PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI"

Transcript

1 PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI 1. Generalità I parametri fondamentali di un amplificatore sono il guadagno in tensione (cioè la funzione di trasferimento), che qui indichiamo con il simbolo A(s), l'impedenza d'ingresso Z in (s) e l'impedenza d'uscita Z o (s). Nel caso degli amplificatori, infatti, si considerano generalmente solo questi tre parametri, dei quattro necessari a caratterizzare compiutamente una rete due porte (vedi Parte V), dal momento che assai spesso l'influenza del circuito d'uscita su quello d'ingresso può venire trascurata. E quindi l'impedenza d'ingresso si assume in genere indipendente da quella del carico, l'impedenza d'uscita da quella della sorgente 1. Il modello di un amplificatore ideale si riduce a un generatore controllato ideale: un generatore di tensione controllato in tensione, dato che ci stiamo occupando di amplificatori di tensione. Questo significa assumere che il guadagno sia una costante reale (indipendente dalla frequenza), che l'impedenza d'ingresso sia infinita e che l'impedenza d'uscita sia nulla: tutte condizioni certamente irrealizzabili. Ai fini pratici risulta peraltro spesso soddisfacente, come ottima approssimazione di un amplificatore ideale, cosiderare un amplificatore che abbia guadagno indipendente dalla frequenza nella regione delle frequenze di interesse, impedenza d'ingresso molto più alta di quella delle sorgenti che si prevede di utilizzare e, se non si tratta di un amplificatore di potenza, impedenza d'uscita molto più bassa di quella dei carichi a cui s'intende collegarlo. Dei tre parametri menzionati prima, il più importante è evidentemente l'amplificazione, d altronde essenziale perchè un amplificatore possa venir chiamato tale. In ordine d'importanza (cioè di attenzione) segue poi l'impedenza d'ingresso, anche perchè generalmente risulta più difficile ottenere che essa sia molto maggiore dell'impedenza della sorgente (che può essere costituita da un 1 Queste assunzioni, naturalmente, non sempre sono ben verificate. Esse non sono valide in molti amplificatori a un solo stadio (un esempio immediato è il circuito inseguitore d'emettitore). Ma anche nel caso degli amplificatori a più stadi può essere necessario impiegare cautela. Si pensi all'effetto di una capacità parassita, anche di valore molto piccolo, fra l'ingresso e l'uscita di un amplificatore ad alto guadagno. 1

2 rivelatore o da un trasduttore di caratteristiche particolari) di quanto non sia invece ottenere che l'impedenza d'uscita risulti trascurabile rispetto a quella del carico (che spesso può essere scelto con maggior libertà e che inoltre può venire opportunamente adattato). Si verifica spesso in pratica, sopratutto negli amplificatori dotati di banda passante relativamente estesa, che l'amplificazione possa venire espressa nella forma seguente: (1) A(s) = A o B(s) L(s) decomponendola cioè nel prodotto di una costante reale A o che rappresenta il guadagno (in continua o a centrobanda), e di due funzioni di s espresse in forma normalizzata: B(s), che caratterizza la risposta dell'amplificatore ai tempi brevi (alte frequenze), ed L(s) che ne caratterizza la risposta ai tempi lunghi (basse frequenze). Si noti peraltro che negli amplificatori "in continua", che non presentano tagli a bassa frequenza, si ha L(s)=1. In pratica la decomposizione (1) è significativa soltanto se i poli e gli zeri della A(s) possono venire raggruppati nel piano complesso in due "nuvole" ben separate fra loro: una prossima all'origine e un altra ben distante dalla prima, come mostrato nella figura. Questo discorso corrisponde alla nozione intuitiva di un amplificatore che ha guadagno costante in una estesa regione di frequenza, presentando poi tagli sia alle basse che alle alte frequenze (vedi Esempio a pag. 16 della Parte IV, nel caso in cui si ha 1 >> ). Quanto più distano fra loro le due "nuvole" di singolarità, tanto più la decomposizione (1) è significativa nel senso che la risposta ai tempi brevi è determinata soltanto dalla B(s) (cioè la L(s)

3 ha effetto trascurabile su essa) mentre la risposta ai tempi lunghi è determinata soltanto dalla L(s) (cioè la B(s) ha effetto trascurabile su essa). RISPOSTA AI TEMPI BREVI. Calcolo dei tempi caratteristici Come si è detto, la risposta ai tempi brevi (ad alta frequenza) di un amplificatore è determinata essenzialmente dalla funzione B(s). Da essa si ricavano la risposta impulsiva e la risposta indiciale corrispondenti: b(t)=l -1 [B(s)] ; b u (t)=l -1 [B(s)/s] Ma per caratterizzare la risposta ai tempi brevi di un amplificatore è spesso sufficiente calcolarne il tempo di salita e il ritardo, in alternativa alla determinazione degli andamenti dettagliati delle risposte nel dominio del tempo, che richiedono calcoli di antitrasformazione. Vogliamo ricavare pertanto delle relazioni generali, sebbene approssimate, che permettano di calcolare i tempi caratteristici della risposta indiciale quando si conosca la funzione B(s), in alternativa alle valutazioni dei tempi caratteristici empirici presentate nella Parte I. Consideriamo qui il ritardo e il tempo di salita, espressi in forma analitica, che abbiamo introdotto nella Parte I e che richiamiamo qui con riferimento alla risposta impulsiva ai tempi brevi b(t) () 0 tb t dt (3) t b t dt 0 Ricordiamo che queste espressioni sono valide soltanto se la risposta impulsiva è espressa in forma normalizzata, come è certamente vero per la b(t) per come la B(s) è stata definita nella (1), e Ricordiamo che nella Parte I è stata ricavata la seguente relazione esatta fra il tempo di salita empirico t r e la larghezza di banda B (a -3 db) per un sistema del primo ordine: B t r = 0, ,35. Abbiamo anche visto che questa relazione è valida, in prima approssimazione, anche per altri tipi di funzioni di trasferimento, ma con valori del prodotto B t r che sono generalmente compresi fra 0,3 e 0,45. 3

4 se la risposta indiciale b u (t) presenta andamento monotono crescente (almeno approssimativamente). Esprimiamo la B(s) nella seguente forma approssimata s B s st b t dt 0 b t dt s 0 tb t dt t b t dt 0 0 (4) exp ottenuta sviluppando in serie il fattore esponenziale e arrestando lo sviluppo al termine di secondo grado in s. Questa, utilizzando le espressioni () e (3), assume la forma: (5) Bs s 1s Consideriamo ora la B(s), espressa come rapporto di polinomi in s, approssimandola arrestandoci ai termini di secondo grado in s (6) Bs 1 s s 1 s s s s 1 s s Da questa, usando l'ulteriore approssimazione 1/(1+) 1 - +, si ottiene la seguente espressione approssimata di B(s): (7) B(s) 1+( 1-1 )s +( )s Le relazioni desiderate fra i tempi caratteristici e i coefficienti della B(s) si ottengono infine uguagliando le due espressioni (5) e (7): (8) 1 1 (9) 1 1 Si nota che queste relazioni vanno utilizzate con cautela, dato che sono state ottenute attraverso varie approssimazioni. 4

5 Esempio 1. Funzione passabasso del primo ordine. Essendo B(s) = 1/(1+s), i coefficienti valgono: 1 = 0 ; = 0 ; 1 = τ ; = 0 Si ha pertanto: = ; = Esempio. Funzione passabasso del secondo ordine, con poli reali. Qui abbiamo B s s1 s 1 s s e i coefficienti valgono 1 = 0 ; = 0 ; 1 = 1 + ; = 1 Si ha pertanto: = ; = Confrontando i risultati dei due Esempi si osserva subito che i ritardi si compongono linearmente, mentre i tempi di salita si compongono quadraticamente. Esempio 3. Impedenza di un circuito RC, con induttore L in serie al resistore per allargare la banda. 1 s 1 s s Ponendo = L/R²C, abbiamo la funzione normalizzata e i coefficienti valgono 1 = ; = 0 ; 1 = ; = Si ha pertanto: = (1-) ; = [(1--²)] ½ Qui, al crescere di, entrambi i parametri e vengono ad assumere valori negativi, cosa evidentemente assurda. Il fatto è che in questo circuito al crescere di, cioè dell'induttanza L, la risposta indiciale diviene oscillante e allora le definizioni () e (3) non sono più applicabili 3 (il limite si ha per = 0.5). B s 3 Precisiamo ancora che il calcolo presentato nell Esempio 3 è comunque approssimato. L analisi esatta va svolta antitrasformando la funzione B(s)/s e studiando i parametri caratteristici (tempo di salita, ritardo e sovraelongazione) della risposta indiciale nel dominio del tempo al variare del parametro. 5

6 Esempio 4. Funzione con un polo e uno zero reali. Consideriamo la funzione B s 1 s 1 s con < 1, per cui i coefficienti valgono: 1 = ; = 0 ; 1 = ; = 0 Si ha pertanto: = (1-) ; = [(1-)] ½ I tempi caratteristici diminuiscono all'aumentare di, fino ad annullarsi per = 1, cioè quando lo zero cancella il polo e B(s) = 1. Esempio 5. Funzione passabasso del secondo ordine, espressa nella forma standard dei sistemi risonanti. Consideriamo la funzione (diversa da quella dell Esempio perchè per Q > 0,5 i poli sono 1 s Q s Q complessi): Bs 1 o o I coefficienti valgono 1 = 0 ; = 0 ; 1 = 1/ o Q ; = 1/ o ² Si ha pertanto: = 1/ o Q ; = [(1/Q²-)] ½ / o I tempi caratteristici diminuiscono all'aumentare di Q, ma, come nell'esempio 3, non ha senso calcolarli oltre un certo limite, che è fissato dal massimo valore di Q oltre il quale la risposta indiciale diviene oscillante. Esercizio 1. Ricavare le espressioni della risposta impulsiva e della risposta indiciale del sistema considerato nell Esempio 4. Calcolare il ritardo per = 1 s e per i seguenti valori di : 0, 0.1, 0., 0.5, a) utilizzando la relazione esatta (); b) utilizzando la relazione approssimata (8). Ripetere i calcoli precedenti utilizzando la definizione empirica del ritardo t d (50% del valore finale della risposta indiciale), supponendo che questa grandezza dipenda da allo stesso modo di. Presentare i risultati in una tabella. Esercizio. Spiegare per quale motivo nell Esempio 4 non ha senso considerare il caso 6

7 3. Amplificatori a larga banda Uno stadio amplificatore di tensione è costituito fondamentalmente da un dispositivo attivo e da un carico. Molti dispositivi attivi (ma i transistori bipolari solo in prima approssimazione) sono riconducibili in modo significativo al modello (per piccoli segnali) rappresentato da un generatore ideale di corrente, controllato dalla tensione d'ingresso, mentre il carico (al quale generalmente contribuisce anche l'impedenza d'ingresso dello stadio successivo) è costituito da una opportuna impedenza Z, in parallelo alla quale vi è però sempre una capacità C (capacità d'uscita del dispositivo, capacità parassite, ecc.). Se il carico è resistivo (Z = R) si ha evidentemente l amplificazione A 0 = g m R, dove g m è la transconduttanza del dispositivo attivo, mentre la costante di tempo = RC determina la velocità di risposta e la banda passante (B = 1/). Si conclude che il prodotto banda-guadagno (10) A 0 B = g m /C è indipendente dalla resistenza R e dipende soltanto dal rapporto fra la transconduttanza g m e la capacità C. Il rapporto g m /C costituisce dunque una figura di merito assai significativa per le prestazioni di uno stadio amplificatore (o di un dispositivo). Idealmente, al fine di massimizzare la velocità di risposta, l'impedenza indiciale del carico dovrebbe assumere valore infinito ai tempi brevi, in modo che la corrente fornita dal generatore possa caricare la capacità C più rapidamente possibile, per assumere poi un valore finito costante allo scopo di definire il guadagno. Questa condizione è ben approssimata usando un'impedenza di carico costituita da un resistore con un induttore in serie. Disponendo più elementi amplificatori in parallelo, la situazione non si modifica se il contributo dominante alla capacità C è costituito dalla capacità d'uscita (incluse le capacità parassite) di ciascun elemento: la figura di merito g m /C resta infatti invariata dal momento che sia la transconduttanza che la capacità aumentano dello stesso fattore. La disposizione di più elementi amplificatori in parallelo risulta invece chiaramente vantaggiosa quando la capacità C è rappresentata da un carico fisso, dominante rispetto alle capacità d uscita degli elementi. 7

8 Una soluzione assai efficace 4 per migliorare il prodotto banda-guadagno rispetto all ímpiego di un singolo amplificatore è costituita dagli amplificatori distribuiti. Questo tipo di circuiti impiega più dispositivi amplificatori che sono "in parallelo" dal punto di vista del guadagno, ma le cui capacità vengono separate inserendole in linee di trasmissione a elementi concentrati, secondo lo schema di principio illustrato nella figura qui sotto (le capacità C 1 e C conglobano le capacità, rispettivamente d ingresso e d uscita, dei transistori). Le due linee, quella alimentata dal segnale d'ingresso e quella dove si raccoglie il segnale d'uscita, sono entrambe adattate, allo scopo di evitare riflessioni, e sono realizzate con uguale ritardo per cella, in modo che su entrambe i segnali si propaghino in fase. Se l'ingresso, in particolare, è un gradino di tensione, il fronte d'onda del segnale amplificato dal primo transistore raggiungerà l'uscita del secondo allo stesso istante in cui il fronte d'onda amplificato da quest'ultimo verrà ad eccitare la linea d'uscita, e così via. Se il segnale d'ingresso è V 1, a ciascuna delle basi viene applicato V 1 / trattandosi di una linea adattata. Se la transconduttanza di ciascun transistore è g m, ciascun collettore contribuirà all'uscita con una corrente di intensità g m V 1 /, che nella linea d'uscita si suddividerà in parti uguali fra le due onde che viaggiano verso le resistenze di terminazione. Di conseguenza la corrente totale fornita al carico dagli n transistori sarà ng m V 1 /4. Si conclude che l'amplificazione statica totale, dalla sorgente al carico, è (11) A o = -ng m R o /4 4. Composizione dei tempi caratteristici Studiamo ora come si compongono i tempi caratteristici di più stadi amplificatori collegati in cascata, esaminando il caso di due stadi con funzioni di trasferimento ai tempi brevi B 1 (s) e B (s); i risultati saranno immediatamente generalizzabili al caso di un numero arbitrario di stadi in cascata. Scriviamo il prodotto B(s) = B 1 (s)b (s) esprimendo le due funzioni nella forma approssimata (5): (1) s 1 s B s 1 s1 1 1 s 4 T.T.W. Wong, Fundamentals of Distributed Amplification, Artech House,

9 Sviluppando il prodotto e trascurando i termini in s di grado superiore al secondo si ottiene s 1 1 (13) Bs 1 s 1 da cui si deduce che = 1 + e = 1 +. Nel caso di n stadi in cascata si ha pertanto: (14) = i ; = i Si conclude che i ritardi di più stadi in cascata si compongono linearmente, mentre i tempi di salita si compongono quadraticamente (sempre per risposte indiciali non oscillanti). Questo stesso risultato vale anche per i tempi caratteristici definiti empiricamente, cioè per il ritardo t d al 50% e il tempo di salita t r fra il 10% e il 90% del valore finale della risposta indiciale. Esercizio. Calcolare il tempo di salita di un impulso con tempo di salita di 10 ns, amplificato da un circuito con tempo di salita di 50 ns, quale viene osservato a un oscilloscopio il cui amplificatore ha, con buona approssimazione, funzione di trasferimento del primo ordine, con larghezza di banda B = 100 MHz. 5. La larghezza di banda Consideriamo ora la risposta in regime sinusoidale permanente di un amplificatore per cui la decomposizione (1) sia significativa. In tal caso la risposta nella regione delle alte frequenze si ottiene sostituendo s con j nella funzione B(s). La larghezza di banda B, o frequenza di taglio superiore, come già abbiamo visto nella Parte I, è definita come la frequenza a cui il modulo della funzione si riduce a 1/ = 0, (-3 db). Nel caso particolare in cui la B(s) possiede un solo polo con costante di tempo, sappiamo già che B = 1/. Nel caso generale la larghezza di banda B, che qui indicheremo con F per evitare ambiguità di simboli, si ricava risolvendo l'equazione (15) B(jF) = 1/ Quando la funzione B(s) risulta dal prodotto di più funzioni, di ciascuna delle quali è nota la larghezza di banda F i, il calcolo della larghezza di banda F in funzione delle F i non è affatto immediato. Per questo ci limitiamo a considerare il caso in cui la B(s) abbia soltanto poli reali, cioè sia costituita dal prodotto di n funzioni, ciascuna con una sola costante di tempo e caratterizzata dunque dalla banda F i = 1/ i. In tal caso si ha B(s) = 1/(1+ i s) e dalla (15) si ottiene: 9

10 i1 i i1 i n n (16) F F F 1 1 Nel caso particolare in cui tutte le F i sono uguali fra loro, cioè i poli della B(s) sono tutti coincidenti, si ha (17) [1 + (F/F i )²] n = e si ricava allora (18) F = F i ( 1/n - 1) ½ Se le funzioni B i non sono uguali, ma hanno tutte larghezza di banda molto maggiore di F, allora si può sviluppare la (16) nella forma seguente n n (19) F F F F i i i1 i da cui si ricava infine l'espressione approssimata: 1/ n F 1 Fi (0) i1 RISPOSTA AI TEMPI LUNGHI 6. La pendenza iniziale della risposta indiciale La risposta di un amplificatore ai tempi lunghi (alle basse frequenze) è determinata dai tagli a bassa frequenza introdotti dalle capacità di disaccoppiamento che separano i vari stadi o dalla presenza di trasformatori. Se L(s) è la funzione di trasferimento normalizzata che, in base alla decomposizione (1), caratterizza la risposta ai tempi lunghi, la corrispondente risposta indiciale l u (t) = L -1 [L(s)/s] presenta valore unitario per t = 0 e si annulla per t che tende all'infinito. L esempio più semplice è quello del circuito CR passaalto, per cui si ha L(s) = s/(1+s) con risposta indiciale l u (t) = exp(-t/) u(t). 10

11 La risposta ai tempi lunghi viene spesso caratterizzata globalmente considerando come parametro la pendenza iniziale della risposta indiciale normalizzata: (1) dlu dt t t0 Applicando questa definizione al caso del circuito CR considerato prima si ha: = -1/. Si può interpretare dunque come il negativo del reciproco della costante di tempo equivalente dominante alle basse frequenze. Dal valore di questo parametro dipende la forma della risposta agli impulsi, come mostra la figura a fianco, che rappresenta la risposta di un circuito CR a un gradino unitario e a un impulso unitario di durata fissa T per valori decrescenti di. Si nota in particolare che alla risposta a un impulso è sempre associata una "coda", la cui presenza può falsare la misura dell'ampiezza dell'impulso seguente (ciò che non si verifica negli amplificatori in continua). Esercizio. Calcolare l'ampiezza V' che viene misurata osservando il secondo impulso mostrato nella figura. I valori dei parametri sono: V = 1 volt, T = 1 µs, T' = 0.7 µs, = s. Quando, come accade di frequente negli amplificatori, alla funzione L(s) sono associate più costanti di tempo (per esempio quando essa possiede più zeri all'origine e altrettanti poli reali) può darsi che la corrispondente risposta indiciale non decada monotonicamente a zero, presentando dunque delle oscillazioni. Ciò si verifica in particolare quando vi sono più costanti di tempo uguali 11

12 o poco diverse fra loro. Pertanto quando si desidera un decadimento monotono della l u (t) conviene fare in modo che una delle costanti di tempo sia dominante, cioè assai più breve di tutte le altre. Esercizio. Calcolare e graficare la risposta indiciale per le funzioni L(s) = (s/(1+s))², L'(s) = (s/(1+s)) 3. Tutti questi fenomeni che, come si è detto, conducono a errori anche rilevanti nella misura dell'ampiezza degli impulsi, possono essere eliminati alla radice ricorrendo ad amplificatori in continua, oppure ridotti grandemente utilizzando circuiti nonlineari, generalmente impieganti diodi. Dopo un circuito di accoppiamento CR, per esempio, si può collegare un diodo verso massa in modo da evitare che la tensione d uscita presenti escursioni negative (o positive, a seconda del verso con cui viene disposto) apprezzabili. 7. Composizione delle pendenze iniziali Disponendo più stadi in cascata, ciascuno con risposta indiciale con pendenza iniziale i, la pendenza iniziale della risposta complessiva risulta pari alla somma delle pendenze iniziali dei singoli stadi: () = i Questo risultato si dimostra immediatamente nel caso di due blocchi in cascata con pendenze iniziali 1 = -1/ 1 e = -1/. Se la funzione complessiva è L(s)= 1 s²/(1+ 1 s)(1+ s), la risposta indiciale è l u (t) = u(t)[ exp(-t/ 1 )- 1 exp(-t/ )]/( - 1 ). Derivando rispetto al tempo e ponendo t = 0, si ottiene infatti = -(1/ 1 +1/ ) = 1 +. Il risultato espresso dalla () può essere interpretato come segue: un sistema che possiede una molteplicità di costanti di tempo a bassa frequenza è equivalente, per quanto riguarda la pendenza iniziale della risposta indiciale, a un sistema con una sola costante di tempo, il cui inverso è pari alla somma degli inversi di tutte le costanti di tempo del sistema considerato. 1

13 CENNI SUGLI AMPLIFICATORI PER GRANDI SEGNALI 8. Generalità sugli amplificatori per grandi segnali Consideriamo ora brevemente gli amplificatori per grandi segnali, dove le ampiezze dei segnali in gioco - tensioni negli amplificatori di tensione, tensioni e correnti negli amplificatori di potenza - sono tali che i modelli linearizzati per piccoli segnali non sono più applicabili o comunque richiedono estrema cautela. In questi circuiti l'attenzione è rivolto sopratutto a ottenere determinate prestazioni (escursione di tensione sul carico, potenza fornita al carico, efficienza energetica, ecc.), senza superare i limiti di tensione, corrente, potenza e temperatura oltre i quali i dispositivi si danneggiano, e assicurando, per quanto possibile, una buona linearità alla relazione ingresso-uscita. A questo riguardo sottolineiamo subito una importante proprietà dei transistori bipolari, della quale si deve tener conto: la relazione fra corrente di collettore e corrente di base presenta un assai maggior grado di linearità (il guadagno h fe dipende relativamente poco dalla corrente al variare di questa su un intervallo relativamente esteso) della relazione fra corrente di collettore e tensione base-emettitore (dove entra in gioco la caratteristica esponenziale d'ingresso). Ricordiamo anche che nei transistori FET di potenza si ha invece buona linearità nella relazione fra la corrente di drain e la tensione fra porta e source (in questo caso è la transconduttanza che dipende relativamente poco dalla corrente d'uscita). Facendo riferimento proprio ai transistori bipolari - per fissare le idee, ma le considerazioni che seguono sono del tutto generali - a una tensione d'ingresso sinusoidale v b (t) = V b cos(t) corrisponderà la tensione d'uscita: (3) v c (t) = V c1 cos(t) + V c cos(t) + V c3 cos(3t) +... dove il primo termine rappresenta l'armonica fondamentale e i successivi le armoniche superiori, generalmente indesiderate. Si definisce distorsione totale (total harmonic distortion, THD) la grandezza normalizzata, espressa di solito in percentuale (4) D V V c c3 V c1... Per un dato circuito, l'entità della distorsione dipende sia dal punto di lavoro prescelto che dall'ampiezza dei segnali. Essa aumenta, in genere più che proporzionalmente, al crescere 13

14 dell'ampiezza dei segnali, ed assume valori particolarmente elevati quando il dispositivo viene portato in condizioni di saturazione o d'interdizione (cioè la nonlinearità diventa violenta). Negli amplificatori di potenza la grandezza essenziale è la potenza P L fornita al carico, generalmente specificata in regime sinusoidale per un dato valore di distorsione (per esempio, 10 W con distorsione dell'1%, 0 W con distorsione del 5%). Ma ha grande importanza anche il rendimento, cioè il rapporto (5) = P L / P al fra la potenza P L fornita al carico e quella (P al ) erogata in continua dall'alimentatore. Anche perché dal rendimento dipende la potenza dissipata nei dispositivi amplificatori, che li riscalda innalzandone la temperatura. Sono i limiti per quest'ultima grandezza, infatti, che spesso determinano un limite pratico alla potenza massima che può essere fornita al carico. Poichè d'altra parte la potenza erogata dall'alimentatore è pari alla somma della potenza fornita al carico e di tutte le dissipazioni nel circuito (incluse quelle nei dispositivi, che generalmente sono dominanti) si comprende come il rendimento rappresenti una importante figura di merito di un amplificatore di potenza. Soprattutto in una sana ottica di sobrietà energetica. 9. Classi di funzionamento Negli amplificatori di potenza si distinguono varie classi di funzionamento a seconda della frazione di periodo, con riferimento a segnali sinusoidali, durante la quale i dispositivi si trovano in conduzione. Negli amplificatori in classe A i dispositivi si trovano in conduzione, in una regione di funzionamento almeno approssimativamente lineare, durante tutto il periodo. Di conseguenza la linearità è relativamente buona (e può venire migliorata ulteriormente utilizzando lo schema a controfase, di cui ci occuperemo fra breve, che riduce nel carico l'effetto delle distorsioni di ordine pari). La figura mostra che la potenza massima (prodotto dei valori efficaci della tensione e della 14

15 corrente del segnale) che può essere fornita al carico (6) P L = (V max - V min )(I max - I min )/8 è determinata dall'estensione della zona approssimativamente lineare delle curve caratteristiche attorno al punto di lavoro, mentre la potenza media erogata dall'alimentatore è P al = V CC I C, dove I C è la corrente di polarizzazione nel punto di lavoro prescelto, cioè è costante. Il rendimento dipende dunque dall'ampiezza del segnale. In prima approssimazione, cioè supponendo lineare tutta la caratteristica d'uscita del transistore, si trova che la potenza massima fornita al carico è un quarto di quella assorbita dall'alimentatore e quindi il rendimento limite è = 5%, come si ottiene ponendo nella (6) V max = V CC, V min = 0, I max = V CC /R L, I C = I max /, I min = 0. In pratica il carico può venire collegato al dispositivo amplificatore anche in altri modi, cioè mediante accoppiamento induttivo oppure a trasformatore, come è mostrato negli schemi a fianco. In questi circuiti occorre distinguere fra la retta di carico in continua, la cui pendenza è determinata dalla resistenza (generalmente assai modesta) dell'induttore o del primario del trasformatore, e la retta di carico in alternata. Quest'ultima passa attraverso il punto di polarizzazione a riposo del collettore (V C V CC, I C, trascurando la caduta ohmica sull'induttore o sul trasformatore) con pendenza determinata dalla resistenza del carico (attraverso il rapporto di trasformazione, nel caso di accoppiamento a trasformatore). In presenza di segnale la tensione di collettore, in questi circuiti, varia attorno a V C V CC con una escursione massima totale approssimativamente doppia rispetto al caso del circuito con carico resistivo visto prima. Il rendimento limite corrispondente al caso di linearizzazione totale è dunque = 50% (ciò si ottiene ponendo nella (6) V max = V CC, V min = 0, I max = I C, I min = 0, e considerando che P al = V CC I C ). Negli amplificatori in classe B i dispositivi si trovano in conduzione soltanto durante metà del periodo, e sono dunque polarizzati all'estremo della caratteristica, con corrente di riposo trascurabile. In questi amplificatori si usa il circuito detto a controfase, che comprende due dispositivi di polarità opposta (per esempio un transistore NPN e uno PNP), all'ingresso dei quali è applicato il medesimo segnale, ma disposti in modo che nel carico fluisca la differenza fra le loro correnti d'uscita. Come è mostrato nella figura a pagina seguente. 15

16 In questi circuiti, a differenza di quelli in classe A, la potenza erogata dall'alimentatore varia con l'ampiezza del segnale. In prima approssimazione, la corrente dell'alimentatore è il valor medio di una sinusoide rettificata. Pertanto, nell'approssimazione di linearizzazione totale della caratteristica per un segnale di massima ampiezza, la potenza erogata dall'alimentatore è P al = V CC ²/R L, mentre la potenza fornita al carico è P L = V CC ²/R L ; il rendimento limite è dunque = /4 = 78.5%, assai maggiore che in classe A. E quindi la potenza dissipata nei dispositivi, a parità di potenza d'uscita, è assai minore che in classe A. La distorsione, d'altra parte, può essere rilevante, dal momento che i dispositivi, interdetti a riposo, vengono portati in conduzione dal segnale e si muovono dunque, sopratutto quando questo ha piccola ampiezza, in una regione fortemente nonlineare della caratteristica (distorsione di crossover). Si dimostra poi che se i due dispositivi usati nello schema a controfase hanno caratteristiche molto simili, le armoniche di ordine pari generate da ciascuno di essi si cancellano fra loro nel segnale d'uscita. Negli amplificatori in classe AB i dispositivi si trovano in conduzione durante una frazione di periodo fra e. Questo consente di ridurre la distorsione rispetto alla classe B, ottenendo nel contempo un rendimento maggiore che in classe A, sebbene inferiore alla classe B. Anche negli amplificatori in classe AB si adottano schemi a controfase. Lo schema di principio è anzi lo stesso mostrato a proposito degli amplificatori in classe B. La differenza sta nella diversa polarizzazione dei transistori in condizioni di riposo, che ora sono accesi mentre in classe B erano al limite dell'interdizione. Negli amplificatori in classe C, infine, i dispositivi si trovano in conduzione solo durante meno della metà del periodo. In condizioni di riposo essi sono dunque più o meno fortemente interdetti (la tensione V BB è nulla o negativa per il transistore NPN in figura) e si accendono solo quando il segnale d ingresso assume ampiezza sufficiente. Il comportamento è dunque violentemente nonlineare, come mostra la forma d'onda della corrente di collettore nella figura. Ma siccome il carico è costituito da un circuito accordato alla frequenza del segnale, le 16

17 armoniche della corrente danno un contributo trascurabile alla tensione d'uscita (perchè l'impedenza che il carico presenta per le armoniche è assai minore di quella presentata alla fondamentale, a cui è accordato). Resta il fatto che l'ampiezza della sinusoide d'uscita non è proporzionale all'ampiezza di quella d'ingresso. Gli amplificatori in classe C sono dunque utilizzabili per amplificare sinusoidi di ampiezza costante: per esempio un'onda portante in un sistema a radiofrequenza, ma non un segnale modulato in ampiezza. Il vantaggio della classe C riguarda il rendimento, generalmente assai elevato, ancora maggiore che in classe B. Il motivo può essere compreso in termini qualitativi considerando la dissipazione nel transistore dello schema in figura: quando la tensione d'uscita è elevata, il dispositivo è interdetto e dunque non dissipa; quando il dispositivo conduce corrente, invece, la tensione d'uscita, cioè la tensione di collettore, assume i valori più bassi. Di conseguenza il prodotto v CE i C, che è quello che conta, è sempre o nullo o relativamente basso. L'esigenza di migliorare il rendimento degli amplificatori di potenza, che assume particolare rilievo negli apparati di grande e grandissima potenza, ha condotto a introdurre altre classi di funzionamento oltre a quelle tradizionali di cui si è fatto cenno finora, rivolgendo l'attenzione proprio a minimizzare la caduta di tensione sui dispositivi quando questi si trovano in conduzione. Un esempio interessante sono gli amplificatori in classe D, in cui questo concetto viene spinto all'estremo facendo lavorare i dispositivi come interruttori. Così si ha dissipazione di potenza solo quando i dispositivi sono accesi, ma essa è comunque molto bassa, essendo data dal prodotto di una corrente anche molto elevata per una tensione molto bassa, la tensione di saturazione V CEsat. In questi amplificatori, che hanno rendimenti assai elevati, prossimi all'unità, occorre però un apposito circuito (modulatore d'impulsi) che provveda a convertire il segnale analogico d'ingresso nel segnale impulsivo che comanda gli interruttori che ne costituiscono lo stadio finale di potenza. E occorre anche un circuito di filtraggio, simbolizzato dall'induttore L nello schema in figura, che riconverta in forma analogica gli impulsi di corrente generati dagli interruttori. Notiamo infine che amplificatori in classe D sono oggi disponibili in forma integrata e che questa tecnologia di recente si è molto affermata in campo audio. Segnale di comando e schema semplificato di un amplificatore in classe D 17

PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI

PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI PARTE VII AMPLIFICATORI LINEARI 1. Generalità I parametri fondamentali di un amplificatore sono il guadagno in tensione (cioè la funzione di trasferimento), che qui indichiamo con il simbolo A(s), l'impedenza

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Stadio di uscita o finale

Stadio di uscita o finale Stadio di uscita o finale È l'ultimo stadio di una cascata di stadi amplificatori e costituisce l'interfaccia con il carico quindi è generalmente un buffer con funzione di adattamento di impedenza. Considerato

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

Amplificatori di potenza

Amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Gli amplificatori di potenza sono quegli amplificatori che trasferiscono al carico una potenza rilevante; orientativamente da alcuni decimi di Watt in su. Di solito essi sono costituiti

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Amplificatori in classe B

Amplificatori in classe B Amplificatori in classe B Lo schema semplificato di un amplificatore in classe B è mostrato in figura. Si tratta di una classica configurazione push-pull a simmetria complementare, nella quale i due componenti

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

oil /~ O-~---~---- VV " / :na 10.2 GLI AMPLIFICA TORI PUSH-PULL IN CLASSE B o~ 6 CHECK-UP DEL PARAGRAFO 10.1

oil /~ O-~---~---- VV  / :na 10.2 GLI AMPLIFICA TORI PUSH-PULL IN CLASSE B o~ 6 CHECK-UP DEL PARAGRAFO 10.1 :na GU Ac\1PLIF1CATORIDI POTENZA 2.C FOR A=l TO N 220 TRC=RC*RL(A)/(RCRL(A» 230 P=.5*ICQA2*TRC 240 EFF=P/(VCC*ICQ) 250 IF EFF).25 THEN PRINT "L'AMPLIFICATORENON STA FUNZIONANDOIN CLASSE A" ELSE PRINT RL(A),

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

AMPLIFICATORI DI POTENZA

AMPLIFICATORI DI POTENZA AMPLIFICATORI DI POTENZA I segnali applicati ad utilizzatori, quali servo-motori e impianti audio, sono associati generalmente ad elevati livelli di potenza; questo significa alti valori di corrente oltre

Dettagli

Sistema dinamico a tempo continuo

Sistema dinamico a tempo continuo Sistema dinamico a tempo continuo Un sistema è un modello matematico di un fenomeno fisico: esso comprende le cause e gli effetti relativi al fenomeno, nonché la relazione matematica che li lega. X INGRESSO

Dettagli

PLL (anello ad aggancio di fase)

PLL (anello ad aggancio di fase) PLL (anello ad aggancio di fase) Il PLL ( Phase Locked Loop, anello ad aggancio di fase) è un circuito integrato a reazione negativa. E un componente molto versatile e può essere usato come: demodulatore

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

Circuiti amplificatori

Circuiti amplificatori Circuiti amplificatori G. Traversi Strumentazione e Misure Elettroniche Corso Integrato di Elettrotecnica e Strumentazione e Misure Elettroniche 1 Amplificatori 2 Amplificatori Se A V è negativo, l amplificatore

Dettagli

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db

2 Qual è il guadagno totale di due stadi amplificatori da 6 db e da 3 db : A 4,5 db B 9 db C 6 db 3.- CIRCUITI 3.1.- Combinazione dei componenti: Circuiti in serie e in parallelo di resistori, bobine, condensatori, trasformatori e diodi - Corrente e tensione nei circuiti Impedenza. 3.2.- Filtri: Filtri

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente

Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Amplificatori Differenziali e specchi di corrente Direttive di esecuzione dell esperienza: 1) Riportare sul quaderno tutto il presente contenuto; 2) Ricercare su datasheet il valore di h fe, Ic MAX,e la

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

Azionamenti elettronici PWM

Azionamenti elettronici PWM Capitolo 5 Azionamenti elettronici PWM 5.1 Azionamenti elettronici di potenza I motori in corrente continua vengono tipicamente utilizzati per imporre al carico dei cicli di lavoro, nei quali può essere

Dettagli

Raccolta di esercizi di elettronica

Raccolta di esercizi di elettronica Raccolta di esercizi di elettronica Esercitazione 1 1) Rappresentare analiticamente il segnale costituito da un impulso trapezoidale con fronte di salita di 1 s e fronte di discesa di 4 s, che mantiene

Dettagli

Esercitazione n 5: Stadi di uscita

Esercitazione n 5: Stadi di uscita Esercitazione n 5: Stadi di uscita 1) Per il circuito in Fig. 1 sostituire il generatore di corrente con uno specchio di corrente. Dimensionare quest'ultimo in modo tale da ottenere la massima dinamica

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2

Funzioni di trasferimento. Lezione 14 2 Lezione 14 1 Funzioni di trasferimento Lezione 14 2 Introduzione Lezione 14 3 Cosa c è nell Unità 4 In questa sezione si affronteranno: Introduzione Uso dei decibel e delle scale logaritmiche Diagrammi

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVRSITÀ DGLI STUDI DI ROMA TOR VRGATA FAOLTÀ DI SINZ MATMATIH FISIH NATURALI orso di laurea in FISIA - orso di laurea in SINZ DI MATRIALI LAORATORIO 3: omplementi di teoria alle esperienze Modelli semplificati

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011

PROVA SCRITTA DI ELETTRONICA Prof. Luca Salvini 4Ae Nome 22/10/2011 4Ae 22/10/2011 Saper rappresentare un segnale periodico nel dominio del tempo e della frequenza 1. Disegna, all'interno dei riquadri sottostanti, il grafico dei segnali indicati nel dominio del tempo (a

Dettagli

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito

Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale. 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito Energia e potenza nei circuiti monofase in regime sinusoidale 1. Analisi degli scambi di energia nel circuito I fenomeni energetici connessi al passaggio della corrente in un circuito, possono essere distinti

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2)

Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) Esercitazione n 1: Circuiti di polarizzazione (1/2) 1) Per il circuito in Fig. 1 determinare il valore delle resistenze R B ed R C affinché: = 3 ma - V CE = 7 V. Siano noti: = 15 V; β = 120; V BE = 0,7

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi.

Le reti elettriche possono contenere i componenti R, C, L collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. e reti elettriche in alternata (- ; - ; --) e reti elettriche possono contenere i componenti,, collegati fra di loro in modo qualsiasi ed in quantità qualsiasi. l loro studio in alternata parte dall analisi

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro

Consumo di Potenza nell inverter CMOS. Courtesy of Massimo Barbaro Consumo di Potenza nell inverter CMOS Potenza dissipata Le componenti del consumo di potenza sono 3: Potenza statica: è quella dissipata quando l inverter ha ingresso costante, in condizioni di stabilità

Dettagli

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale

Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale PREMESSA Circuito di pilotaggio ON OFF con operazionale A cura del Prof. Marco Chirizzi www.marcochirizzi.it Si supponga di dovere progettare un circuito di pilotaggio ON OFF in grado di mantenere un fluido

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici

Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Alcune applicazioni delle equazioni differenziali ordinarie alla teoria dei circuiti elettrici Attilio Piana, Andrea Ziggioto 1 egime variabile in un circuito elettrico. Circuito C. 1.1 Carica del condensatore

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

"Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione" Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero.

Convertitore CC/CA per sistemi fotovoltaici connessi alla rete: progetto e realizzazione Ing. Pierangelo Sandri settembre 2007 siepan@libero. Capitolo 6 Collaudo 6.1 Apparecchiature per il collaudo Per poter effettuare tutte le prove necessarie a verificare il corretto funzionamento dell inverter sperimentale si è utilizzata la strumentazione

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE

30 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE 3 RISONANZE SULLE LINEE DI TRASMISSIONE Risuonatori, ovvero circuiti in grado di supportare soluzioni risonanti( soluzioni a regime sinusoidali in assenza di generatori) vengono largamente utilizzati nelle

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Diagrammi di Bode. delle

Diagrammi di Bode. delle .. 3.2 delle Diagrammi di Bode La funzione di risposta armonica F(ω) = G(jω) può essere rappresentata graficamente in tre modi diversi: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols.

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione

a b c Figura 1 Generatori ideali di tensione Generatori di tensione e di corrente 1. La tensione ideale e generatori di corrente Un generatore ideale è quel dispositivo (bipolo) che fornisce una quantità di energia praticamente infinita (generatore

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ]

Fr = 1 / [ ( 2 * π ) * ( L * C ) ] 1.6 I circuiti risonanti I circuiti risonanti, detti anche circuiti accordati o selettivi, sono strutture fondamentali per la progettazione dell elettronica analogica; con essi si realizzano oscillatori,

Dettagli

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda.

Analisi dei segnali. Strumenti per l'analisi dei segnali: Distorsiometro. Analizzatore d'onda. Analizzatore di spettro. Analizzatore d'onda. Analisi dei segnali. Dominio del tempo e della frequenza. Teorema di Fourier e analisi armonica. Spettro di un segnale. Spettro di forme d'onda elementari. Spettro di un impulso. Spettro di segnali non

Dettagli

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino

Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino Richiami: funzione di trasferimento e risposta al gradino 1 Funzione di trasferimento La funzione di trasferimento di un sistema lineare è il rapporto di due polinomi della variabile complessa s. Essa

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

La trasformata Zeta. Marco Marcon

La trasformata Zeta. Marco Marcon La trasformata Zeta Marco Marcon ENS Trasformata zeta E l estensione nel caso discreto della trasformata di Laplace. Applicata all analisi dei sistemi LTI permette di scrivere in modo diretto la relazione

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Introduzione agli stadi di uscita... 2 Classificazione degli stadi di uscita... 4 STADI IN CLASSE A... 5 Introduzione... 5 Stadio inseguitore di

Introduzione agli stadi di uscita... 2 Classificazione degli stadi di uscita... 4 STADI IN CLASSE A... 5 Introduzione... 5 Stadio inseguitore di Appunti di Elettronica Capitolo 1 tadi di uscita ntroduzione agli stadi di uscita... Classificazione degli stadi di uscita... 4 TAD N CAE A... 5 ntroduzione... 5 tadio inseguitore di tensione... 5 Caratteristica

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI

PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI CAPITOLO 5 PROPRIETÀ DEI CIRCUITI DI RESISTORI Nel presente Capitolo, verrà introdotto il concetto di equivalenza tra bipoli statici e verranno enunciati e dimostrati alcuni teoremi (proprietà) generali

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO

LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO LEZIONI DEL CORSO DI SISTEMI DEL QUINTO ANNO MOD. 1 Sistemi di controllo e di regolazione. Si tratta di un ripasso di una parte di argomenti effettuati l anno scorso. Introduzione. Schemi a blocchi di

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli