri e famiglie coinvolte; esercizi family-friendly; scuole e oratori del quartiere; reti dei genitori già presenti; GAS della zona; consultori e pediatri della zona; madri straniere; Villaggio Barona. L azione prevede la formulazione di un questionario da sottoporre alle famiglie, e la progettazione delle azioni di comunicazione da attivare nelle scuole del quartiere. La ricerca e l analisi derivanti dal questionario permetteranno di fornire una mappatura tanto dei servizi già esistenti, che dei bisogni e delle caratteristiche delle destinatarie del progetto, ovvero le mamme. In questo senso, il prodotto sarà la creazione di una mappa infografica in cui verranno indicate le soluzioni di conciliazione individuate e i relativi costi. Inoltre, tramite la partecipazione attiva delle madri coinvolte all interno dei focusgroup, si intende creare un azione pilota di Community Organizer : tale figura, rappresenterà il perno attorno a cui attivare un coinvolgimento comunitario dei soggetti, a livello di quartiere, per l individuazione dei bisogni e la ricerca delle soluzioni di conciliazione. 9

10 3. BANDO PICCOLE IMPRESE DI CONCILIAZIONE (risorse proprie Comune di Milano) Ente responsabile dell azione: Direzione Politiche del Lavoro e Sviluppo Economico del Comune di Milano; Università. L obiettivo perseguito riguarda la promozione di modelli organizzativi di ampio respiro volti a sostenere le politiche aziendali per la conciliazione vita-lavoro. L attenzione è posta sulla premialità alle Piccole-Medie Imprese che mettono in atto azioni di conciliazione per i propri dipendenti, e riguarda quindi la valorizzazione del welfare aziendale implementato autonomamente dalle imprese. Soggetti coinvolti PARTNER: Comune di Milano; Pmi; società di certificazione L azione prevede il reclutamento delle PMI tramite l emissione di un bando pubblico che definisce il percorso per l ottenimento del riconoscimento di Impegno per la Conciliazione Famiglia-Lavoro. Il prodotto dell azione è quindi la Deliberazione 2940 del 30/12/2011 e il Bando di partecipazione per le PMI del 12/03/2012, nonché il modello di azione/certificazione che ne conseguirà. 4. AMPLIAMENTO ORARI ANAGRAFE (risorse proprie Comune di Milano) Ente responsabile dell azione: Settore Servizi al Cittadino del Comune di Milano L obiettivo perseguito è il prolungamento e la diversa modulazione degli orari dell Ufficio Anagrafe (sede decentrata), per rispondere alle necessità di flessibilità oraria avanzate dalla popolazione cittadina. L attenzione è posta sul grado e sulla capacità di conciliazione che gli uffici pubblici hanno rispetto alle esigenze dei cittadini/utenti. Soggetti coinvolti PARTNER: Settore Risorse Umane del Comune di Milano; Uffici Anagrafe coinvolti nel progetto; Consiglio di Zona; OOSS. STAKEHOLDER: dipendenti anagrafe; utenza cittadina; politici-dirigenti; Direzione Centrale del Comune di Milano; direttori di settore del Comune di Milano; CUG L azione riguarda il consolidamento della sperimentazione sull ampliamento di orario dell Ufficio Anagrafe presso la sede centrale. L obiettivo è mettere a sistema tale azione, anche attraverso la sottoscrizione di un accordo sindacale, in modo da poter creare un 10

11 modello trasferibile e adattabile eventualmente ad una sede decentrata dell Ufficio Anagrafe. 5. ORARI A MENU ( ) Ente responsabile dell azione: Direzione Risorse Umane del Comune di Milano L obiettivo perseguito riguarda la necessità di conciliare i bisogni di flessibilità oraria del personale pubblico con le necessità dei cittadini/utenti. L attenzione viene quindi posta sulla possibilità di trovare e sperimentare soluzioni che permettano tanto all utente quanto all operatore/erogatore del servizio, di conciliare le necessità di cura con quelle di lavoro e con i bisogni che riguardano il disbrigo di pratiche quotidiane. Soggetti coinvolti PARTNER: Direzione del Settore Risorse Umane del Comune di Milano; OOSS L azione prevede uno studio di fattibilità riguardo alla possibilità di flessibilizzare gli orari di alcuni servizi comunali, rispettando le esigenze di conciliazione tanto degli operatori e dipendenti pubblici, quanto dei cittadini e utenti. Tale studio verrà condotto attraverso un analisi sui vincoli e delle possibilità specifiche dell implementazione di tale azione dell ente pubblico. 6. SERVIZI DI CONCILIAZIONE PER LA CITTA ( ) Ente responsabile dell azione: Ambito di Sesto San Giovanni (comuni di Sesto San Giovanni e Cologno Monzese) L obiettivo che si intende perseguire riguarda l ampliamento dei servizi di conciliazione offerti ai cittadini nei comuni dell ambito di Sesto San Giovanni e nel comune di Cologno Monzese. L attenzione viene posta sull ampliamento dell offerta dei servizi di cura e su una maggiore diffusione informativa delle soluzioni di conciliazione a disposizione dei genitori lavoratori. Soggetti coinvolti PARTNER: Servizi Educativi e alla Persona del Comune di Sesto San Giovanni per la predisposizione dell ampliamento dei servizi di CRE; Sportello Per Mano per l intervento riguardante le babysitter; Ufficio di Piano dell ambito di Sesto San Giovanni; Settore Risorse Umane del Comune di Sesto San Giovanni; Comune di Cologno Monzese 11

12 STAKEHOLDER: Milano Metropoli; CCIAA; famiglie dei bambini utenti dei servizi; associazioni del Terzo Settore; Associazioni di Categoria; AFOL. L azione prevede l ampliamento dell offerta dei Centri Ricreativi Estivi erogati dal Comune di Sesto San Giovanni con particolare attenzione all inserimento dei bambini disabili, nonché la predisposizione di uno studio di fattibilità del servizio durante i periodi invernali di chiusura delle scuole, di prossima realizzazione. Inoltre, viene predisposto anche l ampliamento in termini temporali del servizio di CRE del Comune di Cologno Monzese. Verrà inoltre implementato e riqualificato il servizio offerto dallo Sportello Per Mano: esso svolge una funzione di matching tra domanda di babysitter da parte delle famiglie e l offerta di cura da parte di soggetti inseriti in un elenco pubblico formato da professioniste che hanno seguito percorsi formativi e di aggiornamento realizzati periodicamente dall amministrazione comunale. A questo proposito, è prevista una nuova formazione specifica delle babysitter sul proprio ruolo di fornitrici di cura e di soluzioni di conciliazione. Infine, come output dell azione progettuale riguardante l informazione ai lavoratori sui servizi di conciliazione presenti sul territorio, il Comune di Sesto, dopo avere sperimentato al proprio interno un Vademecum sulla conciliazione,autoprodotto nell ultimo biennio di azioni positive ad uso dei dipendenti, potrà contribuire alla realizzazione di un Vademecum per la cittadinanza, prodotto come azione trasversale del Piano, cui seguirà un analisi di esportabilità del prodotto presso le aziende del territorio. 7.SERVIZI ON-LINE ( ) Ente responsabile dell azione: Comune di Cinisello Balsamo L obiettivo perseguito riguarda la necessità di creazione di un luogo virtuale a cui il cittadino possa accedere per raccogliere informazioni sui servizi esistenti, che sia di supporto al luogo fisico (sportello) già esistente. L attenzione è posta sulla necessità di razionalizzare il tempo necessario per compiere le procedure e i passaggi dovuti per l attivazione di determinati servizi, in ottica di conciliazione famiglia-lavoro. Soggetti coinvolti PARTNER: Ufficio Tempi, Servizio Informatico, Settore socio-educativo e Settore Attività Produttive del Comune di Cinisello Balsamo, per la creazione dei modelli di pagamento on-line e per la manutenzione dei servizi; Il Torpedone; Binari Sonori STAKEHOLDER: Sportello Polifunzionale e Settore Risorse Umane del Comune di Cinisello Balsamo; utenza cittadina; imprese; CUG 12

13 L azione prevede la creazione di modelli on-line utilizzabili per il pagamento dei servizi comunali. Per far ciò, si ritiene necessaria la predisposizione e la creazione di specifici sistemi di comunicazione, oltre all acquisto di software dedicati. Si intende anche perseguire un monitoraggio del servizio, che verrà sperimentato inizialmente sul pagamento degli asili nido e delle mense scolastiche, attraverso forme di e-democracy. 8.BABY-PARKING ( ) Ente responsabile dell azione: Ambito di Cinisello Balsamo (comuni di Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino, Bresso) L obiettivo perseguito riguarda l ampliamento del servizio di Baby-Parking offerto, a seconda e a causa delle necessità di conciliazione mosse dalle madri già utenti del servizio. L attenzione viene posta, oltre che sulla sperimentazione di orari più flessibili che permettano quindi una maggior conciliazione delle necessità di cura e di lavoro delle madri, anche sul potenziale che il servizio ha in ottica di occupabilità delle madri utenti. Soggetti coinvolti PARTNER: Associazione Gruppo Volontariato Vincenziano, come soggetto fornitore del servizio; Caritas, per il sostegno al progetto; Privato Sociale; Centri d Ascolto, Centro Lavoro e Centro Salute, per l intercettazione delle madri interessate e la divulgazione della presenza del servizio; Comuni limitrofi al Comune di Cinisello Balsamo (Cormano, Cusano Milanino, Bresso) STAKEHOLDER: famiglie; madri straniere; aziende del territorio; comuni limitrofi Tramite lo studio delle richieste provenienti dall esperienza maturata dalle educatrici che già lavorano come volontarie all interno del Baby-Parking, l azione intende compiere uno studio di fattibilità riguardante sia la possibilità di assumere all interno della struttura una psicopedagogista, sia la possibilità di ampliare l orario giornaliero di offerta del servizio. Gli output quindi sono riferibili all implementazione dei servizi aggiuntivi, ovvero l ingresso nel Baby-Parking di una nuova figura professionale e il prolungamento delle ore di apertura. Si intende modellizzare il progetto in ottica di trasferibilità dello stesso presso realtà affini, e anche creare una rete con alcune aziende interessate in funzione anche dell occupabilità delle madri utilizzatrici del servizio di baby-parking. AZIONI PROGETTUALI DI CONCILIAZIONE INTERNA 13

14 9.FLESSIBILITA ORARIA E INNOVAZIONE DEI PROCESSI ORGANIZZATIVI (risorse proprie Comune di Milano) Ente responsabile dell azione: Direzione Risorse Umane del Comune di Milano Si persegue l obiettivo di trovare risposte alle esigenze di conciliazione del personale del Comune di Milano, sperimentando modalità innovative di gestione delle Risorse Umane. L attenzione è quindi rivolta alla sperimentazione di modalità partecipate di definizione delle necessità di individuazione delle soluzioni di flessibilità oraria per i dipendenti del Comune di Milano. Soggetti coinvolti PARTNER: Direzione Risorse Umane del Comune di Milano; OOSS STAKEHOLDER: personale dell Ente; CUG; utenza cittadina; imprenditori; associazioni di categoria; CCIAA L azione prevede in primo luogo il coinvolgimento dei dipendenti del Settore Risorse Umane del Comune di Milano nella fase di analisi dei bisogni, quindi nella predisposizione del questionario relativo alla ricerca. Dalle risposte ottenute, si creeranno studi di fattibilità per ogni singola soluzione ritenuta necessaria e si implementeranno, in via sperimentale, forme di flessibilità diffusa e personalizzata, che saranno verificate attraverso un sistema di monitoraggio definito tramite una modalità gestionale partecipata. 10. RIENTRI DALLA MATERNITA DELLE DIPENDENTI COMUNALI (risorse proprie Comune di Sesto S.G.) Ente responsabile dell azione: Comune di Sesto San Giovanni L obiettivo perseguito riguarda l accompagnamento alla fruizione dei congedi parentali, obbligatori e facoltativi, il supporto ai dipendenti comunali, madri e padri, al momento del rientro al lavoro e durante la fruizione del congedo di maternità/paternità. L attenzione viene posta sulla necessità di conciliare le esigenze organizzative dei servizi con le esigenze di conciliazione dei dipendenti, mantenendo aperta la relazione con le lavoratrici/i lavoratori assenti, anche allo scopo di migliorare la cultura organizzativa interna dell ente. Soggetti coinvolti PARTNER: Settore Risorse Umane del Comune di Cinisello Balsamo; Comune di Cologno Monzese. 14

15 STAKEHOLDER: aziende del territorio; famiglie delle dipendenti interessate nel progetto; padri; OOSS. Come primo output l azione prevede un analisi delle esigenze di conciliazione e di flessibilità dei dipendenti del Comune di Sesto San Giovanni e un analisi delle esigenze organizzative emerse durante i percorsi di azioni positive implementate con i programmi riferiti al biennio precedente. Per tre dipendenti del Settore Ragioneria del Comune di Sesto San Giovanni, verranno definiti particolari modelli di gestione della maternità: si sperimenteranno programmi personalizzati di congedo e rientro al lavoro, con particolare accompagnamento e sostegno alle madri, in modo da non rendere traumatico il re-ingresso in ufficio per le dipendenti e per far sì che l organizzazione non perda capitale umano a causa della non oculata gestione di questo periodo di assenza. Verrà poi predisposto, al termine della sperimentazione, un kit maternità che potrà essere strumento di tutte/i le/i dipendenti del Comune di Sesto San Giovanni, previa una progettazione riguardante le modalità di diffusione interna alle/ai future/i destinatarie/i. Infine, l azione progettuale prevede una formazione specifica sul tema della conciliazione famiglia-lavoro alle/ai operatrici/operatori del CUG e un avvio di attività di sensibilizzazione riguardo a tale tema da parte del CUG stesso. 10. RIENTRI DALLA MATERNITA DELLE DIPENDENTI COMUNALI (risorse proprie Comune di Sesto S.G.) Ente responsabile dell azione: Comune di Sesto San Giovanni L obiettivo perseguito riguarda l accompagnamento e il supporto alle dipendenti comunali durante la fruizione del congedo di maternità e al momento del rientro al lavoro. L attenzione viene posta sulla necessità di mantenere un contatto con le lavoratrici madri assenti per congedo, anche allo scopo di migliorare la cultura organizzativa interna dell ente. Soggetti coinvolti PARTNER: Settore Risorse Umane del Comune di Cinisello Balsamo; Comune di Cologno Monzese. STAKEHOLDER: aziende del territorio; famiglie delle dipendenti interessate nel progetto; padri; OOSS. Come primo output l azione prevede un analisi delle esigenze di conciliazione e di flessibilità dei dipendenti del Comune di Sesto San Giovanni e un analisi delle esigenze 15

16 organizzative emerse durante i percorsi di azioni positive implementate con i programmi riferiti al biennio precedente. Per tre dipendenti del Settore Ragioneria del Comune di Sesto San Giovanni, verranno definiti particolari modelli di gestione della maternità: si sperimenteranno programmi di accompagnamento per il rientro al lavoro dal congedo, in modo da non rendere traumatico il re-ingresso in ufficio per le dipendenti, e per far sì che l organizzazione non perda capitale umano a causa della non oculata gestione di questo periodo di assenza. Verrà poi predisposto, al termine della sperimentazione, un kit maternità che potrà essere strumento di tutte/i le/i dipendenti del Comune di Sesto San Giovanni, previa una progettazione riguardante le modalità di diffusione interna alle/ai future/i destinatarie/i. Infine, l azione progettuale prevede una formazione specifica sul tema della conciliazione famiglia-lavoro alle/ai operatrici/operatori del CUG, e un avvio di forme di sensibilizzazione riguardo a tale tema da parte del CUG stesso. LE ATTIVITA DI ASL MILANO 1 Le azioni progettuali previste dalla ASL Milano 1 hanno previsto innanzitutto la costruzione e l ampliamento della filiera territoriale della conciliazione quale punto di partenza imprescindibile per la realizzazione di interventi partendo dai reali bisogni di conciliazione delle famiglie. La rete territoriale diventa, infatti, la possibilità di generare un sistema di alleanze nuove in cui incontrare la famiglia, diversificare la gamma dei servizi e ottimizzare le risorse e superare la frammentazione. Le azioni previste hanno come sfondo la necessità di integrare le politiche e di generare un network coinvolgendo chi già opera nel territorio e valorizzando l esistente in una logica di connessione di interventi e risorse. Le azioni in corso d opera sono le seguenti: Azione 1: Costruzione della Filiera della conciliazione Al fine di realizzare la filiera della conciliazione presente sul territorio si sono strutturate le seguenti azioni: Azione 1.2: Mappatura delle progettualità attivate sul territorio Tra le azioni realizzate sul territorio di ASL Milano 1 ha previsto il monitoraggio e l analisi di esperienze di successo utili per generare una circuitazione di matrici di processi virtuosi. Soggetti Al fine di identificare tali esperienze pilota si è proceduto alla costruzione di un questionario che è stato somministrato agli enti del terzo settore, a strutture socio sanitarie del territorio pubbliche, private e accreditate, ad aziende ospedaliere, ad enti locali. Il questionario è suddiviso in una parte dedicata all analisi del bisogno e alle sue modalità di rilevazione e una parte dedicata all illustrazione di servizi/progetti realizzati in tema di conciliazione. 16

17 Hanno risposto alla rilevazione: 15 comuni sul totale di 73 presenti su tutto il territorio; entrambe le aziende ospedaliere del territorio; 4 enti del privato accreditato, 1 azienda sociale che gestisce un ufficio di piano; 1 consultorio privato accreditato. Tre comuni (Solaro e Cesano Boscone) hanno realizzato Progetti sperimentali: Il Comune di Solaro, utilizzando un proprio canale di finanziamento, ha realizzato un iniziativa dal titolo Spazio Gioco Spazio famiglie ; Il Comune di Cesano Boscone ha utilizzato un contributo di Regione Lombardia (l.r.28/2004 Politiche Temporali) per realizzare due iniziative dal titolo: Diamo Spazio al Tempo e Diamo più spazio al tempo ; Il Comune di Sedriano (in collaborazione con il Comune di Magenta) ha utilizzato i fondi del piano di zona per realizzare una progetto relativo al protagonismo familiare dal titolo Famiglie Creative. Gli altri comuni, pur non avendo progettazioni sperimentali, hanno dimostrato sensibilità nella flessibilità dell orario lavorativo, flessibilità sia nell accesso che nell organizzazione dei servizi per la cura dell infanzia. Tra gli enti privato accreditato che hanno risposto uno solo promuove progetti sperimentali in tema di conciliazione: Asilo nido, banca casa lavoro, assistenza odontoiatrica, incentivi per l utilizzo dei mezzi pubblici. L Azienda Speciale di Castano sta realizzando un progetto relativo all utilizzo dei Voucher conciliazione. Entrambe le Aziende Ospedaliere realizzano progetti sperimentali rispettivamente: A.O. Legnano realizza un ambulatorio e call center di continuità assistenziale ospedale territorio polispecialistico di area medica; A.O. Salvini di Garbagnate ha descritto un progetto di servizio navetta e stireria per i dipendenti per i quali è ancora in attesa di risposta in merito al finanziamento da parte del Ministero- Dipartimento politiche del Lavoro. Individuazione di aree di progettazioni da condividere con il Tavolo ASL/Ambiti in modo da generare una contaminazione di buone prassi. Azione 1.3: Analisi del bisogno territoriale in tema di conciliazione e successiva individuazione delle priorità Al fine di individuare progettazioni pilota ci si è, inoltre, avvalsi del Tavolo ASL/Ambiti che costituisce uno degli strumenti privilegiati di programmazione territoriale con cui si sono condivisi i risultati della mappatura. Soggetti Componenti del tavolo ASL/Ambiti. 17

18 A seguito di un confronto con i componenti del tavolo ASL Ambiti sono emerse due principali filoni di progettazione: 1. Area di coinvolgimento aziende: Realizzazione di un progetto, partendo dall Ambito di Castano e Abbiategrasso, dedicato alla strutturazione di un offerta territoriale di servizi conciliativi leggeri ovvero accessori e complementari ad azioni strutturali in atto o accessibili a piccole e micro imprese associate in gruppi di acquisto di servizi. Questo progetto verrà sviluppato attraverso il coinvolgimento della Camera di Commercio di Milano; 2. Area di sviluppo di progettazioni rivolte alle famiglie: sulla base del monitoraggio dell esperienze di successo si è rilevata estremamente significativa anche in termini di risonanza sul territorio a sperimentazione Famiglie Creative promossa dall ambito territoriale di Magenta. Questa sperimentazione ha permesso di sviluppare forme reali di protagonismo familiare. Le famiglie, infatti, hanno ricevuto un pacchetto di risorse economiche per sviluppare progettazioni innovative che fossero realmente cucite sui loro bisogni. Visti i processi innovativi generati in termini di capitale sociale da questa progettazione si è ritenuto, durante il tavolo ASL/Ambiti, di estendere tale progettazione a tutti i territori della ASL generando una contaminazione di buone prassi. Al fine di estendere la progettazione viene istruito un bando di finanziamento gestito direttamente dalla ASL Milano 1 con la collaborazione degli ambiti distrettuali i quali si occuperanno dell accoglienza delle famiglie e di aiutarle a stendere progettazioni innovative. Le progettazioni saranno poi esaminate da una Commissione mista ASL/Ambiti territoriali. Azione 2: Adesione del territorio delle tre ASL alla Filiera di Conciliazione di Regione Lombardia (rif. D.D.U.O del 26/07/ "Manifestazione d'interesse") È in corso di promozione la proposta al territorio la Manifestazione di interesse che costituisce una iniziativa promossa da Regione Lombardia utile per l ampliamento territoriale ed estensione dei servizi della Filiera della Conciliazione Regionale. Attraverso questa iniziativa si realizza la creazione di un elenco di enti in possesso delle competenze necessarie interessati all erogazione di servizi di conciliazione nell ambito della Dote Conciliazione. I servizi per cui si chiede di manifestare interesse riguardano le seguenti tipologie (info su e https://gefo.servizirl.it/dote sezione operatori): 1. Servizi per l infanzia ( 0-3 anni): nidi-micronidi- centri per la prima l infanzia e nidi famiglia; 3. Baby sitting/baby parking; 4. Accompagnamento dei figli ( minori di 14 anni) a scuola, visite mediche, attività sportive e di gioco ; 5. Dopo scuola, supporto allo studio, accesso a centri ricreative diurni ( minori 14 anni); 6. Piccoli lavori domestici che favoriscano la fruizione della politica attiva; 18

19 7. Servizi di assistenza domiciliare domiciliare, con esclusione di attività mediche per anziani e/o famigliari conviventi non autosufficienti. Soggetti I principali enti da coinvolgere sono tutti gli stakeholders locali. Gli enti coinvolti potranno partecipare alle sperimentazioni regionali che vengono avviate attraverso il sistema Gefo. Azione 3 Progettazione di percorsi formativi in tema di conciliazione per gli enti del territorio Questa azione rientra nel piano formativo previsto dalle azioni di sistema. In particolare si riferisce al modulo formativo relativo agli enti del territorio. Il principale obiettivo di questa iniziativa è fornire uno spazio di confronto, formazione e informazione, indispensabile per mettere a sistema le iniziative territoriali e promuoverne lo sviluppo e la moltiplicazione dei risultati. Tra gli obiettivi specifici si annovera: Integrazione delle conoscenze e promozione di programmazioni locali coordinate, in grado di valorizzare interventi a supporto della conciliazione famiglialavoro, valorizzando e diffondendo le buone prassi esistenti. Il modulo formativo prevede due momenti: a. Formazione e supporto ai componenti del CUG (già programmata); b. formazione agli operatori in collaborazione con Provincia di Milano: rivolta agli operatori dei servizi del territorio, sia dell ASL che degli ambiti territoriali Azione rientrante nelle azioni di sistema decise al Tavolo Provinciale (progettata e da attuarsi dal mese di settembre ). Sarà rivolta ai 7 distretti dell ASL e vedrà un importante coinvolgimento dei territori tramite gli Udp andando a declinare secondo la peculiarità dei territori la tematica. I principali contenuti previsti sono i seguenti: a. Modalità di individuazione di azioni a carattere innovativo da sperimentare su i propri territori; b. Modelli di integrazione delle risorse e delle competenze attraverso attività di fund raising con altri soggetti a livello regionale, nazionale ed internazionale; c. Analisi di buone prassi progettuali replicabili in diverse realtà. Soggetti I destinatari della formazione sono: Responsabili ed operatori impegnati nella programmazione locali degli interventi, sia nell area sociale che socio sanitaria (ASL, Comuni, Uffici di Piano, tavoli locali di programmazione) sia pubblici che del privato sociale. I percorsi formativi previsti dovrebbero generare nuove conoscenze utili per attivare progettazioni innovative e circuitazione di buone prassi in tema di conciliazione. 19

20 Azione 4: valorizzazione della rete di conciliazione nell ambito della programmazione zonale Il tema della conciliazione è stato inserito tra le priorità presenti nell Accordo di Programma in modo da generare una rete tra tutti gli ambiti territoriali che potesse generare percorsi condivisi di conciliazione famiglia lavoro. Tale iniziativa deriva dalla necessità di integrazione delle policy in modo da generare una ricomposizione delle risorse e delle iniziative presenti sul territorio. In tale logica si è ritenuto fondamentale agire in modo che gli strumenti programmatori si parlino ed interagiscano a livello territoriale e che il piano di zona si coordini con gli altri strumenti di programmazione. Soggetti All interno di queste coordinate gli enti sottoscrittori si sono impegnati a realizzare con modalità sinergica e secondo specifica mission istituzionale alcune attività relative alla costruzione della rete. In particolare le azioni previste nell accordo sono le seguenti: attuare la governance implementativa delle azioni previste dal Piano di lavoro Territoriale per la promozione di interventi di Conciliazione vita e lavoro sul territorio della provincia di Milano, con particolare attenzione a - sviluppare la filiera della conciliazione; - implementare percorsi di conciliazione sul territorio; - integrare politiche di conciliazione nella programmazione territoriale. Output/prodotto Attraverso il lavoro di condivisione di obiettivi ed azioni previste nei piani zona si cercherà di implementare la rete e di mettere a sistema percorsi di conciliazione a favore delle famiglie. Azione 5: Costruzione filiera interna aziendale (risorse interne) Nell ambito della costruzione della filiera interna all ASL un momento importante è stato la costituzione e l avvio del CUG aziendale (costituito con deliberazione del Direttore Generale n.753 del 16/12/2012) al quale si è prestata una particolare attenzione. Le tematiche della conciliazione sono entrate a pieno titolo nel gruppo di lavoro con una doppia valenza sia verso le dipendenti sia verso le cittadine/i fruitori dei servizi erogati dall Azienda. Nel mese di luglio è previsto un momento formativo in collaborazione con ARIFL al fine di declinare al meglio le istanze sulle quali focalizzare in termini di priorità il piano di lavoro sul tema della conciliazione, si prevede quindi un coinvolgimento delle organizzazioni sindacali sulle tematiche. Soggetti Gli operatori dell ASL Milano 1 designati dalla direzione strategica e dai comparti sindacali. Si è lavorato sulla realizzazione dei un regolamento interno al Comitato e su un piano di lavoro che possa partire dai bisogni reali di conciliazione del personale. 20

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE FAMIGLIA-LAVORO NEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE Visto: - la L. 10 aprile 1991, n. 125 Azioni positive per

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva

Avviso pubblico Accordi Territoriali di Genere (D.D. n. 81 del 07/08/2013 D.D. n. 79 del 26/02/2013) FASE II Progettazione Esecutiva P.O.R. Campania FSE 007-03 Asse II Obiettivo Operativo: f) Promuovere azioni di supporto, studi, analisi nonché la predisposizione e sperimentazione di modelli che migliorino la condizione femminile nel

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n.

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 5 deliberazione n. del In ottemperanza alla DGR X/1081 del 12/12/2013 e del Decreto n. 2058 dell 11/3/2014, questa ASL pubblica il seguente

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE

7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 7.1 AZIONE DI SISTEMA SCHEDA PAA N. 1 GOVERNANCE SOCIALE 7 IL PROGRAMMA ATTUATIVO ANNUALE 2013 Il Programma Attuativo Annuale declina per l anno 2013 le azioni di sistema e le azioni previste per le aree di intervento. In ogni scheda sono stati delineati il

Dettagli

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita

Milano 16 Dicembre 2014. A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita Milano 16 Dicembre 2014 A cura del Comune di Milano - DC Sport benessere e qualità della vita - Servizio qualità della vita 31 marzo 2014 5 maggio 2014 4 giugno 2014 Sottoscrizione accordo per la valorizzazione

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI ALLA RETE TERRITORIALE DI CONCILIAZIONE DELLA PROVINCIA DI PAVIA All.1 INDICE 1 PREMESSA E FINALITA' DEL BANDO pag.2 2 OBIETTIVI REGIONALI pag.2 3 SOGGETTI CHE POSSONO

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL TESSILE ABBIGLIAMENTO E CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Tessile Abbigliamento e Calzaturiero

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011

RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 RELAZIONE DELLA CONSIGLIERA DI PARITA AL CONSIGLIO PROVINCIALE DEL 21 DICEMBRE 2011 Le Consigliere provinciali di Parità di Cremona avv. Debora Adelaide Mossoni (consigliera effettiva) e avv. Rosaria Italiano

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale

Conciliazione dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Comune di Faenza Comune di Ravenna dei tempi lavorofamiglia nell'organizzazione aziendale Report finale attività formativa Faenza e Ravenna, Febbraio/Marzo 2012 A cura di M. Dalfiume 1 IL PERCORSO Da dove

Dettagli

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017

PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 PIANI DI ZONA PROGRAMMAZIONE SOCIALE 2015 2017 ------- Accordo 16 dicembre 2014 sottoscritto tra Cgil, Cisl, Uil congiuntamente alle Federazioni regionali pensionati Spi, Fnp e Uilp della Lombardia e l

Dettagli

AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro

AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro AGGIORNAMENTI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE, 2013 Conciliazione Vita-Lavoro Sportello Welfare Scheda 1: Sperimenta la Flessibilità, migliora la tua impresa! Scheda 2: Dote Conciliazione Premialità alle Imprese

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato

Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Proposta per un Piano di Azioni Positive nel Gruppo Ferrovie dello Stato Roma 21 giugno 2006 PREMESSA Fin dalla loro costituzione i Comitati per le pari Opportunità del Gruppo Ferrovie dello Stato hanno

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Piano triennale di azioni positive 2013-2015

Piano triennale di azioni positive 2013-2015 COMITATO UNICO DI GARANZIA (D.LGS. 165/01, ART. 57, C. 01) Piano triennale di azioni positive Gennaio CRA via Nazionale, 82 00184 Roma COMITATO UNICO DI GARANZIA @ cug@entecra.it T +39-06-478361 F +39-06-47836320

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio "Informanascita"- linea telefonica

1A - Attività dell Associazione Differenza Maternità. Associazione Differenza Maternità. Ampliamento del servizio Informanascita- linea telefonica 1A - Attività Differenza Maternità 1 Associazione responsabile e collaborazioni. Rete/Partners coinvolti Associazione Differenza Maternità Descrizione intervento / prodotto 2 Denominazione Informamamma:

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste

Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N 1 TRIESTINA Piano di Zona 2013-2015 Ambito 1.2 Trieste Programma attuativo annuale - anno 2015 1 OBIETTIVI Piano di Zona 2013-2015

Dettagli

Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità

Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità Schede obiettivi e azioni elaborate dal tavolo tematico disabili Distretto di Casalecchio di Reno - Piano attuativo 2011 Tavolo disabilità Obiettivi triennali (stabiliti dal Comitato di Distretto congiuntamente

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI

VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI VERBALE DI ACCORDO IN TEMA DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E LAVORO, PARI OPPORTUNITÀ E RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA il 19 aprile 2013, in Roma tra l Associazione Bancaria Italiana e (omissis) Premesso

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI

PIANO PROVINCIALE PER LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SOCIALI Il valore della formazione è assicurato e nutrito dal significato originario dell impegno formativo favorire processi vitali, sostenerli nei momenti di cambiamento, orientare le potenzialità, offrire strumenti

Dettagli

DOTE LAVORO VOUCHER DI CONCILIAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA FAQ RISPOSTE A QUESITI FREQUENTI

DOTE LAVORO VOUCHER DI CONCILIAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA FAQ RISPOSTE A QUESITI FREQUENTI DOTE LAVORO VOUCHER DI CONCILIAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA FAQ RISPOSTE A QUESITI FREQUENTI AGOSTO 2013 INDICE SEZIONE 1 FAQ SULLA DOTE LAVORO VOUCHER DI CONCILIAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA... 3 SITUAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI VERSO L ACCREDITAMENTO DEFINITIVO

PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI VERSO L ACCREDITAMENTO DEFINITIVO SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DIREZIONE GENERALE SANITA E POLITICHE SOCIALI PROGETTO DI AFFIANCAMENTO E ACCOMPAGNAMENTO DEI SERVIZI PER ANZIANI E DISABILI

Dettagli

Protocollo - Punto in Comune

Protocollo - Punto in Comune AVVISO PUBBLICO PER ESPLORAZIONE DI INTERESSE A REALIZZARE SUL TERRITORIO COMUNALE UN POLO FORMAZIONE PER DISABILI SPERIMENTALE. RICHIESTA MANIFESTAZIONE D INTERESSE E SUCCESSIVE OFFERTE TECNICO-GESTIONALI

Dettagli

(Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale

(Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale (Prototipo di) PIATTAFORMA PROGRAMMATICA per lo sviluppo di un nuovo modello di welfare locale La piattaforma che qui si propone è stata elaborata in forma di prototipo proprio perché vuole essere una

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERTOLINI LEDA Indirizzo VIA VESPUCCI, 5 Telefono 02.48694.660 Fax 02/48694.688 E-mail Leda.Bertolini@comune.cesano-boscone.mi.it

Dettagli

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione

Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione Formazione e sviluppo per la Pubblica Amministrazione area C La gestione delle risorse economiche e finanziarie per lo sviluppo sostenibile dell ente locale L Agenzia per la Formazione, l Orientamento

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

, ESERCENTI CAVALESE, RISTORANTE LA STREGONA

, ESERCENTI CAVALESE, RISTORANTE LA STREGONA ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DI FIEMME TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, CONSIGLIERA DI PARITÀ, COMUNE DI CAVALESE, FORUM TRENTINO ASSOCIAZIONI

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia

Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO. 27 maggio 2014 Brescia Officina Secondo Welfare SUGGESTIONI DAL DIBATTITO 27 maggio 2014 Brescia Lo schema di ragionamento 1 I partecipanti dell Officina hanno presentato esperienze ed approcci diversi, a partire dai quali abbiamo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.)

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) e CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO (da ora in avanti C.S.V. ) Protocollo d intesa

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Molte delle buone pratiche messe in atto dalle imprese per migliorare il benessere dei propri

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI

INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI ALLEGATO A INDIRIZZI PER LA MESSA A SISTEMA DELLE PROCEDURE DI VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ACQUISITE IN CONTESTI NON FORMALI E INFORMALI Premessa A valle dell esperienza di sperimentazione

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni

Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni Che cos è Il Comitato Unico di Garanzia, istituito ai sensi dell art.

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Calzaturiero avviene in un momento non facile per l economia

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES);

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES); Obiettivi del progetto e raggiungimento di tali obiettivi Il progetto mirava al raggiungimento di tre obiettivi specifici ma legati da un comune denominatore: 1. La lettura del territorio lombardo facendo

Dettagli

1. Chi presenta il progetto

1. Chi presenta il progetto Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato B pagine 8 deliberazione n. del SCHEMA TECNICO per la presentazione di progetto da parte di Alleanza locale per l attuazione di obiettivi di conciliazione

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020

FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020 1 FONDO SOCIALE EUROPEO Programma Operativo Regionale 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione ASSE B - INCLUSIONE SOCIALE E LOTTA ALLA POVERTA' DGRT 1197/2015 DGRT 6456/2015 BURT

Dettagli

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007

INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PROVINCIA DI BOLOGNA ASSESSORATO SANITA SERVIZI SOCIALI, ASSOCIAZIONISMO, VOLONTARIATO INTERVENTI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONISMO PER L ANNO 2007 PREMESSA UFFICIO TERZO SETTORE Tel. 051/6598609-051/6598276-

Dettagli

PIANO DI ZONA PER GLI INTERVENTI SOCIALI E

PIANO DI ZONA PER GLI INTERVENTI SOCIALI E Città di Sesto San Giovanni Medaglia d Oro al V.M. Città di Cologno Monzese AMBITO DI SESTO SAN GIOVANNI COLOGNO MONZESE PIANO DI ZONA PER GLI INTERVENTI SOCIALI E SOCIO - SANITARI TRIENNIO 2006-2008 INDICE

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli