Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Le filiere agroalimentari e la grande distribuzione in Italia: minaccia o opportunità per i produttori? Luca Rossetto, Samuele Trestini Università degli Studi di Padova XV CONVEGNO ANNUALE SIEA L ECONOMIA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI: EVOLUZIONE E RIORGANIZZAZIONE DEI SISTEMI PRODUZIONE-CONSUMO Bari 7-9 giugno 2007 Argomenti Distribuzione moderna e supply chain Effetto bullwhip Supply chain management Supply chain ortofrutta Metodologia Risultati

2 L EFFETTO BULLWHIP Aumento della variabilità delle vendite Amplificazione degli effetti lungo la supply chain (shock di mercato, deperibilità) Approcci teorici Teoria dei sistemi (Forrester, 1982; Towill, 1982; Sterman, 1989) Scuola operativa (Lee et al., 1997) Cause (Lee et al., 1997) i. Demand signalling (previsioni sulla domanda); ii. Order batching (ordini di volume); iii. Supply shortages (rischio di scarsa disponibilità); iv. Price fluctuations (fluttuazioni dei prezzi) A cui si aggiungono: Ritardi temporali nel flusso delle informazioni (Forrester, 1961) Razionalità limitata nella gestione delle scorte (Sterman, 1989) Numero di nodi lungo la catena. L EFFETTO BULLWHIP (BW) 2 1 dati 3 4 Produttore!"" "$ Distributore # % # Consumi finali

3 Stime e rimedi al BW Approccio Beer distribution game (Paik et al. 2007) Errori di previsione della domanda Nodi lungo la supply chain Rigidità della produzione (offerta) Ordini di volume Ritardi nelle consegne Difficoltà nel flusso di informazioni I rimedi non sono univoci (Lee et al. 2004; Geary et al. 2006) Accesso alle informazioni sulla domanda (es. EDI) e sulle scorte (Vendor Managed Inventory) Accelerare i tempi (Just in Time) Coordinamento delle operazioni (Comakership) Efficienza degli ordinativi (ordini regolari e pieno carico) Evitare promozioni di prezzo (es. Every Day Low Pricing) Eliminare i nodi ridondanti lungo la supply chain Supply Chain Management Supply chain: i) spinte dalla domanda; ii) influenzate dall offerta Supply chain da domanda Tempi di fornitura (lead) Lunghi (aliti) Rapidi (bassi) Efficienza (lean) Kanban Elevata Ibrida (lean/agile) Agilità (rapidità) Bassa Prevedibilità della domanda Fonte: Christopher, 2000

4 Supply chain da domanda Decoupling smistamento o reindirizzamento dell offerta attraverso una modificazione dei tempi e dei luoghi di consegna Supply chain da offerta Supply chain fortemente condizionate da parametri produttivi, organizzativi e/o ambientali senza accurate previsioni sulla domanda (es. ortaggi e frutta poco conservabile, fiori, pesce fresco) (Hull, 2005) RESILIENZA capacità di reindirizzare le vendite verso mercati alternativi Decoupling en route lo smistamento o reindirizzamento dell offerta verso mercati o clienti alternativi avviene nel tragitto da monte a valle Problematiche: Colli di bottiglia che ostacolano il flusso di prodotti o l accesso a potenziali clienti Reverse bullwhip effect (da monte a valle): una domanda inferiore all offerta rischia di tradursi in un calo dei redditi dei produttori

5 Supply chain ortofrutta Componenti a valle (consumi) supply chain da domanda Variabilità consumi (fattori climatici, stagionali, promozionali) Componenti a monte (produzione) supply chain da offerta Deperibilità dei prodotti, stagionalità, ciclicità, dipsersione territtoriale, frammentazione, e disomogeneità delle produzioni Riallineamento valle/monte? Controllo della catena del freddo atomizzazione dei trasporti e trasporto su gomma poche piattaforme attrezzate peso elevato dei canali distributivi lunghi, dispersione e frammentazione dei punti vendita, condivisione delle informazioni limitata o assente Supply chain ortofrutta a monte Mercati all ingrosso rischi di reverse BW Instabilità delle produzioni Comportamenti strategici degli acquirenti

6 Supply chain ortofrutta a monte Metodologia Approccio metodologici Studio del comportamento degli operatori beer game (Sloan Management School, MIT) Modelli di ottimizzazione (programmazione matematica) (Lee et al., 2004; Metters, 1997) Analisi serie storiche (Gilbert, 2005; Gaalman e Disney, 2006) Metodo Analisi dei prezzi mensili (pomodoro a grappolo) Ipotesi: elasticità della supply chain

7 Elasticità e supply chain 1) Supply chain poco flessibili nei volumi Quantitative Sensitive (QS) rischi BW elevati ; 2) Supply chain flessibili nella domanda ma con offerta rigida Limited Response (LR) rischio di non assorbire la produzione in caso di elevata sostituibilità; 3) Supply chain flessibili nella domanda e nell offerta Price Response (PR) rischio di BW a seguito di promozioni sui prezzi; Dati e procedura di stima Individuare e misurare gli effetti del BW lungo la supply chain Prodotto: pomodoro rosso a grappolo Supply chain lunga o tradizionale. Prezzi: serie mensile prezzi rilevati sui mercati all origine, ingrosso e al consumo, Periodo: Procedura di stima: Destagionalizzazione delle serie dei prezzi (TRAMO-SEATS) Determinazione della volatilità su base mensile Analisi delle componenti della variazione relativa nei prezzi ingrosso-consumo e ingrosso-origine

8 Risultati: destagionalizzazione Evoluzione volatilità mensile nel ,0 30,0 25,0 Volatilità (in %) 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 gen-04 mar-04 mag-04 lug-04 set-04 nov-04 gen-05 mar-05 mag-05 lug-05 set-05 nov-05 gen-06 origine ingrosso consumo mar-06 mag-06 lug-06 set-06 nov-06 Risultati: verifica e modello Modelli interprativi e analisi dei residui Coeff. Test-t Test sui residui valore Sign.(95%) ARIMA (0,1,1)(1,0,0) 12 Serie: origine-ingrosso MA non stagionale -0,964-32,92 Ljung-Box 23,01 [0-33,9] AR stagionale 0,232 2,00 Box-Pierce 4,29 [0-5,99] ARIMA (0,0,0)(1,0,1) 12 Serie: ingrosso-consumo - AR stagionale 0,646 8,67 Ljung-Box 19,45 [0-33,9] - MA stagionale: 0,370 8,80 Box-Pierce 1,14 [0-5,99]

9 Analisi Origine/Ingrosso Modello ARIMA (0,1,1)(1,0,0) 12 Evoluzione della componente ciclica e intervalli di confidenza (95%) Effetto di amplificazione dei prezzi all origine rispetto a quelli all ingrosso: Componente stagionale: ±5% Componente ciclica: ±70%, ad eccezione del 2000 e 2005 dove la magnitudine delle oscillazioni alla produzione è circa 2 volte Analisi Ingrosso/Consumo Modello ARIMA (0,0,0)(1,0,1) 12 Evoluzione della componente ciclica e intervalli di confidenza (95%) Effetto di amplificazione dei prezzi all ingrosso rispetto a quelli al consumo: Componente stagionale: da +60% a -80% Componente ciclica: orientata verso l alto con picchi che raggiungono valori di circa 3 volte

10 Conclusioni Supply chain ortofrutta: Vulnerabilità agli effetti bullwhip Complessità e dinamiche delle supply chain tradizionali Quali percorsi per migliorare la supply chain? Percorsi per migliorare la supply chain LR Ridurre i costi (efficienza) Crescita della concorrenza (sostituibilità) Aumentare l agilità Decoupling PS QS Differenziare Caso a): riduzione n. intermediari, ristrutturazione logistica (integrata) Caso b): accrescere il potere contrattuale dei produttori (concentrazione offerta) e differenziazione canali di vendita

11 Conclusioni Supply chain ortofrutta Vulnerabilità agli effetti bullwhip Complessità e dinamiche delle supply chain tradizionali Sviluppo della Grande Distribuzione Catena corta (CeDi) Flusso rapido (Just in Time, cross docking) Outsourcing logistico Esperienze europee (Hingely, 2005; Hingley e Sodano, 2007) Rapporti collaborativi e di partnership (fiducia) Controllo e stabilità negli approvvigionamenti (qualità/quantità) Sicurezza di collocamento del prodotto Investimenti e sviluppo delle imprese

IL FENOMENO DELL AMPLIFICAZIONE NELLE SUPPLY CHAINS

IL FENOMENO DELL AMPLIFICAZIONE NELLE SUPPLY CHAINS Università degli Studi di Udine IL FENOMENO DELL AMPLIFICAZIONE DELL AMPLIFICAZIONE NELLE SUPPLY CHAINS DELLE NELLE SUPPLY AZIENDE CHAINS DI SERVIZI. DELLE AZIENDE DI SERVIZI. Tratto de H. Akkemans, B.

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE Agenda Il mercato e le spinte all ottimizzazione dei costi Le leve potenziali di ottimizzazione I centri di consolidamento come leva di ottimizzazione inbound La riduzione

Dettagli

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA)

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134 Milano tel. +39 02 210951.1 fax +39 02 210951.21 Pietro Pedone OSA DAY 24 Settembre 2008 Contenuti

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro)

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Il lavoro sul campo ha contemplato anche un

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

1. Il Mercato di riferimento

1. Il Mercato di riferimento IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELLA DOMANDA I risultati della filiera Farmaceutica e il caso GlaxoSmithKline Riccardo Bottura (Supply Chain Director) Andrea Giarola (Head Demand & Distribution) 1. Il Mercato

Dettagli

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN Le strategie adottate dalle imprese nel gestire le fasi a monte del processo produttivo sono cambiate seguendo una traiettoria ben precisa. Le tappe

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Information Management GIA-L02 seconda parte

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Information Management GIA-L02 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Information Management GIA-L02 seconda parte Sommario della lezione Integrazione dei flussi dell Informazione

Dettagli

FAST FASHION. La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO:

FAST FASHION. La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO: FAST FASHION Un modello di business emergente e la sua influenza sull industria tessile Como, 14 gennaio 2010 La novità del Fast Fashion: perché è un fenomeno interessante LA DINAMICA DEL MERCATO: è il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. prof. Paolo Aymon. Information Management GIA-L02 seconda parte

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. prof. Paolo Aymon. Information Management GIA-L02 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management seconda parte Information Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Workshop 13 aprile 2011, Roma Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società RISULTATI DEL PROGETTO FILIERA CORTA Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Il progetto Filiere corte

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma I prestatori di servizi logistici

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma I prestatori di servizi logistici dell Università degli Studi di Parma I prestatori di servizi logistici I prestatori di servizi logistici Origine dei prestatori di servizi logistici: dal settore dei trasporti dalla divisionalizzazione

Dettagli

Innovazione nella supply chain: rapporti con fornitori e distributori

Innovazione nella supply chain: rapporti con fornitori e distributori Economia e Gestione dell Innovazione Innovazione nella supply chain: rapporti con fornitori e distributori Il supply chain management La gestione dei processi logistici L analisi strategica delle forniture

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Carlo Pirazzoli - Alessandro Palmieri La logistica delle pere: le nuove tecnologie ed i costi per affrontare i mercati del mondo

Carlo Pirazzoli - Alessandro Palmieri La logistica delle pere: le nuove tecnologie ed i costi per affrontare i mercati del mondo InterPera 2015 8 World Pear Forum Sessione Innovazione e Ricerca Carlo Pirazzoli - Alessandro Palmieri La logistica delle pere: le nuove tecnologie ed i costi per affrontare i mercati del mondo Ferrara,

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

T he Italian. Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO

T he Italian. Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO T he Italian Fruit Company 10.000 PRODUTTORI AL VOSTRO SERVIZIO Frutta italiana di Alta Qualità FRUTTA CALENDARIO PRODUZIONI GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC AGRUMI VERDURA GEN FEB MAR APR

Dettagli

LA METODOLOGIA BUSINESS DYNAMICS

LA METODOLOGIA BUSINESS DYNAMICS Università degli Studi di Udine LA METODOLOGIA BUSINESS DYNAMICS 1 Scopo di questa presentazione è illustrare brevemente l approccio systems dynamics per la gestione della complessità in impresa, quale

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte dell Università degli Studi di Parma Le scorte La funzione delle scorte Le scorte sono un insieme di merci accumulate in attesa di un utilizzo futuro. Specializzazione geografica di una unità operativa

Dettagli

Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione

Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione Logistica e sistemi informativi: il vantaggio strategico dell informazione prof. Maurizio Pighin Dipartimento di Matematica ed Informatica Facoltà di Economia Università degli Studi di Udine Obiettivo

Dettagli

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico

La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico La gestione delle scorte tramite il punto di riordino ed il lotto economico 1. Introduzione Le Scorte sono costituite in prevalenza da materie prime, da accessori/componenti, da materiali di consumo. Rappresentano

Dettagli

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management L efficienza della Supply Chain Sanitaria AILOG, L ASSOCIAZIONE ITALIANA DI LOGISTICA E DI SUPPLY CHAIN MANAGEMENT, E STATA FONDATA

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

LA PRODUZIONE JUST IN TIME

LA PRODUZIONE JUST IN TIME Economia e Organizzazione Aziendale II Prof. Gestione della Produzione Industriale LA PRODUZIONE JUST IN TIME IL KAN-BAN: LE REGOLE 1. LA FASE DI LAVORO A VALLE DEVE PRELEVARE PRESSO LA FASE DI LAVORO

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e.

APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e. APPLICAZIONE N. 4 La scelta delle aree di Competizione Sciarelli, Fondamenti di Economia e Gestione delle imprese, Cedam, u.e. DEFINIZIONE DEL BUSINESS Concetto di settore basato sul criterio dell offerta

Dettagli

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero BICOCCA PER LE IMPRESE seminario Tecnologie Informatiche e Supply Chain Management (SCM), Università di Milano Bicocca 18.09.2003 Milano, 18 Settembre 2003 Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

L esperienza di CEVA Logistics per il settore Fashion Esperienza globale, velocità, capillarità ed E-commerce

L esperienza di CEVA Logistics per il settore Fashion Esperienza globale, velocità, capillarità ed E-commerce L esperienza di CEVA Logistics per il settore Fashion Esperienza globale, velocità, capillarità ed E-commerce Giovannni Arnesano, Key Account Manager, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda CEVA Logistics

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio. Bologna, 26 settembre 2013

Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio. Bologna, 26 settembre 2013 Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio Bologna, 26 settembre 2013 AGENDA Fruttagel Il percorso di revisione dei processi Il progetto Demand Planning Risultati

Dettagli

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore Il commercio elettronico b2c casi studio di settore Casi studio di settore Quali sono le applicazioni e le prospettive di impiego del commercio elettronico in un dato settore? Quali vincoli alla diffusione

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore Il commercio elettronico b2c casi studio di settore Casi studio di settore Quali sono le applicazioni e le prospettive di impiego del commercio elettronico in un dato settore? Quali vincoli alla diffusione

Dettagli

LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE

LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE CORSO DI Gestione della produzione industriale Facoltà di Ingegneria LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLE SCORTE Prof. Fabrizio Dallari Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: fdallari@liuc.it

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

L Effetto Forrester come risultato dell amplificazione della domanda lungo la Supply Chain

L Effetto Forrester come risultato dell amplificazione della domanda lungo la Supply Chain Dipartimento di: Impresa e Management Cattedra: Gestione della Produzione L Effetto Forrester come risultato dell amplificazione della domanda lungo la Supply Chain Relatore: Prof.ssa Maria Elena Nenni

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1

Indice. La strategia nel sistema impresa. 1 Il sistema impresa e l ambiente competitivo Matteo Caroli 1 00Pr_pag_CAROLI_2012 16/07/12 06.44 Pagina VII Prefazione alla quarta edizione Autori Ringraziamenti dell Editore In questo volume... XVII XXI XXIII XXV Parte I La strategia nel sistema impresa 1 Il sistema

Dettagli

INDICE. Prefazione... XIII

INDICE. Prefazione... XIII INDICE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO PRIMO IL NUOVO MERCATO (THE NEW MARKET)...1 1. I cambiamenti del mercato...1 2. La concentrazione del potere d acquisto...4 3. La frammentazione dei

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO. Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 BUDGET COMMERCIALE Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 6 1 BUDGET COMMERCIALE 2 1 BUDGET COMMERCIALE Esprime gli obiettivi e i programmi dell area commerciale (in termini di volumi

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 2003

ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 2003 ABI Ottimizzazione del processo di acquisto di energia Erik Lumer Convegno ABI Costi & Business 23 Roma, 18 novembre 23 INDICE 1. LO SCENARIO DI MERCATO ELETTRICO 2. CONTRATTI DI FORNITURA NEL LIBERO MERCATO

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività Moda & Lusso La prospettiva di mercato: da crescita a produttività 13 Novembre 2015 La crescita? Una passeggiata Lusso: crescita della domanda pari a 70mld solo negli ultimi 5 anni, il 30% della domanda

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

Management della Logistica Distributiva

Management della Logistica Distributiva Bologna - da Ottobre 2006 Il Master Gli Obiettivi I Destinatari Obiettivi: Formare figure professionali capaci di gestire la distribuzione ed il trasporto delle merci secondo criteri di integrazione, con

Dettagli

Alleanze strategiche nelle SC

Alleanze strategiche nelle SC Alleanze strategiche nelle SC Modalità operative per una funzione logistica Attività interne (Gerarchia) Transazioni arm s lenght (Mercato) Forme intermedie Alleanze strategiche nella logistica Third-party

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager Nestlé Waters ItalIa Numeri chiave (Actual 2007) Fatturato: 907 m Export in più di 100 paesi Litri:

Dettagli

La vita logistica della vostra colazione. Catherine BALAVOINE Collaborative Supply Chain Consultant

La vita logistica della vostra colazione. Catherine BALAVOINE Collaborative Supply Chain Consultant La vita logistica della vostra colazione Catherine BALAVOINE Collaborative Supply Chain Consultant Cartografia Stabilimenti produttivi Prodotti Secchi 609Km Prodotti Freschi Prodotti Freschi e Secchi

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

IL MERCATO DELLE CAPACITA E IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DEL SITO

IL MERCATO DELLE CAPACITA E IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DEL SITO IL MERCATO DELLE CAPACITA E IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DEL SITO Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Il mercato e tipologie considerate: mercato delle capacità

Dettagli

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE BICOCCA IMPRESE Demand e Supply Chain Management: Le iniziative e gli strumenti più efficaci per capire e sfruttare le evoluzioni della domanda e ridurre i costi ed i tempi logistici e produttivi Tecnologie

Dettagli

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI OBIETTIVI Il tema della pianificazione e controllo della produzione, unitamente alla gestione degli approvvigionamenti,

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 20 aprile 2007 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Il sistema agro-alimentare

Il sistema agro-alimentare Il sistema agro-alimentare Aziende produttrici di input per l agricoltura Aziende agricole (di coltivazione e di allevamento) Aziende di trasformazione alimentare dei prodotti agricoli Aziende della distribuzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli